PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE"

Transcript

1 PROGETTO CENTRO ANTIVIOLENZA PER DONNE E MINORI. RIMODULAZIONE PAG.1 DI 10

2 INDICE SISTEMATICO 1. OBIETTIVI GENERALI 5 2. OBIETTIVI SPECIFICI 5 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE SUPPORTO E PROTEZIONE DELLE VITTIME SEGRETARIATO SOCIALE: COLLOQUI INDIVIDUALIZZATI GRUPPI DI MUTUO AIUTO FORMAZIONE RICERCA PUBBLICAZIONE 8 4. DESTINATARI E SOGGETTI COINVOLTI DESTINATARI SOGGETTI COINVOLTI 8 5. RISORSE UMANE, STRUTTURALI E FINANZIARIE RISORSE UMANE 8 6. RISORSE STRUTTURALI 9 7. RISORSE FINANZIARIE 9 AREA: Cultura DIRIGENTE: Dr.ssa Maria Collu SETTORE: Servizi Sociali SEDE: Via Paganini, Sanluri (VS) SERVIZIO: Sociale REDATTO DA: Silvia Casalotto TEL.: FAX.: C.F P.I.: PAG.2 DI 10

3 Premessa Nel febbraio 2007, l ISTAT ha presentato i risultati di una nuova indagine (a cui si rimanda per un esame più approfondito) dedicata al fenomeno delle violenze fisiche e sessuali contro le donne, dal titolo La violenza e i maltrattamenti contro le donne dentro e fuori la famiglia Anno L indagine, riferita ad un campione di 25 mila donne tra i 16 e i 70 anni intervistate nel corso del 2006 e dislocate su tutto il territorio nazionale, distingue tre tipi di violenza contro le donne:la violenza fisica, la violenza sessuale, la violenza psicologica. Da tale indagine è emerso che in Italia si stimano a 6 milioni 743 mila le donne che in età compresa tra i 16 e i 70 anni hanno subito nel corso della vita una violenza fisica o sessuale. Tale numero, se rapportato all intera popolazione italiana appartenente alla stessa fascia di età, rileva che il 31,9% delle donne italiane è stata vittima di violenza fisica o sessuale. In Sardegna, si stima che il 27,1% delle donne appartenete alla fascia di età considerata, è stata vittima nel corso della vita di violenza fisica o sessuale. In particolare i dati ISTAT per la Sardegna registrano delle percentuali più alte rispetto all Italia di donne che hanno subito violenza sessuale prima dei 16 anni da parenti (26,3 % della Sardegna contro il 23,8% dell Italia) e conoscenti/uomo che si conosce di vista (32,2% della Sardegna contro il 24,7% dell Italia). In Sardegna le violenze domestiche, ovvero quelle ad opera del partner attuale o dell ex partner, coinvolgono il 11,0% delle donne, mentre quelle fuori le mura domestiche ad opera di un altro uomo (sconosciuto, parente, conoscente, amico, collega etc.) il 20,9%. Per tali ragioni, si propone un Progetto di contrasto alla violenza contro le donne in cui sono state incluse azioni/iniziative riconducibili alle cinque aree d intervento individuate a livello internazionale come maggiormente significative e prioritarie, ovvero azioni di: - informazione e sensibilizzazione; - lavoro con gli aggressori; - formazione ; - ricerca; - supporto e protezione delle vittime; La Provincia del Medio Campidano con il seguente progetto intende promuovere la realizzazione di: 1) una campagna di informazione e di sensibilizzazione. Con tale campagna si vuole distribuire depliant e locandine, su cui stampare un messaggio in 4 lingue diverse: italiano, inglese, francese, spagnolo. Tale materiale verrà distribuito a medici di base, pediatri, scuole, servizi all infanzia, centri famiglie, pronto soccorso e ad altri luoghi che accolgano donne in difficoltà; 2) una serie di iniziative locali per far conoscere le dimensioni del fenomeno della violenza a livello locale, regionale e nazionale, nonché le attività di sostegno ed aiuto praticate alle donne che si rivolgono ai Centri antiviolenza; PAG.3 DI 10

4 3) un corso di formazione rivolto ad operatori sanitari, sociali, forze dell ordine ed operatori del terzo settore che operano con donne che abbiano subito violenza e che si rivolgono ai presidi territoriali; 4) una ricerca per rilevare ed analizzare i dati della Provincia del Medio Campidano relativi alla violenza alle donne; 5) supporto e protezione delle vittime attraverso l attivazione di un centro antiviolenza attivo dal lunedì al venerdì e un numero verde attivo 24 ore su 24; Il presente progetto intende dare continuità al servizio già attivato con fondi propri dalla Provincia a partire dal mese di settembre Come testimoniano i dati precedentemente indicati la violenza contro le donne si delinea come un fenomeno a forte impatto sociale, con un incidenza di sommerso altissima; diversi studi mettono in evidenza che essa si consuma prevalentemente in ambito familiare, e ciò suggerisce che, oltre alle donne, c è un numero elevato di minori che crescono in un ambiente connotato da tale forma di devianza, quando non la subiscono direttamente. Il fenomeno, come dimostrano gli studi condotti a livello nazionale, coinvolge donne di ogni estrazione sociale e livello culturale. Esso si presenta generalmente come combinazione di violenza fisica, sessuale, psicologica ed economica e può essere definito come violenza di genere, ossia una violenza che trova le sue radici nello squilibrio relazionale e nella disparità di potere tra i sessi. Affrontare il problema significa porre in essere interventi lunghi e complessi, di accompagnamento personalizzato, un forte lavoro di rete e un operatività flessibile, con diverse tipologie di intervento. In modo particolare, per far emergere il fenomeno della violenza dal sommerso e comprenderlo in tutte le sue manifestazioni, è necessario produrre cambiamenti nel contesto sociale e culturale. La violenza è un fenomeno trasversale, che coinvolge, donne, uomini e bambini di ogni età, di ogni ambiente sociale, con diversa scolarità e professione. È un grave evento traumatico, un esperienza intollerabile che annienta il senso di integrità personale, provocando conseguenze fisiche, psicologiche, sociali e pesanti ricadute anche a distanza di tempo. Un evento che lede l identità psicologica e fisica della persona, generando stati d ansia, paure e sentimenti di insicurezza. La violenza domestica è un reato perseguibile legalmente e sempre più donne sanno di poter chiedere informazioni rispetto ai loro diritti e alle soluzioni possibili. Si tratta di un fenomeno molto più esteso di quanto si pensi, vissuto nel silenzio, in solitudine, accompagnato da un sentimento di impotenza e rassegnazione. Le donne che chiedono aiuto ai centri antiviolenza, spesso lo fanno con l'obiettivo di affrancarsi dal marito/compagno maltrattante attraverso la separazione, ed è per questa ragione che le prime richieste di aiuto sono formulate come richieste d' informazioni legali rispetto ai propri diritti. La Provincia del Medio Campidano, come detto, ha attivato nel settembre 2008 con propri fondi di bilancio il centro antiviolenza provinciale. PAG.4 DI 10

5 Tenuto conto dell ambito sovra comunale del servizio, inoltre, la Provincia in sede di aggiornamento di PLUS per l anno 2008, è stata individuata come ente capofila per la redazione del progetto di potenziamento del Centro Antiviolenza. In considerazione del fatto che la Provincia ha ottenuto un finanziamento regionale di ,27 per il potenziamento del proprio Centro Antiviolenza, si ritiene utile rimodulare il progetto presentato alla RAS includendovi, con spese a carico della Provincia, anche il servizio di consulenza legale. In sintesi il progetto dell importo complessivo di ,48 risulta così finanziato: ,27 finanziamento regionale; ,82 spese a carico della Provincia (25% non finanziato dalla RAS); ,39 spese per servizio di consulenza legale a carico della Provincia. 1. OBIETTIVI GENERALI Contrastare il fenomeno della violenza e del maltrattamento subito dalle donne e dai minori; Promuovere la cultura della denuncia, abbattendo le barriere culturali che impediscono l emergere delle situazioni di violenza; Promuovere la sensibilizzazione costante della comunità attraverso campagne pubblicitarie e percorsi formativi organizzati anche in collaborazione con il terzo settore; Promuovere sistemi di rete; Promuovere, in un ottica di pari opportunità, modelli di relazione uomo donna rispettosi della dignità di ciascuno; Contribuire alla ricerca diretta e all elaborazione di dati relativi alla violenza perpetrata sui minori e sulle donne. 2. OBIETTIVI SPECIFICI Offrire uno spazio di ascolto per le donne e i minori vittime di violenza; Offrire uno spazio in cui la donna possa esprimere i propri vissuti, raccontare la propria esperienza di violenza e tracciare insieme all operatore un percorso di uscita dalla violenza che affronti aspetti pratici, organizzativi e psicologici; Attivare un servizio che svolga una funzione di filtro rispetto ai servizi territoriali e specialistici del territorio; Attivare un raccordo con i servizi socio sanitari e gli organi preposti alla tutela delle donne e dei minori; PAG.5 DI 10

6 Provvedere alla sensibilizzazione costante della comunità attraverso campagne pubblicitarie, incontri formativi territoriali, percorsi formativi organizzati anche in collaborazione con il terzo settore; Offrire informazioni sul diritto di famiglia; Offrire una consulenza e supporto legale durante l iter giuridico; Offrire supporto, orientamento, accompagnamento ai servizi preposti alla protezione e all assistenza delle persone vittime di violenza; Contrastare il fenomeno della violenza e del maltrattamento. 3. TEMPI E MODALITÀ DI ATTUAZIONE Si prevede una durata di dodici mesi del progetto ripartito nelle seguenti fasi temporali: 1) Informazione e sensibilizzazione; 2) Supporto e protezione delle vittime; 3) Interventi di sostegno, consulenza e gruppi di mutuo auto aiuto; 4) Formazione; 5) Ricerca; 6) Pubblicazione dei risultati della ricerca, anche sul sito istituzionale della Provincia del Medio Campidano INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE In questa fase verranno attivate una serie di iniziative per far conoscere le dimensioni del fenomeno della violenza a livello locale, regionale e nazionale, nonché le attività di sostegno ed aiuto praticate alle donne nei Centri antiviolenza. Verranno inoltre individuate le sedi riservate e attivato un numero verde attivo 24 ore su 24 con relativo servizio di segreteria telefonica SUPPORTO E PROTEZIONE DELLE VITTIME Interventi di sostegno e consulenza alle vittime attraverso un attività di: SEGRETARIATO SOCIALE: Accoglienza telefonica da parte di un operatore, specializzato e con esperienza, che opererà tutti i giorni della settimana, esclusi il sabato e la domenica, per la raccolta delle richieste di aiuto rispondendo ad un apposito numero verde. Il contatto telefonico consente : - Un primo ascolto e analisi della domanda; PAG.6 DI 10

7 - La valutazione di eventuali emergenze; - La trasmissione di informazioni utili che consentano alla donna l acquisizione della consapevolezza dei propri diritti COLLOQUI INDIVIDUALIZZATI Il colloquio verrà fissato su appuntamento dall operatore dell accoglienza telefonica. Il colloquio di accoglienza diretta consente di: Avere informazioni ed indicazioni sull attività del Centro; Valutare insieme i bisogni in termini di urgenza e di priorità; Definire quale altra consulenza tecnica può essere opportuna ( legale, psicologica, sociale); Costruire un percorso di aiuto per uscire dalla situazione di disagio, maltrattamento, violenza; Supportare e orientare le vittime di violenza nell accesso ai servizi socio sanitari e/o del privato sociale, nelle strutture di accoglienza (case-rifugio) e comunque in tutti quei servizi preposti alla protezione e all assistenza delle vittime di violenza; Fornire una prima consulenza legale e supportare le vittime durante l iter burocratico GRUPPI DI MUTUO AIUTO Il gruppo di mutuo aiuto, inteso come supporto che può interrompere la logica e il perpetuarsi di dinamiche patogene, offre alle vittime di violenza la possibilità di uscire dall isolamento e dalla solitudine concorrendo a prevenire e contenere i numerosi fattori di rischio insiti nella violenza domestica ed extradomestica 3.3. FORMAZIONE Verranno progettati e gestiti corsi di formazione sul tema della violenza e della relazione di aiuto alle vittime, rivolti in modo particolare a: - Scuole; - Forze dell Ordine; - Servizi Sociali; - Operatori sociale e dell accoglienza; - Terzo settore. Inoltre verranno organizzate iniziative culturali per sensibilizzare l opinione pubblica sul tema della violenza RICERCA In questa fase verranno attivati i seguenti interventi: PAG.7 DI 10

8 - Ricerca sul fenomeno della violenza anche in collaborazione con l Osservatorio Welfare della Provincia; - Una messa in rete dei centri antiviolenza attivati nel territorio della Provincia del Medio campidano, con l associazione alla rete dei centri antiviolenza italiani PUBBLICAZIONE Pubblicazione finale di un rapporto sul fenomeno della violenza delle donne nella Provincia del Medio Campidano anche sul sito istituzionale della Provincia del Medio Campidano. 4. DESTINATARI E SOGGETTI COINVOLTI 4.1. DESTINATARI Il servizio è rivolto a tutte le donne che subiscono violenza fisica, sessuale, psicologica, costrizione economica, e che sono minacciate o esposte a maltrattamenti all interno o all esterno dell ambito familiare e ai minori vittime di violenza SOGGETTI COINVOLTI - Provincia del Medio Campidano; - Comuni del Distretto di Sanluri; - Comuni del distretto di Guspini; - Asl n. 6; - Forze dell ordine; - Scuole. 5. RISORSE UMANE, STRUTTURALI E FINANZIARIE 5.1. RISORSE UMANE L equipe professionale dei centri è composta dalle seguenti figure professionali: n. 2 psicologi clinici con competenza specifica nelle tecniche di relazione d aiuto ed esperienza documentata di almeno 12 mesi maturata preferibilmente in servizi attinenti alle problematiche dell abuso e del maltrattamento; n. 2 assistenti sociali; n. 1 avvocato con particolare esperienza in diritto di famiglia maturata preferibilmente in servizi attinenti alle problematiche dell abuso e del maltrattamento. PAG.8 DI 10

9 I professionisti su elencati dovranno essere di sesso femminile e in possesso degli specifici titoli di studio ed iscrizioni ai relativi albi. Detti professionisti dovranno garantire un attività minima di front office, come di seguito specificato: - 3 giorni la settimana per distretto da parte degli Psicologi; - 2 giorni la settimana per distretto da parte dell assistente sociale; - 1 giorno la settimana per distretto da parte del consulente legale. 6. RISORSE STRUTTURALI I Comuni metteranno a disposizione sedi riservate ed attrezzate. 7. RISORSE FINANZIARIE Spese per il personale: OPERATORI ORE PAGA ORARIA TOTALE N. 2 psicoterapeuti (uno per distretto , ,00 per circa 25 ore settimanali) N. 2 assistenti sociali (uno per distretto , ,00 per circa 10 ore settimanali) N. 1 avvocato (1 gg la sett. per , ,00 distretto) Totale complessivo ,00 Spese generali: SPESE GENERALI COSTO Spese di Gestione: Spese di manutenzione ordinaria: (pulizie, spese elettriche ecc sono a carico dei comuni che mettono a disposizione la sede) Spese d indizione gara (a carico della Provincia del Medio Campidano, 2.100,48 Attivazione e gestione numero verde ,00 Documentazione e monitoraggio: Spese per ricerche Spese per seminari e conferenze Spese per pubblicazioni e diffusione dei risultati Spese per attività di sensibilizzazione ,00 Totale ,48 Totale complessivo: FINANZIAMENTO REGIONALE SPESE A CARICO DELLA PROVINCIA (25% non finanziate dalla ras) SPESE A CARICO DELLA PROVINCIA PERSERVIZIO DI CONSULENZA LEGALE E D APPALTO TOTALE PAG.9 DI 10

10 , , , ,48 PAG.10 DI 10

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

le modalità efficaci per terminare la violenza alle donne e ai bambini;

le modalità efficaci per terminare la violenza alle donne e ai bambini; Pagina1 1. MODALITA OPERATIVE ED ORGANIZZATIVE I centri antiviolenza hanno come scopo l eliminazione dei pregiudizi, degli atteggiamenti e dei comportamenti presenti nella società che fanno si che la violenza

Dettagli

RETE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ED AI MINORI DELLA CITTA DI AGRIGENTO

RETE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ED AI MINORI DELLA CITTA DI AGRIGENTO RETE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ED AI MINORI DELLA CITTA DI AGRIGENTO COMUNE DI AGRIGENTO - PROVINCIA REGIONALE DI AGRIGENTO - PROCURA DELLA REPUBBLICA C/O TRIBUNALE ORDINARIO DI AGRIGENTO - QUESTURA

Dettagli

CI SONO STORIE DIFFICILI DA RACCONTARE

CI SONO STORIE DIFFICILI DA RACCONTARE CI SONO STORIE DIFFICILI DA RACCONTARE Conferenza europea di presentazione dei risultati e delle prospettive del progetto 29 GENNAIO 2013 CIRCOLO DELLA STAMPA Corso Venezia, 48 MILANO GRUPPI DI AUTO MUTUO

Dettagli

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti

Centro donna CGIL Cagliari. Servizi offerti Centro donna CGIL Cagliari - Ascolto e accoglienza per le donne in stato di disagio o con difficoltà di vario genere (personali, familiari, relative ad abusi, maltrattamenti e violenza fisica e psicologica)

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO:

TRA PREMESSO TUTTO QUANTO SOPRA PREMESSO OBIETTIVI DEL PROTOCOLLO: PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE. TRA La Prefettura di Modena, l Amministrazione

Dettagli

Proposta del Coordinamento Donne di Trento

Proposta del Coordinamento Donne di Trento Proposta del Coordinamento Donne di Trento Disposizioni per la promozione ed il sostegno di Centri per donne in situazioni di violenza Art. 1 Principi 1. La Provincia Autonoma di Trento coerentemente con

Dettagli

PARTE PRIMA. Art. 2 Definizioni

PARTE PRIMA. Art. 2 Definizioni 23414 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 92 dell 11 07 2014 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 4 luglio 2014, n. 29 Norme per la prevenzione e il contrasto della violenza

Dettagli

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi

Disegno di Legge Regionale. Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere. Art.1 Principi Disegno di Legge Regionale Norme per contrastare e prevenire la violenza di genere Art.1 Principi La Regione Sicilia, in attuazione dei principi della Costituzione e delle leggi vigenti, delle risoluzioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità, di seguito denominato Dipartimento, c.f. n. 80188230587, con sede in Roma, Largo Chigi,

Dettagli

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

: CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO Allegato A Linee generali per la presentazione del progetto di gestione dei servizi di promozione e tutela della donna : CENTRO DONNA INTERCULTURALE, SERVIZIO ANTIVIOLENZA, E CASA D ACCOGLIENZA/ RIFUGIO

Dettagli

SINTESI PROGETTO S.M.S. Scuola Sostegno, Motivazione e Successo

SINTESI PROGETTO S.M.S. Scuola Sostegno, Motivazione e Successo SINTESI PROGETTO S.M.S. Scuola Sostegno, Motivazione e Successo POR SARDEGNA 2000/2006 Misura 3.6 Azione 3.6.a Bando 2005/2006 Il progetto denominato SMS Scuola Sportello di ascolto, orientamento e informazione

Dettagli

ALLEGATO A PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DELLA RETE TERRITORIALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

ALLEGATO A PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DELLA RETE TERRITORIALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE ALLEGATO A PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DELLA RETE TERRITORIALE CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE 1 Premessa generale Visto - La Convenzione del Consiglio d Europa sulla prevenzione e la lotta contro

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO PROTOCOLLO OPERATIVO Per la promozione di strategie condivise finalizzate alla prevenzione ed al contrasto del fenomeno della violenza, prevalentemente domestica, nei confronti delle donne nel Comune di

Dettagli

FIMP SICILIA GIORNATA MONDIALE DELL INFANZIA. 20 novembre 2012. Rassegna Stampa a cura di

FIMP SICILIA GIORNATA MONDIALE DELL INFANZIA. 20 novembre 2012. Rassegna Stampa a cura di FIMP SICILIA GIORNATA MONDIALE DELL INFANZIA 20 novembre 2012 Rassegna Stampa a cura di RASSEGNA STAMPA Giornata Internazionale dell Infanzia L abuso psico-fisico sui minori. Unicef e Fimp: Una realtà

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CONFERENZA UNIFICATA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CONFERENZA UNIFICATA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CONFERENZA UNIFICATA INTESA 27 novembre 2014 Intesa, ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, tra il Governo e le regioni, le province

Dettagli

http://notes.regione.lazio.it/regionelazio/leggi.nsf/ricconsiglio/e38b...

http://notes.regione.lazio.it/regionelazio/leggi.nsf/ricconsiglio/e38b... Pagina 1 di 6 L.R. 19 Marzo 2014, n. 4 Riordino delle disposizioni per contrastare la violenza contro le donne in quanto basata sul genere e per la promozione di una cultura del rispetto dei diritti umani

Dettagli

PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007

PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007 Staff della - Servizio ALL. A PROTOCOLLO di INTESA per la realizzazione di strutture regionali antiviolenza di cui alla l.r. 12/2007 tra REGIONE LIGURIA rappresentata dall Assessore alle Pari Opportunità

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 07-09-2010

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 07-09-2010 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 07-09-2010 25753 Allegato A Linee Guida Regionali sulla gestione e funzionamento della rete dei servizi per la prevenzione ed il contrasto della violenza

Dettagli

RAVENNA, 20 Marzo 2014 ANCHE GLI UOMINI POSSONO CAMBIARE L ESPERIENZA DEL CENTRO LDV- AZIENDA USL DI MODENA 2 ANNI DOPO Monica Dotti-

RAVENNA, 20 Marzo 2014 ANCHE GLI UOMINI POSSONO CAMBIARE L ESPERIENZA DEL CENTRO LDV- AZIENDA USL DI MODENA 2 ANNI DOPO Monica Dotti- RAVENNA, 20 Marzo 2014 ANCHE GLI UOMINI POSSONO CAMBIARE L ESPERIENZA DEL CENTRO LDV- AZIENDA USL DI MODENA 2 ANNI DOPO Monica Dotti- m.dotti@ausl.mo.it La violenza domestica è un fenomeno che riguarda

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

SARDEGNA Sardegna da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008

SARDEGNA Sardegna da: I NUMERI pensati della Giustizia Minorile - Dicembre 2008 SARDEGNA Sardegna 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 302 4. SCENARI REGIONALI SARDEGNA 303 1 RAPPORTO SULLA DEVIANZA MINORILE IN ITALIA 304 4. SCENARI REGIONALI SARDEGNA 305 1 RAPPORTO SULLA

Dettagli

LA RETE Prevenire e Contrastare la Violenza e il Maltrattamento del Comune di Milano

LA RETE Prevenire e Contrastare la Violenza e il Maltrattamento del Comune di Milano LA RETE Prevenire e Contrastare la Violenza e il Maltrattamento del Comune di Milano SOCCORSO VIOLENZA SESSUALE E DOMESTICA (SVSeD) E un servizio d emergenza che offre assistenza sanitaria, medico-legale,

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

ASPETTI METODOLOGICI INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE

ASPETTI METODOLOGICI INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE INDAGINE MULTISCOPO SULLA SICUREZZA DELLE DONNE ASPETTI METODOLOGICI 1. GLI OBIETTIVI CONOSCITIVI DELL INDAGINE La violenza contro le donne e, in particolare, la violenza domestica rappresentano fenomeni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Consultorio Familiare LA CASA di Erba CARTA DEI SERVIZI E lo strumento del quale il Consultorio si è dotato per rendere più facilmente visibili i servizi offerti a coloro che intendono

Dettagli

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 Maria-Grazia Bacchini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 I diritti dei bambini e la Convenzione di New York 20 novembre 1989 ratificata in Italia il 27 maggio 1991 definisce

Dettagli

L associazione Donne contro la violenza Frauen gegen Gewalt ONLUS

L associazione Donne contro la violenza Frauen gegen Gewalt ONLUS L associazione Donne contro la violenza Frauen gegen Gewalt ONLUS L associazione Donne contro la violenza- Frauen gegen Gewalt ONLUS è stata fondata nel 1988 da donne di madrelingua italiana e tedesca

Dettagli

Assessorato alla Salute ed Equità Sociale. Grafica di: Francesca Teot - Comune di Udine

Assessorato alla Salute ed Equità Sociale. Grafica di: Francesca Teot - Comune di Udine Assessorato alla Salute ed Equità Sociale Grafica di: Francesca Teot - Comune di Udine violenza sulle donne Riconosci e combatti la violenza di genere La violenza domestica, quella che avviene quotidianamente

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

PROGETTO: In Genere la Parità è Meglio BANDO Concorso-Premio dedicato alla memoria della Dr.ssa Roberta Zedda

PROGETTO: In Genere la Parità è Meglio BANDO Concorso-Premio dedicato alla memoria della Dr.ssa Roberta Zedda PROGETTO: In Genere la Parità è Meglio BANDO Concorso-Premio dedicato alla memoria della Dr.ssa Roberta Zedda Promotore Azienda Sanitaria Locale di Oristano in collaborazione con l' Ufficio Scolastico

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI #NOVIOLENZA CONTRO LO STALKING, IL FEMMINICIDIO, ED OGNI ALTRA FORMA DI VIOLENZA SULLE DONNE IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI CONCRETI Durante le due settimane (dal 16 al 29 aprile) dell iniziativa No

Dettagli

GUIDA AI CENTRI ANTIVIOLENZA

GUIDA AI CENTRI ANTIVIOLENZA Assessorato alle Pari Opportunità Comune di Rho GUIDA AI CENTRI ANTIVIOLENZA 1 Comune di Rho Assessorato alle Pari Opportunità Si ringrazia per la collaborazione Consiglio Regionale della Lombardia Servizio

Dettagli

COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile

COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile COSTITUZIONE DI UN LABORATORIO DI CRIMINOLOGICA per il sostegno alle vittime di reato a cura di Dea D Aprile PROMOTORE, UNIVERSITA MEIER Medicina Integrata Europea e Ricerca E riconosciuta dal MIUR E iscritta

Dettagli

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE) Allegato n. 2 Circ. 61/2011 1. Titolo Intervento Schema Intervento Titolo IV PROGETTI SPERIMENTALI delle sedi PADOVA e ROVIGO: GRUPPO DI SUPPORTO E AIUTO E CONSULENZA PSICOLOGICA (INDIVIDUALE O/E FAMILIARE)

Dettagli

Accoglienza e presa in carico della persona che ha subito violenza sessuale e domestica

Accoglienza e presa in carico della persona che ha subito violenza sessuale e domestica Accoglienza e presa in carico della persona che ha subito violenza sessuale e domestica Monica Pecorino Meli, Onorina Passeri, Paola Bosco, E. Corona, Serena Battista, Alessia Cazzaniga, Barbara Landi,

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

4. ANALISI DEI SERVIZI DIRETTAMENTE RIVOLTI AL GENERE

4. ANALISI DEI SERVIZI DIRETTAMENTE RIVOLTI AL GENERE 4. ANALISI DEI SERVIZI DIRETTAMENTE RIVOLTI AL GENERE Zero Tolerance Calendidonna Progetto Verde donna Progetto La donna tra casa e lavoro Progetto Agar 90 I SERVIZI DIRETTAMENTE RIVOLTI AL GENERE Come

Dettagli

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA Delib. n. 210-23.4.2014 OGGETTO: Area Affari Generali. Settore Segreteria Generale e Trasparenza. Protocollo d intesa per la costituzione della rete territoriale contro la violenza

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA PER LA COSTRUZIONE DI UNA RETE TERRITORIALE DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

PROTOCOLLO D'INTESA PER LA COSTRUZIONE DI UNA RETE TERRITORIALE DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE PAT Corpo Intercomunale di Polizia Locale Procura della Repubblica di Rovereto Tribunale per i Minorenni di Trento UEPE Punto d Approdo PROTOCOLLO D'INTESA PER LA COSTRUZIONE DI UNA RETE TERRITORIALE DI

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di

Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di PROGRAMMA DEGLI INCONTRI: I Presentazione del corso Inquadramento storico-sociologico del fenomeno Inquadramento storico-giuridico degli interventi del legislatore in materia di violenza sulle donne: -

Dettagli

ANIMAZIONE DI STRADA

ANIMAZIONE DI STRADA DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 3 2. TITOLO AZIONE ANIMAZIONE DI STRADA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

COMUNE DI RAPOLANO TERME DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI RAPOLANO TERME DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI RAPOLANO TERME COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta del 01 settembre 2011 ore 16,40 Presso il Palazzo Comunale di Rapolano Terme Presiede SPANU Emiliano, Sindaco - Assiste Dr. CUCINOTTA

Dettagli

Incontriamoci a scuola

Incontriamoci a scuola a.s. 2014-2015 I. C. via Ferraironi Roma PROGETTO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA Incontriamoci a scuola progetto vincitore bando Regione Lazio Promozione di nuove frontiere per l integrazione sociale Premessa

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

Corso di alta formazione sulla prima assistenza sanitaria alle vittime di violenza di genere e stalking

Corso di alta formazione sulla prima assistenza sanitaria alle vittime di violenza di genere e stalking Corso di alta formazione sulla prima assistenza sanitaria alle vittime di violenza di genere e stalking Programma didattico e modalità di partecipazione 1. Introduzione Il Dipartimento per le Pari Opportunità

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 21 LUGLIO 2012

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 21 LUGLIO 2012 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 21 LUGLIO 2012 NORME PER L INTEGRAZIONE DELLA RETE DEI SERVIZI TERRITORIALI PER L ACCOGLIENZA E L ASSISTENZA ALLE VITTIME DI VIOLENZA DI GENERE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

DIFESA PERSONALE FEMMINILE

DIFESA PERSONALE FEMMINILE DIFESA PERSONALE FEMMINILE A cura di : Adolfo Bei Direttore Tecnico Nazionale Settore Difesa Personale Responsabile Centro Italia I Dati e le tabelle riportati sono stati presi dal sito dell Istituto Nazionale

Dettagli

Caratteristiche e obiettivi del servizio

Caratteristiche e obiettivi del servizio Allegato 2 Specifica Tecnica contenente le caratteristiche del servizio Assistenza domiciliare Disabili Sociale ed Integrata dei Comuni dell Ambito S3 ex S5 Eboli Capofila- Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV)

Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) In collaborazione con: Associazione Culturale Tiziana Vive ONLUS Via Cattaneo 3/A Landriano (PV) L Associazione Tiziana Vive A seguito del recente drammatico episodio di femminicidio che ha sconvolto la

Dettagli

Operatrici e operatori di fronte alla violenza

Operatrici e operatori di fronte alla violenza Operatrici e operatori di fronte alla violenza FRANCA BALSAMO e MARIANNA FILANDRI Questa parte della ricerca aveva lo scopo di rilevare la risposta dei servizi alla violenza contro le donne. L indagine

Dettagli

SINTESI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA GARANZIA GIOVANI

SINTESI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA GARANZIA GIOVANI SINTESI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA GARANZIA GIOVANI ENTE 1) Ente proponente il progetto: FONDAZIONE DI RELIGIONE ISTITUTO MARIA REGINA 2) Titolo del progetto: HANSEL

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI UN SERVIZIO DI SEGRETARIATO. Marzia Trugli

LA PROGETTAZIONE DI UN SERVIZIO DI SEGRETARIATO. Marzia Trugli LA PROGETTAZIONE DI UN SERVIZIO DI SEGRETARIATO Marzia Trugli LEGGE 328/2000 ART. 22 comma 4 le leggi regionali, secondo i modelli organizzativi adottati, prevedono per ogni ambito territoriale l erogazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Identità della Casa. Dove si trova. Come si presenta

CARTA DEI SERVIZI. Identità della Casa. Dove si trova. Come si presenta CARTA DEI SERVIZI Identità della Casa La Chiesa Vittoriese, credendo fermamente alla sacralità della vita umana fin dal suo concepimento, intende dare risposta ai molteplici bisogni che investono la vita

Dettagli

10 ottobre 2014. Violenza assistita. Violenza vissuta. L esperienza del Centro Donna Giustizia di Ferrara

10 ottobre 2014. Violenza assistita. Violenza vissuta. L esperienza del Centro Donna Giustizia di Ferrara 10 ottobre 2014 Violenza assistita. Violenza vissuta. L esperienza del Centro Donna Giustizia di Ferrara Spettatori e Vittime: i minori e la violenza assistita in ambito domestico. Analisi dell efficienza

Dettagli

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza Arianna Attivazione Rete nazionale antiviolenza Il progetto sperimentale Arianna Si propone come azione di sistema volta a fornire un servizio nazionale di accoglienza telefonica alle donne vittime di

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

PIANO NAZIONALE VIOLENZA DI GENERE

PIANO NAZIONALE VIOLENZA DI GENERE PIANO NAZIONALE VIOLENZA DI GENERE La Uil, attraverso i suoi centri di ascolto, pur non condividendo la modalità di consultazione pubblica del piano antiviolenza di genere in quanto non sono chiari i termini

Dettagli

VISTO La Convenzione ONU La Dichiarazione delle Nazioni Unite Raccomandazione Rec(2002)5

VISTO La Convenzione ONU La Dichiarazione delle Nazioni Unite Raccomandazione Rec(2002)5 PROTOCOLLO Per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere, della violenza intrafamiliare, della violenza assistita e degli atti persecutori Per la promozione e attuazione dei programmi di recupero

Dettagli

PROGETTO SCUOLA IN OSPEDALE E A DOMICILIO

PROGETTO SCUOLA IN OSPEDALE E A DOMICILIO PROGETTO SCUOLA IN OSPEDALE E A DOMICILIO Da ragazzo spiare i ragazzi giocare al ritmo balordo del cuore malato e ti viene la voglia di uscire e provare che cosa ti manca per correre al prato, e ti tieni

Dettagli

Il contributo dell Ordine dell Emilia Romagna

Il contributo dell Ordine dell Emilia Romagna PROFESSIONISTI DELL'AIUTO E SICUREZZA SUL LAVORO: IL RISCHIO DI VIOLENZA E AGGRESSIONE VERSO GLI ASSISTENTI SOCIALI II EDIZIONE Bologna 24 maggio 2013 Il contributo dell Ordine dell Emilia Romagna Report

Dettagli

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi

Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Pronto Intervento Lule Carta dei servizi Cooperativa sociale LULE onlus Sede legale: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) Sede operativa: Via Novara 35-20081 Abbiategrasso (MI) tel (02) 94965244 tel

Dettagli

CONSULTORIO LA FAMIGLIA U.C.I.P.E.M. O.N.L.U.S. Autorizzato Regione Lombardia in data 20/12/1977 Accreditato Regione Lombardia in data 07/02/2006

CONSULTORIO LA FAMIGLIA U.C.I.P.E.M. O.N.L.U.S. Autorizzato Regione Lombardia in data 20/12/1977 Accreditato Regione Lombardia in data 07/02/2006 CONSULTORIO LA FAMIGLIA U.C.I.P.E.M. O.N.L.U.S. Autorizzato Regione Lombardia in data 20/12/1977 Accreditato Regione Lombardia in data 07/02/2006 Presidente e Rappresentante Legale Dott. MARIAEMILIA MORO

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Carta dei Servizi. I.R.I.S. Intervento per la Riabilitazione e l Integrazione Sociale Cooperativa sociale Onlus

Carta dei Servizi. I.R.I.S. Intervento per la Riabilitazione e l Integrazione Sociale Cooperativa sociale Onlus I.R.I.S. Intervento per la Riabilitazione e l Integrazione Sociale Cooperativa sociale Onlus Carta dei Servizi Il presente documento costituisce la Carta dei Servizi della cooperativa IRIS, descrive i

Dettagli

Convenzione contro la violenza maschile sulle donne femminicidio convenzioneantiviolenzanomore.blogspot.it

Convenzione contro la violenza maschile sulle donne femminicidio convenzioneantiviolenzanomore.blogspot.it Il 25 novembre 2012, Giornata mondiale contro la violenza maschile sulle donne, non deve essere in Italia una ricorrenza rituale. Alle parole devono corrispondere con forza politiche adeguate per fermare

Dettagli

CONTACT CENTER ANTIOMOFOBIA E TRANSFOBIA. Gay Help Line. Estratto del rapporto del servizio

CONTACT CENTER ANTIOMOFOBIA E TRANSFOBIA. Gay Help Line. Estratto del rapporto del servizio CONTACT CENTER ANTIOMOFOBIA E TRANSFOBIA Gay Help Line Estratto del rapporto del servizio Roma, dicembre 2008 1/13 Gay Help Line Contact center antiomofobia e antitransfobia Statistiche principali Di seguito

Dettagli

PROGETTO ARIANNA ANNUALITA 2008-2009

PROGETTO ARIANNA ANNUALITA 2008-2009 PROGETTO ARIANNA ANNUALITA 2008-2009 Bando di gara Attivazione di una Rete nazionale Antiviolenza e organizzazione e gestione di un servizio di call center mediante attivazione di un numero verde sperimentale

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti

assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti Punto unico di accesso ai servizi per assicurare la presa in carico, ridurre la burocrazia,,garantire i diritti Relazione del Consigliere regionale Maria Grazia Fabrizio Venerdì 11 luglio Milano Noi abitanti

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

MESE DEL BENESSERE PSICOLOGICO (MBP) 1 31 OTTOBRE 2015

MESE DEL BENESSERE PSICOLOGICO (MBP) 1 31 OTTOBRE 2015 MESE DEL BENESSERE PSICOLOGICO (MBP) 1 31 OTTOBRE 2015 Una rete di oltre 400 professionisti psicologi e psicoterapeuti aprono i loro studi per offrire a tutta la cittadinanza, per l intero mese di ottobre,

Dettagli

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA

SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 1. NUMERO AZIONE RIPROGRAMMAZIONE PIANO DI ZONA 2 E 3 ANNO DEL 1 TRIENNIO 6 2. TITOLO AZIONE SPORTELLO DI CONSULENZA PER DONNE IN DIFFICOLTA 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Analisi del Contesto Nel piano

Dettagli

CBM MILANO SETTORE FORMAZIONE

CBM MILANO SETTORE FORMAZIONE CBM MILANO SETTORE FORMAZIONE Da quasi 30 anni istituzioni ed enti si rivolgono a CBM per avere risposta a bisogni di implementazione delle conoscenze, delle competenze e delle capacità degli operatori

Dettagli

Sicurezza. Per non sentirsi vulnerabili

Sicurezza. Per non sentirsi vulnerabili CAPITOLO 7 Sicurezza Per non sentirsi vulnerabili Una percezione soggettiva di serenità e un vissuto di sicurezza oggettiva nella propria vita quotidiana sono dimensioni cardine nella costruzione del benessere

Dettagli

CENTRO antiviolenza e CASA di accoglienza

CENTRO antiviolenza e CASA di accoglienza DISTRETTO DI ORISTANO PLUS Piano Locale Unitario per i Servizi alla Persona Ente Capofila: Comune di Oristano DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO antiviolenza e CASA di accoglienza per donne vittime

Dettagli

UN FARO A SALVAGUARDIA DELL INFANZIA (Diritti dell infanzia e dell adolescenza)

UN FARO A SALVAGUARDIA DELL INFANZIA (Diritti dell infanzia e dell adolescenza) IO, NOI Associazione di Volontariato per la Solidarietà e l integrazione Sociale Sede legale - Sede Operativa: via delle Meduse, 63a 00054 Fiumicino Tel. 3208594921 066520591 Fax: 0665499252 E.Mail: infoline@ionoi.org

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA L Università degli studi di Messina In collaborazione con il Comitato Pari Opportunità Piano di Azioni positive triennio 2008/2011 Le azioni positive sono, com è noto, lo strumento fondamentale per l attuazione

Dettagli

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 5 - IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PRESENTAZIONE E OBIETTIVI Il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) è un servizio di aiuto a carattere professionale realizzato presso il domicilio delle

Dettagli

PROFESSIONISTI DELL'AIUTO E SICUREZZA SUL LAVORO: IL RISCHIO DI VIOLENZA E AGGRESSIONE VERSO GLI ASSISTENTI SOCIALI II EDIZIONE

PROFESSIONISTI DELL'AIUTO E SICUREZZA SUL LAVORO: IL RISCHIO DI VIOLENZA E AGGRESSIONE VERSO GLI ASSISTENTI SOCIALI II EDIZIONE PROFESSIONISTI DELL'AIUTO E SICUREZZA SUL LAVORO: IL RISCHIO DI VIOLENZA E AGGRESSIONE VERSO GLI ASSISTENTI SOCIALI II EDIZIONE 24 maggio 2013 Il contributo dell Ordine dell Emilia Romagna Report dei questionari

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Uffici di Promozione Sociale dell Ambito Territoriale XXII

Uffici di Promozione Sociale dell Ambito Territoriale XXII Uffici di Promozione Sociale dell Ambito Territoriale XXII Gli UPS Riferimenti normativi Con il nuovo titolo V della nostra Costituzione (legge costituzionale 3/01) si iscrivono per la prima volta nella

Dettagli

Nel dominio del padre

Nel dominio del padre Daniela Lucatti Elena Liotta Massima Baldocchi Bambini e bambine ostaggi delle separazioni Con la collaborazione di Désireé Olianas e Riccardo Guercio Indice Ringraziamenti 9 In apertura Sui diritti e

Dettagli

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin)

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Lunedì 12 settembre venerdì 16 settembre 2011 GLI ITALIANI

Dettagli

Anno IV n.1 agosto 2014

Anno IV n.1 agosto 2014 Anno IV n.1 agosto 2014 Servizio di trasporto sociale Pubblicato un Avviso per garantire servizi di trasporto presso strutture socio sanitarie e scuole ad anziani ed alunni disabili. Il Consorzio per la

Dettagli

per Famiglie e Adolescenti Vulesse Tel.: 0815771338 Cell.: 3357674817 VI Municipalità della Città di Napoli

per Famiglie e Adolescenti Vulesse Tel.: 0815771338 Cell.: 3357674817 VI Municipalità della Città di Napoli Centro di Psicologia e Psicoterapia Via Vicinale Maranda n. 25 80147 (NA) per Famiglie e Adolescenti Vulesse Tel.: 0815771338 Cell.: 3357674817 VI Municipalità della Città di Napoli Mail: associazionesvt@gmail.com

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI CASA RIFUGIO elaborata Novembre 2011 ultimo aggiornamento Marzo 2015

LA CARTA DEI SERVIZI CASA RIFUGIO elaborata Novembre 2011 ultimo aggiornamento Marzo 2015 ASSOCIAZIONE MULTIETNICA TERRE UNITE ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE Iscritta nel Registro Regionale del Volontariato e nel Registro delle Associazioni di Solidarietà Familiare. Sede legale:

Dettagli

The Connection between Pet Maltreatment and Domestic Violence. An Italian Pilot Study.

The Connection between Pet Maltreatment and Domestic Violence. An Italian Pilot Study. The Connection between Pet Maltreatment and Domestic Violence. An Italian Pilot Study. DOMPET-VIOLENCE 1) PERCHÉ IL PROGETTO È INNOVATIVO L obiettivo generale del progetto "La connessione tra maltrattamento

Dettagli

L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità)

L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità) L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità) 1. La Regione, in conformità alle disposizioni sancite dagli articoli 2, 3, 29, 30, 31, 36, 37, 38, 47 e 53 della

Dettagli

Il documento di seguito presentato è il risultato di

Il documento di seguito presentato è il risultato di Gli indicatori macrostrutturali di qualità dei servizi e delle prestazioni sanitarie GLI INDICATORI MACROSTRUTTURALI DI QUALITÀ DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI SANITARIE Prima rilevazione regionale Il

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino

GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino GLI EFFETTI DELL ADOZIONE SUL SISTEMA dei SERVI SOCIO-SANITARI Una ricerca sugli esiti adottivi nel territorio dell Ulss 5 ovest-vicentino Pianezzola Giulia In questi ultimi anni le adozioni nazionali

Dettagli

I dati allarmanti degli incidenti domestici nei bambini: un progetto di prevenzione nell ASP di Cosenza

I dati allarmanti degli incidenti domestici nei bambini: un progetto di prevenzione nell ASP di Cosenza I dati allarmanti degli incidenti domestici nei bambini: un progetto di prevenzione nell ASP di Cosenza U.O. Pediatria di Comunità ASP Cosenza 1 Gli infortuni domestici rappresentano la prima causa di

Dettagli