Visto uscire per non imponibilità Iva: prove alternative

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Visto uscire per non imponibilità Iva: prove alternative"

Transcript

1 Visto uscire per non imponibilità Iva: prove alternative L'apposizione del visto uscire è un adempimento espressamente attribuito all'autorità doganale competente qualunque sia il tipo o la modalità della operazione di esportazione svolta (domiciliata, ordinaria, cartacea o telematica). L'esportazione è la destinazione doganale con cui le merci lasciano definitivamente il territorio comunitario. L'esportazione si realizza con: 1 la presentazione del D.A.U. (dichiarazione di esportazione) all'ufficio doganale competente che è quello in cui è ubicato l'esportatore, ovvero dove le merci sono caricate o imballate per essere esportate (in taluni casi sono ammesse delle deroghe, ad esempio onere eccessivo, sproporzione economica, ecc.) 2 visto uscire dal territorio comunitario apposto sull'esemplare 3 del D.A.U. (previsto e disciplinato dall'art. 793 e seguenti del Reg. CEE 2454/93). Solo questo visto fa acquisire la non imponibilità dell'esportazione agli effetti dell'iva. A tale scopo è necessario conservare l'esemplare del D.A.U. munito del visto apposto dall'ufficio doganale di uscita di cui all'art. 793 del regolamento CEE n. 2454/93 (DAC). PROVA DELL'AVVENUTA ESPORTAZIONE - UFFICIO DOGANALE DI USCITA Merci esportate per ferrovia, per via aerea, via mare, a mezzo posta con documento di trasporto unico a destinazione di un paese terzo La dogana presso la quale vengono presentate le merci è quella che deve apporre il visto uscire sull'esemplare 3 del D.A.U. La dogana non è chiamata a constatare l'uscita fisica delle merci dal territorio comunitario, ma ad attestare ai sensi dell'art. 793 paragrafo 3 del reg. CEE 2454/93 che le merci sono state prese in carico a fronte di un contratto di trasporto unico verso un paese terzo. Il soggetto, che ha preso in carico le merci a fronte di un unico contratto di trasporto a destinazione di un paese terzo, è responsabile del corretto svolgimento nei confronti della dogana e ha l'obbligo di comunicare eventuali variazioni intervenute al contratto di trasporto. La dogana, che appone l'attestazione di uscita, dovrà anche apporre sul documento di trasporto in rosso la dicitura EXPORT ed il proprio timbro allo scopo di far constatare che le formalità doganali sono state espletate in vista dell'uscita delle merci dal territorio comunitario.

2 L'operazione doganale di esportazione è cosi conclusa senza ulteriori adempimenti della dogana o dell'esportatore. Merci spedite con procedura di transito comunitario, transito comune o tir L'ufficio doganale di partenza, cioè quello dove è acceso il regime di transito, che può essere diverso da quello in cui è stata depositata la dichiarazione, appone il visto uscire sull'esemplare 3 del D.A.U. Appone inoltre la dicitura in rosso EXPORT su tutti gli esemplari di transito. Merci esportate per altre vie (camion) o in circostanze non contemplate nel caso precedente (ad esempio: destinazione intermedia in altro paese comunitario, in mancanza di un unico contratto di trasporto, etc.) L'ufficio doganale di uscita è l'ultimo ufficio doganale, posto quindi anche in altro paese della UE, prima dell'uscita delle merci dal territorio della comunità. Per ottenere la restituzione da parte della dogana di uscita dell'esemplare 3 del D.A.U., il dichiarante dovrà apporre la dicitura RET-EXP nella casella 44 della bolletta. L'ufficio doganale che attesta l'uscita, appone il visto uscire sul retro dell'esemplare 3 del DAU e lo restituisce a chi glielo ha presentato o l'invia al nominativo risultante nella casella 50 (dichiarante doganale). L'attestazione di uscita consiste nell'apposizione di un timbro che reca il nome dell'ufficio doganale e la data. Merci spedite a mezzo posta - valore inferiore a euro 2582,28 E' possibile non emettere la bolla doganale. Per dimostrare l'avvenuta esportazione, è indispensabile ottenere dall'ufficio postale copia della dichiarazione doganale postale, sulla quale dovrà essere apposto il timbro a calendario delle Poste Italiane. Tale timbro dovrà essere apposto anche sulla fattura. Merci esportate con bollette doganali cumulative emesse con procedura semplificata dallo spedizioniere L'intestatario della bolletta di esportazione sarà la casa di spedizione, in tal caso l'esemplare 3 del D.A.U. dovrà essere invalidato ai fini IVA perché intestato al soggetto che opera per conto di più esportatori. Il singolo esportatore deve comunque ottenere l'attestazione di uscita apposta dalla dogana sulla copia della fattura del seguente tenore: merce uscita dal territorio doganale

3 come da visto apposto dalla Dogana di. in data. sul documento di esportazione.. n del.. della dogana di. In alternativa, questa attestazione può essere apposta dall'ufficio doganale anche sulla fotocopia del DAU con allegata la distinta di carico. La sola apposizione del timbro assegnato alla casa di spedizione e della attestazione dell'avvenuta operazione non è valida ai fini dell'art. 7 (5 comma) e dell'art. 8 DPR 633/72, (cioè per giustificare la non imponibilità IVA). Merci esportate con operazioni triangolari Intestatario della bolletta è il promotore della triangolazione. Il primo cedente nazionale dovrà ottenere in restituzione la sua fattura, non solo con il numero e la data della bolletta doganale di esportazione, ma anche con l'attestazione di uscita apposta dalla dogana. Nel caso di fatturazione differita del primo cedente è ammesso che le attestazioni possano essere apposte dalla dogana anche sul DDT, integrato con l'indicazione della destinazione e del tipo di operazione. In alternativa l'uscita delle merci dalla Comunità può essere dimostrata dal primo cedente anche attraverso la fotocopia della bolletta doganale recante sul retro il timbro di conferma della dogana. Questo sistema è meno usato per motivi di riservatezza commerciale. Operazioni di esportazioni congiunte Intestatario della bolletta di esportazione sarà il prestatore del servizio che curerà le operazioni di esportazione. Trattandosi di esportazione congiunta, per il fornitore della materia prima la prova dell'avvenuta esportazione sarà data dal visto attestante l'uscita dal territorio della Comunità, apposto sulla fattura al momento dell'esportazione. SMARRIMENTO O MANCATO RECAPITO DELL'ESEMPLARE 3 DEL D.A.U. L'esemplare 3 del D.A.U. con il timbro della dogana apposto sul retro, costituisce la prova per eccellenza a dimostrazione dell'uscita delle merci dal territorio comunitario. Al riguardo alcune associazioni di categoria (tra le quali l'aice) in sede di tavolo di consultazione con l'agenzia delle Dogane avevano fatto presenti le difficoltà oggettive circa il ritorno del D.A.U. 3 munito del visto da parte dell'ufficio doganale di uscita soprattutto nei seguenti casi.

4 Esportazioni indirette in cui: * il trasporto delle merci sia effettuato dall'acquirente estero o per conto suo * nelle operazioni triangolari * nelle operazioni effettuate a groupage. Esportazioni dirette: * quando al trasporto provvede lo stesso cedente, ma questi non dà le opportune istruzioni al trasportatore. PROVE ALTERNATIVE Per ovviare a tali difficoltà, l'agenzia delle Dogane con Circolare 75/D dell'11 dicembre 2002 ha uniformato le procedure da seguire, nel pieno rispetto delle normative comunitarie e nazionali, per l'acquisizione dei visti doganali, stabilendo i documenti da presentare dai quali si possa desumere con fondatezza che la merce risulta effettivamente uscita dal territorio della Comunità. Mancata emissione della dichiarazione doganale di esportazione L'art. 795 del Reg. CEE 2454/93 dà la possibilità di emettere a posteriori una bolletta di esportazione nel caso in cui la merce sia uscita dal territorio comunitario senza che abbia fatto oggetto della prescritta dichiarazione comunitaria (D.A.U.). E' previsto che possano essere accettati con soddisfazione dagli uffici doganali documenti giustificativi riguardanti la prova dell'uscita dal territorio comunitario. Tale possibilità è prevista anche dalla normativa nazionale art. 346 del T.U.L.D. (Testo Unico Legge Doganale) che, in via generale, consente la prova dell'uscita delle merci dal territorio dell'ue per mezzo di attestazioni e certificazioni rilasciate dalla dogana o da altre pubbliche amministrazioni estere, ovvero per mezzo di idonei documenti di trasporto internazionale. RILASCIO DEL DUPLICATO DELL'ESEMPLARE 3 DEL D.A.U. Nel caso di smarrimento o mancato recapito del D.A.U., l'esportatore o il suo rappresentante può richiedere all'ufficio doganale presso cui sono state effettuate le operazioni di esportazione un duplicato con l'apposizione a posteriori del visto di uscita sulla base di documenti da presentare, secondo i casi, obbligatoriamente o "ad

5 adiuvandum". Tra i primi sono compresi: fattura commerciale; documento bancario attestante l'avvenuto pagamento della vendita all'estero; copia conforme del contratto unico di trasporto a destinazione di Paesi terzi per contratti effettuati via mare, per ferrovia, ecc. Tra i secondi: il CMR; attestazione di uscita della merce rilasciata dalla dogana nazionale di uscita; certificato di importazione rilasciato da autorità estere o attestazione di arrivo rilasciata da dogane o da altre autorità dello Stato estero di destinazione della merce; ogni altra documentazione commerciale o fiscale dalla quale si rilevino gli estremi della spedizione e l'arrivo a destino della merce. DICHIARAZIONE TELEMATICA Si ritiene opportuno richiamare l'attenzione degli operatori sul fatto che, allo stato attuale, il soggetto esportatore è ancora tenuto a conservare nella propria contabilità l'esemplare 3 della dichiarazione doganale vistata dalla autorità doganale. Pertanto il timbro ufficiale, apposto dall'amministrazione doganale, è sempre richiesto anche nel caso della stampa su foglio di carta bianca del predetto esemplare 3. Per concludere, l'apposizione del visto uscire è un adempimento espressamente attribuito all'autorità doganale competente qualunque sia il tipo o la modalità della operazione di esportazione svolta (domiciliata, ordinaria, cartacea o telematica). Crescenzo Cappuccilli Consigliere AICE - Associazione Italiana Commercio Estero Newsletter n. 32 (05/04/2007) - 05 aprile 2007

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Agenzia delle Dogane AREA GESTIONE TRIBUTI E RAPPORTO CON GLI UTENTI Circolare del 11/12/2002 n. 75 Oggetto: Regime dell'esportazione definitiva. Prova dell'uscita delle merci dal territorio doganale della

Dettagli

La funzione delle dogane sul territorio

La funzione delle dogane sul territorio La funzione delle dogane sul territorio Teramo, 12/11/2014 dr. Luigi Di Giacomo 1 Normativa doganale: Esportazioni Definitive Reg. Cee 2913/92: Codice Doganale Comunitario; Reg. Cee 2454/93: Disposizioni

Dettagli

Il Regolamento Ce 18 dicembre 2006 n. 1875 e la prova di avvenuta esportazione

Il Regolamento Ce 18 dicembre 2006 n. 1875 e la prova di avvenuta esportazione ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 3 18 GENNAIO 2008 Il Regolamento Ce 18 dicembre 2006 n. 1875 e la prova di avvenuta esportazione

Dettagli

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO:

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Roma, 18 febbraio 2009 Protocollo: 17619/RU Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Chiarimenti in merito all applicazione della deroga di cui all

Dettagli

Al Comando Generale della Guardia di Finanza Ufficio Operazioni Viale XXI Aprile, 51 00162 ROMA

Al Comando Generale della Guardia di Finanza Ufficio Operazioni Viale XXI Aprile, 51 00162 ROMA Circolare n. 75/D Protocollo: Rif.: 5998/IV/AGT Vs. Roma, 11 Dicembre 2002 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Allegati: 3 Alle Direzioni Circoscrizionali dell Agenzia delle Dogane

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

Sul sito dell Agenzia delle Dogane è stata pubblicata l' ISTANZA DI INTERPELLO PRODOTTA DAL SIG. XX IN TEMA DI COMPILAZIONE DEL DAU

Sul sito dell Agenzia delle Dogane è stata pubblicata l' ISTANZA DI INTERPELLO PRODOTTA DAL SIG. XX IN TEMA DI COMPILAZIONE DEL DAU Sul sito dell Agenzia delle Dogane è stata pubblicata l' ISTANZA DI INTERPELLO PRODOTTA DAL SIG. XX IN TEMA DI COMPILAZIONE DEL DAU La questione riguarda l operazione disciplinata all articolo 8, lettera

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/D. e p.c.

CIRCOLARE N. 16/D. e p.c. CIRCOLARE N. 16/D Roma, 11 maggio 2011 Protocollo: Rif.: Allegati: 26922 / RU Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali Agli Uffici delle Dogane Alle Sezioni Operative Territoriali e p.c.

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI CERTIFICATI DI ORIGINE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI CERTIFICATI DI ORIGINE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI CERTIFICATI DI ORIGINE Sommario: - 1- Norme di carattere generale. 2. Norme di carattere particolare. 3. Procedure richieste per le esportazioni in Egitto. 3.1. Norme di carattere

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Ministero delle Finanze Decreto Ministeriale del 24/12/1993 Titolo del provvedimento: Disciplina agli effetti dell'imposta sul valore aggiunto dei rapporti di scambio tra la Repubblica italiana e la Repubblica

Dettagli

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO Stefano Battaglia Stefano Carpaneto Umberto Terzuolo Torino, martedì 29 aprile 2014 Triangolazioni intracomunitarie Operazioni

Dettagli

ESPORTAZIONI. I beni ceduti all estero in virtù di contratti di appalto costituiscono esportazioni.

ESPORTAZIONI. I beni ceduti all estero in virtù di contratti di appalto costituiscono esportazioni. ESPORTAZIONI Frequentemente viene confusa l operazione triangolare con le cessioni a soggetti non residenti. Tenuto conto che la normativa IVA non è sempre allineata con la normativa doganale e i termini

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE 7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE Triangolazioni con intervento di soggetti nazionali UE ed extra UE 7. 7.1. INTRODUZIONE La globalizzazione dei mercati favorisce le

Dettagli

PROGETTO ANGELI ANTIBUROCRAZIA F.A.Q.

PROGETTO ANGELI ANTIBUROCRAZIA F.A.Q. Definizione e Utilità del Certificato di Origine F.A.Q. 1. Cosa si intende per Paese di origine della merce? Per Paese di origine della merce si intende il Paese nel quale la merce è stata interamente

Dettagli

IL MINISTRO DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO D.M. 24 novembre 1978 (1). Modalità per assicurare l'effettiva uscita dal territorio dello Stato delle armi destinate all'esportazione nonché per disciplinare l'esportazione temporanea, da parte di persone

Dettagli

semp mp ilf i i f cat ca a

semp mp ilf i i f cat ca a È il documento fondamentale per la certificazione delle operazioni commerciali e generalmente deve essere emessa dal soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione di servizio. Ha lo scopo

Dettagli

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E Prot. 94/2013 Milano, 23-05-2013 Circolare n. 50/2013 AREA: Circolari, Fiscale IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E L Agenzia delle Entrate fornisce i primi

Dettagli

LA RESA FRANCO FABBRICA

LA RESA FRANCO FABBRICA LA RESA FRANCO FABBRICA L illusione di poter vendere le proprie merci in ambito internazionale riducendo al minimo gli adempimenti a proprio carico si materializza con la stipulazione di contratti di fornitura

Dettagli

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013)

Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli. (nuove regole dal 1 agosto 2013) Documenti di accompagnamento dei prodotti vitivinicoli (nuove regole dal 1 agosto 2013) 1 Regolamento CE 314/2012 del 12/04/2012 (è una modifica del Reg. CE 436/2009 sui documenti di accompagnamento del

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Prot. n. 89 Roma, 19.01.2009 ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI Corso di Porta Romana, 108 20125 MILANO ASSOCIAZIONE LIBRAI ITALIANI Via Nizza, 22 00198 ROMA ASSOCIAZIONE NAZIONALE ITALIANA INDUSTRIE GRAFICHE,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 71/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 71/E QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 luglio 2014 OGGETTO: Istanza di interpello (art. 11, legge 27 luglio, n. 212). Chiarimenti in merito alla prova della fuoriuscita del bene dal

Dettagli

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA

LA NUOVA FATTURA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA e le altre modifiche alla disciplina dell IVA Art. 1, commi 324-335, Legge 24 dicembre 2012, n. 228 (recepimento direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010) a cura di Franco Ricca 1 Nazionalità della fattura

Dettagli

Presupposti imponibilità scambi comunitari

Presupposti imponibilità scambi comunitari Presupposti imponibilità scambi comunitari Presupposto Oggettivo: Onerosità dell operazione e acquisizione della proprietà o di altro diritto reale sul bene; Presupposto Soggettivo: gli operatori che intervengono

Dettagli

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 Milano, 2 gennaio 2013 NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 EMISSIONE FATTURE La legge di stabilità ha modificato

Dettagli

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA PREMESSA La Legge di stabilità 2013 (L. 228 del 24/12/2012, pubblicata in G. U. il 29/12/2012) ha modificato la disciplina IVA introducendo nuove regole in merito al contenuto della nuova fattura, alla

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

Vendite successive di merci: valore imponibile in dogana

Vendite successive di merci: valore imponibile in dogana Vendite successive di merci: valore imponibile in dogana La determinazione del valore imponibile in dogana costituisce la base per l'applicazione della tassazione riportata nelle tariffe doganali dei diversi

Dettagli

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 12/2007)

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 12/2007) OSSERVAZIONI ANIA SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO ISVAP IN MATERIA DI CERTIFICATO DI ASSICURAZIONE, CONTRASSEGNO E MODULO DI DENUNCIA DI SINISTRO DELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA DEI VEICOLI A MOTORE E DEI

Dettagli

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione

INFORMATIVA N. 1/2013. LEGGE DI STABILITA 2013 Novità in materia di fatturazione STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 8.1.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 1/2013 LEGGE

Dettagli

Comunicazione. Attivazione funzionale della prima fase del progetto AES

Comunicazione. Attivazione funzionale della prima fase del progetto AES Comunicazione Attivazione funzionale della prima fase del progetto AES Generalità Il progetto AES (Automated Export System), sul modello del progetto NCTS (New Computerized Transit System), attualmente

Dettagli

IVA e imposte indirette La disciplina doganale e IVA delle esportazioni dall Italia alla Svizzera: profili probatori e sanzionatori

IVA e imposte indirette La disciplina doganale e IVA delle esportazioni dall Italia alla Svizzera: profili probatori e sanzionatori IVA e imposte indirette La disciplina doganale e IVA delle esportazioni dall Italia alla Svizzera: profili probatori e sanzionatori 27 Mattia Piol Dottore in Giurisprudenza, Università di Ferrara Master

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

CARNET ATA - VADEMECUM PER L OPERATORE

CARNET ATA - VADEMECUM PER L OPERATORE CARNET ATA - VADEMECUM PER L OPERATORE Il Carnet A.T.A. è un documento doganale internazionale che consente di importare temporaneamente le merci destinate a fiere, mostre, ecc. (contemplate dai tre allegati

Dettagli

Per la consegna al fornitore è consentita la stampa della sola dichiarazione d'intento escludendo il quadro A "Plafond".

Per la consegna al fornitore è consentita la stampa della sola dichiarazione d'intento escludendo il quadro A Plafond. Introduzione Introduzione L'Agenzia delle Entrate con provvedimento del 12 dicembre 2014 ha approvato il modello di dichiarazione d'intento che gli esportatori abituali dovranno trasmettere all'amministrazione

Dettagli

BANDO D ESAMI I N F O R M A

BANDO D ESAMI I N F O R M A BANDO D ESAMI per il conseguimento dell idoneità professionale di autotrasportatore di merci per conto terzi e viaggiatori- ANNO 2016- Il Dirigente del Servizio: TRASPORTI della Provincia di Ascoli Piceno,

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013 L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Con la presente circolare informativa si intende trattare l ingresso della

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17.

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17. Lissone, 8 gennaio 2013 Circolare n 1 / 2013 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: Legge di stabilità 2013 Gentile Cliente, il Parlamento ha approvato il testo della Legge di Stabilità 2013 con la Legge

Dettagli

Esportazione. Tecniche degli scambi internazionali ESPORTAZIONE. Le esportazioni si possono distinguere tra:

Esportazione. Tecniche degli scambi internazionali ESPORTAZIONE. Le esportazioni si possono distinguere tra: Tecniche degli scambi internazionali Esportazione ESPORTAZIONE Le esportazioni si possono distinguere tra: 1. esportazioni dirette (art. 8 Comma 1 lettera a - DPR 633/72) 2. cessioni ad esportatori non

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione Circolare n. 1 del 4 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuovi obblighi di fatturazione... 2 2.1 Operazioni nei confronti di soggetti passivi

Dettagli

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013 LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali INDICE 1. LA PROVA DELLA CESSIONE INTRACOMUNITARIA SULLA EFFETTIVA MOVIMENTAZIONE DI BENI

Dettagli

Pesaro, lì 29 marzo 2013. CIRCOLARE n. 06/2013. 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali;

Pesaro, lì 29 marzo 2013. CIRCOLARE n. 06/2013. 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali; Pesaro, lì 29 marzo 2013 CIRCOLARE n. 06/2013 1- La prova delle cessioni Intraue; 2- L obbligo della PEC per le ditte individuali; 1 - LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE Le cessioni di beni intraue sono assoggettate

Dettagli

all esportazione e le operazioni assimilate

all esportazione e le operazioni assimilate Cessioni di beni all esportazione e le operazioni assimilate Marina di Massa, 22 marzo 2013 A cura di Luca Lavazza 1 Operazioni rientranti nella normativa IVA Operazioni imponibili Operazioni non imponibili

Dettagli

Deduzione spese e componenti negative di reddito per le oper...

Deduzione spese e componenti negative di reddito per le oper... Deduzione spese e componenti negative di reddito per le operazioni con Hong Kong Quale comportamento deve tenere l'imprenditore nazionale per dedurre i costi e le spese sostenute con imprese residenti/localizzate

Dettagli

LORO SEDI. e, per conoscenza: Alle Aree Centrali. Al SAISA SEDE

LORO SEDI. e, per conoscenza: Alle Aree Centrali. Al SAISA SEDE Roma, 21 luglio 2008 Protocollo: 3028 Rif.: Allegati: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e, per conoscenza: Agli Uffici di diretta collaborazione del

Dettagli

Fatturazione IVA: chiarimenti dall Agenzia. Circolare n.18/e del 24 giugno 2014

Fatturazione IVA: chiarimenti dall Agenzia. Circolare n.18/e del 24 giugno 2014 Fiscal Flash La notizia in breve N. 119 25.06.2014 Fatturazione IVA: chiarimenti dall Agenzia Circolare n.18/e del 24 giugno 2014 Categoria: IVA Sottocategoria: Fattura L Agenzia delle Entrate, dopo aver

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

Ballarè Sponghini e Associati

Ballarè Sponghini e Associati Ballarè Sponghini e Associati STUDIO COMMERCIALISTI E CONSULENTI TRIBUTARI Dott. Andrea Ballarè Dott. Fabio Sponghini Dott.ssa Claudia Balestra Rag. Enzo Manfredi Dott.ssa Emanuela Tarulli Dott. Marco

Dettagli

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) introduce numerose novità in materia

Dettagli

ART. 1 ART. 2 ART. 3

ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 1 1. È approvata la dell'imposta di bollo, di cui al decreto del Presidente Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e successive modificazioni, allegata al presente decreto. Essa sostituisce quella vigente

Dettagli

Oggetto: la prova dell avvenuta consegna dei beni in ambito UE

Oggetto: la prova dell avvenuta consegna dei beni in ambito UE Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini A tutti i sigg.ri Clienti Loro sedi Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Elisabetta Macchioni Dott.ssa Sara Saccani Dott. Fausto Braglia

Dettagli

TUTTE. e, per conoscenza: Alle Aree Centrali SEDE

TUTTE. e, per conoscenza: Alle Aree Centrali SEDE Roma, 3 maggio 2007 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Protocollo: 1434 Rif.: Allegati: 1 Agli Uffici delle Dogane Alle Circoscrizioni doganali Agli Uffici Tecnici di Finanza TUTTE e, per

Dettagli

CORSO IVA ESTERO. Pisa Maggio 2012

CORSO IVA ESTERO. Pisa Maggio 2012 CORSO IVA ESTERO Pisa Maggio 2012 Presupposti dell IVA I presupposti dell IVA (art. 1 DPR 633/1972) L imposta sul valore aggiunto si applica sulle cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate

Dettagli

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 Come noto, agli esportatori abituali è concessa la possibilità di acquistare / importare beni e servizi senza applicazione dell IVA nel limite del plafond

Dettagli

Roma, 14 novembre 2007

Roma, 14 novembre 2007 Roma, 14 novembre 2007 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane Protocollo: 6661 Rif.: Allegati: Agli Uffici delle Dogane Alle Circoscrizioni doganali Agli Uffici Tecnici di Finanza TUTTE e,

Dettagli

Intesa amministrativa sulla stampa dell elenco degli articoli nel sistema ECS. Distinta di carico al posto dell elenco degli articoli.

Intesa amministrativa sulla stampa dell elenco degli articoli nel sistema ECS. Distinta di carico al posto dell elenco degli articoli. Roma, 04/06/2010 Protocollo: R.U. 42248 Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni regionali e interregionali delle Dogane Loro Sedi Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi e, per conoscenza Alla Direzione centrale accertamenti

Dettagli

Documenti per esportazioni extra UE

Documenti per esportazioni extra UE Documenti per esportazioni extra UE TRASPORTI MARITTIMI Il trasporto marittimo Per trasporto marittimo si intende tutto quell'insieme di uomini, strumenti, idee e tecniche che consentono il trasporto di

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/D. Roma, 27 luglio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I. e, p.c.

CIRCOLARE N. 23/D. Roma, 27 luglio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I. e, p.c. CIRCOLARE N. 23/D Roma, 27 luglio 2007 Protocollo: 2192/IV/2007 Rif: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I Allegati: e, p.c. All Avvocatura Generale dello Stato Via dei Portoghesi,

Dettagli

(G.U. 3 febbraio 2004, n. 27) IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

(G.U. 3 febbraio 2004, n. 27) IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 gennaio 2004 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione in diversi tipi di (G.U. 3 febbraio 2004, n. 27) IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

LA FATTURAZIONE DELL OPERATORE SHIATSU

LA FATTURAZIONE DELL OPERATORE SHIATSU LA ZIONE DELL OPERATORE SHIATSU Le norme relative all emissione ed al contenuto delle fatture, per quanto concerne l attività svolta dall operatore shiatsu, sono sostanzialmente contenute nel D.P.R. 633/72

Dettagli

RIPRODUZIONE VIETATA

RIPRODUZIONE VIETATA AVVOCATI E COMMERCIALISTI ASSOCIATI Bari Bologna Brescia Cagliari Firenze Lecco Milano Padova Roma Torino http://www.lslex.com Circolare Monotematica Novità fatturazione 2013 Data: 11 gennaio 2013 Indice

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

LA FISCALITÀ DELL E - COMMERCE

LA FISCALITÀ DELL E - COMMERCE LA FISCALITÀ DELL E - COMMERCE LA FISCALITÀ DELL E-COMMERCE Cosa tratteremo: Intendiamoci sui termini Imposte dirette IVA INTENDIAMOCI SUI TERMINI Il commercio elettronico è un attività commerciale che

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/2 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

8.4.2004 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 104/59 Note esplicative 1. Regole generali 1.1. Il regolamento (CEE) n. 3911/92 del Consiglio, del 9 dicembre 1992, contempla il rilascio dell'autorizzazione

Dettagli

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO

Roma, 05 agosto 2008 QUESITO RISOLUZIONE N. 346/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 agosto 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 ALFA ITALIA S.p.A. Articolo 19 del

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PRATICANTI CHIEDE

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PRATICANTI CHIEDE MARCA DA BOLLO 14,62 16 EURO Spettabile Consiglio Provinciale dell Ordine dei Consulenti del Lavoro di Roma Via Cristoforo Colombo. 456 00145 ROMA DOMANDA DI ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PRATICANTI Il sottoscritto.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 19/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013

RISOLUZIONE N. 19/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013 RISOLUZIONE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 - Chiarimenti in merito alla prova dell avvenuta cessione intracomunitaria

Dettagli

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 17 gennaio 2013 Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio

Dettagli

COMUNICATO TOP URGENT. Oggetto: Iva 2010 Prestazione di servizi (modalità di fatturazione dei trasporti di merce).

COMUNICATO TOP URGENT. Oggetto: Iva 2010 Prestazione di servizi (modalità di fatturazione dei trasporti di merce). COMUNICATO TOP URGENT Oggetto: Iva 2010 Prestazione di servizi (modalità di fatturazione dei trasporti di merce). In attesa del recepimento nell ordinamento italiano delle modifiche apportate dalla direttiva

Dettagli

con sede in via Città Cap Prov Partita IVA Codice fiscale Cognome Nome Nato/a il codice fiscale Recapiti telefono Fax Cell e-mail @

con sede in via Città Cap Prov Partita IVA Codice fiscale Cognome Nome Nato/a il codice fiscale Recapiti telefono Fax Cell e-mail @ RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO (da compilare, sottoscrivere e inviare in originale a mezzo posta al CAF in Via Ontani 48, 36100 Vicenza, o a mezzo telefax al n. 0444-349 501 o via mail a vistoiva@cafinterregionale.it)

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 60/2013 MAGGIO/1/2013 (*) 2 Maggio 2013

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 60/2013 MAGGIO/1/2013 (*) 2 Maggio 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 60/2013 MAGGIO/1/2013 (*) 2 Maggio 2013 L AGENZIA DELLE ENTRATE, CON

Dettagli

ASPETTI DOGANALI DELLE OPERAZIONI INTERNAZIONALI

ASPETTI DOGANALI DELLE OPERAZIONI INTERNAZIONALI ASPETTI DOGANALI DELLE OPERAZIONI INTERNAZIONALI La presente pubblicazione ha l obiettivo di fornire indicazioni utili agli operatori in relazione alle principali criticità associate agli aspetti doganali

Dettagli

1 di 5 16/01/2015 17:53

1 di 5 16/01/2015 17:53 1 di 5 16/01/2015 17:53 Fattura elettronica e semplificata: le precisazioni dell'agenzia Pratica Fiscale e Professionale, 21 / 2013, p. 31 Chiarimenti della circolare 12/E Fattura elettronica e semplificata:

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE

LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Periodico quindicinale FE n. 18 29 dicembre 2012 ABSTRACT LE NUOVE REGOLE PER LA FATTURAZIONE Con la Direttiva 2010/45/UE, la Commissione Europea ha inteso semplificare le procedure di fatturazione e conservazione

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE

IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE Modello ANR/3 IDENTIFICAZIONE DIRETTA AI FINI IVA DI SOGGETTO NON RESIDENTE DICHIARAZIONE PER L IDENTIFICAZIONE DIRETTA, DI VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non

Dettagli

Documentazione illustrativa

Documentazione illustrativa Documentazione illustrativa 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEL SOFTWARE... 3 2.1 Tabelle per semplificare l inserimento dei dati... 3 2.2 Gestione delle bolle di importazione / esportazione...

Dettagli

Di seguito in sintesi le novità introdotte in materia di fatturazione e relativi adempimenti:

Di seguito in sintesi le novità introdotte in materia di fatturazione e relativi adempimenti: Consulenza aziendale consulenza settore turismo elaborazione dati contabili formazione del personale Roma, 12 Gennaio 2013 CIRCOLARE INFORMATIVA N 2 /2013 OGGETTO: LEGGE DI STABILITÀ 2013 NOVITÀ IN MATERIA

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL CERTIFICATO DI ORIGINE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL CERTIFICATO DI ORIGINE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL CERTIFICATO DI ORIGINE Una volta entrati nel sistema è necessario caricare la piattaforma con i fondi sufficienti per consentire l'invio telematico della pratica: nella

Dettagli

La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono

La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono La conservazione sostitutiva fatture elettroniche e documenti digitali è il sistema attraverso il quale professionisti, aziende e autonomi possono creare, emettere, gestire, archiviare e conservare fatture

Dettagli

Comune di Castel di Lucio Provincia di Messina

Comune di Castel di Lucio Provincia di Messina Comune di Castel di Lucio Provincia di Messina CARTA DI IDENTITÀ CARTACEA La carta di identità è rilasciata ai cittadini di età superiore ai 15 anni, ha validità di dieci anni dalla data di rilascio ed

Dettagli

ACCORDO PREFERENZIALE UE/COREA

ACCORDO PREFERENZIALE UE/COREA CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it ACCORDO PREFERENZIALE UE/COREA PROTOCOLLO

Dettagli

Buono Fruttifero Postale

Buono Fruttifero Postale Foglio Informativo delle principali caratteristiche dei Buoni Fruttiferi Postali a 3 anni e Regolamento del prestito Parte I - Informazioni sull'emittente e sul Collocatore Emittente: Cassa depositi e

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

Contributi per l'acquisto di autoambulanze e di beni strumentali

Contributi per l'acquisto di autoambulanze e di beni strumentali Via Battuti Rossi, 6/A 47121 Forlì Via dell Arrigoni, 308 47522 Cesena Contributi per l'acquisto di autoambulanze e di beni strumentali Sul sito internet del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

Circolare N.90 del 30 Maggio 2013

Circolare N.90 del 30 Maggio 2013 Circolare N.90 del 30 Maggio 2013 Ditte individuali già attive. Obbligo di deposito della PEC entro il 30 giugno 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, le imprese individuali

Dettagli

Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI. Alle Direzioni Centrali

Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI. Alle Direzioni Centrali Protocollo: Rif.: Allegati: n. 169792/RU Roma, 23.12.2009 Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dell Agenzia delle Dogane Agli Uffici delle Dogane Alle Direzioni Centrali LORO SEDI Agli Uffici di

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

REGOLAMENTO PROGRAMMA EDIZIONE 2015

REGOLAMENTO PROGRAMMA EDIZIONE 2015 REGOLAMENTO PROGRAMMA EDIZIONE 05 I. Cos'è volatorino Pass volatorino Pass è la carta servizi, di proprietà di SAGAT S.p.A., che dà diritto all accesso ai servizi esclusivi presso l Aeroporto di Torino.

Dettagli

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità

La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità La riqualificazione energetica delle scuole: prospettive, gestione, criticità IL FONDO ROTATIVO PER KYOTO PAGAMENTI E RENDICONTAZIONE Antonio Rattà, Roma 17 aprile 2015 Definizione E il processo di consuntivazione

Dettagli

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Studio Tributario e Societario Co-brand logo Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Dott.ssa Barbara Rossi Cessioni intracomunitarie Effettiva

Dettagli

7 febbraio 2014. Quesiti. pagina 1 di 27. Renato Portale dottore commercialista

7 febbraio 2014. Quesiti. pagina 1 di 27. Renato Portale dottore commercialista Quesiti pagina 1 di 27 Caso prospettato Un imprenditore va all'estero per eseguire dei lavori e sostiene spese per vitto. e alloggio. Gli viene emessa fattura con IVA per quelle UE e senza IVA per quelle

Dettagli

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat

Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat Operare con l estero: gli adempimenti doganali e Intrastat 29 aprile 6, 13, 14, 20, 22, 27 e 29 maggio 2010 Palazzo dei Contratti e delle Manifestazioni - Sala del Consiglio Via Petrarca, 10 Bergamo L

Dettagli