Best practice per la riduzione quantificata dei costi dei sistemi desktop aziendali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Best practice per la riduzione quantificata dei costi dei sistemi desktop aziendali"

Transcript

1 WINDOWS VISTA MICROSOFT ENTERPRISE CLUB Disponibile anche sul sito: Best practice per la riduzione quantificata dei costi dei sistemi desktop aziendali I costi di deployment e di gestione dei PC e dell infrastruttura che li supporta incidono dal 30% al 45% sul budget IT della maggior parte delle organizzazioni. Di pari passo con l aumento della loro complessità, spesso gli ambienti IT si trovano a dover sostenere un incremento dei costi e a scendere a compromessi in termini di livello del servizio. In questo white paper vengono presentati i risultati di analisi e sondaggi condotti durante il 2005 su 14 aziende che hanno utilizzato best practice e tecnologie software di gestione per ottimizzare l infrastruttura IT e ridurre i costi di gestione dei PC. Dai risultati dello studio emerge una stretta correlazione tra il numero di best practice adottate, le tecnologie di gestione utilizzate e l impatto positivo sulla riduzione dei costi di personale IT. Windows Vista indirizza per sua natura queste best practice ed è già quindi possibile prevedere l effetto del suo utilizzo sul livello di ottimizzazione dell infrastruttura e quindi il saving netto sui costi di manutenzione e supporto. I decisori tecnici, in special modo quelli responsabili degli ambienti desktop, troveranno qui informazioni dettagliate sul modo in cui gestire al meglio l ambiente IT con un minor dispendio delle risorse finanziarie a disposizione dell azienda.

2 MICROSOFT WINDOWS VISTA Aggiornato a Luglio 2006 ENTERPRISE CLUB INDICE Executive Summary 3 Introduzione 4 Descrizione dei costi del personale IT 6 Implementazione di best practice con una tecnologia software di gestione 8 Conclusioni 12

3 EXECUTIVE SUMMARY Ridurre i costi migliorando al tempo stesso i servizi offerti è un esigenza sentita da tutti i CIO. Dal momento che i PC e le infrastrutture di supporto spesso rappresentano il 30-45% del budget IT e fungono da punto di contatto tra gli utenti e il reparto IT dell organizzazione, la riduzione dei costi e il miglioramento dei livelli di servizio costituiscono la massima priorità 1. Secondo le stime di Gartner, per un organizzazione di utenti un PC gestito in modo tradizionale costa tra i e i dollari l anno e il 13% circa di questo importo riguarda i costi del personale IT 2. Proprio in quest area è opportuno cercare di ridurre i costi, dal momento che questi influiscono direttamente sul budget IT. In questo white paper vengono riepilogati i risultati di analisi e sondaggi condotti durante il 2005 su 14 aziende. Lo studio mette a confronto i tassi di adozione delle best practice e i costi del personale IT, collegandoli alle tecnologie software di gestione utilizzate dalle organizzazioni. Queste informazioni possono essere utilizzate per mettere a punto una serie di strategie per la riduzione dei costi. I costi del personale IT di un organizzazione sono determinati dai seguenti fattori: livello di ottimizzazione dell infrastruttura IT, che incide per il 54% sui costi IT; settore, che incide per il 34%; dimensione, che incide per il 12%. Anche se dimensioni e settore di appartenenza delle organizzazioni influiscono sui costi del personale IT, il fattore discriminante tra le 14 aziende che hanno partecipato alla ricerca è stato il livello di ottimizzazione dell infrastruttura. In questo white paper le organizzazioni sono suddivise in base a tre livelli di ottimizzazione dell infrastruttura, che riflettono il numero di best practice adottate internamente. Le sei best practice utilizzate in questo documento sono state scelte tra un gruppo di 21 selezionate durante la ricerca condotta nel L adozione di queste best practice, che complessivamente permettono un risparmio annuo di 226 dollari per PC, rappresenta il 44% dei potenziali risparmi correlati al passaggio dal livello più basso di ottimizzazione dell infrastruttura a quello più alto. Le organizzazioni che hanno utilizzato un massimo di due best practice sono state classificate in base a un livello di ottimizzazione dell infrastruttura di base. L adozione di tre o quattro best practice ha consentito la qualifica delle organizzazioni come standardizzate, mentre l utilizzo di cinque o sei best practice equivale a un livello di ottimizzazione dell infrastruttura razionalizzato. I risultati dello studio indicano che: Le organizzazioni possono ridurre i costi annuali del personale IT migliorando i livelli di ottimizzazione dell infrastruttura. Passando da un livello di ottimizzazione di base a uno standardizzato è possibile diminuire i costi IT di 233 dollari per PC. Il passaggio da un infrastruttura standardizzata a una razionalizzata consente un abbattimento dei costi IT pari a 280 dollari per PC. Il risparmio complessivo derivante dal passaggio da un livello di ottimizzazione di base a uno razionalizzato contribuisce a una riduzione dei costi IT di 513 dollari per PC. Le organizzazioni possono inoltre ridurre i costi del personale IT annui fino a 226 dollari per PC adottando una serie di best practice mirate. La standardizzazione su un unico sistema operativo desktop implica una riduzione dei costi pari a 52 dollari per PC. La possibilità per gli utenti di installare solo il software autorizzato dal reparto IT diminuisce i costi di 50 dollari per PC. La gestione dei firewall per i PC tramite un programma di protezione completo e centralizzato assicura un abbattimento dei costi di 39 dollari per PC. Un ulteriore riduzione di 30 dollari per computer è consentita dal fatto che gli utenti sono autorizzati a modificare solo le impostazioni dei PC che non compromettono l affidabilità o la sicurezza. La funzionalità di reimpostazione automatica delle password, che permette agli utenti di non dover richiedere l intervento del reparto IT, riduce i costi di 29 dollari per PC. L automazione dei metodi di distribuzione del software tramite criteri per l installazione remota di applicazioni per PC e aggiornamenti per la protezione implica una riduzione dei costi pari a 26 dollari per PC. L utilizzo del software Microsoft ha incrementato i tassi di adozione delle best practice riducendo i costi del personale IT annui. L utilizzo del servizio Microsoft Windows Active Directory e dei Group Policy ha contribuito a una riduzione dei costi di 171 dollari per PC. L uso contemporaneo di Active Directory e Microsoft System Management Server (SMS) ha inoltre comportato un abbattimento dei costi IT di 199 dollari per PC. Le nuove funzionalità di Windows Vista consentono by design di applicare queste best practice ed è quindi già possibile prevedere il saving netto sui costi di manutenzione e supporto dell infrastruttura desktop. Livelli differenti di ottimizzazione dell infrastruttura richiedono strategie diverse per la riduzione dei costi del personale IT. Le organizzazioni al livello di base dovrebbero implementare una strategia volta a ridurre al minimo il numero dei sistemi operativi e implementare un servizio di directory con criteri centralizzati per garantire un ambiente desktop gestito. Le organizzazioni con un infrastruttura standardizzata dovrebbero gestire i PC in maniera più rigida mediante le policy ed estendere le capacità di gestione con un software per la gestione dei sistemi. Le organizzazioni al livello razionalizzato dovrebbero trovare ulteriori spunti per il miglioramento dell efficienza operativa, dal momento che hanno già adottato tutte le best practice presentate in questo white paper. Indipendentemente dal livello di ottimizzazione dell infrastruttura, è auspicabile che tutte le organizzazioni definiscano un piano per l adozione di nuovi sistemi operativi per PC e di software di gestione. 1 Dati provenienti da un sondaggio di GCR condotto tra 150 professionisti IT nel mese di agosto I costi includono l hardware e il software per PC, la manodopera, l help desk e l infrastruttura server di supporto. 2 Michael Silver e Federica Troni, Using Best Practices to Reduce Desktop PC TCO, update, dicembre 2005, RN G , Gartner. 3

4 INTRODUZIONE Dal momento che i costi del personale IT influiscono direttamente sul budget, la loro diminuzione attraverso l adozione di una serie di best practice mirate, costituisce un ottimo modo per risparmiare risorse, che possono essere collocate su attività a maggior valore. I risultati dello studio mostrano come le organizzazioni con un livello di ottimizzazione dell infrastruttura di base o standardizzato possono ridurre i costi: Implementando alcune o tutte e sei le best practice esposte nello studio. Utilizzando il servizio di directory Microsoft Windows Active Directory, Group Policy e SMS per implementare queste best practice. Best practice Le best practice sono processi IT mirati a ridurre al minimo i costi o a migliorare i livelli del servizio o l agilità di business. Le 14 aziende che hanno partecipato allo studio hanno risposto a domande sul livello del personale, sulle tecnologie di gestione in uso e sul tasso di adozione delle best practice. Delle 21 best practice raccolte, sei avevano una correlazione diretta con la riduzione dei costi del personale IT. Nella tabella riportata di seguito è disponibile una descrizione di queste best practice. Ottimizzazione dell infrastruttura I risultati dello studio dimostrano chiaramente che il livello di ottimizzazione dell infrastruttura di un organizzazione è il principale fattore che determina i costi del personale IT. Per ottimizzazione dell infrastruttura si intende lo sviluppo complessivo dei processi IT di un organizzazione e delle specifiche tecnologie adottate. Microsoft ha messo a punto un modello di ottimizzazione dell infrastruttura (IOM, Infrastructure Optimization Model) volto ad aiutare le organizzazioni a valutare il livello più o meno avanzato degli investimenti effettuati nelle tecnologie e nei processi IT e a stabilire priorità ben precise per quelli futuri. Nella tabella seguente sono illustrate le caratteristiche delle organizzazioni ai diversi livelli del modello di ottimizzazione dell infrastruttura. Benché la tabella preveda anche il livello dinamico del modello di ottimizzazione dell infrastruttura, nessuna delle organizzazioni che hanno partecipato a questo studio ha dimostrato un livello così elevato nello sviluppo dei processi IT. Best practice Standardizzazione su un unico sistema operativo Possibilità per gli utenti di installare solo software autorizzato dal reparto IT Gestione centralizzata del firewall per i PC Descrizione della best practice Le organizzazioni che hanno scelto di standardizzarsi su un unico sistema operativo desktop sono riuscite a ridurre notevolmente i costi del personale IT rispetto a quelle che hanno continuato a utilizzare più di un sistema operativo. Il software autorizzato viene installato automaticamente tramite una gestione basata su policy. Gli utenti possono installare solo i prodotti autorizzati dal reparto IT tramite un software di gestione o un servizio di directory. Le organizzazioni che dispongono di un firewall per i PC gestito centralmente sono in grado di limitare le porte su cui i computer possono inviare e ricevere traffico. È inoltre possibile aprire o chiudere tali porte per far fronte a eventuali nuove minacce per la protezione. Livello IOM Di base Standardizzata Descrizione del livello IOM 3 La maggior parte delle risorse IT viene utilizzata per garantire il funzionamento dell infrastruttura con una gestione di tipo reattivo. I sistemi sono complessi, non compatibili e costosi e non forniscono servizi a livello dell intera organizzazione. I criteri e i processi automatizzati in uso nel reparto IT sono limitati. Il reparto IT di un organizzazione standardizzata è parzialmente centralizzato e alquanto efficace. I sistemi IT rimangono complessi, non compatibili e costosi e vengono eseguiti come processi operativi a sé stanti. Un gruppo IT centralizzato fornisce un livello di automazione di base. Nelle diverse business unit esiste una gamma limitata di servizi automatizzati. Possibilità per gli utenti di modificare solo le impostazioni del PC che non compromettono l affidabilità o la sicurezza Reimpostazione automatica delle password Distribuzione automatica del software Figura 2. Best practice presentate nello studio. Il reparto IT determina le impostazioni critiche per l affidabilità e la sicurezza dei PC e utilizza criteri software per impedire a utenti non autorizzati di apportare modifiche, per esempio al Registro di sistema di Windows e alle impostazioni del firewall. Gli utenti possono reimpostare le password senza dover richiedere l intervento dell help desk. Le patch e le applicazioni per PC vengono distribuite tramite strumenti automatizzati sulla base dei gruppi di appartenenza degli utenti. Razionalizzata L organizzazione e i reparti IT collaborano alla definizione di una strategia IT a lungo termine. Le policy IT sono determinate sulla base di quelle aziendali e vengono applicate con l ausilio della tecnologia e dei processi IT. I processi IT presentano un livello di complessità notevolmente ridotto e i problemi di compatibilità tra le applicazioni sono minimi. Si tratta dello stato di ottimizzazione dell infrastruttura più conveniente in termini di costi. 3 Per una descrizione completa del modello di ottimizzazione dell infrastruttura, vedere l appendice B Ottimizzazione dell infrastruttura. Dinamica Il risparmio sui costi sostenuti è di secondaria importanza rispetto all ottimizzazione dell agilità di business, che rappresenta un fattore determinante per il vantaggio competitivo. Alcuni processi decisionali sono decentralizzati, in modo da essere più vicini agli effettivi processi aziendali. I sistemi IT sono estremamente automatizzati, flessibili e in grado di rispondere tempestivamente alle mutevoli condizioni di business. Le organizzazioni possono scegliere di non implementare determinate best practice IT poiché riducono l agilità di business. Figura 1. Caratteristiche delle organizzazioni ai diversi livelli di ottimizzazione dell infrastruttura. 4

5 Valore, TCO e costi del personale IT Categoria di costo Sono inclusi i costi relativi a Costo annuo per PC TCO annuo (%) In questo white paper sono illustrati gli effetti di diversi fattori, come il livello di ottimizzazione dell infrastruttura, sui costi del personale IT associati alla gestione di un ambiente desktop. I costi del personale IT sono una sottocategoria dei costi globali di gestione (TCO, Total Cost of Ownership), che a loro volta rientrano nell ambito del valore di business complessivo di qualunque tecnologia software. Nella figura 3 è riportato questo collegamento. Valore di Business Costi diretti (budget IT) Hardware e software Personale IT Hardware, sistemi operativi e applicazioni per PC. I costi hardware e software vengono ammortizzati in un periodo di tre anni. Personale IT utilizzato per gestire i computer desktop tramitel interazione diretta con gli utenti e i PC o attraverso server di gestione dollari 630 dollari 30% 15% Costi globali di gestione Costi del personale IT Figura 3. Collegamento tra valore di business, costi globali di gestione e costi del personale IT. Le società di analisi, quelle di consulenza e i fornitori che valutano i costi dei PC si avvalgono di molti modelli di TCO che, in genere, sono molto simili e includono componenti di costo diretti e indiretti. L hardware, il software e il personale IT costituiscono costi diretti che sono inclusi nel budget IT e possono essere pianificati. I costi indiretti, invece, vengono sostenuti al di fuori del reparto IT e sono percepiti come una perdita di produttività del personale. Vengono sostenuti costi indiretti quando, per esempio, si tenta di risolvere i problemi del PC prima di richiedere l intervento dell help desk oppure quando si installano prodotti software, si esegue il backup dei dati o si partecipa a un corso di formazione per imparare a usare un nuovo software. Nella figura 4 sono riportate le categorie di costo di TCO annuo pari a 4500 dollari per PC. Il TCO viene calcolato per ogni PC basato su Windows in un ambiente IT gestito in modo tradizionale. Costi indiretti (non preventivati nel budget e sostenuti al di fuori del reparto IT) Self service Tempi di inattività Principalmente il tempo dedicato dagli utenti al supporto in autonomia e all apprendimento del funzionamento dei sistemi IT. Dalla ricerca condotta da Microsoft è emerso che un utente medio dedica tra le 60 e le 120 ore all anno ad attività di supporto in autonomia. Mancata produttività degli utenti causata da un errore di sistema IT. Dal momento che spesso gli utenti sono produttivi anche se non dispongono del PC, questo parametro è ridotto dell 80% dollari 95 dollari Figura 5. Descrizione e importanza relativa delle categorie dei costi globali di gestione. 50% 5% 5% 30% 15% 50% Manodopera del personale Manodopera IT Hardware/Software Tempi di inattività Figura 4. Costi globali di gestione dei PC Windows classificati per categoria di costo. Nella tabella riportata di seguito viene descritto in che modo sono distribuiti questi costi. Di pari passo con l aumento del livello di ottimizzazione dell infrastruttura, i costi del personale IT e inattività diminuiscono, mentre quelli relativi all hardware e al software subiscono variazioni minime. Di conseguenza, con il miglioramento dell ottimizzazione dell infrastruttura, l hardware e il software finiscono per rappresentare una percentuale più rilevante dei costi globali di gestione. 5

6 DESCRIZIONE DEI COSTI DEL PERSONALE IT Anche se le dimensioni e il settore di appartenenza delle organizzazioni influiscono sui costi del personale IT, tra le aziende che hanno partecipato allo studio il fattore discriminante è stato il livello di ottimizzazione dell infrastruttura. In questa sezione vengono fornite informazioni sulle tendenze di ottimizzazione dell infrastruttura e di adozione delle best practice, con particolare attenzione per le differenze in termini di costi tra le organizzazioni ai diversi livelli di ottimizzazione dell infrastruttura. Settore Alberghiero Servizi finanziari Petrolifero Costi IT per PC 260 dollari 263 dollari 322 dollari di best practice Tendenze di ottimizzazione dell infrastruttura Sanità 379 dollari 3 Le organizzazioni che hanno partecipato alla ricerca rispecchiano i diversi livelli di ottimizzazione dell infrastruttura, a eccezione del più avanzato. La tabella seguente illustra in che modo le 14 aziende prese in esame dallo studio sono distribuite all interno del modello di ottimizzazione dell infrastruttura. Trasporti 405 dollari Figura 8. Costi IT dei processi operativi IT a costi più contenuti. 3 Livello IOM Di base Numero di organizzazioni 4 (29%) di PC per organizzazione Come previsto, le organizzazioni che hanno adottato sei best practice hanno avuto i costi del personale IT più bassi, che sono andati aumentando gradualmente di pari passo con la diminuzione del numero di best practice in uso. Tutte e cinque queste organizzazioni disponevano di un programma di protezione completo con firewall per PC gestiti in modo centralizzato e di un sistema automatico di distribuzione del software per il deployment delle applicazioni e delle patch. Standardizzata 8 (57%) Influenza del settore dell organizzazione Razionalizzata Dinamica Best practice e ottimizzazione dell infrastruttura Il numero di best practice adottate dalle organizzazioni che hanno partecipato allo studio è stato utilizzato come indicatore del livello di ottimizzazione dell infrastruttura: quante più best practice sono state adottate, tanto più elevato è il livello di ottimizzazione. Nella tabella seguente sono riepilogati i tassi di adozione delle best practice tra le diverse organizzazioni ai vari livelli IOM. Livello IOM Di base 2 (14%) Figura 6. Organizzazioni raggruppate in base alle categorie IOM. 0 di best practice Da 0 a Numero di organizzazioni 4 (29%) Anche se questo white paper si concentra su 14 aziende del settore privato la ricerca iniziale includeva anche 17 organizzazioni governative e istituti didattici. Se analizzato in separata sede, ognuno di questi gruppi mostra lo stesso comportamento, vale a dire quante più best practice vengono adottate, tanto più diminuiscono i costi del personale IT. Tuttavia, quando i tre gruppi vengono valutati complessivamente, il collegamento tra il livello di ottimizzazione dell infrastruttura e i costi IT risulta meno evidente. L influenza del settore di appartenenza dell organizzazione è determinata dal fatto che ognuno dei tre gruppi ha il proprio profilo in termini di costi e best practice. Per esempio, gli istituti didattici, caratterizzati dal profilo di costo più contenuto, hanno anche il tasso più basso di adozione delle best practice. Dall altro lato, le organizzazioni governative sono contraddistinte sia dai costi più elevati che dal tasso più alto di adozione delle best practice. Combinando i dati provenienti dalle organizzazioni governative, dale aziende del settore privato e dagli istituti didattici, il nesso tra i tassi di adozione delle best practice e i costi del personale IT risulta attenuato per via delle variabili del settore. Nella tabella seguente sono indicati i costi annuali medi del personale IT e il numero medio di best practice adottate per ogni gruppo. Standardizzata 3 o 4 8 (57%) Razionalizzata 5 o 6 2 (14%) Tipo di organizzazione Costi IT per PC Numero di organizzazioni di best practice Figura 7. Tassi di adozione delle best practice in base al livello IOM. Enti didattici 334 dollari 8 2,8 Anziché limitarsi a considerare i valori medi in questo white paper, è più utile prendere in esame le cinque aziende con i risultati migliori, vale a dire con i processi operativi IT a costi più contenuti, in modo da comprendere la correlazione tra tali costi e i tassi di adozione delle best practice. Nella tabella riportata di seguito sono riepilogati i costi IT e il tasso di adozione delle best practice da parte di queste aziende. Aziende private Istituzioni 568 dollari 624 dollari ,0 3,3 Figura 9. Effetto del settore di appartenenza dell organizzazione sui costi IT e l adozione delle best practice. 6

7 Nella tabella seguente sono riepilogati i dati relativi ai costi IT e alle best practice, sia per le 14 aziende private che per il campione di 31 organizzazioni prese in esame. Benché i tassi di adozione delle best practice rimangano relativamente costanti per ogni campione, le differenze nei costi IT tra i livelli di ottimizzazione dell infrastruttura di base e razionalizzata sono maggiori nel caso delle aziende private. Costi del personale IT ai diversi livelli di ottimizzazione dell infrastruttura In questo studio le attività IT di supporto ai PC sono state raggruppate in tre categorie: supporto tecnico diretto, help desk e gestione dei PC basata su server. Livello di IOM Di base Standardizzata Razionalizzata Livello di IOM Di base Costi del personale IT per PC 774 dollari 542 dollari 261 dollari Costi del personale IT per PC 618 dollari Aziende private di best practice 1,4 3,6 6,0 Tutte le organizzazioni di best practice 1,4 Numero di organizzazioni Numero di organizzazioni 13 Costi di supporto tecnico diretto. In questa categoria rientrano i costi per la creazione di immagini, la gestione della protezione, la configurazione dei PC, la gestione del portfolio e il testing e la creazione di pacchetti per le applicazioni. Questa categoria di costo è strettamente legata al numero di sistemi operativi in uso e alla capacità del reparto IT di installare patch e applicazioni tramite un sistema automatico di distribuzione del software. Costi di help desk. Si tratta dei costi per il funzionamento dell help desk e per gli interventi del personale incaricato della riparazione dei PC che non possono essere riparati remotamente. Questa categoria di costo è influenzata principalmente dal tipo di firewall adottato sui PC, dai criteri che permettono agli utenti di installare solo il software autorizzato dal reparto IT, che impediscono di apportare modifiche alle impostazioni dei PC che compromettano l affidabilità o la sicurezza dei sistemi e dalla possibilità di reimpostare automaticamente le password. Standardizzata Razionalizzata 488 dollari 391 dollari Figura 10. Costi del personale IT annui per le organizzazioni aziendali e per l intero campione. Influenza della dimensione dell organizzazione Delle tre variabili prese in esame in questo studio, la dimensione dell organizzazione è quella che influisce in minor misura sui costi del personale IT. Dall analisi effettuata risulta che non esiste un nesso significativo tra il livello di ottimizzazione dell infrastruttura e il numero di PC all interno di un organizzazione. Nella tabella seguente sono riportati i costi annuali medi del personale IT per PC per le organizzazioni di tre diverse dimensioni. PC per organizzazione Costi del personale IT per PC 3,6 5,7 Numero di organizzazioni 12 6 di best practice Costi di gestione basata su server. Questa categoria include i costi del personale incaricato della gestione dei sistemi, dell amministrazione delle directory e dell impostazione dei criteri per i PC, vale a dire dei tecnici che gestiscono strumenti quali SMS o infrastrutture di directory come Active Directory e che creano, testano e implementano criteri come Group Policy di Microsoft Windows. I costi IT in questa categoria sono strettamente correlati al grado di standardizzazione dell infrastruttura. Costi del personale IT e ottimizzazione dell infrastruttura Di pari passo con il passaggio di un organizzazione da un livello di ottimizzazione all altro, cambiano anche i risparmi in termini di costi IT e gli effetti delle tecnologie di gestione che li rendono possibili. In questa sezione vengono descritti gli effetti degli strumenti di gestione utilizzati dalle organizzazioni che hanno partecipato a questo studio sulla complessità dei sistemi e i costi del personale IT. La tabella seguente offre una panoramica dei costi annuali medi del personale IT per le organizzazioni ai diversi livelli di ottimizzazione dell infrastruttura dollari 12 3,3 Livello IOM Costi complessivi del personaleit per PC dollari 10 2, dollari 9 3,0 Di base 774 dollari Figura 11. Costi del personale IT per PC classificati in base alle dimensioni delle organizzazioni. Standardizzata 542 dollari In generale, i costi IT diminuiscono di circa 10 dollari per PC per ogni computer distribuiti. Questa relazione è valida tra i e i PC. Razionalizzata 261 dollari Figura 12. Costi medi del personale IT classificati in base al livello IOM. 7

8 Passando dal livello di ottimizzazione di base a quello standardizzato, le organizzazioni prese in esame hanno ottenuto un risparmio di 232 dollari per PC all anno, pari al 30%. Il passaggio al successivo livello di infrastruttura razionalizzata ha fruttato ancora di più, vale a dire un risparmio del 52%, pari a 281 dollari annui per PC. Con il progredire verso nuovi livelli di ottimizzazione, la riduzione dei costi è determinata anche dalle infrastrutture di gestione dei sistemi dell organizzazione, ovvero strumenti per la gestione dei sistemi, servizi di directory e criteri per i PC. Al livello di base, le organizzazioni prese in esame non disponevano di alcuna infrastruttura di gestione dei sistemi, mentre quelle standardizzate utilizzavano una combinazione di strumenti non integrati e parzialmente sovrapposti. La complessità al livello standardizzato diminuiva l efficienza in termini di gestione, comportando un aumento dei costi. Al livello razionalizzato, invece, le organizzazioni erano standardizzate su un unico set di strumenti adottato nell intera azienda. Nella tabella riportata di seguito è riportato il numero medio di strumenti di gestione utilizzati dalle diverse organizzazioni ai vari livelli del modello di ottimizzazione dell infrastruttura. Livello IOM Di base Standardizzata Razionalizzata Figura 13. Prodotti di gestione supportati (in base al livello IOM). di prodotti di gestione supportati Passaggio da un livello di ottimizzazione di base a uno standardizzato Le organizzazioni con un infrastruttura di base erano solite gestire gli ambienti desktop con l ausilio di pochissimi strumenti di gestione, con una media di 0,3 prodotti per organizzazione. Una simile mancanza di strumenti ha impedito a queste aziende di automatizzare la distribuzione del software e implementare un programma di protezione completo con un firewall gestito centralmente. L utilizzo di queste due best practice ha costituito il maggior fattore discriminante tra le organizzazioni con costi del personale IT più o meno elevati. Passaggio da un livello di ottimizzazione standardizzato a uno razionalizzato Pur utilizzando più strumenti di gestione rispetto alle organizzazioni ad altri livelli di ottimizzazione, spesso le aziende con un infrastruttura standardizzata adottavano fino a quattro diversi prodotti di fornitori differenti per la gestione dei sistemi nei vari ambiti dell ambiente desktop aziendale. Un approccio di questo tipo ha contribuito ad aumentare la complessità dei sistemi, riducendo la possibilità di implementare le best practice in modo uniforme all interno dell organizzazione e incrementando notevolmente i costi di gestione dei server. 0,3 2,0 1,5 Dai risultati dello studio è emerso che per raggiungere un livello di ottimizzazione dell infrastruttura razionalizzato, un organizzazione standardizzata deve: Ridurre la complessità standardizzandosi su un unico sistema operativo, su una sola directory e sul numero minimo di strumenti per la gestione dei sistemi necessario per fornire le funzionalità richieste. Implementare, se ancora non è stato fatto, un firewall gestito in modo centralizzato e un sistema di distribuzione automatica del software. Queste funzionalità consentono alle organizzazioni di entrare a far parte del gruppo dei processi operativi IT a basso costo del livello standardizzato citato in precedenza. Limitare la possibilità da parte degli utenti di installare prodotti software e modificare le impostazioni del PC impostando il blocco dei computer. Le organizzazioni con infrastruttura razionalizzata prese in esame in questo studio disponevano di un numero sufficiente di strumenti per adottare tutte e sei le best practice, ma hanno scelto di ridurre al minimo i prodotti in uso per contenere la complessità dei sistemi. Questo approccio ha consentito di ridurre i costi IT, semplificando l implementazione di cinque o sei best practice a livello aziendale. IMPLEMENTAZIONE DI BEST PRACTICE CON UNA TECNOLOGIA SOFTWARE DI GESTIONE Nelle sezioni precedenti è stato illustrato in che modo l ottimizzazione dell infrastruttura IT e l adozione di una serie di best practice mirate possano contribuire a ridurre i costi del personale IT. In questa sezione vengono descritte le sei best practice, prestando particolare attenzione alla loro ripercussione sui costi, nonché le tecnologie richieste per implementarle. Best practice, efficienza dei processi IT e costi IT È possibile prevedere in modo piuttosto accurato la riduzione dei costi IT che può derivare dall adozione delle best practice. Durante le ricerche per la stesura di questo documento sono stati raccolti dati relativi a 21 best practice, che spaziavano dalla verifica della compatibilità tra le applicazioni al provisioning per gli utenti. Delle 21 best practice studiate, solo sei hanno dimostrato una correlazione diretta con la riduzione dei costi del personale IT. Dai risultati della ricerca è emerso che, pur fornendo valore, le 15 best practice rimanenti non mostravano alcuna tendenza applicabile a tutte le 31 organizzazioni prese in esame. Se da un lato, infatti, alcune aziende ottenevano un notevole risparmio grazie all adozione di queste best practice, per altre i risultati non erano significativi. Nella tabella seguente è illustrato il collegamento fra l adozione di una specifica best practice, la riduzione dei costi IT corrispondente e la tecnologia Microsoft che ne supporta l implementazione. 8

9 Best practice/ nome del Programma Risparmi in termini di costi IT per PC Numero di organizzazioni Attività amministrative IT Tecnologia Microsoft sottostante Standardizzazione su un unico sistema operativo per PC 52 dollari 9 - Gestione delle immagini - Amministrazione desktop - Supporto help desk e presso le postazioni degli utenti - Sistema operativo Windows 2000 o successivo Possibilità per gli utenti di installare solo software autorizzato dal reparto IT 50 dollari 7 - Gestione delle applicazioni - Amministrazione desktop - Supporto help desk e presso le postazioni degli utenti - Active Directory e Group Policy - Microsoft Installer - Systems Management Server - Sistema operativo Windows 2000 o successivo Gestione centralizzata del firewall per i PC 39 dollari 7 - Sicurezza e applicazione delle patch - Amministrazione desktop - Supporto help desk e presso le postazioni degli utenti - Active Directory e Group Policy - Sistema operativo Windows XP SP2 o successivo Possibilità per gli utenti di modificare solo le impostazioni del PC che non compromettono l affidabilità o la sicurezza 30 dollari 9 - Gestione delle applicazioni - Amministrazione desktop - Supporto help desk e presso le postazioni degli utenti - Active Directory e Group Policy - Sistema operativo Windows 2000 o successivo Reimpostazione automatica delle password 29 dollari 7 - Supporto help desk e presso le postazioni degli utenti - Tecnologia Microsoft non ancora disponibile Automazione della distribuzione del software in base al gruppo di appartenenza 26 dollari 8 - Gestione delle applicazioni - Amministrazione desktop - Sicurezza e applicazione delle patch - Active Directory e Group Policy - Microsoft Installer - Systems Management Server Figura 14. Risparmio in termini di costi IT, best practice e tecnologie software sottostanti. Le best practice relative al firewall per i PC e alla distribuzione automatica del software non offrono alle organizzazioni un elevata riduzione dei costi. Tuttavia, delle sei best practice prese in esame in questo studio, sono quelle che influiscono maggiormente sulla previsione dei costi del personale IT. Classificando le 14 organizzazioni partecipanti allo studio a partire, dall alto verso il basso, da quelle con i costi più contenuti fino ad arrivare a quelle con i costi più elevati, le ultime sei organizzazioni sono quelle che non dispongono né di un firewall amministrato centralmente né di un sistema di distribuzione automatica del software. Standardizzazione su un unico sistema operativo desktop Le organizzazioni che hanno scelto di standardizzarsi su un unico sistema operativo desktop sono riuscite a ridurre notevolmente i costi IT rispetto a quelle che hanno continuato a utilizzare più di un sistema operativo. Infatti, le aziende che utilizzano un solo sistema operativo hanno ridotto in modo significativo la complessità dell ambiente desktop oltre ai costi del personale IT. Le organizzazioni che non hanno adottato questa best practice hanno dovuto raddoppiare il consistente investimento di risorse in attività di verifica della compatibilità tra applicazioni e gestione delle immagini. Per implementare questa best practice, le organizzazioni devono automatizzare gli aggiornamenti del sistema operativo per rendere il processo più conveniente. Molte organizzazioni che utilizzano più di un sistema operativo lo fanno più per necessità che per scelta. Infatti, proprio perché non dispongono di un modello per l ottimizzazione dell infrastruttura, sono obbligate a fare affidamento sul ciclo di aggiornamento dell hardware per aggiornare i PC. Di conseguenza, utilizzano il sistema operativo fornito con i computer. Dal momento che i PC vengono sostituiti nel corso del tempo e che vengono venduti con sistemi operativi diversi, le aziende finiscono con il ritrovarsi con un ambiente IT combinato costituito da svariati sistemi operativi. Questa best practice garantisce un risparmio alle organizzazioni che utilizzano un sistema operativo desktop anziché due. Quelle che utilizzano più di due sistemi operativi, invece, possono aspettarsi un risparmio ancora maggiore. Una delle organizzazioni che hanno preso parte a questa ricerca utilizzava quattro sistemi operativi. Dopo essersi standardizzata su un unico prodotto, i costi del personale IT sono diminuiti in modo tale da posizionare l organizzazione nella fascia inferiore del campione (25%). Possibilità per gli utenti di installare solo software autorizzato dal reparto IT Esiste un collegamento diretto tra la complessità del portfolio di applicazioni di un organizzazione e i costi del personale IT. Quando il reparto IT decide quali applicazioni installare sui computer degli utenti, contribuisce a semplificare la gestione di tale portfolio, evitando che applicazioni non documentate e di scarsa qualità generino chiamate di supporto, compromettano la sicurezza e interferiscano con i futuri aggiornamenti dei sistemi. Molte organizzazioni sono in grado di controllare l installazione di software non 9

10 autorizzato. Tuttavia, adottando Per fare in modo che gli utenti installino solo software autorizzato dal reparto IT, è necessario disporre di una directory e di Group Policy gestite centralmente per la configurazione delle impostazioni dei PC, oltre che di un metodo automatizzato per il deployment delle applicazioni. Agli utenti devono inoltre essere concessi diritti per gli utenti standard anziché privilegi amministrativi, in modo da evitare di sovrascrivere inavvertitamente i criteri IT. Gestione centralizzata del firewall per i PC Nonostante questo studio abbia preso in considerazione l utilizzo del firewall per i PC, questa best practice può essere meglio definita come programma di protezione completo. La maggior parte delle organizzazioni che hanno utilizzato un firewall gestito centralmente l ha fatto nell ambito di un programma di protezione più ampio, che includeva il controllo dell accesso di rete e altri programmi pensati per ridurre l esposizione a rischi di protezione. Questa best practice consente di diminuire i costi in due modi diversi. In primo luogo, i firewall riducono le minacce alla protezione rappresentate dai pirati informatici e contribuiscono a prevenire i virus, un vantaggio indiscutibile in termini di diminuzione delle chiamate per l help desk oltre che del tempo che il personale tecnico deve dedicare alla risoluzione dei problemi legati alla sicurezza. In secondo luogo, la gestione centralizzata di un firewall garantisce alle organizzazioni IT una protezione preventiva dai possibili attacchi, riducendo la necessità di applicare patch correttive. Per esempio, se viene scoperto un nuovo virus che attacca una porta specifica, il reparto IT può chiudere tale porta su tutti i PC dell organizzazione, rendendolo inerte. A questo punto, il personale tecnico ha il tempo per individuare un aggiornamento di protezione appropriato, testarlo e aggiungerlo al normale ciclo di gestione del sistema. Dopo il deployment dell aggiornamento di protezione, la porta potrà essere riaperta. Se un organizzazione non è in grado di eseguire questa operazione in caso di attacco di un virus, è addirittura possibile che tutti i PC dell infrastruttura IT siano colpiti e richiedano una costosa operazione di pulitura. Anche se l organizzazione non subisce attacchi, il reparto IT deve comunque eseguire un aggiornamento di emergenza su tutti i PC per rimuovere il problema di protezione. Questo approccio è sostanzialmente più costoso e rischioso rispetto alla distribuzione di un aggiornamento di protezione attraverso un normale ciclo di gestione. Possibilità per gli utenti di modificare solo le impostazioni del PC autorizzate dal reparto IT Questa best practice assicura al reparto IT che gli utenti non possano compromettere l affidabilità e la sicurezza dei PC e viene spesso implementata insieme a quella che consente agli utenti di installare solo il software autorizzato dal personale tecnico. Questa best practice offre due vantaggi. Prima di tutto, gli utenti non possono danneggiare inavvertitamente il PC modificando il Registro di sistema o le impostazioni di protezione. Per esempio, anche se un organizzazione implementa un firewall gestito centralmente, senza il controllo delle impostazioni del PC da parte del reparto IT gli utenti possono aprire indistintamente tutte le porte, rendendo più vulnerabile il computer, per esempio per utilizzare applicazioni come telefoni Web o servizi di chat. Secondariamente, se le impostazioni vengono configurate dal reparto IT, i PC sono maggiormente standardizzati, con una conseguente riduzione dei costi di risoluzione dei problemi. L adozione di questa best practice è meno controversa di quella che consente di controllare le applicazioni software installate, dal momento che meno utenti modificano direttamente le impostazioni di protezione e del Registro di sistema. Tuttavia, i requisiti in termini di infrastruttura per entrambe le best practice sono analoghi: agli utenti devono essere assegnati i diritti di utente standard e i criteri devono essere implementati attraverso una directory. Reimpostazione automatica delle password Questa best practice permette di ridurre il numero delle chiamate per il supporto help desk da parte di utenti che hanno dimenticato la password o che non si trovavano al computer al momento della sua scadenza. Il valore di questa best practice è spesso collegato al livello di ottimizzazione dell infrastruttura di un organizzazione. Le aziende al livello di base e standardizzato in genere sono molto complesse e utilizzano sistemi non integrati. Gli utenti di queste organizzazioni sono obbligati a ricordare un numero elevato di password, il che rischia solo di peggiorare i problemi relativi alle password. Un simile livello di complessità del sistema impedisce inoltre alle organizzazioni di base e standardizzate di disporre di capacità di reimpostazione automatica delle password su tutti i sistemi. Queste organizzazioni dispongono di troppe applicazioni line-of-business per automatizzare i processi relativi alle password, quindi l implementazione di questa best practice richiede un programma software per la reimpostazione delle password per ogni applicazione che dispone di identità utente. Le aziende razionalizzate, invece, possono contare su un ambiente IT assolutamente lineare e utilizzano in genere una metadirectory per la sincronizzazione delle password e delle identità degli utenti tra i sistemi. In questi ambienti IT avanzati, le password sono reimpostate nella metadirectory e vengono propagate a tutti i sistemi, ed è quindi sufficiente un solo software per il reset della password. Distribuzione automatica del software Grazie alla distribuzione automatica del software il reparto IT può installare applicazioni e aggiornamenti software senza l intervento diretto degli utenti o del personale tecnico. Questo approccio consente al reparto IT di distribuire il software contemporaneamente su un numero qualsiasi di PC, riducendo il tempo richiesto per risolvere un potenziale problema di protezione con l installazione di un aggiornamento. Nelle organizzazioni più piccole il software può essere distribuito tramite un sistema basato su directory che consente il deployment di applicazioni e aggiornamenti di protezione sui diversi PC mediante criteri o la pubblicazione di software opzionale che gli utenti possono installare su richiesta. Le aziende di dimensioni più elevate in genere richiedono un prodotto software più avanzato per la gestione dei sistemi in grado di bilanciare i carichi in caso di deployment su vasta scala, tenendo in considerazione più parametri prima di distribuire il software agli utenti. Blocco completo dei computer desktop Questa best practice è una combinazione di altre tre: possibilità per gli utenti di installare solo il software autorizzato dal reparto IT, possibilità per gli utenti di modificare solo le impostazioni del PC autorizzate dal reparto IT e distribuzione automatica del software. Complessivamente, queste tre best practice assicurano un risparmio di 106 dollari per PC ogni anno, pari al 47% del valore annuo totale di 226 dollari garantito dall adozione di tutte le best practice. L implementazione di questa best practice implica la necessità di soddisfare tutti i prerequisiti richiesti per le singole best practice descritte in precedenza. Il valore dei servizi di directory Tra i prodotti software di gestione i servizi di directory sono quelli che hanno avuto l influenza più significativa sui costi del personale IT, oltre a essere l unica tecnologia Microsoft con un ruolo determinante per tutte e sei le best practice presentate in questo white paper. L utilizzo del servizio Active Directory e di Group Policy ha contribuito a ridurre i costi del personale IT annui di 183 dollari per PC (171 dollari se non si includono le aziende che utilizzano SMS). Delle 14 aziende prese in esame, nove uti- 10

11 lizzavano Active Directory, mentre le altre cinque un servizio di directory flat come Windows NT Server versione 4.0 o Novell Netware 3.x (il campione di organizzazioni prese in esame non presentava esempi di implementazione di Novell e-directory). Nella tabella riportata di seguito è raffigurato il collegamento tra il servizio di directory utilizzato, i costi del personale IT e il tasso di adozione delle best practice. Tutte e sei le best practice analizzate in questo documento sono direttamente correlate all utilizzo di Active Directory. Servizio di di directory Active Directory Directory flat 4 Costi del personale IT per PC 503 dollari 686 dollari di best practice Standardizzazione su un unico sistema operativo. Con Active Directory, durante l aggiornamento di un PC è possibile trasferire anche le informazioni relative all utente, semplificando la standardizzazione su un unico sistema operativo. Possibilità per gli utenti di installare solo software autorizzato dal reparto IT. Active Directory e Group Policy permettono ai professionisti IT di assegnare autorizzazioni appropriate per l installazione a ciascun utente. Gestione centralizzata del firewall per i PC. È possibile utilizzare Active Directory e Group Policy per configurare i firewall e modificare le configurazioni, in modo da far fronte a eventuali minacce per la protezione. Possibilità per gli utenti di modificare solo le impostazioni del PC autorizzate dal reparto IT. Utilizzando Active Directory e Group Policy, i professionisti IT sono in grado di assegnare autorizzazioni appropriate per la configurazione del PC ai diversi utenti. Reimpostazione automatica delle password. Active Directory può essere utilizzato insieme a Microsoft Identity Integration Server (MIIS) 5 per reimpostare le password in Active Directory e altri archivi per la gestione di directory e identità. Se una password viene reimpostata in Active Directory, con MIIS la modifica viene propagata agli altri sistemi a cui gli utenti devono accedere. Benché MIIS sia in grado di ridurre la complessità della gestione delle identità, è necessario utilizzare applicazioni di altri produttori per fornire funzionalità aggiuntive per consentire agli utenti di reimpostare le password senza l intervento del supporto service desk. Distribuzione automatica del software. Per le organizzazioni più piccole, Active Directory e Group Policy consentono di distribuire il software sui PC degli utenti tramite file di Windows Installer o di annunciare la disponibilità di un applicazione che gli utenti possono installare su richiesta. Le organizzazioni di maggiori dimensioni potranno utilizzare SMS per il deployment automatico del software. 3,9 2,2 Figura 15. Tendenze di utilizzo della directory per i sistemi operativi. Numero di organizzazioni 4 Windows NT 4.0 o Novell Netware 3.x. 5 Per ulteriori informazioni su Microsoft Identity Integration Server, visitare l indirizzo 6 Novell ZenWorks, LANDesk, Altiris (in genere con SMS), IBM Tivoli e Computer Associates Unicenter 9 5 Il valore del software di gestione Il software di gestione è il secondo fattore determinante per i costi del personale IT. Active Directory e SMS sono strettamente correlati in questo studio, vale a dire che tutte le organizzazioni che utilizzavano SMS adottavano anche Active Directory. Operare una distinzione tra i vantaggi offerti dai due diversi prodotti è, per questo motivo, risultata difficile e alcuni dei benefit attribuiti ad Active Directory potrebbero riguardare SMS. Le organizzazioni che hanno utilizzato SMS con Active Directory hanno ottenuto un risparmio annuo di 28 dollari per PC rispetto a quelle che hanno scelto di eseguire solo Active Directory, risparmiando complessivamente 93 dollari per PC all anno in confronto alle aziende che non utilizzavano alcun software di gestione. Nella seguente tabella vengono riepilogati i costi del personale IT annui medi per PC e i tassi di adozione delle best practice per le organizzazioni che hanno adottato SMS, un software di gestione della concorrenza o che non hanno utilizzato prodotti di questo tipo. Software di gestione SMS Software non Microsoft 6 Nessuno Costi del personale IT per PC 487 dollari 649 dollari 580 dollari di best practice adottate Dai risultati riportati nella tabella emerge che le organizzazioni che utilizzano strumenti non Microsoft per la gestione dei sistemi spendono più di quelle che non utilizzano alcun prodotto. Tuttavia, non sempre è così. Vi sono infatti altri fattori attenuanti. Tutte le organizzazioni di questa categoria hanno scelto di utilizzare più di un sistema operativo desktop. Una ha deciso addirittura di adottarne quattro. Con una ripercussione estremamente negativa sui costi di queste organizzazioni. La scelta di eseguire più sistemi operativi desktop è stata estesa anche al software di gestione. La maggior parte di queste organizzazioni era solita utilizzare prodotti gestionali differenti in diversi ambiti dell azienda, con il risultato di una duplicazione eccessiva delle attività e dell inesistenza di un economia di scala. Il costo elevato degli strumenti non Microsoft, pertanto, ha più a vedere con la complessità dei sistemi che con una scarsa funzionalità dei prodotti. L utilizzo di SMS è strettamente correlato a tre delle sei best practice descritte in questo studio: Standardizzazione su un unico sistema operativo. SMS può ridurre significativamente il costo degli aggiornamenti del sistema operativo automatizzando la migrazione degli utenti e riducendo il costo per la creazione di immagini. Possibilità per gli utenti di installare solo software autorizzato dal reparto IT. Nel caso in cui gli utenti non possano installare il software, il reparto IT può utilizzare la funzionalità di distribuzione automatica del software di SMS per installarlo automaticamente. Distribuzione automatica del software. La distribuzione automatica del software è uno dei componenti chiave di SMS. 4,0 4,0 2,5 Numero di organizzazioni Figura 16. Costi IT annui e tassi di adozione delle best practice per tipo di software di gestione

12 Il valore del sistema operativo Nella tabella riportata di seguito vengono messi a confronto i costi del personale IT annui delle organizzazioni che hanno utilizzato Windows XP, Windows 2000 o entrambi i sistemi operativi. Sistema operativo desktop Windows XP Windows 2000 Windows XP e Windows 2000 Costi del personale IT per PC 516 dollari 534 dollari 655 dollari Figura 17. Sistemi operativi e costi del personale IT. Windows 2000, Windows XP e Windows XP Service Pack 2 sono compatibili con Group Policy. Utilizzando questi sistemi operativi desktop il reparto IT può assegnare agli utenti autorizzazioni appropriate per l installazione di applicazioni e la configurazione dei PC. Windows XP Service Pack 2 offre funzionalità aggiuntive grazie al firewall incorporato e alle funzionalità di gestione IT di Active Directory e Group Policy. Windows 2000 e Windows XP richiedono strumenti di altri produttori per garantire lo stesso livello di funzionalità. Con il risultato che l utilizzo di prodotti software aggiuntivi contribuisce ad aumentare la complessità dei sistemi e i costi del personale IT. Il valore di Microsoft Windows Vista di best practice Anche se questo studio precede il rilascio del sistema operativo client Microsoft Windows Vista, è possibile prevedere il potenziale effetto del suo utilizzo sul livello di ottimizzazione dell infrastruttura e l adozione delle best practice. Le funzionalità di Windows Vista semplificheranno infatti l implementazione di quattro delle sei best practice prese in esame durante la ricerca. Nella tabella seguente sono descritte le caratteristiche di Windows Vista che possono essere utilizzate per implementare queste best practice. Best practice Standardizzazione su un unico sistema operativo Possibilità per gli utenti di installare solo software autorizzato dal reparto IT Gestione centralizzata del firewall per i PC Possibilità per gli utenti di modificare solo le impostazioni del PC autorizzate dal reparto IT Standardizzazione su un unico sistema operativo. La virtualizzazione delle directory e del Registro di sistema di Windows Vista contribuirà a ridurre il numero di problemi di compatibilità tra le applicazioni, che fino a ora hanno rappresentato un ostacolo per alcune 4,0 4,0 2,5 Numero di organizzazioni Caratteristiche selezionate di Windows Vista - Virtualizzazione delle directory e del Registro di sistema - User Account Control (UAC) - Virtualizzazione delle directory e del Registro di sistema - Firewall di Windows Vista - User Account Control (UAC) - Virtualizzazione delle directory e del Registro di sistema Figura 18. Funzionalità di Windows Vista che supportano l adozione di best practice organizzazioni, obbligate a continuare a utilizzare sistemi operativi obsoleti per supportare applicazioni legacy troppo costose da sostituire. Possibilità per gli utenti di installare solo software autorizzato dal reparto IT. Uno degli ostacoli all implementazione di questa best practice era costituito dalla necessità di assegnare agli utenti diritti amministrativi per i propri PC, in modo da poter utilizzare applicazioni legacy che potevano essere eseguite solo da utenti con questo tipo di autorizzazioni. L utilizzo congiunto della funzionalità User Account Control (UAC) e della virtualizzazione consentirà di eseguire molte di queste applicazioni con privilegi di utente standard. Grazie a queste funzionalità, le organizzazioni che dispongono di una directory centralizzata in grado di distribuire i criteri per i PC e di un infrastruttura per la gestione dei sistemi potranno implementare questa best practice senza necessariamente sostituire buona parte delle applicazioni in uso o acquistare soluzioni alternative di altri produttori. Gestione centralizzata del firewall per i PC. La funzionalità migliorata del firewall di Windows Vista e dei relativi Group Policy permette un controllo maggiormente centralizzato delle porte e del filtro dei pacchetti rispetto a Windows XP Service Pack 2. Possibilità per gli utenti di modificare solo le impostazioni del PC autorizzate dal reparto IT. Uno degli ostacoli al controllo della configurazione dei PC da parte del reparto IT era costituito dalla necessità di assegnare agli utenti diritti amministrativi per i propri PC, in modo da poter utilizzare applicazioni legacy che potevano essere eseguite solo da utenti con questo tipo di autorizzazioni. L utilizzo congiunto della funzionalità User Account Control (UAC) e della virtualizzazione permette di eseguire molte di queste applicazioni con privilegi di utente standard. Grazie a queste funzionalità, le organizzazioni che dispongono di una directory appropriata e di un infrastruttura per la gestione dei sistemi potranno implementare questa best practice senza necessariamente sostituire buona parte delle applicazioni in uso o acquistare soluzioni alternative di altri produttori. CONCLUSIONI In questo studio sono riepilogati i risultati di una ricerca condotta nel 2005 tra 14 organizzazioni del settore privato, da cui è emerso che le aziende possono migliorare il livello di ottimizzazione dell infrastruttura e ridurre i costi del personale IT annui nei seguenti modi: Risparmiando fino a 226 dollari per PC in costi del personale IT adottando le sei best practice descritte in questo studio. Utilizzando il servizio di directory di Windows Active Directory, Group Policy e Systems Management Server per incrementare i tassi di adozione delle best practice e risparmiare fino a 199 dollari per PC ogni anno. Le organizzazioni possono inoltre ridurre notevolmente i costi del personale IT diminuendo la complessità dell infrastruttura grazie alle seguenti raccomandazioni: Standardizzazione su un unico sistema operativo. Le aziende che utilizzano un solo sistema operativo desktop risparmiano 52 dollari per PC per i costi del personale IT annui rispetto alle organizzazioni che non hanno fatto questa scelta. Standardizzazione del software di gestione. L adozione di un solo prodotto di gestione contribuisce a ridurre in modo significativo i costi di gestione, semplificando inoltre l implementazione delle best practice da parte delle organizzazioni. 12

13 Il primo passo per migliorare il livello di ottimizzazione dell infrastruttura di un azienda consiste nel garantire la massima semplicità per l ambiente IT, grazie alla standardizzazione su un unico sistema operativo, una sola directory e un solo prodotto per la gestione dei sistemi. In tal modo, dopo aver ridotto la complessità del sistema, le best practice diventano più semplici da adottare, consentendo alle organizzazioni di assicurarsi il vantaggio offerto in termini di risparmio annuo di 226 dollari per PC, che possono essere destinati a supportare il costo degli aggiornamenti. Riconosce negli argomenti qui esposti le esigenze della propria organizzazione e desidererebbe capire in modo personalizzato come la proposta Microsoft potrebbe calarsi nella sua specifica realtà? È sufficiente inviare una mail a La ricontatteremo nel più breve tempo possibile. 13

14

15

16 2006 Microsoft. Tutti i diritti riservati. Questa pubblicazione è puramente informativa. Informiamo i gentili Clienti che i contenuti di questo documento hanno una valenza meramente indicativa, senza pretesa d esaustività o assenza d imprecisioni. Preghiamo i Clienti pertanto di farne oggetto d attenta verifica e analisi. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Microsoft - Centro Direzionale S. Felice - Pal. A - Via Rivoltana, Segrate (MI) Servizio Clienti ,

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO Come eseguire una sessione DEMO CONTENUTO Il documento contiene le informazioni necessarie allo svolgimento di una sessione di prova, atta a verificare la

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Citrix XenDesktop rende più facile la migrazione a Windows 7/8.1

Citrix XenDesktop rende più facile la migrazione a Windows 7/8.1 White paper Citrix XenDesktop rende più facile la migrazione a Windows 7/8.1 Di Mark Bowker, analista senior Ottobre 2013 Il presente white paper di ESG è stato commissionato da Citrix ed è distribuito

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Disabilitare lo User Account Control

Disabilitare lo User Account Control Disabilitare lo User Account Control Come ottenere i privilegi di sistema su Windows 7 1s 2s 1. Cenni Generali Disabilitare il Controllo Account Utente (UAC) Win 7 1.1 Dove può essere applicato questo

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos

Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos L Autore Lino Fornaro, Security Consultant Amministratore

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli