CONCORSI PUBBLICI E ABILITAZIONE FORENSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONCORSI PUBBLICI E ABILITAZIONE FORENSE"

Transcript

1 CONCORSI PUBBLICI E ABILITAZIONE FORENSE I COMPENDI D AUTORE diretti da Roberto GAROFOLI

2 Per concorsi pubblici e abilitazione forense propone: I COMPENDI D AUTORE : Diritto Penale Diritto Civile Diritto Amministrativo Diritto Internazionale privato e processuale Diritto dell'unione europea Diritto Costituzionale Diritto Ecclesiastico Diritto del Lavoro, Sindacale e della Previdenza sociale Diritto Commerciale Diritto Tributario Ordinamento forense e Deontologia STUDI SCHEMATICI : Il Processo Civile Il Processo Penale

3 Marco FRATINI - Anna PENSABENE DIRITTO CIVILE Con analisi completa dei singoli contratti Aggiornato: alla legge di stabilità 2012 sulla responsabilità dello Stato per violazione degli obblighi comunitari al d. lgs. 79/2011 c.d. Codice del turismo in materia di multiproprietà e di contratti del turismo organizzato e alla ultimissima giurisprudenza

4 CONCEPT E GRAPHIC DESIGN Pantaleo MEZZINA Aranea Internet Marketing srl - Molfetta (Ba) FINITO DI STAMPARE NEL MESE DI MAGGIO 2012 DA: Martano Editrice Srl Viale Belgio Z.I Lecce NELDIRITTO EDITORE srl, Piazza Galeria, 17 - Roma La traduzione, l adattamento totale o parziale, con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm, i film, le fotocopie), nonché la memorizzazione elettronica, sono riservati per tutti i paesi. ISBN I lettori che desiderano essere informati sulle novità di Neldiritto Editore possono visitare il sito web o scrivere a

5 PREMESSA Il volume si inserisce nella collana I COMPENDI D AUTORE, ideata e strutturata appositamente per tutti coloro che si apprestano alla preparazione degli esami orali per l abilitazione alla professione forense e delle prove dei principali concorsi pubblici. L opera è frutto di una felice combinazione tra gli aspetti caratteristici, da un lato, della tradizionale trattazione manualistica, di cui conserva la struttura e l essenziale impostazione nozionistica, e, dall altro, della più moderna trattazione per compendio, di cui fa proprie la capacità di sintesi e la schematicità nell analisi degli istituti giuridici. Al contempo, si è avuto cura nell evitare sia l eccessivo appesantimento teorico e dogmatico della manualistica classica, controproducente per chi deve comprendere e memorizzare in fretta, sia l estrema sintesi dei vecchi modelli di compendio, spesso nemica di un agevole e chiara comprensione delle questioni trattate e quasi sempre causa di lacune nella preparazione. Ne è derivato un modello di terza generazione di testi per la preparazione alle prove d esame, destinato inevitabilmente a prevalere nel futuro scenario della formazione di studi, in cui l imperativo è possedere tutte le conoscenze necessarie e sufficienti per raggiungere brillantemente l obiettivo finale. A tal fine, le direttrici lungo cui si è sviluppata la collana sono state chiarezza nella forma e completezza nella sostanza. Nella forma, l opera coniuga, infatti, semplicità ed eleganza espositiva, cercando di soddisfare l aspirazione di quanti ambiscono a memorizzare velocemente, attraverso l ausilio di espedienti grafici quali l utilizzo di grassetti e corsivi per i concetti-chiave di ogni singolo istituto o ancora tramite l esposizione per punti delle principali tesi emerse in dottrina e in giurisprudenza sulle questioni più problematiche. Nella sostanza, la chiara comprensione degli istituti è agevolata da una trattazione esaustiva, ma allo stesso tempo sintetica, delle nozioni giuridiche di base e degli aspetti più sensibili in prospettiva concorsuale. I problemi giuridici sono stati inquadrati equilibrandoli tra la loro profondità storica (tramite un contenuto richiamo ai principali orientamenti dottrinari) e la loro attualità concreta (tramite un attenta selezione delle decisioni della giurisprudenza, segnalate in appositi Focus giurisprudenziali). Infine, non sembra inutile ricordare, a chi si appresta ad affrontare le prove d esame, che sempre homo faber fortunae suae, perché la fortuna, oltre a dipendere dalle favorevoli stelle del destino, risiede anche e soprattutto nel munirsi degli strumenti giusti per procurarsela. Strumenti che siamo certi di aver fornito con questa nuova collana di compendi per aiutare la fortuna di molti aspiranti avvocati e di molti concorsisti! Il volume dedicato al DIRITTO CIVILE è corredato dall analisi dei singoli contratti ed è aggiornato alle recenti novità normative intervenute in materia di contratto di cessione di cubatura, alla novella introdotta dal d. lgs. 23 maggio 2011, n. 79 in materia di multiproprietà e di contratti del turismo organizzato, nonché alla legge di stabilità 2012 (l. n. 183 del 2011) intervenuta sulla responsabilità dello Stato per violazione del diritto comunitario. Oltre all aggiornamento normativo è stato curato anche quello giurisprudenziale (comprendendo anche Cass., Sez. Un., 11 aprile 2012, n. 5702, in tema di donazione modale). Roma, maggio 2012 Gli Autori V

6 SOMMARIO Premessa V CAPITOLO I L ORDINAMENTO GIURIDICO 1 SEZIONE I LA NORMA GIURIDICA 1 1. La norma giuridica Diritto privato e diritto pubblico Norme derogabili e norme inderogabili. 1 SEZIONE II LE FONTI DEL DIRITTO 3 1. Le fonti del diritto Le fonti di cognizione La Costituzione e le leggi costituzionali La legge ordinaria Il diritto internazionale. 5 I. L efficacia dei trattati internazionali (Corte Cost. sentenze 348 e 349 del 2007) 5 6. Il diritto europeo Le leggi regionali I regolamenti Gli usi L equità. 8 QUESTIONARIO 8 CAPITOLO II L ATTIVITÀ GIURIDICA 9 SEZIONE I LE SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE 9 1. Il diritto soggettivo L onere L aspettativa Potestà e possesso Lo status L interesse legittimo Interessi diffusi e interessi collettivi 12 SEZIONE II I FATTI GIURIDICI Fatto e atto. 2. Atto e negozio Contratto e negozio unilaterale Dichiarazione e comportamento VI

7 SEZIONE III LA PUBBLICITÀ E LA PROVA DEI FATTI GIURIDICI La pubblicità dei fatti giuridici Le prove La trascrizione La continuità delle trascrizioni La doppia alienazione immobiliare Atti soggetti a trascrizione La forma dell atto soggetto a trascrizione La trascrizione mobiliare. 21 SEZIONE IV L ATTO NELLO SPAZIO E NEL TEMPO Le coordinate spazio-temporali dell atto La prescrizione. 22 I. I danni lungolatenti (Cass., S. U., 11 gennaio 2008, nn. 576, 580, 581, 583) La decadenza 24 QUESTIONARIO 25 CAPITOLO III I SOGGETTI DI DIRITTO 26 SEZIONE I LE PERSONE FISICHE La capacità giuridica Il concepito e il nascituro non concepito. 27 I. Lo statuto del concepito (Cass., 11 maggio 2009, n ) 27 II. La risarcibilità del danno da perdita del rapporto parentale a favore del concepito (Cass., S.U., 3 maggio 2011, n. 9700) Morte. Scomparsa. Assenza. Morte presunta La capacità di agire Il minore L emancipazione del minore L interdizione L inabilitazione L amministrazione di sostegno L incapacità naturale Domicilio, residenza e dimora La cittadinanza e lo straniero 34 SEZIONE II GLI ENTI La funzione delle formazioni sociali La soggettività giuridica. 36 VII

8 13. La personalità giuridica L autonomia patrimoniale Le associazioni Lo status di associato e il rapporto associativo La cessazione del rapporto associativo (recesso ed esclusione) L estinzione dell associazione Le associazioni di fatto Le fondazioni I comitati 42 SEZIONE III I DIRITTI DELLA PERSONALITÀ I diritti della personalità nel sistema costituzionale Le caratteristiche dei diritti della personalità La tutela dei diritti della personalità Il diritto all integrità psico-fisica Il diritto all autodeterminazione terapeutica e il diritto a morire. 45 III. Il diritto a morire (Cass., Sez. I, 16 ottobre 2007, n ) Il diritto al nome Il diritto all immagine Il diritto alla riservatezza. 47 IV. Il diritto alla riservatezza vs il diritto di difesa (Cass., S.U., 8 febbraio 2011, n. 3034) Il diritto all identità personale I diritti di cronaca, critica e satira. 48 V. Il diritto di cronaca giudiziaria (Cass., 10 marzo 2009, n. 5727) I diritti della personalità delle persone giuridiche e degli enti di fatto Il diritto alla sessualità. 30 QUESTIONARIO 30 CAPITOLO IV LA FAMIGLIA 51 SEZIONE I FAMIGLIA LEGITTIMA E FAMIGLIA DI FATTO Nozione di famiglia Il fondamento costituzionale della famiglia Il matrimonio Gli effetti del matrimonio I rapporti personali nella famiglia di fatto I rapporti patrimoniali nella famiglia di fatto 53 VIII

9 I. Convivenza more uxorio e arricchimento senza causa (Cass., Sez. III, 15 maggio 2009, n ) La cessazione della convivenza di fatto 54 SEZIONE II LA FILIAZIONE La filiazione legittima e naturale La posizione del figlio all interno della famiglia Il disconoscimento della paternità 57 SEZIONE III IL REGIME PATRIMONIALE DELLA FAMIGLIA 58 Premessa I caratteri della comunione legale La natura giuridica della comunione legale I diritti di credito La comunione de residuo La partecipazione all atto del coniuge non acquirente ex art. 179, comma 1, lett. f), c.c La natura della dichiarazione di cui all art. 179, comma 1, lett. f), c.c Il c.d. rifiuto del coacquisto. 61 II. Il rifiuto del coaquisto nella prospettiva delle Sezioni Unite (Cass., S.U., 28 ottobre 2009, n e 2 febbraio 2012, n. 737) L amministrazione dei beni della comunione La sorte del contratto preliminare di vendita di un immobile stipulato senza il consenso dell altro coniuge e la posizione processuale del coniuge pretermesso La responsabilità per le obbligazioni contratte nell interesse della famiglia Gli obblighi gravanti sui beni della comunione Lo scioglimento della comunione 65 SEZIONE IV LE CONVENZIONI MATRIMONIALI E IL FONDO PATRIMONIALE Le convenzioni matrimoniali Il fondo patrimoniale Il vincolo di inespropriabilità Revocabilità dell atto di costituzione del fondo patrimoniale 67 SEZIONE V L IMPRESA FAMILIARE I caratteri dell impresa familiare I diritti dei partecipanti all impresa familiare 68 IX

10 SEZIONE VI LA SEPARAZIONE E I SUOI EFFETTI PATRIMONIALI 70 Premessa La separazione personale La separazione consensuale Natura giuridica dell accordo di separazione I trasferimenti di beni immobili effettuati in occasione della separazione La revocabilità del consenso alla separazione La separazione giudiziale L intollerabilità della convivenza L addebito della separazione Il mutamento del titolo della separazione Il rapporto tra domanda di addebito e domanda di separazione Gli effetti (personali e patrimoniali) della separazione L assegnazione della casa coniugale. 75 III. Casa coniugale in comodato (Cass., Sez. I, 13 febbraio 2007, n. 3179) Assegno di mantenimento Affidamento dei figli La riconciliazione Gli effetti della riconciliazione 77 SEZIONE V LO SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO. IL DIVORZIO Presupposti del divorzio Effetti personali del divorzio Effetti di carattere patrimoniale. L assegno divorzile 79 QUESTIONARIO 80 CAPITOLO V LE SUCCESSIONI 81 SEZIONE I LE SUCCESSIONI La successione a causa di morte I rapporti giuridici trasmissibili Il divieto dei patti successori Il patto di famiglia. 83 SEZIONE II L EREDITÀ PRIMA DELL ACQUISTO Natura giuridica del patrimonio ereditario prima dell acquisto L amministrazione dei beni ereditari prima dell acquisto Il chiamato all eredità La trasmissione del diritto di accettare l eredità L eredità giacente. 87 X

11 SEZIONE III LA CAPACITÀ DI SUCCEDERE La capacità di succedere La capacità di succedere dei nascituri La capacità di succedere delle persone giuridiche e degli enti non riconosciuti L indegnità La rappresentazione. 90 SEZIONE IV ACQUISTO E RINUNCIA DELL EREDITÀ L accettazione dell eredità Prescrizione e decadenza del diritto di accettare La petizione dell eredità L erede apparente L accettazione con beneficio di inventario La separazione dei beni del defunto da quelli dell erede La rinuncia all eredità. 96 SEZIONE V LA SUCCESSIONE DEI LEGITTIMARI Natura giuridica della successione necessaria I legittimari Il diritto di commutazione I legati a favore dei legittimari. 99 I. La forma della rinuncia al legato in sostituzione di legittima (Cass., S.U., 29 marzo 2011, n. 7098) La tutela dei diritti dei legittimari L azione di riduzione. 102 II. L incidenza sul calcolo della quota di riserva della rinuncia all eredità da parte del legittimario (Cass., S.U., 9 giugno 2006, n ). 102 III. Il dies a quo di decorrenza del termine di prescrizione dell azione di riduzione. (Cass., S.U., 25 ottobre 2004, n ) L azione di restituzione L azione di simulazione. 105 IV. La prescrizione dell azione di simulazione. (Cass., 21 febbraio 2007, 4021) 105 V. La prova della simulazione. (Cass., 14 marzo 2008, n. 7048) 106 SEZIONE VI LA SUCCESSIONE LEGITTIMA La successione legittima: nozione, fondamento, presupposti Le categorie di successibili. 107 XI

12 XII SEZIONE VII LA SUCCESSIONE TESTAMENTARIA Nozione e presupposti della successione testamentaria La capacità di disporre per testamento La capacità di ricevere per testamento Caratteri del negozio testamentario La forma del testamento Il principio di certezza della volontà testamentaria Gli elementi accidentali del testamento. La condizione Il termine L onere testamentario L autonomia testamentaria. Il problema della tipicità La diseredazione Invalidità e inefficacia del testamento La conferma del testamento nullo. 119 SEZIONE VIII I LEGATI Nozione e natura giuridica I soggetti del legato Oggetto del legato Acquisto e rinuncia al legato Inefficacia del legato I legati tipici e atipici. 123 SEZIONE IX L ACCRESCIMENTO L accrescimento. 125 SEZIONE X LA REVOCA DELLE DISPOSIZIONI TESTAMENTARIE Nozione, natura giuridica e ipotesi di revoca La revoca legale per sopravvenienza dei figli. 126 SEZIONE XI LE SOSTITUZIONI La sostituzione ordinaria La sostituzione fedecommissaria. 127 SEZIONE XII GLI ESECUTORI TESTAMENTARI L atto di nomina e la sua natura giuridica. 129 SEZIONE XIII LA DIVISIONE EREDITARIA 130 Premessa La divisione Natura giuridica La disciplina generale e le peculiarità della divisione ereditaria Forme di divisione. La divisione convenzionale. 131

13 44. La divisione giudiziale La divisione testamentaria Gli atti diversi dalla divisione La garanzia per evizione Il retratto successorio La collazione. 135 QUESTIONARIO 137 CAPITOLO VI LE LIBERALITÀ TRA VIVI 139 SEZIONE I LA DONAZIONE La nozione e gli elementi essenziali della donazione L elemento oggettivo L elemento soggettivo (animus donandi e causa) La disciplina codicistica. 142 I. La donazione di beni altrui e l acquisto per usucapione (Cass., 5 maggio 2009, n ). 143 II. Preliminare di donazione (Cass., S.U., 15 dicembre 1975, n. 4153) 144 SEZIONE II LA DONAZIONE E I MOTIVI Donazione remuneratoria Donazione obnuziale Donazione modale. 146 III. L irrilevanza dell imputabilità dell inadempimento dedotto in condizione (Cass., S.U., 11 aprile 2012, n. 5702) 147 SEZIONE III LA DONAZIONE INDIRETTA Nozione di donazione indiretta Negotium mixtum cum donatione Donazione indiretta e simulazione Intestazione di beni in nome altrui. 150 IV. L intestazione di beni in nome altrui (Cass., S.U., 5 ottobre 1992, n. 9282). 150 QUESTIONARIO 151 CAPITOLO VII BENI E DIRITTI REALI 152 SEZIONE I I BENI Beni e cose. 152 XIII

14 XIV 2. Beni mobili e immobili Le universalità di mobili Le pertinenze I frutti I beni pubblici. 154 SEZIONE II I DIRITTI REALI Le caratteristiche dei diritti reali I principi di tipicità e il numerus clausus dei diritti reali Le tipologie di diritti reali. 156 SEZIONE III LA PROPRIETÀ Il diritto di proprietà Evoluzione del concetto di proprietà La garanzia costituzionale La funzione sociale I caratteri del diritto di proprietà I limiti legali al diritto di proprietà Il divieto di atti emulativi La proprietà edilizia La multiproprietà. 160 SEZIONE IV MODI DI ACQUISTO E DI TUTELA DELLA PROPRIETÀ Modi di acquisto della proprietà I modi di acquisto a titolo originario Azioni a difesa della proprietà Differenza fra azione di rivendicazione e azione di restituzione Le immissioni. 166 I. Immissioni e tutela della salute (Cass., S.U., 15 ottobre 1998, n ). 168 SEZIONE V IL POSSESSO Profili generali La natura giuridica del possesso Possesso e detenzione Regole generali La buona fede nel possesso Il possesso ai fini dell acquisto della proprietà La tutela del possesso Le azioni a tutela del possesso La tutela aquiliana del possesso. 174 SEZIONE VI DIRITTI REALI DI GODIMENTO La superficie. 175

15 26. L enfiteusi L usufrutto Uso e abitazione Le servitù Oggetto e contenuto Modalità di esercizio della servitù Tipologie di servitù L estinzione Le azioni a tutela delle servitù Le servitù irregolari La cessione di cubatura. 181 SEZIONE VII OBBLIGAZIONI REALI E ONERI REALI Obbligazioni propter rem e oneri reali L abbandono liberatorio Responsabilità per le obbligazioni già sorte Il principio di tipicità in tema di obbligazioni reali e oneri reali. 185 SEZIONE VIII IL PATRIMONIO DESTINATO I negozi di destinazione di beni ad uno scopo La fiducia Il negozio fiduciario Forme di proprietà fiduciaria Il Trust L art ter c.c La tutela dei creditori Le conseguenze della violazione del negozio di destinazione. 190 SEZIONE IX LA COMUNIONE La comunione: profili generali Classificazioni della comunione Il godimento e l amministrazione. 192 II. Il contratto preliminare di vendita di un bene in comunione cui non abbiano aderito tutti i comproprietari (Cass., S.U., 24 agosto, 2007, n ) Vantaggi, pesi, spese Lo scioglimento della comunione. La divisione. 195 SEZIONE X IL CONDOMINIO Nozione e natura del condominio La c.d. relazione di accessorietà La disciplina. 197 III. L obbligo di pagare le spese condominiali: obbligazione solidale o parziaria? (Cass., 8 XV

16 aprile 2008, n. 9148). 198 IV. Le tabelle millesimali (Cass., S.U., 9 agosto 2010, n ) Organizzazione del condominio L assemblea L amministratore. 200 V. La forma dell impugnazione delle delibere assembleari (Cass., S.U., 14 aprile 2011, n. 8491) Il supercondominio Il c.d. condominio minimo Lo scioglimento del condominio e il perimento dell edificio. 202 QUESTIONARIO CAPITOLO VIII LE OBBLIGAZIONI 204 SEZIONE I LE FONTI DELLE OBBLIGAZIONI La nozione di obbligazione e le sue fonti Gli elementi costitutivi I soggetti La prestazione L interesse creditorio. 205 SEZIONE II LA BUONA FEDE La buona fede e la correttezza La concezione valutativa e la concezione precettiva della buona fede Esecuzione di prestazioni non previste e obblighi di protezione L ultima frontiera della buona fede: regola di condotta o di validità? 207 I. Clausola generale di buona fede e correttezza: regola di validità o norma di comportamento. (Cass., 2005, n ) 208 SEZIONE III L ABUSO DEL DIRITTO La nozione di abuso del diritto La fonte del divieto La buona fede. 210 II. Il frazionamento del credito (Cass., S.U., 15 novembre 2007, n ) L exceptio doli generalis Abuso del diritto ed eccesso del diritto. 212 XVI

17 SEZIONE IV I TIPI DI OBBLIGAZIONI Le classificazioni Le obbligazioni di dare L obbligazione di facere e non facere Obbligazioni generiche e obbligazioni specifiche Obbligazioni fungibili e infungibili Le obbligazioni pecuniarie Principio nominalistico Adempimento e mezzi di pagamento alternativi al denaro Debiti di valore e debiti di valuta. 216 III. Danno da svalutazione monetaria (Cass., S.U., 16 luglio 2008, n ) Gli interessi: nozione e caratteri La fonte dell obbligazione degli interessi La natura degli interessi L anatocismo. 219 IV. Norme bancarie uniformi: usi normativi o usi negoziali. (Corte Cost. 17 ottobre 2000, n. 42, Cass., S.U., 4 novembre 2004, n ) La disciplina dell usura Gli interessi nelle transazioni commerciali. 222 SEZIONE V LE OBBLIGAZIONI OGGETTIVAMENTE COMPLESSE Le obbligazioni alternative L obbligazione facoltativa o con facoltà alternativa. 223 SEZIONE VI LE OBBLIGAZIONI SOGGETTIVAMENTE COMPLESSE Le obbligazioni solidali La disciplina. 225 V. Estensione degli effetti della transazione ai condebitori solidali. (Cass., S.U., 30 dicembre 2011, n ) Azione di regresso Obbligazioni divisibili e indivisibili Le obbligazioni parziarie Le obbligazioni collettive. 228 XVII

18 XVIII SEZIONE VII LE OBBLIGAZIONI NATURALI E I VINCOLI NON GIURIDICI I vincoli non giuridici Le obbligazioni naturali. 229 SEZIONE VIII L ADEMPIMENTO Nozione, fondamento normativo e natura giuridica dell adempimento Requisiti soggettivi e oggettivi dell adempimento Il luogo dell adempimento I pagamenti della Pubblica Amministrazione Il tempo dell adempimento L adempimento eseguito con cose altrui L adempimento parziale L imputazione del pagamento La quietanza e la prova del pagamento Le modalità dell adempimento e la diligenza del buon padre di famiglia Il pagamento traslativo La prestazione in luogo dell adempimento (datio in solutum) Dazione legale e giudiziale La cessione di credito in luogo dell adempimento. Rinvio La legittimazione ad adempiere L adempimento del debitore incapace L adempimento a mezzo di rappresentati, mandatari, ausiliari, sostituti e i legittimati legali L adempimento del terzo. 238 VI. Adempimento del terzo e revocatoria fallimentare (Cass., S.U., 18 marzo 2010, n. 6538) La legittimazione a ricevere L adempimento al creditore incapace Pagamento al non legittimato e ratifica del creditore Il pagamento al creditore apparente La cooperazione del creditore all adempimento e la mora credendi. 242 SEZIONE IX I MODI DI ESTINZIONE DELLE OBBLIGAZIONI DIVERSI DALL ADEMPIMENTO Modi di estinzione delle obbligazioni: inquadramento generale La novazione Novazione e compravendita Novazione e transazione La novazione soggettiva (rinvio) La remissione del debito La compensazione La compensazione nel fallimento La confusione L impossibilità sopravvenuta. 250

19 VII. Impossibilità sopravvenuta di utilizzo della prestazione (Cass., 2007, n ). 252 SEZIONE X MODIFICAZIONI DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO Le modificazioni soggettive nel lato attivo. La cessione del credito Il factoring (rinvio) La surrogazione per pagamento La delegazione attiva Modificazioni soggettive dal lato passivo. La delegazione L espromissione L accollo Le modificazioni oggettive. La surrogazione reale. 261 SEZIONE XI LE GARANZIE Responsabilità patrimoniale e cause legittime di prelazione Il divieto del patto commissorio Le garanzie reali I privilegi L ipoteca. 266 VIII. Il privilegio del promissario acquirente dell immobile (Cass., S.U., 1 ottobre 2009, n ) Il pegno Le garanzie personali. La fideiussione Il contratto autonomo di garanzia La disciplina degli strumenti di tutela delle parti e l exceptio doli. 71. La polizza fideiussoria. 276 IX. La polizza fideiussoria (Cass., 18 febbraio 2010, n. 3947) Le lettere di patronage. 277 SEZIONE XII I MEZZI DI CONSERVAZIONE DELLA GARANZIA PATRIMONIALE Mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale. L azione surrogatoria L azione revocatoria La revocatoria fallimentare Il sequestro conservativo L opposizione ai pagamenti. 283 SEZIONE XIII LE PROMESSE UNILATERALI Promesse unilaterali Promessa di pagamento e ricognizione di debito. 285 XIX

20 XX 79. La promessa al pubblico. 285 SEZIONE XIV I TITOLI DI CREDITO I titoli di credito: funzione e caratteri Le classificazioni Le eccezioni cartolari. 288 SEZIONE XV I QUASI CONTRATTI La gestione di affari altrui La ripetizione dell indebito L indebito ricevuto dal incapace Il regime dell azione di ripetizione Le obbligazioni che nascono dal pagamento dell indebito I rapporti con l arricchimento ingiustificato I rapporti con l azione di rivendicazione La prestazione contraria al buon costume. 294 X. La ripetizione dell indebito nei rapporti di credito in conto corrente (Cass., S.U., 2 dicembre 2010, n ). 295 XI. Illegittimo l art. 2 comma 61 del d.l. 29 dicembre 2010, n. 10 (c.d. decreto salva banche) (Corte Costituzionale, 5 aprile 2012, n. 78) L arricchimento senza giusta causa. 296 XII. La correlazione tra arricchimento e danno. Il problema dell arricchimento indiretto (Cass., S.U., 8 ottobre 2008, n ) L azione di ingiustificato arricchimento nei confronti della pubblica amministrazione. 298 XIII. L azione di arricchimento nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo (Cass., S.U., 27 dicembre 2010, n ). 299 QUESTIONARIO 300 CAPITOLO IX IL CONTRATTO 302 PARTE I PRINCIPI GENERALI 302 SEZIONE I CONTRATTO E NEGOZIO GIURIDICO Contratto e negozio giuridico Le parti La costituzione, la modificazione e l estinzione del rapporto giuridico patrimoniale Il rapporto giuridico patrimoniale. 304

21 5. Le fonti di integrazione del contratto La buona fede (rinvio) La classificazione dei contratti Il negozio di accertamento. 306 SEZIONE II LA FORMAZIONE DEL CONTRATTO L accordo Proposta e accettazione I rapporti contrattuali di fatto I contratti per adesione L offerta al pubblico L inserzione automatica di clausole e clausole d uso Il contratto con obbligazioni a carico del solo proponente La conclusione dei contratti telematici La formazione progressiva del contratto I negozi preparatori (rinvio) La minuta Il momento di conclusione del contratto. 314 SEZIONE III - LA RESPONSABILITÀ PRECONTRATTUALE La responsabilità precontrattuale Gli obblighi precontrattuali e la buona fede Rapporti tra responsabilità precontrattuale e regole di validità del contratto. 318 SEZIONE IV I NEGOZI PREPARATORI Premessa La proposta irrevocabile La prelazione L opzione Il contratto preliminare Effetti sul definitivo del preliminare viziato Effetti sul preliminare del definitivo viziato Azioni e rimedi esperibili verso il preliminare Il contratto definitivo non conforme al preliminare La forma del preliminare (art c.c.) La trascrizione del preliminare Inadempimento dell obbligo di contrarre e rimedio ex art c.c Il preliminare a effetti anticipati Il preliminare di cosa altrui Il contratto normativo L obbligo legale di contrarre L esecuzione in forma specifica dell obbligo di contrarre. 331 PARTE II GLI ELEMENTI DEL CONTRATTO 333 SEZIONE I LA CAUSA Elementi essenziali ed elementi accidentali del negozio. 333 XXI

22 2. La causa Negozio astratto I motivi La presupposizione Negozio in frode alla legge. 338 SEZIONE II L OGGETTO DEL CONTRATTO L oggetto del contratto Il contratto di cosa futura L arbitraggio. 340 SEZIONE III LA FORMA DEL CONTRATTO La forma del contratto Il documento informatico e la forma telematica Le forme convenzionali. 342 SEZIONE IV GLI ELEMENTI ACCIDENTALI DEL CONTRATTO Premessa La condizione Il termine Il modus. 347 PARTE III EFFICACIA E VALIDITÀ DEL CONTRATTO 348 SEZIONE I GLI EFFETTI DEL CONTRATTO TRA LE PARTI Il vincolo e la forza contrattuale Il principio del consenso traslativo. 349 SEZIONE II GLI EFFETTI DEL CONTRATTO VERSO TERZI Il principio di intangibilità della sfera giuridica altrui La promessa del fatto del terzo Il contratto a favore di terzi Il contratto per persona da nominare Il divieto convenzionale di alienazione Il subcontratto. 357 SEZIONE III L INVALIDITÀ Invalidità e inesistenza del contratto Invalidità e inefficacia Nullità e annullabilità Le tipologie di nullità La nullità virtuale. 359 I. Regole di validità e regole di comportamento (Cass., 29 settembre 2005, n , e XXII

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione.

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. DIRITTO CIVILE Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. Come si definiscono le norme che regolano

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

4. LE OBBLIGAZIONI 1

4. LE OBBLIGAZIONI 1 4. LE OBBLIGAZIONI 1 OBBLIGAZIONI Ad esse è dedicato il Libro IV Codice Civile artt. 1171-1320 cod. civ. strumento tecnicamente adottato al fine di semplificare la disciplina e dettare una disciplina unitaria

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile

IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA articoli 1470/1547 del codice civile Dott. ENZO ROVERE NOZIONE caratteristiche ed oggetto La compravendita è il contratto con il quale una parte (detta venditore) trasferisce

Dettagli

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA STORIA, NATURA E RATIO DELLA COMUNIONE LEGALE TRA CONIUGI CAPITOLO I EVOLUZIONE STORICA E DIFFUSIONE DELL ISTITUTO

INDICE-SOMMARIO PARTE PRIMA STORIA, NATURA E RATIO DELLA COMUNIONE LEGALE TRA CONIUGI CAPITOLO I EVOLUZIONE STORICA E DIFFUSIONE DELL ISTITUTO INDICE-SOMMARIO Premessa... XI Tomo I Storia, natura, ratio e oggetto. Comunione de residuo e beni patrimoniali PARTE PRIMA STORIA, NATURA E RATIO DELLA COMUNIONE LEGALE TRA CONIUGI CAPITOLO I EVOLUZIONE

Dettagli

1 La successione. in pratica

1 La successione. in pratica in pratica Esempi di successione nei diritti si rinvengono nella vita quotidiana: pensa a chi acquista un bene da un altro soggetto o all erede che riceve per testamento i beni di una persona deceduta.

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

CAPITOLO 3 I DIRITTI DEI LEGITTIMARI. 1. Profili generali. A) Nozione. B) Natura giuridica. di Andrea De Crecchio

CAPITOLO 3 I DIRITTI DEI LEGITTIMARI. 1. Profili generali. A) Nozione. B) Natura giuridica. di Andrea De Crecchio CAPITOLO 3 I DIRITTI DEI LEGITTIMARI di Andrea De Crecchio 1. Profili generali A) Nozione Nel nostro diritto ereditario sono presenti due principi in apparente contrasto: da un lato la libertà di disporre

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni

Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni Le Guide per il Cittadino Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva

Dettagli

Legge federale di complemento del Codice civile svizzero

Legge federale di complemento del Codice civile svizzero Legge federale di complemento del Codice civile svizzero (Libro quinto: Diritto delle obbligazioni) del 30 marzo 1911 (Stato 1 luglio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto i messaggi

Dettagli

Successioni tutelate

Successioni tutelate Le Guide per il Cittadino Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto

Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto Le Guide per il Cittadino Garanzia Preliminare La sicurezza nel contratto di compravendita immobiliare Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Cittadinanzattiva Confconsumatori

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. R RrRrrr. Roma, 17 giugno 2015

CIRCOLARE N. 24/E. R RrRrrr. Roma, 17 giugno 2015 CIRCOLARE N. 24/E R RrRrrr Direzione Centrale Pubblicità Immobiliare e Affari Legali Roma, 17 giugno 2015 OGGETTO: Tabelle degli atti soggetti a trascrizione o a iscrizione e delle domande di annotazione

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

La Convivenza Regole e tutele della vita insieme. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato

La Convivenza Regole e tutele della vita insieme. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato Le Guide per il Cittadino La Convivenza Regole e tutele della vita insieme Consiglio Nazionale del Notariato Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva Confconsumatori Federconsumatori

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

STRUMENTI DI CONTROLLO DELL AUTONOMIA NEGOZIALE: IL SINDACATO GIUDIZIALE SULL EQUILIBRIO DEL CONTRATTO

STRUMENTI DI CONTROLLO DELL AUTONOMIA NEGOZIALE: IL SINDACATO GIUDIZIALE SULL EQUILIBRIO DEL CONTRATTO 3 ARGOMENTO STRUMENTI DI CONTROLLO DELL AUTONOMIA NEGOZIALE: IL SINDACATO GIUDIZIALE SULL EQUILIBRIO DEL CONTRATTO 1. Traccia Premesse brevi considerazioni sugli strumenti di controllo dell autonomia negoziale,

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Compravendita di opera d arte non autentica

Compravendita di opera d arte non autentica Compravendita di opera d arte non autentica Nicola Tacente Dottorando di ricerca in Dottrine generali del diritto nell Università di Foggia Sommario: 1. Introduzione. 2. Disciplina applicabile. 3. Stato

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Fascicolo informativo Aedifica Assicura Polizza Fideiussoria per la Tutela dei Diritti Patrimoniali degli Acquirenti di Immobili da costruire. L. 210 del 02.08.2004/D.LGS.122 del 20.06.2005 Il presente

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE ALLEGATO AL VERBALE DELL UDIENZA DEL TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE PROCEDURA N R.G.E. PROCEDIMENTO DI DIVISIONE N. I L G I U D I C E Visto il provvedimento reso all udienza del nella procedura esecutiva

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

1. Introduzione La distinzione tra debiti di valuta e debiti di valore, priva di riscontro nella disciplina unitaria delle obbligazioni pecuniarie

1. Introduzione La distinzione tra debiti di valuta e debiti di valore, priva di riscontro nella disciplina unitaria delle obbligazioni pecuniarie 1. Introduzione La distinzione tra debiti di valuta e debiti di valore, priva di riscontro nella disciplina unitaria delle obbligazioni pecuniarie dettata dal codice civile, è frutto di una elaborazione

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento

La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento Studio n. 216-2014/C La rinunzia alla proprietà e ai diritti reali di godimento Approvato dall Area Scientifica Studi Civilistici il 21 marzo 2014 Lo studio in sintesi (Abstract): Il presente studio si

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI TORINO. Compri o vendi casa? Vai sul sicuro

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI TORINO. Compri o vendi casa? Vai sul sicuro CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI TORINO Compri o vendi casa? Vai sul sicuro Direzione scientifica della collana Guide ai diritti Raffaele Caterina, Sergio Chiarloni, Lucia Delogu

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli