A TTUALITÀ di Ester Masarati Simona Mapelli Giovanni Muttillo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A TTUALITÀ di Ester Masarati Simona Mapelli Giovanni Muttillo"

Transcript

1 A TTUALITÀ R U B R I C H E di Ester Masarati Simona Mapelli Giovanni Muttillo Infermieri italiani in USA. Il Collegio di Milano-Lodi pone le basi per uno scambio culturale L anno scorso il collegio IPASVI di Roma ha organizzato un viaggio studio in Canada e, più precisamente a Montreal e a Toronto, al quale hanno partecipato anche alcuni iscritti di altri Collegi tra cui quello di Milano. Memori dell esperienza positiva, quest anno, per la prima volta, il Collegio interprovinciale di Milano-Lodi ha collaborato con il Collegio di Roma all organizzazione di un nuovo viaggio studio. Meta del viaggio: Stati Uniti d America, ed in particolare le tre grosse capitali statunitensi che la storia vuole come le tre capitali degli U.S.A.: Philadelphia, New York e Washington. La tappa a Philadelphia è stata prettamente turistica, un intermezzo tra New York e Washington dove si sono concentrate le nostre visite e gli incontri con i responsabili infermieristici di ospedali ed associazioni. Un grosso input che ha motivato questo viaggio è stato proprio legato ad una valutazione di come la professione infermieristica viene considerata di primaria importanza all interno del sistema sanitario americano, un sistema che sta influenzando molti aspetti della nostra sanità come ben esprime la trasformazione degli ospedali in azienda e gli ormai noti DRG. Ma soprattutto nella cultura infermieristica italiana ci sono sempre esempi, modelli e teorie di infermiere anglosassoni ed in particolare degli Stati Uniti. Per meglio comprendere i diversi aspetti dell organizzazione infermieristica degli U.S.A. si reputa doveroso descrivere brevemente il sistema sanitario americano. L assistenza sanitaria è fornita attraverso un sistema privatistico dove la maggior parte dei finanziamenti proviene da compagnie assicurative alle quali il cittadino si rivolge per stipulare delle polizze sulla salute. Solo una piccola parte di finanziamenti proviene dagli organismi federali. Da ciò ne deriva una forte competitività tra le diverse strutture sanitarie, dove il rapporto tra qualità e costi deve raggiungere i massimi livelli. Protagonista di questo sistema è il malato che diventa un vero e proprio cliente perché sceglie la struttura sanitaria che meglio soddisfa le sue esigenze di salute e di assistenza. Per rendere più chiara la descrizione del mondo infermieristico americano abbiamo voluto suddividere il presente lavoro in quattro aspetti fondamentali facendo, talvolta, alcuni riferimenti 8

2 alla realtà canadese: la qualità e l accreditamento dell assistenza la formazione infermieristica la struttura e l organizzazione del Nursing le associazioni infermieristiche La qualità e l accreditamento dell assistenza All osservatore europeo il sistema di vita degli Stati Uniti appare uniforme, sintomo di una diffusione generale della ricchezza. La superiorità del livello di vita statunitense si spiega con la concomitanza di diversi fattori favorevoli come i fattori naturali e i fattori demografici. Anche i fattori sociali ed istituzionali hanno contribuito all espansione di questa grossa nazione. L americano cambia facilmente occupazione e residenza se intravede la possibilità di migliorare la propria posizione; un esempio è proprio fornito dal fatto che molti infermieri si sono avvicinati a questa professione secondariamente tantè che l età media è di circa 45 anni. Questa mobilità incoraggia le iniziative individuali e concorre quindi al dinamismo della vita americana. In vari settori dunque è facile far accettare una sorta di mobilità e continua trasformazione organizzativa che trova spazio anche all interno del servizio sanitario americano. Inoltre la società americana è sempre tesa a forme di competizione per migliorarsi e raggiungere la qualità. All interno di uno stato così ricco è sicuramente la salute il bene più prezioso, tanto da diventare oggetto di quelle forme di assicurazione (Managed Care Company) che gestiscono e decidono in toto il costo della malattia e del recupero di salute del cittadino malato. Mossi dalla concorrenza gli ospedali e le università ospedaliere cercano di raggiungere maggior accreditamento possibile sia sul piano strutturale che professionale. Abbiamo avuto occasione di visitare i migliori ospedali di New York e Washington e abbiamo constatato una valida struttura architettonica che ben risponde alle esigenze sanitarie di quest epoca; l introduzione di un sistema informatico permette poi una facile e veloce trasmissione dei dati, dati che al Mount Sinai Hospital di New York e al Bethesda Naval Hospital di Washington sono esclusivamente di tipo informatico con la quasi esclusione dei dati cartacei. Sicuramente un ambiente confortevole e ben attrezzato favorisce una propensione al lavoro ma come ha affermato una portavoce della cultura infermieristica americana, Kathi Cambareri, Registred Nurse- Manager del George Washington University Hospital, non sono l edificio, l infrastruttura, l atmosfera che rendono una organizzazione sanitaria di successo ma la gente e gli operatori che vi lavorano. Ed ecco considerare l importanza della formazione di base infermieristica che continua sistematicamente e in modo permanente tanto che gli infermieri sono sottoposti ad un aggiornamento continuo all interno dell ospedale e, in alcuni Stati, ad una certificazione ogni 5 anni. Ogni anno devono poi sottoporsi ad un test di competenza che certifichi il livello di conoscenza dell infermiere. segue» 9 A T T I V I T À C O L L E G I O

3 R U B R I C H E Gli esami di certificazione sono offerti da diverse organizzazioni come la ANCC (American Nurses Credentialin College) e altre associazioni di assistenza specialistica. La crescita professionale dell infermiere negli Stati Uniti trova poi nutrimento su un elemento importante quale la ricerca. La ricerca è diffusa a livello capillare in ogni centro ospedaliero e viene considerata uno dei principali strumenti per la valutazione del proprio agire professionale e per lo sviluppo ed il confronto della professione. L attenzione che viene posta alla ricerca è legata alla promozione della cultura infermieristica ma trova spiegazione anche nel mercato capitalistico della società americana; la ricerca porta a sviluppo, lo sviluppo deve protendere alla qualità, la qualità richiama attenzione e quindi clientela e di conseguenza soldi. Mossi da questo interesse economico i sistemi sanitari pronosticano addirittura i bisogni futuri del cliente malato. Questo spiega quindi l inserimento all interno degli organismi sanitari di personale infermieristico che si occupi solo ed esclusivamente di reperire fondi economici per finanziare i progetti di ricerca; solitamente sono i Dirigenti Infermieristici a coordinare i vari lavori anche se quasi tutti i Registred Nurses e i Chief Nurses ne sono capaci, anche perché il titolo di Phisician Degree (Dottorato di ricerca) è ottenuto solo dall 1% della classe infermieristica. Molte sono le modalità con cui viene svolta la ricerca: al Mount Sinai Hospital, ad esempio, si eseguono delle telefonate a casa su un campione randomizzato di clienti malati e si redige un rapporto ogni tre mesi sullo specifico oggetto del progetto di ricerca. Uno degli aspetti principali della ricerca è la dimostrazione di qualità attraverso la definizione di standard infermieristici. Questi standard costituiscono il fondamento per l attività assistenziale, per la misurazione, la valutazione ed il miglioramento delle strutture assistenziali, dei processi e degli esiti. Lo sviluppo di questi standard è uno sforzo di collaborazione degli infermieri attraverso i comitati infermieristici e include, se necessario, la collaborazione con altri collegi o ordini interdisciplinari. La formazione infermieristica Esiste attualmente negli Stati Uniti, una formazione infermieristica sia a livello di scuola superiore che di università. Gli infermieri, a seconda della loro formazione, vengono suddivisi in tre categorie: 1. Licensed Practical Nurse (LPN) / Licensed Vocation Nurse (LVN). Questa figura fu istituita durante la Seconda Guerra Mondiale per sopperire alla grave carenza di assistenza ai soldati; al termine della guerra questi programmi avrebbero dovuto essere interrotti, ma attualmente, negli USA, ne esistono ancora circa La durata di questi programmi è di un anno o un anno e mezzo e la formazione avviene direttamente negli ospedali. Si tratta di una figura non paragonabile a quella dell infermiere professionale (Registred Nurse) in quanto ha minori responsabilità oltre ad un inferiore riconoscimento economico; questi infermieri hanno la funzione di assistere gli infermieri professionali. 10

4 Da anni le associazioni infermieristiche e le università lottano per l abolizione di queste figure. La convivenza con gli infermieri professionali è alquanto difficoltosa e il livello di assistenza non può essere mantenuto sugli stessi standard di qualità. I due principali ostacoli all abolizione di questo tipo di formazione sono rappresentati dalla forte opposizione dei sindacati e dal minor costo di questi infermieri. 2. Registred Nurses (RNs): Diploma, AD, BS. Per quanto riguarda il Diploma esso viene conseguito con una formazione della durata di circa tre anni che avviene all interno degli ospedali. In tutti gli Stati Uniti esistono ancora circa cento programmi di questo tipo. Si consegue il titolo di infermiere tecnico. Si tratta dell unico titolo non accademico che permette di essere infermiere registrato. L AD (Associate Degree Nursing) ha la durata di due anni circa, ha come sede didattica le università comunitarie e permette anch esso il conseguimento del titolo di infermiere tecnico. Esistono ancora circa 900 programmi negli USA. Il BS (Baccalaureate Nursing) rappresenta il primo livello per conseguire il titolo di infermiere professionale. La formazione avviene nelle università e la durata è di circa 4 anni, 120 i crediti tra attività teorica e tirocinio clinico, ogni credito è costituito da ore di didattica frontale; ore di studio guidato / autoformazione / seminari. Comparando la formazione in Europa il riferimento è dato dalle 4600 ore secondo l accordo di Strasburgo. In Italia l attuale ordinamento didattico (Tab. XVIII ter) prevede per i tre anni di corso un ammontare complessivo di 92/94 crediti secondo l autonomia didattica degli atenei. Attualmente i programmi di Baccalaureate sono circa 500 ma sono in continuo aumento. INTERNATIONAL NURSING COLLABORATION BETWEEN COLLEGI IPASVI MILANO-LODI/ROMA & GEORGE WASHINGTON UNIVERSITY HOSPITAL JUNE 7, 1999 A T T I V I T À CR OU BL LR EI GC HI OE 3. Advanced Practice RNs: Master, Doctorally prepared. Si tratta della formazione universitaria post-base. Per quanto riguarda i Master, essi hanno la durata di circa due anni a tempo pieno o quattro a tempo parziale. Si distinguono tre indirizzi: Pratica clinica Nurse Practitioners (NPs): infermieri altamente specializzati che, sotto la supervisione del medico, hanno la possibilità di prescrivere determinati farmaci e di fare diagnosi medica. Si tratta di una figura piuttosto in contrasto con il concetto di autonomia professionale, nata per sostituire il medico soprattutto nelle provincie delle grandi città dove i medici non desiderano svolgere la loro professione. segue» 18 11

5 R U B R I C H E Clinical Nurse Specialists (CS): infermieri clinici specializzati Nurse Midwives: ostetriche Insegnamento presso gli ospedali presso le università nei programmi di AD, BS e Master Amministrazione presso gli ospedali presso le università nei programmi di AD e BS Il dottorato in infermieristica è il più alto livello formativo: prepara alla ricerca e all insegnamento universitario a tutti i livelli oltre alla copertura dei più alti livelli dirigenziali all interno delle strutture ospedaliere e universitarie. La sua durata varia da due a sei anni. I diversi corsi universitari sono quantificati in crediti, i percorsi formativi sono diversificati e, fatto fondamentale, la docenza è interamente costituita da infermieri. Soprattutto per quanto riguarda la ricerca vi è un grande scambio e collaborazione tra le diverse università degli Stati Uniti e vi sono diversi programmi di interscambio con l estero. La struttura e l organizzazione del Nursing negli Stati Uniti Come si è detto nell introduzione, gli Stati Uniti hanno un sistema sanitario di tipo privato. Questo determina la necessità di ridurre al minimo le spese sanitarie che sono particolarmente alte quando si parla di ospedalizzazione. Questo fenomeno, insieme ad altri quali l aumento dell età media sta portando ad un progressivo aumento dell assistenza territoriale e domiciliare, riservando l ospedalizzazione alle sole fasi acute della malattia. Di conseguenza anche l impiego degli infermieri, a tutti i livelli di formazione, si è spostato verso il territorio al punto che oggi circa il 65% degli infermieri lavora in ambito domiciliare e territoriale. Per rendere continuativa l assistenza dalla fase di ospedalizzazione a quella domiciliare esiste un modello organizzativo che si basa su tre principi fondamentali: primary nursing: gli infermieri sono 12

6 Presidenza generale Vicepresidenza generale Vicepresidenza del nursing Direttori clinici di dipartimento Direttore dei programmi pratici e informatici Direttore della formazione e delle assunzioni Amministratore finanziario Assistente amministrativo Manager clinico Coordinatore amm.vo Manager per le assunzioni Specialisti formatori Analisti finanziari Direttore dell'"agenzia" di assistenza domiciliare R U B R I C H E Infermieri clinici manager Coordinatori clinici Infermieri clinici Infermieri tecnici Infermieri associati Nurse practitioners Nurse clinicians Assistenti amm.vi Direttore associato ospedaliero Assistente amministrativo Direttori (servizi, sviluppo, management, relaz. sanitarie) Loro assistenti amm.vi Managers (clinici, formazione, servizi informatici,...) Pianificatori e operatori sociali, coordinatori di equipes supervisori,... professionisti responsabili della direzione, della pianificazione, del coordinamento, della somministrazione e della valutazione delle cure del paziente; la struttura decentralizzata: ogni ambito infermieristico è clinicamente autonomo e gestito da un manager (infermiere in possesso di un master); collaborazione interdisciplinare: consiste in un ampio scambio tra i diversi dipartimenti intra ed extra ospedalieri. Prendendo come esempio il Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di New York vediamo che esiste un programma di pianificazione dell assistenza che inizia con l accettazione del malato in ospedale, seguita da una degenza della durata minima, continuata con l assistenza domiciliare e che si conclude con la guarigione del malato. segue» 13

7 R U B R I C H E Questo modello organizzativo ha come scopo fondamentale di garantire un alto livello della qualità dell assistenza e, allo stesso tempo, di soddisfare l infermiere nella pratica lavorativa. Per rendere continuativa la qualità delle cure anche al domicilio risulta fondamentale il coinvolgimento delle famiglie nel piano assistenziale. A tal fine esistono programmi di sostegno psicologico e di educazione sanitaria specifici per i familiari dei pazienti. In questo modello organizzativo sono attivamente coinvolte le diverse figure infermieristiche esaminate nella formazione con la seguente struttura gerarchica (esempio tratto dal Mount Sinai Hospital, NY). Vengono ora brevemente descritte le funzioni principali delle diverse figure trattate. Infermieri tecnici/associati: hanno la funzione di prestare assistenza di base, non sono infermieri professionali e non ricoprono ruoli di responsabilità. Infermieri clinici: infermieri professionali in possesso della formazione universitaria di base (Baccalaureate). In quanto professionisti sono responsabili di assicurare una appropriata scelta delle cure nell interesse del paziente. Collaborano con gli esperti e con tutti i membri del team sanitario per pianificare le strategie di cura del paziente e della sua famiglia. Si aggiornano e fanno ricerca per mantenere alto il livello di assistenza. Coordinatori clinici: infermieri professionali che collaborano con gli infermieri manager nel coordinamento e nella gestione economica, amministrativa e organizzativa del dipartimento clinico. Infermieri clinici manager: infermieri professionali in possesso di formazione universitaria postbase a livello di Master. Hanno la funzione di instaurare un collegamento attivo fra il loro dipartimento e gli altri servizi dell ospedale, partecipano allo sviluppo dei programmi assistenziali a breve e lungo termine, stabiliscono il livello di qualità delle cure, favoriscono i rapporti interpersonali fra le diverse figure coinvolte nella cura del paziente, gestiscono il reclutamento del personale in base alle necessità giornaliere, mantengono il dipartimento economicamente in attivo, si occupano dell utilizzo delle risorse e dei presidi, partecipano ai processi disciplinari con il dipartimento delle risorse umane, definiscono le esigenze formative del reparto, partecipano alle riunioni di tutto l ospedale per verificare che le decisioni riguardanti la propria unità siano in armonia con quelle del resto dell ospedale, partecipano agli incontri con le famiglie. Direttori di dipartimento: infermieri professionali in possesso di formazione universitaria a livello di Master e Dottorato, hanno la funzione di supervisionare l operato dei manager del loro dipartimento. Direttori dei programmi pratici ed informatici: infermieri in possesso di master o dottorato, hanno la funzione di organizzazione della rete informatica e dei data-base. Direttori della formazione e del reclutamento: infermieri in possesso di Master o Dottorato. Coordinano i programmi di formazione permanente e il reclutamento del personale infermieristico. 14

8 Come si può notare esistono negli Stati Uniti molte figure assistenziali. Questo crea notevoli problemi soprattutto a livello di assistenza di base in quanto spesso gli infermieri tecnici (in possesso di una formazione di massimo due anni) vengono spesso confusi con gli infermieri professionali (che hanno una formazione universitaria di quattro anni). Per quanto riguarda invece il personale che ricopre cariche dirigenziali esiste una distribuzione omogenea di personale infermieristico proprio grazie ai molteplici indirizzi formativi presenti nella formazione di Master e Dottorato. Le associazioni infermieristiche Le principali associazioni infermieristiche statunitensi sono: 1. ANA (American Nurses Association) 2. Accademia Infermieristica 3. Istituto delle Credenziali Infermieristiche 4. Fondazione delle Infermiere 1. L Associazione degli Infermieri Americani è stata fondata nel 1896 ed è strutturata su modello Federativo. È la prima delle associazioni infermieristiche degli U.S.A. Essa rappresenta infermieri diplomati distribuiti nei 53 Stati Americani, con 860 gruppi. I membri dello staff sono 175 e sono stati scelti nei vari Stati. L ANA pubblica da 12 anni The American Nurses e dà informazioni su tutte le attività del mondo infermieristico. Gli sponsor sono: American Academy of Nursing Center for ethics and human rights Ethnic/racial minority fellowship programs American nurses credentialing center È affiliata con l International Council of Nurses (Consiglio Internazionale delle Infermiere). L associazione ha un approccio multiplo per i problemi che insorgono nel settore infermieristico. Tra i vari programmi sono stati particolarmente considerati: gli aspetti etici; le attività politiche per lo sviluppo, la discussione e distribuzione di standard di attività degli infermieri. Una iniziativa promossa negli ultimi 4 anni ha posto l enfasi sulla qualità del servizio degli infermieri e ha cercato di dimostrare con prove inconfutabili che è maggiore il numero degli infermieri professionali (e non tecnici) per paziente, migliore è il risultato di salute del cittadino; la promozione di raccolta dati per organismi di certificazione; la promozione di linee guida per l assistenza nei reparti, linee guida propositive che gli ospedali definiscono poi in funzione dei loro standard; la promozione di esposti legislativi, come da ultimo la Legge sulla sicurezza del malato. In merito a questo ogni ospedale ha definito un referente infermiere che si occupi di sicurezza ambientale e infezioni nosocomiali; la collaborazione con enti governativi al fine di rappresentare gli infermieri nei vari negoziati riguardanti la professione; segue» A T T I V I T À CR OU BL LR EI GC HI OE

9 R U B R I C H E le relazioni sindacali; la promozione della ricerca per definire parametri e indicatori della qualità del servizio. Nel 1995 sono stati elaborati 10 indicatori della qualità tra cui citiamo come esempio: soddisfazione del paziente attraverso un processo di educazione soddisfazione complessiva dell assistenza da parte del paziente soddisfazione del malato in relazione all assistenza infermieristica infezioni nosocomiali soddisfazione espressa dagli infermieri in merito al loro lavoro 2. Accademia degli Infermieri. È una associazione che riconosce la qualità del singolo professionista attraverso una domanda presentata dall infermiere. Tra le sue funzioni vi è un servizio offerto alla famiglia degli infermieri. 3. Istituto delle Credenziali Infermieristiche (American Nurses Credential Center). È un associazione che emana e certifica le credenzialità per gli infermieri. La certificazione di questa associazione ha un grosso peso ed è un ottima pubblicità per il professionista. Vengono anche rilasciati attestati di riconoscimento della qualità degli ospedali. 4. Fondazione delle Infermiere. La Fondazione americana permette di raccogliere fondi economici, lasciti per investire nella ricerca e nei progetti infermieristici. Conclusioni L esperienza di questo viaggio è stata sicuramente positiva. Traspare una grande valutazione del professionista infermiere a livello sociale anche se ancora poche sono le persone che si avvicinano a questa professione, ma ciò è legato alle molteplici attività occupazionali che offrono gli Stati Uniti. 16

10 L assistenza infermieristica cerca di distinguersi per qualità, promossa e controllata ad ogni livello di esercizio attraverso l utilizzo di linee guida, protocolli e progetti di ricerca. Anche in questo settore c è un influsso della lobby economica che stimola e muove il mondo infermieristico verso la qualità. Si denota una impronta capitalistica ben diversa da quella dei vicini canadesi in cui l aspetto della qualità è un valore insito nella loro cultura, un valore irrinunciabile per la soddisfazione dell utenza e del professionista non condizionato dal dollaro. In Italia sarebbe ideale che la qualità dell assistenza infermieristica si sviluppasse su questi due fronti, di valore etico ed economico, per premiare gli aspetti di autonomia, di responsabilità, di competenza che finalmente la professione sta cercando di raggiungere. È inoltre molto attivo lo scambio informativo non solo tra i diversi Stati Americani ma anche con altri Paesi come il Canada e non ultima l Italia. A confronto con gli U.S.A. in Italia non è ancora possibile mettere in pratica la ricerca perché da una parte non viene abbastanza considerata la sua importanza e dall altra esiste ancora un incapacità legata alla sua applicazione. Ruolo fondamentale per conoscere ed implementare i progetti di ricerca è ricoperto dalla formazione. Infatti sia negli Stati Uniti che in Canada la metodologia della ricerca è inserita nei programmi didattici a livello di Master negli Stati Uniti e fin dal primo anno di corso di formazione di base in Canada. Nella nostra formazione possiamo però vantarci che l infermiere viene educato solo ed esclusivamente a livello universitario mentre negli U.S.A. esistono ancora scuole non universitarie che determinano una formazione diversificata. Inoltre in Italia c è un aspetto di accreditamento per il professionista infermiere che è dettato dall obbligatorietà di iscrizione all albo per l esercizio professionale. Come similarmente avviene in Canada dove l esercizio della professione è vincolato all iscrizione all ordine professionale presente in ogni Provincia del Paese. Negli U.S.A. non esiste un vero e proprio albo, un organismo che faccia da garante per gli infermieri; facoltà del singolo infermiere associarsi a quella che è la maggiore e più antica associazione infermieristica quale l ANA. L iscrizione facoltativa ha portato ad iscriversi solo infermieri registrati contro i 2 milioni e mezzo di infermieri di tutti gli U.S.A. che esercitano la professione. L obiettivo fondamentale che in Italia bisogna raggiungere è oggi quello della Dirigenza Infermieristica che in America è in line con la Direzione sanitaria capitanata dai medici. Purtroppo gli ultimi sviluppi parlamentari hanno completamente trascurato l articolo 17 quater della riforma Bindi ter, ma soprattutto i infermieri italiani che ogni giorno esprimono la loro professionalità e contribuiscono a garantire il servizio sanitario. Ci auguriamo che l esperienza di questo viaggio possa essere diffusa al fine di prendere consapevolezza di quanto sia importante la figura dell infermiere cosicchè anche in Italia come negli Stati uniti e in Canada la professione infermieristica possa trovare il giusto riconoscimento sociale ed economico. Un ringraziamento di vero cuore va ai colleghi delle principali istituzioni in elenco per l eccellente accoglienza offerta in occasione dei seminari di studio. segue» A T T I V I T À CR OU BL LR EI GC HI OE

11 R U B R I C H E MOUNT SINAI HOSPITAL Departement of Nursing (box 1168) One Gistave L. Levy Place New York, Ny (Thomas Smith, MS, RN Vice President, Nursing box 1051 tel. (212) fax (212) internet # MEMORIAL SLOAN-KETTERING CANCER CENTER 1275 York Avenue New York, New york NEW YORK UNIVERSITY School of Education Division of nursing Shimkin hall Room west 4 th street New York, NY THE GEORGE WASHINGTON UNIVERSITY HOSPITAL rd street, NW Washington, DC (202) fax (202) (Kathi Cambareri, MSN, RN, CS, Manager Professional Development & Education) NATIONAL NAVAL MEDICAL CENTER Nursing Service 8901 Wisconsis Avenue Bethesda, Meryland (301) FAX: (301) Beverly Malone Presidente ANA American Nurses Association 600 Mariland Avenue, SW suite 100 west washington, DC fax

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Guida ai Circoli professionali del Rotary

Guida ai Circoli professionali del Rotary Guida ai Circoli professionali del Rotary Rotary International Rotary Service Department One Rotary Center 1560 Sherman Avenue Evanston, IL 60201-3698 USA www.rotary.org/it 729-IT (412) Introduzione ai

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Agosto 2004. Pagina 1 di 1

Agosto 2004. Pagina 1 di 1 Progetto per la riorganizzazione dell attività di assistenza infermieristica, ostetrica e di supporto nelle Unità Organizzative del Policlinico S. Orsola-Malpighi Gruppo di lavoro P. Taddia L. Angelini

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

ALLEGATO DOC. 1 BOZZA DI LAVORO SCHEMA DI REGOLAMENTO ECM

ALLEGATO DOC. 1 BOZZA DI LAVORO SCHEMA DI REGOLAMENTO ECM ALLEGATO DOC. 1 BOZZA DI LAVORO SCHEMA DI REGOLAMENTO ECM (LA BOZZA DI LAVORO E STATA PREDISPOSTA DALLA SEGRETERIA SULLA BASE DEL DOCUMENTO CRITERI E MODALITA PER L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER E LA FORMAZIONE

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli