I motivi per dire no al progetto del Ponte sullo Stretto e per mettere in campo una nuova politica dei trasporti per il mezzogiorno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I motivi per dire no al progetto del Ponte sullo Stretto e per mettere in campo una nuova politica dei trasporti per il mezzogiorno"

Transcript

1 1 di 5 17/11/ I motivi per dire no al progetto del Ponte sullo Stretto e per mettere in campo una nuova politica dei trasporti per il mezzogiorno Non basta la propaganda del Governo e della Società Stretto di Messina a nascondere tutti i limiti, le lacune, le bugie del progetto preliminare e del piano finanziario presentati per dare il via libera al Ponte sullo Stretto. Perché malgrado le suggestioni il Ponte rimane un opera dannosa e inutile dietro la quale si nascondono grandi bugie: che servirà allo sviluppo economico del Sud e per un efficiente sistema dei trasporti; che il progetto è approfondito e affidabile, e che verrà realizzato con fondi privati. Tutto falso. In nessun altro Paese europeo si potrebbe mai pensare di prendere una decisione tanto importante, complessa e onerosa con il livello di superficialità e di non trasparenza ai quali stiamo assistendo per il Ponte sullo Stretto. Malgrado anni di studi e 200 miliardi di vecchie lire spesi per il progetto siamo ancora di fronte ad una elaborazione lacunosa rispetto ad aspetti essenziali e rilevanti per quella che sarebbe solo una gigantesca operazione finanziaria per le casse dello Stato; ad una cattedrale nel deserto con conseguenze irreversibili per il Mezzogiorno oltre che per l ambiente e per chi vive tra Scilla e Cariddi. 1. Il Ponte sarà pagato dallo Stato. I privati non rischieranno un Euro, mentre saranno rinviate le opere che servono al Sud. Il sistema proposto dal Governo prevede infatti che sarà la Società Stretto di Messina SPA, attraverso una nuova concessione, ad avere l incarico per la costruzione e gestione del progetto. In questo modo si potrà dire "il Ponte sarà realizzato senza contributi dello Stato". Una evidente bugia smentita dai fatti: il finanziamento dell opera sarà garantito da Fintecna - di proprietà del Ministero del Tesoro - attraverso un aumento di capitale di 2,5 miliardi di Euro (5000 miliardi di vecchie lire!) della Società Ponte sullo Stretto per coprire il 41% della spesa complessiva. In questo modo lo Stato investe 2,5 miliardi a fondo perduto che potevano essere utilizzati per opere più utili (per esempio le ferrovie siciliane, le risorse idriche, la portualità). I restanti fondi verranno chiesti al mercato nella forma di prestito, sulla base di un piano finanziario presentato dalla Società. Ma siccome non si è in grado oggi di garantire la veridicità delle proiezioni legate ai flussi di traffico, lo Stato si impegna a coprire la differenza tra quanto previsto dal piano finanziario e il ritorno di cassa (di fatto a rimborsare i privati del prestito), quindi la spesa per l opera verrà rinviata alle future generazioni e Tremonti e Lunardi, coscienti che il piano finanziario non è credibile, hanno così trovato l artificio contabile per tenere il tutto fuori dal bilancio dello Stato (per non aumentare il debito pubblico) rinviando di alcuni decenni la restituzione degli oneri sugli interessi e sull aumento dei costi.

2 2 di 5 17/11/ Nessun privato verrà coinvolto nella gestione economica e nei rischi di un opera che con gli oneri finanziari costa 6 miliardi di Euro. Il che dimostra come non fossero vere tutte le promesse sulle merchant bank private, sugli immigrati americani, sulla fila di imprenditori che non aspettavano altro. Stretto di Messina Spa, è infatti di proprietà di Fintecna e di altri soggetti pubblici (Fs, Anas, Regioni Calabria e Sicilia). Il Governo non ha potuto scegliere il modello utilizzato in opere simili per dimensione e costi (il Tunnel sotto la Manica e il Ponte sull Oresund), dove erano consorzi privati ad investire e rischiare scommettendo sulla redditività della gestione, perché l opera non è realizzabile in maniera trasparente. Da qui la necessità di aggirare le direttive europee che obbligano alla gara per l affidamento di nuove concessioni. Una gara infatti renderebbe noti i numeri dell architettura finanziaria e quindi potrebbe esserci il rischio di mandarla deserta. Altri motivi nascosti sono nel fatto che il progetto è una miniera d oro per chi lo gestisce (Stretto di Messina). Le Regioni Calabria e Sicilia, malgrado i noti problemi finanziari, nei Bilanci 2003 hanno impegnato diversi miliardi per contribuire al progetto. Il Governo dice anche che "non ci saranno finanziamenti a fondo perduto". Ma è evidente che l investimento da parte di Fintecna non avrà mai un ritorno (lo dicono gli Advisor, anche nella migliore proiezione almeno il 40% della spesa deve essere da parte dello Stato come investimento senza rientro) mentre a fondo perduto sarà la copertura del buco a consuntivo. 2. I flussi previsti sul Ponte sono sovradimensionati. I dati presentati nel progetto sui flussi risultano sovrastimati rispetto alle previsioni degli Advisor (Pricewaterhouse Cooper) realizzate per il Governo nel Una differenza che varia dal 25 al 60% in più a seconda dell anno di riferimento e dello scenario considerato. Un aspetto fondamentale questo perché alla base del piano finanziario previsto. La Società Stretto di Messina nell ammettere la differente stima dei flussi ha sostenuto che sarà "l effetto positivo provocato dalle opere della legge obiettivo e dal prolungamento dell Alta Velocità ferroviaria fino a Reggio Calabria" a fare da traino. Ma i flussi previsti dalla Società Stretto di Messina sono in controtendenza rispetto a tutti i dati di questi anni. Il Ponte non rappresenta una valida alternativa per il traffico locale, né per il traffico di lunga distanza che ha proprio negli aerei (per i passeggeri) e nelle navi (per le merci) una valida alternativa (visto che in Sicilia lo stato di strade e ferrovie rimane disastroso). Dire che sarà l Alta Velocità a ripagare l investimento appare quanto meno singolare, visto che il progetto di collegamento Reggio Calabria-Napoli ha un costo stimato da RFI in almeno 15miliardi di Euro e non è nel piano finanziario delle Ferrovie per i prossimi anni. Nella valutazione economica manca inoltre una stima credibile del fattore "traghetti": il traffico locale nello Stretto continuerebbe infatti a far uso dei traghetti (in particolare tra le due città, perché il Ponte con le rampe di accesso allunga di qualche decina di chilometri il tragitto) e già oggi il 75 % degli spostamenti avviene senza macchina (il traffico pendolare locale non otterrebbe vantaggi significativi a causa delle congestioni in ingresso ed in uscita dalle città: circa 60 minuti dal centro di Reggio Calabria al centro di Messina). Dovranno quindi essere fermati i traghetti altrimenti sarà un crack finanziario. L unica verifica fatta in questi anni sulla disponibilità a partecipare all investimento da parte di operatori privati (quella della Commissione del Ministero delle Infrastrutture coordinata da Gaetano Fontana a Settembre 2001), riportava le seguenti condizioni per un interesse finanziario nell operazione: Rischi e modifiche di costo a carico dello Stato Nessuna concorrenza da parte di traghetti e autostrade del Mare (per cui i Tir devono prendere

3 3 di 5 17/11/ il ponte e la Salerno-Reggio Calabria e non la nave). Canone fisso da parte delle FS (perché sono prevedibili pochi treni). Soldi subito, durante i cantieri e non al collaudo. Possibilità di negoziazione successiva alla gara. Le conclusioni a cui giunge il progetto presentato profilano prospettive occupazionali straordinarie quanto indimostrabili. Già nella fase di cantiere l occupazione prevista risulta quasi tre volte superiore a quanto previsto dagli advisor. Impatto occupazionale della fase di cantiere Fonte: Advisor Progetto 2003 Advisor Totale Un progetto incompleto per l opera più complessa al Mondo. Malgrado il Ponte venga presentato come l infrastruttura tecnologicamente più complessa e avanzata al mondo, in grado di rilanciare e dare risalto all ingegneria italiana, il progetto presentato risulta pieno di lacune rispetto agli aspetti più delicati e problematici. Il progetto presentato per la valutazione da parte della commissione VIA e approvato dal CIPE il 1 Agosto non è altro che l adattamento degli elaborati di massima del Le cause sono nella fretta legata alle promesse elettorali che ha portato a rinunciare a qualsiasi approfondimento di un progetto di oltre dieci anni fa: Non sono stati realizzati approfondimenti tecnici sulla struttura, malgrado la complessit à del progetto e i problemi tecnici della soluzione scelta Manca una analisi approfondita e aggiornata della situazione geologica e sismica dell area. Malgrado venga ribadito negli stessi elaborati che ci troviamo nell area geologicamente e tettonicamente più attiva del Mediterraneo centrale, non esiste uno studio quantitativo sulle faglie attive né della geodinamica profonda conseguente allo scontro di placche tettoniche diverse e delle relazioni con la struttura. Solo la fiducia nella nuova Commissione VIA appena nominata dal Governo insieme alle nuove procedure della Legge Obiettivo possono forse spiegare la superficialità dello studio presentato. Il progetto contiene lacune sostanziali tali da non permettere una procedura di VIA ai sensi della Direttiva Comunitaria in vigore e del DL 190/2002. Non sono infatti individuati e valutati gli effetti prodotti, sia in fase di cantiere (cave, discariche e depositi) che di esercizio, sulle zone di pregio tutelate dalle normative europee e da quelle regionali, basti dire che il Ponte attraversa il Sito di Capo Peloro-Ganzirri e non è stata realizzata la Valutazione di incidenza ambientale prescritta dalla Direttiva europea. Alcune opere fondamentali di collegamento al Ponte sono poi escluse dalla valutazione dello Studio di Impatto Ambientale: sul lato Calabria la variante ferroviaria della linea tirrenica in corrispondenza di Cannitello (che incrocia i pilastri), la variante dell autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria in corrispondenza di Piale, il collegamento alla linea ad Alta Capacità Salerno-Reggio Calabria; sul lato Siciliano il tratto di collegamento stradale Annunziata-Giostra con relativi svincoli in corso di esecuzione.

4 4 di 5 17/11/ Non viene proposta nemmeno una analisi delle alternative "sino all opzione zero", come richiesto dalla legislazione europea, approfondendo le valutazioni già proposte dagli Advisor sul potenziamento dei collegamenti marittimi. Non sono state sviluppate valutazioni comparative con altre soluzioni a due o più campate o alternative che riguardassero le specifiche soluzioni per le parti di più rilevante impatto (torri e cantieri, blocchi di fondazione e collegamenti, ecc.). Lo Studio di Impatto ambientale evidenzia profonde e insanabili contraddizioni e appare fondata l ipotesi che siano state mani differenti ad analizzare le componenti e a "pesare" gli impatti in modo da aggiustare i risultati. Gli approfondimenti rispetto al progetto 1992 sono stati realizzati in seguito alle valutazioni e critiche sollevate sia dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici che dall Advisor, ma si ammette nello studio l evidente inadeguatezza: la mitigazione degli impatti è in molti casi impossibile, proprio per l alterazione irreversibile della geomorfologia delle aree, mentre interventi di compensazione sono difficilmente attuabili. Manca anche un computo del costo complessivo degli interventi di mitigazione previsti (in contrasto con i dettami del Decreto Legislativo 190/2002). L infrastruttura, attraverso le torri alte 400 metri e i viadotti di collegamento ha un impatto enorme e irreversibile su aree abitate e ambiti di grande valore paesaggistico. Lo studio non prende in considerazione la rilevanza delle trasformazioni portate dalle torri e dai piloni che sorgeranno tra case oggi abitate, da viadotti di collegamento e svincoli a 60 metri di quota tra montagne e boschi. Neanche rispetto a questi aspetti si presentano alternative, si valutano o propongono mitigazioni, si delineano compensazioni come in tutti gli studi di impatto ambientale. E incredibile dover sottolineare come il Ponte sullo Stretto non risulta collegato alla ferrovia sul lato calabrese. I motivi indicati sono nel fatto che sono opere (l Alta Velocità ferroviaria) che spetterà alle Ferrovie dello Stato di realizzare. I motivi veri sono invece altri. Dipendono dai costi di realizzazione delle opere di collegamento realizzati tutti in galleria perché situati nelle delicate montagne dell Appennino calabrese, e quindi affidati a RFI e escluse dal Ponte perché farebbero lievitare di molto i costi. Dipendono dalla necessità di ridurre nella procedura di VIA l impatto ambientale del progetto. In questo modo si valuta "l impalcato", non come si innesta nelle montagne alle spalle. Il Ponte da solo così può passare la Via, poi si vedr à. Una Cattedrale nel deserto, molto simile a storie già sentite come nei collegamenti mancanti a Gioia Tauro, alle dighe siciliane, al Porto di Messina. Intanto però, fino a nuove decisioni da parte del Governo, sembra che i treni dovranno prendere il traghetto per non cadere dai piloni. 4) Il Ponte impedirà di fare le opere che servono al Sud. Non è lo stretto di Messina il collo di bottiglia dei trasporti tra la Sicilia e la Penisola. Oggi tutti gli scenari di mobilità per il Mezzogiorno dimostrano come sia necessario diversificare l offerta di trasporto in funzione delle diverse esigenze di merci e passeggeri, puntando sulla integrazione tra le diverse modalità di spostamento. Una delle più grandi bugie scritte e ripetute dalla Stretto di Messina spa è quella per cui il ponte serve soprattutto a rilanciare il trasporto ferroviario. Per rafforzarne la motivazione il Governo ha inserito un'altra opera faraonica come l Alta Velocità fino a Reggio Calabria. Occorre ricordare che non siamo in Olanda ma in Sicilia dove la velocità commerciale sulla rete ferroviaria è ancora di 24 km/h, con solo metà delle tratte elettrificate e 105 km a doppio binario. Il contributo dato dalla costruzione del Ponte, in termini di risparmio nel tragitto ferroviario tra Napoli e Palermo è irrisorio.

5 5 di 5 17/11/ Le distanze ferroviarie al Sud Tratte Treno più veloce Reggio Calabria Bari 7h 23 Salerno Lecce 6h 06 con 1 cambio Lecce Catanzaro 8h 09 con 2 cambi Palermo Siracusa 5h 50 con 2 cambi Trapani Siracusa 9h 40 con 4 cambi Cagliari Sassari 3h 17 Se il Ponte verrà realizzato verranno posti forti limiti all utilizzo dei traghetti e al rilancio del cabotaggio. La spesa da parte dello Stato porterà a rinunciare a realizzare opere ben più importanti e urgenti: Ferroviarie: dal potenziamento e collegamento della rete tirrenica con Taranto e Bari, dal potenziamento dei collegamenti tra Catania, Messina e Palermo, all adeguamento di linee vecchissime come la Palermo-Agrigento e la Ragusa-Catania. Portuali: con il rafforzamento dei collegamenti e delle strutture nelle aree portuali di Messina, Palermo, Trapani, Catania, Villa San Giovanni, Gioia Tauro e Taranto. Stradali: dall adeguamento della Statale Jonica al completamento dei collegamenti alla A3 in Calabria, dal completamento della Palermo-Messina, all adeguamento dei collegamenti tra Catania, Siracusa e Gela. [VII Congresso nazionale] [Aree tematiche] Legambiente Direzione Nazionale - Via Salaria 403, Roma Tel fax Privacy Policy

I motivi per dire NO al progetto del Ponte sullo Stretto E per mettere in campo una nuova politica dei trasporti per il Mezzogiorno

I motivi per dire NO al progetto del Ponte sullo Stretto E per mettere in campo una nuova politica dei trasporti per il Mezzogiorno I motivi per dire NO al progetto del Ponte sullo Stretto E per mettere in campo una nuova politica dei trasporti per il Mezzogiorno Non è bastata la propaganda del Governo e della Società Stretto di Messina

Dettagli

Ferrovie italiane: più sicurezza sulla rete, meno tratte inutili ad alta velocità

Ferrovie italiane: più sicurezza sulla rete, meno tratte inutili ad alta velocità Ferrovie italiane: più sicurezza sulla rete, meno tratte inutili ad alta velocità Per il governo Berlusconi solo grandi opere e tagli alle risorse per la rete esistente Se si cancella il Ponte sullo Stretto,

Dettagli

Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti

Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti Le analisi poste alla base della carta della rete viaria, ferroviaria, porti, aeroporti ed eliporti 5, rappresentano nel Piano di Emergenza un importanza

Dettagli

Trasporti, per una mobilità a tutto raggio

Trasporti, per una mobilità a tutto raggio www.governo.it Trasporti, per una mobilità a tutto raggio www.governo.it La Finanziaria per i Trasporti: Salerno-Reggio Calabria, stavolta si riparte (davvero) Pendolari, 665 milioni di euro per treni,

Dettagli

PONTE SULLO STRETTO STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGETTO

PONTE SULLO STRETTO STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGETTO PONTE SULLO STRETTO STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGETTO 13 SETTEMBRE 2004 PONTE SULLO STRETTO STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGETTO INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. STATO DI AVANZAMENTO DEL PROGETTO - 3-2. IL PROGETTO

Dettagli

Infrastrutture. Legge Obiettivo Rapporto grandi opere

Infrastrutture. Legge Obiettivo Rapporto grandi opere 42 Legge Obiettivo Rapporto grandi opere Primo bilancio, a 10 anni dall entrata in vigore delle Legge Obiettivo, sullo stato di attuazione delle opere strategiche in Italia: a cura della Fondazione Fastigi,

Dettagli

TrasporTi e infrastrutture in Calabria

TrasporTi e infrastrutture in Calabria TrasporTi e infrastrutture in Calabria STRADE E AUTOSTRADE L AUTOSTRADA A3 SALERNO - REGGIO CALABRIA Considerata la maggiore opera realizzata direttamente dallo Stato, la tratta è gestita dall ANAS senza

Dettagli

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione del PON Reti e Mobilità Ing. Giovanni Infante Responsabile Linea di Intervento Porti e Interporti Pagina 0 Traffico merci nel Mediterraneo Pagina 1 , Bando di gara

Dettagli

L accessibilità dei servizi di trasporto passeggeri e merci

L accessibilità dei servizi di trasporto passeggeri e merci ANNO ACCADEMICO DUEMILAQUATTORDICII/DUEMILAQUINDICI 15 dicembre 2014 Laboratorio di Analisi dei Sistemi di Trasporto L accessibilità dei servizi di trasporto passeggeri e merci Francesco Russo francesco.russo@unirc.it

Dettagli

Le strade e le tecnologie per il monitoraggio del traffico

Le strade e le tecnologie per il monitoraggio del traffico Programma Operativo Nazionale TRASPORTI 2000-2006 Le strade e le tecnologie per il monitoraggio del traffico 1/19 Le due Misure del Programma finanziano interventi per completare o potenziare: i principali

Dettagli

alta velocità per il Ticino?

alta velocità per il Ticino? AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? 24 marzo 2011 SUPSI, Lugano-Trevano Alptransit e le infrastrutture italiane del Nordovest: stato di avanzamento, problemi e prospettive Vittorio

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo JACOPO SIGNORILE Via Pietro Raimondi 6, 00198 Roma Telefono +39 06 68210553 +39 335 31 84 77 E-mail j.signorile@lse.ac.uk Nazionalità Italiana Data

Dettagli

Più posti con i traghetti che con il Ponte

Più posti con i traghetti che con il Ponte Veduta dello Stretto di Messina con il Ponte. Più posti con i traghetti che con il Ponte Gli economisti sono convinti che il grande investimento sul ponte per Stretto di Messina abbia effetti trascurabili

Dettagli

IL PONTE E INSOSTENIBILE PER L AMBIENTE E PER LE CASSE DELLO STATO. 4 I PUNTI CRITICI DELLA ROAD MAP GOVERNATIVA

IL PONTE E INSOSTENIBILE PER L AMBIENTE E PER LE CASSE DELLO STATO. 4 I PUNTI CRITICI DELLA ROAD MAP GOVERNATIVA FAI, Italia Nostra, Legambiente, MAN e WWF e parlamentari oggi a convegno IL PONTE E INSOSTENIBILE PER L AMBIENTE E PER LE CASSE DELLO STATO. 4 I PUNTI CRITICI DELLA ROAD MAP GOVERNATIVA Chiudere subito

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture PRIORITÀ INFRASTRUTTURALI NELLE REGIONI REGIONE CALABRIA SISTEMI STRADALI E AUTOSTRADALI A3 Salerno-Reggio Calabria Il progetto di generale ammodernamento dell Autostrada Salerno-Reggio Calabria, da sempre

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 1 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 2 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA 3 IMPORT EXPORT NAZIONALE ATTRAVERSO I PORTI QUANTITÀ Milioni di tonnellate IMPORT 199,8

Dettagli

VERTENZA DELLO STRETTO IDEE E PUNTI QUALIFICANTI

VERTENZA DELLO STRETTO IDEE E PUNTI QUALIFICANTI VERTENZA DELLO STRETTO IDEE E PUNTI QUALIFICANTI Noi siamo favorevoli a che si affermi tra le sponde calabrese e siciliana dello Stretto di Messina e tra i centri maggiori (Reggio Calabria, Messina e Villa

Dettagli

Info Anas. L informazione fa bene alle tue vacanze.

Info Anas. L informazione fa bene alle tue vacanze. Info Anas. L informazione fa bene alle tue vacanze. Esodo Estivo 2011 Itinerari, informazioni e consigli utili per viaggiare www.stradeanas.it 800 290 092 numero verde SA-RC La Nuova Salerno-Reggio Calabria

Dettagli

Il profilo ambientale *

Il profilo ambientale * LA VALUTAZIONE PUBBLICA Il profilo ambientale * di Francesco Karrer Nello studio dell advisor sul potenziamento dei collegamenti tra la Sicilia ed il Continente, il cosiddetto profılo ambientale è stato

Dettagli

L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno

L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno L interruzione della A19 Palermo-Catania: una stima preliminare del danno Raffaele Grimaldi, Andrea Debernardi, Emanuele Ferrara, Paolo Beria NOTA TECNICA 1/2015 APRILE 2015 TRASPOL LABORATORIO DI POLITICA

Dettagli

LA LEGGE DI STABILITÀ. www.governo.it

LA LEGGE DI STABILITÀ. www.governo.it LA LEGGE DI STABILITÀ INTERVENTI PER PERSONE, FAMIGLIE, SOCIETÀ INTERVENTI PER LE IMPRESE INVESTIMENTI LA SERVICE TAX IL COFINANZIAMENTO DEI FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 INTERVENTI PER PERSONE,

Dettagli

NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO NODO DI SAN BENIGNO OBIETTIVO DELL INTERVENTO Il Nodo di San Benigno è uno dei punti chiave della viabilità genovese, sia per la presenza del più importante casello autostradale della città, Genova Ovest,

Dettagli

Analisi del sistema ferroviario italiano: reti, servizi e investimenti

Analisi del sistema ferroviario italiano: reti, servizi e investimenti Analisi del sistema ferroviario italiano: reti, servizi e investimenti Dario Gentile Gennaio 2009 1. Il ruolo del sistema ferroviario nella mobilità generale dei passeggeri e delle merci La logica dell

Dettagli

Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015)

Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015) Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015) Grandi opere Le Autostrade. Proseguono i lavori di progettazione e realizzazione delle terze corsie dell Autostrada del

Dettagli

SVILUPPO DELL INTERMODALITA

SVILUPPO DELL INTERMODALITA SVILUPPO DELL INTERMODALITA Autostrade del mare 2.0 e combinato marittimo ANDREA APPETECCHIA Roma, 21 luglio 20151 I PUNTI DEL RAGIONAMENTO Commercio estero nazionale: orientamenti e modalità di trasporto

Dettagli

LE ESPERIENZE DAI TERRITORI

LE ESPERIENZE DAI TERRITORI LE ESPERIENZE DAI TERRITORI Massimo Procopio, Isfort Bari, 28 gennaio 2014 La penetrazione territoriale delle attività A. Procedure partecipative nelle 8 aree pilota B. Secondo ciclo di procedure partecipative

Dettagli

in Toscana Infrastrutture e Territorio

in Toscana Infrastrutture e Territorio Infrastrutture e Territorio in Toscana Arch. Riccardo Baracco Ing.Enrico Becattini Area Coordinamento Pianificazione Territoriale e Politiche Abitative D.G. Politiche Territoriali e Ambientali Regione

Dettagli

Programma Infrastrutture Strategiche

Programma Infrastrutture Strategiche Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Programma Infrastrutture Strategiche 6 Documento di Programmazione Economica e Finanziaria Programmare il Territorio le Infrastrutture le Risorse Giugno 2008

Dettagli

alla scoperta del binario 9¾

alla scoperta del binario 9¾ campania onlus 2013 Metropolitana di Salerno alla scoperta del binario 9¾ al binario invisibile il viaggio della metro pronta, inaugurata, ma mai entrata in funzione marzo 2013 Il viaggio immaginifico

Dettagli

Università degli Studi di Messina Dipartimento Ingegneria Civile,Informatica, Edile, Ambientale e Matematica Applicata

Università degli Studi di Messina Dipartimento Ingegneria Civile,Informatica, Edile, Ambientale e Matematica Applicata Università degli Studi di Messina Dipartimento Ingegneria Civile,Informatica, Edile, Ambientale e Matematica Applicata C.da Di Dio Nuova Panoramica dello Stretto-98166 Villaggio S.Agata - Messina, Italy

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Attuazione del Programma di Governo

Attuazione del Programma di Governo Attuazione del Programma di Governo 17 maggio-17 novembre 2006 Sei mesi di Governo dell Italia Una pubblica amministrazione di qualità Modernizzazione ed efficienza delle amministrazioni pubbliche Tempi

Dettagli

Le priorità ferroviarie: tempi e risultati attesi. Maggio 2013

Le priorità ferroviarie: tempi e risultati attesi. Maggio 2013 Le priorità ferroviarie: tempi e risultati attesi Maggio 2013 RFI: l infrastruttura ferroviaria nazionale una grande risorsa Rete RFI : 16.741 km Doppio binario: 7.537 km Binario unico: 9.205 km Linee

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Pur se separata

Dettagli

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l Ing. Mauro Moretti Partecipare ai convegni è sempre un occasione importante di apprendimento. In realtà bisognerebbe sempre fondare le proposte sugli studi, perché le decisioni dovrebbero essere prese

Dettagli

Analisi dell offerta dei servizi di tpl in Italia e confronti internazionali

Analisi dell offerta dei servizi di tpl in Italia e confronti internazionali Analisi dell offerta dei servizi di tpl in Italia e confronti internazionali Dario Gentile Anno 2008 1 L analisi dell offerta di servizi di tpl in Italia Il settore del TPL in Italia vale complessivamente

Dettagli

NO ALLA QUADRILATERO PER LE INFRASTRUTTURE STRADALI DELL UMBRIA E DELLE MARCHE UN MODELLO CON CONSEGUENZE DEVASTANTI PER IL TERRITORIO E IL PAESAGGIO

NO ALLA QUADRILATERO PER LE INFRASTRUTTURE STRADALI DELL UMBRIA E DELLE MARCHE UN MODELLO CON CONSEGUENZE DEVASTANTI PER IL TERRITORIO E IL PAESAGGIO NO ALLA QUADRILATERO PER LE INFRASTRUTTURE STRADALI DELL UMBRIA E DELLE MARCHE UN MODELLO CON CONSEGUENZE DEVASTANTI PER IL TERRITORIO E IL PAESAGGIO LEGAMBIENTE: LA PRIORITÀ SONO ALTRE SICUREZZA STRADALE

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA SITUAZIONE SOCIO ECONOMICA DEL MEZZOGIORNO E DELLA SICILIA E DELLE POLITICHE ANTIMERIDIONALISTICHE DEL GOVERNO BERLUSCONI.

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA SITUAZIONE SOCIO ECONOMICA DEL MEZZOGIORNO E DELLA SICILIA E DELLE POLITICHE ANTIMERIDIONALISTICHE DEL GOVERNO BERLUSCONI. ALCUNE RIFLESSIONI SULLA SITUAZIONE SOCIO ECONOMICA DEL MEZZOGIORNO E DELLA SICILIA E DELLE POLITICHE ANTIMERIDIONALISTICHE DEL GOVERNO BERLUSCONI. 1) scenario economico del Mezzogiorno e della Sicilia

Dettagli

UN MEZZOGIORNO DA CONNETTERE. Dario Gentile

UN MEZZOGIORNO DA CONNETTERE. Dario Gentile UN MEZZOGIORNO DA CONNETTERE Dario Gentile Maggio 2009 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 IL DEFICIT DEL MEZZOGIORNO NEI SERVIZI E NELLE INFRASTRUTTURE DI TRASPORTO... 5 GLI INVESTIMENTI NEL MEZZOGIORNO... 8 L OCCASIONE

Dettagli

62 7-2-2003 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 7

62 7-2-2003 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 7 62 7-2-2003 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 7 FIG. 1 - Rappresentazione dei flussi sulla rete stradale FIG. 2 - Rappresentazione dell accessibilità attiva 7-2-2003 - GAZZETTA

Dettagli

RASSEGNA ESSENZIALE DELLA NORMATIVA SETTORIALE DELLE REGIONI OB. CONVERGENZA

RASSEGNA ESSENZIALE DELLA NORMATIVA SETTORIALE DELLE REGIONI OB. CONVERGENZA Programma Operativo Governance e Azioni di Sistema FSE 2007 2013 Obiettivo 1 Convergenza Asse E Capacità istituzionale Progetto di supporto e affiancamento operativo in favore degli Enti Pubblici delle

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Infrastrutture ritardo incolmabile. Presentato il primo Rapporto Uniontrasporti sulle grandi opere Roma, 14 aprile 2011 Quarant anni fa, l Italia aveva una dotazione complessiva

Dettagli

MONITOR SUD. Aggiornamento dati Al 30 Giugno 2015

MONITOR SUD. Aggiornamento dati Al 30 Giugno 2015 MONITOR SUD Aggiornamento dati Al 30 Giugno 2015 1 Monitor Sud Italia Dati aggiornati al 30 Giugno 2015 (estratti il 24.07.15) 2 Prima di effettuare un analisi per ogni regione, è opportuno fornire un

Dettagli

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta.

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta. Il porto è il futuro di Trieste Il ritorno della cultura marinara per i traffici di Nordest ed Europa centrale. Intervento introduttivo di Mario Goliani Innanzitutto rivolgo un ringraziamento agli Ordini

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

Fasi iter: MODIFICATO PER COMMISSIONE ASSEGNATARIA IL 10/07/2013 DISCUSSIONE IL 11/09/2013 SVOLTO IL 11/09/2013 CONCLUSO IL 11/09/2013 Atto Camera

Fasi iter: MODIFICATO PER COMMISSIONE ASSEGNATARIA IL 10/07/2013 DISCUSSIONE IL 11/09/2013 SVOLTO IL 11/09/2013 CONCLUSO IL 11/09/2013 Atto Camera ATTO CAMERA INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE 5/00562 Dati di presentazione dell'atto Legislatura: 17 Seduta di annuncio: 50 del 10/07/2013 Firmatari Primo firmatario: IANNUZZI TINO Gruppo: PARTITO

Dettagli

MONITOR SUD. Aggiornamento dati Al 31 Gennaio 2014

MONITOR SUD. Aggiornamento dati Al 31 Gennaio 2014 MONITOR SUD Aggiornamento dati Al 31 Gennaio 2014 1 Monitor Sud Italia Dati aggiornati al 31 Gennaio 2014 (estratti il 28.02.14) 2 Prima di effettuare un analisi per ogni regione, è opportuno fornire un

Dettagli

Trasporto merci. Luglio 2014

Trasporto merci. Luglio 2014 INDAGINE CONGIUNTURALE SUL SETTORE DEI TRASPORTI n. 38 SINTESI Luglio 2014 Trasporto merci Dopo aver chiuso il 2012 con una dinamica settoriale complessivamente negativa, il 2013 mette in evidenza per

Dettagli

GRANDI HUB AEROPORTUALI -ALLACCIAMENTI FERROVIARI E STRADALI

GRANDI HUB AEROPORTUALI -ALLACCIAMENTI FERROVIARI E STRADALI GRANDI HUB AEROPORTUALI -ALLACCIAMENTI FERROVIARI E STRADALI Hub aeroportuale - allacciamenti metro Parma Sistema di trasporto rapido di massa a guida vincolata per la città di Parma SCHEDA N. 147 LOCALIZZAZIONE

Dettagli

Opere ed interventi da realizzare:

Opere ed interventi da realizzare: ACCORDO PROCEDIMENTALE 23/07/1997 Sugli interventi di ambito locale per la sistemazione del nodo ferroviario di Modena in applicazione all art. 8 dell Accordo Quadro Regionale del 29/07/94 sul Quadruplicamento

Dettagli

SCHEDA N. 4 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE J94F04000020001. RFI Spa. Rete ferroviaria

SCHEDA N. 4 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE J94F04000020001. RFI Spa. Rete ferroviaria SISTEMA VALICHI Asse ferroviario Monaco - Verona: valico del Brennero e Fortezza - Verona Asse ferroviario Fortezza - Verona Quadruplicamento Fortezza-Verona - Lotti 1, 2 SCHEDA N. 4 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento Allegato n.1 La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento L infrastruttura La ferrovia Trento Bassano del Grappa o ferrovia della Valsugana è una linea

Dettagli

LISTA GRANDI PROGETTI PO FESR SICILIA 2007 2013

LISTA GRANDI PROGETTI PO FESR SICILIA 2007 2013 LISTA GRANDI PROGETTI PO FESR SICILIA 2007 2013 SCHEDE ILLUSTRATIVE SINTETICHE Interenti sulla rete ferroviaria 1 2 3 4 5 6 Interventi nel settore della logistica 7 8 Interventi nel settore ambientale

Dettagli

Il supporto dell analisi del rischio nel potenziamento del sistema dei trasporti in Sicilia

Il supporto dell analisi del rischio nel potenziamento del sistema dei trasporti in Sicilia Sessione: Il trasporto di beni e persone Il supporto dell analisi del rischio nel potenziamento del sistema dei trasporti in Sicilia Roberto Lisi 1, Giuseppe Maschio*, Maria Francesca Milazzo 1 e Gigliola

Dettagli

Strumenti innovativi per il finanziamento delle infrastrutture di trasporto. Milano 7 Febbraio 2011

Strumenti innovativi per il finanziamento delle infrastrutture di trasporto. Milano 7 Febbraio 2011 Strumenti innovativi per il finanziamento delle infrastrutture di trasporto Milano 7 Febbraio 2011 Per realizzare le infrastrutture strategiche - al minor costo possibile - nel minor tempo possibile -

Dettagli

Corso di TRASPORTI E TERRITORIO. prof. ing. Agostino Nuzzolo

Corso di TRASPORTI E TERRITORIO. prof. ing. Agostino Nuzzolo Corso di TRASPORTI E TERRITORIO prof. ing. Agostino Nuzzolo Il Project Financing nella realizzazione delle infrastrutture di trasporto 1 Il Project Financing Definizione Il Project Financing g( (o finanza

Dettagli

VIII PIANO DI COMUNICAZIONE

VIII PIANO DI COMUNICAZIONE VIII PIANO DI COMUNICAZIONE 1. ATTIVITÀ SVOLTE Nel corso del semestre luglio-dicembre 2005 sono state realizzate importanti attività inserite nel Piano Operativo di Comunicazione del PON Trasporti 2000/2006.

Dettagli

Figura 1 - Schema della rete ferroviaria italiana principale

Figura 1 - Schema della rete ferroviaria italiana principale Allegato A Figura 1 - Schema della rete ferroviaria italiana principale Figura 2 - Schema del programma delle linee AV/AC in Italia da CICCONI I., Un tunnel senza fine, BZ, 31.5.2007 Figura 3 - I corridoi

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture Programma Operativo Nazionale Trasporti 2000-2006

Ministero delle Infrastrutture Programma Operativo Nazionale Trasporti 2000-2006 Titolo del progetto RADDOPPIO ED ELETTRIFICAZIONE BARI LECCE Misura I.1 RFI Costo ammissibile 115,5 Meuro Descrizione Si tratta del programma di interventi che prende il nome di Raddoppio ed elettrificazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Baratono Pietro Data di nascita 08/09/1957

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Baratono Pietro Data di nascita 08/09/1957 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Baratono Pietro Data di nascita 08/09/1957 Qualifica Amministrazione II Fascia MINISTERO DELLE Incarico attuale Dirigente - Autorità di Gestione P.O.N. Reti e Mobilità 2007-2013

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

ESITO DELLA SEDUTA DEL CIPE DEL 29 MARZO 2006

ESITO DELLA SEDUTA DEL CIPE DEL 29 MARZO 2006 ESITO DELLA SEDUTA DEL CIPE DEL 29 MARZO 2006 PROGRAMMA GRANDI OPERE A INTERVENTI CON ASSEGNAZIONE DI RISORSE 1 MO.S.E. assegnazione della terza tranche di finanziamento di 380 Meuro 2 Assegnazione del

Dettagli

SCHEDA N. 106 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: CUP: LOCALIZZAZIONE. Ferrovie metropolitane B41E76000000004. Comune di Napoli

SCHEDA N. 106 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: CUP: LOCALIZZAZIONE. Ferrovie metropolitane B41E76000000004. Comune di Napoli SISTEMI URBANI Completamento rete metropolitana regionale campana (comprensivo delle conurbazioni di Salerno e Caserta) Napoli metropolitana - Sistema di metropolitana regionale (SMR): sistema integrato

Dettagli

I COSTI PER L ALTA VELOCITÀ IN ITALIA SONO MEDIAMENTE IL 500% PIÙ ELEVATI DI QUELLI FRANCESI, SPAGNOLI E GIAPPONESI

I COSTI PER L ALTA VELOCITÀ IN ITALIA SONO MEDIAMENTE IL 500% PIÙ ELEVATI DI QUELLI FRANCESI, SPAGNOLI E GIAPPONESI I COSTI PER L ALTA VELOCITÀ IN ITALIA SONO MEDIAMENTE IL 500% PIÙ ELEVATI DI QUELLI FRANCESI, SPAGNOLI E GIAPPONESI Il costo delle infrastrutture per i treni veloci in Italia rispetto alle analoghe infrastrutture

Dettagli

IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015

IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015 IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015 B R O O K S M A R K E T I N T E L L I G E N C E R E P O R T S IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015 Mack Brooks Exhibitions Ltd 2015. Tutti i diritti riservati.

Dettagli

Servizi di traghettamento sullo Stretto di Messina. Informativa per le OOSS nazionali. Roma, 2 febbraio 2015

Servizi di traghettamento sullo Stretto di Messina. Informativa per le OOSS nazionali. Roma, 2 febbraio 2015 Servizi di traghettamento sullo Stretto di Messina Informativa per le OOSS nazionali Roma, 2 febbraio 2015 Servizi su Stretto di Messina fino al 31 dicembre 2014 Servizio di traghettamento di treni passeggeri

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENICO-NORD EUROPA

CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENICO-NORD EUROPA CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENICO-NORD EUROPA Asse ferroviario Ventimiglia-Genova-Novara-Milano (Sempione) "Terzo valico dei Giovi" linea AV/AC Milano-Genova SCHEDA N. 39 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA:

Dettagli

Figure professionali «Mobilità sostenibile» INGEGNERE DEL TRAFFICO E DEI TRASPORTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure professionali «Mobilità sostenibile» INGEGNERE DEL TRAFFICO E DEI TRASPORTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure professionali «Mobilità sostenibile» INGEGNERE DEL TRAFFICO E DEI TRASPORTI GREEN JOBS Formazione e Orientamento INGEGNERE DEL TRAFFICO E DEI TRASPORTI IL'ingegnere dei trasporti e del traffico

Dettagli

Il sistema dei trasporti

Il sistema dei trasporti LA VALUTAZIONE PUBBLICA Il sistema dei trasporti di Agostino Nuzzolo «Meridiana», n. 41, 2001 Ho iniziato la mia carriera universitaria a Catania, dove sono stato docente della Facoltà di Ingegneria per

Dettagli

Il Diporto Nautico in Italia

Il Diporto Nautico in Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per le Infrastrutture, i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Generale per i Sistemi Informativi e Statistici Ufficio di Statistica Sistema

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

Reti transeuropee di trasporto: le nuove proposte dell Unione Europea Sono state presentate ufficialmente nel vertice dei Ministri dei Trasporti dell

Reti transeuropee di trasporto: le nuove proposte dell Unione Europea Sono state presentate ufficialmente nel vertice dei Ministri dei Trasporti dell Reti transeuropee di trasporto: le nuove proposte dell Unione Europea Sono state presentate ufficialmente nel vertice dei Ministri dei Trasporti dell Unione Europea, tenutosi a Napoli il 4 e 5 luglio u.s.,

Dettagli

L Scc della Rete Sarda

L Scc della Rete Sarda L Scc della Rete Sarda L Scc della Rete Sarda IL SISTEMA DI COMANDO E CONTROLLO La sigla Scc, Sistema di Comando e Controllo, indica il più avanzato sistema di gestione integrata della circolazione in

Dettagli

APPENDICE (Tab. A1-A7)

APPENDICE (Tab. A1-A7) APPENDICE (Tab. A1-A7) ID_PORTO Porto Popolazione Totale Numero Edifici Numero Unità Locali Numero Addetti Unità Locali AREA Isocora 200 km (mq) 1 Savona-Vado 9.608.844 1.494.337 941.468 4.150.985 22.312.993.256

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 SCHEDE GRANDI PROGETTI (ARTICOLO 39 DEL REGOLAMENTO (CE) 1083/2006) NOVEMBRE

Dettagli

APPALTI e CONCESSIONI

APPALTI e CONCESSIONI DOTAZIONE INFRASTRUTTURE: DATI UE E NAZIONALI L ISPO (Istituto per gli studi sulla Pubblica opinione) ha reso noti i dati di una ricerca comparata sulle infrastrutture, sia a livello comunitazio che nazionnale.

Dettagli

Piano traffico Gottardo

Piano traffico Gottardo Piano traffico Gottardo Concetto di «Autostrada viaggiante (RoLa) per i camion» nella galleria di base del Gottardo Studio delle varianti per gli impianti di trasbordo Rapporto dell Iniziativa delle Alpi

Dettagli

IX COMMISSIONE PERMANENTE

IX COMMISSIONE PERMANENTE Martedì 28 maggio 2002 94 Commissione IX IX COMMISSIONE PERMANENTE (Trasporti, poste e telecomunicazioni) S O M M A R I O INTERROGAZIONI: 5-00562 Costa: Incremento del pedaggio sull autostrada Torino-Savona...

Dettagli

CIPE COMITATO INTERMINISTERIALE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

CIPE COMITATO INTERMINISTERIALE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA CIPE COMITATO INTERMINISTERIALE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DECISIONI DELLA SEDUTA DEL 22 MARZO 2006 FONDO PER LE AREE SOTTOUTILIZZATE 2006 2009: RIPARTO GENERALE FONDO RIFINANZIAMENTO LEGGE N. 208/1998 FONDO

Dettagli

Il Diporto Nautico in Italia

Il Diporto Nautico in Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Generale per i Sistemi Informativi, Statistici e la Comunicazione

Dettagli

ASPETTI TECNICI ED AMMINISTRATIVI NELLA REALIZZAZIONE DI. Principali interventi legislativi

ASPETTI TECNICI ED AMMINISTRATIVI NELLA REALIZZAZIONE DI. Principali interventi legislativi ASPETTI TECNICI ED AMMINISTRATIVI NELLA REALIZZAZIONE DI ITINERARI CICLABILI A LIVELLO REGIONALE, PROVINCIALE E COMUNALE Ing. Paolo Simon Principali interventi legislativi Sono trascorsi 15 anni dai primi

Dettagli

FONDI EUROPEI. PER UN SUD D ITALIA CHE CAMBIA.

FONDI EUROPEI. PER UN SUD D ITALIA CHE CAMBIA. FONDI EUROPEI. PER UN SUD D ITALIA CHE CAMBIA. NOI E L'EUROPA, INSIEME PER LO SVILUPPO. L'azione dell'unione Europea mira a ridurre il divario tra i livelli di sviluppo delle varie regioni e il ritardo

Dettagli

Ricerca per lo sviluppo della raccolta differenziata di carta e cartone nel Sud Italia. Sintesi

Ricerca per lo sviluppo della raccolta differenziata di carta e cartone nel Sud Italia. Sintesi Ricerca per lo sviluppo della raccolta differenziata di carta e cartone nel Sud Italia Sintesi La presente ricerca è stata eseguita per valutare le barriere e gli ostacoli all incremento della raccolta

Dettagli

Progettazione italiana per la ferrovia Bar-Belgrado

Progettazione italiana per la ferrovia Bar-Belgrado INTERNAZIONALIZZAZIONE 2. ITALFERR NEI BALCANI di Stefano Cianciotta Imprese Progettazione italiana per la ferrovia Bar-Belgrado «Si apre adesso una nuova fase per individuare i finanziamenti necessari

Dettagli

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo di Sergio Rossato D.G. Interporto di Padova S.p.A. A.D. di NET Nord Est Terminal S.p.A. Il traffico intermodale COMPLESSIVO dell Interporto di Padova

Dettagli

L ASSE NORD-SUD DELL EUROPA IL CORRIDOIO BERLINO-PALERMO: OPPORTUNITÀ PROSPETTIVE PROBLEMI

L ASSE NORD-SUD DELL EUROPA IL CORRIDOIO BERLINO-PALERMO: OPPORTUNITÀ PROSPETTIVE PROBLEMI PROMOTORI ORGANIZZATORI Camera di Commercio di Napoli CON IL PATROCINIO DI: Regione Campania L ASSE NORD-SUD DELL EUROPA IL CORRIDOIO BERLINO-PALERMO: OPPORTUNITÀ PROSPETTIVE PROBLEMI Nola, 25 gennaio

Dettagli

FEDERALISMO MUNICIPALE

FEDERALISMO MUNICIPALE FEDERALISMO MUNICIPALE DECRETO LEGISLATIVO 292 (STIME E PROIEZIONI SULLA BASE DEL TESTO DEPOSITATO IN COMMISSIONE BICAMERALE PER IL FEDERALISMO) Proiezione degli effetti sui singoli Comuni Capoluoghi di

Dettagli

Trasferimenti. Dopo l ultima tornata di movimenti, che tra assegnazioni. Lunedì, 3 maggio 2010 ALL INTERNO. Roma, 3 maggio 2010

Trasferimenti. Dopo l ultima tornata di movimenti, che tra assegnazioni. Lunedì, 3 maggio 2010 ALL INTERNO. Roma, 3 maggio 2010 18 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Responsabile: NICOLA TANZI Vice Direttore: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione al Tribunale di Roma n. 98 del 21 febbraio

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

Il Consiglio Comunale di Messina

Il Consiglio Comunale di Messina CITTA DI MESSINA Messina aprile 2007 ORDINE DEL GIORNO Il Consiglio Comunale di Messina PREMESSO - Che negli ultimi mesi è esploso in tutta la sua gravità il problema della stabilizzazione dei precari

Dettagli

EVITIAMO UN ALTERNATIVA PASTICCIATA E PRECARIA

EVITIAMO UN ALTERNATIVA PASTICCIATA E PRECARIA Tunnel del San Gottardo: EVITIAMO UN ALTERNATIVA PASTICCIATA E PRECARIA MICHELE ROSSI DELEGATO RELAZIONI ESTERNE CC-TI MEMBRO COMITATO SI ALLA GALLERIA DI RISANAMENTO AL SAN GOTTARDO Perché il risanamento

Dettagli

VIANINI LAVORI SpA. Maggio 2005

VIANINI LAVORI SpA. Maggio 2005 VIANINI LAVORI SpA Maggio 2005 IL GRUPPO CALTAGIRONE Il Gruppo Caltagirone opera in 3 principali settori di attività: Costruzioni, Cemento, Media Le vendite aggregate di Gruppo nel 2004 sono state pari

Dettagli

INQUINAMENTO. Una minaccia per la salute. Più soldi per respirare

INQUINAMENTO. Una minaccia per la salute. Più soldi per respirare Una minaccia per la salute Più soldi per respirare La morsa del traffico provoca in Italia 12.000 morti l anno. Mentre le politiche di sviluppo puntano ancora ad ampliare e favorire il traffico privato

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2014-2016: RISORSE PER LO SVILUPPO E FINANZIAMENTO DI

LEGGE DI STABILITA 2014-2016: RISORSE PER LO SVILUPPO E FINANZIAMENTO DI 692 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LEGGE DI STABILITA 2014-2016: RISORSE PER LO SVILUPPO E FINANZIAMENTO DI ESIGENZE INDIFFERIBILI *testo definitivo trasmesso dal governo al Parlamento

Dettagli

SULLA TAV ESISTE UNA PROPOSTA

SULLA TAV ESISTE UNA PROPOSTA TRASPORTI 83 NON CHIAMATELA PIÙ TAV di ANDREA DE BERNARDI * ANGELO TARTAGLIA ** La Valle di Susa non è mai stata nemica della ferrovia: da un secolo e mezzo la linea esistente contribuisce alla sua identità

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE ESPERIENZA LAVORATIVA. CRESTA CARLO Telefono 06.3672.3514 Fax E-mail Data di nascita.

INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE ESPERIENZA LAVORATIVA. CRESTA CARLO Telefono 06.3672.3514 Fax E-mail Data di nascita. CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CRESTA CARLO Telefono 06.3672.3514 Fax E-mail Data di nascita 06.3672.3548 c.cresta@avcp.it 31.08.1954 ISTRUZIONE E FORMAZIONE Titolo di studio Abilitazione

Dettagli

RELAZIONE ALLA 9 th EURO-MED CONVENTION FROM LAND TO SEA MALTA, 21 OTTOBRE 2005

RELAZIONE ALLA 9 th EURO-MED CONVENTION FROM LAND TO SEA MALTA, 21 OTTOBRE 2005 trasporti - diritto, economia, politica volume 2006 - n. 98 SILVIO DI VIRGILIO * Capo del Dipartimento per la Navigazione e il Trasporto Marittimo e Aereo Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Dettagli

Convenzioni per l ospitalità

Convenzioni per l ospitalità ASP Cosenza - Osservatorio delle Dipendenze Evento ECM «Salute e dipendenze di genere al Sud. Teoria e Buone Prassi nella Web-Society» 7-8 Novembre 2014 presso Campus Università della Calabria di Arcavacata

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome D ONOFRIO MARCO Indirizzo Piazza della Stazione, 45 50123 Firenze Telefono 055 2989701 Fax 055 2382509 E-mail

Dettagli