CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PRATICA FORENSE PREMESSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PRATICA FORENSE PREMESSA"

Transcript

1 CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PRATICA FORENSE PREMESSA L accesso alla professione di avvocato è riservato ai laureati in giurisprudenza (ad eccezione del titolo triennale) che abbiano: 1. conseguito l attestato di compiuta pratica rilasciato dal Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Nola (d ora in poi COA ); 2. superato l esame di Stato previsto dalle vigenti disposizioni; 3. siano stati ammessi all iscrizione nell Albo degli Avvocati. SEZIONE I LA PRATICA FORENSE CAPO I - IL REGISTRO DEI PRATICANTI. ART. 1. L iscrizione. Il COA tiene ed aggiorna il Registro dei Praticanti al quale delibera l iscrizione dei praticanti che ne fanno richiesta, entro 30 giorni dalla presentazione della relativa domanda, previa verifica dei titoli e dei requisiti di legge. Possono esser iscritti i praticanti aventi la residenza nell ambito del Circondario del Tribunale di Nola o il domicilio presso un Avvocato iscritto nel Distretto della Corte di Appello di Napoli. L iscrizione al registro dei praticanti comporta l automatica iscrizione alla Scuola Forense. Il COA: - dispone e nega, previa audizione dell interessato, l iscrizione; - vigila sull esercizio della pratica; - applica le sanzioni disciplinari. Il praticante, all atto dell iscrizione, è tenuto a corrispondere una tassa, da rinnovarsi annualmente e: - riceve una copia del presente Regolamento; - il libretto per la documentazione delle attività; - una casella pec; - il tesserino attestante l iscrizione al Registro dei Praticanti ed alla Scuola Forense abilitato per la registrazione dei crediti formativi. ART. 2. REQUISITI PER L ISCRIZIONE. L iscrizione nel Registro dei praticanti è subordinata al possesso del diploma di laurea in giurisprudenza (ad eccezione di quella triennale) ed agli ulteriori requisiti stabiliti dalle vigenti disposizioni di legge e regolamenti. La domanda deve contenere l indicazione dello studio professionale che il praticante intende frequentare e l accettazione da parte dell avvocato che assume il compito di dominus (d ora in avanti, Formatore ). Il Formatore deve essere iscritto all albo, di uno qualsiasi dei COA del distretto della Corte di Appello di Napoli, da almeno cinque anni e non deve essere stato colpito dalla sanzione disciplinare della cancellazione oppure della sospensione negli ultimi cinque anni o della censura nell ultimo anno. L avvocato in possesso dei requisiti richiesti può espletare la funzione di Formatore per non oltre tre praticanti contemporaneamente, salvo diversa autorizzazione del COA che accerti, alla luce della particolare organizzazione dello studio professionale, la concreta possibilità di seguire un numero maggiore di discenti. ART. 3. INCOMPATIBILITÀ. Al praticante si applicano le incompatibilità già previste per l Avvocato. L iscrizione nel Registro dei Praticanti e lo svolgimento della pratica forense è incompatibile con l iscrizione presso altri Albi e registri e lo svolgimento del praticantato di altre professioni secondo le vigenti disposizioni normative. Il praticante, se lavoratore dipendente, deve rendere nota al COA detta sua qualità e dimostrare la compatibilità del suo impiego con l effettivo e proficuo svolgimento della pratica forense. CAPO II - LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA: IN GENERALE. ART. 4. Scopi, Documentazione e durata. La pratica forense consiste nell apprendimento, esercitazioni ed addestramento finalizzate all acquisizione della capacità necessaria a svolgere autonomamente la professione forense. 1

2 Essa deve essere svolta con continuità, diligenza, dignità, lealtà e riservatezza, secondo le modalità disciplinate dal presente Regolamento. Lo svolgimento della pratica è documentato nel Libretto della pratica. Esso deve essere: - consegnato all atto dell iscrizione al Registro dei Praticanti; - annotato dal praticante con la indicazione di tutte le attività teorico-pratiche svolte; - presentato presso la segreteria dell Ordine alla scadenza di ciascun semestre. Lo svolgimento della pratica dura per 3 semestri: - il primo può essere effettuato anche presso l Università, dal laureando in Giurisprudenza; - al completamento del secondo il praticante è consentito il conseguimento dell abilitazione professionale; - al completamento del terzo è consentito il conseguimento del certificato di compiuta pratica. ART. 5. Contenuti. La pratica forense si articola in quattro distinte attività : a) la frequenza di uno studio professionale; b) la partecipazione alle udienze; c) la compilazione del libretto di pratica; d) la frequenza dei corsi della Scuola Forense e l obbligo del conseguimento di almeno 25 crediti formativi (di cui almeno 5 nelle discipline della Deontologia, Previdenza ed Ordinamento Forense) per ciascun anno, a decorrere dall iscrizione dnel Registro dei Praticanti. CAPO III - LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA: LA FREQUENZA DELLO STUDIO PROFESSIONALE. Art. 6. Frequenza studio professionale Il praticante è tenuto a frequentare proficuamente lo studio professionale prescelto all atto dell iscrizione al registro e dovrà, sotto la costante guida del Formatore, sviluppare le abilità per l esercizio in via autonoma della professione. La frequenza dello Studio può essere sostituita, per un periodo non superiore ad un anno, dalla frequenza di uno dei corsi post-universitari previsti dall'art. 18 del R.D.L n. 1578/1933, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 36/1934 e disciplinati a norma dell'art. 2. Art. 7. I doveri del Formatore Il Formatore ha il dovere di: - istruire e preparare il praticante all esercizio della professione curando in particolare l acquisizione dei principi della deontologia forense; - vigilare sulla proficua frequenza del proprio discente ai corsi della Scuola Forense e, in genere, agli eventi accreditati dal COA; - rilasciare l attestazione di inizio della pratica solo contestualmente all inizio della frequentazione dello Studio e l attestazione semestrale e finale di compiuta pratica solo all esito dell effettiva e proficua frequenza delle attività dello studio professionale e di quelle equiparate e dell accertata veridicità delle indicazioni contenute nel Libretto del praticante; - segnalare al COA le interruzioni e/o le sospensioni della pratica o il trasferimento del praticante ad altro studio; - fornire al COA tutte le informazioni richieste in relazione alla pratica forense del proprio discente e presenziare ai colloqui statuiti dal COA, anche a campione, in occasione della presentazione semestrale del Libretto da parte del praticante; - rimborsare il praticante delle spese sostenute nell interesse dello Studio. Art. 8. I doveri del praticante. Il praticante ha il dovere di: - svolgere il periodo di pratica con continuità, diligenza, dignità, lealtà e riservatezza secondo le norme previste dal codice deontologico; - frequentare assiduamente lo Studio del Formatore e partecipare proficuamente alle udienze secondo quanto previsto dalla legge e dal presente Regolamento; - partecipare ai corsi formativi organizzati dalla Scuola Forense o ad eventuali altri corsi di formazione accreditati dal COA; - compilare diligentemente e veritieramente il libretto della pratica secondo le modalità previste dal presente regolamento. CAPO IV - LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA: LA PARTECIPAZIONE ALLE UDIENZE. Art. 9. La partecipazione alle udienze. Il praticante è tenuto a partecipare, in ciascun semestre, ad un minimo di trenta udienze innanzi ad Autorità Giudiziarie (escluse quelle di mero rinvio) metà delle quali necessariamente innanzi al Tribunale e/o innanzi alla Corte d Appello. 2

3 E computata la partecipazione anche alle udienze del Tribunale di Nola e della Corte di Appello di Napoli in cui non siano trattati procedimenti patrocinati dal Formatore. Non possono essere computate più di due udienze per giorno. Art. 10. Le forme alternative e/o integrative della partecipazione alle udienze. Per i praticanti ammessi ad effettuare il tirocinio di assistenza presso i giudici, i cancellieri e gli enti pubblici, il numero di udienze richieste è ridotto, per ogni mese di tirocinio, di 5 udienze. Tali attività sono disciplinate da appositi protocolli bilaterali stipulati dal COA. Sono esonerati dalla partecipazione alle udienze i laureandi in Giurisporudenza che svolgono il primo semestre di pratica presso l Università. CAPO V - LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA: LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO DI PRATICA. Art. 11. Compilazione del libretto Il libretto deve dar conto del compiuto svolgimento della pratica nei termini sopra indicati quanto allo scopo ed ai contenuti. Il libretto dev essere compilato in ogni sua parte, con l indicazione: a) degli atti giudiziali, del loro oggetto e delle attività stragiudiziali alle quali il praticante abbia preso parte; b) delle questioni giuridiche di maggior interesse alla cui trattazione il praticante abbia assistito o collaborato; c) delle udienze (di cui devono essere annotati i riferimenti a data, A.G., numero di procedimento e quant altro utile alla individuazione del procedimento trattato) con l allegazione dei relativi verbali o di certificazione ad essi equipollenti. Il Praticante può attestare la presenza alle udienze, indicata nel relativo verbale, a mezzo di autocertificazione rilasciata al Consiglio dell Ordine in allegato al libretto, ai sensi dell art.46 D.P.R. 445/2000. Il Consiglio effettuerà, a campione, il controllo sulla verità del contenuto delle autocertificazioni rese. d) della proficua frequenza agli eventi formativi e dell acquisito numero di crediti richiesto dal presente regolamento. e) dell essere in regola con il pagamento della tassa di iscrizione al Registro. Art. 12. Obbligo di presentazione del libretto Il Praticante deve presentare il libretto della pratica al COA entro venti giorni dalla scadenza di ogni semestre onde consentire la verifica del corretto svolgimento della pratica forense. La compilazione del libretto, in ogni sua parte, dev essere convalidata dal Formatore che, con la propria sottoscrizione (autenticata da un consigliere del COA presso il cui Albo è iscritto il Formatore), attesta la veridicità di tutte le annotazioni in esso contenute. In caso di: - mancata presentazione del libretto, - sua compilazione mancante anche solo parzialmente; - indicazioni non veritiere o comunque risocntrate violazioni della regolarità della pratica, il COA dichiara sospesa la pratica ai sensi dell art. 30 di codesto Regolamento. CAPO VI - LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA: IL CONSEGUIMENTO DEI CREDITI FORMATIVI. Art. 13. Obbligo di Formazione. Il praticante è tenuto alla propria formazione iniziale e continua frequentando proficuamente gli eventi formativi indetti dalla Scuola Forense (la cui frequenza costituisce integrazione della pratica forense ai sensi dell'art. 1 IV del DPR n. 101 del 10 aprile 1990) e quelli accreditati dal COA. Il praticante deve conseguire almeno 25 crediti (di cui 5 nelle discipline di Deontologia, Previdenza e Ordinamento Forense) per ciascun anno, decorrente dall iscrizione al Registro praticanti. All esito della compiuta pratica, il praticante è tenuto, senza soluzione di continuità, alla formazione continua, la cui decorrenza coincide con l anno solare. Art. 14. Obbligo di informazione. Il praticante è tenuto ad informarsi sugli eventi necessari per la sua formazione. A tal fine è tenuto a mantenere operativo l indirizzo di posta certificata (pec) attribuitogli dal COA all atto dell iscrizione al Registro dei praticanti e ad informarsi presso la Scuola Forense ed il COA di tutte le iniziative formative. Art. 15. Registrazione dei crediti. La frequenza agli eventi formativi attribuisce un credito formativo (unità di misura della formazione) per ogni ora di effettiva partecipazione con il limite massimo di 24 crediti per la frequenza ad ogni singolo evento formativo. La partecipazione agli eventi della Scuola Forense o accreditati dal COA dev essere rilevata attraverso il tesserino rilasciato dal COA. La registrazione dei crediti deve essere effettuata dal COA che può delegarla alla Scuola Forense. 3

4 La registrazione è subordinata alla prenotazione sulla piattaforma informatica. La mancata partecipazione all evento prenotato, senza un giustificato motivo comunicato per iscritto entro 5 giorni dall evento, comporta la disabilitazione della facoltà di prenotazione per i 20 giorni successivi all evento; la mancata partecipazione reiterata entro i 6 mesi dalla prima che abbia determinato la disabilitazione comporta la segnalazione al competente Organo di Disciplina. Art. 16. Registrazione dei crediti relativi agli eventi formativi accreditati dal COA. Il COA, nel corso della prima seduta dei mesi di gennaio, aprile, luglio ed ottobre, delibera sulle richieste avanzate da associazioni e soggetti abilitati alla organizzazione di eventi formativi di provata qualità onde armonizzare tali offerte formative con la pianificazione elaborata dalla Scuola Forense e provvedere, per la presenza a tali eventi, di quanto necessario per la registrazione dei crediti. Il criterio di rilevazione delle presenze e di registrazione dei crediti degli eventi organizzati da soggetti diversi dalla Scuola Forense deve essere rigorosamente equivalente, anche nei controlli, a quello adottato dalla Scuola. Il COA vigilerà sulla rispondenza degli eventi formativi agli standard qualitativi perseguiti dalla Scuola Forense e, a tal fine, richiederà e reperirà, anche attraverso la Scuola Forense, tutte le informazioni necessarie. Art. 17. Verifiche iniziali, periodiche e finali del corretto assolvimento dell obbligo di formazione. Al fine di verificare il corretto assolvimento dell obbligo di formazione, in occasione della presentazione semestrale del libretto ai sensi dell art. 12 del presente Regolamento, il COA può sottoporre i praticanti, anche a campione, a prove (mediante colloqui, esercitazioni scritte, quiz a risposta multipla) anche delegando la Scuola Forense. Art. 18. Corsi di approfondimento e periodi di pratica presso altri Stati. Il Praticante che, con il consenso e sotto la responsabilità del Formatore, intenda partecipare per periodi limitati a corsi di approfondimento in altri Stati o svolgere una parte limitata della pratica presso studi di Avvocati comunitari o extracomunitari, dovrà chiedere preventivamente l assenso del COA ed attenersi alle modalità indicate dal Consiglio caso per caso. Alla fine del periodo autorizzato il Praticante dovrà depositare una dettagliata relazione del lavoro svolto presso lo studio legale estero controfirmata dal Collega straniero. SEZIONE II L ABILITAZIONE PROFESSIONALE Art. 22. Conseguimento dell abilitazione al patrocinio legale Il Praticante, al termine del primo anno di pratica, può conseguire l abilitazione al patrocinio legale con richiesta al COA a cui devono allegarsi: - la dichiarazione di non versare in condizioni di incompatibilità con l esercizio della professione forense; - il Libretto di pratica compilato ai sensi dell art.12; - la Relazione del Formatore sul contenuto della pratica svolta e sul profitto che il Praticante ne ha tratto. Il COA convoca, anche a campione, il praticante per un colloquio avente ad oggetto l attività svolta, la conoscenza del presente Regolamento e dei principi deontologici. In caso di esito positivo della verifica, il Praticante è ammesso al giuramento che rappresenta l atto costitutivo dell abilitazione. Art. 23. Durata dell abitazione L abilitazione all esercizio provvisorio ha la durata di anni sei (con decorrenza dal conseguimento dell abilitazione) senza possibilità di rinnovo. SEZIONE III Attestazione della compiuta pratica Art. 24. Il certificato di compiuta pratica Il certificato di compiuta pratica è rilasciato dal COA, su richiesta del Praticante che produca documentazione comprovante di aver aver svolto effettivamente e proficuamente la pratica per il periodo prescritto e con le modalità di cui al presente Regolamento. Il COA può convocare, anche a campione, i praticanti prima del rilascio del certificato per verificare l attività svolta e la conoscenza dei principi deontologici. Art. 25. Documentazione richiesta per l attestazione della compiuta pratica Al fine di ottenere il certificato di compiuta pratica, il Praticante deve depositare presso la segreteria del COA: - il libretto della pratica compilato ai sensi dell art. 12 del presente Regolamento; 4

5 - una relazione, controfirmata dal Formatore, nella quale devono essere illustrate le attività indicate in detto Libretto ed i problemi, anche di natura deontologica; - una Relazione relativa agli eventi formativi frequentati; - un attestazione comprovante le attività alternative/integrative svolte ai sensi degli art. 6 e10 del presente regolamento. Art. 26. Diniego dell attestazione e reclamo Il COA può negare l attestazione della compiuta pratica qualora non sussistano i requisiti richiesti dalla legge e qualora lo svolgimento della pratica forense non risuli effettuato in conformità al presente Regolamento. Avverso la deliberazione di diniego di certificazione, il Praticante ha la facoltà di proporre impugnazione Consiglio Nazionale Forense. SEZIONE IV TRASFERIMENTO, OBBLIGO DEONTOLOGICO, SOSPENSIONE E INTERRUZIONE DELLA PRATICA Art. 27. Trasferimento da altro Consiglio dell Ordine Il Praticante che si trasferisce da altro Circondario nel Registro dei Praticanti dell Ordine di Nola è tenuto all osservanza della normativa in vigore presso l Ordine degli Avvocati di Nola. Art. 28. Obblighi deontologici Il praticante è assoggettato al medesimo obbligo deontologico previsto per l Avvocato. Art. 29. Sospensione e interruzione Il provvedimento di sospensione, adottato nell ambito del procedimentno disciplinare, ha per effetto l interruzione della pratica forense e, per gli abilitati al patrocinio, la privazione dell esercizio professionale. Art. 30. Cancellazione La cancellazione dal registro dei Praticanti è pronunziata dal COA, d ufficio, su richiesta del P.M. (nei casi previsti dalla legge) e nei seguenti ulteriori casi : a) in caso di incompatibilità; b) nei casi di cui all art. 37 n. 2 R.D.L. 1578/33; c) nei casi in cui la pratica sia stata interrotta per un periodo superiore a sei mesi ai sensi dell art. 4 R.D.L. n. 37/34; d) nel caso in cui il Praticante rinunci all iscrizione; e) nel caso di cui all art. 23 del presente Regolamento. SEZIONE V NORME TRANSITORIE E FINALI Art. 31. Entrata in vigore Il presente regolamento entra in vigore dal 1 giugno 2012 per tutti i nuovi iscritti; per quelli iscritti prima di tale data il presente Regolamento si applica a decorrere dal primo giorno successivo alla scadenza del semestre di pratica in corso: entro 30 giorni da tale termine, essi sono tenuti ad adeguarsi al presente Regolamento avanzando tutte le richieste necessarie a tale adeguamento ed in particolare, per ricevere la pec e il tesserino abilitato alla registrazione dei crediti formativi. 5

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI GENOVA PALAZZO DI GIUSTIZIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE ( delibere del 14 marzo 2002 e 21 giugno 2007 ) L iscrizione nel Registro speciale

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA. Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA. Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel. chiede di essere iscritto/a al Registro dei Praticanti Avvocati. Il/La sottoscritto/a consapevole

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel., chiede di essere iscritto/a al Registro Praticanti Avvocati per trasferimento dall Ordine

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI IVREA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE ****** ****** 1 PREMESSA Chiunque voglia avviarsi alla professione forense deve aver svolto un periodo di pratica professionale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE Articolo 1 (Definizioni) Ai fini del presente regolamento s intende per praticante chi sta svolgendo l iter formativo previsto dall art. 3 comma 5 D.L. 13 agosto 2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MACERATA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in Giurisprudenza che intenda

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in giurisprudenza che intenda iscriversi al Registro Speciale dei praticanti

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO. Regolamento della pratica forense Allegato alla Delibera CdO n.52/2008 del 25/3/2008 ARTICOLO 1 ( Domanda) CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ORISTANO Regolamento della pratica forense Il praticante che intenda iscriversi deve presentare,

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BASSANO DEL GRAPPA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA PRATICA FORENSE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BASSANO DEL GRAPPA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA PRATICA FORENSE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BASSANO DEL GRAPPA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA PRATICA FORENSE CAPO I Iscrizione al Registro Speciale dei Praticanti 1 Il laureato che intenda avviarsi alla

Dettagli

2 attività subordinata, in quali giorni, in quali orari ed alle dipendenze di quale datore di lavoro; ove il praticante dovesse intraprendere

2 attività subordinata, in quali giorni, in quali orari ed alle dipendenze di quale datore di lavoro; ove il praticante dovesse intraprendere 2008-2011 IL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRIESTE RITENUTO CHE: a) L art. 1 DPR 101/90 dispone che la pratica forense deve essere svolta con assiduità, diligenza e che la stessa si svolge principalmente

Dettagli

REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003

REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003 REGOLAMENTO UNIFORME PER LA PRATICA FORENSE Approvato nella seduta consiliare del 6 febbraio 2003 ARTICOLO 1 Il praticante che intenda iscriversi deve presentare, oltre ai documenti richiesti dall art.

Dettagli

2) La presenza del praticante alle udienze civili dovrà risultare dal provvedimento del giudice che chiude il verbale. 3) L assistenza alle udienze

2) La presenza del praticante alle udienze civili dovrà risultare dal provvedimento del giudice che chiude il verbale. 3) L assistenza alle udienze REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E PER L ESERCIZIO DEL PATROCINIO La pratica forense costituisce un momento essenziale del percorso formativo dell avvocato e svolge la funzione essenziale di consentire

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO UNICO. per la Pratica Forense e l esercizio del Patrocinio. Titolo I. La Pratica Forense.

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO UNICO. per la Pratica Forense e l esercizio del Patrocinio. Titolo I. La Pratica Forense. ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO UNICO per la Pratica Forense e l esercizio del Patrocinio Titolo I La Pratica Forense Articolo 1 Il praticante Avvocato regolarmente iscritto nell apposito

Dettagli

ARTICOLO 2 REQUISITI DELL AVVOCATO 1) L

ARTICOLO 2 REQUISITI DELL AVVOCATO 1) L REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E PER L ESERCIZIO DEL PATROCINIO La pratica forense costituisce un momento essenziale del percorso formativo dell avvocato e svolge la funzione essenziale di consentire

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L'ESERCIZIO DEL PATROCINIO APPROVATO DAL CONSIGLIO DELL ORDINE NELLA SEDUTA DEL 27 FEBBRAIO 2003 Iscrizione Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L ESERCIZIO DEL PATROCINIO

REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L ESERCIZIO DEL PATROCINIO REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L ESERCIZIO DEL PATROCINIO ARTICOLO 1 DOMANDA E COMUNICAZIONI DEL PRATICANTE 1) Il praticante, al momento della presentazione della domanda di iscrizione al registro

Dettagli

REGOLAMENTO INTEGRATIVO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ISERNIA

REGOLAMENTO INTEGRATIVO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ISERNIA REGOLAMENTO INTEGRATIVO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ISERNIA Adottato con delibera del Consiglio dell Ordine del 21/03/ 2013 PREMESSO CHE Il presente regolamento

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE REGISTRO PRATICANTI AVVOCATI

DOMANDA DI ISCRIZIONE REGISTRO PRATICANTI AVVOCATI MARCA DA BOLLO Euro 16,00 DOMANDA DI ISCRIZIONE REGISTRO PRATICANTI AVVOCATI Al Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Roma Il sottoscritto nato a il e residente in Via CHIEDE di essere iscritto nel Registro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO FORENSE

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO FORENSE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO FORENSE Approvato dall Unione Lombarda degli Ordini Forensi nella seduta del 15.09.2012 a seguito delle modifiche apportate dall entrata in vigore del D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L ESERCIZIO DEL PATROCINIO

REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L ESERCIZIO DEL PATROCINIO REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE E L ESERCIZIO DEL PATROCINIO PREMESSA La pratica forense, ai sensi dell art. 41, comma 1, L. n. 247/2012, consiste nell addestramento, a contenuto teorico e pratico,

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LATINA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LATINA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LATINA Regolamento per lo svolgimento della pratica forense 1) Regolamentazione della pratica 1.1 Fonti normative 2) Note sulla pratica forense 2.1 Svolgimento della pratica 2.1

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI GORIZIA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI GORIZIA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI GORIZIA REGOLAMENTO PER LA PRATICA FORENSE approvato dal Consiglio dell Ordine di Gorizia in data 17.04.2008 in vigore dal 02.05.2008 (aggiornato alla seduta del COA di data 21.10.2010)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE Premessa Chiunque voglia avviarsi alla professione forense deve aver svolto un periodo di pratica professionale della durata stabilita dalla legge,

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE APPROVATO CON DELIBERA DEL 20 DICEMBRE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE APPROVATO CON DELIBERA DEL 20 DICEMBRE CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BERGAMO REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE APPROVATO CON DELIBERA DEL 20 DICEMBRE 2005 aggiornato con delibere 27.04.2010, 17.07.2012 e 13.11.2012

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI VERONA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE Premessa Chiunque voglia avviarsi alla professione forense deve aver svolto un periodo di pratica professionale

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BUSTO ARSIZIO

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BUSTO ARSIZIO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BUSTO ARSIZIO Regolamento della Pratica Forense APPROVATO DALL'UNIONE LOMBARDA IN DATA 03.12.2005 E DAL CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BUSTO ARSIZIO IN DATA 03.04.2006

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRAPANI

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRAPANI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA PRATICA PROFESSIONALE (approvato con delibera consiliare del 03/04/2002 e succ. mod. con delibera del 21/06/2005) CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE REGOLAMENTO PRATICANTATO

CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE REGOLAMENTO PRATICANTATO CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE REGOLAMENTO PRATICANTATO ARTICOLO 1 REGISTRO DEI PRATICANTI 1. Presso ogni Consiglio Provinciale dell Ordine è tenuto un registro dei praticanti nel

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO. D.M. 2 dicembre 1997

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO. D.M. 2 dicembre 1997 CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO D.M. 2 dicembre 1997 Nuove modalità sulla disciplina dei due anni di praticantato necessari per l'ammissione all'esame di Stato per l'abilitazione all'esercizio

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE

REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE 1)-PRINCIPALI FONTI NORMATIVE Le principali fonti normative relative alla Pratica Forense sono: -R.D.L. 27.11.1933 n.1578- conv. con modificazioni in L. 22.1.1934 n.36-

Dettagli

La Formazione professionale continua

La Formazione professionale continua La Formazione professionale continua E scattato per gli avvocati l obbligo della formazione professionale continua, con la partecipazione (obbligatoria) ad eventi formativi per conseguire in un triennio

Dettagli

NAPOLI, 12 giugno 2013

NAPOLI, 12 giugno 2013 Avv. Daniela DONDI NAPOLI, 12 giugno 2013 Iniziativa della Commissione Servizi agli Ordini e agli Avvocati del CNF NUOVA DISCIPLINA DELL ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE FORENSE Legge 31 dicembre 2012 n.

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di REGGIO CALABRIA AVVISO

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di REGGIO CALABRIA AVVISO AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di REGGIO CALABRIA AVVISO SELEZIONI DI N 4 PRATICANTI AVVOCATO E N 2 TIROCINANTI PRESSO L UFFICIO AFFARI LEGALI DELLA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE di REGGIO CALABRIA L Azienda

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI Tra: il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PADOVA, in persona del suo Presidente Avv. Giovanni Chiello, il TRIBUNALE ORDINARIO

Dettagli

Regolamento per la Formazione Continua del Perito Industriale e del Perito Industriale Laureato

Regolamento per la Formazione Continua del Perito Industriale e del Perito Industriale Laureato Regolamento per la Formazione Continua del Perito Industriale e del Perito Industriale Laureato (Approvato dal Consiglio Direttivo con decisione n. 304 del 17 ottobre 2007) Art. 1 Definizioni Ai fini del

Dettagli

VADEMECUM DEL PRATICANTE AVVOCATO

VADEMECUM DEL PRATICANTE AVVOCATO UNIONE PRATICANTI AVVOCATI www.unionepraticanti.it info@unionepraticanti.it Fax: 178 225 7110 VADEMECUM DEL PRATICANTE AVVOCATO I neo-laureati che si apprestano ad intraprendere il biennio di pratica,

Dettagli

Articolo 1 Formazione professionale continua

Articolo 1 Formazione professionale continua FORMAZIONE CONTINUA PER GLI ASSISTENTI SOCALI E ASSISTENTI SOCIALI SPECIALISTI REGOLAMENTO APPROVATO DAL C.N.O.A.S.il.. *** IL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI considerato che a se medesimo

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DELLA SPEZIA

NUOVO REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DELLA SPEZIA NUOVO REGOLAMENTO DELLA PRATICA FORENSE DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DELLA SPEZIA 1. ARTICOLO 1 (Definizione) 2. I. Ai fini del presente Regolamento si intende praticante colui che sta svolgendo

Dettagli

2. Sono ammessi alla selezione i possessori dei seguenti requisiti:

2. Sono ammessi alla selezione i possessori dei seguenti requisiti: SELEZIONE PUBBLICA, PER SOLI TITOLI, FINALIZZATA ALLA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L AMMISSIONE ALLA PRATICA FORENSE PRESSO L AVVOCATURA DI ROMA CAPITALE LUGLIO 2015 1. E indetta una selezione pubblica,

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ANCONA REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA IN ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO CNF DEL 13/7/2007 Articolo 1. Definizioni Nell ambito del presente atto: 1) per Regolamento

Dettagli

SUL TIROCINIO PRESSO GLI UFFICI GIUDIZIARI DA PARTE DEI PRATICANTI AVVOCATI

SUL TIROCINIO PRESSO GLI UFFICI GIUDIZIARI DA PARTE DEI PRATICANTI AVVOCATI SUL TIROCINIO PRESSO GLI UFFICI GIUDIZIARI DA PARTE DEI PRATICANTI AVVOCATI L'art. 73 del D.L. 69/2013 (convertito con legge 9 agosto 2013, n. 98) ha introdotto la possibilità per i laureati in Giurisprudenza

Dettagli

Regolamento disciplinante la richiesta, l esame, l opinamento e il rilascio dei pareri di congruità

Regolamento disciplinante la richiesta, l esame, l opinamento e il rilascio dei pareri di congruità Regolamento disciplinante la richiesta, l esame, l opinamento e il rilascio dei pareri di congruità dei compensi indicati nelle parcelle presentate per la loro approvazione all Ordine degli Avvocati di

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO PER IL TIROCINIO PROFESSIONALE Approvate dal Consiglio dell Ordine dei Dottori Commercialisti di Parma con delibera del 21 dicembre 2006 PREMESSA Le regole e le definizioni che vengono

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DELL UNIONE DELLE CURIE SARDE.1 - Soggetti obbligati Avvocati iscritti all Albo e praticanti dalla data di abilitazione al patrocino..2 - Decorrenza

Dettagli

Città di Torre del Greco

Città di Torre del Greco Città di Torre del Greco Provincia di Napoli Regolamento della pratica forense presso l Avvocatura Municipale del Comune di Torre del Greco CITTÀ DI TORRE DEL GRECO Art. 1 Pratica forense presso l Avvocatura

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA Visto l'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400; Visti gli articoli 1, comma 3, e 41, comma

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Indice. Oggetto e natura giuridica della frequenza volontaria... pag.3. Art. 2 Requisiti per l ammissione alla frequenza volontaria... pag.

Indice. Oggetto e natura giuridica della frequenza volontaria... pag.3. Art. 2 Requisiti per l ammissione alla frequenza volontaria... pag. frequenze volontarie presso le strutture aziendali Revisione n. 3 1 Indice Art. 1 Oggetto e natura giuridica della frequenza volontaria.... pag.3 Art. 2 Requisiti per l ammissione alla frequenza volontaria....

Dettagli

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in

CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI. Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in CONVENZIONE PER LA FORMAZIONE E L ORIENTAMENTO DEI PRATICANTI AVVOCATI TRA Il CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO in persona del Suo Presidente Avv. Mario Napoli; e la PROCURA DELLA REPUBBLICA,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE - Aggiornato alle modifiche apportate il 25.03.2013

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE - Aggiornato alle modifiche apportate il 25.03.2013 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE - Aggiornato alle modifiche apportate il 25.03.2013 Il Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Trento ha inteso approvare il seguente regolamento, secondo

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE

PROVINCIA DI CROTONE PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI IDONEITA PER DIRETTORE TECNICO DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (approvato con delibera consiliare N nella seduta del, ) La Provincia di

Dettagli

DOCUMENTI DA PRESENTARE PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO PRATICANTI

DOCUMENTI DA PRESENTARE PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO PRATICANTI DOCUMENTI DA PRESENTARE PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO PRATICANTI Richiesta di iscrizione al registro praticanti (mod.1); Dichiarazione del professionista, (mod. 2) rivolta al Presidente del Collegio dei

Dettagli

LIPANI & PARTNERS AVVISO DI SELEZIONE PER UNA BORSA DI STUDIO DA ASSEGNARE AD UN PRATICANTE AVVOCATO

LIPANI & PARTNERS AVVISO DI SELEZIONE PER UNA BORSA DI STUDIO DA ASSEGNARE AD UN PRATICANTE AVVOCATO LIPANI & PARTNERS AVVISO DI SELEZIONE PER UNA BORSA DI STUDIO DA ASSEGNARE AD UN PRATICANTE AVVOCATO Articolo 1 - Caratteristiche e finalità Lo Studio Lipani & Partners (di seguito, per brevità, solo Studio)

Dettagli

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016

Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. Anno accademico 2015/2016 Procedure e termini relativi alle carriere degli iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale Anno accademico 2015/2016 Delibera Senato Accademico n. 122 del 24 giugno 2015 Procedure e termini relativi

Dettagli

Capitolo 4 Accesso alla professione forense

Capitolo 4 Accesso alla professione forense Edizioni Simone - Vol. 8/4 Ordinamento e Deontologia forense Capitolo 4 Accesso alla professione forense Sommario 1. Il tirocinio professionale. - 2. Le scuole di specializzazione. - 3. Il tirocinio formativo

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania ISCRIZIONE NEL REGISTRO DEI PRATICANTI 1. Cosa è necessario per essere iscritto all Albo? Per essere iscritto

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA DEL CONSULENTE DEL LAVORO PER L ESERCIZIO IN QUALITA DELLA PROFESONE (approvato il 10 marzo 2004)

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

IL RETTORE. in particolare l art. 22 Assegni di ricerca della succitata legge;

IL RETTORE. in particolare l art. 22 Assegni di ricerca della succitata legge; REPUBBLICA ITALIANA Università degli Studi di Napoli Parthenope rrrrrrrrrrrrrrr Pos. AG D.R. n. 341 IL RETTORE Vista Visto Considerato la legge 240 del 30 dicembre 2010 orme in materia di organizzazione

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

INDICE. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Obiettivi pag. 3 Articolo 2 - Strumenti pag. 3

INDICE. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Obiettivi pag. 3 Articolo 2 - Strumenti pag. 3 Allegato A REGOLAMENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER PRATICANTATO, STAGE, POSTI AGGIUNTIVI DI DOTTORATO E ALTRE FORME DI SOSTEGNO ALL ATTIVITÀ DI RICERCA 19 ottobre 2004 REGOLAMENTO

Dettagli

DELIBERA PER L ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA IL CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO

DELIBERA PER L ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA IL CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO DELIBERA PER L ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA IL CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Considerato che da tempo ha individuato nella formazione continua, professionale e deontologica,

Dettagli

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO PARTE PRIMA SERIE GENERALE. Roma - Giovedì, 19 maggio 2016 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI

GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO PARTE PRIMA SERIE GENERALE. Roma - Giovedì, 19 maggio 2016 AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. - art. 45% 1, - comma art. 2, 1 comma 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46662 - Filiale - Filiale di Roma di Roma GAZZETTA Anno 157 - Numero 116 UFFICIALE DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEGLI ASSISTENTI SOCIALI DELLA LOMBARDIA

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEGLI ASSISTENTI SOCIALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEGLI ASSISTENTI SOCIALI DELLA LOMBARDIA Il Consiglio dell Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Lombardia Visto il decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138,

Dettagli

Nuovo regolamento del tirocinio professionale per i Praticanti Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili

Nuovo regolamento del tirocinio professionale per i Praticanti Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Nuovo regolamento del tirocinio professionale per 1 i Praticanti Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili 2 È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 16.10.2009, n. 241 il decreto del Ministero

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Il Presidente Avv. Prof. Guido Alpa Roma, 16 luglio 2007 N. 25-C/2007 Ill.mi Signori Avvocati via e-mail e via telefax - PRESIDENTI DEI CONSIGLI

Dettagli

Regolamento della formazione professionale continua del dottore commercialista

Regolamento della formazione professionale continua del dottore commercialista CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI Regolamento della formazione professionale continua del dottore commercialista (approvato nella seduta consiliare del 26 novembre 2003) Art. 1 Formazione

Dettagli

Norme di attuazione del Regolamento di formazione professionale continua del dottore commercialista

Norme di attuazione del Regolamento di formazione professionale continua del dottore commercialista CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI Norme di attuazione del Regolamento di formazione professionale continua del dottore commercialista (approvate nella seduta consiliare del 26 novembre 2002)

Dettagli

SCHEDA DI LETTURA Regolamento per lo svolgimento del tirocinio mediante frequenza di corsi di formazione professionale Roma, aprile 2016 Indice Aspetti generali Descrizione del contenuto 3 5 2 Aspetti

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA REGOLAMENTO PER IL PROCEDIMENTO DI DISPENSA DISCIPLINATO DAGLI ARTT. 12-13 - 14 D. LGS. n. 96/2001 (approvato con delibera del 9 luglio 2012) * * * Il Consiglio

Dettagli

Regolamento della Formazione Continua Obbligatoria

Regolamento della Formazione Continua Obbligatoria Regolamento della Formazione Continua Obbligatoria REGOLAMENTO DELLA FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA approvato con modifiche e integrazioni il 24 luglio 2009. REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA

Dettagli

Pratica Giudiziaria e forense presso il Tribunale di Bergamo

Pratica Giudiziaria e forense presso il Tribunale di Bergamo Pratica Giudiziaria e forense presso il Tribunale di Bergamo 1.- L art. 73 del d. l. 21. 6. 2013 n. 69 convertito con modifiche nella legge 9. 8. 2013 n. 98 ha introdotto la possibilità, per i laureati

Dettagli

ACCORDO IN TEMA DI PERMESSI STUDIO

ACCORDO IN TEMA DI PERMESSI STUDIO ACCORDO IN TEMA DI PERMESSI STUDIO sottoscritto l 11.12.2007 in Roma 1 Le delegazioni sottoscrivono la seguente ipotesi di accordo: PER L INPS Il Presidente della delegazione trattante Avv.Gian Paolo SASSI

Dettagli

AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO D: In che cosa consiste l aggiornamento professionale obbligatorio? R: Il primo comma dell art. 7 del DPR 137/2012 stabilisce che al fine di garantire la

Dettagli

Anno accademico 2013/2014

Anno accademico 2013/2014 Anno accademico 2013/2014 Procedure e termini per iscrizioni, immatricolazioni, passaggi, trasferimenti e ricongiunzioni delle carriere di studenti dei corsi di laurea e laurea magistrale (Delibera del

Dettagli

FASCICOLO FORMATIVO. Cognome... Nome... nato a... (Prov...) il... residente a... (Prov...) Via...

FASCICOLO FORMATIVO. Cognome... Nome... nato a... (Prov...) il... residente a... (Prov...) Via... CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO PROVINCIALE DELL ORDINE DI Via Tel. Fax E.mail cert.: Spazio per la foto FASCICOLO FORMATIVO Rilasciato il... a: Cognome... Nome..... nato a...... (Prov....) il........

Dettagli

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI

LINGUA INGLESE, ALTRE CONOSCENZE LINGUISTICHE, INFORMATICA DI BASE E TIROCINI Allegato L-14/5 al Regolamento del Corso di laurea in Scienze dei servizi giuridici per l'impresa, le organizzazioni pubbliche ed il lavoro (art. 11, comma 4 e 12, comma 4) ( i ) LINGUA INGLESE, ALTRE

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A STUDENTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale nr. 52 del 30/10/2009 CAPO

Dettagli

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb.

Dipartimento di Giurisprudenza Via Matteotti, 1-61029 Urbino (PU) Tel. +39 0722 303220-303222 Fax +39 0722 2955 http://digiur.uniurb. ACCORDO tra L Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Pesaro e Urbino e il dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo visto - la Legge 11 gennaio 1979, n. 12 recante Norme per l ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE OBBLIGATORIA PER IL TRIENNIO 2011/2013 (aggiornato nell'adunanza del 14 febbraio 2013)

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE OBBLIGATORIA PER IL TRIENNIO 2011/2013 (aggiornato nell'adunanza del 14 febbraio 2013) REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE OBBLIGATORIA PER IL TRIENNIO 2011/2013 (aggiornato nell'adunanza del 14 febbraio 2013) ART. 1 1. Il presente Regolamento disciplina la realizzazione della

Dettagli

Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine territoriale di Milano

Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine territoriale di Milano FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA degli iscritti negli Albi tenuti dagli Ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili Regolamento per la formazione professionale continua dell Ordine territoriale

Dettagli

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO GIUDIZIALE E STRAGIUDIZIALE E MODALITA DI CONFERIMENTO INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione del

Dettagli

Regolamento delle Scuole UCPI

Regolamento delle Scuole UCPI Regolamento delle Scuole UCPI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente regolamento disciplina l attività di formazione e di qualificazione professionale dell avvocato penalista,

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE

CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE CITTA DI CASTELVETRANO REGOLAMENTO AVVOCATURA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Municipale n. 13 del 18 gennaio 2012 1 Titolo I - ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LAGONEGRO CIRCOLARE ATTUATIVA E INTERPRETATIVA DEL NUOVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LAGONEGRO CIRCOLARE ATTUATIVA E INTERPRETATIVA DEL NUOVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI LAGONEGRO CIRCOLARE ATTUATIVA E INTERPRETATIVA DEL NUOVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE approvata dal Consiglio dell Ordine

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione

ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Costituzione ORGANISMO VERONESE DI MEDIAZIONE FORENSE STATUTO TITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Costituzione 1. Con deliberazione del 21 febbraio 2011, ai sensi dell'art. 18 del D.Lgs. 4 marzo 2010 n. 28 e

Dettagli

Il sottoscritto. (cod. fisc. ) essendo in possesso dei requisiti di legge CHIEDE

Il sottoscritto. (cod. fisc. ) essendo in possesso dei requisiti di legge CHIEDE Al Consiglio provinciale dell Ordine dei Consulenti del Lavoro di VENEZIA allegato 1 domanda di iscrizione RACCOMANDATA / VIA PEC Oggetto: domanda di iscrizione al registro dei praticanti Il sottoscritto.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DEL TITOLO DI AVVOCATO SPECIALISTA (approvato nella seduta amministrativa del 24 settembre 2010) Art. 1

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale BANDO PER L AMMISSIONE ALLA PRATICA FORENSE PRESSO L'AVVOCATURA DELL'INPS REGIONE CAMPANIA

Istituto Nazionale Previdenza Sociale BANDO PER L AMMISSIONE ALLA PRATICA FORENSE PRESSO L'AVVOCATURA DELL'INPS REGIONE CAMPANIA Istituto Nazionale Previdenza Sociale BANDO PER L AMMISSIONE ALLA PRATICA FORENSE PRESSO L'AVVOCATURA DELL'INPS REGIONE CAMPANIA L Istituto Nazionale Previdenza Sociale - I.N.P.S. pubblica il presente

Dettagli

approvato dal Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa con delibera del 18 febbraio 2005 ed emendato con delibera 13 luglio 2007

approvato dal Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa con delibera del 18 febbraio 2005 ed emendato con delibera 13 luglio 2007 CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI PISA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DELLA PRATICA FORENSE approvato dal Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Pisa con delibera del 18 febbraio 2005 ed emendato con

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Spettabile Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Busto Arsizio (VA) Via Libia n. 2 21052 Busto Arsizio (VA)

Spettabile Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Busto Arsizio (VA) Via Libia n. 2 21052 Busto Arsizio (VA) Marca da bollo 16,00 Spettabile Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Busto Arsizio (VA) Via Libia n. 2 21052 Busto Arsizio (VA) DOMANDA DI TIROCINIO PER L AMMISSIONE ALL ESAME

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

DOCUMENTI OCCORRENTI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PRATICANTI

DOCUMENTI OCCORRENTI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PRATICANTI DOCUMENTI OCCORRENTI PER L ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PRATICANTI Da consegnarsi al momento dell iscrizione: 1. Domanda di iscrizione diretta al Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia

Dettagli

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato

Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato Schema di decreto del Ministro della giustizia recante Regolamento recante disposizioni per il conseguimento e il mantenimento del titolo di avvocato specialista, a norma dell articolo 9 della legge 31

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ART. 21 COMMI 8 E 9 LEGGE N. 247/2012 (Delibera del Comitato dei Delegati del 31 gennaio 2014 e successive modificazioni - Approvato con nota ministeriale del 7 agosto 2014

Dettagli