7/8. Luglio Agosto in questo numero: Anno 31 n. 07/08 Luglio/Agosto per una scuola libera. Intervallo tra due rapporti di lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "7/8. Luglio Agosto 2012. in questo numero: Anno 31 n. 07/08 Luglio/Agosto 2012. per una scuola libera. Intervallo tra due rapporti di lavoro"

Transcript

1 a cura di Pierluigi Cao per una scuola libera Intervallo tra due rapporti di lavoro a tempo determinato (secondo le modifiche della Riforma del Lavoro e del Decreto Sviluppo) PRIMA DELLA RIFORMA FORNERO (D. L.vo n. 368/ Art. 5, c. 3) Prima della Riforma Fornero, il D. Lvo 368/2001 stabiliva che l intervallo minimo tra due contratti a tempo determinato doveva essere, di 10 o di 20 giorni, nel caso in cui il precedente contratto avesse avuto, rispettivamente, una durata fino a 6 mesi o superiore a 6 mesi. RIFORMA FORNERO (Legge n. 92/ Art. 1, c. 9) La Riforma del Mercato del Lavoro, entrata in vigore il 18 luglio 2012, ha modificato la c.d. vacanza contrattuale tra due contratti a tempo determinato aumentando l intervallo minimo tra due successivi contratti: a 60 giorni, nel caso in cui il precedente contratto abbia durata fino a 6 mesi; a 90 giorni, nel caso in cui il precedente contratto abbia durata superiore a 6 mesi. In deroga ai precedenti termini, la riforma ha previsto che i Contratti Collettivi possano ridurre la vacanza tra due contratti da 60 a 20 giorni o da 90 a 30 giorni, se si verificano una delle seguenti 5 motivazioni organizzative: Avvio di una nuova attività. Lancio di un prodotto o di un servizio innovativo. Implementazione di un rilevante cambiamento tecnologico. Fase supplementare di un significativo progetto di ricerca e sviluppo. Rinnovo o proroga di una commessa consistente. Tuttavia, poiché la motivazione del contratto a tempo determinato, stipulato ai docenti, in applicazione del contratto AGIDAE, non rientra nelle 5 cause riportate dalla legge, la riforma non permette di attivare un nuovo contratto di docenza se non dopo tre mesi, che corrisponde, nella maggior parte dei casi, ad iniziare il nuovo contratto ad anno scolastico già avviato. DECRETO SVILUPPO (DL. n. 83/ Art. 46 bis) Con l approvazione definitiva del decreto sullo sviluppo, in data 3 agosto 2012, è stata data alle Organizzazioni firmatarie dei CCNL ulteriori possibilità di modifica dei termini di intervallo tra successivi contratti a tempo determinato. Infatti, l art. 46 bis ha stabilito che: I termini ridotti di cui al primo periodo (rispettivamente 20 e 30 giorni) trovano applicazione per le attività di cui al comma 4-ter e in ogni altro caso previsto dai contratti collettivi stipulati ad ogni livello dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. Poiché le Organizzazioni sindacali hanno la facoltà di ampliare i casi in cui sia prevista la riduzione della vacanza tra due contratti a tempo determinato, la Commissione Paritetica Nazionale AGIDAE-OO.SS. prenderà in esame i casi contrattualmente previsti dei docenti assunti successivamente a tempo determinato, in particolare riguardanti i docenti non abilitati, onde ripristinare i termini di 20 e 30 giorni di intervallo tra i due contratti a tempo determinato, al fine di evitare che un successivo contratto possa essere stipulato solo ad anno scolastico inoltrato. Appena verrà sottoscritto l accordo sindacale, ne daremo tempestiva informazione tramite il servizio news del nostro sito. Bollettino mensile sindacale SI.N.A.S.CA. Dir. Resp. Mariagrazia Villa Redazione: V.le Giulio Cesare, Roma - Tel. 06/ Fax 06/ Aut. Trib. 3/82 del Anno 31 - n. 7/8 - LUGLIO-AGOSTO 2012 Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - 70% - C/RM/DCB Stampa: Litografia Graphital - Via Torrazza Corcagnano (Parma) - Tel. 0521/ /8 Luglio Agosto 2012 in questo numero: Anno 31 n. 07/08 Luglio/Agosto 2012 Intervallo tra due rapporti di lavoro a tempo determinato...pag. 1 Tempo determinato per l assunzione di docenti non abilitati... 2 Contratto a tempo determinato senza causale... 3 Dimissioni volontarie dal lavoro... 3 Iter delle dimissioni volontarie dal lavoro... 4 Occhio alla busta paga... 5 Calendario scolastico nazionale... 6 Quesiti lavoro... 6 Disdetta del CCNL/AGIDAE - Scuola... 8 INFO DAL SITO CCNL AGIDAE/SCUOLA Dal sito - alla voce Puntualizzazioni contrattuali - puoi trovare informazioni dettagliate sui seguenti temi contrattuali e lavoristici: Aspettative - Congedi Commissioni paritetiche VERBALI Contratto di solidarietà Ferie Graduatorie interne di Istituto Le 70 ore LEGISLAZIONE collegata al CCNL Malattia Orario di lavoro Permessi Personale docente e direttivo Premio annuale di produzione (PAP) Retribuzione Risoluzione del rapporto di lavoro Tempo Determinato Trasferimento di gestione della scuola 1 sinasca 7-8/2012 SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASCA - SINASC

2 SINASCA - TEMPO DETERMINATO PER I DOCENTI NON ABILITATI - SINASCA - TEMPO DETERMINATO PER I DOCENTI NON ABILITATI - SINASCA - TEMPO DETERMINATO PER I DOCENTI NON ABILITATI - SINASCA - TEMPO DETERMINATO PER I DOCENTI NON ABILITAT 2 sinasca 7-8/2012 TEMPO DETERMINATO Assunzione di docenti di scuola secondaria privi del titolo di abilitazione a cura di Pierluigi Cao Il vigente CCNL - AGIDAE, all art. 23.1, dà la possibilità alle scuole paritarie, in carenza di docenti abilitati, di assumere personale docente di scuola secondaria anche se non fornito del titolo di abilitazione. Tuttavia, è stabilito che il contratto di lavoro sia a tempo determinato. Il citato articolo recita: In casi particolari di effettiva carenza di personale abilitato, i Gestori delle Scuole paritarie potranno conferire incarichi a tempo determinato fino alla sospensione delle lezioni e delle attività connesse, compresi eventuali esami, a personale fornito solo del prescritto titolo di studio. Quanto deciso contrattualmente è stato ribadito dalla Nota del MIUR dell 11 luglio 2012, sotto riportata, che fa riferimento non solo al possibile esaurimento delle graduatorie, ma anche al caso di non disponibilità di docenti abilitati ad assumere incarichi nelle scuole paritarie, con conseguente difficoltà per le scuole stesse a reperire docenti abilitati. In relazione all imminente avvio dei corsi di TFA, che consentiranno di disporre di un maggior numero di docenti abilitati, la Nota sottolinea la possibilità dei gestori delle scuole paritarie - fino al termine dei predetti corsi - di conferire incarichi anche a personale fornito solo del prescritto titolo di studio, qualora ricorrano i situazioni sopra indicate. Ministero dell Istruzione, della Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l Autonomia Scolastica Ufficio X MIURAOODGOS prot. n /R.U./U Roma, 11 luglio 2012 OGGETTO: scuole paritarie - personale docente abilitato all insegnamento - Tirocinio Formativo Attivo Da alcuni Uffici scolastici regionali è stata segnalata l impossibilità per i gestori di scuole paritarie di reperire personale fornito del prescritto titolo di abilitazione; in particolare, nelle province nelle quali si registra l esaurimento delle graduatorie provinciali per alcune materie. Inoltre, in alcune province la scarsa consistenza delle graduatorie e/o la non disponibilità ad accettare incarichi nelle scuole paritarie, manifestata dagli aspiranti inseriti nelle graduatorie ad esaurimento, rendono estremamente difficoltoso per i gestori delle scuole paritarie reperire docenti abilitati disponibili ad assumere incarichi nelle scuole stesse. Premesso quanto sopra e tenuto conto dell imminente avvio dei corsi di Tirocinio Formativo Attivo, che consentiranno di disporre di un maggior numero di docenti in possesso dell abilitazione all insegnamento, si ritiene che, fino al termine dei predetti corsi, i gestori delle scuole paritarie possano conferire incarichi anche a personale fornito solo del prescritto titolo di studio qualora ricorrano le situazioni sopra descritte. Il Direttore Generale Carmela Palumbo

3 1) CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO SENZA CAUSALE (art. 1 comma 9 Legge n. 92/2012) L art. 1 comma 9 della Riforma Fornero del lavoro permette di stipulare nei confronti di un dipendente di qualsiasi livello per qualsiasi tipo di mansione un contratto a TEMPO DETERMINATO senza indicare la causale, prevista dall articolo 1, comma 1, del D.L.vo n. 368/2001 per la stipula di un contratto a tempo determinato. In altri termini, viene meno il requisito della sussistenza delle ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo. REQUISITI E CONDIZIONI Per poter stipulare un contratto a tempo determinato privo di causale è necessario che: la durata massima del contratto sia di 12 mesi; si tratti del primo rapporto di lavoro a tempo determinato stipulato tra le parti. Il contratto a tempo determinato di cui sopra non può essere oggetto di proroga. PRECISAZIONI La Circolare del Ministero del Lavoro n. 18 del 18/07/2012 fornisce le seguenti precisazioni sulla possibilità di stipulare un contratto a tempo determinato senza causale. 2) DIMISSIONI VOLONTARIE DAL LAVORO (art. 4 commi Legge n. 92/2012) a cura di Pierluigi Cao Il dipendente ha la facoltà di recedere dal rapporto di lavoro in qualsiasi momento dell anno e della sua attività lavorativa, con atto volontario e unilaterale formalizzato attraverso comunicazione scritta da far pervenire al datore di lavoro. Dal 18 luglio 2012, l articolo 4, commi 6-12, della legge n. 92/2012 (c.d. Riforma del mercato del lavoro) prevede PER TUTTI I DIPENDENTI l obbligo di convalidare le dimissioni volontarie. Prima della riforma la convalida era dovuta solo per le dimissioni protette riguardanti la lavoratrice-madre e il lavoratore-padre (estese dalle nuove disposizioni ai primi 3 anni di vita del figlio e ai primi 3 anni di accoglienza del minore adottato o in affidamento). PER TUTTI I DIPENDENTI a cura di Pierluigi Cao 1) Il contratto - finalizzato ad una migliore verifica delle attitudini e capacità professionali del lavoratore in relazione all inserimento nello specifico contesto lavorativo - si può stipulare una e una sola volta tra due medesimi soggetti. 2) Nel primo rapporto a tempo determinato, rientra anche il caso di prima missione di un lavoratore nell ambito di un contratto di somministrazione di lavoro a tempo determinato. 3) Non è possibile stipulare il contratto con lo stesso datore di lavoro, anche nel caso in cui il precedente rapporto sia stato - con lo stesso datore di lavoro - a tempo indeterminato. 4) È irrilevante la mansione cui è adibito il lavoratore. Il requisito di primo rapporto si riferisce esclusivamente ai soggetti stipulanti il contratto. 5) Il periodo dei 12 mesi non costituisce una franchigia - o comunque un periodo in qualche modo frazionabile - nell ambito del quale si è sempre esonerati dall individuazione della causale. Infatti il primo rapporto a termine acausale non è in nessun caso prorogabile, nemmeno qualora lo stesso abbia avuto una durata inferiore ai 12 mesi e sino a tale durata massima. La nuova normativa prescrive che, per tutti i dipendenti, indipendentemente dalla situazione genitoriale, le dimissioni o la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro siano sospensivamente condizionate fino a convalida. La Circolare del Ministero del lavoro n. 18 del 18 luglio 2012 tiene a precisare che la convalida non è richiesta nelle ipotesi in cui la cessazione del rapporto di lavoro rientri nell ambito di procedure di riduzione del personale svolte in una sede qualificata istituzionale o sindacale, in quanto tali sedi offrono le stesse garanzie di verifica della genuinità del consenso del lavoratore Un altro importante aspetto introdotto dalle nuove disposizioni (art.4, comma 21) dettate dalla Riforma concerne il diritto di ripensamento, che stabilisce la possibilità da parte del dipendente di revocare le dimissioni o la risoluzione consensuale. Alla pagina 4 è riportata la sintesi della procedura. 3 sinasca 7-8/2012 SINASCA - TEMPO DETERMINATO SENZA CAUSALE - DIMISSIONI VOLONTARIE - SINASCA - TEMPO DETERMINATO SENZA CAUSALE - DIMISSIONI VOLONTARIE - SINASCA - TEMPO DETERMINATO SENZA CAUSALE - DIMISSIONI VOLONTARIE - SINASCA - TEMPO

4 SINASCA - L ITER DELLE DIMISSIONI VOLONTARIE - SINASCA - L ITER DELLE DIMISSIONI VOLONTARIE - SINASCA - L ITER DELLE DIMISSIONI VOLONTARIE - SINASCA - L ITER DELLE DIMISSIONI VOLONTARIE - SINASCA - L ITER DELLE DIMISSIONI VOLONTARIE - SINASC 4 sinasca 7-8/2012 Il nuovo iter delle DIMISSIONI VOLONTARIE o della RISOLUZIONE CONSENSUALE del rapporto di lavoro - Art. 4 commi della Legge n. 92/ (Disposizioni in vigore a partire dal 18 luglio 2012) a cura di Pierluigi Cao (La procedura sotto riportata vale in tutti i casi, eccetto che per le dimissioni o la risoluzione consensuale, cosiddette tutelate, presentate dalle lavoratrici e dai lavoratori entro i primi tre anni di età del figlio o nei primi tre anni di accoglienza del minore adottato o in affidamento) IL LAVORATORE O LA LAVORATRICE Comunica per iscritto al datore di lavoro le dimissioni volontarie dal lavoro Le dimissioni sono condizionate a CONVALIDA o a CONFERMA da parte della lavoratrice o del lavoratore allo scopo di accertare la veridicità della data e la genuina volontà del dipendente di dimettersi dal lavoro, onde impedire le cosiddette dimissioni in bianco. Al dipendente è anche concessa la facoltà di ripensamento tramite la REVOCA delle dimissioni. La lavoratrice o il lavoratore, ENTRO 7 GIORNI di calendario dalla ricezione dell invito comunicato dal datore di lavoro, può alternativamente: CONVALIDARE le dimissioni presso: 1) la Direzione territoriale del lavoro; oppure 2) il Centro per l impiego; oppure 3) altre Sedi individuate dal CCNL. Su specifico accordo la convalida potrà avvenire in sede sindacale CONFERMARE le dimissioni sottoscrivendo una dichiarazione (recapitata al dipendente a cura del datore di lavoro) in calce alla ricevuta che il datore di lavoro ha trasmesso al Centro per l impiego per comunicare la cessazione del rapporto di lavoro REVOCARE le dimissioni con atto formalizzato. Il rapporto riprende a tutti gli effetti a partire dal giorno successivo alla revoca. Nel periodo tra le dimissioni e la revoca non si matura alcun diritto retributivo. Qualora ENTRO 7 GIORNI DI CALENDARIO dal ricevimento dell invito da parte del datore di lavoro la lavoratrice o il lavoratore NON CONVALIDA, NON CONFERMA, NON REVOCA le dimissioni, il rapporto di lavoro si considera risolto a tutti gli effetti. IL DATORE DI LAVORO ENTRO 30 GIORNI dalle dimissioni il datore di lavoro (pena l inefficacia delle dimissioni) - tramite comunicazione scritta recapitata al domicilio del dipendente o consegnata a mano con ricevuta - deve invitare il dipendente a convalidare o a confermare le dimissioni.

5 OCCHIO ALLA BUSTA PAGA Il contratto nazionale AGIDAE dei dipendenti delle Scuole cattoliche, firmato il 9 dicembre 2010, prevede alcune modifiche retributive nelle prossime mensilità di giugno/ottobre È bene, quindi, controllare le buste paga relative ai mesi giugno/ottobre 2012, anche tramite l intervento del SINASCA (per informazioni: tel , mail: Mensilità Importo retributivo Riferimenti di riferimento al CCNL-AGIDAE Giugno 2012 Giugno/Luglio 2012 Agosto 2012 Settembre 2012 Ottobre 2012 Retribuzione per il personale docente delle ore eccedenti le 50 annue, o quante dovute, in proporzione all orario settimanale per i docenti in part-time (con un minimo di 20 ore). Retribuzione per il personale docente delle ore di supplenze saltuarie, eccedenti le 10 ore annue comprese nelle 70 ore. Retribuzione, per i componenti delle Commissioni di esami conclusivi di scuola secondaria di 1 grado, dei giorni di presenza, con compenso forfetario di 25 euro al giorno. Retribuzione per il personale docente delle ore delle 70 non trasformate in ferie aggiuntive, per motivi di malattia o di maternità o per esigenze tecnico-organizzative. Attribuzione, al personale docente e non docente con contratto a tempo indeterminato, del Premio annuale di professionalità (PAP), qualora abbia maturato almeno 35 settimane di presenza dal 1 settembre 2011 al 31 agosto In tal caso viene riconosciuto l importo annuo lordo di 150 euro. Se il punteggio maturato è compreso tra 36 e 50 punti l importo annuo del PAP è di 180 euro. Per punteggio superiore, il PAP è di 220 euro. Gli importi sono ridotti in proporzione, in caso di rapporto di lavoro part-time. Retribuzione delle ore di riduzione di orario di lavoro (ROL) per il personale non docente assunto prima del 09/12/2010, che non abbia fruito, in toto o in parte, delle 26 ore annue di permesso retribuito. Le 26 ore (per anno scolastico) sono ridotte in proporzione in caso di rapporto di lavoro part-time. Aumento per tutti i dipendenti della retribuzione tabellare mensile lorda da 37 a 47 euro, dal 1 al 6 livello. Per rapporto di lavoro a tempo pieno, dal 1 settembre 2012, si hanno i seguenti importi mensili, in euro: liv. 1 - Aumento 37,00 Retribuzione tabellare 1416,74 liv. 2 - Aumento 38,00 Retribuzione tabellare 1455,86 liv. 3 - Aumento 39,00 Retribuzione tabellare 1496,58 liv. 4 - Aumento 40,00 Retribuzione tabellare 1541,70 liv. 5 - Aumento 42,00 Retribuzione tabellare 1616,80 liv. 6 - Aumento 47,00 Retribuzione tabellare 1793,49 (L aumento è ridotto in proporzione in caso di rapporto di lavoro part-time). Importo lordo annuo una tantum dell EGR (Elemento di Garanzia Retributiva) pari a: euro 110,00 per il personale dei livelli ; euro 130,00 per il personale dei livelli 4-5 ; euro 150,00 per il personale del livello 6. Gli importi dell EGR sono ridotti in proporzione, in caso di rapporto di lavoro part-time. a cura di Paolo Marenzoni Art. 48, Punto 1 Art. 48, Punto 2 Art. 43 Art. 48, c. 26 Art. 34 Art. 48, c. 8 Art. 29 Art. 33 Art sinasca 7-8/2012 SINASCA - OCCHIO ALLA BUSTA PAGA - SINASCA - OCCHIO ALLA BUSTA PAGA - SINASCA - OCCHIO ALLA BUSTA PAGA - SINASCA - OCCHIO ALLA BUSTA PAGA - SINASCA - OCCHIO ALLA BUSTA PAGA - SINASCA - OCCHIO ALLA BUSTA PAGA - SINASCA - OCC

6 SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI Il MIUR ha emanato l O.M. n.68 del 1 agosto 2012, con la quale ha trasmesso il calendario scolastico nazionale per il prossimo anno scolastico 2012/2013. Nel provvedimento viene fatto proprio il comma 5 dell art.74 del Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297 e successive modificazioni, per il quale Il Ministro della Pubblica Istruzione, sentito il Consiglio nazionale della pubblica istruzione, determina, con propria ordinanza, il termine delle attività didattiche e delle lezioni, le scadenze per le valutazioni periodiche ed il calendario delle festività e degli esami. Nella tabella è riportata la sintesi del documento. Art. 1 Esame di Stato conclusivo del primo ciclo Art. 2 Esame di Stato dei Centri per l istruzione degli adulti Art. 3 Esame di Stato conclusivo dei corsi di istruzione secondaria Q 581 Art. 4 Festività nazionali 6 sinasca 7-8/2012 ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CALENDARIO SCOLASTICO NAZIONALE QUESITI LAVORO (a cura di Pierluigi Cao) Assistenza e orario di lavoro La prova scritta, a carattere nazionale, nell ambito dell esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione si svolge, per l anno scolastico 2012/2013, per l intero territorio nazionale ed in sessione ordinaria il giorno 17 giugno 2013 con inizio alle ore 8.30; in prima e seconda sessione suppletiva potrà essere espletata il giorno 25 giugno 2013 e il giorno 2 settembre 2013, con inizio alle ore L esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione per gli studenti iscritti e frequentanti i Centri per l istruzione degli adulti (Centri Territoriali Permanenti) si effettua in via ordinaria al termine dell anno scolastico con esonero dalla somministrazione della prova nazionale da parte dell INVALSI. Può essere effettuato, altresì, in una o più sessioni speciali nel corso dell anno scolastico nei confronti degli studenti per i quali i Centri abbiano accertato il possesso di un livello adeguato di crediti formativi. L individuazione delle date nelle quali tenere tali sessioni speciali di esame è rimessa alle determinazioni organizzative dei singoli Centri. L esame di Stato conclusivo dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado per l anno scolastico ha inizio, per l intero territorio nazionale, con la prima prova scritta, il giorno 19 giugno 2013 alle ore La prima prova scritta suppletiva verrà svolta il giorno 3 luglio 2013, alle ore Il calendario delle festività, in conformità alle disposizioni vigenti, relative all anno scolastico, è il seguente: tutte le domeniche; il 1 novembre, festa di tutti i Santi; l 8 dicembre, Immacolata Concezione; il 25 dicembre, Natale; il 26 dicembre; il 1 gennaio, Capodanno; il 6 gennaio, Epifania; il giorno di lunedì dopo Pasqua; il 25 aprile, Anniversario della Liberazione; il 1 maggio, festa del Lavoro; il 2 giugno, festa nazionale della Repubblica; la festa del Santo Patrono. Gli insegnanti di scuola secondaria di primo grado sono tenuti a dare le proprie prestazioni per il pre-scuola, dalle 7.30 alle 8.00 e l assistenza durante e dopo la mensa dalle alle 14.05? (A. N. - Milano) Pre-scuola e assistenza possono rientrare nei compiti del docente, qualora il tempo impiegato rientri nell orario di lavoro settimanale come una quota parte dello stesso, oppure qualora venga fatto rientrare, su decisione del Collegio docenti, nelle 70 ore, le quali - una volta svolte - danno diritto ad usufruire di 26 giorni di ferie estive aggiuntive o di un numero di giorni proporzionalmente ridotti, qualora il docente abbia svolto un numero di ore inferiore a 70. Infatti, la presenza del personale docente richiesta dalla scuola: prima dell inizio delle lezioni (cosiddetta accoglienza o prescuola), alla fine delle lezioni per l accompagnamento degli alunni all uscita, in attesa che i minori sia ripresi dai genitori alla fine della scuola, durante gli intervalli (ricreazione),

7 in mensa, - non rientra nei compiti della cosiddetta funzione docente, che sono solo e soltanto quelli puntualmente indicati all art. 28 c. 3 del CCNL-AGIDAE 2010/ non rientra nelle attività proprie delle 50 ore, che sono solo e soltanto quelle precisamente elencate all art. 48 c. 18 nel CCNL-AGIDAE 2010/2012. Pertanto, la presenza del personale docente per i servizi di assistenza sopra elencati deve: essere compresa all interno dell orario settimanale di lavoro individuale del docente; oppure rientrare nelle 70 ore, se eccede l orario individuale settimanale di lavoro; oppure essere retribuita, come lavoro in esubero, secondo la quota retributiva oraria, che si ottiene dividendo, rispettivamente, per 78, per 104, per 134 la retribuzione globale mensile, riferita ad orario intero, dei docenti di scuola secondaria, di scuola primaria e di scuola dell infanzia. Q 582 Permesso per partecipare ad un concorso Devo partecipare ad un concorso pubblico non inerente alla mia mansione di segretaria. Ho diritto al permesso? (D. V. - Firenze) Poiché il concorso non è inerente alla mansione svolta, ha diritto a giorni di permesso per lo svolgimento del concorso, ma il permesso non è retribuito. Sarebbe retribuito solo se il concorso riguardasse la mansione svolta (artt. 55 e 57 del CCNL - AGIDAE). Q 583 Preavviso di riduzione di orario Vorrei sapere entro quando deve essere comunicata dalla scuola la riduzione di orario per il prossimo anno scolastico. (F. R. - Pavia) La riduzione di orario di lavoro del personale docente dovuta a cause di forza maggiore è regolamentata dalle graduatorie interne di cui all art. 79 del CCNL AGIDAE. Il preavviso è di un mese (art. 24 c. 7). È escluso dal tempo di preavviso il periodo delle ferie ordinarie. Poiché le ferie estive ordinarie del personale docente vanno dal 24 luglio al 31 agosto (33 giorni lavorativi), il preavviso della riduzione di orario, che debba entrare in vigore il 1 settembre all inizio del nuovo anno scolastico, deve essere dato entro il 23 giugno. In mancanza di preavviso, la riduzione di orario non decorrerà a partire dal 1 settembre, ma dal mese successivo. Q 584 Rapporto orario infanzia/materna Poiché nella scuola primaria, dove attualmente insegno, si è verificato un esubero di ore, onde evitare riduzioni di orario, sono disposta - con accordo del gestore - a svolgere nel prossimo anno scolastico 2012/13 parte delle mie ore nella scuola dell infanzia. Insegnando in due ordini di scuola, svolgerò lo stesso numero di ore settimanali (24), che ho prestato quando insegnavo solo nella scuola primaria? Ogni unità oraria lavorata nella scuola dell infanzia è pari a quella della primaria? (S. G. - Roma) Previo accordo con la Direzione, dato il particolare caso in questione, può chiedere la parità oraria per i servizi svolti nei due ordini di scuola, mantenendo complessivamente il numero di ore (24) che ha svolto nel precedente anno scolastico. Altrimenti, si ci deve riferire al testo del CCNL, secondo il quale i due ordini di scuola hanno due diversi orari di lavoro. L orario settimanale della scuola dell infanzia è di 31 ore; quello della primaria di 24 ore. Pertanto, un ora di scuola primaria vale 1,30 ore di scuola dell infanzia (cioè, 1 ora di scuola primaria vale 1 ora e 18 minuti, circa, di scuola dell infanzia). Approssimativamente, ad ogni tre ore di scuola primaria corrispondono 4 ore di scuola dell infanzia. Q 585 Riduzione di orario nei confronti di docente religioso Poiché non si forma una classe, mi è stato comunicato che il prossimo anno scolastico subirò una riduzione di orario, pur avendo molti più anni di servizio rispetto ad un docente religioso. Il fatto che i religiosi appartenenti alla stessa congregazione che gestisce la scuola non facciano parte della graduatoria di istituto, può creare il presupposto di ridurre l orario ha chi ha più anni di servizio? (G. F. - Napoli) La riduzione di orario si applica a coloro che hanno un contratto di lavoro dipendente nel rispetto della graduatoria, che stabilisce un ordine di precedenza, nell ambito dei soli docenti dipendenti, correlato all anzianità e al possesso dell abilitazione. Sono dipendenti coloro che, in forza di un contratto di lavoro regolato dal codice civile e dal CCNL, hanno un numero di matricola nel libro unico del lavoro, una regolare busta paga mensile, il pagamento dei contributi previdenziali, l imposizione fiscale IRPEF del reddito, eventuali assegni familiari, ecc. Il religioso che appartiene alla stessa congregazione che gestisce la scuola, non è un dipendente e, non essendo sottoposto ai diritti/doveri del CCNL, non fa parte della graduatoria, in quanto non può subirne le eventuali conseguenze dovute a riduzione di orario o a licenziamento per sopravvenute cause di forza maggiore. 7 sinasca 7-8/2012 SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI LAVORO - SINASCA - QUESITI

8 SINASCA - DISDETTA DEL CCNL AGIDAE - SINASCA - DISDETTA DEL CCNL AGIDAE - SINASCA - DISDETTA DEL CCNL AGIDAE - SINASCA - DISDETTA DEL CCNL AGIDAE - SINASCA - DISDETTA DEL CCNL AGIDAE - SINASCA - DISDETTA DEL CCNL AGIDAE - SINASCA 8 sinasca 7-8/2012 DISDETTA DEL CCNL AGIDAE/SCUOLA 2010/2012 da parte delle Organizzazioni Sindacali Le Organizzazioni Sindacali firmatarie del vigente CCNL-AGIDAE/Scuola , nel rispetto dei tempi fissati dall art. 16 del CCNL, hanno inviato all AGIDAE formale disdetta del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro. È il primo passo indispensabile per l apertura delle trattative per il rinnovo del contratto. Saranno le Assemblee di base dei lavoratori a dare le indicazioni specifiche per le modifiche e/o le integrazioni dell articolato del CCNL da presentare al tavolo negoziale per il rinnovo contrattuale. È IMPORTANTE SAPERE CHE: 1) il vigente CCNL AGIDAE 2010/2012 rimane valido in ogni sua parte, normativa ed economica, anche dopo il 31 dicembre 2012, fino alla FIRMA definitiva del nuovo contratto collettivo di lavoro; 2) il fatto che il vigente CCNL AGIDAE scada il 31 dicembre 2012 e che le Organizzazioni sindacali ne abbiano data formale disdetta, significa solo che si sono aperte le trattative per il suo rinnovo, RIMANENDO VALIDO, in tutto e per tutto, l attuale CCNL, fino alla stipula del nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro. LA TEMPISTICA DEL RINNOVO (commi 2, 3, 4 dell art. 16 del CCNL-AGIDAE 2010/2012) Almeno sei mesi prima della scadenza le Parti firmatarie comunicano, con raccomandata a.r., formale disdetta del CCNL. Entro sei mesi dalla scadenza suddetta le Parti che hanno inviato la disdetta presentano la piattaforma a mezzo raccomandata a.r. Entro venti giorni dal ricevimento della piattaforma la parte datoriale avvia la trattativa per il rinnovo del CCNL. I TEMPI NEUTRI (commi 5, 6 dell art. 16 del CCNL-AGIDAE 2010/2012) Ove il negoziato si apra entro i sei mesi dalla scadenza, nel mese antecedente la scadenza del CCNL e per il mese successivo le parti non assumeranno iniziative unilaterali né procederanno ad azioni dirette. Nel caso di presentazione della piattaforma oltre i limiti di tempo sopra indicati, non si darà luogo ad azioni od iniziative unilaterali limitatamente ai due mesi successivi alla presentazione della piattaforma contrattuale. LA GARANZIA RETRIBUTIVA (comma 7 dell art. 16 del CCNL-AGIDAE 2010/2012) In sede di rinnovo contrattuale, gli adeguamenti retributivi saranno riconosciuti, al personale in forza alla data di sottoscrizione del CCNL, con decorrenza dal giorno successivo a quello di scadenza del contratto precedente, salvo diversa indicazione del CCNL. DAI FORZA AL SINASCA È importante che anche i lavoratori della tua scuola siano sindacalmente rappresentati. Sollecita i tuoi colleghi, non ancora iscritti, a seguire il tuo esempio! (potranno scaricare la scheda di adesione dal sito

La procedura di convalida per le dimissioni e le risoluzioni consensuali

La procedura di convalida per le dimissioni e le risoluzioni consensuali N. 301 del 19.07.2012 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) La procedura di convalida per le dimissioni e le risoluzioni consensuali Dal 18 luglio 2012 ritorna la convalida

Dettagli

Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo.

Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo. Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo. Il dirigente scolastico dovrà utilizzare le graduatorie di circolo o di istituto per il conferimento di supplenze finalizzate alla sostituzione del

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO DOPO LE ULTIME MODIFICHE NORMATIVE (aggiornata a luglio 2015)

I RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO DOPO LE ULTIME MODIFICHE NORMATIVE (aggiornata a luglio 2015) I RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO DOPO LE ULTIME MODIFICHE NORMATIVE (aggiornata a luglio 2015) La legge n. 78/2014, di conversione del D.L. 34/14, ha apportato le ultime modifiche al D.Lgs 368/2001,

Dettagli

In data 28 giugno 2012 è stata emanata la Legge n. 92, cosiddetta Riforma Fornero che, tra i vari

In data 28 giugno 2012 è stata emanata la Legge n. 92, cosiddetta Riforma Fornero che, tra i vari 1 LA DISCIPLINA DELLE DIMISSIONI NELLA RIFORMA FORNERO In data 28 giugno 2012 è stata emanata la Legge n. 92, cosiddetta Riforma Fornero che, tra i vari ambiti, è intervenuta anche sulla disciplina riguardante

Dettagli

BIENNIO 2014 2015. Allegato alla Circ. n. 9 del 6 novembre 2013

BIENNIO 2014 2015. Allegato alla Circ. n. 9 del 6 novembre 2013 Allegato alla Circ. n. 9 del 6 novembre 2013 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135

Dettagli

Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo. di Libero Tassella

Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo. di Libero Tassella Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo di Libero Tassella 1. Le graduatorie da utilizzare. Il dirigente scolastico dovrà comunque utilizzare le graduatorie di circolo o di istituto per il

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute REGOLAMENTO Fondo mètasalute 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina il funzionamento di mètasalute, il Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell industria metalmeccanica

Dettagli

Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo

Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo Breve guida pratica ad uso del supplente temporaneo di Libero Tassella (versione aggiornata al 29.12.2006) Una premessa. Il dirigente scolastico dovrà utilizzare le graduatorie di circolo o di istituto

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE

BOLLETTINO UFFICIALE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ANNO 133 Roma, 12-19 ottobre 2006 N. 41-42 BOLLETTINO UFFICIALE ATTI NORMATIVI E DI AMMINISTRAZIONE Poste Italiane S.p.A. - sped. in abb. post. 70% - DCB Roma ISTITUTO

Dettagli

VISTO l art. 3 della Legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, che reca modifiche al Titolo V della parte seconda della Costituzione;

VISTO l art. 3 della Legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, che reca modifiche al Titolo V della parte seconda della Costituzione; A.G.C. 17 - Istruzione - Educazione - Formazione Professionale - Politica Giovanile e del Forum Regionale della Gioventù - Osservatorio Regionale del Mercato del Lavoro (O.R.ME.L.) - Deliberazione n. 509

Dettagli

Le ferie del personale docente con contratto a tempo indeterminato e determinato (artt. 13, 19 e 105 del CCNL 29.11.2007) di Libero Tassella

Le ferie del personale docente con contratto a tempo indeterminato e determinato (artt. 13, 19 e 105 del CCNL 29.11.2007) di Libero Tassella Le ferie del personale docente con contratto a tempo indeterminato e determinato (artt. 13, 19 e 105 del CCNL 29.11.2007) di Libero Tassella A) Le ferie dei docenti con contratti a tempo indeterminato

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER PERIODI DI LAVORO ALL ESTERO QUESITO (posto in data 14 agosto 2013 ) Sono un medico specialista in chirurgia con un rapporto a tempo indeterminato. Sarei interessato ad andare

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Ivrea, 15 aprile 2014

Ivrea, 15 aprile 2014 Ivrea, 15 aprile 2014 Il Decreto Legge 34/2014 ha apportato alcune importanti modifiche alla legge 368/2001: Eliminazione della causalità. Introduzione del tetto massimo all utilizzo del contratto a termine.

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 222 del 27/06/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 222 del 27/06/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 222 del 27/06/2014 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e

Dettagli

3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti

3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti 3. CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO di Andrea Morzenti La normativa sul contratto di lavoro a tempo determinato è contenuta nel Decreto Legislativo n. 368 del 2001, decreto attuativo della Direttiva Comunitaria

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA SCUOLA INFANZIA A. S. 2014/2015

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA SCUOLA INFANZIA A. S. 2014/2015 PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA SCUOLA INFANZIA A. S. 2014/2015 ATTIVITA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE 1) CALENDARIO SCOLASTICO Definito per le parti di propria competenza, dal Ministro dell Istruzione, dalla

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 326 del 21/07/2015

Delibera della Giunta Regionale n. 326 del 21/07/2015 Delibera della Giunta Regionale n. 326 del 21/07/2015 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e

Dettagli

Direzione Generale PREMESSO

Direzione Generale PREMESSO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE COMPARTO SCUOLA Il giorno 9 dicembre 2008 in Bologna presso l Ufficio

Dettagli

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA CONTRATTO COLLETTIVO REGIONALE INTEGRATIVO RELATIVO AI CRITERI PER FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO [Art. 4 -comma 2 lett. a)- CCNL]

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Modello A - 1: personale docente supplente annuale

Modello A - 1: personale docente supplente annuale Modello A - 1: personale docente supplente annuale Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Denominazione Istituzione scolastica Codice meccanografico Prot. n. : data, / / Oggetto: contratto

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

COMUNICATO N. 0234. Oggetto: PERMESSI RETRIBUITI DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SOLARE 2016.

COMUNICATO N. 0234. Oggetto: PERMESSI RETRIBUITI DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SOLARE 2016. COMUNICATO N. 0234 A TUTTI I DOCENTI AL PERSONALE A.T.A. Oggetto: PERMESSI RETRIBUITI DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SOLARE 2016. Si fa presente che il 15 novembre 2015 scade, per il Personale docente, educativo

Dettagli

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ Il rinnovo del ccnl 28 maggio 2012 sottoscritto in data 9 luglio 2015, contiene novità di rilievo, come si illustra di seguito. DECORRENZA E DURATA (Art. 203) Il

Dettagli

Ufficio XI - Ambito territoriale per la provincia di Forlì-Cesena Ufficio Pensioni. Prot. n. 6472 /C2/Pens. Forlì, 18/12/2014

Ufficio XI - Ambito territoriale per la provincia di Forlì-Cesena Ufficio Pensioni. Prot. n. 6472 /C2/Pens. Forlì, 18/12/2014 Prot. n. 6472 /C2/Pens. Forlì, 18/12/2014 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche Della Provincia Loro Sedi p.c. alle OO.SS. della Scuola Loro Sedi OGGETTO: CESSAZIONI DAL SERVIZIO CON DECORRENZA 01/09/2015

Dettagli

Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L.

Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L. Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L. In relazione alle convergenti valutazioni espresse in occasione del rinnovo del c.c.n.l., Vi confermiamo che, per la vigenza del contratto

Dettagli

LAVORO A TEMPO DETERMINATO

LAVORO A TEMPO DETERMINATO ARTT. 19 29 D.LGS 81/2015 FORMA E CONTENUTI DEL CONTRATTO DI LAVORO Al contratto di lavoro subordinato può essere apposto un termine di durata non superiore a trentasei mesi. Fatte salve le diverse disposizioni

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. N 74

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. N 74 Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della D.M. N 74 VISTO il Testo Unico delle leggi in materia di istruzione approvato con il Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e successive modifiche

Dettagli

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte.

Scopo della presente nota è quello di individuare le principali novità introdotte. Nota informativa Negri-Clementi Studio Legale Associato Milano, 20 settembre 2013 LE NOVITÀ INTRODOTTE DAL DECRETO LAVORO Il D.L. 28 giugno 2013 n. 76 (c.d. Decreto lavoro ) recante Primi interventi urgenti

Dettagli

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Milano, 10 dicembre 2013 A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Si informa che in data 29 novembre

Dettagli

Titolo 1 Utilizzo del personale

Titolo 1 Utilizzo del personale CONTRATTAZIONE D ISTITUTO sull utilizzo del personale in applicazione del POF e sull impiego delle risorse finanziarie a.s. 2014-15 Il giorno 1 ottobre, 8 ottobre 2014 e 14 gennaio 2015 presso l Istituto

Dettagli

Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015

Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015 Circolare N. 66 del 5 Maggio 2015 Jobs act e lavoro a termine: il mancato rispetto dei limiti non comporta l obbligo di assunzione Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il terzo

Dettagli

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL Scheda di lettura del Capo V Apprendistato del decreto legislativo n. 81/15 recante Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni Premessa La parte relativa

Dettagli

1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione

1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione 1 La Ricostruzione di carriera dei docenti di religione 1.1 La situazione dei docenti di religione 1.1.1 Contesto normativo Con l approvazione della Legge 18 luglio 2003, n. 186, si è conclusa una vicenda

Dettagli

Modello di contratto. Somministrazione o staff leasing

Modello di contratto. Somministrazione o staff leasing Modello di contratto Somministrazione o staff leasing MODELLO DI CONTRATTO DI SOMMINISTRAZIONE O STAFF LEASING... [Somministratore], con sede legale in..., via..., n...., C.F...., partita IVA..., autorizzazione

Dettagli

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento DECRETO 8 novembre 2011. Disciplina per la determinazione dei contingenti del personale della scuola necessario per lo svolgimento

Dettagli

PREMESSO VIENE SOTTOSCRTTO

PREMESSO VIENE SOTTOSCRTTO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE COMPARTO SCUOLA Il giorno 20 del mese di novembre 2012

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto n. 85 del 18 novembre 2005 VISTO VISTO VISTO VISTA VISTO Il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con il quale è stato approvato

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11:

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11: q) Legge provinciale 26 gennaio 2015, n. 1 1) Modifiche di leggi provinciali in materia di istruzione, di stato giuridico del personale insegnante e di apprendistato 1) Pubblicato nel supplemento n. 1,

Dettagli

personale della scuola docenti, educatori, personale Ata (amm.vo, tecnico, ausiliario)

personale della scuola docenti, educatori, personale Ata (amm.vo, tecnico, ausiliario) Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web personale della scuola docenti, educatori, personale

Dettagli

Circolare Informativa n 10/2013. Le dimissioni volontarie e la Riforma Fornero

Circolare Informativa n 10/2013. Le dimissioni volontarie e la Riforma Fornero Circolare Informativa n 10/2013 Le dimissioni volontarie e la Riforma Fornero e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 6 INDICE Premessa pag.3 1) Le condizioni di efficacia delle

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell'articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n.

Dettagli

Agenzie di somministrazione e borsa continua nazionale del lavoro: tutte le novità

Agenzie di somministrazione e borsa continua nazionale del lavoro: tutte le novità Agenzie di somministrazione e borsa continua nazionale del lavoro: tutte le novità Danilo Papa Agenzie per il lavoro: autorizzazione a tempo indeterminato Una prima modifica riguarda la concessione alle

Dettagli

e, p.c. AI RAPPRESENTANTI REGIONALI delle OO. SS. L O R O S E D I

e, p.c. AI RAPPRESENTANTI REGIONALI delle OO. SS. L O R O S E D I Ministero dell istruzione, dell università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto DIREZIONE GENERALE Ufficio III - Personale della scuola. Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA

Dettagli

A relazione del Presidente Chiamparino:

A relazione del Presidente Chiamparino: REGIONE PIEMONTE BU28 10/07/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2014, n. 1-1 Conferimento incarico di portavoce del Presidente della Giunta regionale alla dottoressa Alessandra Perera,

Dettagli

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Circolare N.161 del 16 Novembre 2012 Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Start up innovative: la disciplina del lavoro nel nuovo modello societario Gentile cliente,

Dettagli

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro

Informativa relativa all organizzazione degli uffici e alla gestione dei rapporti di lavoro MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: segreteria@ictalamona.it Anno

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Friuli Venezia Giulia - Direzione Generale MIUR.AOODRFR.REGISTRO UFFICIALE(U).0003843.14-05-2015 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Agli Enti Gestori delle Scuole Paritarie di ogni Ordine e Grado Ai Dirigenti degli Ambiti

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B Atto che non comporta impegno di spesa Seduta del 13-05-2014 DELIBERAZIONE N. 175 OGGETTO: CALENDARIO DELLE LEZIONI PER L'ANNO SCOLASTICO 2014/2015. - PROVVEDIMENTI

Dettagli

USR Lombardia - via Pola, 11-20124 - Milano Direzione Generale. Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 6881 Milano, 22 maggio 2015

USR Lombardia - via Pola, 11-20124 - Milano Direzione Generale. Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 6881 Milano, 22 maggio 2015 1 USR Lombardia - via Pola, 11-20124 - Milano Direzione Generale Prot. n. MIUR AOODRLO R.U. 6881 Milano, 22 maggio 2015 Ai Dirigenti delle scuole di ogni ordine e grado della Lombardia E p.c. Ai Dirigenti

Dettagli

SCHEDA N. 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

SCHEDA N. 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO SCHEDA N. 1 IL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO D. Lgs. 368/2001 aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013, alla L. 147/2013 (Legge di Stabilità 2014) e

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013 AREA RISORSE E SISTEMI Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Sitpendi e altri Compensi Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti A tutto il Personale

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

OGGETTO: Mobilità personale docente, educativo ed A.T.A. a. s. 2015/16. Indicazioni operative.

OGGETTO: Mobilità personale docente, educativo ed A.T.A. a. s. 2015/16. Indicazioni operative. U.O. 5 Prot. n. 811 Taranto, 26.2.2015 AI DIRIGENTI SCOLASTICI DEGLI ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO LORO SEDI ALLE OO.SS. DELLA SCUOLA LORO SEDI ALL UFF. RELAZIONI CON IL PUBBLICO SEDE ALL UFFICIO COMUNICAZIONE-

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO, DEI SAPERI E DEI TALENTI SERVIZIO SCUOLA, UNIVERSITA E RICERCA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE Codice CIFRA: SUR/DEL/2014/ OGGETTO: Calendario

Dettagli

Circ. n. 60 San Bonifacio, 10 Novembre 2015 rv. OGGETTO: Permessi per il diritto allo studio anno solare 2016

Circ. n. 60 San Bonifacio, 10 Novembre 2015 rv. OGGETTO: Permessi per il diritto allo studio anno solare 2016 Liceo Statale Guarino Veronese Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 28 37047 San Bonifacio (VR) tel. 0457610190 C.F. 83002170237 vris008006@istruzione.it vris008006@pec.istruzione.it www.guarinoveronese.it

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI - Servizio 1 Lavoro Servizi per l Impiego Viale R. Vignali, 14-00173 Roma CIRCOLARE N 2/C/2004

PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI - Servizio 1 Lavoro Servizi per l Impiego Viale R. Vignali, 14-00173 Roma CIRCOLARE N 2/C/2004 PROVINCIA DI ROMA Dipartimento XI - Servizio 1 Lavoro Servizi per l Impiego Viale R. Vignali, 14-00173 Roma CIRCOLARE N 2/C/2004 In attesa della emanazione da parte della Regione Lazio degli atti normativi

Dettagli

Prot. n...13970... pos... Firenze,..23 febbraio 2009. Allegati... Ai Presidi delle Facoltà. Ai Direttori dei Dipartimenti. Ai Direttori dei Centri

Prot. n...13970... pos... Firenze,..23 febbraio 2009. Allegati... Ai Presidi delle Facoltà. Ai Direttori dei Dipartimenti. Ai Direttori dei Centri Prot. n....13970... pos.... Firenze,..23 febbraio 2009. Allegati...... CIRCOLARE n. 5 del 23 febbraio 2009 Ai Presidi delle Facoltà Ai Direttori dei Dipartimenti Ai Direttori dei Centri Ai Dirigenti Ai

Dettagli

Soggiorni di studio all estero Sottoprogramma Comenius Mobilità individuale degli alunni. Incontro del 14 ottobre 2011 Roma Liceo Tasso

Soggiorni di studio all estero Sottoprogramma Comenius Mobilità individuale degli alunni. Incontro del 14 ottobre 2011 Roma Liceo Tasso Soggiorni di studio all estero Sottoprogramma Comenius Mobilità individuale degli alunni Incontro del 14 ottobre 2011 Roma Liceo Tasso Premessa Numerosi alunni delle scuole secondarie di istruzione secondaria

Dettagli

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA CONTRATTO COLLETTIVO REGIONALE INTEGRATIVO RELATIVO AI CRITERI PER FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO [Art. 4 -comma 4 lett. a)- CCNL]

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

1. Requisiti anagrafici e contributivi per accedere al trattamento pensionistico

1. Requisiti anagrafici e contributivi per accedere al trattamento pensionistico Oggetto: D.M. n. 1058 del 23 dicembre 2013 (diramato con nota AOODPIT n.2855 del 23 dicembre 2013) - Cessazioni dal servizio dal 1 settembre 2014. Si fa riferimento alla nota AOODPIT n. 2855 del 23 dicembre

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 24 novembre 2014 CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto Il 18 settembre 2014 è stato sottoscritto

Dettagli

tra Premessa Il presente Accordo si propone, quindi, di regolamentare tale attività, con le seguenti finalità :

tra Premessa Il presente Accordo si propone, quindi, di regolamentare tale attività, con le seguenti finalità : Accordo collettivo per la disciplina delle collaborazioni a progetto nelle attività di vendita di beni e servizi e di recupero crediti realizzati attraverso call center outbound, stipulato con riferimento

Dettagli

BONUS DI 80 MENSILI PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE - IL RECUPERO DELLE SOMME ANTICIPATE DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO

BONUS DI 80 MENSILI PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE - IL RECUPERO DELLE SOMME ANTICIPATE DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO BONUS DI 80 MENSILI PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE - IL RECUPERO DELLE SOMME ANTICIPATE DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO Nell'ambito del recente provvedimento, D.L. n.34/14, convertito in L. n.78/14, pubblicata

Dettagli

CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO IN REGIME DI COLLABORAZIONE A PROGETTO D. Lgs. 276/03, artt. 61-69 TRA

CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO IN REGIME DI COLLABORAZIONE A PROGETTO D. Lgs. 276/03, artt. 61-69 TRA CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO IN REGIME DI COLLABORAZIONE A PROGETTO D. Lgs. 276/03, artt. 61-69 TRA Il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare, di seguito indicato come CoNISMa,

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Denominazione Istituzione scolastica Codice meccanografico PREMESSO

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Denominazione Istituzione scolastica Codice meccanografico PREMESSO FAC-SIMILE contratto N19 personale docente (valido dal 01/01/2013) Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Denominazione Istituzione scolastica Codice meccanografico Prot. n. : data,

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute REGOLAMENTO Fondo mètasalute Anno 2016 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina il funzionamento di mètasalute, il Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell industria

Dettagli

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell istruzione dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico ACCORDO NAZIONALE tra il Ministero dell istruzione, della e dell università e le Organizzazioni sindacali concernente l attuazione dell articolo 2 della sequenza contrattuale (ex art. 62 ccnl/2007) sottoscritta

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

Contratto di lavoro intermittente

Contratto di lavoro intermittente Contratto di lavoro intermittente Chistoni Paola Il contratto di lavoro intermittente è stato introdotto dal decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 (e successive modificazioni). L articolo 33 lo

Dettagli

REGOLE PER L EROGAZIONE DELLE PROVVIDENZE PER STUDIO A FAVORE DEI FIGLI DEI LAVORATORI DI INTESA SANPAOLO E BANCHE RETE

REGOLE PER L EROGAZIONE DELLE PROVVIDENZE PER STUDIO A FAVORE DEI FIGLI DEI LAVORATORI DI INTESA SANPAOLO E BANCHE RETE REGOLE PER L EROGAZIONE DELLE PROVVIDENZE PER STUDIO A FAVORE DEI FIGLI DEI LAVORATORI DI INTESA SANPAOLO E BANCHE RETE Luglio 2009 Indice 1. PREMESSA... 2. BORSE DI STUDIO DA CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE...

Dettagli

CIRCOLARE n. 136 Oderzo 10 novembre 2015

CIRCOLARE n. 136 Oderzo 10 novembre 2015 I S T I T U T O T E C N I C O S T A T A L E ECONOMICO TECNOLOGICO JACOPO SANSOVINO indirizzi: Amministrazione, finanza e marketing - Turistico Costruzioni, ambiente e territorio Trasporti e logistica C

Dettagli

PROT. n. 5818 Rep n. 70 del 1/03/2012 SELEZIONE PER ATTIVITÁ DI TUTORATO - Anno 2012 n. 8 unità

PROT. n. 5818 Rep n. 70 del 1/03/2012 SELEZIONE PER ATTIVITÁ DI TUTORATO - Anno 2012 n. 8 unità UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI ECONOMIA PROT. n. 5818 Rep n. 70 del 1/03/2012 SELEZIONE PER ATTIVITÁ DI TUTORATO - Anno 2012 n. 8 unità IL PRESIDE l art. 13 della Legge 19 novembre 1990 n.

Dettagli

U.O.C. Risorse Umane Regolamento PERMESSI RETRIBUITI (150 ORE) REV.: /// PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 REGOLAMENTO

U.O.C. Risorse Umane Regolamento PERMESSI RETRIBUITI (150 ORE) REV.: /// PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 REGOLAMENTO PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 Allegato alla deliberazione n. 1217 del 22 ottobre 2015 REGOLAMENTO PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER DIRITTO ALLO STUDIO (150 ORE) COMPARTO SANITÀ Rev.

Dettagli

Lavoro intermittente: nel caso di immediata necessità di un lavoratore basta un SMS

Lavoro intermittente: nel caso di immediata necessità di un lavoratore basta un SMS CIRCOLARE A.F. N. 172 del 6 Novembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Lavoro intermittente: nel caso di immediata necessità di un lavoratore basta un SMS Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

BORSE DI STUDIO AI FIGLI DEI DIPENDENTI Attenzione alle scadenze!!!

BORSE DI STUDIO AI FIGLI DEI DIPENDENTI Attenzione alle scadenze!!! FABI - Intesa Sanpaolo Banco di Napoli - Area Calabro Lucana alberto.anelli@fabicosenza.it 0984-791844 0984 29549 fax 0984 791141 cell. 340-3434488 BORSE DI STUDIO AI FIGLI DEI DIPENDENTI Attenzione alle

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA Criteri per il conferimento di incarichi individuali con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa ed il conferimento di incarichi

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 del 12 marzo 2001. Sono pervenute da parte di Amministrazioni ed Enti iscritti all Istituto richieste di

CIRCOLARE N. 11 del 12 marzo 2001. Sono pervenute da parte di Amministrazioni ed Enti iscritti all Istituto richieste di Agli Uffici Provinciali INPDAP Ai Dirigenti Generali Centrali e Compartimentali DIREZIONE GENERALE DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Ai Coordinatori delle consulenze professionali A tutte le

Dettagli

Art. 2 - Presentazione della domanda

Art. 2 - Presentazione della domanda Avviso pubblico di selezione per la formazione di una graduatoria di lavoratori con profilo di Operatore di esercizio Part-time, CCNL Autoferrotranvieri. *** La Conerobus S.p.A. seleziona candidati per

Dettagli

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato PART TIME NOZIONI GENERALI 1 L avvio del contratto a part time avviene con la firma del nuovo contratto di lavoro presso la Direzione provinciale del Lavoro. Il part time può essere: a tempo determinato

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 13 agosto 2014 CCNL Area Tessile-Moda, il 25 luglio 2014 sottoscritto il rinnovo del contratto (per i settori TAC, pulitintolavanderia e occhialeria)

Dettagli

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014

TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 31.01.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI ** PENSIONI LIQUIDATE* 1^ SALVAGUARDIA

Dettagli

La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato

La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato Focus on...jobs Act: : il primo passo La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato dott. Elisa Eracli Consulente del Lavoro Studio Integra Commercialisti Avvocati Consulenti

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA. Approvato nel Collegio dei docenti 11/09/2015

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA. Approvato nel Collegio dei docenti 11/09/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE DIDATTICA STATALE di CARDITO Gianni Rodari VIA G. PRAMPOLINI 80024 CARDITO (NA) C. M.:

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO LEGGE 26 maggio 2004 n.72 REPUBBLICA DI SAN MARINO Integrazioni e modifiche alla Legge 17 Luglio 1979 n. 41 (Disciplina dei conferimenti degli incarichi e delle supplenze per i posti di insegnamento nelle

Dettagli

TRIENNIO 2013 2015 TRA PREMESSO VIENE SOTTOSCRITTO

TRIENNIO 2013 2015 TRA PREMESSO VIENE SOTTOSCRITTO CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE CONCERNENTE I CRITERI PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEL PERSONALE DEL COMPARTO SCUOLA. TRIENNIO 2013 2015 Il giorno 15 novembre 2012

Dettagli

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro AGENDA In contratto di lavoro in Telecom Italia Sicurezza 1 Contrattazione: la vigenza Principali istituti Lo stato dell arte in Telecom Italia Principali temi trattati nel 1 livello di contrattazione

Dettagli