Unità 13 Il sistema endocrino

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Unità 13 Il sistema endocrino"

Transcript

1 Unità 13 Il sistema endocrino Obiettivi Comprendere il ruolo del sistema endocrino nel controllo dell organismo Capire le relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Saper distinguere i principali meccanismi d azione degli ormoni Conoscere le principali ghiandole endocrine e gli ormoni da esse prodotti Comprendere il ruolo svolto da alcuni ormoni nel controllo dell omeostasi

2 Prova di competenza Minacce ormonali Perché molte sostanze inquinanti interferiscono con il normale sviluppo sessuale di molti animali? 2

3 Lezione 1 LA REGOLAZIONE MEDIANTE MESSAGGERI CHIMICI 3

4 13.1 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Il sistema endocrino e il sistema nervoso Sono i principali sistemi di comunicazione interna dell organismo Il sistema endocrino Utilizza messaggeri chimici che raggiungono le proprie cellule bersaglio attraverso la circolazione sanguigna Coordina risposte lente ma durature Il sistema nervoso Trasmette impulsi elettrici attraverso le cellule nervose Risposta rapida e di breve durata 4

5 13.1 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Ormoni Sono messaggeri chimici del sistema endocrino Molecole segnale Si spostano nel sistema circolatorio Trasmettono messaggi di regolazione a organi e tessuti Sono secreti da Ghiandole endocrine Cellule neurosecretrici 5

6 Vescicole secretrici Vaso sanguigno Cellula bersaglio Cellula endocrina Molecole di ormone 6

7 13.1 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo I neurostrasmettitori Alcune molecole funzionano come ormoni nel sistema endocrino e come neurotrasmettitori nel sistema nervoso Nel sistema nervoso trasportano l informazione da una cellula nervosa a un altra (nervosa o di diverso tipo) adiacente Raggiunta l estremità di una cellula nervosa, l impulso nervoso stimola la secrezione di neurotrasmettitori che, a differenza degli ormoni, non vengono trasportati dal sangue 7

8 Cellula nervosa Impulsi nervosi Molecole di neurotrasmettitore Cellula nervosa 8

9 13.1 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Le cellule neurosecretrici Sono cellule specializzate del sistema nervoso che svolgono le funzioni tipiche del sistema nervoso e di quello endocrino Trasmettono impulsi nervosi e, come le cellule endocrine, rilasciano anche ormoni nel sangue 9

10 Vaso sanguigno Cellula neurosecretrice Cellula bersaglio Molecole di ormone 10

11 13.1 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo STEP BY STEP In che modo, di solito, gli ormoni si spostano da una ghiandola endocrina alla loro cellula bersaglio? 11

12 13.2 Gli ormoni agiscono sulle cellule bersaglio tramite due meccanismi principali La segnalazione da parte degli ormoni richiede tre passaggi Ricezione del segnale Trasduzione del segnale Risposta 12

13 13.2 Gli ormoni agiscono sulle cellule bersaglio tramite due meccanismi principali Gli ormoni idrosolubili Sono proteine o peptidi (da 3 a 30 amminoacidi Agiscono tramite recettori incorporati nella membrana della cellula bersaglio che presentano porzioni sporgenti verso l esterno - L ormone si lega al recettore, attivandolo - Il legame attiva, in sequenza, diversi ripetitori proteici (trasduzione del segnale) - L ultimo ripetitore attiva una proteina effettrice 13

14 Ormone idrosolubile (adrenalina) 1 Proteina recettore Cellula bersaglio Membrana plasmatica 14

15 Ormone idrosolubile (adrenalina) 1 Proteina recettore Cellula bersaglio 2 Membrana plasmatica Ripetitori proteici Trasuzione del segnale 15

16 Ormone idrosolubile (adrenalina) 1 Proteina recettore Cellula bersaglio 2 Membrana plasmatica Ripetitori proteici Trasuzione del segnale 3 Glicogeno Glucosio Risposta della cellula (in questo esempio:la demolizione del glicogeno) 16

17 13.2 Gli ormoni agiscono sulle cellule bersaglio tramite due meccanismi principali Gli ormoni steroidei Sono lipidi sintetizzati a partire dal colesterolo Idrofobi e liposolubili, possono diffondere attraverso la membrana fosfolipidica delle cellule Legano il proprio recettore direttamente nel nucleo o nel citoplasma della cellula bersaglio Il complesso ormone-recettore si lega a specifici siti del DNA e attiva la trascrizione di specifici geni inducendo la sintesi di determinate proteine 17

18 Ormone liposolubile (testosterone) 1 Cellula bersaglio Nucleo 18

19 Ormone liposolubile (testosterone) 1 Cellula bersaglio 2 Recetore proteico Nucleo 19

20 Ormone liposolubile (testosterone) 1 Cellula bersaglio 2 Recetore proteico DNA Nucleo 3 Complesso ormone- recettore 20

21 Ormone liposolubile (testosterone) 1 Cellula bersaglio 2 Recetore proteico 3 Nucleo DNA 4 mrna Complesso ormone- recettore Trascrizione Nuova proteina Risposta della cellula: attivazione di un gene e sintesi di una nuova proteina 21

22 13.2 Gli ormoni agiscono sulle cellule bersaglio tramite due meccanismi principali STEP BY STEP Quali sono le principali differenze nel meccanismo d azione degli ormoni idrosolubili e liposolubili? 22

23 Lezione 2 IL SISTEMA ENDOCRINO DEI VERTEBRATI 23

24 13.3 Il sistema endocrino dei vertebrati comprende molti organi che secernono ormoni Delle molte ghiandole che compongono il sistema endocrino dei vertebrati, soltanto alcune, come la tiroide e l ipofisi, svolgono una funzione esclusivamente endocrina 24

25 Ipotalamo Epifisi Ipofisi Timo Tiroide Paratiroidi Ghiandole surrenali Pancreas Ovaia (nella femmina) Testicolo (nel maschio) 25

26 13.3 Il sistema endocrino dei vertebrati comprende molti organi che secernono ormoni Gli ormoni possiedono un ampia varietà di bersagli Gli ormoni sessuali, che promuovono lo sviluppo delle caratteristiche sessuali maschili e femminili, agiscono sulla maggior parte dei tessuti dell organismo Altri ormoni, come il glucagone, hanno come bersaglio soltanto pochi tipi di cellule Alcuni ormoni attivano altre ghiandole endocrine: l ipofisi, per esempio, produce l ormone tireotropo, che stimola l attività della tiroide 26

27 13.3 Il sistema endocrino dei vertebrati comprende molti organi che secernono ormoni L epifisi (o ghiandola pineale) Il timo È una piccola massa di tessuto delle dimensioni di un pisello localizzata al centro dell encefalo Sintetizza e rilascia melatonina, un ormone in grado di regolare i ritmi biologici È un organo situato sotto lo sterno e ha dimensioni che variano, riducendosi nel corso della vita Agisce nell ambito del sistema immunitario 27

28 28

29 29

30 30

31 13.3 Il sistema endocrino dei vertebrati comprende molti organi che secernono ormoni STEP BY STEP Quali ghiandole secernono ormoni liposolubili tra quelle elencate nella tabella precedente? 31

32 13.4 L ipotalamo e l ipofisi e collegano i sistemi nervoso ed endocrino L ipotalamo Fa parte dell encefalo Riceve dai nervi informazioni sulle condizioni interne dell organismo e sull ambiente esterno Risponde inviando opportuni segnali nervosi oppure ormonali che agiscono sull ipofisi Controlla direttamente l ipofisi, la quale a sua volta produce ormoni che regolano numerose funzioni dell organismo 32

33 13.4 L ipotalamo e l ipofisi e collegano i sistemi nervoso ed endocrino L ipofisi si compone di due parti distinte Lobo posteriore (neuroipofisi): è formato da tessuto nervoso e rappresenta un estensione dell ipotalamo Immagazzina e secerne due ormoni prodotti dall ipotalamo 33

34 13.4 L ipotalamo e l ipofisi e collegano i sistemi nervoso ed endocrino Lobo anteriore (adenoipofisi): è formato da cellule endocrine che sintetizzano e secernono direttamente nel sangue numerosi ormoni molti dei quali controllano l attività di altre ghiandole L ipotalamo controlla l adenoipofisi riversando due tipi di ormoni Gli ormoni di rilascio stimolano l adenoipofisi a secernere ormoni Gli ormoni di inibizione la inducono ad arrestare la secrezione 34

35 Cervello Ipotalamo Neuroipofisi Adenoipofisi (Osso) 35

36 13.4 L ipotalamo e l ipofisi e collegano i sistemi nervoso ed endocrino Un gruppo di cellule neurosecretrici, che partono dall ipotalamo e arrivano alla neuroipofisi, sintetizza e rilascia due ormoni: Ossitocina: induce la muscolatura dell utero a contrarsi durante il parto e le ghiandole mammarie a produrre latte durante l allattamento Ormone antidiuretico (ADH): controlla il riassorbimento di acqua da parte delle cellule dei tubuli renali 36

37 Ipotalamo Ormone Cellula neurosecretrice Neuroipofisi Vaso sanguigno Adenoipofisi Ossitocina ADH Muscolatura dell utero e ghiandole mammarie Tubuli renali 37

38 13.4 L ipotalamo e l ipofisi e collegano i sistemi nervoso ed endocrino Un secondo gruppo di cellule è responsabile della produzione di ormoni di rilascio e inibizione Come risposta risposta l adenoipofisi sintetizza e rilascia: Ormone tireotropo (TSH) Ormone adrenocorticotropo (ACTH) Ormone follicolostimolante (FSH) Ormone luteinizzante (LH) Prolattina 38

39 Cellula neurosecretoria Vaso sanguigno Ormoni di rilascio prodotti dall ipotalamo Cellule endocrine dell adenoipofisi Ormoni dell adenoipofisi TSH ACTH FSH Prolattina e (PRL) LH Somatotropina (GH) Endorfine Tiroide Corticale surrenale Testicoli e ovaie Ghiandole mammarie Tutto il corpo (nei mammiferi) Recettori del dolore nell encefalo 39

40 13.4 L ipotalamo e l ipofisi e collegano i sistemi nervoso ed endocrino L ormone della crescita (GH)è uno dei più importanti tra quelli sintetizzati dall adenoipofisi - Promuove lo sviluppo e la crescita ti tutte le parti del corpo nei giovani mammiferi - Nell età dello sviluppo una sua carenza porta al nansimo, una secrezione eccessiva a gigantismo. 40

41 13.4 L ipotalamo e l ipofisi e collegano i sistemi nervoso ed endocrino Le endorfine sono ormoni sintetizzati dall adenoipofisi che agiscono come antidolorifici naturali - Vengono rilasciate quando il fisico compie intensi sforzi o quando stress e dolore raggiungon una soglia critica per l organismo 41

42 13.4 L ipotalamo e l ipofisi e collegano i sistemi nervoso ed endocrino Attraverso l ipofisi, l ipotalamo controlla la ghiandola tiroide - L ipotalamo rilascia TRH (ormone di rilascio dell ormone tireotropo) - In risposta l ipofisi produce TSH (ormone tireotropo) - Stimolata da TSH, la tiroide rilascia tiroxina - La tiroxina viene convertita in un altro ormone che determina un incremento del tasso metabolico della maggior parte delle cellule - La concentrazione di tiroxina nel sangue funziona anche da feedback negativo per regolare il rilascio di TRH e TSH 42

43 Ipotalamo Inibizione TRH Adenoipofisi Inibizione TSH Tiroide Tiroxina 43

44 13.4 L ipotalamo e l ipofisi e collegano i sistemi nervoso ed endocrino STEP BY STEP L alcol etilico inibisce la secrezione di ADH da parte dell adenoipofisi Quale sarà l effetto di questa azione sulla produzione di urina? 44

45 Lezione 3 ORMONI E OMEOSTASI 45

46 13.5 La tiroide regola lo sviluppo e il metabolismo La tiroide è una ghiandola endocrina localizzata negli esseri umani appena sotto la laringe Produce due ormoni amminici molto simili Tiroxina (T 4 ) e triiodotironina (T 3 ) Attraverso questi ormoni la tiroide regola Procesi di sviluppo Metabolismo Omestasi degli ormoni tiroidei È controllata attraverso un meccanismo a feedback negativo 46

47 13.5 La tiroide regola lo sviluppo e il metabolismo Carenza o eccesso di ormoni tiroidei possono provocare gravi disturbi metabolici Ipertiroidismo Troppi T 4 e T 3 nel sangue Porta a un aumento della pressione del sangue, perdita di peso, irritabilità, sensibilità al caldo La sua forma più comune Graves Ipotiroidismo Insufficienti T 4 e T 3 nel sangue Bassa pressione sanguigna, aumento di peso, intolleranza al freddo e letargia 47

48 48

49 Ipotalamo Nessuna inibizione TRH Adenoipofisi Nessuna inibizione Tiroide TSH Carenza di iodio Produzione di quantità insufficienti di T 4 e T 3 La tiroide si ingrossa e forma il gozzo 49

50 13.5 La tiroide regola lo sviluppo e il metabolismo STEP BY STEP Attraverso quale meccanismo la tiroxina può indurre la tiroide a interrompere la produzione di altra tiroxina? 50

51 13.6 Gli ormoni prodotti dalla tiroide e dalle paratiroidi regolano l omeostasi del calcio La regolazione della concentrazione del calcio nel sangue è ottenuta grazie all azione di due ormoni peptidici antagonisti Calcitonina, secreta dalla tiroide: abbassa la concentrazione ematica del calcio Ormone paratiroideo (PTH), secreto da quattro ghiandole paratiroidi, localizzate sulla superficie della tiroide, fa aumentare la concentrazione ematica del calcio 51

52 7 Calcitonina 8 La tiroide rilascia calcitonina 6 Stimolo: aumento del livello ematico di ioni Ca 2+ Livello di Ca 2+ Livello di Ca 2+ Stimola il deposito di ioni Ca 2+ nelle ossa Omeostasi: normale livello ematico del calcio (circa 10 mg/100 ml) 9 Riduce l assorbimeno di ionica 2+ nei reni Diminuisce la conentrazione di ioni Ca 2+ nel sangue Stimolo: diminuzione del livello ematico di Ioni Ca 2+ (squilibrio) 1 La concentrazione di ioni Ca 2+ aumenta 5 Aumenta l assorbimento di ioni Ca 2+ nell intestino Vitamina D attiva 4 Aumenta l assorbimento di ioni Ca 2+ nei reni Stimola il irlascio di ioni Ca 2+ dalle ossa 3 PTH Le ghiandole paratiroidi rilasciano l ormone paratiroideo 2 Ghiandola paratiroide 52

53 Livello di Ca 2+ Omeostasi: normale livello ematico del calcio (circa 10 mg/100 ml) Livello dica 2+ Stimolo: diminuzione del livello ematico di Ioni Ca 2+ (squilibrio) 1 La concentrazione Blood Ca 2+ risesdi ioni Ca 2+ aumenta 5 Aumenta l assorbimento di ioni Ca 2+ nell intestino Vitamina D attiva 4 Aumenta l assorbimento di ioni Ca 2+ nei reni Stimola il irlascio di ioni Ca 2+ dalle ossa 3 PTH Le ghiandole paratiroidi rilasciano l ormone paratiroideo 2 Ghiandola paratiroide 53

54 7 Calcitonina 8 La tiroide rilascia calcitonina 6 Stimolo: aumento del livello ematico di ioni Ca 2 + Livello di Ca 2+ Livello di Ca 2+ Stimola il deposito di ioni Ca 2 + nelle ossa Omeostasi: normale livello ematico del calcio (circa 10 mg/100 ml) 9 Riduce l assorbimeno di ioni Ca 2 + nei reni Diminuisce la conentrazione di ioni Ca 2+ nel sangue 54

55 13.6 Gli ormoni prodotti dalla tiroide e dalle paratiroidi regolano l omeostasi del calcio STEP BY STEP Quali sono i principali organi bersaglio degli ormoni coinvolti nell omeostasi del calcio? 55

56 13.7 Gli ormoni prodotti dal pancreas regolano il livello di glucosio nel sangue Il pancreas produce due ormoni proteici antagonisti che regolano il livello di glucosio nel sangue Insulina: prodotta dalla cellule beta, nelle isole di Langerhans, segnala alle cellule di prelevare glucosio dalla circolazione sanguigna per utilizzarlo come fonte di energia o immagazzinarlo sotto forma di glicogeno Glucagone: prodotto dalle cellule alfa, nelle isole di Langerhans, mobilita le riserve energetiche delle cellule per aumentare la concentrazione di glucosio nel sangue 56

57 Insulina 3 Le cellule del corpo assorbono più glucosio 2 1 Le cellule beta del pancreas sono stimolate a rilasciare insulina nel sangue Alto livello ematico di glucosio Stimolo: aumento del livello ematico di glucosio (per esempio dopo un pasto molto ricco di carboidrati) Livello del glucosio Il fegato preleva glucosio e lo immagazzina come glicogeno Omeostasi: normale livello ematico di glucosio (circa 90 mg/100 ml) Livello del glucosio 4 Il livello ematico di glucosio scende fino al punto critico e riduce lo stimolo a rilasciare insulina Stimolo: diminuzione del livello ematico di glucosio (per esempio dopo aver saltato un pasto) 5 Basso livello ematico di glucosio Il livello ematico di glucosio sale fino al punto critico e riduce lo stimolo per il rilascio di glucagone 8 Il fegato demolisce il glicogeno rilasciando glucosio nel sangue 7 Glucagone 6 Le cellule alfa del pancreas sono stimolate a rilasciare glucagone nel sangue 57

58 2 Insulina 3 Le cellule del corpo assorbono più glucosio Le cellule beta del pancreas sono stimolate a rilasciare insulina nel sangue 1 Alto livello ematico di glucosio Stimolo: aumento del livello ematico di glucosio (per esempio dopo un pasto molto ricco di carboidrati) Livello del glucosio Il fegato preleva glucosio e lo immagazzina come glicogeno Omeostasi: normale livello ematico di glucosio (circa 90 mg/100 ml) Livello del glucosio 4 Il livello ematico di glucosio scende fino al punto critico e riduce lo stimolo a rilasciare insulina 58

59 Livello del glucosio Omeostasi: normale livello ematico di glucosio (circa 90 mg/100 ml) Livello del glucosio Stimolo: diminuzione del livello ematico di glucosio (per esempio dopo aver saltato un pasto) Il livello ematico di glucosio sale fino al punto critico e riduce lo stimolo per il rilascio di glucagone 8 Il fegato demolisce il glicogeno rilasciando glucosio nel sangue 7 Glucagone 6 Le cellule alfa del pancreas sono stimolate a rilasciare glucagone nel sangue 5 Basso livello ematico di glucosio 59

60 13.7 Gli ormoni prodotti dal pancreas regolano il livello di glucosio nel sangue STEP BY STEP Perché possiamo affermare che la relazione tra insulina e glucagone è simile a quella tra calcitonina e PTH? 60

61 Se il sangue è troppo dolce COLLEGAMENTO salute Nei paesi occidentali il principale responsabile del diabete mellito è uno stile di vita caratterizzato da scarsa attività fisica e consumo di cibi ipercalorici 61

62 62

63 Se il sangue è troppo dolce COLLEGAMENTO salute Il diabete mellito è una grave patologia endocrina caratterizzata dal fatto che le cellule dell organismo non riescono ad assorbire correttamente il glucosio contenuto nel sangue Può essere causato da due condizioni: La concentrazione di insulina nel sangue non è sufficiente Le cellule del corpo non sono in grado di rispondere all azione dell insulina Soltanto in Europa colpisce 30 milioni di persone 63

64 Se il sangue è troppo dolce COLLEGAMENTO salute Due comuni tipologie di diabete mellito Diabete di tipo 1 Malattia autoimmune: le cellule del sistema immunitario dell organismo attaccano e distruggono le cellule beta Il pancreas non riesce a produrre una quantità sufficiente di insulina e il glucosio si accumula nel sangue Diabete di tipo 2: Caratterizzato da una carenza di insulina o, dall incapacità delle cellule bersaglio di reagire in presenza dell ormone Colpisce il 90% circa dei diabetici È spesso associato all obesità e alla scarsa attività fisica 64

65 Se il sangue è troppo dolce COLLEGAMENTO salute Oltre al diabete esistono disturbi che hanno effetti opposti causati dall iperattività delle cellule beta Il risultato è un eccesso di insulina nel sangue dopo i pasti e quindi una scarsa concentrazione di glucosio (ipoglicemia) 65

66 Se il sangue è troppo dolce COLLEGAMENTO salute Di recente è stato sintetizzato un nuovo farmaco, l Insulina Aspart che sembra risolvere alcuni degli effetti collaterali causati dalla somministrazione di insulina 66

67 13.8 Le ghiandole surrenali attivano le risposte del corpo allo stress Le ghiandole surrenali sono situate sopra i reni e secernono ormoni che consentono all organismo di rispondere a condizioni di stress Ognuna è costituita da due ghiandole fuse insieme Una porzione centrale chiamata midollare Una porzione periferica chiamata corticale 67

68 13.8 Le ghiandole surrenali attivano le risposte del corpo allo stress La midollare surrenale produce gli ormoni amminici responsabili della cosiddetta risposta combatti o fuggi, una rapida reazione a situazioni di stress Adrenalina Noradrenalina L attivazione della midollare surrenale è guidata tramite impulsi nervosi da cellule dell ipotalamo 68

69 13.8 Le ghiandole surrenali attivano le risposte del corpo allo stress La corticale surrenale: secerne ormoni steroidei che inducono una risposta allo stress più lenta, ma più duratura Corticosteroidi Mineralcorticoidi Glicocorticoidi La corticale surrenale è controllata dall ipotalamo che, attraverso un ormone di rilascio, induce l ipofisi a secernere l ormone adrenocorticotropo (ACTH) il quale attiva la corticale surrenale 69

70 Rene Ghiandola surrenale Midollare surrenale Corticale surrenale Impulsi nervosi 1 3 Stress Ipotalamo Ormone di rilascio Midollo spinale (sezione trasversale)) Cellula nervosa 4 Adenoipofisi Vaso sanguigno Cellula nervosa ACTH 2 Midollare surrenale ACTH 5 Corticale surrenale Adrenalina e noradrenalina Mineralcorticoidi Glicocorticoidi Risposta rapida allo stress 1. Demolizione del glicogeno; aumento del livello ematico di glucosio 2. Aumento della pressione sanguigna 3. Aumento del ritmo respiratorio 4. Aumento del tasso metabolico 5. Modificazioni del flusso sanguigno, con conseguente aumento dello stato di attenzione e diminuzione dell attività digestiva e renale Risposta a lungo termine allo stress Mineralocorticidi 1. Ritenzione di ioni sodio e di acqua a livello renale 2. Aumento del volume di sangue e della pressione sanguigna Glicocorticoidi 1. Demolizione delle proteine e dei grassi e loro conversione in glucosio, con aumento del livello ematico di glucosio 2. Possibile depressione del sistema immunitario 70

71 Midollare surrenale Rene Ghiandola surrenale Corticale surrenale Stress Nerve signals 1 3 Ipotalamo Ormone di rilascio Midollo spinale (sezione trasversale) Cellula nervosa 4 Adenoipofisi Vaso sanguigno Cellula nervosa ACTH 2 Midollare surrenale ACTH 5 Corticale surrenale Adrenalina e noradrenalina Mineralcorticoidi Glicocorticoidi Risposta rapida allo stress Risposta a lungo termine allo stress 71

72 Risposta rapida allo stress 1. Demolizione del glicogeno; aumento del livello ematico di glucosio 2. Aumento della pressione sanguigna 3. Aumento del ritmo respiratorio 4. Aumento del tasso metabolico 5. Modificazioni del flusso sanguigno, con conseguente aumento dello stato di attenzione e diminuzione dell attività digestiva e renale 72

73 Risposta a lungo termine allo stress Mineralcorticoidi 1.Ritenzione di ioni sodio e di acqua a livello renale 2.Aumento del volume di sangue e della pressione sanguigna Glicocorticoidi 1. Demolizione delle proteine e dei grassi e loro conversione in glucosio, con aumento del livello ematico di glucosio 2. Possibile depressione del sistema immunitario 73

74 13.8 Le ghiandole surrenali attivano le risposte del corpo allo stress STEP BY STEP A quali impulsi e stimoli rispondono, rispettivamente, la midollare surrenale e la corticale surrenale? 74

75 13.9 Le gonadi secernono gli ormoni sessuali Gli ormoni sessuali sono ormoni steroidei che regolano la crescita e lo sviluppo, i cicli riproduttivi e il comportamento sessuale Sono secreti, insieme ai gameti, dalle gonadi Tre categorie principali Estrogeni Progestinici Androgeni 75

76 13.9 Le gonadi secernono gli ormoni sessuali Gli estrogeni regolano il funzionamento del sistema riproduttore femminile e promuovono lo sviluppo di caratteri tipicamente femminili, come ridotte dimensioni del corpo, tono della voce più acuto, presenza del seno e fianchi larghi I progestinici, come il progesterone, sono coinvolti nella preparazione dell utero alla gravidanza e allo sviluppo fetale 76

77 13.9 Le gonadi secernono gli ormoni sessuali Gli androgeni regolano lo sviluppo e il mantenimento del sistema riproduttore maschile L androgeno principale è il testosterone 77

78 78

79 13.9 Le gonadi secernono gli ormoni sessuali STEP BY STEP Come si chiamano le gonadi maschili e femminili negli esseri umani e quali sono i principali ormoni da esse prodotti? 79

Il sistema endocrino

Il sistema endocrino Il sistema endocrino 0 I messaggeri chimici 0 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Gli animali regolano le proprie attività per mezzo di messaggeri chimici. Un ormone è una

Dettagli

realizzato da Irene Valorosi sulla base testuale tratta da "Invito alla biologia" ed. Zanichelli

realizzato da Irene Valorosi sulla base testuale tratta da Invito alla biologia ed. Zanichelli realizzato da Irene Valorosi sulla base testuale tratta da "Invito alla biologia" ed. Zanichelli 1 GLI ORMONI Gli ormoni sono molecole segnale che contribuiscono a coordinare l attività di parti differenti

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI.

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI. IL CORPO UMANO FUNZIONA CORRETTAMENTE SOLO SE TIENE CONTO DELLE CARATTERISTICHE DELL AMBIENTE SIA INTERNO CHE ESTERNO E SE GLI ORGANI DEI SUOI DIVERSI APPARATI SONO COORDINATI TRA LORO. IL SISTEMA NERVOSO

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA GENERALE

ENDOCRINOLOGIA GENERALE ENDOCRINOLOGIA GENERALE Obiettivi Al termine del corso di endocrinologia lo studente dovrebbe conoscere i meccanismi di azione degli ormoni e dovrebbe essere in grado di riconoscere i segni ed i sintomi

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

il sistema endocrino

il sistema endocrino il sistema endocrino Funzioni del sistema endocrino Il sistema endocrino comprende ghiandole e cellule che secernono ormoni, la sua funzione di regolazione ormonale agisce su: crescita, riproduzione, difesa

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

Relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso

Relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Meccanismi di comunicazione cellulare Classificazione degli ormoni Tipologie di recettori ghiandola ormone/i principali azioni fisiologiche ipotalamo

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

CHECK UP TIROIDE (Valutazione dell'equilibrio ormonale) ORMONI E TIROIDE ORMONI TIROIDEI TSH FT3 FT4 GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST CONSIGLI UTILI

CHECK UP TIROIDE (Valutazione dell'equilibrio ormonale) ORMONI E TIROIDE ORMONI TIROIDEI TSH FT3 FT4 GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST CONSIGLI UTILI Paziente: Mario Rossi Cod. Prodotto: 00000 Codice Accettazione: 00000 CCV: 000 Data: 24/12/2015 CHECK UP TIROIDE (Valutazione dell'equilibrio ormonale) ORMONI E TIROIDE ORMONI TIROIDEI TSH FT3 FT4 GUIDA

Dettagli

IL SISTEMA ENDOCRINO 1

IL SISTEMA ENDOCRINO 1 IL SISTEMA ENDOCRINO 1 I messaggeri chimici I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Gli animali regolano le proprie attività per mezzo di messaggeri chimici. Un ormone è una

Dettagli

IL SISTEMA ENDOCRINO 1. ANATOMIA E FISIOLOGIA DEL SISTEMA ENDOCRINO

IL SISTEMA ENDOCRINO 1. ANATOMIA E FISIOLOGIA DEL SISTEMA ENDOCRINO IL SISTEMA ENDOCRINO 1. ANATOMIA E FISIOLOGIA DEL SISTEMA ENDOCRINO GHIANDOLE ENDOCRINE Sono strutture di origine epiteliale che, a differenza delle ghiandole esocrine, hanno perso la connessione con l'epitelio

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

APPARATO ENDOCRINO. Principali ghiandole endocrine. Meccanismi di regolazione della secrezione

APPARATO ENDOCRINO. Principali ghiandole endocrine. Meccanismi di regolazione della secrezione APPARATO ENDOCRINO L apparato endocrino regola importanti funzioni dell organismo operando tramite gli ORMONI Gli ormoni sono sostanze di natura chimica diversa che raggiungono tramite il sangue i loro

Dettagli

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo

Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo Paratiroidi e regolazione del calcio e fosforo Regolazione calcio fosforo La regolazione dei livelli plasmatici di calcio è un evento critico per una normale funzione cellulare, per la trasmissione nervosa,

Dettagli

IL SISTEMA ENDOCRINO

IL SISTEMA ENDOCRINO IL SISTEMA ENDOCRINO PIETRE MILIARI: La scoperta dell insulina La storia cominciò nel 1869, quando Paul Langerhans scoprì che nel pancreas vi erano due tipi di cellule secretici, diversissime tra loro.

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

Ansia tra normalità e patologia

Ansia tra normalità e patologia Ansia tra normalità e patologia Introduzione: lo stress Il termine stress indica la reazione fisiologica causata dalla percezione di situazioni avverse o minacciose. E un termine mutuato dall ingegneria,

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA L IPOFISI: IL GH. Prof. F. Carandente L IPOFISI E SITUATA NELLA SELLA TURCICA CHE E UN INCAVO DELL OSSO SFENOIDE DEL CRANIO

ENDOCRINOLOGIA L IPOFISI: IL GH. Prof. F. Carandente L IPOFISI E SITUATA NELLA SELLA TURCICA CHE E UN INCAVO DELL OSSO SFENOIDE DEL CRANIO ENDOCRINOLOGIA L IPOFISI: IL GH Prof. F. Carandente L IPOFISI E SITUATA NELLA SELLA TURCICA CHE E UN INCAVO DELL OSSO SFENOIDE DEL CRANIO E COSTITUITA DA: LOBO ANTERIORE (ADENOIPOFISI) PARTE INTERMEDIA

Dettagli

una cavità corporea, nel lume di un organo oppure sulla superficie esterna del

una cavità corporea, nel lume di un organo oppure sulla superficie esterna del Il sistema endocrino è costituito da diverse ghiandole endocrine e da molte cellule secretrici di ormoni, localizzate in organi che hanno anche altre funzioni. Vi sono due tipi di ghiandole le ghiandole

Dettagli

SISTEMA ENDOCRINO. Prof.ssa S. Di Giulio

SISTEMA ENDOCRINO. Prof.ssa S. Di Giulio Prof.ssa S. Di Giulio Il Sistema Endocrino svolge, insieme al sistema nervoso, un azione di controllo e regolazione delle funzioni del corpo Mentre però il sistema nervoso opera in maniera rapida, il sistema

Dettagli

CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE

CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE CONGRESSO FIRP 16 Aprile 2011 STRESS E SESSUALITA FEMMINILE Nella nostra vita così pressata e a ritmi veloci è facile sentirsi stressati. Stress è una parola inglese entrata nell uso comune largamente

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

PARATORMONE, CALCITONINA, CALCITRIOLO, MELATONINA

PARATORMONE, CALCITONINA, CALCITRIOLO, MELATONINA PARATORMONE, CALCITONINA, CALCITRIOLO, MELATONINA OMEOSTASI DEL CALCIO E SUA REGOLAZIONE TRE ORMONI: PARATORMONE /PTH CALCITRIOLO CALCITONINA Klinke cap 11.7 Le paratiroidi L ormone paratiroideo o PTH

Dettagli

IL SISTEMA ENDOCRINO S I L V I A G O R I G I O R G I A F A Z I O S U S A N N A D I L E O G I U L I A C O N T E A N N A M I C C O L I

IL SISTEMA ENDOCRINO S I L V I A G O R I G I O R G I A F A Z I O S U S A N N A D I L E O G I U L I A C O N T E A N N A M I C C O L I IL SISTEMA ENDOCRINO S I L V I A G O R I G I O R G I A F A Z I O S U S A N N A D I L E O G I U L I A C O N T E A N N A M I C C O L I INTRODUZIONE La funzione del sistema endocrino è quella di coordinare

Dettagli

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it IPOTALAMO-FUNZIONI Termoregolazione Nel corpo, il calore viene prodotto dalla contrazione muscolare, dall assimilazione degli alimenti e da tutti i processi vitali che contribuiscono al metabolismo basale.

Dettagli

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di

Dettagli

Ormoni. Ghiandola endocrina

Ormoni. Ghiandola endocrina Apparato Endocrino Ghiandola endocrina Ormone Ormoni Un ormone è una sostanza prodotta in piccola quantità da una ghiandola endocrina che trasportata nella circolazione sanguigna raggiunge un tessuto bersaglio

Dettagli

Modalità di trasmissione di segnali chimici tra cellule

Modalità di trasmissione di segnali chimici tra cellule Modalità di trasmissione di segnali chimici tra cellule secrezione autocrina messaggero chimico secrezione paracrina messaggero chimico secrezione endocrina secrezione sinaptica cellule bersaglio messaggero

Dettagli

Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Tiroide: tiroide e follicoli tiroidei Biosintesi, meccanismi cellulari, iodio tiroideo, trasporto

Dettagli

Omeostasi e coordinamento funzioni di un organismo

Omeostasi e coordinamento funzioni di un organismo Omeostasi e coordinamento funzioni di un organismo Organismi unicellulari Organismi pluricellulari Scambi attivi con l ambiente esterno Comunicazione elettrica Comunicazione chimica Meccanismi di comunicazione

Dettagli

Psicosomatica Interazioni tra attività psichica e corpo (immagini tratte dal testo psicosomatica di Fabrizio Benedetti, ed UTET)

Psicosomatica Interazioni tra attività psichica e corpo (immagini tratte dal testo psicosomatica di Fabrizio Benedetti, ed UTET) Psicosomatica Interazioni tra attività psichica e corpo (immagini tratte dal testo psicosomatica di Fabrizio Benedetti, ed UTET) Ipotalamo È l interfaccia tra il sistema nervoso e il resto del corpo Alla

Dettagli

La trasduzione del segnale intracellulare

La trasduzione del segnale intracellulare La trasduzione del segnale intracellulare Chemical signaling mechanisms Amplification in signal transduction pathways Un aspetto importante è il controllo temporale del comportamento cellulare: il trasferimento

Dettagli

Cascate ormonali. Stimoli iniziali neuro-sensoriali Anelli di retroazione negativa (feedback) (ng) ( g) (mg)

Cascate ormonali. Stimoli iniziali neuro-sensoriali Anelli di retroazione negativa (feedback) (ng) ( g) (mg) Ipotalamo-Ipofisi Cascate ormonali Stimoli iniziali neuro-sensoriali Anelli di retroazione negativa (feedback) (ng) ( g) (mg) 3 Nuclei sopra ottico e para ventricolare Ipofisi Anteriore Adenoipofisi

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM 2 INTRODUZIONE Scopo di queste pagine è di fornire alcune informazioni di carattere generale, ma scientificamente corrette, circa il trattamento ormonale che viene somministrato alle persone affette da

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

IL SISTEMA ENDOCRINO UNIVERSITA DEGLI STUDI URBINO FACOLTA DI SCIENZE MOTORIE. Prof.Mauro Andreani 08/marzo/2016

IL SISTEMA ENDOCRINO UNIVERSITA DEGLI STUDI URBINO FACOLTA DI SCIENZE MOTORIE. Prof.Mauro Andreani 08/marzo/2016 UNIVERSITA DEGLI STUDI URBINO FACOLTA DI SCIENZE MOTORIE Prof.Mauro Andreani 08/marzo/2016 SECERNERE ALL INTERNO ORMONI(stimolare eccitare) Messaggeri chimici RECETTORE ORMONE-RECETTORE Essenza del sistema

Dettagli

CONTROLLO ORMONALE DEL METABOLISMO GLUCIDICO DA PARTE DI GLUCAGONE, ADRENALINA E INSULINA

CONTROLLO ORMONALE DEL METABOLISMO GLUCIDICO DA PARTE DI GLUCAGONE, ADRENALINA E INSULINA CONTROLLO ORMONALE DEL METABOLISMO GLUCIDICO DA PARTE DI GLUCAGONE, ADRENALINA E INSULINA QUESTI ORMONI REGOLANO IL FLUSSO DEI METABOLITI NELLA GLICOLISI, NELLA GLICOGENO-SINTESI, NELLA GLIGENO-LISI E

Dettagli

PROFILO DIMAGRIMENTO BASIC (Valutazione dell equilibrio ormonale)

PROFILO DIMAGRIMENTO BASIC (Valutazione dell equilibrio ormonale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 123456 CCV: 460 Data: 01/01/2013

Dettagli

Modalità di trasmissione di segnali chimici tra cellule

Modalità di trasmissione di segnali chimici tra cellule Modalità di trasmissione di segnali chimici tra cellule secrezione autocrina messaggero chimico secrezione paracrina messaggero chimico secrezione endocrina secrezione sinaptica cellule bersaglio messaggero

Dettagli

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale Membrana plasmatica: struttura e funzione Reticolo endoplasmatico Citoscheletro Proteine di membrana Proteine di membrana e segnali Strutture di contatto

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

MODULO 7 LA REGOLAZIONE DEL METABOLISMO, GLI ORMONI NATURA CHIMICA E MECCANISMI D AZIONE DEGLI ORMONI

MODULO 7 LA REGOLAZIONE DEL METABOLISMO, GLI ORMONI NATURA CHIMICA E MECCANISMI D AZIONE DEGLI ORMONI MODULO 7 LA REGOLAZIONE DEL METABOLISMO, GLI ORMONI NATURA CHIMICA E MECCANISMI D AZIONE DEGLI ORMONI Introduzione Negli organismi multicellulari esiste un complesso sistema di comunicazione inter-cellulare

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

Microvilli (circa 600 per cellula) Orletto a spazzola

Microvilli (circa 600 per cellula) Orletto a spazzola Microvilli (circa 600 per cellula) Orletto a spazzola Questa enorme superficie permette che, a livello del digiuno e dell ileo, abbia luogo l assorbimento dei monosaccaridi, degli amminoacidi, degli acidi

Dettagli

APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO

APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO APPARATO RIPRODUTTORE MASCHILE GONADI VIE SPERMATICHE convogliano i gameti all uretra

Dettagli

Acqua: nutriente essenziale

Acqua: nutriente essenziale Acqua: nutriente essenziale Funzioni dell acqua 1. Solvente delle reazioni metaboliche; 2. Regola il volume cellulare; 3. Regola la temperatura corporea; 4. Permette il trasporto dei nutrienti; 5. Permette

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Recettori a tirosina chinasi I recettori a tirosina chinasi presentano vari domini Una regione di legame (extracellulare) Una regione transmembrana Una coda intracellulare con numerose tirosine scaricato

Dettagli

forme diabetiche Diabete di tipo I o magro o giovanile (IDDM): carenza primaria di insulina, più frequente nei giovani e nei bambini. Il deficit insulinico consegue (per predisposizione ereditaria o per

Dettagli

IL SISTEMA ENDOCRINO composizione

IL SISTEMA ENDOCRINO composizione IL SISTEMA ENDOCRINO composizione Le ghiandole endocrine sono importanti organi dislocati in varie sedi del nostro corpo che, attraverso la produzione di ormoni, ne controllano alcune funzioni fondamentali.

Dettagli

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete

Diabete Mellito 'insulina pancreas un aumento dell appetito accompagnato da una perdita di peso corporeo aumentare la diuresi della sete Diabete Mellito Il Diabete mellito è una comune malattia endocrina causata da una carenza relativa o assoluta di insulina. L'insulina è un ormone prodotto da particolari cellule del pancreas (cellule beta)

Dettagli

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse.

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 7 PANCREAS Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. Isole del Langherans Contengono da poche centinaia

Dettagli

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale Comunicazione fra le cellule Le cellule comunicano e interagiscono tra loro tramite il fenomeno della segnalazione cellulare Una cellula segnalatrice produce

Dettagli

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K

Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K Università di Roma Tor Vergata Scienze della Nutrizione umana Biochimica della nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano A.A. 2009-2010 Calcio 2.Vitamina D Fosfosforo Vitamina K VITAMINA D FONTI dieta: necessita

Dettagli

Tiroide. laterali uniti da un segmento. continua con una propaggine. laringe. circa40mmeilpesointornoai20. ad età e fattori geografici

Tiroide. laterali uniti da un segmento. continua con una propaggine. laringe. circa40mmeilpesointornoai20. ad età e fattori geografici Tiroide La tiroide è formata da due lobi laterali uniti da un segmento trasversale (istmo) che si continua con una propaggine (lobo piramidale) aderente alla laringe L altezza media della tiroide è di

Dettagli

La mammella e il latte

La mammella e il latte La mammella e il latte Cenni di anatomia della ghiandola mammaria e suo sviluppo L escrezione e la secrezione dei componenti del latte L eiezione e la modalità di mungitura e i riflessi sulla qualità del

Dettagli

IL SISTEMA ENDOCRINO

IL SISTEMA ENDOCRINO IL SISTEMA ENDOCRINO Il mantenimento dell'omeostasi prevede la regolazione di diverse attività fisiologiche. Le condizioni interne ed esterne al corpo devono essere costantemente soggette a controllo e

Dettagli

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Struttura del sistema nervoso Il sistema nervoso è costituito da neuroni, cioè cellule nervose specializzate,che trasferiscono segnali nelle varie parti del corpo.

Dettagli

Biosintesi dei triacilgliceroli

Biosintesi dei triacilgliceroli Biosintesi dei triacilgliceroli Destino della maggior parte degli acidi grassi sintetizzati o ingeriti: Ø triacilgliceroli (riserva) Ø fosfolipidi (membrane) in base alle necessità metaboliche I triacilgliceroli

Dettagli

Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni. Termoregolazione. gravemente compromessa. Termoregolazione

Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni. Termoregolazione. gravemente compromessa. Termoregolazione La termoregolazione -10 C +40 C Limite superiore di sopravvivenza Termoregolazione gravemente compromessa Termoregolazione efficiente Colpo di calore Lesioni cerebrali, convulsioni Malattie febbrili e

Dettagli

METABOLISMO DEL GLICOGENO

METABOLISMO DEL GLICOGENO METABOLISMO DEL GLICOGENO Struttura del glicogeno DEMOLIZIONE DEL GLICOGENO: GLICOGENOLISI 1) distacco progressivo di unità glucosidiche con formazione di glucosio-1- fosfato: enzima: glicogeno fosforilasi

Dettagli

FAME, APPETITO E SAZIETA

FAME, APPETITO E SAZIETA FAME, APPETITO E SAZIETA 1 FAME Necessità di un organismo ad assumere cibo Nel sistema nervoso centrale, a livello ipotalamico, si distinguono due zone il centro della fame il centro della sazietà La prima

Dettagli

Salvatore Fedele Ass. Studenti per Medicina

Salvatore Fedele Ass. Studenti per Medicina Salvatore Fedele Ass. Studenti per Medicina SISTEMA ENDOCRINO L'apparato endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole (dette ghiandole endocrine) le quali secernono delle sostanze

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

Riprendiamo ora il cosiddetto dogma centrale della biologia: dal gene alla proteina

Riprendiamo ora il cosiddetto dogma centrale della biologia: dal gene alla proteina Riprendiamo ora il cosiddetto dogma centrale della biologia: dal gene alla proteina trascrizione traduzione L mrna lascia il nucleo e si posiziona sugli organelli chiamati ribosomi, contenenti rrna Trascrizione

Dettagli

Generalità del SISTEMA ENDOCRINO

Generalità del SISTEMA ENDOCRINO Generalità del SISTEMA ENDOCRINO Il S.E. è costituito da numerose ghiandole in correlazione umorale tra loro, sparse per il corpo; per questo, più che di apparato, si parla di costellazione endocrina.

Dettagli

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido extracellulare e dalla loro regolazione. Membrana cellulare Ogni cellula presenta

Dettagli

Cosa è il diabete mellito

Cosa è il diabete mellito Cosa è il diabete mellito Il diabete mellito è una malattia a carico del metabolismo. L'origine del nome diabete mellito è greca, e fa riferimento alla caratteristica del miele di essere particolarmente

Dettagli

Sistema endocrino 5. Pancreas endocrino. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona

Sistema endocrino 5. Pancreas endocrino. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Sistema endocrino 5. Pancreas endocrino Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Obiettivi Pancreas endocrino: anatomia fisiologica delle

Dettagli

Sistema nervoso autonomo

Sistema nervoso autonomo Sistema nervoso autonomo Provvede alla regolazione delle funzioni viscerali dell organismo, finalizzate al mantenimento dell omeostasi del mezzo interno L omeostasi è mantenuta grazie all equilibrio tra

Dettagli

Biochimica Umana. Margherita Ruoppolo BDF56731

Biochimica Umana. Margherita Ruoppolo   BDF56731 Biochimica Umana Margherita Ruoppolo margherita.ruoppolo@unina.it www.federica.unina.it www.federica.eu BDF56731 BIOCHIMICA DEGLI ORMONI Testi consigliati: I PRINCIPI di BIOCHIMICA di LEHNINGER D.L. Nelson

Dettagli

Test di s(molo ipofisario in età pediatrica

Test di s(molo ipofisario in età pediatrica Test di s(molo ipofisario in età pediatrica Anatomia dell ipofisi Ormoni della adenoipofisi Adrenocorticotropo o ACTH Somatotropo o GH Follicolostimolante o FSH Luteinizzante o LH Prolattina o PRL Tireotropina

Dettagli

La riproduzione e lo sviluppo

La riproduzione e lo sviluppo La riproduzione e lo sviluppo La riproduzione umana In biologia si definisce riproduzione il processo attraverso il quale vengono generati nuovi individui della stessa specie. La riproduzione umana è caratterizzata

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

Gli ormoni sono : peptidi o glicoproteine steroidi

Gli ormoni sono : peptidi o glicoproteine steroidi L apparato endocrino insieme al sistema nervoso coordina e controlla le attività cellulari e il metabolismo, ma con meccanismi e tempi diversi: veloci per il nervoso, più lenti e di lunga durata per l

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

Scintigrafia tiroidea

Scintigrafia tiroidea Scintigrafia tiroidea UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Materiale didattico a cura di: Prof. Giovanni Lucignani Dr. Angelo Del Sole Asse ipotalamo-ipofisi-tiroide Struttura in cui la secrezione ormonale

Dettagli

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono evidenziate

Dettagli

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto

L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto L indispensabile Vitamina C Previene tutte le malattie Bisogna assumerla nel modo giusto RIZA Sommario Capitolo 1 Le vitamine, sostanze indispensabili al corpo 7 Capitolo 2 La vitamina C: formula, storia

Dettagli

FEGATO. GHIANDOLA ENDOCRINA - Fibrinogeno - Protrombina - Lipoproteine - Colesterolo. GHIANDOLA ESOCRINA - Bile

FEGATO. GHIANDOLA ENDOCRINA - Fibrinogeno - Protrombina - Lipoproteine - Colesterolo. GHIANDOLA ESOCRINA - Bile FEGATO GHIANDOLA ENDOCRINA - Fibrinogeno - Protrombina - Lipoproteine - Colesterolo GHIANDOLA ESOCRINA - Bile Vena epatica Vena porta Vena splenica (gastro-lienale) (stomaco-milza) Vena mesenterica sup.

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

TEV, NEUROTRASMETTITORI E ORMONI

TEV, NEUROTRASMETTITORI E ORMONI TEV, NEUROTRASMETTITORI E ORMONI Andrash dicembre 2006 1.1 Fisiologia energetica In medicina vibrazionale e in tutte le forme di terapia energetica vengono considerati i chakra come i nodi principali nei

Dettagli

OBESITA. 11 Aprile 2013

OBESITA. 11 Aprile 2013 OBESITA 11 Aprile 2013 L obesità è una patologia cronica caratterizzata dall eccessivo accumulo di tessuto adiposo nell organismo ed è causata da fattori ereditari e non ereditari che determinano un introito

Dettagli

SISTEMA ENDOCRINO LA RETE DI INFORMAZIONE ENDOCRINA E ESTREMAMENTE COMPLESSA

SISTEMA ENDOCRINO LA RETE DI INFORMAZIONE ENDOCRINA E ESTREMAMENTE COMPLESSA SISTEMA ENDOCRINO IL SISTEMA ENDOCRINO INSIEME AL SISTEMA NERVOSO ED AL SISTEMA IMMUNITARIO, CON CUI INTERAGISCE, FORNISCE, ATTRAVERSO MESSAGGI CHIMICI, GLI ORMONI, IL COORDINAMENTO FUNZIONALE FRA I TESSUTI

Dettagli

Sistema Endocrino 1. Principi generali. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona

Sistema Endocrino 1. Principi generali. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Sistema Endocrino 1. Principi generali Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Obiettivi Principi generali di fisiologia endocrina Meccanismi

Dettagli

PERCHE DIABETE MELLITO?

PERCHE DIABETE MELLITO? PERCHE DIABETE MELLITO? La definizione di Diabete Mellito la si deve al medico inglese Willis, che nella seconda metà del XVIII secolo, scoprì, assaggiando l urina dei diabetici, che essa era dolce come

Dettagli

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE ANATOMIA 2 Il corpo umano è costituito da organi ed apparati uguali tra maschi e femmine ad esclusione dell apparato riproduttivo. L apparato riproduttivo è composto

Dettagli

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Università degli Studi MagnaGr MagnaGræcia di Catanzaro Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Organizzazione e struttura generale del corpo Livelli di organizzazione, terminologia e

Dettagli

IL SISTEMA ENDOCRINO

IL SISTEMA ENDOCRINO IL SISTEMA ENDOCRINO LA FUNZIONE DEL SISTEMA ENDOCRINO Per coordinare tutte le attività del nostro organismo e mantenere una condizione di equilibrio interno (detta omeostasi) ci serviamo di due sistemi

Dettagli

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale)

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 53480 CCV: 1ad Data: 07/11/2012

Dettagli

CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA

CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA SAPERI CONTENUTI Fisica: - La Luce - Le onde e i suoni - Meccanica (forze, leve, moti) Chimica: - Principi di chimica generale

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE LE PRINCIPALI MOLECOLE CHE PROVVEDONO ALLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI TRA LE CELLULE SONO FATTORI SOLUBILI QUALI NEUROTRASMETTITORI, ORMONI, FATTORI DI CRESCITA, CITOCHINE. UN CASO

Dettagli

Nei metazoi l integrazione delle funzioni di organi e tessuti è realizzata dal sistema nervoso e dal sistema endocrino

Nei metazoi l integrazione delle funzioni di organi e tessuti è realizzata dal sistema nervoso e dal sistema endocrino Nei metazoi l integrazione delle funzioni di organi e tessuti è realizzata dal sistema nervoso e dal sistema endocrino Il sistema nervoso e il sistema endocrino sono dei sistemi di comunicazione I due

Dettagli

CORSO DI ENDOCRINOLOGIA SCIENZE INFERMIERISTICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI

CORSO DI ENDOCRINOLOGIA SCIENZE INFERMIERISTICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI CORSO DI ENDOCRINOLOGIA SCIENZE INFERMIERISTICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI DR. R. GIANNATTASIO ASL NA1 CENTRO LEZIONE 1 ENDOCRINOLOGIA E ORMONI NAPOLI, 01/03/2011 ORMONI SOSTANZE PRODOTTE DALLE

Dettagli

CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO

CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO Il concetto di salute ha subito importanti modificazioni negli ultimi tempi, come indica la definizione dell OMS

Dettagli

Laurea Magistrale in Scienze Motorie - Programma di Endocrinologia -

Laurea Magistrale in Scienze Motorie - Programma di Endocrinologia - Laurea Magistrale in Scienze Motorie - Programma di Endocrinologia - Attività fisica nell anziano: benefici e problematiche Alterazioni nell adattamento ormonale all esercizio fisico nell anziano sano

Dettagli

CORSO DI ENDOCRINOLOGIA SCIENZE INFERMIERISTICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI

CORSO DI ENDOCRINOLOGIA SCIENZE INFERMIERISTICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI CORSO DI ENDOCRINOLOGIA SCIENZE INFERMIERISTICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI DR. R. GIANNATTASIO ASL NA1 CENTRO LEZIONE 1 ENDOCRINOLOGIA E ORMONI NAPOLI, 09/05/2012 ENDOCRINOLOGIA E LA BRANCA DELLA

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli