«FAMILY ANGELS intende promuovere azioni positive volte a:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "«FAMILY ANGELS intende promuovere azioni positive volte a:"

Transcript

1

2 «FAMILY ANGELS intende promuovere azioni positive volte a: Rispondere ai bisogni di conciliazione dei tempi di vita e lavoro proponendo forme di autorganizzazione; Favorire la richiesta di flessibilità e capillarità dei servizi alla famiglia; Conferire conoscenze specifiche e abilità operative inerenti il profilo professionale dell assistente familiare, quale operatrice qualificata di servizi di supporto al ménage familiare (cura dell igiene e pulizia degli spazi e delle faccende domestiche, cura e assistenza alle persone, in particolare bambini e anziani); Qualificare attraverso la formazione, l offerta di lavoro femminile nel campo dei servizi di assistenza domestica e familiare (colf, badanti, baby sitter, et.) fino ad arrivare alla creazione di un REGISTRO/ELENCO/ALBO Incrementare l occupazione femminile contrastando le difficoltà di accesso al mercato del lavoro

3 Ridurre il precariato e far emergere l alto tasso del lavoro irregolare legato ai servizi di assistenza familiare, secondo dati ISTAT il sommerso in questo settore supera il 50%; Sopperire alle difficoltà e alla complessità dell incontro domanda-offerta incrociare le competenze di chi cerca occupazione con le esigenze delle persone che hanno bisogno di aiuto nell ambito dell assistenza familiare; Intervenire a sostegno delle famiglie le quali riscontrano oggettive difficoltà ad adempiere le procedure proprie di un datore di lavoro; Creare una rete tra soggetti ed enti che hanno condiviso e sostenuto il progetto per raggiungere il risultato finale di realizzare e aggiornare il REGISTRO con la raccolta banca dati delle possibili Family Angels ; Valorizzare e rendere operativo il registro/albo/elenco delle aspiranti Family Angels ; Sviluppare rapporti virtuosi tra le donne

4 In un contesto socio-economico nel quale persone anziane, disabili o bambini, in condizioni di non autosufficienza e di dipendenza, chiedono spesso che venga tutelato il proprio diritto alla domiciliarità, ricevendo a casa le cure giornaliere indispensabili, in Italia e in Trentino, così come in altri paesi dell Europa, si è affermato un sistema di welfare basato sull impiego diffuso di lavoratrici nella cura degli anziani o disabili, minori presso le famiglie. Rendendo la professione di cura e assistenza socialmente molto utile, sia perché fa risparmiare allo Stato Sociale risorse che altrimenti sarebbero spese in strutture sanitarie pubbliche e assistenziali, sia perché garantisce una soluzione alle molte donne che per diversi motivi non riescono da sole a prendersi cura dei cari non indipendenti.

5 Fasi del progetto: Coinvolgimento dei portatori d interesse: Partner, enti, organismi, associazioni; Processo della raccolta delle domande di partecipazione, importante il ruolo della Comunità e delle Associazioni, il progetto aveva previsto 12 partecipanti Attivazione del corso con individuazione delle materie e dei docenti Attivazione degli stage formativi cofinanziati dal progetto e dalle famiglie ospitanti con tutoraggio

6 Soggetti coinvolti partner del progetto: Comunità della Vallagarina Comune di Calliano Comune di Isera Comune di Nogaredo Comune di Pomarolo Comune di Vallarsa Comune di Volano Famiglia Materna Cooperativa Punto d Approdo

7 Lettera di partenariato sottoscritta dai comuni :

8 Il corso ed il progetto è stato promosso mediante la stampa locale e presso i comuni partner del progetto mediante locandine, promozione dei servizi sociali della Comunità; Sono state moltissime le domande e le telefonate di interessamento e non solo da parte di donne, in pochi giorni abbiamo avuto una quarantina di contatti; Il progetto prevedeva 12 donne in formazione e stage, lo abbiamo esteso a 18 vista la quantità di domande; E stato fatto un colloquio preventivo prima dell inizio del corso;

9

10 Il corso si è tenuto presso il centro Civico Brione a Rovereto per la parte in aula e presso il laboratorio del Punto d Approdo a Rovereto.

11 Composizione delle 15 partecipanti al corso

12 Comuni di residenza delle partecipanti

13 Età delle partecipanti

14 Sul Sito dell Associazione DxD è stata inserita la possibilità di registrarsi per domanda di lavoro dal sito ( pervenute circa 10 richieste )

15 Possibilità di registrarsi anche per offerta di lavoro dal sito ( pervenute 3 offerte )

16 TEST FINALE Al termine del corso è stato predisposta una prova articolata mediante un test vero e falso, una prova con risposte analitiche ed un questionario anonimo per capire il gradimento, il raggiungimento degli obiettivi e se il corso era tarato correttamente in relazione alle aspettative delle partecipanti. E stato poi organizzato un colloquio individuale per la consegna dei risultati.

17 RISULTATI TEST FINALE Il test vero o falso con domande predisposte dai docenti, due domande per materia affrontata nel corso. Ha avuto un esito medio di valutazione discreto, con punte anche di buono, dimostrando di avere appreso gli elementi fondamentali delle materie affrontate; Il questionario con risposte analitiche è stato sempre organizzato mediante due domande per docente, il risultato medio è stato la sufficienza, (da un minimo di non sufficiente a un massimo di buono) anche a causa della difficoltà di padronanza della lingua;

18 Risultati questionario anonimo

19 Risultati questionario anonimo

20 STAGE FORMATIVO Il progetto prevedeva inizialmente 24 ore di stage presso famiglie come inserimento lavorativo, con copertura dei costi cofinanziato tra il progetto e la famiglia ospitante. Si è attuato un inquadramento mediante Lavoro Occasionale Accessorio con pagamento mediante buoni di lavoro voucher, con retribuzione di Euro 10,00 lordi ora ( euro 7,50 netti ). Tutte le pratiche sono state gestite dall Associazione DxD Totale ore di stage realizzate 280, con una media di 18 ore

21 Consegna Attestato di Frequenza Family Angels

22

Relazione illustrativa del progetto o iniziativa

Relazione illustrativa del progetto o iniziativa CHIEDE ai sensi e per le finalità di cui alla Legge 136/2010 che tutti i pagamenti riguardanti il contributo assegnato per il sopra citato progetto, siano effettuati esclusivamente tramite lo strumento

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE

LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE LE DONNE TRA LAVORO FAMIGLIA E WELFARE Vicenza, 16 aprile 2013 Local Area Network s.r.l. p.tta Gasparotto, 8 35131 Padova tel. 049.80.46.411 fax 049.80.46.444 www.lanservizi.com info@lanservizi.com LA

Dettagli

DOMANDE RELATIVE ALL AZIENDA

DOMANDE RELATIVE ALL AZIENDA QUESTIONARIO CONOSCITIVO SULLE POLITICHE DI CONCILIAZIONE VITA&LAVORO E SUI SERVIZI DEL TERRITORIO PER UNA MIGLIORE QUALITA DI VITA Il questionario rientra in una indagine che il Comune di Pavia sta conducendo,

Dettagli

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

VOUCHER UNIVERSALE PER I SERVIZI

VOUCHER UNIVERSALE PER I SERVIZI C E N S I S VOUCHER UNIVERSALE PER I SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA La ricerca del Censis Sintesi Roma, 11 giugno 2014 Il Censis ha sviluppato un modello per stimare l impatto economico e sull occupazione

Dettagli

ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio

ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio 1 ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio Distretto Sanitario n.2 ( Cz Lido) Presentazione La Calabria negli ultimi anni ha visto progressivamente

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3414 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI IORI, GNECCHI, GIUSEPPE GUERINI,

Dettagli

Interven( della Regione Calabria per le poli(che di conciliazione Do#.ssa Elisa Mannucci

Interven( della Regione Calabria per le poli(che di conciliazione Do#.ssa Elisa Mannucci Interven( della Regione Calabria per le poli(che di conciliazione Do#.ssa Elisa Mannucci Dipar&mento Lavoro Poli&che della famiglia Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato Strumen( finanziari

Dettagli

una survey dell IRES

una survey dell IRES Seminario Le assistenti familiari nel lavoro di cura Incontro domanda offerta - formazione - emersione Roma, 28 ottobre 2009 - Cgil nazionale (Sala Santi) Le condizioni di lavoro: una survey dell IRES

Dettagli

PROGRAMMA SI.CON.TE Sistema di Conciliazione integrato

PROGRAMMA SI.CON.TE Sistema di Conciliazione integrato PROVINCIA DI PORDENONE UFFICIO POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Largo San Giorgio, 12 Pordenone Marca da bollo 14,62 PROGRAMMA SI.CON.TE Sistema di Conciliazione integrato Spazio riservato al protocollo Regolamento

Dettagli

Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione

Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione Daniela Oliva - IRS Bologna, 30 Giugno 2015 Una storia che inizia da lontano donne e lavoro 2007 - Analisi e

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

Frascati, Cari Colleghi,

Frascati, Cari Colleghi, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Frascati, Cari Colleghi, il nuovo Contratto Collettivo Nazionale Integrativo dell INFN, stipulato in data 3 novembre 2003, prevede, alla lett. e) dell articolo 4,

Dettagli

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A Cooperazione Sociale di tipo A Impresa tra: Welfare Non Profit Occupazione di genere "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 2 Primo Censimento

Dettagli

o Busta paga; o Fattura per collaboratori o prestatori esterni soggetti ad IVA. c) Documento che attesta l avvenuto pagamento della prestazione;

o Busta paga; o Fattura per collaboratori o prestatori esterni soggetti ad IVA. c) Documento che attesta l avvenuto pagamento della prestazione; REGIONE CALABRIA Dipartimento Lavoro, Formazione professionale, Politiche Sociali, Cooperazione e Volontariato Via Lucrezia della Valle 88100 Catanzaro MODALITÀ OPERATIVE DI RENDICONTAZIONE DEI VOUCHER

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa del Consigliere: Giovanni MACCHIAVELLO

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa del Consigliere: Giovanni MACCHIAVELLO Atti consiliari CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA ************************************************************************************************ VIII LEGISLATURA - DOCUMENTI - PROPOSTE

Dettagli

Promuovere il BEN-ESSERE della persona non autosufficiente. Corso di formazione per badanti a domicilio e in RSA

Promuovere il BEN-ESSERE della persona non autosufficiente. Corso di formazione per badanti a domicilio e in RSA U.P.I.P.A. s.c. Via Sighele n 7 38122 TRENTO Iscrizione all albo nazionale degli enti cooperativi N A158101 Iscrizione C.C.I.A.A. di Trento n 1367/2000 P.IVA 01671390225 Tel. 0461-390025 Fax. 0461-397791

Dettagli

Al via la regolarizzazione di collaboratori domestici e assistenti familiari

Al via la regolarizzazione di collaboratori domestici e assistenti familiari Al via la regolarizzazione di collaboratori domestici e assistenti familiari I contenuti del provvedimento e le osservazioni della Uil Pensionati Il 3 agosto il Parlamento ha approvato la regolarizzazione

Dettagli

Modello Organizzativo di Gestione Controllo e Compliance

Modello Organizzativo di Gestione Controllo e Compliance Modello Organizzativo di Gestione Controllo e Compliance 1 INTRODUZIONE I. Le finalità e i destinatari Il presente Codice Etico è una dichiarazione pubblica di APT ROVERETO E VALLAGARINA in cui sono individuati

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali L utilizzo dei voucher per le prestazioni di lavoro accessorio (Fonti: Dati MLPS e INPS) REPORT Roma, 22 marzo 2016 L utilizzo dei voucher per le prestazioni

Dettagli

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione

I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione I finanziamenti regionali per la famiglia e la conciliazione Sono state diffuse nel mese di dicembre le graduatorie relative ai due bandi inseriti nella DGR 2055 del 28 luglio 2011, relativi a progetti

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Viale San Francesco 5 c.a.p.

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias)

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) BANDO PUBBLICO PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTA - Linea di intervento 3 - CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro

Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale dell Immigrazione Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro Programmi del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

Allegato 2 RICERCA SULLE POLITICHE ATTIVATE IN ITALIA A LIVELLO LOCALE IN RELAZIONE AL FENOMENO DELLE ASSISTENTI FAMILIARI

Allegato 2 RICERCA SULLE POLITICHE ATTIVATE IN ITALIA A LIVELLO LOCALE IN RELAZIONE AL FENOMENO DELLE ASSISTENTI FAMILIARI Allegato 2 RICERCA SULLE POLITICHE ATTIVATE IN ITALIA A LIVELLO LOCALE IN RELAZIONE AL FENOMENO DELLE ASSISTENTI FAMILIARI Secondo stime prudenziali elaborate dal Censis sono 700-800 mila le badanti immigrate

Dettagli

La rete dei Comuni della Valpolicella e Baldo Garda Esperienza 2010

La rete dei Comuni della Valpolicella e Baldo Garda Esperienza 2010 Le reti che orientano La rete dei Comuni della Valpolicella e Baldo Garda Esperienza 2010 Progetto di orientamento per adulti 2010 - DGR 3214/09 Una nuova opportunità: comuni in rete per l orientamento

Dettagli

PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PROGETTO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ENTE PROPONENTE: C.I.D.E.S. Centro Internazionale dell Economia Sociale Consorzio di Cooperative Sociali SEDE ACCREDITATA: Via Cervellati, 1/f Bologna (BO) 40122 TITOLO

Dettagli

Aut. Min. DM 23.12.2003, circ. n. 25 del 2004 e n.7 del 2005 N prot.39/0005593/ma004.a003

Aut. Min. DM 23.12.2003, circ. n. 25 del 2004 e n.7 del 2005 N prot.39/0005593/ma004.a003 Aut. Min. DM 23.12.2003, circ. n. 25 del 2004 e n.7 del 2005 N prot.39/0005593/ma004.a003 CHI SIAMO Le Fate Turchine è un agenzia di servizi che seleziona e mette in contatto personale qualificato (Baby

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 Codice A15120 D.D. 11 dicembre 2014, n. 4 L.R. 9/2007 art. 24 - d.g.r. 33-743 del 5.12.2014. Approvazione bando regionale per l'assegnazione di contributi anno 2014 a

Dettagli

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli)

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) Adempimenti per l assunzione di una colf... 2 Gli scalini per l accesso alla

Dettagli

A.I.P.D.A. Sanitas S.r.l. Prestazioni Infermieristiche e Servizi Socio Sanitari

A.I.P.D.A. Sanitas S.r.l. Prestazioni Infermieristiche e Servizi Socio Sanitari La Aipda Sanitas è lieta di proporre alla SIULP della POLIZIA di STATO di Roma e Provincia una CONVENZIONE nel settore sanitario per tutti i suoi dipendenti e familiari, con l ausilio di personale medico

Dettagli

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali

Incubatore d impresa. Per sostenere le nuove idee imprenditoriali Incubatore d impresa Per sostenere le nuove idee imprenditoriali PRESENTAZIONE DELLA BUONA PRATICA L alta mortalità delle imprese nei primi anni di vita è spesso dovuta a una scarsa programmazione prospettica

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

L azione di conciliazione è finalizzata anche al perseguimento delle seguenti finalità:

L azione di conciliazione è finalizzata anche al perseguimento delle seguenti finalità: Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento ha lo scopo di definire le modalità e le procedure per la gestione e l erogazione dei voucher sociali da parte dell ex Ambito N.16 costituito

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

Città di Somma Lombardo Provincia di Varese

Città di Somma Lombardo Provincia di Varese Città di Somma Lombardo Provincia di Varese ELENCO BANDI E PRESTAZIONI ASSISTENZIALI OGGETTO SCADENZA BENEFICIARI REQUISITI e incompatibilità Dal 15 maggio al 30 giugno 2009 (1 bando) FONDO DI SOLIDARIETA

Dettagli

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro Pochi, molto qualificati e con performance occupazionali brillanti: l Indagine AlmaLaurea del 2015 fotografa

Dettagli

AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona

AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona CONVEGNO Servizi alla persona e occupazione nel welfare che cambia AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona REALIZZAZIONI E PROSPETTIVE Mario Conclave Roma,

Dettagli

Invito a presentare candidature per lo svolgimento di tirocinio lavorativi all estero

Invito a presentare candidature per lo svolgimento di tirocinio lavorativi all estero Palermo, 26/09/2013 Invito a presentare candidature per lo svolgimento di tirocinio lavorativi all estero Art 1 Cos è il programma settoriale Leonardo da vinci misura PLM: L azione tirocini transnazionali

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI I L C O N S I G L I O C O M U N A L E PREMESSO che l assistenza domiciliare

Dettagli

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 28/10/2004 COMUNE

Dettagli

Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016

Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016 Il welfare come motore dell economia: domiciliarità e servizi alla persona Giornata Nazionale della Previdenza Napoli, 12 maggio 2016 FRANCA MAINO Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, Università

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra L AUTORITÀ DI GESTIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ATTRATTORI CULTURALI, NATURALI E TURISMO (POIN) e LE PARTI ECONOMICHE E SOCIALI ED IL PARTENARIATO ISTITUZIONALE 1

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIRZION GNRAL PR IL MRCATO DL LAVORO Prot. n. 16/SGR/1044 del 16.02.2009 A Tutti gli indirizzi in allegato LORO SDI OGGTTO: Nota di chiarimento sugli adempimenti connessi alla comunicazione riguardante

Dettagli

Realizzate 3.305 assunzioni. Avviati 3.860 dispositivi

Realizzate 3.305 assunzioni. Avviati 3.860 dispositivi Regione Campania e Italia Lavoro Politiche del Lavoro integrate a favore di cittadini e imprese Napoli, gennaio 2012 1 1 In 18 mesi di attività Realizzate 3.305 assunzioni Avviati 3.860 dispositivi PROGRAMMA

Dettagli

Telefono Donna. Centro di ascolto e consulenza per la donna e la famiglia CHI SIAMO PERCHÈ SOSTENERCI

Telefono Donna. Centro di ascolto e consulenza per la donna e la famiglia CHI SIAMO PERCHÈ SOSTENERCI Telefono Donna Centro di ascolto e consulenza per la donna e la famiglia CHI SIAMO PERCHÈ SOSTENERCI Chi siamo Telefono Donna oltre 91.000 i casi seguiti Ispirato ai principi di solidarietà, responsabilità

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro

Assessorato alle Politiche Sociali. Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione, Formazione e Lavoro Progetto regionale Sistema integrato di servizi per le famiglie e gli assistenti familiari

Dettagli

DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva

DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva I Bando 2015 Fondazione della Provincia di Lecco 1. DESCRIZIONE DEL CONTESTO Studi demografici dimostrano che la longevità nel nostro paese aumenta

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

Obiettivo generale del Programma Nazionale

Obiettivo generale del Programma Nazionale Obiettivo generale del Programma Nazionale Realizzazione a livello nazionale di un sistema integrato di azioni finalizzate alla qualificazione dei servizi di cura e di assistenza alla persona, su tre linee

Dettagli

Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana

Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana Progetto Linguaggi PASSEPARTOUT POR Toscana Ob. -Competitività regionale e occupazione FSE 007 013 Asse IV Capitale umano A.D. 174 del 30.06.010

Dettagli

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ FONDAZIONE MANODORI Bando 2013 rivolto al Terzo Settore INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ 1. PREMESSA Stiamo vivendo un periodo storico connotato da una crisi economica che

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI NELLA PROVINCIA DI SIENA DICEMBRE 2010 INDICE Introduzione.3 1. Il settore sociale 3 2. Il settore dello spettacolo.5 3. Il settore della sicurezza..6 4.

Dettagli

ALLEGATO N.2. FORMULARIO DI PRESENTAZIONE DELL INIZIATIVA/PROGETTO (Linee di indirizzo 2012)

ALLEGATO N.2. FORMULARIO DI PRESENTAZIONE DELL INIZIATIVA/PROGETTO (Linee di indirizzo 2012) ALLEGATO N.2 FORMULARIO DI PRESENTAZIONE DELL INIZIATIVA/PROGETTO (Linee di indirizzo 2012) Titolo dell'iniziativa/progetto Anagrafica dell organizzazione proponente/capofila Codice Fiscale/P.IVA Sede

Dettagli

COOP. SOCIALE ONLUS TERZO MILLENNIO

COOP. SOCIALE ONLUS TERZO MILLENNIO COOP. SOCIALE ONLUS TERZO MILLENNIO INDICE ART. 1 Definizione e finalità ART. 2 Compiti degli operatori ART. 3 Requisiti di accesso al Registro ART. 4 Modalità di presentazione della domanda ART. 5 Procedimento

Dettagli

Pietro Cerrito Segretario Confederale CISL

Pietro Cerrito Segretario Confederale CISL La bilateralità e il welfare contrattuale. Colf e Badanti, una risorsa per le famiglie e per la società futura. Roma 2 febbraio 2011 Auditorium Via Rieti, 11 ore 9.30-13.30 Pietro Cerrito Segretario Confederale

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Calabria Le politiche conciliative nel Por Calabria FSE 2007/2013: la strategia del dual approach per garantire il gender mainstreaming

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano)

CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano) CARTA DEI SERVIZI ASILO NIDO Comune di Magnago (Milano) Sommario LA CARTA DEI SERVIZI...3 Sezione I...4 Introduzione al servizio...4 CHI SIAMO...5 DOVE SIAMO...5 CALENDARIO DI FUNZIONAMENTO...5 I NOSTRI

Dettagli

L.e.A. - Lavoro e Accoglienza

L.e.A. - Lavoro e Accoglienza L.e.A. - Lavoro e Accoglienza Ricerca intervento sul fenomeno della violenza sulle donne della Regione Abruzzo Linea di intervento B Ente attuatore: Le Onde Onlus Referente locale: Associazione femminile

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 760 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BELLANOVA, BENAMATI, BERRETTA, BOFFA, BORDO, BRAGA, BRANDOLINI, BUCCHINO, MARCO CARRA, CECCUZZI,

Dettagli

REGOLAMENTO del Sistema Integrato di Valutazione

REGOLAMENTO del Sistema Integrato di Valutazione REGIONE TOSCANA REGIONE TOSCANA Azienda USL3 di Pistoia REGOLAMENTO del Sistema Integrato di Valutazione - AREA della DIRIGENZA MEDICA e VETERINARIA - 1 Finalità La gestione degli incarichi e delle verifiche

Dettagli

Normative attuali sul rapporto di lavoro dei collaboratori di studio

Normative attuali sul rapporto di lavoro dei collaboratori di studio Normative attuali sul rapporto di lavoro dei collaboratori di studio Analisi dei costi e delle opportunità Relazione a cura del Dr. Giuseppe Motta Siracusa, 17 maggio 2013 Ambito di analisi Strutture sanitarie

Dettagli

Badanti e Assistenti Familiari Specializzati

Badanti e Assistenti Familiari Specializzati Presidenza della Giunta Regionale Provincia di Catanzaro Provincia di Cosenza Regione Calabria Ass. Formazione Professionale Corso di Formazione gratuito per Badanti e Assistenti Familiari Specializzati

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA PROGETTO COOPERATIVA GEMMA

RELAZIONE SINTETICA PROGETTO COOPERATIVA GEMMA RELAZIONE SINTETICA PROGETTO COOPERATIVA GEMMA CONTESTO SOCIO/ECONOMICO Nel territorio pratese si stimano oltre 3000 badanti munite per la maggior parte di permesso di soggiorno provenienti prevalentemente

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. Art. 35 Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. 1. La Regione, nelle more della piena attuazione delle politiche di sviluppo promosse al

Dettagli

Le proposte avanzate dal Forum a sostegno delle famiglie italiane. Le proposte per una nuova alleanza tra lavoro e famiglia

Le proposte avanzate dal Forum a sostegno delle famiglie italiane. Le proposte per una nuova alleanza tra lavoro e famiglia Convegno "Lavoro e Famiglia", organizzato dal Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro, Roma, 15 aprile 2009 Nell ambito delle attività del Forum delle Persone

Dettagli

numero di lavoratori 70.124 6.071 12 agosto 2014

numero di lavoratori 70.124 6.071 12 agosto 2014 12 agosto 2014 2 Il lavoro pagato con i voucher: da strumento per contrastare il lavoro nero a sistema per erodere il lavoro regolare e contrattuale In forte aumento nel Commercio e nei Servizi e nel lavoro

Dettagli

LE POLITICHE DI INSERIMENTO LAVORATIVO. Alessandra Spagnoli Febbraio 2012

LE POLITICHE DI INSERIMENTO LAVORATIVO. Alessandra Spagnoli Febbraio 2012 LE POLITICHE DI INSERIMENTO LAVORATIVO Alessandra Spagnoli Febbraio 2012 POLITICHE DI INSERIMENTO LAVORATIVO Progetti con Enti Pubblici (Regioni, Provincia, Comuni, FSE) attivazione di tirocini intra e

Dettagli

Ruolo della famiglia nella gestione della disabilità

Ruolo della famiglia nella gestione della disabilità Associazione Culturale G. Dossetti MALATTIE RARE E DISABILITA Palazzo Marini Camera dei Deputati Roma,1 Dicembre 2006 Ruolo della famiglia nella gestione della disabilità Anna Maria Comito Presidente COFACE-Handicap

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU53 31/12/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 5 dicembre 2014, n. 33-743 Assegnazione di contributi per l'anno 2014 a favore degli Organismi di collegamento e coordinamento, formati

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

Comune di Boscotrecase (Prov. di Napoli) - Cap: 80042 Indirizzo: Via Rio, 2 Tel. 081/5373838 5373707 Fax 081/8587201 C.F.

Comune di Boscotrecase (Prov. di Napoli) - Cap: 80042 Indirizzo: Via Rio, 2 Tel. 081/5373838 5373707 Fax 081/8587201 C.F. IL RESPONSABILE DEL 1 SETTORE In esecuzione alla deliberazione di G.C. n 69 del 29.4.2008; A V V I S A Che è indetta selezione pubblica per l affidamento dei servizi di: Assistenza domiciliare anziani

Dettagli

LA PICCOLA CASA DEL RIFUGIO Ente Morale R. D. 13 Ottobre 1885 Via Antonini 3, 20141, Milano

LA PICCOLA CASA DEL RIFUGIO Ente Morale R. D. 13 Ottobre 1885 Via Antonini 3, 20141, Milano Residenza Sanitario - assistenziale per Anziani (RSA) Residenza Sanitario - assistenziale per Disabili (RSD) Centro Diurno Integrato per Anziani (CDI) CODICE ETICO Approvato il 1 dicembre 2014 LA PICCOLA

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C

SOGGETTO ATTUATORE (indicare il Partner interessato): La Biotre.sas di Cappella Giuseppe, & C AZIONE 3: attivazione di accordi sugli orari e sull organizzazione del lavoro, volti a favorire forme di flessibilità finalizzate alla conciliazione dei tempi di vita familiare e di lavoro dei lavoratori

Dettagli

VADEMECUM BUONI AVORO. per il lavoro occasionale accessorio

VADEMECUM BUONI AVORO. per il lavoro occasionale accessorio VADEMECUM BUONI AVORO per il lavoro occasionale accessorio COSA SONO I Buoni Lavoro (o voucher) sono un sistema diretto per il pagamento di servizi di breve durata destinati alle aziende e ai privati.

Dettagli

BUONI AVORO VADEMECUM. per il lavoro occasionale accessorio

BUONI AVORO VADEMECUM. per il lavoro occasionale accessorio vademecum orizzontale_layout 1 08/03/12 15:32 Pagina 1 VADEMECUM Prodotto a cura di Italia Lavoro in collaborazione con Inps nell ambito del progetto Diffusione del Buono Lavoro per il lavoro occasionale

Dettagli

OPERAZIONI FINANZIABILI

OPERAZIONI FINANZIABILI Allegato parte integrante Operazioni finanziabili OPERAZIONI FINANZIABILI ESTRATTO DELLA SEZIONE DELLE AZIONI A COFINANZIAMENTO DEL FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA DELLE ATTIVITA FORMATIVE 2010-2011 (deliberazione

Dettagli

Breve sunto del. di Giovanni Olivero. Come contattare CampusLab

Breve sunto del. di Giovanni Olivero. Come contattare CampusLab La storia di CampusLab, le sue iniziative e i suoi progetti si trovano sul sito www.campuslab.eu. Breve sunto del Come contattare CampusLab c/o Palazzo dell Economia e del Lavoro Luigi Einaudi Via Lungo

Dettagli

Progetti di azione positiva

Progetti di azione positiva Programma obiettivo 2012 del Comitato Nazionale di Parità per l incremento e la qualificazione dell occupazione femminile, per la creazione, lo sviluppo e il consolidamento di imprese femminili, per la

Dettagli

I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI

I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI I NUOVI COMITATI UNICI DI GARANZIA A TUTELA DEI DIRITTI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI COMPITI E ATTIVITA DEI COMITATI UNICI: PROPOSTE E RIFLESSIONI Nella amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN SITUAZIONE DI SVANTAGGIO LINEA D INTERVENTO 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA

Dettagli

COMUNE DI VERTEMATE CON MINOPRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D ONORE

COMUNE DI VERTEMATE CON MINOPRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D ONORE COMUNE DI VERTEMATE CON MINOPRIO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PRESTITO D ONORE Approvato dal Consiglio Comunale con la deliberazione n. 9 del 31/03/2015 REGOLAMENTO SUL PRESTITO D ONORE Art. 1 Oggetto

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE PER PROMUOVERE POLITICHE DI CONCILIAZIONE NELLE RCT (reti di conciliazione territoriali)

LA CONTRATTAZIONE PER PROMUOVERE POLITICHE DI CONCILIAZIONE NELLE RCT (reti di conciliazione territoriali) LA CONTRATTAZIONE PER PROMUOVERE POLITICHE DI CONCILIAZIONE NELLE RCT (reti di conciliazione territoriali) In Regione Lombardia il tasso di attività delle donne tra i 15 e 64 anni si attesta al 62,8 %contro

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 0472 PROGETTO DI LEGGE N. 0009. di iniziativa dei Consiglieri regionali:

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 0472 PROGETTO DI LEGGE N. 0009. di iniziativa dei Consiglieri regionali: REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 0472 PROGETTO DI LEGGE N. 0009 di iniziativa dei Consiglieri regionali: Borghetti, Alfieri, Alloni, Barzaghi, Brambilla, Carra, D'Avolio, Gaffuri,

Dettagli

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati)

SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA. PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) PROVINCIA DI LATINA SPORTELLO DISTRETTUALE INFORMATIVO E DI ACCOGLIENZA PER GLI IMMIGRATI (Informazione e accesso ai diritti per immigrati) Ai sensi della Deliberazione di Giunta Regionale n. 792 del 31

Dettagli

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito Delega Assessorile in materia di Servizi Sociali, Rapporti con Azienda Ospedaliera e A.S.L., Casa Comunale di Soggiorno Anziani, La legge 328 del 2000, attesa per oltre un secolo, ha dotato il sistema

Dettagli

Protocollo d intesa per il Registro Provinciale Co-Manager

Protocollo d intesa per il Registro Provinciale Co-Manager Protocollo d intesa per il Registro Provinciale Co-Manager Provincia autonoma di Trento - Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili Provincia autonoma di Trento - Agenzia del Lavoro

Dettagli

RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY

RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY RAPPORTO AGLI STAKEHOLDER PROGETTO WELL CARE FAMILY Rapporto agli stakeholder Progetto WELL CARE FAMILY 1 INDICE L ORIGINE DEL PROGETTO WELL CARE FAMILY... 2 IL PROGETTO WELL CARE FAMILY... 6 1. Sistema

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN MODELLO PREVISIONALE DEL FABBISOGNO DI SERVIZI ASSISTENZIALI ALLA PERSONA

ELABORAZIONE DI UN MODELLO PREVISIONALE DEL FABBISOGNO DI SERVIZI ASSISTENZIALI ALLA PERSONA ELABORAZIONE DI UN MODELLO PREVISIONALE DEL FABBISOGNO DI SERVIZI ASSISTENZIALI ALLA PERSONA Presentazione dei risultati delle indagini Giuseppe Roma, DG Censis Roma, 14 maggio 2013 Metodologia Indagine

Dettagli

Aut. Min. DM 23.12.2003, circ. n. 25 del 2004 e n.7 del 2005 N prot.39/0005593/ma004.a003

Aut. Min. DM 23.12.2003, circ. n. 25 del 2004 e n.7 del 2005 N prot.39/0005593/ma004.a003 Aut. Min. DM 23.12.2003, circ. n. 25 del 2004 e n.7 del 2005 N prot.39/0005593/ma004.a003 CHI SIAMO Le Fate Turchine è un agenzia di servizi che seleziona e mette in contatto personale qualificato (Baby

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI VOUCHER SOCIALI A FINALITA MULTIPLA

AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI VOUCHER SOCIALI A FINALITA MULTIPLA AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI VOUCHER SOCIALI A FINALITA MULTIPLA (DI CUI ALL'INTESA STATO REGIONI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO, AL PROGRAMMA ASSAP VOUCHER ASSISTENTI FAMILIARI E

Dettagli

ARMONIZZARE FAMIGLIA E LAVORO: IL FONDO PARITETICO PER LA CONCILIAZIONE LA PROPOSTA DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI

ARMONIZZARE FAMIGLIA E LAVORO: IL FONDO PARITETICO PER LA CONCILIAZIONE LA PROPOSTA DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI ARMONIZZARE FAMIGLIA E LAVORO: IL FONDO PARITETICO PER LA CONCILIAZIONE LA PROPOSTA DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI Il Forum delle Associazioni Familiari raggruppa al proprio interno oltre 50 associazioni

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Giorgio Gasparini Vignola (MODENA)

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Giorgio Gasparini Vignola (MODENA) Anno 2013-2014 Accreditamento delle strutture socio- sanitarie Obiettivo: strumenti per l ascolto, la partecipazione e la rilevazione del gradimento da parte di ospiti e familiari. Questionario di gradimento

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli