Logistica Urbana il caso di Roma

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Logistica Urbana il caso di Roma"

Transcript

1 Corso di LOGISTICA TERRITORIALE DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Logistica Urbana il caso di Roma

2 Dimensione del fenomeno (1/2) Flussi veicolari veic/giorno veic/giorno Totale Merci 5,7% veic/giorno veic/giorno 2

3 Dimensione del fenomeno (2/2) Quantità Tipologia merceologica Emessa (t) Attratta (t) Δ Emessa/attratta Abbigliamento ,8% Accessori casa ,4% Altro ,0% Articoli cancelleria ,5% Igiene casa/personale ,0% Materiale edile ,1% Prodotti alimentari ,8% Ttl Totale complessivo ,5% 3

4 Misure di regolamentazione vigenti (1/3) Le principali p regolamentazioni attuate negli ultimi anni riguardano: attivazione dei varchi elettronici (1 ottobre 2001) per il controllo degli accessi alla ZTL del centro storico, con la dfiii definizione dll delle fasce orarie edll delle modalità di accesso per i veicoli adibiti al trasporto merci revisione dei requisiti per il rilascio dei permessi merci con divieto assoluto per i veicoli inquinanti immatricolati prima del 1992 (Euro 0) a partire dal 1 gennaio

5 Misure di regolamentazione vigenti (2/3) revisione dei criteri di rilascio ed onerosità del permesso a partire dal 2007 per l ingresso nella ZTL, con incentivi a favore dll delle auto ecologiche. estensione delle misure vigenti nella ZTL centro storico ai rioni Monti ed Esquilino con perimetrazione della cosiddetta ZTL Merci divieto permanente di accesso e di circolazione, a partire dal l Gennaio 2008, all interno dell Anello Ferroviario per gli autoveicoli Pre-Euro 1 e Euro 1 5

6 Misure di regolamentazione vigenti (3/3) Nella ZTL merci (Del. 856/2000 e Del. 44/2007): peso a pieno carico superiore a 35 q.li dalle ore alle ore 7.00 senza contrassegno fino a 35 q.li (nella ZTL controllata dai varchi solo se dotati di contrassegno) nelle seguenti fasce orarie: I Fascia dalle ore alle ore 10.00; II Fascia dalle ore alle ore

7 Dimensione del fenomeno Indagine La campagna di indagine è stata articolata in: Conteggi di traffico (20/11/ /11/2007) ZTL merci periodo di rilevazione: 14 ore (dalle 7:00 alle 21:00) Interviste agli operatori economici ZTL merci circa 575 interviste utili Interviste ai vettori ZTL merci circa 502 interviste utili

8 Area di progetto 16 Rioni (zone di traffico) 28 sezioni di rilievo ZTL merci 8

9 Area di progetto Caratteristiche socio-economiche Popolazione residente ed Addetti 9

10 Indagine Conteggi SEZ. n VIA data Esempio di scheda di rilievo DIREZIONE DIREZIONE A A B ,00-07,15 07,15-07,30 07,30-07,45 07,45-08,00 08,00-08,15 08,15-08, ,30-08, 45 08,45-09, B ,00-07,15 07,15-07,30 07,30-07,45 07,45-08, 00 08,00-08, 15 08,15-08, 30 08,30-08, 45 08,45-09, A ,00-09,15 09,15 09,15-09,30 09,30 09,30-09,45 09,45 09,45-10, ,00-10, ,15-10, 30 10,30-10, 45 10,45-11,00 11,00 B ,00-09,15 09,15-09,30 09,30 09,30-09,45 09,45-10, 0, ,00-10, 15 10,15-10, 0,30 10,30-10, 45 10,45-11,00,00 1 moto e motorini Rilevatore 2 auto 3 taxi 4 bus ATAC e veicoli AMA pesanti 10

11 Indagine 1/4 Intervista operatori economici Esempio informazioni rilevate dati identificativi dell azienda; la prima sezione è divisa in 8 paragrafi dove vengono raccolte informazioni: sul nome dell azienda; la sede ed il rione di appartenenza; le superfici rispettivamente dell area di vendita e dell area adibita a magazzino; l indirizzo del magazzino ed il relativo rione (se diverso da quello di vendita); il numero di addetti; la tipologia i dll dell azienda d (esercizio i commerciale, il impresa artigianale, i venditore su area pubblica e produzione); il tipo di attività (dettagliante, grossista, grande magazzino); il settore di attività (abbigliamento, arredamento, bar, ecc.); trasporto in conto proprio; la seconda sezione è divisa in 2 paragrafi; le informazioni riguardano il trasporto delle merci caricateescaricateepermettedirilevareseèfattodeltrasportoinconto proprio e nel caso in cui viene svolto questo tipo di trasporto viene chiesto quanti e quali veicoli possiede l azienda per svolgere le operazioni di consegna/presa sia di proprietà che di contratto; le classi veicolari considerate sono assimilabili rispettivamente alle categorie di veicoli con peso a pieno carico inferiore a 1,5 t, compreso tra 1,5 e 3,5 t e superiore a 3,5 t, utilizzati per le indagini ai vettori/trasportatori; tipologia delle consegne ai clienti; la sezione è divisa in 5 paragrafi; il primo è relativo alla frequenza con cui l azienda consegna: i periodi temporali considerati sono il giorno, la settimana, il mese, l anno; nel secondo paragrafo viene chiesto di classificare, all interno di quattro intervalli, la frequenza con cui si spedisce la merce di una determinata classe di peso; nel terzo paragrafo si indicano gli orari in cui vengono abitualmente effettuate le consegne dall azienda ai clienti; il quarto paragrafo concerne il tempo impiegato per ogni consegna, mentre nell ultimo paragrafo viene lasciato uno spazio da utilizzare per eventuali chiarimenti sulla tipologia di consegna; 11

12 Indagine 2/4 Intervista operatori economici tipologia degli approvvigionamenti; la sezione è divisa in 7 paragrafi in cui, in analogia a quanto chiesto nella sezione 3, vengono chieste informazioni circa la frequenza delle consegne, la quantità ricevuta, la tipologia di veicolo utilizzata, l orario di consegna, la tipologia di attività da cui proviene la merce (es. unità produttiva, centro di distribuzione, etc.); infine l ultimo paragrafo è destinato a raccogliere utili chiarimenti sulla tipologia di consegna; tipologia di sosta; la sezione in questione è divisa in 3 paragrafi; vengono indicati il tipo di sosta durante le operazioni di consegna/presa della merce; la disponibilità a ricevere le consegne in orari differenti da quelli di apertura delle aziende; gli orari preferiti per la consegna della merce; principali problemi; in questa sezione viene richiesto agli intervistati di indicare le principali problematiche riscontrate dall azienda nelle operazioni di carico e scarico della merce; suggerimenti per il miglioramento ili dlt del trasportot merci nel centro di Roma; l ultima sezione viene utilizzata per raccogliere suggerimenti, sia di tipo tecnico che amministrativo, per il miglioramento del trasporto e della distribuzione delle merci nell area romana. 12

13 Indagine 3/4 Intervista operatori economici Esempio di scheda di intervistaista 13

14 Indagine 4/4 Intervista operatori economici 14

15 Indagine 1/4 Vettori Esempio di informazioniioni rilevate informazioni anagrafiche; in questa sezione sono raccolte le informazioni sulle caratteristiche dell intervistato in termini di qualifica e localizzazione dell impresa a cui fa capo; caratterizzazione edella modalità di trasporto; o; in essa vengono raccolte delle informazioni sulle caratteristiche tecniche del veicolo, quali marca e modello, presenza di rimorchio, tipo di alimentazione, tipo di allestimento, peso a pieno carico, requisiti eco-ambientali; caratterizzazione i dell atto ll tt di trasporto; t in questa sezione vengono investigati il motivo dello spostamento (carico, scarico, tentata vendita, squadre di lavoro), la proprietà del veicolo, per conto di chi viene effettuato il trasporto e con quale frequenza; 15

16 Indagine 2/4 Vettori informazione del viaggio; in questa sezione viene indagata lo spostamento effettuato in termini di origine dello spostamento, tipologia di mittente e destinatario (unità produttiva, magazzino, deposito, etc.), destinazioni i i dll dellacatena degli spostamenti ti (sequenza di soste all interno dll dell area di studio con specifica del tipo di operazione, della tipologia e quantità di merce, nonché del tempo impiegato per ciascuna operazione); tipologia i di sosta; questa sezione sulla tipologia di sosta per il carico e lo scarico merci mira a stimare in che percentuale vengono utilizzate le piazzole di sosta e le eventuali cause del non utilizzo; suggerimenti per il miglioramento ili dlt del trasportot merci nell area romana. 16

17 Indagine 3/4 Vettori Esempio di scheda di rilievo 17

18 Indagine 4/4 Vettori 18

19 Composizione del traffico urbano 19

20 Conteggi di Traffico Confronto con 1999 Intervallo di rilievo: 7:00 18:00 Transiti auto passeggeri: 1999: : % Transiti veicoli commerciali: 1999: : %

21 Flussi rilevati veic/giorno veic/giorno Totale transiti veicoli commerciali Indagine Indagine Δ (%) % veic/giorno veic/giorno + 1,6% annuo 21

22 Composizione del parco circolante Tipo Veicolo Totale moto e motorini autovetture taxi bus ATAC e veicoli pesanti AMA bus turistici autofurgoni con di peso totale a terra (p.t.t.) fino a 1,5 t furgoni con di peso totale a terra (p.t.t.) fino a 3,5 t autocarri con di peso totale a terra (p.t.t.) fino a 8,5 t Ttl Totale Totale Merci 5,7% bus turistici 0,6% bus ATAC e veicoli pesanti AMA 2,7% taxi 5,9% autofurgoni di peso totale a terra (p.t.t.) fino a 1,5 t furgoni di peso totale a terra (p.t.t.) fino a 3,5 t 3,2% 1,9% autocarri di peso totale a terra (p.t.t.) fino a 8,5 t 0,6% moto e motorini 27,0% autovetture 58,2% 22

23 Variazione composizione flotta merci Aumento di dei veicoli più leggeri a fronte dll della diminuzionei i di dei veicoli più pesanti. Tipo Veicolo indagine indagine Autofurgoni di peso totale a terra (p.t.t.) fino a 1,5 t 57% 26% Furgoni di peso totale a terra (p.t.t.)finoa3,5t t 33% 50% Autocarri di peso totale a terra (p.t.t.) fino a 8,5 t 10% 22% Altri veicoli merci 2% Totale 100% 100% 23

24 Tipologie di attività economiche % autovetture 69% furgoni 25% autocarro 6% Tipo di attività % Esercizio commerciale e pubblico esercizio 85% Impresa artigianale 13% Unità di produzione o rivenditore su area pubblica 2% Tipo di azienda % Esercizio commerciale 2,98 Impresa artigianale 2,37 24

25 Tipologie di attività economiche Superficie di vendita Superficie di magazzino 25

26 Il rifornimento 1/4 Distribuzione di approvvigionamento Frequenza di approvvigionamento 26

27 Il rifornimento 2/4 Distribuzione per luogo di approvvigionamento Distribuzione oraria di approvvigionamento 27

28 Il rifornimento 3/4 Caratterizzazione della sosta per il rifornimento 28

29 Il rifornimento 4/4 Orari di rifornimento Disponibilità a ricevere in orari differenti da quelli di apertura 29

30 Il parco veicolare merci 30

31 Utilizzo delle aree di carico/scarico Motivazioni i i del non utilizzo delle piazzole di sosta Distribuzione di approvvigionamento 31

32 La domanda di trasporto Tipologia merceologica Emessa (t/g) ZTL merci Attratta (t/g) Δ (emessa/attratta) Abbigliamento ,5% Accessori Casa ,1% Altro ,1% Articoli Cancelleria ,3% Igiene Casa/Personale 0, ,1% Materiale Edile ,0% Prodotti Alimentari ,6% Totale complessivo ,3% 32

33 Scenari di intervento Scenari di progetto 2009: Parco veicolare aumento parco circolante dell 1,6% (trend di crescita degli ultimi anni) SC1: Parco veicolare divieto di transito e sosta nell area ai veicoli Euro 0 (applicazione rigida dalla normativa in vigore) SC2: SC1 + divietoi di transito e sosta nell area ai veicoli Euro 1 e 2 + introduzione dell Euro 5 SC3: SC1 + realizzazione di un Centro di Distribuzione Urbana delle merci e distribuzione con veicoli elettrici 33

34 Emissioni al 2008 Emissioni (t/anno) CO ,42 99,4 % NO x 137,97 VOC 17,62 Emissioni anno 2008 (t/anno) PM 2, ,25 TOTALE PM2,5 VOC 925 9,25 17,62 NOx CO2 137, ,

35 Scenari di intervento Stima delle emissioni inquinanti Emissioni (t/anno) CO2 Emissioni (t/anno) NOx , , , , , SC1 SC2 SC ,97 139,98 134,47 107,16 100,94 + 1,47 + 1,45-4,55-23,88 + 1,47-2,54-22,33-26, SC1 SC2 SC3 Emissioni (t/anno) di PM2,5 Emissioni (t/anno) VOC 10 9,25 9,34 8, ,62 17,69 8 7,22 6, ,53 9,37 10, SC1 SC2 SC SC1 SC2 SC ,40-23,21-46,82-42,28 + 0,97-4,22-21,95-28,22 35

36 Scenari di intervento I costi esterni euro/t CO NO x VOC PM 2, Costo esterno (euro/anno) ,24-1,89-15, , SC1 SC2 SC3 36

37 Scenari di intervento Confronto 2009 SC1 SC2 SC3 Δ euro/anno rispetto al Numero di veicoli sostituiti Incentivo ( ) Situazione dello scenario (SC3) euro Costo realizzazione per le opere civili ( ) Costo di acquisto unità di movimentazione ( ) Costo di gestione annuo del CDU ( ) Vita utile + realizzazione (anni) V.A.N S.R.I 41,5 % 37

38 Corso di LOGISTICA TERRITORIALE DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Modelli di domanda Appendice 38

39 Un sistema di modelli di stima della domanda merci Struttura generale 1 LIVELLO Matrici O/D in quantità 2 LIVELLO Matrici O/D in consegne 3 LIVELLO Matrici O/D in veicoli

40 Area di progetto Distribuzione Addetti Totali in base al Censimento 2001

41 Area di progetto Quantità totale Addetti ingrosso Quantità emessa (kg/g)

42 Area di progetto Quantità totale attratta Addetti al dettaglio Quantità attratta (kg/g)

43 Area di progetto Classe Merceologica - Abbigliamento Addetti al dettaglio Quantità attratta (kg/g)

44 Area di progetto Classe Merceologica Accessori Casa Addetti al dettaglio Quantità attratta (kg/g)

45 Area di progetto Classe Merceologica - Altro Addetti al dettaglio Quantità attratta (kg/g)

46 Area di progetto Classe Merceologica Articoli cancelleria Addetti al dettaglio Quantità attratta (kg/g)

47 Area di progetto Classe Merceologica Igiene Casa/Personale Quantità attratta (kg/g) Addetti al dettaglio

48 Area di progetto Classe Merceologica Materiale Edile Quantità attratta (kg/g) Addetti al dettaglio

49 Area di progetto Classe Merceologica Prodotti Alimentari Quantità attratta (kg/g) Addetti al dettaglio

50 Area di progetto Classe Merceologica - Abbigliamento Quantità emessa (kg/g)

51 Area di progetto Classe Merceologica - Altro Quantità emessa (kg/g)

52 Area di progetto Classe Merceologica Prodotti Alimentari Quantità emessa (kg/g)

53 Modello di attrazione Classe Merceologica Abbigliamento [t/giorno] Modello 1 β-abbigliamento 0,09 t-student 299 2,99 β-asa(downtown) 134,54 t-student 3,18 ρ ,75 Δ (modello vs rilevata) 4,6%

54 Modello di attrazione Classe Merceologica Accessori casa [t/giorno] Modello 1 β-accessori_casa casa 155 1,55 t-student 2,52 β-asa(downtown) 240,74 t-student 2,53 ρ ,79 Δ (modello vs rilevata) 18,6%

55 Modello di attrazione Classe Merceologica Altro [t/giorno] Modello 1 β-altro 1,16 t-student 3,48 β-asa(downtown) 191,13 t-student 3,53 ρ 2 0,80 Δ (modello vs rilevata) 1,2%

56 Modello di attrazione Classe Merceologica Articoli cancelleria [t/giorno] Modello 1 β-articoli Articoli_cancelleria cancelleria 2,88 t-student 1,85 β-asa(downtown) 311,28 t-student 4,90 ρ 2 0,89 Δ (modello vs rilevata) 3,5%

57 Modello di attrazione Classe Merceologica Igiene casa / personale [t/giorno] Modello 1 β-igiene_casa_personale 0,12 t-student 0,85 β-asa(downtown) 41,66 t-student 2,35 ρ 2 0,59 Δ (modello vs rilevata) 6,6%

58 Modello di attrazione Classe Merceologica Materiale edile [t/giorno] Modello 1 β-materile_edile t-student 1,32 8,93 ρ 2 0,89 Δ (modello vs rilevata) 18,6%

59 Modello di attrazione Classe Merceologica Prodotti alimentari [t/giorno] Modello 1 β-prodotti_alimentari 168 1,68 t-student 1,71 β-asa(downtown) 588,55 t-student 7,98 ρ 2 0,92 Δ (modello vs rilevata) 3,6%,

60 Applicazione ad un caso reale Modello di Acquisizione ( ) β1 β 2 A ( ) o C od ( ) 1 2 A ( ) o' C o' d p [ o/d ] = β β o' 1 LIVELLO 2 LIVELLO 3 LIVELLO Filiera Merceologia A o Addetti all ingrosso C od Distanza in linea d aria β 1 β 2 Prodotti Alimentari 0,510-0,461 Parafarmacia/Igiene 2,965-0,077 Altro 0,168-0,269 Quantità totale 0,374-0,417

61 Applicazione ad un caso reale Aliquote di Rifornimento 1 LIVELLO 2 LIVELLO 3 LIVELLO p[ r / od] è l aliquota di merce trasportata con la tipologia di rifornimento r Dettagliante Centro di Rifornimento Trasportatore Totale Prodotti Alimentari 0,11 0,70 0,19 1,00 Parafarmacia/Igiene 0,03 0,66 0,31 1,00 Altro 0,20 0,37 0,43 1,00 Media 0,17 0,48 0,35 1,00

62 Applicazione ad un caso reale Quantità media consegnata 1 LIVELLO 2 LIVELLO 3 LIVELLO [ ] è la quantità di merce della filiera merceologica s consegnata qr con la tipologia di rifornimento r valore medio di merce consegnata [kg/consegna] qr Filiera Merceologica [ ] Prodotti alimentari 372 Parafarmacia/ Igiene 284 Altro 612

63 Applicazione ad un caso reale Aliquote di rifornimento per tipologia di veicolo p [ v / odr ] = f ( r,s,h) 1 LIVELLO 2 LIVELLO 3 LIVELLO Filiera Merceologia Tipologia di veicolo Dettagliante Centro di rifornimento Trasportatore Prodotti alimentari Leggeri (p.t.t.<15q) 0,68 0,32 0,68 Medi (p.t.t. da 15a 35q) 0,32 0,68 0,32 Totale 100 1, , ,00 Parafarmacia/ Igiene Leggeri (p.t.t.<15q) 1,00 0,60 0,99 Medi (p.t.t. da 15a 35q) 0,00 0,40 0,01 Totale 1,00 1,00 1,00 Altro Leggeri (p.t.t.<15q) 0,39 0,31 0,30 Medi (p.t.t. da 15a 35q) 0,61 0,69 0,70 Totale 1,00 1,00 1,00

64 Applicazione ad un caso reale Aliquote di rifornimento fascia oraria p [ τ /od] = f ( o,d ) 1 LIVELLO 2 LIVELLO 3 LIVELLO Prodotti Alimentari Parafarmacia/ Igiene Altro Prima 9am 30% 47% 27% 9am 11am 40% 32% 31% 11am 1pm 24% 19% 21% 1pm-4pm p 6% 2% 20% Dopo 4pm 0% 0% 0% Totale 100% 100% 100%

65 Applicazione ad un caso reale Quantità media trasportata 1 LIVELLO 2 LIVELLO 3 LIVELLO QMT [ v] è la quantità media di merce di tipologia s trasportata da ciascun veicolo di tipo v Filiera merceologica Tipologia di veicolo QMT [ v] [ kg] Prodotti Alimentari Leggeri (p.t.t.<15q) 739 Medi (p.t.t. da 15a 35q) Parafarmacia/ Igiene Leggeri (p.t.t.<15q) Medi (p.t.t. da 15a 35q) 568 Altro Leggeri (p.t.t.<15q) 833 Medi (p.t.t. da 15a 35q) 2.046

66 Confronto modello vs rilievo Variazione Veicoli (veic/g) -1,55% Consegne (cons/g) -2,15%

Logistica Urbana il caso di Roma

Logistica Urbana il caso di Roma Corso di LOGISTICA TERRITORIALE http://didattica.uniroma2.it 2014 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Logistica Urbana il caso di Roma Dimensione del fenomeno (1/2) Flussi veicolari 256.965 veic/giorno

Dettagli

Logistica Urbana il caso di Roma

Logistica Urbana il caso di Roma Corso di LOGISTICA TERRITORIALE http://didattica.uniroma2.it 2015 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Logistica Urbana il caso di Roma Dimensione del fenomeno (1/2) Flussi veicolari 256.965 veic/giorno

Dettagli

LOGISTICA URBANA Esempio di Indagini: Area Centrale di Roma

LOGISTICA URBANA Esempio di Indagini: Area Centrale di Roma Corso di LOGISTICA TERRITORIALE http://didattica.uniroma2.it 2016 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo LOGISTICA URBANA Esempio di Indagini: Area Centrale di Roma Dimensione del fenomeno (1/2) Flussi veicolari

Dettagli

Distribuzione delle Merci : dalle Regole ai Sistemi

Distribuzione delle Merci : dalle Regole ai Sistemi Piano Urbano del Traffico Urbano di Roma Capitale Distribuzione delle Merci : dalle Regole ai Sistemi Alessandro Fuschiotto Citytech, Roma 11 giugno 2014 La ZTL merci di Roma ha un estensione di 6 Km 2

Dettagli

Allegato A.6 Indicatori di monitoraggio e schemi di rilevazioni delle informazioni

Allegato A.6 Indicatori di monitoraggio e schemi di rilevazioni delle informazioni Allegato A.6 Indicatori di monitoraggio e schemi di rilevazioni delle informazioni 191 A.6 Indicatori di monitoraggio e schemi di rilevazioni delle informazioni A.6.1 Indicatori di monitoraggio del Piano

Dettagli

Misure di Logistica Urbana

Misure di Logistica Urbana Corso di LOGISTICA TERRITORIALE http://didattica.uniroma2.it marzo 2013 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Misure di Logistica Urbana Misure di logistica urbana Strategie Riduzione del numero di veicoli

Dettagli

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes»

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Dalla distribuzione urbana alla smart logistics Fulvio Lino Di Blasio

Dettagli

metropolitane Esempi applicativi

metropolitane Esempi applicativi Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt_20112011 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Domanda merci nella aree urbane e metropolitane Esempi applicativi Mello di domanda Matrici OD

Dettagli

Pre Mitel. Metodi di programmazione logistica 01/12/2010 1

Pre Mitel. Metodi di programmazione logistica 01/12/2010 1 Pre Mitel Metodi di programmazione logistica Giulio Gencarelli 01/12/2010 1 Programmazione Definizione delle azioni da realizzare sulla base delle risorse effettivamente disponibili; Quadro di sviluppo

Dettagli

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA

AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 17 luglio 2014 Piano Regionale degli Interventi sulla qualità dell Aria (PRIA) Misure sulla mobilità Settori e misure del piano AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE TRASPORTI

Dettagli

metropolitane OD in veicoli

metropolitane OD in veicoli Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt2010 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Domanda merci nella aree urbane e metropolitane OD in veicoli Modello di domanda Matrici OD Struttura

Dettagli

Città di Torino. Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS

Città di Torino. Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS Città di Torino Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS Intermodalità e logistica: il Nord Ovest piattaforma fra Italia e Europa Il trasporto delle merci è il trasferimento di beni

Dettagli

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO VIII Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE Roma, 5 novembre 2003 PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO Massimo Capobianco, Giorgio Zamboni

Dettagli

Corso di TECNICA E TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE + TRASPORTI E TERRITORIO www.uniroma2.it/didattica/ttc_tt. DOCENTE prof. ing.

Corso di TECNICA E TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE + TRASPORTI E TERRITORIO www.uniroma2.it/didattica/ttc_tt. DOCENTE prof. ing. Corso di TECNICA E TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE + TRASPORTI E TERRITORIO www.uniroma2.it/didattica/ttc_tt DOCENTE Trasporto Logistica urbano Urbana delle merci Trasporto merci Definizioni Trasporto passeggeri

Dettagli

Modello di domanda Matrici OD Struttura

Modello di domanda Matrici OD Struttura Modello di domanda Matrici OD Struttura Matrici OD in quantità per tipo di servizio Matrici OD in consegne per tipo di servizio, time slice e tipo di veicolo Matrici OD in veicoli 36 Matrici OD in veicoli

Dettagli

City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma

City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma City logistics, Italy Riorganizzazione della distribuzione delle merci nell area di Parma Reorganisation of the distribution of goods within the urban territory of Parma Presentation By Valeria Battaglia

Dettagli

Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico

Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico Interventi per la riduzione del traffico in città - Zona Anti Congestione del Traffico 16 settembre 2011 1 STRUTTURA DEL TRAFFICO IN ACCESSO ALL AREA ECOPASS Ingressi nella ZTL Cerchia dei Bastioni Dati

Dettagli

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica Commissione Finanze della Camera dei deputati Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti l'imposizione tributaria sui veicoli (AC 2397) Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Dettagli

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO

EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO EMISSIONI DA TRAFFICO E QUALITA DELL ARIA: ELEMENTI PER LA GESTIONE NELLA CITTA DI MILANO Hanno collaborato: dott.. Bruno Villavecchia dott.. Marco Bedogni per l Agenzia Mobilità e Ambiente s.r.l. prof..

Dettagli

Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera

Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTI 20-21 GIUGNO 2011, Milano Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera Stefano Caserini ARPA Lombardia, Settore

Dettagli

L ESPERIENZA ELETTRICA DI REGGIO EMILIA: UN MODELLO DI MOBILITÁ SOSTENIBILE

L ESPERIENZA ELETTRICA DI REGGIO EMILIA: UN MODELLO DI MOBILITÁ SOSTENIBILE L ESPERIENZA ELETTRICA DI REGGIO EMILIA: UN MODELLO DI MILANO, 23 Maggio 2012 PAOLO GANDOLFI ASSESSORE MOBILITA e INFRASTRUTTURE COMUNE DI REGGIO EMILIA IL CONTESTO TERRITORIALE CITTA di REGGIO EMILIA

Dettagli

Corso di Trasporti e Territorio. prof. ing. Agostino Nuzzolo

Corso di Trasporti e Territorio. prof. ing. Agostino Nuzzolo Corso di Trasporti e Territorio prof. ing. Agostino Nuzzolo I metodi di valutazione degli interventi Esempio di analisi Benefici Costi di una metropolitana 1 ANALISI ECONOMICA Descrizione dell intervento

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006

DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006 Comune di Livorno DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006 1) Oggetto Rilascio di contributi per l acquisto di veicoli a

Dettagli

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI MISURE DI RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI Elementi di sintesi ARPA PIEMONTE DIPARTIMENTO TEMATICO SISTEMI PREVISIONALI - Struttura Semplice Qualità dell Aria

Dettagli

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI La Regione, tramite i Comuni, mette a disposizione incentivi destinati a privati o aziende che

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA. MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO LOGISTICA

MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA. MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO LOGISTICA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: _04 / 11 /_2015 Pag. 1 di 5 INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTE / I CLASSE / I PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015 / 2016 MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI STALLI DI SOSTA PER IL CARICO E SCARICO MERCI I N D I C E - Art.1 OggettO ed ambito di applicazione - Art.2 Definizioni - Art.3 OrariO e sosta dei veicoli riservata al

Dettagli

PERMESSI ZTL, LE NUOVE TARIFFE IN VIGORE DAL 17/9

PERMESSI ZTL, LE NUOVE TARIFFE IN VIGORE DAL 17/9 PERMESSI ZTL, LE NUOVE TARIFFE IN VIGORE DAL 17/9 PERMESSO R (Residenti) Residenti in una delle ZTL di Roma (1 per ogni residente). con potenza fino 1 permesso 91,62 91,62 91,62 91,62 2 permesso 336,62

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG68U ATTIVITÀ 49.42.00 TRASPORTO MERCI SU STRADA SERVIZI DI TRASLOCO

STUDIO DI SETTORE UG68U ATTIVITÀ 49.42.00 TRASPORTO MERCI SU STRADA SERVIZI DI TRASLOCO STUDIO DI SETTORE UG68U ATTIVITÀ 49.41.00 TRASPORTO MERCI SU STRADA ATTIVITÀ 49.42.00 SERVIZI DI TRASLOCO Marzo 2008 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TG68U trasporto merci su strada - è stata

Dettagli

La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità

La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità MCE 2012 La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità Prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica Università Carlo Cattaneo - LIUC 1 Distribuzione

Dettagli

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela

Bolletta 2.0 Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti in regime di tutela Voce di spesa Descrizione del prezzo Componenti incluse Spesa per la materia energia Spesa per il trasporto e la gestione

Dettagli

Requisiti per l accesso agli incentivi

Requisiti per l accesso agli incentivi Requisiti per l accesso agli incentivi 1. Gli incentivi per l acquisto di nuovi veicoli a basso impatto ambientale, trasformazione a gas di veicoli a benzina e sostituzione (acquisto+installazione) di

Dettagli

LA MOBILITA' A SAN GIOVANNI VALDARNO

LA MOBILITA' A SAN GIOVANNI VALDARNO LA MOBILITA' A SAN GIOVANNI VALDARNO Il presente questionario ha lo scopo di stimare parametri di mobilità caratteristici delle famiglie residenti nelle aree del Comune di San Giovanni Valdarno nell'ambito

Dettagli

La distribuzione urbana ed il servizio Taxi Merci in Siena

La distribuzione urbana ed il servizio Taxi Merci in Siena CEDM Project LIFE05 ENV/IT/000870 Conferenza Finale Lucca, 17 Aprile 2008 La distribuzione urbana ed il servizio Taxi Merci in Siena COTAS Logistica Srl Siena Sergio Ciccioni, Presidente La Città di Siena:

Dettagli

O sservatorio M obilità S ostenibile

O sservatorio M obilità S ostenibile O sservatorio M obilità S ostenibile in I talia Indagine sulle principali 5 città edizione edizione 214 Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Roberto Maldacea Presidente A Euromobility cura

Dettagli

INDICE. Capitolo 1 - Introduzione...1. Capitolo 2 - Inquadramento generale dell intervento...5. Capitolo 3 Metodologia dello studio...

INDICE. Capitolo 1 - Introduzione...1. Capitolo 2 - Inquadramento generale dell intervento...5. Capitolo 3 Metodologia dello studio... INDICE Capitolo 1 - Introduzione...1 Capitolo 2 - Inquadramento generale dell intervento...5 2.1. Inquadramento dell area di studio...5 2.1.1. Conformazione del territorio...5 2.1.2. Principali infrastrutture

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE Assessorato all Ambiente

COMUNE DI FIRENZE Assessorato all Ambiente COMUNE DI FIRENZE Assessorato all Ambiente Protocollo d intesa tra Comune di Firenze, CNA Firenze e Confartigianato Imprese Firenze per la trasformazione a gas metano e gpl di autovetture. Premesso che

Dettagli

Un sistema di transit point urbani per la distribuzione urbana delle merci

Un sistema di transit point urbani per la distribuzione urbana delle merci Prof. ing. Marino de Luca Ordinario di Trasporti nell Università di Napoli Federico II Un sistema di transit point urbani per la distribuzione urbana delle merci NETWORK ITALIANO CIVINET Workshop sulla

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

Campagna di indagine sul traffico di attraversamento dell area urbana di Mantova

Campagna di indagine sul traffico di attraversamento dell area urbana di Mantova Campagna di indagine sul traffico di attraversamento dell area urbana di Mantova Risultati della campagna di indagine Giugno, 2011 Indice Il documento riporta le elaborazioni dei dati raccolti nella campagna

Dettagli

http://62.77.59.151/questionario.aspx

http://62.77.59.151/questionario.aspx Page 1 of 5 Direttiva n 6/2011 Il presente questionario è finalizzato a rilevare le modalità di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine di servizio delle amministrazioni

Dettagli

L ESPERIENZA ECOPASS

L ESPERIENZA ECOPASS L ESPERIENZA ECOPASS Monza, 16 Febbraio 2011 Ing. Stefano Riazzola Direttore Comune di Milano Milano e l area urbana Abitanti Milano: ~ 1.3M Abitanti Area Metropolitana : ~ 3.3M Abitanti Regione Lombardia:

Dettagli

Sintesi. 1. Introduzione. 2. Problemi principali delle consegne delle merci. 3. Politiche e strutture. i. Metodi di consegna

Sintesi. 1. Introduzione. 2. Problemi principali delle consegne delle merci. 3. Politiche e strutture. i. Metodi di consegna Overview on facilities, policies and strategies for better freight delivery in urban areas Elvezia M. Cepolina Alessandro Farina Marino Lupi Università di Pisa Cenni sulla logistica urbana 1. Introduzione

Dettagli

IL CENTRO STORICO DI ROMA. Stefano Giovenali

IL CENTRO STORICO DI ROMA. Stefano Giovenali IL CENTRO STORICO DI ROMA Stefano Giovenali LE ISOLE AMBIENTALI La nostra idea di organizzazione del Centro Storico è quella di costruire 14 isole ambientali finalizzate al recupero della vivibilità urbana

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI - Lezione 1 - Prof. Domenico Gattuso domenico.gattuso@unirc.it 0965/875218 Domenico Gattuso 1 CONTENUTI Nomenclatura di base Processo di Pianificazione

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

disciplinare 2008.doc

disciplinare 2008.doc Comune di Pontedera DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE E LA TRASFORMAZIONE A GAS DI VEICOLI INQUINANTI Anno 2008 1 Settore Pianificazione

Dettagli

10 intersezioni e 1 sezione stradale. 12 sezioni in ingresso

10 intersezioni e 1 sezione stradale. 12 sezioni in ingresso La ricostruzione dei regimi di traffico veicolare lungo gli assi della rete viaria di Vimercate ha reso necessaria in fase preliminare l esecuzione di una campagna di rilevamento del traffico corredata

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per Studio e per Lavoro a Monza. La mobilità giornaliera

Gli spostamenti quotidiani per Studio e per Lavoro a Monza. La mobilità giornaliera 2014 10 Gli spostamenti quotidiani per Studio e per Lavoro a Monza La mobilità giornaliera L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per

Dettagli

La nuova bolletta Due Energie. Chiara, semplice e facile da consultare.

La nuova bolletta Due Energie. Chiara, semplice e facile da consultare. La nuova bolletta Due Energie. Chiara, semplice e facile da consultare. Nuova linea grafica, chiarezza nei contenuti e facilità di consultazione sono le caratteristiche principali della nuova bolletta

Dettagli

Totale auto Tipologia auto. (leasing, noleggio, (per acquisto o riscatto)

Totale auto Tipologia auto. (leasing, noleggio, (per acquisto o riscatto) Direttiva n 6/211 Questionario finalizzato a rilevare le modalità di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine di servizio delle amministrazioni pubbliche nel

Dettagli

RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI

RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI RISPARMIA CON IL BUS DA DOMANI ESCI CON NOI 1 La seconda auto è un lusso: vale oltre 200 euro al mese La seconda macchina costa mediamente 200 euro/mese in più rispetto al trasporto pubblico. E il risultato

Dettagli

COMUNE DI GENOVA CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI UNA MATRICE ORIGINE DESTINAZIONE RIFERITA AL TERRITORIO DEL COMUNE DI GENOVA

COMUNE DI GENOVA CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI UNA MATRICE ORIGINE DESTINAZIONE RIFERITA AL TERRITORIO DEL COMUNE DI GENOVA CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI UNA MATRICE ORIGINE DESTINAZIONE RIFERITA AL TERRITORIO DEL COMUNE DI GENOVA INDICE 1 Oggetto della fornitura... 3 2 Rilievo delle informazioni... 4 2.1 Interviste

Dettagli

ATC s.p.a. PRONTOBUS IL NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO A CHIAMATA. ATC s.p.a. DATI PRINCIPALI FASI DEL PROGETTO OBIETTIVO

ATC s.p.a. PRONTOBUS IL NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO A CHIAMATA. ATC s.p.a. DATI PRINCIPALI FASI DEL PROGETTO OBIETTIVO ATC s.p.a. ATC s.p.a. ATC è titolare del contratto di servizio per il Trasporto Pubblico Locale nella Provincia della Spezia. I numeri principali aggiornati al 2007 sono: 33.000.000 valore della produzione;

Dettagli

L ESPERIENZA ELETTRICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA

L ESPERIENZA ELETTRICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA L ESPERIENZA ELETTRICA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA un modello di mobilità sostenibile arch. Alessandro Meggiato Dirigente del Servizio Politiche per la Mobilità Comune di Reggio Emilia IL CONTESTO abitanti

Dettagli

UNIRETE Sala Conferenze Ara Pacis. Roma. 20 Novembre 2014. soluzione ecologica alla distribuzione urbana delle merci nel centro storico di.

UNIRETE Sala Conferenze Ara Pacis. Roma. 20 Novembre 2014. soluzione ecologica alla distribuzione urbana delle merci nel centro storico di. UNIRETE Sala Conferenze Ara Pacis Roma 20 Novembre 2014 soluzione ecologica alla distribuzione urbana delle merci nel centro storico di Roma Citylogin: chi siamo CITYLOGIN è una start-up che offre servizi

Dettagli

PERCHE IL FILTRO ANTIPARTICOLATO 1) L IMPIEGO DEL FILTRO VIENE SOSTENUTO PER RAGIONI AMBIENTALI:

PERCHE IL FILTRO ANTIPARTICOLATO 1) L IMPIEGO DEL FILTRO VIENE SOSTENUTO PER RAGIONI AMBIENTALI: PERCHE IL FILTRO ANTIPARTICOLATO 1) L IMPIEGO DEL FILTRO VIENE SOSTENUTO PER RAGIONI AMBIENTALI: 1. Consente alle regioni di adottare un provvedimento rapido efficace ed economico nei propri piani di risanamento

Dettagli

Guida alla lettura EnerCity

Guida alla lettura EnerCity Guida alla lettura EnerCity La tabella seguente si applica alle Offerte EnerCity denominate: Energia Casa Monoraria, Energia Casa Bioraria, Energia Casa PUN per Fasce Energia PUN Monoraria, Energia PUN

Dettagli

Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004)

Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004) Dossier 7 Il possesso e l acquisto di beni durevoli (1997-2004) Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni congiunte V del Senato della Repubblica

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA

OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA PERIODO DI RIFERIMENTO NOVEMBRE 2007 - MARZO 2008 - 2 - SOMMARIO Premessa L indagine ha l obiettivo di valutare l andamento del mercato

Dettagli

OSSERVATORIO STATISTICO

OSSERVATORIO STATISTICO OSSERVATORIO STATISTICO IN INTERPORTO BOLOGNA IL TRASPORTO CAMIONISTICO DI MERCI IN INTERPORTO BOLOGNA INDAGINE ANNUALE 2013 EXECUTIVE REPORT ES1. Il movimento merci dell Interporto di Bologna nel 2013

Dettagli

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE

Sistema Tangenziale di Lucca. Progetto Preliminare INDICE INDICE 1 PREMESSA... 2 2 COSTI DI REALIZZAZIONE E COSTI DI GESTIONE... 4 3 BENEFICI TRASPORTISTICI... 6 4 VARIAZIONE DELLA SICUREZZA... 8 5 BENEFICI AMBIENTALI -VARIAZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO... 11

Dettagli

CHIEDE. Alla PROVINCIA DI PRATO Servizio Motorizzazione Via Ricasoli, 35 59100 Prato

CHIEDE. Alla PROVINCIA DI PRATO Servizio Motorizzazione Via Ricasoli, 35 59100 Prato Richiesta licenza trasporto merci in conto proprio TIMBRO STUDIO DI CONSULENZA PROT. Ufficio n. Marca da bollo 16,00 Alla PROVINCIA DI PRATO Servizio Motorizzazione Via Ricasoli, 35 59100 Prato IL/LA SOTTOSCRITTO

Dettagli

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Comune di. Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Al Dipartimento di Prevenzione della ZT n dell ASUR Allegato 2 Al Comune di NOTIFICA INIZIO ATTIVITA SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R.

Dettagli

Investire nel settore automotive significa accelerare la crescita. moltiplicatore

Investire nel settore automotive significa accelerare la crescita. moltiplicatore Investire nel settore automotive significa accelerare la crescita moltiplicatore Ogni 1 di valore aggiunto creato dalle imprese automotive della fase industriale genera 2,2 addizionali di valore aggiunto

Dettagli

Ing. Claudio Maltoni Forlì Mobilità Integrata società in house del Comune di Forlì

Ing. Claudio Maltoni Forlì Mobilità Integrata società in house del Comune di Forlì Verso una distribuzione più sostenibile delle merci nel tessuto urbano della città: presentazione del Progetto europeo SMARTSET 18 Maggio 2013 Camera di Commercio di Forlì-Cesena Sala Zambelli Ing. Claudio

Dettagli

Inserire (copiare e incollare) il codice di accesso ricevuto via email: 7646788047383790972 Entra

Inserire (copiare e incollare) il codice di accesso ricevuto via email: 7646788047383790972 Entra Direttiva n 6/2 Il presente questionario è finalizzato a rilevare le modalità di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine di servizio delle amministrazioni pubbliche

Dettagli

AUTO ELETTRICA A REGGIO EMILIA

AUTO ELETTRICA A REGGIO EMILIA AUTO ELETTRICA A REGGIO EMILIA KLIMAMOBILITY 2012, 20 Settembre PAOLO GANDOLFI ASSESSORE MOBILITA e INFRASTRUTTURE COMUNE DI REGGIO EMILIA reggio emilia emilia-romagna abitanti: 170.000 86 giorni di sforamento

Dettagli

Comune di Livorno DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2007

Comune di Livorno DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2007 Comune di Livorno DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2007 1) Oggetto Rilascio di contributi per l acquisto di veicoli a

Dettagli

Allegato 2 CAPITOLATO TECNICO PER IL SERVIZIO DI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI PER LA LOGISTICA DEL GIOCO DEL LOTTO

Allegato 2 CAPITOLATO TECNICO PER IL SERVIZIO DI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI PER LA LOGISTICA DEL GIOCO DEL LOTTO Allegato 2 CAPITOLATO TECNICO PER IL SERVIZIO DI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI PER LA LOGISTICA DEL GIOCO DEL LOTTO 1 CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI MOVIMENTAZIONE DEI MATERIALI PER LA LOGISTICA DEL GIOCO

Dettagli

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014

le centraline fisse per il monitoraggio della qualità dell'aria (a) di tipo industriale nei comuni capoluogo di provincia - Anni 2013-2014 POPOLAZIONE E SUPERFICIE Tavola 1.1 - Popolazione media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (valori assoluti) Superficie media dei comuni capoluogo di provincia - Anni 2008-2014 (km 2 )

Dettagli

SCHEDA. ECOPASS. DATA DI PARTENZA DEL PROVVEDIMENTO Mercoledì 2 gennaio 2008. Provvedimento sperimentale per 1 anno.

SCHEDA. ECOPASS. DATA DI PARTENZA DEL PROVVEDIMENTO Mercoledì 2 gennaio 2008. Provvedimento sperimentale per 1 anno. SCHEDA. ECOPASS DATA DI PARTENZA DEL PROVVEDIMENTO Mercoledì 2 gennaio 2008. Provvedimento sperimentale per 1 anno. GIORNI E ORARI APPLICAZIONE DEL PROVVEDIMENTO Dopo il 15 aprile è previsto il nuovo orario

Dettagli

MobilityManager. La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro

MobilityManager. La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro MobilityManager La prima web application per realizzare il Piano Spostamenti Casa-Lavoro 1 SW MOBILITY MANAGER MobilityManager permette di analizzare nel dettaglio le abitudini di mobilità dei dipendenti

Dettagli

L ascensore: scende o sale? Tendenze dell Industria italiana di Ascensori e Scale Mobili. A cura del Servizio Centrale Studi Economici ANIE

L ascensore: scende o sale? Tendenze dell Industria italiana di Ascensori e Scale Mobili. A cura del Servizio Centrale Studi Economici ANIE Tendenze dell Industria italiana di Ascensori e Scale Mobili A cura del Servizio Centrale Studi Economici ANIE Con il contributo di: INDICE Premessa pag. 1 1. CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE E SOMMARIO pag.

Dettagli

Inserire (copiare e incollare) il codice di accesso ricevuto via email:

Inserire (copiare e incollare) il codice di accesso ricevuto via email: Direttiva n 6/2 Il presente questionario è finalizzato a rilevare le modalità di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine di servizio delle amministrazioni pubbliche

Dettagli

I PRINCIPALI RISULTATI DEL MONITORAGGIO DEI COSTI AGOSTO 2012

I PRINCIPALI RISULTATI DEL MONITORAGGIO DEI COSTI AGOSTO 2012 IL SISTEMA INFORMATIVO SULLE AUTO DELLA PA: I PRINCIPALI RISULTATI DEL MONITORAGGIO DEI COSTI AGOSTO 2012 1 Indice Il sistema informativo integrato sul parco auto della PA come strumento conoscitivo a

Dettagli

Stima delle percorrenze autoveicolari

Stima delle percorrenze autoveicolari XIII Expert panel emissioni da trasporto su strada Roma, 4 ottobre 2007 Stima delle percorrenze autoveicolari Stefano Caserini, Cinzia Pastorello, Simonetta Tugnoli XII Expert panel emissioni da trasporto

Dettagli

Flotta di rappresentanza e del parco macchine di servizio Periodo di riferimento: anno 2010 N revisione: 1

Flotta di rappresentanza e del parco macchine di servizio Periodo di riferimento: anno 2010 N revisione: 1 SEZIONE I Consistenza del parco auto e assegnatari In questa sezione, come nelle seguenti, vengono rilevate esclusivamente le autovetture come definite dall art 54 del codice della strada: veicoli destinati

Dettagli

LA PRIMA INDAGINE SULLE SPESE DELLE FAMIGLIE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE ANNO 2002 SINTESI

LA PRIMA INDAGINE SULLE SPESE DELLE FAMIGLIE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE ANNO 2002 SINTESI MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA LA PRIMA INDAGINE SULLE SPESE DELLE FAMIGLIE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE ANNO 2002 SINTESI Nel corso del 2002 si è svolta la

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011. Ottobre 2012

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011. Ottobre 2012 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2011 Ottobre 2012 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2011 parco

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG79U

STUDIO DI SETTORE SG79U STUDIO DI SETTORE SG79U ATTIVITÀ 71.10.0 NOLEGGIO AUTOVETTURE ATTIVITÀ 71.21.0 NOLEGGIO DI ALTRI MEZZI DI TRASPORTO ATTIVITÀ 71.22.0 NOLEGGIO DI MEZZI DI TRASPORTO MARITTIMI E FLUVIALI Aprile 2002 STUDIO

Dettagli

Gli attori del trasporto merci

Gli attori del trasporto merci Corso di LOGISTICA TERRITORIALE www.uniroma2.it/didattica/lt2010 DOCENTE prof. ing. Agostino Nuzzolo Gli attori del trasporto merci Struttura del trasporto merci Il trasporto delle merci e la logistica

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM07U ATTIVITÀ 52.41.2 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI FILATI PER MAGLIERIA E DI MERCERIA

STUDIO DI SETTORE UM07U ATTIVITÀ 52.41.2 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI FILATI PER MAGLIERIA E DI MERCERIA STUDIO DI SETTORE UM07U ATTIVITÀ 52.41.2 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI FILATI PER MAGLIERIA E DI MERCERIA Maggio 2007 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TM07U Commercio al dettaglio di filati per

Dettagli

Inserire (copiare e incollare) il codice di accesso ricevuto via email: Inserire la propria password (formato numerico)

Inserire (copiare e incollare) il codice di accesso ricevuto via email: Inserire la propria password (formato numerico) Direttiva n 6/2011 Il presente questionario è finalizzato a rilevare le modalità di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine di servizio delle amministrazioni

Dettagli

INTERVENTO Fabrizio Dallari Direttore C-Log Università Carlo Cattaneo LIUC

INTERVENTO Fabrizio Dallari Direttore C-Log Università Carlo Cattaneo LIUC INTERVENTO Fabrizio Dallari Direttore C-Log Università Carlo Cattaneo LIUC Sala Falck Assolombarda 6 Febbraio 2012 CONVEGNO La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità

Dettagli

OBIETTIVI E METODO RISULTATI DELL INDAGINE POST-OPERAM CONCLUSIONI ALLEGATI. J-CALS-2-EL-01_Azione 5

OBIETTIVI E METODO RISULTATI DELL INDAGINE POST-OPERAM CONCLUSIONI ALLEGATI. J-CALS-2-EL-01_Azione 5 OBIETTIVI E METODO RISULTATI DELL INDAGINE POST-OPERAM CONCLUSIONI Ö 39 CONSIDERAZIONI FINALI Dalle interviste ex post, focalizzandosi sul campione dei turisti, ovvero la parte di popolazione maggiormente

Dettagli

Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte circolanti in area urbana

Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte circolanti in area urbana XV Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE ENEA Roma, 29 aprile 2010 Confronto tra i fattori di emissione utilizzati in Copert, Artemis e Progress e delle relative stime di emissioni da flotte

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

È IMPORTATE ANCHE LA TUA COLLABORAZIONE!!! La compilazione dei questionari è in forma ASSOLUTAMENTE ANONIMA

È IMPORTATE ANCHE LA TUA COLLABORAZIONE!!! La compilazione dei questionari è in forma ASSOLUTAMENTE ANONIMA Comune di Casal di Principe PREMESSA: Il presente questionario è stato predisposto nell ambito del progetto Agenda 21 Locale attivo nel Comune di Casal di Principe allo scopo di raccogliere informazioni

Dettagli

Modulo B4.02 Mod.ASP_2_SCIA_Sanitaria_modifica Vers. 01 del 27/02/2015. significativa della unità d impresa del settore alimentare (1)

Modulo B4.02 Mod.ASP_2_SCIA_Sanitaria_modifica Vers. 01 del 27/02/2015. significativa della unità d impresa del settore alimentare (1) ALL. 2 Spazio per apportare il timbro di protocollo Data Prot. [ ] Inserita nel Sistema informativo regionale SUAP [ ] Posta elettronica certificata AL SUAP del Comune di.. Oggetto: notifica ai sensi dell

Dettagli

Consorzio Elettra s.r.l. info@consorzioelettra.it www.consorzioelettra.it. 203/C - 59100 Prato (PO). 59100 Prato (PO)

Consorzio Elettra s.r.l. info@consorzioelettra.it www.consorzioelettra.it. 203/C - 59100 Prato (PO). 59100 Prato (PO) Consorzio Elettra s.r.l. info@consorzioelettra.it www.consorzioelettra.it Sede legale: Sede Amministrativa: Via Francesco Ferrucci Via di Gonfienti 4 Interporto Edificio A 203/C - 59100 Prato (PO). 59100

Dettagli

COMMERCIO ALL INGROSSO DI MACCHINE, UTENSILI; PER LE MINIERE, LE CAVE, L EDILIZIA E IL GENIO CIVILE;

COMMERCIO ALL INGROSSO DI MACCHINE, UTENSILI; PER LE MINIERE, LE CAVE, L EDILIZIA E IL GENIO CIVILE; STUDIO DI SETTORE TM84U ATTIVITÀ 51.81.0 COMMERCIO ALL INGROSSO DI MACCHINE UTENSILI; ATTIVITÀ 51.82.0 COMMERCIO ALL INGROSSO DI MACCHINE PER LE MINIERE, LE CAVE, L EDILIZIA E IL GENIO CIVILE; ATTIVITÀ

Dettagli

TIDE a Milano - Il successo del road pricing con Area C. Linee di sviluppo e tecnologie innovative per il sistema della sosta

TIDE a Milano - Il successo del road pricing con Area C. Linee di sviluppo e tecnologie innovative per il sistema della sosta TIDE National Event Roma, 21 Settembre 2015 TIDE a Milano - Il successo del road pricing con Area C. Linee di sviluppo e tecnologie innovative per il sistema della sosta Maria Berrini, CEO Agenzia Mobilità

Dettagli

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato

Luogo di nascita: Comune Provincia Stato Allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) del Comune di OSTRA NOTIFICA INIZIO ATTIVITÀ SETTORE ALIMENTARE AI FINI DELLA REGISTRAZIONE (ART. 6 DEL REGOLAMENTO CE N. 852/2004 E DELLA D.G.R.

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCICOLI TERRITORIALI NOME CAPITOLO CODICE TAVOLA SOTTOCAPITOLO

INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCICOLI TERRITORIALI NOME CAPITOLO CODICE TAVOLA SOTTOCAPITOLO CAPITOLO INDICE DELLE TAVOLE PRESENTI NEI FASCICOLI TERRITORIALI NOME CAPITOLO SOTTOCAPITOLO CODICE TAVOLA DESCRIZIONE TAVOLA delle a livello. Iscrizioni/cancellazioni/stock di registrate/stock di attive

Dettagli

LE FILIERE DELLA DISTRIBUZIONE URBANA DELLE MERCI A ROMA: ATTORI ED EFFICIENZA

LE FILIERE DELLA DISTRIBUZIONE URBANA DELLE MERCI A ROMA: ATTORI ED EFFICIENZA Società Italiana di Economia dei Trasporti e della Logistica - XIII Riunione Scientifica Messina, 16-17 giugno 2011 Working Papers SIET 2011 - ISSN 1973-3208 LE FILIERE DELLA DISTRIBUZIONE URBANA DELLE

Dettagli