Lo Stato Gassoso: Alcune Caratteristiche

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo Stato Gassoso: Alcune Caratteristiche"

Transcript

1 Lo Stato Gassoso: Alcune Caratteristiche Sebbene possano avere proprietà chimiche distinte, le sostanze in fase gas hanno caratteristiche fisiche molto simili, in quanto le particelle (atomi o molecole) sono molto distanti le une dalle altre: ELEVATA COMPRIMIBILITÀ: Al contrario di solidi e liquidi, se sottoposti a pressione i gas si comprimono in modo significativo. ASSENZA DI VOLUME PROPRIO: All elevata comprimibilità corrisponde una elevata capacità di espansione. Un gas si espande spontaneamente ad occupare tutto il volume a disposizione. Il volume di un gas coincide con quello del suo contenitore. ASSENZA DI FORMA CARATTERISTICA: Un gas assume non solo il volume, ma anche la forma del suo contenitore. FORMAZIONE DI MISCELE OMOGENEE: Nonostante abbiano proprietà chimiche diverse, i gas formano sempre miscele omogenee, in qualunque proporzione vengano mescolati. Ne è un esempio l atmosfera.

2 Ripassiamo: il Concetto di Pressione e la Pressione Atmosferica Si definisce PRESSIONE P la forza F esercitata su una data superficie di area A: P = F/A = (m a)/a L unità della pressione nel Sistema Internazionale è il Pascal (Pa) 1 Pa = 1 N/m 2 = (kg m/s 2 )/m 2 Gli atomi e le molecole che compongono i gas dell atmosfera sono soggetti ad attrazione gravitazionale. L energia cinetica delle particelle di gas contrasta solo in parte la forza gravitazionale e i gas atmosferici esercitano sulla superficie terrestre una pressione, detta PRESSIONE ATMOSFERICA. Si consideri una colonna di aria base 1 m 2 e di massa 10 4 kg. La pressione esercitata da tale colonna sulla superficie terrestre è pari a P = F/A = (10 4 kg)(9,8 m s 2 )/1 m 2 = 1, Pa

3 Evangelista Torricelli ( ), studente di Galileo, inventò il barometro per dimostrare che l atmosfera avesse peso. Un tubo in vetro, chiuso a un estremità, lungo più di 760 mm e riempito completamente di mercurio è inserito, capovolto, in un contenitore in cui è presente mercurio. Dopo il capovolgimento, non tutto il mercurio presente nel tubo fuoriesce, a evidenza del fatto che il mercurio del contenitore trasmette a quello nel tubo la pressione esercitata sulla sua superficie dall atmosfera. L altezza del tubo è una misura di tale pressione e cambia in funzione di quest ultima. La PRESSIONE ATMOSFERICA STANDARD è la pressione adeguata a sostenere una colonna di mercurio alta 760 mm. Tale pressione è pari a 1, Pa. Oltre al Pascal esistono altre unità di misura, piuttosto comuni anche se non adottate del Sistema Internazionale: 1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 1, Pa = 1,01325 bar

4 Lo Stato Gassoso e la Tavola Periodica 11 elementi (O), a temperatura e pressione ambiente, si trovano in fase gas: H, N, O, F, Cl, He, Ne, Ar, Kr, Xe, Rn (H, N, O, F, Cl come molecole biatomiche X 2 )

5 Rapporto tra Volume e Pressione: la Legge di Boyle È esperienza comune che, prendendo quota allontanandosi dalla superficie terrestre, i palloni atmosferici si espandano. Ovvero, il volume di un gas aumenta al diminuire della pressione esercitata su di esso. Il chimico inglese Robert Boyle ( ) fu il primo a studiare il rapporto tra pressione e volume di un gas, mediante l apparato di cui sotto. A una data temperatura, una quantità nota di gas è bloccata in un tubo a J da una colonna di mercurio. Aumentando la quantità di mercurio, i.e. aumentando la pressione a cui il gas è sottoposto, questo si contrae e occupa un volume minore.

6 Boyle razionalizzò le sue osservazioni mediante una relazione empirica nota come LEGGE DI BOYLE: P V = costante (a temperatura T e numero di moli n costante) V = costante/p (a temperatura T e numero di moli n costante) Il volume di una data quantità di gas mantenuto a temperatura costante è inversamente proporzionale alla pressione. Graficamente: La respirazione è un esempio di applicazione della legge di Boyle. Durante l inspirazione il torace si dilata, i polmoni aumentano il proprio volume, il gas contenuto diminuisce la propria pressione e consente l ingresso all aria esterna. Durante l espirazione, il torace si contrae, i polmoni diminuiscono il proprio volume, il gas contenuto aumenta la propria pressione e riesce a fuoriuscire.

7 Rapporto tra Volume e Temperatura: la Legge di Charles Si può facilmente verificare che, a pressione costante, il volume di una data quantità di gas aumenta all aumentare della temperatura, diminuisce al diminuire della temperatura. Fu lo scienziato francese Jacques Charles ( ) a evidenziare il rapporto tra temperatura e volume di un gas, con osservazioni come quella del grafico: Nel 1848, William Thompson ( ), più noto come Lord Kelvin, introdusse una scala di temperatura assoluta, la SCALA KELVIN (0 K = -273,15 C).

8 Charles razionalizzò le sue osservazioni mediante una relazione empirica nota come LEGGE DI CHARLES: V/T = costante (a pressione P e numero di moli n costante) V = costante T (a pressione P e numero di moli n costante) Il volume di una data quantità di gas mantenuto a pressione costante è direttamente proporzionale alla temperatura assoluta.

9 Rapporto tra Volume e Moli: L Ipotesi di Avogadro Nel 1808, sulla base delle sue osservazioni, Joseph Louis Gay-Lussac ( ) enunciò la LEGGE DELLA COMBINAZIONE DEI VOLUMI: a pressione e temperatura date, i rapporti dei volumi di gas che reagiscono tra loro sono numeri piccoli interi (e.g. 2 volumi di idrogeno molecolare reagiscono con un volume di ossigeno molecolare a dare due volumi di vapore acqueo). Nel 1811 Amedeo Avogadro ( ) interpretò le osservazioni di Gay-Lussac con l IPOTESI DI AVOGADRO: volumi uguali di gas diversi alle stesse T e P contengono lo stesso numero di enti (i.e.. atomi o molecole): In particolare, a T = 273,15 K e 1 atm, 22,4 L di gas contengono 1 mole di particelle. Dalla sua ipotesi Avogadro derivò quella che prese il nome di LEGGE DI AVOGADRO: V = costante n (a temperatura T e pressione P costanti)

10 La legge di Boyle può essere utilizzata per valutare come varia il volume di un gas al variare della pressione (o viceversa) quando temperatura e numero di moli sono costanti. Stato iniziale: Stato finale: Ovvero: P i V i = costante P f V f = costante P f V f = P i V i Da cui V f = P i V i /P f oppure P f = P i V i /V f La legge di Charles può essere utilizzata per valutare come varia il volume di un gas al variare della temperatura (o viceversa) quando pressione e numero di moli sono costanti. Stato iniziale: Stato finale: V i /T i = costante V f /T f = costante Ovvero: V f /T f = V i /T i Da cui V f = T f V i /T i oppure T f = V f T i /V i Analogamente per la legge di Avogadro. Verificarlo in autonomia

11 L Equazione di Stato dei Gas Ideali Le leggi di Boyle, Charles e Avogadro esprimono relazioni di proporzionalità tra due delle quattro grandezze T, P, V, n, qualora le altre due siano costanti: Legge di Boyle V 1/P (n, T costanti) Legge di Charles V T (n, P costanti) Legge di Avogadro V n (P, T costanti) Combinando le quattro relazioni si ottiene la relazione più generale V nt/p. Identificata con R (COSTANTE DEI GAS) la costante di proporzionalità, si ha l EQUAZIONE DI STATO DEI GAS IDEALI: V = nrt/p L equazione è valida per i GAS IDEALI, ovvero per gas tali che le particelle (atomi o molecole) non interagiscono tra loro; la somma dei volumi delle singole particelle è molto inferiore al volume occupato dal gas.

12 R, COSTANTE DEI GAS, assume valori dipendenti dalle unità di misura con cui si esprimono pressione e volume, fatto salvo che temperatura e quantità di materia si esprimono in Kelvin e moli, rispettivamente: Unità di Misura Valore (L atm)/(mol K) 0,08206 J/(mol K) 8,314 cal/(mol K) 1,987 (m 3 Pa)/(mol K) 8,314 (L torr)/(mol K) 62,36 Si supponga di avere 1 mole di gas ideale a 1 atm e 273,15 K. Il volume occupato dal gas, secondo l equazione di stato dei gas ideali è pari a V = nrt/p = [(1 mol) (0,08206 L atm/k mol) (273,15 K)] / 1 atm = 22,41 L Le condizioni 0 C e 1 atm vengono definite CONDIZIONI NORMALI DI TEMPERATURA E PRESSIONE (NTP). La proprietà dei gas sono tipicamente tabulate in condizioni NTP. 22,41 L è il VOLUME MOLARE di un gas a NTP.

13 Relazione tra Equazione di Stato dei Gas Ideali e Leggi dei Gas Le leggi dei gas (Boyle, Charles, Avogadro) sono casi speciali dell equazione di stato dei gas ideali. A temperatura e numero di moli constanti,e.g., si ha P V = nrt = costante che è la legge di Boyle. A pressione e numero di moli costanti si ha che è la legge di Charles. V/T = nr/p = costante A pressione e temperatura costanti si ha che è la legge di Avogadro. V/n = RT/P = costante

14 Equazione di Stato, Massa Molare e Densità dei Gas Ideali Dall equazione di stato dei gas ideali è possibile ricavare informazioni sulla densità (ρ) di un gas, nota la sua massa molare (PM): n/v = P/RT (n/v) PM = (P/RT) PM ovvero m/v = (P/RT) PM ρ = (P/RT) PM Ovvero la densità di un gas dipende dalle sue pressione e temperatura. Naturalmente, nota la densità del gas, è possibile calcolarne la massa molare. In presenza di una miscela equimolare di gas a una data pressione, sebbene la miscela sia omogenea, i gas si stratificano in ragione della loro temperatura (ovvero in ragione della loro densità): i gas più caldi, i.e. meno densi, si trovano più in alto di quelli più freddi. Per esempio: La CO 2 emessa da un estintore, più densa di N 2 e O 2, si stratifica in basso impedendo all O 2 di raggiungere il materiale combustibile. La differenza di densità tra aria calda e fredda è responsabile dell ascensione dei palloni aerostatici, nonché di molti fenomeni atmosferici.

15 Es. 1: Una bombola di 37,0 L contiene ossigeno (O 2 ) alla pressione di 6,0 atm e alla temperatura di 25 C. Calcolare la massa di gas contenuta nella bombola. m(o 2 ) = n(o 2 ) PM(O 2 ) Ricordando PV = nrt si ha n = PV/RT n(o 2 ) = PV/RT T = ,15 = 298,15 K R = 0,082 (L atm)/(mol K) n(o 2 ) = (6,0 37,0)/(0, ,15) = 8,4 mol m(o 2 ) = 8,4 32 = 269 g Es. 2: 3,60 g di una sostanza gassosa occupano un volume di 1,98 L a 25 C e 765 torr. Calcolare la massa molare del gas. PM = m/n Ricordando PV = nrt sia ha n = PV/RT PM = m RT/PV = (3,60 0, ,15)/(765/760 1,98) = 44,1 g/mol

16 Es. 3: Calcolare la densità del cloro (Cl 2 ) a 56 C e 730 torr. d(cl 2 ) = m(cl 2 )/V(Cl 2 ) m(cl 2 ) = n(cl 2 )/(PM(Cl 2 ) n(cl 2 ) = PV(Cl 2 )/RT d(cl 2 ) = PV(Cl 2 )/(RT/(PM(Cl 2 )/ V(Cl 2 ) = P PM(Cl 2 )/RT d(cl 2 ) = (730/760 70,90)/(0,082 (56+273,15)) = 2,53 g/l Es. 4: 500 ml di ossigeno (O 2 ) a -70 C e 730 torr vengono portati in condizioni normali. Calcolare il volume finale e la massa del gas. V f = n f RT f /P f oppure V f = n f 22,414 n f = n i = P i V i /RT i V f = P i V i /RT i 22,414 = (730/760 0,500)/(0,082 ( ,15)) 22,414 = 0,65 L m = n PM m = P i V i PM/RT i = (730/760 0,500 32,00)/(0, ,15) = 0,92 g

17 Es. 5: 5,6 L di un gas vengono compressi da 762 torr a 2,3 atm. Calcolare il volume del gas dopo la compressione, avvenuta a temperatura costante. Legge di Boyle: PV = costante P i V i = P f V f V f = P i V i /P f = (762/760 5,6)/2,3 = 2,3 L Es. 6: Un tubo chiuso contenente aria alla pressione di 1 atm viene riscaldato da 10 C a 400 C. Calcolare la pressione finale del gas. P/T = costante P i /T i = P f /T f P f = P i T f /T i = [1 ( ,15)]/( ,15) = 2,38 atm Es. 7: Una bombola viene riempita con gas alla pressione di 20 atm e alla temperatura di 25 C. La bombola sopporta al massimo 35 atm. Fino a quale temperatura regge? P/T = costante P i /T i = P f /T f T f = T i P f /P i = [( ,15) 35]/20 = 521 K = 248 C

18 Es. 8: Quanti litri di diossido di carbonio (CO 2 ) si formano in condizioni normali per combustione di 500 g di acido benzoico (C 7 H 6 O 2 )? C 7 H 6 O 2 + O 2 CO 2 + H 2 O C 7 H 6 O 2 + n O 2 7 CO 2 + n H 2 O Ricordando PV = nrt si ha V(CO 2 ) = n(co 2 )RT/P n(co 2 )? Per ogni mole di acido benzoico consumata, si formano 7 moli di CO 2. n(co 2 ) = 7 n(c 7 H 6 O 2 ) n(c 7 H 6 O 2 ) = m(c 7 H 6 O 2 )/PM(C 7 H 6 O 2 ) V(CO 2 ) = 7 m(c 7 H 6 O 2 )/PM(C 7 H 6 O 2 ) RT/P V(CO 2 ) = ( , ,15)/(122 1) = 642,6 L

19 Es. 9: Un autovettura consuma circa 8 L di ottano (C 8 H 18 ) ogni 100 km. Quanti litri di diossido di carbonio (CO 2 ) si formano in condizioni normali per un percorso di 100 km sapendo che d(c 8 H 18 ) = 0,82 g/cm 3? C 8 H 18 + O 2 CO 2 + H 2 O C 8 H 18 + n O 2 8 CO 2 + n H 2 O Ricordando PV = nrt si ha V(CO 2 ) = n(co 2 )RT/P n(co 2 )? Per ogni mole di ottano consumata si formano 8 moli di CO 2. n(co 2 ) = 8 n(c 8 H 18 ) n(c 8 H 18 ) = m(c 8 H 18 ) / PM(C 8 H 18 ) = d(c 8 H 18 ) V(C 8 H 18 ) / PM(C 8 H 18 ) V(CO 2 ) = 8 d(c 8 H 18 ) V(C 8 H 18 ) / PM(C 8 H 18 ) RT/P V(CO 2 ) = 8 0, , ,15/(114,26 1) = L

20 Es. 10: Per combustione di 1,64 g di una miscela contenete zolfo e un materiale inerte, si formano 952 ml di diossido di zolfo (SO 2 ) a 25 C e 0,850 atm. Determinare la percentuale di zolfo nella miscela. S + O 2 SO 2 %(S) = m(s)/m(miscela) 100 m(s)? m(s) = n(s)/pm(s) Per ogni mole di SO 2 formatasi, si consuma una mole di zolfo. n(s) = n(so 2 ) n(so 2 ) = PV(SO 2 )/RT m(s) = (PV(SO 2 )/RT)/PM(S) = PV(SO 2 ) PM(S)/RT m(s) = 0,850 0,952 32,06 /(0, ,15) = 1,06 g %(S) = 1,06/1, = 64,6%

21 Es. 11: 1,32 g di un idrocarburo gassoso alla pressione di 1 atm e alla temperatura di 25 C occupano un volume di 1,15 L. Determinare la formula minima, la massa molare e la formula molecolare dell idrocarburo sapendo che C = 85,63% e H = 14,37%. Elemento % PA, g/mol Moli Moli Normalizzate N Intero C 85,63 12,01 7, H 14,37 1,01 14,23 1, Formula minima: CH 2 PM(CH 2 ) = 14,03 g/mol PM(idrocarburo/PM(CH 2 ) = 28,1/14,03 = 1,97 2 Formula molecolare C 2 H 4, etilene 1. PM = m/n 2. PV = nrt PM = m/(pv/rt) = mrt/pv = (1,32 0, ,15)/(1 1,15) = 28,1 g/mol

22 Es. 12: L ossidazione metabolica del glucosio (C 6 H 12 O 6 ) produce nel nostro corpo CO 2 : C 6 H 12 O 6(aq) + 6 O 2(g) 6 CO 2(g) + 6 H 2 O (l) La CO 2 prodotta viene espulsa dai polmoni sotto forma di gas. Calcolare a) il volume di CO 2 secca prodotta alla temperatura corporea (37 C) e a 0,970 atm quando si consumano 24,5 g di glucosio; b) il volume di ossigeno necessario, a 1,00 atm e 298 K, per ossidare completamente 50,0 g di glucosio. a) V(CO 2 ) = n(co 2 )RT/P 2 2 n(co 2 ) = 6 n(c 6 H 12 O 6 ) = 6 m(c 6 H 12 O 6 )/PM(C 6 H 12 O 6 ) V(CO 2 ) = [6 m(c 6 H 12 O 6 )/PM(C 6 H 12 O 6 )] RT/P = [6 m(c 6 H 12 O 6 ) RT]/[PM(C 6 H 12 O 6 ) P] V(O 2 ) = (6 24,5 0, ,15)/(180,12 0,970) = 21,4 L b) V(O 2 ) = n(o 2 )RT/P n(o 2 ) = 6 n(c 6 H 12 O 6 ) = 6 m(c 6 H 12 O 6 )/PM(C 6 H 12 O 6 ) V(O 2 ) = [6 m(c 6 H 12 O 6 )/PM(C 6 H 12 O 6 )] RT/P = [6 m(c 6 H 12 O 6 ) RT]/[PM(C 6 H 12 O 6 ) P] V(O 2 ) = (6 50,0 0, )/(180,12 1) = 47,5 L

23 Es. 13: 4,15 g di carbonato di sodio (Na 2 CO 3 ) vengono fatti reagire con acido solforico (H 2 SO 4 ) secondo la reazione Na 2 CO 3(aq) + H 2 SO 4(aq) Na 2 SO 4(aq) + CO 2(g) + H 2 O (l) Il diossido di carbonio che si libera viene raccolto, dopo essicazione, in un recipiente di 5 L a 25 C. Trovare a) la pressione del gas nel recipiente; b) quanto Na 2 CO 3 si deve far reagire per ottenere una pressione di CO 2 di 1,40 atm alla stessa temperatura e nello stesso contenitore. a) PV = n(co 2 )RT ovvero P = n(co 2 )RT/V Per ogni mole di Na 2 CO 3 consumata, si forma una mole di CO 2. n(co 2 ) = n(na 2 CO 3 ) = m(na 2 CO 3 )/PM(Na 2 CO 3 ) P = m(na 2 CO 3 )/PM(Na 2 CO 3 ) RT/V = [m(na 2 CO 3 ) RT]/[PM(Na 2 CO 3 ) V] P = (4,15 0, ,15)/(106,0 5) = 0,19 atm

24 b) m(na 2 CO 3 ) = n(na 2 CO 3 ) PM(Na 2 CO 3 ) n(na 2 CO 3 ) = n(co 2 ) n(co 2 ) = PV/RT m(na 2 CO 3 ) = (PV/RT) PM(Na 2 CO 3 ) = [PV PM(Na 2 CO 3 )]/RT m(na 2 CO 3 ) = (1, ,0)/(0, ,5) = 30,3 g

25 Miscele Di Gas e Pressioni Parziali: La Legge di Dalton John Dalton ( ) osservò che la pressione totale di una miscela di gas (P TOT ) eguaglia la somma delle pressioni (P i, PRESSIONE PARZIALE DEL GAS i) che ogni gasieserciterebbe se fosse da solo nelle stesse condizioni di V e T: P TOT = Σ i P i = Σ i n i (RT/V) = n TOT (RT/V) Ovvero: Ogni gas della miscela è indipendente dagli altri, obbedisce all equazione di stato dei gas ideali e vi posso associare la pressione parziale: P i = n i (RT/V) A temperatura e volume costanti, la pressione totale è direttamente proporzionale al numero di moli totali di gas presente, indipendentemente dalla natura del gas e dal fatto che si tratti di un solo gas o di una miscela: P TOT = n TOT (RT/V) Poiché ogni gas si comporta in modo indipendente, posso correlare la sua pressione parziale con la sua frazione molare χ i in una data miscela: χ i = n i /n TOT = P i (RT/V)/P TOT (RT/V) = P i /P TOT

26 Miscele di Gas e Pressioni Volumi: la Legge di Amagat Émile-Hilaire Amagat ( ) osservò che il volume totale di una miscela di gas (V TOT ) eguaglia la somma dei volumi parziali (V i ) che ogni gasipossiederebbe se fosse da solo nelle stesse condizioni di T e P: V TOT = Σ i V i = Σ i n i (RT/P) = n TOT (RT/P) Ovvero: Ogni gas della miscela è indipendente dagli altri, obbedisce all equazione di stato dei gas ideali e vi posso associare il volume parziale: V i = n i (RT/P) A temperatura e pressione costanti, il volume totale è direttamente proporzionale al numero di moli totali di gas presente, indipendentemente dalla natura del gas e dal fatto che si tratti di un solo gas o di una miscela: V TOT = n TOT (RT/P) Poiché ogni gas si comporta in modo indipendente, posso correlare il suo volume parziale con la sua frazione molare χ i in una data miscela: χ i = n i /n TOT = V i (RT/P)/V TOT (RT/P) = V i /V TOT

27 Es. 1: La concentrazione del diossido di carbonio (CO 2 ) nell atmosfera è di 390 L ogni 10 6 L di aria. Qual è la frazione molare del diossido di carbonio nell atmosfera? χ i = V i /V TOT χ(co 2 ) = V(CO 2 )/V TOT = 390/ 10 6 = 39/ 10 5 = Es. 2: Una miscela gassosa contenente 0,765 moli di He, 0,330 moli di Ne e 0,110 moli di Ar è chiusa in un recipiente di 10,00 L a 25 C. Calcolare a) la pressione parziale di ogni gas e b) la pressione totale della miscela. a) P i = n i RT/V P(He) = n(he) RT/V = (0,765 0, ,15)/10,00 = 1,87 atm P(Ne) = n(ne) RT/V = (0,330 0, ,15)/10,00 = 0,81 atm P(Ar) = n(ar) RT/V = (0,110 0, ,15)/10,00 = 0,27 atm b) P TOT = Σ i P i P TOT = + P(He) + P(Ne) + P(Ar) = 1,87 + 0,81 + 0,27 = 2,95 atm

28 Es. 3: Un palombaro utilizza bombola di 10,0 L di volume contenente 51,2 g di O 2 e 32,6 g di He. Calcolare a) la pressione parziale di ogni gas e b) la pressione totale della miscela se la temperatura è 19 C. a) P i = n i RT/V P(O 2 ) = n(o 2 ) RT/V = [m(o 2 )/PM(O 2 )] RT/V = [m(o 2 ) RT] / [PM(O 2 ) V] P(O 2 ) = (51,2 0, ,15)/(32,00 10,00) = 3,8 atm P(He) = n(he) RT/V = [m(he)/pa(he)] RT/V = [m(he) RT] / [PA(He) V] P(He) = (32,6 0, ,15)/(4,00 10,00) = 19,5 atm b) P TOT = Σ i P i P TOT = P(O 2 ) + P(He) = 3,8 + 19,5 = 23,3 atm

29 Es. 4: Un pezzo di CO 2 solida di massa 5,50 g viene introdotto in un recipiente di 10,0 L che contiene aria a 705 torr e 24 C. In queste condizioni il diossido di carbonio sublima, ovvero passa dallo stato solido a quello gassoso. Qual è a) la pressione parziale del diossido di carbonio e b) la pressione totale all interno del contenitore nelle condizioni di temperatura menzionate. a) P i = n irt/v P(CO 2 ) = n(co 2 ) RT/V = [m(co 2 )/PM(CO 2 )] RT/V = [m(co 2 ) RT] / [PM(CO 2 ) V] P(CO 2 ) = (5,50 0, ,15)/(44,01 10,0) = 3,3 atm b) P TOT = Σ i P i P TOT = P(CO 2 ) + P(aria) = 3, /760 = 4,2 atm

30 Es. 5: 5,00 ml di etere dietilico (C 4 H 10 O, densità 0,7134 g/ml) vengono introdotti in un recipiente di 6,00 L che contiene già una miscela di ossigeno (O 2 ) e azoto (N 2 ) alle rispettive pressioni parziali 0,208 atm e 0,751 atm. La temperatura è pari a 35 C e l etere dietilico evapora totalmente. Calcolare a) la pressione parziale dell etere dietilico e b) la pressione totale nel contenitore. a) P i = n i RT/V P(etere) = n(etere) RT/V = [m(etere)/pm(etere)] RT/V = [m(etere) RT] / [PM(etere) V] m(etere) = d(etere) V(etere) P(etere) = [d(etere) V(etere) RT] / [PM(etere) V] P(etere) = (0, , ,15)/(74,50 6,00) = 0,20 atm b) P TOT = Σ i P i P TOT = P(etere) + P(O 2 ) + P(N 2 ) = 0,20 + 0, ,751 = 1,16 atm

31 Es. 6: La pressione di una miscela contenente i gas CO 2, C 2 H 6, C 2 H 4 è di 1,27 atm. Dopo eliminazione di CO 2 per reazione con Ba(OH) 2, si sono ottenuti 1,46 g di BaCO 3. La pressione, misurata nelle stesse condizioni di volume e temperatura, è ridotta a 0,88 atm. Trovare a) la frazione molare di CO 2 nella miscela iniziale di gas e b) il numero totale di moli presenti nella miscela gassosa iniziale. a) χ(co 2 ) = P(CO 2 )/P TOT(inizio) CO 2(g) + Ba(OH) 2(aq) Ba(CO) 3(s) + H 2 O (l) P(CO 2 ) = P TOT(inizio) P TOT(fine) = 1,27 0,88 = 0,39 atm χ(co 2 ) = 0,39/1,27 = 0,31 b) χ(co 2 ) = n(co 2 )/n TOT(inizio) n TOT(inizio) = n(co 2 ) / χ(co 2 ) n(co 2 ) = n(baco 3 ) = m(baco 3 ) / PM(BaCO 3 ) n TOT(inizio) = m(baco 3 ) / [PM(BaCO 3 ) χ(co 2 )] = 1,46 / (197,34 0,31) = 0,024 mol

32 Es. 7: Il pentafluoruro di iodio (IF 5 ) gassoso può essere preparato secondo la reazione I 2(s) + 5 F 2(g) 2 IF 5(g) Un pallone da 5,00 L contenente 10,0 g di iodio è caricato con 10,0 g di fluoro. Al termine della reazione, la temperatura nel pallone è pari a 125 C. calcolare a) la pressione parziale, b) la frazione molare del pentafluoruro nel pallone e c) la pressione totale nel pallone. I 2 F 2 IF 5 Massa (g) 10,0 10,0 PM (g mol -1 ) 253,8 38,00 Moli iniziali (mol) 0,04 0,26 Moli reagite (mol) -0,04-0,20 +0,08 Moli finali (mol) - 0,06 0,08

33 a) P i = n i RT/V P(IF 5 ) = n(if 5 ) RT/V P(IF 5 ) = (0,08 0, ,15)/5 = 0,52 atm b) χ(if 5 ) = n(if 5 )/n TOT = n(if 5 )/[n(if 5 ) + n(f 2 )] χ(if 5 ) = 0,08/(0,08 + 0,06) = 0,57 c) P TOT = n TOT RT/V P TOT = [(0,08 + 0,06) 0, ,15]/5 = 0,91 atm Oppure P TOT = Σ i P i P TOT = P(IF 5 ) + P(F 2 ) = P(IF 5 ) + n(f 2 ) RT/V

34 Es. 8: L aria contiene il 20,95% in volume di ossigeno (O 2 ). Calcolare il volume di aria necessario a 25 C a 1 atm per la combustione totale di 1,00 L di etere dietilico (C 4 H 10 O, densità 0,7134 g/ml) secondo la reazione: C 4 H 10 O + 6 O 2 4 CO H 2 O V(aria) = V(O 2 ) 100/20,95 V(O 2 ) = n(o 2 ) RT/P n(o 2 ) = 6 n(etere) = 6 m(etere)/pm(etere) = 6 d(etere) V(etere) / PM(etere) V(O 2 ) = [6 d(etere) V(etere)/PM(etere)] RT/P = [6 d(etere) V(etere) RT]/[PM(etere) P] V(O 2 ) = (6 0, , ,15)/(74,50 1) = 1405 L = 1,405 m 3 V(aria) = (1, )/20,95 = 6,706 m 3

35 Modello del comportamento dei gas a livello molecolare, sviluppato in ca. 100 anni, arrivato a compimento nel 1857 ad opera di Rudolf Clausius ( ). Si basa sulle seguenti assunzioni: La Teoria Cinetica Dei Gas I gas sono costituiti da particelle (atomi o molecole) che si muovono in modo continuo e casuale. Il volume totale delle particelle è trascurabile rispetto al volume occupato complessivamente dal gas. Le particelle sono indipendenti le une rispetto alle altre: le forze attrattive e repulsive reciproche sono trascurabili. Le particelle collidono. Le collisioni possono comportare trasferimento di una certa quantità di energia da una particella ad un altra. Tuttavia, l energia cineticamedia dell intero gas non cambia. L energia cinetica media delle particelle è proporzionale alla temperatura assoluta. A una data temperatura, le particelle di qualunque gas hanno la stessa energia cineticamedia.

36 La teoria cinetica lega pressione e temperatura al comportamento delle particelle. La pressione di un gas è il risultato delle collisioni delle sue particelle contro le pareti del contenitore, e dipende sia dalla forza, sia dalla frequenza con cui si verificano le collisioni. La temperatura assoluta di un gas è la misura dell energia cinetica media (E cin (av)) delle sue particelle. Le particelle di un gas hanno la stessa E cin (av) e la stessa velocità media, MA ognuna ha uno specifico valore di energia e di velocità, distribuite secondo una distribuzione Maxwelliana (come già le particelle di un liquido): u mp = velocità più probabile = velocità della maggior parte delle particelle u av = velocità media u rms = velocità quadratica media = velocità di una particella con energia cinetica pari a E cin (av): E cin (av) = ½ m (u rms ) 2

37 Quanto maggiore è la temperatura del gas, tanto più la distribuzione si sposta verso destra. La velocità più probabile, la velocità media e la velocità quadratica media aumentano. A 0 C (curva blu), meno della metà delle particelle si muove con velocità maggiore di 500 m/s. A 100 C, più della metà delle particelle si muove con velocità superiore a tale valore. EFFETTO DELL AUMENTO DI VOLUME A TEMPERATURA COSTANTE (legge di Boyle): In termini di teoria cinetica dei gas, temperatura costante implica energia cinetica media costante, ovvero velocità quadratica media costante. Se il volume aumenta, le particelle devono percorrere una lunghezza maggiore tra due collisioni. Le collisioni sono meno frequenti e la pressione del gas è minore. EFFETTO DELL AUMENTO DI TEMPERATURA A VOLUME COSTANTE: In termini di teoria cinetica dei gas, aumento di temperatura implica aumento di energia cinetica media e di velocità quadratica media. Cresce la frequenza delle collisioni,i.e. la pressione del gas.

38 EFFETTO DELL AUMENTO DI TEMPERATURA A PRESSIONE COSTANTE (legge di Charles): In termini di teoria cinetica dei gas, aumento di temperatura implica aumento di energia cinetica media e di velocità quadratica media. Cresce la mobilità delle particelle, le distanze percorse, il volume da esse occupato. T = 25 C EFFETTO DELLA MASSA MOLARE A TEMPERATURA COSTANTE: L energia cinetica media di gas diversi alla stessa temperatura è la stessa, E 2 cin (av) = ½ m (u rms ). Quanto maggiore è la massa molare (PM) di un gas, tanto minore è la sua velocità quadratica media, ovvero tanto più è spostata a sinistra la distribuzione delle velocità. Quantitativamente: u rms = (3RT/PM)½ La velocità più probabile è invece pari a: u mp = (2RT/PM)½

39 I Gas Reali L equazione di stato dei gas ideali è un modello molto utile, ma non sempre rispettato dai gas reali. Riprendiamo l equazione PV/RT = n. Per n = 1, PV/RT = 1. Per gas reali, si verifica sperimentalmente che, quanto più elevata è la pressione, tanto più il rapporto PV/RT si discosta da 1: La deviazione da PV/RT = 1 è grande e specifica per ogni gas. I gas reali non si comportano idealmente ad alte pressioni. Al di sotto delle 10 atm, la deviazione dall idealità è contenuta ed è possibile utilizzare l equazione di stato dei gas ideali.

40 Ovviamente, la deviazione dall idealità dipende anche dalla temperatura: Comportamento di N 2 La deviazione da PV/RT = 1 è tanto maggiore quanto più bassa è la temperatura, e diventa molto significativa in prossimità della temperatura di condensazione.

41 I Gas Reali: l Equazione di van der Waals Lo scienziato olandese Johannes van der Waals ( ) propose una equazione per predire il comportamento dei gas reali. Partì dall equazione di stato dei gas ideali e introdusse 2 fattori correttivi (a, b detti COSTANTI DI VAN DER WAALS) che tenessero in considerazione le attrazioni tra le particelle e il loro volume finito. Ne scaturì l EQUAZIONE DI VAN DER WAALS: (P + an 2 /V 2 )(V - nb) = nrt. a è una misura dell attrazione reciproca tra le particelle : il fattore an 2 /V 2 aumenta la pressione reale del gas (diminuita in ragione delle attrazioni reciproche) per portarla al valore ideale. Le forze attrattive tra particelle sono direttamente proporzionali al quadrato del numero di particelle per unità di volume (i.e. n 2 /V 2 ) b è una misura del volume finito occupato dalle particelle : viene sottratto per portare il volume al valore ideale. il fattore nb

42 Costanti di van der Waals di alcuni gas Le costanti di van der Waals sono valori determinati sperimentalmente che differiscono da gas a gas. Dalla tabella si evince che le costanti aumentano all aumentare della massa molare: le molecole a massa molare maggiore occupano un volume effettivo maggiore e danno luogo a interazioni più energetiche.

Lo Stato Gassoso: Alcune Caratteristiche

Lo Stato Gassoso: Alcune Caratteristiche Lo Stato Gassoso: Alcune Caratteristiche Sebbene possano avere proprietà chimiche distinte, le sostanze in fase gas hanno caratteristiche fisiche molto simili, in quanto le particelle (atomi o molecole)

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Stati di aggregazione della materia

Stati di aggregazione della materia SOLIDO: Forma e volume propri. Stati di aggregazione della materia LIQUIDO: Forma del recipiente in cui è contenuto, ma volume proprio. GASSOSO: Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. Parametri

Dettagli

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà 2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà 1 I liquidi e loro proprietà 2 Proprietà Generali dei Gas I gas possono essere espansi all infinito. I gas occupano i loro contenitori uniformemente

Dettagli

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA Lo stato gassoso Classificazione della materia MATERIA Composizione Struttura Proprietà Trasformazioni 3 STATI DI AGGREGAZIONE SOLIDO (volume e forma propri) LIQUIDO

Dettagli

I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI.

I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI. I GAS Tutti i gas sono accomunati dalle seguenti proprietà: I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI. L aria compressa occupa un volume minore rispetto a quello occupato dall aria non compressa (Es. gomme dell auto

Dettagli

TEORIA CINETICA DEI GAS

TEORIA CINETICA DEI GAS TEORIA CINETICA DEI GAS La teoria cinetica dei gas è corrispondente con, e infatti prevede, le proprietà dei gas. Nella materia gassosa, gli atomi o le molecole sono separati da grandi distanze e sono

Dettagli

Gas. Vapore. Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente. microscopico MACROSCOPICO

Gas. Vapore. Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente. microscopico MACROSCOPICO Lo Stato Gassoso Gas Vapore Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente MACROSCOPICO microscopico bassa densità molto comprimibile distribuzione

Dettagli

I GAS GAS IDEALI. PV=nRT. Pressione Volume numero di moli Temperatura Costante dei gas. P V n T R. n, T= cost Legge di Boyle

I GAS GAS IDEALI. PV=nRT. Pressione Volume numero di moli Temperatura Costante dei gas. P V n T R. n, T= cost Legge di Boyle I GAS Pressione Volume numero di moli Temperatura Costante dei gas GAS IDEALI P V n T R n = 1 Isoterma: pv = cost Isobara: V/T = cost. Isocora: P/t = cost. n, T= cost Legge di Boyle n, P = cost Legge di

Dettagli

GAS. I gas si assomigliano tutti

GAS. I gas si assomigliano tutti I gas si assomigliano tutti Aeriforme liquido solido GAS Descrizione macroscopica e microscopica degli stati di aggregazione della materia Fornendo energia al sistema, le forze di attrazione tra le particelle

Dettagli

LO STATO GASSOSO. Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi

LO STATO GASSOSO. Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi LO STATO GASSOSO Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi STATO GASSOSO Un sistema gassoso è costituito da molecole

Dettagli

Gas e gas perfetti. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1

Gas e gas perfetti. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1 Gas e gas perfetti 1 Densita Densita - massa per unita di volume Si misura in g/cm 3 ρ = M V Bassa densita Alta densita Definizione di Pressione Pressione = Forza / Area P = F/A unita SI : 1 Nt/m 2 = 1

Dettagli

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti Unità di misura Le unità di misura sono molto importanti 1000 è solo un numero 1000 lire unità di misura monetaria 1000 unità di misura monetaria ma il valore di acquisto è molto diverso 1000/mese unità

Dettagli

Gas perfetti e sue variabili

Gas perfetti e sue variabili Gas perfetti e sue variabili Un gas è detto perfetto quando: 1. è lontano dal punto di condensazione, e quindi è molto rarefatto 2. su di esso non agiscono forze esterne 3. gli urti tra le molecole del

Dettagli

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA Poiché è impossibile contare o pesare gli atomi o le molecole che formano una qualsiasi sostanza chimica, si ricorre alla grandezza detta quantità

Dettagli

Quesiti e problemi. 10 Un gas viene compresso a temperatura costante. 11 Un cilindro con un pistone ha un volume di 250 ml. v f. v f.

Quesiti e problemi. 10 Un gas viene compresso a temperatura costante. 11 Un cilindro con un pistone ha un volume di 250 ml. v f. v f. SUL LIBRO DA PAG 110 A PAG 114 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 I gas ideali e la teoria cinetico-molecolare 1 Che cosa si intende per gas ideale? Rispondi in cinque righe. 2 Vero o falso? a) Le molecole

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

Lo stato gassoso e le caratteristiche dei gas

Lo stato gassoso e le caratteristiche dei gas Lo stato gassoso e le caratteristiche dei gas 1. I gas si espandono fino a riempire completamente e ad assumere la forma del recipiente che li contiene 2. Igasdiffondonounonell altroesonoingradodimescolarsiintuttiirapporti

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I L E L E G G I D E I G A S P A R T E I Variabili di stato Equazioni di stato Legge di Boyle Pressione, temperatura, scale termometriche Leggi di Charles/Gay-Lussac Dispense di Chimica Fisica per Biotecnologie

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

I gas. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1

I gas. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1 I gas Universita' di Udine Problema Un cubo di osmio ha lato di 0. m ed e appoggiato su una tavola. Al contatto tra la tavola ed il cubo, quanto vale la pressione (N/m )? Nota: le densita vi vengono date

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

See more about www.scienzaescuola.it

See more about www.scienzaescuola.it See more about www.scienzaescuola.it ESERCIZI SUI GAS ORDINATI PER TIPOLOGIA E RISOLTI: Prof. Gabrielli Luciano (Lic. Scientifico L. da Vinci Sora FR) Charles, Boyle, Gay-Lussac, Eq. Stato, Eq. Stato e

Dettagli

3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:

3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi: 3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:. Descrivere le caratteristiche e il comportamento del gas a livello microscopico.. Definire pressione temperatura

Dettagli

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria Katia Gallucci Spesso è necessario variare il contenuto di vapore presente in una corrente gassosa. Lo studio di come si possono realizzare queste variazioni

Dettagli

I gas e loro proprietà Cap , 9-12, 15-24, 27-28, 31-33, 37-40, 52, 93-96

I gas e loro proprietà Cap , 9-12, 15-24, 27-28, 31-33, 37-40, 52, 93-96 2016 2017 CCS - Biologia CCS Scienze Geologiche 1 I gas e loro proprietà Cap 11. 1-7, 9-12, 15-24, 27-28, 31-33, 37-40, 52, 93-96 2 Proprietà Generali dei Gas I gas possono essere espansi all infinito.

Dettagli

Fondamenti di chimica Raymond Chang Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl CAPITOLO 5 I GAS

Fondamenti di chimica Raymond Chang Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl CAPITOLO 5 I GAS CAPITOLO 5 I GAS 5.13 5.14 Strategia: poiché 1 atm = 760 mmhg, è necessario il seguente fattore di conversione per ottenere la pressione in atmosfere. Per la seconda conversione, 1 atm = 101.325 kpa. Soluzione:

Dettagli

13 La temperatura - 8. Il gas perfetto

13 La temperatura - 8. Il gas perfetto La mole e l equazione del gas perfetto Tutto ciò che vediamo intorno a noi è composto di piccolissimi grani, che chiamiamo «molecole». Per esempio, il ghiaccio, l acqua liquida e il vapore acqueo sono

Dettagli

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia.

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Lo stato di aggregazione di un sistema è determinato dalla energia cinetica delle particelle e dall energia potenziale dovuta alle forze di coesione fra le

Dettagli

Esercizi di fisica per Medicina C.Patrignani, Univ. Genova (rev: 9 Ottobre 2003) 1. Termodinamica

Esercizi di fisica per Medicina C.Patrignani, Univ. Genova (rev: 9 Ottobre 2003) 1. Termodinamica Esercizi di fisica per Medicina C.Patrignani, Univ. Genova (rev: 9 Ottobre 2003) 1 Termodinamica 1) In un recipiente di volume V = 20 l sono contenute 0.5 moli di N 2 (PM=28) alla temperatura di 27 0 C.

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Gli stati di aggregazione della materia sono tre: solido, liquido e gassoso, e sono caratterizzati dalle seguenti grandezze: Quantità --->

Dettagli

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia La temperatura Fenomeni non interpretabili con le leggi della meccanica Dilatazione

Dettagli

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti.

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Solvente (componente presente in maggior quantità) SOLUZIONE Soluti

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio Termodinamica I FENOMENI TERMICI Temperatura

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Università degli studi di MILANO Facoltà di AGRARIA. El. di Chimica e Chimica Fisica Mod. 2 CHIMICA FISICA. Lezione 2 LO STATO GASSOSO

Università degli studi di MILANO Facoltà di AGRARIA. El. di Chimica e Chimica Fisica Mod. 2 CHIMICA FISICA. Lezione 2 LO STATO GASSOSO Università degli studi di MILANO Facoltà di AGRARIA El. di Chimica e Chimica Fisica Mod. 2 CHIMICA FISICA Lezione 2 Anno Accademico 2010-2011 Docente: Dimitrios Fessas LO STATO GASSOSO Prof. Dimitrios

Dettagli

Sistemi Gassosi. GAS = specie che occupa tutto lo spazio disponibile. VOLUME = spazio occupato si misura in: m 3, L (1L = 1dm 3 )

Sistemi Gassosi. GAS = specie che occupa tutto lo spazio disponibile. VOLUME = spazio occupato si misura in: m 3, L (1L = 1dm 3 ) Sistemi Gassosi GAS = specie che occupa tutto lo spazio disponibile VOLUME = spazio occupato si misura in: m 3, L (1L = 1dm 3 ) PRESSIONE = forza per unità di superficie Unità di misura: Forza Newton (N)

Dettagli

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione Abbiamo visto che i composti organici e le loro reazioni possono essere suddivisi in categorie omogenee. Per ottenere la massima razionalizzazione

Dettagli

I SISTEMI DI UNITA DI MISURA

I SISTEMI DI UNITA DI MISURA Provincia di Reggio Calabria Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio - Luglio 2008 I SISTEMI DI UNITA DI MISURA Ilario De Marco Il sistema internazionale di unità di misura Lo studio di

Dettagli

Cenni di Teoria Cinetica dei Gas

Cenni di Teoria Cinetica dei Gas Cenni di Teoria Cinetica dei Gas Introduzione La termodinamica descrive i sistemi termodinamici tramite i parametri di stato (p, T,...) Sufficiente per le applicazioni: impostazione e progettazione di

Dettagli

Il Sistema Respiratorio. Fisica Medica

Il Sistema Respiratorio. Fisica Medica Il Sistema Respiratorio La respirazione Trachea Bronchi Muscoli del diaframma I muscoli che controllano la respirazione fanno variare volume e pressione interna ai polmoni Fase Inspirazione Espirazione

Dettagli

Leggi dei gas ideali. P V = n R T (1)

Leggi dei gas ideali. P V = n R T (1) Leggi dei gas ideali ( a cura di Raffaella Gianferri e Giuliano Moretti) (In questa prima versione non sono state inserite le foto che illustrano gli apparati sperimentali impiegati.) 1. Derivazione dell

Dettagli

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA

IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA IL SISTEMA INTERNAZIONALE DI MISURA UNITÀ SI Il sistema di misura standard, adottato su scala mondiale, è conosciuto come Système International d Unités. Le unità fondamentali da cui derivano tutte le

Dettagli

Il prodotto della pressione per il volume di una determinata massa gassosa è direttamente proporzionale alla temperatura assoluta: PV = KT

Il prodotto della pressione per il volume di una determinata massa gassosa è direttamente proporzionale alla temperatura assoluta: PV = KT ESERCITAZIONE 5 LEGGI DEI GAS Le leggi che governano i rapporti che si stabiliscono tra massa, volume, temperatura e pressione di un gas, sono leggi limite, riferite cioè ad un comportamento ideale, cui

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

Fisiologia della Respirazione 1.Introduzione-Leggi dei Gas. FGE aa.2015-16

Fisiologia della Respirazione 1.Introduzione-Leggi dei Gas. FGE aa.2015-16 Fisiologia della Respirazione 1.Introduzione-Leggi dei Gas FGE aa.2015-16 Obiettivi Trasporto ventilatorio convettivo dei gas integrato con trasporto convettivo circolatorio e respirazione cellulare Cenni

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Lo stato gassoso e le sue proprietà

Lo stato gassoso e le sue proprietà Lo stato gassoso e le sue proprietà Dr. Gabriella Giulia Pulcini Ph.D. Student, Development of new approaches to teaching and learning Natural and Environmental Sciences University of Camerino, ITALY 1

Dettagli

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1 LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI Introduzione 1 1 - TRASFORMAZIONE ISOBARA (p = costante) LA PRESSIONE RIMANE COSTANTE DURANTE TUTTA LA TRASFORMAZIONE V/T = costante (m, p costanti) Q = m c p (Tf - Ti)

Dettagli

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore LE LEGGI DEI GAS Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore alle Un video : Clic Un altro video : Clic Un altro video (in inglese): Clic Richiami sulle

Dettagli

LEZIONE 5-6 GAS PERFETTI, CALORE, ENERGIA TERMICA ESERCITAZIONI 1: SOLUZIONI

LEZIONE 5-6 GAS PERFETTI, CALORE, ENERGIA TERMICA ESERCITAZIONI 1: SOLUZIONI LEZIONE 5-6 G PERFETTI, CLORE, ENERGI TERMIC EERCITZIONI 1: OLUZIONI Gas Perfetti La temperatura è legata al movimento delle particelle. Un gas perfetto (ovvero che rispetta la legge dei gas perfetti PV

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

STATO LIQUIDO. Si definisce tensione superficiale (γ) il lavoro che bisogna fare per aumentare di 1 cm 2 la superficie del liquido.

STATO LIQUIDO. Si definisce tensione superficiale (γ) il lavoro che bisogna fare per aumentare di 1 cm 2 la superficie del liquido. STTO LIQUIDO Una sostanza liquida è formata da particelle in continuo movimento casuale, come in un gas, tuttavia le particelle restano a contatto le une alle altre e risentono sempre delle notevoli forze

Dettagli

Corso di Chimica e Stechiometria per il corso di laurea in SCIENZE AMBIENTALI

Corso di Chimica e Stechiometria per il corso di laurea in SCIENZE AMBIENTALI Corso di Chimica e Stechiometria per il corso di laurea in SCIENZE AMBIENTALI Dott.ssa DANIELA DE VITA Orario ricevimento (previo appuntamento):lunedì 17.30-18.30 E-mail danidvd@hotmail.it daniela.devita@uniroma1.it

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Distanze tra molecole Stati Fisici (Fase) Comportamento atipico La maggiore differenza tra liquidi e solidi consiste nella libertà di movimento delle loro molecole

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

Capitolo 10 Il primo principio 113

Capitolo 10 Il primo principio 113 Capitolo 10 Il primo principio 113 QUESITI E PROBLEMI 1 Tenuto conto che, quando il volume di un gas reale subisce l incremento dv, il lavoro compiuto dalle forze intermolecolari di coesione è L = n 2

Dettagli

1)Quale tra i seguenti elementi è un gas nobile? a. Si b. Mo c. Ge d. He. 2) L'acqua è:

1)Quale tra i seguenti elementi è un gas nobile? a. Si b. Mo c. Ge d. He. 2) L'acqua è: 1)Quale tra i seguenti elementi è un gas nobile? a. Si b. Mo c. Ge d. He 2) L'acqua è: a. una sostanza elementare b. un composto chimico c. una miscela omogenea d. una soluzione 3) Quale dei seguenti elementi

Dettagli

La pressione atmosferica e i venti

La pressione atmosferica e i venti La pressione atmosferica e i venti Come ogni materia sottoposta all attrazione terrestre anche l atmosfera ha un peso Pressione = rapporto fra il peso dell aria e la superficie su cui agisce A livello

Dettagli

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013 Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 01 Incontro su temi di termodinamica 14/1/01 Giuseppina Rinaudo - Dipartimento di Fisica dell Università di Torino Sommario dei quesiti

Dettagli

Meccanica e Macchine

Meccanica e Macchine Introduzione alle macchine Meccanica e Macchine La statica tratta lo studio dell equilibrio dei corpi, si occupa delle forze, dei baricentri delle leve e delle travi. La cinematica tratta lo studio del

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali Perché nelle stesse condizioni di temperatura e pressione sostanze differenti possono trovarsi in stati di aggregazione differenti? perché le forze tra le molecole sono differenti Da che cosa hanno origine

Dettagli

Elementi che esistono come gas a 25 0 C and 1 atmosfera 5.1

Elementi che esistono come gas a 25 0 C and 1 atmosfera 5.1 I gas Capitolo 5 Elementi che esistono come gas a 25 0 C and 1 atmosfera 5.1 Tabella 5.1 Alcune sostanze che si trovano allo stato gassoso a 1 atm e 25 C Elementi H 2 (idrogeno molecolare) N 2 (azoto molecolare)

Dettagli

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV.

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV. Problemi Una mole di molecole di gas ideale a 292 K e 3 atm si espandono da 8 a 20 L e a una pressione finale di 1,20 atm seguendo 2 percorsi differenti. Il percorso A è un espansione isotermica e reversibile;

Dettagli

Stati di aggregazione della materia. GAS Volume e forma indefiniti LIQUIDO Volume definito, forma indefinita SOLIDO Volume e forma definiti

Stati di aggregazione della materia. GAS Volume e forma indefiniti LIQUIDO Volume definito, forma indefinita SOLIDO Volume e forma definiti 9. I Gas Farmacia Stati di aggregazione della materia GAS Volume e forma indefiniti LIQUIDO Volume definito, forma indefinita SOLIDO Volume e forma definiti Stato solido Nello stato solido l energia di

Dettagli

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA CAPITOLO 5 RICHIAMI DI TERMOCHIMICA ARIA TEORICA DI COMBUSTIONE Una reazione di combustione risulta completa se il combustibile ha ossigeno sufficiente per ossidarsi completamente. Si ha combustione completa

Dettagli

Capitolo 03 LA PRESSIONE ATMOSFERICA. 3.1 Esperienza del Torricelli 3.2 Unità di misura delle pressioni

Capitolo 03 LA PRESSIONE ATMOSFERICA. 3.1 Esperienza del Torricelli 3.2 Unità di misura delle pressioni Capitolo 03 LA PRESSIONE ATMOSFERICA 3.1 Esperienza del Torricelli 3.2 Unità di misura delle pressioni 12 3.1 Peso dell aria I corpi solidi hanno un loro peso, ma anche i corpi gassosi e quindi l aria,

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

CO 2 aq l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione:

CO 2 aq l anidride carbonica disciolta, reagendo con l'acqua, forma acido carbonico secondo la reazione: DUREZZA DELLE ACQUE. Quando si parla di durezza di un acqua ci si riferisce fondamentalmente alla quantità di ioni calcio e di ioni magnesio disciolti in un certo volume di tale acqua. Ad eccezione delle

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà degli elementi mostrano delle tendenze che possono essere predette usando il sistema periodico ed essere spiegate e comprese analizzando la

Dettagli

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché LA FORZA Concetto di forza Principi della Dinamica: 1) Principio d inerzia 2) F=ma 3) Principio di azione e reazione Forza gravitazionale e forza peso Accelerazione di gravità Massa, peso, densità pag.1

Dettagli

Queste proprietà derivano dalla grande distanza che separa le molecole che compongono un gas.

Queste proprietà derivano dalla grande distanza che separa le molecole che compongono un gas. Stato Gassoso Lo stato gassoso I gas hanno tre proprietà caratteristiche: 1.sono facilmente comprimibili 2. si espandono per riempire il loro contenitore 3. occupano molto più spazio dei solidi e liquidi

Dettagli

La fisica di Feynmann Termodinamica

La fisica di Feynmann Termodinamica La fisica di Feynmann Termodinamica 3.1 TEORIA CINETICA Teoria cinetica dei gas Pressione Lavoro per comprimere un gas Compressione adiabatica Compressione della radiazione Temperatura Energia cinetica

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

'RPDQGHFRQFHWWXDOL Alcuni interrogativi su fenomeni fisici e chimici

'RPDQGHFRQFHWWXDOL Alcuni interrogativi su fenomeni fisici e chimici ,OPDWHULDOHGLGDWWLFRFKHVHJXHqVWDWRVFHOWRWUDGRWWRHDGDWWDWRGDO*UXSSRGLFKLPLFD GHOO,7,60DMRUDQDGL*UXJOLDVFR7RULQR0DUFR)DODVFD$QJHOR&LPHQLV3DROD&RVFLD /RUHGDQD$QJHOHUL$QWRQHOOD0DUWLQL'DULR*D]]ROD*UD]LD5L]]R*LXVL'L'LR

Dettagli

LA MATERIA ED I SUOI STATI

LA MATERIA ED I SUOI STATI LA MATERIA ED I SUOI STATI GAS COMPOSIZIONE DELL ARIA 1. I gas ideali e la teoria cineticomolecolare Nel modello del gas ideale le particelle 1. l energia cinetica media delle particelle è proporzionale

Dettagli

MASSA VOLUMICA o DENSITA

MASSA VOLUMICA o DENSITA MASSA VOLUMICA o DENSITA Massa volumica di una sostanza: è la massa di sostanza, espressa in kg, che occupa un volume pari a 1 m 3 1 m 3 di aria ha la massa di 1,2 kg 1 m 3 di acqua ha la massa di 1000

Dettagli

Fisica Generale 1 per Chimica Formulario di Termodinamica e di Teoria Cinetica

Fisica Generale 1 per Chimica Formulario di Termodinamica e di Teoria Cinetica Fisica Generale 1 per Chimica Formulario di Termodinamica e di Teoria Cinetica Termodinamica Equazione di Stato: p = pressione ; V = volume ; T = temperatura assoluta ; n = numero di moli ; R = costante

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto SUL LIBRO DA PAG 101 A PAG 10 Quesiti e problemi 1 La massa atomica e la massa molecolare 1 Qual è la definizione di unità di massa atomica u? a) è uguale a 1/12 della massa dell atomo di 12 C b) è uguale

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Esercizi di Fisica Generale

Esercizi di Fisica Generale Esercizi di Fisica Generale 2. Temodinamica prof. Domenico Galli, dott. Daniele Gregori, prof. Umberto Marconi dott. Alessandro Tronconi 27 marzo 2012 I compiti scritti di esame del prof. D. Galli propongono

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Pressione EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Cos è la pressione? La pressione è una grandezza che lega tra di loro l intensità della forza e l aerea della superficie su cui viene esercitata

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Proprieta meccaniche dei fluidi

Proprieta meccaniche dei fluidi Proprieta meccaniche dei fluidi 1. Definizione di fluido: liquido o gas 2. La pressione in un fluido 3. Equilibrio nei fluidi: legge di Stevino 4. Il Principio di Pascal 5. Il barometro di Torricelli 6.

Dettagli

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo Quesiti di Logica, Chimica e Fisica Logica L1 - Come continua questa serie di numeri? 1-4 - 10-22 - 46-94 -... A) 188 B) 190 C) 200 D) 47 L2

Dettagli

Applicazioni della Termochimica: Combustioni

Applicazioni della Termochimica: Combustioni CHIMICA APPLICATA Applicazioni della Termochimica: Combustioni Combustioni Il comburente più comune è l ossigeno dell aria Aria secca:! 78% N 2 21% O 2 1% gas rari Combustioni Parametri importanti:! 1.Potere

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

CHIMICA GENERALE MODULO

CHIMICA GENERALE MODULO Corso di Scienze Naturali CHIMICA GENERALE MODULO 6 Termodinamica Entalpia Entropia Energia libera - Spontaneità Relatore: Prof. Finelli Mario Scienza che studia i flussi energetici tra un sistema e l

Dettagli

Concetto di forza. 1) Principio d inerzia

Concetto di forza. 1) Principio d inerzia LA FORZA Concetto di forza Pi Principi ii dll della Dinamica: i 1) Principio d inerzia 2) F=ma 3) Principio di azione e reazione Forza gravitazionale i e forza peso Accelerazione di gravità Massa, peso,

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Calcolo di integrali

Calcolo di integrali 7 Maggio 2012 - Lab. di Complementi di Matematica e Calcolo Numerico Calcolo di integrali Indice 1 Teoria cinetica dei gas: la distribuzione delle velocità di Maxwell [1] 1 2 Lavoro associato a una trasformazione

Dettagli