Digital Forensics Best Practices

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Digital Forensics Best Practices"

Transcript

1 Digital Forensics Best Practices Di 1

2 Definizione La Digital Forensics è la disciplina scientifica che serve per identificare, acquisire ed analizzare una prova digitale, preservandola da eventuali alterazioni. Scientifica: ripetibile (Galileo Galilei) è la modalità tipica con cui la scienza procede per raggiungere una conoscenza della realtà oggettiva, affidabile, verificabile e condivisibile. Esso consiste, da una parte, nella raccolta di evidenza empirica e misurabile attraverso l'osservazione e l'esperimento; dall'altra, nella formulazione di ipotesi e teorie da sottoporre nuovamente al vaglio dell'esperimento. Prova: deve garantire il suo uso in tribunale 2

3 La STORIA 1984 FBI Magnetic Media Program created... this later becomes the Computer Analysis and Response Team (CART) 1995 International Organization on Computer Evidence (IOCE) formed RFC3227 -Guidelines for Evidence Collection and Archiving (2002) USA Department of Justice -Searchingand SeizingComputers(2002) USA IACP -Best Practices for Seizing Electronic Evidence (2006) USA DoJ Electronic Crime Scene Investigation v. 2 (2008) UK ACPO Computer Based Evidence Guidelines v.4 (2008) - Association of Chief Police Officers (ACPO) guidelines Computer Forensics Tool Testing (CFTT) by NIST (National Institute of Standards and Technology) 3

4 La Storia British examiners comply with the Association of Chief Police Officers (A.C.P.O.) guidelines. These are made up of four principles as follows:- Principle 1: No action taken by law enforcement agencies or their agents should change data held on a computer or storage media which may subsequently be relied upon in court. Principle 2: In exceptional circumstances, where a person finds it necessary to access original data held on a computer or on storage media, that person must be competent to do so and be able to give evidence explaining the relevance and the implications of their actions. Principle 3: An audit trail or other record of all processes applied to computer based electronic evidence should be created and preserved. An independent third party should be able to examine those processes and achieve the same result. Principle 4: The person in charge of the investigation (the case officer) has overall responsibility for ensuring that the law and these principles are adhered to. 4

5 Definizione I campi d azione della Digital Forensics sono: 1) Indagini interne ad una azienda 2) Supporto alla Polizia Giudiziaria ed ai PM (CTU) 3) Supporto ai privati indagati (CTP) 4) Valutazione danni 5) Spionaggio 6) Frode 7) Pedopornografia 8) Violazione policy 9) Ricatto 10) Terrorismo 5

6 Le fasi principali sono 4: Definizione 1) Identificazione 2) Acquisizione 3) Analisi e valutazione 4) Presentazione 6

7 L identificazione ed acquisizione Sulla scena del crimine bisogna, innanzi tutto, identificare ogni dispositivo che possa contenere prove (digital evidences), per poi acquisirlo. 7

8 L identificazione ed acquisizione Attualmente i dispositivi digitali che possono contenere le prove sono tantissimi e spesso sono così, inseriti nel nostro habitat da non farci più caso. Esempi: 1) Computers 2) Memory cards 3) Nastri digitali 8

9 L identificazione ed acquisizione 5) SIM cards 6) Cd-DVD rom 7) Smart printers 8) Smart Fax 9) Lettori MP3/AVI 10) Playstation et similia 11) ecc. 9

10 L identificazione ed acquisizione 10

11 L identificazione ed acquisizione Al momento dell analisi della scena si dovrà capire cosa prendere per poi analizzarlo. Durante i sequestri si potrebbero ignorare o tralasciare alcuni dispositivi che potrebbero contenere informazioni preziose. 11

12 L identificazione ed acquisizione Non è detto che la prova, la cosidetta smoking gun sia sul computer di casa. Anzi potrebbe essere su un DVD con la copertina degli Aristogatti di Walt Disney 12

13 L identificazione ed acquisizione Nella fase di sequestro si potrebbero commettere degli errori. Questo perché la D.F. è ancora una scienza senza protocollo comune. Non ci si preoccupa della ripetibilità del metodo utilizzato 13

14 L identificazione ed acquisizione Non ci si preoccupa della preservazione della prova Non ci si preoccupa della catena di custodia e del corretto modo di presentare i risultati delle indagini informatiche (reporting) 14

15 L identificazione ed acquisizione La D.F. si divide in 2 branche la live analisys e la post mortem Ognuna di esse ha regole diverse, dato che la live è un analisi su un sistema acceso ed in funzione La post mortem è su un sistema spento 15

16 Sulla scena del crimine 16

17 Sulla scena del crimine EVITARE di: 1) Aver fretta. 2) Improvvisarsi esperti su sistemi sconosciuti. 3) Usare strumenti non collaudati e/o improvvisati. 4) Esprimere pareri personali, NOI siamo TECNICI non Avvocati o Psicologi. 5) Rilevare sempre il tempo e la data usando strumenti affidabili e attenzione al formato (GMT o UTC). 17

18 Sulla scena del crimine 18

19 Sulla scena del crimine 19

20 Sulla scena del crimine UFED Mobile Forensics CellDek 20

21 Sulla scena del crimine 21

22 Impacchettamento Conservazione del disco originale e creazione della catena di custodia, ossia seriale, hash, passaggi di mano, ecc. 22

23 MOBILE DEVICES PDA, Cell Phone & Digital Camera Personal digital assistants, cell phones e le digital cameras possono conservare dati direttamente nella memoria interna o possono contenere memorie rimovibili. Se il dispositivo è off, non metterlo in on. (in pratica non accenderlo!) 23

24 MOBILE DEVICES Lasciare accesi i mobile device serve ad evitare che all accensione si presentino password o altri blocchi. Se possibile, fotografare il display e le schermate. Etichettare e acquisire tutti i cavi (compresi quelli di alimentazione) e portarli insieme al dispositivo. Mantenere il dispositivo in carica. Se il dispositivo non può essere mantenuto in carica, l analisi deve essere fatta prima che si scarichi la batteria per collezzionare più dati possibili, che potrebbero andar persi dopo lo spegnimento e la riaccensione. Sequestrare media aggiuntivi (memory sticks, compact flash, etc) e tenerle lontano da fonti magnetiche o radio. Documentare ogni passo fatto. 24

25 Check this out! Usare i guanti elettrostatici. Fotografare e documentare tutte le fasi di acquisizione Utilizzare dischi affidabili. Consigliabile l utilizzare del write blocker hardware per proteggere i dischi sorgente Calcolare sempre il codice hash del disco sorgente e dei file interessanti Utilizzare buste elettrostatiche e impacchettare i dischi in contenitori anticaduta Analizzare i dispositivi in ambiente sicuro. Garantire la riservatezza, integrità e disponibilità dei dati trattati A fine incarico, ove possibile, non conservare i dati acquisiti. Di fronte ad un sistema non conosciuto non improvvisare ma prendere le opportune precauzioni con i giusti tempi. 25

26 Live Analysis Se sulla scena criminis l informazione si trova su un sistema acceso? Se il computer non può essere spento per motivi di sicurezza? (es. computer medicali, militari, videosorveglianza, ecc.) Se lo spegnimento del computer creasse danno anche a terzi? (es. server di posta elettronica, database server, ecc,) 26

27 Live Analysis Altri casi: Il disco è criptato Ciò che si cerca è in RAM L accesso al sistema è biometrico (impronta, retina, ecc.) Allora si esegue un analisi live del sistema: Uso di determinati tool Reporting di tutte le operazioni svolte Si procede seguendo l ordine di volatilità 27

28 Live Analysis Registri di sistema Memoria cache Memoria delle periferiche (es. tabelle di routing) Processi in esecuzione Dischi Dati di log remoto e dati di controllo rilevanti per il sistema in esame Configurazione fisica del sistema informatico Topologia della rete Floppy CD/DVD e supporti ottici 28

29 L identificazione ed acquisizione Non ci soffermeremo molto sulle regole dell analisi live perché è legata ad un evento in fieri ed è meno frequente RAM dump (win32dd, mdd, memimage, FTK Imager) Acquisition of volatile system information (processes, sysinternals, nirsoft, wft, ecc.) Logical copying of files Live acquisition of the entire system (FTK Imager, dd, ecc.) Si ricordino dei semplici principi: 29

30 L identificazione ed acquisizione 1) Non spegnere il sistema con la procedura di spegnimento 2) Non usare programmi della macchina sospetta 3) Dump della RAM (quando e se possibile) 4) Cercare di copiare i media bit a bit 5) Lanciare un programma di listing dei processi, utenti, insomma salvare tutte le informazioni di runtime 6) Scollegarlo dalla rete se non serve essere connessi 7) Documentare tutto quello che si sta facendo 8) Eseguire tutti i tools (esterni) di Live Analisys 9) Principio di inderterminazione di Heisenberg (gatto di Schroedinger) 30

31 Fonte: Each of these can be used independently or in conjunction with other methods depending on the scope of the search. Random Access Memory (RAM) dump A RAM dump copies data currently residing in the system memory. Recovering this data has several limitations that must be recognized. Ownership and related date and time information is not included and data may not be readable. When attempting to read the data, it may not appear in the same order as originally written and additional steps may be necessary to ensure that the data is in a format useful to the investigator. Data contained in the system s memory may include unsaved documents, recent chat sessions, user passwords, and other similar type information. Recovering data from the system s memory is done by utilizing a system level interface to raw memory tools such as dd or WinTaylor with the input file "/dev/mem" or \\.\PhysicalMemory (depending on your operating system). These tools can be run from the system or an external device. Whether run from the system or an external device, portions of the memory will be overwritten. The recovered data can be exported to an external storage device. Careful documentation of this procedure will ensure the integrity of the recovered data. 31

32 Fonte: Acquisition of volatile system information The base operating system and running applications in many cases keep volatile data, which is never stored on a physical drive. Additional information that may be obtained through a live acquisition includes: 1. Running processes a snapshot in time of what was running on the machine at the time. 2. Operating System Information - open files, active network ports, network connections including IP information, firewall configuration. 3. Unsaved data data that may not have been written to storage media or cached in RAM. 4. Shared network drives or folders knowledge of and access to data stored on networked drives, permissions. 5. Connected network users other users may have access to the data through a network share or logged into a remote shell. 32

33 Fonte: Logical acquisition of selected files This procedure is typically used on network systems to copy logical files to removable media. Before accessing files, ownership, security and related date and time information should be captured using tools that preserve this data. Copying can be accomplished through the use of forensic tools or system migration tools. There may be instances where data is successfully recovered although the data becomes useless due to dependencies on system hardware or software. A visual verification of the copied data should be conducted independent of the original source to ensure that no such dependencies exist. Many other considerations may exist depending on the system s hardware and software architecture. Software on a system will access files as it runs. Files in this state can be described as open or locked. In many situations this data is a primary target of the acquisition. Special steps may be required to access this data. For instance when encountering a database or application, typically a tool is available to backup or export all data from that application. In addition to exporting data, it may be beneficial to first logically copy files used by that application. Encrypted data from Encrypted File System (EFS) files, Bitlocker, encrypted disk images, Pretty Good Privacy (PGP), and other encryption software may not be recoverable if the system is shut down. As long as encrypted files, folders or disks are open, they may be in a readable state and acquired through a live acquisition. If the system is turned off, the encrypted files may not be accessible. 33

34 Fonte: Live Acquisition of Entire System Live acquisition of the entire system would include a ram dump, acquisition of volatile system information, and copying of logical files. Depending on the circumstances, it may be beneficial to image the volume(s) while the system is still running. It is recommended that the acquisition be conducted in this order. This should only be attempted if the option of shutting down and imaging the drive is unavailable. Many encrypted systems emulate a storage device (e.g., under Linux a block device similar to that used to access a hard drive). If the system has encrypted file systems mounted or attached, it might be possible to image at the decrypted layer (e.g.,"/dev/loop0" block device under Linux). Benefits There are many benefits to conducting a live acquisition. Additional data is captured that will not be available when conducting a static acquisition. The ability to capture data from a running system allows the system to continue serving its data. While the static acquisition of a system may be desired, the pros and cons of each method must be weighed to conform to the limitations encountered while conducting the search. 34

35 L identificazione ed acquisizione Analisi Post Mortem Il dispositivo è spento quindi è necessario acquisire tutti i dati presenti sul disco rigido in maniera raw o bit a bit. Così da avere un clone perfetto dell hard disk, compresi i files cancellati e lo slack space su un supporto esterno previamente sterilizzato (wiping) oppure un file immagine. Verificare tutto con i codici di hash MD5 e SHA1 35

36 La codifica HASH HASH -> Fonte: Wikipedia Nel linguaggio scientifico, l'hash è una funzione univoca operante in un solo senso (ossia, che non può essere invertita), atta alla trasformazione di un testo di lunghezza arbitraria in una stringa di lunghezza fissa, relativamente limitata. Tale stringa rappresenta una sorta di "impronta digitale" del testo in chiaro, e viene detta valore di hash, checksum crittografico o message digest. L(lenght)= X bits, 4 bits (nibble) sono una cifra Hex quindi X/4=numero cifrehex generate. MD5: L=128bits genera una stringa di 128/4=32 hex chars 36

37 Fonte: Wikipedia 37

38 La codifica HASH Fonte: Wikipedia Un attacco preimage su un hash è un tentativo di trovare un messaggio che abbia uno specifico valore hash. Ci sono due tipi di attacchi preimage: Primo attacco preimage: Dato un hash h, trovare un messaggio m tale che hash (m) = h. Secondo preimage attacco: Dato un messaggio fisso m1, Trovare un messaggio diverso m2 tale che hash (m2) = hash (m1). 38

39 La codifica HASH Fonte: Wikipedia Un attacco collisione su un hash è un tentativo di trovare due contenuti che generino lo stesso hash. hash(m1)=hash(m2) Differisce dal second preimage nel fatto che non c è un m1 preordinato. 39

40 La codifica HASH There are two categories of attacks. Attacks against the "collision-free" property: A "collision attack" allows an attacker to find two messages M1 and M2 that have the same hash value in fewer than 2^(L/2) attempts. Attacks against the "one-way" property: A "first-preimage attack" allows an attacker who knows a desired hash value to find a message that results in that value in fewer than 2^L attempts. A "second-preimage attack" allows an attacker who has a desired message M1 to find another message M2 that has the same hash value in fewer than 2^L attempts. The two preimage attacks are very similar. In a first-preimage attack, you know a hash value but not the message that created it, and you want to discover any message with the known hash value; in the second-preimage attack, you have a message and you want to find a second message that has the same hash. Attacks that can find one type of preimage can often find the other as well. All the currently known practical or almost-practical attacks on MD5 and SHA-1 are collision attacks. A preimaging attack that costs trillions of dollars and takes decades to preimage one desired hash value or one message is not practical; one that costs a few thousand dollars and takes a few weeks might be very practical. 40

41 L Analisi 1. L analisi va effettuata sempre sulle copie e MAI sull originale. 2. Si usino tools accettati de facto dalla comunità scientifica 3. Open Source Vs Closed Source 4. L esperienza e la fantasia 5. Il profiling 41

42 L Analisi Tutte le analisi e ricerche devono essere eseguite sulla copia (meglio se copia della copia) In ambiente virtuale (VMWare, Qemu, VirtualBox,ecc.) Questo per il fine della ripetibilità 42

43 L Analisi I tools possono essere commerciali o open source, l importante che siano accettati dalla comunità dei C.F. experts, al fine di fugare dubbi sull affidabilità dello strumento usato. In caso di sviluppo di strumenti nuovi, è utile fornire il codice sorgente. 43

44 L Analisi I tools commerciali potrebbero avere varie problematiche, come tutto ciò di cui non si conosce il sorgente: 1) Bugs 2) Formati troppo proprietari 3) Fine dello sviluppo del sw 44

45 L Analisi I tools Open Source hanno dei vantaggi indiscutibili: 1) Controllo dei Bugs da parte della community degli sviluppatori 2) Formati aperti e compatibili 3) Sorgenti aperti a tutti -> Si sa cosa fanno 45

46 L Analisi La scelta NON deve essere radicale, ci sono sw commerciali che fanno cose che gli open source non fanno e viceversa 46

47 47

48 Live distro Linux: 1. CAINE 2. DEFT 3. FORLEX 4. FCCU 5. HELIX L Analisi TOOLS OPEN SOURCE: 48

49 Write Blocker & Co. 49

50 Write Blocker & Co. 50

51 Write Blocker & Co. FONTE: I write-blocker sono di tre tipologie fondamentali: (a) Firmware based: orientati ad impiegare le primitive del BIOS ed a gestire la loro inibizione in qualsiasi tipo di scrittura; (b) Software o Driver based: sono software di basso livello (in ambiente windows dei driver) orientati ad intercettare qualsiasi interruzione hardware o software che diriga qualsiasi tipo di scrittura verso la memoria di massa considerata. In questo caso è quindi il sistema operativo ad impedire l'alterazione e non il BIOS. Sempre di conseguenza eventuali bug del sistema operativo hanno un immediato effetto sulla garanzia di funzionamento del write-blocker. (c) Hardware based: sono veri e propri dispositivi elettronici che "tagliano" il bus di comunicazione tra unità di storage fisica e scheda madre (generalmente) e si interpongono come intermediari valutando ed eventualmente inibendo tutto ciò che entra ed esce dal dispositivo target. 51

52 L Analisi TOOLS CLOSED SOURCE: Encase(GuidanceSoftware) ForensicToolkit (Access Data) X-WaysForensic(X-Ways) P2 Commander(Paraben Corporation) Pro Discover(TechnologyPathways) Macintosh Forensic(Blackbag) 52

53 L Analisi Non bastano solo i tools a scoprire le prove ci vuole anche: Esperienza Fantasia Arte Magia ;-) A volte le prove sono in posti introvabili, protette da password, dentro le immagini (steganografia), nelle thumbnails, in files con headers modificati, su server internet, ecc. ecc. 53

54 L Analisi PROFILING Per risparmiare tempo è utile dedicare un po di tempo a studiare il suspect ed il suo profilo psicologico.magari così basterà aprire la cartella IMMAGINI ed abbiamo la prova che cercavamo. Approcci Deduttivo: idea generale scendo nel particolare. (adattativo) Induttivo: dal particolare vado al generale (base statistica) 54

55 Reporting e Presentazione Dall acquisizione sino alla consegna delle prove il tutto deve essere documentato con i moduli della CATENA DI CUSTODIA (verbali), in modo da avere sempre la tracciabilità della prova. Alla fine dell analisi, bisognerà ricostruire gli eventi accaduti sul dispositivo analizzato e tutti i passi eseguiti per l analisi, per poi spiegarli nel report finale da consegnare a chi di competenza (PM, Avvocati, P.G., ecc.) [Premessa (riportante i quesiti e l incarico) Operazioni svolte Risposta ai quesiti Conclusioni] 55

56 Reporting e Presentazione Il report non deve essere scritto in linguaggio stregonesco informatico, ma deve essere il più semplice e chiaro possibile, per ovvie ragioni. Le prove vanno registrate su supporti ottici/magnetici e codificate con hash MD5, SHA1 e poi creare un file che contiene i codici che a sua volta dovrà essere criptato al fine di non dare la possibilità di alterare le prove con ri-masterizzazioni Personalmente firmo anche col pennarello i supporti consegnati 56

57 LA FORENSICS STATION Un computer abbastanza potente Hard disk esterni firewire/usb2/ata/sata Write blocker Software O.S. / C.S. Scheda di rete (alta velocità) Masterizzatore DVD 57

58 ACCERTAMENTI TECNICI RIPETIBILI E NON RIPETIBILI Accertamenti tecnici (fonte PREMESSA: E opportuno premettere che la dizione Accertamenti Tecnici Ripetibili non è contemplata nel c.p.p., si può però affermare che rientrano in questa categoria tutti quelli a cui fa riferimento l Art. 359 c.p.p. e cioè tutti gli accertamenti svolti dai consulenti Tecnici del P.M. ma con i limiti previsti dall Art. 360 c.p.p. la cui dizione Accertamenti Tecnici non Ripetibili impone precisi obblighi al P.M.. E ovvio pertanto che tutto quanto non rientra nelle disposizioni del predetto articolo 360 è chiaramente ripetibile. L Art. 359 c.p.p. (Consulenti tecnici del P.M.) prevede che il P.M., quando procede ad accertamenti, rilievi segnaletici, descrittivi o fotografici e ad ogni altra operazione tecnica per cui sono necessarie specifiche competenze, può nominare e avvalersi di consulenti, che non possono rifiutare la loro opera. Il consulente può essere autorizzato dal P.M. ad assistere a singoli atti di indagine. L Art. 360 c.p.p. (Accertamenti Tecnici Non Ripetibili) prevede che, quando gli accertamenti previsti dall artt. 359 riguardano persone, cose o luoghi il cui stato è soggetto a modificazione, il P.M. avvisa, senza ritardo, la persona sottoposta alle indagini, la persona offesa dal reato e i difensori del giorno, dell ora e del luogo fissati per il conferimento dell incarico e della facoltà di nominare consulenti tecnici. I difensori nonché i consulenti tecnici eventualmente nominati, hanno diritto di assistere al conferimento dell incarico, di partecipare agli accertamenti e di formulare osservazioni o riserve. 58

59 Cenni utili a comprendere la: Ratifica della Convenzione di Budapest Nuova legge sul Cybercrime Legge n. 48 del

60 Testo finale dell art. 247 Casi e forme delle perquisizioni. 1. Quando vi è fondato motivo di ritenere che taluno occulti sulla persona il corpo del reato o cose pertinenti al reato, è disposta perquisizione personale. Quando vi è fondato motivo di ritenere che tali cose si trovino in un determinato luogo ovvero che in esso possa eseguirsi l'arresto dell'imputato o dell'evaso, è disposta perquisizione locale. 1-bis. Quando vi e` fondato motivo di ritenere che dati, informazioni, programmi informatici o tracce comunque pertinenti al reato si trovino in un sistema informatico o telematico, ancorché protetto da misure di sicurezza, ne e` disposta la perquisizione, adottando misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e ad impedirne l alterazione. 2. La perquisizione è disposta con decreto motivato. 3. L'autorità giudiziaria può procedere personalmente ovvero disporre che l'atto sia compiuto da ufficiali di polizia giudiziaria delegati con lo stesso decreto. 60

61 Testo finale - Art. 244 cpp Casi e forme delle ispezioni. 1. L'ispezione delle persone, dei luoghi e delle cose è disposta con decreto motivato quando occorre accertare le tracce e gli altri effetti materiali del reato. 2. Se il reato non ha lasciato tracce o effetti materiali, o se questi sono scomparsi o sono stati cancellati o dispersi, alterati o rimossi, l'autorità giudiziaria descrive lo stato attuale e, in quanto possibile, verifica quello preesistente, curando anche di individuare modo, tempo e cause delle eventuali modificazioni. L'autorità giudiziaria può disporre rilievi segnaletici, descrittivi e fotografici e ogni altra operazione tecnica, anche in relazione a sistemi informatici o telematici, adottando misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e ad impedirne l alterazione. 61

62 Ispezione ex art 246 cpp e ss. Il computer, e non solo quello ovviamente, può assumere la veste di mero contenitore della prova del crimine, ad esempio può immagazzinare il piano di una rapina o le mail intercorse tra i complici. In tal caso non sarà necessaria un azione di sequestro, ma potrà essere operata in contraddittorio una semplice masterizzazione delle tracce pertinenti al reato, con lo strumento di polizia giudiziaria più appropriato, come ad esempio un ispezione delegata ex art. 246 cpp. 62

63 Links interessanti: (CAINE) (ENCASE) (UTK) (PRODISCOVER) (HELIX) (X-Ways) 63

64 Varie 1. Carving da Thumbs.db con foremost e DMThumbs 2. Carving con HexEditor 3. Carving immagine iso 4. Usi di Tridnet per identificare i files, file (linux) e ftype windows 5. Eliminazione header e upx 6. Steganografia 7. Caine in VMWare e VirtualBox, navigazione da VMWare o da Live disk, non lascia traccia 8. Autopsy in cygwin 9. UPX, AXCrypt, cambio headers 10. Entropia per formati sconosciuti 11. Intercettazione Voip (Skype) con trojan 12. DD, DD_Rescue (md5 diverso) e clonazione (stessa geometria dischi) 13. Casi di irrepitibilità (360 c.p.p.) flussi di rete, live analisys, dischi rovinati, dischi con virus, supporti obsoleti e strani. 14. Photorec e Testdisk 15. Rainbow tables, collisione MD5 64

65 Operatività CHECKLIST 1) Controllare se i PC sono accesi. 1.1) Verificare che non vi siano volumi criptati (in caso affermativo chiedere passwords e/o analizzare live). 1.2) Spegnerli col distacco dell'alimentazione. 2) I PC spenti si sequestrano: perchè serve avere il PC per leggere orario BIOS ed eventualmente capirne l architettura degli hard disk (es. se sono RAID). 3) Domandare: 3.1) Ci sono altri dati su altri supporti oltre i PC (es. cd-rom, pendrive, hd esterni), backup (196/03) ) In caso affermativo sequestrare. 3.2) Chiedere eventuali passwords e/o buste con le passwords come da D.Lgs. 196/ ) Ci sono software proprietari che usano per l'elaborazione dati? 3.4) Ci sono connessioni internet per trasmissioni dei dati che ci interessano? 3.4.1) In caso affermativo c'è connessione dedicata? (oppure chiedere il provider es. Wind, Telecom, ecc. e relative password ed username) 3.4.2) Ci sono software proprietari di trasmissione? 3.4.3) Ci sono dati memorizzati su host remoti? 65

66 Operatività 3.5) Ci sono Fax/Stampanti con memoria? 3.5.1In caso affermativo sequestrare o vedere in loco. 4) Domandare fattura, documentazione varia per capire la tipologia degli hard disk. 5) In caso di mancanza di risposte sulla tipologia degli hard disk: 5.1) Spiegare che si andrà ad aprire per motivi tecnici: capire la capienza e la tipologia degli hard disk. 5.2) Indossare i guanti in lattice (per elettricita statica/non lasciare impronte), scaricarsi da possibile elettricità elettrostatica, aprire il case, leggere l'etichette dei dischi ed eventualmente fotografare/videoregistrare tutto. 5.3) Spiegare che non si sta alterando alcun dato ma solo leggendo delle etichette. 6) Imballare tutto e portare via. 7) Fissare una data per l'acquisizione (duplicazione) dei supporti. Questa lista è di massima e sarebbe utile controllarla edaggiornarla a seconda del caso che si andrà ad affrontare. 66

Digital forensics L ANALISI

Digital forensics L ANALISI Digital forensics È la tipologia di computer forensics che viene effettuata sul supporto da analizzare quando il dispositivo è SPENTO, è dunque necessario acquisire i dati in maniera raw o bit a bit in

Dettagli

Open Source Digital Forensics. Nanni Bassetti http://www.nannibassetti.com

Open Source Digital Forensics. Nanni Bassetti http://www.nannibassetti.com Open Source Digital Forensics Di www.nannibassetti.com 1 Chi sono Mi occupo di digital forensics dal 2005/2006, project manager di CAINE (distro usata in tutto il mondo) Fondatore di CFI (Computer Forensics

Dettagli

LE BASI TECNICHE DELLE INVESTIGAZIONI DIGITALI. Università degli Studi di Milano 23 Novembre 2012 Mattia Epifani mattia.epifani@digital-forensics.

LE BASI TECNICHE DELLE INVESTIGAZIONI DIGITALI. Università degli Studi di Milano 23 Novembre 2012 Mattia Epifani mattia.epifani@digital-forensics. LE BASI TECNICHE DELLE INVESTIGAZINI DIGITALI Università degli Studi di Milano 23 Novembre 2012 Mattia Epifani mattia.epifani@digital-forensics.it Digital Forensics La Digital Forensics (Informatica Forense)

Dettagli

LE BASI TECNICHE DELLE INVESTIGAZIONI DIGITALI. Università degli Studi di Milano 23 Novembre 2012 Mattia Epifani mattia.epifani@digital-forensics.

LE BASI TECNICHE DELLE INVESTIGAZIONI DIGITALI. Università degli Studi di Milano 23 Novembre 2012 Mattia Epifani mattia.epifani@digital-forensics. LE BASI TECNICHE DELLE INVESTIGAZINI DIGITALI Università degli Studi di Milano 23 Novembre 2012 Mattia Epifani mattia.epifani@digital-forensics.it Digital Forensics La Digital Forensics (Informatica Forense)

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

Modalità di intervento del Consulente Tecnico

Modalità di intervento del Consulente Tecnico Modalità di intervento del Consulente Tecnico Osservatorio CSIG di Reggio Calabria Corso di Alta Formazione in Diritto dell'informatica IV edizione 1 Il consulente tecnico Il Consulente Tecnico può raccogliere

Dettagli

Sommario. Tesina di Sicurezza su reti EnCase di Artuso Tullio, Carabetta Domenico, De Maio Giovanni. Computer Forensic (1) Computer Forensic (2)

Sommario. Tesina di Sicurezza su reti EnCase di Artuso Tullio, Carabetta Domenico, De Maio Giovanni. Computer Forensic (1) Computer Forensic (2) Sommario Tesina di Sicurezza su reti di Artuso Tullio, Carabetta Domenico, De Maio Giovanni Computer Forensic Capisaldi per una corretta analisi Overview Preview Acquisizione di prove Eliminazione sicura

Dettagli

DEFT Linux. Soluzioni al servizio dell operatore informatico forense

DEFT Linux. Soluzioni al servizio dell operatore informatico forense DEFT Linux Soluzioni al servizio dell operatore informatico forense Dott. Stefano Fratepietro stefano@deftlinux.net Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Roma, 23 gennaio - ICAA 2010 Computer

Dettagli

Le fasi del sequestro

Le fasi del sequestro Le fasi del sequestro Dr. Stefano Fratepietro stefano@yourside.it Contenuti Individuazione il sequestro problematiche frequenti Acquisizione Tecnologie più diffuse Blocker hardware Strumenti software Algoritmi

Dettagli

02/10/2010 ABILITA INFORMATICHE E TELEMATICHE. Introduzione. Excursus Normativo. Digital Forensics (A.A. 2010-2011)

02/10/2010 ABILITA INFORMATICHE E TELEMATICHE. Introduzione. Excursus Normativo. Digital Forensics (A.A. 2010-2011) ABILITA INFORMATICHE E TELEMATICHE Digital Forensics (A.A. 2010-2011) 1 Introduzione La ICT ha pervaso così tanto la Società attuale da produrre significativi impatti a livello economico, sociologico e

Dettagli

Open Source e Computer Forensics Strumenti open source per indagini ad alto livello ma anche per il recupero dei dati perduti

Open Source e Computer Forensics Strumenti open source per indagini ad alto livello ma anche per il recupero dei dati perduti Open Source e Computer Forensics Strumenti open source per indagini ad alto livello ma anche per il recupero dei dati perduti Paolo Giardini Direttore OPSI Osservatorio Privacy e Sicurezza Informatica

Dettagli

Live Forensics. Fabio Fulgido Gaetano Rocco Mario Fiore Vitale

Live Forensics. Fabio Fulgido Gaetano Rocco Mario Fiore Vitale Live Forensics Fabio Fulgido Gaetano Rocco Mario Fiore Vitale Sommario Computer Forensics Metodologie forensi Live forensics Distribuzioni DEFT Helix CAINE Analisi Forense dei dati volatili Tipologie di

Dettagli

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID 1. Guida all installazione degli Hard Disk SATA...2 1.1 Installazione di Hard disk Serial ATA (SATA)...2 1.2 Creare un dischetto

Dettagli

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID 1. Guida all installazione degli Hard Disk SATA... 2 1.1 Installazione di Hard disk Serial ATA (SATA)... 2 1.2 Creare un dischetto

Dettagli

International Information System Forensics Association Italy Chapter. Information Forensics nel nuovo panorama tecnico e normativo italiano

International Information System Forensics Association Italy Chapter. Information Forensics nel nuovo panorama tecnico e normativo italiano International Information System Forensics Association Italy Chapter Information Forensics nel nuovo panorama Slide di: Gerardo Costabile IISFA CIFI ISACA CGEIT e Giuseppe Mazzaraco IISFA CIFI ACFE CFE

Dettagli

Computer Forensics nel nuovo panorama tecnico investigativo italiano

Computer Forensics nel nuovo panorama tecnico investigativo italiano Computer Forensics nel nuovo panorama tecnico investigativo italiano a cura di Massimiliano Graziani CIFI CFE ACE OPSA Board of Directors IISFA Italian Chapter Senior Security Consultant Visiant Security

Dettagli

DEFT Linux. Sviluppare una distribuzione libera per le investigazioni digitali

DEFT Linux. Sviluppare una distribuzione libera per le investigazioni digitali DEFT Linux Sviluppare una distribuzione libera per le investigazioni digitali Dott. Stefano Fratepietro stefano@deftlinux.net Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Milano, 11 marzo 2010

Dettagli

L ultima versione rilasciata è a pagamento. Il caricamento del CD su un sistema Windows consente di avere a disposizione un ampio campionario di

L ultima versione rilasciata è a pagamento. Il caricamento del CD su un sistema Windows consente di avere a disposizione un ampio campionario di Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Helix Helix3 è un LiveCD basato su Linux per l Incident Response, l aquisizione dei dischi e dei dati volatili, la ricerca della cronologia di internet e

Dettagli

Strumenti e Metodi della Computer Forensics

Strumenti e Metodi della Computer Forensics Strumenti e Metodi della Computer Forensics N. Bassetti Abstract. Descriveremo i metodi e gli strumenti usati nella disciplina della digital forensics. Il focus è sul metodo scientifico e le abilità necessarie

Dettagli

LA COMPUTER FORENSICS IN CAMERA BIANCA C.F. 2014/2015 ( RECOVERY DATA FROM CHIP E MOBILE FORENSICS)

LA COMPUTER FORENSICS IN CAMERA BIANCA C.F. 2014/2015 ( RECOVERY DATA FROM CHIP E MOBILE FORENSICS) LA COMPUTER FORENSICS IN CAMERA BIANCA C.F. 2014/2015 ( RECOVERY DATA FROM CHIP E MOBILE FORENSICS) Relatori e consulenti esterni: Mr FONTANAROSA Giuseppe Contractor e Founder RDI RECUPERO DATI ITALIA

Dettagli

Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla

Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla 1. Which are three reasons a company may choose Linux over Windows as an operating system? (Choose three.)? a) It

Dettagli

Printer Driver. Prima di procedere con l utilizzo del driver stampante, leggere il file Readme. Prima dell utilizzo del software 4-152-267-42(1)

Printer Driver. Prima di procedere con l utilizzo del driver stampante, leggere il file Readme. Prima dell utilizzo del software 4-152-267-42(1) 4-152-267-42(1) Printer Driver Guida per l installazione Questa guida descrive l installazione del driver stampante per Windows 7, Windows Vista, Windows XP e. Prima dell utilizzo del software Prima di

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA EOGHAN CASEY COMPUTER FORENSICS WORKSHOP NETWORK FORENSICS WORKSHOP ROMA 13-15 GIUGNO 2011 ROMA 16-17 GIUGNO 2011

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA EOGHAN CASEY COMPUTER FORENSICS WORKSHOP NETWORK FORENSICS WORKSHOP ROMA 13-15 GIUGNO 2011 ROMA 16-17 GIUGNO 2011 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA EOGHAN CASEY COMPUTER FORENSICS NETWORK FORENSICS ROMA 13-15 GIUGNO 2011 ROMA 16-17 GIUGNO 2011 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 info@technologytransfer.it

Dettagli

Investigare nel personal computer: le best pratices di digital forensics e la registrazione sonora e visiva degli eventi

Investigare nel personal computer: le best pratices di digital forensics e la registrazione sonora e visiva degli eventi SEMINARIO CORSO DI INFORMATICA GIURIDICA PROF. GIOVANNI ZICCARDI A.A. 2013-2014 Investigare nel personal computer: le best pratices di digital forensics e la registrazione sonora e visiva degli eventi

Dettagli

Computer Forensics Milano Università degli Studi Milano - Bicocca

Computer Forensics Milano Università degli Studi Milano - Bicocca Giuseppe Vaciago Computer Forensics Milano Università degli Studi Milano - Bicocca Mail: giuseppe.vaciago@studiovaciago.it Blog: htp://infogiuridica.blogspot.com COMPUTER FORENSICS Avv. Giuseppe Vaciago

Dettagli

Il recupero delle informazioni cancellate o nascoste

Il recupero delle informazioni cancellate o nascoste Il recupero delle informazioni cancellate o nascoste Avv. Edoardo E. Artese Dott. Fabio P. Prolo STUDIO LEGALE FERRARI ARTESE, Via Fontana 2, Milano info@fa-lex.com IL RECUPERO DEI FILE CANCELLATI Perché

Dettagli

Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Elettronica

Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Elettronica Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Elettronica Analisi e Recupero Dati da Hard Disk in ambito Forense e studio delle metodologie con strumenti Hardware e Software Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Mobile Forensics. Sistemi Radiomobili GSM ed. IISFA Forum 2009 Bologna, 8 maggio 2009 Magg. CC Ing. Marco Mattiucci

Mobile Forensics. Sistemi Radiomobili GSM ed. IISFA Forum 2009 Bologna, 8 maggio 2009 Magg. CC Ing. Marco Mattiucci IISFA Forum 2009 Mobile Forensics Mobile Forensics Repertamento ed Analisi di Sistemi Radiomobili GSM ed UMTS: la ripetibilità. IISFA Forum 2009 Bologna, 8 maggio 2009 Magg. CC Ing. Marco Mattiucci Mobile

Dettagli

Le virtual machine e la memoria virtuale

Le virtual machine e la memoria virtuale Le virtual machine e la memoria virtuale Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento Patterson 5: 5.6, 5.7. 1/29

Dettagli

Dall acquisizione del materiale alla formazione della prova informatica

Dall acquisizione del materiale alla formazione della prova informatica Dall acquisizione del materiale alla formazione della prova informatica Cosimo Anglano Centro Studi sulla Criminalita Informatica & Dipartimento di Informatica Universita del Piemonte Orientale, Alessandria

Dettagli

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID 1. Guida all installazione degli Hard Disk SATA... 2 1.1 Installazione di Hard disk Serial ATA (SATA)... 2 2. Guida alla configurazione

Dettagli

INSTALLARE PALLADIO USB DATA CABLE IN WINDOWS XP/ME/2000/98

INSTALLARE PALLADIO USB DATA CABLE IN WINDOWS XP/ME/2000/98 rev. 1.0-02/2002 Palladio USB Data Cable INSTALLARE PALLADIO USB DATA CABLE IN WINDOWS XP/ME/2000/98 (tutti i KIT, escluso KIT MOTOROLA V6x-T280) La procedura di installazione del Palladio USB Data Cable

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

Indice generale. Introduzione. Capitolo 1 Panoramica generale... 1. Capitolo 2 Il panorama giuridico italiano... 7

Indice generale. Introduzione. Capitolo 1 Panoramica generale... 1. Capitolo 2 Il panorama giuridico italiano... 7 Introduzione Ringraziamenti...xv...xix Capitolo 1 Panoramica generale... 1 Che cos è la Computer Forensics?... 1 Applicazioni della Computer Forensics... 3 Una metodologia forense... 4 Una filosofia di

Dettagli

Arma dei Carabinieri Raggruppamento CC Investigazioni Scientifiche Reparto Tecnologie Informatiche

Arma dei Carabinieri Raggruppamento CC Investigazioni Scientifiche Reparto Tecnologie Informatiche Arma dei Carabinieri Raggruppamento CC Investigazioni Scientifiche Reparto Tecnologie Informatiche LA SICUREZZA CHE VERRA : scenari futuri e tecnologie emergenti Conferenza Roma, 28 giugno 2012 Sala Conferenze

Dettagli

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante CONOSCENZE DI INFORMATICA 1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante 2) Una memoria in sola lettura con la particolarità di essere cancellata in particolari condizioni è detta:

Dettagli

ANALISI FORENSE. irecovery_analisi_forence.indd 1 21/01/14 17:48

ANALISI FORENSE. irecovery_analisi_forence.indd 1 21/01/14 17:48 ANALISI FORENSE irecovery_analisi_forence.indd 1 21/01/14 17:48 COSA è L informatica forense è la scienza che studia l individuazione, la conservazione, la protezione, l estrazione, la documentazione,

Dettagli

Co o Fo z on - Mo ulo A nz o f l g l. 05 ong T S o g. G n l on z on o l o u n o g l. o 9. - 8. An D C l. A olo Vi P n no, 9 - il no

Co o Fo z on - Mo ulo A nz o f l g l. 05 ong T S o g. G n l on z on o l o u n o g l. o 9. - 8. An D C l. A olo Vi P n no, 9 - il no Co o Fo z on - Mo ulo A nz o f l g l 05 ong T S o g o 9. - 8. A olo Vi P n no, 9 - il no G n l on z on o l o u n o g l An D C l Indice dell intervento Analisi del problema Tipi di tecnologie possibili

Dettagli

COMPUTER FORENSICS ELEMENTI BASE E METODOLOGIA DI INVESTIGAZIONE DIGITALE. Roberto Obialero GCFA, GCFW, SSP-GHD

COMPUTER FORENSICS ELEMENTI BASE E METODOLOGIA DI INVESTIGAZIONE DIGITALE. Roberto Obialero GCFA, GCFW, SSP-GHD COMPUTER FORENSICS ELEMENTI BASE E METODOLOGIA DI INVESTIGAZIONE DIGITALE Roberto Obialero GCFA, GCFW, SSP-GHD 1 SANS Institute Sysadmin, Audit, Network & Security Organizzazione americana fondata nel

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 2 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it LE MEMORIE - 1 MEMORIA CENTRALE (O PRINCIPALE) Da questa memoria l unità centrale estrae i dati che servono per eseguire i programmi

Dettagli

LaCie d2 Network 2. Server professionale per storage Gigabit Ethernet USB 2.0 1 TB. Accesso rapido al NAS - Elevate performance fino a 68 MB/s*

LaCie d2 Network 2. Server professionale per storage Gigabit Ethernet USB 2.0 1 TB. Accesso rapido al NAS - Elevate performance fino a 68 MB/s* LaCie d2 Network 2 Server professionale per storage Gigabit Ethernet USB 2.0 1 TB Accesso rapido al NAS - Elevate performance fino a 68 MB/s* Soluzione completa di backup per la massima integrità dei dati

Dettagli

DI NECESSITÀ, VIRTÙ : APPUNTI PER UNA STRATEGIA GLOBALE AL CONTRASTO DEL CYBERCRIME. L ESPERIENZA DEL POOL REATI INFORMATICI DELLA PROCURA DI MILANO

DI NECESSITÀ, VIRTÙ : APPUNTI PER UNA STRATEGIA GLOBALE AL CONTRASTO DEL CYBERCRIME. L ESPERIENZA DEL POOL REATI INFORMATICI DELLA PROCURA DI MILANO MESSAGGIO DEL PRESIDENTE DI IISFA ITALIA...XIII INTRODUZIONE... XVII CAPITOLO PRIMO DI NECESSITÀ, VIRTÙ : APPUNTI PER UNA STRATEGIA GLOBALE AL CONTRASTO DEL CYBERCRIME. L ESPERIENZA DEL POOL REATI INFORMATICI

Dettagli

DIVISIONE DIGITAL & MOBILE FORENSICS. www.pp-analisiforense.it

DIVISIONE DIGITAL & MOBILE FORENSICS. www.pp-analisiforense.it DIVISIONE DIGITAL & MOBILE FORENSICS www.pp-analisiforense.it FEDERAZIONE ITALIANA ISTITUTI INVESTIGAZIONI - INFORMAZIONI - SICUREZZA ASSOCIATO: FEDERPOL Divisione Digital & Mobile Forensics www.pp-analisiforense.it

Dettagli

Selective File Dumper Un utile strumento Open Source di computer forensics e data recovery.

Selective File Dumper Un utile strumento Open Source di computer forensics e data recovery. Selective File Dumper Un utile strumento Open Source di computer forensics e data recovery. Da un'indagine informatica nasce l'idea di un tool interattivo per il recupero dei files selezionati per estensione.

Dettagli

Hard Disk Drive Duplicator Dock USB 3.0 to SATA HDD Duplicator. StarTech ID: SATDOCK22RU3

Hard Disk Drive Duplicator Dock USB 3.0 to SATA HDD Duplicator. StarTech ID: SATDOCK22RU3 Hard Disk Drive Duplicator Dock USB 3.0 to SATA HDD Duplicator StarTech ID: SATDOCK22RU3 The SATDOCK22RU3 USB 3.0 to SATA Hard Drive Duplicator Dock can be used as a standalone SATA hard drive duplicator,

Dettagli

DFA Open Day 2014. DEFT come strumento di Incident Response. Paolo Dal Checco. 5 giugno 2014, Università degli Studi di Milano

DFA Open Day 2014. DEFT come strumento di Incident Response. Paolo Dal Checco. 5 giugno 2014, Università degli Studi di Milano DFA Open Day 2014! DEFT come strumento di Incident Response! Paolo Dal Checco 5 giugno 2014, Università degli Studi di Milano Incidente Informatico RFC 2350: Expectations for Computer Security Incident

Dettagli

Informatica - A.A. 2010/11

Informatica - A.A. 2010/11 Ripasso lezione precedente Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea in Tutela e benessere animale Corso Integrato: Matematica, Statistica e Informatica Modulo: Informatica Esercizio: Convertire

Dettagli

KEVIN CARDWELL. Certification ROMA 15-19 GIUGNO 2009 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37

KEVIN CARDWELL. Certification ROMA 15-19 GIUGNO 2009 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA KEVIN CARDWELL Q/FE (Qualified Forensic Expert) Certification ROMA 15-19 GIUGNO 2009 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale)

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tipologie di memoria: Elettroniche Magnetiche Ottiche La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tempo di accesso:

Dettagli

gli smartphone come digital evidence

gli smartphone come digital evidence Dalla computer forensics alla mobile forensics: gli smartphone come digital evidence Security Summit 14 Marzo 2013 Marco Scarito Cosa vedremo Definizione di Digital Forensics e Digital Evidence Identificazione

Dettagli

CAS in Digital Forensics

CAS in Digital Forensics CAS in Digital Forensics Dossier Contenuti Versione: venerdì, 23. novembre 2012 Resposnabile: Ing. Alessandro Trivilini +4158 666 65 89 I contenuti di questo documento potrebbero subire delle modifiche

Dettagli

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID 1. Guida all installazione degli Hard Disk SATA...2 1.1 Installazione di Hard disk Serial ATA (SATA)...2 2. Guida alla configurazione

Dettagli

sdforexcontest2009 Tool

sdforexcontest2009 Tool sdforexcontest2009 Tool Guida all istallazione e rimozione. Per scaricare il tool del campionato occorre visitare il sito dell organizzatore http://www.sdstudiodainesi.com e selezionare il link ForexContest

Dettagli

Le virtual machine e la memoria virtuale

Le virtual machine e la memoria virtuale Le virtual machine e la memoria virtuale Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento Patterson 5: 5.6, 5.7. 1/30

Dettagli

Con questo termine si individuano tutti i componenti fisici dei sistemi informatici. Tutto quello che si può toccare è hardware.

Con questo termine si individuano tutti i componenti fisici dei sistemi informatici. Tutto quello che si può toccare è hardware. 2008-10-28 - pagina 1 di 7 Informatica (Informazione Automatica) memorizzare elaborazione trasmissione (telematica) Complessità operazione testo audio immagini video realtà virtuale memorizzare 1 10 100

Dettagli

Procura di Milano Pool Reati Informatici

Procura di Milano Pool Reati Informatici Procura di Milano Pool Reati Informatici Aspetti legali della Gestione del Rischio: Milano, 15 ottobre 2013 Chi siamo Il Pool Reati Informatici è un unità di lavoro altamente specializzata funzionale al

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

Elementi probatori negli illeciti

Elementi probatori negli illeciti Elementi probatori negli illeciti StarHotel Splendido Milano 4/10/05 Centro di formazione Percorsi SpA Roma 25/10/05 Andrea Ghirardini 10 anni di esperienza nel campo della sicurezza informatica 5 anni

Dettagli

COMPUTER FORENSICS FAI DA TE

COMPUTER FORENSICS FAI DA TE COMPUTER FORENSICS FAI DA TE Scritto da Matteo Giardino L informatica forense (in inglese, computer forensics) è una nuova branca dell informatica che si occupa dell analisi di qualsiasi dispositivo elettronico,

Dettagli

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Lezione 11 system Sistemi operativi 12 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 11.1 Di cosa parliamo in questa lezione? L interfaccia : system 1 Il

Dettagli

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID 1. Guida all installazione degli Hard Disk SATA... 2 1.1 Installazione di Hard disk Serial ATA (SATA)... 2 1.2 Creare un dischetto

Dettagli

ECVUSBO MANUALE DEL PRODOTTO DEVICE MANUAL

ECVUSBO MANUALE DEL PRODOTTO DEVICE MANUAL ECVUSBO MANUALE DEL PRODOTTO DEVICE MANUAL INDICE TABLE OF CONTENTS 1. Introduzione... pag. 3 1. Introduction... pag. 3 2. Requisiti di sistema... pag. 3 1. System requirements... pag. 3 3. Installazione...

Dettagli

Babaoglu 2006 Sicurezza 2

Babaoglu 2006 Sicurezza 2 Key Escrow Key Escrow Ozalp Babaoglu! In many situations, a secret (key) is known to only a single individual " Private key in asymmetric cryptography " The key in symmetric cryptography or MAC where the

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

DataTraveler Locker+ Il DataTraveler Locker+ è conforme allo standard di

DataTraveler Locker+ Il DataTraveler Locker+ è conforme allo standard di DataTraveler Locker+ Questa guida all uso costituisce un utile supporto per gli utenti dell applicazione di sicurezza DataTraveler Locker+. Per ottenere ulteriore supporto, visitate il nostro sito di supporto

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione

Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione Corso di Informatica Modulo L2 2-Installazione 1 Prerequisiti Uso pratico elementare di un sistema operativo Concetto di macchina virtuale Scaricare e installare software 2 1 Introduzione Sebbene le istruzioni

Dettagli

jt - joetex - percorsi didattici

jt - joetex - percorsi didattici jt - joetex - percorsi didattici Primi passi con linux Avvio della macchina Spegnere (o riavviare) il Computer Installare su HD il programma Linux EduKnoppix a. Avvio della macchina Una volta spento il

Dettagli

Manuale Utente. Contents. Your journey, Our technology. 6. Come aggiornare le mappe 6. 1. Introduzione 2. 2. Installazione di Geosat Suite 2

Manuale Utente. Contents. Your journey, Our technology. 6. Come aggiornare le mappe 6. 1. Introduzione 2. 2. Installazione di Geosat Suite 2 Manuale Utente Contents 1. Introduzione 2 2. Installazione di Geosat Suite 2 3. Prima connessione 2 4. Operazioni Base 3 4.1 Come avviare la Suite 3 4.2 Come chiudere la Suite 4 4.3 Come cambiare la lingua

Dettagli

SOMMARIO del volume ii

SOMMARIO del volume ii SOMMARIO del volume ii CAPITOLO 5 IDENTIFICAZIONE, ACQUISIZIONE ED ANALISI DELLE DIGITAL EVIDENCE: APPROFONDIMENTI TECNICI a cura di Gerardo COSTABILE e Giuseppe MAZZARACO 1. Premessa 3 2. Identificazione/Riconoscimento

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

True CMS USER MANUAL

True CMS USER MANUAL DIGIVISION srl - Viale Piave 3-20129 MILANO Italy telefono ++39 02 7600 7932 - fax ++39 02 7601 6305 Ufficio vendite e-mail: vendite@digivision.it Supporto tecnico e-mail: lab@digivision.it True CMS USER

Dettagli

Strumenti per il trattamento dei reperti informatici. Stefano Fratepietro e Litiano Piccin

Strumenti per il trattamento dei reperti informatici. Stefano Fratepietro e Litiano Piccin Strumenti per il trattamento dei reperti informatici Stefano Fratepietro e Litiano Piccin 1 Chi siamo Stefano Fratepietro è sistemista di rete presso il Centro Servizi Elettrobancari (CSE), si occupa della

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 1 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it 1 IT, HARDWARE E SOFTWARE Information Tecnology (o Informazione automatica): tecnologia hadware e software utilizzata per la progettazione

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

Stato dell'arte della Computer Forensic internazionale made in Linux

Stato dell'arte della Computer Forensic internazionale made in Linux Stato dell'arte della Computer Forensic internazionale made in Linux Stefano Fratepietro ERLUG 1 Whoami IT Security Specialist per il CSE (Consorzio Servizi Bancari) Consulente di Informatica Forense per

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

Esame 70-271 : Supporting Users Running the Microsoft Windows XP Operating Systems (corso Moc 2261)

Esame 70-271 : Supporting Users Running the Microsoft Windows XP Operating Systems (corso Moc 2261) Esame 70-271 : Supporting Users Running the Microsoft Windows XP Operating Systems (corso Moc 2261) Questo corso ha lo scopo di fornire ai professionisti senza esperienza specifica di lavoro con Microsoft

Dettagli

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO ARCHIVIO è un insieme di informazioni che hanno tra di loro un nesso logico (sono inerenti ad uno stesso argomento) e sono organizzate in modo tale da renderne facile la consultazione Le informazioni di

Dettagli

Polizia Postale e delle Comunicazioni. INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011

Polizia Postale e delle Comunicazioni. INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011 INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011 Decreto del Ministero dell Interno 30 Marzo 1998 istituisce SERVIZIO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Coordinamento operativo degli uffici periferici - Compartimenti;

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID

Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID Guida all installazione degli Hard Disk SATA ed alla configurazione del RAID 1. Guida all installazione degli Hard Disk SATA... 2 1.1 Installazione di Hard disk Serial ATA (SATA)... 2 2. Guida alla configurazione

Dettagli

Digital Forensics Best Practices. Di Nanni Bassetti www.nannibassetti.com

Digital Forensics Best Practices. Di Nanni Bassetti www.nannibassetti.com Digital Forensics Best Practices Di www.nannibassetti.com Chi sono Mi occupo di digital forensics dal 2005/2006, project manager di CAINE (distro usata in tutto il mondo) Fondatore di CFI (Computer Forensics

Dettagli

Retrospect 7.7 Integrazione della Guida per l'utente

Retrospect 7.7 Integrazione della Guida per l'utente Retrospect 7.7 Integrazione della Guida per l'utente 2011 Retrospect, Inc. Portions 1989-2010 EMC Corporation. Tutti i diritti riservati. Guida per l'utente di Retrospect 7.7, prima edizione. L'uso di

Dettagli

ThinkVantage Fingerprint Software

ThinkVantage Fingerprint Software ThinkVantage Fingerprint Software 12 2 1First Edition (August 2005) Copyright Lenovo 2005. Portions Copyright International Business Machines Corporation 2005. All rights reserved. U.S. GOVERNMENT USERS

Dettagli

Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche

Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Reparto Tecnologie Informatiche L Arma LArma dei Carabinieri ed i Crimini ad alta tecnologia Narni, 15 maggio 2009 Magg. CC Ing. Marco Mattiucci Reparto

Dettagli

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 COS È L INFORMATICA? Il termine informatica proviene dalla lingua francese, esattamente da INFORmation electronique ou automatique ; tale termine intende che

Dettagli

Università degli Studi G. d'annunzio C.L. Economia e Informatica per l'impresa. Sistemi Operativi e Reti A.A. 2014/2015 prof.

Università degli Studi G. d'annunzio C.L. Economia e Informatica per l'impresa. Sistemi Operativi e Reti A.A. 2014/2015 prof. Università degli Studi G. d'annunzio C.L. Economia e Informatica per l'impresa Sistemi Operativi e Reti A.A. 2014/2015 prof. Gianluca Amato Architettura degli elaboratori Architettura Hardware Architettura

Dettagli

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di:

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: Il Computer Cos'è il computer? Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: INFORMATICA = INFORmazione automatica E' la scienza che si occupa del trattamento automatico delle informazioni.

Dettagli

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Architettura dell elaboratore. Memoria secondaria. Memoria secondaria. Memoria secondaria Architettura dell elaboratore Capacità di memorizzazione dei dispositivi di memoria: Memoria centrale attualmente si arriva ad alcuni GB centinaia di GB o TB Memoria principale e registri: volatilità,

Dettagli

Il software. Il software. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it

Il software. Il software. Dott. Cazzaniga Paolo. Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Il software Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Outline 1 Il software Outline Il software 1 Il software Algoritmo Sequenza di istruzioni la cui esecuzione consente di risolvere uno

Dettagli

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Impossibile visualizzare l'immagine. Nastro magnetico Gestione della memoria di massa Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente

Dettagli

Indice documento. 1. Introduzione 1 1 2 2 2 3 3 3 4 4 4-8 9 9 9 9 10 10-12 13 14 14-15 15 15-16 16-17 17-18 18

Indice documento. 1. Introduzione 1 1 2 2 2 3 3 3 4 4 4-8 9 9 9 9 10 10-12 13 14 14-15 15 15-16 16-17 17-18 18 Indice documento 1. Introduzione a. Il portale web-cloud b. Cloud Drive c. Portale Local-Storage d. Vantaggi e svantaggi del cloud backup del local backup 2. Allacciamento a. CTera C200 b. CTera CloudPlug

Dettagli

Vs Suite di Encryption

Vs Suite di Encryption Vs Suite di Encryption Introduzione Data at Rest Con il termine Data at Rest si intende qualsiasi tipo di dato, memorizzato in forma di documento elettronico (fogli di calcolo, documenti di testo, ecc.

Dettagli

Le memorie. Università degli Studi di Salerno

Le memorie. Università degli Studi di Salerno Le memorie Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 25/26 Le memorie Cosa vorremmo : una memoria

Dettagli