PIANO PER L ATTIVAZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL COMUNE DI CORLEONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO PER L ATTIVAZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL COMUNE DI CORLEONE"

Transcript

1 ALTO BELICE AMBIENTE S.P.A. ATO PA2 COMUNE DI CORLEONE Assessorato ai servizi pubblici PIANO PER L ATTIVAZIONE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL COMUNE DI CORLEONE Nel testo coordinato approvato dalla Giunta Comunale di Corleone il 10 aprile 2010 e dal Consiglio di Amministrazione della Società Alto Belice Ambiente il 12 aprile 2010.

2 PREMESSE Il progetto di raccolta differenziata nel comune di Corleone si basa sull analisi quali-quantitativa dei rifiuti prodotti nell anno 2009 e sulla combinazione di alcuni elementi sinergici che possono contribuire al raggiungimento di ottimi risultati in termini di quantità di rifiuti differenziati e di economicità sul costo complessivo della gestione del ciclo dei rifiuti di questo Comune. Oggi la definizione di questo progetto, condiviso con il Comune di Corleone, in maniera semplice ed operativa delinea le modalità di avvio e messa a regime della raccolta differenziata.

3 A) - DATI QUANTITATIVI I dati rilevati nel corso dell anno 2009 sono così sintetizzabili: unità di misura totale rifiuti vetro alluminio carta cartone plastica rifiuti indifferenziati chilogrammi tonnellate 4.455,09 23,76 2,07 13,30 71,60 8, ,00 percentuale 100 0,53 0,05 0,30 1,61 0,19 97,33 Scarso il ricorso alla raccolta differenziata. rifiuti indifferenziati plastica cartone carta alluminio vetro totale rifiuti Raccolta rifiuti anno , , , , ,00 totale rifiuti vetro alluminio carta cartone plastica rifiuti indifferenzi ati Serie ,09 23,76 2,07 13,30 71,60 8, ,00 Il costo dello smaltimento dei rifiuti indifferenziati relativi all anno 2009 ammonta per il Comune di Corleone a circa uro ,00.

4 rifiuti differenziati 0% dati rifiuti anno 2009 rifiuti indifferenziati 100% Appare evidente che i dati sopra indicati tratteggiano un quadro di potenziale sviluppo della raccolta rifiuti di particolare interesse; infatti l attuale normativa in materia fissa, per l anno 2010, al 60% il limite minimo di differenziata da raggiungere nei comuni siciliani (legge regionale 8 febbraio 2007, n. 2 - art. 45).

5 B) OBIETTIVI Obiettivo diretto è il raggiungimento dei livelli minimi di raccolta differenziata previsti dalla normativa vigente in materia, quindi, per l anno 2010, il 60%. Obiettivi anno 2010 rifiuti differenziati 60% rifiuti indifferenziati 40% Obiettivi indiretti sono: la salvaguardia dell ambiente; la contrazione dei costi di conferimento in discarica dei rifiuti indifferenziati ad uro ,00; il miglioramento del servizio in termini qualitativi e la maggiore pulizia del centro abitato; la riduzione della TARSU per l esercizio 2011 da parte del Comune di Corleone.

6 C) - ELEMENTI NECESSARI ALL OTTENIMENTO DEGLI OBIETTIVI Al fine del raggiungimento degli obiettivi dichiarati è necessario combinare alcuni elementi che qui di seguito vengono esposti: 1. piano di raccolta differenziata; 2. l apprestamento di alcuni mezzi strumentali da destinare alla raccolta differenziata; 3. l attivazione dei punti ecologici a Corleone; 4. l avvio di una campagna premiale per la raccolta differenziata; 5. l avvio di una campagna di sensibilizzazione sulla raccolta differenziata; 6. l attivazione di una campagna di controllo contro i trasgressori. C.1) - PIANO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Il piano di raccolta differenziata si basa sui seguenti tre sistemi di raccolta: 1) sistema di raccolta porta a porta : trattasi della raccolta dei rifiuti, divisi per frazioni omogenee, direttamente dalle abitazioni degli utenti. Il piano prevede il ritiro progressivo, totale e/o parziale, dei contenitori di raccolta dei rifiuti indifferenziati. Il servizio consiste nelle attività di raccolta, trasporto e conferimento delle seguenti frazioni dei rifiuti urbani ed assimilabili: rifiuto organico carta e cartone imballaggi in plastica vetro, lattine e banda stagnata rifiuto secco residuo cartone utenze commerciali Il servizio avverrà mediante il ritiro delle sopraelencate frazioni, poste in contenitori o sacchi, collocati, a cura dell'utente, lungo il bordo delle strade pubbliche o destinate ad uso pubblico posizionandoli sulla base delle precise indicazioni fornite, salvaguardando il passaggio dei pedoni e la circolazione stradale. Gli utenti, le cui proprietà insistano su strade private non destinate ad uso pubblico, dovranno effettuare il conferimento nel punto servito dalla raccolta più vicino alla loro abitazione. L esposizione dei rifiuti, opportunamente racchiusi nei sacchi o in contenitori, sarà possibile nelle ore serali (non prima delle ore 21:30) del giorno precedente quello programmato per la raccolta della specifica frazione. Le operazioni di raccolta, presso le utenze, saranno poste in essere di norma dalle ore 06:00 alle 12:00 nei giorni feriali (dal lunedì al sabato). L esposizione degli imballaggi in cartone, prodotti dalle utenze non domestiche,

7 dovrà avvenire nella fascia oraria compresa tra le 10:00 e le 11:30 delle giornate previste dal calendario di raccolta. Per questi ultimi utenti sarà attivato un apposito censimento. Agli utenti sarà consegnato apposito materiale illustrativo riportante il calendario di raccolta. Le frequenze di prelievo standard previste, in relazione alla frazione raccolta, sono: TIPO DI RIFIUTO FREQUENZA DI RACCOLTA GIORNI DELLA SETTIMANA Rifiuto secco residuo due volta per settimana martedì e giovedì Rifiuto organico due volte per settimana (tre da giugno a settembre) lunedì e venerdì (lunedì, mercoledì e venerdì) Carta e cartone una volta per settimana sabato Imballaggi in plastica una volta per settimana mercoledì Vetro, lattine e banda stagnata Cartone utenze commerciali una volta per settimana una volta per settimana mercoledì martedì 2) sistema di raccolta con contenitori differenziati: si basa sui contenitori differenziati (carta e cartone colore bianco; vetro ed alluminio colore verde; plastica colore giallo) distribuiti su pubbliche vie e collocati in punti strategici. Entro il mese di settembre 2010 sarà trasmessa la nuova ubicazione dei contenitori di raccolta aggiornata alle previsioni del presente piano. In atto le oasi ecologiche sono 27; 3) sistema di raccolta presso i punti ecologici: si basa sul conferimento presso il CCR e l ecoc entro dei rifiuti differenziati direttamente da parte degli utenti. Il territorio urbano del Comune di Corleone è suddiviso in quattro zone secondo le seguenti articolazioni: zona A): servita con il sistema di raccolta porta a porta. Il piano prevede il ritiro progressivo, totale e/o parziale, dei contenitori di raccolta dei rifiuti indifferenziati e dei contenitori di raccolta differenziata. La zona è individuata, sperimentalmente, con il centro storico del Comune ed in particolare è suddivisa nelle seguenti sottozone: sottozona a.1): via Santa Lucia, via Don Salvatore Cusimano, via Guardia Nuova, largo Cappuccini, via Giuseppe Letizia e relative traverse la zona ricomprende anche le aree, i cortili e le vie intercluse da quelle sopra indicate; sottozona a.2): via Guardia, via Miano, via Bianchino, largo Sant Agata, via Trento e Trieste, c.le Monaci, largo Grazia, discesa Grazia, via Madonna delle Grazie, via Calabrese, via Iannazzo, via Sicilia, via Pomilla, vicolo Nicolosi, discesa Calì, discesa Orlando, discesa Campo, discesa Capo Maestro, via Caduti in guerra - la zona ricomprende anche le aree, i cortili e le vie intercluse da quelle sopra indicate;

8 sottozona a.3): via San Martino, discesa Oliveri, via Porto Salvo, via San Leoluca, via Guarneri, via Spatafora, via Arena, piazza Asilo, via San Agostino, vicolo Sarzana Superiore, vicolo Sarzana inferiore, via Lamanca, via Gallaccio, salita carceri, piazza Sant Orsola - la zona ricomprende anche le aree, i cortili e le vie intercluse da quelle sopra indicate; sottozona a.4): via Orsini, via San Bernardo, via Firmaturi, via Ospedale, via San Agostino, via Nicolosi, via Addolorata, via Calvario, via Corde, via Bottonaro, via Lanza, via Savona, via Piazza, via SS. Salvatore - la zona ricomprende anche le aree, i cortili e le vie intercluse da quelle sopra indicate; sottozona a.5): via Roma, via XXIV Maggio, piazzetta Capitano Triolo, piazza Giuseppe Vasi, via San Michele, vicolo Tardi, via Santa Caterina, via San Pietro, via Cammarata, via Ravenna, via Palazzo, via Rua del Piano, via Candelora, via Lombardia, via Sferlazzo, via Macaluso, via Riina, via Catena, via Santi, via Ostieri - la zona ricomprende anche le aree, i cortili e le vie intercluse da quelle sopra indicate; sottozona a.6): via Umberto I (da via Roma fino a via Puccio), via Bernardino Verro, via Bovi, via Colleggio, via Miata, via Carmine, via Gagliardo, via Cansoneri, via Marsala, cortile Badami, via Maiuri, via Lisotta, via Maida, via Saccaro Borgonovo, via Cuzzaniti, piazzetta San Domenico - la zona ricomprende anche le aree, i cortili e le vie intercluse da quelle sopra indicate; sottozona a.7): via Mortaio, via Vallone Streva, via Streva, via Colletti, via Crispi (fino a via san Giovanni), via Borgognoni, via Sgarlata, via Marconi, via Majorana, via San Giovanni, via Pergole, via Napoli - la zona ricomprende anche le aree, i cortili e le vie intercluse da quelle sopra indicate; sottozona a.8): via Umberto I (da via Puccio a piazza Consolazione), piazza Consolazione, via Misericordia, via Banditore, via Camillo Finocchiaro Aprile, discesa Santa Maria, via Schillaci, via Amari, via Neve, cortile Amari, discesa San Rocco, via Gulotta, via Birtone, via Ligotino, via Trappeto, via Sant Isideo, via Sant Elena - la zona ricomprende anche le aree, i cortili e le vie intercluse da quelle sopra indicate; sottozona a.9): via Consolazione, via F.sco Crispi, via Salvatore Cutrona, via dei Vespri siciliani, via don Salvatore Governali, via Gagini - la zona ricomprende anche le aree, i cortili e le vie intercluse da quelle sopra indicate. È prevista l avvio della raccolta differenziata in maniera progressiva secondo il seguente calendario: sottozona a.2): entro il prossimo 12 aprile 2010; sottozone a.3 e a.4): entro 45 giorno dall avvio del servizio nella sottozone a.2); sottozone a.5 - a.6 e a.7): entro 60 giorno dall avvio del servizio nella sottozone a.2); sottozone a.8 e a.9): entro 120 giorno dall avvio del servizio nella sottozone a.2); sottozona a.1): entro 150 giorno dall avvio del servizio nella sottozone a.2). Zona B): servita con il sistema di raccolta porta a porta solo nel periodo estivo (15 giugno 15 settembre). Zona servita, per tutto l anno, con contenitori per la raccolta indifferenziata e per la differenziata per carta e cartone, vetro ed alluminio, plastica ed umido. La zona è individuata nella frazione di Ficuzza. Zona C): servita, in atto, con contenitori per la indifferenziata e per la raccolta differenziata delle seguenti tipologie: carta e cartone, vetro ed alluminio e plastica. Il piano prevede il permanere dei contenitori per la raccolta indifferenziata e l implementazione dei contenitori per la raccolta differenziata, la loro collocazione

9 in punti strategici ed il progressivo avvio della raccolta c.d. porta a porta una volta entrato a regime il sistema di raccolta nella zona A). È auspicabile la dotazione di appositi contenitori per la raccolta differenziata relativamente ai condomini pluriutenze. La zona si articola nella seguenti sottozone: sottozona c.10): via Verga, via Papa Leone II, via Papa Giovanni Paolo II, largo Angelo Badami, via Luigi Pirandello, via Paolo Nieli, via Papa Giovanni Paolo I, via Papa Polo VI, via Trapani, via Messina, via Agrigento, cortile Martoglio, piazza Musco - la zona ricomprende anche le aree, i cortili e le vie intercluse da quelle sopra indicate; sottozona c.11): via Verdi, via Mozart, via Bellini, via Piersanti Mattarella, via Caltanissetta, via Ragusa, via Padre Rosario Pirrello, via Enna, via Luce, via Decamerano, via Ortoleva, piazza Vittime della Mafia, via Duca d Aosta - la zona ricomprende anche le aree, i cortili e le vie intercluse da quelle sopra indicate; sottozona c.12): via Avv. Ugo Triolo, via Pippo Rizzo, via Leo Castro, via Mastro Simona da Corleone, via Carlo Alberto Dalla Chiesa e relative traverse, via Marchesina Firmaturi, via Ubertino da Corleone, via Ciullo d Alcamo, via Leonardo Sciascia (fino alle case popolari), via Federico De Roberto, via Federico De Maria, Via Lorenzo il magnifico, Via Giovanni Meli, via Ugo Foscolo, via Alessandro Manzoni, via Giovanni Gentile, via Giuseppe Tommasi di Lampedusa, via Dante Aligheri - la zona ricomprende anche le aree, i cortili e le vie intercluse da quelle sopra indicate. Zona D): non servita con la raccolta differenziata. La zona è costituita dalle aree, cortili e vie non precedentemente individuate. Il piano prevede solo il servizio di raccolta rifiuti indifferenziati con il sistema dei contenitori posizionati in pubbliche vie ed in luoghi strategici. Di seguito le planimetrie esplicative.

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25 C.2) - MEZZI STRUMENTALI DA DESTINARE ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA Per la messa a sistema della raccolta differenziata è necessario acquisire i seguenti mezzi: a) N 2 Piaggio porter allestiti con vasca RSU (ribaltabile) o mezzo equivalente b) N 2 moto ape allestiti con vasca RSU (ribaltabile) o altro mezzo equivalente La presente dotazione andrà ad integrare i mezzi già in uso presso il Comune di Corleone. All acquisto dei mezzi provvederà direttamente il Comune di Corleone in esecuzione dell accordo transattivo in corso di definizione. Il personale necessario per l attuazione del presente piano è quantificato in dieci unità. Si reputa che l attuale personale in servizio, integrato a tempo pieno come da nota del Presidente della società Alto Belice Ambiente S.p.A. protocollo N 753 del 10 marzo 2010, possa garantire la raccolta dei rifiuti differenziati. All individuazione del personale provvederà il responsabile del coordinamento del servizio di raccolta differenziata di concerto con il responsabile del servizio di Corleone.

26 C.3) - ATTIVAZIONE DEI PUNTI ECOLOGICI A CORLEONE c.a) ATTIVAZIONE DEL C.C.R. - CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA IN CONTRADA POGGIO Il centro comunale di raccolta rappresenta il punto strategico per la raccolta dei rifiuti differenziati del Comune di Corleone. Il centro è ubicato in contrada Poggio, necessita di un intervento di adeguamento al fine di renderlo conforme alle disposizioni del D.M. 8 aprile 2008, disciplina dei centri di raccolta dei rifiuti urbani raccolti in modo differenziato, come previsto dall articolo 183, comma 1, lettera cc) del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i. Le opere di adeguamento saranno eseguite dal Comune di Corleone giusta deliberazione del Consiglio di Amministrazione dell ATO tenutosi in data 11 febbraio Sono ammessi al CCR centro comunale di raccolta le utenze (domestiche e non) ricadenti nel Comune di Corleone. Ultimato l intervento di adeguamento saranno destinate al C.C.R. di Corleone le sue originarie attrezzature ed in particolare: n. 1 motrice a quattro assi IVECO MAGIRUS 410E44/8 targa BJ412NX; n. 1 scarrabile ribaltabile portata 25 t.; n. 3 contenitori scarrabili in acciaio capacità 30,12 mc; n. 3 contenitori scarrabili con sponde alte; n. 1 carrello elevatore diesel; n. 1 macchina caricatrice gommata con benna a polipo. Al C.C.R. saranno ammessi i seguenti rifiuti: imballaggi in carta e cartone (codice CER ); imballaggi in plastica (codice CER ); imballaggi in legno (codice CER );

27 imballaggi in metallo (codice CER ); imballaggi in materiali misti (codice CER ); imballaggi in vetro (codice CER ); contenitori T/FC (codice CER * e *); rifiuti di carta e cartone (codice CER ); rifiuti in vetro (codice CER ); frazione organica umida (codice CER e ); abiti e prodotti tessili (codice CER e ); solventi (codice CER *); acidi (codice CER *); sostanze alcaline (codice CER *); prodotti fotochimici ( *); pesticidi (CER *); tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio (codice CER ); rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (codice CER *, * e ); oli e grassi commestibili (codice CER ); oli e grassi diversi da quelli al punto precedente, ad esempio oli minerali esausti (codice CER *); vernici, inchiostri, adesivi e resine (codice CER * e ); detergenti contenenti sostanze pericolose (codice CER *); detergenti diversi da quelli al punto precedente (codice CER ); farmaci (codice CER * e ); batterie e accumulatori al piombo derivanti dalla manutenzione dei veicoli ad uso privato, effettuata in proprio dalle utenze domestiche (codice CER *, ); rifiuti legnosi (codice CER * e ); rifiuti plastici (codice CER ); rifiuti metallici (codice CER ); sfalci e potature (codice CER ); ingombranti (codice CER ); cartucce toner esaurite ( ); rifiuti assimilati ai rifiuti urbani sulla base dei regolamenti comunali, fermo restando il disposto di cui all articolo 195, comma 2, lettera e), del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modifiche. È prevista l installazione di appositi contenitori di batterie presso i punti strategici (tabacchi, supermercati, negozi di elettrodomestici, scuole, ecc.)

28 c.b) - ATTIVAZIONE DELL ECOC ENTRO IN VIA FIRMATURI L ecoc entro è un mini CCR ubicato in pieno centro storico - via Firmaturi dove gli utenti possono conferire alcune tipologie di rifiuti differenziabili ed in particolare: imballaggi in carta e cartone (codice Cer ) imballaggi in plastica (codice Cer ) imballaggi in metallo (codice Cer ) imballaggi in vetro (codice Cer ) rifiuti di carta e cartone (codice Cer ) rifiuti in vetro (codice Cer ) L ecoc entro è uno dei punti ecologici attivi a Corleone. L idea base dell ecoc entro è dare ai cittadini/utenti la possibilità di differenziare in modo facile e vantaggioso. Presso l ecoc entro sono ammesse solo le utenze domestiche. Le utenze non domestiche (bar, supermercati, esercizi commerciali, imprese, ecc ) utilizzeranno esclusivamente il C.C.R. in contrada Poggio. L ecoc entro, infatti, è il punto snodale per l attivazione della campagna premiale nei confronti dell utenza. L ubicazione (pieno centro storico e vicinanza ai maggiori uffici pubblici Comune, Posta, Agenzia delle entrate, Banche) e la possibilità di partecipare alla raccolta dei c.d. riciclopunti (vedi infra) offriranno lo spunto per una progressiva ed inarrestabile azione di supporto alla raccolta differenziata di cui al punto C.1). L attivazione dell ecoc entro è prevista per il 12 aprile 2010.

29 C.4) - AVVIO DI UNA CAMPAGNA PREMIALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA È necessario supportare l avvio della raccolta differenziata con un sistema premiale per gli utenti che si abituino a differenziare ottenendo anche un premio commisurato alla quantità di rifiuti differenziati conferiti presso i seguenti punti ecologici di raccolta: A. l ecoc entro in via Firmaturi B. il CCR - Centro comune di raccolta - in contrada Poggio Gli utenti che vogliono aderire all iniziativa potranno recarsi presso uno dei due siti indicati dove potranno conferire le seguenti tipologie di rifiuti differenziabili: A) ecoc entro: imballaggi in carta e cartone imballaggi in plastica imballaggi in metallo imballaggi in vetro rifiuti di carta e cartone rifiuti in vetro B) CCR - Centro comune di raccolta: imballaggi in carta e cartone imballaggi in plastica imballaggi in metallo imballaggi in vetro rifiuti di carta e cartone rifiuti in vetro Gli utenti saranno registrati gratuitamente al primo conferimento. Sono ammessi alla raccolta punti gli utenti (domestici e non) residenti nel Comune di Corleone. In base alla quantità dei rifiuti conferiti saranno attribuiti dei riciclopunti. I riciclopunti saranno apposti in una tessera magnetica o cartacea denominata ecocard. Un riciclopunto vale uro 0,002. Al fine di omogeneizzare il sistema di misurazione dei rifiuti conferiti si è messo a punto il seguente riciclo metro che riconosce i riciclopunti secondo la seguente tabella: tipo rifiuti quantità in grammi riciclopunti premio in uro per cento grammi premio in uro per un chilogrammo premio in uro per un quintale premio in uro per una tonnellata vetro ,002 0,02 2,00 20,00 alluminio ,034 0,34 34,00 340,00 carta ,008 0,08 8,00 80,00 cartone ,002 0,02 2,00 20,00 plastica ,016 0,16 16,00 160,00 I riciclopunti verranno riconosciuti con approssimazione per eccesso per ogni 100 grammi [esempio tipo rifiuto vetro: 650gr. 700gr.=7 riciclopunti; invece 740gr. 800gr.=8 riciclopunti]. Per ottenere i riciclopunti i rifiuti devono essere conferiti puliti e secondo le istruzioni opportunamente impartite. Ogni utente può conferire al massimo 30 Kg. di rifiuti giornalieri. Inoltre, gli utenti che conferiranno RAEE - rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche otterranno i seguenti riciclopunti:

30 tipologie di RAEE quantità riciclopunti R1 - Apparecchiature refrigeranti: grandi apparecchi di refrigerazione frigoriferi congelatori - apparecchi per il condizionamento - scaldabagno elettrici R2 - Grandi bianchi: lavatrici asciugatrici lavastoviglie - apparecchi per la cottura - stufe elettriche - piastre riscaldanti elettriche - forni a microonde - apparecchi elettrici di riscaldamento - radiatori elettrici R3 - Tv e Monitor: apparecchi televisivi monitor R4 - PED,CE,ICT, apparecchi illuminanti ed altro: piccoli elettrodomestici aspirapolvere - scope meccaniche - macchine per cucire - ferri da stiro tostapane friggitrici frullatori - macinacaffé elettrici - altri apparecchi per la preparazione di cibi e bevande - apparecchi tagliacapelli, asciugacapelli, spazzolini da denti elettrici, rasoi elettrici - apparecchi per massaggi e altre cure del corpo sveglie - orologi da polso o da tasca - bilance elettriche - ventilatori elettrici - apparecchiature informatiche per le comunicazioni - personal computer (esclusi monitor) - computer portatili - agende elettroniche stampanti copiatrici - macchine da scrivere elettriche ed elettroniche - calcolatrici tascabili e da tavolo fax telex telefoni - telefoni senza filo - telefoni cellulari - segreterie telefoniche - apparecchiature di consumo - apparecchi radio - videocamere videoregistratori - registratori hi-fi - amplificatori audio - strumenti musicali - altri prodotti o apparecchiature per registrare o riprodurre suoni o immagini - utensili elettrici ed elettronici - trapani - seghe - apparecchiature per tornire, fresare, carteggiare, smerigliare, segare, tagliare, tranciare, trapanare, perforare, punzonare, piegare, curvare o per procedimenti analoghi su legno, metallo o altri materiali - strumenti per rivettare, inchiodare o avvitare o rimuovere rivetti, chiodi e viti o impiego analogo - strumenti per saldare, brasare o impiego analogo - apparecchiature per spruzzare, spandere, disperdere o per altro trattamento di sostanze liquide o gassose con altro mezzo - attrezzi tagliaerba o per altre attività di giardinaggio - giocattoli e apparecchiature per il tempo libero e lo sport - treni elettrici e auto giocattolo - consolle di videogiochi portatili videogiochi - computer per ciclismo, immersioni subacquee, corsa, canottaggio - apparecchiature sportive con componenti elettrici o elettronici - dispositivi medici - apparecchi per diagnosticare, prevenire, monitorare, curare e alleviare malattie, ferite o disabilità - strumenti di

31 monitoraggio e di controllo - rivelatori di fumo - regolatori di calore termostati - apparecchi di misurazione, pesatura o regolazione ad uso domestico o di laboratorio - apparecchiature di illuminazione - apparecchi di illuminazione R5 - Sorgenti luminose: tubi fluorescenti - sorgenti luminose fluorescenti compatte - sorgenti luminose a scarica ad alta intensità, comprese sorgenti luminose a vapori di sodio ad alta pressione e sorgenti luminose ad alogenuri metallici - sorgenti luminose a vapori di sodio a bassa pressione I RAEE possono essere conferiti esclusivamente presso il CCR Centro comunale di raccolta in contrada Poggio. L ecoc entro non è abilitato a ricevere i RAEE. I RAEE sono identificati dalla seguente simbologia: La valorizzazione dei riciclopunti avviene l ultimo giorno del mese. In occasione della prima registrazione la valorizzazione non potrà avvenire comunque prima dell ultimo giorno del secondo mese dal primo conferimento. I punti non valorizzati sono trasportati al mese successivo. La valorizzazione avverrà parametrando i premi al contributo CONAI per carta, cartone, plastica, vetro ed alluminio. I riciclopunti non hanno scadenza. Al tempo della valorizzazione gli utenti potranno scegliere se monetizzare i punti in danaro o in prodotti tipici locali (pasta, ceci, lenticchie, vino, ect.) Alla valorizzazione provvederà il Comune di Corleone che scomputerà i premi dal costo del servizio riferito al mese di valorizzazione.

32 C.5) - AVVIO DI UNA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA Un piano razionale si basa sulla collaborazione degli utenti/cittadini. Per raggiungere nelle abitazione gli utenti/cittadini si prevede l avvio di una campagna di sensibilizzazione basata sui seguenti strumenti: manifesti; brochure; messaggi audio visivi. Abbiamo coniato il motto personalizzato per il Comune di Corleone: Raccolta differenziata? S ava fari!!!. I manifesti saranno affissi nei luoghi di maggiore frequenza di pubblico. Le brochure, riportanti gli elementi più importanti del piano della raccolta differenziata a Corleone in modo chiaro e di immediata comprensione (tempi di raccolta, frequenza, tipologia di rifiuti, luoghi, zone e sottozone, ecc.), saranno distribuiti agli utenti/cittadini. Un ruolo importante sarà ricoperto dal coinvolgimento dei stakeholder (associazioni di categoria, comitati di cittadini, parrocchie, associazioni, ecc ). Un ruolo da protagonista e propositivo è stato e sarà svolto dalla Consulta giovanile di Corleone. I messaggi audiovisivi saranno messi in onda nelle emittenti di maggiore richiamo per il territorio. Una buona campagna mediatica con le maggiori testate giornalistiche regionali (Il Giornale di Sicilia, La Repubblica, La Sicilia, ecc ) e locali (Dialogos, Comune in forma, Cittànuove, ecc ), il coinvolgimento delle scuole esistenti e la diffusione delle buone pratiche negli uffici pubblici definiscono il progetto di educazione alla raccolta differenziata contribuendo a prevedere una capillarità della diffusione del piano sinonimo di coinvolgimento e partecipazione. Una specifica campagna di sensibilizzazione è prevista con gli alunni della scuola primaria e secondaria di Corleone che riceveranno materiale didattico (penne, matite, colori, quaderni, ecc ) quale premio di partecipazione al piano di raccolta differenziata. La campagna di comunicazione è completata con l attivazione di un numero verde e con l attivazione, nel sito del Comune di Corleone e della società ABA, di pagine dedicate. La campagna informativa e/o di sensibilizzazione sarà definita nello specifico con il Comune di Corleone che ha manifestato la volontà di sostenerne, in parte, i relativi costi.

33 C.6) ATTIVAZIONE DI UNA CAMPAGNA DI CONTROLLO CONTRO I TRASGRESSORI La raccolta dei rifiuti differenziati è un obbligo per gli utenti/cittadini. L attuale andamento del servizio e la scarsa propensione degli utenti ha scoraggiato l attivazione spontanea, tranne pochi casi, della raccolta differenziata. Ecco la scelta di un sistema premiale, in via sperimentale, da riconoscere agli utenti che aderiscono alla raccolta dei rifiuti differenziati. Appare quanto mai opportuno approntare al contempo un adeguato sistema di controlli che, con decisione, contribuisca a scoraggiare quei comportamenti antisociali che possano compromettere la buona riuscita del piano sperimentale e contribuire ad inquinare l ambiente in cui viviamo. I controlli saranno affidati a forze dell ordine (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo Forestale, Polizia municipale) operanti nel territorio ed al personale dell ATO PA2.

34 D) PUNTI DI CRITICITÀ E CONCLUSIONI Le attuali condizioni di difficoltà della Società possono compromettere la continuità del servizio ed in particolare del servizio di raccolta porta a porta. Appare evidente che eventuali interruzioni di servizio implicherebbero inevitabili disfunzioni sempre maggiori, in considerazione del grado di diffusione delle buone prassi della raccolta differenziata. Si suggerisce la programmazione di idonee azioni atte a scongiurare ipotesi di interruzioni del servizio. Risulta indispensabile, altresì, una volta approvato il piano qui esposto l adozione di un apposita ordinanza sindacale per la regolamentazione della fase di sperimentazione. Alla luce di quanto sopra si chiede al Consiglio di Amministrazione della società Alto Belice Ambiente S.p.A. e, successivamente, al Comune di Corleone, l approvazione del presente piano e l autorizzazione all esecuzione dello stesso. Corleone, lì 12 aprile 2010 Il responsabile del coordinamento del servizio di raccolta differenziata a Corleone f.to Fausto IARIA L Assessore ai servizi pubblici f.to Giuseppe GIANDALONE

Allegato 1A (articolo 2 comma 1) CATEGORIE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RIENTRANTI NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PRESENTE DECRETO 1.

Allegato 1A (articolo 2 comma 1) CATEGORIE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RIENTRANTI NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PRESENTE DECRETO 1. Allegato 1A (articolo 2 comma 1) CATEGORIE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RIENTRANTI NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL PRESENTE DECRETO 1. Grandi elettrodomestici. 2. Piccoli elettrodomestici.

Dettagli

Allegato 1 A Elenco dei rifiuti appartenenti alla categoria RAEE DOMESTICI (articolo 2 comma 1del D. Lgs. 25 luglio 2005, n.

Allegato 1 A Elenco dei rifiuti appartenenti alla categoria RAEE DOMESTICI (articolo 2 comma 1del D. Lgs. 25 luglio 2005, n. Allegato 1 A Elenco dei rifiuti appartenenti alla categoria RAEE DOMESTICI (articolo 2 comma 1del D. Lgs. 25 luglio 2005, n. 151) CATEGORIE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RIENTRANTI NEL

Dettagli

Elenco indicativo di AEE che rientrano nelle categorie dell'allegato I

Elenco indicativo di AEE che rientrano nelle categorie dell'allegato I ALLEGATO II Elenco indicativo di AEE che rientrano nelle categorie dell'allegato I 1. GRANDI ELETTRODOMESTICI 1.1 Grandi apparecchi di refrigerazione 1.2 Frigoriferi 1.3 Congelatori 1.4 Altri grandi elettrodomestici

Dettagli

RAEE: i servizi offerti da COSECA

RAEE: i servizi offerti da COSECA RAEE: i servizi offerti da COSECA Con la pubblicazione in G.U. del D.M. 8 Marzo 2010 n. 65, recante le modalità semplificate di gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE),

Dettagli

CHIARIMENTI E REGOLE APPLICATIVE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA RAEE 2015-2017, EX ART.15 D.LGS. 49/2014

CHIARIMENTI E REGOLE APPLICATIVE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA RAEE 2015-2017, EX ART.15 D.LGS. 49/2014 CHIARIMENTI E REGOLE APPLICATIVE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA RAEE 2015-2017, EX ART.15 D.LGS. 49/2014 Il Tavolo Tecnico di Monitoraggio dell Accordo di Programma sui RAEE sottoscritto il 9 febbraio 2015

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE PRESSO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE PRESSO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE PRESSO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI Marca da bollo Euro 16,00 Spazio Riservato all Ufficio: Prot. n. del Il sottoscritto

Dettagli

EducaRAEE PREMIO CLASSE CAMPIONE DI RICICLO PREMIO ISTITUTO CAMPIONE DI RICILCO IN COLABORAZIONE CON

EducaRAEE PREMIO CLASSE CAMPIONE DI RICICLO PREMIO ISTITUTO CAMPIONE DI RICILCO IN COLABORAZIONE CON EducaRAEE 1 IN COLABORAZIONE CON PREMIO CLASSE CAMPIONE DI RICICLO E PREMIO ISTITUTO CAMPIONE DI RICILCO REGOLAMENTO Presentazione I rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche o RAEE consistono

Dettagli

Mod. 3bis-VAR - AVVERTENZA

Mod. 3bis-VAR - AVVERTENZA Mod. 3bis-VAR - AVVERTENZA A partire dal 1/7/2015 le domande potranno essere presentate esclusivamente in via telematica tramite il sistema AGEST TELEMATICO. Tutte le istruzioni sono disponibili sul sito:

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Modello comunicazione iscrizione/rinnovo per categoria 3bis Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Marca da bollo Valore corrente ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE/PROVINCIALE..

Dettagli

RAEE Mobile _ pag. 1 di 2

RAEE Mobile _ pag. 1 di 2 RAEE Mobile _ pag. 1 di 2 Refrigeratori e condizionatori 01 _ Apparecchiature per la refrigerazione e il condizionamento Frigoriferi; congelatori; apparecchi per il condizionamento Lavatrici e lavastoviglie

Dettagli

IN VIGORE DAL 01.01.2008 L ADDEBITO IN FATTURA DEL CONTRIBUTO RAEE NELLA VENDITA DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

IN VIGORE DAL 01.01.2008 L ADDEBITO IN FATTURA DEL CONTRIBUTO RAEE NELLA VENDITA DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 06/2008 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

RAEE Mobile _ pag. 1 di 2

RAEE Mobile _ pag. 1 di 2 RAEE Mobile _ pag. 1 di 2 Refrigeratori e condizionatori 01 _ Apparecchiature per la refrigerazione e il condizionamento Frigoriferi; congelatori; apparecchi per il condizionamento Lavatrici e lavastoviglie

Dettagli

Accordo di Programma 28 marzo 2012 modificato il 13.09.2012 e il 25.03.2013 Regole applicative 1

Accordo di Programma 28 marzo 2012 modificato il 13.09.2012 e il 25.03.2013 Regole applicative 1 Il Comitato Guida dell Accordo ANCI Centro di Coordinamento RAEE ha stabilito di definire l applicazione di quanto previsto dall Accordo di Programma firmato il 28 marzo 2012 e modificato il 13 settembre

Dettagli

Circolare 7/2010 Sava lì 13.10.2010 A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi

Circolare 7/2010 Sava lì 13.10.2010 A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi Circolare 7/2010 Sava lì 13.10.2010 A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi Oggetto: Obbligo di iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali. Egregio cliente, Sulla Gazzetta Ufficiale del 4 maggio

Dettagli

Di seguito si riassume brevemente le disposizioni e la tematica in esame:

Di seguito si riassume brevemente le disposizioni e la tematica in esame: = informativa n. 1 Gentili Signore ed Egregi Signori, in seguito forniamo alcune informazioni in riferimento alla direttiva UE sui rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, entrata in vigore

Dettagli

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti;

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti; REGOLAMENTO AI SENSI DELL ARTICOLO 195, COMMA 2, LETTERE A) E B), DEL DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152, RECANTE MODALITÀ DI GESTIONE, DA PARTE DEI DISTRIBUTORI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA SEZIONE REGIONALE/PROVINCIALE.. PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA SEZIONE REGIONALE/PROVINCIALE.. PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI ALLEGATO A ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA SEZIONE REGIONALE/PROVINCIALE.. PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI ISCRIZIONE AI SENSI DEL D.M. 8 MARZO 2010, N. 65,

Dettagli

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti;

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti; REGOLAMENTO AI SENSI DELL ARTICOLO 195, COMMA 2, LETTERE A) E B), DEL DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152, RECANTE MODALITÀ DI GESTIONE, DA PARTE DEI DISTRIBUTORI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA SEZIONE REGIONALE CAMPANIA PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI CAGLIARI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA SEZIONE REGIONALE CAMPANIA PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI CAGLIARI ALLEGATO A MODELLO RAEE ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA SEZIONE REGIONALE CAMPANIA PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI CAGLIARI Marca da bollo da 16,00 ISCRIZIONE

Dettagli

Direttiva RAEE. di Gianfranco Ceresini

Direttiva RAEE. di Gianfranco Ceresini Direttiva RAEE Pubblicato il: 10/03/2004 Aggiornato al: 10/03/2004 di Gianfranco Ceresini La direttiva RAEE 2002/96/CE (modificata all articolo 9 dalla direttiva 2003/108/CE) sui rifiuti di apparecchiature

Dettagli

Progetto Raee@McDonald s. a cura di

Progetto Raee@McDonald s. a cura di Progetto Raee@McDonald s a cura di L obiettivo dell iniziativa, promossa dall Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) assieme al Centro di Coordinamento RAEE (CdC RAEE) e con il supporto operativo

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA SEZIONE REGIONALE/PROVINCIALE.. PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA SEZIONE REGIONALE/PROVINCIALE.. PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI Marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA SEZIONE REGIONALE/PROVINCIALE.. PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO, AGRICOLTURA DI ISCRIZIONE AI SENSI DEL D.M.

Dettagli

Comune di Gais informazione ambientale

Comune di Gais informazione ambientale Allegato 5 Comune di Gais informazione ambientale RACCOLTA DI RIFIUTI RICICLABILI 2010 I rifiuti riciclabili possono essere riutilizzati per tramutarli in altri prodotti o per ottenere delle materie prime.

Dettagli

F.A.R.O. S.r.l. Oggetto: D. M. 25/11/2007 n 187, norma attuativa del D. Lgs. 151/05 sulla disciplina dei Rifiuti di

F.A.R.O. S.r.l. Oggetto: D. M. 25/11/2007 n 187, norma attuativa del D. Lgs. 151/05 sulla disciplina dei Rifiuti di F.A.R.O. S.r.l. Formazione - Antinfortunistica - Ricerche - Orientamenti Via Lavoratori Autobianchi, 1-20033 Desio (MI) Cod. Fisc. e P. IVA 02502170968 C.C.I.A.A. n.1482084 Telefono (0362) 306216 - Fax

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE PRESSO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE PRESSO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE PRESSO CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI Marca da bollo Euro 16,00 Spazio Riservato all Ufficio: Prot. n. del Il sottoscritto

Dettagli

Progetto Raee@McDonald s

Progetto Raee@McDonald s Progetto Raee@McDonald s Scheda di sintesi evento Firenze a cura di L obiettivo dell iniziativa, promossa dall Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) insieme al Centro di Coordinamento RAEE (CdC

Dettagli

Punteggio max 600. cartoni pressati e piegati attribuisce 6 punti/kg. Il conferimento misto attribuisce 4 punti /Kg.

Punteggio max 600. cartoni pressati e piegati attribuisce 6 punti/kg. Il conferimento misto attribuisce 4 punti /Kg. CENTRO DI RACCOLTA DEL COMUNE DI BARCELLONA POZZO DI GOTTO VIA E. MAIORANA PROVINCIA DI MESSINA Schema descrittivo delle tipologie di rifiuti e dell'attribuzione dei punteggi max. premianti per ogni singola

Dettagli

Progetto RAEE@SCUOLA 3

Progetto RAEE@SCUOLA 3 Progetto RAEE@SCUOLA 3 DI RAEE IN MEGLIO IL PROGETTO RAEE@scuola3 è la terza edizione di un innovativo progetto di comunicazione ed educazione ambientale avviato lo scorso anno per la prima volta, per

Dettagli

Regolamento per la raccolta differenziata nei punti ecologici. valevole per il Comune di Manfredonia

Regolamento per la raccolta differenziata nei punti ecologici. valevole per il Comune di Manfredonia Regolamento per la raccolta differenziata nei punti ecologici valevole per il Comune di Manfredonia A ) Obiettivo L operazione a premi si prefigge lo scopo di promuovere e incentivare il servizio di raccolta

Dettagli

COMUNE DI PIAZZA BREMBANA

COMUNE DI PIAZZA BREMBANA COMUNE DI PIAZZA BREMBANA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO E LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 13 in data 30.04.2012 1 di 15 INDICE

Dettagli

Progetto RAEE@SCUOLA

Progetto RAEE@SCUOLA Progetto RAEE@SCUOLA IL PROGETTO RAEE@SCUOLA è un progetto pilota di comunicazione e sensibilizzazione sulla corretta gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) che si svolgerà,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta è un area presidiata

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) Versione 1.0 18/10/2011 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) (DOCUMENTO IN VIA DI APPROVAZIONE) Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.lgs. 3 aprile

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

NOVITÀ SUL FRONTE DELLA RACCOLTA RIFIUTI:

NOVITÀ SUL FRONTE DELLA RACCOLTA RIFIUTI: NOVITÀ SUL FRONTE DELLA RACCOLTA RIFIUTI: Gentile famiglia, con questa guida vorremmo evidenziare le modifiche, volute dall'amministrazione comunale in collaborazione con G.ECO., che verranno apportate

Dettagli

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Il Centro di Raccolta Differenziata dei rifiuti è un area presidiata ove si svolge l attività di raccolta

Dettagli

COMUNI DI SAN GIOVANNI BIANCO SAN PELLEGRINO TERME Provincia di Bergamo

COMUNI DI SAN GIOVANNI BIANCO SAN PELLEGRINO TERME Provincia di Bergamo COMUNI DI SAN GIOVANNI BIANCO SAN PELLEGRINO TERME Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO E LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE D.Lgs 152 del 3 aprile 2006 art.198 comma 2 Approvato:

Dettagli

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D'ADDA Settore Tutela Ambientale

COMUNE DI FARA GERA D'ADDA Settore Tutela Ambientale COMUNE DI FARA GERA D'ADDA Settore Tutela Ambientale Concorso Uno slogan per i nostri rifiuti 1 classificata CLASSE 5 B Scuola Primaria di Badalasco A.S. 2010/2011 Cari concittadini, RIDUZIONE, RIUTILIZZO

Dettagli

La gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) da parte dei VENDITORI INSTALLATORI ASSISTENZA TECNICA

La gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) da parte dei VENDITORI INSTALLATORI ASSISTENZA TECNICA La gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) da parte dei VENDITORI INSTALLATORI ASSISTENZA TECNICA IL PROGETTO DELLA SEZIONE REGIONALE ALBO TOSCANA "Tesori da recuperaree

Dettagli

1 GIUGNO 2012 PARTE LA NUOVA GESTIONE SPECIALE RIFIUTI. Raccolta dei rifiuti a Sale Marasino: COMUNE DI SALE MARASINO

1 GIUGNO 2012 PARTE LA NUOVA GESTIONE SPECIALE RIFIUTI. Raccolta dei rifiuti a Sale Marasino: COMUNE DI SALE MARASINO COMUNE DI SALE MARASINO L obiettivo delle norme italiane, conforme alle indicazioni dell Unione Europea, è il 65% di Raccolta Differenziata entro il 31 dicembre 2012 per garantire una migliore qualità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI CENTRI DI RACCOLTA CONSORTILI TESTO COORDINATO

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI CENTRI DI RACCOLTA CONSORTILI TESTO COORDINATO Allegato 2) REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI CENTRI DI RACCOLTA CONSORTILI TESTO COORDINATO Approvato con deliberazione n. 39 del 29/12/2011 Regolamento_AggDic2011_Approvato.doc pagina 2 di 13 Co.S.R.A.B.

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale COMUNE DI PIANO DI SORRENTO Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 152 del 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni, DM 08

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

PORTA A PORTA IMPATTO ZERO

PORTA A PORTA IMPATTO ZERO Città di Caserta Settore Ecologia ed Ambiente sepàrali in casa PORTA A PORTA IMPATTO ZERO Miglioriamo la qualità della vita. Tutela l Ambiente. Settembre 2011 Cari concittadini, con questa iniziativa l'amministrazione

Dettagli

COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE . COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE Allegato Delibera di Giunta Comunale n. 54 del 15.02.2010-1 - INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA Pag. 1 di 10 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA RIFIUTI URBANI (Isola Ecologica) Pag. 2 di 10 INDICE Art.- 1 - Accesso alla piattaforma ecologica - Tipologie di rifiuti ammesse e non alla piattaforma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

COMUNE DI TREMEZZINA. frazioni merceologiche omogenee, destinate al riutilizzo, al riciclaggio e al recupero di materia prima;

COMUNE DI TREMEZZINA. frazioni merceologiche omogenee, destinate al riutilizzo, al riciclaggio e al recupero di materia prima; COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO DEL CENTRO SOVRACOMUNALE DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI IN COMUNE DI TREMEZZINA - VIA L. VACCANI N. 10 LOCALITA OSSUCCIO - MULINO Approvato con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI VIGASIO PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI Allegato alla Deliberazione del Consiglio Comunale n. del - 1 - INDICE Art. 1 - Centro di raccolta

Dettagli

COME SMALTIRE I RIFIUTI URBANI, RAEE E PNEUMATICI

COME SMALTIRE I RIFIUTI URBANI, RAEE E PNEUMATICI COME SMALTIRE I RIFIUTI URBANI, RAEE E PNEUMATICI SOMMARIO Introduzione Scarti elettrici e pneumatici, ecco le regole per smaltirli 5 Progettazione e trattamenti: c è la nuova direttiva Ue di Marco Fabrizio

Dettagli

COMUNE DI CITTÀ SANT ANGELO (PROVINCIA DI PESCARA)

COMUNE DI CITTÀ SANT ANGELO (PROVINCIA DI PESCARA) COMUNE DI CITTÀ SANT ANGELO (PROVINCIA DI PESCARA) REGOLAMENTO SULLA GESTIONE DEI CENTRI COMUNALI PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI. Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del. [Art. 183, comma

Dettagli

rifiuti come, dove, quando Imballaggi leggeri: la nuova raccolta opua5-rovereto.indd 1 2-09-2011 11:51:10

rifiuti come, dove, quando Imballaggi leggeri: la nuova raccolta opua5-rovereto.indd 1 2-09-2011 11:51:10 rifiuti come, dove, quando Imballaggi leggeri: la nuova raccolta opua5-rovereto.indd 1 2-09-2011 11:51:10 NuOVI SERVIZI PER MIGLIORARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA dopo qualche anno dalla partenza a rovereto

Dettagli

Area Comunicazione R.A.E.E. cosa SONO. come SI RAccOLgONO. cosa diventano

Area Comunicazione R.A.E.E. cosa SONO. come SI RAccOLgONO. cosa diventano Area Comunicazione R.A.E.E cosa SONO come SI RAccOLgONO cosa diventano I R.A.E.E. QUALI SONO? I R.A.E.E. sono apparecchiature non funzionanti o di cui ci si vuole disfare, alimentate elettricamente o con

Dettagli

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 21/12/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 21/12/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER IL CONFERIMENTO DIRETTO DI ALCUNE TIPOLOGIE DI RIFIUTI DIFFERENZIATI, PROVENIENTI DALL UTENZA DOMESTICA,

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO RACCOLTA RIFIUTI (CRR) PRR. Elettrodomestici. Ingombranti. Inerti. Legno. Metallo Vegetali. Comune di Caronno Pertusella EDIZIONE 1

REGOLAMENTO CENTRO RACCOLTA RIFIUTI (CRR) PRR. Elettrodomestici. Ingombranti. Inerti. Legno. Metallo Vegetali. Comune di Caronno Pertusella EDIZIONE 1 Il miglior rifiuto è quello che non si produce PRR Piano Riduzione Rifiuti Caronno Pertusella Comune di Caronno Pertusella (VA) Elettrodomestici Inerti Ingombranti REGOLAMENTO CENTRO RACCOLTA RIFIUTI (CRR)

Dettagli

DOMANDA DI CONVENZIONE PAGINA 1 di 2

DOMANDA DI CONVENZIONE PAGINA 1 di 2 DOMANDA DI CONVENZIONE PAGINA 1 di 2 RAECON 02 A 11-12 Il sottoscritto Nome e Cognome ANAGRAFICA nato a Il Codice Fiscale in qualità di Legale Rappresentante della Società: Ragione Sociale Partita IVA

Dettagli

PROGETTO RAEE@SCUOLA4

PROGETTO RAEE@SCUOLA4 PROGETTO RAEE@SCUOLA4 1 INDICE 1 1. IL PROGETTO 2 2. GLI OBIETTIVI 3 3. SOGGETTI COINVOLTI 4 4. COMUNI 4 5. LA COMUNICAZIONE 5 5.1 LE AZIONI DI COMUNICAZIONE 5 5.2 LE AZIONI NEL COMUNE INDIVIDUATO 6 7.

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 7 del 27/04/2012. INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi di applicazione

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Allegato A) alla deliberazione di C.C. n.11 del 25.05.2015 REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL CAPOLUOGO ART. 1 FINALITA Il Comune di Santo Stino

Dettagli

Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO

Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO 1. OGGETTO DEL DISCIPLINARE Il presente disciplinare determina i criteri

Dettagli

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Art. n.1 Definizione e Campo di Applicazione. Le piazzole ecologiche o ecopiazzole sono aree attrezzate destinate

Dettagli

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 COMUNE DI CASSACCO Comun di Cjassà 33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 Regolamento per la gestione dei centri di raccolta

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SITO NEL COMUNE DI PONTEDERA ZONA INDUSTRIALE LA BIANCA VIA DON MEI Art. 1 Definizione centro raccolta

Dettagli

Comune di Adrano (Provincia di Catania) IV A.F. / 3 servizio - Ambiente e verde

Comune di Adrano (Provincia di Catania) IV A.F. / 3 servizio - Ambiente e verde Comune di Adrano (Provincia di Catania) IV A.F. / 3 servizio - Ambiente e verde COPIA Determina 4 a A.F. /3 Serv. n. 6 del 31/03/2010 Registro Generale n. 320 del 31/03/2010 Oggetto: Centro di Raccolta

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

REGOLAMENTO INCENTIVI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA A FAVORE DEI CITTADINI VIRTUOSI

REGOLAMENTO INCENTIVI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA A FAVORE DEI CITTADINI VIRTUOSI COMUNE DI MELITO DI NAPOLI PROVINCIA DI NAPOLI Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO INCENTIVI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA A FAVORE DEI CITTADINI VIRTUOSI INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERAZIONE DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DEL 24.01.2012. ENJONTA 1 A LA DELIBERAZION DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DAI 24.01.2012.

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERAZIONE DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DEL 24.01.2012. ENJONTA 1 A LA DELIBERAZION DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DAI 24.01.2012. ORIGINALE / ORIGINÈL PROVINCIA DI TRENTO COPIA / COPIA PROVINZIA DE TRENT ALLEGATO 1 ALLA DELIBERAZIONE DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DEL 24.01.2012. ENJONTA 1 A LA DELIBERAZION DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DAI

Dettagli

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani [Approvato con Delib. C.C. n. 37 del 27.3.2012 Testo coordinato approvato con Delib. C.C. n. _ del _] Art. 1 Finalità 1.

Dettagli

UTENZE DOMESTICHE COMUNE DI PETTINEO SERVIZIO IGIENE URBANA GENNAIO 2015

UTENZE DOMESTICHE COMUNE DI PETTINEO SERVIZIO IGIENE URBANA GENNAIO 2015 GENNAIO 2015 1 giovedì 2 venerdì secco non riciclabile - umido ed organico 3 sabato vetro e lattine - umido ed organico 4 domenica 5 lunedì umido ed organico -secco non riciclabile 6 martedì 7 mercoledì

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Pagina 1 di 8 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma

Dettagli

REGOLAMENTO Ecocentro Comune di Marcon INDICE

REGOLAMENTO Ecocentro Comune di Marcon INDICE Re Regolamento Ecocentro Marcon Via Praello INDICE 1 Premessa 3 2 Scopo 3 3 Campo di Applicazione 3 4 Responsabilità 3 5 Rifiuti conferibili da utenze domestiche 4 6 Orario di apertura 8 7 Accesso all

Dettagli

AUTORIZZAZIONI TRASPORTO RIFIUTI FI 10335. 1o F 3 bis 4 E 5 F

AUTORIZZAZIONI TRASPORTO RIFIUTI FI 10335. 1o F 3 bis 4 E 5 F AUTORIZZAZIONI TRASPORTO RIFIUTI FI 10335 Categorie 1o F 3 bis 4 E 5 F Aggiornato al 6 marzo 2015 Selin S.r.l. Via Antonino Caponnetto, 1/Int 50041 Calenzano (FI) Tel. 055.318071 Fax. 055.3436770 Codice

Dettagli

Ti chiediamo un piccolo sacrificio, che diverrà presto una comoda abitudine. Siamo certi di trovare il Tuo entusiasmo e la Tua collaborazione.

Ti chiediamo un piccolo sacrificio, che diverrà presto una comoda abitudine. Siamo certi di trovare il Tuo entusiasmo e la Tua collaborazione. COMUNE DI LAPPANO Caro concittadino, il nuovo sistema di raccolta differenziata prevede alcune importanti novità: scompariranno i cassonetti pubblici dalle strade, i rifiuti verranno separati in casa e

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons Pagina 1 di 10 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Cordenons Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma OHSAS

Dettagli

Utenze domestiche. Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Utenze domestiche. Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani CARTA giornali, riviste, libri, quaderni, carta da pacchi, cartoncini, sacchetti di carta, scatole di cartone per scarpe e alimenti

Dettagli

NORME PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI AI CENTRI DI RACCOLTA DEL COMUNE DI UDINE

NORME PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI AI CENTRI DI RACCOLTA DEL COMUNE DI UDINE DIPARTIMENTO TERRITORIO E AMBIENTE SERVIZIO ECOLOGIA NORME PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI AI CENTRI DI RACCOLTA DEL COMUNE DI UDINE Ottobre 2008 IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO ing. SILVANO ONGARO 0 Art. 1

Dettagli

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n.59 del 25/10/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n.59 del 25/10/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n.59 del 25/10/2011 COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER IL CONFERIMENTO DIRETTO DI ALCUNE

Dettagli

stampato su carta riciclata ottobre 2014 URP 051.6638507 - www.comune.san-giorgio-di-piano.bo.it consulta on-line o scarica la app il Rifiutologo

stampato su carta riciclata ottobre 2014 URP 051.6638507 - www.comune.san-giorgio-di-piano.bo.it consulta on-line o scarica la app il Rifiutologo Calendario 0 Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano stampato su riciclata ottobre 0 Per informazioni Servizio Clienti Utenze non domestiche 00..00 chiamata gratuita, attivo dal al dalle.00

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE - CENTRI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA PER RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI ATO 7 - RAVENNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE - CENTRI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA PER RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI ATO 7 - RAVENNA AUTORITA D AMBITO DI RAVENNA SGR 011 Piazza dei Caduti per la libertà, 2/4 48121 Ravenna Tel. 0544/215026 Fax 0544/211728 Rev. 0 aato@mail.provincia.ra.it - www.racine.ra.it/aato Foglio 1/13 REGOLAMENTO

Dettagli

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014. Calendario 2015. Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014. Calendario 2015. Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano Utenze domestiche stampato su riciclata novembre 2014 Calendario 2015 Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano Centro di Raccolta Rifiuti (stazione ecologica) I Centri sono luoghi a disposizione

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

Isola Ecologica FILICHITO

Isola Ecologica FILICHITO COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI - Provincia di Napoli - Isola Ecologica FILICHITO - Regolamento di Gestione - 1 ART. 1) - OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola

Dettagli

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro.

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. Poste Italiane - tassa pagata - invii senza indirizzo auto./dc/er/bo/isi/3627/2003 del 20/06/2003. Alla

Dettagli