Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II"

Transcript

1 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II Via F. Lussana, Bergamo Cod. Mecc. BGTD Posta Elettronica Certificata: Circ. n. 115 Bergamo, 10 dicembre 2013 Ai docenti dei corsi diurni (OL) Ai docenti dei corsi serali (OL) Ai docenti della casa circondariale (OL) Oggetto: utilizzo nuovi strumenti deliberati dal Collegio Docenti Si ricorda che a seguito delle delibere del Collegio Docenti sono da tenere in considerazione, nelle attività di progettazione e valutazione dei consigli di classe e di dipartimento, i seguenti documenti: - delibera sulle modalità di recupero per l a.s. 2013/14 (delibera n. 19 del CD del 29/11/13) - nuova griglia di valutazione del comportamento (delibera n. 20 del CD del 29/11/13) Tali documenti sono vigenti dalla data della loro approvazione e pertanto, laddove necessario andranno apportate le opportune modifiche alla progettazione sin qui effettuata. In allegato: 1. modalità di recupero per l a.s. 2013/14 2. griglia di valutazione del comportamento Il Dirigente scolastico (Prof.ssa Lorena Peccolo) Firma autografa sostituita da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell'art. 3, comma 2, D.L.gs. n. 39/93 ITCTS Vittorio Emanuele II Bergamo - Cod. Fisc

2 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II Via F. Lussana, Bergamo Cod. Mecc. BGTD Posta Elettronica Certificata: MODALITÀ DI RECUPERO PER L A.S. 2013/14 (DELIBERA COLLEGIO DOCENTI N. 19 DEL 29/11/2013) PREMESSA Al fine di favorire il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento che caratterizzano i diversi indirizzi di studio e contrastare l insuccesso scolastico, il Collegio dei Docenti nel programmare degli interventi di sostegno e recupero, oltre alla normativa di riferimento, tiene conto: dei dati concernenti agli esiti degli scrutini relativi agli anni precedenti; delle esigenze formative che emergono dalla progettazione e dall'autovalutazione dell'istituto. Il progetto di sostegno recupero si articola sulla base dei seguenti ambiti: 1. Sostegno/Potenziamento del metodo di studio e allineamento didattico in matematica (Progetto accoglienza dell'istituto per le classi prime); 2. Interventi di Sostegno/Potenziamento in ragione di situazioni particolari di irregolarità del processo di insegnamento (situazioni conosciute e valutate dal Dirigente Scolastico con il Consiglio di Classe; 3. Interventi di recupero rivolti a studenti che evidenziano, dopo la valutazione del primo periodo, debolezze e incertezze (rimodulazione del patto formativo); 4. Interventi rivolti a studenti che evidenziano, dopo la valutazione del primo periodo, gravi insufficienze in particolare: a. gravi e diffuse insufficienze: supporto per l autovalutazione e il riorientamento (anche in collaborazione con il servizio psicopedagogico dell'istituto); rimodulazione degli obiettivi di apprendimento; b. gravi insufficienze circoscritte a discipline o ambiti disciplinari particolari: interventi di recupero mirato (sportello didattico, tutoraggio del processo di autoapprendimento, feedback sulle modalità di lavoro dello studente, sul'attenzione e sugli atteggiamenti nei confronti della disciplina); 5. Monitoraggio e tutoraggio sulle modalità di studio e lavoro autonomo, in connessione con lo sviluppo di competenze trasversali. Per l'organizzazione e la pianificazione degli interventi si tiene conto: a. Degli aspetti che incidono sull utilizzo risorse priorità nell'utilizzo del budget annuale; priorità delle discipline o ambiti disciplinari; n minimo ore per intervento. b. Degli aspetti organizzativi: ITCTS Vittorio Emanuele II Bergamo - Cod. Fisc

3 possibilità di comparazione delle valutazioni e somministrazione di prove comuni per l'accertamento delle carenze formative; attivazione delle attività di recuperi per classi parallele; utilizzo strumenti per misurare l efficacia degli interventi di sostegno recupero. 2 c. Dell'efficacia della didattica: attività e setting che consentano la personalizzazione dell'intervento didattico. NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Ministeriale n. 42 del 22 maggio 2007 Decreto Ministeriale n. 80 del 3 ottobre 2007 O.M. 92 del 5 novembre 2007 Decreto del Presidente della repubblica n. 122 del 22 giugno 2009 PRINCIPALI INDICAZIONI NORMATIVE 1. Le attività di recupero costituiscono parte ordinaria e permanente del piano dell offerta formativa che ogni istituzione scolastica predispone annualmente. 2. Esse sono programmate ed attuate dai consigli di classe sulla base di criteri didattico-metodologici definiti dal Collegio Docenti e delle indicazioni organizzative approvate dal Consiglio di Istituto. 3. Nelle attività di recupero rientrano gli interventi di sostegno che hanno lo scopo fondamentale di prevenire l insuccesso scolastico e si realizzano, pertanto, in ogni periodo dell anno scolastico, a cominciare dalle fasi iniziali. 4. Le attività di recupero sono tendenzialmente finalizzate alla progressiva riduzione delle insufficienze e si concentrano sulle discipline o sulle aree disciplinari per le quali si registri nella scuola un più elevato numero di valutazioni insufficienti. 5. Le attività di recupero, realizzate per gli studenti che riportano voti di insufficienza negli scrutini intermedi e per coloro per i quali i consigli di classe deliberino di sospendere il giudizio di ammissione alla classe successiva negli scrutini finali, sono finalizzate al tempestivo recupero delle carenze rilevate per tali studenti negli scrutini suddetti. 6. Le istituzioni scolastiche hanno l obbligo di attivare gli interventi di recupero e, nell ambito della propria autonomia, individuano le discipline e/o le aree disciplinari che necessitano degli interventi. Esse determinano altresì le modalità di organizzazione e realizzazione precisandone tempi, durata, modelli didattico-metodologici, forme di verifica dei risultati conseguiti dagli studenti, criteri di valutazione, nonché modalità di comunicazione alle famiglie. 7. Nella organizzazione delle attività di sostegno e di recupero possono essere previsti interventi per gruppi di studenti, omogenei per le carenze dimostrate nelle stesse discipline, provenienti da classi parallele, che tenga conto degli obiettivi formativi che devono essere raggiunti dagli studenti. Possono essere determinati calendari delle lezioni che prevedano soluzioni flessibili e differenziate nella composizione delle classi.

4 8. Il Collegio Docenti può individuare uno o più docenti cui affidare il coordinamento delle attività di recupero. 9. Le azioni in cui è articolata l attività di recupero scolastico devono avere, di norma, una durata non inferiore a 15 ore. 10. Ulteriori modalità di supporto possono essere realizzate assegnando ad uno o più docenti, individuati dal consiglio di classe, compiti di consulenza e assistenza agli alunni nella promozione dello studio individuale (c.d. sportello didattico ). 11. Al termine di ciascun intervento di recupero realizzato nel corso dell anno scolastico, i docenti delle discipline interessate svolgono verifiche documentabili, volte ad accertare l avvenuto superamento delle carenze riscontrate. Le modalità di realizzazione delle verifiche sono deliberate dai consigli di classe che, in relazione alla natura della o delle discipline oggetto degli interventi di recupero, possono prevedere verifiche scritte o scrittografiche e/o orali. 12. Le scuole promuovono e favoriscono la partecipazione attiva degli studenti alle iniziative di sostegno programmate, dandone altresì periodicamente notizia alle famiglie. Gli studenti sono tenuti alla frequenza degli interventi suddetti e, al termine di tali attività sono effettuate verifiche volte ad accertare l avvenuto recupero, del cui risultato si dà puntuale notizia alle famiglie. 13. Qualora i genitori o coloro che ne esercitano la relativa potestà non ritengano di avvalersi dell iniziativa di recupero organizzata dalle scuole, debbono comunicarlo alla scuola stessa, fermo restando l obbligo per lo studente di sottoporsi alle verifiche. 14. Per la realizzazione delle attività di sostegno e recupero sono utilizzate le risorse del Fondo per il miglioramento dell offerta formativa, incrementate delle ulteriori risorse che, secondo i criteri stabiliti dal contratto collettivo nazionale di lavoro per il personale della scuola, sono assegnate alle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado, come pure le risorse che, nell ambito di quelle previste dalla Legge finanziaria per i processi di riqualificazione del sistema scolastico, sono specificamente destinate allo scopo. 3 INDICAZIONI DEL COLLEGIO DOCENTI Alla luce di quanto evidenziato il Collegio Docenti delibera le modalità di organizzazione delle attività di recupero e le indicazioni operative da fornire ai Consigli di Dipartimento, ai Consigli di Classe e ai singoli insegnanti come di seguito riportato: Compiti dei Consigli di Dipartimento : Nella riunione del 10 dicembre 2013 i Consigli di Dipartimento agendo quali articolazione del Collegio Docenti: programmano le attività di recupero/potenziamento da svolgersi dopo gli scrutini intermedi - corsi di recupero antimeridiani e pomeridiani - (competenze irrinunciabili per fasce di classi omogenee); individuano le modalità di accertamento del superamento delle carenze formative e predispongono le relative prove di verifica (sulla scorta delle competenze irrinunciabili stabilite nella programmazione di dipartimento) e la griglia di valutazione.

5 segnalano, per le materie individuate dal collegio dei docenti, gli insegnanti disponibili a tenere corsi di recupero pomeridiani (dal 16 al 28 gennaio 2014). Nella riunione del 07 maggio 2014: programmano i corsi di recupero estivi (competenze irrinunciabili per fasce di classi omogenee) individuano le modalità di accertamento del superamento delle carenze formative e predispongono le relative prove di verifica (sulla scorta delle competenze irrinunciabili stabilite nella programmazione di dipartimento) e la griglia di valutazione. segnalano, per le materie individuate dal collegio dei docenti, gli insegnanti disponibili a tenere corsi di recupero estivi (dal 24 Giugno al 15 luglio 2014). Compiti dei Consigli di Classe : Al fine di assicurare omogeneità di procedure e decisioni il C.d.C.: effettua l analisi dei bisogni formativi degli studenti individua la natura delle carenze programma l azione diversificata di sostegno e/o recupero (con possibilità per gli studenti, di raggiungere autonomamente gli obiettivi) indica gli obiettivi dell azione di recupero assegna agli studenti i corsi di recupero comunica alla famiglia i corsi di recupero assegnati, oppure la possibilità del raggiungimento autonomo degli obiettivi certifica, attraverso comunicazione scritta, gli esiti delle verifiche ai fini del superamento della carenza formativa in dettaglio: Compiti dei Consigli di Classe durante e dopo lo scrutinio intermedio (1 periodo - trimestre-) I Consigli di classe, tenendo conto della possibilità degli studenti di raggiungere autonomamente gli obiettivi formativi stabiliti dai docenti, assegnano agli studenti, con carenze formative, le attività di recupero sulla scorta delle indicazioni dei Consigli di Dipartimento. Comunicano alle famiglie le decisioni assunte in merito alle attività di recupero e gli esiti delle successive prove di verifica. Compiti dei Consigli Di Classe durante e dopo lo scrutinio finale (2 periodo - pentamestre -) : I Consigli di classe, tenendo conto della possibilità degli studenti di raggiungere autonomamente gli obiettivi formativi stabiliti dai docenti, deliberano la sospensione del giudizio per gli studenti con una o più materie insufficienti e individuano la tipologia di attività di recupero sulla scorta delle indicazioni dei Consigli di Dipartimento; Comunicano alle famiglie le decisioni assunte in merito alle attività di recupero Sottopongono a verifica gli studenti (anche quelli che non si avvalgono dell attività di recupero organizzate dalla scuola) 4

6 5 Entro la data di inizio delle lezioni del nuovo anno scolastico si riuniscono per lo scrutinio integrativo, per deliberare ammissione alla classe successiva degli studenti con sospensione del giudizio comunicando l esito alla famiglia. Compiti dei Singoli insegnanti : I singoli insegnanti delle materie oggetto di recupero: compilano il modulo che evidenzia le carenze dell alunno (per il raccordo con l eventuale altro docente che terrà il corso di recupero) indicano i tempi del recupero e la data della verifica per il recupero delle carenze formative sottopongono a verifica gli studenti anche se non si avvalgono dell attività di recupero organizzate dalla scuola comunicano l esito alla famiglia utilizzando il libretto personale dello studente Più in dettaglio: Compiti dei Docenti durante e dopo lo scrutinio intermedio (trimestre) I singoli docenti: Segnalano sul proprio registro la tipologia di recupero individuata per ogni studente; Comunicano alla famiglia degli studenti le modalità di recupero, le motivazioni delle insufficienze e le indicazioni di lavoro per lo studente (modulo M5.12 allegato di materia); Al termine delle attività di recupero sottopongono gli studenti alla verifica finale; Comunicano l esito della verifica alla famiglia utilizzando il libretto personale dello studente. Compiti dei Docenti durante e dopo lo scrutinio finale (pentamestre) Segnalano sul proprio registro la tipologia di recupero indicata ad ogni alunno con sospensione del giudizio; Comunicano alla famiglia degli studenti le modalità di recupero, le motivazioni delle insufficienze e le indicazioni di lavoro per lo studente (modulo M5.12 allegato di materia); Entro la data di inizio delle lezioni del nuovo anno scolastico sottopongono a verifica gli studenti in base al calendario predisposto dall Istituto TIPOLOGIE DI INTERVENTI PREVISTI Per le attività di sostegno (interventi volti alla prevenzione delle insufficienze prima dello scrutinio): recupero in itinere, sportello didattico (help), corsi pomeridiani rivolti a gruppi di studenti provenienti, per lo più, dalla medesima classe e tenuti dall insegnante curriculare. Le attività di sostegno sono proposte dal docente della classe approvate dal consiglio di classe e autorizzate dal dirigente scolastico. Particolari attività di sostegno/potenziamento relative al metodo di studio e all'allineamento didattico di matematica sono previste, nell'ambito del progetto accoglienza delle classi prime dell'istituto, Dette attività si concludono entro dicembre; Per le attività di recupero (interventi volti al recupero delle insufficienze emerse in sede di scrutinio):

7 corsi di recupero pomeridiani per gruppi omogenei di studenti provenienti da classi parallele (con una programmazione parallela e modulare). allineamento didattico - dal 16 al 28 gennaio 2014 potenziamento e/o recupero in itinere - I docenti dedicheranno a questo intervento almeno il numero di ore previsto dal curricolo della disciplina nella classe a cui si fa riferimento in una settimana. I docenti daranno riscontro delle attività svolte sia sul registro di classe sia su quello personale. Corsi di recupero estivi per gruppi omogenei di studenti provenienti da classi parallele (con una programmazione parallela e modulare). DISCIPLINE PER LE QUALI E POSSIBILE L ATTIVAZIONE DI CORSI DI RECUPERO POMERIDIANI Il Collegio Docenti, anche sulla scorta delle esperienze dei precedenti aa.ss., ritiene che per una efficiente gestione delle risorse disponibili sia opportuna l attivazione di corsi di recupero pomeridiani esclusivamente nelle seguenti discipline: Biennio unico: dopo scrutini primo periodo: Matematica e Lingua Inglese. dopo scrutini secondo periodo: Italiano, Lingua Inglese, Matematica ed Economia Aziendale, 2^Lingua Straniera. Secondo Biennio e Quinto anno TURISMO/ITER: dopo scrutini primo periodo: Matematica e Lingua Inglese. dopo scrutini secondo periodo: Italiano, Lingua Inglese, Matematica, 2^Lingua Straniera. Secondo Biennio e Quinto anno AFM/IGEA: dopo scrutini primo periodo: Economia Aziendale e Matematica dopo scrutini secondo periodo: Italiano, Lingua Inglese, Matematica ed Economia Aziendale, 2^Lingua Straniera. Per i corsi serali si fa riferimento alle stesse discipline dei corsi diurni. Si dà atto che gli interventi devono essere per singola disciplina e non per aree e che l individuazione delle discipline (tra quelle indicate in precedenza) per le quali è necessaria l attivazione di un corso di recupero è competenza esclusiva del C.d.C.. CRITERI PER LA FORMAZIONE DEI GRUPPI DI STUDENTI DESTINATARI DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO Gruppi di studenti, omogenei per le carenze dimostrate nelle stesse discipline, provenienti da classi parallele Numero studenti: min 12 max 15 (per i corsi serali min 8 studenti) Numero massimo di corsi per studente: 2 (salvo possibilità di deroga per 3 corsi richiesta dal Consiglio di classe e autorizzata dal DS) Collocazione oraria: al mattino (solo per i corsi estivi) o al pomeriggio 6

8 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DEI DOCENTI AI GRUPPI DI STUDENTI In ordine preferenziale: Docente interno all Istituto; Docente esterno (rapporto di collaborazione occasionale); Nei casi in cui si ricorra a Docenti esterni per indisponibilità del personale interno, si potrà ricorrere nell ordine: a docenti abilitati, a docenti non abilitati iscritti nella graduatoria dei supplenti di Istituto, a docenti laureati o laureandi. I docenti interni ed esterni devono garantire un setting di gestione delle attività funzionale al recupero e dunque una forma di feedback sulle acquisizioni e sulle strategie che gli studenti mettono in atto. ACCERTAMENTO DEL SUPERAMENTO DELLE CARENZE FORMATIVE PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA NEI CASI DI SOSPENSIONE DEL GIUDIZIO Entro la prima decade di settembre e in tempo utile per consentire lo svolgimento degli scrutini finali, prima dell'inizio delle lezioni del nuovo anno scolastico, si svolgeranno le prove di accertamento del superamento delle carenze formative per gli studenti sospesi dal giudizio nello scrutinio finale di giugno. QUANTIFICAZIONE DELLE RISORSE DISPONIBILI E MODALITA DI SVOLGIMENTO DEI CORSI Nella considerazione: che le risorse disponibili per le attività di recupero e/o sostegno vengono determinate: in sede di contrattazione integrativa relativamente alla quota di Fondo di istituto da destinare a tale attività; in sede di Programma Annuale per le altre risorse (quali il Fondo per il miglioramento dell offerta formativa, le risorse che, nell ambito di quelle previste dalla Legge finanziaria per i processi di riqualificazione del sistema scolastico, sono specificamente destinate allo scopo); che come previsto dalla normativa (art. 2 comma 3 OM 92/07) le attività di recupero si concentrano sulle discipline o sulle aree disciplinari per le quali si registri nella scuola un più elevato numero di valutazioni insufficienti ; che negli ultimi anni, a più riprese, è stata sollevata da parte di docenti, studenti e genitori la richiesta di attivare corsi in un numero ristretto di discipline, ma con la durata maggiore possibile; che limitatamente ai corsi serali è possibile attingere alle specifiche risorse previste per tale tipologia di corsi; il Collegio Docenti stabilisce: AL TERMINE DEGLI SCRUTINI DEL PRIMO PERIODO (Trimestre) dal 16 al 28 gennaio 2014, all interno delle proprie ore curricolari, i docenti organizzano attività di potenziamento/recupero itinere (allineamento didattico). monte ore minimo: pari al numero di ore settimanali previste dal curricolo della disciplina nella classe a cui si fa riferimento ogni disciplina. 7

9 Nello stesso periodo, e solo per le materie sopra specificate, sono attivati i corsi di recupero pomeridiani. I corsi, articolati in lezioni di 2 unità orarie di 45 minuti, prevedono una durata massima riassunta nelle seguenti tabelle: Biennio unico Materie n. unità orarie Matematica Max 12 Italiano Max 12 Secondo Biennio e Quinto Anno AFM - IGEA Materie n. unità orarie Matematica Max 12 Economia aziendale Max 12 Secondo Biennio e Quinto Anno Turismo - ITER Materie n. unità orarie Matematica Max 12 Lingua Inglese Max 12 L'orario di svolgimento è per tutti i corsi dalle ore alle ore Dal 16 al 28 gennaio 2014 le lezioni antimeridiane termineranno normalmente come da orario curricolare. NEL CORSO DEL SECONDO PERIODO (Pentamestre) I consigli di classe, per situazioni particolari e straordinarie, possono deliberare, preferibilmente nel periodo compreso tra seconda settimana di marzo e la prima di maggio, l attivazione di corsi recupero pomeridiani nelle seguenti discipline: Biennio unico: Italiano, Matematica, economia aziendale, inglese, seconda lingua straniera; Secondo Biennio e Quinto Anno AFM IGEA: Italiano, Matematica, Economia Aziendale, Inglese 2^ lingua straniera; Secondo Biennio e Quinto Anno Turismo ITER: Italiano, Matematica, inglese, 2^ lingua straniera 3^ lingua straniera. Il monte ore a disposizione di ciascun consiglio di classe sarà determinato in relazione alle risorse finanziarie disponibili. Sportello Help per le discipline di Italiano Matematica Economia Aziendale Inglese per un massimo di n. 6 unità orarie per classe- rivolto a studenti con gravi carenze organizzato per gruppi omogenei di massimo sei studenti. L attivazione del servizio è subordinato alla presenza di risorse finanziarie residue rispetto all attivazione dei corsi di recupero. 8

10 Tutti i corsi di recupero, deliberati dai consigli di classe, e gli interventi didattici di sportello help sono autorizzati dal Dirigente Scolastico previa verifica della copertura finanziaria. AL TERMINE DEGLI SCRUTINI DEL SECONDO PERIODO Dal 24 giugno al 15 luglio 2014 vengono organizzati i corsi di recupero in orario mattutino e pomeridiano (in base alle necessità). Ogni consiglio di classe, sulla scorta delle indicazioni di cui in precedenza, potrà attivare, per ogni studente, massimo 2 corsi di recupero, DURATA MINIMA DEI CORSI DA DELIBERARE SUCCESSIVAMENTE MODALITA DI ACCERTAMENTO DEL SUPERAMENTO DELLE INSUFFICIENZE ALLO SCRUTINIO FINALE. DA DELIBERARE SUCCESSIVAMENTE TIPOLOGIA DI PROVE PREVISTE PER L ACCERTAMENTO DEL SUPERAMENTO DELLE CARENZE FORMATIVE 9 1 BIENNIO 2 BIENNIO DISCIPLINA Prova scritta Durata P scritta Prova orale Prova scritta Durata P scritta Prova orale Italiano 2h 3h Inglese (1) 1h 30m No 1h 30m No Francese 1h (2) 1h (2) Spagnolo 1h 30m (2) 1h 30m (2) Tedesco 1h 1h Matematica 1h 30m (2) 1h 30m (2) Economia Aziendale/Discipline 1h 30m No 2h turistico aziendali Informatica 1h 30m (3) 2h No Diritto ed Economia Diritto / Diritto e legislazione turistica Economia Politica Scienze integrate (Scienze della terra e biologia) Scienze integrate(fisica) Scienze integrate(chimica)

11 Geografia Storia Arte e territorio Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative Prova pratica Prova pratica (1) la data di pubblicazione degli esiti e il calendario per visionare le prove saranno comunicati dai docenti il giorno della prova scritta. (2) Prova orale solo per studenti con prova scritta insufficiente. (3) Prova orale al termine della prova scritta 10

12 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II Via F. Lussana, Bergamo Cod. Mecc. BGTD Posta Elettronica Certificata: GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO (Delibera Collegio Docenti n. 20 del 29/11/13) La griglia è costruita sulla base di descrittori del comportamento che fanno riferimento: a) Alla frequenza ed alla puntualità; b) Al rispetto dei regolamenti d'istituto e alla tipologia delle sanzioni disciplinari; c) Al rispetto degli impegni scolastici e alla collaborazione con docenti e compagni; d) All' Interesse e alla partecipazione alle lezioni. Il CdC nell attribuire il voto di comportamento di ciascun alunno terrà conto della prevalenza dei descrittori corrispondenti ai voti proposti. In questo senso la griglia rappresenta un utile strumento, ma non deve generare un automatismo valutativo. voto indicatori descrittori Frequenza e puntualità REGOLARE Frequenta con assiduità le lezioni e rispetta sempre gli orari Rispetto dei regolamenti d Istituto e di SCRUPOLOSO e CONSAPEVOLE Rispetta i regolamenti scolastici disciplina Sanzioni disciplinari NESSUNA sanzione disciplinare a carico 10 Rispetto degli impegni scolastici e collaborazione con docenti e compagni (impegno e contributo al lavoro della classe) PUNTUALE COSTANTE ed EFFICACE Assolve alle consegne in maniera puntuale, costante ed efficace OTTIMA collaborazione attiva e propositiva con compagni e docenti (ruolo propositivo e trainante nel gruppo classe) Interesse SPICCATO 9 Interesse e partecipazione Frequenza e puntualità Rispetto dei regolamenti d Istituto e di disciplina Sanzioni disciplinari Rispetto degli impegni scolastici e collaborazione con docenti e compagni (impegno e contributo al lavoro della classe) Partecipazione ATTIVA, MOTIVATA e COSTRUTTIVA Ineccepibile negli atteggiamenti tenuti durante le attività didattiche, svolte anche al di fuori dell istituto in orario extracurriculare, compresi i viaggi di istruzione. REGOLARE Frequenta con assiduità le lezioni e rispetta sempre gli orari SCRUPOLOSO Rispetta i regolamenti scolastici NESSUNA sanzione disciplinare a carico PUNTUALE e COSTANTE Assolve alle consegne in maniera puntuale e costante OTTIMA collaborazione attiva con compagni e docenti (ruolo significativo nel gruppo classe) Interesse VIVO 8 Interesse e partecipazione Frequenza e puntualità Rispetto dei regolamenti d Istituto e di disciplina Sanzioni disciplinari Partecipazione ATTIVA e RESPONSABILE Ineccepibile negli atteggiamenti tenuti durante le attività didattiche, svolte anche al di fuori dell istituto in orario extracurriculare, compresi i viaggi di istruzione. ABBASTANZA REGOLARE Frequenta con assiduità le lezioni ma non sempre rispetta gli orari ABBASTANZA REGOLARE Osserva le norme generali relative alla vita scolastica. RARI richiami verbali nell arco del periodo di valutazione Rispetto degli impegni scolastici e collaborazione con docenti e compagni (impegno e contributo al lavoro della classe) GENERALE PUNTUALITA' e COSTANZA Assolve alle consegne in modo non sempre efficace BUONA collaborazione attiva con compagni e docenti (ruolo collaborativo nel gruppo classe) ITCTS Vittorio Emanuele II Bergamo - Cod. Fisc

13 Interesse BUONO 7 Interesse e partecipazione Frequenza e puntualità Rispetto dei regolamenti d Istituto e di disciplina Sanzioni disciplinari Rispetto degli impegni scolastici e collaborazione con docenti e compagni (impegno e contributo al lavoro della classe) Partecipazione ATTENTA e RESPONSABILE negli atteggiamenti tenuti durante le attività didattiche, svolte anche al di fuori dell istituto in orario extracurriculare, compresi i viaggi di istruzione. DISCONTINUA. La frequenza è connotata da alcune assenze e ritardi FREQUENTI MA NON GRAVI INOSSERVANZE DEI REGOLAMENTI SCOLASTICI QUALCHE richiamo verbale e una / due sanzioni disciplinari scritte, nell arco del periodo di valutazione, che non abbiano previsto allontanamento. NON SEMPRE PUNTUALE E COSTANTE Talvolta non rispetta le consegne ed è poco efficace NON SEMPRE COLLABORATIVA LA PARTECIPAZIONE Non sempre è disponibile e corretto con compagni e docenti Interesse DISCRETO 6 Interesse e partecipazione Frequenza e puntualità Rispetto dei regolamenti d Istituto e di disciplina Sanzioni disciplinari Rispetto degli impegni scolastici e collaborazione con docenti e compagni (impegno e contributo al lavoro della classe) Interesse e partecipazione Frequenza e puntualità Partecipazione SELETTIVA. Complessivamente adeguata negli atteggiamenti tenuti durante le attività didattiche, svolte anche al di fuori dell istituto in orario extracurriculare, compresi i viaggi di istruzione. IRREGOLARE Frequenta in maniera incostante le lezioni e non sempre rispetta gli orari FREQUENTI E RILEVANTI INOSSERVANZE DEI REGOLAMENTI SCOLASTICI REITERATI richiami verbali e sanzioni scritte; ALLONTANAMENTO DALLA COMUNITÀ SCOLASTICA per un periodo non superiore a 15 giorni CARENTE Rispetta le consegne solo saltuariamente. POCO COLLABORATIVA la partecipazione manifesta costantemente atteggiamenti poco cooperativi con compagni e docenti Interesse SELETTIVO Partecipazione PASSIVA non sempre adeguata e responsabile negli atteggiamenti tenuti durante le attività didattiche, svolte anche al di fuori dell istituto in orario extracurriculare, compresi i viaggi di istruzione. MOLTO IRREGOLARE Frequenta in maniera molto incostante le lezioni e molto spesso si rende responsabile del mancato rispetto degli orari. GRAVI VIOLAZIONI DEI REGOLAMENTI SCOLASTICI 5 Rispetto dei regolamenti d Istituto e di disciplina Sanzioni disciplinari ALLONTANAMENTO DALLA COMUNITÀ SCOLASTICA per più di 15 giorni per violazioni gravi. (art. 4, commi 9, 9 bis e 9 ter del D.P.R. 249/1998 e dalle modifiche apportate dal D.P.R. 235/2007) (1). ALLONTANAMENTO dalla comunità scolastica per un periodo non superiore a 15 giorni per violazioni gravi che riguardano mancato rispetto dei doveri previsti commi 1, 2 e 5 dell'arti 3 D.P.R. 249/1998 (come stabilito dal comma 2 lettera b) Art 7 dpr n. 122 /2009) (2). Rispetto degli impegni scolastici e INESISTENTE Non rispetta assolutamente le consegne collaborazione con docenti e compagni (impegno e contributo al CONTINUO DISTURBO delle lezioni. Ruolo negativo nel gruppo classe lavoro della classe) Interesse SCARSO e partecipazione INESISTENTE L alunno viene sistematicamente Interesse e partecipazione ripreso per l'inadeguatezza con cui si atteggia nei confronti dei docenti, compagni e del personale scolastico. (1) reati che violano la dignità e il rispetto della persona umana o creino pericolo per l'incolumità delle persone. Casi di recidiva, di atti di violenza grave, o comunque connotati da una particolare gravità tale da ingenerare un elevato allarme sociale. (2) studenti che non frequentano regolarmente i corsi e non assolvono assiduamente agli impegni di studio. Studenti che non tengono nei confronti del capo d'istituto, dei docenti, del personale tutto della scuola e dei loro compagni lo stesso rispetto, anche formale, che chiedono per se stessi; gli studenti che non utilizzano correttamente le strutture, i macchinari e i sussidi didattici e si comportano nella vita scolastica in modo da non arrecare danni al patrimonio della scuola. 2

MODALITÀ DI RECUPERO CARENZE FORMATIVE PER L A.S. 2013/14 (DELIBERA COLLEGIO DOCENTI N. 00 DEL 28/10/2014)

MODALITÀ DI RECUPERO CARENZE FORMATIVE PER L A.S. 2013/14 (DELIBERA COLLEGIO DOCENTI N. 00 DEL 28/10/2014) Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II Via F. Lussana, 2 24121 Bergamo 035 23 71 71 035 21 52 27 segreteria@vittorioemanuele.org

Dettagli

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 IL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 Visto il Regio Decreto 4 maggio 1925, n. 653, contenente disposizioni sugli studenti, esami e tasse negli

Dettagli

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 16 Novembre 2012

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 16 Novembre 2012 LICEO SCIENTIFICO STATALE R. Donatelli B. Pascal 20133 MILANO Viale Campania, 6 e Via A. Corti, 16 Tel. 02.70126738 e 02.2360306 - Fax 02.70106474 e 02.2666487 Email: mips37000t@istruzione.it - Pec: mips37000t@pec.istruzione.it

Dettagli

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 18 Dicembre 2014

ATTIVITA DI SOSTEGNO E RECUPERO E CRITERI PER L AMMISSIONE ALLA CLASSE SUCCESSIVA. Il Consiglio d Istituto nella seduta del 18 Dicembre 2014 LICEO SCIENTIFICO STATALE R. Donatelli B. Pascal 20133 MILANO Viale Campania, 6 e Via A. Corti, 16 Tel. 02.70126738 e 02.2360306 - Fax 02.70106474 e 02.2666487 Email: mips37000t@istruzione.it - Pec: mips37000t@pec.istruzione.it

Dettagli

CRITERI GENERALI PER CORSI DI RECUPERO (Deliberati dal Collegio Docenti del 9 Febbraio 2012)

CRITERI GENERALI PER CORSI DI RECUPERO (Deliberati dal Collegio Docenti del 9 Febbraio 2012) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE A. DE SIMONI Via Tonale n.18-23100 SONDRIO Tel. 0342/ 514516-216255 Fax. 0342/ 514798 Cod. Fisc. 80001880147 -

Dettagli

ATTIVITÀ DI RECUPERO E SOSTEGNO

ATTIVITÀ DI RECUPERO E SOSTEGNO ATTIVITÀ DI RECUPERO E SOSTEGNO Le attività di recupero costituiscono parte ordinaria e permanente del piano dell offerta formativa che ogni istituzione scolastica predispone annualmente (O.M. 92/07 art.

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO

7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO 7. ATTIVITÀ DI SOSTEGNO E DI RECUPERO Essendo l'obiettivo prioritario delle attività di recupero e di sostegno l'innalzamento dei livelli di apprendimento degli studenti e la riduzione della dispersione

Dettagli

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti

Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti Prot.n. 30 Milano, 7 gennaio 2014 Circ.n. 162/Doc Ai Coordinatori di classe Ai Docenti OGGETTO: Scrutini: indicazioni per le attività di recupero e per la valutazione del comportamento degli alunni Attività

Dettagli

Riferimenti normativi: DM 42/07 E 80/07 OM N 92/07 Legge n 1/07

Riferimenti normativi: DM 42/07 E 80/07 OM N 92/07 Legge n 1/07 Riferimenti normativi: DM 42/07 E 80/07 OM N 92/07 Legge n 1/07 Al termine del primo trimestre ( dicembre) Alla fine del mese di marzo inizio aprile ( valutazione intermedia) Alla fine dell anno scolastico.

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

LE ATTIVITÀ DI RECUPERO (Delibera Collegio Docenti del 29-10-2008)

LE ATTIVITÀ DI RECUPERO (Delibera Collegio Docenti del 29-10-2008) LE ATTIVITÀ DI RECUPERO (Delibera Collegio Docenti del 29-10-2008) 1. Le attività di recupero organizzate dalla scuola sono obbligatorie e consistono di corsi di recupero di minimo 15 ore per le materie

Dettagli

1-INIZIATIVE PER IL SOSTEGNO NELLE ATTIVITA DI APPRENDIMENTO E PER RECUPERO DEI DEBITI FORMATIVI

1-INIZIATIVE PER IL SOSTEGNO NELLE ATTIVITA DI APPRENDIMENTO E PER RECUPERO DEI DEBITI FORMATIVI PROGETTO PER IL RECUPERO DEI DEBITI FORMATIVI In applicazione del D.M. n. 80 del 3/10/2007 e del Regolamento di cui al D.M.I. n 92 del 5/11/2007 ( POF 2007-09 ) 1-INIZIATIVE PER IL SOSTEGNO NELLE ATTIVITA

Dettagli

PIANO PER IL RECUPERO

PIANO PER IL RECUPERO PIANO PER IL RECUPERO PRINCIPI I principi a cui si ispira il piano delle attività sono: 1. le attività di recupero aggiuntive devono essere considerate interventi straordinari, da attuare solo dopo che

Dettagli

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI

VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI 3.7.2 CRITERI GENERALI PER L ATTIVITÀ DI RECUPERO DOPO GLI SCRUTINI VALUTAZIONE 3.7.1 CRITERI GENERALI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI SCUOLA INFANZIA Viene proposta una griglia della situazione iniziale (fine Ottobre) e una relazione dettagliata dopo il consiglio di intersezione.

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO/SOSTEGNO E SALDO DEBITI FORMATIVI (O.M. 92/ 7, D.M. 80/ 07, DPR 122/2009, art. 4.6)) Pagina 1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE

VERBALE n. SCRUTINIO FINALE VERBALE n. SCRUTINIO FINALE (CLASSI PRIME E SECONDE del triennio ) Il giorno del mese di dell anno alle ore, nei locali del, si riunisce il Consiglio della Classe, con la sola presenza dei docenti, per

Dettagli

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni La verifica degli apprendimenti, momento importante del processo formativo, servirà ai docenti per modificare o integrare gli obiettivi, i metodi

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5)

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) Le recenti disposizioni ministeriali sulla valutazione (articolo 13 del D. Lgs. n. 226/2005, e successive modificazioni; articolo 2 del D. L. n. 137/2008, convertito,

Dettagli

Si enunciano qui di seguito gli indicatori relativi all attribuzione del voto di condotta:

Si enunciano qui di seguito gli indicatori relativi all attribuzione del voto di condotta: Il voto di condotta, espresso in sede di scrutinio intermedio e finale, si riferisce all insieme dei comportamenti tenuti dall allievo nel periodo di permanenza nella sede scolastica e durante le attività

Dettagli

Azioni di supporto alle innovazioni in atto nelle scuole

Azioni di supporto alle innovazioni in atto nelle scuole Azioni di supporto alle innovazioni in atto nelle scuole Anno scolastico 2007-2008 Donatella Bresciani tel. 065685007; fax 065681579 e-mail liceo.enriques@libero.it; Sito del Liceo: web romascuola.net/liceoenriques.it

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

All attenzione delle Famiglie degli Alunni/e dei Docenti Personale ATA

All attenzione delle Famiglie degli Alunni/e dei Docenti Personale ATA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE FERMI - DA VINCI Via Bonistallo, 73 50053 EMPOLI FI Tel. (0571) 80614- Fax 0571 80665 Codice Fiscale 82004810485 All attenzione delle Famiglie degli Alunni/e dei Docenti

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

Liceo Scientifico Statale N. Copernico Viale Borgovalsugana n. 63 59100 Prato-tel. 0574596616-fax 0574592888 email pops02000g@istruzione.

Liceo Scientifico Statale N. Copernico Viale Borgovalsugana n. 63 59100 Prato-tel. 0574596616-fax 0574592888 email pops02000g@istruzione. Liceo Scientifico Statale N. Copernico Viale Borgovalsugana n. 63 59100 Prato-tel. 0574596616-fax 0574592888 email pops02000g@istruzione.it Prato, 17 dicembre 2007 Circolare n. Ai Docenti Agli Studenti

Dettagli

DOCUMENTO E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO

DOCUMENTO E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO IN QUESTA SCUOLA SI ATTUANO PROGETTI PON I.C. 3 de Curtis Ungaretti ad Indirizzo Musicale Scuola dell Infanzia -Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Sede Centrale: Via Viola, 20 80056, Ercolano

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale CORSO SERALE

LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale CORSO SERALE Liceo Antonio Rosmini - Trento LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale CORSO SERALE ISCRIZIONE Il Liceo delle Scienze umane opz. economico sociale corso serale è rivolto a studenti che abbiano

Dettagli

- I docenti consegnano le prove scritte o grafiche delle singole discipline, che devono essere rese disponibili in sede di scrutinio.

- I docenti consegnano le prove scritte o grafiche delle singole discipline, che devono essere rese disponibili in sede di scrutinio. Codice Ministeriale TEIS00700T Codice Fiscale 80003970672 E-Mail: teis00700t@istruzione.it Sede centrale: Istituto Tecnico per Geometri C. Forti Via Cona, 180/182 64100 TERAMO Tel.Pres. 0861/248261 Centr.

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

Interventi didattico - educativi di recupero nel corso dell anno scolastico (ottobre - giugno)

Interventi didattico - educativi di recupero nel corso dell anno scolastico (ottobre - giugno) LICEO SCIENTIFICO SAN BENEDETTO SCUOLA SECONDARIA 2 GRADO PARITARIA dec. N. 158 del 28/08/2001 43121 - PARMA - P.le S. Benedetto, 5 0521381411 e-mail sssbened@scuole.pr.it fax: 0521206085 sito web: www.salesianiparma.it

Dettagli

CRITERI PER LA INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI RECUPERO E PER LA LORO ORGANIZZAZIONE (rif. O.M. n. 92 del 05.11.2007)

CRITERI PER LA INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI RECUPERO E PER LA LORO ORGANIZZAZIONE (rif. O.M. n. 92 del 05.11.2007) Mi n i s t e r o d e l l I s t r u z i o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a Istituto Tecnico Industriale Statale e l e t t r o n i c a - e l e t t r o t e c n i c a - m e c c a

Dettagli

INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE SULLE INIZIATIVE DI RECUPERO DELL ISTITUTO E MEMORANDUM SULLE MODALITA DI COMUNICAZIONE TRA SCUOLA E FAMIGLIA

INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE SULLE INIZIATIVE DI RECUPERO DELL ISTITUTO E MEMORANDUM SULLE MODALITA DI COMUNICAZIONE TRA SCUOLA E FAMIGLIA INFORMATIVA ALLE FAMIGLIE SULLE INIZIATIVE DI RECUPERO DELL ISTITUTO E MEMORANDUM SULLE MODALITA DI COMUNICAZIONE TRA SCUOLA E FAMIGLIA Si comunica ai Genitori che da lunedì 26 gennaio a mercoledì 4 febbraio

Dettagli

Iniziative di sostegno e recupero scolastico

Iniziative di sostegno e recupero scolastico Iniziative di sostegno e recupero scolastico Premessa Le attività di sostegno e di recupero, normate dai recenti provvedimenti: Legge 1/2007 ( definisce i criteri di ammissione all esame di Stato ); D.M.

Dettagli

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta:

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: CRITERI DI VALUTAZIONE SCRUTINIO FINALE PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: Partendo dalla media matematica

Dettagli

LA NORMATIVA MINISTERIALE E LE PROCEDURE DELL ISTITUTO TORNO PER LA VALUTAZIONE FINALE

LA NORMATIVA MINISTERIALE E LE PROCEDURE DELL ISTITUTO TORNO PER LA VALUTAZIONE FINALE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. TORNO Indirizzi Tecnici Settore Economico e Tecnologico Indirizzi Liceali Scientifico e Scienze Umane LA NORMATIVA MINISTERIALE E LE PROCEDURE DELL ISTITUTO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerc

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerc Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerc Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo LICEO SCIENTIFICO STATALE A. EINSTEIN TERAMO Via L. Sturzo, 5 64100 Teramo - Centralino 0861/413747-

Dettagli

DOCUMENTO SULLA VALUTAZIONE

DOCUMENTO SULLA VALUTAZIONE Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca Istituto d'istruzione Superiore Statale Balilla Pinchetti via Monte Padrio, 12 23037 Tirano (SO) Indirizzo di PEC: sois008005@pec.istruzione.it-

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Istituto Tecnico Commerciale e Turistico Statale Vittorio Emanuele II Via F. Lussana, 2 24121 Bergamo 035 23 71 71 035 21 52 27 segreteria@vittorioemanuele.org

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369 CRITERI DI VALUTAZIONE Approvato in Collegio Docenti 15/10/2013 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA Indicatori: Rispetto del regolamento di Istituto, delle persone e dell ambiente scolastico Assiduità

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CORSI DI RECUPERO

ISTRUZIONE OPERATIVA CORSI DI RECUPERO Pag 1 di 7 1. SCOPO Scopo di questa IO è descrivere le modalità, i tempi e le responsabilità nell erogazione delle attività di recupero che vede l Istituto in relazione sia con le famiglie che con gli

Dettagli

DELIBERA N 3 COLLEGIO DOCENTI 15 MAGGIO 2014 CRITERI GENERALI DI VALUTAZIONE FINALE

DELIBERA N 3 COLLEGIO DOCENTI 15 MAGGIO 2014 CRITERI GENERALI DI VALUTAZIONE FINALE DELIBERA N 3 COLLEGIO DOCENTI 15 MAGGIO 2014 CRITERI GENERALI DI VALUTAZIONE FINALE Il Collegio Docenti al fine di garantire omogeneità nelle decisioni dei Consigli di Classe, relativamente alle operazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA I GRADO Centro Territoriale Permanente per l Educazione e la Formazione in età adulta Via San Giovanni Bosco, 5-23014 DELEBIO (SO) tel.

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI DI TRENTO. (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI DI TRENTO. (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA Allegato D delibera n. 5/2006 REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA Il presente Regolamento si articola secondo la struttura

Dettagli

TABELLA di attribuzione CREDITO SCOLASTICO (allegata al D.M. 42/2007 che sostituisce la tabella prevista dall art. 11 comma 2 del D.P.R.

TABELLA di attribuzione CREDITO SCOLASTICO (allegata al D.M. 42/2007 che sostituisce la tabella prevista dall art. 11 comma 2 del D.P.R. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI PRIMIERO Liceo Economico per l Impresa, Liceo Economico per il Turismo, Liceo Scientifico, Corso Tecnico per le Costruzioni, l Ambiente ed il Territorio Criteri per

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

Oggetto: Iscrizioni alle scuole di istruzione secondaria di secondo grado relative all'anno scolastico 2010 2011.

Oggetto: Iscrizioni alle scuole di istruzione secondaria di secondo grado relative all'anno scolastico 2010 2011. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per l'autonomia Scolastica Ufficio VI C.M. n.17 MIURAOODGOS

Dettagli

REGOLAMENTO CORSO SERALE

REGOLAMENTO CORSO SERALE Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Tecnico Economico Libero de Libero Amministrazione Finanza e Marketing - Sistemi Informativi

Dettagli

Circolare n. 74 Reggio Emilia, 6 dicembre 2006

Circolare n. 74 Reggio Emilia, 6 dicembre 2006 ISTITUTO TECNICO STATALE GEOMETRI BLAISE PASCAL AD INDIRIZZO SPERIMENTALE (B.U.S.-T.C.S.) Via Makallè, 12 42100 Reggio Emilia - codice fiscale: 91008310350 Telefono: 0522 512351 - Fax: 0522 516741 E-mail:

Dettagli

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI

CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI CRITERI SCRUTINI E VALUTAZIONI FINALI 1 Criteri specifici per lo scrutinio finale Sulla base delle deliberazioni degli anni precedenti, in base alla normativa vigente, tenuto conto che il voto di condotta

Dettagli

LICEO ARTISTICO DI VERONA CORSO SERALE

LICEO ARTISTICO DI VERONA CORSO SERALE LICEO ARTISTICO DI VERONA CORSO SERALE Premessa Il CORSO SERALE del Liceo Artistico statale di Verona Nani Boccioni, che prende avvio nell a.s. 2014/15, intende rispondere ai bisogni di un utenza particolare,

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITA

MANUALE GESTIONE QUALITA MODALITÀ DI RECUPERO Pag. 1 di 8 Modalità di recupero Copia N. controllata non controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto del

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo

Istituto Comprensivo Statale di Sovizzo Prot. n. 2994/D6 Sovizzo, 20 novembre 2015 Al Collegio docenti Al Consiglio di Istituto AI Genitori Al Personale ATA dell IC Sovizzo LORO SEDI OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA

Dettagli

REGOLAMENTO CORSI DI RECUPERO - a.s. 2009/2010

REGOLAMENTO CORSI DI RECUPERO - a.s. 2009/2010 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE FRANCESCO DE SANCTIS SANT ANGELO DEI LOMBARDI (AV) Tel e fax 082723116 E-mail avis014008@istruzione.it C.F. 91003710646 REGOLAMENTO CORSI DI RECUPERO - a.s.

Dettagli

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria

I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana. Collegio dei docenti. Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria I S T I T U T O C O M P R E N S I V O S T A T A L E Villafranca Padovana Collegio dei docenti Regolamento Valutazione alunni Scuola Primaria Approvato nella seduta del Collegio del 17 gennaio 2013 Prima

Dettagli

I.D.E.I. Valorizzazione delle eccellenze, sostegno e recupero. a.s. 2013-2014

I.D.E.I. Valorizzazione delle eccellenze, sostegno e recupero. a.s. 2013-2014 I.D.E.I. Valorizzazione delle eccellenze, sostegno e recupero a.s. 2013-2014 Approvato dal: Collegio dei Docenti delibera del 25.10.2013 Consiglio di Istituto delibera del 04.11.2013 Collegio dei Docenti

Dettagli

Prot. n. 575/B 21 c Cremona, 1 febbraio 2014

Prot. n. 575/B 21 c Cremona, 1 febbraio 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CREMONA UNO SCUOLA DELL INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Via Gioconda, n. 1-26100 CREMONA

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA F. DE SANCTIS SANT ANGELO DEI LOMBARDI (AV)

ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA F. DE SANCTIS SANT ANGELO DEI LOMBARDI (AV) ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA F. DE SANCTIS SANT ANGELO DEI LOMBARDI (AV) REGOLAMENTO CORSI DI RECUPERO - a.s. 2011/2012 Art.1 Ogni docente, nella propria disciplina, alla fine di ogni unità didattica

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELCOLLEGIO DOCENTI DEL 08/06/2015 DELIBERA NUMERO 40...omissis... OGGETTO: Pof 2015-16 IL COLLEGIO

ESTRATTO DAL VERBALE DELCOLLEGIO DOCENTI DEL 08/06/2015 DELIBERA NUMERO 40...omissis... OGGETTO: Pof 2015-16 IL COLLEGIO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE A. MEUCCI Sede "A. Meucci" Via Marina Vecchia, 230 54100 MASSA (MS) Tel. 0585 252708-fax.0585 251012 Sede G. Toniolo Via XXVII Aprile, 8/10 54100 MASSA (MS) Tel. 058541284

Dettagli

PROTOCOLLO VALUTAZIONE DEL PROCESSO FORMATIVO

PROTOCOLLO VALUTAZIONE DEL PROCESSO FORMATIVO PROTOCOLLO VALUTAZIONE DEL PROCESSO FORMATIVO MODALITA E CRITERI PER ASSICURARE OMOGENEITA, EQUITA E TRASPARENZA DELLA VALUTAZIONE Riferimenti normativi: DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 22 giugno

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione LA VALUTAZIONE Criteri di valutazione Per assicurare una omogeneità, equità e trasparenza della valutazione da parte dei Consigli di Classe, in sede di scrutinio, nel rispetto del principio della libertà

Dettagli

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) **** LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (Art.11, comma 10, D.P.R 263/2012) I risultati di apprendimento attesi in esito ai percorsi di alfabetizzazione

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ADELAIDE CAIROLI Liceo Linguistico Liceo delle Scienze Umane Liceo Musicale

ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ADELAIDE CAIROLI Liceo Linguistico Liceo delle Scienze Umane Liceo Musicale 1 di 7 GESTIONE CORSI DI RECUPERO E SOSTEGNO ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ELAIDE CAIROLI Liceo Linguistico Liceo delle Scienze Umane Liceo Musicale PAVIA COPIA CONTROLLATA n. Data di revisione Rev. DETTAGLIO

Dettagli

Prot. n. 1666/C1 CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI approvato dal Collegio Docenti del 19.05.2014

Prot. n. 1666/C1 CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI approvato dal Collegio Docenti del 19.05.2014 Prot. n. 1666/C1 CRITERI DI CONDUZIONE DEGLI SCRUTINI FINALI approvato dal Collegio Docenti del 19.05.2014 Visto il R.D. 4.5.1925, n. 653, contenente disposizioni sugli alunni, esami e tasse negli istituti

Dettagli

PIANO ORGANIZZAZIONE I.D.E.I. A.S. 2014-2015. a cura di Stefania Turra ITI Marconi Pd

PIANO ORGANIZZAZIONE I.D.E.I. A.S. 2014-2015. a cura di Stefania Turra ITI Marconi Pd PIANO ORGANIZZAZIONE I.D.E.I. A.S. 2014-2015 2015 a cura di Stefania Turra ITI Marconi Pd OBIETTIVO Lo scopo dell Istituzione scolastica è il successo formativo degli studenti. Qualora il normale percorso

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2012/2013 CLASSE 5^ SEZ. A Indirizzo IGEA Coordinatore Prof.

Dettagli

VOTO IN DECIMI. Partecipazione alle attività educative e formative della scuola. Ineccepibile, costruttiva, propositiva. 10 Comportamento lodevole

VOTO IN DECIMI. Partecipazione alle attività educative e formative della scuola. Ineccepibile, costruttiva, propositiva. 10 Comportamento lodevole Criteri comuni di valutazione La valutazione è espressa in decimi (la gamma dei voti va da 1 fino a ). I risultati della valutazione scritta saranno comunicati agli alunni in sede di consegna delle verifiche

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017/18, 2018/19

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017/18, 2018/19 ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA TRIENNIO 2016/17, 2017/18, 2018/19 Prot. n. 3599/AG08 Rocca Priora, 21/09/2015 e p.c. Al Collegio

Dettagli

IPS S. D Acquisto Bagheria

IPS S. D Acquisto Bagheria IPS S. D Acquisto Bagheria Anno scolastico 2015 2016 PIANO DELLE ATTIVITÀ COLLEGIALI DEI DOCENTI CON RELATIVI IMPEGNI AL PERSONALE DOCENTE AGLI ALUNNI E LORO GENITORI AL DSGA INIZIO ANNO SCOLASTICO CLASSI

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE SOMMATIVA

CRITERI PER LA VALUTAZIONE SOMMATIVA CRITERI PER LA VALUTAZIONE SOMMATIVA Per la valutazione degli alunni i consigli di classe faranno riferimento ai criteri sotto indicati: Competenze chiave di cittadinanza attiva Assi culturali (biennio)

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

Prot. n. 1035/c2 Nocera Superiore, 14/05/2014

Prot. n. 1035/c2 Nocera Superiore, 14/05/2014 Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Scuola Secondaria di 1 grado FRESA - PASCOLI Viale Europa ~ 84015 Nocera Superiore (SA) 081 933111 Telefax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mecc.: SAMM28800N

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64 del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Regolamento per la realizzazione dei corsi di recupero

Regolamento per la realizzazione dei corsi di recupero Regolamento per la realizzazione dei corsi di recupero (approvato dal Consiglio di Istituto in attuazione dei provvedimenti Ministeriali del 2007, in particolare del DM. N.42 del 22 maggio, del DM n.80

Dettagli

CONTROLLO DEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO

CONTROLLO DEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO CONTROLLO DEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO La valutazione è parte integrante del processo di insegnamento/apprendimento. Essa deve essere trasparente e condivisa, nei fini e nelle procedure, da tutti coloro

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE Istituto Tecnico Statale A. Oriani Via Manzoni, 6-48018 Faenza Tel 0546-21290 Fax 0546-680261 e-mail: itcoriani@provincia.ra.it web: www.itcgoriani.it CRITERI DI VALUTAZIONE per l anno scolastico 2014/2015

Dettagli

Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015

Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015 Prot. n 8401/A19 Augusta, 29 ottobre 2015 Ai docenti Al DSGA Atti Albo Oggetto: Delibera del Collegio dei docenti riunitosi in data 28 ottobre 2015 su convocazione prot. n 8150/A19 del 20 ottobre 2015

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012/ 2013 Consiglio Classe I sezione B Data di approvazione 24/10/2012 Doc.:

Dettagli

Il Ministero non ha ancora fissato una data. Per consentire la formazione delle classi sarebbe

Il Ministero non ha ancora fissato una data. Per consentire la formazione delle classi sarebbe 1. Quando cominceranno le lezioni dell anno scolastico 2011/12? Il 12 settembre, alle 18.30 2. Fino a quando è possibile iscriversi? Il Ministero non ha ancora fissato una data. Per consentire la formazione

Dettagli

Circ. n. 27 Francavilla Fontana lì, 23 Settembre 2014. Ai Docenti Al D.S.G.A Al Personale ATA Agli Studenti SEDE DIURNO SERALE E ORIA

Circ. n. 27 Francavilla Fontana lì, 23 Settembre 2014. Ai Docenti Al D.S.G.A Al Personale ATA Agli Studenti SEDE DIURNO SERALE E ORIA ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE Giovanni Calò Indirizzo: Amministrazione Finanze e Marketing (Relazioni Internazionali per il Marketing Sistemi Informativi Aziendali) Via Gorizia - 72021 Francavilla

Dettagli

2 - SOSTEGNO AL LAVORO DOCENTE

2 - SOSTEGNO AL LAVORO DOCENTE RELAZIONE FINALE SULLE ATTIVITA SVOLTE DALLA FUNZIONE STRUMENTALE E RELATIVA COMMISSIONE Anno scolastico 2010-2011 AREA 2 - SOSTEGNO AL LAVORO DOCENTE REFERENTE ALESSANDRA ZANCHIN AZIONI INTRAPRESE E REALIZZATE

Dettagli

INTERCULTURA PROGETTO MODULISTICA PROT N _3417/A6 DEL _04/06/2012

INTERCULTURA PROGETTO MODULISTICA PROT N _3417/A6 DEL _04/06/2012 INTERCULTURA PROGETTO MODULISTICA PROT N _3417/A6 DEL _04/06/2012 Liceo Scientifico Statale "F. Severi" Liceo Scientifico di Ordinamento - Liceo Scientifico Scienze Applicate- Liceo Linguistico viale L.

Dettagli

Capitolo 4 La funzione docente

Capitolo 4 La funzione docente Capitolo 4 La funzione docente La funzione docente, che ha nell insegnamento il suo fondamento, si articola in ulteriori azioni complementari: la valutazione: cosa, perché, chi e come si valuta; i criteri

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

REGOLAMENTO CORSO SERALE

REGOLAMENTO CORSO SERALE REGOLAMENTO CORSO SERALE ISCRIZIONE L'iscrizione degli studenti al corso serale comporta obbligatoriamente il riconoscimento e la valutazione della loro situazione formativa, documentata all'atto dell'iscrizione,

Dettagli

OGGETTO: ESAME DI QUALIFICA PROFESSIONALE IN REGIME DI SUSSIDIARIETÀ INTEGRATIVA - INDICAZIONI A.S. 2014/2015

OGGETTO: ESAME DI QUALIFICA PROFESSIONALE IN REGIME DI SUSSIDIARIETÀ INTEGRATIVA - INDICAZIONI A.S. 2014/2015 IIS Ceccano Istituto d Istruzione Superiore Ceccano ITE Ceccano ITE Ceprano IPSSEOA Ceccano MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto

Dettagli

ESITI DEGLI STUDENTI

ESITI DEGLI STUDENTI ALLEGATO Priorità e Traguardi evidenziati nel Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola NAIC812007 "CAMPO DEL MORICINO" ESITI DEGLI STUDENTI 1. Risultati scolastici Studenti

Dettagli

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA

VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA I.I.S.S. Maxwell - Settembrini Milano VADEMECUM PER ESAMI DI STATO ALUNNI DSA Sommario 1. Indicazioni generali per Coordinatori di classe e Docenti 2. Normativa esami di Stato alunni DSA D.P.R. 22 giugno

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

Circ. Int. n. 54 Scuola Primaria di Basiano Masate, 29 gennaio 2014 Scuola Primaria di Masate. Loro Sedi

Circ. Int. n. 54 Scuola Primaria di Basiano Masate, 29 gennaio 2014 Scuola Primaria di Masate. Loro Sedi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO BASIANO 20060 Masate (MI) Via Monte Grappa, 16 Tel.0295760871 fax 0295761411 miic8ck007@istruzione.it miic8ck007@pec.istruzione.it

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE

LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE R. POLITI Via Acrone n. 12 92100 AGRIGENTO - Tel. / Fax 0922 20535 E-Mail: agpm03000a@istruzione.it

Dettagli

Presiede la riunione: Il Dirigente Scolastico Il Collaboratore Vicario Il Docente Delegato prof.

Presiede la riunione: Il Dirigente Scolastico Il Collaboratore Vicario Il Docente Delegato prof. VERBALE DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZIONE SPECIALIZZAZIONE PER LE OPERAZIONI DI SCRUTINIO DEL 1 QUADRIMESTRE E LA COMUNICAZIONE ALLE FAMIGLIE. Oggi alle ore, nell aula si è riunito il Consiglio

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli