A TTUALITÀ di Ester Masarati Simona Mapelli Giovanni Muttillo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A TTUALITÀ di Ester Masarati Simona Mapelli Giovanni Muttillo"

Transcript

1 A TTUALITÀ R U B R I C H E di Ester Masarati Simona Mapelli Giovanni Muttillo Infermieri italiani in USA. Il Collegio di Milano-Lodi pone le basi per uno scambio culturale L anno scorso il collegio IPASVI di Roma ha organizzato un viaggio studio in Canada e, più precisamente a Montreal e a Toronto, al quale hanno partecipato anche alcuni iscritti di altri Collegi tra cui quello di Milano. Memori dell esperienza positiva, quest anno, per la prima volta, il Collegio interprovinciale di Milano-Lodi ha collaborato con il Collegio di Roma all organizzazione di un nuovo viaggio studio. Meta del viaggio: Stati Uniti d America, ed in particolare le tre grosse capitali statunitensi che la storia vuole come le tre capitali degli U.S.A.: Philadelphia, New York e Washington. La tappa a Philadelphia è stata prettamente turistica, un intermezzo tra New York e Washington dove si sono concentrate le nostre visite e gli incontri con i responsabili infermieristici di ospedali ed associazioni. Un grosso input che ha motivato questo viaggio è stato proprio legato ad una valutazione di come la professione infermieristica viene considerata di primaria importanza all interno del sistema sanitario americano, un sistema che sta influenzando molti aspetti della nostra sanità come ben esprime la trasformazione degli ospedali in azienda e gli ormai noti DRG. Ma soprattutto nella cultura infermieristica italiana ci sono sempre esempi, modelli e teorie di infermiere anglosassoni ed in particolare degli Stati Uniti. Per meglio comprendere i diversi aspetti dell organizzazione infermieristica degli U.S.A. si reputa doveroso descrivere brevemente il sistema sanitario americano. L assistenza sanitaria è fornita attraverso un sistema privatistico dove la maggior parte dei finanziamenti proviene da compagnie assicurative alle quali il cittadino si rivolge per stipulare delle polizze sulla salute. Solo una piccola parte di finanziamenti proviene dagli organismi federali. Da ciò ne deriva una forte competitività tra le diverse strutture sanitarie, dove il rapporto tra qualità e costi deve raggiungere i massimi livelli. Protagonista di questo sistema è il malato che diventa un vero e proprio cliente perché sceglie la struttura sanitaria che meglio soddisfa le sue esigenze di salute e di assistenza. Per rendere più chiara la descrizione del mondo infermieristico americano abbiamo voluto suddividere il presente lavoro in quattro aspetti fondamentali facendo, talvolta, alcuni riferimenti 8

2 alla realtà canadese: la qualità e l accreditamento dell assistenza la formazione infermieristica la struttura e l organizzazione del Nursing le associazioni infermieristiche La qualità e l accreditamento dell assistenza All osservatore europeo il sistema di vita degli Stati Uniti appare uniforme, sintomo di una diffusione generale della ricchezza. La superiorità del livello di vita statunitense si spiega con la concomitanza di diversi fattori favorevoli come i fattori naturali e i fattori demografici. Anche i fattori sociali ed istituzionali hanno contribuito all espansione di questa grossa nazione. L americano cambia facilmente occupazione e residenza se intravede la possibilità di migliorare la propria posizione; un esempio è proprio fornito dal fatto che molti infermieri si sono avvicinati a questa professione secondariamente tantè che l età media è di circa 45 anni. Questa mobilità incoraggia le iniziative individuali e concorre quindi al dinamismo della vita americana. In vari settori dunque è facile far accettare una sorta di mobilità e continua trasformazione organizzativa che trova spazio anche all interno del servizio sanitario americano. Inoltre la società americana è sempre tesa a forme di competizione per migliorarsi e raggiungere la qualità. All interno di uno stato così ricco è sicuramente la salute il bene più prezioso, tanto da diventare oggetto di quelle forme di assicurazione (Managed Care Company) che gestiscono e decidono in toto il costo della malattia e del recupero di salute del cittadino malato. Mossi dalla concorrenza gli ospedali e le università ospedaliere cercano di raggiungere maggior accreditamento possibile sia sul piano strutturale che professionale. Abbiamo avuto occasione di visitare i migliori ospedali di New York e Washington e abbiamo constatato una valida struttura architettonica che ben risponde alle esigenze sanitarie di quest epoca; l introduzione di un sistema informatico permette poi una facile e veloce trasmissione dei dati, dati che al Mount Sinai Hospital di New York e al Bethesda Naval Hospital di Washington sono esclusivamente di tipo informatico con la quasi esclusione dei dati cartacei. Sicuramente un ambiente confortevole e ben attrezzato favorisce una propensione al lavoro ma come ha affermato una portavoce della cultura infermieristica americana, Kathi Cambareri, Registred Nurse- Manager del George Washington University Hospital, non sono l edificio, l infrastruttura, l atmosfera che rendono una organizzazione sanitaria di successo ma la gente e gli operatori che vi lavorano. Ed ecco considerare l importanza della formazione di base infermieristica che continua sistematicamente e in modo permanente tanto che gli infermieri sono sottoposti ad un aggiornamento continuo all interno dell ospedale e, in alcuni Stati, ad una certificazione ogni 5 anni. Ogni anno devono poi sottoporsi ad un test di competenza che certifichi il livello di conoscenza dell infermiere. segue» 9 A T T I V I T À C O L L E G I O

3 R U B R I C H E Gli esami di certificazione sono offerti da diverse organizzazioni come la ANCC (American Nurses Credentialin College) e altre associazioni di assistenza specialistica. La crescita professionale dell infermiere negli Stati Uniti trova poi nutrimento su un elemento importante quale la ricerca. La ricerca è diffusa a livello capillare in ogni centro ospedaliero e viene considerata uno dei principali strumenti per la valutazione del proprio agire professionale e per lo sviluppo ed il confronto della professione. L attenzione che viene posta alla ricerca è legata alla promozione della cultura infermieristica ma trova spiegazione anche nel mercato capitalistico della società americana; la ricerca porta a sviluppo, lo sviluppo deve protendere alla qualità, la qualità richiama attenzione e quindi clientela e di conseguenza soldi. Mossi da questo interesse economico i sistemi sanitari pronosticano addirittura i bisogni futuri del cliente malato. Questo spiega quindi l inserimento all interno degli organismi sanitari di personale infermieristico che si occupi solo ed esclusivamente di reperire fondi economici per finanziare i progetti di ricerca; solitamente sono i Dirigenti Infermieristici a coordinare i vari lavori anche se quasi tutti i Registred Nurses e i Chief Nurses ne sono capaci, anche perché il titolo di Phisician Degree (Dottorato di ricerca) è ottenuto solo dall 1% della classe infermieristica. Molte sono le modalità con cui viene svolta la ricerca: al Mount Sinai Hospital, ad esempio, si eseguono delle telefonate a casa su un campione randomizzato di clienti malati e si redige un rapporto ogni tre mesi sullo specifico oggetto del progetto di ricerca. Uno degli aspetti principali della ricerca è la dimostrazione di qualità attraverso la definizione di standard infermieristici. Questi standard costituiscono il fondamento per l attività assistenziale, per la misurazione, la valutazione ed il miglioramento delle strutture assistenziali, dei processi e degli esiti. Lo sviluppo di questi standard è uno sforzo di collaborazione degli infermieri attraverso i comitati infermieristici e include, se necessario, la collaborazione con altri collegi o ordini interdisciplinari. La formazione infermieristica Esiste attualmente negli Stati Uniti, una formazione infermieristica sia a livello di scuola superiore che di università. Gli infermieri, a seconda della loro formazione, vengono suddivisi in tre categorie: 1. Licensed Practical Nurse (LPN) / Licensed Vocation Nurse (LVN). Questa figura fu istituita durante la Seconda Guerra Mondiale per sopperire alla grave carenza di assistenza ai soldati; al termine della guerra questi programmi avrebbero dovuto essere interrotti, ma attualmente, negli USA, ne esistono ancora circa La durata di questi programmi è di un anno o un anno e mezzo e la formazione avviene direttamente negli ospedali. Si tratta di una figura non paragonabile a quella dell infermiere professionale (Registred Nurse) in quanto ha minori responsabilità oltre ad un inferiore riconoscimento economico; questi infermieri hanno la funzione di assistere gli infermieri professionali. 10

4 Da anni le associazioni infermieristiche e le università lottano per l abolizione di queste figure. La convivenza con gli infermieri professionali è alquanto difficoltosa e il livello di assistenza non può essere mantenuto sugli stessi standard di qualità. I due principali ostacoli all abolizione di questo tipo di formazione sono rappresentati dalla forte opposizione dei sindacati e dal minor costo di questi infermieri. 2. Registred Nurses (RNs): Diploma, AD, BS. Per quanto riguarda il Diploma esso viene conseguito con una formazione della durata di circa tre anni che avviene all interno degli ospedali. In tutti gli Stati Uniti esistono ancora circa cento programmi di questo tipo. Si consegue il titolo di infermiere tecnico. Si tratta dell unico titolo non accademico che permette di essere infermiere registrato. L AD (Associate Degree Nursing) ha la durata di due anni circa, ha come sede didattica le università comunitarie e permette anch esso il conseguimento del titolo di infermiere tecnico. Esistono ancora circa 900 programmi negli USA. Il BS (Baccalaureate Nursing) rappresenta il primo livello per conseguire il titolo di infermiere professionale. La formazione avviene nelle università e la durata è di circa 4 anni, 120 i crediti tra attività teorica e tirocinio clinico, ogni credito è costituito da ore di didattica frontale; ore di studio guidato / autoformazione / seminari. Comparando la formazione in Europa il riferimento è dato dalle 4600 ore secondo l accordo di Strasburgo. In Italia l attuale ordinamento didattico (Tab. XVIII ter) prevede per i tre anni di corso un ammontare complessivo di 92/94 crediti secondo l autonomia didattica degli atenei. Attualmente i programmi di Baccalaureate sono circa 500 ma sono in continuo aumento. INTERNATIONAL NURSING COLLABORATION BETWEEN COLLEGI IPASVI MILANO-LODI/ROMA & GEORGE WASHINGTON UNIVERSITY HOSPITAL JUNE 7, 1999 A T T I V I T À CR OU BL LR EI GC HI OE 3. Advanced Practice RNs: Master, Doctorally prepared. Si tratta della formazione universitaria post-base. Per quanto riguarda i Master, essi hanno la durata di circa due anni a tempo pieno o quattro a tempo parziale. Si distinguono tre indirizzi: Pratica clinica Nurse Practitioners (NPs): infermieri altamente specializzati che, sotto la supervisione del medico, hanno la possibilità di prescrivere determinati farmaci e di fare diagnosi medica. Si tratta di una figura piuttosto in contrasto con il concetto di autonomia professionale, nata per sostituire il medico soprattutto nelle provincie delle grandi città dove i medici non desiderano svolgere la loro professione. segue» 18 11

5 R U B R I C H E Clinical Nurse Specialists (CS): infermieri clinici specializzati Nurse Midwives: ostetriche Insegnamento presso gli ospedali presso le università nei programmi di AD, BS e Master Amministrazione presso gli ospedali presso le università nei programmi di AD e BS Il dottorato in infermieristica è il più alto livello formativo: prepara alla ricerca e all insegnamento universitario a tutti i livelli oltre alla copertura dei più alti livelli dirigenziali all interno delle strutture ospedaliere e universitarie. La sua durata varia da due a sei anni. I diversi corsi universitari sono quantificati in crediti, i percorsi formativi sono diversificati e, fatto fondamentale, la docenza è interamente costituita da infermieri. Soprattutto per quanto riguarda la ricerca vi è un grande scambio e collaborazione tra le diverse università degli Stati Uniti e vi sono diversi programmi di interscambio con l estero. La struttura e l organizzazione del Nursing negli Stati Uniti Come si è detto nell introduzione, gli Stati Uniti hanno un sistema sanitario di tipo privato. Questo determina la necessità di ridurre al minimo le spese sanitarie che sono particolarmente alte quando si parla di ospedalizzazione. Questo fenomeno, insieme ad altri quali l aumento dell età media sta portando ad un progressivo aumento dell assistenza territoriale e domiciliare, riservando l ospedalizzazione alle sole fasi acute della malattia. Di conseguenza anche l impiego degli infermieri, a tutti i livelli di formazione, si è spostato verso il territorio al punto che oggi circa il 65% degli infermieri lavora in ambito domiciliare e territoriale. Per rendere continuativa l assistenza dalla fase di ospedalizzazione a quella domiciliare esiste un modello organizzativo che si basa su tre principi fondamentali: primary nursing: gli infermieri sono 12

6 Presidenza generale Vicepresidenza generale Vicepresidenza del nursing Direttori clinici di dipartimento Direttore dei programmi pratici e informatici Direttore della formazione e delle assunzioni Amministratore finanziario Assistente amministrativo Manager clinico Coordinatore amm.vo Manager per le assunzioni Specialisti formatori Analisti finanziari Direttore dell'"agenzia" di assistenza domiciliare R U B R I C H E Infermieri clinici manager Coordinatori clinici Infermieri clinici Infermieri tecnici Infermieri associati Nurse practitioners Nurse clinicians Assistenti amm.vi Direttore associato ospedaliero Assistente amministrativo Direttori (servizi, sviluppo, management, relaz. sanitarie) Loro assistenti amm.vi Managers (clinici, formazione, servizi informatici,...) Pianificatori e operatori sociali, coordinatori di equipes supervisori,... professionisti responsabili della direzione, della pianificazione, del coordinamento, della somministrazione e della valutazione delle cure del paziente; la struttura decentralizzata: ogni ambito infermieristico è clinicamente autonomo e gestito da un manager (infermiere in possesso di un master); collaborazione interdisciplinare: consiste in un ampio scambio tra i diversi dipartimenti intra ed extra ospedalieri. Prendendo come esempio il Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di New York vediamo che esiste un programma di pianificazione dell assistenza che inizia con l accettazione del malato in ospedale, seguita da una degenza della durata minima, continuata con l assistenza domiciliare e che si conclude con la guarigione del malato. segue» 13

7 R U B R I C H E Questo modello organizzativo ha come scopo fondamentale di garantire un alto livello della qualità dell assistenza e, allo stesso tempo, di soddisfare l infermiere nella pratica lavorativa. Per rendere continuativa la qualità delle cure anche al domicilio risulta fondamentale il coinvolgimento delle famiglie nel piano assistenziale. A tal fine esistono programmi di sostegno psicologico e di educazione sanitaria specifici per i familiari dei pazienti. In questo modello organizzativo sono attivamente coinvolte le diverse figure infermieristiche esaminate nella formazione con la seguente struttura gerarchica (esempio tratto dal Mount Sinai Hospital, NY). Vengono ora brevemente descritte le funzioni principali delle diverse figure trattate. Infermieri tecnici/associati: hanno la funzione di prestare assistenza di base, non sono infermieri professionali e non ricoprono ruoli di responsabilità. Infermieri clinici: infermieri professionali in possesso della formazione universitaria di base (Baccalaureate). In quanto professionisti sono responsabili di assicurare una appropriata scelta delle cure nell interesse del paziente. Collaborano con gli esperti e con tutti i membri del team sanitario per pianificare le strategie di cura del paziente e della sua famiglia. Si aggiornano e fanno ricerca per mantenere alto il livello di assistenza. Coordinatori clinici: infermieri professionali che collaborano con gli infermieri manager nel coordinamento e nella gestione economica, amministrativa e organizzativa del dipartimento clinico. Infermieri clinici manager: infermieri professionali in possesso di formazione universitaria postbase a livello di Master. Hanno la funzione di instaurare un collegamento attivo fra il loro dipartimento e gli altri servizi dell ospedale, partecipano allo sviluppo dei programmi assistenziali a breve e lungo termine, stabiliscono il livello di qualità delle cure, favoriscono i rapporti interpersonali fra le diverse figure coinvolte nella cura del paziente, gestiscono il reclutamento del personale in base alle necessità giornaliere, mantengono il dipartimento economicamente in attivo, si occupano dell utilizzo delle risorse e dei presidi, partecipano ai processi disciplinari con il dipartimento delle risorse umane, definiscono le esigenze formative del reparto, partecipano alle riunioni di tutto l ospedale per verificare che le decisioni riguardanti la propria unità siano in armonia con quelle del resto dell ospedale, partecipano agli incontri con le famiglie. Direttori di dipartimento: infermieri professionali in possesso di formazione universitaria a livello di Master e Dottorato, hanno la funzione di supervisionare l operato dei manager del loro dipartimento. Direttori dei programmi pratici ed informatici: infermieri in possesso di master o dottorato, hanno la funzione di organizzazione della rete informatica e dei data-base. Direttori della formazione e del reclutamento: infermieri in possesso di Master o Dottorato. Coordinano i programmi di formazione permanente e il reclutamento del personale infermieristico. 14

8 Come si può notare esistono negli Stati Uniti molte figure assistenziali. Questo crea notevoli problemi soprattutto a livello di assistenza di base in quanto spesso gli infermieri tecnici (in possesso di una formazione di massimo due anni) vengono spesso confusi con gli infermieri professionali (che hanno una formazione universitaria di quattro anni). Per quanto riguarda invece il personale che ricopre cariche dirigenziali esiste una distribuzione omogenea di personale infermieristico proprio grazie ai molteplici indirizzi formativi presenti nella formazione di Master e Dottorato. Le associazioni infermieristiche Le principali associazioni infermieristiche statunitensi sono: 1. ANA (American Nurses Association) 2. Accademia Infermieristica 3. Istituto delle Credenziali Infermieristiche 4. Fondazione delle Infermiere 1. L Associazione degli Infermieri Americani è stata fondata nel 1896 ed è strutturata su modello Federativo. È la prima delle associazioni infermieristiche degli U.S.A. Essa rappresenta infermieri diplomati distribuiti nei 53 Stati Americani, con 860 gruppi. I membri dello staff sono 175 e sono stati scelti nei vari Stati. L ANA pubblica da 12 anni The American Nurses e dà informazioni su tutte le attività del mondo infermieristico. Gli sponsor sono: American Academy of Nursing Center for ethics and human rights Ethnic/racial minority fellowship programs American nurses credentialing center È affiliata con l International Council of Nurses (Consiglio Internazionale delle Infermiere). L associazione ha un approccio multiplo per i problemi che insorgono nel settore infermieristico. Tra i vari programmi sono stati particolarmente considerati: gli aspetti etici; le attività politiche per lo sviluppo, la discussione e distribuzione di standard di attività degli infermieri. Una iniziativa promossa negli ultimi 4 anni ha posto l enfasi sulla qualità del servizio degli infermieri e ha cercato di dimostrare con prove inconfutabili che è maggiore il numero degli infermieri professionali (e non tecnici) per paziente, migliore è il risultato di salute del cittadino; la promozione di raccolta dati per organismi di certificazione; la promozione di linee guida per l assistenza nei reparti, linee guida propositive che gli ospedali definiscono poi in funzione dei loro standard; la promozione di esposti legislativi, come da ultimo la Legge sulla sicurezza del malato. In merito a questo ogni ospedale ha definito un referente infermiere che si occupi di sicurezza ambientale e infezioni nosocomiali; la collaborazione con enti governativi al fine di rappresentare gli infermieri nei vari negoziati riguardanti la professione; segue» A T T I V I T À CR OU BL LR EI GC HI OE

9 R U B R I C H E le relazioni sindacali; la promozione della ricerca per definire parametri e indicatori della qualità del servizio. Nel 1995 sono stati elaborati 10 indicatori della qualità tra cui citiamo come esempio: soddisfazione del paziente attraverso un processo di educazione soddisfazione complessiva dell assistenza da parte del paziente soddisfazione del malato in relazione all assistenza infermieristica infezioni nosocomiali soddisfazione espressa dagli infermieri in merito al loro lavoro 2. Accademia degli Infermieri. È una associazione che riconosce la qualità del singolo professionista attraverso una domanda presentata dall infermiere. Tra le sue funzioni vi è un servizio offerto alla famiglia degli infermieri. 3. Istituto delle Credenziali Infermieristiche (American Nurses Credential Center). È un associazione che emana e certifica le credenzialità per gli infermieri. La certificazione di questa associazione ha un grosso peso ed è un ottima pubblicità per il professionista. Vengono anche rilasciati attestati di riconoscimento della qualità degli ospedali. 4. Fondazione delle Infermiere. La Fondazione americana permette di raccogliere fondi economici, lasciti per investire nella ricerca e nei progetti infermieristici. Conclusioni L esperienza di questo viaggio è stata sicuramente positiva. Traspare una grande valutazione del professionista infermiere a livello sociale anche se ancora poche sono le persone che si avvicinano a questa professione, ma ciò è legato alle molteplici attività occupazionali che offrono gli Stati Uniti. 16

10 L assistenza infermieristica cerca di distinguersi per qualità, promossa e controllata ad ogni livello di esercizio attraverso l utilizzo di linee guida, protocolli e progetti di ricerca. Anche in questo settore c è un influsso della lobby economica che stimola e muove il mondo infermieristico verso la qualità. Si denota una impronta capitalistica ben diversa da quella dei vicini canadesi in cui l aspetto della qualità è un valore insito nella loro cultura, un valore irrinunciabile per la soddisfazione dell utenza e del professionista non condizionato dal dollaro. In Italia sarebbe ideale che la qualità dell assistenza infermieristica si sviluppasse su questi due fronti, di valore etico ed economico, per premiare gli aspetti di autonomia, di responsabilità, di competenza che finalmente la professione sta cercando di raggiungere. È inoltre molto attivo lo scambio informativo non solo tra i diversi Stati Americani ma anche con altri Paesi come il Canada e non ultima l Italia. A confronto con gli U.S.A. in Italia non è ancora possibile mettere in pratica la ricerca perché da una parte non viene abbastanza considerata la sua importanza e dall altra esiste ancora un incapacità legata alla sua applicazione. Ruolo fondamentale per conoscere ed implementare i progetti di ricerca è ricoperto dalla formazione. Infatti sia negli Stati Uniti che in Canada la metodologia della ricerca è inserita nei programmi didattici a livello di Master negli Stati Uniti e fin dal primo anno di corso di formazione di base in Canada. Nella nostra formazione possiamo però vantarci che l infermiere viene educato solo ed esclusivamente a livello universitario mentre negli U.S.A. esistono ancora scuole non universitarie che determinano una formazione diversificata. Inoltre in Italia c è un aspetto di accreditamento per il professionista infermiere che è dettato dall obbligatorietà di iscrizione all albo per l esercizio professionale. Come similarmente avviene in Canada dove l esercizio della professione è vincolato all iscrizione all ordine professionale presente in ogni Provincia del Paese. Negli U.S.A. non esiste un vero e proprio albo, un organismo che faccia da garante per gli infermieri; facoltà del singolo infermiere associarsi a quella che è la maggiore e più antica associazione infermieristica quale l ANA. L iscrizione facoltativa ha portato ad iscriversi solo infermieri registrati contro i 2 milioni e mezzo di infermieri di tutti gli U.S.A. che esercitano la professione. L obiettivo fondamentale che in Italia bisogna raggiungere è oggi quello della Dirigenza Infermieristica che in America è in line con la Direzione sanitaria capitanata dai medici. Purtroppo gli ultimi sviluppi parlamentari hanno completamente trascurato l articolo 17 quater della riforma Bindi ter, ma soprattutto i infermieri italiani che ogni giorno esprimono la loro professionalità e contribuiscono a garantire il servizio sanitario. Ci auguriamo che l esperienza di questo viaggio possa essere diffusa al fine di prendere consapevolezza di quanto sia importante la figura dell infermiere cosicchè anche in Italia come negli Stati uniti e in Canada la professione infermieristica possa trovare il giusto riconoscimento sociale ed economico. Un ringraziamento di vero cuore va ai colleghi delle principali istituzioni in elenco per l eccellente accoglienza offerta in occasione dei seminari di studio. segue» A T T I V I T À CR OU BL LR EI GC HI OE

11 R U B R I C H E MOUNT SINAI HOSPITAL Departement of Nursing (box 1168) One Gistave L. Levy Place New York, Ny (Thomas Smith, MS, RN Vice President, Nursing box 1051 tel. (212) fax (212) internet # MEMORIAL SLOAN-KETTERING CANCER CENTER 1275 York Avenue New York, New york NEW YORK UNIVERSITY School of Education Division of nursing Shimkin hall Room west 4 th street New York, NY THE GEORGE WASHINGTON UNIVERSITY HOSPITAL rd street, NW Washington, DC (202) fax (202) (Kathi Cambareri, MSN, RN, CS, Manager Professional Development & Education) NATIONAL NAVAL MEDICAL CENTER Nursing Service 8901 Wisconsis Avenue Bethesda, Meryland (301) FAX: (301) Beverly Malone Presidente ANA American Nurses Association 600 Mariland Avenue, SW suite 100 west washington, DC fax

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?

Outcome assistenziali. Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia? I Congresso Internazionale Il Governo Assistenziale: una risposta alle esigenze della sanità che cambia?, soddisfazione dei professionisti e governo assistenziale 13 novembre 2007 1 2 1 OBIETTIVO dello

Dettagli

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Rita Laccoto CURRICULUM VITAE Nata a Brolo il 28/05/1950 Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Universitario di Messina con la qualifica di Coordinatore

Dettagli

Ministero dell'istruzione e dell'università e Ministero della Salute

Ministero dell'istruzione e dell'università e Ministero della Salute Ministero dell'istruzione e dell'università e Ministero della Salute VISTO il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382, Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia di formazione nonché sperimentazione

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 PIANO DIDATTICO Istituzione del Master Presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Infermiere esperto Ds 2 Amministrazione Incarico attuale In servizio

Dettagli

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di

Ordinario di Igiene, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Nursing avanzato per la sorveglianza epidemiologica e il controllo delle infezioni correlate ai processi assistenziali (ICPA) Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof. Gabriele Romano

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Indice 1. Denominazione pag 2 2. Natura istituzionale e finalità pag 2 3. Personale afferente al Servizio

Dettagli

Cultura del lavoro e formazione universitaria

Cultura del lavoro e formazione universitaria Conferenza dei Servizi Sanitari Aziendali Bracciano 30 Novembre 1 Dicembre 2015 Cultura del lavoro e formazione universitaria Dott.ssa Maria Antonietta Lai, Dott.ssa Marina Manna Dott.ssa Serenella Savini

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA

Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA L Università degli Studi di Camerino, Bando per il Master Universitario di 1 livello in INFERMIERE DI RICERCA Anno accademico 2012/2013 VISTO lo Statuto, emanato con Decreto Rettorale n. 148 del 25 febbraio

Dettagli

LA RICERCA INFERMIERISTICA

LA RICERCA INFERMIERISTICA Prof. ssa Eufemia Renzi LA RICERCA INFERMIERISTICA DIAPOSITIVA N. 2 IL SIGNIFICATO DI RICERCA INFERMIERISTICA La ricerca infermieristica opera su due grandi aree interdipendenti: quella teorica nursing

Dettagli

CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO

CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO Telefono 3389688974 Fax E-mail chiara.boggiogilot@tin.it

Dettagli

2009 Laurea Magistrale in Giurisprudenza. 1987 Diploma di Infermiere Prof. (Equip. Laurea Scienze Infermieristiche)

2009 Laurea Magistrale in Giurisprudenza. 1987 Diploma di Infermiere Prof. (Equip. Laurea Scienze Infermieristiche) CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRANCESCO SANTOCONO Nazionalità Italiana ISTRUZIONE E FORMAZIONE 2009 Laurea Magistrale in Giurisprudenza 1988 Diploma di Geometra

Dettagli

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Introduzione La funzione di selezione-valutazione dei pazienti all interno dei Dipartimenti di Emergenza è divenuta

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica.

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LANZARONE SALVATORE Telefono 011 6933445 Cellulare 393 8727518 VIA ILARIO VERNERO 2,10090 ROSTA (TO) E-mail lanzarone.salvatore77@gmail.com

Dettagli

Operatori Socio Sanitari risorsa e opportunità per il miglioramento della qualità e dell assistenza. Attribuzione o delega?

Operatori Socio Sanitari risorsa e opportunità per il miglioramento della qualità e dell assistenza. Attribuzione o delega? Operatori Socio Sanitari risorsa e opportunità per il miglioramento della qualità e dell assistenza. Attribuzione o delega? Pordenone, Marzo 2014 Dott.ssa Catia Cassin Delega In ambito gestionale per delega

Dettagli

L'esperienza e i risultati dell'istituto Europeo di Oncologia di Milano. Dott. Giorgio Magon

L'esperienza e i risultati dell'istituto Europeo di Oncologia di Milano. Dott. Giorgio Magon L'esperienza e i risultati dell'istituto Europeo di Oncologia di Milano Dott. Giorgio Magon 1856 Organizzazione scientifica del lavoro 2010 2014 La progettualità in I.E.O. Fase 2: Analisi Benchmarking

Dettagli

Fare clic sull'icona per inserire un'immagine. La formazione come crescita professionale. Ana Shiella C. Rivera Infermiera

Fare clic sull'icona per inserire un'immagine. La formazione come crescita professionale. Ana Shiella C. Rivera Infermiera Fare clic sull'icona per inserire un'immagine La formazione come crescita professionale Ana Shiella C. Rivera Infermiera La formazione Si definisce formazione il processo del formarsi con la maturazione

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi. Redatto ai sensi dell Art 46 DPR 28 Dicembre 2000 n 445

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi. Redatto ai sensi dell Art 46 DPR 28 Dicembre 2000 n 445 CURRICULUM VITAE Annamaria Ferraresi Redatto ai sensi dell Art 46 DPR 28 Dicembre 2000 n 445 LUOGO E DATA DI NASCITA: Ferrara, 25 Agosto 1967 FORMAZIONE 1986 Diploma di Infermiera Professionale, presso

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI SCAGLIA MARCO. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI SCAGLIA MARCO. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità SCAGLIA MARCO Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA Data di nascita 17

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 Direttore del corso Cognome Nome Qualifica SSD Poli Albino Prof. Ordinario

Dettagli

Non più solo assistenza ma anche comunicazione e ricerca

Non più solo assistenza ma anche comunicazione e ricerca Non più solo assistenza ma anche comunicazione e ricerca Archivio Fondamentale ottobre 2013 L'infermiere che lavora nei reparti di oncologia ricopre un ruolo di primo piano nel percorso di cura e assistenza:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN COMUNICAZIONE IN AMBITO SANITARIO IN COLLABORAZIONE CON L ISTITUTO NAZIONALE TUMORI-FONDAZIONE PASCALE IRCCS 2 a Edizione Anno Accademico 2012/2013 REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome REGONASCHI NADIA E-mail Nazionalità nad.reg@alice.it italiana Data di nascita 26/10/1963 Luogo di nascita

Dettagli

Accreditamento volontario: l esperienza americana della JOINT COMMISSION INTERNATIONAL

Accreditamento volontario: l esperienza americana della JOINT COMMISSION INTERNATIONAL Accreditamento volontario: l esperienza americana della JOINT COMMISSION INTERNATIONAL In un precedente articolo ho affrontato l importanza del tema della certificazione ISO 9001 per una struttura sanitaria

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E La sottoscritta Magri Miriam Teresa,dichiara che: INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Miriam Magri Nazionalità

Dettagli

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati

L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE. Esperienza e vissuto dei medici italiani. Sintesi dei principali risultati L INTERAZIONE MEDICO-INFERMIERE NELLE STRUTTURE SANITARIE Esperienza e vissuto dei medici italiani Sintesi dei principali risultati Ottobre 2014 Eures Ricerche Economiche e Sociali IPASVI METODOLOGIA Indagine

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5425 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BELTRANDI, BERNARDINI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

c. Responsabile scientifico Corso Data Mangement, presso Azienda Ospedaliero Universitaria S. Maria della Misericordia, Udine, dal 06/03/2008 al

c. Responsabile scientifico Corso Data Mangement, presso Azienda Ospedaliero Universitaria S. Maria della Misericordia, Udine, dal 06/03/2008 al DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, art. 47 e successive modifiche ed integrazioni) NON SOGGETTA AD AUTENTICAZIONE-ESENTE DA BOLLO (D.P.R. 28 dicembre 2000,

Dettagli

CURRICULUM VITAE : PASQUOT LOREDANA CURRICULUM DI STUDIO

CURRICULUM VITAE : PASQUOT LOREDANA  CURRICULUM DI STUDIO CURRICULUM VITAE Cognome - Nome: PASQUOT LOREDANA Nata a San Donà di Piave (VE) il 6 aprile 1957 Residenza: Via Quadronno 4, 20122 MILANO Cittadinanza: Italiana Stato Civile: Coniugata con Ermes Fornasier.

Dettagli

R ELAZIONE DEL PRESIDENTE

R ELAZIONE DEL PRESIDENTE R ELAZIONE DEL PRESIDENTE Assemblea degli iscritti anno 1999 Il 1998 è stato caratterizzato da grandi attese e da rinvii infiniti per la professione infermieristica, accompagnato da eventi importanti per

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. OFTALMICO DI MILANO Posizione Organizzativa - Corso di Laurea in Infermieristica

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. OFTALMICO DI MILANO Posizione Organizzativa - Corso di Laurea in Infermieristica INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fanari Francesco Data di nascita 20/06/1962 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Collaboratore Professionale Sanitario Esperto AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Prof. Antonio De Palma

Prof. Antonio De Palma RUOLO E RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA SANITARIO INFERMIERE Analisi comparata e studio esegetico-metodologico di parti campione delle norme di riforma delle professioni sanitarie infermieristiche Prof.

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome GALEAZZO MARILENA Indirizzo VIA L. PELLIZZO 39 Telefono Fax E-mail marilena.galeazzo@sanita.padova.it Nazionalità

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO Regolamento Premessa Il presente regolamento intende definire e disciplinare l organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario) è parte integrante

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche

CURRICULUM VITAE. Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Luciana Andreis Data di nascita 12.12.1952 Amministrazione ASLCn1 Incarico attuale Coordinatore Risk Management Numero telefonico ufficio 0174676411 Fax dell

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini

EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA. Lorena Martini EVOLUZIONE DELLA FORMAZIONE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN ITALIA Lorena Martini 1 Il processo di professionalizzazione dell'infermiere è frutto di un lungo percorso di trasformazione che comincia a delinearsi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Giuseppe Marmo marmogiuseppe@tiscali.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS

Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS Bando per il Master Universitario di 2 livello in METODOLOGIA CLINICA E BIOSTATISTICA APPLICATA AI CLINICAL TRIALS L Università degli Studi di Camerino, Anno accademico 2012/2013 VISTO lo Statuto, emanato

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

ademarc@policlinico.mi.it 01.07.2015 a tutt oggi Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico lavoro Via F.

ademarc@policlinico.mi.it 01.07.2015 a tutt oggi Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico lavoro Via F. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E D I A N T O N I A D E M A R C H I DATI ANAGRAFICI Nome Antonia Demarchi Indirizzo Telefono 3355793716 E-mail ademarc@policlinico.mi.it

Dettagli

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA?

QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Convegno La cura alla fine della vita Brescia 20 febbraio 2010 QUALI CURE ALLA FINE DELLA VITA? Flavia Caretta Dipartimento di Scienze Gerontologiche, Geriatriche e Fisiatriche Università Cattolica del

Dettagli

Equipe territoriali: Il Servizio Infermieristico nel processo di presa in carico

Equipe territoriali: Il Servizio Infermieristico nel processo di presa in carico Il Distretto Socio Sanitario: una identità incompiuta? Esperienze a confronto Equipe territoriali: Il Servizio Infermieristico nel processo di presa in carico Bari 28 ottobre 2011 Dott. Giuseppe Chiodo

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi

CURRICULUM VITAE. Annamaria Ferraresi CURRICULUM VITAE Annamaria Ferraresi LUOGO E DATA DI NASCITA: Ferrara, 25 Agosto 1967 FORMAZIONE 1986 Diploma di Infermiera Professionale, presso la Scuola per Infermieri Professionali di Ferrara 1994

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA IN SALA OPERATORIA

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA IN SALA OPERATORIA PER PERSONALE INFERMIERISTICO LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA IN SALA OPERATORIA 7 OTTOBRE 2009, Milano RICHIESTO ACCREDITAMENTO NAZIONALE ECM ORARI: 9:00 13:00; 14:00 18:00 SEDE: MIP Politecnico di

Dettagli

Posizione Organizzativa Responsabile Infermieristica Area Formazione Aziendale presso Servizio Infermieristico

Posizione Organizzativa Responsabile Infermieristica Area Formazione Aziendale presso Servizio Infermieristico INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARONGIU LUCIA VINCENZA Data di nascita 25/03/1966 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Posizione Organizzativa Responsabile Infermieristica

Dettagli

ARCIDIACONO MARCO ALFREDO ITALIANA 14/08/1982 CASSANO ALLO IONIO (CS) NURSING ONCOLOGICO

ARCIDIACONO MARCO ALFREDO ITALIANA 14/08/1982 CASSANO ALLO IONIO (CS) NURSING ONCOLOGICO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ARCIDIACONO MARCO ALFREDO Indirizzo VIA VOLTURNO N 6 43125 PARMA (PR) Telefono 3475255859 3284284797 Fax

Dettagli

Nursing Convention 6 TH TURIN CARDIOVASCULAR

Nursing Convention 6 TH TURIN CARDIOVASCULAR Nursing Convention 6 TH TURIN CARDIOVASCULAR Torino, 14 ottobreo 2010 Formazione specialistica e certificazione di competenze avanzate nei Laboratori Interventistici di Cardiologia: testimonianza di un

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - ANNO 2008- SEDE PIETRA LIGURE

RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - ANNO 2008- SEDE PIETRA LIGURE RELAZIONE ATTIVITÀ SVOLTA DAL CENTRO FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO - 008- SEDE PIETRA LIGURE. FORMAZIONE UNIVERSITARIA L attività riguardante la Formazione Universitaria prevede principalmente che il Centro

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE DOTT. RAITERI DORANNA Data 20 febbraio 2014 Cognome e Nome RAITERI DORANNA Data di nascita 23/07/1959 Qualifica Collaboratore Professionale

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Titolo di studio Laurea Magistrale. Altri titoli di studio e professionali. Esperienze professionali (incarichi ricoperti)

CURRICULUM VITAE. Titolo di studio Laurea Magistrale. Altri titoli di studio e professionali. Esperienze professionali (incarichi ricoperti) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Gambassi Laura Data di nascita 02 01-1966 Qualifica Coll. Sanitario esperto Infermiere Incarico attuale Operation Manager - Direttore UOP Numero telefonico

Dettagli

Relazioni a Congressi/Convegni Pubblicate

Relazioni a Congressi/Convegni Pubblicate Relazioni a Congressi/Convegni Pubblicate 1. L azione dell Assistente Sanitaria per l indagine nella convivenza del malato. I Convegno delle Assistenti Sanitarie dei Consorzi Provinciali Antitubercolari,

Dettagli

Matricola 30637 Dirigente U.O.S. Accoglienza Oncologica e Follow-up Num. Tel. e Fax ufficio 0817472295-0817472293

Matricola 30637 Dirigente U.O.S. Accoglienza Oncologica e Follow-up Num. Tel. e Fax ufficio 0817472295-0817472293 CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome Maria Biglietto Data di nascita 12/04/1953 Qualifica Dirigente di I livello Disciplina Oncologia Matricola 30637 Incarico attuale Dirigente U.O.S. Accoglienza

Dettagli

Gestione integrata delle strutture ospedaliere secondo livelli di intensità di cura

Gestione integrata delle strutture ospedaliere secondo livelli di intensità di cura Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia Autonoma di Bolzano Via Alessandro Volta, 3 I-39100 Bolzano (BZ) Tel. +39 0471 976619 Fax. +39 0471 976616 E-Mail: info@ordinemedici.bz.it

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO e dei PROCESSI del SERVIZIO Rev. 1 Pag. 1 di 6 1 Mission e Vision Il presente documento ha lo scopo di definire la struttura organizzativa, funzioni e responsabilità del Servizio Infermieristico del Presidio

Dettagli

Sede lavorativa Corso di Laurea in Infermieristica sede di Verbania Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Novara

Sede lavorativa Corso di Laurea in Infermieristica sede di Verbania Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Novara Cognome Nome Paola Caggiano Professione : Tutor pedagogico Sede lavorativa Corso di Laurea in Infermieristica sede di Verbania Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Novara Tel.: 0323 541509

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008 didattico Scheda informativa Università Universita' degli Studi di PADOVA Classe Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 14/03/2008 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/03/2008

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze CPSI Gaetano Crescenzo S.C. di Endocrinologia A. O. Ordine Mauriziano di Torino L International Society of Endocrinology e stata

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Pagina 1 di 9 Pagina 1 - Curriculum vitae di F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome Data e Luogo di nascita Residenza / Domicilio Codice

Dettagli

i.razzolini@sud.usl6.toscana.it

i.razzolini@sud.usl6.toscana.it INFORMAZIONI PERSONALI Nome RAZZOLINI ILARIA Data di nascita 23 GIUGNO 1965 Qualifica Incarico attuale Infermiere Esperto DS (posizione organizzativa) Posizione Organizzativa Coordinamento settore infezioni

Dettagli

Curriculum Vitae Europass. Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i)

Curriculum Vitae Europass. Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) LUIGI CAVANNA Azienda USL, Ospedale di Piacenza, via Taverna, 49, 29100 Piacenza. Dipartimento di Oncologia-Ematologia.

Dettagli

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE TERZA SESSIONE IL PERCORSO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE: I NODI DELLA RETE Giovanna Beretta Dirigente Struttura Complessa Medicina Fisica e Riabilitativa. A.O. Niguarda, Milano Buongiorno a tutti. Ringrazio

Dettagli

Posizione Organizzativa - Infermieristica Territoriale - Staff Direzione Infermieristica

Posizione Organizzativa - Infermieristica Territoriale - Staff Direzione Infermieristica INFORMAZIONI PERSONALI Nome De Fusco Giuditta Data di nascita 17/06/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio infermiere ASL DI PRATO Posizione Organizzativa - Infermieristica

Dettagli

N II. 4. A di Prot. Servizio Infermieristico N 585 dd. 19 ottobre 05 Reg. Del.

N II. 4. A di Prot. Servizio Infermieristico N 585 dd. 19 ottobre 05 Reg. Del. N II. 4. A di Prot. Servizio Infermieristico N 585 dd. 19 ottobre 05 Reg. Del. Oggetto: costituzione della Commissione per la promozione del nursing abilitante, dell infermiere di famiglia e di comunità,

Dettagli

BOLOGNA, 20 maggio 2011

BOLOGNA, 20 maggio 2011 MODELLI PROFESSIONALI E ORGANIZZATIVI NELLA GESTIONE DELLA SALUTE DI GENERE E NEL PERCORSO NASCITA Presidente: Iolanda Rinaldi (RM) Moderatori: Fabio Facchinetti (Mo), Cristiana Pavesi (PC), Alfredo Patella

Dettagli

Settore Formazione Universitaria Az.Ospedaliero-Universitaria di Parma, via Gramsci 14, Parma 0521 703235 elisa.vetti@unipr.it

Settore Formazione Universitaria Az.Ospedaliero-Universitaria di Parma, via Gramsci 14, Parma 0521 703235 elisa.vetti@unipr.it INFORMAZIONI PERSONALI Vetti Elisa Settore Formazione Universitaria Az.Ospedaliero-Universitaria di Parma, via Gramsci 14, Parma 0521 703235 elisa.vetti@unipr.it POSIZIONE RICOPERTA ESPERIENZA PROFESSIONALE

Dettagli

PROGETTO REIKI IN OSPEDALE VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DI REIKI NEL MALATO ONCOLOGICO

PROGETTO REIKI IN OSPEDALE VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DI REIKI NEL MALATO ONCOLOGICO PROGETTO REIKI IN OSPEDALE VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DI REIKI NEL MALATO ONCOLOGICO La Struttura Complessa di Oncologia Medica delle Molinette di Torino, afferente al Polo Oncologico della Cittadella Ospedaliera,

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 008/009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA PREMESSA CARATTERISTICHE E FINALITA DEL CORSO Il di Laurea in Infermieristica Pediatrica, appartenente alla Classe delle

Dettagli

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE E parte dell esperienza quotidiana che anche i bambini e gli adolescenti vengano colpiti da patologie a

Dettagli

I modelli organizzativi. MEETING PROGEA 11 settembre 2009

I modelli organizzativi. MEETING PROGEA 11 settembre 2009 I modelli organizzativi delle professioni sanitarie MEETING PROGEA 11 settembre 2009 Le riflessioni di partenza 1) Nelle aziende sanitarie i pubbliche operano 265.444 infermieri: i i 4,5 ogni 1.000 abitanti,

Dettagli

IL RETTORE RIP.II UPDR Dec.n. 312

IL RETTORE RIP.II UPDR Dec.n. 312 IL RETTORE RIP.II UPDR Dec.n. 312 Vista la legge 15/3/97 n. 127 ed in particolare l'art. 17 comma 96; il D.M. 21/5/98 n. 242, recante il regolamento per la disciplina dei professori a contratto, ed in

Dettagli

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALCIATI ALESSANDRA Indirizzo Telefono 3381985310 CF E-mail VIA CAPRERA 4, 20144 MILANO LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

Dettagli

Partecipazioni a comitati consigli Convegni e Corsi di aggiornamento. Date Anno 2011

Partecipazioni a comitati consigli Convegni e Corsi di aggiornamento. Date Anno 2011 Partecipazioni a comitati consigli Convegni e Corsi di aggiornamento Date Anno 2011 Partecipazio ne al Corso Aziendale ECM Funzioni e compiti del Coordinatore Infermieristico Partecipazione al Corso Aziendale

Dettagli

Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro

Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro 6 TURIN CARDIOVASCULAR NURSING CONVENTION Sessione Etica professionale Come è cambiata la figura dell infermiere dall inizio ad oggi. Quale il futuro Torino, 14 ottobre 2010 Valerio Dimonte Valerio.dimonte@unito.it

Dettagli

Analisi del contesto. Il DIPINT: Esempio toscano di integrazione tra Università e Regione

Analisi del contesto. Il DIPINT: Esempio toscano di integrazione tra Università e Regione Analisi del contesto Legge 517/99 costituisce le Aziende Ospedaliero- Universitarie. integrazione delle funzioni proprie dell Università (Didattica e Ricerca) con quelle assistenziali, tipiche del Servizio

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCHETTI FEDERICA Indirizzo PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE, 35 56126 PISA Telefono cell. 347/3658099 ufficio 050/995751

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI 1 CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI Diploma di Maturità Tecnica (1988) Istituto Tecnico Margherita di Savoia di Roma TITOLI PROFESSIONALI

Dettagli

Antonella Moretti Clinica Reumatologica Università Politecnica delle Marche - Ancona

Antonella Moretti Clinica Reumatologica Università Politecnica delle Marche - Ancona 1 Educare vuol dire ex-ducere = uscire fuori La patient education è un percorso complesso ed articolato, finalizzato all acquisizione da parte del paziente delle conoscenze necessarie per affrontare adeguatamente

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Assistenza Domiciliare e Malattie Rare: attuali e future strategie IPASVI Roma

Assistenza Domiciliare e Malattie Rare: attuali e future strategie IPASVI Roma , 14 maggio 2010 CONFERENZA Associazione G. Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Assistenza Domiciliare e Malattie Rare: attuali e future strategie Il ruolo del professionista infermiere nell

Dettagli

Sala del Tempio 2. G.ROMIGI Univ tor vergata - roma

Sala del Tempio 2. G.ROMIGI Univ tor vergata - roma Sala del Tempio 2 Dall AFD al Master. Inquadramento storico della formazione e sviluppo in relazione all esercizio professionale e agli assetti organizzativi G.ROMIGI Univ tor vergata - roma Il Coordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica

Master Universitari in. Assistenza Infermieristica Anno accademico 2005-2006 Master per Infermiere di sanità pubblica e di comunità (ISPeC) Master Universitari in Assistenza Infermieristica autonomia didattica LAUREA RIFORMA UNIVERSITARIA crediti formativi

Dettagli

1) Diploma di Infermiere Professionale conseguito nell anno 1981/82, presso la scuola Infermiere Professionale di Sezze.

1) Diploma di Infermiere Professionale conseguito nell anno 1981/82, presso la scuola Infermiere Professionale di Sezze. 1 Curriculum vitae composto da 51 voci, presentato da: Antonio Mattei nato a Sezze, il 04/02/1962, residente a Sezze, in Via della Speranza 14 C.A.P 04018. 1) Diploma di Infermiere Professionale conseguito

Dettagli

Viaggio Studio in Canada 2010: l associazione infermieristica RNAO

Viaggio Studio in Canada 2010: l associazione infermieristica RNAO Viaggio Studio in Canada 2010: l associazione infermieristica RNAO a cura di Anna Castaldo, Gabriella Scrimieri, Gaetano De Angelis con la collaborazione del gruppo di studio Il viaggio studio del Collegio

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE BRUNO Emiliano Nato a Torre Annunziata il 01/04/1973 residente a Beinasco (To) Via Principe Amedeo 31 Recapito tel. 011 3497206 / 3383088341 e-mail: unosettetre@libero.it

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE Capitolo 4 LE COMPETENZE La qualità principale che l osteopata professionista deve possedere e applicare nell approccio terapeutico è la competenza, caratteristica fondamentale dell iter formativo, dell

Dettagli

Sintesi dell elaborato finale del Master universitario

Sintesi dell elaborato finale del Master universitario pubblicazioni Le sperimentazioni cliniche in un ambulatorio di malattie infettive, HIV: implicazioni organizzative ed etiche per gli infermieri e ruolo del coordinatore infermieristico Patrizia Franza,

Dettagli