Visto l'articolo 2 dello "Statuto d'autonomia della Lombardia" approvato con L.R. statutaria 30 agosto 2008, n. 1;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Visto l'articolo 2 dello "Statuto d'autonomia della Lombardia" approvato con L.R. statutaria 30 agosto 2008, n. 1;"

Transcript

1 Deliberazione Giunta Regionale 8 maggio 2014 n. 10/1766 Determinazioni in ordine al recepimento delle intese tra il Governo, le Regioni, le Province autonome di Trento e Bolzano e le autonomie locali del 2 febbraio 2012 n. 24/CU e del 19 aprile 2012 n. 48/CU in merito al riparto della quota del fondo per le politiche della famiglia da destinare al finanziamento di servizi ed interventi a favore delle famiglie. (Lombardia, BUR 15 maggio 2014, n. 20) LA GIUNTA REGIONALE Visto l'articolo 2 dello "Statuto d'autonomia della Lombardia" approvato con L.R. statutaria 30 agosto 2008, n. 1; Viste le seguenti leggi regionali: - 6 dicembre 1999, n. 23 "Politiche regionali per la famiglia"; - 14 dicembre 2004, n. 34 "Politiche regionali per i minori"; - 12 marzo 2008 n. 3 "Governo della rete degli interventi e dei servizi alla persona in ambito sociale e sociosanitario"; Visto il "Piano Socio Sanitario Regionale " approvato con Delib.C.R. n. IX/88 del 17 novembre 2010; Richiamata la Delib.C.R. 9 luglio 2013, n. 78 "Programma Regionale di Sviluppo della X Legislatura" (PRS) - capitolo "Diritti sociali, politiche sociali e famiglia" - in cui si prevede di: - proseguire col riordino del welfare regionale, conciliando il nuovo sistema dei bisogni con la programmazione e l'organizzazione di risposte appropriate; - promuovere una rete di unità di offerta qualificata; - rafforzare gli interventi e i servizi per l'infanzia; - potenziare gli interventi domiciliari a favore delle persone anziane e delle persone con disabilità; - razionalizzare la distribuzione delle risorse regionali, nazionali e comunitarie; Richiamati inoltre i seguenti provvedimenti regionali: - Delib.G.R. 14 maggio 2013, n. 116 "Determinazioni in ordine all'istituzione del fondo regionale a sostegno della famiglia e dei suoi componenti fragili: atto d'indirizzo" che prevede di tutelare il benessere di tutti i componenti della famiglia, agevolando e sostenendo armoniose relazioni familiari, pur in presenza di problematiche complesse, derivanti da situazioni di fragilità; - Delib.G.R. 27 giugno 2013, n. 326 "Determinazioni in ordine alla ripartizione delle risorse del Fondo Sociale Regionale 2013" che ha previsto, quale declinazione attuativa del principio di integrazione tra i diversi livelli istituzionali nei processi di analisi e di risposta al bisogno evitando duplicazioni e frammentazione nell'utilizzo delle risorse e nell'erogazione degli interventi, e contestualmente garantendo appropriatezza nella risposta, la costituzione di una specifica cabina di regia integrata tra ASL e Comuni;

2 Visto l'art. 1, commi 1250, 1251 e 1254, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modifiche e integrazioni, concernente la disciplina del Fondo per le politiche della famiglia; Visto in particolare l'art. 1 comma 1252 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modifiche e integrazioni, dove si stabilisce che il Fondo per le politiche della famiglia è ripartito d'intesa con la Conferenza Unificata; Richiamate le seguenti Intese sancite in Conferenza Unificata: - il 20 settembre 2007, in materia di interventi, iniziative ed azioni finalizzate alla realizzazione delle misure di cui ai commi 1250 ed alle lettere b) e c) del comma 1251 dell'art. 1 della legge n. 296 del 2006; - il 26 settembre 2007, in materia di servizi educativi per la prima infanzia ai sensi del comma 1259 del predetto articolo 1; - il 14 febbraio 2008, per l'attuazione dei commi 630, 1250, 1251 e 1259 del sopra richiamato articolo 1 della legge n. 296 del 2006; - il 29 aprile 2010, in materia di servizi socio-educativi per la prima infanzia e di altri interventi a favore delle famiglie; Vista l'intesa sancita in sede di Conferenza Unificata in data 2 febbraio 2012 n. 24/CU in merito alla ripartizione del Fondo per le politiche della famiglia che destina alle Regioni e alle Province Autonome di Trento e Bolzano, per l'anno 2012, complessivamente 25 milioni di euro per interventi a favore della famiglia relativi ai compiti ed attività di competenza regionale e degli Enti locali; Considerato che, in sede di Conferenza Unificata, è stata approvata, nella seduta del 2 febbraio 2012, l'intesa tra il Governo, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali, ai sensi dell'art. 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, in merito al riparto della quota del Fondo per le politiche della famiglia a favore di interventi rivolti alla famiglia, che sancisce: - art. 1: le risorse ripartite sono destinate al concorso finanziario per la realizzazione di azioni a favore della famiglia; - art. 2: le risorse sono ripartite secondo i criteri di riparto già previsti per il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali anno 2011; - art. 3: le risorse ripartite sono finalizzate al finanziamento di azioni in materia di servizi socio-educativi per la prima infanzia e di assistenza domiciliare integrata, per la componente sociale, individuate dalle Regioni in accordo con le Autonomie Locali; - art. 3: il Dipartimento per le politiche della famiglia trasferisce le risorse alle Regioni a seguito di specifica richiesta nella quale sono indicate le azioni da finanziare nel rispetto delle finalità sopra evidenziate; - art. 4: le modalità per il monitoraggio degli interventi; Dato atto che le risorse statali disponibili per la Regione Lombardia, per l'attuazione dell'intesa del 2 febbraio 2012, per effetto dell'applicazione dei criteri previsti, ammontano complessivamente a euro ,00 e verranno iscritte nel bilancio regionale 2014, sul capitolo di spesa e sul collegato capitolo di entrata successivamente all'acquisizione delle risorse statali, a seguito della presentazione del Programma di Intervento; Vista inoltre l'intesa sancita in sede di Conferenza Unificata in data 19 aprile 2012 n. 48/CU in merito alla ripartizione del Fondo per le politiche della famiglia che destina alle Regioni e alle Province Autonome di Trento e Bolzano, per l'anno 2012, complessivamente 45 milioni di euro per servizi ed interventi a favore della famiglia relativi ai compiti ed attività di competenza regionale e degli Enti locali;

3 Considerato che, in sede di Conferenza Unificata, è stata approvata, nella seduta del 19 aprile 2012, l'intesa tra il Governo, le Regioni, le Province Autonome e le Autonomie Locali, ai sensi dell'art. 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, in merito al riparto della quota del Fondo per le politiche della famiglia a favore di interventi rivolti alla famiglia che sancisce: - art. 1: le risorse ripartite sono destinate al finanziamento di servizi socio-educativi per la prima infanzia e di azioni a favore degli anziani e della famiglia. Le Regioni concorreranno ai finanziamenti secondo le rispettive disponibilità; - art. 2: le risorse sono ripartite secondo i criteri di riparto già previsti per il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali anno 2011; - art. 3: il Dipartimento per le politiche della famiglia trasferisce le risorse alle Regioni a seguito di un accordo, della durata di 24 mesi, nel quale sono indicati i servizi socio-educativi e le azioni da finanziare a favore degli anziani e della famiglia, individuate dalle Regioni in accordo con le Autonomie Locali. Le risorse ripartite sono destinate: a) sia al proseguimento dello sviluppo e al consolidamento del sistema integrato di servizi socio-educativi per la prima infanzia - anche ai fini del raggiungimento degli obiettivi di servizio di cui alla delibera del CIPE n. 82 del 3 agosto e potranno essere utilizzate per: l'attivazione di nuovi posti; sostenere i costi di gestione dei posti esistenti; migliorare l'offerta qualitativa; b) sia al perseguimento di una delle seguenti finalità a favore degli anziani e della famiglia, per la componente sociale: promozione e sostegno della persona anziana; promozione e supporto alla permanenza della persona anziana presso il proprio domicilio; partecipazione degli anziani alla società; promozione di una vita indipendente e sana; promozione del rapporto tra le generazioni attraverso la solidarietà, il dialogo e la trasmissione delle esperienze; promozione di progetti per il superamento del di vario digitale. - art. 3: l'erogazione del 60% del totale spettante a ciascuna Regione sarà effettuata a seguito della sottoscrizione dell'accordo sopra citato, mentre la restante quota di finanziamento, pari al 40%, sarà invece erogata a seguito della presentazione della relazione intermedia sull'utilizzo delle risorse, redatta non oltre i primi 12 mesi di durata dell'accordo sottoscritto; - art. 4: le modalità per il monitoraggio degli interventi; Dato atto che le risorse statali disponibili per la Regione Lombardia, per l'attuazione dell'intesa del 19 aprile 2012, per effetto dell'applicazione dei criteri previsti, ammontano complessivamente a euro ,00 e verranno iscritte nel bilancio regionale 2014, sul capitolo di spesa e sul collegato capitolo di entrata successivamente all'acquisizione delle risorse statali, a seguito della sottoscrizione dell'accordo con i ministeri competenti;

4 Visti i decreti del Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 9 maggio 2012, con i quali viene ripartito alla Regione Lombardia il finanziamento statale per l'anno 2012 pari a euro ,00 e il finanziamento statale per l'anno 2012 di euro ,00 che verranno erogati secondo le modalità stabilite dalle Intese del 2 febbraio 2012 n. 24/CU e del 19 aprile 2012 n. 48/CU; Valutata l'opportunità, offerta dalle Intese 2012 n. 24/CU e n. 48/CU, di finalizzare le risorse assegnate a Regione Lombardia al consolidamento ed allo sviluppo della rete dei servizi e degli interventi sociali a favore della famiglia, al fine di integrare le risorse statali e regionali, evitandone la frammentazione sul territorio; Ritenuto opportuno, quindi, di integrare le quote assegnate con il Fondo Sociale Regionale che, nel corso del 2014, sarà assegnato da Regione Lombardia in modo indistinto per il finanziamento delle unità di offerta sociali pubbliche e/o private rivolte alla prima infanzia, ai minori allontanati dal nucleo familiare di origine, alle persone con disabilità e agli anziani, con particolare riferimento ai seguenti servizi: - Servizi socio-educativi per la prima infanzia; - Servizi di assistenza domiciliare per le persone con disabilità; - Servizi di assistenza domiciliare per gli anziani; Valutato che la proposta di Programma di Intervento, di cui all'allegato al presente provvedimento, predisposta d'intesa con la Struttura Risorse Economico Finanziarie della D.G. Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato, risulta essere coerente con le finalità indicate nelle Intese del 2 febbraio 2012 e del 19 aprile 2012 e con la programmazione regionale; Dato atto inoltre che l'impostazione del sopra citato Programma di Intervento è stata condivisa con ANCI Lombardia che, con nota del 5 marzo 2014, ha espresso parere favorevole alla proposta; Vista altresì la nota del Dipartimento per le politiche della famiglia del 25 marzo 2014 con cui si esprime parere favorevole alla sopra richiamata proposta di Programma di Intervento di Regione Lombardia; Ritenuto pertanto di procedere all'approvazione del Programma di Intervento di cui all'allegato 1 che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, per l'attuazione delle finalità previste all'art. 3 dell'intesa del 2 febbraio 2012 n. 24/CU e all'art. 3 dell'intesa 19 aprile 2012 n. 48/CU; Considerato che si rende necessario sottoscrivere un accordo con il Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri per l'attuazione delle iniziative previste dall'art. 3 dell'intesa del 19 aprile 2012 al fine anche del riconoscimento effettivo delle risorse; Visto lo schema di accordo definito in attuazione dell'intesa sancita in Conferenza Unificata in data 19 aprile 2012, n. 48/CU; Ritenuto di dare mandato al Direttore Generale della Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato, di firmare il citato accordo tra il Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri e Regione Lombardia ai fini dell'attuazione dell'intesa del 19 aprile 2012; Ritenuto altresì di rinviare a successivi provvedimenti la definizione delle procedure per l'attuazione delle linee programmatiche di cui all'allegato 1; Richiamate la L.R. 20/2008 e le dd.g.r. relative all'assetto Organizzativo della Giunta Regionale; Ritenuto di disporre la pubblicazione del presente atto sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia; A voti unanimi espressi nei modi e nelle forme di legge; Delibera

5 per quanto in premessa esplicitato: 1. di prendere atto dell'intesa approvata nella seduta del 2 febbraio 2012 in sede di Conferenza Unificata n. 24/CU e dell'intesa approvata nella seduta del 19 aprile 2012 n. 48/CU tra il Governo, le Regioni, le Province Autonome di Trento e Bolzano e le Autonomie Locali, in merito al riparto delle quote del Fondo per le politiche della famiglia per la realizzazione di azioni ed interventi a favore delle famiglie; 2. di approvare il Programma di Intervento di cui all'allegato 1 che costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto, per l'attuazione delle finalità previste all'art. 3 dell'intesa del 2 febbraio 2012 n. 24/CU e delle finalità previste all'art. 3 dell'intesa del 19 aprile 2012 n. 48/CU; 3. di dare atto che le risorse statali, disponibili per la Regione Lombardia, per l'attuazione dell'intesa del 2 febbraio 2012 ammontano complessivamente a euro ,00 e verranno iscritte nel bilancio regionale 2014, sul capitolo di spesa e sul collegato capitolo di entrata successivamente all'acquisizione delle risorse statali, a seguito dell'approvazione del presente provvedimento; 4. di dare atto che le risorse statali, disponibili per la Regione Lombardia, per l'attuazione dell'intesa del 19 aprile 2012 ammontano complessivamente a euro ,00 e verranno iscritte nel bilancio regionale 2014, sul capitolo di spesa e sul collegato capitolo di entrata successivamente all'acquisizione delle risorse statali, a seguito della sottoscrizione dell'accordo con il Dipartimento per le politiche della famiglia; 5. di dare mandato al Direttore Generale della Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato di inviare al Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri il presente atto, nonché di sottoscrivere i conseguenti provvedimenti necessari per l'effettivo riconoscimento delle risorse in attuazione dell'intesa del 19 aprile 2012; 6. di rinviare a successivi provvedimenti la definizione delle procedure per l'attuazione delle linee programmatiche di cui all'allegato 1, parte integrante e sostanziale del presente atto; 7. di pubblicare il presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia. Allegato 1 Programma di intervento - Intese stato regioni 2012 Politiche per la Famiglia 18 febbraio 2014 Intesa tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano e le Autonomie Locali, ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003 n. 131, concernente l'utilizzo di risorse da destinare al finanziamento di azioni per le politiche a favore della famiglia - sottoscritta in data 2 febbraio 2012 RISORSE ASSEGNATE Risorse complessivamente assegnate euro ,00 Risorse assegnate a Regione Lombardia euro ,00 FINALITÀ DELL'INTESA Finanziamento di azioni in materia di servizi socio-educativi per la prima infanzia e di assistenza domiciliare integrata, per la componente sociale, individuate dalle Regioni in accordo con le Autonomie Locali.

6 Intesa tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano e le Autonomie Locali, ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003 n. 131, concernente l'utilizzo di risorse da destinare al finanziamento di servizi socio-educativi per la prima infanzia ed azioni a favore degli anziani e della famiglia - sottoscritta in data 19 aprile 2012 RISORSE ASSEGNATE Risorse complessivamente assegnate euro ,00 Risorse assegnate a Regione Lombardia euro ,00 FINALITÀ DELL'INTESA Le risorse ripartite sono destinate: a) sia al proseguimento dello sviluppo e al consolidamento del sistema integrato di servizi socio-educativi per la prima infanzia - anche ai fini del raggiungimento degli obiettivi di servizio di cui alla delibera del CIPE n. 82 del 3 agosto e potranno essere utilizzate per: - l'attivazione di nuovi posti; - sostenere i costi di gestione dei posti esistenti; - migliorare l'offerta qualitativa; b) sia al perseguimento di una delle seguenti finalità a favore degli anziani e della famiglia, per la componente sociale: - promozione e sostegno della persona anziana; - promozione e supporto alla permanenza della persona anziana presso il proprio domicilio; - partecipazione degli anziani alla società; - promozione di una vita indipendente e sana; - promozione del rapporto tra le generazioni attraverso la solidarietà, il dialogo e la trasmissione delle esperienze; - promozione di progetti per il superamento del divario digitale. PREMESSA Il presente Programma di Intervento si inserisce in un percorso di sviluppo e di consolidamento della rete delle unità di offerta sociali rivolte alla famiglia che Regione Lombardia sta portando avanti, con l'obiettivo di migliorare la qualità dell'offerta e renderla più flessibile alle esigenze espresse dalle famiglie che, sempre più, si trovano in difficoltà nei compiti di cura e assistenza dei propri familiari, in particolare in questo periodo contrassegnato da incertezze del mercato del lavoro e da una grave crisi economica. In tale direzione, Regione Lombardia, cogliendo l'opportunità offerta dalle Intese Famiglia 2012, intende finalizzare le risorse assegnate al consolidamento ed allo sviluppo della rete dei servizi e degli interventi sociali a favore della famiglia, al fine di integrare le risorse statali e regionali, evitandone la frammentazione sul territorio. Le risorse delle Intese Famiglia 2012 saranno integrate con il Fondo Sociale Regionale che, nel corso del 2014, sarà assegnato da Regione Lombardia in modo indistinto per il finanziamento delle unità di offerta

7 sociali pubbliche e/o private rivolte alla prima infanzia, ai minori allontanati dal nucleo familiare di origine, alle persone con disabilità e agli anziani. In particolare, le risorse dell'intesa saranno destinate a sostenere i: - Servizi socio-educativi per la prima infanzia; - Servizi di assistenza domiciliare per le persone con disabilità; - Servizi di assistenza domiciliare per gli anziani. I criteri di erogazione delle risorse, le modalità operative e gli strumenti di monitoraggio per l'attuazione delle Intese Famiglia 2012 saranno quelli adottati per il Fondo Sociale Regionale Sviluppo e consolidamento della rete dei Servizi per la Prima Infanzia in Lombardia Al 1 gennaio 2013 la popolazione residente in Lombardia con età 0-36 mesi è pari a minori e rappresenta il 2,9% della popolazione lombarda. La rete dei servizi socio-educativi per la prima infanzia è rappresentata da circa 2515 strutture, pubbliche e private, caratterizzate dalle seguenti tipologie: Tipologia Unità di Offerta Numero strutture Numero posti autorizzati Asili Nido Micro Nidi Nidi Famiglia Centri Prima Infanzia Totale Regione Lombardia Fonte: Anagrafica DG Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato - anno 2013 Per quanto riguarda le risorse destinate in questi anni all'area della prima infanzia, emerge l'esigenza di integrare le diverse fonti di finanziamento affinché si possano orientare in modo efficace e continuativo le politiche a favore delle famiglie. Si evidenziano di seguito le iniziative promosse da Regione Lombardia con assegnazioni statali e con risorse proprie: Il Piano Straordinario Nidi (euro ,00 assegnati con l'intesa Stato Regioni del 2008): risorse destinate all'acquisto, da parte del sistema pubblico, di posti nelle unità di offerta del sistema privato (Asili Nido, Micronidi, Nidi Famiglia e Centri Prima Infanzia), al fine di soddisfare le famiglie in liste di attesa createsi nelle strutture pubbliche; Intesa Famiglia 2010 (euro ,00): risorse destinate all'erogazione di voucher alle famiglie con figli 0-36 mesi frequentanti un servizio per la prima infanzia e all'erogazione di voucher alle famiglie con figli 0-13 anni frequentanti i servizi integrativi scolastici durante l'anno scolastico Il Fondo Sociale Regionale rappresenta il finanziamento che storicamente Regione Lombardia assegna ogni anno per il sostegno della rete dei servizi e degli interventi sociali a favore della famiglia, tra i quali anche i servizi socio-educativi per la prima infanzia: Asili Nido, Micronidi, Nidi Famiglia e Centri Prima Infanzia. Per l'anno 2014 sono stati stanziati sul bilancio regionale euro ,00. Nel 2013 sono stati assegnati dagli Uffici di Piano agli Enti gestori pubblici e privati, che ne hanno presentato domanda, euro ,00 pari al 19,3% del Fondo Sociale Regionale anno 2013 pari a euro ,00. Di seguito sono evidenziati i dati, rendicontati a consuntivo 2012 dagli Uffici di Piano su

8 riparto Fondo Sociale Regionale 2013, relativi ai servizi per la prima infanzia interessati dal contributo regionale. Tipologia Unità di Offerta Numero strutture pubbliche Numero strutture private TOTALE Numero strutture Numero posti Numero posti autorizzati in autorizzati in strutture strutture pubbliche private TOTALE Numero posti autorizzati Asilo Nido Micronido Nido Famiglia Centro Prima Infanzia Totale Fonte: Rendicontazione consuntivo 2012 su Fondo Sociale Regionale anno 2013 (non sono presenti i dati del Comune di Milano) La possibilità di integrare il Fondo Sociale Regionale con l'assegnazione delle Intese Famiglia 2012 rappresenta, dunque, un'opportunità per sostenere la rete dei servizi, dove Enti gestori da una parte e le famiglie, dall'altra, faticano a sostenere i costi gestionali e le rette. 2. Sviluppo e consolidamento della rete dei Servizi di Assistenza Domiciliare in Lombardia In Lombardia ci sono oltre 2 milioni di anziani con più di 65 anni, le persone con più di 75 anni sono e rappresentano il 10% della popolazione lombarda che conta di abitanti. Si può stimare che le persone anziane (maggiori di 65 anni) non autosufficienti e/o fragili siano circa I cambiamenti del contesto sociale ed economico, avvenuti in questi ultimi anni, hanno prodotto una maggiore vulnerabilità sociale, soprattutto delle famiglie al cui interno vi sono soggetti in condizione di fragilità, o per disabilità o per non autosufficienza e cronicità, o soggetti minori con problematiche familiari, tutte persone a rischio di emarginazione ed esclusione sociale. Diventa, pertanto, una priorità delle politiche regionali di welfare sostenere la rete dei servizi sociali e sociosanitari rivolti alle persone e alle famiglie con fragilità affinché possano essere date risposte adeguate e flessibili ai bisogni reali delle famiglie. La rete dei Servizi di Assistenza Domiciliare rivolti agli anziani ed alle persone con disabilità, tradizionalmente erogati dai Comuni in forma singola o associata, svolgono un ruolo centrale nel supportare la famiglia nei compiti di cura e nel favorire la permanenza a casa della persona in situazione di fragilità. Regione Lombardia, in questi anni, ha sostenuto e continua a sostenere l'assistenza domiciliare con il Fondo Sociale Regionale ed un'integrazione con le risorse assegnate dalle Intese Famiglia 2012 permetterebbe di raggiungere più persone in situazione di bisogno. Dalla rendicontazione consuntivo 2012 (2) su Fondo Sociale Regionale anno 2013, risulta che le risorse destinate dagli Ambiti Territoriali ai Servizi di Assistenza Domiciliare per gli anziani e le persone con disabilità rappresentano il 22,1% del Fondo, distribuite come segue: euro ,00 per il SAD Anziani che ha seguito complessivamente utenti euro ,00 per il SADH Disabili che ha seguito complessivamente utenti Anche per questa area di intervento, come per i servizi socio-educativi per la prima infanzia, le risorse dell'intesa Famiglia 2012 saranno erogate con gli stessi criteri e modalità di attuazione previsti per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale Cofinanziamento Regione Lombardia

9 Come richiesto dall'intesa Famiglia sottoscritta il 19 aprile 2012, Regione Lombardia garantisce un cofinanziamento per l'attuazione delle seguenti azioni: Azione 1 Sviluppo e consolidamento del sistema integrato di servizi socio-educativi per la prima infanzia; Azione 2 Promozione e supporto alla permanenza della persona anziana presso il proprio domicilio. Il cofinanziamento sarà garantito nell'ambito delle risorse che ogni Ambito Territoriale destinerà alle due azioni con il piano di riparto dei contributi previsto per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale stanziato sul bilancio regionale 2014, integrato con le risorse delle Intese Famiglia L'importo del cofinanziamento sarà comunicato al Dipartimento per le politiche della famiglia nella relazione intermedia, presentata secondo le modalità previste dall'articolo 4 dell'accordo, a seguito del recepimento e dell'analisi dei piani di riparto approvati dagli Ambiti Territoriali. PROGRAMMA DI INTERVENTO INTESA FAMIGLIA SOTTOSCRITTO IL 2 FEBBRAIO 2012 RISORSE ASSEGNATE euro ,00 AZIONE 1 Sviluppo e consolidamento del sistema integrato di servizi socio-educativi per la prima infanzia OBIETTIVI INTERVENTI E AZIONI MODALITÀ DI ATTUAZIONE Proseguire il processo di sviluppo e consolidamento della rete dei servizi socioeducativi per la prima infanzia pubblici e privati: Asili Nido, Micronidi, Centri per la prima infanzia e Nidi Famiglia in regolare esercizio ai sensi della normativa vigente. Migliorare l'offerta qualitativa dei servizi per la prima infanzia. Sostenere le famiglie con minori 0-36 mesi garantendo pari opportunità di accesso alla rete dei servizi, contribuendo alla riduzione delle rette e introducendo la flessibilità oraria del servizio in considerazione delle esigenze espresse dalle famiglie. Sostenere i costi gestionali dei servizi per la prima infanzia attraverso l'integrazione delle risorse regionali e delle risorse dell'intesa Stato Regioni. Assegnazione di contributi agli Enti gestori dei servizi socio-educativi per la prima infanzia pubblici e privati (Nidi, Micronidi, Nidi Famiglia, Centri per la Prima Infanzia) tramite le Aziende Sanitarie Locali e gli Uffici di Piano degli Ambiti Territoriali secondo i criteri stabiliti per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale. Gli Uffici di Piano: Definiscono in accordo con l'azienda Sanitaria Locale e con deliberazione dell'assemblea distrettuale dei Sindaci - contestualmente all'approvazione del piano di riparto delle risorse del Fondo Sociale Regionale relativo all'esercizio finanziario anche i criteri di utilizzo delle risorse dell'intesa Stato Regioni nel rispetto delle finalità sopra descritte. Informano gli Enti gestori e ricevono le domande di contributo; Esaminano le richieste di contributo

10 RISORSE FINANZIARIE MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE ED EROGAZIONE DELLE RISORSE DEBITO INFORMATIVO pervenutee procedono all'assegnazione ed all'erogazione dei finanziamenti derivanti dall'applicazione dei criteri determinati dall'assemblea. Le Aziende Sanitarie Locali hanno il compito di validare il piano di assegnazione dei contributi e del debito informativo, seguendo le stesse modalità utilizzate per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale euro ,00 (60% dell'assegnazione) Le risorse saranno ripartite agli Ambiti Territoriali per quota capitaria, calcolata sulla popolazione residente con età 0-36 mesi Le risorse saranno assegnate alle Aziende Sanitarie Locali che erogheranno agli Ambiti Territoriali la quota prevista da Regione, su presentazione di apposite schede già in uso per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale L'erogazione agli Ambiti seguirà le seguenti modalità: L'80% dell'assegnazione spettante al ricevimento delle quote ripartite dalla Regione; Il 20% a saldo a seguito di presentazione del piano di assegnazione dei contributi che evidenzi l'utilizzo di questa assegnazione Il debito informativo è costituito dalle schede analitiche e di sintesi riferite ai servizi socioeducativi per la prima infanzia ammessi al contributo e dal piano di assegnazione dei contributi, strumenti già in uso per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale, che l'ufficio di Piano trasmette all'azienda Sanitaria Locale territorialmente competente AZIONE 2 Promozione e supporto alla permanenza della persona in condizione di non autosufficienza presso il proprio domicilio OBIETTIVI INTERVENTI E AZIONI MODALITÀ DI ATTUAZIONE Proseguire il processo di sviluppo e consolidamento della rete dei Servizi di Assistenza Domiciliare per le persone che si trovano in condizione di non autosufficienza: SAD e SADH. Migliorare l'offerta qualitativa del Servizio di Assistenza Domiciliare anche in termini di flessibilità ed estensione oraria del servizio nelle fasce tradizionalmente non coperte (orari serali, sabati e festivi) Favorire l'autonomia e la permanenza a domicilio delle persone in condizione di non autosufficienza, sollevando la famiglia per un congruo numero di ore dai compiti di assistenza e cura Favorire la reale integrazione dei servizi sociali e socio-sanitari per l'assistenza domiciliare, attraverso l'integrazione delle risorse. Sostenere i costi gestionali dei Servizi di Assistenza Domiciliare SAD e SADH attraverso l'integrazione delle risorse regionali e delle risorse dell'intesa Stato Regioni. Assegnazione di contributi agli Enti gestori dei servizi di Assistenza Domiciliare SAD e SADH tramite le Aziende Sanitarie Locali e gli Uffici di Piano degli Ambiti Territoriali secondo i criteri stabiliti per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale. Gli Uffici di Piano: Definiscono in accordo con l'azienda Sanitaria Locale e con

11 RISORSE FINANZIARIE MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE ED EROGAZIONE DELLE RISORSE DEBITO INFORMATIVO deliberazione dell'assemblea distrettuale dei Sindaci contestualmente all'approvazione del piano di riparto delle risorse del Fondo Sociale Regionale relativo all'esercizio finanziario anche i criteri di utilizzo delle risorse dell'intesa Stato Regioni nel rispetto delle finalità sopra descritte Informano gli Enti gestori e ricevono le domande di contributo; Esaminano le richieste di contributo pervenute e procedono all'assegnazione ed all'erogazione dei finanziamenti derivanti dall'applicazione dei criteri determinati dall'assemblea. Le Aziende Sanitarie Locali hanno il compito di validare il piano di assegnazione dei contributi e del debito informativo, seguendo le stesse modalità utilizzate per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale euro ,00 (40% dell'assegnazione) Le risorse saranno ripartite agli Ambiti Territoriali per quota capitaria, calcolata sulla popolazione residente di età pari o superiore a 75 anni. Le risorse saranno assegnate alle Aziende Sanitarie Locali che erogheranno agli Ambiti Territoriali la quota prevista da Regione, su presentazione di apposite schede già in uso per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale. L'erogazione agli Ambiti seguirà le seguenti modalità: L'80% dell'assegnazione spettante al ricevimento delle quote ripartite dalla Regione; Il 20% a saldo a seguito di presentazione del piano di assegnazione dei contributi che evidenzi l'utilizzo di questa assegnazione Il debito informativo è costituito dalle schede relative ai Servizi di Assistenza Domiciliare SAD e SADH ammessi al contributo e dal piano di assegnazione dei contributi, strumenti già in uso per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale, che l'ufficio di Piano trasmette all'azienda Sanitaria Locale territorialmente competente. PROGRAMMA DI INTERVENTO INTESA FAMIGLIA SOTTOSCRITTA IL 19 APRILE 2012 RISORSE ASSEGNATE euro ,00 AZIONE 1 Sviluppo e consolidamento del sistema integrato di servizi socio-educativi per la prima infanzia OBIETTIVI INTERVENTI E AZIONI Proseguire il processo di sviluppo e consolidamento della rete dei servizi socio-educativi per la prima infanzia pubblici e privati: Asili Nido, Micronidi, Centri per la prima infanzia e Nidi Famiglia in regolare esercizio ai sensi della normativa vigente. Migliorare l'offerta qualitativa dei servizi per la prima infanzia. Sostenere le famiglie con minori 0-36 mesi garantendo pari opportunità di accesso alla rete dei servizi, contribuendo alla riduzione delle rette e introducendo la flessibilità oraria del servizio in considerazione delle esigenze espresse dalle famiglie. Sostenere i costi gestionali dei servizi per la prima infanzia attraverso l'integrazione delle risorse regionali e delle risorse dell'intesa Stato Regioni. Assegnazione di contributi agli Enti gestori dei servizi socioeducativi per la prima infanzia pubblici e privati (Nidi, Micronidi, Nidi Famiglia, Centri per la Prima Infanzia) tramite le Aziende Sanitarie Locali e gli Uffici di Piano degli Ambiti Territoriali

12 MODALITÀ DI ATTUAZIONE RISORSE FINANZIARIE COFINANZIAMENTO REGIONALE MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE ED EROGAZIONE DELLE RISORSE DEBITO INFORMATIVO secondo i criteri stabiliti per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale. Gli Uffici di Piano: Definiscono in accordo con l'azienda Sanitaria Locale e con deliberazione dell'assemblea distrettuale dei Sindaci - contestualmente all'approvazione del piano di riparto delle risorse del Fondo Sociale Regionale relativo all'esercizio finanziario anche i criteri di utilizzo delle risorse dell'intesa Stato Regioni nel rispetto delle finalità sopra descritte Informano gli Enti gestori e ricevono le domande di contributo; Esaminano le richieste di contributo pervenute e procedono all'assegnazione ed all'erogazione dei finanziamenti derivanti dall'applicazione dei criteri determinati dall'assemblea. Le Aziende Sanitarie Locali hanno il compito di validare il piano di assegnazione dei contributi e del debito informativo, seguendo le stesse modalità utilizzate per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale. euro ,00 (60% dell'assegnazione) L'importo del cofinanziamento sarà comunicato al Dipartimento per le politiche della famiglia nella relazione intermedia, presentata secondo le modalità previste dall'articolo 4 dell'accordo, a seguito del recepimento dei piani di riparto approvati dagli Ambiti Territoriali Le risorse saranno ripartite agli Ambiti Territoriali per quota capitaria, calcolata sulla popolazione residente con età 0-36 mesi. Le risorse saranno assegnate alle Aziende Sanitarie Locali che erogheranno agli Ambiti Territoriali la quota prevista da Regione, su presentazione di apposite schede già in uso per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale. L'erogazione agli Ambiti seguirà le seguenti modalità: Il 60% dell'assegnazione spettante al ricevimento delle quote ripartite dalla Regione; Il 40% a saldo a seguito di presentazione del piano di assegnazione dei contributi che evidenzi l'utilizzo di questa assegnazione. Il debito informativo è costituito dalle schede analitiche e di sintesi riferite ai servizi socio-educativi per la prima infanzia ammessi al contributo e dal piano di assegnazione dei contributi, strumenti già in uso per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale, che l'ufficio di Piano trasmette all'azienda Sanitaria Locale territorialmente competente. AZIONE 2 Promozione e supporto alla permanenza della persona anziana presso il proprio domicilio OBIETTIVI INTERVENTI E AZIONI Proseguire il processo di sviluppo e consolidamento della rete dei Servizi di Assistenza Domiciliare per le persone anziane. Migliorare l'offerta qualitativa del Servizio di Assistenza Domiciliare anche in termini di flessibilità ed estensione oraria del servizio nelle fasce tradizionalmente non coperte (orari serali, sabati e festivi). Favorire l'autonomia e la permanenza a domicilio delle persone in condizione di non autosufficienza, sollevando la famiglia per un congruo numero di ore dai compiti di assistenza e cura. Sostenere i costi gestionali dei Servizi di Assistenza Domiciliare per le persone anziane attraverso l'integrazione delle risorse regionali e delle risorse dell'intesa Stato Regioni. Assegnazione di contributi agli Enti gestori dei servizi di

13 MODALITÀ DI ATTUAZIONE RISORSE FINANZIARIE COFINANZIAMENTO REGIONALE MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE ED EROGAZIONE DELLE RISORSE DEBITO INFORMATIVO Assistenza Domiciliare tramite le Aziende Sanitarie Locali e gli Uffici di Piano degli Ambiti Territoriali secondo i criteri stabiliti per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale. Gli Uffici di Piano: Definiscono in accordo con l'azienda Sanitaria Locale e con deliberazione dell'assemblea distrettuale dei Sindaci - contestualmente all'approvazione del piano di riparto delle risorse del Fondo Sociale Regionale relativo all'esercizio finanziario anche i criteri di utilizzo delle risorse dell'intesa Stato Regioni nel rispetto delle finalità sopra descritte Informano gli Enti gestori e ricevono le domande di contributo; Esaminano le richieste di contributo pervenute e procedono all'assegnazione ed all'erogazione dei finanziamenti derivanti dall'applicazione dei criteri determinati dall'assemblea. Le Aziende Sanitarie Locali hanno il compito di validare il piano di assegnazione dei contributi e del debito informativo, seguendo le stesse modalità utilizzate per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale. euro ,00 (40% dell'assegnazione) L'importo del cofinanziamento sarà comunicato al Dipartimento per le politiche della famiglia nella relazione intermedia, presentata secondo le modalità previste dall'articolo 4 dell'accordo, a seguito del recepimento dei piani di riparto approvati dagli Ambiti Territoriali. Le risorse saranno ripartite agli ambiti Territoriali per quota capitaria, calcolata sulla popolazione residente di età pari o superiore a 75 anni. Le risorse saranno assegnate alle Aziende Sanitarie Locali che erogheranno agli Ambiti Territoriali la quota prevista da Regione, su presentazione di apposite schede già in uso per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale. L'erogazione agli Ambiti seguirà le seguenti modalità: Il 60% dell'assegnazione spettante al ricevimento delle quote ripartite dalla Regione; Il 40% a saldo a seguito di presentazione del piano di assegnazione dei contributi che evidenzi l'utilizzo di questa assegnazione. Il debito informativo è costituito dalle schede relative ai Servizi di Assistenza Domiciliare ammessi al contributo e dal piano di assegnazione dei contributi, strumenti già in uso per l'erogazione del Fondo Sociale Regionale, che l'ufficio di Piano trasmette all'azienda Sanitaria Locale territorialmente competente. (2) Non sono compresi i dati del Comune di Milano

DELIBERAZIONE N. 2/7 DEL 22.1.2014

DELIBERAZIONE N. 2/7 DEL 22.1.2014 Oggetto: Intesa tra il Governo e le Regioni, le Province autonome di Trento e Bolzano e le Autonomie locali, ai sensi dell art. 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, concernente l utilizzo di

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3850 Seduta del 25/07/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3850 Seduta del 25/07/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3850 Seduta del 25/07/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo per le non autosufficienze, per l'anno 2015.

Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo per le non autosufficienze, per l'anno 2015. Decreto Ministeriale 14 maggio 2015 Ripartizione delle risorse finanziarie affluenti al Fondo per le non autosufficienze, per l'anno 2015. (G.U. 3 agosto 2015, n. 178) IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE

Dettagli

Reddito di autonomia: determinazioni in merito a misure a sostegno della famiglia per favorire il benessere e l'inclusione sociale.

Reddito di autonomia: determinazioni in merito a misure a sostegno della famiglia per favorire il benessere e l'inclusione sociale. Deliberazione Giunta Regionale 8 ottobre 2015 n. 10/4152 Reddito di autonomia: determinazioni in merito a misure a sostegno della famiglia per favorire il benessere e l'inclusione sociale. (Lombardia,

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO 1 Area: Servizi al Cittadino Settore: Servizi Sociali Ufficio: Piano di Zona FONDO SOCIALE REGIONALE 2014 - CRITERI DI RIPARTO APPROVATI CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI SINDACI DEL 01.10.2014. DOCUMENTO

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 1746 Seduta del 18/05/2011

DELIBERAZIONE N IX / 1746 Seduta del 18/05/2011 DELIBERAZIONE N IX / 1746 Seduta del 18/05/2011 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI DANIELE BELOTTI ROMANO LA RUSSA GIULIO BOSCAGLI CARLO

Dettagli

REGIONE MOLISE Assessorato alle Politiche Sociali Direzione Area Terza

REGIONE MOLISE Assessorato alle Politiche Sociali Direzione Area Terza REGIONE MOLISE Assessorato alle Politiche Sociali Direzione Area Terza Programma Attuativo Regionale (PAR) Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007-2013 Asse IV Inclusione sociale - Linea di Intervento

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualità di Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dai disavanzi del settore sanitario della Regione Calabria, nominato

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 17 dicembre 2008 Istituzione del sistema informativo per il monitoraggio dell'assistenza domiciliare (GU n. 6 del 9-1-2009 ) IL MINISTRO

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2260 Seduta del 01/08/2014

DELIBERAZIONE N X / 2260 Seduta del 01/08/2014 DELIBERAZIONE N X / 2260 Seduta del 01/08/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

Vista legge regionale n. 41/2005, "Sistema integrato di interventi e servizi per la tutela dei diritti di cittadinanza sociale";

Vista legge regionale n. 41/2005, Sistema integrato di interventi e servizi per la tutela dei diritti di cittadinanza sociale; Deliberazione Giunta Regionale 20 ottobre 2014 n. 890 Progetto regionale "Pronto Badante". Interventi sperimentali di sostegno e integrazione nell'area dell'assistenza familiare. (Toscana, BUR 29 ottobre

Dettagli

http://www.guritel.it/cgi-bin/db2www/arti/arti.mac/alltxt?datagu=3/9/2009&reda...

http://www.guritel.it/cgi-bin/db2www/arti/arti.mac/alltxt?datagu=3/9/2009&reda... Page 1 of 6 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 23 dicembre 2008 Progetti attuativi del Piano sanitario nazionale - Linee guida per l'accesso al cofinanziamento alle regioni

Dettagli

IL DIRETTORE CENTRALE

IL DIRETTORE CENTRALE D. Dirett. reg. 25 luglio 2013, n. 1335/ISTR/2013 1 Progetti per l'arricchimento dell'offerta formativa delle istituzioni scolastiche statali e paritarie del Friuli-Venezia Giulia - anno scolastico 2013/2014:

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE IPAB, INFANZIA, FAMIGLIA E GESTIONE DI ALBI E REGISTRI SOCIALI N. 80/IVS DEL 03/08/2012

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE IPAB, INFANZIA, FAMIGLIA E GESTIONE DI ALBI E REGISTRI SOCIALI N. 80/IVS DEL 03/08/2012 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE IPAB, INFANZIA, FAMIGLIA E GESTIONE DI ALBI E REGISTRI SOCIALI N. 80/IVS DEL 03/08/2012 Oggetto: LR 9/03 DGR 862/2007 Criteri e modalità per la concessione

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (SOC/02/24740) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Viste: - la legge 5 febbraio 1992, n.104 Legge - quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate ;

Dettagli

Interventi a favore del lavoro di assistenza e cura svolto dagli assistenti familiari

Interventi a favore del lavoro di assistenza e cura svolto dagli assistenti familiari Legge Regionale 25 maggio 2015, n. 15 Interventi a favore del lavoro di assistenza e cura svolto dagli assistenti familiari (BURL n. 22, suppl. del 28 Maggio 2015 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2015-05-25;15

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 febbraio 2001 Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio-sanitarie (in GU 6 giugno 2001, n. 129) IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative

CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA III^ Commissione Permanente Attività Sociali - Sanitarie - Culturali - Formative Disegno di legge n. 41/9^ Norme per il sostegno delle persone non autosufficienti. Fondo per la non autosufficienza Proponente: Giunta regionale Depositato presso la Segreteria Assemblea del Consiglio

Dettagli

(Il Governo con delibera C.d.M. del 14 febbraio 2012, ha deciso di impugnare l articolo 2, comma 3 e l articolo 11) Art. 1 (Oggetto e finalità)

(Il Governo con delibera C.d.M. del 14 febbraio 2012, ha deciso di impugnare l articolo 2, comma 3 e l articolo 11) Art. 1 (Oggetto e finalità) Legge regionale 20 dicembre 2011, n. 44 Norme per il sostegno di persone non autosufficienti Fondo per la non autosufficienza (BUR n. 23 del 16 dicembre 2011, supplemento straordinario n. 3 del 22 dicembre

Dettagli

ACCORDO CON REGIONE LOMBARDIA DEL 26 SETT. A FAVORE DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI GRAVI E GRAVISSIME

ACCORDO CON REGIONE LOMBARDIA DEL 26 SETT. A FAVORE DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI GRAVI E GRAVISSIME ACCORDO CON REGIONE LOMBARDIA DEL 26 SETT. A FAVORE DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI GRAVI E GRAVISSIME IL TESTO DELL ACCORDO Giudizio poli;co Innanzitutto va detto che il metodo di coinvolgimento delle

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 7 DEL 04-03-1998 REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LEGGE REGIONALE N. 7 DEL 04-03-1998 REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE N. 7 DEL 04-03-1998 REGIONE EMILIA-ROMAGNA ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE - INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE TURISTICA - ABROGAZIONE DELLE LEGGI REGIONALI 5 DICEMBRE

Dettagli

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011

REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013. I servizi per l infanzia. Roma 27 ottobre 2011 REGIONE PUGLIA P.O. FESR 2007-2013 Politiche nel campo dell inclusione sociale I servizi per l infanzia Roma 27 ottobre 2011 1 LE PRIORITA DEL WELFARE PUGLIESE Rimettere le persone al centro delle politiche

Dettagli

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia 14 giugno 2010 L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Anno scolastico 2008/2009 L Istat diffonde i principali risultati della rilevazione rapida relativa

Dettagli

i requisiti gestionali e strutturali per il nuovo modello assistenziale integrato e per i Nuclei Alzheimer Temporanei e centri semiresidenziali;

i requisiti gestionali e strutturali per il nuovo modello assistenziale integrato e per i Nuclei Alzheimer Temporanei e centri semiresidenziali; REGIONE PIEMONTE BU16S1 23/04/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 20 aprile 2015, n. 18-1326 Pianificazione economico-finanziaria e definizione delle regole del Sistema Sanitario piemontese in materia

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2011 Modifica ed abrogazione del decreto 4 febbraio 2010 concernente i criteri e le modalita' di ripartizione delle disponibilita' del

Dettagli

Delibera di Giunta Regionale n. 1377/1999. Prot. n. (SOC/99/27528) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Visti:

Delibera di Giunta Regionale n. 1377/1999. Prot. n. (SOC/99/27528) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Visti: Delibera di Giunta Regionale n. 1377/1999 Prot. n. (SOC/99/27528) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: l'art. 30 della Legge 27/12/1983, n. 730 che pone a carico del Fondo sanitario gli oneri

Dettagli

Viene anticipato all approvazione il presente punto all ordine del giorno.

Viene anticipato all approvazione il presente punto all ordine del giorno. Viene anticipato all approvazione il presente punto all ordine del giorno. OGGETTO: CONFERIMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI ALLA PERSONA PER IL PERIODO 2009/2013 ALL'AZIENDA SPECIALE CONSORTILE RETESALUTE

Dettagli

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi

Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente. Le cure domiciliari nella rete dei servizi Le Cure Domiciliari per l Anziano Non Autosufficiente Le cure domiciliari nella rete dei servizi Rosella Petrali Direzione Generale Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale Regione Lombardia

Dettagli

Bur n. 82 del 22/08/2014

Bur n. 82 del 22/08/2014 Bur n. 82 del 22/08/2014 (Codice interno: 279947) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 1393 del 05 agosto 2014 Disposizioni attuative e relativi criteri per l'accesso al finanziamento regionale ai sensi

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CONFERENZA UNIFICATA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CONFERENZA UNIFICATA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CONFERENZA UNIFICATA INTESA 27 novembre 2014 Intesa, ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, tra il Governo e le regioni, le province

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 1577 Seduta del 20/04/2011

DELIBERAZIONE N IX / 1577 Seduta del 20/04/2011 DELIBERAZIONE N IX / 1577 Seduta del 20/04/2011 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI DANIELE BELOTTI ROMANO LA RUSSA GIULIO BOSCAGLI CARLO

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Salute e Servizi Sociali Famiglia, Minori, Giovani, Pari Opportunita', Servizio Civile - Servizio Allegato A INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO,

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Criteri per la concessione da parte del Dipartimento della Protezione Civile dei contributi per il finanziamento di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile nel triennio

Dettagli

TUTTO CIO'PREMESSO. L'anno 2000, il giorno 14 del mese di febbraio, FRA

TUTTO CIO'PREMESSO. L'anno 2000, il giorno 14 del mese di febbraio, FRA CONVENZIONE TRA MINISTERO DEL COMMERCIO CON L'ESTERO, REGIONE EMILIA ROMAGNA, ICE, SACE, SIMEST IN ATTUAZIONE DELL'INTESA SOTTOSCRITTA IN DATA 26/10/1999 PER LA COSTITUZIONE DELLO SPORTELLO REGIONALE PER

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA TRA Regione Toscana e Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani UNCEM Toscana Associazione Regionale dei Comuni della Toscana ANCI Toscana Unione Province Toscane UPI

Dettagli

Premesse. % assegnazione del Fondo sociale regionale 2007 FNPS = 0 55 0 < FNPS 20. % utilizzo FNPS 2005 20 < FNPS 40

Premesse. % assegnazione del Fondo sociale regionale 2007 FNPS = 0 55 0 < FNPS 20. % utilizzo FNPS 2005 20 < FNPS 40 CRITERI DI UTILIZZO DEL FONDO REGIONALE Anno 2007 Premesse La Regione Lombardia ha inserito i finanziamenti derivanti dal Fondo Sociale Regionale nel sistema di finanziamento complessivo dei Piani di Zona,

Dettagli

Contestualmente la Direttiva è inviata alla Corte dei Conti per la registrazione.

Contestualmente la Direttiva è inviata alla Corte dei Conti per la registrazione. Prot.1086 Roma, 03/10/2001 Esercizio finanziario 2001- Si trasmette la Direttiva n. 143 in data 1/10/2001, relativa alla formazione e all aggiornamento del personale della scuola per l esercizio finanziario

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

Dettaglio atto MINISTERO DELLA SALUTE. salta al contenuto salta al menù footer. torna al menù principale. Decreto 22 febbraio 2007, n.

Dettaglio atto MINISTERO DELLA SALUTE. salta al contenuto salta al menù footer. torna al menù principale. Decreto 22 febbraio 2007, n. salta al contenuto salta al menù footer Dettaglio atto torna al menù principale MINISTERO DELLA SALUTE Decreto 22 febbraio 2007, n. 43 Regolamento recante: «Definizione degli standard relativi all'assistenza

Dettagli

Sostituzione dell'articolo 3 della legge regionale n. 7 del 1998

Sostituzione dell'articolo 3 della legge regionale n. 7 del 1998 1 1 LEGGE REGIONALE 06 marzo 2007, n. 2#LR-ER-2007-2# MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 4 MARZO 1998, N. 7 (ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE - INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario IX Legislatura Progr.Num. 133/2013 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza Questo giorno mercoledì 25 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunito nella residenza

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012

Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 Delibera della Giunta Regionale n. 323 del 03/07/2012 A.G.C. 20 Assistenza Sanitaria Settore 3 Interventi a favore di fasce socio-sanitarie particolarmente 'deboli' Oggetto dell'atto: "ADOZIONE DELLA SCHEDA

Dettagli

LEGGE 13 luglio 2015, n. 107 artt.33,34,35,36 33. 15 aprile 2005, n. 77 34. 35. 36. all'articolo 4 della legge 28 marzo 2003, n.

LEGGE 13 luglio 2015, n. 107 artt.33,34,35,36 33. 15 aprile 2005, n. 77 34. 35. 36. all'articolo 4 della legge 28 marzo 2003, n. LEGGE 13 luglio 2015, n. 107 artt.33,34,35,36 33. Al fine di incrementare le opportunita' di lavoro e le capacita' di orientamento degli studenti, i percorsi di alternanza scuola lavoro di cui al decreto

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA 18 luglio 2011 Anno scolastico 2009/2010 L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Nell anno scolastico 2009/2010 risultano iscritti negli asili nido comunali

Dettagli

la legge regionale del 28 settembre 2006, n. 22 "Il mercato del lavoro in Lombardia" e ss.mm.ii.;

la legge regionale del 28 settembre 2006, n. 22 Il mercato del lavoro in Lombardia e ss.mm.ii.; Deliberazione Giunta Regionale 18 febbraio 2015 n. 10/3144 Misure volte a promuovere l'occupazione in occasione dell'evento EXPO 2015. (Lombardia, BUR 20 febbraio 2015, n. 8) LA GIUNTA REGIONALE Visti:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art 1 - Oggetto TITOLO I Disposizioni Generali Lo scopo del presente regolamento è l'individuazione di criteri equi e trasparenti per: a) l'erogazione

Dettagli

REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualità di Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dai disavanzi del settore sanitario della Regione Calabria, nominato

Dettagli

IL COMUNE IN MATERIA DI SERVIZI SOCIALI (legge regionale 2/2003) Funzioni di programmazione

IL COMUNE IN MATERIA DI SERVIZI SOCIALI (legge regionale 2/2003) Funzioni di programmazione IL COMUNE IN MATERIA DI SERVIZI SOCIALI (legge regionale 2/2003) Funzioni amministrative e i compiti di programmazione, progettazione e realizzazione del sistema locale dei servizi sociali a rete ed erogano

Dettagli

18 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 31 - Lunedì 01 agosto 2011

18 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 31 - Lunedì 01 agosto 2011 18 Bollettino Ufficiale D.g.r. 28 luglio 2011 - n. IX/2055 Determinazioni in ordine all attuazione di interventi integrati a favore della famiglia LA GIUNTA REGIONALE Visto l art. 2, comma 4, lett. b)

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3230 Seduta del 06/03/2015

DELIBERAZIONE N X / 3230 Seduta del 06/03/2015 DELIBERAZIONE N X / 3230 Seduta del 06/03/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Legge regionale 5 marzo 2009, n. 3. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 5 marzo 2009, n. 3. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 5 marzo 2009, n. 3 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale di previsione 2009 e del bilancio pluriennale 2009-2011. Legge finanziaria 2009. Il Consiglio regionale ha approvato.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZ. SOCIO-ASSISTENZIALE

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZ. SOCIO-ASSISTENZIALE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 470 17/12/2013 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 20964 DEL 12/12/2013 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: PROGRAMMAZIONE

Dettagli

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. 02/03/2005 n. 376. LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. 02/03/2005 n. 376. LA GIUNTA REGIONALE REGIONE UMBRIA OGGETTO: ATTUAZIONE DELL'ART.3 L.24/2004 'ASSEGNO DI CURA PER L'ASSISTENZA A DOMICILIO DI ANZIANI GRAVEMENTE NON AUTOSUFFICIENTI. APPROVAZIONE REQUISITI DI ACCESSO, MODALITA' DI EROGAZIONE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 43 del 6 luglio 2009. Atti della Regione PARTE I

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 43 del 6 luglio 2009. Atti della Regione PARTE I A.G.C. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo - Deliberazione n. 908 del 15 maggio 2009 Piano di interventi volti a potenziare l'offerta regionale di strutture tutelari.

Dettagli

Le modifiche sono riportate tra i segni ((... )).

Le modifiche sono riportate tra i segni ((... )). Decreto Legge 28-12-1998 n. 450 Disposizioni per assicurare interventi urgenti di attuazione del Piano sanitario nazionale 1998-2000. Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 29 dicembre 1998, n. 302 Testo

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari Allegato al decreto del direttore centrale 6 agosto 2012 n. 1087/ISTR Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2012/2013 Art. 1 Finalità 1. Il presente bando viene emanato al

Dettagli

Le Province hanno svolto nel processo avviato un importante ruolo di supporto, iniziativa e coordinamento.

Le Province hanno svolto nel processo avviato un importante ruolo di supporto, iniziativa e coordinamento. Delib.C.R. 30-7-2002 n. 394 Programma degli interventi ed individuazione dei criteri di ripartizione del Fondo regionale socioassistenziale e del Fondo nazionale per le politiche sociali per l'anno 2002

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 15 ottobre 2013 Definizione delle linee generali di indirizzo della programmazione delle Universita', per il triennio 2013/2015. (Decreto

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3851 Seduta del 25/07/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3851 Seduta del 25/07/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3851 Seduta del 25/07/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1 Legge regionale 26 maggio 1980, n. 10 Norme regionali in materia di diritto allo studio. 1 Quando le disposizioni della presente legge menzionano un Assessorato, la menzione si intende riferita alla Direzione

Dettagli

Istituzione Servizi Al Cittadino

Istituzione Servizi Al Cittadino COPIA Delibera nº Data 60 22/12/2009 Istituzione Servizi Al Cittadino Verbale di deliberazione del Consiglio di Amministrazione Oggetto: DETERMINAZIONE TARIFFE SERVIZI PUBBLICI - ANNO 2010 L'anno duemilanove,

Dettagli

Delibera n. 3519 del 15 novembre 2006

Delibera n. 3519 del 15 novembre 2006 Delibera n. 3519 del 15 novembre 2006 Alla Famiglia e Solidarietà Sociale e alla Sanità Gian Carlo Abelli ESTENSIONE SPERIMENTALE DELL EROGAZIONE DEL PRESTITO SULL ONORE ALL EVENTO COSTI PER L EDUCAZIONE

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA GESTIONE DEL VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA PERIODO 2008/2010

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA GESTIONE DEL VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA PERIODO 2008/2010 All. A DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA GESTIONE DEL VOUCHER DI CONCILIAZIONE PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI ALLA PERSONA PERIODO 2008/2010 FONDO SOCIALE EUROPEO OB. 2 COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 184 del 05/06/2014 Dipartimento 54 - Dipartimento Istr., Ric., Lav., Politiche Cult. e Soc. Direzione Generale 11 - Direzione Generale Istruzione, Formazione,Lavoro e

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA.

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. Premessa Sul territorio del Distretto n.5 Sebino sono più di 180 i bambini che frequentano

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: OSSERVATORIO SULLA POVERTA'

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: OSSERVATORIO SULLA POVERTA' REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 898 16/12/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 21370 DEL 10/12/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: OSSERVATORIO

Dettagli

'l<..ellione Campania l{ CJ>re sù[e n te

'l<..ellione Campania l{ CJ>re sù[e n te 'lre sù[e n te Commissario ad acta per il Piano di rientro del Settore Sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri del 24/0412010) DECRETO COMMISSARIALE n. R del.jd I~L.9:>J-l

Dettagli

DPGR - CA n. 69 del 29 maggio 2013

DPGR - CA n. 69 del 29 maggio 2013 REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualità di Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dai disavanzi del settore sanitario della Regione Calabria, nominato

Dettagli

Schema di convenzione per le organizzazioni di volontariato ALLEGATO A,

Schema di convenzione per le organizzazioni di volontariato ALLEGATO A, Schema di convenzione per le organizzazioni di volontariato ALLEGATO A, LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Vista la L.R. 2 settembre 1996, n. 37 "Nuove norme regionali di attuazione della Legge 11

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLA FAMÌGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO L'ASSESSORE

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLA FAMÌGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO L'ASSESSORE REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLA FAMÌGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO L'ASSESSORE VISTO lo Statuto della Regione; VISTA la legge regionale n. 22 del 6 maggio 1986 di riordino

Dettagli

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO AI SENSI DELL ART. 3 c. 8 lett. a) DELL INTESA

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO AI SENSI DELL ART. 3 c. 8 lett. a) DELL INTESA INTESA SUI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE FINALITA, LE MODALITA ATTUATIVE NONCHE IL MONITORAGGIO DEL SISTEMA DI INTERVENTI PER FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO, SOTTOSCRITTA

Dettagli

L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità)

L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità) L.R. 07 Dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia (1) Art. 1 (Finalità) 1. La Regione, in conformità alle disposizioni sancite dagli articoli 2, 3, 29, 30, 31, 36, 37, 38, 47 e 53 della

Dettagli

ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA

ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA 1 ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA TRA Regione Toscana e Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani UNCEM Toscana Associazione Nazionale dei Comuni della Toscana ANCI Toscana Unione Province Toscane

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA IL MINISTERO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON

MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA IL MINISTERO DELLA SALUTE DI CONCERTO CON ID: 330408 MEF - RGS - Prot. 20700 del 19/03/2015 La riproduzione su supporto cartaceo del presente documento costituisce una copia del documento firmato digitalmente e conservato presso il MEF ai sensi

Dettagli

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE DETERMINAZIONE. Estensore BORELLI FEDERICA. Responsabile del procedimento BORELLI FEDERICA

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE DETERMINAZIONE. Estensore BORELLI FEDERICA. Responsabile del procedimento BORELLI FEDERICA REGIONE LAZIO Dipartimento: Direzione Regionale: Area: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA E AI MINORI DETERMINAZIONE N. B8709 del 17/11/2011

Dettagli

Provincia di Padova. Deliberazione della Giunta Provinciale. SEDUTA del 17/02/2014 283 N di Reg. 26

Provincia di Padova. Deliberazione della Giunta Provinciale. SEDUTA del 17/02/2014 283 N di Reg. 26 Provincia di Padova Deliberazione della Giunta Provinciale SEDUTA del 17/02/2014 283 N di Reg. 26 Oggetto: ADOZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA'. TRIENNIO 2014-2016. L anno DUEMILAQUATTORDICI

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga REGIONE PIEMONTE BU47 22/11/2012 Legge regionale 16 novembre 2012, n. 13. Ulteriori modifiche alla legge regionale 9 giugno 1994, n. 18 (Norme di attuazione della legge 8 novembre 1991, n. 381 'Disciplina

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 gennaio 2015 Modalita' di attuazione della disposizione legislativa relativa a operazioni di mutuo che le regioni possono stipulare per interventi di

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

FORUM P.A. 2001 L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA NEL DISTRETTO 9 MAGGIO 2001

FORUM P.A. 2001 L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA NEL DISTRETTO 9 MAGGIO 2001 FORUM P.A. 2001 L INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA NEL DISTRETTO 9 MAGGIO 2001 Maria Giuseppina La Falce Segreteria Conferenza Stato-Regioni Presidenza del Consiglio dei Ministri 1 1. L'integrazione socio-sanitaria

Dettagli

CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA

CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 32/32 del 7.8.2014 CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA 1) Obiettivi Fornire alle

Dettagli

Esenzione/riduzione tariffe comunali

Esenzione/riduzione tariffe comunali Esenzione/riduzione tariffe comunali Per l'accesso ai servizi comunali a tariffe agevolate, si fa riferimento al "Regolamento Comunale per l'applicazione dell'indicatore della situazione economica". Per

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Page 1 of 9 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO ACCORDO 25 luglio 2012 Accordo, ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 26 agosto

Dettagli

(Princìpi generali e finalità)

(Princìpi generali e finalità) Legge 8 novembre 2000, n. 328 "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 265 del 13 novembre 2000 - Supplemento ordinario

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta alle piccole e medie imprese dell'esercizio cinematografico.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL'ASSEGNO DI CURA EROGATO PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL'ASSEGNO DI CURA EROGATO PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL'ASSEGNO DI CURA EROGATO PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Approvato dal Comitato di Distretto nella seduta del 28.01.2011 Modificato dal

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 5 ottobre 2006 Accordo ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3301 Seduta del 18/04/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3301 Seduta del 18/04/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3301 Seduta del 18/04/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE UNA PROPOSTA ALL ASSEMBLEA DEI SINDACI DELLA BRIANZA COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE Il contesto territoriale Il territorio della Provincia di Monza e della

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

2. Al fine di perseguire tali obiettivi, la Regione Emilia - Romagna promuove azioni volte a:

2. Al fine di perseguire tali obiettivi, la Regione Emilia - Romagna promuove azioni volte a: Legge Regionale 30 luglio 2015 n. 14 Disciplina a sostegno dell'inserimento lavorativo e dell'inclusione sociale delle persone in condizione di fragilità e vulnerabilità, attraverso l'integrazione tra

Dettagli