VADEMECUM DI TIROCINIO DIRETTO E INDIRETTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM DI TIROCINIO DIRETTO E INDIRETTO"

Transcript

1 Tirocinio Formativo Attivo TFA a.a. 2014/2015 VADEMECUM DI TIROCINIO DIRETTO E INDIRETTO Approvato dal Consiglio di TFA di area umanistica e linguistica

2 Sommario Premessa Struttura standard del tirocinio Gli attori coinvolti Tutor coordinatori Tutor accoglienti Il tirocinio diretto Le attività di tirocinio diretto: osservazione e conduzione didattica da svolgere in classe Assegnazione dei tirocinanti alle scuole Il progetto formativo Il registro presenze La check list di valutazione Attività extracurricolari (alcune precisazioni) Il tirocinio indiretto Le attività del tirocinio indiretto Compilazione del portfolio Gestione delle assenze nelle fasi di tirocinio diretto e indiretto e obblighi di frequenza Gestione della documentazione

3 Premessa Attraverso il presente Vademecum si ripercorrono le principali linee guida adottate dall Università Ca Foscari Venezia per regolamentare, a partire dalle indicazioni riportate nel DM 249/10 e successive note, la fase di tirocinio diretto e indiretto attivata nell ambito dei percorsi di TFA di Area Umanistica e Linguistica. Lo stesso regolamento verrà sottoposto per la sua approvazione all autorità del Consiglio di Tirocinio una volta che lo stesso verrà nominato. 1. Struttura Standard Del Tirocinio Ai sensi del DM 249/10 il Tirocinio ha un valore pari a 19 crediti formativi universitari, pari a 475 ore. Fig. 1 Struttura del Tirocinio * *Rientrano nel monte ore di Tirocinio Indiretto le 75h (3CFU) rivolte all integrazione scolastica degli alunni disabili. 2

4 1.1. Gli attori coinvolti Le figure deputate alla gestione delle attività di tirocinio sono i tutor che si distinguono in: 1. Tutor Coordinatori; 2. Tutor Accoglienti Tutor coordinatori Il tutor coordinatore è una figura prevista dalla normativa e nominata dall Ateneo, che ha il compito di supervisionare l intero percorso di tirocinio (compreso quello svolto all esterno della scuola). Essi costituiscono un vero e proprio ponte tra l Università e le Strutture Scolastiche e tra le Strutture Scolastiche e gli studenti, servendosi, in quest ultimo caso, anche de lavoro dei Tutor Accoglienti, precisamente: - assegnano gli studenti alle diverse classi e scuole (v. par ) curando tutte le attività relative alla verifica della disponibilità delle istituzioni accoglienti; - verificano la presenza di un tutor accogliente idoneo a seguire i tirocinanti e verificano che sia in possesso dei requisiti per svolgere il compito; - curano per tutto il periodo di tirocinio diretto il rapporto con le scuole e con le figure istituzionali di riferimento (Dirigente Scolastico, tutor accogliente ecc.); - formalizzano il progetto di tirocinio dei singoli studenti; - coordinano i gruppi di studenti loro assegnati sulla base delle attività di tirocinio indiretto da svolgere e li guidano attraverso attività laboratoriali sia in presenza che online; - supervisionano e valutano tutte le attività del tirocinio, sia quelle del tirocinio diretto, sia quelle del tirocinio indiretto; - seguono le relazioni finali, inerenti alle attività trattate e svolte in classe Tutor accoglienti Come previsto dalla normativa, i tirocinanti verranno affiancati durante il percorso di tirocinio diretto da un tutor accogliente, ovvero da un docente interno alla scuola che avrà il compito di orientare i corsisti rispetto agli assetti organizzativi e didattici dell istituto e alle diverse attività e pratiche in classe. Il tutor accogliente ha il compito, altresì, di accompagnare e monitorare l inserimento del tirocinante in classe e verificarne la competenza didattica attraverso un semplice e strutturato sistema di valutazione. 3

5 Di norma il tutor accogliente sarà un docente con abilitazione nella classe di insegnamento in cui il corsista è iscritto, oppure abilitato in una classe affine. Il docente accogliente può essere anche in servizio a tempo determinato, è in ogni caso necessario che sia abilitato. Nel caso dei TFA di area linguistica l affinità viene riconosciuta anche tra lingue diverse, qualora nella scuola mancassero dei docenti tutor abilitati nella stessa classe in cui è iscritto il tirocinante. I giorni e gli orari di presenza a scuola, così come la strutturazione delle attività di tirocinio diretto, verranno concordate dal tirocinante direttamente con il tutor accogliente. In ogni caso, l organizzazione delle attività dovrà essere strutturata sulla base della suddivisione elaborata dall Ateneo e l intero percorso dovrà ultimarsi entro la fine dell anno scolastico, ad eccezione di coloro che siano costretti a prolungare, per giustificati motivi, il periodo di tirocinio e finire nei mesi di settembre e ottobre (es. grave malattia, maternità). DOMANDE FREQUENTI - E possibile svolgere l attività di tirocinio presso più scuole? Per quanto riguarda gli accorpamenti verticali il tirocinio va ripartito tra istituzioni scolastiche dei due gradi e può essere svolto presso istituzioni scolastiche diverse. Per le restanti classi di concorso è preferibile che lo stesso avvenga presso un unica sede. Sarà possibile agire in deroga a questa indicazione unicamente in presenza di condizioni particolari. - All interno della stessa scuola è possibile essere seguiti da più tutor accoglienti? Si, fino ad un massimo di due, ciascuno dei quali firmerà, nell apposito registro presenze, ognuna delle sue ore. Qualora un tirocinante opti per questa soluzione deve comunicare al proprio tutor coordinatore la sua decisione contestualmente ai nominativi di entrambi. - Il tutor accogliente deve essere necessariamente abilitato? Sì, salvo casi eccezionali (es. lingue orientali e classi di concorso di recente istituzione). - Il tutor accogliente può essere un docente di lingua diversa rispetto a quella per cui il tirocinante si abilita? Si, unicamente qualora nell istituto non siano presenti docenti abilitati nella stessa lingua per cui ci sta abilitando. - Il tutor accogliente può essere un docente di scuola secondaria di primo grado? Per le classi accorpate devono esserci obbligatoriamente un tutor di secondaria di primo grado e uno di secondo. Per le altre classi, no, salvo casi eccezionali. 4

6 1.2. Il tirocinio diretto Il tirocinio diretto, che dovrà essere ultimato entro la fine dell anno scolastico in corso, si struttura su un totale di 110 ore scolastiche da distribuire come rappresentato in tabella 1. I tirocinanti delle classi accorpate dovranno svolgere in misura eguale le ore di osservazione e di attività didattica frontale in entrambe le classi di concorso facenti parte dell accorpamento. Tab. 1 Rappresentazione delle attività di tirocinio diretto e distribuzione oraria Osservazione didattica in classe Attività didattica frontale in classe Attività extracurriculari da svolgere a scuola Attività individuale di progettazione e studio da svolgere eventualmente a casa TIROCINIO DIRETTO (standard) 30h (Accorpamenti 15h+15h) 30h (Accorpamenti 15h+15h) 20h 30h (Accorpamenti 15h+15h) Attività da dedicare alla preparazione dell intervento didattico da svolgere in classe. La presenza in classe del tirocinante dovrà essere di complessive 60 ore, tuttavia, in presenza di motivate ragioni e ai fini di garantire il termine delle attività entro il mese di giugno, gli istituti potranno richiedere una riduzione del monte ore di attività in classe a 30. Tale richiesta dovrà essere debitamente motivata e firmata dal DS così che il tirocinante possa a sua volta presentarla al proprio tutor per eventuale approvazione. sulla base della distribuzione oraria rappresentata in tabella 2 distribuzione oraria. L eventuale richiesta dovrà essere motivata Tab. 2 Rappresentazione delle attività di tirocinio diretto e distribuzione oraria (opzione che prevede la riduzione del monte ore da svolgere in classe Osservazione didattica in classe Attività didattica frontale in classe Attività extracurriculari da svolgere a scuola Attività individuale di progettazione e studio da svolgere eventualmente a casa TIROCINIO DIRETTO (opzione riduzione monte ore attività in classe) 15h (Accorpamenti 7h+8h) 15h (Accorpamenti 7h+8h) 55h 15 h (nel caso di accorpamenti 7+8) da dedicare alla preparazione dell intervento didattico da svolgere in classe. 10h da dedicare ad altre attività individuali di studio strettamente collegate al tirocinio diretto. 5

7 OSSERVAZIONE E ATTIVITA DIDATTICA IN CLASSE: I primi due gruppi di attività sono finalizzati all acquisizione, da parte del tirocinante, delle competenze necessarie per l esercizio dell attività didattica in classe. Si tratta in particolare di osservazione nella classe del tutor o in altre classi; osservazione dei diversi ambienti di lavoro scolastico e interviste alle diverse figure presenti, attività didattiche a classe intera o con gruppi di allievi, quali ad esempio lavori di gruppo, appoggio a gruppi differenziati di allievi, brevi spiegazioni, e lezioni, interrogazioni, laboratorio, altre attività didattiche legate a progetti previsti dal POF. L attività didattica in classe sia di osservazione che di conduzione didattica va svolta con la supervisione del proprio tutor accogliente. ATTIVITA EXTRACURRICULARI E STUDIO/PROGETTAZIONE INDIVIDUALI: gli ultimi due blocchi di attività prevedono, invece, una partecipazione più ampia alla vita scolastica attraverso attività che facciano conoscere ai tirocinanti gli aspetti organizzativi, gestionali e collegiali della scuola. Per attività extracurriculari si intendono, nello specifico, altre attività di osservazione quali la partecipazione a consigli di classe, di istituto ecc., analisi documentale e partecipazione ad altre iniziative formative promosse dall istituto. Possono rientrare in questo gruppo di attività partecipazioni a gruppi di lavoro, affiancamento alla correzione di verifiche, partecipazione ad attività in sedi esterne alla scuola e/o sul territorio (convegni, gite scolastiche, visite didattiche ecc.). Tra le attività individuali di studio e progettazione possono rientrare la preparazione dei propri interventi, l elaborazione di materiale didattico, la progettazione di unità di apprendimento, la redazione di verifiche. Il tirocinante può scegliere di svolgere questa categoria di attività a casa oppure presso l istituto. Coloro che stanno insegnando nelle istituzioni scolastiche potranno, secondo la normativa, svolgere il tirocinio nella scuola in cui prestano servizio. Per quanto riguarda le classi accorpate resta inteso che una parte del tirocinio andrà svolta anche per la seconda classe di concorso parte dell accorpamento. DOMANDE FREQUENTI - Che valore viene attribuito alle ore di tirocinio diretto? Ciascuna ora scolastica viene considerata equivalente ad 1 h (60 minuti). - Come vengono riconosciute le attività di preparazione delle lezioni? Le attività di preparazione alle lezioni vengono conteggiate in misura proporzionale alle ore di attività didattica frontale in classe. - Come vengono registrate le attività individuali? Le ore relative alle attività individuali vengono riportate nel registro presenze e convalidate dal tutor accogliente. In aggiunta va allegata al registro un autocertificazione delle stesse in cui il corsista descriverà l attività effettivamente svolta. 6

8 Le attività di tirocinio diretto: osservazione e conduzione didattica da svolgere in classe Come indicato nel paragrafo precedente le ore di attività didattica in aula richiedono necessariamente la presenza fisica del tutor accogliente: l assenza di quest ultimo comprometterà l esito del tirocinio. Coloro che svolgono il tirocinio nelle scuole in cui prestano servizio dovranno svolgere le ore di attività in aula secondo la seguente modalità: - le ore di attività osservativa dovranno essere svolte nella classe in cui insegna il tutor accogliente. Il tirocinante, pertanto, dovrà svolgere queste ore al di fuori del suo normale orario di lezione; - le ore di attività didattica (per i docenti in servizio) potranno essere svolte nella classe in cui il tirocinante insegna, sempre con la presenza del tutor accogliente. A questo scopo, per garantire il regolare svolgimento delle lezioni, il tutor accogliente potrà seguire il tirocinante nelle ore in cui egli è libero dall insegnamento, oppure al di fuori delle sue ore di servizio. Ove questo non fosse possibile, le ore di attività didattica dovranno essere svolte nella classe in cui insegna il tutor accogliente; - per tutti coloro che non siano in servizio o svolgano tirocinio in una scuola diversa, le fasi di osservazione e di conduzione didattica andranno svolte interamente nelle ore del/i tutor accogliente/i. Questa indicazione è valida, altresì, per i docenti in servizio afferenti alle classi accorpate Assegnazione dei tirocinanti alle scuole Il referente per l attività di assegnazione dei corsisti all istituzione scolastica sede di tirocinio è il tutor coordinatore (art. 11, DM 249/10). L assegnazione avverrà previa verifica da parte di quest ultimo della disponibilità della scuole eventualmente segnalate dai tirocinanti in fase di immatricolazione e dell accertata presenza di un tutor accogliente disponibile ad accettare l incarico. Per i corsisti afferenti alle classi accorpate il tirocinio va ripartito tra istituzioni scolastiche dei due gradi e se necessario dovrà prevedere l individuazione di due diverse istituzioni scolastiche. Il tirocinio diretto potrà essere formalmente attivato nel momento in cui verrà stipulata e sottoscritta la convenzione tra l Università Ca Foscari e la/e istituzione/i di riferimento. La stessa verrà trasmessa direttamente dagli uffici di Ca Foscari che si occupano dei TFA una volta pervenute le indicazioni di assegnazione da parte dei tutor coordinatori. 7

9 QUALI SCUOLE POSSONO ESSERE CONVENZIONATE - L Ateneo potrà stipulare convenzioni con le istituzioni del sistema nazionale di istruzione (statali e paritarie) accreditate e non accreditate ex art 8 del D.M.93/2012.; - I tirocinanti impegnati nel Tirocinio Formativo Attivo di scuola secondaria di 1⁰ e 2⁰ grado (TFA) possono chiedere di espletare il tirocinio, in deroga a quanto previsto dal DM 93/2012, presso l istituzione ove abbiano un contratto di insegnamento a tempo indeterminato; se impegnati in una supplenza annuale o fino al termine delle attività didattiche (ai sensi dell art. 4, commi 1 e 2 della L n. 124) presso l istituzione ove svolgono l incarico secondo quanto previsto dall art. 15, comma 13, del DM 249/2010. Il comma citato prevede la stipula di convenzioni tra Università e l istituzione ove si presti il servizio, anche se non accreditata, in modo da consentire lo svolgimento del tirocinio senza interruzione dell attività di servizio in essere. Il positivo accoglimento della domanda del tirocinante è subordinato chiaramente alla disponibilità di tutor dei tirocinanti presso l istituzione sede di servizio (art. 6 del D.M. 93/2012). - Per quanto riguarda il tirocinio fuori Regione si fa riferimento alla circolare ministeriale, prot del 30 gennaio u.s. che testualmente recita nel caso in cui un candidato, iscritto al TFA in una regione, svolga il proprio servizio, con termine del contratto al 31 agosto o al 30 giugno, in altra regione, è opportuno, al fine di facilitare la frequenza delle attività di tirocinio, che lo stesso possa effettuarle presso la sede di servizio, qualora possibile, ovvero presso una istituzione scolastica viciniore. - Nel caso in cui vi sia la documentata impossibilità di svolgere l intera attività di tirocinio presso alcune istituzioni scolastiche, in ragione dell assenza dell insegnamento previsto con particolare riferimento alle classi di concorso relative alle lingue straniere: arabo, cinese, giapponese, portoghese e russo sono individuate altre istituzioni formative presso le quali, su autorizzazione dell USRV, svolgere la parte disciplinare dell attività di tirocinio Il Progetto formativo All avvio dell attività di tirocinio lo studente dovrà compilare, assieme al tutor coordinatore assegnatogli, l apposito progetto formativo. Tale documento ha la funzione di individuare gli obiettivi del tirocinio diretto e indiretto e di indicare gli obblighi del tirocinante rispetto l Ateneo e l istituto scolastico accogliente. Nel progetto formativo vanno inserite anche i dati anagrafici del tirocinante, il nome e la sede della scuola dove verrà svolta l attività di tirocinio diretto e i nominativi del tutor accogliente e del tutor coordinatore. Infine, nel documento sono indicati i riferimenti assicurativi e il periodo indicativo nel quale si svolgerà il tirocinio Il progetto formativo va redatto in tre copie, da consegnare rispettivamente all Ateneo, alla scuola accogliente e al tirocinante. Sarà cura del tutor coordinatore, in collaborazione con il tirocinante e il tutor accogliente, compilare e sottoscrivere il progetto formativo. Non appena possibile il tirocinante consegnerà una delle tre copie alla segreteria dell istituto scolastico ospitante, mentre la copia per l Ateneo verrà consegnata agli uffici preposti direttamente dal tutor coordinatore. Per i corsisti afferenti a classi accorpate, qualora il tirocinio si svolga presso due istituzioni scolastiche, la documentazione andrà prodotta in quadruplice copia. 8

10 Il registro presenze Al tutor accogliente spetterà, altresì, la registrazione delle presenze. A tal fine è previsto un apposito registro presenze, da tenersi in due copie: una tenuta dal tutor accogliente, che provvederà ad elencare e a sottoscrivere le attività che verranno svolte, e una seconda copia consegnata al tirocinante ai fini dell attestazione delle attività svolte. Qualora gli istituti accoglienti e di conseguenza i tutor siano due, il corsista dovrà comunicare l informazione alla segreteria didattica del TFA La check-list di valutazione Al termine del percorso di tirocinio diretto il tutor accogliente dovrà compilare una breve check-list, che avrà lo scopo di valutare l attività del tirocinante all interno dell Istituto. Si ricorda che anche le attività di tirocinio diretto, per la parte di competenza, verranno monitorate e supervisionate dal tutor coordinatore Attività extra curriculari (alcune precisazioni) Ufficialmente l avvio del tirocinio diretto sarà fatto coincidere con il 1 marzo. Nel caso in cui non sia possibile evadere il monte ore richiesto per le attività extracurriculari con la partecipazione ad attività tenutesi a partire da suddetta data, potranno essere certificate tutte le attività che abbiano previsto la partecipazione diretta alla vita scolastica e che si siano svolte a partire dal 16 gennaio Si specifica che, qualora invece il monte ore evaso per le attività extracurriculari superi quello richiesto, le ore eccedenti non verranno conteggiate o riconosciute in alcun modo. Tali attività, regolarmente riportate nel registro presenze, dovranno essere anche certificate dal Dirigente Scolastico tramite attestazione su carta intestata della scuola. Tali attestazioni andranno poi allegate al registro presenze tenuto dal tutor accogliente. All interno di tale categoria possono rientrare tutte le attività che abbiano previsto la partecipazione diretta alla vita scolastica e/o cui si abbia partecipato insieme al proprio tutor accogliente. All interno di tale categoria rientrano, ad esempio: - i consigli di classe, di istituto ed altri organi collegiali; - i ricevimenti dei genitori; - i viaggi di istruzione (nella misura di 8 ore per giorno); - le attività di stage che richiedano la supervisione del docente (tutor accogliente). Non rientrano in questa categoria le assemblee degli studenti. 9

11 DOMANDE FREQUENTI - Come va compilato il registro presenze? I numeri riportati nella colonna Giorno stanno ad indicare il numero di occasioni in cui il corsista evada una o più ore di tirocinio diretto: accanto a ciascun numero va indicata, secondo la legenda sotto riportata, una specifica lettera: - C = ore di osservazione o di didattica frontale in classe; - S = ore di attività extracurriculari; - AI. = ore di attività individuale. Nella colonna Data va indicata la data in cui il corsista evade le ore indicate nella riga di riferimento; Nella colonna N. Ore va indicata l ora di inizio e l ora di fine dell attività registrata; Nelle restanti due colonne il tutor accogliente ed il tirocinante dovranno apporre le proprie firme. - Come vanno indicate le attività svolte dall 11 febbraio al 1 marzo? Tali attività dovranno essere riportate nel registro presenze, classificate con la lettera S e certificate dal Dirigente Scolastico tramite attestazione su carta intestata della scuola da allegare al registro presenze tenuto dal tutor accogliente. - Le attività del tirocinio indiretto vanno inserite nel registro del tirocinio diretto? No, la frequenza al tirocinio indiretto viene certificata dai tutor coordinatori attraverso gli appositi fogli firma e attraverso altri strumenti studiati ad hoc dagli stessi. - 10

12 1.3. Il tirocinio indiretto Il tirocinio indiretto, successivamente alla fase di riconoscimento crediti per coloro che hanno maturato giorni di servizio in misura pari o superiore a 360, presenta un monte ore diversificato che convenzionalmente è stato rappresentato nei tre casi proposti di seguito: Tab.3 Differenziazione del monte ore successivamente al riconoscimento CFU per giorni di servizio CASO 1 CASO 2 CASO 3 Corsisti che NON hanno diritto a riconoscimento CFU per giorni di servizio. Corsisti che hanno diritto al riconoscimento di 13 CFU per giorni di servizio Corsisti che hanno diritto al riconoscimento di 13 CFU per giorni di servizio + 3 CFU di Didattica dei Bisogni Educativi Speciali)(75h) MONTE ORE: 365 h (inclusi 3 cfu Didattica dei Bisogni Educativi Speciali) Esonero completo da tirocinio indiretto ad eccezione dei 3 CFU dedicati ai BES Esonero totale da tirocinio indiretto inclusi i 3 CFU dedidati ai BES L identificazione di suddette tipologie, ha imposto una personalizzazione delle attività funzionale al monte ore rimanente per i tre diversi gruppi. La macroprogettazione è proposta nella tabella 4. Tab.4 Personalizzazione delle attività di Tirocinio indiretto CASO 1 (365h) CASO 2 (75h) CASO 3 (0h) 1.6 CFU (40h) Lezioni laboratoriali in presenza (8 incontri) NESSUNA ATTIVITA NESSUNA ATTIVITA 3 CFU (75h) a. Incontro seminariale tema BES; b. Attività individuale (tesina, studio caso, sul tema della disabilità); Previsto supporto online 3 CFU (75h) a. Incontro seminariale tema BES; b. Attività individuale (tesina, studio caso, sul tema della disabilità); Previsto supporto online NESSUNA ATTIVITA 4 CFU (100h) a. attività didattiche integrative b. laboratori online (4 settimane di attività online da 25h) 6 CFU (150h) Project work tematico / diario di bordo. (5 settimane di attività online da 25h) Previsto supporto online NESSUNA ATTIVITA NESSUNA ATTIVITA NESSUNA ATTIVITA NESSUNA ATTIVITA Le attività del Tirocinio indiretto 1. Lezioni laboratoriali in presenza (1.6 CFU): le 40 ore di presenza relative alle attività di tirocinio indiretto, interessano unicamente i corsisti afferenti al CASO 1 e si concretizzano indicativamente in incontri mensili della durata di 5 h ciascuno (40h totali) da distribuire nei mesi di aprile, maggio ed eventualmente giugno. Gli incontri saranno coordinati per ciascuna classe dai tutor coordinatori e prevedranno attività di orientamento al tirocinio / laboratori di 11

13 approfondimento tematico / guida alle attività di osservazione in classe / orientamento ai processi di valutazione / redazione e/o revisione del progetto di tirocinio/ supporto e criteri guida per la valutazione finale ecc. 2. Attività rivolte all integrazione scolastica degli alunni disabili (3CFU 75h): la partecipazione all incontro seminariale sul tema dei Bisogni Educativi Speciali e la produzione di un elaborato sul tema della disabilità interessa sia il CASO 1 che il CASO 2. La tesina può fare riferimento ad una riflessione sul tema o ad uno studio di caso specifico. Attraverso queste attività i corsisti che rientrano nel CASO 2 esauriscono le ore di tirocinio indiretto. 3. Attività didattiche integrative/laboratori online/ (4CFU 100h): questo gruppo di attività interessa unicamente i corsisti afferenti al CASO 1 e può essere evaso attraverso la frequenza di 4 laboratori online da 25 h ciascuno, oppure, qualora il corsista lo desideri, certificando la partecipazione a convegni, seminari ecc. In tabella 5 vengono descritte caratteristiche e modalità di certificazione delle attività didattiche integrative. Il calendario dei laboratori online afferenti a questo gruppo di attività, invece, verranno comunicati assieme ai calendari. NB. Considerando che la valenza di una settimana online è di 25 h. e soprattutto per garantire al tutor una gestione sostenibile dei vari casi, qualora il monte ore svolto dallo studente attraverso attività didattiche integrative non fosse perfettamente suddivisibile per 25, le ore rimanenti saranno arrotondate per eccesso se maggiori e/o uguali a 13, altrimenti arrotondate per difetto e non conteggiate. Tab.5 Attività didattiche integrative ATTIVITA DIDATTICHE INTEGRATIVE - Possono essere svolte per un massimo di 100h unicamente dai corsisti che rientrano nel CASO 1; - La possibilità di evadere una parte o la totalità del monte ore attraverso la partecipazione a questa attività è a discrezione del corsista, pertanto, se non viene ritenuto utile e/o di interesse nessuno obbliga i corsisti ad aderire a questa possibilità e, in alternativa, si possono frequentare i 4 laboratori online gestiti dai tutor coordinatori; - Le proposte di iniziative vanno comunicate, approvate e certificate; - Non possono in alcun modo essere riconosciute attività, corsi, partecipazione a convegni ecc. svolte precedentemente all avvio del TFA; - Possono, invece, essere riconosciute retroattivamente attività, quali partecipazione a seminari, convegni, corsi ecc., svolte nel periodo di competenza del TFA, ovvero a partire dal 16/01/2015; - Le attività didattiche integrative svolte vanno comunicate, opportunamente documentate al proprio tutor coordinatore, in modo che lo stesso, possa registrare le ore evase e programmare con il corsista il piano rimanente di attività da svolgere. - La data limite per partecipare ad attività didattiche integrative e per veder riconosciute le stesse è fissata al 10 giungo La partecipazione a convegni e/o altri eventi, programmati successivamente a questa 12

14 data non sarà valutata - Qualora le iniziative dovessero coincidere con i giorni di lezione, non sarà possibile giustificare l assenza, che potrà comunque rientrare nel 30% garantito; 4. Project work tematico /Diario di bordo: questa attività, obbligatoria per i corsisti afferenti al CASO 1 e facoltativa per tutti gli altri corsisti, è finalizzata ad una riflessione ragionata in vista della produzione dell elaborato finale e si articolerà in 5 settimane di attività online rivolte a promuovere una sperimentazione attiva di quanto appreso/discusso nel percorso formativo. La relazione finale di tirocinio rappresenta il prodotto finale della fase di project work: contiene riflessioni riguardo problematiche organizzative, operative, relazionali presenti nei contesti formativi/didattici esperiti, facendo emergere le capacità di analisi critica, interpretazione e collegamento tra aspetti teorici e operativi. Questo spazio virtuale, come forum di discussione e cantiere aperto riguardo l esperienza di tirocinio, viene reso disponibile per la condivisione di riflessioni, materiali e prodotti e può accogliere contributi e domande di tutti i corsisti, in quanto partecipanti learning community. Quindi, anche se è un' attività prevista nel percorso dei corsisti del caso 1, è aperto alle domande e ai contributi di tutti (casi 2 e 3) Compilazione del Portfolio Il portfolio è un attività che coinvolge tutti i corsisti iscritti al TFA. La sua compilazione è importante perché grazie ad una struttura semplice e flessibile da implementare consente di ottenere un importante oggetto di valutazione del percorso di tirocinio di ciascuno. Il portfolio si compone di tre parti principali biografia, passaporto e dossier che tutti i corsisti prepareranno secondo le modalità e le tempistiche concordate con i propri tutor coordinatori. Tempi e modalità di compilazione del portfolio verranno comunicati a ciascuna classe dal proprio tutor coordinatore di riferimento Note finali relative al tirocinio indiretto (leggere con attenzione) A prescindere dagli esoneri riconosciuti ai vari casi, tutti i corsisti - anche quelli appartenenti ai gruppi 2 e 3 - dovranno garantire la frequenza di almeno uno degli 8 incontri laboratoriali in presenza, in modo da incontrare il proprio tutor coordinatore e da definire con lui gli aspetti di natura organizzativa legati all avvio del tirocinio diretto. 13

15 E altresì inteso che tutti i corsisti possono continuare a mantenere i contatti con il proprio tutor coordinatore, attraverso l accesso agli ambienti online dedicati e seguendo le indicazioni che egli stesso comunicherà ai suoi studenti. Gli esoneri, infatti, non precludono in alcun modo la frequenza delle varie attività programmate sia online che in presenza. In presenza di esoneri è in ogni caso opportuno informare il proprio tutor coordinatore di riferimento qualora si intenda frequentare comunque le attività programmate. Tutti i corsisti che hanno esaurito il monte ore di TI, saranno in ogni caso seguiti dai tutor coordinatori nella produzione della relazione finale e potranno facoltativamente prendere parte ai vari incontri programmati in presenza per il CASO Gestione delle assenze nelle fasi di tirocinio diretto e indiretto e obblighi di frequenza Per quanto riguarda le assenze, il DM 249/10 prevede che le stesse siano consentite fino ad un massimo del 20% del monte ore totale e che vadano preventivamente comunicate al tutor coordinatore e, nel caso del tirocinio diretto, anche al tutor accogliente. In ogni caso, per garantire la valenza formativa del tirocinio, sarà obbligatorio frequentare almeno 30 ore di attività di tirocinio diretto in aula (15 di attività osservativa e 15 di didattica), nonché l incontro seminariale sul tema della disabilità nei due casi previsti. Il 20% di assenze va calibrato sul monte ore che i tirocinanti devono frequentare, perciò sarà differenziato a seconda che il corsista ricada all'interno del caso 1, 2 o 3. Caso 1-95h di assenza distribuibili tra tirocinio diretto e indiretto. Caso 2-37h di assenza distribuibili interamente nelle attività di tirocinio diretto e indiretto. Caso 3-22h di assenza distribuibili interamente nelle attività di tirocinio diretto. 3. Gestione della documentazione Al termine del periodo di tirocinio diretto il tirocinante dovrà consegnare al proprio tutor coordinatore il registro presenze e la check list compilata dal tutor accogliente. Attraverso il registro presenze il tutor coordinatore verificherà l'effettiva frequenza di 30 o 60 ore complessive di attività in aula (tra osservazione e didattica), le eventuali assenze per quanto riguarda le altre attività di tirocinio 14

16 diretto e il percorso formativo svolto all interno della scuola. La check list, invece, servirà al tutor coordinatore per valutare l'attività di tirocinio diretto svolta dal tirocinante, ai fini della valutazione complessiva delle attività di tirocinio. 15

T.F.A. LINEE GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DI CREDITI FORMATIVI

T.F.A. LINEE GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DI CREDITI FORMATIVI UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA T.F.A. LINEE GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DI CREDITI FORMATIVI Ai partecipanti al TFA possono essere riconosciuti cfu, utili per l assolvimento delle attività formative

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO

Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO Scuola ARCHITETTURA E DESIGN Eduardo Vittoria REGOLAMENTO del Corso di Laurea in SCIENZE DELL ARCHITETTURA (Classe L - 17 ) Anno Accademico di istituzione: 2008-2009 Art. 1. Organizzazione del corso di

Dettagli

(*) Ore dedicate alla rielaborazione dell'esperienza anche su piattaforma on-line.

(*) Ore dedicate alla rielaborazione dell'esperienza anche su piattaforma on-line. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Alessandro Manzoni Via delle Rimembranze, 34/36 20088 Rosate (Mi) Tel.0290848867 fax 0290870732 e-mail: miic87600l@istruzione.it

Dettagli

MPSI LAUREE MAGISTRALI in PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE INTERNO

MPSI LAUREE MAGISTRALI in PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE INTERNO MPSI LAUREE MAGISTRALI in PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE INTERNO A.A. 2015/2016 INDICE 1. Tirocinio curriculare MPSI... 3 1.1 Tirocinio curriculare esterno... 3 1.2 Tirocinio curriculare

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

LINEE GUIDA DIDATTICO AMMINISTRATIVE - RICONOSCIMENTO CREDITI PREGRESSI TFA 2014/15

LINEE GUIDA DIDATTICO AMMINISTRATIVE - RICONOSCIMENTO CREDITI PREGRESSI TFA 2014/15 LINEE GUIDA DIDATTICO AMMINISTRATIVE - RICONOSCIMENTO CREDITI PREGRESSI TFA 2014/15 1) TIROCINIO SCOLASTICO Ai sensi del d.m. n. 249 del 2010 il tirocinio ha un valore pari a 19 crediti formativi universitari

Dettagli

1) ARTICOLAZIONE E CALENDARIO DEL MASTERCLASS DEAL

1) ARTICOLAZIONE E CALENDARIO DEL MASTERCLASS DEAL Gruppo di Ricerca DEAL, Università Ca Foscari Venezia con il patrocinio e la collaborazione dell Associazione Italiana Dislessia MASTERCLASS DEAL (Dislessia Evolutiva e Apprendimento delle Lingue) Edizione

Dettagli

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 NOVEMBRE 2015 PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 A CURA DI SALVATORE PAPPALARDO Come anticipato nella legge 107 al comma 118 il 27 ottobre 2015 è stato pubblicato il decreto ministeriale

Dettagli

Linee guida per l espletamento delle attività di tirocinio

Linee guida per l espletamento delle attività di tirocinio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI Corso di Laurea Specialistica in Traduzione Letteraria (corso ad esaurimento) Corso di Laurea Magistrale in Traduzione specialistica dei testi

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento delle attività formative di tipo F del Corso di Studio Magistrale c. u. in Architettura Classe LM 4 a.a.

Regolamento per il riconoscimento delle attività formative di tipo F del Corso di Studio Magistrale c. u. in Architettura Classe LM 4 a.a. ALLEGATO 2 Regolamento per il riconoscimento delle attività formative di tipo F del Corso di Studio Magistrale c. u. in Architettura Classe LM 4 a.a. 2014 15 Regolamento didattico del Corso di Studio in

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 UNIVERSITA DEGLI STUDI G. d ANNUNZIO - FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI 1 Art. 1 - Riconoscimento dei crediti universitari. Art. 2 - Competenza. 1 ART. 23 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

Prot. n. 2050 B/9 Pesaro, 28/04/2014 AVVISO PUBBLICO

Prot. n. 2050 B/9 Pesaro, 28/04/2014 AVVISO PUBBLICO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE «G.GALILEI» Via della Concordia, 92 61100-PESARO-tel.0721/283030 fax 0721/450756 - e-mail: info@icsgalilei.it www.icsgalilei.it Prot. n. 2050 B/9 Pesaro, 28/04/2014 AVVISO

Dettagli

Scuola di Giurisprudenza

Scuola di Giurisprudenza Scuola di Giurisprudenza PARTE NORMATIVA DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA - sede di Bologna ART. 1 REQUISITI PER L'ACCESSO AL CORSO Per essere ammesso

Dettagli

REGOLAMENTO DEI VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DEI VIAGGI DI ISTRUZIONE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE M A C E D O N I O M E L L O N I Viale Maria Luigia, 9/a 43125 Parma Tel 0521.282239 Fax 0521.200567 ssmellon@scuole.pr.it www.itcmelloni.it ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO

INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO INDICAZIONI PER IL CONSIGLIO DI CLASSE E L'INSEGNANTE DI SOSTEGNO SCOPO Definire le attività, le responsabilità, le modalità, i tempi, la documentazione alla quale i docenti di sostegno devono attenersi.

Dettagli

NORME GENERALI IN MATERIA DI TIROCINIO E ATTIVITÀ FORMATIVE E PROFESSIONALI SOSTITUTIVE DEL TIROCINIO

NORME GENERALI IN MATERIA DI TIROCINIO E ATTIVITÀ FORMATIVE E PROFESSIONALI SOSTITUTIVE DEL TIROCINIO NORME GENERALI IN MATERIA DI TIROCINIO E ATTIVITÀ FORMATIVE E PROFESSIONALI SOSTITUTIVE DEL TIROCINIO Approvate dal Consiglio di Facoltà in data 28 febbraio 2012 Modificate dal Consiglio di Dipartimento

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti relativi alle Altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti relativi alle Altre attività UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI Corso di Laurea in Lingue e comunicazione Corso di Laurea Magistrale in Lingue moderne per la Comunicazione e la Cooperazione internazionale

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Sede U.C.S.C. Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE

Dettagli

Si richiamano i punti salienti del D.M. n. 850 del 27/10/2015, in allegato alla presente comunicazione:

Si richiamano i punti salienti del D.M. n. 850 del 27/10/2015, in allegato alla presente comunicazione: Magenta, 10.11.2015 Circ. n. 58 Al personale docente in anno di formazione in servizio presso l ICS Via S. Caterina Ai docenti con funzione di tutori neo - assunti Oggetto: indicazioni su attività di formazione

Dettagli

L'obbligo formativo aggiuntivo assegnato si intende superato con il superamento dell'esame di Matematica generale.

L'obbligo formativo aggiuntivo assegnato si intende superato con il superamento dell'esame di Matematica generale. SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Regolamento di MANAGEMENT E MARKETING - Parte normativa- Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti di accesso Per essere ammessi al corso di laurea è

Dettagli

Vademecum per i tirocini

Vademecum per i tirocini Vademecum per i tirocini CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN SCIENZE PEDAGOGICHE Approvato dal Consiglio di Dipartimento del 19 maggio 2015 PRESENTAZIONE E

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale ALLEGATO N. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca NOTE OPERATIVE SULL ISTRUZIONE DOMICILIARE Come noto il servizio d Istruzione Domiciliare continua ad essere regolato dal Vademecum

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: DAMS - DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO Testo: LAUREA IN DAMS Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo CLASSE L- 3 REGOLAMENTO

Dettagli

IIS GIULIO COMUNICATI INTERNI AI DOCENTI COMUNICATO N. 240

IIS GIULIO COMUNICATI INTERNI AI DOCENTI COMUNICATO N. 240 Documentazione SGQ IIS GIULIO Rev. 1 del 19/11/2010 COMUNICATI INTERNI SALA DOCENTI SEDE SALA DOCENTI JUVARRA SERALE CTP AI DOCENTI COMUNICATO N. 240 In riferimento alla circolare regionale n. 68 del 26/02/2013

Dettagli

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE

Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Corso di laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE A.A. 2014/2015 Anno Accademico 2014/2015 I ANNO II ANNO III ANNO E2401P - Scienze e tecniche psicologiche (Classe L-24 D.M. 270/2004) Attivato Attivato

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale - Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale - Ufficio VI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale - Ufficio VI Formazione del Personale Scolastico e Innovazione Tecnologica nelle

Dettagli

MASTERCLASS DEAL. (Dislessia Evolutiva e Apprendimento delle Lingue) V Edizione 2015. Gruppo di Ricerca DEAL, Università Ca Foscari Venezia

MASTERCLASS DEAL. (Dislessia Evolutiva e Apprendimento delle Lingue) V Edizione 2015. Gruppo di Ricerca DEAL, Università Ca Foscari Venezia Gruppo di Ricerca DEAL, Università Ca Foscari Venezia patrocinato da Associazione Italiana Dislessia Associazione Nazionale degli Insegnanti di Lingue Straniere MASTERCLASS DEAL (Dislessia Evolutiva e

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative

Articolo 1 Definizioni e finalità. Articolo 2 Attività formative Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree in INGEGNERIA CIVILE ED AMBIENTALE Ingegneria Civile ed Ambientale L8 - Classe delle Lauree

Dettagli

Scuola di Formazione in Psicoterapia Transpersonale

Scuola di Formazione in Psicoterapia Transpersonale Scuola di Formazione in Psicoterapia Transpersonale Condizioni generali del contratto (allegato 2) Art. 1 - Domanda Possono iscriversi alla Scuola di Formazione in Psicoterapia Transpersonale (di seguito

Dettagli

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame PREMESSA Il documento ha lo scopo di definire e regolamentare le procedure connesse con la prenotazione degli esami on line in fase di prima applicazione.

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI TFA II CICLO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI TFA II CICLO VADEMECUM NORMATIVO PER L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI TFA II CICLO Prova scritta Art.6 D.M.312/2014 comma 2 DISPOSIZIONI NORMATIVE E MINISTERIALI Le prove di accesso vertono sui programmi disciplinari

Dettagli

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI Allegato L-14/5 al Regolamento del Corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici per l'impresa, le organizzazioni pubbliche ed il lavoro (art. 11, comma 4 e 12, comma 4) ( i ) LINGUA INGLESE, ALTRE

Dettagli

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato Art. 1 Modalità assunzione personale docente 1. L assunzione del personale docente a

Dettagli

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 Presentazione dei tirocini Nel Corso di Studi in Scienze

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Area Didattica e Orientamento Facoltà di Studi Umanistici Ufficio Tirocini

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Area Didattica e Orientamento Facoltà di Studi Umanistici Ufficio Tirocini UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Area Didattica e Orientamento Facoltà di Studi Umanistici Ufficio Tirocini Corsi di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche Corso di Laurea Specialistica in Psicologia

Dettagli

Selezione pubblica per l individuazione di FORMATORI/TUTOR

Selezione pubblica per l individuazione di FORMATORI/TUTOR Selezione pubblica per l individuazione di FORMATORI/TUTOR preposti alla formazione del personale docente per il Piano di formazione per lo sviluppo delle competenze linguistico - comunicative e metodologico

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON LIVELLO LINGUISTICO INFERIORE AL B1

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON LIVELLO LINGUISTICO INFERIORE AL B1 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI CON LIVELLO LINGUISTICO INFERIORE AL B1 Indice Finalità e Soggetti pag. 2 La Commissione Intercultura pag. 2 Normativa di riferimento pag. 2 Fasi dell accoglienza

Dettagli

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale REGOLAMENTO PER I TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO E GLI STAGE (approvato nella seduta 9 luglio 2013) Art. 1 Scopo Il presente

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

Presidio di riabilitazione funzionale ex art. 26 L. 833/78 Struttura Privata Accreditata e Convenzionata con il S.S.R.

Presidio di riabilitazione funzionale ex art. 26 L. 833/78 Struttura Privata Accreditata e Convenzionata con il S.S.R. Presidio di riabilitazione funzionale ex art. 26 L. 833/78 Struttura Privata Accreditata e Convenzionata con il S.S.R. Regolamento Art. 1 - Finalità del Corso Il Corso di Specializzazione in Psicoterapia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PRE-LAUREA. per gli studenti delle Classi L-24 e LM-51 (ex XXXIV e 58/S)

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PRE-LAUREA. per gli studenti delle Classi L-24 e LM-51 (ex XXXIV e 58/S) REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO PRE-LAUREA per gli studenti delle Classi L-24 e LM-51 (ex XXXIV e 58/S) Approvato dal Consiglio di Corso di Studio il 27 gennaio 2015 Indice 1. DEFINIZIONE

Dettagli

I requisiti di ammissibilità alla selezione sono i seguenti:

I requisiti di ammissibilità alla selezione sono i seguenti: MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI GUIDA PER LO STUDENTE

Dettagli

8477 - EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) (L)

8477 - EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) (L) Page 1 of 6 Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 MEDICINA E CHIRURGIA 8477 - EDUCAZIONE PROFESSIONALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI EDUCATORE PROFESSIONALE) (L) Titolo: EDUCAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI TIROCINI

REGOLAMENTO DEI TIROCINI 1 REGOLAMENTO DEI TIROCINI Consiglio di Facoltà 09/01/2007 Allegato n. SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA REGOLAMENTO DEI TIROCINI 1. Il Tirocinio è considerato attività didattica del corso di Laurea in

Dettagli

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (Legge 19/11/1990 n. 341 art. 6, co. 2, lett. C ) in NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO (500 ore 20 Crediti Formativi Universitari) Anno

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Afragola, 29/04/2015 prot.2185/a7 IL DIRIGENTE SCOLASTICO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con cui è stato approvato il testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione;

Dettagli

TFA - Tirocinio Formativo Attivo VADEMECUM PROVA FINALE a.a. 2014/2015

TFA - Tirocinio Formativo Attivo VADEMECUM PROVA FINALE a.a. 2014/2015 TFA - Tirocinio Formativo Attivo VADEMECUM PROVA FINALE a.a. 2014/2015 SOMMARIO 1. SCADENZE 2 2. CARATTERISTICHE DELLA PROVA D ESAME FINALE 2 3. SCELTA ED ASSEGNAZIONE DEL RELATORE 2 4. CARATTERISTICHE

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA

IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA Master Universitario annuale di II livello in IL DIRIGENTE SCOLASTICO NELLA SCUOLA DELL AUTONOMIA (1.500 ore 60 Crediti Formativi Universitari) Anno Accademico 2014/2015 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI * SCHEDE * LA STRUTTURA DEI NUOVI PERCORSI FORMATIVI L avvio dei nuovi percorsi è previsto per l anno accademico 2011/2012. I PERCORSI DI STUDIO PER

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI STUDI UMANISTICI Corso di Laurea in Lingue e culture europee ed extraeuropee Corso di Laurea in Lingue per la Mediazione Linguistica (corsi ad esaurimento)

Dettagli

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE INDIVIDUALE ( 1 )

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE INDIVIDUALE ( 1 ) MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE INDIVIDUALE ( 1 ) Il Liceo favorisce la frequenza scolastica degli studenti in Istituti esteri per periodi brevi, lunghi o corrispondenti alla durata dell anno scolastico,

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

DECRETA. ART. 1 (Posti a concorso) ART. 2 (Compiti e funzione dei distaccati)

DECRETA. ART. 1 (Posti a concorso) ART. 2 (Compiti e funzione dei distaccati) c) BANDO DI CONCORSO PER IL RECLUTAMENTO DI N. 6 DOCENTI IN POSIZIONE DI SEMIESONERO, DI CUI DUE UNITA IN SERVIZIO PRESSO LA SCUOLA MATERNA E QUATTRO UNITA IN SERVIZIO PRESSO LA SCUOLA ELEMENTARE, DA UTILIZZARE

Dettagli

L UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA

L UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA L UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA in CONVENZIONE CON L IPSEF SRL Ente accreditato al MIUR per la formazione al personale della scuola istituisce ed attiva il Corso di Perfezionamento

Dettagli

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE

Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE DIRETTORE Prot. A/2 2309 Firenze, 18 maggio 2016 IL DIRETTORE VISTO VISTA CONSIDERATO CONSIDERATO VISTA RITENUTA l Art. 3, comma 8 del D.M. 509/99 attraverso il quale le Università possono attivare, disciplinandoli

Dettagli

REGOLAMENTO DI TIROCINIO (DM 270/2004) Corso di Laurea in Infermieristica

REGOLAMENTO DI TIROCINIO (DM 270/2004) Corso di Laurea in Infermieristica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica REGOLAMENTO DI TIROCINIO (DM 270/2004) Corso di Laurea in Infermieristica 1. Finalità Il tirocinio del Corso di

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO

Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO REGOLAMENTO del Corso di Laurea magistrale a ciclo Unico in Giurisprudenza ( Classe LMG /01 ) Anno Accademico di istituzione: 2006/2007 Art. 1. Organizzazione del corso di studio 1. È istituito presso

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Regolamento didattico dei corsi di laurea magistrale in LM-23 - Classe delle Lauree Magistrali in INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Civile LM -27 Classe delle Lauree

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj 81,9(56,7 '(*/,678',',02'(1$(5(**,2(0,/,$ )$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ 5(*2/$0(172','$77,&2'(/&2562',/$85($,1,*,(1('(17$/( &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Vademecum dell Insegnante di Sostegno

Vademecum dell Insegnante di Sostegno Fermo, li 14.04.2014 Prot.n. 3189/A36 ISTITUTO COMPRENSIVO DA VINCI -UNGARETTI SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA 1 GRADO Sede Operativa del Centro Territoriale Permanente Educazione Adulti per l Obbligo

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce Premessa (SCAMBI EDUCATIVI INDIVIDUALI) ESPERIENZE EDUCATIVE ALL ESTERO Le norme che regolano le Esperienze educative all Estero (gli scambi scolastici) sono poche e, in ogni caso, la premessa da tener

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015

LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015 LINEE GUIDA PER ESAME FINALE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO, A.A. 2014-2015 ATTENZIONE: le informazioni riportate nel presente documento potranno essere oggetto di successive integrazioni. Date esami finali:

Dettagli

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 Art. 1 Attivazione Presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali per l A.A. 2014/2015 è attivato, in conformità a quanto

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana. Direzione Generale

CONVENZIONE QUADRO. tra. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana. Direzione Generale CONVENZIONE QUADRO tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e il Consiglio Regionale della Toscana L', P.I. 80022410486, con sede legale in Firenze, via Mannelli n. 113, rappresentato

Dettagli

Art. 1. Descrizione della formazione e delle prestazioni inerenti la figura professionale oggetto della selezione

Art. 1. Descrizione della formazione e delle prestazioni inerenti la figura professionale oggetto della selezione Selezione pubblica per l individuazione di TUTOR preposti alla formazione del personale docente Pon Educazione scientifica a.s. 2009-2010 Firenze, 23 Giugno 2009 Decreto n. 132 Il Direttore Generale Vista

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia. Corso di Laurea in Scienze Economiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia. Corso di Laurea in Scienze Economiche UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Dipartimento di Giurisprudenza ed Economia Corso di Laurea in Scienze Economiche Regolamento per lo svolgimento di Tirocini di formazione e orientamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER I TIROCINI PER LA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (34) E DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN PSICOLOGIA (58)

REGOLAMENTO PER I TIROCINI PER LA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (34) E DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN PSICOLOGIA (58) REGOLAMENTO PER I TIROCINI PER LA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (34) E DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN PSICOLOGIA (58) Art. 1 Definizione Il tirocinio è un periodo di formazione

Dettagli

Prot. n. 11053/C14a Udine, 24.10.2015

Prot. n. 11053/C14a Udine, 24.10.2015 Prot. n. 11053/C14a Udine, 24.10.2015 All Albo dell Istituto Sito dell Istituto Oggetto: AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI FORMATORI/TUTOR DA IMPIEGARE NEI CORSI CLIL per docenti di scuola secondaria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CLASSE DELLE LAUREE IN SERVIZIO SOCIALE L-39 Ai sensi del D.M. 270/2004 (Social Service) A.A. 2014/2015 TITOLO

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Testo: LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - CLASSE L- 20 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI STAGE

REGOLAMENTO PER GLI STAGE REGOLAMENTO PER GLI STAGE emanato con D.R. n. 5146 del 2000, successivamente modificato con D.R. n. 9 del 16 gennaio 2007 e D.R. n. 198 del 29 novembre 2011 1/5 ART. 1 Ambito di applicazione 1.1 Il presente

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE INSEGNANTI DI SOSTEGNO

ISTRUZIONI PER LE INSEGNANTI DI SOSTEGNO Pag 1/5 INCONTRI DI INIZIO ANNO SCOLASTICO Al più presto il docente di sostegno, non appena assegnato a nuovi casi, dovrà curare alcuni incontri: Con il gruppo docente dell anno precedente Con i genitori

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

ATTIVAZIONE DEI PERCORSI ABILITANTI SPECIALI

ATTIVAZIONE DEI PERCORSI ABILITANTI SPECIALI ATTIVAZIONE DEI PERCORSI ABILITANTI SPECIALI DDG n. 58/2013 pubblicato sulla G.U. del 30 luglio 2013 TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Dal 30 luglio al 29 agosto 2013 Esclusivamente on line con Polis

Dettagli

Regolamento della Prova Finale di Laurea Magistrale

Regolamento della Prova Finale di Laurea Magistrale Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Regolamento della Prova Finale di Laurea Magistrale (Approvato CdF 13-6-2012) 1. Elaborazione della tesi e presentazione del titolo 1.1 La prova

Dettagli

REGOLAMENTO RICONOSCIMENTO CREDITI E DEBITI Istituto Superiore di Studi Musicali L.Boccherini (approvato dal Consiglio Accademico in data 30/05/2011)

REGOLAMENTO RICONOSCIMENTO CREDITI E DEBITI Istituto Superiore di Studi Musicali L.Boccherini (approvato dal Consiglio Accademico in data 30/05/2011) REGOLAMENTO RICONOSCIMENTO CREDITI E DEBITI Istituto Superiore di Studi Musicali L.Boccherini (approvato dal Consiglio Accademico in data 30/05/2011) Riconoscimento crediti per attività formative e artistiche

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli. Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli. Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Manifesto degli studi Anno Accademico 2014-2015 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE INFERMIERISTICHE

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA «NICCOLÒ PICCINNI» Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

CONSERVATORIO DI MUSICA «NICCOLÒ PICCINNI» Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI ORE DI DIDATTICA AGGIUNTIVA AL PERSONALE DOCENTE VISTA Il Consiglio di Amministrazione la Legge 21.12.1999, n.508; il DPR 28.02.2003, n.132;

Dettagli

REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE CORSI DI LAUREA IN: SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA

REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE CORSI DI LAUREA IN: SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE CORSI DI LAUREA IN: SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il Piano di studi dei Corsi di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche (Classe L

Dettagli

Condizioni generali del contratto formativo

Condizioni generali del contratto formativo Alta Formazione in Counseling Transpersonale Condizioni generali del contratto formativo Art. 1 - Domanda Il candidato interessato all iscrizione all Alta Formazione in Counseling Transpersonale invia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Regolamento di Ateneo per il riconoscimenti di crediti formativi universitari (CFU)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Regolamento di Ateneo per il riconoscimenti di crediti formativi universitari (CFU) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Regolamento di Ateneo per il riconoscimenti di crediti formativi universitari (CFU) Art. 1 Ambiti d applicazione In attuazione della legislazione vigente (L. 64/2001; L.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE e L-8

Dettagli