Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico"

Transcript

1 Il caso pratico 45 di Laura Corsi Finanza agevolata per le imprese Ricerca e sviluppo Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico Il presente articolo analizza il caso di una società lombarda neocostituita che ha deciso di ricorrere al finanziamento agevolato del Fondo Seed per coprire parte del fabbisogno finanziario generato dall idea innovativa in ambito sanitario, che i due soci hanno deciso di realizzare, dopo un esperienza di diversi anni trascorsi a svolgere attività di ricerca e sviluppo presso un laboratorio universitario. Nato per un segmento di mercato generalmente non supportato finanziariamente dagli operatori tradizionali, il Fondo Seed della Regione Lombardia, gestito da Finlombarda S.p.A., sostiene gli investimenti imprenditoriali innovativi nella loro primissima fase di sperimentazione dell idea imprenditoriale, quando la sua validità tecnica è ancora tutta da dimostrare, oltre che da sperimentare. Il Fondo Seed è un tipico finanziamento a medio termine chirografario, concesso nel rispetto della regola sugli aiuti de minimis, secondo quanto stabilito dal Regolamento Ce n. 1998/2006 relativo agli aiuti di importanza minore. Ciascun soggetto beneficiario può godere di un finanziamento a copertura del 100% delle spese ammissibili, di importo compreso tra un minimo di euro ed un massimo di , della durata sino a 36 mesi. Grazie al Fondo Seed, molte idee imprenditoriali nuove trovano il necessario sostegno per esprimersi e per partire, affrontando serenamente i rischi di sviluppo e di produzione che caratterizzano la nascita di un impresa. Il Fondo eroga un finanziamento chirografario a tasso agevolato, con il vantaggio del rimborso in un unica soluzione, comprendente capitale e interessi, alla scadenza del contratto di finanziamento. Proprio in quanto studiato appositamente per la delicata fase di sperimentazione di un progetto innovativo, il Fondo Seed contempla in sé alcune possibili situazioni di difficoltà in cui il soggetto beneficiario potrebbe incorrere dopo l erogazione del finanziamento, offrendo la possibilità di rimessione del debito totale o parziale, in caso, rispettivamente, di impresa in stato di fallimento o di liquidazione. Lo strumento in sintesi I beneficiari Sono ammissibili ai finanziamenti le imprese aventi sede legale e operativa sul territorio lombardo, costituite nella forma di impresa individuale, società di persone o società di capitali, di dimensioni medie, piccole o micro, secondo i parametri comunitari per la determinazione della dimensione aziendale. L intervento del Fondo è limitato a soggetti di recente costituzione o, addirittura, non ancora costituiti, aventi le seguenti caratteristiche: imprese costituite da non oltre 6 mesi alla data di presentazione della domanda; imprese qualificate come spin-off universitari, costituite da non oltre 2 anni alla data di presentazione della domanda; soggetti che si impegnino a costituirsi in forma di impresa entro 90 giorni dall approvazione dell intervento finanziario. Le imprese partecipanti dovranno attivare programmi di sviluppo fondati su applicazioni e so-

2 46 Ipsoa - Finanziamenti su misura News, 10/ Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico luzioni innovative sia di prodotto/servizio, sia di processo, da avviare dopo la presentazione della domanda, in qualsiasi settore economico. Mentre nei primi 6 mesi di applicazione dello strumento, nell anno 2008, erano stati individuati alcuni settori prioritari di intervento, quali ambiente, energia, food, salute, Ict, biotecnologie e materiali avanzati, ai quali erano destinate complessivamente il 60% delle risorse finanziarie stanziate; in seguito il bando è rimasto aperto alla partecipazione di imprese di qualsiasi settore, purché caratterizzate da un progetto innovativo. Gli investimenti ammissibili Sono ammissibili ai finanziamenti agevolati i progetti innovativi di prodotto, di servizio o di processo, avviati successivamente alla data di presentazione della domanda, relativamente alle seguenti tipologie di spese, al netto di Iva: a. consulenze tecniche e servizi esterni finalizzati all attività di sviluppo, prototipazione, sperimentazione e collaudo del prodotto/servizio (incluso l utilizzo di macchinari, impianti, attrezzature, strumentazione informatica, materiali e lavorazioni esterne); b. materie prime da impiegare nella fase di prototipazione, sperimentazione e collaudo del prodotto/servizio; c. acquisizione di marchi, di brevetti, di licenze di produzione, di know how e di conoscenze tecniche non brevettate; d. consulenze tecniche finalizzate alla registrazione di marchi e brevetti (incluse le spese di registrazione); e. opere murarie, impiantistica generale e costi assimilati (nel limite del 15% del valore dell intervento finanziario del Fondo Seed), incluse le spese di progettazione e direzione dei lavori; f. acquisto di macchinari, impianti specifici e attrezzature (nuovi di fabbrica) necessari per il conseguimento delle finalità produttive; g. modificazione di macchinari, impianti specifici e attrezzature, nuovi o esistenti, necessari per il conseguimento delle finalità produttive; h. sistemi gestionali integrati (software & hardware); i. personale dipendente utilizzato nelle fasi di sviluppo del progetto innovativo; j. scorte (nel limite del 10% del valore dell intervento del Fondo Seed). Ai fini dell ammissibilità alle agevolazioni, i suddetti costi, coerenti con la realizzazione del programma di sviluppo, dovranno essere sostenuti nei primi 24 mesi successivi all avvio del programma, riferendosi, per il calcolo del 24 mesi, alla data del primo documento giustificativo di spesa e alla data di liquidazione dell ultimo giustificativo. Tutte le spese oggetto di agevolazione devono essere capitalizzate e, quindi, risultare iscritte nelle immobilizzazioni o a libro cespiti, ad eccezione dei costi per i quali si applicano diverse disposizioni della normativa civilistica o fiscale. Il progetto innovativo dovrà essere avviato entro 90 giorni dalla comunicazione di assegnazione dell intervento finanziario. Per le imprese ancora da costituire, i suddetti 90 giorni decorrono dalla data di costituzione dell impresa. Le caratteristiche dell intervento finanziario Il Fondo Seed è un tipico finanziamento a medio termine chirografario, concesso nel rispetto della regola sugli aiuti de minimis, secondo quanto stabilito dal Regolamento Ce n. 1998/2006 relativo agli aiuti di importanza minore. Ciascun soggetto beneficiario può godere di un finanziamento a copertura del 100% delle spese ammissibili, di importo compreso tra un minimo di euro ed un massimo di , della durata sino a 36 mesi. Il tasso agevolato è pari all Euribor a 6 mesi (determinato come media aritmetica tra gli Euribor a 6 mesi rilevato in advance con periodicità semestrale) maggiorato di uno spread pari all 1% annuo. Non è previsto il classico piano di ammortamento rateizzato dell importo del finanziamento, bensì il rimborso in un unica soluzione alla scadenza del contratto di finanziamento, comprensiva della quota capitale e interessi. Ulteriore agevolazione consiste nella mancata richiesta di garanzie per la concessione del finanziamento. Un meccanismo agevolativo aggiuntivo è previsto in caso di richiesta di finanziamenti bancari, successivi alla concessione dell intervento a valere sul Fondo Seed. In tal caso, è prevista la possibilità di subordinare il rimborso del debito del

3 Ipsoa - Finanziamenti su misura News, 10/ Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico 47 Fondo Seed al rimborso del finanziamento bancario, sino alla scadenza contrattuale, nel limite del triplo dell ammontare dell intervento Seed. L Istituto bancario coinvolto dovrà, a tal fine, sottoscrivere la disciplina della citata subordinazione, così come stabilita da Finlombarda, ente gestore del Fondo. Sono, inoltre, previste alcune tutele per le imprese che, successivamente all erogazione del finanziamento Seed, si trovassero in difficoltà. Per le imprese in stato di liquidazione, qualora il passivo accertato risulti maggiore dell attivo di liquidazione, il debito relativo al Fondo Seed verrà in parte rimesso, fino al 50% del totale del capitale erogato, al fine di consentire il riequilibrio tra passivo accertato e attivo di liquidazione, purché la parziale remissione eviti il fallimento del soggetto beneficiario, consentendo il soddisfacimento di tutti i restanti creditori. Per le imprese in stato di fallimento, la remissione del debito del Fondo Seed sarà integrale e Finlombarda non potrà in alcun modo presentare istanza di insinuazione al passivo. Con la remissione del debito, si verifica anche la rinuncia agli interessi maturati sull intero capitale erogato. Nella Tavola 1 si riassumono i principali vantaggi offerti dalle peculiari caratteristiche del finanziamento a valere sul Fondo Seed. Le procedure Le domande per l accesso al Fondo Seed devono essere presentate mediante procedura informatica, accessibile dal sito dei Finanziamenti online della regione Lombardia, all indirizzo: https://gefo.servizirl.it, previa registrazione del soggetto interessato. La domanda deve essere corredata da una scheda tecnica relativa al progetto innovativo da realizzare e da un budget economico-finanziario, comprendenti: informazioni sui soggetti proponenti, descrizione degli aspetti qualitativi/quantitativi legati al programma innovativo di sviluppo, descrizione qualitativa e quantitativa degli effetti attesi sull attività aziendale, nonché l elaborazione del piano economico-finanziario. Una volta completato l invio telematico, mediante apposizione di firma digitale e bollo telematico, il beneficiario dovrà inviare i documenti cartacei entro 10 giorni dall invio telematico a Finlombarda S.p.A., via Oldofredi, 23, Milano. Alla domanda devono essere allegati, oltre alla copia del documento d identità del legale rappresentante del soggetto richiedente: per le imprese costituite da non oltre 6 mesi alla data di presentazione della domanda, copia dell ultimo bilancio approvato o dell ultima dichiarazione dei redditi, dettagliato cv del management aziendale e dei soggetti coinvolti nello sviluppo del progetto, con indicazione di competenze ed esperienze maturate; per le imprese qualificate come spin-off universitari, copia degli ultimi 2 bilanci approvati o delle ultime due dichiarazioni dei redditi, dettagliato cv del management aziendale e dei soggetti coinvolti nello sviluppo del progetto, con indicazione di competenze ed esperienze maturate, copia del provvedimento dell Università che qualifica l impresa come «spin-off universitario»; Tavola 1 - I vantaggi del Fondo Seed Caratteristiche Vantaggi Ammortamento: rimborso in un unica soluzione (bullet comprensivo di interessi) sino a un massimo di 36 mesi. Subordinazione: prestito subordinato a favore del debito bancario nel limite del triplo del valore del finanziamento. Garanzie: non richieste. Semplificazione: erogazione dell intervento in anticipo rispetto all investimento e senza fideiussione. Consente di non drenare risorse ai programmi di sviluppo. Favorisce l effetto leva finanziaria, incentivando il ricorso al debito bancario. Finanziamento chirografario. Abilita l intervento di altri operatori perché lascia libere le garanzie. Consente la disponibilità delle risorse finanziarie in modo semplice e veloce. Per imprese in difficoltà: in caso di procedura di liquidazione: remissione parziale del finanziamento (sino ad un massimo del 50%); in caso di procedura di fallimento: remissione totale del finanziamento.

4 48 Ipsoa - Finanziamenti su misura News, 10/ Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico per i soggetti che si impegnino a costituirsi in forma di impresa entro 90 giorni dall approvazione dell intervento finanziario, dettagliato cv dei soggetti costituendi la nuova attività d impresa e dei soggetti coinvolti nello sviluppo del progetto, con indicazione di competenze ed esperienze maturate, evidenziando quelle maggiormente attinenti alla nuova iniziativa che si intende avviare. Le domande di agevolazione possono essere presentate in qualsiasi momento dell anno e vengono istruite con procedura valutativa a sportello. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare Finlombarda S.p.A., all indirizzo Finlombarda valuterà la capacità tecnica e gestionale dei soggetti coinvolti, tenendo conto, in particolare, della coerenza tra le capacità tecniche maturate e le caratteristiche proprie del progetto innovativo, delle pregresse esperienze di gestione di risorse umane e finanziarie, nonché del grado di coinvolgimento nell iniziativa presentata. Oggetto di valutazione sarà anche la qualità progettuale, tenendo conto dei seguenti parametri: coerenza dei dati progettuali, inclusi i costi stimati per il conseguimento degli obiettivi previsti, identificazione e gestione dei rischi, grado di innovazione del progetto rispetto allo stato dell arte in ambito nazionale nel medesimo settore, time to market del prodotto servizio e prospettive di mercato. Il caso Una società lombarda neocostituita ha deciso di ricorrere al finanziamento agevolato del Fondo Seed per coprire parte del fabbisogno finanziario generato dall idea innovativa in ambito sanitario, che i due soci hanno deciso di realizzare, dopo un esperienza di diversi anni trascorsi a svolgere attività di ricerca e sviluppo presso un laboratorio universitario. Il progetto è finalizzato a migliorare uno specifico servizio in ambito sanitario, con notevoli implicazioni e possibilità di applicazioni anche nel settore food. Il piano di investimenti Il progetto, avviato nel settembre 2012, avrà una durata di 24 mesi, concludendosi nel mese di agosto L investimento complessivo necessario per la realizzazione del progetto ammonta a ,00 euro stimati, di cui risultano finanziabili poco più dell 80%, ossia ,00 euro, composti dalle voci di costo elencate nel Modulo di domanda, di cui si riporta un estratto nella Tavola 2. Sono, infatti, stati sostenuti costi iniziali per studi di prefattibilità dell importo di ,00 euro e si prevede di sostenere spese promozionali di importo stimato in ,00 euro, non rientrati tra le voci di costo agevolabili che verranno finanziate in parte tramite il ricorso al sistema bancario e in parte con disponibilità proprie. Contestualmente al ricorso al finanziamento bancario, dopo l erogazione dell intervento Seed, verrà richiesta la subordinazione del rimborso del debito del Fondo Seed, già previsto in un unica soluzione, al rimborso del finanziamento bancario, secondo le modalità stabilite da Finlombarda. Dei ,00 euro finanziabili, oltre il 20% è rappresentato da costi di personale interno specializzato nel settore dedicato all attività di ricerca e sviluppo, a fronte di un 6% circa di costi per l acquisizione di consulenze tecniche esterne. La presenza di personale interno specializzato conferisce, non solo allo specifico progetto, ma anche all idea imprenditoriale, una forte valenza innovativa, al cui sostegno il Fondo Seed è tipicamente destinato. Finlombarda, nel corso dell istruttoria, valuterà, infatti, la capacità tecnica e gestionale dei soggetti coinvolti, tenendo conto, in particolare, della coerenza tra le capacità tecniche maturate e le caratteristiche proprie del progetto innovativo, delle pregresse esperienze di gestione di risorse umane e finanziarie, nonché del grado di coinvolgimento nell iniziativa presentata. Oggetto di valutazione sarà anche la qualità progettuale, tenendo conto dei seguenti parametri: coerenza dei dati progettuali, inclusi i costi stimati per il conseguimento degli obiettivi previsti, identificazione e gestione dei rischi, grado di innovazione del progetto rispetto allo stato dell arte in ambito nazionale nel medesimo settore, time to market del prodotto servizio e prospettive di mercato.

5 Ipsoa - Finanziamenti su misura News, 10/ Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico 49 Dal punto di vista della sostenibilità economicofinanziaria dell iniziativa, Finlombarda svolgerà un analisi della redditività, un analisi patrimoniale e finanziaria, la sostenibilità del rimborso del finanziamento anche in ottica di revolving del debito con fonti alternative, analisi di sensitività e valutazione del credit scoring. Nella Tavola 3 è illustrata la Scheda tecnica del progetto, compilata nella parte numerica, che l impresa richiedente deve presentare come parte integrante della domanda di finanziamento. Il 55% dell investimento complessivo previsto (pari a euro) verrà sostenuto nell anno di avvio del progetto, in cui sarà necessario realizzare interamente le opere murarie e impiantistiche presso la sede dell attività, necessarie in fase di start-up dell idea imprenditoriale. Nel prospetto contenente la valutazione del fatturato differenziale generato dall attuazione del progetto si evidenziano gli effetti della commercializzazione del servizio innovativo ideato in ambito sanitario, con possibili sviluppi anche nel mercato food, relativamente all anno di conclusione del progetto e al triennio successivo. Tavola 2 - Modulo di domanda: spese ammissibili e Informazioni economico/finanziarie Elenco voci di preventivo Importo (euro) a) Consulenze tecniche e servizi esterni finalizzati all attività di sviluppo, prototipazione, sperimentazione e collaudo del prodotto/servizio (ivi incluso l utilizzo di macchinari, impianti, attrezzature, strumentazione informatica, materiali e lavorazioni esterne) 8.000,00 b) Materie prime da impiegare nella fase di prototipazione, sperimentazione e collaudo del prodotto/servizio ,00 c) Acquisizione di marchi, di brevetti, di licenze di produzione, di know how e di conoscenze tecniche non brevettate d) Consulenze tecniche finalizzate alla registrazione di marchi e brevetti (ivi incluse le spese di registrazione) 9.300,00 e) Opere murarie, impiantistica generale e costi assimilati (nel limite del 15% del valore dell intervento finanziario di cui al «Fondo Seed»), ivi incluso le spese di progettazione e direzione dei lavori ,00 f) Acquisto di macchinari, impianti specifici e attrezzature (nuovi di fabbrica) necessari per il conseguimento delle finalità produttive ,00 g) Modificazione di macchinari, impianti specifici e attrezzature, nuovi o esistenti, necessari per il conseguimento delle finalità produttive 9.400,00 h) Sistemi gestionali integrati (software & hardware) ,00 i) Personale dipendente utilizzato nelle fasi di sviluppo del progetto innovativo ,00 j) Scorte (nel limite del 10% del valore dell intervento finanziario di cui al «Fondo Seed») 7.500,00 Totale ,00 Informazioni economico/finanziarie (da indicare da parte di tutti i soggetti proponenti) Totale investimento complessivo: euro ,00. Totale investimento ammissibile: euro ,00. Finanziamento richiesto a valere sul Fondo SEED: euro ,00. Mezzi propri: euro ,00. Altre fonti: euro ,00. Tavola 3 - Scheda tecnica 1) Titolo del progetto innovativo di sviluppo (di seguito «Progetto») presentato. 2) Soggetto proponente (indicare Ragione Sociale oppure il Nome e Cognome dei proponenti per le nuove iniziative). ANALISI DEL PROGETTO 3) Descrizione generale del Progetto. 4) Descrizione delle caratteristiche principali e degli elementi di innovazione del Progetto. 5) Motivazioni e obiettivi che hanno portato alla decisione di attuazione del Progetto. (descrivere la tipologia di innovazione che si intende perseguire, evidenziandone le finalità e gli obiettivi, nonché specificandone i presupposti e gli ambiti di applicazione) 6) Descrizione comparativa degli elementi di innovazione del Progetto rispetto: a) al livello competitivo dell impresa; b) allo stato attuale del settore di riferimento (a livello nazionale e internazionale). 7) Valutazione motivata del grado di innovazione («radicale» Oppure «incrementale» Oppure «marginale») del Progetto rispetto al settore di riferimento (a livello nazionale e internazionale). 8) Descrizione dei bisogni aziendali e/o di mercato che il Progetto intende soddisfare. 9) Descrivere gli ambiti di applicazione o utilizzo del Progetto. (segue)

6 50 Ipsoa - Finanziamenti su misura News, 10/ Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico 10) Analisi strategica (SWOT analysis) del Progetto: Punti di forza; Punti di debolezza; Possibili minacce (a cui è soggetto); Possibili opportunità (che coglie). 11) Descrizione dettagliata del piano operativo, con esplicitazione delle fasi e con diagramma di Gantt. 12) Indicazione del Time to Market. 13) Descrizione delle tipologie di rischio a cui il Progetto è sottoposto. 14) Indicare, qualora possibile, le modalità di gestione dei rischi di cui al punto precedente. 15) Indicare e descrivere la sede operativa in cui verrà realizzato il Progetto (indicare se la sede operativa è già esistente, l ubicazione, le caratteristiche funzionali e laddove debba essere attivata e i tempi per l attivazione). EFFETTI DELL IMPLEMENTAZIONE DEL PROGETTO 16) Descrizione degli effetti generali attesi in ambito aziendale dall implementazione del Progetto (esempi: affermazione e/o riqualificazione del marchio aziendale, posizionamento aziendale nell area di business, ecc.). 17) Effetti del Progetto dal punto di vista economico-reddituale. 18) Effetti del Progetto sui livelli di efficienza produttiva (esempio: economie di scala), capacità produttiva e sulla struttura organizzativa. 19) Altri eventuali effetti attesi dalla realizzazione del Progetto. ANALISI COMPETENZE TECNICHE E PROFESSIONALI 20) Descrizione delle competenze tecniche e professionali richieste per lo sviluppo del Progetto. 21) Elencare i soggetti coinvolti nello svolgimento del Progetto, il ruolo all interno dell azienda e le esperienze professionali maturate (evidenziare le competenze maturate in linea con lo sviluppo del Progetto, eventuali esperienze di gestione risorse finanziarie, risorse umane, progetti seguiti e obiettivi raggiunti). 22) Indicare le motivazioni personali e professionali dei proponenti il Progetto, nonché gli obiettivi di medio/lungo termine. ANALISI DEL MERCATO 23) Descrizione del mercato di sbocco: dimensioni, andamento storico, previsioni a livello nazionale e internazionale (citare anche le fonti dei dati indicati). 24) Analisi del mercato Fornitori e del mercato Clienti di riferimento. 25) Analisi della concorrenza. 26) Valutazione della concorrenza potenziale (ingresso di nuovi competitors). 27) Valutazione della presenza di prodotti sostituti o alternative all innovazione proposta. 28) Identificazione del proprio mercato di riferimento (clienti, territorio, dimensione). 29) Descrizione delle politiche di marketing. 30) Descrizione della struttura commerciale (esistente e/o prevista). ANALISI DEGLI INVESTIMENTI 31) Indicazione degli investimenti previsti con indicazione della spesa (al netto di IVA) e della tempistica prevista: Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Spese agevolabili (euro) (euro) (euro) a) consulenze tecniche e servizi esterni finalizzati all attività di sviluppo, prototipazione, sperimentazione e collaudo del prodotto/servizio (ivi incluso l utilizzo di macchinari, impianti, attrezzature, strumentazione informatica, materiali e lavorazioni esterne) 4.000, , ,00 b) materie prime da impiegare nella fase di prototipazione, sperimentazione e collaudo del prodotto/servizio 8.000, ,00 - c) acquisizione di marchi, di brevetti, di licenze di produzione, di know how e di conoscenze tecniche non brevettate d) consulenze tecniche finalizzate alla registrazione di marchi e brevetti (ivi incluse le spese di registrazione); 1.000, , ,00 e) opere murarie, impiantistica generale e costi assimilati (nel limite del 15% del valore dell intervento finanziario di cui al «Fondo Seed»), ivi incluso le spese di progettazione e direzione dei lavori; , f) acquisto di macchinari, impianti specifici e attrezzature (nuovi di fabbrica) necessari per il conseguimento delle finalità produttive; , ,00 - g) modificazione di macchinari, impianti specifici e attrezzature, nuovi o esistenti, necessari per il conseguimento delle finalità produttive; 8.000, ,00 - h) sistemi gestionali integrati (software & hardware); 4.000, , ,00 i) personale dipendente utilizzato nelle fasi di sviluppo del progetto innovativo; , , ,00 j) scorte (nel limite del 10% del valore dell intervento finanziario di cui al «Fondo Seed») 3.500, , ,00 Totale spese agevolabili , , ,00 Altri investimenti non agevolabili - Studi di prefattibilità , Costi promozionali , ,00 Totale spese non agevolabili , , ,00 Totale investimento , , ,00

7 Ipsoa - Finanziamenti su misura News, 10/ Il Fondo Seed della Regione Lombardia: un caso pratico 51 32) Descrizione degli investimenti previsti (descrizione dettagliata per singola tipologia di spesa agevolabile e non). APPROFONDIMENTI RELATIVI ALLA PARTE ECONOMICO-FINANZIARIA 33) Valutazione del fatturato differenziale generato dall attuazione del Progetto (se applicabile): Esercizi Prezzo unitario del prodotto o servizio (P) Quantità prodotto o servizio (Q) Fatturato totale (PxQ) euro euro euro euro euro euro euro euro 34) Descrizione delle voci del budget economico di cui al documento obbligatorio «budget economico-finanziario». 35) Descrizione delle voci del budget patrimoniale di cui al documento obbligatorio «budget economico-finanziario». 36) Descrizione delle voci del piano finanziario di cui al documento obbligatorio «budget economico-finanziario». ALTRE NOTIZIE euro Eventi pregiudiziali subiti dall azienda nell ultimo biennio (indicare se l azienda è stata sottoposta a decreti ingiuntivi, sequestri, pignoramenti, protesti, procedure concorsuali e qualsiasi azione giudiziale effettuata nei suoi confronti o nei confronti dei soci). Assicurazioni in corso (indicare le compagnie assicuratrici, i rischi e gli importi assicurati). Termini medi di pagamento ai fornitori (per investimenti). Termini medi di pagamento altri fornitori. Termini medi di pagamento della clientela. Percentuale insoluti nell ultimo biennio. Importo perdite su crediti nell ultimo biennio. Importo crediti in contenzioso. Previsioni di realizzo. Situazione contributiva INPS.

SCHEDA TECNICA. 1) Titolo del progetto innovativo di sviluppo (di seguito Progetto ) presentato: ANALISI DEL PROGETTO

SCHEDA TECNICA. 1) Titolo del progetto innovativo di sviluppo (di seguito Progetto ) presentato: ANALISI DEL PROGETTO FONDO DI ROTAZIONE PER IL FINANZIAMENTO DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE LOMBARDE NELLA FASE INIZIALE O DI SPERIMENTAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA, FONDO SEED DGR N. 5199 DEL 2 AGOSTO 2007 SCHEDA TECNICA 1)

Dettagli

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità MISURE 1. Sviluppo aziendale basato su processi di ammodernamento e ampliamento produttivo 2. Innovazione di prodotto e di processo 3. Applicazione

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 ALLEGATO 9 CIRCOLANTE - Pag. 1 di 16 ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 DGR Basilicata n. 353 del 04.04.2013 DGR Basilicata n. 1399

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START

FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START DOTAZIONE BANDO SOGGETTI BENEFICIARI La dotazione finanziaria iniziale è pari ad 30.000.000,00, così suddivisa:

Dettagli

BANDI IN EVIDENZA. INTERVENTO FINANZ. Finanziamento agevolato + + Garanzia + Voucher Finanziamento agevolato VAI N. TERRITORIO BANDO SETTORE

BANDI IN EVIDENZA. INTERVENTO FINANZ. Finanziamento agevolato + + Garanzia + Voucher Finanziamento agevolato VAI N. TERRITORIO BANDO SETTORE BANDI IN EVIDENZA N. TERRITORIO BANDO SETTORE 1 2 Regione Lombardia Regione Lombardia MADE IN LOMBARDY (RICERCA E SVILUPPO) FRIM FESR Sottomisura 1 (RICERCA) Manifatturiero Manifatturiero,Costruzioni Servizi

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA FONDO PER L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DEL TERZIARIO BANDO FINTER

REGIONE LOMBARDIA FONDO PER L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DEL TERZIARIO BANDO FINTER REGIONE LOMBARDIA FONDO PER L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DEL TERZIARIO BANDO FINTER FINALITÀ La misura agevola interventi innovativi finalizzati al miglioramento del sistema infrastrutturale, gestionale

Dettagli

QUESITI E RISPOSTE Fondo di rotazione per l impreditorialità Fesr (Frim Fesr)

QUESITI E RISPOSTE Fondo di rotazione per l impreditorialità Fesr (Frim Fesr) QUESITI E RISPOSTE Fondo di rotazione per l impreditorialità Fesr (Frim Fesr) A DOMANDA DI INTERVENTO FINANZIARIO a 1) Come si presenta domanda di intervento finanziario? La domanda dovrà essere presentata

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

FRIM Cooperazione. Frequently Ask Question (FAQ) Bando aperto il 14 aprile 2010

FRIM Cooperazione. Frequently Ask Question (FAQ) Bando aperto il 14 aprile 2010 FRIM Cooperazione Bando aperto il 14 aprile 2010 Frequently Ask Question (FAQ) Che cos è il FRIM? In cosa consiste l intervento Frim cooperazione? Quali sono le risorse finanziarie disponibili? Dove devono

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER LE PMI DELLA SARDEGNA. Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, art. 4, comma 4, e s.m.i.

FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER LE PMI DELLA SARDEGNA. Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, art. 4, comma 4, e s.m.i. FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER LE PMI DELLA SARDEGNA Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, art. 4, comma 4, e s.m.i. P.O. FERS 2007-2013 - Linea di Attività A Obiettivo operativo 6.2.2 Sostenere i processi

Dettagli

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1 ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione Servizio

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

Ministero dello SviluppoEconomico

Ministero dello SviluppoEconomico ALLEGATO 1 Ministero dello SviluppoEconomico Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica Direzione Generale per l Incentivazione delle Attività Imprenditoriali FONDO PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI D IMPRESA DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO DEL COMUNE DI SANTA MARINELLA ART. 1 PREMESSA E FINALITA DELL INIZIATIVA Il Comune di Santa Marinella,

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1 ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1 Pagina COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione Servizio

Dettagli

Business plan: prima parte descrittiva; indice ragionato degli argomenti

Business plan: prima parte descrittiva; indice ragionato degli argomenti Allegato 2 Business plan: prima parte descrittiva; indice ragionato degli argomenti A. L impresa e i suoi protagonisti * Presentazione dell impresa (forma e composizione societaria, oggetto sociale, breve

Dettagli

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi

Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi Nuove misure di finanza agevolata a favore delle imprese calabresi di Enrico Mazza Il 29 novembre scorso sono stati pubblicati sul BURC (n. 48 parte III) i Decreti che riguardano l approvazione degli Avvisi

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

IL PROGETTO D IMPRESA

IL PROGETTO D IMPRESA Allegato E IL PROGETTO D IMPRESA (Il presente formulario deve essere compilato dettagliatamente in formato elettronico e successivamente stampato) L IDEA D IMPRESA Denominazione dell impresa. Nuova attività

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 BENEFICIARI

ART. 1 FINALITA ART. 2 BENEFICIARI BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI ROTAZIONE PER LA CAPITALIZZAZIONE O LA RICAPITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER GLI INVESTIMENTI E IL CONSOLIDAMENTO DELLE

Dettagli

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione:

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: Il modello Talent Lab di Calabria Innova Il Fondo Equity per le Imprese Innovative L acquisizione di servizi per l innovazione Luca Mannarino

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA 8648 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 del 28-03-2011 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 24 marzo 2011, n. 4 Ulteriori modifiche al Regolamento Regionale n.

Dettagli

Il Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità (FRIM)

Il Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità (FRIM) ALLEGATO 1 Indice Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo 14 Articolo 15 Articolo 16

Dettagli

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO CONTRIBUTIVO

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO CONTRIBUTIVO LEGGE 598/94 PROTOCOLLO MCC Modulo sottoscritto dalla banca/intermediario Spettabile MCC SpA Via Piemonte, 51 00187 R O M A Pos. MCC RICHIESTA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO CONTRIBUTIVO SOGGETTO RICHIEDENTE

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI

LINEE GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI FONDO ROTATIVO DI FINANZA AGEVOLATA DENOMINATO FONDO ENERGIA INTERVENTO CO-FINANZIATO DAL P.O.R. FESR 2007-2013 REGIONE EMILIA ROMAGNA, ASSE 3- QUALIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015

Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Circolare N. 91 del 18 Giugno 2015 Smart & Start: finanziamenti veloci per le spese incentivate Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che grazie alla convenzione tra Ministero dello Sviluppo

Dettagli

PROGETTO DI INVESTIMENTO Anagrafica Soggetto Richiedente

PROGETTO DI INVESTIMENTO Anagrafica Soggetto Richiedente Parte I PROGETTO DI INVESTIMENTO Anagrafica Soggetto Richiedente - Nome e forma giuridica - sede legale 1 - sede operativa 1 - sede corrispondenza - rappresentante legale - Codice Fiscale - numero di iscrizione

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI VOLTI A SOSTENERE GLI INVESTIMENTI E L AVVIO DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI PISA 2015

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI VOLTI A SOSTENERE GLI INVESTIMENTI E L AVVIO DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI PISA 2015 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI VOLTI A SOSTENERE GLI INVESTIMENTI E L AVVIO DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI PISA 2015 Bando aperto dal 13/04/2015 Stanziamento: 400.000 Art. 1 - Finalità Al

Dettagli

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo Regolamento 30 Dicembre 2009 n. 36 della Regione Puglia dei Regimi di Aiuto in esenzione per le imprese turistiche Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale"

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale" Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO

MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO ALLEGATO B MODELLO DI BUSINESS PLAN APPROFONDITO Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile,

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI Mantenere il lavoro, la propria abitazione e assicurarsi con continuità l'accesso al cibo in questi anni è diventato

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO ALLEGATO C COMUNE DI ROMA 9. DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale Art. 14 Legge 266/97 CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO

Dettagli

ALLEGATO C6. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 5 Art. 13 comma 12 lett. a

ALLEGATO C6. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 5 Art. 13 comma 12 lett. a ALLEGATO C6 PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 5 Art. 13 comma 12 lett. a 1. DATI IMPRESA RICHIEDENTE Denominazione o Ragione Sociale Sede Legale Partita Iva Regime contabile

Dettagli

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO AGGIORNATO AL 16 NOVEMBRE 2010 PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO Prodotti e servizi per il consolidamento delle passività a breve Pag. 1. Credimpresa BNL per associati Assolombarda Finanziamento per aziende

Dettagli

Circolare Informativa n 45/2012. Microcredito Regione Campania

Circolare Informativa n 45/2012. Microcredito Regione Campania Circolare Informativa n 45/2012 Microcredito Regione Campania e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 7 INDICE Premessa pag.3 1) Soggetti beneficiari pag. 3 2) Linee di intervento

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia 38599 pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia PO PUGLIA FSE 2007-2013 Asse II - Occupabilità Fondo Microcredito d Impresa della Regione Puglia Allegato 2 Spett.le Puglia Sviluppo S.p.A. Via delle

Dettagli

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Settore Comunicazione, Turismo, Spettacolo che Giovanili e pari opportunità BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Scadenza 1^ fase: 30 agosto 2012 2^ fase: 30 dicembre 2012 1. Finalità e obiettivi

Dettagli

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) Domande frequenti

POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) Domande frequenti POR FESR 07/13 Innovazione dei processi produttivi Edizione 2014 (Micro e Piccole imprese) 1. COME PRESENTARE DOMANDA Domande frequenti 1.1. Come si presenta una domanda?... 6 1.2. E previsto un termine

Dettagli

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014 Strumenti per il rilancio dell impresa Ditte individuali I progetti di investimento non devono superare 25.823. La o il titolare della ditta individuale deve aver compiuto 18 anni e deve essere inoccupato.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R.

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. 34/04 PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE 2011-2015 Misura 1.3 Innovazione

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione Avviso pubblico per la concessione di prestiti a valere sul Fondo per il Microcredito ai sensi dell articolo 1,

Dettagli

Interventi per la promozione, il sostegno e lo sviluppo della cooperazione

Interventi per la promozione, il sostegno e lo sviluppo della cooperazione Allegato al decreto n. del Allegato A Interventi per la promozione, il sostegno e lo sviluppo della cooperazione Criteri per l attuazione delle azioni di cui alla l.r. n. 21/2003 art. 5 lettera a) Intervento

Dettagli

Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie

Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie Presentazione dell agevolazione Il presente documento illustrativo ha natura meramente

Dettagli

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA ALLEGATO 3 - Pag. 1 di 18 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. 1813 del 29.10.2010 RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP METTERSI IN PROPRIO A CREMONA BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LO START UP Approvato con deliberazione n. 137 del 18/09/2014 Pubblicato in data 7 Ottobre 2014 1 Obiettivi, finalità e ambiti di

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive

BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive SOGGETTI BENEFICIARI Possono beneficiare delle agevolazioni le start-up innovative*: a) Costituite

Dettagli

All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14

All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14 All. A Allegato alla deliberazione di Giunta Camerale n. 38 del 5.06.14 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER L AVVIO DI NUOVE IMPRESE IN PROVINCIA DI MASSA-CARRARA Art. 1 Finalità

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015. Art. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE 2015 Bando aperto dal 2/3/2015 Disponibilità di bilancio: 45.000 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI DORGALI Viale Umberto, 37 CAP 08022 - TEL. 0784-927200 FAX 0784-94288 Provincia di Nuoro

COMUNE DI DORGALI Viale Umberto, 37 CAP 08022 - TEL. 0784-927200 FAX 0784-94288 Provincia di Nuoro COMUNE DI DORGALI Viale Umberto, 37 CAP 08022 - TEL. 0784-927200 FAX 0784-94288 Provincia di Nuoro Contributi alle iniziative produttive nell ambito del P.O.I.C. Progetto Operativo per l Imprenditorialità

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Credito Agrario di Esercizio e di Dotazione

Credito Agrario di Esercizio e di Dotazione FOGLIO INFORMATIVO Credito Agrario di Esercizio e di Dotazione Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: BANCA POPOLARE DI FONDI Società Cooperativa Sede legale e amministrativa: Via Giovanni

Dettagli

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA ALLEGATO 4 - Pag. 1 di 10 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. 1813 del 29.10.2010 RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA 37 REGOLAMENTO per la creazione e lo sviluppo di attività imprenditoriali approvato con delibera C.P. n. 89 del 26 settembre 2012 esecutivo dal 26 settembre 2012 I REGOLAMENTI

Dettagli

Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 )

Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 ) Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 ) (Aiuto di Stato conforme al Regolamento (CE) N. 69/2001 della Comunità del 12

Dettagli

FONDO UNICO ANTICRISI

FONDO UNICO ANTICRISI Unione Europea Regione Molise Finmolise SpA FONDO UNICO ANTICRISI Regolamento di attuazione del Fondo per la concessione di garanzie dirette e cogaranzie su finanziamenti alle PMI finalizzati al sostegno

Dettagli

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Possibilità 1.CREDITO ADESSO 2014 2. SABATINI BIS 3.REGIONE LOMBARDIA - FONDO FRIM 4.BANDO PER L INNOVAZIONE DEL TERZIARIO 5. LOMBARDIA CONCRETA 6. BANDO

Dettagli

FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER LE PMI DELLA SARDEGNA. Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, art. 4, comma 4, e s.m.i.

FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER LE PMI DELLA SARDEGNA. Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, art. 4, comma 4, e s.m.i. FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER LE PMI DELLA SARDEGNA Legge regionale 14 maggio 2009, n. 1, art. 4, comma 4, e s.m.i. P.O. FERS 2007-2013 - Linea di Attività A Obiettivo operativo 6.2.2 Sostenere i processi

Dettagli

Con addebito su c/c acceso presso la BNL secondo il piano di ammortamento

Con addebito su c/c acceso presso la BNL secondo il piano di ammortamento Allegato d Patrimonializzazione - Corporate Banca Operatività Beneficiari Aziende appartenenti BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Intero territorio nazionale Piccole e medie imprese, associate a Cooperfidi Italia,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese

Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese Pia - Aiuti ai programmi di investimento delle Piccole imprese ATTIVITÀ AMMISSIBILI - Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) - Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

BANDO A.I.D.A. APPORTARE INNOVAZIONE DIRETTAMENTE IN AZIENDA ANNO 2015

BANDO A.I.D.A. APPORTARE INNOVAZIONE DIRETTAMENTE IN AZIENDA ANNO 2015 BANDO A.I.D.A. APPORTARE INNOVAZIONE DIRETTAMENTE IN AZIENDA ANNO 2015 Art. 1 Finalità La Camera di Commercio di Frosinone, nell ambito delle proprie iniziative volte a favorire lo sviluppo dell economia

Dettagli

FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE

FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE Allegato A Regione Marche Programma Operativo Marche F.S.E. 2007/2013 FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA DELLA REGIONE MARCHE Intervento pubblico di garanzia sul Prestito d Onore regionale DISPOSIZIONI ATTUATIVE

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

CHE COS E IL FINANZIAMENTO PER INTERVENTI DI MICROCREDITO (FONDO MICROCREDITO FSE)

CHE COS E IL FINANZIAMENTO PER INTERVENTI DI MICROCREDITO (FONDO MICROCREDITO FSE) FONDO MICROCREDITO FSE - POR FSE 2007-2013 FONDO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI MICROCREDITO, DENOMINATO FONDO MICROCREDITO FSE ATTRAVERSO L UTILIZZO DI RISORSE FINANZIARIE A VALERE SULL ASSE A ADATTABILITÀ

Dettagli

FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE UNIONE EUROPEA COMUNE DI CIRO MARINA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO BILANCIO E PROGRAMMAZIONE FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE Entità e finalità del Fondo Il Fondo

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

D I S C I P L I N A R E

D I S C I P L I N A R E D I S C I P L I N A R E per la concessione di contributi in abbattimento del tasso di interesse, a fondo perduto e in abbattimento dei costi di commissione alle piccole/medie imprese, operanti in provincia

Dettagli

Circolare N. 130 del 24 Settembre 2015

Circolare N. 130 del 24 Settembre 2015 Circolare N. 130 del 24 Settembre 2015 Finanziamenti agevolati per giovani e donne che avviano attività di impresa Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che è stato pubblicato in Gazzetta

Dettagli

MARKETING INFORMATION

MARKETING INFORMATION Gentile Concessionario, Come sicuramente avrete visto negli ultimi giorni, con una circolare il Ministero dello Sviluppo Economico ha dato il via alle agevolazioni della NUOVA LEGGE SABATINI per lo sviluppo

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF)

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013 Regione Toscana Bando Sottomisura 16.2 Sostegno a progetti pilota e di cooperazione All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) OBIETTIVO

Dettagli

CONTRATTI DI SVILUPPO 2015/2016

CONTRATTI DI SVILUPPO 2015/2016 CONTRATTI DI SVILUPPO 2015/2016 Capitali per lo sviluppo industriale, commerciale e turistico in Italia Finanziamento agevolato e contributo a fondo perduto per grandi progetti di investimento Il Contratto

Dettagli

FAQ Avviso Pubblico per il sostegno alla creazione di microimprese innovative (di seguito Talent Lab - startup )

FAQ Avviso Pubblico per il sostegno alla creazione di microimprese innovative (di seguito Talent Lab - startup ) FAQ Avviso Pubblico per il sostegno alla creazione di microimprese innovative (di seguito Talent Lab - startup ) Aggiornamento al 10 gennaio 2014 CHI PUÒ RICHIEDERE LE AGEVOLAZIONI Chi può presentare domanda

Dettagli

FONDO UNICO ANTICRISI

FONDO UNICO ANTICRISI ALLEGATO D Unione Europea Regione Molise Finmolise SpA FONDO UNICO ANTICRISI Regolamento di attuazione del Fondo per la concessione di garanzie dirette e cogaranzie su finanziamenti alle PMI finalizzati

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE ALLEGATO A FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE 1. FINALITA` E OBIETTIVI L iniziativa prevede l utilizzo del

Dettagli

BANDO SPORTELLO DELL INNOVAZIONE - PROGETTI CAMPANIA START-UP Data di pubblicazione 18 aprile 2014

BANDO SPORTELLO DELL INNOVAZIONE - PROGETTI CAMPANIA START-UP Data di pubblicazione 18 aprile 2014 BANDO SPORTELLO DELL INNOVAZIONE - FAQ PROGETTI CAMPANIA START-UP Data di pubblicazione 18 aprile 2014 Sommario SOGGETTI AMMISSIBILI E REQUISITI DI PARTECIPAZIONE (15)...2 CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

Dettagli

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale

Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Allegato D Demo a supporto della produzione delle informazioni relative al progetto imprenditoriale Documento di supporto alla presentazione dell idea imprenditoriale Milano, 18/12/2009 2 Indice 1 Premessa...

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012 15 D.G. Sport e giovani D.d.u.o. 24 maggio 2012 - n. 4490 Approvazione del bando Voucher sperimentale Leva Civica Regionale - percorsi di cittadinanza attiva per il potenziamento delle opportunita dei

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente.

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente. FONDO DI ROTAZIONE E operativo il nuovo fondo di rotazione istituito con Delibera della Giunta Provinciale n. 2168 del 11/10/20013 (ex art. 34 ter 1 della Legge Provinciale 13 dicembre 1999, n. 6). Il

Dettagli