CidiuNotizie. Gruppo Cidiu. UNA SOCIETà PER L AMBIENTE SOMMARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CidiuNotizie. Gruppo Cidiu. UNA SOCIETà PER L AMBIENTE SOMMARIO"

Transcript

1 Gruppo Cidiu NUMERO UNICO MARZO 2011 CidiuNotizie Notiziario per i cittadini dei comuni di: Alpignano, Buttigliera, Coazze, Collegno, Druento, Giaveno, Grugliasco, Pianezza, Reano, Rivoli, Rosta, Sangano, San Gillio, Trana, Valgioie, Villarbasse UNA SOCIETà PER L AMBIENTE Il CIDIU spa, Centro Intercomunale di Igiene Urbana, è la società pubblica di proprietà dei Comuni soci che, sul territorio ad ovest di Torino, cura la gestione e lo smaltimento dei rifiuti. Per la realizzazione della propria mission aziendale CIDIU spa ha costituito un Gruppo che, oltre alla capogruppo, comprende: - CIDIU SERVIZI spa per la gestione di raccolta rifiuti e nettezza urbana, controllata al 100% - PUNTO AMBIENTE srl per la gestione della frazione organica attraverso la produzione di compost di qualità, controllata al 98%. I Comuni soci sono: Alpignano, Buttigliera Alta, Coazze, Collegno, Druento, Giaveno, Grugliasco, Pianezza, Reano, Rivoli, Rosta, Sangano, San Gillio, Trana, Valgioie e Villarbasse, con una popolazione servita di circa abitanti. L obiettivo primario dell azienda è la raccolta differenziata dei rifiuti, attestata ormai da alcuni anni a valori superiori al 50%. SOMMARIO La raccolta differenziata 2 I risultati della raccolta 4 Cosa diventano i rifiuti? 4 Raccolta sfalci in abbonamento 5 Ritiro potature su prenotazione 5 Come smaltire gli ingombranti 5 Una convenzione per le scuole 6 La raccolta degli occhiali usati 6 Gli impianti 7 Le aziende del Gruppo sul web 8 Sperimentazione cestelli areati 8 Città pulita, un impegno comune 9 Quando i rifiuti vengono abbandonati 9 Certificazione di qualità 9 Customer satisfaction Il servizio Numero Verde 12 CIDIU spa Centro Intercomunale di Igiene Urbana Sede e Direzione Generale Via Torino Collegno TO Tel Fax Numero Verde P.I./Registro Imprese Torino n REA n sito internet:

2 CidiuNotizie 2 L obiettivo della raccolta differenziata è quello di selezionare le diverse tipologie di materiali, in modo da consentire un migliore trattamento dei rifiuti ed un più efficace recupero di oggetti riutilizzabili, materiali riciclabili, rifiuti combustibili idonei alla termovalorizzazione, resti organici adatti al compostaggio. A tale scopo Cidiu SpA, attraverso la controllata Cidiu Servizi SpA, si avvale di sistemi distinti: quello domiciliare, quello stradale, gli ecocentri, i punti di raccolta, i servizi su chiamata. Il metodo di raccolta prevede una certa flessibilità, soprattutto in relazione alla conformazione del territorio e alla presenza di ampi agglomerati urbani. I contenitori a disposizione dei cittadini, domiciliari, stradali o interrati, sono quelli della carta, degli imballaggi in plastica, della raccolta congiunta vetro e lattine, dell organico e dell indifferenziato, ovvero il rifiuto residuo non riciclabile. I rifiuti che, per tipologia o per dimensioni, non entrano nei cassonetti devono essere conferiti presso i Centri di Raccolta comunali (Ecocentri). CARTA E CARTONE Carta, cartone e cartoncino devono essere separati accuratamente e non gettati insieme ai rifiuti. Un semplice gesto quotidiano che consente il loro recupero, perché possano tornare ad essere nuova carta, cartone e cartoncino NEL CASSONETTO: CARTA - Giornali, riviste, fumetti, dèpliant, pieghevoli pubblicitari, sacchetti del pane, sacchetti di carta con manici, fogli, poster, bugiardini dei farmaci. CARTONE E CARTONCINO - Imballaggi in cartone ondulato, contenitori in cartone, cartoni per bevande (es. Tetra Pak per latte, succhi di frutta, vino, panna) svuotati, sciacquati e appiattiti, astucci per la pasta, fascette di prodotti come conserve o yogurt, scatole di scarpe, scatole dei medicinali, del dentifricio, ecc. NO: carta sporca, plastificata, piatti di carta. La raccolta differenziata IMBALLAGGI IN PLASTICA ORGANICO Attraverso il riciclaggio la plastica da scarto diventa materia per realizzare nuovi manufatti. Gli imballaggi in plastica devono essere separati dagli altri oggetti in plastica, svuotati da eventuali residui del prodotto e schiacciati per ridurne il volume. NEL CASSONETTO: bottiglie d acqua, delle bibite, del latte e delle bevande in genere, flaconi di detersivi per la pulizia della casa e l igiene della persona, vaschette (anche di polistirolo), shopper, sacchetti per alimenti (patatine, pasta, caramelle, ecc.), pellicole per imballaggi, reti per frutta e verdura, vasi per vivaisti. NO: giocattoli e oggetti in plastica che non sono imballaggi, oggetti in gomma, piatti/bicchieri/posate in plastica, contenitori di prodotti pericolosi (colle, solventi, vernici, ecc.) Gli scarti organici se non vengono raccolti in modo differenziato perdono ogni utilità e creano difficoltà negli impianti di smaltimento. Al contrario, se vengono separati dagli altri rifiuti diventano una risorsa, grazie alla loro trasformazione in compost. Le impurità inserite nel contenitore dell organico, come ad esempio barattoli di alluminio o plastica, creano problemi nel processo di compostaggio e pregiudicano il funzionamento dell impianto e la qualità del compost. NEL CASSONETTO: avanzi di cibo, scarti di frutta e verdura, gusci d uova, pane raffermo, fondi di caffè, bustine di tè, piccoli ossi e cartilagini, fiori appassiti, carta scottex unta. NO: contenitori per alimenti, carta da forno, fogli di alluminio, posate, medicinali, pannolini, garze e cerotti, sigarette.

3 3 CidiuNotizie VETRO Riutilizzare il vetro usato permette di risparmiare sulla materia prima e di ridurre i consumi di energia del 25%. Senza contare che, contrariamente ad altri materiali, il vetro può essere riciclato più volte con ottimi risultati. NEL CASSONETTO: bottiglie, barattoli, flaconi e vasetti in vetro. NO: ceramica e porcellana, lampadine, neon, specchi, vetro retinato, vetro opale (boccette di profumo), cristallo, schermi di televisori o computer, pirex (vetroceramica), vetri di porte e finestre. Non è necessario eliminare le etichette o risciacquare i contenitori in vetro, ma è importanti che vengano svuotati completamente dai residui del contenuto. Anche un solo frammento di ceramica, che ha una temperatura di fusione diversa, può vanificare il processo di riciclo del vetro. LATTINE LEGNO Gli imballaggi in alluminio, acciaio, ferro e banda stagnata devono sempre essere considerati un prezioso materiale riciclabile e quindi non devono essere gettati nell indifferenziato o, peggio, abbandonati nell ambiente. NEL CASSONETTO: lattine per bevande, vaschette e fogli di alluminio, barattoli e scatolette per conserve alimentari (es. pelati, tonno, cibo per animali, caffè), fustini e latte per usi alimentari (es. olio vegetale), bombolette aerosol, capsule, coperchi e tappi a corona, bombolette spray (deodoranti, lacche, detergenti, panna). NO: barattoli e latte per vernici e solventi, pile e batterie, bombolette spray etichettate T/F. È sempre buona regola svuotare completamente i contenitori, poiché Il contenuto fermenta creando liquidi maleodoranti nei cassonetti. Nella maggior parte dei Centri di Raccolta (ecocentri) presenti sul territorio Cidiu i cittadini possono portare i rifiuti legnosi ingombranti e gli imballaggi in legno. Diversamente presso la sede Cidiu di Cascina Gaj in via Venaria 64 a Collegno è attivo un punto di raccolta convenzionato con il Consorzio Rilegno (info Numero Verde). COSA CONFERIRE: cassette per l ortofrutta, piccoli contenitori in legno, bancali, infissi, oggetti di arredo in legno, mobili rotti. I rifiuti legnosi, ridotti di volume nei punti di raccolta, vengono trasportati presso le grandi industrie dove vengono ridotti in piccole schegge dette chips. In particolare, il legno raccolto dal Cidiu viene inviato ad un pannellificio per la produzione di pannelli truciolari, che sono la base di una gran parte di mobili e arredi.

4 CidiuNotizie 4 I RISULTATI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA Nel territorio servito da Cidiu Servizi Spa il sistema di raccolta si è evoluto negli anni verso una raccolta differenziata sempre più spinta, attraverso diverse modalità e strategie: raccolta porta a porta di tre frazioni (carta, organico, indifferenziato), investimenti sui Centri di Raccolta (Ecocentri), introduzione di tecnologie avanzate, attenzione alla comunicazione verso l utente. I risultati riflettono i diversi momenti di intervento nel territorio, dai primi progetti del 2003 (Comunità Montana Val Sangone, Pianezza e Rosta), sino agli interventi nei comuni più grandi del (Collegno, Grugliasco, Rivoli). Dal 2007 il servizio è giunto a regime, con un risultato stabilizzatosi sul 55-56% di raccolta differenziata. Un altro obiettivo dell azienda è la riduzione dei rifiuti e in tal senso ha incentivato la pratica del compostaggio domestico per lo smaltimento della frazione organica (umido e verde), anche grazie al progressivo passaggio alla raccolta del verde solo su abbonamento a carico dell utente TONNELLATE RD E RSU IN DISCARICA % DI RACCOLTA DIFFERENZIATA ,3% 26,5% ,5% ,5% 50,9% 56,3% 58,0% 56,8% 55,7% RD RSU COSA DIVENTANO I RIFIUTI? Una raccolta differenziata di qualità è quella dove i materiali vengono divisi con cura e nei contenitori non vengono inseriti rifiuti diversi da quelli indicati. Una buona raccolta permette un riciclo ottimale dei materiali: con 800 lattine di alluminio può essere realizzata 1 bicicletta con 23 bottiglie in PET si può ottenere 1 cestino per la spesa con i residui organici possiamo ottenere del compost da usare in agricoltura e nel giardinaggio con 12 cassette e 3 pedane di legno si può realizzare 1 culla E la carta diventa carta riciclata, il cartone torna cartone, il vetro dà nuovo vetro Un ciclo positivo che permette di risparmiare materie prime ed energia.

5 5 CidiuNotizie RACCOLTA SFALCI IN ABBONAMENTO Abbonamento annuale Frequenza settimanale da aprile a novembre e mensile da dicembre a marzo Costo 110 IVA inclusa a cassonetto da 240 litri Comprende un ritiro gratuito all anno di grandi quantitativi (max 5 mc) Abbonamento ridotto Frequenza quindicinale da aprile a novembre Costo 55 IVA inclusa a cassonetto da 240 litri Il modulo di sottoscrizione può essere ritirato presso la reception Cidiu di via Torino 9 a Collegno o scaricato dal sito COME SMALTIRE GLI INGOMBRANTI Sono considerati rifiuti ingombranti i mobili, gli elettrodomestici, i sanitari, le reti e i materassi, le lastre di vetro, le damigiane e gli altri oggetti che, per tipologia o dimensioni, non possono essere inseriti nei cassonetti. Questi rifiuti possono essere portati gratuitamente presso i Centri di Raccolta (Ecocentri), di cui ogni Comune è dotato. RITIRO POTATURE SU PRENOTAZIONE è attivo un servizio su prenotazione di ramaglie per tutti i Comuni serviti da Cidiu (per un max di 5 mc) Il costo a presa è di 30 IVA inclusa. PRENOTA il tuo ritiro telefonando al numero verde Cidiu Per chi non ha la possibilità di portare personalmente gli ingombranti all Ecocentro, in alcuni Comuni è stato attivato un servizio di raccolta a domicilio (a livello stradale), previo appuntamento telefonico al numero verde Cidiu Il servizio viene effettuato con un mezzo tipo ragno. Il luogo del ritiro deve essere accessibile al mezzo. Il servizio prevede il sopralluogo di un nostro incaricato per la verifica dell accessibilità. Il pagamento deve avvenire prima del servizio. COSA CHIEDIAMO AI CITTADINI: di non abbandonare i rifiuti ingombranti presso i cassonetti o in altro luogo pubblico di attenersi alle direttive impartite dall operatore del numero verde al momento della prenotazione di segnalare la presenza di rifiuti abbandonati o discariche abusive.

6 CidiuNotizie 6 UNA CONVENZIONE PER LE SCUOLE CIDIU S.p.A. ha stipulato una convenzione con il Museo A come Ambiente per il triennio 2009/2012, che permette alle scuole del proprio territorio di usufruire dell offerta didattica del Museo a costo di ingresso ridotto. L offerta è rivolta alle classi della scuola primaria, alle tre classi della scuola media inferiore e ai centri estivi. Il Museo A come Ambiente propone visite tematiche ai suoi tre piani con percorsi interamente interattivi e multimediali. La visita guidata dura un ora e mezza ed è integrabile con un laboratorio scientifico o di manualità creativa a tema. La sezione dedicata ai rifiuti è un percorso che permette ai ragazzi di scoprire le tante sfaccettature del tema e di approfondire i materiali, le raccolte differenziate, gli smaltimenti, i consumi, gli imballaggi, le discariche, il compost, la biodegradabilità, i nuovi materiali ecologici, le produzioni del riciclaggio, i cicli di vita dei prodotti, le buone pratiche di riuso, i marchi ecologici, i cicli produttivi, i termovalorizzatori, le isole LA RACCOLTA DEGLI OCCHIALI USATI Prosegue l impegno del CIDIU per la raccolta degli occhiali usati, grazie all accordo con i Lions attivato nel I cittadini possono conferire direttamente alla sede Cidiu di via Torino 9 a Collegno o presso lo stand dell azienda allestito in occasione di fiere e rassegne cittadine. Dall inizio dell accordo, sono oltre 600 gli occhiali usati raccolti, anche grazie all impegno di alcuni Comuni e gruppi di Ecovolontari, che sono stati consegnati al Centro Italiano Lions per la Raccolta degli Occhiali Usati di Chivasso. ecologiche e molto altro. I beneficiari potranno anche usufruire di un accordo siglato tra il Museo e GTT per il tragitto scuola-museo a costi del trasporto pubblico e agli insegnanti interessati è offerta l opportunità di visitare gratuitamente il Museo, prima di portarvi la classe. In base alla convenzione stipulata con il Cidiu, l Associazione A come Ambiente si impegna ad effettuare una riduzione per la realizzazione delle seguenti iniziative, richieste dai Comuni soci Cidiu: - Info Container sull impronta ecologica e sull energia: riduzione del costo di noleggio da 350 a 250 (+ iva) - Corsi di formazione per insegnanti sulla didattica ambientale: riduzione da a (+ iva) - Attività didattiche presso le scuole (laboratori scientifici e di manualità): costi da definire a seconda del progetto - Animazioni di piazza in occasione di feste/manifestazioni (laboratori creativi, artisti, exhibit e giochi tematici): costi da definire a seconda del progetto Per informazioni e prenotazioni: Museo A come Ambiente, c.so Umbria 84/90, Torino - tel

7 7 CidiuNotizie GLI IMPIANTI Il CIDIU è titolare dell autorizzazione della discarica controllata per rifiuti non pericolosi sita in regione Cassagna, nel territorio del comune di Pianezza. La discarica accoglie i rifiuti provenienti dal territorio del CIDIU e dalla Città di Torino. Inoltre, l azienda cura tutte le fasi della gestione post chiusura delle ex discariche di Bruere (Alpignano) e di Cascina Gaj (Collegno), quest ultima dismessa nel Oltre alla discarica, gestisce un impianto di compostaggio della frazione verde proveniente dalla raccolta differenziata, una piattaforma di messa in riserva del legno e un impianto per la messa in riserva del vetro. La discarica controllata per rifiuti non pericolosi Si trova in strada Cassagna nel territorio del comune di Pianezza. È stata attivata nel settembre 1993 e la sua chiusura è prevista per il Occupa una superficie di circa mq ed ha una capacità complessiva di mc. Nel 2010 vi sono state smaltite t di rifiuti solidi urbani, t di rifiuti solidi assimilati, scarti di impianti di trattamento di rifiuti urbani, t di vaglio/fanghi di depurazione. Sempre nello stesso anno sono stati prodotti mc di percolato, estratti Nmc di biogas e prodotti KWh di energia elettrica. Il sito dell ex discarica di Cascina Gaj, situato in via Venaria 64 a Collegno, è stato recuperato e valorizzato con progetti mirati. Oggi rappresenta la principale unità operativa di Cidiu Servizi, con deposito automezzi, palazzina uffici e spogliatoi, officina meccanica, laboratorio per la preparazione e l applicazione di trasponder ai cassonetti, oltre che impianti di trattamento del verde e di messa in riserva di legno e vetro. L impianto di compostaggio del verde È stato attivato nel giugno del 1998 ed ha una capacità complessiva di t/anno di compostaggio oltre t/ anno di messa in riserva. Vengono trattati i residui derivanti da sfalci e potature (raccolta differenziata e manutenzione del verde pubblico e privato). Il prodotto è un ammendante compostato vegetale (D.Lgs. 75/2010) commercializzato in ambito florovivaistico e nella manutenzione del verde. Nel 2005 il compost ha ottenuto il Marchio Compost di Qualità del Consorzio italiano Compostatori. L impianto di messa in riserva del legno È stato attivato nel maggio 2005 e ha una capacità di t/anno. Tratta scarti di legno e sughero, imballaggi in legno derivanti da attività produttive, di servizio o di consumo relative a: industria edile, raccolta differenziata, attività industriali, commerciali, agricole e di servizio, attività di demolizione. Il legno è destinato a impianti di recupero (pannellifici). L impianto è una piattaforma convenzionata Rilegno. L impianto di messa in riserva del vetro È stato attivato nel giugno 2009 e ha una capacità di t/anno. Vengono trattati imballaggi in vetro provenienti dalla raccolta differenziata. Il vetro è poi destinato a impianti di recupero. L impianto di compostaggio Punto Ambiente L impianto Punto Ambiente, attivo dall ottobre 2009, sorge nel territorio del Comune di Druento. L impianto tratta il rifiuto organico differenziato prodotto dai cittadini che, miscelato con scarti della lavorazione del verde, viene convertito in compost di qualità (ammendante compostato misto), da utilizzare in agricoltura, nel ripristino ambientale e nel florovivaismo. Punto Ambiente è progettato per una capacità di trattamento di t/ anno di rifiuto organico proveniente dalla raccolta differenziata e t/anno di scarti della lavorazione del verde, da cui saranno prodotte t di ammendante compostato misto. Impianto di compostaggio di Cascina Gaj Condotti del biogas alla discarica di Cassagna Impianto di compostaggio di Punto Ambiente

8 CidiuNotizie 8 LE AZIENDE DEL GRUPPO SUL WEB Tutte le notizie sulla società capogruppo e le sue attività I servizi e le modalità di raccolta Comune per Comune Le info sull impianto di compostaggio e il compost prodotto SPERIMENTAZIONE CESTELLI AREATI Nel mese di novembre 2010, Al termine della sperimentazione ai con la collaborazione di circa cittadini è stato chiesto di compilare famiglie dei Comuni di un questionario per verificare il Alpignano, Collegno, Druento gradimento di questo sistema. I Grugliasco e Rivoli, è stata risultati, al momento della redazione attivata la sperimentazione di di questo giornalino, sono in fase di un particolare sistema per la elaborazione e verranno pubblicati raccolta differenziata del rifiuto quanti prima sul sito internet www. umido, con l utilizzo di un cestello cidiu.to.it. Sicuramente positiva areato da usare con sacchetti di carta o in Mater-bi che, rispetto al bidoncino sottolavello chiuso, garantisce un continuo passaggio di aria. L aria favorisce il processo di compostaggio, consente una maggiore evaporazione dei liquidi e riduce i cattivi odori. la risposta dei cittadini in termini di partecipazione, sia di chi ha gradito il sistema, e non tornerebbe indietro, sia di chi lo ha giudicato in modo molto negativo e poco pratico. Il materiale informativo realizzato per l occasione conteneva consigli pratici per l utilizzo del cestello areato e per fare correttamente la raccolta dell umido. Determinante per la riuscita dell iniziativa è stato l apporto dei gruppi di Ecovolontari.

9 9 CidiuNotizie Città pulita Un impegno comune Il desiderio di vivere in una città pulita richiede un impegno comune, che mette insieme il lavoro di chi pulisce (Cidiu Servizi per conto del Comune) con quello di chi, rispettando le regole, non sporca (il cittadino). Ecco le buone abitudini che tutti noi possiamo adottare, per garantire una città più pulita e una qualità della vita migliore. Gettare i rifiuti in sacchetti sigillati e non abbandonarli vicino ai cassonetti Non abbandonare dove capita i rifiuti ingombranti, ma utilizzare l Ecocentro cittadino oppure telefonare al Numero Verde Cidiu Differenziare correttamente i rifiuti Ricordarsi di portare sempre paletta e sacchetto quando si porta a spasso il cane Evitare atti vandalici ai contenitori ed ai segnali Evitare di gettare a terra cartacce, lattine, mozziconi di sigarette ed altri rifiuti anziché depositarli nei cestini di arredo urbano sparsi per tutto il territorio. Certificazione di qualità Dal 2004 CIDIU è certificato con il sistema UNI EN ISO 9001, in grado di attestare l effettiva rispondenza dei servizi offerti agli standard europei e mondiali (certificato Icim n. 2957). La società controllata CIDIU Servizi, responsabile della realizzazione dei servizi di raccolta su tutto il territorio, è stata certificata, sempre con il sistema UNI EN ISO 9001, nel 2010 e le è stato attribuito il certificato n dalla Icim spa. QUANDO I RIFIUTI VENGONO ABBANDONATI Che si tratti di rifiuti ingombranti o di sacchetti dell immondizia lasciati a fianco dei cassonetti oppure sui cigli delle strade, il fenomeno degli abbandoni sul suolo pubblico è motivo di degrado ambientale, di gravi danni alla natura e di costi che ricadono sul bilancio dei Comuni e quindi sulle tasche dei cittadini. Se è riprovevole l imprenditore che, per una politica di risparmio, abbandona i rifiuti sul territorio, anche buttare a terra le lattine vuote, il sacchetto delle patatine, la carta delle caramelle è un gesto che denota inciviltà e scarso rispetto della cosa pubblica. L abbandono di rifiuti è un reato. Se non si vuole incorrere nelle sanzioni previste dal D.Lgs. 152/2006 e dai regolamenti comunali, occorre rispettare le regole e informarsi sulle possibilità di smaltimento esistenti nel proprio Comune. A tale scopo una telefonata al Numero Verde del CIDIU può togliervi la maggior parte dei dubbi.

10

11

12 CidiuNotizie 12 L INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION 2010 Quanto è soddisfatto dei servizi erogati nel suo Comune? Nel mese di novembre 2010 la società Quaeris srl ha condotto un indagine di customer satisfaction che ha interessato tutti i Comuni serviti dal Cidiu ed ha sondato il parere dei cittadini in merito a: - Conoscenza e gradimento del gestore del servizio - Raccolta differenziata domiciliare - Raccolta differenziata stradale - Servizio di raccolta sfalci - Decoro del personale - Ecocentri - Sito internet e numero verde - Dubbi sulla separazione dei materiali - Conoscenza delle sanzioni Il questionario, strutturato con sistema CATI (computer assisted telephone interview), è stato somministrato telefonicamente a 1234 utenti. Si tratta della terza indagine generale (con questo termine si intende su tutti i Comuni ) dopo quelle del 2004 e del Dalla lettura dei dati si evidenzia una sostanziale soddisfazione degli utenti in linea con il trend dell Italia del Nord-ovest. Alla domanda relativa al livello di soddisfazione generale sui servizi erogati ben il 93,5% degli intervistati si è dichiarato soddisfatto. TELEFONATE RICEVUTE DAGLI OPERATORI IL SERVIZIO DEL NUMERO VERDE NEL VERDE 2010 VILLARBASSE VALGIOIE TRANA SANGANO SAN GILLIO ROSTA RIVOLI REANO PIANEZZA GRUGLIASCO GIAVENO DRUENTO COLLEGNO COAZZE BUTTIGLIERA ALTA ALPIGNANO 0,62% 0,05% 1,78% 1,65% 0,27% 1,5% 26,45% 1,1% 4,44% 16,37% 3,44% 1,87% 29,41% 1,35%7 1,92% 7,8% Il Numero Verde del CIDIU è a disposizione dei cittadini per ogni informazione relativa ai servizi. È attivo nei seguenti orari: dal lunedì al giovedì il venerdì Sono state oltre le telefonate a cui hanno risposto gli operatori del Cidiu nel Il grafico a fianco ne evidenzia la provvenienza. La pubblicazione di questo notiziario è stata possibile grazie al contributo degli sponsor. Redazione, testi e supervisione a cura dell Ufficio Comunicazione Cidiu

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como

Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como Guida alla nuova raccolta differenziata per la città di Como www.apricaspa.it www.comune.como.it COMUNE DI COMO 1 2 Indice Insieme verso il 6 5% di raccolta differenziata pag. 4 Perché fare la raccolta

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie

Dividere i rifiuti. bidone giallo Caritas. centro di raccolta. assorbenti igienici. audio e video cassette e custodie Dividere i rifiuti A TIPOLOGIA RIFIUTO abiti accendino accumulatori acidi alcool denaturato alcool etilico alluminio contenitori alluminio oggetti di grandi dimensioni amianto ampolle anticrittogamici

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

ESAMI DEL SANGUE GIORNI DEI PRELIEVI DISTRETTO SEDE MODALITÀ

ESAMI DEL SANGUE GIORNI DEI PRELIEVI DISTRETTO SEDE MODALITÀ ESAMI DEL SANGUE Per sottoporsi agli esami del sangue non è in genere necessaria la prenotazione (salvo dove diversamente indicato). Per eseguire gli esami è possibile recarsi, con la ricetta del medico

Dettagli

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014

Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 Dove lo butto? Elenco materiali aggiornato a dicembre 2014 OGGETTO Abbigliamento Abiti Accendini Accumulatori Acetone Acquaragia Adesivi chimici Agende di carta e/o cartoncino Albero di Natale vivo Alimentatori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie

La Regione Piemonte e la politica europea: gli indirizzi locali per il rispetto delle direttive comunitarie Il trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani: sfide locali e globali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - La Regione Piemonte e la politica europea:

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI

LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO: DAI CASSONETTI STRADALI, AL PORTA A PORTA, ALLA TARIFFA TARI via Belenzani, 18 I 38122 Trento tel. 0461 884935 I fax 0461 884940 servizio_ambiente@comune.trento.it Orario di apertura al pubblico: da lun. a ven. 8. 30-12 LA RACCOLTA DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI TRENTO:

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO

PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO REGIONE UMBRIA PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI: PROGRAMMA DI PREVENZIONE E RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI E PRIME MISURE PER LA PREPARAZIONE AL RIUTILIZZO 1 INDICE 1. Introduzione: importanza

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Le opportunità e le criticità del sistema compost in Italia

Le opportunità e le criticità del sistema compost in Italia Le opportunità e le criticità del sistema compost in Italia Massimo Centemero CONSORZIO ITALIANO COMPOSTATORI Fondazione per lo svilupp sosteni Roma, 17 giugno 2009 - FOCAL POINTS LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Il trattamento completo che la tua Azienda merita

Il trattamento completo che la tua Azienda merita Il trattamento completo che la tua Azienda merita Chi siamo Omnia è un Consorzio il cui Management è formato da professionisti dalla consolidata esperienza nel campo della fornitura dei servizi alle aziende;

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente guida al compostaggio più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente Ho in testa una gran bella idea: Brescia più bella, più sana, più pulita. Un obiettivo possibile, adottando semplicemente

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re.

Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re. Progetto Life Mo.Re.&Mo.Re. STRUMENTI PRATICI PER UNA VIRTUOSA ED EFFICACE GESTIONE DEI RIFIUTI PREMESSA Il Mo.Re.&Mo.Re., progetto europeo LIFE+, cofinanziato dalla regione Lazio ed iniziato nel Gennaio

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

CAPANNORI VERSO RIFIUTI ZERO AL 2020 MARZO 2011. Comune di Capannori 1

CAPANNORI VERSO RIFIUTI ZERO AL 2020 MARZO 2011. Comune di Capannori 1 CAPANNORI VERSO RIFIUTI ZERO AL 2020 MARZO 2011 Comune di Capannori 1 INTRODUZIONE GENERALE Capannori, 46.000 abitanti in Provincia di Lucca, è stato il primo Comune in Italia ad aver aderito alla Strategia

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

UNO SVILUPPO SOSTENIBILE PER I RIFIUTI URBANI

UNO SVILUPPO SOSTENIBILE PER I RIFIUTI URBANI Liceo di Lugano 2 Lavoro di maturità interdisciplinare in Economia e Diritto e in Geografia (2003) Da Rio a Johannesburg: lo sviluppo sostenibile UNO SVILUPPO SOSTENIBILE PER I RIFIUTI URBANI Alessia Salmina

Dettagli

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti

ilmondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti il mondo Impariamo insieme cosa sono i rifiuti e come si possono riciclare e smaltire dei Rifiuti Lo Sviluppo Sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri

Dettagli

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI IT- Settore Tecnologico - B. FOCACCIA Salerno Piano dell Offerta Formativa 2011/2012 Presentazione del Progetto: DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI Referente Prof. Anna Maria Madaio Cosa

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5

1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 Sommario 1. QUADRO ECONOMICO... 2 2. ELENCO DEI PREZZI UNITARI... 4 3. ANALISI DEI PREZZI... 5 1 1. QUADRO ECONOMICO In base al computo metrico dei servizi si è desunto un costo complessivo del servizio

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News 1 di 9 1/30/2009 4:47 PM Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News ITALIA, DOVE MUOIONO I PC E I CELLULARI OBSOLETI Quando gli italiani

Dettagli

Con il contributo dello strumento finanziario LIFE dell Unione europea LOWASTE. local waste market for second life products LAYMAN S REPORT

Con il contributo dello strumento finanziario LIFE dell Unione europea LOWASTE. local waste market for second life products LAYMAN S REPORT Con il contributo dello strumento finanziario LIFE dell Unione europea LOWASTE local waste market for second life products LAYMAN S REPORT INDICE LOWaste... Il progetto in 4 step... I numeri di LOWaste...

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

PROGETTO DI SENSIBILIZZAZIONE

PROGETTO DI SENSIBILIZZAZIONE Logo Provincia Logo Provincia Rifiuti PROGETTO DI SENSIBILIZZAZIONE Anno scolastico 2001/2002 in collaborazione con Consorzio Smaltimento rifiuti Ciriè Via Don Lorenzo Giordano, 21 10073 Ciriè (TO) Tel.

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Deliberazione n. 105

Deliberazione n. 105 Protocollo RC n. 856/03! Anno 2005 VERBALE N. 32 Deliberazione n. 105 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta Pubblica del 12 maggio 2005 Presidenza: MANNINO - CIRINNA' L

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

I clienti scappano dai vostri bagni? Bio-Active risolve.

I clienti scappano dai vostri bagni? Bio-Active risolve. I clienti scappano dai vostri bagni? Bio-Active risolve. Bio-Active è la prima carta igienica biologicamente attiva. 0 TEMPO ZERO Fossa biologica TEMPO 1 Pozzetto d ispezione con collegamento alla rete

Dettagli

REPORT DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI RI- PRODOTTI

REPORT DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI RI- PRODOTTI REPORT DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DEI RI- PRODOTTI Progetto LOWaste LIFE+ ENV/IT/000373 Deliverable N 20 Monitoring of second life products quality Report Action C2 Con il contributo di Deliverable

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO LA TUA VISITA A Expo Milano 2015: ISTRUZIONI PER L USO I BIGLIETTI SCUOLA I biglietti scuola, nella modalità biglietto singolo, hanno un costo di 10 per ogni studente e sono riservati ai gruppi scolastici

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli