ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI"

Transcript

1 ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Integrazione malattia Durante l assenza del lavoratore l impresa, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 27 del C.C.N.L in vigore, è tenuta ad erogare mensilmente all operaio non in prova un trattamento economico giornaliero pari all importo che risulta moltiplicando le quote orarie della retribuzione costituita dalla paga base, dall indennità territoriale di settore e dall indennità di contingenza per il numero di ore risultante dalla divisione per sei dell orario contrattuale settimanale in vigore nella circoscrizione durante la malattia. Le quote orarie citate sono calcolate applicando alla retribuzione oraria sopra specificata i coefficienti seguenti: 1) per il 1, 2, 3 giorno nel caso in cui la malattia superi il 14 giorno = 0,5495 2) per il 1, 2, 3 giorno nel caso in cui la malattia superi il 21 giorno = 1,0495 3) dal 4 al 20 giorno per le giornate indennizzate dall INPS = 0,1565 4) dal 21 al 180 giorno per le sole giornate non indennizzate dall INPS = 0,5495 5) dal 181 al 270 giorno per le sole giornate non indennizzate dall INPS = 0,5495 6) per gli apprendisti il coefficente per le giornate non indennizzate dall INPS è pari a= 0,5495 Il trattamento economico giornaliero come sopra descritto è corrisposto dall impresa all operario per sei giorni la settimana escluse le festività. In caso di ricaduta della stessa malattia o altra conseguenziale vale, ai fini del coefficiente da applicare, la normativa dell INPS. In caso di contratto di lavoro a tempo parziale il trattamento economico è ottenuto moltiplicando le quote orarie per il numero delle ore di lavoro giornaliere risultanti dalla divisione per sei dell orario settimanale convenuto. Durante l assenza dal lavoro per malattia l impresa, nei limiti della conservazione del posto, è tenuta ad accantonare presso la Cassa Edile, la percentuale e di cui all art.19, nella misura del 18,50% lordo (14,20% netto). Integrazione infortunio e malattia professionale Durante l assenza dal lavoro per infortunio o malattia professionale, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 28, è tenuta ad erogare all operaio non in prova un trattamento economico giornaliero pari all importo che risulta moltiplicando le quote orarie sotto indicate della retribuzione costituita dal minimo della paga base, dall indennità territoriale di settore e dall indennità di contingenza, per il numero di ore corrisposte alla divisione per sette dell orario contrattuale settimanale in vigore nella circoscrizione durante l assenza per infortunio o malattia professionale. Le quote orarie di cui al comma precedente sono calcolate applicando alla retribuzione oraria come sopra specificata i seguenti coefficienti: A) dal 4 al 90 giorno di assenza = 0,2538 B) dal 91 giorno in poi = 0,0574 Il trattamento economico giornaliero come sopra determinato è corrisposto dall impresa all operaio per tutte le giornate indennizzate dall INAIL comprese le domeniche. In caso di contratto di lavoro a tempo parziale, il trattamento economico giornaliero si ottiene moltiplicando le precedenti quote orarie per il numero delle ore di lavoro giornaliere risultanti dalla divisione per sette dell orario settimanale convenuto. Per quanto attiene l accantonamento da parte dell impresa alla Cassa Edile della percentuale per ferie, gratifica natalizia e riposi annui, restano ferme le disposizioni dell art. 19 del CCNL 29/1/2000. Disposizioni comuni In caso di malattia, infortunio o malattia professionale intervenuti durante il periodo di preavviso, il trattamento economico a carico dell impresa di cui alla presente normativa è dovuto nei limiti della conservazione del posto di cui agli art. 27 e 28 del C.C.N.L.. In caso di assenza ingiustificata dell operaio, soggetta ai provvedimenti disciplinari di cui all art. 96, nel mese precedente l inizio della malattia, dell infortunio o della malattia professionale, il trattamento dovuto dall impresa all operaio a norma della presente regolamentazione è ridotto di 1/173 per ogni ora di assenza ingiustificata. Assegno funerario La Cassa Edile, in caso di morte del lavoratore, corrisponde alla famiglia un contributo di euro 516,46. In caso di morte di un familiare del lavoratore, regolarmente a carico sotto l aspetto dello stato civile; è erogato allo stesso un assegno di euro 258,23. A) Certificato di morte; Assegno matrimoniale

2 La Cassa Edile corrisponde al lavoratore per il suo matrimonio un indennità di euro 258,23. In caso di matrimonio di uno dei figli del lavoratore, regolarmente a carico sotto l aspetto civile, è erogato allo stesso un contributo di euro 129,11. A) Certificato di matrimonio; Premi di studio La Cassa Edile - sulla base del profitto dimostrato dallo studente - eroga al lavoratore un contributo per i figli che hanno frequentato una scuola di ogni ordine e tipo (licei, istituti tecnici, professionali, ecc.). La domanda deve esser presentata entro il 31 ottobre. A) Certificato di promozione, con i voti riportati; B) Attestato di frequenza dell anno in corso; C) Stato di famiglia; Premi di studio per gli iscritti agli istituti universitari La Cassa Edile - sulla base del profitto dimostrato dallo studente, corrisponde al lavoratore un contributo per i figli che hanno frequentato un corso universitario. La domanda deve essere presentata entro il 30 giugno. A) Stato di famiglia; B) Certificato di iscrizione, con i voti riportati negli esami sostenuti; C) Certificato comprovante la durata legale del corso universitario; D) Codice fiscale Premi di laurea La Cassa Edile eroga al lavoratore un contributo per i figli che hanno conseguito un diploma di laurea, al termine del corso legale degli studi universitari. La domanda deve essere presentata entro il 15 dicembre. A) Stato di famiglia; B) Diploma di laurea con la votazione conseguita; C) Attestato comprovante la durata legale degli studi, con i voti conseguiti nei singoli esami; Requisiti necessari per premi di studio e di laurea 1. I requisiti e le modalità per avere diritto ai premi per le scuole medie e per gli istituti universitari e per i premi di laurea sono stabiliti annualmente dal comitato di gestione e portati a conoscenza degli interessati con l invio di apposita circolare; 2. Le graduatorie dei premi sopra specificati sono predisposte dalla commissione assistenza della Cassa Edile, costituita dal presidente, vicepresidente, due componenti di parte datoriale e due di parte operaia; 3. Il lavoratore deve presentare il proprio codice fiscale o quello del figlio per avere diritto all dei contributi previsti per premi scolastici. Assegno a favore dei diversamente abili La Cassa Edile eroga al lavoratore, nel caso in cui un figlio risulti colpito da invalidità, fisica o mentale, in misura non inferiore al 70%, un sussidio annuale, nella misura di euro 650,00. A) Certificato attestante l invalidità e la relativa percentuale rilasciato dall ufficio sanitario; C) Certificato di disoccupazione o documentazione attestante l assoluta inabilità al lavoro; Requisiti assistenza diversamente abili 1. Il lavoratore deve aver prestato almeno 600 ore lavorative nell anno solare precedente; 2. Le domande sono portate all esame della commissione assistenza per le decisioni finali.

3 Assegno di natalità diretta adozione primo figlio La Cassa Edile a partire dal 1/10/2006 eroga al lavoratore un contributo nella misura di euro 250 per la natalità diretta, adozione e nascita primo figlio qualora abbia prestato nei 12 mesi precedenti almeno 600 ore lavorative. La documentazione richiesta dovrà essere presentata nel termine di 120 giorni dalla nascita o adozione. A) Fotocopia documento di identità; B) Certificato di nascita o adozione Premio di inserimento nel settore edile La Cassa Edile a partire dal 1/10/2006 eroga al lavoratore che entra per la prima volta nel settore edile un contributo nella misura di euro 250 qualora abbia prestato nei 12 mesi precedenti almeno 1800 ore lavorative. La documentazione richiesta dovrà essere presentata nel termine di 120 giorni dalla data di assunzione. A) Domanda alla Cassa Edile; B) Fotocopia del congedo militare C) Attestazione di essere dipendente di una impresa edile regolarmente iscritta alla Cassa Edile D) Modello C2 da ritirare all Ufficio di Collocamento Carenza malattia La Cassa Edile a partire dal 1/10/2006 eroga al lavoratore nella misura di euro 90 qualora risulti assunto da almeno 90 giorni. La documentazione richiesta dovrà essere presentata nel termine di 120 giorni dalla data di assunzione. A) Certificati medici INPS e datore di lavoro; Agende La Cassa Edile - dopo apposita deliberazione del comitato di gestione - provvede ad inviare a tutti i lavoratori edili, che si trovano nelle condizioni stabilite dal presente regolamento, un libretto contenente le notizie (accordi, contratti, reg. assistenziale, ecc.) che possono interessarli nello svolgimento del lavoro. Sussidi straordinari Nei casi in cui il lavoratore venga a trovarsi in particolari condizioni di grave disagio o di precarie condizioni economiche, personali o familiari, la Cassa Edile eroga un contributo straordinario. L esame della domanda, della relativa documentazione e l ammontare dell assegno saranno deliberate, a giudizio insindacabile, dalla commissione assistenza della Cassa Edile. Documentazione richiesta: A) Documentazione valida dal punto di vista fiscale per le spese sostenute (sanitarie, protesi, ecc.); B) Documentazione comprovante le particolari condizioni precisate nella domanda; Requisiti necessari per avere diritto alle prestazioni assistenziali A) Le domande, su apposito modulo approvato dalla Cassa Edile, devono essere presentate dal lavoratore, tranne differente regolamentazione, entro 30 giorni dalla data dell evento; B) Le prestazioni sono erogate dalla Cassa Edile ai lavoratori che al momento del verificarsi dell evento, non in periodo di prova, sono alle dipendenze di un impresa edile; C) Il lavoratore deve aver prestato almeno 600 ore lavorative nei 12 mesi precedenti, con esclusione del mese dell evento, coperte dall accantonamento della percentuale di cui all art. 19 C.C.N.L.; D) Il lavoratore all atto dell evento deve essere alle dipendenze di un impresa iscritta alla Cassa Edile in regola con gli adempimenti previsti dal C.C.N.L. e dal contratto integrativo provinciale. Protocollo malattia ed infortunio stipulato a Roma il dalle organizzazioni sindacali di categoria 1. La normativa contenuta nell allegato E del C.C.N.L. 6 luglio 1983 cessa di avere efficacia alla data del 31 marzo A decorrere dal 1 aprile 1988 il trattamento per malattia, infortunio e malattia professionale corrisposto dall impresa all operaio ai sensi degli artt. 28 e 29 del C.C.N.L. 7 ottobre 1987 (oggi artt. 27 e 28 del C.C.N.L.

4 5/7/95) che sarà rimborsato all impresa medesima dalla Cassa Edile. La deduzione spetta per l intero trattamento corrisposto all operaio se nel trimestre solare scaduto prima dell evento risultino denunciate per l operaio interessato almeno 450 ore, computate con i criteri di cui al comma successivo, proporzionalmente ridotte in caso di lavoro a tempo parziale. Agli effetti di cui sopra si computano le ore ordinarie lavorate per le quali risultano versati i relativi contributi alla Cassa Edile, le ore comunque retribuite, nonché quelle per malattia o infortunio per le quali è corrisposto un trattamento economico integrativo o sostitutivo da parte dell impresa e le ore di sosta con richiesta dell intervento della Cassa Integrazione Guadagni. Nel caso in cui le ore sopra computate risultino inferiori al numero indicato, la deduzione è proporzionalmente ridotta. Per gli operai assunti da meno di tre mesi o in aspettativa il trattamento è restituito o conguagliato all impresa per intero. La deduzione avviene mediante conguaglio con le somme dovute alla Cassa Edile a qualsiasi titolo o rimborso da parte della Cassa stessa in tempi brevi, secondo le determinazioni assunte dalle organizzazioni territoriali aderenti alle associazioni nazionali contraenti, fatte salve le modalità eventualmente stabilite dalle parti sottoscritte. Le parti si riservano di verificare entro un anno dalla stipula del presente protocollo le risultanze della disciplina di cui sopra e di adottare le decisioni conseguenti. Le sottoscritte Associazioni nazionali procederanno, con effetto dal 1 ottobre 1988, al ricalcolo dei coefficienti per la determinazione della prestazione a carico dell impresa nei casi di malattia e infortunio o malattia professionale, allo scopo di tener conto della incidenza sulla prestazione stessa dei contributi assicurativi di leghe a carico dell operaio. Accordo provinciale del 29 marzo In applicazione del 7 comma del richiamato protocollo aggiuntivo per i trattamenti corrisposti dalle imprese a decorrere dal 1/4/1988 a titolo di malattia, infortunio e malattia professionale, le sottoscritte organizzazioni sindacali dichiarano di adottare il criterio del rimborso alle imprese da parte della Cassa Edile di quanto dalle stesse corrisposto ai propri dipendenti per malattia, infortunio e malattia professionale. 2. La Cassa Edile è incaricata dell attuazione nel rispetto delle condizioni riportate nel protocollo aggiuntivo al verbale di accordo 7/10/1987, con scadenza mensile. Percentuali accantonamento in vigore all 1/4/1988 (Allegato F del C.C.N.L.) Descrizione Accantonamento Lordo dal 01/10/2000 Accantonamento Netto dal 01/10/2000 Giornate di carenza INPS-INAIL Dal 4 giorno di malattia Dal 4 giorno di infortunio o malattia professionale Dal 91 giorno di infortunio o malattia professionale in poi 18,50% 14,20% 18,50% 14,20% 7,40% 5,70% 4,60% 3,60% Gli importi accantonati dalle imprese per ferie, gratifica natalizia, ecc. sono liquidati dalla Cassa Edile, ai lavoratori aventi diritto, due volte l anno precisamente: periodo = ottobre - marzo: nell ultima settimana del mese di luglio; periodo = aprile - settembre: nella seconda decade del mese di dicembre. Anzianità professionalità edile art. 30 allegato C del C.C.N.L. 5/7/1995 La Cassa Edile eroga, in occasione del 1 maggio, la prestazione per anzianità professionale edile al lavoratore che abbia maturato almeno ore nel biennio precedente all anno della liquidazione. Vengono computate -

5 anche se prestate in più circoscrizioni territoriali - le ore di lavoro ordinario, le ore di malattia, infortunio e malattia professionale, nonché 88 ore in caso di matrimonio e 88 ore al mese per tutto il periodo del servizio militare del lavoratore. Il biennio considerato decorre dal 1 ottobre al 30 settembre dell anno precedente a quello dell. La prestazione per l anzianità professionale edile, liquidata da ogni Cassa Edile per la parte di propria competenza, è erogata secondo importi crescenti, in relazione al numero degli anni nei quali il lavoratore ha percepito la prestazione medesima ed è calcolato moltiplicando gli importi previsti dal regolamento citato per il numero di ore di lavoro ordinarie effettivamente prestate per ciascuna categoria e denunciate alla Cassa Edile per il secondo anno del biennio di cui al 2 comma del paragrafo 2 del regolamento dell istituto. Coeff. applicati a maggio 2006 Numero delle erogazioni percepite dal singolo operaio 4 livello Specializzato Qualificato Comune 1ª e 2ª 3ª e 4ª 5ª e 6ª 7ª e 8ª 9ª e successiva 0,1457 0,1354 0,1218 0,1041 0,2915 0,2708 0,2437 0,2082 0,4372 0,4061 0,3655 0,3124 0,5831 0,5415 0,4872 0,4166 0,7289 0,6768 0,6092 0,5206 Le Casse Edili calcoleranno le prestazioni applicando i coefficienti suddetti ed erogheranno le stesse arrotondando l importo alla seconda cifra decimale per eccesso se la terza cifra decimale è uguale o superiore a 5, per difetto se è inferiore a 5. I suddetti importi orari sono stati definiti avendo presente i criteri di cui all accordo interconfederale 23/7/93. In caso di abbandono definitivo del settore dopo il raggiungimento del 60 anno di età ovvero a seguito di invalidità permanente debitamente accertata dall INPS o di infortunio o di malattia professionale, i cui esiti non permettano la permanenza nel settore del lavoratore che ne abbia maturato il requisito, la prestazione è erogata dalla Cassa Edile anticipatamente su richiesta dell operaio. In caso di morte o di invalidità permanente assoluta al lavoro di operai che abbiano maturato il requisito di cui al paragrafo 2 dell allegato C e per i quali nel biennio precedente di cui all art. 19 del C.C.N.L., è erogata dalla Cassa Edile su richiesta dell operaio o degli aventi causa una prestazione pari a 300 volte la retribuzione oraria minima contrattuale costituita dalla paga base, indennità di contingenza ed elemento economico territoriale, indennità territoriale di settore spettanti all operaio stesso al momento dell evento. A.P.E. Straordinaria: accordi nazionali 15/11/1984 e successivi. In ottemperanza all accordo integrativo dell 11/6/97 la prestazione non viene più erogata dal 31/12/03.

CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO. regolamento prestazioni

CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO. regolamento prestazioni CASSA EDILE DI MUTUALTA ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI NUORO regolamento prestazioni 9 10 DIRITTO ALLE PRESTAZIONI Hanno diritto alle prestazioni della Cassa Edile di Nuoro gli operai dipendenti di imprese

Dettagli

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA INTEGRAZIONE MALATTIA, INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE CONTROLLI CASSA EDILE, ALIQUOTE PER CALCOLO INTEGRAZIONE E GESTIONE EVENTI NEL MUT IN VIGORE DALLE DENUNCE MUT DEL MESE DI GIUGNO 2012 (INTEGRATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

REGOLAMENTO PRESTAZIONI ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Cassa Edile di mutualità ed assistenza della Provincia di Cagliari 2 REGOLAMENTO PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Funzione/Servizio Telefono Mail Direzione 070 3423 0205

Dettagli

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE A cura del GRUPPO SULLE PROBLEMATICHE DEL LAVORO dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Torino, Ivrea e Pinerolo Relatore dottoressa Luisella

Dettagli

TRATTAMENTO ECONOMICO DI MALATTIA ED INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE E CASSA EDILE

TRATTAMENTO ECONOMICO DI MALATTIA ED INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE E CASSA EDILE TRATTAMENTO ECONOMICO DI MALATTIA ED INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE E CASSA EDILE Aspetti essenziali sono i seguenti: NORME COMUNI 1. Il trattamento economico giornaliero malattia, infortunio e malattia

Dettagli

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni F M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE Le Prestazioni R e g o l a m e n t o operante dal 01 gennaio 2014 INDICE: AVENTI DIRITTO Pag. 4 INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MISURA DELLE INDENNITA

Dettagli

PROCEDURE E SCADENZE CASSA EDILE VERCELLI

PROCEDURE E SCADENZE CASSA EDILE VERCELLI ISCRIZIONE/RIATTIVAZIONE PROCEDURE E SCADENZE CASSA EDILE VERCELLI IMPRESE e STUDI L iscrizione o la riattivazione di un impresa deve pervenire entro la fine del mese di riferimento di inizio attività

Dettagli

LE PRESTAZIONI DELLA CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI POTENZA

LE PRESTAZIONI DELLA CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI POTENZA 1 LE PRESTAZIONI DELLA CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI POTENZA INDICE a) Regolamento delle prestazioni b) Disciplina dal 1.1.1998 (Ritenute su somme e valori erogati) c) Cure dentarie d) Protesi dentarie

Dettagli

SUSSIDIO GIORNALIERO PER I FAMILIARI A CARICO (nei casi indennizzati dagli Istituti) La domanda può essere presentata in qualsiasi momento attraverso la domanda di prestazioni. 500 ore di presenza nei

Dettagli

CASSA EDILE DI MUTUALITA E DI ASSISTENZA DI NOVARA FASCICOLO TABELLE

CASSA EDILE DI MUTUALITA E DI ASSISTENZA DI NOVARA FASCICOLO TABELLE CASSA EDILE DI MUTUALITA E DI ASSISTENZA DI NOVARA FASCICOLO TABELLE Percentuali contributive - Percentuali accantonamento Coefficienti malattia e infortunio IN VIGORE DAL MESE DI DICEMBRE 2012 2 TABELLE

Dettagli

Regolamento C.A.L.E.C. C.A.L.E.C. CASSA ASSISTENZA LAVORATORI EDILI DELLE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

Regolamento C.A.L.E.C. C.A.L.E.C. CASSA ASSISTENZA LAVORATORI EDILI DELLE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA C.A.L.E.C. CASSA ASSISTENZA LAVORATORI EDILI DELLE COOPERATIVE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Via Michelino, 71 Tel.051.510699 Fax. 051.510774 e-mail: info@calecbologna.it Normativa contrattuale relativa il

Dettagli

FASCICOLO TABELLE SOCIETA DI LAVORO INTERINALE

FASCICOLO TABELLE SOCIETA DI LAVORO INTERINALE CASSA EDILE DI MUTUALITA E DI ASSISTENZA DI NOVARA FASCICOLO TABELLE SOCIETA DI LAVORO INTERINALE Percentuali contributive - Percentuali accantonamento Coefficienti malattia e infortunio IN VIGORE DAL

Dettagli

REGOLAMENTO della Cassa Edile per la gestione degli accantonamenti per ferie, gratifica natalizia e riposi annui

REGOLAMENTO della Cassa Edile per la gestione degli accantonamenti per ferie, gratifica natalizia e riposi annui REGOLAMENTO della Cassa Edile per la gestione degli accantonamenti per ferie, gratifica natalizia e riposi annui Denuncia nominativa dei Lavoratori occupati Art.1 I Datori di Lavoro sono tenuti ad inviare

Dettagli

Assistenze. Premio giovani per ingresso nel settore

Assistenze. Premio giovani per ingresso nel settore Assistenze 1. 2. Premio giovani per ingresso nel settore 3. Premio giovani per permanenza nel settore 4. Contributo per i figli studenti 5. Premio matrimoniale 6. Contributo per acquisto della prima casa

Dettagli

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ART. 1 - LE PRESTAZIONI In base a quanto previsto dall art. 30 e dagli allegati 3 e 4 del CPL operai agricoli e florovivaisti della provincia

Dettagli

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale.

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale. Roma, 21 dicembre 2009 LE TREDICESIME DEL 2009 * * * Nelle famiglie stanno per arrivare le tredicesime, un flusso di danaro che sempre di più verrà utilizzato per soddisfare bisogni primari a discapito

Dettagli

MODULISTICA E REGOLAMENTO DELLE ASSISTENZE PER I DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLÌ - CESENA

MODULISTICA E REGOLAMENTO DELLE ASSISTENZE PER I DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLÌ - CESENA Cassa Edile dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa in Emilia Romagna Via Maestri Del Lavoro D Italia, 129 47034 Forlimpopoli (FC) Tel. 0543.745832 Fax. 0543.745829 E-mail: appalti@cassaer.org

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

Rev. 0 del 14/02/2003 CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO E PER L ATTRIBUZIONE DI SUSSIDI PER SPESE DI OSPITALITÀ IN CASE DI RIPOSO

Rev. 0 del 14/02/2003 CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO E PER L ATTRIBUZIONE DI SUSSIDI PER SPESE DI OSPITALITÀ IN CASE DI RIPOSO Rev. 0 del 14/02/2003 CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO E PER L ATTRIBUZIONE DI SUSSIDI PER SPESE DI OSPITALITÀ IN CASE DI RIPOSO 1 Sommario Criteri per l attribuzione di borse di studio...

Dettagli

1. Prestazione aggiuntiva in favore degli apprendisti C.I.G.O. in caso di. sospensione o riduzione dell attivita lavorativa per eventi meteorologici.

1. Prestazione aggiuntiva in favore degli apprendisti C.I.G.O. in caso di. sospensione o riduzione dell attivita lavorativa per eventi meteorologici. Circolare n. 1/2009 Cuneo, 16 gennaio 2009 ALLE IMPRESE EDILI AI CONSULENTI DEL LAVORO ALLE OO.SS. LORO SEDI Oggetto: 1. Prestazione aggiuntiva in favore degli apprendisti C.I.G.O. in caso di sospensione

Dettagli

REGOLAMENTO PRESTAZIONI DAL 1 GENNAIO 2006 CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

REGOLAMENTO PRESTAZIONI DAL 1 GENNAIO 2006 CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PRESTAZIONI DAL 1 GENNAIO 2006 CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PRESTAZIONI DAL 1 GENNAIO 2006 A B C RIMBORSI ALLE IMPRESE NEI CASI DI MALATTIA GENERICA, INFORTUNIO SUL LAVORO,

Dettagli

CASSA EDILE ASCOLI PICENO E FERMO. REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI EXTRACONTRATTUALI Decorrenza 1 dicembre 2013

CASSA EDILE ASCOLI PICENO E FERMO. REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI EXTRACONTRATTUALI Decorrenza 1 dicembre 2013 REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI EXTRACONTRATTUALI Decorrenza 1 dicembre 2013 CON IL PRESENTE REGOLAMENTO GLI ORGANI DELLA CASSA EDILE PROVVEDONO A DISCIPLINARE I REQUISITI ED I MECCANISMI PER L EROGAZIONE

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione Come leggere la Busta Paga G.I. G.I. Formazione Formazione La Busta Paga Cos è A Cosa Serve Come è Composta COS E La Busta Paga è il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per

Dettagli

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro AGENDA In contratto di lavoro in Telecom Italia Sicurezza 1 Contrattazione: la vigenza Principali istituti Lo stato dell arte in Telecom Italia Principali temi trattati nel 1 livello di contrattazione

Dettagli

CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE

CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE Via O. Zanchini n. 7 FORLI REGOLAMENTO approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 16 luglio 2003 Pagina 1 di 7 TITOLO I ISCRIZIONE ALLA CASSA E ANAGRAFE DELLE AZIENDE

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Prot. n 6533 /p/cv Roma, 20 febbraio 2015. A tutte le Casse Edili. e, p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE.

Prot. n 6533 /p/cv Roma, 20 febbraio 2015. A tutte le Casse Edili. e, p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE. Prot. n 6533 /p/cv Roma, 20 febbraio 2015 A tutte le Casse Edili e, p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE Loro sedi Comunicazione n. 559 Oggetto: Vademecum contributo contrattuale

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO (Elezione RLS, rimborso oneri alle imprese e finanziamento R.L.S.T.-A.S.L.E.) tra

VERBALE DI ACCORDO (Elezione RLS, rimborso oneri alle imprese e finanziamento R.L.S.T.-A.S.L.E.) tra VERBALE DI ACCORDO (Elezione RLS, rimborso oneri alle imprese e finanziamento R.L.S.T.-A.S.L.E.) In Milano, 22 ottobre 2012 tra - l'associazione DELLE IMPRESE EDILI E COMPLEMENTARI DELLE PROVINCE DI MILANO,

Dettagli

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI Sono quei lavoratori che prestano la loro attività esclusivamente per le necessità familiari del datore di lavoro e del suo nucleo familiare. Rientrano in questa categoria:

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE per le gestioni e le prestazioni

REGOLAMENTO GENERALE per le gestioni e le prestazioni REGOLAMENTO GENERALE per le gestioni e le prestazioni ISCRITTI ART. 1 Sono iscritti alla Cassa Edile, a norma del vigente Statuto e delle contrattazioni collettive nazionali di riferimento, tutti i lavoratori

Dettagli

SEDE DELLA CASSA EDILE Via Martiri della Libertà 21E

SEDE DELLA CASSA EDILE Via Martiri della Libertà 21E SEDE DELLA CASSA EDILE Via Martiri della Libertà 21E 18038 SANREMO (IM) ORARIO UFFICI: GLI UFFICI DELLA CASSA EDILE SONO APERTI DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ COL SEGUENTE ORARIO: Mattino: dalle ore 8,30 alle ore

Dettagli

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Finanze & Lavoro Gruppo Editoriale Esselibri-Simone Appendice di aggiornamento al volume FL 18 C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Edizione Aprile 2003 Questa appendice è scaricabile gratuitamente dal sito internet:

Dettagli

ED ASSISTENZA MACERATA Tel. 0733-230243. Orario degli uffici: da lunedì a venerdì 8.30 14.00 e 15.00 18,30

ED ASSISTENZA MACERATA Tel. 0733-230243. Orario degli uffici: da lunedì a venerdì 8.30 14.00 e 15.00 18,30 CASSA EDILE DI MUTUALITA Via Gramsci 38 MACERATA ED ASSISTENZA MACERATA Tel. 0733-230243 1951-201 2014 Fax. 0733-232145 63 anni di impegno per costruire web: www.cassaedilemacerata.it insieme in sicurezza

Dettagli

Regolamento per l erogazione dei trattamenti di solidarietà

Regolamento per l erogazione dei trattamenti di solidarietà FONDO DI SOLIDARIETÀ A FAVORE DEI DIPENDENTI DI AMOS SCRL Regolamento per l erogazione dei trattamenti di solidarietà Art. 1 Tipologia dei trattamenti di solidarietà 1. I trattamenti del fondo di solidarietà

Dettagli

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A CGIL CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A cura di: Staff Formazione Ufficio Vertenze Confederale CGIL LIGURIA Versione integrale 1 2 LE LEGGI DELLO STATO ED I CONTRATTI DI LAVORO DETTANO LE NORME CHE DISCIPLINANO

Dettagli

Regolamento delle Prestazioni ed Assistenze PRESTAZIONI ED ASSISTENZE DELLA CASSA EDILE. Art. 28 del REGOLAMENTO GENERALE

Regolamento delle Prestazioni ed Assistenze PRESTAZIONI ED ASSISTENZE DELLA CASSA EDILE. Art. 28 del REGOLAMENTO GENERALE Regolamento delle Prestazioni ed Assistenze PRESTAZIONI ED ASSISTENZE DELLA CASSA EDILE Art. 28 del REGOLAMENTO GENERALE Punto 1 : COPERTURE ASSICURATIVE ASSITECA per Cassa Edile V.C.O. La Cassa Edile

Dettagli

ISTRUZIONI PER COMPILAZIONE MODULISTICA

ISTRUZIONI PER COMPILAZIONE MODULISTICA ISTRUZIONI PER COMPILAZIONE MODULISTICA Tutti gli importi da riportare nei moduli devono essere indicati in Euro. Non devono essere mai riportati i decimali. Pertanto per ogni singola voce vanno effettuati

Dettagli

GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA)

GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA) GRAFICA ED EDITORIA (INDUSTRIA) G Data: Decorrenza: 28 MARZO 2008 1 ipotesi di accordo 30 maggio 2011 11 Scadenza normativa: Scadenza economica: 31 marzo 2013 31 marzo 2013 Parti firmatarie Associazione

Dettagli

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

Direzione Centrale delle Prestazioni. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 15 Gennaio 2007 Circolare n. 14 Allegati 2 Ai Dirigenti centrali

Dettagli

Norme di carattere generale. Dall art. 1 all art. 5 pag. 4-7

Norme di carattere generale. Dall art. 1 all art. 5 pag. 4-7 1 INDICE Norme di carattere generale Dall art. 1 all art. 5 pag. 4-7 Assistenze Assegni per il nucleo famigliare in caso di Art. 6 infortunio e di malattia professionale pag. 8 Art. 7 Sussidio di pensione

Dettagli

di Redazione Indicitalia Risorse Umane >> Gestione organizzazione del personale

di Redazione Indicitalia Risorse Umane >> Gestione organizzazione del personale CALCOLO DELL INFORTUNIO di Redazione Indicitalia Risorse Umane >> Gestione organizzazione del personale RIFERIMENTI NORMATIVI DPR 30 giugno 1965, n.1124 (c.d. Testo Unico / T.U.) L infortunio è l evento

Dettagli

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO Introduzione al mondo del lavoro di cura L inquadramento (Minimi contrattuali in vigore PER L ANNO 2011) LIVELLO TABELLA A CONVIVENTI TABELLA B CONVIVENTI PART-TIME TABELLA

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga.

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Obbligo della retribuzione globale di fatto. Come abbiamo detto, la tredicesima si calcola sulla base della retribuzione

Dettagli

La Cassa Edile all atto dell invio alle imprese dell assegno di rimborso, trasmette alle stesse un prospetto con l indicazione del conteggio di

La Cassa Edile all atto dell invio alle imprese dell assegno di rimborso, trasmette alle stesse un prospetto con l indicazione del conteggio di Le Associazioni Nazionali sopra indicate hanno stabilito in particolare che le somme erogate dalle imprese per il titolo suddetto debbono essere mutualizzate presso la Cassa Edile a norma della regolamentazione

Dettagli

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione di assegni per il nucleo familiare al personale dipendente

Dettagli

Elenco delle indennità erogate dal FIIMI (Fondo Integrazione Indennità Malattia Infortunio) di Treviso:

Elenco delle indennità erogate dal FIIMI (Fondo Integrazione Indennità Malattia Infortunio) di Treviso: Fondo Integrazione Indennità Malattia Infortunio Via Feltrina, 56/B - 31038 Castagnole di Paese (TV) Tel. 0422.540660 / Fax 0422.454098 info@fiimitreviso.it Ma che cos è? Regolamento norme del FIIMI (Fondo

Dettagli

PRESTAZIONI DEL FONDO. 6. Interventi a favore dei dipendenti

PRESTAZIONI DEL FONDO. 6. Interventi a favore dei dipendenti PRESTAZIONI DEL FONDO 6. Interventi a favore dei dipendenti DIPENDENTI: RIDUZIONE - SOSPENSIONE DELL ATTIVITÀ Riduzione - sospensione dell attività lavorativa Contratti di solidarietà Malattia di lunga

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

SEDE DELLA CASSA EDILE

SEDE DELLA CASSA EDILE NORME VARIE SEDE DELLA CASSA EDILE Via Martiri della Libertà 21E 18038 SANREMO (IM) RICORSI Il lavoratore iscritto, al quale viene respinta una domanda per prestazioni assistenziali, può inoltrare ricorso

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 13 giugno 2014 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

Cassa Edile di Mutualità ed Assistenza della Provincia di L Aquila

Cassa Edile di Mutualità ed Assistenza della Provincia di L Aquila Cassa Edile di Mutualità ed Assistenza della Provincia di L Aquila S.S. 80 Km 9 n. 61 Località San Vittorino 67100 L AQUILA Cod. Fisc n. 80002410662 tel 0862/24354 fax 0862/64022 www.cassaedilelaquila.it

Dettagli

Ministero delle Poste e Telecomunicazioni. bollettino ufficiale

Ministero delle Poste e Telecomunicazioni. bollettino ufficiale Ministero delle Poste e Telecomunicazioni bollettino ufficiale PARTE SECONDA LEGGI, DECRETI, ORDINANZE DISPOSIZIONI DI SERVIZIO COMUNICAZIONI VARIE ISTITUTO POSTELEGRAFONICI 21 maggio 1978 ISTITUTO POSTELEGRAFONICI

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

Prot.n 6844/p/fdm Roma, 10 luglio 2015. e p.c. Ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE. Oggetto: invio delibera Comitato bilateralità

Prot.n 6844/p/fdm Roma, 10 luglio 2015. e p.c. Ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE. Oggetto: invio delibera Comitato bilateralità Prot.n 6844/p/fdm Roma, 10 luglio 2015 A tutte le Casse Edili e p.c. Ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE Loro sedi Lettera circolare n. 29/2015 Oggetto: invio delibera Comitato bilateralità

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO UN LAVORO di cura in regola... I diritti e i doveri dei collaboratori familiari e dei datori di lavoro Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO CHI BEN COMINCIA......lettera,

Dettagli

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ Il rinnovo del ccnl 28 maggio 2012 sottoscritto in data 9 luglio 2015, contiene novità di rilievo, come si illustra di seguito. DECORRENZA E DURATA (Art. 203) Il

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNO 2015 indetto ai sensi della Legge 9 dicembre 1998, n. 431, del Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici 7 giugno 1999,

Dettagli

Art. 1 Orario di Lavoro. Non si chiedono modifiche al presente articolo. Art. 2 Ferie. Si chiede di estendere la normativa per i lavoratori

Art. 1 Orario di Lavoro. Non si chiedono modifiche al presente articolo. Art. 2 Ferie. Si chiede di estendere la normativa per i lavoratori PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO INTEGRATIVO PROVINCIALE20 DICEMBRE 2006PER I DIPENDENTI DELLE IMPRESE EDILI ED AFFINIOPERANTI NELLA PROVINCIA DI BOLZANO Art. 1 Orario di Lavoro. Art. 2 Ferie.

Dettagli

REGOLAMENTO E.N.P.A.M. A TUTELA DELLA GENITORIALITA. Capo I Disposizioni generali. Art. 1 Ambito di applicazione. Capo II Eventi tutelati

REGOLAMENTO E.N.P.A.M. A TUTELA DELLA GENITORIALITA. Capo I Disposizioni generali. Art. 1 Ambito di applicazione. Capo II Eventi tutelati AREA DELLA PREVIDENZA REGOLAMENTO E.N.P.A.M. A TUTELA DELLA GENITORIALITA Capo I Disposizioni generali Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento reca disposizioni a tutela della maternità

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia.

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte VI Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. Testo finale approvato dal C.I.G. Delibera n. 103 del 29.05.2014 e approvato dai MMVV con nota n. 36/0016601/MA004.A007

Dettagli

Sede: via Alessandria, 215 00198 Roma Tel: 06852614 - Fax: 0685261500 www.cnce.it e-mail: info@cnce.it

Sede: via Alessandria, 215 00198 Roma Tel: 06852614 - Fax: 0685261500 www.cnce.it e-mail: info@cnce.it Prot. n 4162 /p/cv Roma, 18 novembre 2009 Comunicazione n 408 Oggetto: obbligo iscrizione Cassa Edile A tutte le Casse Edili e p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE Loro sedi Si

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

Vercelli, 10 marzo 2015. AGLI STUDI DI CONSULENZA e ALLE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Contributo contrattuale Prevedi 02/2015.

Vercelli, 10 marzo 2015. AGLI STUDI DI CONSULENZA e ALLE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Contributo contrattuale Prevedi 02/2015. Vercelli, 10 marzo 2015 AGLI STUDI DI CONSULENZA e ALLE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Contributo contrattuale Prevedi 02/2015. Si comunica che, prima di procedere con la compilazione della denuncia

Dettagli

CASSA EDILE GENOVESE di mutualità e di assistenza Via Borzoli 61 A/B-16153 GENOVA Tel. 010/566471 Fax 010/5536117 E-mail operai@cassaedilegenovese.

CASSA EDILE GENOVESE di mutualità e di assistenza Via Borzoli 61 A/B-16153 GENOVA Tel. 010/566471 Fax 010/5536117 E-mail operai@cassaedilegenovese. CONFERIMENTO RIMBORSI - STUDIO anno scolastico 2015-2016 Possono presentare domanda i figli di lavoratori che risultino iscritti alla Cassa con almeno 600 ore lavorative, coperte da contributi, nei 12

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che Allegato n. 3 CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ai sensi dell art. 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 Premesso che - la Provincia autonoma di Trento, per favorire le

Dettagli

ANF per il lavoro dipendente

ANF per il lavoro dipendente ANF per il lavoro dipendente ISTRUZIONI PER L USO BERGAMO ENZO MOLOGNI LAVORO DIPENDENTE D.P.R. 30 MAGGIO 1955, N 797 (Assegni familiari) LEGGE 13 MAGGIO 1988, N 153 (Assegni al nucleo familiare) RIFERIMENTI

Dettagli

ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO

ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO Art. 1 - Ambito di applicazione ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l'attività dell'e.b.m. sulla base dell'accordo tra Unionmeccanica Confapi e Fiom Cgil del 15

Dettagli

ART. 12 - APPRENDISTATO

ART. 12 - APPRENDISTATO ART. 12 - APPRENDISTATO In attesa che diventi esecutiva la nuova normativa sull apprendistato ai sensi del D. Lgs. n. 276/2003, continua ad applicarsi quanto previsto dall art. 12 del precedente C.C.N.L.

Dettagli

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI Regolamento Cassa Edile Macerata di cui all art 7 dello Statuto del 02.03.2012, approvato dal Comitato di Gestione n 346 del 5 novembre 2014. (In rosso le modifiche apportate) ARTICOLO 1 DENUNCIA NOMINATIVA

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DI ESENZIONE DALLA PARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE PER MOTIVI DI REDDITO Il Sottoscritto (dichiarante) Cognome: Nome: Nata/o

Dettagli

CASSA EDILE DI FIRENZE. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DENUNCIA DEI LAVORATORI OCCUPATI (Mod.1 e Mod.2)

CASSA EDILE DI FIRENZE. ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DENUNCIA DEI LAVORATORI OCCUPATI (Mod.1 e Mod.2) CASSA EDILE DI FIRENZE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DENUNCIA DEI LAVORATORI OCCUPATI (Mod.1 e Mod.2) Note importanti 1) Responsabilità - La denuncia nominativa deve essere sempre compilata integralmente

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO relativo al personale del comparto università per il biennio economico 2004\2005

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO relativo al personale del comparto università per il biennio economico 2004\2005 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO relativo al personale del comparto università per il biennio economico 2004\2005 Il giorno 28 marzo 2006, alle ore 10, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo

Dettagli

ARTICOLO 7. Prestazioni Cassa Edile

ARTICOLO 7. Prestazioni Cassa Edile ARTICOLO 7 Prestazioni Cassa Edile Per quanto attiene la disciplina delle prestazioni della Cassa Edile si fa espresso riferimento all allegato E del C.C.N.L. 29 gennaio 2000. Dette prestazioni contrattualizzate

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI TORINO SOMMARIO Art.1 Principi generali Art.2 Definizione, affidamento, gestione e fruizione del servizio di mensa Art.3 Diritto al servizio

Dettagli

CASSA EDILE DI MUTUALITA' ED ASSISTENZA DI MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA Via S. Luca 6-20122 Milano Tel. 02.58496.1 - Fax. 02.58496.

CASSA EDILE DI MUTUALITA' ED ASSISTENZA DI MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA Via S. Luca 6-20122 Milano Tel. 02.58496.1 - Fax. 02.58496. CASSA EDILE DI MUTUALITA' ED ASSISTENZA DI MILANO, LODI, MONZA E BRIANZA Via S. Luca 6-20122 Mila Tel. 02.58496.1 - Fax. 02.58496.308 ACCORDO 01/03/2013 CONTRIBUTO PER SPESE SANITARIE PER LAVORATORI E

Dettagli

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE Indice IL CONTRATTO DI LAVORO - LE CATEGORIE - I CONTRIBUTI INPS - IL PERIODO DI PROVA - LA TREDICESIMA MENSILITÀ I GIORNI FESTIVI - GLI SCATTI DI ANZIANITÀ - LE FERIE - VITTO E ALLOGGIO - L ORARIO DI

Dettagli

CITTA DI ORBASSANO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE. Approvato con deliberazione G.C. del 22 dicembre 2015 n.

CITTA DI ORBASSANO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE. Approvato con deliberazione G.C. del 22 dicembre 2015 n. CITTA DI ORBASSANO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con deliberazione G.C. del 22 dicembre 2015 n. 235 1 INDICE Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione pag.

Dettagli

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Roma, 16 gennaio 2001 Alle Aziende Associate Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Circolare n. 16465 L o r o S e d i OGGETTO: Ccnl 23 maggio 2000 per i dirigenti di aziende industriali. Art. 12. Facciamo seguito

Dettagli

Archivio documenti CDP S.p. A.: CIR125920050606.doc. Provvedimento pubblicato in G.U. n. 138 Parte Seconda del 16 giugno 2005 1 / 5

Archivio documenti CDP S.p. A.: CIR125920050606.doc. Provvedimento pubblicato in G.U. n. 138 Parte Seconda del 16 giugno 2005 1 / 5 Circolare CDP S.p.A. 6 giugno 2005, n. 1259 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP) da parte delle università, relative

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 43 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 12 DEL 27/01/2015

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 43 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 12 DEL 27/01/2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 43 SETTORE Settore Affari Generali e Innovazione NR. SETTORIALE 12 DEL 27/01/2015 OGGETTO: SIG. - OMISSIS -, DIPENDENTE COMUNALE A TEMPO INDETERMINATO

Dettagli

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga * aggiornato al 20 luglio 2009 CHE COS È è un documento obbligatorio

Dettagli

Bando per l erogazione di borse di studio per l anno in corso. Art.1 Premesse

Bando per l erogazione di borse di studio per l anno in corso. Art.1 Premesse Bando per l erogazione di borse di studio per l anno in corso Art.1 Premesse L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3, comma 3, dello

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI

NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI NEWSLETTER N. 2/2014 NEWSLETTER LAVORO FEBBRAIO 2014 ULTIME NOVITÀ FISCALI ULTIME NOVITA FISCALI GESTIONE SEPARATA INPS: ALIQUOTE VE 2014 CIRCOLARE INPS N. 18 DEL FEBRRAIO 2014 DIFFERIMENTO AUTOLIQUIDAZIONE

Dettagli

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO FONDO SOSTEGNO AL REDDITO (In attuazione dell Accordo Territoriale del 2/7/2015) Art.1- Aspetti generali Il presente Regolamento

Dettagli

ALIQUOTE CONTRIBUTIVE IN VIGORE. - CONTRIBUTI OPERAI Pag. 2 Precisazioni contributi operai Pag. 3

ALIQUOTE CONTRIBUTIVE IN VIGORE. - CONTRIBUTI OPERAI Pag. 2 Precisazioni contributi operai Pag. 3 CASSA EDILE BRESCIA VIA DEI MILLE 18 25122 BRESCIA TEL. 030 289061 FAX 030 3756321 / 030 5030823 www.cassaedilebrescia.it ALIQUOTE CONTRIBUTIVE IN VIGORE - CONTRIBUTI OPERAI Pag. 2 Precisazioni contributi

Dettagli

Comune di Fiuggi Provincia di Frosinone

Comune di Fiuggi Provincia di Frosinone Comune di Fiuggi Provincia di Frosinone NUOVO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEGLI ASSEGNI DI STUDIO COMUNALI PER MERITO Per gli studenti delle scuole superiori Regolamento per l assegnazione degli Assegni

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

Roma, 03/03/2010. e, per conoscenza, Circolare n. 30

Roma, 03/03/2010. e, per conoscenza, Circolare n. 30 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V Erogazione di sussidi a fondo perduto per disagio economico a seguito di malattia, infortunio o decesso. Testo finale approvato C.I.G. Delibera n.56 del 16/12/2011

Dettagli

STATUTO Cassa Edile di mutualità ed assistenza della Provincia di Cagliari

STATUTO Cassa Edile di mutualità ed assistenza della Provincia di Cagliari STATUTO Cassa Edile di mutualità ed assistenza della Provincia di Cagliari 2 STATUTO CASSA EDILE DI MUTUALITÀ ED ASSISTENZA DELLA PROVINCIA DI CAGLIARI 3 INDICE Art. 1 COSTITUZIONE DELLA CASSA EDILE E

Dettagli

Assicurazione facoltativa d indennità giornaliera Secondo la Legge federale sull assicurazione malattie (LAMal)

Assicurazione facoltativa d indennità giornaliera Secondo la Legge federale sull assicurazione malattie (LAMal) Assicurazione facoltativa d indennità giornaliera Secondo la Legge federale sull assicurazione malattie (LAMal) Condizioni generali d assicurazione (CGA) Edizione gennaio 2009 (versione 2013) Ente assicurativo:

Dettagli