Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa"

Transcript

1 Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Service d information Informationsdienst Servizio informazioni Servetsch d infurmaziun Comunicato Stampa 4 Volkswirtschaftliche Gesamtrechnung Comptes nationaux Conti economici nazionali Neuchâtel, 1 settembre 2003 N Conti economici nazionali della Svizzera nel 2002 Nel 2002 il calo della domanda interna pesa sull economia svizzera Stando alle prime stime dell Ufficio federale di statistica (UST), nel 2002 il PIL ha registrato una lieve crescita. Questa debole progressione va attribuita principalmente ad un mercato interno fiacco, soprattutto nelle attività degli intermediari finanziari, dell'industria delle macchine e del turismo. Soltanto gli investimenti pubblici nelle costruzioni hanno sostenuto la domanda interna. Nel 2002, il PIL a prezzi correnti è progredito dello 0,8 per cento rispetto all'anno precedente, raggiungendo i 417 miliardi di franchi. Dato l'aumento moderato del livello generale dei prezzi (+0,6%), il PIL a prezzi costanti ha registrato un incremento dello 0,2 per cento, situandosi a 350 miliardi di franchi. Nel 2001 la progressione del PIL a prezzi costanti era stata dello 0,9 per cento. La prima stima del PIL si fonda sui diversi tipi di spesa (PIL secondo la destinazione) e sul comportamento dei diversi settori generatori di valore aggiunto (approccio della produzione). Aumenta la produttività del lavoro grazie alla razionalizzazione dei costi Nel 2002 il settore delle imprese non finanziarie (produttori di beni e servizi non finanziari destinabili alla vendita) presenta un evoluzione positiva del valore aggiunto sia a prezzi correnti che a prezzi costanti. Tuttavia, la crescita a prezzi costanti è la conseguenza di un calo dei consumi intermedi più marcato rispetto alla diminuzione del valore di produzione: un fenomeno dovuto a una razionalizzazione dei costi. Associata a una crescita della disoccupazione, questa evoluzione fa aumentare la produttività in tale settore. I diversi rami hanno registrato evoluzioni contrastanti anche nell anno in rassegna. La chimica, le costruzioni, il commercio e riparazione di automobili e le attività immobiliari hanno segnato un buon andamento. L attività dell industria delle macchine, della fabbricazione dei prodotti in metallo, dell abbigliamento e dei trasporti risulta invece rallentata. Generalmente nel 2002 il settore delle imprese non finanziarie ha continuato a fare da traino all economia nazionale, nonostante un rallentamento della crescita rispetto al CH-2010 Neuchâtel Espace de l Europe 10

2 Il settore degli intermediari finanziari (Banca nazionale, banche, società finanziarie, borse, ecc.) pesa nuovamente sull evoluzione congiunturale nel In effetti, il calo del valore aggiunto iniziato nel 2001 prosegue, anche se a un ritmo nettamente più moderato. Lo scarso volume di emissioni di azioni, il calo dei corsi borsistici e la diminuzione degli investimenti fiduciari hanno inciso sul risultato di queste unità. Di riflesso, le banche hanno ridotto i costi ai minimi termini, compensando così parzialmente il calo del loro valore di produzione. A livello delle amministrazioni pubbliche (Confederazione, cantoni e comuni) si osserva un evoluzione divergente dei costi del personale. La nuova legge sul personale federale ha consentito di meglio gestire i salari e di ridurre le spese destinate alla previdenza professionale, mentre nei cantoni e nei comuni i costi del personale sono saliti. Complessivamente, il valore aggiunto a prezzi costanti del settore è in lieve calo. Dal canto suo, il settore delle assicurazioni sociali registra un sensibile incremento della produzione, sia a prezzi correnti che a prezzi costanti. Questa evoluzione va attribuita sia all aumento del numero di senza lavoro, che determina un aumento dei costi di gestione dell assicurazione disoccupazione, che all incremento delle spese correnti delle casse di compensazione e degli uffici dell assicurazione invalidità. Diminuzione della domanda interna Nel 2002 la domanda interna, ovvero i consumi finali e gli investimenti fissi lordi (investimenti), è diminuita sia a prezzi correnti che a prezzi costanti. I consumi finali interni delle economie domestiche e delle organizzazioni senza scopo di lucro al servizio delle economie domestiche (OSLED), che rappresentano più del 60 per cento del PIL, sono aumentati dell 1,1 per cento a prezzi correnti, segnando un forte rallentamento rispetto all'anno precedente (+2,8%). Ai prezzi del 1990 la progressione è risultata solo dello 0,4 per cento (+2,0% nel 2001). Dal canto loro, gli investimenti fissi lordi registrano un notevole calo del 4,1 per cento a prezzi costanti, nonostante una ripresa nelle costruzioni. Per il secondo anno consecutivo, gli investimenti in beni di equipaggiamento presentano un andamento negativo. Consumi finali delle economie domestiche in perdita di velocità Nel 2002, contrariamente agli anni precedenti, i consumi finali nazionali delle economie domestiche e OSLED non costituiscono più il sostegno principale alla crescita, con tassi di evoluzione dell 1,5 per cento a prezzi correnti e dello 0,7 per cento a prezzi costanti. Questi deboli aumenti riflettono il peggioramento del clima di fiducia dei consumatori in seguito al deterioramento congiunturale e alle prospettive incerte sul mercato del lavoro. Da un analisi dettagliata delle funzioni di consumo emerge che le spese sanitarie restano il settore trainante della crescita dei consumi finali delle economie domestiche. E importante segnalare che le economie domestiche hanno poca influenza su questo tipo di spese. Le altre funzioni hanno subito un forte indebolimento della crescita, o addirittura un calo. Per esempio la funzione «prodotti alimentari, bevande e tabacco», che contiene molti beni di prima necessità, ha registrato un andamento negativo a prezzi costanti (-0,4%). Un calo sorprendente, da ricondurre principalmente alla flessione delle bevande. Tuttavia, sono soprattutto le spese negli alberghi e ristoranti, per i viaggi e i servizi finanziari a segnare un forte rallentamento. Gli investimenti pubblici nelle costruzioni frenano il crollo degli investimenti Già nel 2001 si era delineato un sensibile calo degli investimenti, confermatosi nel 2002 con un andamento ancora peggiore. Gli investimenti fissi lordi sono così diminuiti del 4,8 per cento a prezzi correnti e del 4,1 per cento a prezzi costanti. Le due componenti degli investimenti fissi lordi, ovvero gli investimenti in beni d'equipaggiamento e le costruzioni, presentano un'evoluzione differenziata. Gli investimenti in beni d equipaggiamento influenzano questo tasso verso il basso, mentre le costruzioni, principalmente pubbliche, spingono verso l'alto. In calo nel 2001, gli investimenti in beni d equipaggiamento accentuano questa tendenza nel 2002, scendendo del 10,3 per cento a prezzi correnti e del 9,3 per cento a prezzi costanti. Questa evoluzione è 2

3 legata soprattutto al forte calo delle importazioni di beni d equipaggiamento. In effetti, le importazioni di questo tipo di beni registrano un forte rallentamento durante l intero In generale, tutti i sottogruppi di beni d equipaggiamento registrano un andamento particolarmente negativo. A risentirne maggiormente sono le macchine, gli apparecchi medicali e di precisione, l industria automobilistica e soprattutto i mezzi di trasporto. In quest'ultimo caso, la diminuzione va attribuita al crollo delle forniture di aeromobili. Mentre nel 2001 gli investimenti nelle costruzioni erano precipitati, nel 2002 essi hanno segnato una ripresa, aumentando dell'1,0 per cento a prezzi correnti e del 2,1 per cento a prezzi costanti. Nell edilizia gli investimenti hanno segnato una lieve flessione a prezzi correnti (-0,3%), mentre sono progrediti a prezzi costanti (+0,3%). L aumento degli investimenti nelle costruzioni deriva quindi dall andamento positivo del genio civile (progredito del 5,5% a prezzi correnti e dell 8,8% a prezzi costanti) e in particolare degli investimenti pubblici. Questo risultato va ricondotto alle elevate spese per i grandi progetti ferroviari (Trasversali alpine e Ferrovia 2000). Si può inoltre rilevare il calo della variazione delle scorte, nettamente più marcato a prezzi correnti che a prezzi costanti. Importanti variazioni dei prezzi, in particolare negli stock delle materie prime, influenzano i risultati. Aumento del contributo estero in seguito al calo delle importazioni La precaria situazione economica internazionale ha pesato notevolmente sul commercio estero svizzero nel Gli scambi di beni sono diminuiti a prezzi correnti, mentre ai prezzi del 1990 sono calate le importazioni e aumentate le esportazioni. Questo contesto sfavorevole si manifesta anche nel settore dei servizi, in particolare nei rami dei trasporti e del turismo, mentre la persistente debolezza dei mercati finanziari mondiali pesa sulle transazioni bancarie con il resto del mondo. A dispetto di una diminuzione generalizzata degli scambi, nel 2002 la bilancia commerciale ha segnato un netto miglioramento, con un'eccedenza (esclusi oggetti di valore e metalli preziosi) passata da +1,7 miliardi a +7,3 miliardi. Essa è la più elevata della storia del commercio estero svizzero. Con un calo dell 1 per cento, le esportazioni scendono in maniera meno marcata rispetto alle importazioni (-5,3%). Il calo più importante a livello di importazioni riguarda i prodotti energetici, in diminuzione del 16,4 per cento in seguito a una forte contrazione dei prezzi. L evoluzione varia notevolmente da un ramo all'alto: la chimica ha registrato un maggiore volume di importazioni nel 2002 (+3,8%), mentre la domanda dell industria delle macchine e dell'elettronica è regredita fortemente (-12,4%). A livello di esportazioni, il calo più significativo è stato rilevato nei beni d'equipaggiamento. Dopo il notevole degrado verificatosi nel 2001, nell anno in rassegna il saldo degli scambi di servizi si è stabilizzato, anche se è stato ancora rilevato un forte calo delle commissioni bancarie e dei trasporti internazionali. Le esportazioni del ramo assicurativo tendono invece al rialzo. Il calo è risultato più marcato per le importazioni che per le esportazioni, per cui la bilancia dei servizi è risultata in lieve crescita. Infine, i termini di scambio sono migliorati nel In effetti, il prezzo dei prodotti importati è sceso più di quello dei prodotti esportati. Questo risultato va attribuito in parte alle variazioni dei prezzi delle materie prime. 3

4 Revisione dei Conti nazionali I risultati dei conti nazionali (CN) vengono pubblicati per l ultima volta secondo le disposizioni del Sistema Europeo di conti economici integrati del 1978 (SEC 78). Questo sistema era stato introdotto in occasione della revisione totale del 1997 che aveva consentito ai CN svizzeri di adeguarsi alla prassi statistica dei suoi principali partner economici. Nel 1999 i paesi membri dell'unione europea hanno adottato un nuovo sistema: il Sistema europeo dei conti (SEC 95). Sin dall inizio, la revisione del 1997 era vista come una prima tappa verso l'introduzione del SEC 95 in Svizzera. Il miglioramento delle basi statistiche e l'esperienza accumulata dai CN svizzeri consentiranno d'ora innanzi di procedere in questo senso. I risultati per il periodo secondo il nuovo sistema di riferimento saranno disponibili nel dicembre di quest anno. Essi saranno di nuovo assolutamente paragonabili a quelli dei principali partner della Svizzera e compatibili con i dati della bilancia dei pagamenti. Negli ultimi anni, le diverse disposizioni del SEC 78 e del manuale della bilancia dei pagamenti determinavano differenze nella presentazione della bilancia dei servizi. In futuro, gli importi di queste due fonti statistiche saranno armonizzati. UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio informazioni Informazioni: Philippe Stauffer, UST, Sezione conti economici nazionali, tel.: 032/ Philippe Küttel, UST, Sezione conti economici nazionali, tel.: 032/ Per ulteriori informazioni si rimanda al sito Internet dell UST all indirizzo: 4

5 Tab. 1(a) Conto di produzione (C1) dell'economia nazionale (S00) in milioni di franchi a prezzi correnti Produzione di beni e servizi ,4 0,2 - Consumi intermedi ,8-0,6 + IVA gravante sui prodotti ,6-1,0 + Imposte nette sulle importazioni ,4-1,3 Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato ,0 0,8 Tab. 1(b) Conto di produzione (C1) dell'economia nazionale (S00) in milioni di franchi ai prezzi del 1990 Produzione di beni e servizi ,3-0,2 - Consumi intermedi ,8-0,6 + IVA gravante sui prodotti ,2-0,1 + Imposte nette sulle importazioni ,3-4,4 Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato ,9 0,2 5

6 Tab. 2(a) Prodotto interno lordo secondo la destinazione in milioni di franchi a prezzi correnti Valori assoluti all'anno precedente Prodotto interno lordo secondo la destinazione Consumo finale in Svizzera (concetto interno) ,9 1,5 Economie domestiche e OSLED (1) ,8 1,1 Amministrazioni pubbliche ,4 2,9 Assicurazioni sociali ,7 3,4 Investimenti lordi ,8-13,7 Investimenti fissi lordi ,7-4,8 Investimenti in beni di equipaggiamento ,1-10,3 Investimenti nella costruzione ,1 1,0 Variazione delle scorte Domanda interna ,7-1,8 Esportazione di beni e servizi ,1-1,6 Esportazione di beni (fob) (2) ,6-1,7 Esportazione di servizi ,3-1,5 Importazione di beni e servizi ,4-8,6 Importazione di beni (caf) (3) ,9-8,1 Importazione di servizi ,3-20,2 Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato ,0 0,8 (2) Free on board (3) Cost, insurance, freight Tab. 2(b) Prodotto interno lordo secondo la destinazione in milioni di franchi ai prezzi del 1990 Valori assoluti all'anno precedente Prodotto interno lordo secondo la destinazione Consumo finale in Svizzera (concetto interno) ,1 0,7 Economie domestiche e OSLED (1) ,0 0,4 Amministrazioni pubbliche ,5 1,9 Assicurazioni sociali ,9 1,6 Investimenti lordi ,3-10,0 Investimenti fissi lordi ,3-4,1 Investimenti in beni di equipaggiamento ,4-9,3 Investimenti nella costruzione ,2 2,1 Variazione delle scorte Domanda interna ,2-2,2 Esportazione di beni e servizi ,9 0,5 Esportazione di beni (fob) (2) ,8 0,9 Esportazione di servizi ,8-2,5 Importazione di beni e servizi ,1-4,9 Importazione di beni (caf) (3) ,3-4,4 Importazione di servizi ,7-21,0 Prodotto interno lordo ai prezzi di mercato ,9 0,2 (2) Free on board (3) Cost, insurance, freight 6

7 Tab. 3(a) Consumi finali delle economie domestiche e delle OSLED (1) secondo il concetto nazionale e il concetto interno in milioni di franchi a prezzi correnti Consumi finali dei residenti (concetto nazionale) ,9 1,5 - Consumi finali nel resto del mondo delle economie domestiche residenti + Consumi finali in Svizzera delle economie domestiche non residenti ,0-6, ,8-10,8 Consumi finali in Svizzera (concetto interno) ,8 1,1 Tab. 3(b) Consumi finali delle economie domestiche e delle OSLED (1) secondo il concetto nazionale e il concetto interno in milioni di franchi ai prezzi del 1990 Consumi finali dei residenti (concetto nazionale) ,1 0,7 - Consumi finali nel resto del mondo delle economie domestiche residenti + Consumi finali in Svizzera delle economie domestiche non residenti ,4-6, ,7-11,4 Consumi finali in Svizzera (concetto interno) ,0 0,4 7

8 Tab. 4(a) Consumi finali delle economie domestiche e delle OSLED (1) in milioni di franchi a prezzi correnti Generi alimentari, bevande e tabacco ,6 1,9 Vestiario e calzature ,8-2,4 Affitti per abitazioni, combustibili ed energia elettrica ,3 1,2 Mobili, articoli di arredamento, apparecchi, utensileria e servizi per la casa ,4 2,7 Servizi sanitari e spese per la salute ,9 3,6 Trasporti e comunicazioni ,2 0,7 Ricreazione, spettacoli, istruzione e cultura ,9 0,6 Altri beni e servizi ,8-0,2 Consumi finali delle OSLED ,9 7,6 Consumi finali delle economie domestiche e delle OSLED ,9 1,5 Tab. 4(b) Consumi finali delle economie domestiche e delle OSLED (1) in milioni di franchi ai prezzi del 1990 Generi alimentari, bevande e tabacco ,7-0,4 Vestiario e calzature ,8 0,1 Affitti per abitazioni, combustibili ed energia elettrica ,5 0,8 Mobili, articoli di arredamento, apparecchi, utensileria e servizi per la casa ,2 0,9 Servizi sanitari e spese per la salute ,8 3,6 Trasporti e comunicazioni ,0 0,7 Ricreazione, spettacoli, istruzione e cultura ,8 0,5 Altri beni e servizi ,9-2,4 Consumi finali delle OSLED ,7 6,1 Consumi finali delle economie domestiche e delle OSLED ,1 0,7 8

Nel 2012 i consumi finali delle economie domestiche hanno sostenuto la crescita

Nel 2012 i consumi finali delle economie domestiche hanno sostenuto la crescita Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 29.08.2013, 9:15 4 Economia N. 0352-1309-30 Conti economici nazionali della Svizzera nel 2012 Nel 2012

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI

I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI I CONSUMI DELLE FAMIGLIE E LE SPESE OBBLIGATE UFFICIO STUDI settembre 2013 1. Il quadro macroeconomico In questa nota si procede all aggiornamento del quadro macroeconomico e si fornisce anche una nuova

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO. Gennaio 2012. Dati provvisori. 3 febbraio 2012

PREZZI AL CONSUMO. Gennaio 2012. Dati provvisori. 3 febbraio 2012 3 febbraio 2012 Gennaio 2012 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 maggio 2014 Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di maggio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100)

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100) 30 giugno 2014 Giugno 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di giugno 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 4 gennaio 2012 Dicembre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo

Dettagli

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 marzo 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di marzo 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi,

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IL SETTORE DELL EDILIZIA

IL SETTORE DELL EDILIZIA BELGIO: IL SETTORE DELL EDILIZIA L ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 ottobre 2013 Ottobre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

Crescita delle cifre d affari dell 1 per cento in termini reali

Crescita delle cifre d affari dell 1 per cento in termini reali Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 16.09.2009, 9:15 6 Industria e servizi N. 0352-0909-80 Cifre d affari del commercio al dettaglio nel

Dettagli

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 16 Dicembre 2009 La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 A novembre, il tasso di inflazione, misurato sulla base dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività, è salito

Dettagli

Previsioni congiunturali per il settore svizzero dell automobile 2015

Previsioni congiunturali per il settore svizzero dell automobile 2015 Previsioni congiunturali per il settore svizzero dell automobile 2015 Analisi e previsioni per conto della Unione professionale svizzera dell automobile UPSA Previsioni di settore BAKBASEL Ottobre 2014

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006

Fig. 1.24 - Indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale (NIC). Variazione tendenziale annua. Roma e Italia, anni 2002-2006 1.8 Prezzi e inflazione Se nel corso del 2004 i prezzi romani, dopo le tendenze inflazionistiche degli anni precedenti, hanno mostrato un percorso di progressiva decelerazione, l anno 2005 è caratterizzato

Dettagli

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 3 febbraio 2015 Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 settembre 2013 Settembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di settembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al

Dettagli

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 ottobre 2015 Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 28 febbraio 2014 Febbraio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di febbraio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

CONSUMI&PREZZI. Congiuntura Confcommercio. Ufficio Studi aprile 2010, numero 4

CONSUMI&PREZZI. Congiuntura Confcommercio. Ufficio Studi aprile 2010, numero 4 CONSUMI&PREZZI Conntura Confcommercio 4 Ufficio Studi ile 2010, numero 4 CONSUMI&PREZZI Conntura Confcommercio Ufficio Studi ile 2010, numero 4 L Inatore dei Consumi Confcommercio (ICC) segnala a braio

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO 27 ottobre 2014 Anno 2014 LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI L inflazione (misurata dall indice armonizzato dei prezzi al consumo, IPCA), già in forte decelerazione nel 2013 (+1,3% in media d anno, dal +3,3%

Dettagli

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni riunite V Commissione "Programmazione

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 23 febbraio 2011 Gennaio 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi A partire dai dati di gennaio 2011, la base di riferimento dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC) e

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero

Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero BAKBASEL Previsioni di settore Prospettive congiunturali per il settore dell automobile svizzero Analisi e previsioni per conto della Unione professionale svizzera dell automobile (UPSA) Novembre 2013

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione 05 Prezzi 983-1100 Indice dei prezzi alla produzione e all importazione Neuchâtel, 2011 Che cos è l indice dei prezzi alla produzione e all importazione? L indice dei prezzi alla produzione (IPP) misura

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus

Notiziario. Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus Notiziario Luglio 2013 Università Il Messaggero La minaccia da Londra: italiani fuori da Erasmus La Repubblica Promossa in chimica, rimandata in economia ecco la prima pagella della ricerca italiana Il

Dettagli

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005 PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2 L AREA EURO Nonostante i timori legati all impatto dei prezzi del greggio, l economia mondiale è ancora

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 3 gennaio 2014 Dicembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO

L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Venezia, 10 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale di Unioncamere del Veneto sulle imprese manifatturiere III trimestre 2008 L INDUSTRIA VENETA AFFRONTA LO SHOCK FINANZIARIO Trimestre negativo

Dettagli

Entrate Tributarie Internazionali

Entrate Tributarie Internazionali Entrate Tributarie Internazionali Luglio 2012 Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate Numero 43 Settembre 2012 SOMMARIO Premessa... 3... 3 Imposta sul valore aggiunto... 4 Analisi

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO 13. Commercio STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA E FARMACEUTICA 3.

Dettagli

Incontro ABT con i politici ticinesi

Incontro ABT con i politici ticinesi 1 Incontro ABT con i politici ticinesi C. Genasci, Membro della Direzione generale Vezia, 15 febbraio 2007 2006 in generale 2 Congiuntura! PIL (crescita reale 2006) Mondo: +5% (tasso di crescita superiore

Dettagli

Osservatorio sul mercato immobiliare

Osservatorio sul mercato immobiliare Camera di Commercio di Milano Osservatorio sul mercato immobiliare Settembre 2005 UNIVERSITÀ COMMERCIALE LUIGI BOCCONI Il presente documento è stato realizzato da: Angela Airoldi, Emilio Colombo, Luca

Dettagli

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio stampa

UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio stampa Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 15.05.2015, 9:15 5 Prezzi N. 0352-1504-60 Indice dei prezzi alla produzione e all'importazione nell'aprile

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

05 Prezzi. Introduzione

05 Prezzi. Introduzione 05 Prezzi Introduzione 3 Panorama 3 Prezzi al consumo 5 Prezzi alla produzione e all importazione 6 Prezzi delle costruzioni 7 Affitti medi delle abitazioni 8 Dati 3 Definizioni 3 Glossario 3 Fonti statistiche

Dettagli

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissioni congiunte V Commissione "Programmazione

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA LEGNO-ARREDO IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA LEGNO-ARREDO IN TICINO 3. Legno e arredo STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA LEGNO-ARREDO IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA E FARMACEUTICA

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

Capitolo 1. La congiuntura economica

Capitolo 1. La congiuntura economica Capitolo 1 La congiuntura economica 1.1 Quadro macroeconomico internazionale Nel corso del 2008 lo scenario economico mondiale è stato attraversato da una crisi finanziaria di estrema gravità i cui effetti

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA

INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA INCHIESTA CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA RISULTATI GENERALI L andamento dell Industria di Roma e Provincia nel quarto trimestre del 2002 è risultato sostanzialmente negativo. Con riferimento al Comune, i

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

B REDDITO, PREZZI E BILANCIA DEI PAGAMENTI

B REDDITO, PREZZI E BILANCIA DEI PAGAMENTI B REDDITO, PREZZI E BILANCIA DEI PAGAMENTI L area dell euro Nel 2004 il PIL dell area dell euro è aumentato del 2,1 per cento, il tasso più elevato dell ultimo quadriennio (tav. B1), tuttavia inferiore

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Introduzione 1. Premessa Terna Rete Elettrica Nazionale (Terna) cura la raccolta dei dati statistici del settore elettrico nazionale, essendo il suo

Dettagli

Capitolo Contabilità. nazionale

Capitolo Contabilità. nazionale 12 Capitolo Contabilità nazionale 12. Contabilità nazionale Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Istat. Pil e indebitamento

Dettagli

Settembre 2013: Notizie economiche ticinesi

Settembre 2013: Notizie economiche ticinesi PROFILI INTERESSANTI Informiamo la nostra clientela che questo mese la Ti impiego mette a disposizione un profilo specializzato con lo sconto del 50% sull onorario per la selezione: 1. Impiegata Contabile

Dettagli

LA CONGIUNTURA ECONOMICA. Industria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel primo trimestre 2013

LA CONGIUNTURA ECONOMICA. Industria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel primo trimestre 2013 LA CONGIUNTURA ECONOMICA Industria, artigianato, commercio, servizi e costruzioni in provincia di Bergamo nel primo trimestre 2013 Servizio Studi della C C I A A di Bergamo 7 maggio 2013 Industria, artigianato,

Dettagli

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Le lancette dell economia bolognese Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Aggiornamento: 7 aprile 2014 Indice Le principali tendenze dell'economia italiana pag. 3 L'andamento economico locale

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione e all'importazione nel maggio 2015

Indice dei prezzi alla produzione e all'importazione nel maggio 2015 Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 15.06.2015, 9:15 5 Prezzi N. 0352-1505-60 Indice dei prezzi alla produzione e all'importazione nel maggio

Dettagli

DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI

DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI DALL INIZIO DELLA CRISI PERSI 109 MILIARDI DI INVESTIMENTI Mezzi di trasporto (-43,4 per cento), opere pubbliche (-38,6 per cento) e casa (-31,6 per cento) sono stati i settori più colpiti. ========================================

Dettagli

Documento di Economia e Finanza 2016. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

Documento di Economia e Finanza 2016. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Documento di Economia e Finanza 2016 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione "Bilancio, tesoro e programmazione" della Camera dei

Dettagli

Maggio 2010: Notizie economiche ticinesi

Maggio 2010: Notizie economiche ticinesi PROFILI INTERESSANTI Per consultare alcuni dei numerosi profili presenti nel nostro database, cliccate il settore di vostro interesse industriale - logistico - informatico finanziario - fiduciario - contabile

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 25 Ottobre 2006 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 22 febbraio 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 21 ottobre 2009 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che

Dettagli

CONTABILITÀ NAZIONALE

CONTABILITÀ NAZIONALE 12 CONTABILITÀ NAZIONALE Nel 2013, il Pil ai prezzi di mercato è stato pari a 1.618.904 milioni di euro correnti, con una riduzione dello 0,6 per cento rispetto all anno precedente. In volume il Pil è

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO 2012 LA CRISI

Dettagli

Lavoro non remunerato misurato per la prima volta quale aggregato economico

Lavoro non remunerato misurato per la prima volta quale aggregato economico Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Swiss Federal Statistical Office COMMUNIQUÉ DE PRESSE MEDIENMITTEILUNG COMUNICATO STAMPA

Dettagli

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Domanda e Offerta. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Domanda e Offerta Domanda e Offerta Il meccanismo di mercato Variazioni dell equilibrio di mercato Elasticità della domanda e dell offerta Elasticità di breve e di lungo periodo Gli effetti dell intervento

Dettagli