L anno il giorno del mese di presso la sede dell Ufficio di Piano del Comune di Modugno, sita a Modugno (BA) alla via X Marzo 59 TRA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L anno il giorno del mese di presso la sede dell Ufficio di Piano del Comune di Modugno, sita a Modugno (BA) alla via X Marzo 59 TRA"

Transcript

1 Allegato n.2 CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MODUGNO, CAPOFILA D AMBITO E L ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PER L ADOZIONE ISTITUZIONALE DEL PROGETTO PROGETTO DI VOLONTARIATO A SUPPORTO DEI SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI DI MODUGNO, BITRITTO E BITETTO E NELL AMBITO DEL PRONTO INTERVENTO SOCIALE L anno il giorno del mese di presso la sede dell Ufficio di Piano del Comune di Modugno, sita a Modugno (BA) alla via X Marzo 59 TRA Il Comune di Modugno ivi rappresentato dal Responsabile dell Ufficio di Piano pro tempore, residente per la carica presso la sede dell Ente che interviene al presente atto non in proprio ma in nome e per conto dell Ambito Territoriale BA10; E L associazione di volontariato d ora in poi denominata semplicemente OdV nella persona del legale rappresentante, Il sottoscritto nato a in data residente a in via in qualità di legale rappresentante della predetta OdV con sede legale a alla via codice fiscale dell associazione rif.tel. mail PEC Associazione iscritta al Registro delle Organizzazioni di Volontariato al n. data iscrizione PREMESSO CHE Con deliberazione del Consiglio Comunale il Comune di Modugno (capofila) ha approvato il Piano Sociale di Zona che prevede altresì di attivare un progetto di pronto intervento sociale nei territori comunali di Modugno, Bitetto e Bitritto; Ai sensi dell art. 19 comma 3 L.R. Puglia n.19/2006 gli enti locali possono stipulare convenzioni con le organizzazioni di volontariato allo scopo di valorizzare la funzione sociale, riconoscendo le spese per il perseguimento delle finalità statutarie;

2 Con determinazione del Responsabile dell Ufficio di Piano è stato pubblicato un avviso pubblico per l individuazione di un progetto di volontariato finalizzato a supportare i servizi sociali territoriali nell ambito del pronto intervento sociale; l odierna OdV ha partecipato a tale avviso pubblico accettandone termini e condizioni; Nell ambito della procedura di selezione in evidenza pubblica, il progetto di volontariato presentato dall OdV è risultato essere il migliore tra quelli presentati. Le predette parti al fine di dar seguito alla realizzazione di un progetto di pronto intervento sociale, sottoscrivono apposita convenzione, già approvata dal Coordinamento Istituzionale con deliberazione e dal Responsabile dell Ufficio di Piano con determinazione dirigenziale; Art. 1 OGGETTO La presente convenzione regola i rapporti che si instaurano tra il Comune di Modugno (capofila d Ambito) e La convenzione ha per oggetto l attivazione di un servizio di volontariato a supporto dei servizi sociali dei Comuni di Modugno, Bitritto e Bitetto e nell ambito del pronto intervento sociale. Art. 2 ATTIVITÀ L attività di volontariato a supporto dei servizi sociali dei comuni di Modugno, Bitritto e Bitetto e nell ambito del pronto intervento sociale, da ora PIS, prevede la realizzazione di un progetto preposto al trattamento delle situazioni di emergenza sociale che richiedono una prima risposta per soddisfare, temporaneamente, i bisogni primari del singolo e della famiglia nonchè interventi immediati e improcrastinabili giustificati dalla gravità della situazione o dalla specificità del contesto ambientale. Il PIS assicura interventi e prestazioni in tempi rapidi ed in maniera flessibile utilizzando, in prima istanza, e per tramite dei volontari della OdV la rete del terzo settore e degli operatori economici locali che hanno aderito al progetto specifico avanzato in sede di selezione in evidenza pubblica e sulla scorta degli accordi di partenariato presentati nel progetto - ora parti integranti e sostanziali alla presente convenzione - operatori che a loro volta e su impulso dell OdV si attivano a favore delle fragilità sociali del territorio e per rispondere ai principi costituzionali di solidarietà sociale, della sussidiarietà orizzontale e della leale collaborazione con gli enti locali. L emergenza sociale si verifica in presenza di una situazione improvvisa che incide negativamente sui bisogni primari del singolo e della famiglia (sicurezza personale, necessità di protezione, alloggio etc.) in misura tale da far temere nell immediato un probabile danno di significativa consistenza, sul piano fisico, psichico o esistenziale. Sono situazioni di emergenza quelle che si verificano nei casi specifici di: difficoltà sociale; abbandono; situazioni indotte da eventi straordinari ed imprevedibili (incendio, crollo etc.). Art. 3 NATURA E DEFINIZIONE DELL EMERGENZA

3 Le situazioni di emergenza sociale sono quelle nelle quali non vi sia il bisogno di cure sanitarie, nè quelle nelle quali sono previsti altri canali di intervento (sanitario o di pubblica sicurezza). Il PIS può articolarsi in una serie di prestazioni per la sopravvivenza, cura ed igiene personale quali: servizio somministrazione pasto d urgenza, servizio lavanderia e/o cambio indumenti, servizio di ricovero notturno in locale idoneo e provvisto di bagno e doccia per un massimo di n.3 (tre) notti. Le prestazioni, proposte, nello specifico, dalle associazioni di volontariato in sede progettuale, sono garantite da volontari in rete con le assistenti sociali del territorio o con l assistente sociale d Ambito nonché con gli organismi preposti alla sicurezza e all ordine pubblico con le quali si condividono nelle forme più opportune, metodologie e pratiche dell intervento. Tra le prestazioni rientrano in via d urgenza quelle specificamente erogate a carattere temporaneo dagli operatori economici e/o persone giuridiche appartenenti al terzo settore con cui l associazione di volontariato ha previsto accordi di partenariato inseriti in sede di presentazione dell idea progettuale e/o - ove economicamente equiparati o più vantaggiosi - autorizzati successivamente alla sottoscrizione dell apposita convenzione previo nulla osta del Responsabile dell Ufficio di Piano o dell assistente sociale d Ambito. Art. 4 BENEFICIARI FINALI Costituiscono beneficiari finali delle attività rientranti nel PIS, utenti dei Servizi Sociali dei Comuni dell Ambito e aspiranti utenti che necessitano di un pronto intervento di carattere emergenziale e sociale in orario di chiusura del Servizio Sociale Professionale. Possono essere individuati dagli assistenti sociali territoriali nominativi/situazioni a cui sarà negato il servizio di pronto intervento sulla scorta di eventuali abusi del servizio. Art. 5 IMPEGNI PER L ODV L OdV, a pena di risoluzione espressa della presente convenzione e rinunciando sin da ora ad alcuna pretesa in caso di comunicazione di risoluzione della presente convenzione, s impegna nei confronti del Comune di Modugno (capofila d Ambito) a prestare per tramite dei propri soci volontari e/o soci volontari di organismi di volontariato coinvolti nel progetto debitamente assicurati conto qualsiasi rischio, le seguenti attività necessarie alla buona riuscita del progetto di volontariato: - coordinamento con il Responsabile dell Ufficio di Piano o con l assistente sociale d Ambito su tutto ciò non espressamente definito nella presente convenzione; - attivazione di un numero verde attivo dalle ore 16 alle ore 20 salvo presentazione di un offerta migliorativa avanzata nel progetto allegato alla presente convenzione; - acquisto e apposizione stabile di n.3 targhe informative realizzate in materiale resina o comunque idoneo a reggere alle intemperie di grandezza minima di 50cm X 50cm con indicazione del numero verde, la dicitura numero di pronto intervento sociale, gli orari di attivazione e il logo istituzionale dell Ambito;

4 - rimozione targhe su richiesta del Responsabile dell Ufficio di Piano; - acquisto tesserini di riconoscimento dei volontari coinvolti; - gestione operativa dei singoli interventi come segue: ascolto telefonico comunicazione e raccolta informazioni di base tra cui le generalità dell aspirante beneficiario; valutazione idoneità e competenza territoriale dell intervento (limitata al territorio dell Ambito comprendente i Comuni di Modugno, Bitritto e Bitetto); Informativa e coordinamento con almeno un organo di pubblica sicurezza; eventuale, immediato intervento sul posto della segnalazione, o presso il domicilio dell utente previa conferma di contestuale intervento da parte dell organo di pubblica sicurezza interpellato; conferma necessità intervento PIS; sottoscrizione della richiesta di pronto intervento sociale da parte dell aspirante beneficiario con estrazione copia di un documento d identità. L intervento in PIS si ritiene concluso con la presa in carico o con la conferma di pregressa presa in carico da parte del Servizio Sociale Professionale; repentino accordo con gli operatori economici e/o persone giuridiche appartenenti al terzo settore con cui l OdV ha previsto accordi di partenariato inseriti in sede di presentazione dell idea progettuale (e/o - ove economicamente equiparati o più vantaggiosi - autorizzati successivamente alla sottoscrizione dell apposita convenzione previo nulla osta del Responsabile dell Ufficio di Piano o dell assistente sociale d Ambito); accompagnamento e/o erogazione prestazione, con l ausilio dell organo di pubblica sicurezza intervenuto; presentazione entro 24h dall intervento al Responsabile dei Servizi Sociali competente per territorio della relazione d intervento PIS comprensiva di: a)richiesta di pronto intervento sociale sottoscritta dal beneficiario b)descrizione sommaria intervento comprensiva di dettagli circa il bisogno rilevato, modalità, tempi, luoghi e tipologia dell intervento effettuato e l indicazione dei pubblici ufficiali intervenuti c)rendiconto spese stimate a carico dell associazione per l intervento. Tale relazione, una volta vistata, dall assistente sociale competente per caso/territorio o dall assistente sociale d Ambito, sarà trasmessa a cura del responsabile dei Servizi Sociali, al Responsabile dell Ufficio di Piano per gli atti di istruttori di competenza e per la successiva liquidazione delle spese sostenute e previa presentazione delle fatture in originale; - Elaborare una relazione finale dettagliata segnalando criticità e suggerimenti; - Consegnare tutti i beni non deperibili al termine del progetto al Responsabile dell Ufficio di Piano; - In caso di risoluzione anticipata della presente convenzione l OdV potrà richiedere esclusivamente il rimborso delle spese sostenute per gli interventi e parte del rimborso spese per l attivazione nel servizio nella misura massima rapportata tra le spese ammissibili e il numero dei mesi dell attività di volontariato espletata. Art. 6 IMPEGNI PER IL COMUNE DI MODUGNO (CAPOFILA D AMBITO)

5 Il Comune di Modugno (capofila d Ambito) s impegna, a sostegno dell idea progettuale avanzata dall OdV e dell attività di volontariato realizzata dai volontati coinvolti, a erogare rimborsi spese come di seguito riconosciuti: Spese massime per ciascun intervento Per ciascun intervento è previsto un rimborso spese massimo di euro 60 IVA inclusa per giorno per utente (per un massimo di euro 180 i.i. in considerazione di giorni max 3 continuativi di intervento mensile per utente). Costituiscono spese ammissibili al rimborso quelle relative alla/e prestazione/i erogata/e dalla persona giuridica per conto dell OdV sulla scorta del partenariato proposto in sede di presentazione dell idea progettuale; Il rimborso delle spese relative alle prestazioni potrà essere riconosciuto nella misura massima giornaliera e per utente di euro 40 per il pernottamento/pulizia; euro 8 per la somministrazione del pasto; euro 12 per la fornitura indumenti, biancheria puliti e comunque nel limite massimo riscontrabile dalle schede progettuali di partenariato. Tale rimborso spese potrà essere erogato in un unica soluzione al termine del progetto o in sei tranches annuali dietro presentazione di relazione sommaria dell intervento vistata, al termine di ciascun intervento in pronto intervento sociale, dall assistente sociale territorialmente competente che ha in cura il beneficiario ultimo dell intervento (ovvero dall assistente sociale che prende in cura il nuovo utente) o dall assistente sociale d Ambito e rendicontazione comprensiva di tutte le fatture relative le singole voci di spesa ammissibili, in originale e con fatturazione in carico alla organizzazione di volontariato. Nell arco della durata della convenzione saranno autorizzati massimo n.75 interventi in PIS salvo proroga del servizio e/o espressa autorizzazione del Responsabile dell Ufficio di Piano. Spese forfettarie per l attivazione e la gestione operativa del progetto di supporto nell ambito del pronto intervento sociale: Costituiscono spese necessarie per la tempestiva attivazione operativa del pronto intervento sociale quelle relativa all acquisto dei seguenti beni: - cancelleria di consumo; - n.3 targhe in materiale resina o comunque idoneo a reggere alle intemperie di grandezza minima di 50cm X 50cm con indicazione del numero verde, la dicitura numero di pronto intervento sociale, orari di attivazione e logo dell Ambito e dell OdV; - spese necessarie per l affisione delle predette targhe su dove espressamente indicato dal Responsabile dell Ufficio di Piano; - n. variabile tesserini di riconoscimeno provvisti di fotografia per i soci coinvolti nel progetto, tesserino da tenere ben visibile e comunque da esibire su richiesta dei pubblici ufficiali coinvolti nel progetto; - n. max 3 telefoni dei volontari che svolgeranno funzione di operatori PIS; - spese attivazione e gestione numero verde;

6 - spese del carburante delle autovetture utilizzate dai volontari che svolgono il progetto di volontariato e che abbiano presentato in sede di affidamento del progetto l istanza relativa con indicazione del mezzo utilizzato e numero di targa. Tale rimborso è necessario garantire ai volontari il pieno espletamento del progetto di volontariato e nello specifico per: l accompagnamento dei beneficiari, il raggiungmento delle sedi dei servizi sociali territoriali e dell Ufficio di Piano per gli incontri con le assistenti sociali e il responsabile del procedimento; - spese di assicurazione relative al progetto; - spese eventuali corsi di formazione o aggiornamento dei volontari coinvolti ritenuti ammissibili dal responsabile del procedimento; - compartecipazione nella misura massima del 30% alle spese relative alle utenze fatturate alla OdV proponente o suo legale rappresentante, escluse quelle telefoniche, della sede operativa proposta dalla OdV; - compartecipazione nella misura massima del 30% alle spese relative alle utenze, escluse quelle telefoniche, fatturate a/alle OdV che aderiscono al progetto in partenariato, relativamente, ulteriori (eventuali), sedi operative presenti in Comuni dell Ambito differenti da quella in cui ha sede la OdV capogruppo; - eventuali oneri fiscali e/o di registrazione relativi al progetto. Tale rimborso spese non potrà superare nel totale l importo massimo di euro i.i. e potrà essere rimborsato alla OdV con erogazione in un unica soluzione al termine del progetto o in due tranches di massimo euro i.i. dietro presentazione di rendicontazione di quanto sostenuto e allegando altresì tutte le fatture relative alle singole voci di spesa ammissibili, in originale e con fatturazione a carico della OdV; Art. 7 VERIFICHE DI REGOLARITÀ E LIQUIDAZIONE SPESE PROGETTUALI SOSTENUTE I rimborsi delle spese sostenute saranno accreditati secondo le modalità indicata all articolo precedente, il pagamento avverrà entro 90 giorni dalla data di ricevimento della documentazione richiesta e previa ulteriore verifica del referente del progetto, dei contenuti delle relazioni e del visto dell assistente sociale. I pagamenti verranno effettuati attraverso accredito su apposito conto bancario dedicato ex L. n.136/2010. Art. 8 DURATA DELLA CONVENZIONE La presente convenzione ha validità di un anno dalla data di sottoscrizione. Art. 9 PRIVACY E RESPONSABILITÀ DEL TRATTAMENTO DEI DATI SENSIBILI L OdV è tenuta ad operate nel rispetto della normativa sulla privacy. Per la partecipazione alla procedura di selezione, nonché per la stipula della convenzione, è conferita al legale rappresentante della OdV la nomina di Responsabile del Trattamento dei dati personali effettuati nell ambito del progetto di che trattasi, affidando allo stesso i compiti che il D.Lgs. 196/03 e successive modificazioni ed integrazioni pone a carico di questa figura, per

7 l'effettuazione, nel rispetto delle prescrizioni del citato D.Lgs. 196/03 e delle modalità precisate nel presente articolo, delle operazioni di trattamento di dati personali. Art.10 CONTROLLO DELLE ATTIVITÀ PROGETTUALI La valutazione sul progetto si svolgerà sia in itinere che al termine dello stesso, con il fine di verificare i risultati conseguiti e sarà svolta congiuntamente dal Responsabile dell Ufficio di Piano o dal Responsabile del Procedimento individuato. L'Ufficio di Piano si riserva la facoltà di effettuare, senza preavviso e in qualsiasi momento, controlli sul regolare svolgimento del progetto. Farà pervenire, per iscritto, le eventuali osservazioni e le contestazioni rilevate all OdV in relazione alle contestazioni mosse, è tenuta a fornire giustificazioni scritte entro otto giorni dalla data della notifica della contestazione inviata dall'ufficio di Piano. Trascorso tale termine o se le controdeduzioni non siano ritenute valide, l'ufficio di Piano potrà procedere alla risoluzione della convenzione. Art.11 CONDIZIONI DI ACCETTAZIONE L OdV si obbliga a: prestare l attività di volontariato indicativamente per 365 giorni a partire dalla data di sottoscrizione della convenzione, e comunque fino ad esaurimento delle risorse impegnate, con organizzazione di mezzi necessari e con gestione a proprio rischio impegnando esclusivamente volontari in possesso del titolo di studio richiesto dall avviso pubblico; nel corso dell operatività del progetto, a causa di giustificati motivi i nominativi degli volontari potranno subire variazioni fermo restando le qualifiche richieste (la comunicazione di cui sopra dovrà essere corredata dall elenco aggiornato dei volontari utilizzati); vigilare sullo svolgimento del progetto avendo cura di verificare che i volontari rispettino i diritti, la dignità degli utenti e che le attività siano svolte con modalità tecnicamente corrette; ottemperare a obblighi derivanti da disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia di tutela dei volontari. Art. 12 RESPONSABILITA E ASSICURAZIONI L OdV assume la piena ed incondizionata responsabilità, sia sotto il profilo civile che penale, dello svolgimento dell attività di volontariato proposta. Ogni responsabilità per danni che, in relazione all'espletamento del progetto o a cause ad esso connesse, derivassero alle Amministrazioni Comunali interessate, a terzi, a cose e/o a persone, sono senza riserve ed eccezioni a totale carico dell OdV. A tal fine, l OdV si obbliga a stipulare, per tutta la durata del contratto, apposita polizza assicurativa presso primaria Compagnia di Assicurazione con l'espressa rinuncia da parte della Compagnia Assicuratrice ad azione di rivalsa nei confronti delle Amministrazioni Comunali. La polizza assicurativa dovrà tenere conto specificatamente della R.C. verso terzi, per tutti i rischi, nessuno escluso, derivanti dall'attività di gestione del progetto di volontariato. L'importo del massimale non potrà essere inferiore a ,00. Per ogni eventuale controversia che dovesse insorgere tra il Comune e l Ente aggiudicatario il Foro competente è quello di Bari. Art. 13 CONDIZIONI PARTICOLARI

8 La partecipazione all avviso pubblico, mediante presentazione dell idea progettuale da parte dell OdV e la rete delle persone giuridiche coinvolte in partenariato, equivale a dichiarazione di perfetta conoscenza dello schema di convenzione ivi sottoscritto e di tutti loro contenuti e di incondizionata loro accettazione. La convenzione è immediatamente impegnativa per le parti. Art. 14 RISOLUZIONE DELLA CONVENZIONE Il Comune si riserva la facoltà di risolvere immediatamente l efficacia della convenzione senza riserva alcuna e nei seguenti casi: mancato avvio del progetto di volontariato o mancata apposizione targhe o mancata attivazione numero telefonico entro 20 giorni; interruzione senza giusta causa; inosservanza dello schema di convenzione ivi sottoscritto, concessione in subappalto, totale o parziale del progetto; sopravvenute cause di esclusione e sopravvenute cause ostative legate alla legislazione antimafia; sopravvenuta condanna definitiva del legale rappresentante per un reato contro la Pubblica Amministrazione; mancata sottoscrizione di adeguata polizza entro l avvio del progetto. La convenzione si risolve tacitamente in mancanza di attivazione a pieno regime del servizio e comunque in mancanza della comunicazione del numero verde al Responsabile dell Ufficio di Piano o inadempimento degli obblighi di cui all art.5 entro e non oltre 20 giorni dalla sottoscrizione della presente convenzione. Art. 15 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Ai sensi dell art.5 della L.241/90 e ss.mm.ii il, Responsabile del Procedimento è il Responsabile dell Ufficio di Piano pro tempore o suo delegato. Ogni richiesta di chiarimento potrà essere inoltrata all indirizzo PEC dell Ufficio di Piano. Art. 16 ONERI FISCALI E DI REGISTRAZIONE Eventuali oneri fiscali e/o di registrazione sono a carico dell OdV. Letto approvato e sottoscritto.

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia SERVIZIO PERSONALE ED ORGANIZZAZIONE CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI SUSSIDIARIETA L anno duemilanove il giorno del mese tra Il Comune di Spinea,

Dettagli

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ALLEGATO B) all Avviso Schema di CONVENZIONE TRA COMUNE DI FORLì E ASSOCIAZIONE DI (VOLONTARIATO /PROMOZIONE SOCIALE) (nome). PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO CRESCERE NEL CENTRO PREMESSO - che l Amministrazione

Dettagli

L'anno, addì.. del mese di

L'anno, addì.. del mese di SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MOGORO (OR) IN QUALITA DI ENTE GESTORE DEL PLUS DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI ALES TERRALBA E L ENTE NO PROFIT/ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO E PROMOZIONE SOCIALE FINALIZZATA

Dettagli

VISTI. gli articoli 1, 2, 4, 5, 8, 9 della Legge 381/91 e l articolo 11 della Legge Regionale 21/2003 PREMESSO

VISTI. gli articoli 1, 2, 4, 5, 8, 9 della Legge 381/91 e l articolo 11 della Legge Regionale 21/2003 PREMESSO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CREMONA E LA SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE L ARCA AI SENSI DELL ART. 5, COMMA 1, DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 1991, N. 381 (ESENTE DA BOLLO AI SENSI D.L. 4.12.1997 N. 460

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

CONVENZIONE. Il giorno VENTINOVE del mese di DICEMBRE dell anno DUEMILANOVE in Corvino San Quirico TRA

CONVENZIONE. Il giorno VENTINOVE del mese di DICEMBRE dell anno DUEMILANOVE in Corvino San Quirico TRA CONVENZIONE Il giorno VENTINOVE del mese di DICEMBRE dell anno DUEMILANOVE in Corvino San Quirico TRA L Amministrazione comunale di Corvino San Quirico (PV) C.F. 0046037018 di seguito indicata come il

Dettagli

ROMA CAPITALE Municipio 18 Roma Aurelio U.O.S.E.C.S. Servizi Sociali Il Dirigente

ROMA CAPITALE Municipio 18 Roma Aurelio U.O.S.E.C.S. Servizi Sociali Il Dirigente CONVENZIONE Attività di ballo e ginnastica presso i Centri Anziani del Municipio 18 CIG n. 5110477308 Il giorno. del mese di. dell anno 2013 presso la sede del Servizio Sociale del Municipio 18 Roma Aurelio,

Dettagli

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO OGGETTO: APPROVAZIONE BANDO ANNO 2014 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI. SETTORE D INTERVENTO : CULTURA. PRENOTAZIONE IMPEGNO

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE.

CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE. CONVENZIONE FRA LA PROVINCIA DI TORINO E LA CROCE ROSSA ITALIANA PER ATTIVITÀ DI COOPERAZIONE NEL SETTORE DELLA PROTEZIONE CIVILE. Premesso che: - la Legge 24/02/1992, n. 225, istitutiva del servizio nazionale

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO

CAPITOLATO D APPALTO CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO A FAVORE DELL'OPERA NAZIONALE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO CIG 6201196CD0

Dettagli

Rep. N. /ATTI PRIVATI CONVENZIONE

Rep. N. /ATTI PRIVATI CONVENZIONE Allegato alla delibera dell Organo esecutivo n. 44 dd. 9 marzo 2015 IL SEGRETARIO GENERALE dott. Roberto Lazzarotto Rep. N. /ATTI PRIVATI CONVENZIONE Affido incarico per la realizzazione di un progetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI

REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI REGOLAMENTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARIATO IN ATTIVITA SOCIALMENTE UTILI Approvato con D.C.C. n. 2 in data 12-02-2015 Art.1 Il Comune di Roncaro volendo garantire nell ambito del proprio territorio attività

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO COMUNE DI CALCIO REP. N. Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO SCOLASTICO ANNI 2010/2011/2012-

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO P.O. CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER APPALTO DI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO I CONDOMINI 1 CONTRATTO PER APPALTO DEI SERVIZI DI PULIZIA TRA Il Condominio

Dettagli

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia

Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo Valentia CENTRO SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA Micro Azioni Partecipate 2013 per il sostegno indiretto ad attività co-progettate e co-realizzate con le ODV della provincia di Vibo

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

In attuazione della determinazione dirigenziale PG, esecutiva ai sensi di legge TRA

In attuazione della determinazione dirigenziale PG, esecutiva ai sensi di legge TRA Convenzione tra il Comune di Bologna - Quartiere Savena e AUSER Volontariato Bologna per lo svolgimento di attività socialmente utili nel periodo 2015 2016. In attuazione della determinazione dirigenziale

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

L anno il giorno del mese di in una sala del Comune di Trieste.

L anno il giorno del mese di in una sala del Comune di Trieste. COMUNE DI TRIESTE N. Cod. Fisc. e Part. IVA 00210240321 Rep. n Area Risorse Economiche-Finanziarie e di Sviluppo Economico Prot. n OGGETTO: Affidamento servizio di assistenza tecnica in relazione alla

Dettagli

COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia

COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI CUTIGLIANO E PRO LOCO DI CUTIGLIANO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DENOMINATO CENTRO ANIMAZIONE ESTIVO. ANNO 2014 Rep. 478 L anno duemillaquattordici

Dettagli

C O N V E N Z I O N E

C O N V E N Z I O N E C O N V E N Z I O N E Il Comune di PONTECAGNANO FAIANO (SA), Capofila dell Ambito Territoriale S4, sito in via M.A. Alfani, Legalmente Rappresentato dalla dott.ssa Giovanna Martucciello, nata a Pontecagnano

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014. finanziamento di idee progettuali

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014. finanziamento di idee progettuali FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014 finanziamento di idee progettuali nel settore rilevante c) salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa * * * ART.1 PREMESSE La Fondazione

Dettagli

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti

Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori. stranieri non accompagnati e di giovani migranti Avviso per il finanziamento di interventi finalizzati all inserimento socio lavorativo di minori stranieri non accompagnati e di giovani migranti MODALITA DI ATTUAZIONE Art. 1 NORME REGOLATRICI La partecipazione

Dettagli

GRIMANI BUTTARI Residenze per Anziani

GRIMANI BUTTARI Residenze per Anziani GRIMANI BUTTARI Residenze per Anziani Allegato al decreto del Direttore n. 28 del 04.02.2014 CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AUSER DI OSIMO DISCIPLINANTE L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI DI

Dettagli

BANDO DI GARA Progetto ENTER

BANDO DI GARA Progetto ENTER Municipio Roma 6 U.O.S.E.C.S. BANDO DI GARA Progetto ENTER ALLEGATO A A. Premessa Il Municipio Roma 6 intende esperire una procedura aperta per affidare il progetto ENTER inserito nel Piano Regolatore

Dettagli

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014

BANDO. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 BANDO per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2014 Pagina 1 di 8 1 Chi può presentare

Dettagli

COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA

COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA COMUNE DI MELEGNANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento. Principi generali 1. Il Comune di Melegnano riconosce e

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BOLOGNA QUARTIERE RENO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA' DI PUBBLICA UTILITA E PER INTERVENTI A CARATTERE SOCIALE.

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BOLOGNA QUARTIERE RENO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA' DI PUBBLICA UTILITA E PER INTERVENTI A CARATTERE SOCIALE. CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BOLOGNA QUARTIERE RENO E PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA' DI PUBBLICA UTILITA E PER INTERVENTI A CARATTERE SOCIALE. Con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto

Dettagli

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia

CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia CITTA DI SPINEA c.a.p. 30038 Provincia di Venezia SERVIZIO PERSONALE ED ORGANIZZAZIONE CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI SUSSIDIARIETA L anno il giorno del mese di. tra Il Comune di Spinea, di

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO Per

SCHEMA DI CONTRATTO Per SCHEMA DI CONTRATTO Per L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA LEGALE IN MATERIA DI SERVIZI PUBBLICI LOCALI E PARTECIPAZIONI SOCIETARIE PER LA VALUTAZIONE DEGLI ASPETTI GIURIDICO - AMMINISTRATIVI SOTTOSTANTI

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA AVVISO DI SELEZIONE PER CONFERIMENTO INCARICO DI SERVIZI ATTINENTI L INGEGNERIA E L ARCHITETTURA DI IMPORTO INFERIORE A 100.000,00 EURO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO TRASPORTO DI PERSONE DISABILI PRESSO CENTRI RIABILITATIVI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO TRASPORTO DI PERSONE DISABILI PRESSO CENTRI RIABILITATIVI REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO TRASPORTO DI PERSONE DISABILI PRESSO CENTRI RIABILITATIVI Approvato con deliberazione del Coordnamento Istituzionale n.1 del 28/01/2015 ART. 1 FINALITA DEL SERVIZIO Il Servizio

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani Siciliana ia Regionale di Trapani REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SPORTIVI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 02 febbraio

Dettagli

COMUNE DI MISSAGLIA. Provincia di Lecco CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO ASSISTENZIALE A FAVORE DEI CITTADINI DI MISSAGLIA *** TRA

COMUNE DI MISSAGLIA. Provincia di Lecco CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO ASSISTENZIALE A FAVORE DEI CITTADINI DI MISSAGLIA *** TRA COMUNE DI MISSAGLIA Approvata con deliberazione della G.C. n. 136 del 29/11/2012 Provincia di Lecco CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIO ASSISTENZIALE A FAVORE DEI CITTADINI DI MISSAGLIA PERIODO

Dettagli

CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO DI RETE COMUNE PER LA CONNESSIONE. l sig. o la società.,sede legale, persona del legale

CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO DI RETE COMUNE PER LA CONNESSIONE. l sig. o la società.,sede legale, persona del legale CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO DI RETE COMUNE PER LA CONNESSIONE Tra: l sig. o la società.,sede legale, persona del legale rappresentante pro-tempore, in proprio nonché quale procuratore di.,

Dettagli

Comune di Adelfia Comune di Capurso Comune di Triggiano Comune di Cellamare Comune di Valenzano Comune Capofila

Comune di Adelfia Comune di Capurso Comune di Triggiano Comune di Cellamare Comune di Valenzano Comune Capofila Comune di Adelfia Comune di Capurso Comune di Triggiano Comune di Cellamare Comune di Valenzano Comune Capofila A M B I T O T E R R I T O R I A L E N. 5 - Ufficio di Piano - All. A CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

Luogo e data PREMESSO CHE

Luogo e data PREMESSO CHE FIDEIUSSIONE A GARANZIA DEGLI OBBLIGHI DI CUI ALL ART. 4 DELLA LEGGE 28 GIUGNO 2012, N. 92 Spett.le Istituto Nazionale della Previdenza Sociale INPS.. Luogo e data PREMESSO CHE a) L art. 4, comma 1, della

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli DETERMINAZIONE del V SETTORE: RESPONSABILE DEL SETTORE: arch. Elisabetta Bellonato Registro Generale n. 1226 del 25/11/15 Registro Settore n. 185 del 24.11.2015

Dettagli

Pubblicato all albo e sul sito internet Aziendale www.asp.siena.it il giorno 23.12.2011 A.S.P. CITTA DI SIENA. Via Campansi n.

Pubblicato all albo e sul sito internet Aziendale www.asp.siena.it il giorno 23.12.2011 A.S.P. CITTA DI SIENA. Via Campansi n. Pubblicato all albo e sul sito internet Aziendale www.asp.siena.it il giorno 23.12.2011 Scadenza presentazione domande: ore 12,00 del 09/01/2012 A.S.P. CITTA DI SIENA Via Campansi n. 18 - SIENA AVVISO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI COMUNE DI ZERO BRANCO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

Il contratto di concessione prevede che il Concessionario si occupi delle seguenti attività:

Il contratto di concessione prevede che il Concessionario si occupi delle seguenti attività: MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELL AREA DA ADIBIRE A STAZIONE DI RIFORNIMENTO DI METANO ED EVENTUALI ALTRI CARBURANTI IN VIA P.GENERALI 25 - NOVARA 1. PREMESSA SUN S.p.A.

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Art. 1 oggetto Il presente regolamento disciplina la concessione dei rimborsi e dei contributi alle associazioni di volontariato di protezione civile. Art. 2 riferimenti normativi Legge Regionale 12 giugno

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SERVIZI ASSISTENZIALI SANITARI E ALTRI SERVIZI AUSILIARI

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SERVIZI ASSISTENZIALI SANITARI E ALTRI SERVIZI AUSILIARI 1 SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SERVIZI ASSISTENZIALI SANITARI E ALTRI SERVIZI AUSILIARI Codice CIG L anno duemila, il giorno del mese di nella sede della Casa per Anziani Umberto I - Piazza della Motta

Dettagli

CONVENZIONE CON AUSER SAVONA PER LA GESTIONE DEL. Il giorno del mese del anno T R A. il Signor... nato a... il... Responsabile dei Servizi Sociali

CONVENZIONE CON AUSER SAVONA PER LA GESTIONE DEL. Il giorno del mese del anno T R A. il Signor... nato a... il... Responsabile dei Servizi Sociali CONVENZIONE CON AUSER SAVONA PER LA GESTIONE DEL PROGETTO FILO D ARGENTO QUILIANO Il giorno del mese del anno, nella sede del Comune di Quiliano T R A il Signor... nato a... il... Responsabile dei Servizi

Dettagli

Art. 1 (Finalità e obiettivi)

Art. 1 (Finalità e obiettivi) AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI, SOGGETTI PRIVATI SINGOLI O ASSOCIATI, FONDAZIONI ED ASSOCIAZIONI PER INIZIATIVE ED INTERVENTI IN MATERIA AMBIENTALE L art. 12

Dettagli

Settore Formazione e Lavoro Servizio Attività formative AVVISO

Settore Formazione e Lavoro Servizio Attività formative AVVISO PROVINCIA DI FROSINONE Settore Formazione e Lavoro Servizio Attività formative AVVISO PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DI ASPIRANTI PRESIDENTI DI COMMISSIONE D ESAME PER I CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS CONVENZIONE IN FORMA DI SCRITTURA PRIVATA PER L AFFIDAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI RIMOZIONE, POSA E RIPRISTINO TABELLE PERIMETRALI DELLE ZONE TEMPORANEE DI RIPOPOLAMENTO E

Dettagli

ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ED INARCASSA IN TEMA DI ACCERTAMENTI MEDICO-LEGALI DI INVALIDITA E DI INABILITA

ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ED INARCASSA IN TEMA DI ACCERTAMENTI MEDICO-LEGALI DI INVALIDITA E DI INABILITA ATTO DI CONVENZIONE TRA INAIL ED INARCASSA IN TEMA DI ACCERTAMENTI MEDICO-LEGALI DI INVALIDITA E DI INABILITA L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, con sede in Roma,

Dettagli

Rio Marina AVVISO PUBBLICO

Rio Marina AVVISO PUBBLICO Rio Marina Comune elbano AVVISO PUBBLICO OGGETTO : Avviso di gara di licitazione privata per l affidamento del servizio di assistenza domiciliare agli anziani non autosufficienti. Si rende noto che con

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Allegato A pagine 7 deliberazione n. del

Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Allegato A pagine 7 deliberazione n. del Azienda Sanitaria Locale della provincia di Como Allegato A pagine 7 deliberazione n. del Convenzione per la realizzazione dei progetti ai sensi DGR n. 392 del 12.07.2013 Attivazione di interventi a sostegno

Dettagli

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015

REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 ALLEGATO A REGIONE UMBRIA Bando per la presentazione di proposte progettuali a favore dei giovani in attuazione dell intesa politiche giovanili anno 2015 Aggregazione, Protagonismo, Creatività PREMESSA

Dettagli

CONSORZIO ISONTINO SERVIZI INTEGRATI C.I.S.I.

CONSORZIO ISONTINO SERVIZI INTEGRATI C.I.S.I. CONSORZIO ISONTINO SERVIZI INTEGRATI C.I.S.I. CONTRATTO DI APPALTO DEI SERVIZI ED INTERVENTI INERENTI LA GESTIONE DELLA COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI DI SAN CANZIAN D ISONZO FZ. BEGLIANO - PERIODO 01.02.2015-31.01.2018.

Dettagli

OGGETTO: servizio di derattizzazione e disinfestazione negli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste decorrenza dal.

OGGETTO: servizio di derattizzazione e disinfestazione negli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste decorrenza dal. SCHEMA DI CONTRATTO allegato sub E) OGGETTO: servizio di derattizzazione e disinfestazione negli immobili di proprietà o pertinenza del Comune di Trieste decorrenza dal. IMPRESA: (denominazione e codice

Dettagli

(Città Metropolitana di Napoli) SETTORE V

(Città Metropolitana di Napoli) SETTORE V Prot. n.22168 del 24.11.2015 C i t t à d i M a r i g l i a n o (Città Metropolitana di Napoli) SETTORE V Avviso pubblico per l'acquisizione di manifestazione di interesse da parte delle Associazioni di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIREZIONE GENERALE AVVISO PUBBLICO PER INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL EVENTUALE AFFIDAMENTO DIRETTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER L UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO Per

SCHEMA DI CONTRATTO Per SCHEMA DI CONTRATTO Per L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA PER LA VALUTAZIONE DEGLI ASPETTI ECONOMICO AZIENDALI SOTTOSTANTI ALL IPOTESI DI INTERNALIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI GESTIONE DEI

Dettagli

COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Provincia di Lucca) CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE SOCIO CULTURALE SAN GIOVANNI LEONARDI PER GESTIONE SERVIZI CULTURALI

COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Provincia di Lucca) CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE SOCIO CULTURALE SAN GIOVANNI LEONARDI PER GESTIONE SERVIZI CULTURALI Rep. N. COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Provincia di Lucca) CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE SOCIO CULTURALE SAN GIOVANNI LEONARDI PER GESTIONE SERVIZI CULTURALI Ai sensi dell art. 10 della L.R. 26.4.1993, n.28,

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 839 DEL 31/12/2012 PROPOSTA N. 51 Centro di Responsabilità: Servizio Ragioneria, Controllo di Gestione, Provveditorato Servizio: Servizio Ragioneria,

Dettagli

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER IL SOCIALE

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER IL SOCIALE FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER IL SOCIALE 1. Domanda: Con quale modalità sarà possibile ottenere chiarimenti in merito alle procedure di attuazione e rendicontazione dei progetti cofinanziati?

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 23 del 21.05.2003 Integrato con deliberazione

Dettagli

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n.

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n. C O N V E N Z I O N E PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA NON SANITARIA AGLI OSPITI DELLA STRUTTURA RESIDENZIALE A BASSA INTENSITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI PSICHIATRICI DEL 2 DISTRETTO DELLA

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA CIG Z170CA13CF

COMUNE DI BRESCIA CIG Z170CA13CF COMUNE DI BRESCIA SETTORE EDIFICI PUBBLICI E MONUMENTALI DISCIPLINARE D INCARICO PROFESSIONALE PER L ATTIVITA DI VERIFICA E ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI IN DIVERSI EDIFICI PUBBLICI E

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l.

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER LA SOCIETA ASCOLI SERVIZI COMUNALI S.u.r.l. ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO 1. Il servizio, qualificabile come

Dettagli

COMUNE DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO)

COMUNE DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO) COMUNE DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO) BANDO PER LA SELEZIONE DI N. 12 VOLONTARI DA IMPIEGARE NEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE, denominato Insieme per fare, DA REALIZZARE NEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI MARTIGNANO PROVINCIA DI LECCE CONTRATTO DI COTTIMO FIDUCIARIO

COMUNE DI MARTIGNANO PROVINCIA DI LECCE CONTRATTO DI COTTIMO FIDUCIARIO 1 COMUNE DI MARTIGNANO PROVINCIA DI LECCE CONTRATTO DI COTTIMO FIDUCIARIO OGGETTO: Fornitura di punto luce su palo relativi al progetto di "Riqualificazione della viabilità del centro antico di Martignano:

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO VOL.TO BANDO DI ASSISTENZA PROGETTI DI GRANDE DIMENSIONE PREMESSA Il Centro di Servizio VOL.TO, nel perseguire l obiettivo di sostenere e qualificare l attività di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010

Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Assessorato alle Politiche Giovanili BANDO APQ 2010 Art.1 Oggetto del bando 1. Il Bando APQ 2010 è promosso dalla Provincia di Novara, Assessorato alle Politiche Giovanili (di seguito Provincia) su finanziamento

Dettagli

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AI DIPENDENTI DELLA CITTA' METROPOLITANA DI MILANO CON ESTINZIONE MEDIANTE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO L anno nel mese di il giorno.in

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITA FORMATIVE DELLE RETI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO ATTIVITA FORMATIVE DELLE RETI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO ATTIVITA FORMATIVE DELLE RETI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO 1 1. Premessa Nell ambito delle proprie attività, il Centro di Servizio per il Volontariato Etneo (CSVE) intende sostenere

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

ASP POVERI VERGOGNOSI

ASP POVERI VERGOGNOSI ASP POVERI VERGOGNOSI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI CONSULENZA SPECIALISTICA IN MATERIA DI DIRITTO DELLE ASSICURAZIONI E DIRITTO AMMINISTRATIVO ai sensi del Regolamento dei lavori,

Dettagli

Il Responsabile del Procedimento

Il Responsabile del Procedimento AVVISO PUBBLICO di procedura comparativa per conferimento incarico di domiciliazione avanti il Tribunale di Roma nel procedimento di ingiunzione nei confronti del Ministero della Giustizia e successive

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO E PRESENZA DELLE ASSOCIAZIONI. nell Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S.

REGOLAMENTO ACCESSO E PRESENZA DELLE ASSOCIAZIONI. nell Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S. REGOLAMENTO ACCESSO E PRESENZA DELLE ASSOCIAZIONI nell Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna Policlinico S. Orsola - Malpighi Giugno 2014 1 INDICE Articolo 1 - Finalità Articolo 2 - Riferimenti

Dettagli

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO RISERVATO AI CENTRI ANZIANI DI ROMA E PROVINCIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Procedura per la comunicazione delle operazioni aventi ad oggetto azioni emesse da Bialetti Industrie S.p.A. o altri strumenti finanziari ad esse

Dettagli

C I T T À D I S A C I L E P I A Z Z A D E L P O P O L O 6 5-3 3 0 7 7 S A C I L E ( P N ) C. F. 8 0 0 0 1 8 3 0 9 3 6 P. I V A 0 0 2 6 2 8 5 0 9 3 6

C I T T À D I S A C I L E P I A Z Z A D E L P O P O L O 6 5-3 3 0 7 7 S A C I L E ( P N ) C. F. 8 0 0 0 1 8 3 0 9 3 6 P. I V A 0 0 2 6 2 8 5 0 9 3 6 C I T T À D I S A C I L E P I A Z Z A D E L P O P O L O 6 5-3 3 0 7 7 S A C I L E ( P N ) C. F. 8 0 0 0 1 8 3 0 9 3 6 P. I V A 0 0 2 6 2 8 5 0 9 3 6 A R E A F A R M A C I A C O M U N A L E A V V I S O

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

CONVENZIONE PER L ATTIVITA DI VIGILANZA DEGLI ISPETTORI AMBIENTALI DEL CIR33 NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI JESI TRA PREMESSO CHE

CONVENZIONE PER L ATTIVITA DI VIGILANZA DEGLI ISPETTORI AMBIENTALI DEL CIR33 NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI JESI TRA PREMESSO CHE CONVENZIONE PER L ATTIVITA DI VIGILANZA DEGLI ISPETTORI AMBIENTALI DEL CIR33 NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI JESI TRA il CONSORZIO INTERCOMUNALE VALLESINA MISA (di seguito denominato CIR33) con sede a Jesi

Dettagli

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 BANDO per le associazioni socie del Cesvot per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 volontariato ANNO 2015 Pagina 1 1. Chi può presentare Hanno diritto a presentare

Dettagli

Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI. Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004.

Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI. Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004. Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004. 1 Indice PROVINCIA DI PRATO INDICE Art. 1 Oggetto del

Dettagli

II. RR. BB. - ASSISI CASA DI RIPOSO ANDREA ROSSI

II. RR. BB. - ASSISI CASA DI RIPOSO ANDREA ROSSI II. RR. BB. - ASSISI CASA DI RIPOSO ANDREA ROSSI AVVISO PUBBLICO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER INFERMIERE PROFESSIONALE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE In esecuzione della propria decisione

Dettagli

Guida alla compilazione dell Atto d Impegno

Guida alla compilazione dell Atto d Impegno P O R F E S R L A Z I O 2 0 0 7-2013 A V V I S O P U B B L I C O I N S I E M E X V I N C E R E Guida alla compilazione dell Atto d Impegno (Art. 15, co. 1 dell Avviso Pubblico Insieme per Vincere approvato

Dettagli

Schema di CONVENZIONE

Schema di CONVENZIONE Schema di CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI NEMBRO E LA SOCIETA SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DEI SEGUENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: - IMPIANTO FOTOVOLTAICO SULLA SCUOLA PRIMARIA DEL CENTRO;

Dettagli

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione Anni 2014-2016 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI

CITTÀ DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI CITTÀ DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI ASSISTENTI SOCIALI, VALIDA PER LA STIPULA DI COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE

Dettagli

Bando per la selezione di 193 volontari da impiegare in progetti di servizio civile solidale nella Regione Friuli Venezia Giulia. Art.

Bando per la selezione di 193 volontari da impiegare in progetti di servizio civile solidale nella Regione Friuli Venezia Giulia. Art. Bando per la selezione di 193 volontari da impiegare in progetti di servizio civile solidale nella Regione Friuli Venezia Giulia Art. 1 Generalità È indetto un Bando per la selezione di 193 volontari,

Dettagli

Quesiti pervenuti entro il decimo giorno antecedente la scadenza del bando

Quesiti pervenuti entro il decimo giorno antecedente la scadenza del bando Quesiti pervenuti entro il decimo giorno antecedente la scadenza del bando Quesito n.1 Bando di gara Sezione II, punto 1.1 Denominazione conferita all'appalto dall'amministrazione aggiudicatrice e punto

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione Dispositivo n. 29-2010 del 29 novembre 2010 Prot. n. 1949-2010 del 29 novembre 2010 La Preside della VISTO il DPR 11 luglio 1980, n 382, in particolare gli artt. 9, 100 e 114, e successive modificazioni

Dettagli

BOZZA DI CONTRATTO DI SERVIZIO PER IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE. Tra

BOZZA DI CONTRATTO DI SERVIZIO PER IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE. Tra BOZZA DI CONTRATTO DI SERVIZIO PER IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Tra La (P.A..)...in persona del...pro tempore, Sig... nato a...e residente in...qui di seguito denominato Ente affidante. e l impresa...in

Dettagli

Articolo 1 Finalità generali

Articolo 1 Finalità generali Allegato A Deliberazione della G.R. n. 104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie, private e degli

Dettagli

MODULISTICA PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER ANNO 2016 (SCADENZA 28/02/16)

MODULISTICA PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER ANNO 2016 (SCADENZA 28/02/16) MODULISTICA PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER ANNO 2016 (SCADENZA 28/02/16) I CONTRIBUTI NON DEVONO RIGUARDARE L ATTIVITA ORDINARIA DEL SOGGETTO PROPONENTE. Per attività ordinaria a titolo esemplificativo

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA' DI RAPPORTO TRA L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI POVIGLIO E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE

COMUNE DI POVIGLIO REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA' DI RAPPORTO TRA L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI POVIGLIO E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE COMUNE DI POVIGLIO REGOLAMENTO CONCERNENTE LE MODALITA' DI RAPPORTO TRA L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI POVIGLIO E LE PERSONE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA' INDIVIDUALE DI VOLONTARIATO Approvato con atto

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli