Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI"

Transcript

1 Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito AC 11a è parte del settore S. Prospero che si trova a circa 2 chilometri a est dalla città in direzione Reggio Emilia. L area di competenza del settore corrisponde approssimativamente al perimetro identificato dalle aree urbanizzate della frazione e si sviluppa prevalentemente a sud di via Emilio Lepido. Caratteri morfologici e funzionali: San Prospero è un borgo rurale prevalentemente residenziale cresciuto a ridosso della via Emilia. Pur non avendo spazi urbani fortemente riconoscibili risulta ben organizzato funzionalmente, con al centro i servizi, ad ovest in corrispondenza di strada Quingenti la zona residenziale e sul lato opposto le aree produttive. Le attività commerciali sono poche e di piccole dimensioni, collocate lungo la via Emilia. Vulnerabilità delle risorse naturali e pressioni antropiche Risorse naturali Acque superficiali e sotterranee: l ambito è parte di un settore attraversato da due canali del reticolo idrografico secondario, il Cavo Vallicella ed il Rio delle Fontane. Per quanto riguarda le acque sotterranee, il settore è interessato da una Zona con protezione parziale degli acquiferi principali. Rischio idraulico: l ambito di riferimento ricade nell area di piena catastrofica del torrente Enza (fascia C) Biodiversità e paesaggio: il settore di cui è parte si caratterizza per la presenza del nucleo urbano di San Prospero e per le aree agricole attigue, intervallate da filari interpoderali. Il Rio delle Fontane è un elemento della rete ecologica del reticolo idrografico minore. Pressioni antropiche Rumore: l ambito risulta in gran parte caratterizzato da buone condizioni di clima acustico, sebbene si evidenzino condizioni di criticità relativamente alle zone prospicienti la zona produttiva e le infrastrutture viabilistiche e ferroviarie. Sistema fognario: gran parte del settore di cui è parte è servito dal sistema fognario e depurativo. Radiazioni non ionizzanti: l ambito è collocato in un settore interessato dall attraversamento di una linea ad alta tensione, che determina impatti non trascurabili in relazione alla discreta densità abitativa dell area. Attività a rischio potenziale di incidente: nell ambito non sono presenti attività produttive a potenziale rischio di incidente. Aspetti problematici riscontrati: o Forte impatto ambientale degli assi infrastrutturali sugli insediamenti; o Presenza di elementi tecnologici di impatto ambientale (elettrodotti); o Carenza nell offerta di servizi; o Carenza di strutture commerciali; o Condizioni di criticità acustica nelle zone prospicienti aree produttive e le principali infrastrutture viabilistiche e ferroviarie; o Presenza di una linea elettrica AT che attraversa il settore di riferimento. 147

2 2. DISCIPLINA GENERALE Politiche urbanistiche generali che si vogliono perseguire: obiettivo generale dell ambito è quello di incentivare il ruolo urbano della frazione aumentando l offerta di residenza ed incrementando i servizi esistenti. Obiettivi particolari e complementari: o Limitare il traffico all interno del centro abitato; o Incrementare l offerta residenziale; o Garantire una maggior qualità e quantità dei servizi presenti; o Garantire il collegamento ciclabile con Parma; o Limitare l inquinamento acustico generato dall infrastruttura viaria di attraversamento; o Garantire l attraversamento dell ambito da parte degli elementi della rete ecologica; o Riduzione dell esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. Interventi di trasformazione / riqualificazione proposti: Generali o Potenziare la disponibilità di residenziali e per servizi pubblici nella parte sud del centro abitato in continuità con l abitato esistente. o Potenziare l offerta di strutture commerciali medio-piccole e di vicinato; o Potenziamento della rete ecologica del rete del reticolo minore: canale Gambalone Vivo o Realizzazione all interno del settore di riferimento della kyoto forest nell area interclusa tra v. Emilia e ferrovia o Localizzare le nuove edificazioni in continuità con quelle esistenti, evitando la formazioni di aree intercluse inutilizzabili. o Collegare in rete i principali servizi pubblici. Puntuali o Mettere in relazione l attuazione dei nuovi insediamenti alla risoluzione del problemi connessi al traffico di attraversamento lungo la Via Emilia. 148

3 3. DOTAZIONI TERRITORIALI Infrastrutture per l urbanizzazione degli insediamenti - Infrastrutture per la mobilità: o Adeguare la sezione stradale di strada Viazza di Martorano al fine di migliorare l accessibilità alle aree produttive del settore e di limitare l impatto del traffico sulla residenza. o Attuare interventi di traffic-calming sul tratto di via Emilia Ovest che interessa le aree urbanizzate, limitando il traffico dei veicoli pesanti e incrementando i percorsi fra le aree a servizi e quelle residenziali attuate e previste. o La pista ciclabile di valenza territoriale (direttrice lungo la via Emilia) che collega il centro urbano alla città dovrà essere opportunamente connessa con una rete minore (nord-sud) di percorsi interni di collegamento agli insediamenti residenziali della frazione. o Viabilità primaria (radiale di collegamento territoriale): contestualmente alla realizzazione della Variante alla via Emilia Est, la strada storica dovrà essere riqualificata e messa in sicurezza al fine di conferirle una connotazione prettamente urbana e di collegamento diretto ai centri principali di Parma e di Reggio Emilia. o Il recupero di capacità sulla strada storica consentirà il potenziamento del trasporto pubblico verso il centro di Parma, il parcheggio scambiatore est e verso Reggio Emilia. Dotazioni ecologiche e ambientali Le dotazioni e standard minimi di qualità ecologico-ambientale devono accompagnare gli interventi di trasformazione e riqualificazione proposti. Dotazione Fabbisogno Requisiti prestazionali Localizzazione Misure di risparmio energetico Consumo termico non superiore a 50 kwh/m 2 Per tutte le nuove edificazioni (ed eventualmente le ristrutturazioni secondo quanto indicato dal nuovo PEC) dovranno essere intraprese le azioni di risparmio energetico da individuare tra quelle di seguito elencate: orientamento degli edifici, serramenti a bassa trasmittanza, certificazione energetica, collegamento alla rete di TLR e - cogenerazione di quartiere, contabilizzazione energetica, valvole termostatiche, sistemi di illuminazione ad alta efficienza, Interramento o spostamento di parte della rete elettrica AT 680 Potenziamento della rete ecologica del reticolo minore Siepi perimetrali di mitigazione visiva dell edificato impianti solari termici, impianti solari fotovoltaici. Da definire in sede di POC garantire il rispetto del limite di qualità (0,2 microt), che non dovrà interessare recettori sensibili o edifici in cui sia richiesta la presenza di persone per 4 o più ore giornaliere; in seguito all eventuale interramento dovrà essere misurata l ampiezza della fascia di rispetto citata per verificare la correttezza delle previsioni effettuate 3,4 ha complessivi di settore - come da Tavola Rete ecologica Da definire in sede di POC Mascheramento delle nuove edificazioni - Per ulteriori specificazioni sulle caratteristiche delle mitigazioni si rimanda alla Val.S.A.T. allegato 4.B. Attrezzature e spazi collettivi - Attrezzature e spazi collettivi di carattere comunale: - Limitare il traffico all interno del centro abitato intervenendo con la messa in sicurezza della strada di attraversamento; - Collegare in rete i principali servizi pubblici; - Trasformare alcune aree agricole perimetrali al fine di costituire un margine netto e ben riconoscibile con l inserimento di aree a verde pubblico attrezzato e a verde sportivo; - Favorire l integrazione spazio-funzionale tra i servizi esistenti (scuola elementare Zerbini) e le aree a standard da realizzare all interno delle schede Norma Af3 e Bf12. Prestazioni di qualità urbana richieste: - Ai fini prestazionali di qualità urbana, i volumi dell edificato nelle aree di completamento previste dovranno rispettare e rapportarsi alla morfologia del quartiere. Inoltre nella progettazione degli spazi aperti sarà buona norma incrementare la qualità di quest ultimi attraverso l attento studio dei materiali, il potenziamento del verde negli spazi di risulta e la completa fruibilità dei percorsi ciclo-pedonali. - Realizzare nuovi servizi al cittadino nella parte nord della frazione compresa tra la via Emilia e la ferrovia

4 4. SUB AMBITI DI TRASFORMAZIONE Al fine di ottenere gli obiettivi prefissati, l ambito AC 11a comprenderà al suo interno i seguenti: Sub ambiti di trasformazione Sub - ambito Codice Funzione caratterizzante Ut Indice di Utilizzazione [m²/ m²] Ut Parziale [m²/ m²] St SLU Lorda Utile Polo Funzionale ERP [%] Abitanti teorici [ab] Standard in loco minimi Schede Norma di trasformazione / riqualificazione PSC previgente Scheda Norma Sub ambito Funzione caratterizzante St SLU Lorda Utile Abitanti teorici [ab] Standard 150

5 Ambito AN 11b 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito AN 11b è parte del settore S. Prospero che si trova a circa 2 chilometri a est dalla città in direzione Reggio Emilia. L area di competenza del settore corrisponde approssimativamente al perimetro identificato dalle aree urbanizzate della frazione e si sviluppa prevalentemente a sud di via Emilio Lepido. Caratteri morfologici e funzionali: San Prospero è un borgo rurale prevalentemente residenziale cresciuto a ridosso della via Emilia. Pur non avendo spazi urbani fortemente riconoscibili risulta ben organizzato funzionalmente, con al centro i servizi, ad ovest in corrispondenza di strada Quingenti la zona residenziale e sul lato opposto le aree produttive. Le attività commerciali sono poche e di piccole dimensioni, collocate lungo la via Emilia. Vulnerabilità delle risorse naturali e pressioni antropiche Risorse naturali Acque superficiali e sotterranee: l ambito è parte di un settore attraversato da due canali del reticolo idrografico secondario, il Cavo Vallicella ed il Rio delle Fontane. Per quanto riguarda le acque sotterranee, il settore è interessato da una Zona con protezione parziale degli acquiferi principali. Rischio idraulico: il settore di riferimento ricade nell area di piena catastrofica del torrente Enza (fascia C) Biodiversità e paesaggio: il settore di cui è parte si caratterizza per la presenza del nucleo urbano di San Prospero e per le aree agricole attigue, intervallate da filari interpoderali. Il Rio delle Fontane è un elemento della rete ecologica del reticolo idrografico minore. Pressioni antropiche Rumore: l ambito risulta in gran parte caratterizzato da buone condizioni di clima acustico, sebbene si evidenzino condizioni di criticità relativamente alle zone prospicienti la zona produttiva e le infrastrutture viabilistiche e ferroviarie. Sistema fognario: gran parte del settore di cui è parte è servito dal sistema fognario e depurativo. Radiazioni non ionizzanti: l ambito è collocato in un settore interessato dall attraversamento di una linea ad alta tensione, che determina impatti non trascurabili in relazione alla discreta densità abitativa dell area. Attività a rischio potenziale di incidente: nell ambito non sono presenti attività produttive a potenziale rischio di incidente. Aspetti problematici riscontrati: o Forte impatto ambientale degli assi infrastrutturali sugli insediamenti; o Presenza di elementi tecnologici di impatto ambientale (elettrodotti); o Carenza nell offerta di servizi nel settore di riferimento; o Carenza di strutture commerciali nel settore di riferimento; o Condizioni di criticità acustica nelle zone prospicienti aree produttive e le principali infrastrutture viabilistiche e ferroviarie; o Presenza di una linea elettrica AT. 151

6 2. DISCIPLINA GENERALE Politiche urbanistiche generali che si vogliono perseguire: obiettivo generale dell ambito è quello di incentivare il ruolo urbano della frazione aumentando l offerta di residenza ed incrementando i servizi esistenti. Obiettivi particolari e complementari: o Limitare il traffico all interno del centro abitato; o Incrementare l offerta residenziale; o Garantire una maggior qualità e quantità dei servizi presenti; o Garantire il collegamento ciclabile con Parma; o Limitare l inquinamento acustico generato dall infrastruttura viaria di attraversamento; o Garantire l attraversamento dell ambito da parte degli elementi della rete ecologica; o Riduzione dell esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. Interventi di trasformazione / riqualificazione proposti: Generali o Potenziare la disponibilità di residenziali e per servizi pubblici nella parte sud del centro abitato in continuità con l abitato esistente. o Potenziare l offerta di strutture commerciali medio-piccole e di vicinato; o Potenziamento della rete ecologica del rete del reticolo minore: canale Gambalone Vivo o Realizzazione all interno del settore di riferimento della kyoto forest nell area interclusa tra v. Emilia e ferrovia o Localizzare le nuove edificazioni in continuità con quelle esistenti, evitando la formazioni di aree intercluse inutilizzabili. o Collegare in rete i principali servizi pubblici. Puntuali o Mettere in relazione l attuazione dei nuovi insediamenti alla risoluzione del problemi connessi al traffico di attraversamento lungo la Via Emilia. 152

7 3. DOTAZIONI TERRITORIALI Infrastrutture per l urbanizzazione degli insediamenti - Infrastrutture per la mobilità: o Adeguare la sezione stradale di strada Viazza di Martorano al fine di migliorare l accessibilità alle aree produttive del settore e di limitare l impatto del traffico sulla residenza. o Attuare interventi di traffic-calming sul tratto di via Emilia Ovest che interessa le aree urbanizzate, limitando il traffico dei veicoli pesanti e incrementando i percorsi fra le aree a servizi e quelle residenziali attuate e previste. o La pista ciclabile di valenza territoriale (direttrice lungo la via Emilia) che collega il centro urbano alla città dovrà essere opportunamente connessa con una rete minore (nord-sud) di percorsi interni di collegamento agli insediamenti residenziali della frazione. o Viabilità primaria (radiale di collegamento territoriale): contestualmente alla realizzazione della Variante alla via Emilia Est, la strada storica dovrà essere riqualificata e messa in sicurezza al fine di conferirle una connotazione prettamente urbana e di collegamento diretto ai centri principali di Parma e di Reggio Emilia. o Il recupero di capacità sulla strada storica consentirà il potenziamento del trasporto pubblico verso il centro di Parma, il parcheggio scambiatore est e verso Reggio Emilia. Dotazioni ecologiche e ambientali Le dotazioni e standard minimi di qualità ecologico-ambientale devono accompagnare gli interventi di trasformazione e riqualificazione proposti. Dotazione Fabbisogno Requisiti prestazionali Localizzazione Misure di risparmio energetico Consumo termico non superiore a 50 kwh/m 2 Per tutte le nuove edificazioni (ed eventualmente le ristrutturazioni secondo quanto indicato dal nuovo PEC) dovranno essere intraprese le azioni di risparmio energetico da individuare tra quelle di seguito elencate: orientamento degli edifici, serramenti a bassa trasmittanza, certificazione energetica, collegamento alla rete di TLR e - cogenerazione di quartiere, contabilizzazione energetica, valvole termostatiche, sistemi di illuminazione ad alta efficienza, Interramento o spostamento di parte della rete elettrica AT 680 impianti solari termici, impianti solari fotovoltaici. Da definire in sede di POC garantire il rispetto del limite di qualità (0,2 microt), che non dovrà interessare recettori sensibili o edifici in cui sia richiesta la presenza di persone per 4 o più ore giornaliere; in seguito all eventuale interramento dovrà essere misurata l ampiezza della fascia di rispetto citata per verificare la correttezza delle previsioni effettuate Siepi perimetrali Da definire in sede di POC Mascheramento delle nuove edificazioni - di mitigazione visiva dell edificato Per ulteriori specificazioni sulle caratteristiche delle mitigazioni si rimanda alla Val.S.A.T. allegato 4.B. Attrezzature e spazi collettivi - Attrezzature e spazi collettivi di carattere comunale: - Limitare il traffico all interno del centro abitato intervenendo con la messa in sicurezza della strada di attraversamento; - Collegare in rete i principali servizi pubblici del settore di riferimento; - Trasformare alcune aree agricole perimetrali al fine di costituire un margine netto e ben riconoscibile con l inserimento di aree a verde pubblico attrezzato e a verde sportivo; - Favorire l integrazione spazio-funzionale tra i servizi esistenti (scuola elementare Zerbini) e le aree a standard da realizzare all interno delle schede Norma Af3 e Bf12. Prestazioni di qualità urbana richieste: - Ai fini prestazionali di qualità urbana, i volumi dell edificato nelle aree di completamento previste dovranno rispettare e rapportarsi alla morfologia del quartiere. Inoltre nella progettazione degli spazi aperti sarà buona norma incrementare la qualità di quest ultimi attraverso l attento studio dei materiali, il potenziamento del verde negli spazi di risulta e la completa fruibilità dei percorsi ciclo-pedonali. - Realizzare nuovi servizi al cittadino nella parte nord della frazione compresa tra la via Emilia e la ferrovia

8 4. SUB AMBITI DI TRASFORMAZIONE Al fine di ottenere gli obiettivi prefissati, l ambito AN 11b comprenderà al suo interno i seguenti: Sub ambiti di trasformazione Sub - ambito Codice Funzione caratterizzante Ut Indice di Utilizzazione [m²/ m²] Ut Parziale [m²/ m²] St SLU Lorda Utile Polo Funzionale ERP [%] Abitanti teorici [ab] Standard in loco minimi San Prospero Sud 11 S2 Residenza 0,16 0, % Schede Norma di trasformazione / riqualificazione PSC previgente Scheda Norma Sub ambito Funzione caratterizzante St SLU Lorda Utile Abitanti teorici [ab] Standard Scheda Norma Af3 - San Prospero 11 SN1 Residenza Scheda Norma Bf12 - San Prospero Est 11 SN2 Residenza

9 Ambito APC 11c 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito APC 11c è parte del settore S. Prospero che si trova a circa 2 chilometri a est dalla città in direzione Reggio Emilia. L area di competenza del settore corrisponde approssimativamente al perimetro identificato dalle aree urbanizzate della frazione e si sviluppa prevalentemente a sud di via Emilio Lepido. Caratteri morfologici e funzionali: San Prospero è un borgo rurale prevalentemente residenziale cresciuto a ridosso della via Emilia. Pur non avendo spazi urbani fortemente riconoscibili risulta ben organizzato funzionalmente, con al centro i servizi, ad ovest in corrispondenza di strada Quingenti la zona residenziale e sul lato opposto le aree produttive. Le attività commerciali sono poche e di piccole dimensioni, collocate lungo la via Emilia. Vulnerabilità delle risorse naturali e pressioni antropiche Risorse naturali Acque superficiali e sotterranee: l ambito è parte di un settore attraversato da due canali del reticolo idrografico secondario, il Cavo Vallicella ed il Rio delle Fontane. Per quanto riguarda le acque sotterranee, il settore è interessato da una Zona con protezione parziale degli acquiferi principali. Rischio idraulico: il settore di riferimento ricade nell area di piena catastrofica del torrente Enza (fascia C) Biodiversità e paesaggio: il settore di cui è parte si caratterizza per la presenza del nucleo urbano di San Prospero e per le aree agricole attigue, intervallate da filari interpoderali. Il Rio delle Fontane è un elemento della rete ecologica del reticolo idrografico minore. Pressioni antropiche Rumore: l ambito risulta in gran parte caratterizzato da buone condizioni di clima acustico, sebbene si evidenzino condizioni di criticità relativamente alle zone prospicienti le infrastrutture viabilistiche e ferroviarie. Sistema fognario: gran parte del settore di cui è parte è servito dal sistema fognario e depurativo. Radiazioni non ionizzanti: l ambitonon è interessato dall attraversamento di linee ad alta tensione. Attività a rischio potenziale di incidente: nell ambito non sono presenti attività produttive a potenziale rischio di incidente. Aspetti problematici riscontrati: o Forte impatto ambientale degli assi infrastrutturali; o Carenza nell offerta di servizi nel settore di appartenenza; o Carenza di strutture commerciali nel settore di appartenenza; o Condizioni di criticità acustica nelle zone prospicienti le principali infrastrutture viabilistiche e ferroviarie. 155

10 2. DISCIPLINA GENERALE Politiche urbanistiche generali che si vogliono perseguire: obiettivo generale dell ambito è quello di incentivare il ruolo urbano della frazione incrementando il commercio/direzionale e gli spazi verdi. Obiettivi particolari e complementari: o Limitare il traffico; o Garantire una maggior qualità e quantità dei servizi presenti; o Garantire il collegamento ciclabile con Parma; o Limitare l inquinamento acustico generato dall infrastruttura viaria di attraversamento; o Garantire l attraversamento dell ambito da parte degli elementi della rete ecologica. Interventi di trasformazione / riqualificazione proposti: Generali o Potenziare la disponibilità di zone commerciali e direzionali nella parte ovest del centro abitato in continuità con l abitato esistente. o Potenziare l offerta di strutture commerciali medio-piccole e di vicinato; o Potenziamento della rete ecologica del rete del reticolo minore: canale Gambalone Vivo o Realizzazione all interno del settore di riferimento una kyoto forest nell area interclusa tra v. Emilia e ferrovia o Localizzare le nuove edificazioni in continuità con quelle esistenti, evitando la formazioni di aree intercluse inutilizzabili. o Collegare in rete i principali servizi pubblici. Puntuali o Mettere in relazione l attuazione dei nuovi insediamenti alla risoluzione del problemi connessi al traffico di attraversamento lungo la Via Emilia. 156

11 3. DOTAZIONI TERRITORIALI Infrastrutture per l urbanizzazione degli insediamenti - Infrastrutture per la mobilità: o Adeguare la sezione stradale di strada Viazza di Martorano al fine di migliorare l accessibilità alle aree produttive del settore e di limitare l impatto del traffico sulla residenza. o Attuare interventi di traffic-calming sul tratto di via Emilia Ovest che interessa le aree urbanizzate, limitando il traffico dei veicoli pesanti e incrementando i percorsi fra le aree a servizi e quelle residenziali attuate e previste. o La pista ciclabile di valenza territoriale (direttrice lungo la via Emilia) che collega il centro urbano alla città dovrà essere opportunamente connessa con una rete minore (nord-sud) di percorsi interni di collegamento agli insediamenti residenziali della frazione. o Viabilità primaria (radiale di collegamento territoriale): contestualmente alla realizzazione della Variante alla via Emilia Est, la strada storica dovrà essere riqualificata e messa in sicurezza al fine di conferirle una connotazione prettamente urbana e di collegamento diretto ai centri principali di Parma e di Reggio Emilia. o Il recupero di capacità sulla strada storica consentirà il potenziamento del trasporto pubblico verso il centro di Parma, il parcheggio scambiatore est e verso Reggio Emilia. Dotazioni ecologiche e ambientali Le dotazioni e standard minimi di qualità ecologico-ambientale devono accompagnare gli interventi di trasformazione e riqualificazione proposti. Dotazione Fabbisogno Requisiti prestazionali Localizzazione Misure di risparmio energetico Consumo termico non superiore a 50 kwh/m 2 Per tutte le nuove edificazioni (ed eventualmente le ristrutturazioni secondo quanto indicato dal nuovo PEC) dovranno essere intraprese le azioni di risparmio energetico da individuare tra quelle di seguito elencate: orientamento degli edifici, serramenti a bassa trasmittanza, certificazione energetica, collegamento alla rete di TLR e - cogenerazione di quartiere, contabilizzazione energetica, valvole termostatiche, sistemi di illuminazione ad alta efficienza, Potenziamento della rete ecologica del reticolo minore Aree per forestazione urbana e territoriale (Kyoto forest) Siepi perimetrali di mitigazione visiva dell edificato 3,4 ha complessivi di settore 14,1 ha complessivi di settore impianti solari termici, impianti solari fotovoltaici. - come da Tavola Rete ecologica - come da Tavola Rete ecologica Da definire in sede di POC Mascheramento delle nuove edificazioni - Per ulteriori specificazioni sulle caratteristiche delle mitigazioni si rimanda alla Val.S.A.T. allegato 4.B. Attrezzature e spazi collettivi - Attrezzature e spazi collettivi di carattere comunale: - Limitare il traffico intervenendo con la messa in sicurezza della strada di attraversamento; - Collegare in rete i principali servizi pubblici; - Trasformare alcune aree agricole perimetrali al fine di costituire un margine netto e ben riconoscibile con l inserimento di aree a verde pubblico attrezzato e a verde sportivo; - Favorire l integrazione spazio-funzionale tra i servizi esistenti (scuola elementare Zerbini) e le aree a standard da realizzare all interno delle schede Norma Af3 e Bf12. Prestazioni di qualità urbana richieste: - Ai fini prestazionali di qualità urbana, i volumi dell edificato nelle aree di completamento previste dovranno rispettare e rapportarsi alla morfologia del quartiere. Inoltre nella progettazione degli spazi aperti sarà buona norma incrementare la qualità di quest ultimi attraverso l attento studio dei materiali, il potenziamento del verde negli spazi di risulta e la completa fruibilità dei percorsi ciclo-pedonali. - Realizzare nuovi servizi al cittadino nella parte nord della frazione compresa tra la via Emilia e la ferrovia. 157

12 4. SUB AMBITI DI TRASFORMAZIONE Al fine di ottenere gli obiettivi prefissati, l ambito APC 11c comprenderà al suo interno i seguenti: Sub ambiti di trasformazione Sub - ambito Codice Funzione caratterizzante Ut Indice di Utilizzazione [m²/ m²] Ut Parziale [m²/ m²] St SLU Lorda Utile Polo Funzionale ERP [%] Abitanti teorici [ab] Standard in loco minimi San Prospero Ovest 11 S1 Direzionale / Ricettivo + Commercio 0,25 0, Schede Norma di trasformazione / riqualificazione PSC previgente Scheda Norma Sub ambito Funzione caratterizzante St SLU Lorda Utile Abitanti teorici [ab] Standard 158

13 Ambito APC 11d 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito APC 11d è parte del settore S. Prospero che si trova a circa 2 chilometri a est dalla città in direzione Reggio Emilia. L area di competenza del settore corrisponde approssimativamente al perimetro identificato dalle aree urbanizzate della frazione e si sviluppa prevalentemente a sud di via Emilio Lepido. Caratteri morfologici e funzionali: San Prospero è un borgo rurale prevalentemente residenziale cresciuto a ridosso della via Emilia. Pur non avendo spazi urbani fortemente riconoscibili risulta ben organizzato funzionalmente, con al centro i servizi, ad ovest in corrispondenza di strada Quingenti la zona residenziale e sul lato opposto le aree produttive. Le attività commerciali sono poche e di piccole dimensioni, collocate lungo la via Emilia. Vulnerabilità delle risorse naturali e pressioni antropiche Risorse naturali Acque superficiali e sotterranee: l ambito è parte di un settore attraversato da due canali del reticolo idrografico secondario, il Cavo Vallicella ed il Rio delle Fontane. Per quanto riguarda le acque sotterranee, il settore è interessato da una Zona con protezione parziale degli acquiferi principali. Rischio idraulico: l ambito ricade nell area di piena catastrofica del torrente Enza (fascia C) Biodiversità e paesaggio: il settore di cui è parte si caratterizza per la presenza del nucleo urbano di San Prospero e per le aree agricole attigue, intervallate da filari interpoderali. Il Rio delle Fontane è un elemento della rete ecologica del reticolo idrografico minore. Pressioni antropiche Rumore: nell ambito si evidenziano condizioni di criticità acustica data dalla presenza delle attività produttive oltre alle infrastrutture viabilistiche. Sistema fognario: gran parte del settore di cui è parte è servito dal sistema fognario e depurativo. Radiazioni non ionizzanti: l ambito è interessato dall attraversamento di una linea ad alta tensione, che determina impatti non trascurabili. Attività a rischio potenziale di incidente: nell ambito non sono presenti attività produttive a potenziale rischio di incidente. Aspetti problematici riscontrati: o Forte impatto ambientale degli assi infrastrutturali sugli insediamenti; o Presenza di elementi tecnologici di impatto ambientale (elettrodotti); o Condizioni di criticità acustica nelle zone produttive; o Presenza di una linea elettrica AT che lo attraversa. 159

14 2. DISCIPLINA GENERALE Politiche urbanistiche generali che si vogliono perseguire: obiettivo generale del settore in cui è inserito l ambito è quello di incentivare il ruolo urbano della frazione aumentando l offerta di residenza ed incrementando i servizi esistenti. Obiettivi particolari e complementari: o Limitare il traffico all interno del centro abitato; o Garantire il collegamento ciclabile con Parma; o Limitare l inquinamento acustico generato dall infrastruttura viaria di attraversamento; o Garantire l attraversamento dell ambito da parte degli elementi della rete ecologica; o Riduzione dell esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. Interventi di trasformazione / riqualificazione proposti: Generali o Localizzare le nuove edificazioni in continuità con quelle esistenti, evitando la formazioni di aree intercluse inutilizzabili. Puntuali o Mettere in relazione l attuazione dei nuovi insediamenti alla risoluzione del problemi connessi al traffico di attraversamento lungo la Via Emilia. 160

15 3. DOTAZIONI TERRITORIALI Infrastrutture per l urbanizzazione degli insediamenti - Infrastrutture per la mobilità: o Adeguare la sezione stradale di strada Viazza di Martorano al fine di migliorare l accessibilità alle aree produttive del settore e di limitare l impatto del traffico sulla residenza. o Attuare interventi di traffic-calming sul tratto di via Emilia Ovest che interessa le aree urbanizzate, limitando il traffico dei veicoli pesanti e incrementando i percorsi fra le aree a servizi e quelle residenziali attuate e previste. o La pista ciclabile di valenza territoriale (direttrice lungo la via Emilia) che collega il centro urbano alla città dovrà essere opportunamente connessa con una rete minore (nord-sud) di percorsi interni di collegamento agli insediamenti residenziali della frazione. o Viabilità primaria (radiale di collegamento territoriale): contestualmente alla realizzazione della Variante alla via Emilia Est, la strada storica dovrà essere riqualificata e messa in sicurezza al fine di conferirle una connotazione prettamente urbana e di collegamento diretto ai centri principali di Parma e di Reggio Emilia. o Il recupero di capacità sulla strada storica consentirà il potenziamento del trasporto pubblico verso il centro di Parma, il parcheggio scambiatore est e verso Reggio Emilia. Dotazioni ecologiche e ambientali Le dotazioni e standard minimi di qualità ecologico-ambientale devono accompagnare gli interventi di trasformazione e riqualificazione proposti. Dotazione Fabbisogno Requisiti prestazionali Localizzazione Misure di risparmio energetico Consumo termico non superiore a 50 kwh/m 2 Per tutte le nuove edificazioni (ed eventualmente le ristrutturazioni secondo quanto indicato dal nuovo PEC) dovranno essere intraprese le azioni di risparmio energetico da individuare tra quelle di seguito elencate: orientamento degli edifici, serramenti a bassa trasmittanza, certificazione energetica, collegamento alla rete di TLR e - cogenerazione di quartiere, contabilizzazione energetica, valvole termostatiche, sistemi di illuminazione ad alta efficienza, Interramento o spostamento di parte della rete elettrica AT 680 impianti solari termici, impianti solari fotovoltaici. Da definire in sede di POC garantire il rispetto del limite di qualità (0,2 microt), che non dovrà interessare recettori sensibili o edifici in cui sia richiesta la presenza di persone per 4 o più ore giornaliere; in seguito all eventuale interramento dovrà essere misurata l ampiezza della fascia di rispetto citata per verificare la correttezza delle previsioni effettuate Siepi perimetrali Da definire in sede di POC Mascheramento delle nuove edificazioni - di mitigazione visiva dell edificato Per ulteriori specificazioni sulle caratteristiche delle mitigazioni si rimanda alla Val.S.A.T. allegato 4.B. Attrezzature e spazi collettivi - Attrezzature e spazi collettivi di carattere comunale: - Limitare il traffico all interno del centro abitato intervenendo con la messa in sicurezza della strada di attraversamento; - Collegare in rete i principali servizi pubblici del settore di riferimento; - Trasformare alcune aree agricole perimetrali al fine di costituire un margine netto e ben riconoscibile con l inserimento di aree a verde pubblico attrezzato e a verde sportivo; Prestazioni di qualità urbana richieste: - Ai fini prestazionali di qualità urbana, i volumi dell edificato nelle aree di completamento previste dovranno rispettare e rapportarsi alla morfologia del quartiere. Inoltre nella progettazione degli spazi aperti sarà buona norma incrementare la qualità di quest ultimi attraverso l attento studio dei materiali, il potenziamento del verde negli spazi di risulta e la completa fruibilità dei percorsi ciclo-pedonali

16 4. SUB AMBITI DI TRASFORMAZIONE Al fine di ottenere gli obiettivi prefissati, l ambito APC 11d comprenderà al suo interno i seguenti: Sub ambiti di trasformazione Sub - ambito Codice Funzione caratterizzante Ut Indice di Utilizzazione [m²/ m²] Ut Parziale [m²/ m²] St SLU Lorda Utile Polo Funzionale ERP [%] Abitanti teorici [ab] Standard in loco minimi Area produttiva 11 CP1 * Completamento produttivo 0,5 0, , * da attuarsi attraverso strumento urbanistico attuativo Schede Norma di trasformazione / riqualificazione PSC previgente Scheda Norma Sub ambito Funzione caratterizzante St SLU Lorda Utile Abitanti teorici [ab] Standard 162

17

18

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

LOCALIZZAZIONE Via Montanara, via Langhirano, Parma - Settore 25 Attrezzature territoriali per la ricerca

LOCALIZZAZIONE Via Montanara, via Langhirano, Parma - Settore 25 Attrezzature territoriali per la ricerca Codice identificativo PFE 25a STATO DI ATTUAZIONE ) Campus: esistente Parco Scientifico tecnologico: di indirizzo DENOMINAZIONE Campus Universitario e Parco Scientifico Tecnologico LOCALIZZAZIONE Via Montanara,

Dettagli

Tangenziale Nord. Insediamento urbano lineare. SUB-AMBITO 22S6 PSC- Foglio 7. Parte I: Stato di fatto scala 1:5000. Legenda

Tangenziale Nord. Insediamento urbano lineare. SUB-AMBITO 22S6 PSC- Foglio 7. Parte I: Stato di fatto scala 1:5000. Legenda Insediamento urbano lineare Tangenziale Nord SUB-AMBITO 22S6 PSC- Foglio 7 CTG 01- Tutele e Vincoli Ambientali CTG 02- Emergenze culturali, storiche e paesaggistiche CTG 03- Rispetti e Limiti all'edificabilità

Dettagli

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 Var. 24 Var. 58 Var.168 D.D. 53 Scheda norma D/1 Ex scalo merci V.le Fratti (Tav. P.R.G.23) Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA

Dettagli

Masterplan ZIPA VERDE

Masterplan ZIPA VERDE Masterplan ZIPA VERDE il piano idea e il prg Ambito di nuova urbanizzazione TT1.9 SUL 143.000 mq Destinazioni d uso: industrie e artigianato di produzione (compatibili con l eco-distretto), complessi terziari,

Dettagli

ALLEGATO A1 SCHEDE URBANISTICHE E SCHEDE DI VALSAT

ALLEGATO A1 SCHEDE URBANISTICHE E SCHEDE DI VALSAT Provincia di Reggio Emilia ALLEGATO A1 alle Norme di PSC SCHEDE URBANISTICHE E SCHEDE DI VALSAT Novembre 2006 DIRECTORY: 022001POVIGLIO_PIANOGENERALE2001/PSC 1 FILE: Norme_PSC_Allegato_A1_Schede_novembre2006.doc

Dettagli

Qualità ambientale esterna. Qualità degli ambienti di vita. Salute. Tutela delle risorse. Pratiche e regolamenti per una buona edilizia

Qualità ambientale esterna. Qualità degli ambienti di vita. Salute. Tutela delle risorse. Pratiche e regolamenti per una buona edilizia Pratiche e regolamenti per una buona Regolamento per l l sostenibile ed il risparmio energetico Comune di Altopascio Arch. Lucia Flosi Cheli 20 novembre 2013 Aspetti relativi alla buona previsti dal regolamento

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

Ambito AC 43a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 43a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 43a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito è collocato in un settore situato all estremità nord-ovest del territorio comunale, lungo la direttrice di via Cremonese,

Dettagli

LE AREE OGGETTO DI STUDIO

LE AREE OGGETTO DI STUDIO Comune di SARMATO Provincia di PIACENZA PROGETTO DI RECUPERO E VALORIZZAZIONE AREE EX ZUCCHERIFICIO ERIDANIA REALIZZAZIONE DI UN PARCO FOTOVOLTAICO ALL INTERNO DEL COMPARTO APEA LE AREE OGGETTO DI STUDIO

Dettagli

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art.

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. 12 del D.Lgs n. 4 del 16/01/2008, ai fini della VERIFICA

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

SINTESI DELLE LIMITAZIONI E DELLE CONDIZIONI DI SOSTENIBILITÀ DEGLI AMBITI DI POTENZIALE TRASFORMAZIONE

SINTESI DELLE LIMITAZIONI E DELLE CONDIZIONI DI SOSTENIBILITÀ DEGLI AMBITI DI POTENZIALE TRASFORMAZIONE PREMESSA Il testo che segue, comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC ed allegate all Elab. 1 del POC 2010-2015, costituisce il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. 12 del

Dettagli

Ambito AC 8a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 8a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 8a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: il settore in cui l ambito si inserisce, collocato a sud in adiacenza al centro città, si sviluppa lungo la sponda destra del Torrente

Dettagli

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto PROGETTISTI: gruppo argo architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto Vicolo cilea 11 27029 vigevano pv tel - fax 0381 903221

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7

Dettagli

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia Comune di Sant'Ilario d'enza Provincia di Reggio Emilia L.1150/1942 - L.R. 20/2000 e s.m.i PIANO URBANISTICO COMUNALE Capoluogo Calerno Sindaco Assessore all'urbanistica Segretario Comunale Ufficio Tecnico

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i.

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Allegato 1 Stima degli effetti ambientali attesi

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

Ambito AC 13a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 13a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 13a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito AC 13 a di Vicofertile è situato nel settore sud-ovest del Comune di Parma in adiacenza alle vie Martiri Liberazione e

Dettagli

Cap. 3 - Parametri urbanistici

Cap. 3 - Parametri urbanistici Prof. Paolo Fusero corso di Fondamenti di urbanistica Facoltà di Architettura Università degli Studi G. D Annunzio - Pescara Cap. 3 - Parametri urbanistici In questa lezione vengono descritti alcuni tra

Dettagli

VARIANTE PARZIALE AL PGT 2015 - SCHEDA DI VALUTAZIONE COMPONENTI EFFETTI ATTESI COMPENSAZIONI & MITIGAZIONI MONITORAGGIO

VARIANTE PARZIALE AL PGT 2015 - SCHEDA DI VALUTAZIONE COMPONENTI EFFETTI ATTESI COMPENSAZIONI & MITIGAZIONI MONITORAGGIO DELLA VNTE Rispetto al PGT vigente, decremento delle emissioni in atmosfera attese causate dall'aumento dei veicoli circolanti dei residenti ed dagli impianti a servizio delle residenze. La var. 1 comporta

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Comune di Bologna Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Giovanni Fini Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città Settore Ambiente UI Valutazioni e Controllo

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

REGOLAMENTO DI SOSTENIBILITA AMBIENTALE

REGOLAMENTO DI SOSTENIBILITA AMBIENTALE Legge regionale 03 gennaio 2005, n. 1 Norme per il governo del territorio. Art. 01 - Oggetto e finalità della legge Comma 2. Ai fini di cui al comma 1, i comuni, le province e la Regione perseguono, nell'esercizio

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 2.1 PARCHEGGIO PUBBLICO 3 2.2 IL PROGETTO DEL VERDE E LE SISTEMAZIONI ESTERNE 5 2.3 RETI INFRASTRUTTURALI 6 File PT_OO.UU.G.2_RELAZIONE DESCRITTIVA.docx

Dettagli

ZONA P.I.P. N 11 SAN DAMASO

ZONA P.I.P. N 11 SAN DAMASO ZONA P.I.P. N 11 SAN DAMASO Prescrizioni Urbanistiche L accessibilità al comparto deve avvenire da Via del Girasole, potenziando e favorendo il collegamento con l adiacente area produttiva attraverso la

Dettagli

Ordine degli Ingegneri. Energia per il Governo del Territorio

Ordine degli Ingegneri. Energia per il Governo del Territorio Ordine degli Ingegneri Provincia di Como Energia per il Governo del Territorio L uso razionale dell energia Pertinenza del tema Aspetti pianificatori Proposte Uso razionale dell energia La questione urbana

Dettagli

VARIANTE AL PRG VIGENTE

VARIANTE AL PRG VIGENTE Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA IN VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E IN DISMISSIONE E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO MILANESE.

Dettagli

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE VARIANTE DI PIANO REGOLATORE COMPARTO VALERA NORME DI ATTUAZIONE DEL PR (Estratto) Versione per la prima consultazione Studi Associati sa via Zurigo 19 CP 4046 CH-6904 Lugano tel. +41 091 910 17 30 fax

Dettagli

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 Comune di Rivanazzano Terme SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 DdP - Norme Tecniche di Attuazione: comparazione fra il testo adottato e quello definitivo conseguente

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

Comune di Basiglio. 04.07.12 Piano di Governo del Territorio Presentazione per l adozione

Comune di Basiglio. 04.07.12 Piano di Governo del Territorio Presentazione per l adozione 04.07.12 Presentazione per l adozione Gruppo di lavoro International Arch. Marco Facchinetti Arch. Marco Dellavalle FDA international partner Arch. Roberto Pozzoli STID Dott. Geol. Efrem Ghezzi Dott. Geol.

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

Art. 1 FINALITÀ DELLE OPERE DI MITIGAZIONE AMBIENTALE

Art. 1 FINALITÀ DELLE OPERE DI MITIGAZIONE AMBIENTALE Art. 1 FINALITÀ DELLE OPERE DI MITIGAZIONE AMBIENTALE Le opere di mitigazione ambientale sono previste in tutti quei casi in cui l attività edificatoria interviene in contesti di rilevante pregio ambientale

Dettagli

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI 1.4. Commercio e attività produttive 1.4 ANALISI E DATI Lo spazio attualmente occupato dal commercio e delle attività produttive è l 11% del territorio, pari 1.707.968 mq.

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

Scheda Norma di Riferimento Progettuale ANIR 18 AMBITO PER NUOVI INSEDIAMENTI RESIDENZIALI ANIR 18

Scheda Norma di Riferimento Progettuale ANIR 18 AMBITO PER NUOVI INSEDIAMENTI RESIDENZIALI ANIR 18 AMBITO PER NUOVI INSEDIAMENTI RESIDENZIALI ANIR 18 1 DIMENSIONAMENTO DELL AMBITO Superficie Territoriale: ST mq 9.200 Indice di Utilizzazione Territoriale: UT mq/mq 0,32 Superficie Utile Lorda realizzabile:

Dettagli

risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza di servizi del 22/04/2015

risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza di servizi del 22/04/2015 1 Proponente: Centro Culturale Islamico Via Tasso 37 Sesto San Giovanni Realizzazione del nuovo Centro Culturale Islamico di Sesto San Giovanni risposte ai verbali allegati al verbale della conferenza

Dettagli

NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE - AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE N 2: Piano di Recupero N 3 Albergo Trieste - via San Rocco

NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE - AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE N 2: Piano di Recupero N 3 Albergo Trieste - via San Rocco NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE - AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE N 2: Piano di Recupero N 3 Albergo Trieste - via San Rocco ORTOFOTO PLANIMETRIA AEROFOTOGRAMETRICA (scala 1:1000) Nuclei di antica formazione Criteri

Dettagli

VERSO UNO SVILUPPO SOSTENIBILE

VERSO UNO SVILUPPO SOSTENIBILE VERSO UNO SVILUPPO SOSTENIBILE uno sviluppo che soddisfa le esigenze del presente senza compromettere la possibilità delle future generazioni di soddisfare le proprie Relazione Bruntland Garantire la qualità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA Territorio Monza è il capoluogo della neo provincia di Monza e Brianza ed ha una popolazione residente al 2004 di 122.263 abitanti (120.104 ab. al censimento 2001). Il territorio comunale è di Kmq 32,9

Dettagli

ambiti 20 AUC ambito urbano consolidato della struttura insediativa Albarea, Villanova, Denore, Parasacco

ambiti 20 AUC ambito urbano consolidato della struttura insediativa Albarea, Villanova, Denore, Parasacco codice struttura insediativa denominazione struttura insediativa descrizione 20 struttura insediativa Albarea, Villanova, Denore, Parasacco struttura insediativa costituita da insediamenti sviluppati lungo

Dettagli

1. La costruzione delle linee guida

1. La costruzione delle linee guida 1. La costruzione delle linee guida La costruzione delle linee guida per la qualità paesaggistica e ambientale delle infrastrutture segue il riconoscimento, all interno del PPTR, di due macro sistemi di

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

RAPPORTO PRELIMINARE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTIBILITÀ ALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) - ART. 12 D.L. N. 4/2008

RAPPORTO PRELIMINARE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTIBILITÀ ALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) - ART. 12 D.L. N. 4/2008 AREE DI RIQUALIFICAZIONE URBANA DI CONNESSIONE DEI MARGINI URBANI CALISESE VIA MALANOTTE COMP. OVEST 08/10 AT2-AT5 COMMITTENTE: LA CALISESE IMMOBILIARE SRL SANTERINI GAETANO DI SANTERINI MARIA E C SAS

Dettagli

Dipartimento Riqualificazione Urbana Settore Piani e Progetti Urbanistici U.I. Progettazione Urbanistica. POC rigenerazione di patrimoni pubblici

Dipartimento Riqualificazione Urbana Settore Piani e Progetti Urbanistici U.I. Progettazione Urbanistica. POC rigenerazione di patrimoni pubblici Dipartimento Riqualificazione Urbana Settore Piani e Progetti Urbanistici U.I. Progettazione Urbanistica POC rigenerazione di patrimoni pubblici 3 9 2015 NATURA, FORMAZIONE E OBIETTIVI DEL POC_RPP elaborati

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO VARIANTE N.1

R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO VARIANTE N.1 COMUNE DI FORLIMPOPOLI R.U.E. REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO ai sensi degli artt. 29 e 33 della L.R.20/2000 VARIANTE N.1 GLI STRUMENTI DELLA PIANIFICAZIONE COMUNALE PSC (art. 28 Lr 20/2000) contiene

Dettagli

P.TA A MARE VIA DI VIACCIA

P.TA A MARE VIA DI VIACCIA COMUNE DI PISA Ufficio Speciale del Piano REGOLAMENTO URBANISTICO SCHEDA-NORMA PER LE AREE DI TRASFORMAZIONE SOGGETTE A PIANO ATTUATIVO scheda n.23.1 P.TA A MARE VIA DI VIACCIA D.M.1444/68: ZONA OMOGENEA

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

LAND Milano srl arch. Andreas Kipar

LAND Milano srl arch. Andreas Kipar LA NUOVA RETE DEI PAESAGGI DELLA PROVINCIA DI GORIZIA Contributo della Provincia di Gorizia alla candidatura a Venezia e Nordest capitale della cultura 2019 LAND Milano srl arch. Andreas Kipar 3 settembre

Dettagli

- la circonvallazione Nord (asse Viale 1 Maggio, Via Cafiero, Viale di Vittorio); - Via Gramsci e viale dei Mille.

- la circonvallazione Nord (asse Viale 1 Maggio, Via Cafiero, Viale di Vittorio); - Via Gramsci e viale dei Mille. 33. Sistema AMBIENTE Sub sistema: Rumore La Regione Toscana ha emanato a più riprese norme che incidono sistematicamente sulle varie fonti potenziali e sui requisiti per le opere di mitigazione e/o limitazione

Dettagli

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione:

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione: INDICE SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. PAG. 1 INTERVENTI PREVISTI PAG. 1 PROIEZIONE COSTI COMPLESSIVI AI FINI DELL ATTUAZIONE DEL P.I.I. A CURA DEL SOGGETTO ATTUATORE PAG. 2 QUANTIFICAZIONE DELLE CONVENIENZE

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile

Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Comune di Carugate Provincia di Milano Il Regolamento Edilizio Uno strumento per lo sviluppo sostenibile Fiera Milano City FMC Center 15 Febbraio 2006 COMUNE DI CARUGATE ( Provincia di Milano ) Regione:

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006.

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006. Direzione e Uffici Alla cortese attenzione di Dott.ssa ELISA BIANCHI Ufficio Tecnico Comune di Mesero Via San Bernardo 41 20010 MESERO (MI) PEC: comune.mesero@pec.regione.lombardia.it OGGETTO: Trasmissione

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI NIBION PIA DI GOVER DEL TERRITORIO Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 Elaborati riportanti in rosso le integrazioni e le modifiche apportate a seguito delle proposte di controdeduzione VALUTAZIONE

Dettagli

abitanti min 2.613 7.021 max 8.253 Superficie utile per tipologia commerciale medie 250-2500 11.991 16.000 non alimentari 2500-10000 0 9.

abitanti min 2.613 7.021 max 8.253 Superficie utile per tipologia commerciale medie 250-2500 11.991 16.000 non alimentari 2500-10000 0 9. codice struttura insediativa denominazione struttura insediativa descrizione 3 struttura insediativa Doro struttura insediativa costituita da insediamenti sviluppati linearmente lungo assi stradali e delimitati

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Standard qualitativi per la pianificazione delle zone produttive. Tagung am 24.10.2014

Standard qualitativi per la pianificazione delle zone produttive. Tagung am 24.10.2014 Standard qualitativi per la pianificazione delle zone produttive Tagung am 24.10.2014 Punto di partenza: Nuova definizione della politica di gestione delle zone produttive» Riforma delle zone produttive:

Dettagli

Ditta : Società "I.M. s.r.l. Ubicazione intervento: Via I Maggio loc. Terrafino Comune di Empoli (FI)

Ditta : Società I.M. s.r.l. Ubicazione intervento: Via I Maggio loc. Terrafino Comune di Empoli (FI) Ditta : Società "I.M. s.r.l. Ubicazione intervento: Via I Maggio loc. Terrafino Comune di Empoli (FI) Indice Premessa................................................................................ 3 1.

Dettagli

COMUNE DI VIGNATE PIANO DI RECUPERO P.R.3 Proprietà sig.a TRENTA Maria Teresa Giovanna DETERMINAZIONE DELL INDICE PREMIALE

COMUNE DI VIGNATE PIANO DI RECUPERO P.R.3 Proprietà sig.a TRENTA Maria Teresa Giovanna DETERMINAZIONE DELL INDICE PREMIALE COMUNE DI VIGNATE PIANO DI RECUPERO P.R.3 Proprietà sig.a TRENTA Maria Teresa Giovanna DETERMINAZIONE DELL INDICE PREMIALE Il Regolamento Edilizio comunale descrive le caratteristiche costruttive che i

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo Fase Conoscitiva Quali fattori vanno analizzati La fase conoscitiva analizza: Realtà geoterritoriale (quadro strutturale) Quadro Urbano (infrastrutture, edificato,

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

Ecoabita. Lo standard edilizio ad alta efficienza energetica e qualità dell edilizia

Ecoabita. Lo standard edilizio ad alta efficienza energetica e qualità dell edilizia Ecoabita Lo standard edilizio ad alta efficienza energetica e qualità dell edilizia Ing. Alex Lambruschi Tavolo Tecnico Ecoabita - Comune di Reggio Emilia Ragioni ambientali sociali ed economiche Reggio

Dettagli

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate

Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate Piano di Governo del Territorio del Comune di Buscate VAS Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano integrazione al rapporto ambientale in merito alle osservazioni pervenute in seguito all

Dettagli

Pinerolo Casa Energetica

Pinerolo Casa Energetica Pinerolo Casa Energetica La casa che risparmia e produce energia Soluzioni per trasformare un edificio esistente in casa efficiente Giornata di studio Sala Baralis 28 marzo 2008 Consumi energetici in Europa

Dettagli

Politiche locali per l efficienza negli edifici

Politiche locali per l efficienza negli edifici Politiche locali per l efficienza negli edifici LO STRUMENTO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO Giuliano Dall O Direttore Associazione Rete Punti Energia Milano Giovedi 11 novembre 2004 Centro Congressi Palazzo

Dettagli

Green Technologies in Provincia di Bolzano

Green Technologies in Provincia di Bolzano Green Technologies in Provincia di Bolzano Dott. Geol. Emanuele Sascor - Direttore dell Ufficio Piano CO2, Energia e Geologia TIS Innovation Park, 14 novembre 2012 OBIETTIVO: riduzione delle emissioni

Dettagli

RE 2014. Il nuovo Regolamento Edilizio di Milano: innovazione e sostenibilità degli edifici nuovi ed esistenti

RE 2014. Il nuovo Regolamento Edilizio di Milano: innovazione e sostenibilità degli edifici nuovi ed esistenti RE 2014 Il nuovo Regolamento Edilizio di Milano: innovazione e sostenibilità degli edifici nuovi ed esistenti Parte Quarta Titolo IV AMBIENTE ED ECOSOSTENIBILITA Contenuti Il Titolo IV della parte IV del

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

1. INSERIMENTO URBANISTICO

1. INSERIMENTO URBANISTICO A.S.A. Azienda Servizi Ambientali Comune di Pomarance OPERE DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA AL NUOVO DEPURATORE RELAZIONE INSERIMENTO URBANISTICO Data Aprile 2015 Codice PGI G089-0636-000 Codice Commessa

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

1 DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO

1 DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO DATA: OTTOBRE 2008 COMUNE DI FORLI CONTRATTO DI QUARTIERE: CONNESSIONE FRA LA PRIMA ESPANSIONE URBANA E LA CITTA STORICA TITOLO DELL INTERVENTO: 2. NUOVA COSTRUZIONE

Dettagli

Sub - ambito di trasformazione 04 S5

Sub - ambito di trasformazione 04 S5 Var.131 Var. 188 Sub - ambito di trasformazione 04 S5 Via Piacenza - Comparto EFSA (Tav. P.O.C. 22). PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA L'area, di proprietà comunale,

Dettagli

immagini STORIA DI UNA RIQUALIFICAZIONE URBANA

immagini STORIA DI UNA RIQUALIFICAZIONE URBANA MURA LORENESI A LIVORNO STORIA DI UNA RIQUALIFICAZIONE URBANA Il 29 novembre 2003 sono stati presentati alla città dal Sindaco di Livorno Gianfranco Lamberti gli interventi del Programma di Riqualificazione

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

CONTRODEDUZIONI A OSSERVAZIONI DEL ASS.

CONTRODEDUZIONI A OSSERVAZIONI DEL ASS. 1 Comune di Tarcento PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE UFFICIO TECNICO COMUNALE arch. Federico Canciani V A R I A N T E 3 5 (Zone D, I, O e norme di attuazione) CONTRODEDUZIONI A OSSERVAZIONI DEL ASS.

Dettagli

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda Comune di Cassano d Adda Parco Adda Nord Comune di Pozzuolo Martesana Comune di Trezzo d Adda Comuni interessati dal progetto Inzago, Vaprio d Adda, Truccazzano Pozzo d Adda Busnago Grezzago Trezzano Rosa

Dettagli

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 CESARE LAPIANA Assessore all Ambiente del Comune di Palermo La mobilità nella Città di Palermo 1. MANCANZA DI FLESSIBILITÀ NEL COMPLESSO

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO. Piano di Classificazione Acustica. adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 30.04.

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO. Piano di Classificazione Acustica. adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 22 del 30.04. Allegato A COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE E AGGIORNAMENTO 2013 Piano di Classificazione Acustica adottato con deliberazione del Consiglio

Dettagli