DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE CONTROLLO NON LINEARE DI HARD DISK CON DOPPIO ATTUATORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE CONTROLLO NON LINEARE DI HARD DISK CON DOPPIO ATTUATORE"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE A.A. 2006/2007 Tesi di Laurea CONTROLLO NON LINEARE DI HARD DISK CON DOPPIO ATTUATORE RELATORE Prof. Luca ZACCARIAN CANDIDATO Giacomo PERANTONI CORRELATORI I. MAREELS T. SUTHASUN

2 dedicata a mio padre

3 Indice Ringraziamenti 1 Introduzione 2 1 Cenni sugli Hard Disk Drives Prestazioni e limiti di un Hard Disk Capacità di archiviazione Tempo di accesso ai dati Velocità di trasferimento Obiettivi della ricerca Soluzione di Hard Disk a doppio attuatore Attuatore primario Attuatore secondario Modellazione di un sistema HDD DSA Identificazione nel dominio della frequenza Sistema sperimentale Identificazione del sistema Attuatore VCM Attuatore PZT INDICE I

4 INDICE 2.4 Saturazioni in ingresso agli attuatori VCM PZT Progetto di un sistema di controllo Generalità Approccio MIMO o SISO Progetto indipendente per i due attuatori Calcolo del segnale di feedback (/feedforward) Scelta della frequenza di campionamento Sistema di controllo in retroazione lineare Controllore in retroazione dallo stato stimato Osservatore dello stato del VCM Ricerca dei guadagni del controllore e dell osservatore Controllore in Open-Loop virtuale del PZT Schema completo del sistema di controllo Considerazioni sul controllore progettato Fenomeni di saturazione Controllo NL di doppio integratore saturato Anti-windup Anti-windup non lineare applicato a sistemi di Eulero-Lagrange Applicazione al doppio integratore CNF Applicazione al doppio integratore Quasi bang bang INDICE II

5 INDICE Applicazione al doppio integratore Implementazione della legge di controllo Riscalamento della legge di controllo Metodi a confronto Risultati Adattamento della legge di controllo al VCM Simulazioni Possibili miglioramenti Conclusioni e sviluppi futuri 63 Bibliografia 65 INDICE III

6 Ringraziamenti Per la stesura di questa tesi i miei ringraziamenti vanno a: Mareels e Suthasun, correlatori di questa tesi; i professori del mio corso universitario per la loro disponibilità e la capacità di semplificare tutti i problemi che si sono presentati durante i miei studi; i compagni di corso che mi hanno permesso di vivere piacevomente il tempo trascorso all università; la mia famiglia per aver sostenuto le spese della mia istruzione; i Blink 182 e i Sum 41 per essere stati la colonna sonora della mia concentrazione; gli amici e i parenti che mi sono vicini. Un particolare ringraziamento al Prof. Luca Zaccarian, relatore di questa tesi, che è stato sempre presente quando ne ho avuto bisogno e in molte occasioni ha reso il mio lavoro più gradevole e appagante. Introduzione 1

7 Introduzione La tecnologia informatica dalla nascita dei primi calcolatori ad oggi si è diffusa in modo capillare praticamente in ogni settore dell attività umana. Ricerca scientifica, intrattenimento, attività didattica, e altri ancora sono i campi in cui l informatica fornisce un grosso supporto all uomo, aumentandone la produttività e l efficienza. Purtroppo (o per fortuna) le risorse tecnologiche informatiche disponibili sono spesso sfruttate al massimo delle prestazioni. Per questo è sempre presente la domanda di nuove tecnologie, alla quale i produttori di dispositivi informatici cercano di rispondere attraverso un intensa attività di ricerca e sviluppo. Finora l evoluzione dell hardware è avvenuta per lo più in parallelo alla capacità di ridurre le dimensioni dei componenti, ma adesso si è arrivati ad un livello di riduzione tale da doversi misurare con i limiti fisici dei materiali utilizzati. Un esempio importante riguarda lo sviluppo delle CPU, che non potendo più essere migliorate facilmente riducendo le dimensioni dei transistor, sono ormai orientate all aumento del numero di microprocessori (core) presenti in ogni singola unità CPU. Insieme alla velocità di calcolo, si richiede un aumento della capacità di archiviazione e recupero dei dati. Le unità di archiviazione di dati per eccellenza sono ancora gli Hard Disk magnetici (HDD). Tali supporti, rispetto ai supporti ottici o rimovibili, permettono di raggiungere maggiori velocità di trasferimento dei dati e di disporre di una maggiore capacità. Gli HDD magnetici si sono evoluti molto rapidamente fino ad arrivare alla realizzazione attuale. La prossima frontiera di svilluppo Introduzione 2

8 Introduzione è rivolta all aumento del numero di attuatori che controllano la movimentazione dei componenti dinamici degli Hard Disk. Il lavoro descritto in questo documento è dedicato all analisi e allo studio della possibilità di aumentare la prestazioni di un Hard Disk con testine controllate da due attuatori separati, ognuno dei quali dotato di caratteristiche dinamiche e strutturali differenti. La prospettiva è quella di compensare le carenze di ogni attuatore servendosi delle proprietà dell altro. A questo proposito è necessario progettare dei sistemi di controllo differenti da quelli usati in precedenza che permettano di sfruttare al meglio le proprietà peculiari del sistema di cui si dispone. Sono già stati effettuati degli studi e sviluppate delle teorie che si adattino facilmente al problema presentato. Comunque in questo campo la ricerca è ancora aperta a nuove soluzioni che possano contribuire allo sviluppo della tecnologia. La tesi è strutturata come segue: nel Capitolo 1 si da una breve descrizione dei dispositivi HDD e dei relativi parametri prestazionali, con particolare attenzione alle necessità dello sviluppo e alle possibili soluzioni realizzative; nel Capitolo 2 vengono illustrate le fasi di identificazione di un sistema HDD a doppio attuatore, si ricava un modello per ognuno dei due attuatori e uno schema completo del modello ricavato per l impianto; nel Capitolo 3 si descrive la procedura di progetto di un sistema di controllo in retroazione lineare per il sistema Hard Disk con doppio attuatore e si chiariscono le modalità con cui si producono i segnali in ingresso e in uscita dai controllori; nel Capitolo 4 si analizzano diverse tecniche di controllo non lineare in retroazione al fine di migliorare le prestazioni di un sistema a doppio integratore con saturazione e vengono confrontati i risultati ottenuti dall applicazione di ogni metodo; nel Capitolo Introduzione 3

9 Introduzione 5 si mostrano i risultati del lavoro descritto, adattando il nuovo controllore non lineare al sistema Hard Disk DSA modellato. Introduzione 4

10 Capitolo 1 Cenni sugli Hard Disk Drives In questo capitolo verrà effettuata una breve descrizione dei dispositivi HDD e dei relativi parametri prestazionali. Si darà particolare attenzione alle necessità dello sviluppo e alle possibili soluzioni realizzative. Sarà accennata la dinamica di funzionamento di un microattuatore piezoelettrico per il comando di testine di Hard Disk. Un Hard Disk è un dispositivo fisico che permette l archiviazione di dati in modo permanente. I dati da archiviare vengono registrati su tracce magnetiche disposte concentricamente su un disco di vetro o alluminio rivestito di materiale ferromagnetico. Un Hard Disk in genere contiene più di un disco, e per ogni disco due (una per ogni lato del disco) o più testine mobili collocate in prossimità 1 della superficie del disco, attraverso le quali si può effettuare la lettura o la scrittura dei dati. In Figura 1.1 è rappresentato un generico modello di Hard Disk commerciale. 1.1 Prestazioni e limiti di un Hard Disk Le caratteristiche più rilevanti di un Hard Disk sono la sua capacità, il tempo di accesso ai dati, e la velocità di trasferimento. 1 Ordine dei centesimi di nanometro. 5

11 Cap. 1 Cenni sugli Hard Disk Drives 1.1 Prestazioni e limiti di un Hard Disk Capacità di archiviazione I dati sono memorizzati sulla superficie di ogni disco seguendo una logica secondo la quale si può suddividere il disco in tracce concentriche equidistanziate e in settori, cioè spicchi di disco ognuno ricoprente un arco di circonferenza di pari dimensioni. La capacità di archiviazione dei dati dell Hard Disk è quindi direttamente dipendente dal numero di settori e dal numero di tracce che si possono distinguere su ogni singolo disco Tempo di accesso ai dati Lo spostamento fra le tracce è effettuato utilizzando uno o più attuatori che hanno la funzione di avvicinare o allontanare la testina dall asse di rotazione del disco. Dalla velocità con cui si riesce a muovere la testina da una traccia ad un altra dipende il tempo di accesso ai dati. Quanto più la testina è veloce, tanto minore è il tempo che si deve attendere prima che si possano iniziare a leggere o scrivere i dati su una nuova traccia Velocità di trasferimento Per passare da un settore a un altro si fa ruotare l intero disco tramite un motore elettrico che controlla la rotazione dei dischi e che permette di raggiungere velocità di rotazione di oltre giri al minuto. La velocità di trasferimento di un Hard Disk è la velocità massima con cui si riescono a leggere o scrivere i dati su disco e aumenta proporzionalmente al numero di settori in cui è diviso il disco e alla velocità di rotazione. Generalmente il valore reale della velocità di trasferimento dei dati è inferiore alla velocità di trasferimento teorica perché questa velocità è fortemente limitata dal 6

12 Cap. 1 Cenni sugli Hard Disk Drives 1.1 Prestazioni e limiti di un Hard Disk tempo di accesso. Per trasferire dati su tracce diverse è necessario almeno un tempo relativo alla velocità di trasferimento più tutti i tempi di accesso che intercorrono nello spostamento della testina tra le tracce. Quindi il tempo di accesso rappresenta un punto cruciale nello sviluppo degli Hard Disk in particolare laddove si richiede un aumento della velocità di trasferimento utile. Figura 1.1: Esempio di Hard Disk commerciale. 7

13 Cap. 1 Cenni sugli Hard Disk Drives 1.2 Obiettivi della ricerca 1.2 Obiettivi della ricerca La progettazione di nuovi Hard Disk deve tenere conto della crescente richiesta di un aumento della capacità e delle prestazioni dei dispositivi di archiviazione. Nei nuovi modelli di Hard Disk si cerca di aumentare la capacità incrementando il numero di dischi o anche il numero di tracce e settori su ogni disco. La necessità di mantenere una dimensione standard dei dispositivi fa sì che all aumento della quantità di tracce consegua una riduzione della dimensione di ogni traccia di dati. Per posizionare la testina su una traccia di dimensioni ridotte si deve disporre di un attuatore più preciso e meno sensibile ai disturbi che possono provocare uno spostamento della testina dal centro della traccia richiesta. Un altro obiettivo fondamentale per i costruttori di Hard Disk è ridurre il tempo di accesso ai dati. È desiderabile che lo spostamento della testina da una traccia ad un altra avvenga in un periodo di tempo più breve. Si deve quindi aumentare la velocità di movimentazione della testina. Una soluzione a tale scopo è di modificare l attuatore che controlla il movimento della testina rendendolo più veloce. Modificare il sistema di movimentazione della testina può quindi risultare utile sia per accrescere la capacità di archiviazione che per aumentare la velocità di trasferimento utile dei dati. 1.3 Soluzione di Hard Disk a doppio attuatore Attuatore primario Sarebbe molto difficile andare incontro alla domanda di alta densità delle tracce con un servocontrollore per la posizione della testina di lettura/scrittura utilizzando un convenzionale attuatore singolo. Questi attuatori, tipicamente Voice Coil Motors 8

14 Cap. 1 Cenni sugli Hard Disk Drives 1.3 Soluzione di Hard Disk a doppio attuatore. (VCM), hanno una grande inerzia che limita la reattività e quindi la velocità raggiungibile dal servomeccanismo. La situazione è inoltre aggravata dalla presenza di modi meccanici poco smorzati. Le testine di lettura/scrittura sono attaccate alla punta di una sospensione, un sottile raggio fatto di acciaio inossidabile montato sul braccio dell attuatore. I modi risonanti poco smorzati sono dovuti a queste sospensioni e al loro accoppiamento con il supporto della testina e il braccio dell attuatore. Le frequenze di questi modi si trovano alla frequenza di pochi khz. Proprio questo tipo di costruzione dell attuatore singolo rende difficile ottenere una larghezza di banda di 1 khz o maggiore per il servomeccanismo. Per ottenere il tempo di accesso medio desiderato per Hard Disk ad alta densità è necessaria una larghezza di banda maggiore di 1 khz. Questa limitazione può essere superata utilizzando un servomeccanismo a doppio attuatore Attuatore secondario Un secondo attuatore a bassa inerzia è montato sul più lento attuatore VCM ottenendo un Dual-Stage Actuator (DSA). L attuatore secondario può spostare la testina di lettura/scrittura più rapidamente e quindi aiuta a incrementare la velocità complessiva. Possono essere considerati differenti approcci per implementare il secondo stadio di attuazione nei dispositivi Hard Disk. Un approccio è usare una struttura microelettromeccanica (MEMS) sul supporto della testina come descritto in [1]. In questo modo si posiziona l attuatore molto vicino al punto di controllo (in questo caso la testina) rendendo questa la soluzione più efficiente. Il secondo approccio, presentato in [2], sfruttando la fisica delle deformazioni piezoelettriche, usa un trasduttore piezoelettrico in lega Lead-Zirconium-Titanate (PZT) fabbricato come parte integrante 9

15 Cap. 1 Cenni sugli Hard Disk Drives 1.3 Soluzione di Hard Disk a doppio attuatore. della sospensione. L attuatore secondario in questo caso è posizionato più lontano dal punto di controllo in confronto allo stadio secondario MEMS. Questa separazione tra l attuatore PZT e la testina è paragonabile ad una amplificazione meccanica. Un piccolo movimento del PZT può produrre spostamenti relativamente ampi della punta della sospensione e quindi della testina di lettura/scrittura. Il micro-attuatore PZT sembra offrire una soluzione più adeguata per l attuazione secondaria. La minore attrattiva degli attuatori MEMS è attribuita a due fattori: mostrano modi torsionali a frequenze molto più basse di quelle dei modi risonanti degli attuatori piezoelettrici ed è poco realizzabile una produzione in massa di attuatori MEMS. Microattuatore PZT Per l applicazione nei servomeccanismi per il posizionamento delle testine degli Hard Disk, il micro-attuatore piezoelettrico è fabbricato come parte integrante della sospensione. Benché la lunghezza della sospensione provveda all amplificazione meccanica, la flessibilità della stessa ha un effetto deteriorante sulle caratteristiche dinamiche del micro-attuatore che si manifesta sotto forma di vibrazioni strutturali. L attuatore secondario ha un raggio di movimento molto limitato, tipicamente meno di qualche micrometro. Perciò, l attuatore primario è ancora richiesto per effettuare spostamenti di maggiore ampiezza. L ampiezza di banda ottenuta utilizzando il micro-attuatore è maggiore rispetto a quella del singolo attuatore primario. Dunque, il sistema a doppio attuatore fornisce una soluzione per implementare un servomeccanismo con risposta in banda sufficientemente ampia e ancora capace di movimenti a lungo raggio. Lo spostamento del supporto della testina di lettura/scrittura è l effetto combinato dell azione di entrambi gli attuatori primario e secondario. Nel modello DSA con 10

16 Cap. 1 Cenni sugli Hard Disk Drives 1.3 Soluzione di Hard Disk a doppio attuatore. micro-attuatore disegnato per l applicazione negli Hard Disk non è possibile misurare lo spostamento relativo tra i due attuatori. In altre parole il DSA è un sistema Dual-Input-Single-Output (DISO). Una misura diretta dello spostamento del microattuatore sarebbe vantaggiosa per il progetto indipendente dei controllori per il sistema Dual-Input-Dual-Output (DIDO). La progettazione e l analisi qui effettuata si riferisce a un modello DISO. PZT anulare rotativo Un tipo di attuatore PZT è l anulare rotativo, di cui è data una schematizzazione in Figura 1.2. La base dell attuatore è fissa ed è collegata all estremità libera tramite un elemento piezoelettrico anulare. Gli elettrodi sono applicati alle superfici dell anello. L elemento piezoelettrico anulare è polarizzato nella direzione dello spessore. Il comando in tensione agisce sull elemento piezoelettrico in modo da contrarre o espandere le parti che lo compongono e generare un movimento rotatorio relativo tra estremità mobile e estremità fissa. Tale movimento rotatorio avviene nel piano su cui giace l anello. Figura 1.2: Schema di un attuatore PZT anulare rotativo. 11

17 Capitolo 2 Modellazione di un sistema HDD DSA In questo capitolo verranno illustrate le fasi di identificazione del sistema HDD a doppio attuatore effettuato in [11]. Si ricaverà un modello per ognuno dei due attuatori riportando le rispettive saturazioni in ingresso valutate. Infine si fornirà uno schema completo del modello ricavato per l impianto. Il lavoro qui effettuato è collocato nell ambito di una collaborazione con gli autori di [11], correlatori di questa tesi. 2.1 Identificazione nel dominio della frequenza Per realizzare un modello dell impianto è stato utilizzato in [11] il metodo di identificazione nel dominio della frequenza. I dati della risposta in frequenza si possono ottenere facilmente applicando in ingresso al sistema un segnale sinusoidale e raccogliendo le misure ingresso-uscita sullo spettro di frequenze desiderato. Il rapporto segnale-rumore può essere minimizzato facendo una media su lunghi periodi in modo da assicurare l alta fedeltà della misura. Un modello della funzione di trasferimento è stato identificato utilizzando il metodo non lineare dei minimi quadrati che minimizza la funzione di errore N B (jω k ) A (jω k ) G (ω k) k=1 2 (2.1.1) 12

18 Cap. 2 Modellazione di un sistema HDD DSA 2.2 Sistema sperimentale dove B(s)/A(s) e G(ω k ) sono rispettivamente la funzione di trasferimento identificata per l impianto e la risposta in frequenza misurata a N frequenze differenti. I gradi dei polinomi A(s) e B(s) sono scelti in modo da garantire una buona corrispondenza nel raggio delle frequenze di interesse. 2.2 Sistema sperimentale Gli esperimenti, sia per l identificazione che per l implementazione del controllore riportati in [11] sono stati effettuati su un sistema sperimentale costituito da un Polytec LDV (OFN- 3001), analizzatore di spettro Stanford (SRT 785), un modulo piezoamplificatore (EPA 104), e un driver VCM. La copertura superiore del HDD è stata rimossa per permettere al raggio laser del LDV di raggiungere il braccio scorrevole. L analizzatore di spettro genera il segnale di eccitazione per gli esperimenti di identificazione. Il segnale di eccitazione e lo spostamento misurato dal LDV sono inviati ai due canali in ingresso all analizzatore. L analizzatore produce i dati relativi alla risposta in frequenza che sono salvati per essere in seguito processati dal toolbox di frequency domain identification di MATLAB TM. 2.3 Identificazione del sistema Attuatore VCM Gli esperimenti di identificazione del VCM sono stati effettuati separatamente dagli esperimenti di identificazione del PZT. La risposta dell attuatore primario, riportata in Figura 2.1 e 2.2, è stata calcolata per un raggio di frequenze da 100 Hz a 8 khz. Durante lo stadio di misurazione l input del PZT è stato impostato a zero per assicurare 13

19 Cap. 2 Modellazione di un sistema HDD DSA 2.3 Identificazione del sistema che l attuatore secondario non fosse eccitato e non andasse a modificare la risposta in frequenza calcolata per il VCM. La risposta del voice coil motor, con l attuatore piezo-elettrio bloccato, può essere modellata come un doppio integratore più diversi modi risonanti ad alte frequenze leggermente smorzati. L approssimazione del doppio integratore è valida per il raggio di frequenze fino a circa 1 khz, con la principale risonanza che appare intorno ai 3 khz. Il modello identificato dell attuatore VCM è G v (s) = K v s 2 H d1 (s)h d2 (s)h d3 (s). (2.3.1) La dinamica del corpo rigido dell attuatore VCM è descritta dal doppio integratore K v /s 2. Le funzioni di trasferimento H d1 (s), H d2 (s) e H d3 (s) rappresentano le dinamiche di tre coppie di poli e zeri dominanti chiaramente visibili nella risposta in frequenza misurata. Queste funzioni di trasferimento sono: H d1 (s) = ω 2 vp1 s 2 + 2ξ vp1 ω vp1 s + ω 2 vp1 (2.3.2) H d2 (s) = s2 + 2ξ vz1 ω vz1 s + ω 2 vz1 ω 2 vz1 (2.3.3) H d3 (s) = ω 2 vp2. (2.3.4) s 2 + 2ξ vp2 ω vp2 s + ωvp2 2 I parametri del modello identificato sono mostrati in Tabella 2.1. Per la progettazione del controllore per il VCM, si considera solo il modello a doppio integratore, mentre per le simulazioni del sistema a ciclo chiuso e studi di valutazione è usato il modello dell impianto dato dall Equazione (2.3.1). 14

20 Cap. 2 Modellazione di un sistema HDD DSA 2.3 Identificazione del sistema Figura 2.1: Risposta in frequenza (modulo) dell attuatore VCM. Figura 2.2: Risposta in frequenza (fase) dell attuatore VCM. 15

21 Cap. 2 Modellazione di un sistema HDD DSA 2.3 Identificazione del sistema Attuatore PZT Gli esperimenti di identificazione del PZT sono stati effettuati separatamente dagli esperimenti di identificazione del VCM. La risposta dell attuatore sencondario, riportata in Figura 2.3 e 2.4, è stata calcolata per un raggio di frequenze da 100 Hz a 20 khz. Durante queste misure l input del VCM è stato impostato a una corrente costante per vincere l effetto della forza di bias esercitata sull attuatore VCM dal collegamento flessibile dovuta agli spostamenti che verrebbero provocati sul VCM dal movimento del PZT. La risposta del micro-attuatore mostra un guadagno costante per un ampio spettro di frequenze, e un comportamento risonante lievemente smorzato a frequenze più alte. Il modello identificato dell attuatore PZT è G m (s) = K m ωmp1 2 ( ) ω2 mp2 (s 2 + 2ξ mz1 ω mz1 s + ω ( mz1) 2 (2.3.5) s2 + 2ξ mp1 ω mp1 s + ωmp1 2 ωmz1 2 s2 + 2ξ mp2 ω mp2 s + ωmp2). 2 I parametri del modello contenente due coppie di poli leggermente smorzati e una coppia di zeri leggermente smorzati, stimati dai dati della risposta in frequenza, sono mostrati nella Tabella 2.2. Il modello è ragionevolmente accurato e affidabile fino a circa 15 khz. 16

22 Cap. 2 Modellazione di un sistema HDD DSA 2.3 Identificazione del sistema Figura 2.3: Risposta in frequenza (modulo) dell attuatore PZT. Figura 2.4: Risposta in frequenza (fase) dell attuatore PZT. 17

23 Cap. 2 Modellazione di un sistema HDD DSA 2.3 Identificazione del sistema Parametro Simbolo Valore Accelerazione costante K v Hz 2 Frequenza del primo polo ω vp rad/s Frequenza del secondo polo ω vp rad/s Frequenza del primo zero ω vz rad/s Smorzamento del primo polo ξ vp Smorzamento del secondo polo ξ vp Smorzamento del primo zero ξ vz Tabella 2.1: Parametri identificati per l attuatore VCM. Parametro Simbolo Valore Accelerazione costante K m 0.25 Hz 2 Frequenza del primo polo ω mp rad/s Frequenza del secondo polo ω mp rad/s Frequenza del primo zero ω mz rad/s Smorzamento del primo polo ξ mp Smorzamento del secondo polo ξ mp Smorzamento del primo zero ξ mz Tabella 2.2: Parametri identificati per l attuatore PZT. 18

24 Cap. 2 Modellazione di un sistema HDD DSA 2.4 Saturazioni in ingresso agli attuatori 2.4 Saturazioni in ingresso agli attuatori Il sistema reale del HDD DSA costituito dall insieme dei due attuatori è soggetto a fenomeni di non linearità. Il modello deve essere completato inserendo delle saturazioni sui segnali in ingresso al VCM e al PZT VCM Il VCM è un motore molto resistente, e benché esista un limite di tensione e di potenza, tale limite risulta difficilmente un problema. Sopraggiungono altri effetti indesiderati prima che si raggiunga il limite di tensione, che è un limite dell isolamento, o il limite di potenza, che è essenzialmente un limite della batteria o dell alimentazione. Si può considerare il VCM come una sorgente di coppia. La tensione di controllo è proporzionale alla coppia su un raggio d azione molto ampio. Si possono verificare delle non linearità sulla caratteristica di coppia a causa delle proprietà dei materiali, anche se normalmente non si portano i materiali del VCM in prossimità di saturazione. In caso di VCM costruiti con materiali magneticamente duri si può anche avere il fenomeno dell isteresi. Tutti questi effetti sono normalmente presi in considerazione dal circuito del drive. In risultato ci si può aspettare un limite di ampiezza, e dell elettronica che compensi le non linearità. Ai fini di modellazione e controllo, un modello lineare con saturazione all ingresso è sufficiente. È ragionevole assumere un limite di saturazione di 5V/ + 5V sull ingresso del VCM. 19

25 Cap. 2 Modellazione di un sistema HDD DSA 2.4 Saturazioni in ingresso agli attuatori PZT I margini di utilizzazione dell attuatore PZT sono dettati dai limiti fisici di allungamento dei materiali piezoelettrici. Considerando il PZT come una costante di proporzionalità tra ingresso, dato in V, e uscita, in µm, si possono definire i limiti in ingresso considerando le massime escursioni che si hanno in uscita restando in tale rapporto di proporzionalità. Per l ingresso del PZT si considera un limite di saturazione di 1.8V/ + 1.8V. Osservazione La risposta in frequenza misurata si riferisce a un segnale in ingresso misurato in Volt e a un segnale in uscita misurato in Volt. In questo modo la funzione di trasferimento è senza unità di misura. Il segnale in uscita può essere convertito in unità di misura di spostamento usando il fattore di scala 2 µm/v. 20

26 Capitolo 3 Progetto di un sistema di controllo In questo capitolo sarà descritta la procedura di progetto di un sistema di controllo in retroazione lineare per il sistema Hard Disk con doppio attuatore. Si chiariranno le modalità con cui si producono i segnali in ingresso e in uscita dai controllori e in particolare sarà presentato un modello di osservatore discreto dello stato del VCM. Si fornirà infine un modello completo del sistema di controllo. 3.1 Generalità Gli obiettivi di progettazione per il sistema a ciclo chiuso sono qualitativamente definiti come: 1. spostare l attuatore rapidamente da una traccia all altra, e 2. mantenere la testina di lettura/scrittura al centro della traccia con la minima variazione in presenza di vari disturbi. Il bias in input all attuatore VCM, le imprecisioni nelle tracce di dati idealmente circolari, l eccentricità del disco, shock e vibrazioni esterne, etc. sono le maggiori fonti di disturbo agenti sul servomeccanismo. La forza di bias è esercitata dal collegamento flessibile che supporta i conduttori che trasportano i segnali tra le testine e la scheda a circuiti del HDD, e deve essere compensata dal compensatore del VCM. Lo spettro 21

27 Cap. 3 Progetto di un sistema di controllo 3.1 Generalità dei disturbi dato dalle variazioni nelle tracce di dati e dall eccentricità nella rotazione dei dischi è relativo alla velocità angolare del motore spindle. Con il crescere della velocità del motore, che è utile per un trasferimento dei dati più rapido, lo spettro di questo disturbo si sposta verso alte frequenze e, come risultato, si estende oltre la banda raggiungibile dell attuatore VCM. Il micro-attuatore a bassa inerzia è usato per contrastare tali disturbi. Lo spostamento della testina di lettura/scrittura durante la lunga ricerca è dominato dall attuatore VCM. Ma la correzione di disturbi ad alta frequenza e la breve ricerca può e dovrebbe essere eseguita usando il micro-attuatore. Il vantaggio complessivo che si ha utilizzando un sistema dual-stage è una maggiore capacità di correzione del disturbo, in media un tempo di ricerca minore per la maggior parte delle tracce, e un significativo miglioramento per le operazioni di piccola ricerca Approccio MIMO o SISO L attuatore dual stage può essere considerato ai fini del progetto di un sistema di controllo sia come un sistema DISO (Dual Input Single Output), calcolando separatamente l ingresso di ognuno dei due attuatori, che come un sistema SISO (Single Input Single Output), se si considera solo la traccia di riferimento come ingresso e la posizione della testina come uscita. Diversi autori ([3], [4]) trattano il problema del progetto di un controllore per un impianto DISO come un caso particolare di un progetto MIMO, e usano strumenti standard per la progettazione MIMO. Tali tecniche assicurano la stabilità robusta ma generalmente producono un controllore di ordine elevato che non è desiderabile dal punto di vista dell implementazione. Per questo tipo di problema di progettazione, in [6] viene usato un design SISO 22

28 Cap. 3 Progetto di un sistema di controllo 3.1 Generalità sequenziale assumendo che non esistano interazioni tra il loop del VCM e il loop del micro-attuatore, e questo approccio è chiamato il master-slave design. Il problema associato al design master-slave è superato in [5] usando il metodo chiamato PQ. Questo metodo deduce direttamente l interferenza tra i due singoli loop. Sfortunatamente ignora il problema della stabilità in caso di avaria del micro-attuatore. La stabilità del loop del VCM è richiesta per assicurare operazioni corrette del servo-meccanismo HDD anche nel caso di tale avaria. I metodi presentati in questa trattazione enfatizzano la stabilità dei singoli loop e inoltre usano controllori di complessità inferiore rispetto a quelli ottenuti usando convenzionali tecniche MIMO. La semplicità di progetto senza perdita di prestazioni è il principale contributo dei controllori proposti Progetto indipendente per i due attuatori Il progetto del sistema di controllo avviene separatamente per ognuno dei due attuatori. L idea di fondo è di utilizzare un controllo in retroazione sull attuatore VCM per stabilizzare la risposta dell attuatore principale. Con un tale controllore si ha la garanzia che, finito il transitorio della risposta, la sospensione della testina sia in linea con la traccia di riferimento. Il microattuatore è utilizzato fondamentalmente per correggere l errore di posizione per bassi spostamenti dalla traccia di riferimento. Principalmente l errore sul posizionamento delle testine dipende dallo spostamento dell asse del braccio comandata dall attuatore primario rispetto alla posizione di riferimento. L obiettivo di progetto del controllore per il microattuatore è di ridurre rapidamente per quanto possibile questo spostamento. A questo scopo è adatto un controllore in feedforward che compensi adeguatamente il riferimento in ingresso, in questo caso l errore di posizione del singolo attuatore VCM. 23

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: robustezza e prestazioni Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

PROGETTO: SISTEMA DI CONTROLLO DELLA LETTURA DI UN Hard Disk MAGNETICO

PROGETTO: SISTEMA DI CONTROLLO DELLA LETTURA DI UN Hard Disk MAGNETICO PROGETTO: SISTEMA DI CONTROLLO DELLA LETTURA DI UN Hard Disk MAGNETICO Introduzione [1] Richard C. Dorf, Robert H. Bishop, «Controlli Automatici», Edizione Pearson. [2] http://it.wikipedia.org/wiki/disco_rigido

Dettagli

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA ANDREA MARIO FRANCHINI I VANTAGGI DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA La fusione sinergica delle conoscenze meccaniche, elettroniche e informatiche consente di giungere a nuovi concetti di macchina e a uno

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Controllo di velocità angolare di un motore in CC

Controllo di velocità angolare di un motore in CC Controllo di velocità angolare di un motore in CC Descrizione generale Il processo è composto da un motore in corrente continua, un sistema di riduzione, una dinamo tachimetrica ed un sistema di visualizzazione.

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Il controllo di sistemi ad avanzamento temporale si basa sulle tecniche di controllo in retroazione, ovvero, elabora le informazione sullo stato del processo (provenienti dai sensori) in modo sa inviare

Dettagli

CONTROLLORI STANDARD PID. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Controllori Standard PID

CONTROLLORI STANDARD PID. Guido Vagliasindi Controlli Automatici A.A. 06/07 Controllori Standard PID ONTROLLORI STANDARD PID Guido Vagliasindi ontrolli Automatici A.A. 6/7 ontrollori Standard PID MODELLO DEI REGOLATORI PID Tra le ragioni del vastissimo utilizzo dei regolatori PID nella pratica dell automazione

Dettagli

Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo

Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Modellistica e Simulazione del Comportamento Dinamico di Beccheggio di un Trattore Agricolo Relatore: Prof. Roberto Zanasi Correlatori:

Dettagli

Spiegare brevemente il principale beneficio del controllo in cascata (per sistemi a fase non minima).

Spiegare brevemente il principale beneficio del controllo in cascata (per sistemi a fase non minima). Spiegare brevemente il principale beneficio del controllo in cascata (per sistemi a fase non minima). Il controllo in cascata si usa per migliorare la risposta al setpoint, e soprattutto al disturbo di

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali

E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali E evidente che le carattteristiche dell OPAMP ideale non possono essere raggiunte da nessun circuito reale. Gli amplificatori operazionali reali hanno però caratteristiche che approssimano molto bene il

Dettagli

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO

SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Sistemi Digitali di Controllo A.A. 9- p. /3 SISTEMI DIGITALI DI CONTROLLO Prof. Alessandro De Luca DIS, Università di Roma La Sapienza deluca@dis.uniroma.it Lucidi tratti dal libro C. Bonivento, C. Melchiorri,

Dettagli

Prestazioni dei sistemi in retroazione

Prestazioni dei sistemi in retroazione Prestazioni dei sistemi in retroazione (ver..2). Sensitività e sensitività complementare Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig... Vogliamo determinare quanto è sensibile il sistema in anello

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Controlli Automatici - A.A. 1/11 Ingegneria Gestionale 13 Settembre 11 - Esercizi Nome: Nr. Mat. Firma: Rispondere alle seguenti domande. a) Calcolare la trasformata di Laplace X(s) dei seguenti segnali

Dettagli

Considerazioni sulle specifiche.

Considerazioni sulle specifiche. # SINTESI PER TENTATIVI IN ω PER GLI ASSERVIMENTI # Considerazioni sulle specifiche. Come accennato in precedenza, prima di avviare la prima fase della sintesi di un sistema di asservimento, e cioe la

Dettagli

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua Servomeccanismi 1 1. Il motore elettrico in corrente continua Descrizione fisica Il motore è contenuto in una cassa che in genere è cilindrica. Da una base del cilindro fuoriesce l albero motore; sulla

Dettagli

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO

L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO L ERRORE A REGIME NELLE CATENE DI REGOLAZIONE E CONTROLLO Per errore a regime si intende quello rilevato dopo un intervallo sufficientemente lungo dal verificarsi di variazioni del riferimento o da eventuali

Dettagli

Indice. 1 Introduzione 1

Indice. 1 Introduzione 1 Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 2 Elementi di modellistica 9 2.1 Introduzione... 9 2.2 Equazioni di conservazione per processi a fluido... 9 2.2.1 Portata massica e volumetrica... 9 2.2.2 Principio

Dettagli

Sistemi di controllo industriali

Sistemi di controllo industriali Sistemi di controllo industriali Regolatori PID: funzionamento e taratura Modello, funzionamento e realizzazione pratica Metodi di taratura in anello chiuso Metodi di taratura in anello aperto Un esempio

Dettagli

SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO

SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO SINTESI DEI SISTEMI DI CONTROLLO A TEMPO CONTINUO Requisiti e specifiche Approcci alla sintesi Esempi di progetto Principali reti stabilizzatrici Illustrazioni dal Testo di Riferimento per gentile concessione

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO

A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO A.S. 2008/2009 CLASSE 5BEA SISTEMI AUTOMATICI SINTESI DEL CORSO Sono stati trattati gli elementi base per l'analisi e il dimensionamento dei sistemi di controllo nei processi continui. E' quindi importante:

Dettagli

Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore

Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore Fondamenti di Automatica - I Parte Il progetto del controllore Antonio Bicchi, Giordano Greco Università di Pisa 1 INDICE 2 Indice 1 Introduzione 3 2 Approssimazioni della f.d.t. in anello chiuso 5 3 Metodi

Dettagli

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO.

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. VIII-1. Introduzione. Il controllo del moto incrementale dei motori passo-passo si ottiene attraverso il software di un computer, programmando opportunamente gli impulsi

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

Laboratorio di Automazione. Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC

Laboratorio di Automazione. Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC Laboratorio di Automazione Azionamenti Elettrici: Generalità e Motore DC Prof. Claudio Bonivento DEIS - Università degli Studi di Bologna E-Mail: cbonivento@deis.unibo.it Indice Definizione Struttura Modello

Dettagli

Osvaldo Maria Grasselli Sergio Galeani Controllo di sistemi a più ingressi e più uscite. Volume 1

Osvaldo Maria Grasselli Sergio Galeani Controllo di sistemi a più ingressi e più uscite. Volume 1 A09 158 Osvaldo Maria Grasselli Sergio Galeani Controllo di sistemi a più ingressi e più uscite Volume 1 Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO

CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO 80 CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE In questo capitolo è descritto un metodo teorico per l identificazione dell attrito, attraverso l impiego della normale

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche

Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Capitolo 9 Introduzione alle macchine elettriche Sezione 9.1: Macchine elettriche rotanti Problema 9.1 Relazione tra potenza nominale e temperatura ambiente mostrata in tabella. Un motore con funziona

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso

PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso PROGRAMMA SVOLTO fino al 22-06-2015 Fine del corso Prof. Bruno Picasso LEZIONI: Introduzione al corso. Introduzione ai sistemi dinamici. I sistemi dinamici come sistemi di equazioni differenziali; variabili

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Progetto di controllo e reti correttrici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 053 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento: stabilità, errore a regime e luogo delle radici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail:

Dettagli

Applicazioni dell amplificatore operazionale

Applicazioni dell amplificatore operazionale Capitolo 10 Applicazioni dell amplificatore operazionale Molte applicazioni dell amplificatore operazionale si basano su circuiti che sono derivati da quello dell amplificatore non invertente di fig. 9.5

Dettagli

OSCILLATORI SINUSOIDALI. Generalità

OSCILLATORI SINUSOIDALI. Generalità OSCILLATORI SINUSOIDALI Generalità Per comprendere il principio di funzionamento di un oscillatore, si consideri un amplificatore reazionato privo del segnale esterno d ingresso, e quindi privo del nodo

Dettagli

Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche:

Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche: 3. Specifiche dei Sistemi Un sistema di controllo può essere progettato fissando le specifiche: nel dominio del tempo (tempo di salita, tempo di assestamento, sovraelongazione, ecc.); nel dominio della

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID SISTEMI DI CONTROLLO Ingegneria Meccanica e Ingegneria del Veicolo http://www.dii.unimore.it/~lbiagiotti/sistemicontrollo.html Regolatore Proporzionale, Integrale, Derivativo - PID Tre azioni di combinate

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti

Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica. Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013. Stefano Bifaretti Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti Ad ogni commutazione degli interruttori statici di un convertitore è associata una dissipazione

Dettagli

Memoria secondaria. Memoria secondaria

Memoria secondaria. Memoria secondaria Memoria secondaria La CPU opera su programmi e dati presenti nella RAM, ma questa da sola non basta a contenere tutti i programmi e i dati presenti sull elaboratore. Per questo motivo i dati e i programmi

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico 1 L AZIONAMENTO ELETTRICO COME SISTEMA 1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico Si definisce Azionamento Elettrico (A.E.) l insieme composto da un motore elettrico e dagli apparati d alimentazione,

Dettagli

Corso di Fondamenti d Automatica

Corso di Fondamenti d Automatica Corso di Fondamenti d Automatica Prof. Giovanni Ulivi Ing. Stefano Panzieri Dipartimento di Informatica ed Automazione Via Vasca Navale 79, Roma e-mail: ulivi@dia.uniroma3.it e-mail: panzieri@dia.uniroma3.it

Dettagli

Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI

Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI Capitolo 5 RESTAURO E RICOSTRUZIONE DI IMMAGINI La differenza tra il restauro e il miglioramento (enhancement) delle immagini è che il miglioramento è un processo soggettivo, mentre il restauro è un processo

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico

Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Progettazione e realizzazione di un manipolatore elettromeccanico Hermes Giberti Politecnico di Milano u robotica u La progettazione di un sistema automatico richiede una collaborazione sinergica tra le

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Gestionale http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm REGOLATORI STANDARD PID Ing. Federica Grossi Tel. 059 2056333 e-mail: federica.grossi@unimore.it

Dettagli

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL.

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL. P5 CONVERSIONE DI REQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. P. P5. Un segnale modulato in ampiezza con portante e banda di modulazione B=9 khz centrata su, deve essere convertito in frequenza su una portante

Dettagli

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale.

Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Acquisizione di segnali per l elaborazione digitale. Il segnale generato dai trasduttori in genere non è idoneo per la diretta elaborazione da parte dell unità di governo che realizza un algoritmo di controllo,

Dettagli

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO PIANO DI LAVORO CLASSE 5 ES A.S. 2014-2015 MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO INS. TECNICO-PRATICO: PROF. BARONI MAURIZIO MODULO 1: ALGEBRA DEGLI SCHEMI A BLOCCHI

Dettagli

Nome: Nr. Mat. Firma:

Nome: Nr. Mat. Firma: Fondamenti di Controlli Automatici - A.A. 7/8 4 Dicembre 7 - Esercizi Compito A Nr. Nome: Nr. Mat. Firma: a) Determinare la trasformata di Laplace X i (s) dei seguenti segnali temporali x i (t): x (t)

Dettagli

Sensori di posizione di tipo induttivo

Sensori di posizione di tipo induttivo I sensori induttivi a singolo avvolgimento sono composti da un avvolgimento fisso e da un nucleo ferromagnetico mobile. Il sensore converte la grandezza da misurare in una variazione dell induttanza L

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Note per le lezioni del corso di Controlli Automatici A.A. 2008/09 Prof.ssa Maria Elena Valcher 1 Modellistica Un motore in corrente continua si

Dettagli

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1

Lez. 6 Memorie Secondarie. Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Lez. 6 Memorie Secondarie Prof. Pasquale De Michele (Gruppo 2) e Raffaele Farina (Gruppo 1) 1 Dott. Pasquale De Michele Dott. Raffaele Farina Dipartimento di Matematica e Applicazioni Università di Napoli

Dettagli

) in componenti perpendicolari ) che possono essere rilevate attraverso le due piastrine di Hall poste nella parte inferiore (Fig. 1).

) in componenti perpendicolari ) che possono essere rilevate attraverso le due piastrine di Hall poste nella parte inferiore (Fig. 1). Come realizzare un sensore di posizione angolare con MLX90316 Vincent M. Hiligsmann Marketing & Application manages Melexis Grazie alla tecnologia a effetto Hall Triaxis è possibile costruire sensori di

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Modello generale di trasduttore Come leggere la scheda tecnica di un trasduttore

Modello generale di trasduttore Come leggere la scheda tecnica di un trasduttore Modello generale di trasduttore Come leggere la scheda tecnica di un trasduttore Modello generale di trasduttore Informazioni sulle caratteristiche fisiche Sistema di misura Catena di misura Dati numerici

Dettagli

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico

Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks. Disco magnetico 26/5/25 RAID Redundant Array of Inexpensive (Independent) Disks Disco magnetico Costituito da un insieme di piatti rotanti (da a 5) Piatti rivestiti di una superficie magnetica Esiste una testina (bobina)

Dettagli

Lez. 5 Memorie Secondarie

Lez. 5 Memorie Secondarie Prof. Giovanni Mettivier 1 Dott. Giovanni Mettivier, PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli mettivier@na.infn.it +39-081-676137

Dettagli

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω GIROSCOPIO Scopo dell esperienza: Verificare la relazione: ω p = bmg/iω dove ω p è la velocità angolare di precessione, ω è la velocità angolare di rotazione, I il momento principale d inerzia assiale,

Dettagli

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche

Modellazione e Analisi di Reti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Modellazione e Analisi di eti Elettriche Davide Giglio Introduzione alle eti Elettriche e reti elettriche costituite da resistori, condensatori e induttori (bipoli),

Dettagli

Sensori di temperatura

Sensori di temperatura Sensori di temperatura La variazione di temperatura è tra le principali cause di cambiamento delle caratteristiche fisiche dei materiali, pertanto, si possono realizzare elementi sensibili alle variazioni

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Funzioni di trasferimento Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Funzioni di trasferimento

Dettagli

L architettura del calcolatore (Terza parte)

L architettura del calcolatore (Terza parte) L architettura del calcolatore (Terza parte) Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin I dispositivi periferici periferia parte centrale sottosistema

Dettagli

Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati

Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati Laboratorio di Informatica di Base Archivi e Basi di Dati Introduzione La memorizzazione dei dati è un aspetto molto importante dell informatica Oggi, mediante i computer, è possibile memorizzare e modificare

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automatici PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici

Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici Comportamento a regime dei sistemi di controllo in retroazione Appunti di Controlli Automatici Versione 1.0 Ing. Alessandro Pisano SOMMARIO Introduzione 3 1. Stabilità a ciclo chiuso e teorema del valore

Dettagli

Analogico: rappresentano grandezze fisiche che variano

Analogico: rappresentano grandezze fisiche che variano condizionamento e conversione dei segnali Introduzione I segnali forniti dagli elementi sensibili di misura richiedono specifici trattamenti (condizionamento) prima del campionamento e della conversione

Dettagli

Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare

Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare Forze elastiche e Molla elicoidale versione 1.02 preliminare MDV April 18, 2015 1 Elasticità L elasticità è la proprietà dei corpi soldi di tornare nella loro forma originale dopo avere subito una deformazione

Dettagli

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI INTEGRATORE E DERIVATORE REALI -Schemi elettrici: Integratore reale : C1 R2 vi (t) R1 vu (t) Derivatore reale : R2 vi (t) R1 C1 vu (t) Elenco componenti utilizzati : - 1 resistenza da 3,3kΩ - 1 resistenza

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Motori Stepper (o a passo)

Motori Stepper (o a passo) Motori Stepper (o a passo) Strutture Variable Reluctance Permanent Magnet Ibrido Caratteristiche Ruotano di un angolo fisso ad ogni impulso di corrente Controllo della posizione ad anello aperto Coppia

Dettagli

Applicazioni e considerazioni conclusive

Applicazioni e considerazioni conclusive Applicazioni e considerazioni conclusive 8.1 La telecamera tridimensionale Il sistema di scansione a luce debolmente strutturata permette di scandire un oggetto e di ricavarne un immagine tridimensionale

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

Valutazione delle impedenze equivalenti nei circuiti con retroazione.

Valutazione delle impedenze equivalenti nei circuiti con retroazione. UNIVERSITÀ DI PADOVA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Tesina di Laurea Triennale Valutazione delle impedenze equivalenti nei circuiti con retroazione. -La formula di

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

Strumentazione Biomedica

Strumentazione Biomedica Sensori induttivi, capacitivi, piezoelettrici Univ. degli studi Federico II di Napoli ing. Paolo Bifulco Sensori induttivi Sensori induttivi di spostamento basati su variazioni di autoinduttanza e mutua

Dettagli

REGOLATORI PID: TECNICHE DI SINTESI E PROBLEMATICHE IMPLEMENTATIVE

REGOLATORI PID: TECNICHE DI SINTESI E PROBLEMATICHE IMPLEMENTATIVE REGOLATORI PID: TECNICHE DI SINTESI E PROBLEMATICHE IMPLEMENTATIVE PID: DESIGN TECHNIQUES AND IMPLEMENTATION ISSUES Relatore: Laureando: Prof.ssa Maria Elena Valcher Davide Meneghel Corso di Laurea in

Dettagli

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI

L amplificatore operazionale 1. Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Claudio CANCELLI L amplificatore operazionale Indice dei contenuti. L'amplificatore...3. L'amplificatore operazionale - Premesse teoriche....5 3. Circuito equivalente... 5

Dettagli

Strumentazione e Controllo dei Processi Chimici I : Introduzione ai Sistemi di Controllo

Strumentazione e Controllo dei Processi Chimici I : Introduzione ai Sistemi di Controllo Strumentazione e Controllo dei Processi Chimici I : Introduzione ai Sistemi di Controllo Claudio Scali Laboratorio di Controllo dei Processi Chimici (CPCLab) Dipartimento di Ingegneria Chimica (DICCISM)

Dettagli

A pplicazioni. Il problema legato all accoppiamento. Guida completa alla progettazione con i segnali video VIDEO DESIGN

A pplicazioni. Il problema legato all accoppiamento. Guida completa alla progettazione con i segnali video VIDEO DESIGN Guida completa alla progettazione con i segnali video Bill Stutz, Franco Contadini Maxim Integrated Products Inc. Sunnyvale CA In questo articolo vengono illustrati il funzionamento dei circuiti di polarizzazione,

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

Retroazione In lavorazione

Retroazione In lavorazione Retroazione 1 In lavorazione. Retroazione - introduzione La reazione negativa (o retroazione), consiste sostanzialmente nel confrontare il segnale di uscita e quello di ingresso di un dispositivo / circuito,

Dettagli

Y (s) X(s) = H(s) 1 + G(s)H(s) H(s) e la funzione di transfert open loop e Y (s)/x(s) indica la funzione di transfert closed loop.

Y (s) X(s) = H(s) 1 + G(s)H(s) H(s) e la funzione di transfert open loop e Y (s)/x(s) indica la funzione di transfert closed loop. 1 Cenni introduttivi sulle proprieta elementari del Feedback La tecnica del feedback e applicata molto estesamente nei circuiti analogici, ad es. il feedback negativo permette eleborazioni i segnali con

Dettagli

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori

Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Teoria dei circuiti Esercitazione di Laboratorio Transitori e dominio dei fasori Esercizio T T V V on riferimento al circuito di figura, si assumano i seguenti valori: = = kω, =. µf, = 5 V. Determinare

Dettagli

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit ingressi analogici Conversione A/D Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit Ogni codice binario rappresenta il

Dettagli

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4

Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 Esercizi proposti di Fondamenti di Automatica - Parte 4 2 Aprile 26 Sia dato il sistema di controllo a controreazione di Fig. 1, in cui il processo ha funzione di trasferimento P (s) = 1 (1 +.1s)(1 +.1s).

Dettagli

REGOLATORI STANDARD PID

REGOLATORI STANDARD PID CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria della Gestione Industriale REGOLATORI STANDARD PID Ing. Luigi Biagiotti Tel. 5 29334 / 5 29368 e-mail: lbiagiotti@deis.unibo.it http://www-lar.deis.unibo.it/~lbiagiotti

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Controlli Automatici Introduzione al corso Prof. Cesare Fantuzzi Ing. Cristian Secchi Ing. Federica Ferraguti ARSControl - DISMI - Università di Modena e Reggio Emilia E-mail: {nome.cognome}@unimore.it

Dettagli

Le memorie di massa. Il disco floppy 1

Le memorie di massa. Il disco floppy 1 Le memorie di massa Tutti i sistemi di elaborazione dispongono di alcuni supporti per memorizzare permanentemente le informazioni: le memorie di massa Dischetti o floppy disk Dischi fissi o hard disk CD

Dettagli

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L.

Controlli Automatici T. Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010. Prof. L. Parte 3 Aggiornamento: Settembre 2010 Parte 3, 1 Trasformata di Laplace e Funzione di trasferimento Prof. Lorenzo Marconi DEIS-Università di Bologna Tel. 051 2093788 Email: lmarconi@deis.unibo.it URL:

Dettagli

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali

Appendice Circuiti con amplificatori operazionali Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - Appendice Circuiti con amplificatori operazionali - L amplificatore operazionale Il componente ideale L amplificatore operazionale è un dispositivo che

Dettagli

Controllo di motori in corrente continua. A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli

Controllo di motori in corrente continua. A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli Controllo di motori in corrente continua A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli Sistema di Controllo d rif - C(s) P(s) y T(s) n C(s) P(s) Controllore Sistema d n Disturbo Rumore T(s) Trasduttore

Dettagli

Prova scritta di Controlli Automatici

Prova scritta di Controlli Automatici Prova scritta di Controlli Automatici Corso di Laurea in Ingegneria Meccatronica, AA 2011 2012 10 Settembre 2012 Domande a Risposta Multipla Per ognuna delle seguenti domande a risposta multipla, indicare

Dettagli

Rappresentazione grafica di un sistema retroazionato

Rappresentazione grafica di un sistema retroazionato appresentazione grafica di un sistema retroazionato La f.d.t. di un.o. ha generalmente alcune decine di poli Il costruttore compensa il dispositivo in maniera da dotarlo di un singolo polo (polo dominante).

Dettagli