INFORMAZIONI PER I CITTADINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORMAZIONI PER I CITTADINI"

Transcript

1 1

2 INDICE Pagina Informazioni per i cittadini: Campagna di controllo degli impianti termici... 3 Cosa si intende per impianto termico... 4 Responsabile dell impianto termico... 4 Il Libretto di Impianto / Centrale... 5 La manutenzione degli impianti: Frequenze temporali delle operazioni... 5 Ogni quanto tempo è necessario autodichiarare il proprio impianto... 6 TABELLA A Tariffa Dichiarazione Importo Bollino... 7 Bollino Energetico... 7 Come Autodichiarare un nuovo impianto Le Ispezioni degli impianti termici da parte dei tecnici Con.Te TABELLA B Tariffe Ispezioni... 9 Le Ditte di Manutenzione e di Installazione Perché è importante la manutenzione degli impianti Come si svolgono i controlli da parte del Comune di Roma La visita di controllo I Verificatori L accertamento del verificatore Modalità di gestione delle non conformità Attivazione sportello informativo Controllo delle temperature ambiente Attivazione di un numero verde DOMANDE E RISPOSTE Giorni ed orari di ricevimento del pubblico

3 INFORMAZIONI PER I CITTADINI i Campagna di controllo impianti termici Roma Capitale, ai sensi della vigente normativa nazionale (Legge 10/91, D.P.R. 412/93 e s.m.i., D.lgs 192/05 e s.m.i.), effettua gli accertamenti e le ispezioni necessarie per verificare l osservanza delle norme relative al contenimento dei consumi di energia, nell esercizio e nella manutenzione degli impianti di climatizzazione estiva ed invernale. Questi controlli non sostituiscono le operazioni di manutenzione ordinaria, che devono essere effettuate secondo periodicità previste ed indicate dalle norme vigenti. I controlli sulle caldaie sono stabiliti e regolamentati da una serie di norme succedutesi in un tempo non breve, emanate da diverse autorità: 1) La Comunità Europea 2) Lo Stato Italiano 3) La Regione Lazio 4) L autorità per l Energia Elettrica e il Gas I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. Essi consentono di: - Mantenere in buona efficienza operativa l impianto termico; - Consumare meno energia (quindi risparmiare soldi); - Contribuire ad un minore inquinamento atmosferico; - Garantire una maggiore sicurezza dell impianto. Roma Capitale ha attuato un programma di sensibilizzazione per il corretto utilizzo degli impianti termici al fine di ottemperare alle norme stabilite dalla legge 10 del 91 e dalle direttive europee 2002/91/CE e 2006/32/CE (migliorare il rendimento degli impianti termici negli edifici, diminuire il consumo di combustibile e conseguentemente l inquinamento ambientale, migliorare la qualità della vita). 3

4 COSA SI INTENDE PER IMPIANTO TERMICO È un impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato, comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolarizzazione e controllo. Sono compresi negli impianti termici gli impianti individuali di riscaldamento. Non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe, caminetti, apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante; tali apparecchi, se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare e' maggiore o uguale a 5 kw. Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate Ogni impianto deve essere sempre mantenuto in buono stato di esercizio attraverso i controlli e le manutenzioni svolte da tecnici abilitati, per garantirne la sicurezza ed aumentarne l efficienza energetica. CHI E IL RESPONSABILE DELL IMPIANTO TERMICO Per responsabile dell impianto termico si intende l'occupante, a qualsiasi titolo, in caso di singole unità immobiliari residenziali; il proprietario, in caso di singole unità immobiliari residenziali non locate; l'amministratore, in caso di edifici dotati di impianti termici centralizzati amministrati in condominio; il proprietario o l'amministratore delegato in caso di edifici di proprietà di soggetti diversi dalle persone fisiche. Al responsabile dell impianto, che può delegarle ad un terzo mediante apposito contratto, sono affidati le attività inerenti l'esercizio, la conduzione, il controllo, la manutenzione dell'impianto termico e il rispetto delle disposizioni di legge in materia di efficienza energetica. La delega al terzo responsabile non e' consentita nel caso di singole unità immobiliari residenziali in cui il generatore o i generatori non siano installati in locale tecnico esclusivamente dedicato. In tutti i casi in cui nello stesso locale tecnico siano presenti generatori di calore oppure macchine frigorifere al servizio di più impianti termici, può essere delegato un unico terzo responsabile che risponde delle predette attività degli impianti. La mancata effettuazione della manutenzione periodica comporta l applicazione di una sanzione che può variare da un minimo di 500,00 fino ad un massimo di 3.000,00. 4

5 Pertanto il responsabile dell impianto deve: - Conservare ed aggiornare il libretto di impianto (o di centrale); - Fare eseguire regolarmente la manutenzione da parte di una ditta abilitata ai sensi dell Art.3 del DM 37/2008 che, al termine delle operazioni, deve rilasciare copia della dichiarazione di avvenuta manutenzione dell impianto termico (cosiddetto rapporto di controllo tecnico conforme agli allegati F, per impianti di potenza 35 kw, o G per impianti di potenza < 35 kw, del D.Lgs. 192/2005 e s.m.i.), controfirmata per presa visione dal responsabile dell impianto. IL LIBRETTO DI IMPIANTO/CENTRALE Tutti gli impianti termici con potenza nominale superiore o uguale a 35 kw devono essere muniti di un libretto di centrale mentre gli impianti termici con potenza nominale inferiore a 35 kw devono essere muniti di un libretto di impianto. Tutte le operazioni di manutenzione e di verifica devono essere registrate sul cosiddetto Libretto di Impianto (per impianti di potenza < 35 kw) o Libretto di Centrale (per impianti di potenza 35 kw) che viene rilasciato all atto dell installazione di una caldaia o di un impianto, oppure fornito dall impresa manutentrice in caso di impianto già esistente. La tenuta del Libretto di Impianto/ Centrale è a cura del responsabile dell impianto che deve aggiornare le parti relative alle operazioni di manutenzione ed ai risultati delle verifiche del rendimento di combustione eseguite dalla ditta incaricata La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni Così come previsto dall art. 7 del D.P.R. 74/2013 è obbligatorio, per tutti i responsabili di impianto termico, far controllare l impianto secondo le prescrizioni e con le periodicità indicate dall installatore; in mancanza di indicazioni dell installatore occorre seguire le periodicità indicate dal fabbricante sul Libretto d Uso e Manutenzione di ciascun componente dell impianto. Gli installatori ed i manutentori degli impianti termici, nell'ambito delle rispettive responsabilità, devono definire e dichiarare esplicitamente al committente o all'utente, in forma scritta e facendo riferimento alla documentazione tecnica del progettista dell'impianto o del fabbricante degli apparecchi: 5

6 a) quali siano le operazioni di controllo e manutenzione di cui necessita l'impianto da loro installato o manutenuto, per garantire la sicurezza delle persone e delle cose; b) con quale frequenza le operazioni di cui alla lettera a) vadano effettuate. I Controlli di Efficienza Energetica, completi della misura del Rendimento di Combustione del generatore, devono essere effettuati almeno secondo le seguenti scadenze temporali: a) ogni anno per gli impianti alimentati a combustibile liquido o solido, di potenza termica utile di 100 kw; b) ogni due anni per gli impianti alimentati a combustibile liquido o solido, di potenza termica utile < di 100 kw o per impianti alimentati a gas, metano o GPL di potenza termica utile di 100 kw; c) ogni quattro anni per tutti gli impianti alimentati a gas, metano o GPL di potenza termica utile < di 100 kw; OGNI QUANTO TEMPO E NECESSARIO AUTODICHIARARE IL PROPRIO IMPIANTO Tutti gli impianti termici ubicati all interno del territorio comunale devono essere autodichiarati attraverso la trasmissione del più recente rapporto di controllo tecnico (Allegato F o G) relativo all ultimo controllo di efficienza energetica effettuato, completo del bollino energetico, all organismo incaricato ad effettuare le verifiche (ATI SEA S.r.l.- Con.Te.), almeno secondo le seguenti scadenze temporali: - ogni due anni nel caso di impianti di potenza nominale del focolare maggiore o uguale a 35 kw; - ogni quattro anni nel caso di impianti di potenza nominale del focolare minore di 35 kw; La dichiarazione, contenente gli elementi informativi dell impianto termico con le annotazioni riguardanti il controllo e la manutenzione, nonché i risultati delle verifiche di rendimento, in corso di validità, dovrà pervenire a CON.TE - Via Monasterace, 39/F Roma, o inviata dai manutentori per via telematica, secondo le istruzioni presenti sul sito com. Fare eseguire, pertanto, la prova di combustione dell impianto, da parte di una ditta abilitata, ed inviare il rapporto di controllo di cui sopra con allegata l attestazione del versamento dell importo secondo le tariffe riportate nella successiva Tabella A. 6

7 TABELLA A TARIFFA DICHIARAZIONE COSTO BOLLINO Presentazione della Dichiarazione (Allegato G o F) Fascia di Potenza Termica Impianto Importo < 35 kw 5,60 35 kw e < 51 kw 11,19 51 kw e < 80 kw 16,79 80 kw e < 116 kw 27, kw e < 200 kw 44, kw e < 250 kw 67, kw e < 350 kw 83, kw e < 500 kw 117, kw e < 800 kw 184, kw 223,84 N.B.: La potenza nominale al focolare è da intendersi come somma delle potenze dei singoli generatori costituenti l impianto. La dichiarazione priva del relativo pagamento dovrà ritenersi nulla. La tariffa prevista potrà essere pagata attraverso il BOLLINO ENERGETICO, che il manutentore applicherà sul rapporto di controllo tecnico (Allegato F o G), oppure effettuando un versamento sul conto corrente postale n intestato a: ATI VERIFICHE PER ROMA CAPITALE Via Monasterace, 39/F ROMA, indicando nella causale del versamento: Autodichiarazione relativa all impianto sito in via n BOLLINO ENERGETICO All atto della manutenzione i manutentori abilitati rilasceranno, in sostituzione del versamento postale, un bollino energetico, di diverso colore per ogni fascia di potenza dell impianto, composto da tre tagliandi da applicare, rispettivamente, su ognuna delle tre copie del rapporto di controllo. La prima copia deve essere consegnata al responsabile impianto, la seconda copia resta al manutentore, e la terza copia viene trasmessa all ATI Con.Te.. Attraverso l applicazione del bollino energetico sarà compito del manutentore trasmettere, entro 60 giorni dall effettuazione del controllo, la dichiarazione di avvenuta manutenzione, anche per via telematica, seguendo le istruzioni riportate nel sito internet 7

8 Nel caso di pagamento con versamento postale, la dichiarazione di avvenuta manutenzione, con allegata la ricevuta del versamento, dovrà essere inviata (preferibilmente per raccomandata con ricevuta di ritorno, conservandone una copia) a: ATI CON.TE - Via Monasterace, 39/F Roma ATTENZIONE: Una copia del suddetto rapporto di controllo tecnico, con il relativo bollino energetico, deve essere trattenuta e conservata dagli interessati e mostrata, nel caso di controllo, per evitare il pagamento dell ispezione. Tutti gli impianti che non sono stati autodichiarati secondo le suddette periodicità, infatti, sono soggetti ad ispezione d ufficio, da parte dei tecnici dell ATI SEA S.r.l.- Con.Te. con costo a carico del responsabile dell impianto, al fine di verificarne la conformità e lo stato di esercizio e manutenzione. Ai fini della messa in regola dell impianto, non saranno ritenute valide le autodichiarazioni trasmesse in data successiva alla ricezione del preavviso di ispezione, anche se anteriori alla data di ispezione stessa. COME AUTODICHIARARE UN NUOVO IMPIANTO TERMICO Nel caso di installazione di un nuovo impianto termico, così come definito dall art. 19 dell Allegato A al D.Lgs 192/2005, ovvero un impianto termico installato in un edificio di nuova costruzione o in un edificio o porzione di edificio antecedentemente privo di impianto termico, è necessario trasmettere l autodichiarazione entro 12 mesi a partire dalla data della prima accensione dell impianto, purché sia stata presentata e trasmessa, ad ATI Con.Te. entro 30 giorni dalla suddetta data, la scheda identificativa dell impianto (prevista dal comma 11, dell art. 11, del D.P.R. 412/1993, così come modificato ed integrato dal D.P.R. 551/1999 e dal D.M. del 17 marzo 2003) e copia della dichiarazione di conformità (prevista dall art. 7 del D.M. 37/2008, già art. 9 della Legge 46/1990), in linea con quanto disposto nella parte 5 Autodichiarazione della Deliberazione di Giunta Regionale del 7 gennaio 2005, n

9 LE ISPEZIONI DEGLI IMPIANTI TERMICI DA PARTE DEI TECNICI CON.TE. Roma Capitale ha il compito di verificare che la manutenzione ordinaria periodica e i controlli di efficienza energetica siano stati eseguiti correttamente nei modi e nei tempi previsti dalla normativa vigente, e lo svolge attraverso l ATI CON.TE. L ispezione svolta dai tecnici dell ATI SEA S.r.l. - Con.Te. - non sostituisce la manutenzione ordinaria ed il controllo di efficienza energetica. CON.TE., dopo aver trasmesso apposito avviso, procede a svolgere le ispezioni: - gratuitamente ed a campione, sugli impianti per i quali sia pervenuto regolarmente il Rapporto di controllo tecnico, di cui agli allegati F o G, corredato di bollino o versamento (impianti autocertificati). Per gli impianti che sono dotati di generatori di calore di età superiore a quindici anni, saranno effettuate ispezioni dell impianto termico nel suo complesso, comprendendo una valutazione del rendimento medio stagionale del generatore e una consulenza su eventuali interventi migliorativi; - a pagamento sugli impianti riscontrati non regolarmente autodichiarati (per i quali, pertanto, non è stata rispettata la periodicità di trasmissione prevista, almeno ogni 2 anni per impianti di potenza 35 kw e almeno ogni 4 anni per impianti di potenza < 35 kw) con costo a carico del responsabile impianto, secondo le tariffe indicate nella successiva Tabella B: TABELLA B TARIFFA ISPEZIONI COMPRENSIVA DEL COSTO DEL BOLLINO Fascia di Potenza Termica Impianto Importo Controllo impianti autodichiarati Tutte 0,00 Controllo impianto non regolarmente dichiarato o secondo controllo dell impianto termico, a seguito di una non idoneità riscontrata durante il primo controllo e, per il quale non è pervenuta dichiarazione entro 30 giorni dal primo controllo. Controllo impianti con caldaie di età superiore a 15 anni Rimborso spese per mancato appuntamento imputabile all utente 9 < 35 kw 90,54 35 kw e < 51 kw 96,13 51 kw e < 80 kw 101,73 80 kw e < 116 kw 112, kw e < 200 kw 129, kw e < 250 kw 152, kw e < 350 kw 168, kw e < 500 kw 202, kw e < 800 kw 269, kw 308,78 < 35 kw 14,99 35 kw e < 350 kw 89, kw 129,91 < 35 kw 24,98 35 kw 49,97 Controllo delle temperature Tutte 109,92

10 Nel caso in cui non fosse possibile effettuare la prevista ispezione per cause imputabili all utente (assenza o rifiuto del controllo da parte del responsabile a suo tempo preavvisato) è previsto un addebito, per rimborso spese, pari ad 24,98, per impianti di potenza inferiore a 35 kw, ed 49,97, per impianti di potenza superiore o uguale a 35 kw, in conformità alla norma di legge che prevede che i costi del controllo sono a carico dell utente e secondo le tariffe riportate al disciplinare tecnico di cui al contratto di concessione. L eventuale pagamento del costo dell ispezione (o del mancato appuntamento) dovrà essere effettuato entro 10 giorni dalla data prevista per l ispezione, sul conto corrente postale n intestato ad ATI Sea Srl, indicando nella causale il codice impianto riportato nell avviso di ispezione. Tutti i tecnici dell ATI SEA Srl sono identificabili attraverso dei tesserini di riconoscimento contenenti, oltre al logo di Roma Capitale e dell ATI Con.Te., le generalità dell ispettore. Tali tesserini, inoltre, sono visualizzabili sul nostro sito internet L ATI SEA Srl invita a prestare particolare attenzione a contatti telefonici diretti o a coloro che si presentano in date diverse da quella programmata e si mostrano riluttanti nell esibire il tesserino di riconoscimento e il relativo documento di identità, ribadendo che nessuno può comunque richiedere, a domicilio, il pagamento in contanti. Eventuale richiesta di rinvio del controllo potrà essere inviata a mezzo fax al n , inviando una mail all indirizzo oppure contattando il numero verde , entro 7 giorni precedenti la data del controllo, precisandone le motivazione e fornendo un recapito telefonico. 10

11 Le ditte di manutenzione e di installazione L opera dei manutentori abilitati, svolta secondo le periodicità fissate dalla normativa in vigore, è essenziale ai fini del mantenimento dell impianto termico in buone condizioni di funzionamento. Ciò garantisce all utente: - Che il proprio impianto termico sia in regola con le norme dettate in materia di risparmio energetico; - Che l impianto è sicuro. Nel caso in cui l utente si avvalga di manutentori non abilitati, i benefici di cui sopra non saranno garantiti. E vietato dalla normativa vigente avvalersi di ditte non abilitate alla manutenzione degli impianti. I manutentori abilitati sono quelli iscritti in apposito albo tenuto presso la Camera di Commercio, in base all art. 3 del Decreto Ministeriale n. 37 del 22 gennaio 2008, per la specializzazione in materia. Il cittadino che per le operazioni di manutenzione sugli impianti si rivolge a ditte non abilitate, è passibile di sanzione per un importo da 1000 a , ai sensi dell articolo 15 comma 2 del D.M. 37/08, per violazione dell articolo 8 comma 1 del medesimo decreto. Attenzione: i manutentori sono liberi imprenditori. Non vanno assolutamente confusi con gli ispettori che sono tecnici specializzati, operanti per conto del Comune con la qualifica di incaricati di pubblico servizio. Anche per i manutentori sono previste sanzioni pecuniarie piuttosto elevate qualora non rilascino la documentazione prevista per legge. Ai sensi del comma 6, dell art. 15 del D.Lgs. 192/2005 e ss.mm.ii., infatti, l'operatore incaricato del controllo e manutenzione, che non provvede a redigere e sottoscrivere il rapporto di controllo tecnico (Allegato F o G) e' punito con la sanzione amministrativa non inferiore a 1000 euro e non superiore a 6000 euro. L'ente locale, o la regione competente in materia di controlli, che applica la sanzione comunica alla camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di appartenenza per i provvedimenti disciplinari conseguenti. 11

12 PERCHE E IMPORTANTE LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI: L energia consumata per il riscaldamento e per l acqua calda sanitaria nell edilizia residenziale, rappresenta circa il 15% dei consumi energetici nazionali. La qualità delle emissioni degli impianti di riscaldamento ha un importanza fondamentale per la qualità dell aria all interno delle nostre città. Per questi motivi, il controllo dell efficienza e delle emissioni degli impianti di riscaldamento è un aspetto fondamentale dell attività di controllo dell inquinamento atmosferico e dei consumi energetici. Un impianto ben funzionante fa risparmiare energia, fa spendere meno, e consente di diminuire l emissione di agenti inquinanti nell aria. Come si svolgono i controlli da parte del Comune di Roma L Amministrazione Comunale svolge l attività di verifica dello stato di esercizio e di manutenzione, nonché del rendimento di combustione degli impianti termici, in attuazione dell art 9, comma 2, del D.Lgs 192/05 ed all allegato L del D.Lgs 311/06, tramite i tecnici CON.TE., muniti di tesserino di riconoscimento. La documentazione che deve essere resa disponibile al momento del controllo è la seguente: - libretto di impianto per impianti di potenza inferiore a 35 kw; - libretto centrale per impianti di potenza uguale o superiore a 35 kw; - libretti di uso e manutenzione degli apparecchi installati; - dichiarazioni di conformità dell impianto termico; - rapporti di controllo tecnico (Allegato G per impianti di potenza inferiore a 35 kw, o Allegato F per impianti di potenza uguale o superiore a 35 kw) rilasciati dal manutentore nel corso degli interventi di manutenzione e di controllo dell efficienza energetica, effettuati negli ultimi anni; Durante il controllo sarà eseguita la verifica del rendimento della combustione del generatore, della quantità di inquinanti nelle emissioni, dello stato della canna fumaria, dell aerazione del locale e di altri parametri specifici. Al termine della verifica, l addetto al controllo rilascerà una copia del verbale di avvenuto controllo. L esito del controllo potrà essere positivo (nel caso di impianto termico riscontrato a norma) o negativo (nel caso di impianto termico riscontrato non conforme alla normativa). In quest ultimo caso, il responsabile dell impianto sarà invitato a provvedere, entro 30 giorni, alla messa in conformità dell impianto ed a trasmettere copia della documentazione attestante l avvenuta messa in conformità. 12

13 LA VISITA DI CONTROLLO Roma Capitale comunicherà, attraverso l invio al responsabile dell impianto termico, di un avviso di ispezione, la data e la fascia oraria prevista per il controllo. I VERIFICATORI I verificatori degli impianti termici sono tecnici specializzati aventi i requisiti minimi prescritti dal D. Lgs. 192/05 e ss.mm.ii. e dalla Delibera Giunta Regione Lazio n. 13 del 7 gennaio L ACCERTAMENTO DEL VERIFICATORE - Le generalità del responsabile dell esercizio e della manutenzione; - Che il libretto di impianto (o di centrale) sia correttamente compilato in ogni sua parte; - I parametri tecnici previsti dalla normativa (rendimento della combustione, quantità di inquinanti nelle emissioni...); - Lo stato della canna fumaria, l aerazione e la ventilazione dei locali e gli altri parametri di interesse; - Che le operazioni di manutenzione e gestione dell impianto vengano eseguite secondo la normativa vigente. Le verifiche saranno effettuate in presenza del responsabile dell impianto o di un suo delegato che sarà invitato a controfirmare in modo leggibile il rapporto di prova (verbale di ispezione) contenente tutte le indicazioni riguardanti l impianto oggetto del controllo ed i dati risultanti dalle analisi di combustione. Tale rapporto, privo di correzioni, sarà rilasciato in copia agli interessati. Qualora la verifica non fosse effettuata per cause imputabili ai soggetti preavvisati (assenza o rifiuto del controllo da parte del responsabile dell impianto), essa verrà riprogrammata; inoltre verrà addebitato un rimborso spese pari a 24,98 (per gli impianti di potenza < a 35 kw) o 49,97 (per gli impianti superiori o uguali a 35 kw) da versare secondo le modalità comunicate mediante l avviso di ispezione che sarà inviato all utente, in conformità al principio stabilito dall art.31, comma 3, della L. 10/91, ovvero che gli oneri per l effettuazione dei controlli sono posti a carico degli utenti. 13

14 L assenza o il rifiuto del controllo reiterato (che sarà segnalato al Comune) può comportare la sospensione della fornitura di gas da parte della società distributrice, ai sensi dell art.16, comma 6 del D.Lgs. 164/2000. Eventuali difficoltà oggettive da parte dell utente a rispettare l appuntamento fissato dall organizzatore delle verifiche, se comunicate con sufficiente anticipo (almeno 7 giorni prima della data prevista per l ispezione) possono consentire uno spostamento dell appuntamento, senza aggravio di spesa per l utente. MODALITÀ DI GESTIONE DELLE NON CONFORMITÀ L esito di una verifica potrà essere la conformità o la non conformità alla normativa vigente dell impianto oggetto del controllo. Nel caso in cui ad una prima verifica l impianto risultasse non conforme, questa potrà essere ripetuta non prima di 30 giorni. Il costo di eventuali ulteriori verifiche, qualora l impianto non risultasse, al primo appuntamento, conforme alla normativa vigente, sarà, in qualunque caso a carico del responsabile dell impianto (anche nel caso in cui sia stata consegnata la dichiarazione di messa in conformità dell impianto ed essa non risulti veritiera). Qualora alla successiva verifica l impianto risultasse nuovamente non idoneo, Roma Capitale provvederà ad avviare le procedure di prescrizione e sanzionatorie previste. In caso di mancato rispetto delle norme di manutenzione ed esercizio il responsabile d impianto è soggetto a sanzioni da 500,00 a 3.000,00 Attivazione sportello informativo Roma Capitale, ha in attivazione 21 Sportelli Informativi Energetici al fine di offrire la massima collaborazione all utenza interessata per la corretta applicazione della presente normativa, alle problematiche dei controlli e più in generale a quelle del Risparmio Energetico. Attraverso lo sportello sarà possibile: 1) ricevere materiale informativo vario ; 2) consegnare i moduli di dichiarazione una volta compilati; 3) verificare la corretta compilazione dei moduli e dei dati in essi contenuti. La modulistica necessaria, i riferimenti normativi e tecnici e le schede da utilizzare con le istruzioni per la compilazione saranno disponibili sul sito di Roma Capitale e sul nostro sito 14

15 Controllo della temperatura ambiente Il cittadino può richiedere un controllo del rispetto dei valori massimi della temperatura ambiente interna alla propria abitazione. Il controllo viene effettuato, con le seguenti modalità: *richiesta scritta formulata, servendosi del modulo predisposto dall Amministrazione presente nella sezione allegati (inviare al n. di fax ). *rilevazione dei valori di temperatura dell aria negli ambienti, ai sensi della legge 10/91 e del DPR 412/93 e s.m.i., effettuata da un tecnico qualificato con strumentazione e modalità previste dalla normativa vigente in materia. Il costo del controllo della temperatura ambiente è a carico del richiedente per un importo di 109,92. Attivazione di un numero verde Roma Capitale, tramite CON.TE., al fine di fornire notizie generali sul servizio di verifica degli impianti termici ed informazioni e risposte ai quesiti posti dall utenza, ha attivato il numero verde attivo tutti i giorni (sabato e festivi esclusi) dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle

16 DOMANDE E RISPOSTE Perché è necessario effettuare la manutenzione della caldaia? La manutenzione della caldaia è un obbligo di legge e serve a favorire il risparmio energetico, ridurre le emissioni di gas inquinanti, ottenere un risparmio sui consumi in bolletta e, infine, garantire la sicurezza degli ambienti domestici. Chi è il responsabile dell esercizio e della manutenzione della caldaia dell alloggio? Per responsabile dell impianto termico si intende l'occupante, a qualsiasi titolo, in caso di singole unità immobiliari residenziali; il proprietario, in caso di singole unità immobiliari residenziali non locate; l'amministratore, in caso di edifici dotati di impianti termici centralizzati amministrati in condominio; il proprietario o l'amministratore delegato in caso di edifici di proprietà di soggetti diversi dalle persone fisiche; Al responsabile dell impianto, che può delegarle ad un terzo mediante apposito contratto, sono affidati l'esercizio, la conduzione, il controllo, la manutenzione dell'impianto termico e il rispetto delle disposizioni di legge in materia di efficienza energetica. Il responsabile dell impianto deve farsi carico del corretto esercizio e manutenzione dell impianto di riscaldamento. La mancata effettuazione della manutenzione periodica comporta l applicazione di una sanzione da un minimo di 500,00 fino ad un massimo di 3.000,00. Quali sono le responsabilità ed i compiti del Responsabile dell impianto termico? Il responsabile dell impianto termico deve: predisporre il libretto d impianto (o di centrale per i soli impianti di potenza 35 kw) e far svolgere, da una impresa abilitata ai sensi dell Art.3 del DM 37/2008, le operazioni di controllo e manutenzione previste dalla legge. Al termine dell intervento il tecnico che ha effettuato il controllo deve rilasciare al responsabile d impianto una copia del Rapporto di controllo e manutenzione (Allegato G per impianti di potenza < 35 kw e Allegato F per impianti di potenza 35 kw). Questa documentazione dovrà essere allegata al libretto d impianto (o di centrale) sul quale si dovranno aggiornare i dati relativi alle manutenzioni ed alle prove fumi effettuate. regolare l impianto in modo che non superi la temperatura media degli ambienti di 22 C: a norma di legge, la responsabilità del superamento di tale limite è imputabile all occupante, che può incorrere in sanzioni. Il cittadino può richiedere un controllo del rispetto dei valori massimi della temperatura ambiente interna alla propria abitazione? Come viene effettuato questo tipo di controllo? Il controllo della temperatura ambiente può essere richiesto servendosi del modulo predisposto dall Amministrazione presente nella sezione allegati. Il costo di tale controllo è a totale carico del richiedente (per un importo di 109,92). la rilevazione dei valori di temperatura dell aria negli ambienti verrà effettuata da un tecnico qualificato. Sono un inquilino: la manutenzione e la tenuta del libretto sono di mia competenza? Se l impianto è individuale, la manutenzione è a Suo carico, in quanto, in questo caso, responsabile dell impianto termico è l occupante dell appartamento o unità immobiliare; se l impianto è centralizzato, la manutenzione è a carico del responsabile dell impianto stesso (proprietario, amministratore o terzo responsabile). 16

17 Chi è il terzo responsabile? Il terzo responsabile dell esercizio e della manutenzione dell impianto termico è la persona giuridica che, essendo in possesso dei requisiti previsti dalle normative vigenti e comunque di capacità tecnica, economica e organizzativa adeguata al numero, alla potenza e alla complessità degli impianti gestiti, è delegata dal responsabile ad assumere la responsabilità dell'esercizio, della conduzione, del controllo, della manutenzione e dell'adozione delle misure necessarie al contenimento dei consumi energetici; Ho installato un impianto nuovo: devo effettuare ugualmente la manutenzione? All'atto della prima messa in esercizio dell'impianto, deve essere effettuata la prima prova di combustione, a cura dell'installatore, che deve rilasciare il primo rapporto di controllo tecnico (Allegato G per impianti di potenza nominale del focolare < 35 kw, o Allegato F per impianti di potenza nominale del focolare > a 35 kw), la dichiarazione di conformità, ai sensi dell art. 7 del D.M. 37/2008 e il libretto di impianto (o di centrale). La manutenzione ordinaria va effettuata secondo le prescrizioni della Ditta installatrice o, in assenza di queste, dalle istruzioni fornite dal costruttore nel libretto di uso e di manutenzione della caldaia. Quali sono gli impianti termici soggetti a controllo e manutenzione? Sono gli impianti destinati ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato, comprendenti eventuali sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolarizzazione e controllo. Sono compresi negli impianti termici gli impianti individuali di riscaldamento. Non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe, caminetti, apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante; tali apparecchi, se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare e' maggiore o uguale a 5 kw. Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate. Cos è la Dichiarazione di Conformità? Tale documento, rilasciato dall installatore al termine dell intervento, attesta che l impianto è stato realizzato nel rispetto delle norme. Nel caso non sia stato rilasciato bisogna risalire all installatore dell impianto che dovrà redigerla a sua volta. Nel caso in cui la dichiarazione di conformità non sia stata prodotta o non sia più reperibile, tale documento può essere sostituito, solo per installazioni effettuate prima del 27/03/2008, da una dichiarazione di rispondenza, resa da un professionista iscritto all'albo professionale per le specifiche competenze tecniche richieste, che ha esercitato la professione, per almeno cinque anni, nel settore impiantistico a cui si riferisce la dichiarazione, sotto personale responsabilità, in esito a sopralluogo ed accertamenti, ovvero, per gli impianti non ricadenti nel campo di applicazione dell'articolo 5, comma 2, del D.M. 37/2008, da un soggetto che ricopre, da almeno 5 anni, il ruolo di responsabile tecnico di un'impresa abilitata operante nel settore impiantistico a cui si riferisce la dichiarazione. 17

18 Che differenza c è tra la prova di combustione e la manutenzione ordinaria dell impianto? La manutenzione ordinaria consiste in quelle operazioni previste, dal fabbricante degli apparecchi e riportate nei libretti di uso e manutenzione, intese a conservare l impianto in uno stato efficiente, mentre la prova di combustione consiste nel verificarne i parametri in base alle soglie limite previste dalla legge e si effettua in concomitanza con i controlli di efficienza energetica dell impianto. Se non svolgo le manutenzioni previste per legge cosa può accadere? Si possono verificare conseguenze anche gravi, dovute soprattutto alla formazione e diffusione del monossido di carbonio nei locali. Il monossido di carbonio (CO) e un gas inodore, incolore, tossico, e che può rivelarsi letale se respirato in alte concentrazioni e per un tempo prolungato, comunque nocivo per l organismo anche in basse concentrazioni. Per evitare pericolose intossicazioni è importante dunque verificare il corretto funzionamento delle caldaie, e la sicurezza degli impianti di riscaldamento. Quali sono le cause per cui si può formare e diffondere il CO nell ambiente in cui abito? Sono principalmente tre: 1) insufficiente aerazione nel locale ove avviene la combustione; 2) cattivo funzionamento dello scarico dei fumi; 3) mal funzionamento dovuto a scarsa manutenzione dell impianto stesso; Il bollino va messo alla prima accensione della caldaia o no? L articolo 9 dell Allegato L, al D.Lgs. 192/2005 (successivamente articolo 14 dell Allegato L, al D.Lgs. 311/2006), ha reso obbligatorio, a partire dal 8 ottobre 2005, la trasmissione della dichiarazione di avvenuta manutenzione dell impianto termico, all Ente locale competente. Da tale data, pertanto, tutti i manutentori, terzi responsabili, o altri soggetti ritenuti pertinenti (proprietario o, se diverso, occupante dell immobile) devono trasmettere, al Comune di Roma Capitale, l ultimo rapporto di controllo tecnico (conforme all allegato F, per gli impianti di potenza nominale del focolare 35 kw, e conforme all Allegato G per gli impianti di potenza nominale del focolare < 35 kw), in corso di validità, almeno secondo le seguenti scadenze temporali: a) ogni due anni nel caso di impianti di potenza nominale del focolare maggiore o uguale a 35 kw; b) ogni quattro anni nel caso di impianti di potenza nominale del focolare minore di 35 kw. Nel caso di installazione di un nuovo impianto termico, così come definito dall art. 19 dell Allegato A al D.Lgs 192/2005, ovvero un impianto termico installato in un edificio di nuova costruzione o in un edificio o porzione di edificio antecedentemente privo di impianto termico, è necessario trasmettere l autodichiarazione entro 12 mesi a partire dalla data della prima accensione dell impianto, purché sia stata presentata e trasmessa, ad ATI Con.Te. entro 30 giorni dalla suddetta data, la scheda identificativa dell impianto (prevista dal comma 11, dell art. 11, del D.P.R. 412/1993, così come modificato ed integrato dal D.P.R. 551/1999 e dal D.M. del 17 marzo 2003) e copia della dichiarazione di conformità (prevista dall art. 7 del D.M. 37/2008, già art. 9 della Legge 46/1990), in linea con quanto disposto nella parte 5 Autodichiarazione della Deliberazione di Giunta Regionale del 7 gennaio 2005, n. 13. La sostituzione del generatore di calore non interrompe le suddette periodicità, pertanto, nel caso di installazione di una nuova caldaia è necessario verificare la presenza e la data di trasmissione dell ultima dichiarazione di avvenuta manutenzione. 18

19 Se effettuo l autocertificazione, la manutenzione resta sempre a mio carico? Non bisogna confondere i controlli a carico dell utente, cioè manutenzione dell impianto e prova di combustione, i cui costi sono a carico dell utente stesso, con i controlli da parte di Roma Capitale che riguardano la conformità alle norme di Legge. Effettuando l autocertificazione ed il relativo versamento quale contributo spese di verifica, non si paga il costo del controllo svolto dai tecnici verificatori di Roma Capitale. Per informazione è possibile rivolgersi a: CON.TE. Controllo impianti termici Via Monasterace, 39/F Roma GIORNI ED ORARI DI RICEVIMENTO il lunedì, il mercoledì ed il giovedì dalle ore 9:00 alle ore 13:00, ed il mercoledì, dalle ore 15:00 alle ore 18:00. Per quesiti tecnici inerenti le ispezioni degli impianti termici si riceve il martedì, dalle ore 9:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 18:00, ed il giovedì dalle ore 9:00 alle ore 12:00 e dalle ore 14:00 alle ore 18:00. 19

20 20

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 Le scritte in verde sono le integrazioni o variazioni apportate dal DPR 551/99 al DPR 412/93 Le scritte in nero sono il testo del DPR 412/93 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art.

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via NUOVO ALLEGATO A ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via esclusivamente documentale che il progetto delle

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI PROVINCIA DI COSENZA SETTORE ATTIVITA ECONOMICHE E PRODUTTIVE SERVIZIO VALORIZZAZIONE RISORSE ENERGETICHE GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI SOMMARIO INTRODUZIONE... 4 SEZIONE I: NOTIZIE IN

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA MOD. Art/A 1-07-2002 15:17 Pagina 1 Numero ALBO MARCA DA BOLLO Mod. ART/A ISCRIZIONE DI DITTA INDIVIDUALE REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0002-2010 Data 20/12/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Flavio Paglierini Via Via Cesare

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO Delibera n. 1036/10 Consiglio Direttivo 08/02/2010 GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO in APPLICAZIONE DI Codice Civile

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311)

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI TERAMO Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) Indice 1) Premesse 2)

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico GSE Gestore Servizi Energetici Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico D.M. 28 dicembre 2012 Indice dei contenuti 1. Generalità... 4 Finalità del documento... 4 Requisiti minimi per l utilizzo

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli