unisci e persevera Atti del Convegno Il Passato che verrà. L importanza dei Musei e degli Archivi Storici per le Imprese Ultracentenarie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "unisci e persevera Atti del Convegno Il Passato che verrà. L importanza dei Musei e degli Archivi Storici per le Imprese Ultracentenarie"

Transcript

1 unisci e persevera Atti del Convegno Il Passato che verrà. L importanza dei Musei e degli Archivi Storici per le Imprese Ultracentenarie Firenze, 3 novembre 2011 Sala Ferri, Gabinetto G.P. Vieusseux, Palazzo Strozzi 1

2 Saluto della Dott.ssa Caterina del Vivo Responsabile Archivio Storico Gabinetto G.P. Vieusseux di Firenze Si tratta di un incontro un po particolare, quello in programma oggi alla Sala Ferri del Gabinetto G.P. Vieusseux. Questo convegno mette a confronto due concettualità, due realtà abbastanza diverse ossia imprese storiche ed archivi storici - che il più delle volte non vengono tra loro associate. Per chi è addetto a lavori di tipo archivistico, in realtà, archivi e imprese negli ultimi tempi hanno avuto più di un occasione di essere accostati. Anche come ANAI (Associazione Nazionale Archivistica Italiana). abbiamo avuto l occasione di tenere alcuni incontri e di organizzare aggiornamenti professionali su questa materia. Questa di stasera al Vieusseux vuole essere un introduzione anche per chi non ha tanta consuetudine con gli archivi ma ce l ha con il mondo delle imprese. È per questo che il Gabinetto Vieusseux è molto lieto di ospitare l evento. Da parte mia, vi porgo il saluto del Prof. Enzo Cheli, della Dott.ssa Gloria Manghetti, rispettivamente Presidente e Direttrice del Gabinetto G.P. Vieusseux, e, da parte mia, quello dell ANAI Toscana. L organizzatore di tutta la serata è il Presidente dell Unione Imprese Storiche Toscane, per cui dobbiamo a lui l aver voluto questi contatti e la presenza di tre relatori come la Dott.ssa Diana Toccafondi (Sovraintendente Archivistica per la Toscana), il Prof. Giuntini e il Prof. Roggi, che in particolare si occupano di storia dell economia e delle imprese. Lascio la parola al Presidente Franco Torrini, prima di entrare nel merito di quello che è l argomento che ci aiuterà a comprendere quali sono i legami tra il mondo degli archivi - e anche dei musei - e il mondo delle imprese. E quanto questi legami siano stretti. 2

3 Saluto di Franco Torrini Presidente della Unione Imprese Storiche Toscane Gentili ospiti e rappresentanti delle imprese ultracentenarie qui presenti, ci troviamo oggi nella Sala Ferri, ospiti del Gabinetto Vieusseux. Una scelta che riveste molti significati. Il convegno che sta per avere inizio è frutto della ideazione e dell organizzazione curata dal nostro segretario generale Marco Massetani, con la collaborazione della dottoressa Caterina Del Vivo. L archivio storico del gabinetto Vieusseux è stato di recente ammesso alla nostra speciale sezione Musei e Archivi Storici quale membro effettivo della nostra Unione perché rappresenta una vivda testimonianza di una impresa, quella di di Giovanpietro Vieusseux, commerciante ginevrino che a Firenze ha operato nel campo dell editoria e della cultura tra il 1820 e il Un secolo di attività imprenditoriale fino al 1919, un patrimonio di valori arrivato fino a noi attraverso una traccia di radici che ritroviamo nel Gabinetto Vieusseux, che oggi è centro di una cultura cosmopolita e aperta alle nuove generazioni. Direi che è un tipico esempio di perfusione di un solo insieme tra economia e cultura. Questo convegno intitolato Il Passato che verrà è una splendida occasione per sfuggire alla linea grigia che oggi divide il passato dal futuro. Leonardo diceva: l acqua che tocca i fiumi è l ultima di quella che andò e la prima di quella che viene : così fuggevole ma anche così dinamico è il presente per la storia, e mi riferisco alle imprese ultracentenarie toscane e italiane che rappresentano una indistruttibile storia di lavoro, di meriti sociali e civili e che di fatto sono le sopravvissute nel distratto panorama di un mondo, di una umanità in rapida evoluzione, forse involuzione, che brucia sul tavolo del presente le sue radici e le sue identità in un omaggio alla incolta smania di crescere e di rincorrere il futuro. Il futuro secondo la filosofia che scaturisce da questa Unione non è altro che un obiettivo da raggiungere senza tralasciare niente delle esperienze e dei valori etici che provengono dal passato di ognuna delle imprese associate. I nostri valori etici, il contenuto del nostro codice etico sono il motore non certo nascosto del convegno di oggi, dove viene preso in esame la preservazione e la conservazione delle tradizioni imprenditoriali, attraverso la gestione di un archivio storico o di un museo in grado di raccogliere appunto le testimonianze di un passato che verrà. 3

4 Questo è l esempio che Vieusseux ci ha lasciato e dal quale non solo le imprese storiche, ma anche le istituzioni e i centri del potere economico interagenti sui nostri territori, potrebbero e dovrebbero prendere spunto per le loro proiezioni nel tempo futuro. Noi non chiediamo niente a nessuno ma un grave errore sarebbe che per questo tali centri non riuscissero ad esprimere la capacità di comprendere e di perseguire in piena armonia con la nostra azione ogni iniziativa che tenda alla salvaguardia e alla valorizzazione della memoria. Si dice che c è tempo per ogni cosa. Ebbene, oggi con le drammatiche notizie che ci affliggono e che cancellano irrimediabilmente anni di vita e di lavoro per quelle imprese travolte dalle negative circostanze, è tempo di pensare al futuro con la visione di ciò che abbiamo lasciato alle spalle: l impresa ultracentenaria quindi indietro verso il futuro, non certo una visione retro-riflessa ma un coraggioso impegno di traghettare la propria storia, la propria identità con spiccato senso culturale verso il futuro, senza per questo perdere di vista il presente. Un presente insidioso ed anche odioso, comunque diseducativo per molti giovani che dovranno domani portare avanti le storie ultracentenarie delle imprese italiane e che quindi ci vede spettatori non del tutto passivi per quanto a noi di competenza. Un impegno quindi che vorremmo avesse una forte connotazione culturale anche se è giunto il momento di prendere in esame anche gli aspetti economici senza i quali non c è sopravvivenza. Un confine ben delimitato ma che non può escludere la rispettiva interdipendenza che esiste fra cultura e economia. Non a caso siamo qui a prendere un impegno che rappresenta il prossimo obiettivo dell Unione Imprese Storiche Toscane, pronta ad allargare la propria azione su tutto il territorio nazionale senza invadere il terreno di nessun altra organizzazione esistente, pronti a offrire la nostra collaborazione, sapendo che possiamo dare molto pur con la cadenza e la velocità dei nostri passi. Al momento oltre 8000 anni di complessiva longevità risiedono e caratterizzano la nostra unione con le sue 33 imprese storiche toscane. Se riusciamo a mettere su altri 8000 anni di storie italiane siamo in grado di dare stabilità e quindi massa critica alla comune azione di salvaguardia e valorizzazione della nostra esistenza. Ho adesso l onore di introdurre la Dott.ssa Diana Toccafondi, sovrintendente archivistica toscana. 4

5 La responsabile dell Archivio Storico del Gabinetto G.P. Vieusseux Caterina Del Vivo e il Presidente dell Unione Imprese Storiche Toscane Franco Torrini Gli ospiti intervenuti al Convegno nella Sala Ferri del Gabinetto G.P. Vieusseux 5

6 Intervento della Dott.ssa Diana Toccafondi Sovrintendente Archivistica della Toscana Grazie dell invito rivoltomi. E sempre un piacere quando si può partecipare a certe occasioni in cui elementi diversi del nostro vivere civile si confrontano, cercano di unirsi, misurano le cose che li legano, mentre spesso è sembrato che imprese, economia e cultura fossero mondi che stavano su piani diversi. Vorrei partire da due concetti fondamentali. Il primo che anche il Presidente Franco Torrini ha già accennato nel suo intervento - è il concetto di responsabilità culturale dell impresa. È un concetto abbastanza recente, o meglio definito in questi termini recentemente. Dico questo perché all interno della discussione che ha caratterizzato gli ultimi anni - nel momento in cui gli archivi, e chi si occupava di archivi si è posto il problema della salvaguardia di questo materiale, non solo della salvaguardia ma anche della valorizzazione, da parte dell impresa contemporaneamente, anche per effetto di contatti reciproci - è nato propria questa consapevolezza della responsabilità culturale dell impresa. L impresa è chiaramente un attore economico, ma l essere attori economici è un concetto più ampio, pervasivo, che abbraccia sicuramente la dimensione sociale e culturale. Il progetto d impresa è un progetto che modifica la realtà sociale, che organizza fattori produttivi, che mobilita le forme, le risorse umane, che si relaziona con la dimensione anche istituzionale e politica del vivere. È stata definita una complessa avventura collettiva, in realtà tramontata proprio per effetto di tutta una serie di trasformazioni. Alla concezione dell imprenditore come figura isolata, come attore solitario, negli ultimi anni si è sempre messo più in risalto la dimensione dinamica e relazionale interrelata nei fattori che entrano in gioco nell impresa. Proprio rileggendo quella che è la carta costituzionale di un associazione di musei di imprese nata nel una di quelle che raccolgono a livello nazionale più soggetti privati che musei impresa e rileggendo quelli che erano i punti fondamentali della carta stessa, mi sono venuti in mente i mercanti medievali. Alla fine noi abbiamo bisogno di scriverle queste cose, dal momento che loro già le praticavano concretamente. Questi mercanti erano uomini capaci di relazionarsi con un mondo in trasformazione, di produrre profitto, beni, ma di produrre anche cultura, di investire in cultura, e soprattutto di relazionarsi alle differenze delle culture, alle lingue, ai mercati. Insomma, erano persone che hanno trasportato verso la modernità. E stato l uomo economico mercantile medievale a 6

7 trasformare quello che i giuristi chiamano l ordine della stabilità del Medioevo nell ordine della mobilità che è l ordine che caratterizza la modernità. Non solo produttori di beni e produttori di cultura, ma anche produttori di nuovi istituti giuridici, di nuove istituzioni, di organizzazioni. Basti pensare a tutto quello che è stato la nascita degli istituti che poi hanno istituito il grande apparato del diritto privato e poi anche del diritto pubblico: è da qui che essi nascono, da una serie di consuetudini in cui si struttura la sfera privata e pubblica dell uomo economico medievale. Questa produzione, questa capacità di produrre cultura in senso vasto è quindi qualcosa che accompagna tutta la nostra storia passata attraverso la produzione di beni ed oggetti, di segni materiali ma anche di valori. Oggi, quando tante volte, anche nei nostri convegni di addetti ai lavori, ci troviamo a confrontarci con queste parole, il linguaggio è assolutamente condiviso. Noi comprendiamo che quando diciamo che l economia, così come la cultura, produce segni materiali e questi segni materiali sono valori, alla fine non facciamo altro che ridefinire il concetto di bene culturale. Un concetto vastissimo, che la legislazione ha cercato di definire, ma che di fatto - nella pratica corrente di chi si occupa della salvaguardia dei beni culturali - ha un accezione che tende ad allargarsi sempre di più. E questo giustamente. Perché per esempio, nei casi degli archivi di impresa o dei beni che le imprese producono, se uno si domanda che cosa è cultura nella produzione di un bene di un impresa, dal nostro punto di vista gli archivi, la documentazione sono beni dal momento che gli archivi sono documenti. E tuttavia anche gli oggetti sono documenti, anche i beni che vengono prodotti sono documenti, perché sono una testimonianza di un qualcosa in cui si aggrega intelligenza, capacità produttiva, imprenditoria, capacità di relazione. Forse proprio occupandomi di archivi di impresa, ho potuto notare come pian piano si stava stemperando la distinzione tra documento e oggetto, perché nello stesso momento, proprio mentre si affrontano questi mondi complessi di testimonianze, ci rendiamo conto che anche il documento è un oggetto materiale, così come l oggetto materiale è un documento: da qui il fatto - e non è un caso che proprio nel mondo delle imprese si sia sviluppata questa sorta di gemmazione tra archivio e museo. L impresa acquista consapevolezza che per testimoniare il proprio passato, e quindi anche proiettarsi verso un futuro, ha bisogno di mostrare quello che ha fatto, ma nello stesso tempo ha anche bisogno di riutilizzare tante volte quello che ha fatto per rinnovarlo e quindi dare a ciò nuova vita. Ecco perché nelle imprese archivi e musei sono non solo luoghi di testimonianza del passato, ma anche di 7

8 proiezione futura, di riutilizzo, capaci di attrarre e di applicare all impresa stessa un valore in più. Questo concetto di valore ci porta all altro concetto fondamentale, che accompagna la storia dei beni culturali: il concetto di valorizzazione. Cos è che l impresa valorizza come produttrice di cultura? Valorizza il lavoro, perché uno dei risultati maggiori che viene dalla consapevolezza dell imprenditore è proprio il fatto di rendersi conto che quello che egli sta producendo ha un valore. E ciò non rappresenta solo un valore monetizzabile bensì anche un valore nel futuro, ha una dignità che va al di là di quello che si commisura e si brucia nel presente. Ho avuto certe volte la sensazione che per le imprese - una volta lasciata la testimonianza architettonica ciò sia sufficiente. E invece no, perché tutto questo va documentato: chi racconterà chi ha prodotto e quanto è costato farlo. o come quel costo si è relazionato con un altro mondo che in quel momento magari era in crisi, o ancora perché un oggetto di ottima qualità ha iniziato a diventare di qualità peggiore? Tutto questo non si racconta senza documenti. La consapevolezza della necessità di documentare tutto questo ha mosso negli ultimi anni le imprese che operano nella tutela dei beni culturali, e l associazione archivisti toscani è stata in questo pioniera. Già negli anni 70 fu fatto un censimento degli archivi di impresa in Toscana. Purtroppo è diventato sempre più difficile tenere questo archivio aggiornato, perché il mondo si trasforma con una tale velocità che stare dietro a queste trasformazioni è veramente difficile. Quello dell impresa è un mondo del quale nessun ente o istituzione può garantirne la sopravvivenza della testimonianza, se l impresa stessa non è consapevole di questa importanza. Una tutela che non può arrivare per un imposizione dall esterno: se c è una collaborazione è perché esiste una consapevolezza: ecco perché un associazione come quella della Unione Imprese Storiche Toscane riveste un importanza fondamentale. Qui non c è da lavorare, questa consapevolezza fa parte del corredo dell impresa stessa, ed è quello che ne garantisce la sopravvivenza. Recentemente la direzione generale per gli archivi ha dato vita a un portale degli archivi di impresa, una forma di networking, per far conoscere e mettere in relazione queste imprese tra loro. Sono stati creati otto grandi luoghi simbolo, definiti sulla carta dello sviluppo delle imprese in Italia dall 800 fino ad oggi, selezionando una sessantina di imprese tra le più importanti. Questo portale, che è stato presentato nel giugno dell anno scorso. è stato accompagnato anche da una mostra all Archivio Centrale dello Stato, che raccontava lo sviluppo delle imprese in particolare dal dopoguerra in poi. 8

9 Visitando questa mostra, che era costituita di oggetti oltre che di documenti e di brevetti, veniva un po la stretta al cuore pensando quanta capacità di impresa, di invenzione, di invettiva, quanta capacità di pensare al futuro c è stata nel secondo dopoguerra e quanta poca ce ne sia adesso. Quante occasioni perse, quante cose lasciate andare, quanti brevetti spariti e passati all estero! Riattivare questo deposito di memorie che sono continuamente linfa vitale è assolutamente necessario, anche grazie alle relazioni tra associazioni d imprese e mondo della conservazione e della tutela dei beni culturali. In particolare mi ha colpito che nel titolo della serata si sia voluto giocare su questa relazione inversa tra passato e presente. Il futuro è il passato, il cuore antico del nostro presente. Rovesciamo la metafora, dunque. In effetti anche quando si parla di beni culturali preferisco la parola che viene dall inglese heritage, che significa eredità che passa di mano in mano, alla parola che viene dal francese patromoine, che è il patrimonio nel senso più di possesso, di qualcosa che sta fermo. Noi dobbiamo trasformare le nostre capacità di lavoro, che viene dalle impresa, la nostra capacità di valorizzazione e anche di conservazione dei beni culturali da patrimonio a heritage, da qualcosa che è fermo in una eredità, in una visione ereditaria. In questi giorni sono anche un po stanca, dal momento che stiamo vivendo come Sovrintendenza la tragedia della Lunigiana, dove stiamo cercando disperatamente di salvare un patrimonio che si sta perdendo:una biblioteca completamente distrutta, un archivio sepolto sotto il fango. Va salvato tutto, perché tutto può diventare antico, sempre nell ottica per cui il passato può diventare presente e quindi futuro. L alluvione mi è sembrata una metafora. Ed anche lo sforzo di tutti i giovani venuti dalle scuole a cercare di dare una mano, vorrei che fosse una metafora della capacità di proiezione futura che questa società saprà ancora offrire. Grazie. 9

10 Intervento del Prof. Andrea Giuntini Docente di Storia Economica presso l Università di Modena e Reggio Emilia Dirò alcune cose soprattutto dal mio punto di vista, ovvero da quello dello storico economico e dello storico d impresa. Dirò poche cose soprattutto in termini di ricostruzione di una disciplina, di nascita di una disciplina. e di rafforzamento di una disciplina che è la storia d impresa. Un avventura intellettuale - questa parola è già stata utilizzata dalla dottoressa Diana Toccafondi - particolarmente intrigante, affascinante, che ha preso corpo una quarantina di anni fa. Mi faccio vanto del fatto di come la Sovrintendenza della Toscana sia stata fra le prime in Italia ad affrontare la questione degli archivi d impresa, in parte stimolata dall esistenza di una serie di imprese storiche che presto hanno cominciato a dimostrate questo tipo di sensibilità, in parte per uno spirito di novità, per un proposito di scavare laddove qualcuno ancora non aveva scavato, cioè nell ambito degli archivi d impresa. Nel il frutto del censimento che era stato avviato qualche anno prima, prendeva le forme di un primo inventario, che tra l altro è stato il primo in Italia. Erano gli anni in cui esisteva una Commissione presso il CNR che lavorava proprio sugli archivi d impresa e sulla storia d impresa e dunque anche sui musei d impresa, intesi in quel contesto di gemmazione che la dottoressa sottolineava; sono anni particolari, anni di particolare vivacità, perché esisteva un terreno estremamente fertile come quelle delle imprese italiane e c era tanto da fare. Sul quale si poteva inventare, si poteva progettare. In effetti tra gli anni 80 e 90 questa disciplina - e la connessa sensibilità nei confronti degli archivi e musei - fa passi avanti estremamente significativi, che rendono le forme sia di giornate di studio, di iniziative, seminari, convegni. sia dei primi censimenti che seguirono quello toscano. Censimenti presso le imprese industriali che inconsapevolmente nascondevano dei tesori che sono stati riportati alla luce e fatti riemergere, e a cui è stata data vita, una luce che gli archivi di impresa devono possedere. I risultati sono stati anche in termini di varo di una serie di iniziative di storia di impresa che si basavano sulla possibilità di sfruttare il nuovo patrimonio archivistico, partendo dalle imprese private con i grandi esempi della Fiat e della Pirelli, per venire poi alle grandi imprese e non soltanto private. All inizio degli anni Novanta iniziarono a venir fuori i primi manuali, i primi lavori organici che - sia in termini di progettualità sia in termini 10

11 di concrete indicazioni sul come operare - cominciano a cambiare l atmosfera, a rendere sempre più dinamico questo contesto. Tutto questo evidentemente in parallelo rispetto alla maturazione progressiva del concetto di conservazione dei beni culturali che finalmente approda anche all impresa. Come è stato detto recentemente quando si parla di archivi di impresa, di storia d impresa, è giusto fare riferimento a tutti gli attori dell impresa, intesi in maniera dinamica, organica. Non solo l imprenditore, ma anche tutte le altre forze vive che all interno dell impresa operano. Dunque, qualunque tipo di lavoratore, quella pluralità di attori che in maniera paritaria, dal punto di vista della disciplina, offrivano un contributo in termini di carte, di documenti ma anche in termini di fotografie, di oggetti che sono andati appunto a riempire i musei d impresa. Dunque, una progressiva autonomizzazione sia della disciplina sia del portato più visibile e sempre più fruibile che erano appunto gli archivi e i musei. Fra le acquisizioni scientifiche più importanti di questi anni parliamo degli inizi degli anni 90 - ricordo per esempio una corposa storia dell industria elettrica italiana che - opera collettiva di decine di studiosi - ha portato alla sistemazione progressiva di una serie di archivi di un settore, evidentemente strategico. Archivi inizialmente sparsi per tutta la penisola e poi lentamente riunificati in un grande archivio che oggi si trova a Napoli. Penso alla storia dell Ansaldo, altra grande storia di una grande impresa e altro esempio importante di un archivio storico che fra i primi è stato sistemato e aperto al pubblico e dunque reso fruibile per gli studiosi. Erano gli anni in cui si creava l archivio storico della Fiat e il museo; gli anni in cui anche presso una grande istituzione economica pubblica come l IRI si cominciava a ragionare in termini di archivi d impresa, in maniera diversa rispetto a quanto era stato fatto in precedenza, perché di carte ne sono state perse tante. Racconto una cosa sulla quale non avevo riflettuto e che ho letto da qualche parte. Il periodo è relativo a quando, intorno alla fine degli anni 70 inizio anni 80, cominciano ad arrivare i primi elaboratori di dati, i calcolatori, che ancora avevano delle dimensioni cospicue. Spesso per accoglierli bisognava trovare spazio, e se si doveva rinunciare a qualcosa, a buttare via qualcosa per fare spazio, si rinunciava alle carte naturalmente. Anche simbolicamente, era il futuro che prendeva il posto del passato. Un altro aspetto che in questa rassegna deve essere tenuto in considerazione sono i rapporti che si sono venuti a creare in termini di progettualità, di promozione, di reciproca incentivazione anche con 11

12 gli enti locali. Quante volte sono state le biblioteche comunali, gli archivi comunali non necessariamente di taglia grande, che si sono fatti promotori nonché protagonisti del recupero, della sistemazione e della salvaguardia di certi archivi di impresa che su base locale erano importanti? Mi riferisco ad archivi che avevano segnato la storia di quella comunità, stabilendo poi in una prospettiva duratura, che ancora oggi resiste e dà dei frutti interessanti, una serie di reciproci vantaggi e di mutua collaborazione. Un aspetto che in questa prospettiva dinamica rende gli enti locali un dato essenziale, dal momento che proprio dagli enti pubblici provenivano quelle competenze che spesso in impresa non c erano. Oggi gli archivi stanno sempre più dentro la visione integrata della realtà aziendale, diventano un biglietto da visita che garantisce sicuramente una maggiore credibilità all azienda. Termino queste brevi considerazioni mutuando due parole da chi ha lavorato in questo settore degli archivi storici. Mi riferisco a Tommaso Fanfani che parlava degli archivi di impresa e dei musei di impresa come sorgente di idee. Sono convinto che ancora questo circuito virtuoso fra pubblico e privato, fra competenze pubbliche e private, possa portare novità e idee che ci servono per garantire ai nostri figli un futuro migliore. Grazie. 12

13 Intervento del Prof. Piero Roggi Ordinario di Storia del Pensiero Economico presso l Università di Firenze Si legge nel Vangelo che nessuno può servire a due padroni, perlomeno a due padroni contemporaneamente. Così, visto che il mio mestiere è quello di fare lo storico del pensiero economico e della teoria economica, al fine di prepararmi a questo incontro mi sono trovato di fronte ad un dilemma: avrei dovuto trattare l argomento da economista o sarebbe stato meglio trattarlo da storico? Per non finire come fece l asino di Buridano che morì indeciso tra bere e mangiare ho deciso di infilarmi questa volta il costume di economista e ho fatto questa scelta per differenziare un po il prodotto, visto che in questa sala sono numerosi i custodi della memoria e del passato. Per rispettare l impegno assunto ho bisogno tuttavia della vostra indulgenza e anche della vostra comprensione: le cose che affermo in certi passaggi sono molto tecniche, mentre in altri passaggi il discorso potrà apparirvi provocatorio, addirittura sgradito. Ordinerò le cose che ho da dirvi in tre parti distinte. Chiarirò in una prima parte come lavora il sistema economico; in una seconda parte mi occuperò non del sistema economico nel suo complesso ma delle molecole, quelle piccole parti cioè le imprese cercando di mettere a fuoco. ciò che contraddistingue le cosiddette imprese storiche dalle altre; nella parte finale accennerò ad alcune politiche necessarie per la difesa delle imprese storiche. Sono presenti in questa sala competenze diverse. Ci sono storici illustri, archivisti a livello istituzionale e studiosi della vita economica, quelli che studiano la micro cellula del sistema, cioè gli aziendalisti, e coloro che ragionano in maniera più ampia, cioè gli economisti. L oggetto di studio è sempre lo stesso: l impresa storica. Gli archivisti e gli storici hanno per compito quello di custodire la memoria del passato; gli aziendalisti e gli economisti di preservare la vita presente degli organismi economici. Io non voglio ripetere quello che diceva Nietzsche, ovvero che preservare la memoria, cioè la storia, è un lusso della mente estraneo alla porzione della vita e alla lotta per la sopravvivenza. E nemmeno voglio ripetere con lui, che viveva in un periodo di grandi abusi, che la storia dello storicismo abbia guastato addirittura lo spirito animale del sopravvivere. Una troppa propensione per la storia rende il popolo fiacco e imbelle, affermava Nietzsche. Un concetto che in qualche modo diventa un 13

14 giustificazionismo: si capisce tutto, si giustifica tutto, non si reagisce e non si lotta più per la vita. Io sono invece convinto che la memoria identitaria, ma anche la storia individuale per ogni singola azienda, costituisca una possibilità aggiuntiva della sua attività economica. La storia è comunque magistra vitae, un racconto se non altro che scongiura il ripetersi degli errori del passato. Quello che voglio dire è che lo storico conserva la memoria, mentre il compito dello studioso di materie economiche è quello di conservare la vita degli organismi economici che devono durare nel tempo. Questa è una premessa. E se noi supponiamo corretta questa premessa, l argomento che devo aggredire in questo momento è come lavora il sistema economico. Il sistema economico è una macchina meravigliosa, che risolve da sé tre problemi fondamentali tipici di qualsiasi aggregato umano: che cosa si deve produrre; come si deve produrre efficacemente; a chi si deve destinare il prodotto una volta prodotto, ovvero come si fa a spartire la ricchezza. La prima questione viene risolta dai consumatori perché hanno un sistema facile, hanno nel portafoglio una serie di voti che sono le banconote. I prezzi sono sensibili alle banconote e fanno dei piccoli saltellini in avanti, e quelli che salgono di più devono essere prodotti. Sono i consumatori a decidere le cose che dobbiamo produrre. La terza questione, ovvero a chi si deve distribuire la ricchezza, è una questione che ha a che fare con la giustizia, coi mercati ma soprattutto con la politica. Guardando la televisione si capisce subito chi è che paga la crisi, a chi si deve distribuire la ricchezza. Ma è soprattutto la seconda questione quella che ci interessa stasera, come produrre efficacemente. Bisogna sapere che le risorse di un aggregato umano non sono illimitate ma sono limitate. Noi non viviamo nel paradiso terrestre, nell eden dove basta esprimere un bisogno che subito arriva una disponibilità prospera. Noi siamo attanagliati dall insufficienza economica, dalla scarsità, vogliamo tornare nel paradiso terrestre. C è stato un momento in cui questa corrispondenza tra bisogni e risorse si è interrotto e dal quel momento siamo andati giù nel mondo della scarsità e allora per vivere nella scarsità ci vogliono due cose importanti. La prima è una lista delle cose essenziali da consumare prioritariamente. Siccome esiste scarsità, non si può produrre tutto e allora si rende necessaria la lista delle cose più importanti. Ma ci serve soprattutto una seconda lista di persone scelte, selezionate dall intera società che utilizzino le risorse con scrupolosa parsimonia, che non sciupino niente di questo deposito scarso di ricchezze da 14

15 impiegare per produrre. Queste persone sono un gruppetto che la società elegge e sceglie per depositare quel tesoretto. Questo è come funziona il sistema economico, che è una specie di galassia, di universo. Ora cerchiamo di concentrarci sui singoli pianeti cioè sulle imprese. Come vengono al mondo le imprese storiche? Che cos è esattamente un impresa storica? Quali punti di forza e di debolezza ha questo organismo particolare quale l impresa storica? E soprattutto, come si presenta all esame di sopravvivenza questo singolare organismo economico? Il primo interrogativo riguarda dove e come nascono le imprese storiche. C è un motivo per cui nascono, o perlomeno noi cercheremo di capire quale è questo motivo. Ogni possessore di ricchezza liquida, disponibilità liquida, è sempre di fronte a un dilemma: è meglio investire nell azienda di altri, dando i soldi in azioni, dando liquidità a imprenditori che non siamo noi? Questa scelta sarò perseguita quando il Paese nel quale l imprenditore vuole investire è un paese che protegge efficacemente il diritto del prestatore a riavere indietro quanto egli stesso ha prestato, e qualora questo investitore si fidi delle istituzioni economiche di quel Paese. E meglio investire nell impresa altrui oppure in quella della propria famiglia? Questo possessore di capitale liquido seguirà questa seconda via soltanto quando le garanzie del Paese non ci sono oppure sono molto deboli; quando non è sicuro di riavere indietro quello che ha investito; quando lui stesso diffida delle regole di questo Paese. Guardate come si fidano gli investitori internazionali della Grecia. Di quel Paese non si fidano. Quando un paese non garantisce la restituzione di un prestito a quelle imprese, l imprenditore che ha liquidità si rifugia in uno spazio ristretto del suo provato economico, l impresa familiare. Siamo di fronte a un conflitto tra due sentimenti di fiducia, uno verso l esterno e l altro verso l interno. Se prevale la fiducia verso l esterno, la dinastia familiare non nasce; se prevale la fiducia verso l interno questa dinastia familiare, che poi diventerà impresa storica, sarà partorita. Nei paesi con robusta protezione per gli investitori con capitale liquido, le dinastie, cioè le imprese familiari storiche, stentano a formarsi. L Inghilterra dell 800 non le fece nascere, in Germania nello stesso periodo molte ne nacquero. Veniamo al secondo interrogativo: che cos è un impresa storica? Per capire la fisiologia interna dell impresa storica bisogna familiarizzarsi con un concetto difficile, cioè il rapporto tra due mentalità diverse: la mentalità imprenditoriale - che chiameremo di continuità statica - dove le cose vanno bene così sono e non vanno cambiate, e una mentalità imprenditoriale di rinnovamento dinamico, dove non si segue la linea della conservazione ma si rinnova continuamente. Se a 15

16 preponderare è la mentalità imprenditoriale di continuità statica l impresa non dura, prima o poi muore, non si tramanda. Se sulla continuità statica domina lo spirito di rinnovamento, l impresa familiare dura e si trasmette di padre in figlio. Il micro organismo economico, cioè l impresa, può perdurare solo se si rinnova, attingendo magari a quella determinazione che inutilizzata poltrisce nella memoria identitaria. Ecco l elemento importante della memoria identitaria. E uno stimolo alla determinazione di fare, come se si attingesse da una tanica di benzina di riserva che sta nel bagagliaio quando la benzina è finita. L identità storica può essere pensata metaforicamente così, come un qualcosa che da energia quando la macchina per vecchiaia vorrebbe tacere. Così si spiega il fatto che la memoria identitaria, il lavoro degli archivisti, costituisce un fattore produttivo che deve essere pagato dalla società, perché è quella tanica di benzina che ti permette di ripartire. Questa è la vostra funzione sociale, culturale ed economica. Qui non si parla soltanto di cultura, qui si parla di sopravvivenza degli organismi viventi. Eccoci al terzo argomento: quali sono i punti di forza di un impresa storica e quali sono le sue debolezze? I punti di forza sono una forte determinazione, l onore per la tradizione che va riscoperto in cantina qualora ce ne sia bisogno, una tradizione percepita talvolta come una vera religione civile. Il secondo punto di forza è che c è la possibilità nell impresa storica di contare sulla fiducia intrafamiliare e quindi risparmiare i costi di controllo per controllare i manager che non sono della famiglia. Il terzo punto di forza è la possibilità che ha l impresa storica di forti connessioni con la politica, perché la politica in certi casi si fa protettrice economica delle imprese storiche. Accanto ai punti di forza vi sono però anche punti di debolezza. La prima debolezza è che i possibili candidati al rinnovamento, cioè gli eredi, quasi sempre sono in diaspora oppure a giro per il Mondo, oppure non stanno mai lì a curare i propri affari: Tenere un figlio nella propria azienda è più difficile, come direbbero a Firenze, che mettere il sale sulla coda dell uccellino. È noto che la Fiat fu costretta ad impegnare Vittorio Valletta per colmare quella indisponibilità iniziale di Giovanni Agnelli. Un altro difetto fondamentale è il nepotismo, perché non sempre gli eredi sono dei buoni manager, e il nepotismo inoltre scoraggia anche i manager extrafamiliari. Se la regola è quella di avanzare in base a ciò che si fa, uno che viene da fuori non può vedersi scavalcare da un altro solo per il cognome che porta. C è anche un altra questione importante, cioè la prima genitura, perché spesso vale questo criterio per cui chi è primo figlio deve essere eletto. Ma a volte succede che questo personaggio non sia all altezza del compito. La prima genitura genera anche conflitto di tipo psicologico tra fratelli e sorelle ma anche conflitti ereditari. Infine c è 16

17 un altro difetto: una propensione nelle imprese storiche ad accumulare sul tesoretto di famiglia invece che sull azienda. Si creano dei meccanismi collaterali in cui si vanno a investire i profitti talvolta sottraendo la ricapitalizzazione dell impresa stessa. L impresa storica familiare ha molti punti di forza ma anche infiniti punti di debolezza e in tal modo, caricata com è di queste zavorre, deve pur presentarsi al tribunale della sopravvivenza. Se si chiama storica vuol dire che dura nel tempo ma è un tempo di esami eterni: l impresa dura perché passa continuamente a esami di verifica. Veniamo all ultimo dei nostri interrogativi, come si presenta l impresa storica all esame di sopravvivenza? Forse c è da supportare una valutazione di idoneità, come per chi fa l esame di maturità a scuola? Non è così per fortuna, anche se non è detto che la commissione giudicatrice per la sopravvivenza sia più indulgente di quella delle scuole. La sola magistratura della quale occorre accaparrarsi il riconoscimento per un impresa che vuole durare nel tempo è quella dei creditori: se sono soddisfatti l esame è superato, se sono perplessi ti rimandano a ottobre, e se sono disperati ti spediscono al giudizio di una magistratura ulteriore, che è quella legalmente formale: la magistratura fallimentare. L impresa storica in sintesi ricorda tanto un saltatore con l asta che può farcela oppure no a superare l asticella: la storia delle imprese è una necropoli di saltatori che hanno mancato di superare l asticella, di fare il salto più importante. C è addirittura una celebre teoria economica formulata da un economista inglese dell 800, Adam Marshall, che sostiene addirittura che il crepuscolo della dinastia economica familiare sia un fenomeno socialmente fisiologico, un accadimento ineludibile. C è un meccanismo per cui afferma Marshall - dopo la terza generazione tutto si disfa. Secondo questa dottrina la prima generazione è quella dei pionieri che risparmiano e accumulano; la seconda generazione perfeziona l opera dei fondatori perché spronata dagli stessi valori che hanno visto vivere in casa: la terza generazione, allevata nel dolce far niente, predilige lo spirito di proprietà a quello di intrapresa, si ritrae dagli affari, si gode la vita, e vivacchia riscuotendo affitti o staccando cedole delle azione avute in eredità. Concludiamo con quest ultimo interrogativo: per passare l esame di efficienza, cioè l esame di sopravvivenza a cui l impresa storica è comunque quotidianamente sottoposta, la memoria storica può servire oppure no? Il sistema economico allontana gli inefficienti, non conosce le buone maniere, è maleducato, perfino brutale e la storia non gli ispira nessun particolare affetto e premura. Poniamoci 17

18 un ultima considerazione più operativa. Le imprese storiche possono essere sostenute da qualcuno? La risposta è affermativa, sì possono essere aiutate. Ma da chi? Dai medici del sistema economico diciamo regionale, nel nostro caso la Regione Toscana. I politici regionali devono programmare la formazione dei manager: è necessario organizzare corsi, finanziare generosamente il mutamento della generazione, scortare le imprese storiche verso la conquista dei mercati oltreoceano, come facevano gli inglesi dell 800, che affiancavano la marina militare quando si spostavano i convogli della Compagnia delle Indie. Questi stessi politici devono favorire l innovazione tecnica, come facevano i tedeschi del secolo scorso. C è bisogno di una legge regionale per le imprese storiche, una legge che costituisca un pacchetto organico. Questo deve essere l obiettivo della vostra associazione. Un obiettivo che permetta all Unione imprese Storiche Toscane di modificare un po l assetto attuale, di non lusingarsi troppo nella cultura e nella storia, che prenda a cuore le prospettive economiche delle aziende affiliate, che diventi un vero e proprio gruppo di pressione. Alla fine dell 800 in Inghilterra nacque un gruppo di pressione per abolire le leggi sulla protezione del grano: Ci fu una rivolta che durò trent anni. Questo è un gruppo di pressione. Io auguro alla vostra Associazione lo stesso impetuoso successo che riscosse quel movimento. Alla fine di questo discorso un po tortuoso, lasciate che raccolga in quattro punti fondamentali quello che ho detto. Il sistema economico risolve tre grandi problemi sociali, tipici di qualsiasi aggregato umano, ma quello che ci riguarda è l assunzione del secondo problema: come produrre efficacemente. Le imprese storiche familiari hanno caratteristiche proprie, vivono strette nel dilemma tra continuità e rinnovamento; nascono in contesti dove le garanzie delle istituzioni economiche per gli investitori sono deboli; possiedono forti motivazioni etiche per sopravvivere; fruiscono dei costi per il controllo dei manager inferiori rispetto agli altri; fruiscono dei favorevoli rapporti con la politica ma per contrasto soffrono contemporaneamente della diaspora dei propri successori, della demotivazione dei manager extrafamiliari, dei conflitti successori, soffrono anche della confusione tra l arricchimento della famiglia e quello dell impresa. Ancora possono essere soccorse in un momento di sviluppo da una legislazione regionale favorevole e dalle associazioni private come questa, la quale però ai fini lodevolmente culturali aggiunga anche delle finalità economiche ed operative, coltivando soprattutto la competitività internazionale dei loro associati. 18

19 Ecco allora la tesi che mi sento di sostenere stasera: la memoria storica delle vostre imprese familiari è una condizione al tempo stesso necessaria ma non sufficiente per rimanere sul mercato e per sopravvivere nel tempo: Per far questo ci vuole qualcosa di più. Mi rendo conto che quanto ho detto possa aver generato qualche senso di delusione, come se io vi dicessi che la vostra identità economica faticosamente realizzata nel tempo avesse soltanto un valore relativo, non un valore risolutivo. Avete ragione, è così, ma voglio aggiungere una breve esortazione. Ricordatevi in ogni caso che voi siete specialisti di un arte faticosa, quella della sopravvivenza, della lotta per resistere alle ingiurie del tempo. Mi auguro che quanto detto rinnovi il vostro spirito guerriero e dissipi almeno in parte il vostro attardarvi nella memoria, nella storia, nel puro esercizio culturale. A pensarci bene Nietzsche un po di ragione l aveva: la storia è un lusso della mente mentre la lotta per sopravvivere resta un acerba, grezza, e ineludibile necessità. 19

20 Il presidente dell Unione Imprese Storiche Toscane Franco Torrini, la Sovrintendente Archivistica della Toscana Diana Toccafondi, i Professori Piero Roggi e Andrea Giuntini L on. Monica Baldi, la Direttrice della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze Maria Letizia Sebastiani e il Presidente dell Unione Imprese Storiche Toscane Franco Torrini 20

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli