In momenti di incertezza e di instabilità

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In momenti di incertezza e di instabilità"

Transcript

1 LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno dell impresa. Per questo motivo si illustra in questo articolo, grazie anche alla presentazione di un caso aziendale, la strumentazione tecnica e metodologica di supporto al fine della sua ottimizzazione. Sono inoltre evidenziati gli impatti organizzativi derivanti l utilizzo della relativa reportistica. Introduzione L attuale crisi dei mercati finanziari, condizionata dall incertezza di solvibilità degli istituti di credito, si ripercuote sulle dinamiche finanziarie sia delle imprese internazionali che in realtà operanti in nicchie di mercato. Le mutate condizioni hanno infatti un risvolto ed un impatto determinante nelle scelte strategiche e in quelle di investimento. Nell ultimo anno, la crisi caratterizzante i mercati finanziari si è abbattuta sulle imprese comportando rallentamenti nei tassi di crescita ed una contrazione degli affidamenti alle imprese da parte degli istituti di credito. Per queste ragioni, se le aziende non si affrettano a dotarsi di adeguati strumenti per il governo della gestione finanziaria rischiano che gli obiettivi di economicità e di equilibrio finanziario vengano definitivamente compromessi. Le imprese che inseguono il mercato devono revisionare gli obiettivi ed i risultati aziendali con tagli indiscriminati dei costi che possono portare anche all uscita dal business; viceversa, le imprese strutturate, con una visione e progetti di lungo periodo, supportati da un efficace processo di pianificazione e controllo a supporto della gestione, riescono a portare avanti i progetti e gli investimenti necessari per competere con successo e con continuità nel tempo, nonostante l incertezza e le difficoltà. Il ruolo del controller La figura del controller aziendale, inteso come coordinatore del processo di pianificazione e controllo, permette di garantire un collegamento tra le fasi di: pianificazione, attuazione operativa, controllo tempestivo dei risultati e ottimizzazione delle performance d impresa. Oggi, questa posizione organizzativa assume più che mai un ruolo determinante nel supportare la Direzione nella focalizzazione della strategia competitiva, nel verificare il raggiungimento degli obiettivi assegnati, nel coordinare le diverse esigenze delle varie aree/ funzioni e nel pianificare il fabbisogno finanziario complessivo. Occorre inoltre che il controller verifichi la sostenibilità finanziaria ed economica coerentemente con la strategia aziendale, i piani finanziari e le prospettive future del mercato. Per tali ragioni è opportuno sottolineare che la crisi dei mercati finanziari ha accentuato l importanza per le imprese di dotarsi di strumenti a supporto della Direzione e delle funzioni operative nonché di rigorose metodologie di analisi a preventivo. Il ruolo della funzione finanza e le altre aree aziendali La funzione finanza, intesa come area organizzativa volta a reperire ed impiegare le risorse finanziarie aziendali, è l attore principale della gestione della tesoreria previsionale e della redazione del budget di tesoreria. Tra le principali attività della funzione finanza rientra l analisi tecnica degli strumenti finanziari di copertura, la negoziazione delle condizioni e delle modalità di erogazione dei finanziamenti con gli istituti bancari, la contrattazione delle modalità di incasso e di pagamento con i clienti ed i fornitori. Elabora, inoltre, le diverse situazioni previsionali e garantisce l emissione periodica della reportistica prevista. Viceversa gli altri enti aziendali (produzione, logistica, amministrazione, ) devono garantire il flusso sistematico delle informazioni nel sistema contabile. La strumentazione direzionale ed operativa di supporto La strumentazione direzionale ed operativa diviene indispensabile laddove si assottigliano i margini e le risorse finanziarie diventano limitate. Il budget di Gianluca Ponzo Mario Fochi e Associati S.a.s., società di consulenza direzionale e di organizzazione aziendale 17

2 LO SPECIALE aziendale e il controllo consuntivo direzionale caratterizzano la prima fase del processo di pianificazione e controllo che deve essere quindi finalizzato a: definire gli obiettivi di medio lungo termine dell azienda; identificare le azioni necessarie al conseguimento degli obiettivi; verificare costantemente il grado di raggiungimento degli obiettivi. In quest ottica, il budget è un momento di riflessione e di programmazione degli obiettivi a cui l impresa deve tendere nel corso dell anno; esso permette infatti di verificare la fattibilità finanziaria dei progetti e di porre le basi per un futuro di successo e di valore. Inoltre il budget aziendale è uno strumento necessario per collegare gli obiettivi definiti in sede di pianificazione alle azioni operative da intraprendere nel corso dell esercizio. Tuttavia all aumentare della criticità e della complessità organizzativa si pone l esigenza di integrare il budget e la reportistica direzionale con strumenti analitici di gestione finanziaria quali il budget di tesoreria e le previsioni finanziarie di cassa e di banca. L integrazione e l implementazione di questi strumenti all interno dell impresa deve avvenire per approfondimenti successivi. I passi logici da seguire riguardano, in prima battuta, l implementazione del budget a livello azienda e la reportistica direzionale e, successivamente, all aumentare della complessità della gestione finanziaria, l introduzione del budget di tesoreria e dei report necessari a garantire un adeguato controllo della liquidità aziendale. Questi strumenti richiedono, infatti, personale qualificato e competenze specifiche, oltre che significativi costi di implementazione. Il budget di tesoreria e le previsioni finanziarie permettono sia una focalizzazione sulle dinamiche dei flussi finanziari che un ottimizzazione della gestione della tesoreria. La strumentazione a supporto delle scelte finanziarie, a seconda dell orizzonte temporale, permette di: indirizzare le scelte strategiche e d investimento: business plan, piano economico finanziario, budget aziendale, analisi di fattibilità e tecniche di valutazione economica degli investimenti; gestire ed ottimizzare la tesoreria (efficacia): budget di tesoreria, gestione giornaliera, settimanale, quadrimestrale delle entrate ed uscite monetarie e riprevisione; migliorare l efficienza della gestione finanziaria: reportistica della funzione finanza, analisi e valutazione dei costi di ciascun strumento finanziaro. Gli strumenti a supporto utilizzati con continuità nella gestione d impresa, oltre ad evidenti benefici derivanti dall assunzione consapevole di decisioni strategiche ed operative, forniscono al management anche uno strumento di fondamentale importanza nella negoziazione delle condizioni bancarie e del rating aziendale. L informativa sistematica permette di valutare oggettivamente i diversi strumenti sulla base delle esigenze effettive dell impresa ed è un presupposto sia per il miglioramento del rating aziendale che per la prevenzione delle segnalazioni alla «Centrale dei rischi». Nel seguito dell articolo sono analizzati i principali strumenti a supporto della gestione di tesoreria, anche tramite la descrizione di un caso aziendale. In questa sede vengono approfondite le tematiche di gestione ed ottimizzazione della tesoreria con riferimento al breve periodo, senza entrare nel merito delle problematiche finanziarie di medio lungo periodo. Gestione ed ottimizzazione della tesoreria Il budget di tesoreria rappresenta la previsione delle entrate e delle uscite monetarie per l anno di budget, articolate sui 12 mesi. Viene elaborato con cadenza annuale, alla fine del processo di budget, per integrare la previsione complessiva del fabbisogno/ generazione finanziaria con l evidenza dei flussi mese per mese. È prevista la gestione quindi la disponibilità dei dati in linea di capitale ed in linea di valuta, anche se il saldo iniziale di riferimento è quello in linea capitale. È inoltre prevista la gestione per totale banche. Occorre determinare la stima del flusso dell esercizio in corso (dicembre) e le entrate/ uscite dell anno successivo. Nella Tavola 1 è rappresentato lo schema logico del budget di tesoreria. Viceversa, gli strumenti necessari per una gestione anticipata della tesoreria sono così articolati: a) tesoreria previsionale: rappresenta la previsione scorrevole su base quadrimestrale (indicativamente) di tutte le entrate ed uscite con valute cadenti nei mesi successivi. Viene elaborata mensilmente, gli ultimi giorni del mese o l inizio del mese successivo. La stima del flusso di cassa viene elaborata per ciascun mese. I movimenti sono elaborati in linea valuta e in linea capitale. È prevista la gestione per totale banche. A differenza del budget di tesoreria viene effettuata mensilmente una riprevisione e delle entrate e delle uscite stimate per i mesi successivi; inoltre le informazioni sono più analitiche; b) banca previsionale: rappresenta la previsione dei saldi giornalieri con riferimento alla stima dei flussi di cassa di brevissimo periodo, di regola della settimana successiva. La previsione è elaborata entro il venerdì, con dettaglio valute della settimana, ed evidenza la stima della situazione alla fine della settimana seguente. Il saldo iniziale è rappresentato dalla banca reale in linea valuta. È prevista la 18

3 Tavola 1 Lo schema logico del budget di tesoreria gestione parziale sia per singola banca che per il totale banche; c) banca reale: consente di conoscere la situazione effettiva dei saldi banca a breve, indipendentemente dalla situazione contabile. Rappresenta il saldo banche consuntivo aggiornato in tempo reale, per valuta ed in linea capitale, attraverso informazioni di natura contabile o extra-contabile, generate dal sistema o inserite manualmente, disponibili al momento dell elaborazione. È prevista la gestione per singola banca. Logiche e contenuti La gestione della tesoreria aziendale, sotto l aspetto previsionale e consuntivo, persegue finalità rivolte alla gestione dei flussi finanziari nel breve periodo e all ottimizzazione delle disponibilità liquide. L attenzione è quindi rivolta a conoscere il totale dei movimenti monetari (di banca e di cassa) in entrata ed in uscita. Con riferimento alla gestione della tesoreria è bene precisare che: le logiche e gli strumenti idonei alla gestione della tesoreria ed allo sviluppo di previsioni finanziarie di breve periodo sono inadeguati per lo sviluppo di piani finanziari di medio-lungo periodo: occorrono approcci e strumenti distinti; con l estensione del periodo oggetto di previsione è indispensabile integrare i dati «certi» di origine contabile con dati «revisionali» di origine extracontabile; i software di mercato sono di regola soluzioni collaudate ma non necessariamente rispondenti alle necessità ed ai flussi di informazioni da gestire nell azienda; è di primaria importanza la possibilità di ottenere informazioni analitiche (ed in automatico) dal sistema contabile aziendale per alimentare i software di tesoreria. Si rende pertanto necessario articolare in dettaglio i flussi procedurali di alimentazione e gli automatismi necessari. Occorre inoltre definire le risorse preposte all aggiornamento e le tempistiche di emissione della reportistica. Appare critica, trattandosi di movimenti finanziari, la disponibilità immediata del dato che trasformandosi in informazione orienta il management a scelte consapevoli e vantaggiose per l azienda. Per i motivi sopraccitati è indispensabile garantire la congruenza con il sistema contabile il quale, pur in presenza di un costante e tempestivo aggiornamento, risente di regole di registrazione basate sulla certezza dei movimenti. L approccio contabile tuttavia può non risultare sufficiente: è necessario, stante l assoluta necessità di correlazione e coerenza dei dati, introdurre regole organizzative e gestionali che disciplinino, ma allo stesso modo svincolino, la tesoreria dalla contabilità aziendale. In funzione del tipo di previsione finanziaria in oggetto si impongono alternative in termini di: - arco temporale oggetto della previsione (giorno, settimana, mese, anno); - informazioni da gestire e relativo grado di dettaglio; - frequenza e tempistiche di aggiornamento; - logiche e strumenti operativi di elaborazione delle informazioni; - modalità di rappresentazione delle informazioni; 19

4 LO SPECIALE - funzioni aziendali coinvolte nel processo di alimentazione e scelte direzionali collegate. Tipologie di movimenti Nella gestione della tesoreria aziendale l attenzione è rivolta soprattutto a conoscere il totale dei movimenti monetari di banca e di cassa in entrata ed in uscita, senza considerare la competenza economica. La gestione delle informazioni avviene sia per valuta che in linea capitale. Una possibile configurazione per una gestione della tesoreria tempestiva è la conduzione extracontabile con punti di controllo mensili. Inoltre per una efficace gestione della tesoreria si considerano le entrate e le uscite effettive e previsionali, periodo per periodo. La gestione delle previsioni finanziarie intese come inserimento, variazione, quadratura e controllo non potendosi basare esclusivamente sulle informazioni desunte dal sistema contabile aziendale deve prevedere l inserimento extracontabile delle stesse. In sintesi possono dunque coesistere: movimenti contabili: rappresentati dai flussi monetari avvenuti e già riscontrati dalla relativa contabile; possiedono quindi i requisiti per essere registrati definitivamente in contabilità generale; movimenti provvisori: costituiti dai flussi monetari avvenuti e conosciuti che non hanno ancora avuto il riscontro sotto l aspetto contabile ma un raffronto in sede di liquidazione dei costi e dei ricavi (movimenti liquidati); movimenti stimati: rappresentano l insieme dei flussi monetari stimati e possono essere desunti dal sistema informativo aziendale (derivanti da entrate e uscite previste, da contratto o da impegni assunti) oppure possono derivare da vere e proprie previsioni. Tutte le tipologie illustrate (movimenti contabili, provvisori, stimati) transitano nel sistema tesoreria, viceversa il sistema contabile recepisce solo i primi (contabili). Nella Tavola 2 vengono rappresentate le diverse tipologie di movimenti che condizionano le previsioni finanziarie e gli strumenti a supporto. La gestione extra-contabile dei flussi di cassa: un caso aziendale Viene di seguito presentato un esempio di un «budget di tesoreria» e di una «banca previsionale»; strumenti ritenuti fondamentali per gestire la finanza d impresa nel breve periodo. Il budget di tesoreria permette infatti di gestire, coerentemente con il budget aziendale (fonti e impieghi), la previsione del fabbisogno di risorse necessario nel periodo, articolato nei diversi mesi. Viceversa, la banca previsionale è volta all ottimizzazione della gestione giornaliera dei flussi di cassa della settimana successiva. Di regola, i passi logici per l implementazione della reportistica all interno dell impresa sono: - budget aziendale e reportistica direzionale; - budget di tesoreria e gestione della tesoreria previsionale; - ottimizzazione della situazione di cassa a banca (banca previsionale e banca reale). Tavola 2 - Tipologia di movimenti 20

5 Budget di tesoreria L azienda esaminata opera in un business caratterizzato da una elevata stagionalità: nei mesi centrali dell anno le vendite subiscono un notevole incremento. I giorni di dilazione dei clienti si attestano mediamente intorno ai 120 giorni, così come i pagamenti. Il ciclo di lavorazione e la giacenza media di magazzino sono complessivamente pari a 60 giorni. La società ha una linea di fido per elasticità di cassa per il totale banche pari a euro ,00 utilizzata esclusivamente per esigenze temporanee. Si sottolinea anche che, in azienda, è presente un sistema incentivante per i responsabili di primo e di secondo livello che considera come parametri obiettivo: - l indebitamento finanziario netto medio mensile, - la creazione di valore, e - la quota di mercato. Il capitale investito degli azionisti sarà remunerato coerentemente con gli obiettivi ed i vincoli imposti dagli azionisti stessi (circa il 5% del capitale sociale versato). Nell anno di budget è prevista una riduzione dell indebitamento finanziario da euro ,00 a euro ,00; si generano quindi risorse finanziarie per euro ,00. L eccedenza finanziaria operativa (cash flow operativo) per il 2009 è pari a euro ,00; la variazione della posizione finanziaria netta a breve (conto corrente) è pari a euro ,00 come emerge sia dal fonti e impieghi di budget (Tavola 3) che dal budget di tesoreria (Tavola 4). Dall analisi esclusiva del fabbisogno finanziario annuale, così come emerge dal fonti e impieghi, non sarebbero necessari ulteriori finanziamenti; anzi potrebbe risultare conveniente pianificare rientri anticipati di finanziamenti a medio-lungo termine. Tuttavia, si pone l esigenza di verificare il fabbisogno finanziario mensile attraverso il budget di tesoreria. Infatti, da una analisi approfondita del budget di tesoreria risulta che, a luglio, per far fronte alle spese di gestione ed agli investimenti considerati strategici si rende necessario pianificare e contrattare con gli istituti di credito un finanziamento pari a euro ,00. Nella Tavola 4 è rappresentato il budget di tesoreria per l anno Dall analisi emerge che: il cash flow operativo ha una elevata oscillazione causata dalla stagionalità delle vendite (e di conseguenza degli incassi), da rigorosi piani di acquisto e di produzione (pagamenti) e dal ciclo di lavorazione ed immagazzinaggio. Si evidenzia come nel mese di dicembre le entrate monetarie sono di molto superiori a quelle del mese di gennaio; nell anno sono da rimborsare quote di mutui pari a euro ,00; nel mese di maggio, con l approvazione del bilancio 2008, saranno distribuiti dividendi pari a euro ,00; nel mese di luglio dovrà essere richiesto un nuovo Tavola 3 - Fonti e impieghi di budget

6 LO SPECIALE Tavola 4 - Budget di tesoreria 2009: output di sintesi finanziamento per il pagamento di un macchinario ad alta precisione. Si dovrà valutare eventualmente la convenienza finanziaria dei pagamenti rateizzati; in questo caso occorrerà verificare che gli interessi ed oneri collegati al pagamento dilazionato siano inferiori a quelli derivanti dall accensione del finanziamento specifico. In fase di realizzazione delle previsioni, dei piani e del budget si è raggiunto un primo obiettivo giudicato fondamentale dalla Direzione: la condivisione delle politiche aziendali e la maggiore consapevolezza da parte dei responsabili di primo livello delle scelte ritenute fondamentali per competere con successo nei segmenti di riferimento. Le decisioni sono state negoziate tra la direzione ed i diversi enti aziendali e tempificate con la funzione finanza. Il ruolo del controller è stato determinante come conduttore e gestore del processo. Inoltre la fattibilità economica e finanziaria, gli obiettivi e le azioni programmate sono state approvate ai diversi livelli. È inoltre opportuno sottolineare l esigenza di una congruenza tra il budget di tesoreria ed il fonti ed impieghi derivante dal budget economico finanziario. La suddetta convergenza è ricercata per approssimazioni ed iterazioni continue al fine di pervenire ad un risultato condiviso ed accettato. Il «Fonti e impieghi» analizza infatti la variazione dei flussi finanziari a livello azienda, mentre il budget di tesoreria, essendo maggiormente analitico, risente di eventuali problematiche specifiche. Si riepilogano di seguito nella Tavola 5 alcune formule per garantire la congruenza tra il «Fonti e impieghi» ed il budget di cassa. Banca previsionale La banca previsionale ha obiettivi, struttura e informazioni gestite in modo differente rispetto al budget di tesoreria. Questo strumento ha infatti l obiettivo di prevedere i flussi di entrata/uscita della settimana successiva, articolati su base giornaliera. Le previsioni sono stimate per la maggioranza dalla contabilità generale. In situazioni di normalità è l ente finanza che deve occuparsi dell aggiornamento di questo strumento indispensabile per programmare i pagamenti sulla base delle disponibilità monetarie effettive. La gestione dei flussi avviene in linea valuta ed in linea capitale. Nella Tavola 6 è riportato l output di sintesi per la settimana dal 19 al 25 gennaio Gli obiettivi indicati nei piani finanziari, nel fonti e impieghi e nel budget di tesoreria trovano piena operatività in questo strumento. Il controller deve essere in grado di analizzarlo per individuare quali sono state le cause che hanno portato al raggiungimento di risultati economici finanziari diversi da quelli pianificati. Lo strumento deve gestire: a) saldo giornaliero in linea valuta; b) saldo giornaliero in linea capitale; c) fido concesso. 22

7 Tavola 5 - Formule di congruenza tra il «Fonti e impieghi» e il budget di cassa Formule generali: variazione inserita nel «Fonti e impieghi» di budget aziendale = stato patrimoniale all 1/1 stato patrimoniale al 31/12 +/ variazioni non monetarie; voce inserita nel budget di tesoreria: sommatoria delle entrate/banca uscite di cassa/banca. Formule rapportate al caso considerato: variazione dei crediti verso clienti inserita nel fonti e impieghi ( ,00) = crediti all 1/ ,00 crediti al 31/ ,00 + accantonamento fondo svalutazione crediti ,00; clienti verso clienti inserito nel budget di tesoreria = sommatoria degli incassi pari a ,00; Verifica congruenza fonti e impieghi con il budget di tesoreria: variazione fonti e impieghi ( ,00) = nuovi crediti ,00 incassi ,00; verifica: crediti all 1/ ,00 + accantonamento fondo svalutazione crediti ,00 + nuovi crediti ,00 incassi ,00 00 crediti al 31/ ,00 = 0,00 Tavola 6 - Tesoreria previsionale: output di sintesi (settimana dal 19/1/09 al 25/1/09) Conclusioni Per prendere le decisioni corrette, è di primaria importanza, soprattutto per cogliere in anticipo i segnali (positivi e negativi) del mercato, disporre di una adeguata reportistica economico-finanziaria sia a livello direzionale che a livello operativo. Per questo motivo occorre impostare la reportistica aziendale sulla base delle esigenze specifiche dell impresa, dei suoi clienti e del business in cui opera. Il controller deve possedere gli strumenti atti a permettere una congruenza tra gli obiettivi di fondo programmati e i risultati a consuntivo. Oggigiorno la crescente complessità organizzativa ha reso necessaria una integrazione della strumentazione direzionale con report analitici di gestione finanziaria. La definizione e la comunicazione di obiettivi comuni è indispensabile per continuare a creare valore anche nei periodi di tensione: la condivisione dei budget ai vari livelli (aziendali, di tesoreria e di funzione) rappresenta un focus indispensabile e critico. 23

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO ANALISI DELLA DINAMICA FINANZIARIA: COSTRUZIONE E INTERPRETAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO 1 COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO E UNO STRUMENTO CHE INDIVIDUA LE DINAMICHE DEL CAPITALE METTENDO IN

Dettagli

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 BREVE INTRODUZIONE AL SERVIZIO (a cura di Roberto D Auria

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario

L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi per flussi ed il rendiconto finanziario L analisi di bilancio si compone di due strumenti complementari per la valutazione delle condizioni di economicità delle aziende: gli indici ed il rendiconto

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale Mario Fochi e Associati S.a.s. PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale Presentazione del servizio Sede: TORINO Via Pietro

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE CORSO DI FINANZA AZIENDALE presso UNINDUSTRIA TREVISO SERVIZI & FORMAZIONE, Piazza delle Istituzioni 12-31100 Treviso PERCHÉ PARTECIPARE? L obiettivo principale del percorso è formare professionalità in

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved

Indici di Bilancio. Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo. Milano-Bicocca University All rights reserved Indici di Bilancio Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano-Bicocca University All rights reserved Milano, marzo 2012 Gli indici di bilancio I dati desumibili dal bilancio possono essere trasformati

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

queste ricordiamo: la direzione del personale; la direzione della ricerca e sviluppo; la direzione generale.

queste ricordiamo: la direzione del personale; la direzione della ricerca e sviluppo; la direzione generale. IL BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI Le strutture centrali riguardano le funzioni aziendali non coinvolte direttamente nel processo produttivo - distributivo. Tra queste ricordiamo: la direzione del personale;

Dettagli

Il BUDGET di CASSA. (gestione tesoreria) A cura del Prof.Berruti

Il BUDGET di CASSA. (gestione tesoreria) A cura del Prof.Berruti Il BUDGET di CASSA (gestione tesoreria) A cura del Prof.Berruti PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA comprendente il complesso di analisi e valutazioni con le quali il management si prefigge di verificare scelte

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Nel primo semestre 2015 il Gruppo Cairo Communication ha continuato a conseguire risultati positivi nei suoi settori tradizionali (editoria

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

L analisi finanziaria

L analisi finanziaria L analisi finanziaria MUTINA CONSULTING L ANALISI FINANZIARIA Il management non deve controllare e pianificare solo gli aspetti economici della gestione ma dovrà soffermarsi anche sugli aspetti finanziari

Dettagli

GRUPPO A.M.A.G. Relazione della Società di Revisione sulle procedure di verifica concordate relative alla predisposizione della Documentazione Economico/Finanziaria Aggiornamento Plan 2012-2015 Spettabile

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari

IL RENDICONTO FINANZIARIO. Prof. Luca Fornaciari IL RENDICONTO FINANZIARIO Prof. Luca Fornaciari 1 SOMMARIO 1. Finalità e Normativa di riferimento 2. Ruolo del Rendiconto nel Bilancio d esercizio 3. Contenuto, Struttura e Metodi d analisi 4. Logiche

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

INTRODUZIONE PARTE I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

INTRODUZIONE PARTE I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. CRISI D IMPRESA 1.1. Crisi e risanamento pag. 5 1.2. Le cause della crisi pag. 7 1.3. Gli indicatori della crisi pag. 12 1.4. Gli eventi scatenanti pag. 18 1.5. I modelli di intervento

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA

LA GESTIONE FINANZIARIA LA GESTIONE FINANZIARIA Nella letteratura la gestione finanziaria viene frequentemente definita come il complesso di decisioni ed operazioni volte a reperire ed impiegare il capitale in impresa. La gestione

Dettagli

RAI WAY S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DEI NOVE MESI 2015

RAI WAY S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DEI NOVE MESI 2015 COMUNICATO STAMPA RAI WAY S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DEI NOVE MESI 2015 Principali risultati economici al 30 settembre 2015 (vs 30 settembre 2014 proforma 1 ): - Ricavi

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

IL PROCESSO DI BUDGETING

IL PROCESSO DI BUDGETING IL PROCESSO DI BUDGETING DAI BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI AL MASTER BUDGET BUDGET DELLE STRUTTURE CENTRALI OGGETTO Tutte le aree funzionali non direttamente coinvolte nel ciclo operativo: amministrazione,

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PIANO DI LAVORO PIANIFICAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 5 AL PROF.SSA MARILINA SABA a.s 2010/2011 Moduli UNITA ORARIE 1. Il controllo della gestione

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

RAI WAY S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

RAI WAY S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 COMUNICATO STAMPA RAI WAY S.P.A.: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Principali risultati economici al 30 giugno 2015 (vs 30 giugno 2014 pro-forma 1 ): - Ricavi

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

L elaborazione avviene attraverso il caricamento automatico dei dati contabili direttamente dal programma gestionale installato in azienda.

L elaborazione avviene attraverso il caricamento automatico dei dati contabili direttamente dal programma gestionale installato in azienda. Il sistema FLUXUS consente l elaborazione ed il trattamento delle informazioni contabili residenti sul gestionale aziendale, traducendone i dati in chiave finanziaria. Attraverso una soluzione interfacciabile

Dettagli

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci [3] L approccio dei flussi di cassa l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di

Dettagli

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali

fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali fac simile di Relazione Illustrativa ad un BUSINESS PLAN Periodo n I dati contenuti nei prospetti sono casuali INDICE ELABORATO 1) Illustrazione delle ipotesi alla base del Business Plan 2) Analisi sintetica

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo

L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo L ANALISI DI BILANCIO: Caso esemplificativo Partendo dal bilancio di verifica della società TWENTY SpA si effettui un analisi delle tre dimensioni della: - Liquidità - Solidità - Redditività STATO PATRIMONIALE

Dettagli

MOVIMENTI E CASH-FLOWS

MOVIMENTI E CASH-FLOWS TESORERIA PREVISIONALE E ANTICIPATA, FLUSSI DI CASSA «SOTTO CONTROLLO» MOVIMENTI E CASH-FLOWS di Maurizio Rosazza Amministrazione e finanza >> Finanza aziendale PREMESSA L esecuzione, in ambito finanziario,

Dettagli

LA GESTIONE AZIENDALE

LA GESTIONE AZIENDALE LA GESTIONE AZIENDALE GESTIONE = insieme delle operazioni che l impresa effettua, durante la sua esistenza, per realizzare gli obiettivi perseguiti dal soggetto economico. ESERCIZIO = parte di gestione

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti

Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario. a cura dell Area Finanza di Assolombarda. Sintesi dei contenuti LE 5 C DEL CREDITO Cinque regole per una relazione di qualità con il sistema bancario a cura dell Area Finanza di Assolombarda Sintesi dei contenuti 1 Consapevolezza L'impresa deve avere consapevolezza

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

La finanza e l intraprendere

La finanza e l intraprendere Istituto G. Sommeiller La finanza e l intraprendere Torino, 17 aprile 2015 Intervento: Dr. Giancarlo Somà L origine del fabbisogno finanziario Sfasamento del ciclo economico e del ciclo monetario 17 aprile

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

Parte I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. IL BINOMIO CRISI E RISANAMENTO D IMPRESA 1.1. Il binomio crisi e risanamento pag. 5 1.2. Cause della crisi e ruolo del management pag. 7 1.3. Indicatori di performance e previsione della

Dettagli

PARTE SECONDA La gestione aziendale

PARTE SECONDA La gestione aziendale PARTE SECONDA La gestione aziendale Di cosa parleremo In questo capitolo analizzeremo le diverse operazioni della gestione, che si distinguono in fatti esterni o di scambio e fatti interni o di produzione

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative.

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative. Il Roe è il migliore indicatore di performance? Gli schemi di analisi si basano sull assunto che il Roe sia un valido indicatore sintetico della performance. In realtà, il Roe è solamente uno degli indicatori

Dettagli

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere.

[CASH FLOW - ] Chi ha avuto il coraggio di intraprendere merita strumenti efficaci per poter decidere. I piccoli imprenditori hanno le stesse esigenze delle grandi aziende. Nel nostro Paese tutti se ne dimenticano, ma non i professionisti della nostra struttura. Chi ha avuto il coraggio di intraprendere

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento L ANALISI DI BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE E DEL CONTO ECONOMICO

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) Il principio di economicità aziendale b) L economicità e l efficienza c) Il sistema dei rischi nella gestione d impresa d) L economicità e l equilibrio finanziario

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B

Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B Database delle Prove scritte parte Teoria 1. La definizione di azienda, formulata da Giannessi, è complessa in termini dinamico- strutturali in quanto risponde

Dettagli

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di

FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA. di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it. Con il contributo di FARMACIA LA STRUTTURA FINANZIARIA- ECONOMICA di Ghelardi Sergio sergio@laboratoriofarmacia.it Con il contributo di IL BILANCIO DELLA FARMACIA HA DUE DOCUMENTI >LO STATO PATRIMONIALE >IL CONTO ECONOMICO

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale 2006

Commento al tema di Economia aziendale 2006 Commento al tema di Economia aziendale 2006 Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici Commerciali è incentrato sulla gestione finanziaria dell impresa ed è articolato in

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale Il Piano Industriale Università degli Studi di Palermo Palermo, 9 giugno 2011 Raffaele Mazzeo Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed esperti contabili Indice FASE n. 1 - Presentazione del progetto

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

Il controllo di gestione negli impianti a biogas

Il controllo di gestione negli impianti a biogas Il controllo di gestione negli impianti a biogas C è bisogno del controllo di gestione? Gli impianti a biogas hanno un ciclo produttivo apparentemente semplice che sulla carta consente agevolmente di realizzare

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Associazione Italiana Manager e Professionisti d Azienda Associazione Nazionale Dottori Commercialisti SEMINARIO DI STUDI Il controllo

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA FINANCE CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA Come le scelte operative, commerciali, produttive impattano sugli equilibri finanziari dell azienda CORSO EXECUTIVE CUOA FINANCE 1 fondazione cuoa Da oltre 50 anni

Dettagli

Dott. Maurizio Massaro

Dott. Maurizio Massaro Dott. Maurizio Massaro Ph. D. in Scienze Aziendali Ricercatore Universitario nell Università degli Studi di Udine 09, Ragioneria 1 La misurazione della performance economicofinanziaria. I sistemi fondati

Dettagli

ANCI Servizi-OICE-ABI

ANCI Servizi-OICE-ABI Convegno: ANCI Servizi-OICE-ABI Workshop sul Project Financing: riscaldiamo le opere fredde Trieste, 23 ottobre 2008 Relazione dell Unità Tecnica Finanza di Progetto di GABRIELE FERRANTE Il Partenariato

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario

SCHEMA DI SINTESI. Rapporto fiduciario GESTIONED IMPRESA ACCESSO AL CREDITO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI APPROFONDIMENTI ESEMPI FASCICOLO BANCHE COME NUOVO STRUMENTO DI COMUNICAZIONE FINANZIARIA (valutazione del merito creditizio) La crescente

Dettagli

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali

LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN. Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali LA GESTIONE FINANZIARIA, LA SUA PIANIFICAZIONE & IL BUSINESS PLAN Previsione dei fabbisogni e gestione dei flussi aziendali AGENDA CARATTERI GENERALI DELLA FUNZIONE FINANZIARIA PERCHE L AZIENDA NECESSITA

Dettagli

IL PROCESSO DI BUDGETING. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna

IL PROCESSO DI BUDGETING. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna IL PROCESSO DI BUDGETING Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna Il processo di budgeting Il sistema di budget rappresenta l espressione formalizzata di un complesso processo

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

I processi di finanziamento

I processi di finanziamento I processi di finanziamento 1. pianificazione finanziaria: fabbisogno e fonti di finanziamento 2. acquisizione del finanziamento tutte quelle attività volte a reperire, gestire e rimborsare i finanziamenti

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli