RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO CHIUSO AL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO CHIUSO AL 31-12-2014"

Transcript

1 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.1 CASSA COOPERATIVA DIPENDENTI SERVIVIZI PUBBLICI MOBILITA INTEGRATA EMILIA ROMAGNA SOCIETA COOPERATIVA SEDE IN BOLOGNA VIA SALICETO 3, TEL , E- MAIL COSTITUITA IL 28 FEBBRAIO 1958 A ROGITO NOTAIO DR. ALBERTO FRANCHI ISCRITTA PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE DI BOLOGNA AL N , NEL REA DI BOLOGNA N , ALL UFFICIO ITALIANO CAMBI AL N.25231, COD.FISCALE N , NELL ALBO NAZIONALE DELLE SOCIETA COOPERATIVE AL N.A SEZIONE COOPERATIVE A MUTUALITA PREVALENTE CATEGORIA: ALTRE COOPERATIVE RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO CHIUSO AL

2 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.2 Sommario 1 Introduzione; 3 2 Analisi della situazione della società, dell andamento e del risultato di gestione; Scenario di mercato e posizionamento; Investimenti effettuati; Commento ed analisi degli indicatori di risultato; Commento ed analisi degli indicatori di risultato finanziari"; Stato patrimoniale e conto economico riclassificati; Analisi degli indicatori di risultato finanziari; Commento ed analisi degli indicatori di risultato non finanziari; Analisi degli indicatori di risultato non finanziari; 19 3 Informazioni sui principali rischi ed incertezze; Rischi finanziari; Rischi non finanziari; 25 4 Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell esercizio; 26 5 Evoluzione prevedibile della gestione; 26 6 Elenco delle sedi secondarie; 27 7 Privacy - Documento programmatico sulla sicurezza; 27 8 Proposta di destinazione dell utile di esercizio; 27

3 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.3 1 Introduzione Cari soci, benvenuti e grazie per la partecipazione il bilancio relativo all'esercizio chiuso al 31/12/2014 che sottoponiamo alla Vostra approvazione, rileva un utile netto di euro A tale risultato si è pervenuti imputando un ammontare di imposte pari a euro al risultato prima delle imposte pari a euro Il risultato ante imposte, a sua volta, è stato determinato allocando accantonamenti che hanno portato a euro il Fondo di ammortamento al Nel corso dell anno, la società ha continuato a svolgere l attività di gestione dello scambio mutualistico tra soci provvedendo alla raccolta del risparmio e alla concessione di prestiti e mutui sono stati, infatti erogati: - n. 3 mutui per un totale di euro ,00 - n. 125 nuovi prestiti e rinnovi per un totale di euro ,74 Al riguardo si precisa che la fase recessiva che ha visto passare la BCE oltre dal taglio dei tassi, ancora nel settembre 2014, ad interventi ancora più forti di quantitative easing per favorire la disponibità di liquidità per le banche europee e di conseguenza favorire la concessione di prestiti alle imprese e alle famiglie per investimenti nell attività economica reale. In questo scenario la Cassa Cooperativa dipendenti Servizi Pubblici Mobilità Integrata E.R ha costituito per i suoi soci, lo dimostra l aumento anche nel 2014 del prestito sociale, un punto di riferimento stabile. Prosegue l'utilizzazione degli sportelli UNICREDIT sia a Bologna e provincia (Gaggio e Imola) e sia a Ferrara e presso tutta la rete regionale di sportelli Emilbanca. Sul punto il CdA ha effettuato comunicazioni ai soci relativamente alle procedure di versamento. Il totale dei soci al è di nel corso del 2014 sono stati ammessi n. 43 soci, in possesso dei requisiti, e si sono dimessi n. 44 soci. Le borse di studio da euro 500,00 erogate nel corso dell assemblea di bilancio 2013, a maggio 2014, sono state n. 3 per un totale di euro 1.500,00. La Cassa Cooperativa ha terminato, da tempo, l installazione e la messa a regime del software di gestione delle attività finanziarie e contabili in modo integrato. Il sistema viene mantenuto allineato con l acquisto periodico di nuovi moduli ed in particolare nel corso del 2014 è stato rinnovato tutto l hardware del sistema

4 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.4 informativo economomico-finanziazrio della Cassacoop per ottenere le migliori performance a supporto dei diversi controlli ai quali è tenuta la Cassacoop stessa. Il software MIT è utilizzato da un gran numero di finanziarie a livello nazionale e assicura così un aggiornamento normativo e tecnico costante ed è stato implementato in modo importante nel 2014 per allinearlo alle nuove richieste di documentazione necessarie per la migliore gestione dei soci. E' proseguita nel 2014 l'attività di cancellazione delle ipoteche, relative alla garanzia per la Cassa Cooperativa dipendenti Servizi Pubblici Mobilità Integrata E.R, dei soci che concludono il piano di ammortamento del mutuo contratto con la Cassa Cooperativa stessa. Il tempo e i disagi per i soci sono assolutamente non paragonabili con qualunque altra banca e/o finanziaria. Esperito l iter approvativo del CdA il socio nel giro di una settimana al massimo ha la cancellazione di ipoteca e può esercitare i diritti che ne derivano. La procedura è realmente a costo nullo per i soci. Nell assemblea di approvazione del bilancio al , nel maggio 2014, sono stati distribuiti n. 161, buoni spesa del valore di 20,00 euro, ai soci presenti, proseguendo con la tradizione che contraddistingue la nostra cooperativa dalla sua fondazione e come segnale di interesse alla partecipazione dei soci alle attività sociali. Per l assemblea dei soci del maggio 2015, tale buono di presenza, è stato stabilito dal C.d.A. in 40,00 euro. 2 Analisi della situazione della società, dell andamento e del risultato di gestione La situazione della società, il suo andamento e il suo risultato di gestione sono analizzati nei capitoli che seguono, specificamente dedicati allo scenario di mercato e ai prodotti e servizi offerti, agli investimenti e ai principali indicatori dell andamento economico e dell evoluzione della situazione patrimoniale e finanziaria. L analisi tiene conto dei seguenti aspetti di fondo: la società non controlla nessuna società né è controllata da altra società; è di totale proprietà dei soci; non ha dipendenti. Il risultato dell esercizio 2014 è in linea con le finalità mutualistiche della Cassa Cooperativa dipendenti Servizi Pubblici Mobilità Integrata E.R. che sono l applicazione del mandato statutario. Si è tutelato il risparmio delle famiglie depositato presso la Cassa Cooperativa che nonostante il momento di crisi generale

5 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.5 del paese è passato da (2013) a (2014) questo (+ 3,3% sul 2013) sommando l incremento del 2013 sul 2012, di cui abbiamo già dato conto nella relazione dello scorso bilancio al , si arriva ad una cifra di ( + 12,2 % sul 2012). Questi valori sono una chiara dimostrazione che gli eventi sui mercati finanziari trovano risposte concrete per il risparmio dei soci nell attività della Cassa Coop dipendenti Servizi Pubblici Mobilità integrata E.R anche se è chiaro che questo valore è molto più volatile rispetto al passato, per le dinamiche finanziarie che caratterizzano in questo periodo la vita delle famiglie. Nel bilancio 2014 la cifra pagata ai soci per interessi, per loro, attivi di euro pari al 38,3 % dei costi totali della Cassacoop. Si vedrà nel seguito come questo fatto, nel corso del 2014, ha imposto al CdA di effettuare azioni precise e mirate per l equilibrio economico della cassa stessa visto che si è deciso di non aumentare il tasso dei prestiti ai soci nonostante la comparazione con il mercato lo permettesse. 2.1 Scenario di mercato e posizionamento Mercato ed andamento investimenti Le turbolenze derivanti dal biennio hanno portato ad un ciclo economico recessivo, che ha continuato a far sentire i suoi pesanti effetti recessivi anche nel 2014, durante il quale, si sono fatti ancora più forti con l aumento della disoccupazione in particolare quella giovanile per il 2014 nell area Euro sono previsti segnali di ripresa più marcati anche se sembra presentarsi qualche segnale debole di ripresa nei primi mesi del 2015 nell area Euro un pò meno intensa in Italia.

6 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.6 La crisi finanziaria non è ancora terminata, e per l Eurozona si pone anche il problema del debito pubblico della Grecia che di fatto condiziona tutto il sistema dell Euro provocando una instabilità e timori importanti a tutto il sistema finanziario. Per quanto riguarda Cassacoop questo ha avuto un effetto collegato da un lato ai prestiti e dall altro all erogazione dei mutui. Dopo aver avuto certezza che i soci dipendenti di ATC spa erano rientrati in seno a TPER spa nel maggio 2014 il CdA ha teso a favorire l erogazione di mutui ma come si vede dalla figura il mercato è in una fase estremamente recessiva.

7 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.7 Nel 2014 il tasso euribor ha fotografato in modo chiaro con il suo andamento questo scenario di prosecuzione ed acutizzazione della crisi economica nella zona europea che ha portato ad importanti interventi della BCE che hanno avuto anche pesanti discussioni politiche per la loro deliberazione. L'attività di nicchia, statutariamente e legislativamente mirata ai soli soci, della Cassa Coop ha dimostrato una volta di più, con la sua natura mutualistica, di costituire un elemento di diversità e di sicurezza per il denaro dei propri soci evidenziando come il futuro della finanza debba prevedere anche piccole realtà finanziarie, non globali, che proprio sull onda delle direttive dell UE prevedono che il mondo finanziario si debba arricchire di soggetti locali che possono con un limitato livello di attività lenire gli effetti delle scosse finanziarie per le famiglie. L utilizzazione di strumenti con basso profilo di rischio ha fatto si, peraltro, che pur aumentando nel 2014 rispetto al 2013 la parte di interessi derivanti dagli investimenti in titoli associati all andamento Euribor non

8 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.8 abbia dato un contributo quale quello sperabile al bilancio, anche perché è rimasta costante, per i motivi suddetti (rischio uscita soci, volontà di concedere mutui), la parte di obbligazioni euro ,00 (2014). Sono praticamente invariati i crediti alla clientela da euro (2013) ad euro (2014) poiché il numero limitato di mutui è stato equilibrato da un maggior numero di prestiti.. L aumento della liquidità al è di euro, rispetto al ( da notare che nel 2013 tale aumento di della liquidità che era la differenza tra 2012 e 2013 era determinato in parte dall incremento del prestito sociale). Si osserva che a differenza del 2013 la liquidità è cresciuta meno dell aumento del prestito sociale per le azioni intraprese dal CdA. Questo sforzo del Cda verso la remunerazione dei risparmi dei soci è stato possibile grazie alla qualità dell attivo della Cassa coop poiché con un attivo di qualità scarsa questa operazione non sarebbe stata possibile. Mutui erogati ai soci Nel 2014 il tasso dei mutui erogati dalla Cassacoop è rimasto al 4,15% mantenuto sino al e coerentemente con gli obiettivi di massimizzazione del vantaggio dei soci è stato previsto dal CdA un ristorno per i soci mutuatari proporzionale agli interessi pagati. L obiettivo di questo CdA è di mantenere anche nel 2015 questo valore e nel contempo assicurare un ristorno ai soci mutuatari anche per il Il tasso misto dei mutui erogati ai soci (con decisa prevalenza di quota parte fissa), concesso dalla Cassa Cooperativa è un elemento fondamentale nella politica di gestione finanziaria della Cassacoop a tutela e per la remunerazione del risparmio sociale. Nel 2014 si è registrato un mantenimento al ribasso delle erogazioni di mutuo nel sistema nazionale, nonostante un aumento delle domande derivanti dalle condizioni vantaggiose delle offerte sul mercato delle abitazioni. Si nota nella figura sotto riportata che la domanda di mutui è molto maggiore, curva più alta nel 2014 rispetto all offerta più in basso, in fig. (b), ma sia le banche che la Cassacoop hanno ben precise condizioni di erogabilità, dei mutui stessi, e, quindi, le erogazioni sono molto inferiori alla domanda potenziale.

9 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.9 Dal 3 febbraio 2014 il CdA ha infatti stabilito che, nell ambito del periodico stanziamento di cifre per l erogazione di mutui ai soci saranno utilizzati i seguenti criteri di priorità per l erogazione : - copertura finanziaria richiesta (avrà la precedenza chi richiede una minor percentuale di copertura rispetto al valore di acquisto dell immobile); - numero di rate (avrà precedenza chi richiede un mutuo di minor durata); - reddito familiare (la rata annua non deve superare il 40% del reddito familiare). Prestiti erogati ai soci Per quanto riguarda i prestiti, nel 2014, non sono stati effettuati interventi sui tassi dei prestiti mantenendo caratteristiche estremamente vantaggiose per i soci vista la fase recessiva e i tassi sul mercato. In particolare è stato definito un tasso unico del 5,98 TAN per l apertura di nuovi prestiti personali. Per i prestiti in corso il tasso è rimasto del 6,22 TAN. I soci che in corso d anno effettuano una integrazione del prestito di almeno 1000,00 euro possono accedere al nuovo tasso. Per le cessioni del quinto dello stipendio sia dei soci attivi che dei soci in quiescenza tramite INPS il tasso è del 6,50 TAN. Servizi ai soci

10 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.10 Per quanto riguarda i servizi ai soci si è attivato, naturalmente non a vista, anche il servizio di bonifici (solo da e verso loro c/c accesi presso altri istituti). Visto l andamento crescente significativo anche nel 2014 del prestito sociale il CdA per assicurare un corretto risultato di gestione alla Cassacoop e al fine di riallineare, sempre con vantaggio per i soci, le condizioni rispetto ad investimenti simili ha stabilito, nella riunione del , di portare i tassi attivi per i soci prestatori ai seguenti valori: - 1,10% per depositi sino ad euro ,80% per depositi tra e ,66. Questa scelta è stata intrapresa sulla base delle scelte della BCE nel corso della riunione del 04/09/2014 che ha deciso un taglio di dieci punti base dei tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rispettivamente allo 0,05%, allo 0,30% e al -0,20%. Nella stessa riunione il CdA tenendo conto dell andamento dell offerta dei mutui ha stabilito di erogare un ristorno e di destinarlo interamente ai soci che hanno un mutuo con la Cassacoop. Si sottolinea come i depositi in Cassa Cooperativa siano sempre disponibili per il socio e non soggetti ad oscillazioni di mercato. 2.2 Investimenti effettuati Gli investimenti significativi effettuati dalla società sono quelli di seguito indicati. Investimenti in immobilizzazioni immateriali: Non sono stati effettuati investimenti per il Investimenti in immobilizzazioni materiali: E stato inserito un server più performante per velocizzare le attività dell ufficio. Investimenti in immobilizzazioni finanziarie: IMMOBILIZZAZI VALORE FAIR VALUE NOTE DI SCADENZA TASSO ONI CONTABILE COMMENTO RENDIMENTO

11 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.11 FINANZIARIE PARTEC. IN IMPR. CONTR.NTI 0 0 PARTEC. IMPRESE altre partecipazioni 0 0 IMMOBILIZZAZIONI VALORE FAIR VALUE NOTE DI SCADENZA TASSO FINANZIARIE CONTABILE COMMENTO RENDIMENTO PARTEC. IN IMPR. 0 0 CONTR.NTI PARTEC. IMPRESE altre partecipazioni 0 0 CREDITI VERSO IMPR. CONTR.TE 0 0 CREDITI VERSO IMPR. COLL.TE 0 0 CREDITI VERSO IMPR. CONTR.NTI 0 0 CREDITI VERSO ALTRI 0 0 Cauzioni immobilizzate 0 0 AlLTRI TITOLI /01/2017 Certificati deposito 36 mesi tasso 3% Intenzione di Cassa XS RABOBANK 3% 15 TLX d.s.p.m.i.er è di detenere l'obbligazione 25/09/2015 Tasso fisso 3% lordo annuo. fino a scadenza.

12 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.12 Intenzione di Cassa Tasso indicizzato IT UNICREDIT 15 TV d.s.p.m.i.er è di detenere l'obbligazione 26/06/2015 Euribor tre mesi puntuale. fino a scadenza. Intenzione di Cassa IT UNICREDIT 16-2,30% d.s.p.m.i.er è di detenere 29/11/2016 Tasso fisso 2,3% lordo anuo l'obbligazione fino a scadenza Intenzione di Cassa IT BDB 15/03/ d.s.p.m.i.er è di detenere 15/03/2015 Tasso fisso 2,45% lordo annuo l'obbligazione fino a scadenza Intenzione di Cassa d.s.p.m.i.er è di detenere Per il 1 e il 2 IT BDB 01/12/ l'obbligazione a scadenza quando si tornerà in possesso del valore nominale, 01/12/2015 anno tasso fisso 3%, per i restanti anni euribor semestrale flat. pertanto non si è ritenuto essere in presenza di

13 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.13 perdite durevoli di valore. Intenzione di Cassa d.s.p.m.i.er è di IT BDB 05/03/ detenere l'obbligazione a 05/03/2015 Tasso anno, 4,5% lordo. scadenza. AZIONI PROPRIE Nel corso del 2014 si è mantenuta la diversificazione, come già illustrato, di istituti di credito/prodotti finanziari al fine di portare il rischio a livello sistemico. Nella seconda parte del 2015 sarà necessario effettuare investimenti su prodotti diversificati fra tutte le Banche che operano con Cassacoop per investire in modo più redditizio la liquidità presente presso Unicredit. 2.3 Commento ed analisi degli indicatori di risultato Nei capitoli che seguono vengono separatamente analizzati l andamento economico, patrimoniale e finanziario con l utilizzo di specifici indicatori di risultato, prima finanziari e poi non finanziari Commento ed analisi degli indicatori di risultato finanziari Gli indicatori di risultato finanziari sono ricavati direttamente dai dati di bilancio, previa sua riclassificazione.

14 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag Stato patrimoniale e conto economico riclassificati Stato Patrimoniale - Riclassificazione finanziaria riclassificazione patrimoniale finanziaria attività a breve attività a m/l termine immobilizzazioni tecniche totale attivo passività a breve passività consolidate mezzi propri totale passivo In ogni caso è evidente che il rapporto tra patrimonio netto e attività m/l termine è rappresentativo di una ,06% ,34% ,16% ,39% ,44% ,29% copertura molto più elevata per Cassacoop di quella delle banche italiane; nel 2014 si può osservare che :

15 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.15 Le attività svolte nel 2014 che stanno proseguendo nel 2015 e le politiche di bilancio che si evidenziano: nel ristorno ai soci mutuatari, nel capitale sociale, e nella suddivisione degli utili previste nel presente bilancio al rafforzeranno la posizione patrimoniale della Cassacoop. Il Patrimonio Netto si è mantenuto pressochè costante nel La cosa più importante, e coerente con i valori praticati, è che la Cassa Coop non ha, né ha mai avuto, prodotti finanziari tossici nel suo portafoglio. Conto economico Riclassificazione

16 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.16 riclassificazione conto economico margine d'interesse commissioni nette margine di intermediazione rettifiche su valori contabili risultato netto della gestione finanziaria spese per il personale altre spese amministrative rettifiche di valore nette su attività materiali e immateriali altri (oneri) proventi straordinari costi operativi utile dell'operatività corrente al lordo delle imposte (oneri) proventi straordinari imposte sul reddito utile netto Analisi degli indicatori di risultato finanziari Di seguito vengono analizzati alcuni indicatori di risultato finanziari scelti tra quelli ritenuti più significativi in relazione alla situazione della società. Gli stessi sono suddivisi tra indicatori economici e patrimoniali. INDICATORI ECONOMICI L indicatore economico individuato è il R.O.E. (Return On Equity) Descrizione E il rapporto tra il reddito netto ed il patrimonio netto (comprensivo dell utile o della perdita dell esercizio) dell azienda. Esprime in misura sintetica la redditività e la remunerazione del capitale proprio. Utile dell esercizio / Patrimonio netto ROE ,49% ,80% ,24% ,72%

17 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag ,51% ,96% ,89% ,92% Si può osservare che, nel 2014, il ROE è rimasto praticamente costante grazie all azione sui prestiti che ha di fatto compensato la riduzione dei mutui erogati. Si riporta a tittolo informativo il ROE dei gruppi bancari italiani nel 2014 che come si osserva è mediamente negativo. Si ricorda peraltro che per i soci, sia creditori che debitori, il ROE non rappresenta in effetti il rendimento della loro attività con la Cassa Coop, infatti, hanno già beneficiato dei risultati della gestione della Cassa Cooperativa attraverso gli interessi attivi percepiti o utilizzando il denaro della Cassa Cooperativa. Il rendimento per i soci, come noto, è quindi ben superiore al valore della remunerazione del capitale misurata attraverso questo indice. Ad ogni modo pur essendo superiore a quello delle banche in questi anni di crisi e di pulizia dei bilanci si sottolinea che il fine sociale della nostra Cassacoop è lo scambio mutualistico e il migliore ai soci.

18 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.18 Nel 2014 sono stati riconosciuti ristorni per euro ,00 ai soci che hanno contratto un mutuo con Cassacoop. INDICATORI PATRIMONIALI Gli indicatori patrimoniali individuati sono il CCN e l indice di liquidità immediata (o acid ratio). Capitale circolante netto euro (attività correnti passività correnti) CCN L aumento di tale indice ai livelli del 2014 impone al CdA di avviare politiche di investimento nel corso del Indice di liquidità immediata cassa-banche/passività correnti , , , , , , , , L indice del 2014, è in linea con la politica di gestione prudenziale del CdA della Cassacoop.

19 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.19 La Cassa Cooperativa dipendenti Servizi Pubblici Mobilità Integrata E.R. dispone della liquidità immediata necessaria per effettuare le proprie attività istituzionali Commento ed analisi degli indicatori di risultato non finanziari Gli indicatori di risultato non finanziari per una cooperativa che non ha dipendenti e non ha un sistema produttivo si riducono alla valutazione del costo dei servizi utilizzati per la gestione sui ricavi. Peraltro la Cassacoop considera le indicazioni della società erogatrice dei servizi e periodicamente effettua verifiche tese ad assicurare la massima qualità operativa per la Cassacoop anche attraverso il riconoscimento di periodi di affiancamento tesi ad assicurare la continuità operativa Analisi degli indicatori di risultato non finanziari Di seguito vengono analizzati alcuni indicatori di risultato non finanziari scelti tra quelli ritenuti più significativi in relazione alla situazione della società. La politica gestionale della Cassa Cooperativa dipendenti Servizi Pubblici Mobilità Integrata E.R. è impostata al mantenimento di una struttura assolutamente snella, poiché priva di dipendenti e di immobilizzazioni significative. Il costo per questo servizio in relazione alle attività sviluppate è un tema di continua analisi e riflessione del CdA di Cassa Coop. Sin dal settembre 2013, come noto, gli uffici di Cassacoop presso il circolo si sono trasferiti in un ambiente più funzionale e più adeguato al rapporto con i soci. Costo dei servizi amministrativi acquistati sui ricavi totali Indice costi amministrativi su ricavi totali

20 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.20 indice costi amministrativi su ricavi totali costi amministrativi ricavi totali percentuale % 26% 35% % % % % % La riduzione dei costi è avvenuta principalmente per la riduzione del costo per la prestazione dei servizi di gestione che come anticipato nel corso dell assemblea del 2014 è passato da euro (2013) a euro (2014). Alcuni consiglieri delegati controllano regolarmente le attività della Cooperativa Dozza fornitrice dei servizi amministrativi alla Cassacoop. Attività specifiche di gestione nel 2014 Attività istituzionali La Cassa Coop è socio fondatore di ASSOCOOPFIN (www.assocoopfin.it) con le Casse Coop di Genova (AMT) e Napoli (Circumvesuviana e IRIN) e la CAMA (Cassa dell azienda trasporti di Catania). Dal 2013 altre Cooperative tra dipendenti di Enti Pubblici, hanno aderito all associazione dimostrando che l idea iniziale era corretta. Cassa coop manterrà il suo ruolo all interno di ASSOCOOPFIN al fine di tutelare l operatività della cassa coop in futuro e partecipa alle riunini dell Associazione. Attività gestionali E stato attivo per tutto il 2014 il processo di diversificazione del rischio attraverso l apertura di collaborazioni con istituti bancari : Unicredit, Banca di Bologna, Unipol Sai ed Emilbanca. Si mantengono le posizioni, come osservabile in nota integrativa: una polizza vita Unipol beneficiario Cassacoop; quote limitate di capitale remunerato di Emilbanca; quote limitate di capitale remunerato di Banca di Bologna. Grazie alle quote in possesso Cassaccop è socia di Emilbanca e Banca di Bologna con i relativi benefici di trattamento.

21 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.21 Non è previsto l ampliamento dei rapporti con altri istituti di credito nel corso del 2015 e sino al termine del mandato di questo CdA ma al contrario saranno valutate con questi istituti ipotesi di investimento per la liquidità presente nella Cassacoop al Causa Fabbri La seduta d appello proposta dal ricorrente contro TPER spa e Cassaccoop si è tenuta il 21 gennaio Anche questo ricorso è stato respinto confermando l operato di Cassacoop e di TPER spa su questa vicenda. La sentenza è stata notificata al ricorrente il 9 aprile 2014 e lo stesso aveva 60 gg di tempo per presentare un eventuale ricorso in III grado. La cosa non è avvenuta e quindi la causa è conclusa ribadendo la trasparente azione della Cassacoop. A tal fine i fondi che erano stati accantonati prudenzialmente vengono smobilizzati al fine di avvantaggiare il trattamento verso i soci nel bilancio al Criteri seguiti per l ammisisone di nuovi soci In relazione alle determinazioni assunte dagli amministratori con riguardo all ammissione di nuovi soci, confermiamo che sono stati strettamente seguiti i criteri previsti dall articolo 6 dello statuto sociale che prevede che possono essere soci i soggetti dipendenti dell azienda pubblica di riferimento, TPER SPA, per i quali valgano gli accordi aziendali di secondo livello relativi alla Cassacoop. Possono essere inoltre ammessi alla qualifica di socio anche i dipendenti cessati a condizione che al momento della cessazione abbiano superato i 55 anni di età. In particolare gli interessati presentano domanda scritta al Consiglio il quale ne delibera l ammissione accertata l esistenza dei requisiti di cui all art. 6. Studio di consulenza Contabile Anche nel corso del 2014 è proseguito in modo proficuo il lavoro con lo studio di Commercialisti avviato dal I servizi richiesti sono aumentati per rendere l attività della Cassa Coop coerente con le continue variazioni legislative. Organizzazione della Cassa Cooperativa

22 Relazione del Consiglio-esercizio 2014 pag.22 Per tutto il 2014 è stato possibile utilizzare, grazie alle condizioni espressamente previste nel contratto di servizi con Coop Dozza, la nuova sede di ricevimento dei soci nell ambito del circolo S. Felice a vantaggio dei tempi dei soci stessi. E in uso, dal 2010, un modello di deleghe operative per il CdA per assicurare la necessaria azione da parte dei consiglieri. Le riunioni del CdA si tengono regolarmente nella sede della Cassacoop di via di Saliceto, 3. 3 Informazioni sui principali rischi ed incertezze Nei capitoli che seguono vengono separatamente analizzati i principali rischi ed incertezze, trattando prima di quelli finanziari e poi di quelli non finanziari. 3.1 Rischi finanziari Rischio operativo Il rischio operativo è quello tipico di ciascuna impresa ed è collegato alla variabilità del profitto atteso, misurato in termini di risultato per i soci, cioè di ROE, tenuto conto ovviamente del rischio sopportato. Il rischio operativo per la Cassa Cooperativa è mantenuto basso per l applicazione sempre precisa, da parte dei membri del CdA che si susseguono nella governance, dei vincoli statutari. E proprio la tipologia di investimenti finanziari scelti, al di fuori dello scambio mutualistico, che tiene basso il rischio operativo degli investimenti finanziari. E proprio questo tipo di valore cooperativo che ha tenuto la Cassa Cooperativa fuori dalla tempesta finanziaria del e ha permesso grazie alla qualità del suo attivo di perseguire nel 2014 una politica di concessione di finanziamenti ai soci anticiclica rispetto al sistema bancario anche se con una decisa contrazione dei mutui erogati. Allo stesso tempo questo spiega perché il ROE della Cassa Cooperativa non sia mai elevatissimo. Peraltro c è da dire che la pulizia dei bilanci delle Banche dai titoli critici ha portato come abbiamo visto a ROE di valore negativo.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Cos è una cooperativa e come si costituisce

Cos è una cooperativa e come si costituisce Cos è una cooperativa e come si costituisce SOMMARIO 1. Introduzione al mondo della cooperazione 2. La società cooperativa 3. Costituzione di una cooperativa 4. Libri e adempimenti formali della cooperativa

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013

Relazioni e Bilancio di Esercizio 2013 Relazionii e Bilancio di Esercizio 2013 Sede Legale: Via Calamandrei, 2555 52100 AREZZO Sede Amministrativa: Via Francesco De Sanctis, 11 00195 ROMA C.F. e P.IVA 01652770510 Capitale Sociale: euro 51.080.900

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli