REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTTORE DI SCUOLA GUIDA"

Transcript

1 AREA ATTIVITA PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO FUNZIONE MOTORIZZAZIONE CIVILE REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE ED ISTRUTT DI SCUOLA GUIDA Approvato con Deliberazione di Consiglio Provinciale n. 67 dd

2 Indice ART. 1 FONTI NORMATIVE pag. 3 ART. REQUISITI PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI INSEGNANTE pag. 3 ART. 3 CORSI DI FORMAZIONE INIZIALE PER INSEGNANTE pag. 3 ART. ESAMI DI IDONEITÀ PER L ABILITAZIONE DI INSEGNANTE pag. ART. 5 CORSI DI FORMAZIONE PERIODICA PER INSEGNANTE pag. 5 ART. 6 REQUISITI PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE DI ISTRUTT pag. 5 ART. 7 CORSI DI FORMAZIONE INIZIALE PER ISTRUTT pag. 5 ART. 8 ESAMI DI IDONEITÀ PER L ABILITAZIONE DI ISTRUTT pag. 6 ART. 9 CORSI DI FORMAZIONE PERIODICA DI ISTRUTT pag. 7 ART. 10 ESTENSIONE DELL ABILITAZIONE pag. 7 ART. 11 SOGGETTI CHE SVOLGONO I CORSI DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO pag. 7 ART. 1 DOCENTI DEI CORSI DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO pag. 8 ART. 13 ISTITUZIONE DEL DIRITTO PER L AMMISSIONE AGLI ESAMI pag. 8 ART. 1 RICORSI pag. 8 ART. 15 NORME FINALI pag. 8 ART. 16 ENTRATA IN VIG pag. 8 ALLEGATO 1 pag. 9 ALLEGATO pag. 10 ALLEGATO 3 pag. 11 ALLEGATO pag. 1

3 Art. 1 Fonti normative 1. Ai sensi e per gli effetti ed in conformità del Decreto Legislativo 1 aprile 00 n. 111, Norme di attuazione dello statuto speciale della regione Friuli-Venezia Giulia concernenti il trasferimento di funzioni in materia di viabilità e trasporti, della Legge regionale 0 agosto 007 n. 3 attuazione del decreto legislativo 111/00 in materia di trasporto pubblico regionale e locale, trasporto merci, motorizzazione, circolazione su strada e viabilità, la competenza in materia di tenuta dell articolazione provinciale dell Albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l autotrasporto di cose per conto terzi ivi compresa l istituzione e la nomina della Commissione consultiva (di seguito denominata in breve Commissione) è attribuita alla Provincia.. La materia è regolata dalle seguenti norme: - decreto legislativo 30 aprile 199, n. 85 (Nuovo Codice della Strada) e relativo regolamento di esecuzione (D.P.R. 16 dicembre 199, n. 95) e successive modifiche; - legge 31 gennaio 007, n. 7, convertito con modifiche con la legge aprile 007, n. 0; - decreto del Ministero dei Trasporti e della navigazione 17 maggio 1995, n. 317; - nota prot.as71 del 6 agosto 010 con oggetto Nuovo codice della Strada Regolamentazione dell attività delle autoscuole dell Autorità Garante della concorrenza e del mercato; Art. Requisiti per il conseguimento dell abilitazione di insegnante 1. Consegue l abilitazione di insegnante chi sia: a) di età non inferiore a ventuno anni; b) titolare della patente di guida della categoria A o A3 e B e analoghe patenti speciali; c) in possesso del diploma di istruzione di secondo grado conseguito a seguito di un corso di studi di almeno cinque anni; d) in possesso dei medesimi requisiti di idoneità morale richiesti dall art. 13, comma 6, del decreto legislativo 30 aprile 199, n. 85 ai titolari di autoscuola; e) residente nella Provincia di Trieste. Art. 3 Corso di formazione iniziale per insegnante 1. All esame per il conseguimento dell abilitazione di insegnante è ammesso chi ha frequentato il corso di formazione iniziale sulla base dei programmi di cui all allegato 1.. Il corso ha durata di settantacinque ore, di cui cinque di pratica. Ogni corso è frequentato al massimo da trenta allievi. 3. I corsi di formazione degli insegnanti e degli istruttori delle autoscuole, sono organizzati: a) dalle autoscuole che svolgono l attività di formazione dei conducenti per il conseguimento di qualsiasi categoria di patente ovvero dai centri di istruzione automobilistica riconosciuti per la formazione integrale; b) da soggetti accreditati dalla Regione Friuli Venezia Giulia, sulla base della disciplina quadro di settore definita con l intesa stipulata in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano il 0 marzo 008 (G.U. n.18 del 3 gennaio 009).. Le lezioni giornaliere di teoria hanno durata non inferiore a tre ore e non superiore a sei ore. Le lezioni teoriche si svolgono nei giorni feriali, dal lunedì al sabato dalle ore 8.00 alle ore.00. I partecipanti sono iscritti nel registro di iscrizione e firmano il registro di frequenza: le 3

4 eventuali assenze dei partecipanti devono essere annotate sul registro entro 15 minuti dall inizio della lezione. 5. Le esercitazioni giornaliere di guida hanno durata non inferiore a un ora e non superiore a tre ore. Le esercitazioni di guida sono individuali e si svolgono nei giorni feriali, dal lunedì al sabato dalle ore 8.00 alle ore.00. I partecipanti firmano il registro di frequenza nel luogo stabilito per l inizio e la fine dell esercitazione. 6. Alle lezioni di teoria sono consentite, al massimo, dieci ore di assenza. L allievo assente per un numero di ore superiore a dieci ripete l intero corso per essere ammesso all esame. 7. Al termine del corso l autoscuola, il centro di istruzione automobilistica o i soggetti accreditati dalla Regione Friuli Venezia Giulia, rilasciano all allievo un attestato di frequenza che gli consente di presentare domanda per sostenere l esame di abilitazione entro due anni dalla data del rilascio. Art. Esami di idoneità per l abilitazione di insegnante 1. La Provincia indice almeno una sessione d esame ogni anno o comunque quando saranno giunte più di dieci richieste.. La commissione d esame è composta da cinque membri esperti nelle materie d esame, designati: a) il Dirigente preposto alla Motorizzazione civile, o un suo delegato con funzioni di presidente; b) un dipendente della Motorizzazione civile con qualifica funzionale non inferire alla categoria D e abilitato allo svolgimento degli esami; c) un esperto in motorizzazione designato dalla Regione Friuli Venezia Giulia; d) due rappresentanti delle associazioni di categoria delle autoscuole. 3. Al Presidente, ai componenti e al segretario della Commissione Provinciale spetta un gettone di presenza, per giornata di seduta, di importo pari a euro 30,00 nel rispetto della normativa vigente. Ai dipendenti pubblici il gettone di presenza è dovuto solo se la partecipazione alla seduta avviene al di fuori dell orario di servizio. L importo del gettone di presenza viene aggiornato a cadenza biennale sulla base dell indice ISTAT/FOI con provvedimento del dirigente preposto alla Motorizzazione Civile.. L esame per insegnante, che verte sulle materie di cui all allegato 1, si svolge in quattro fasi: a) i candidati compilano due schede d esame per il conseguimento della patente di guida delle categorie A e B nel tempo massimo di quaranta minuti. Sono ammessi alla seconda fase i candidati che hanno commesso, complessivamente, non più di tre errori. Viene assegnato un punteggio di 10 decimi nel caso di nessun errore, 9 decimi con un errore, 8 decimi con due errori e 7 decimi con tre errori. b) i candidati trattano, per iscritto, un esercitazione su un caso pratico con previsione di quattro problematiche a risposta aperta sugli argomenti del programma d esame. Ad ogni risposta è assegnato un punteggio tra zero e dieci. Sono ammessi alla terza fase i candidati che hanno ottenuto un punteggio non inferiore a 0/0 conseguendo la sufficienza (punteggio 6) in almeno tre problematiche su ; c) i candidati simulano una lezione di teoria su un argomento scelto dalla commissione. Sono ammessi alla quarta fase i candidati che hanno ottenuto un punteggio non inferiore a 6/10; d) i candidati sostengono una prova orale sugli argomenti del programma d esame. Superano la prova i candidati che hanno ottenuto un punteggio non inferiore a 6/ Superano la prova i candidati che hanno ottenuto un punteggio complessivo risultante dalla somma dei punteggi delle quattro prove di almeno 5/70 (quarantacinque) punti. 6. Al candidato idoneo la Provincia rilascia il libretto professionale recante l intestazione, i dati anagrafici del titolare, il nulla osta della Provincia ad operare presso una determinata

5 autoscuola o un centro di istruzione automobilistica, i corsi di formazione periodica o di aggiornamento svolti. Art. 5 Corsi di formazione periodica per insegnante 1. Gli insegnanti abilitati, che svolgono attività, devono seguire, entro il 31 dicembre di ogni anno, un corso di formazione periodica della durata di dieci ore.. Ogni corso è frequentato da non meno di dieci allievi. 3. Il corso di formazione periodica può avere ad oggetto uno o più tra i seguenti argomenti: a) il mantenimento e il miglioramento delle competenze generali degli insegnanti; b) i cambiamenti normativi legati alla sicurezza; c) le nuove ricerche riguardanti l area della sicurezza stradale, in particolare il comportamento dei giovani conducenti, compresa l evoluzione delle tendenze delle cause di incidente; d) i nuovi sviluppi dei metodi di insegnamento/apprendimento.. Il corso può essere svolto in una o più giornate e ogni lezione ha una durata minima di tre ore. 5. L aggiornamento può avvenire anche mediante partecipazione convegni, workshop riconosciuti dalla Provincia inerenti i punti a), b), c), d) del punto 3. Ogni corso di formazione deve avere una durata minima di tre ore. 6. I partecipanti sono iscritti nel registro di iscrizione e firmano il registro di frequenza. 7. Al termine del corso, l autoscuola o il centro di istruzione automobilistica trasmettono alla Provincia l elenco di coloro che hanno frequentato tutte le lezioni. Sulla base di questa comunicazione, la Provincia aggiorna il relativo libretto professionale. 8. L insegnante che per due anni consecutivi non frequenta alcun corso di formazione periodica, qualora intenda svolgere l attività, deve seguire il corso di cui all art. e successivo esame. 9. L autoscuola deve produrre alla Provincia, entro il 31 gennaio di ogni anno, le fotocopie dei libretti professionali degli insegnanti in organico per la verifica della frequenza del corso di formazione periodica. L autoscuola che non ottemperi a detto obbligo è sanzionata ai sensi dell art. 13, comma 8, lettera a), del decreto legislativo 30 aprile 199, n. 85. Art. 6 Requisiti per il conseguimento dell abilitazione di istruttore 1. Consegue l abilitazione di istruttore chi sia: a) di età non inferiore a ventuno anni; b) titolare della patente di guida comprendente almeno le categorie A o A3, B, CE e DE; c) in possesso del diploma di istruzione di secondo grado conseguito a seguito di un corso di studi di 5 anni; d) in possesso dei medesimi requisiti di idoneità morale richiesti dall art. 13, comma 6, del decreto legislativo 30 aprile 199, n. 85 ai titolari di autoscuola; e) residente nella Provincia di Trieste. Art. 7 Corsi di formazione iniziale per istruttore 1. All esame per il conseguimento dell abilitazione di istruttore è ammesso chi ha frequentato il corso di formazione iniziale sulla base dei programmi di cui all allegato.. Il corso ha durata di ottanta ore, di cui trenta di pratica. Ogni corso è frequentato al massimo da trenta allievi. 5

6 3. Le lezioni giornaliere di teoria hanno durata non inferiore a tre ore e non superiore a sei ore. Le lezioni teoriche si svolgono nei giorni feriali, dal lunedì al sabato dalle ore 8.00 alle ore.00. I partecipanti sono iscritti nel registro di iscrizione e firmano il registro di frequenza presso l autoscuola o il centro di istruzione automobilistica.. Le esercitazioni giornaliere di guida hanno durata non inferiore a un ora e non superiore a tre ore. Le esercitazioni di guida sono individuali e si svolgono nei giorni feriali, dal lunedì al sabato dalle ore 8.00 alle ore.00. I partecipanti firmano il registro di frequenza nel luogo stabilito per l inizio e la fine dell esercitazione. Le eventuali assenze dei partecipanti devono essere annotate sul registro entro 15 minuto dall inizio della lezione. 5. Alle lezioni di teoria sono consentite, al massimo, dieci ore di assenza.. L allievo assente per un numero di ore superiore a dieci ripete l intero corso per essere ammesso all esame. 6. Al termine del corso, l autoscuola o il centro di istruzione automobilistica rilasciano all allievo un attestato di frequenza che gli consente di presentare domanda per sostenere l esame di abilitazione entro due anni dalla data del rilascio. Art. 8 Esami di idoneità per l abilitazione di istruttore 1. La Provincia indice almeno una sessione d esame ogni anno o comunque quando saranno giunte più di dieci richieste.. La commissione d esame è composta da cinque membri esperti nelle materie d esame, designati: a) il Dirigente preposto alla Motorizzazione civile, o un suo delegato con funzioni di presidente; b) un dipendente della Motorizzazione civile con qualifica funzionale non inferire alla categoria D e abilitato a svolgere gli esami; c) un esperto in motorizzazione designato dalla Regione Friuli Venezia Giulia d) due rappresentanti delle associazioni di categoria delle autoscuole. 3. Al Presidente, ai componenti e al segretario della Commissione Provinciale spetta un gettone di presenza, per giornata di seduta, di importo pari a euro 50. Ai dipendenti della Provincia il gettone di presenza è dovuto solo se la partecipazione alla seduta avviene al di fuori dell orario di servizio. L importo del gettone di presenza viene aggiornato a cadenza biennale sulla base dell indice ISTAT/FOI con provvedimento del dirigente preposto alla Motorizzazione Civile.. L esame per istruttore, che verte sulle materie di cui all allegato, si svolge in tre fasi: a) i candidati compilano due schede d esame per il conseguimento della patente di guida delle categorie A e B nel tempo massimo di quaranta minuti. Sono ammessi alla seconda fase i candidati che hanno commesso, complessivamente, non più di tre errori. Viene assegnato un punteggio di 10 decimi nel caso di nessun errore, 9 decimi con un errore, 8 decimi con due errori e 7 decimi con tre errori. b) i candidati sostengono una prova orale sugli argomenti del programma d esame. Sono ammessi alla terza fase i candidati che hanno ottenuto un punteggio non inferiore a 6/10; c) ogni candidato dimostra abilità di guida e capacità di istruzione con le seguenti modalità : c1) guida di veicoli delle categorie A e D con un punteggio medio non inferiore a 6/10; c) simulazione di una lezione di pratica su veicolo della categoria B, con alla guida un membro della Commissione che funge da allievo con un punteggio non inferiore a 6/ Superano la prova i candidati che hanno ottenuto un punteggio non inferiore a 7/0. 6. Al candidato idoneo la Provincia rilascia il libretto professionale recante l intestazione, i dati anagrafici del titolare, il nulla osta della Provincia ad operare presso una determinata autoscuola o un centro di istruzione automobilistica, i corsi di formazione periodica o di aggiornamento svolti. 6

7 Art. 9 Corsi di formazione periodica di istruttore 1. Gli istruttori abilitati, che svolgono attività, devono seguire entro il 31 dicembre di ogni anno un corso di formazione periodica della durata di otto ore.. Ogni corso è frequentato da non meno di dieci allievi. 3. Il corso di formazione periodica può avere ad oggetto uno o più tra i seguenti argomenti: a) il mantenimento e il miglioramento delle competenze generali degli istruttori; b) i cambiamenti normativi in particolare legati alla sicurezza; c) le nuove ricerche riguardanti l area della sicurezza stradale, in particolare il comportamento dei giovani conducenti, compresa l evoluzione delle tendenze delle cause di incidente; d) i nuovi sviluppi dei metodi di insegnamento/apprendimento.. Il corso può essere svolto in una o più giornate. Ogni lezione ha durata non inferiore a tre ore. L istruttore può seguire il corso di formazione periodica anche presso l autoscuola in cui presta servizio. 5. L aggiornamento può avvenire anche mediante partecipazione a convegni, workshop, corsi di guida riconosciuti dalla provincia inerenti i punti a), b), c), d) del punto 3. Ogni corso di formazione deve avere una durata minima di tre ore. 6. I partecipanti sono iscritti nel registro di iscrizione e firmano il registro di frequenza. 7. Al termine del corso, l autoscuola o il centro di istruzione automobilistica trasmettono alla Provincia l elenco di coloro che hanno frequentato tutte le lezioni. Sulla base di questa comunicazione, la Provincia aggiorna il relativo libretto professionale. 8. L istruttore che per due anni consecutivi non frequenta alcun corso di formazione periodica, qualora intenda svolgere l attività, deve seguire il corso di cui all art. 6 e successivo esame. 9. L autoscuola deve produrre alla Provincia competente, entro il 31 gennaio di ogni anno, le fotocopie dei libretti professionali degli istruttori in organico per la verifica della frequenza del corso di formazione periodica. L autoscuola che non ottemperi a detto obbligo è sanzionata ai sensi dell art. 13, comma 8, lettera a), del decreto legislativo 30 aprile 199, n. 85. Art. 10 Estensione dell abilitazione 1. Gli istruttori che intendono conseguire anche l abilitazione di insegnante frequentano il corso di formazione iniziale da trenta ore sulla base del programma di cui all allegato 3 e sostengono l esame di idoneità di cui all art. 3, comma, lettere b), c), d), del presente decreto.. Gli insegnanti che intendono conseguire anche l abilitazione di istruttore svolgono il corso di formazione iniziale da trenta ore sulla base del programma di cui all allegato e sostengono l esame di idoneità di cui all art. 7, comma, lettera c), del presente decreto. Art. 11 Soggetti che svolgono i corsi di formazione e di aggiornamento 1. I corsi di formazione e di aggiornamento di cui al presente decreto sono svolti dalle autoscuole abilitate a svolgere corsi per tutte le categorie di patente di guida, ovvero dai centri di istruzione automobilistica formati dai consorzi di autoscuole.. I corsi di aggiornamento potranno essere svolti anche da Enti ritenuti idonei dalla Provincia di Trieste con criteri da essa stabiliti. 3. L avvio dei corsi, il calendario delle lezioni, l elenco degli allievi ed il nominativo dei docenti sono comunicati alla Provincia entro tre giorni lavorativi antecedenti la data di inizio dei corsi stessi. Non è consentito iscrivere allievi ad un corso già iniziato. 7

8 . L eventuale modifica del calendario delle lezioni o dei docenti è comunicata alla Provincia, entro tre giorni lavorativi antecedenti alla data in cui si svolgeranno le lezioni oggetto di modifica. Art. 1 Docenti dei corsi di formazione e di aggiornamento 1. I corsi di formazione iniziale e di aggiornamento sono svolti dalle seguenti figure professionali: a) esperto di diritto, in possesso di diploma di laurea specialistica in discipline giuridiche (giurisprudenza, economia e commercio, scienze politiche ecc.) e della capacità professionale per il trasporto merci e viaggiatori nazionale e internazionale; b) insegnante di autoscuola in possesso della capacità professionale per il trasporto merci e viaggiatori nazionale e internazionale, che negli ultimi 5 anni abbia svolto l attività continuativamente per 3 anni; c) istruttore di guida che abbia svolto l attività negli ultimi 5 anni con almeno 3 anni continuativamente; d) medico; e) infermiere professionale; f) psicologo in possesso di diploma di laurea specialistica esperto in pedagogia, circolazione del traffico o tecnica della comunicazione; g) ingegnere o architetto; h) consulente merci pericolose (abilitazione almeno trasporto stradale, classi tutte ad escl 1, e 7) Art. 13 Istituzione del diritto per l ammissione agli esami 1. E istituito il diritto per l ammissione all esame iniziale per il conseguimento dell abilitazione di insegnante o di istruttore.. Il diritto è fissato in 50,00 per singola abilitazione, mentre è fissato in 80,00 in caso di doppia abilitazione.. In ogni caso il Dirigente competente provvede con cadenza biennale all applicazione dell aggiornamento del diritto sulla base dell indice ISTAT/FOI. Art. 1 Ricorsi 1. Avverso i provvedimenti di non ammissione agli esami ovvero di definizione degli esiti degli stessi è ammesso ricorso presso il competente Tribunale Amministrativo Regionale ovvero ricorso straordinario al Presidente della Repubblica. Art. 15 Norme finali 1. Il presente regolamento sarà modificato al fine di adeguarlo ai principi dettati dalle disposizioni nazionali in materia. Art. 16 Entrata in vigore 1. Il presente regolamento entra in vigore dalla data di esecutività della deliberazione di approvazione da parte del Consiglio provinciale. 8

9 ALLEGATO 1 PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER INSEGNANTI A) Parte teorica ( 70 ore ) Elementi di diritto pubblico, amministrativo e comunitario (Stato, costituzione, fonti del diritto, organi legislativi, Governo, Provincia di Trieste, leggi regionali del Friuli Venezia Giulia, organi comunitari, fonti del diritto comunitario) - docente: esperto di diritto Elementi di diritto penale (reato, dolo, colpa, reati contro la Pubblica Amministrazione) docente: esperto di diritto Procedure legali in caso di incidente e assicurazione; illecito amministrativo docente: esperto di diritto Definizioni, costruzione e manutenzione delle strade, organizzazione della circolazione stradale e segnaletica stradale docente: ingegnere, architetto o insegnante Definizione dei veicoli, elementi strutturali dei veicoli e loro funzionamento docenti: ingegnere o insegnante Disposizioni amministrative in materia di circolazione dei veicoli (destinazione ed uso dei veicoli, documenti di circolazione e di immatricolazione) docenti: esperto di diritto o insegnante Autotrasporto di persone e di cose docenti: esperto di diritto o insegnante Trasporto delle merci pericolose docenti consulente merci pericolose o insegnante Conducenti e titoli abilitativi alla guida docenti - esperto di diritto o insegnante Norme di comportamento sulle strade docente: insegnante Illeciti amministrativi previsti dal codice della strada e relative sanzioni docenti: esperto di diritto o insegnante Elementi di pedagogia e di tecnica delle comunicazioni docenti: psicologo o pedagogo Stato psicofisico dei conducenti, tempo di reazione, alcool, ecc docente: medico insegnante Elementi di primo soccorso docente: medico o infermiere professionale Elementi di fisica docente: laureato esperto della materia Autoscuole: normativa, ruolo, inquadramento insegnante docente: insegnante B) Parte pratica 5 ore di guida su autovettura 9

10 ALLEGATO PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER ISTRUTTORI A) Parte teorica (50 ore) Definizione dei veicoli, elementi strutturali dei veicoli e loro funzionamento docenti: 8 laureato esperto della materia o insegnante Elementi di fisica docente: laureato esperto della materia 6 Peculiarità della guida dei diversi tipi di veicoli Utilizzo dei diversi dispositivi docenti: 10 istruttore Norme di comportamento sulle strade - docente: insegnante 10 Elementi di pedagogia e di tecnica delle comunicazioni docente: psicologo o pedagogo 6 Stato psicofisico dei conducenti, tempo di reazione, alcool ecc. docente: medico 5 Elementi di primo soccorso docente: medico o infermiere professionale 5 B) Parte pratica (30 ore) Almeno 6 ore di guida su un motociclo Almeno 6 ore di guida su un autovettura Almeno ore di guida su un autocarro Almeno ore di guida su un autotreno Almeno ore di guida su un autobus Almeno 1 ore di lezione simulata 10

11 ALLEGATO 3 PROGRAMMA DEL CORSO DI INTEGRAZIONE PER INSEGNANTI (30 ) Per coloro che sono già in possesso del titolo di istruttore di guida Elementi di diritto pubblico, amministrativo e comunitario (Stato, costituzione, fonti del diritto, organi legislativi, Governo, Provincia di Trieste, leggi regionali del Friuli Venezia Giulia, organi comunitari, fonti del diritto comunitario) docente: esperto di diritto Elementi di diritto penale (reato, dolo, colpa, reati contro la Pubblica Amministrazione) docente: esperto di diritto Procedure legali in caso di incidente e assicurazione; illecito amministrativo docente: esperto di diritto Definizioni, costruzione e manutenzione delle strade, organizzazione della circolazione stradale e segnaletica stradale, norme di comportamento docenti: ingegnere, architetto o insegnante Disposizioni amministrative in materia di circolazione dei veicoli (destinazione ed uso dei veicoli, documenti di circolazione e di immatricolazione) docenti: esperto di diritto o insegnante Autotrasporto di persone e di cose docenti: esperto di diritto o insegnante 3 Trasporto delle merci pericolose - docenti: consulente merci pericolose o insegnante Conducenti e titoli abilitativi alla guida docenti: esperto di diritto o insegnante Illeciti amministrativi previsti dal codice della strada e relative sanzioni docenti: 3 esperto di diritto o insegnante Autoscuole: normativa, ruolo, inquadramento insegnante docente: insegnante 11

12 ALLEGATO PROGRAMMA DEL CORSO DI INTEGRAZIONE ISTRUTTORI (30 ) Per coloro che sono già in possesso del titolo di insegnante di teoria A) Parte teorica (5 ore) Peculiarità della guida dei diversi tipi di veicoli. Utilizzo dei diversi dispositivi docente: istruttore 5 B) Parte pratica (5 ore) Almeno 5 ore di guida su un motociclo Almeno 5 ore di guida su un autovettura Almeno ore di guida su un autocarro Almeno ore di guida su un autotreno Almeno ore di guida su un autobus Almeno 9 ore di lezione simulata 1

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO 11 del 02/12/2010

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO 11 del 02/12/2010 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE TERRITORIALE DEL NORD-OVEST AI DIRETTORI DEGLI UFFICI MOTORIZZAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO MINISTERIALE 20 settembre 2013 (G.U. n. 115 del 20.5.2014)

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO MINISTERIALE 20 settembre 2013 (G.U. n. 115 del 20.5.2014) MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO MINISTERIALE 20 settembre 2013 (G.U. n. 115 del 20.5.2014) Disposizioni in materia di corsi di qualificazione iniziale e formazione periodica per

Dettagli

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001.

Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144. Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. Ordinanza Ministeriale 21 febbraio 2014 n. 144 Esami di Stato di abilitazione professionale anno 2014. Professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001. VISTA la legge 9 maggio 1989, n.168, con la quale è

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ORDINANZA MINISTERIALE n. 11 Prot. n. 320 del 29 maggio 2015 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI 00187 Roma Via di San Basilio, 72 Tel. +39 06.42.00.84 Fax +39 06.42.00.84.44/5 www.cnpi.it cnpi@cnpi.it C.F. 80191430588 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

DD I/3 2804 del 06/02/10

DD I/3 2804 del 06/02/10 AREA RECLUTAMENTO E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Dirigente Ascenzo FARENTI Coordinatore Dott. Luca BUSICO Unità Amministrazione personale tecnico amministrativo Responsabile Dott. Massimiliano GALLI DD

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Mod. A. Domanda di partecipazione alla selezione, per titoli ed esami, per l individuazione di educatori museali

Mod. A. Domanda di partecipazione alla selezione, per titoli ed esami, per l individuazione di educatori museali Mod. A Al Museo Castello del Buonconsiglio monumenti e collezioni provinciali Via B. Clesio, 5 38122 - TRENTO Esente da bollo ai sensi del D.P.R. 642/1972 Punto 11 Tab. All. B Domanda di partecipazione

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI 1 - LE IMPRESE DI TRASPORTO ESTERE POSSONO ESSERE ISCRITTE ALL ALBO? A - qualsiasi impresa estera puo

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011

Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011 Prot. 604 SCADENZA 10 giugno 2011 Unione dei Comuni dell Anglona e della Bassa Valle del Coghinas Bulzi - Chiaramonti Erula Laerru Martis Nulvi - Perfugas S.M. Coghinas Sedini - Tergu - Valledoria - Viddalba

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

BIOLOGI CHIMICI PSICOLOGI PSICOTERAPEUTI

BIOLOGI CHIMICI PSICOLOGI PSICOTERAPEUTI DOMANDA DI INCLUSIONE NELLA GRADUATORIA Art. 21 dell Accordo Collettivo Nazionale per altre professionalità (Biologi, Chimici, Psicologi) aspiranti all inserimento nella graduatoria annuale degli aspiranti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE MODULARIO TRASPORTI 29OTT010046 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE DOMANDA PER IL RILASCIO DELLA PATENTE DI GUIDA

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

RECAPITO a mezzo raccomandata/telegramma (se diverso dalla residenza, indicare qui sotto):

RECAPITO a mezzo raccomandata/telegramma (se diverso dalla residenza, indicare qui sotto): Prot. n. di data Riservato all Ufficio Al Direttore Generale dell'università degli Studi di Trieste Ripartizione Reclutamento e Formazione Piazzale Europa, 1-34127 Trieste Il/la sottoscritto/a chiede di

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLEGATO A PARTE RISERVATA ALL UFFICIO AL DIRIGENTE DATA Direzione Risorse Umane e Organizzazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO PROT. N Via Verdi, 6-38100 TRENTO SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E PROVE

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

DOMANDA PER MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI CERTIFICATO DI ABILITAZIONE PROFESSIONALE

DOMANDA PER MINISTERO DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI CERTIFICATO DI ABILITAZIONE PROFESSIONALE Mod.TT 746 C MINISTERO DEI TRASPORTI DOMANDA PER CERTIFICATO DI ABILITAZIONE PROFESSIONALE TIPO CERTIFICATO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE ADR TIPO CARTA DI QUALIFICAZIONE DEL CONDUCENTE TRASPORTO PERSONE

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli