Piano di comunicazione e promozione 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di comunicazione e promozione 2015"

Transcript

1 Piano di Comunicazione e Promozione

2 2

3 Piano di comunicazione e promozione Contesto, posizionamento e obiettivi prioritari della comunicazione di Regione Lombardia Il contesto della comunicazione La percezione dei cittadini lombardi sul territorio e l operato di Regione Lombardia : Posizionamento di Regione Lombardia Gli obiettivi 2015 a partire dalle milestone : Un approccio olistico per canali e strumenti Le priorità programmatiche del I consumi mediatici degli italiani e dei lombardi I consuml mediatici in Italia Il sistema dei media in Lombardia La comunicazione di Expo Una finestra sull Europa La comunicazione dei piani operativi regionali FSE e FESR La comunicazione del programma di sviluppo rurale La cooperazione territoriale europea Iniziative regionali nell ambito dei programmi a gestione diretta dell ue La comunicazione istituzionale La comunicazione diretta con il cittadino La comunicazione con la stampa La comunicazione interna Gli eventi, le manifestazioni e le mostre La rappresentanza istituzionale Le tematiche trasversali: dalla gestione finanziaria alla semplificazione La comunicazione delle direzioni generali e del sireg Rendiconto delle attività realizzate nel Allegato 1 73 Collegamento delle attività di comunicazione 2015 con i risultati attesi del programma regionale di sviluppo 3

4 4

5 IL CONTESTO 1.1. IL CONTESTO DELLA COMUNICAZIONE 2015 In questo momento storico estremamente difficile e complesso per i bilanci pubblici e delle Regioni in particolare, le Amministrazioni sono chiamate a uno sforzo straordinario per contribuire alla sostenibilità economica del Paese anche attraverso una compressione e una razionalizzazione delle risorse a livello locale. Basti pensare che fra il 2009 e il 2012, la spesa primaria regionale è stata ridotta del 38,5%, mentre quella delle amministrazioni centrali solamente del 12,2%. A questo si aggiunge circa 1 miliardo e 800 milioni a cui le Regioni hanno dovuto rinunciare a seguito delle due manovre del 2013 e del Una situazione resa ancor più difficile dall anticipo del pareggio di bilancio dal 2016 al 2015, che da solo vale 2,8 miliardi di euro, oltre alla richiesta di un contributo di 4 miliardi al risanamento della finanza pubblica da parte delle amministrazioni regionali. In tale ipotesi per la Lombardia il quadro attuale ha comportato tagli di oltre 550 milioni, che andrebbero a gravare per 500 milioni sulla sanità e il resto sulla spesa autonoma regionale, riducendo in tal modo le risorse da destinare alle politiche sociali, al Trasporto Pubblico Lombardo, alle politiche per la competitività e alla formazione. Naturalmente anche la comunicazione risentirà di questi ulteriori tagli decisi dal governo. Una tendenza che impone di perseguire la scelta fatta all inizio della X legislatura di passare da un modello di comunicazione istituzionale ad un modello basato sulla comunicazione di servizio, finalizzato quindi a informare innanzitutto i cittadini su quanto Regione Lombardia offre concretamente per rispondere ai loro bisogni, secondo le politiche prioritarie individuate per la legislatura attraverso il Programma regionale di sviluppo LA PERCEZIONE DEI CITTADINI LOMBARDI SUL TERRITORIO E L OPERATO DI REGIONE LOMBARDIA 1 All interno di questo contesto, Regione Lombardia nel corso del 2014 ha sviluppato una serie di iniziative di comunicazione connesse alle più significative politiche di avvio di legislatura e ai temi più rilevanti per i cittadini lombardi. Da un indagine di Eupolis Lombardia condotta nell autunno del 2014 per conoscere la situazione dei cittadini lombardi e le aspettative nei confronti dell istituzione regionale, le caratteristiche e le tendenze emerse sono: forte sentimento identitario nei confronti del proprio territorio: l 80,5% è orgoglioso di appartenere al proprio comune, il 78,2% di essere italiano ed il 76,6% lombardo. I dati disaggregati per area evidenziano che gli intervistati dell area di Milano si ritengono molto soddisfatti di essere europei (37,6%) e italiani (48,1%); per coloro che appartengono all area pedemontana l essere lombardo è motivo di orgoglio (39,6%), coloro che vivono nell area montana sono molto soddisfatti di essere cittadini del comune in cui vivono (45,7%). quadro moderatamente ottimista nei confronti della situazione economica attuale e in prospettiva se si considera il proprio contesto familiare. Infatti il 60,7% sostiene che la propria situazione migliorerà o rimarrà positiva come ora; al contrario, se si amplia l orizzonte al contesto nazionale, tende a prevalere il pessimismo: sono solo il 34,3% coloro che prevedono una ripresa per il nostro Paese nel prossimo anno. 5

6 Intervistati sui punti di forza e di debolezza del territorio lombardo gli elementi che emergono sono il saper fare, la laboriosità, lo spirito imprenditoriale oltre alla vivibilità, alla bellezza naturalistica e paesaggistica e alla consapevolezza dell eccellenza del sistema sanitario. Mentre fonte di preoccupazione per i cittadini lombardi sono la disoccupazione, l inquinamento e la cementificazione che deturpano l ambiente. Traffico, trasporti e infrastrutture inadeguate compromettono la vivibilità, così come l immigrazione, percepita come potenziale fattore di disordine sociale. Secondo i cittadini intervistati inoltre, gli interventi prioritari su cui l operato della Regione dovrebbe ulterioremente concentrarsi sono le materie sanitarie ed occupazionali. Per un cittadino su tre urge intervenire per risolvere il problema del lavoro, per quasi il 23% occorrerebbe ottimizzare alcuni aspetti del servizio sanitario. In sintesi, sanità, trasporti, servizi sociali e famiglia sono gli ambiti di intervento regionali più conosciuti. Anche la fiscalità secondo l 11% degli intervistati è una competenza regionale. In particolare, tra gli interventi da attuare, la riforma socio-sanitaria deve prioritariamente operare per ridurre le liste di attesa, intervento citato al primo posto in ordine di importanza dal 64,7% (il 32,7% lo indica nella prima citazione), per migliorare i servizi per la cronicità (41,6%), per aumentare i programmi di prevenzione (37%). Intervistati sull iniziativa Ambulatori Aperti quasi la metà è a conoscenza del progetto: l area montana è quella dove l iniziativa è meno nota, l area pedemontana quella dove lo è di più. Pur trattandosi di un iniziativa abbastanza recente, riscuote consensi, sia tra chi la conosce (78,3%) sia tra chi non la conosceva prima dell intervista (87,1%). Tra coloro che non solo la conoscono, ma ne hanno già usufruito (4,1%), prevale un giudizio positivo (3,4%). Relativamente alle aspettative dei lombardi su Expo 2015, la promozione di itinerari sul territorio è sicuramente l intervento più importante per i cittadini, che si augurano che Regione Lombardia promuova a livello internazionale il tessuto imprenditoriale lombardo e la produzione artigianale locale. 6

7 IL CONTESTO : POSIZIONAMENTO DI REGIONE LOMBARDIA Il 2015 è un anno di svolta per Regione Lombardia: è l anno di Expo Milano in cui i riflettori di tutto il mondo saranno puntati sul nostro territorio, palcoscenico globale di promozione territoriale; è un anno di bilanci per un governo regionale che, a metà del suo mandato, dopo aver seminato buona parte del terreno, dovrà curare i germogli e puntare ad un buon raccolto. È l anno in cui la Regione si confermerà nel panorama nazionale ed internazionale, come motore d innovazione e apripista, istituzione trasparente, aperta alla cittadinanza e dialogica rispetto ai bisogni espressi e alla co-costruzione delle politiche in risposta a questi bisogni. La comunicazione, con le sue molteplici leve, sarà ovviamente un asset strategico, elemento privilegiato e autorevole per dare continuità al racconto istituzionale e dei fatti, aprire al confronto, rendicontare i risultati raggiunti e dare vita i servizi. Un nuovo portale regionale e uno sviluppo costante della presenza di Regione Lombardia sui social network permetteranno di ampliare maggiormente l accessibilità ai contenuti, strutturare il dialogo e condurre ad una maturazione reciproca sia il cittadino sia l istituzione, all interno di processi di partecipazione basati sulla fiducia, l engagement e l empowerment che, ben indirizzati e gestiti, costituiranno nuovo valore aggiunto per le politiche regionali. Un amministrazione sempre più trasparente, che rendiconta i risultati raggiunti e li comunica in modo efficace e obiettivo; una piazza e un palazzo aperti al pubblico con un palinsesto di eventi strutturato e sempre più partecipati. Lo slancio che negli ultimi anni hanno avuto le politiche di internazionalizzazione e quelle volte alla costruzione di nuovi soggetti portatori di interesse, primo fra tutti il percorso verso l affermazione di realtà macroregionali nazionali ed europee, agevoleranno nel 2015 un nuovo posizionamento di Regione Lombardia come ente facilitatore, incubatore del futuro, terra in cui le opportunità diventano realtà, terra di germoglio e maturazione, spiccatamente orientata a nuove sfide e traguardi ma fieramente ancorata alla radici e alla propria cultura. È cosi che ci presenteremo al mondo: Lombardy Feeding the future, Now, concept ideato per Expo che accompagnerà, sia concettualmente sia graficamente, gran parte delle iniziative di comunicazione regionali, fuori e dentro il sito espositivo di Expo, anche mediante lo studio grafico di un apposito logo. Lo stesso concept avrà anche il compito di traghettare l istituzione regionale oltre il midterm di legislatura, rilanciando nuove sfide per lo sviluppo della comunità lombarda. Questo complesso di analisi ha la finalità di posizionare sempre più adeguatamente l istituzione regionale rispetto alla sua identità, alla sua specifica mission, e al ruolo nei confronti della società lombarda. Un ruolo teso a creare le condizioni per contribuire a migliorare la vita dei lombardi, facendo riferimento alla capacità della nostra Regione di essere incubatore di opportunità. Valorizzare e portare ancor più a compimento alcuni asset propri del nostro territorio potrebbe far emergere un nuovo Effetto Lombardia in grado di costruire un futuro semplice per tutti i cittadini che vogliono cogliere e compiere le proprie opportunità GLI OBIETTIVI 2015 A PARTIRE DALLE MILESTONE 2014 All interno di un contesto che intende, quindi, valorizzare i punti di forza e migliorare i punti di debolezza del territorio lombardo e all interno di un quadro che sotto il profilo della sostenibilità impone una sempre maggiore razionalizzazione della spesa pubblica e ottimizzazione dei servizi, la Comunicazione di Regione Lombardia si sta muovendo, a partire dalle milestone del 2014, verso nuovi obiettivi: 1. Piano di comunicazione e promozione con una più trasparente classificazione delle spese di comunicazione. Le attività di comunicazione della Regione Lombardia oggi subiscono gli effetti dell applicazione della legge 122/10, che ha imposto un taglio sulle attività di comunicazione delle pubbliche amministrazioni dell 80% circa rispetto al Fino al 2013 tutte le attività, comprese quelle di promozione, quali ad esempio fiere, convegni, 7

8 below the line per la promozione di servizi e politiche, sono rientrate in questo taglio, anche se tecnicamente non classificate come attività di comunicazione pura così come la legge Tremonti le individua. Prendendo spunto da questa riflessione e dall attuazione del processo di armonizzazione dei Bilanci, nel 2014 si è iniziato ad affrontare un percorso di approfondimento normativo per la classificazione puntuale delle iniziative di Regione Lombardia, col fine di distinguere più specificatamente le tipologie di comunicazione e quelle di promozione. Il percorso si concluderà nel 2015 con la redazione di linee guida per l identificazione e la classificazione di tali tipologie. 2. Cabina di regia unica. Si andrà progressivamente definendo un coordinamento centralizzato per un governo sempre più condiviso ed efficace delle iniziative di comunicazione, ed in particolare: nell ottica di contenere la spesa, si è avviato nel 2014 un progressivo accentramento volto a concentrare le risorse disponibili su priorità strategiche ed evitare la dispersione su obiettivi di comunicazione frammentati; co-progettazione della comunicazione attraverso una sempre più stretta collaborazione tra la Presidenza e le Direzioni Generali per identificare e realizzare campagne di comunicazione sulle iniziative strategiche mirate a specifici target; prenderà avvio la nuova Programmazione Comunitaria in un ottica di sempre maggior sinergia rispetto alle risorse del bilancio regionale per una maggiore concentrazione e convergenza di obiettivi, razionalizzazione ed efficientamento della spesa. 3. Fornitore unico dei servizi di comunicazione. Nel 2014 sono state indette 4 gare per l erogazione dei servizi di comunicazione dell intera Regione e di tutti gli Enti del sistema regionale. Tali gare che verranno aggiudicate nel corso del 2015 e che individueranno erogatori unici a disposizione di tutti i soggetti che aderiranno alle Convenzioni sottoscritte - riguardano tutti i settori della comunicazione: dalla comunicazione in senso stretto, quindi atl e btl, agli eventi, all acquisto di spazi pubblicitari e all attività di stampa dei materiali. Tale operazione rappresenta una significativa sperimentazione, un progetto fortemente innovativo per la pubblica amministrazione. non solo in termini di abbattimento dei costi, ma anche in relazione ai tempi e ai vantaggi che ciò apporterà all interno della istituzione. 4. Canali alternativi di fundraising e visibilità. Mettendo a sistema le esperienze avviate nel 2014 di progettazione di iniziative, partnership e manifestazioni di interesse, nel 2015 verranno sistematizzate alcune esperienze messe in atto dalle Direzioni Generali sul fronte delle procedure di sponsorizzazione, avvalendosi di supporti di natura giuridica e di specifiche analisi di mercato per sviluppare forme alternative e complementari di reperimento di risorse. Nell ambito di questo processo verranno redatte linee guida per le sponsorizzazioni. 5. Sempre più digital e social Messa on line del nuovo Portale. A partire dal restyling del portale avviato nel 2014, proseguirà nel 2015 il passaggio alla nuova piattaforma, fondata su un modello meno autoreferenziale e molto più customer oriented e concentrato sui bisogni dei cittadini; Strategia social. A seguito dei significativi risultati conseguiti nel 2014 sotto il profilo della riconoscibilità di Regione Lombardia nella comunicazione interattiva con il cittadino e una più puntuale regolamentazione e programmazione strategica della presenza istituzionale sui social media, nel 2015 continuerà l investimento su questi canali per supportare sempre più efficacemente la comunicazione di servizio, attraverso le nuove potenzialità di lettura e interpretazione dei fenomeni sociali, anche all interno di un sistema più complessivo di big data; Canale di comunicazione diretta coi cittadini. In un ottica di maggior vicinanza dell istituzione al cittadino verranno valutate a costi accessibili eventuali nuove forme di comunicazione (canali audiovideo, App, TV, canali satellitari, ecc) per far conoscere i servizi erogati da Regione Lombardia e dialogare sugli stessi e sulla loro efficacia. 6. Revisione della Legge regionale 50/86 per la concessione di contributi a enti, istituzioni, associazioni, comitati che intendono promuovere iniziative e manifestazioni di rilevo regionale, 8

9 IL CONTESTO anche a carattere internazionale. A partire da un avviato lavoro di messa a punto di una strumentazione sempre più adeguata ad intercettare e valorizzare il protagonismo del territorio lombardo, nel 2015 si finalizzerà un percorso volto a offrire ancora maggior trasparenza per la selezione dei progetti e maggior qualificazione delle iniziative e dei soggetti riconosciuti dalla nostra istituzione. 7. Presidio e valorizzazione del Sireg quale fattore di moltiplicazione esponenziale dei messaggi di Regione Lombardia. Nel corso del 2015 verrà dato ulteriore e nuovo impulso ad una sempre maggiore riconoscibilità dell immagine di Regione Lombardia puntando su un maggiore coordinamento e uniformità delle attività di comunicazione attivate tramite i capillari istituzionali sul territorio rappresentati dagli Enti del sistema regionale : UN APPROCCIO OLISTICO PER CANALI E STRUMENTI La pubblica amministrazione più di ogni altro investitore ha bisogno di conoscere a fondo i propri pubblici, di creare un territorio di marca che consenta di veicolare messaggi diversissimi tra loro, ma riconfigurabili in un unico progetto, un unica fonte. In quest ottica risulta fondamentale l ottimizzazione della scelta dei canali sia per raggiungere puntualmente i diversi target, sia per ottimizzare l investimento e l elaborazione di un channel management che consenta di parlare ai propri utenti in modo diverso, in momenti diversi della giornata, nei diversi touch point utilizzati. Non comunicare una via, ma instaurare un dialogo a due vie con i propri pubblici, dove l ascolto di questi ha un ruolo fondamentale, calcolando i risultati e i feed back dei diversi canali per ottimizzarli in futuro e instaurando una relazione trasparente con i diversi utenti dei servizi erogati, con l opinione pubblica e con i diversi stakeholder. In sintesi la pubblica amministrazione è il soggetto ideale del cosiddetto approccio olistico. Approccio innovativo affermatosi a inizio degli anni 2000, parte da un analisi dettagliata delle tendenze e delle associazioni valoriali, legate ad un determinato brand (Regione Lombardia) fino ad arrivare ad una visione globale di scenario, creando così un fil rouge, un circolo virtuoso in cui la forza di ogni messaggio è aiutata (nel ricordo, comprensione, posizionamento) dalla coerenza interna con i messaggi degli altri canali e dalla forza e coerenza col brand positioning; allo stesso tempo ogni singolo messaggio contribuisce alla creazione e rafforzamento del brand positioning stesso. La necessità di uniformare i vari messaggi in modo concettuale non si realizza semplicemente riproponendo la stessa creatività nei vari media, ma individuando l holistic concept, ovvero la fonte di ispirazione dei messaggi. I messaggi restano diversi, per sfruttare a pieno le caratteristiche del canale scelto, ma sono coerenti per raggiungere gli obiettivi prefissati. In questo modo - grazie alla coerenza concettuale che l approccio olistico garantisce - i singoli messaggi veicolati attraverso i differenti canali hanno un efficacia maggiore, aumentano l efficienza, raggiungendo gli obiettivi di comunicazione investendo di meno. Una ulteriore prospettiva nell ottica di una comprensione sempre più integrata e nello stesso tempo puntuale dei diversi target, è rappresentata dall approfondimento di una analisi dei dati, delle ricerche di mercato e dei big data per intercettare in una visione globale le tendenze espresse da cittadini e stakeholder, individuando i trend in corso, le politiche di riferimento e le iniziative su cui centrare l azione di comunicazione di Regione Lombardia. Con riferimento alle macro politiche su cui si concentrerà la comunicazione nel 2015, la scelta strategica dei canali di comunicazione sarà dunque orientata a: definire appuntamenti di comunicazione/informazione stabili, riconoscibili e continui con il cittadino, anche attraverso la prenotazione e il presidio di spazi fissi, fisici e virtuali, bacheche, rubriche, programmi e canali in grado di rafforzare ulteriormente la relazione di fiducia e scambio tra il cittadino e l istituzione. È questo l orizzonte di alcune azioni di comunicazione già avviate a fine 2014 che proseguiranno anche nel 2015; tra queste l attivazione della partnership radiofonica con il Gruppo Finelco, la trasmissione Orario Continuato in onda ogni lunedì su TeleLombardia 9

10 e il progetto le Buone Notizie dalla Lombardia, sviluppato in collaborazione con le principali testate on line dei quotidiani lombardi, che prevede una sezione stabile sul portale di Regione Lombardia dedicata alle good news regionali, all interno delle quali i cittadini potranno scoprire per ogni provincia gli elementi di positività presenti sul nostro territorio anche grazie all azione del governo regionale. In questa strategia rientra anche la prenotazione di spazi affissione fissi (impianti Out Of Home), con l obiettivo di far rientrare in una dimensione più abitudinaria la fruizione di messaggi di servizio e istituzionali da parte del cittadino; favorire le attività di marketing territoriale e microtargeting volte sia a rappresentare e diversificare l offerta e le peculiarità del territorio lombardo sia a realizzare prodotti di comunicazione sempre più profilati rispetto alla localizzazione geografica dei target. A titolo esemplificativo, tra queste iniziative rientrerà la messa on line del sito Obiettivo del nuovo progetto editoriale, realizzato in collaborazione con Éupolis Lombardia, è quello di divulgare con cadenza settimanale dati, informazioni, evidenze reperite da fonti scientifiche, che documentino perché la Lombardia è una regione speciale. Il sito sarà arricchito settimanalmente, in ottica di comunicazione di servizio ai cittadini, anche dalla rendicontazione delle attività di Giunta, che andrà anche a comporre sinteticamente i bilanci annuali di mandato, realizzati anche in forma territorializzata, per evidenziare i dati e le politiche attuate in ogni provincia lombarda; presidiare gli spazi fisici di maggiore fruizione pubblica attraverso una brandizzazione mirata dei luoghi e dei servizi erogati (es. farmacie, scuole, università, luoghi dello sport e della cultura ecc ), intercettando così ulteriore pubblico fortemente segmentato a non sempre raggiungibile attraverso i media classici; rafforzare ulteriormente l utilizzo del web e degli strumenti social, specie in relazione a politiche rivolte a un target più giovane. E ormai sperimentato che a fronte di costi sensibilmente più contenuti, una strategia web oriented permette di avere ritorni e impatti comunicativi misurabili più nel dettaglio e nel breve tempo, generando al contempo ricadute esponenziali di comunicazione anche su altri canali; agire sull identità visiva per valorizzazione il Brand Regione Lombardia, in particolare valutando di volta in volta e gradualmente l opportunità di sganciare il marchio Rosa Camuna dal wording Regione Lombardia e ponendo le basi di una riconoscibilità grafica ancora più immediata, carica di senso e moderna, autorevole e credibile anche quando dissociata dal testo LE PRIORITÀ PROGRAMMATICHE DEL 2015 Per quanto riguarda le priorità programmatiche proprie del midterm di legislatura, la comunicazione si concentrerà sulla informazione e promozione presso i cittadini lombardi di quelle politiche individuate come strategiche, individuate nel Piano di Sviluppo Regionale a inizio legislatura e che emergono quali nodi di maggior interesse per i cittadini. L attuazione ed il monitoraggio delle azioni di comunicazione concorrerà all attuazione e realizzazione delle misure presenti nel PRS. In particolare nel corso del 2015 le linee su cui verranno attivate iniziative di comunicazione sono: Expo 2015: riconoscibilità dell azione di Regione attraverso il claim Lombardy: Feeding the future, now, che rappresenta la capacità della Lombardia di coniugare identità, tradizione, innovazione, facilitando la visibilità e la partecipazione del sistema economico e sociale lombardo alla Manifestazione Universale e valorizzandone le eccellenze, per rilanciarle in una prospettiva di reti internazionali. 10

11 IL CONTESTO Riforma del welfare e del sistema sociosanitario: per informare il cittadino sulle novità relative alle modalità di accesso ai servizi e sulla riforma del sistema socio sanitario, per un integrazione dei servizi centrata sull assistenza territoriale che sgravi il livello ospedaliero dalla cura della cronicità, indirizzandolo verso l alta specializzazione, la ricerca e la cura delle acuzie. Lavoro: attraverso le opportunità offerte da Garanzia Giovani per favorire l inserimento lavorativo dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni e la promozione dello strumento Dote Unica lavoro. Rilancio dell imprenditorialità attraverso misure volte a favorire gli investimenti e gli scambi in ricerca e innovazione. Inoltre proseguirà l attuazione delle novità introdotte dalla legge 11/2014, innanzitutto accompagnando le imprese in percorsi di semplificazione a sburocratizzazione. Particolare attenzione verrà dedicata anche al tema delle start up e all accesso al credito. Trasporti: potenziamento della rete infrastrutturale anche in ottica dell accessibilità in vista di Expo. Miglioramento del servizio del Trasporto pubblico lombardo, razionalizzazione ed efficientamento del servizio. 11

12 12

13 CONSUMI MEDIATICI IN ITALIA 2.1. I CONSUMl MEDIATICI IN ITALIA Dopo la televisone, internet è diventato il secondo mezzo per penetrazione presso la popolazione italiana. Oltre 39.7 mln di italiani, tra gli 11 e i 74 anni (l 83,9% degli individui tra gli 11 e i 74), accedono a internet da qualsiasi luogo e strumento. Di seguito l andamento tra il 2010 e il 2014 della fruizione dei mezzi di comunicazione di massa in Italia 2. Il fenomeno che maggiormente caratterizza le attività di comunicazione e relazione è la digitalizzazione, che impatta su tutti i target anche se non in modo omogeneo. L 87% delle interazioni media sono screen-based : 45 mln di italiani possiedono uno smartphone, 28,6 mln un personal computer, 11 mln un tablet 3. Nella fruizione di internet i portali search e quelli generalisti sono le categorie che attraggono il maggior numero di utenti (25 mln di utenti unici al mese)³. Mentre i social network concentrano la maggior parte del tempo speso online. Inoltre la maggior parte del tempo speso on line è generato da fruizione attraverso mobile. Il consumo del mezzo televisivo invece resta stabile nelle percentuali di fruizione complessiva, mentre si registra un evoluzione dello share sempre più a favore delle tv digitali. Nel panorama delle emittenti Rai tv e Mediaset recuperano attraverso i canali tematici digitali parte degli ascolti persi sulle televisioni generaliste, mentre in vetta alle tv digitali nel primo semestre 2014 è Real Time. Di seguito l evoluzione dello share TV negli ultimi tre anni 4. 13

14 Il mezzo stampa è caratterizzato da una ridefinizione dei comportamenti di consumo: circa 8,9 mln di utenti (30%) leggono quotidiani o riviste on line tramite PC. Il tratto che caratterizza i principali player del mercato è la costruzione di un ecosistema digitale mutipiattaforma, lo sviluppo di contenuti su più mezzi di comunicazione, su più canali a disposizione dei lettori (carta stampata, presenza social, canale televisivo, tablet e smartphone, ecc) la cui fruizione è diventata sempre più frammentata. Le audience digitali tuttavia non riescono ad arginare la perdita complessiva di lettori 5, come mostra il grafico: La radio registra invece quasi 35 mln di ascoltatori in un giorno medio. La maggior penetrazione si riscontra tra i giovani nella fascia anni. La popolazione italiana ascolta in media la radio per più di 3 ore al giorno e la maggior parte dell ascolto avviene fuori a casa e durante la settimana lavorativa. Di seguito il trend degli ascolti delle principali emittenti radio con le relative differenze in termini di target 6 : 14

15 CONSUMI MEDIATICI IN ITALIA 2.2. IL SISTEMA DEI MEDIA IN LOMBARDIA La Lombardia conta una popolazione residente di abitanti pari al 16,4% della popolazione italiana (il 51,2 % sono donne, il 48,8% uomini; gli stranieri residenti sono l 11,3%; il numero di stranieri residenti in Lombardia rappresenta il 22,9 % del totale dei residenti stranieri in italia) 7. Quasi un quarto della popolazione lombarda ( abitanti) ha più di 65 anni, Solo il 12% è laureato, il 29% ha la licenza superiore, il 41% possiede una licenza media inferiore mentre il 19% ha conseguito la licenza elementare 8. Per quel che riguarda il reddito, il 23,9% dei contribuenti lombardi ha un reddito inferiore ai euro, il 46,4% risulta avere un reddito compreso tra e euro, mentre il 29,7% ha un reddito superiore a euro (di questi 1,4% contribuenti con reddito superiore ai euro). Il valore della dichiarazione media dei lombardi euro 9. Panorama dei mezzi di comunicazione Dall analisi dell esposizione ai mezzi di comunicazione di massa, emerge che anche in Lombardia TV e internet garantiscono la più alta copertura sul target raggiungendo quasi il 100% degli utenti attraverso il mezzo televisivo ed oltre il 60% con internet 10. Le TV La Lombardia concentra il 16% dell ascolto televisivo giornaliero in Italia con 1,6 mln di spettatori. L evoluzione dello share televisivo vede una perdita di contatti da parte delle Tv eneraliste (Rai e Mediadeset) a vantaggio dei canali telematici digitali

16 Si conferma il calo delle emittenti locali che nel 2014 cedono ulteriormente il passo alle nuove emittenti digitali. Di seguito lo share delle principali emittenti televisive locali e digitali nel : Emittente % share (1 h. del 2014) Emittente % share (1 h. del 2014) Sky Mondiale1 2,44% Giallo 1,14% Real Time 1,53% Top Crime 1,12% Iris 1,46% Rai Movie 1,06% Dmax 1,46% Telelombardia 0,52% Cielo 1,42% Antennatre 0,32% Rai Yoyo 1,23% 7 Gold Telecity 0,21% Rai 4 1,18% Canale Italia 83 0,15% Internet Il 53% della popolazione lombarda accede a internet ogni mese. La Lombardia con 4,4 mln di persone che si connettono rappresenta il 16% del totale utenti in Italia, con una attività molto significativa anche sui social network. Si registra in particolare una crescita importante tra il 2013 ed il 2014 del numero degli utenti di Twitter e Instagram 13. La stampa 14 In Lombardia si attesta la maggior parte dei lettori dei principali quotidiani nazionali, pari a 3.4 mln, circa il 18% della media totale giornaliera in Italia. Il quotidiano nazionale più letto in Lombardia è il Corriere della Sera (40% dei lettori a livello nazionale). Un dato che emerge tuttavia è che gli utenti spendono maggior tempo nella consultazione di news locali che per news nazionali. 16

17 CONSUMI MEDIATICI IN ITALIA La località è un elemento di forza nell attuale panorama, il giornale locale sente meno la concorrenza di Internet, perché la rete non sa focalizzarsi sul piccolo territorio. Inoltre il vantaggio del giornale locale è la prossimità ai suoi lettori. Undici delle dodici province lombarde possono contare su almeno un quotidiano locale cartaceo. Tranne il territorio di Monza e Brianza che dispone di un bisettimanale e di un settimanale. Le province di Brescia, Como, Mantova e Varese ne contano due. Inoltre vi è un quotidiano a diffusione regionale: Il Giorno. Le Radio 15 La Lombardia è tra le regioni con i livelli più elevati di ascolto radiofonico con una media di ascolto giornaliero di 6 mln di persone rispetto ai di media nazionale. Le specifiche sulle radio locali e nazionali più ascoltate: Cinema 16 Nel 2014 gli spettatori delle sale cinematografiche lombarde sono stati circa 11,3 mln, pari al 18,5% degli spettatori in Italia. Di seguito l andamento delle presenze nelle sale, da rilevare picchi di presenze nei mesi invernali (gennaio), dove si sono registrate migliori performance rispetto al 2013, con un calo progressivo fino al mese di luglio dove si registra il minimo di presenze. Di seguito il trend presenze per mese nel 2014 in Lombardia: 17

18 18

19 COMUNICAZIONE EXPO 2015 PRESENZA DI REGIONE LOMBARDIA AL PADIGLIONE ITALIA Regione Lombardia, in occasione di Expo 2015 sta avviando una serie di azioni volte a valorizzare la propria presenza all interno e fuori il sito espositivo e a promuovere la Manifestazione Universale sul territorio. Nel corso del 2015 Regione Lombardia finalizzerà un accordo con PADIGLIONE ITALIA, col comune obiettivo di: rinnovare il concetto di eccellenza italiana, del saper fare e del Made in Italy alla luce di nuovi scenari globali; far emergere e mettere a sistema gli incubatori e le buone pratiche che già esistono sul territorio, con particolare riguardo al sistema lombardo, in modo da sviluppare un modello promozionale e di servizio che permetta una maggiore riconoscibilità dei prodotti nel mercato nazionale ed internazionale collegati ad Expo 2015; valorizzare lo sviluppo delle tecnologie per promuovere la conoscenza del territorio e le eccellenze alimentari. La Partecipazione Italiana a Expo Milano 2015 è organizzata nell area del Cardo, uno dei due assi perpendicolari che, insieme al Decumano, struttura la griglia del masterplan di Expo Milano Così come il Decumano rappresenta ed ospita i Paesi Partecipanti, il Cardo è il luogo dove il visitatore può vivere, all interno e lungo una serie di spazi innovativi, compositi, accessibili e di intrattenimento tematico e culturale, un esperienza altamente qualificante del tema Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita. In particolare la Partecipazione Italiana, riassunta nella definizione di Padiglione Italia, si sviluppa secondo due diverse modalità alle quali corrispondono due organizzazioni spaziali differenti: gli spazi del Cardo e Palazzo Italia. I manufatti e gli spazi aperti che si affacciano sull asse del Cardo - un viale pavimentato e coperto da tende, largo 35 metri e lungo 325 metri che congiunge la Piazza d Acqua a nord con la piazza della Via d Acqua a sud - ospitano una molteplicità di attività espositive ed istituzionali che vogliono rappresentare la varietà e la ricchezza dell Italia, delle diverse identità riconoscibili nei suoi territori, delle istituzioni locali, dei paesaggi, dei prodotti e delle culture. Partecipazione Italiana: localizzazione del sito espositivo 19

20 Lo spazio espositivo di Regione Lombardia: Manufatti del Cardo pianta piano terra Manufatti del Cardo pianta primo piano SPAZIO ESPOSITIVO All interno di un area espositiva di oltre metri quadri, con 147 paesi espositori, lo spazio di Regione Lombardia si trova in una posizione di grande visibilità in prossimità di Piazza Italia, che simbolicamente è il luogo dove il Mondo incontra l Italia e prevede una piazzetta outdoor di 66 mq, uno spazio indoor di 77 mq e uno spazio di 180 mq al primo piano. Lo spazio a disposizione di Regione Lombardia è stato pensato per mostrare ai visitatori italiani e stranieri e ai cittadini lombardi le proprie eccellenze nei temi afferenti la Manifestazione Universale, valorizzando una eredità duratura in termini di sviluppo e di competitività dell intero territorio lombardo. Le regioni italiane che espongono all interno di Padiglione Italia sono caratterizzate da temi che le identificano chiaramente in modo semplice e immediato. La Lombardia intende affidare il segno della sua riconoscibilità al concept Lombardy: Feeding the Future, now per esprimere al meglio il proprio DNA innovativo, quale regione da sempre in grado di valorizzare l ingegno umano nei diversi settori, partendo dalla conservazione delle proprie radici e tradizioni. È un concetto coerente con il tema dell EXPO e con il tema di Padiglione Italia, sinergico con l Albero della vita e con il concept del Vivaio di Padiglione Italia e indica una sintesi armonica di bellezza e tecnologia, efficienza e creatività, in cui le radici del passato fruttificano e germogliano continuamente alimentando l innovazione del presente e le promesse e le potenzialità del futuro. Il mondo lombardo è sempre stato il crocevia di una circolazione instancabile di uomini, di idee, di prodotti della genialità intellettuale e dello spirito pratico di una società alle prese con i bisogni della sua crescita e del suo governo. Apporti molteplici, da tanti ambienti diversi, sono stati rifusi in una sintesi che è il segno di una capacità di continua reinvenzione. Mettendo in contatto uomini e gruppi, tessendo reti di comunicazione, disseminando attraverso assi molteplici potenzialità sempre nuove, la 20

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE FEEDING THE FUTURE, NOW

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE FEEDING THE FUTURE, NOW AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE FEEDING THE FUTURE, NOW SOMMARIO IL TUO PROGETTO A EXPO 2015... 2 VUOI SAPERNE DI PIU PER PARTECIPARE A Expo 2015?... 3 sezioni... 4 1. PARTECIPANTI... 5 2. OPPORTUNITÀ

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

LE ESPOSIZIONI UNIVERSALI ED EXPO MILANO 2015

LE ESPOSIZIONI UNIVERSALI ED EXPO MILANO 2015 LE ESPOSIZIONI UNIVERSALI ED EXPO MILANO 2015 3 Cosa è una Esposizione Universale Da oltre 100 anni, le Esposizioni Universali hanno un posto d eccellenza nell'educazione dei cittadini, del mondo e nel

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

Strategia di Comunicazione Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo 2014-2020 Regione Lombardia. Allegato 1 Utilizzo dei media

Strategia di Comunicazione Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo 2014-2020 Regione Lombardia. Allegato 1 Utilizzo dei media Strategia di Comunicazione Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo 2014-2020 Regione Lombardia Allegato 1 Utilizzo dei media 1 L utilizzo dei media L analisi del contesto nel quale gli emittenti

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

Informativa sull attuazione del Piano di comunicazione

Informativa sull attuazione del Piano di comunicazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FSE 2007-2013 VIII Comitato di Sorveglianza POR Calabria FSE 2007-2013 4 Dicembre 2014 Punto

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

10. Piano di comunicazione e di animazione territoriale

10. Piano di comunicazione e di animazione territoriale 10. Piano di comunicazione e di animazione territoriale Il contesto Il GAL Valli Marecchia e Conca svilupperà un piano di comunicazione della Strategia di Sviluppo Locale, e di animazione territoriale,

Dettagli

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Come tutti i progetti finanziati nell ambito del LLP, anche le azioni di mobilità transnazionale debbono prevedere attività di

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Premesse La Cooperazione allo Sviluppo è parte integrante della politica estera italiana e strumento che può influire

Dettagli

PADIGLIONE ITALIA EXPO 2015: IL PALINSESTO EVENTI UNA PIATTAFORMA IN CONTINUA EVOLUZIONE

PADIGLIONE ITALIA EXPO 2015: IL PALINSESTO EVENTI UNA PIATTAFORMA IN CONTINUA EVOLUZIONE PADIGLIONE ITALIA EXPO 2015: IL PALINSESTO EVENTI UNA PIATTAFORMA IN CONTINUA EVOLUZIONE Il Sito Espositivo 2 Padiglione Italia: Palazzo Italia e Cardo Il cuore del Sito Espositivo 3 Padiglione Italia:

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia Per coltivare un futuro sostenibile Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia CHE COS È IL PSR Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è lo strumento di attuazione del Fondo Europeo Agricolo

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani

Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani Il Comune di Bologna promuove l impegno di tutti per la cura e la gestione dei beni

Dettagli

Governance Gestione locale per la sostenibilità

Governance Gestione locale per la sostenibilità Capitolo 1/2 Governance Gestione locale per la sostenibilità Aalborg Commitment 1 Ci impegniamo a rafforzare i nostri processi decisionali tramite una migliore democrazia partecipatoria. Lavoreremo quindi

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 luglio

Dettagli

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14

Piazzetta Cardo Nord Est. mag. 14 Piazzetta Cardo Nord Est mag. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI AREE EVENTI CLUSTER

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO SICOMAR Indice 1. Obiettivi del Piano di comunicazione... 4 2. Il Target della comunicazione... 6 3. La strategia di comunicazione...

Dettagli

Allegato 1 Utilizzo dei media

Allegato 1 Utilizzo dei media Strategia di Comunicazione Programma Operativo Regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014-2020 Regione Lombardia. Ex. Art. 116 Reg. (UE) n.1303/2013 Allegato 1 Utilizzo dei media 1 L utilizzo dei

Dettagli

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 0. INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 3. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 4. MISSION pag. 4 5. APPROCCIO pag. 4 6. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14

Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest. ago. 14 Spazio espositivo a rotazione n.1 Cardo Nord Ovest ago. 14 Il Sito Espositivo 935.595 mq di area totale 147 Paesi Partecipanti AREE TEMATICHE PARTECIPANTI UFFICIALI AREE DI SERVIZIO PARTECIPANTI NON UFFICIALI

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

IL PIANO DI COMUNICAZIONE

IL PIANO DI COMUNICAZIONE Roma, 23 giugno 2011 Sala Liri Regione Lazio IL PIANO DI COMUNICAZIONE POR FESR Lazio 2007/2013 Anna Schiavone Responsabile Comunicazione POR FESR Lazio 2007/2013 Presupposti Trasparenza (informazioni

Dettagli

what your brand wants Relazioni Pubbliche

what your brand wants Relazioni Pubbliche Relazioni Pubbliche ottimi motivi per una campagna di RP Progettiamo e sviluppiamo campagne di Relazioni Pubbliche utilizzando in modo strategico ed integrato attività di comunicazione online ed offline

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Gara creativa Video contest oom+

Gara creativa Video contest oom+ Gara creativa Video contest oom+ Categoria Comunicazione Finanziaria Marketing CCB I 10.2014 oom+: video contest concorso a premi promosso dalle Casse Rurali Trentine (patrocinio Comune di Trento e Provincia

Dettagli

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia Lombardia - Milano Incontro importante per condividere analisi individuare bisogni e problemi dei Comuni condividere iniziative

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

Piano annuale della comunicazione

Piano annuale della comunicazione Agenzia Formazione Orientamento Lavoro di Monza e Brianza Piano annuale della comunicazione 2014 Approvato con verbale di determinazione dell amministratore unico n. 30 del 15/11/2013 SOMMARIO Premessa

Dettagli

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole

Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Nuovo paradigma: interventi finanziari coordinati per migliorare la competitività delle imprese agricole Agricoltura e turismo 1) sono i settori che meglio tengono nella crisi economico-finanziaria di

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA

PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA PIANO DI COMUNICAZIONE BIENNIO 2015/2016 PREMESSA Il Piano di comunicazione 2015/2016 riassume i principali impegni comunicativi che l Ente prevede di attuare con riferimento agli indirizzi programmatici

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA

CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA SEPTEMBRE 2005 CAPIRE MEGLIO LE POSTE IN GIOCO DELLA CARTA EUROPEA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI DI QUALITA DELLA MONTAGNA Troverete delle risposte alle seguenti domande : Perché una Carta europea sui prodotti

Dettagli

Piano della comunicazione- Allegato 2. Strumenti utili alla comunicazione

Piano della comunicazione- Allegato 2. Strumenti utili alla comunicazione Piano della comunicazione- Allegato 2 Strumenti utili alla comunicazione 1. Strumenti relativi alle azioni di promozione Linea grafica coordinata Una prima esigenza da soddisfare è quella di dare organicità

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

L ARCHITETTO e L EUROPA L opportunità per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva nella Regione Toscana

L ARCHITETTO e L EUROPA L opportunità per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva nella Regione Toscana Sarebbe quindi un modo originale di vivere quello di chi tentasse una buona volta di non comportarsi come un individuo definito in un mondo definito dove, direi non c è che da girare due o tre bottoni

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

16 DICEMBRE 2008. Sinergie per una corretta alimentazione

16 DICEMBRE 2008. Sinergie per una corretta alimentazione 16 DICEMBRE 2008 Sinergie per una corretta alimentazione Le competenze del Mipaaf Il Mipaaf ha tra le sue competenze la promozione e lo sviluppo delle politiche alimentari nazionali. In particolare il

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 www.comune.bottanuco.bg.it mail: comune.bottanuco@tin.it p.e.c. : comune.bottanuco@postecert.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 (Art. 11, comma 2, del D.Lgs 27.10.2009,

Dettagli

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana

ticino transfer Rete per il trasferimento di tecnologia e del sapere della Svizzera italiana Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 ID 7600741 RIPPI Rete Insubrica Promozione Proprietà Industriale Rete di competenza per la Promozione ed il supporto alla

Dettagli

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per il Coordinamento e lo Sviluppo della Ricerca Ufficio VII Programmi Operativi Comunitari Unità Organizzativa della Comunicazione

Dettagli

Comunicare la ricerca e i risultati dei progetti Ager Pagina 1

Comunicare la ricerca e i risultati dei progetti Ager Pagina 1 Comunicare la ricerca e i risultati dei progetti Ager Pagina 1 Perché queste linee guida I progetti di ricerca scientifica creano valore ed hanno un forte impatto sull economia, ma spesso trovano grosse

Dettagli

Piano di comunicazione 2010

Piano di comunicazione 2010 Indice 1. Obiettivi del piano 2. Scenario delle esigenze di comunicazione del MIT 3. Target di riferimento 4. Strategie: linee di azione e strumenti di comunicazione 5. La comunicazione come risorsa sinergica:

Dettagli

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 Comune di Pontecagnano Faiano Ufficio di Gabinetto BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 QUADRO NORMATIVO In relazione alla legge 150 del 7 giugno 2000, Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione

Dettagli

COMUNE DI VIGONZA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

COMUNE DI VIGONZA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE COMUNE DI VIGONZA Provincia di Padova REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Approvato con delibera di C.C. n. 22 del 12.03.2012 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Progetto: COMUNICA CoLOMBA

Progetto: COMUNICA CoLOMBA Progetto: COMUNICA CoLOMBA 1. Chi siamo CoLOMBA Cooperazione Lombardia, è l Associazione delle Organizzazioni Non Governative lombarde e raccoglie 105 ONG, dalle più grandi alle più minuscole. Il minimo

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani

Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Le Priorità del Programma Spazio Alpino 2014-2020 e le nuove opportunità per i portatori di interesse italiani Udine Italy 15 Settembre 2015 Wania Moschetta Regione Friuli Venezia Giulia This programme

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo)

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo) Progetto Europeo AGRI.LA: Agricolture and Landscape sostegno a favore delle azioni d informazione sulla Politica Agricola Comune ai sensi del reg. CE n. 814/2000 del Consiglio del 17/04/2004. Progetto

Dettagli

ALLEGATO A PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2004 DEL CONSIGLIO REGIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 4 DELLA L.R. 22/2002

ALLEGATO A PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2004 DEL CONSIGLIO REGIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 4 DELLA L.R. 22/2002 ALLEGATO A PROGRAMMA DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE 2004 DEL CONSIGLIO REGIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 4 DELLA L.R. 22/2002 1. PREMESSA La legge regionale n. 22/2002, recependo la normativa nazionale

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune 2. Il processo di pubblicazione dei dati 3. Le iniziative per l integrità

Dettagli

POR FSE ABRUZZO 2014-2020. Strategia di Comunicazione del POR FSE Abruzzo 2014-2020

POR FSE ABRUZZO 2014-2020. Strategia di Comunicazione del POR FSE Abruzzo 2014-2020 POR FSE ABRUZZO 2014-2020 Strategia di Comunicazione del POR FSE Abruzzo 2014-2020 Sommario STRATEGIA DI COMUNICAZIONE DEL POR FSE ABRUZZO 2014-2020... 3 Premessa... 3 1. La Strategia... 4 1.1 Esperienze

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

EXPO Una vetrina sul mondo Gli strumenti di Intesa Sanpaolo per le imprese: Il portale «Created in Italia» e «Candida la tua impresa»

EXPO Una vetrina sul mondo Gli strumenti di Intesa Sanpaolo per le imprese: Il portale «Created in Italia» e «Candida la tua impresa» EXPO Una vetrina sul mondo Gli strumenti di Intesa Sanpaolo per le imprese: Il portale «Created in Italia» e «Candida la tua impresa» Forlì, 16 gennaio 2015 1 L Esposizione Universale Expo Milano 2015

Dettagli

Soluzioni per la città che cambia

Soluzioni per la città che cambia Soluzioni per la città che cambia piano di comunicazione I bilancio di mandato I carta dei servizi I vetrine interattive I ufficio stampa e organizzazione eventi I web design I graphic design I multimedia

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Il Ministro per il Turismo ACCORDO QUADRO TRA il Ministro per il Turismo, On. Michela Vittoria Brambilla E il Presidente dell Associazione Nazionale Comuni Italiani,

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 OBIETTIVI STRATEGICI Nel corso del 2007 si è venuto precisando ed arricchendo il ruolo ed il potenziale del Gruppo Europa che ha superato la fase sperimentale

Dettagli

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE INTRODUZIONE Il Piano per la comunicazione e la partecipazione è uno strumento flessibile e quindi in condizione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Milano. città digitale, città sostenibile. Palazzo Giureconsulti 22-23 ottobre 2012. www.mobilitytech.it

Milano. città digitale, città sostenibile. Palazzo Giureconsulti 22-23 ottobre 2012. www.mobilitytech.it Milano Palazzo Giureconsulti 22-23 ottobre 2012 Edizione Milano COMITATO PROMOTORE * PATROCINI ISTITUZIONALI Presidenza del Consiglio e dei Ministri Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti * Ministero

Dettagli

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016. soges@sogesnetwork.eu www.sogesnetwork.eu

Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016. soges@sogesnetwork.eu www.sogesnetwork.eu Lecce, Castello Carlo V 19 gennaio 2016 Politica di coesione 2014-2020 Gli obiettivi di Europa 2020 Crescita intelligente, sostenibile e inclusiva Crescita e occupazione Cambiamenti climatici e sostenibilità

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC

PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC PROGRAMMA OPERATIVO INTERREG IVC Finalità: Obiettivo generale Migliorare, attraverso la cooperazione interregionale l efficacia dello sviluppo di politiche regionali nelle aree innovative, l economia della

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

EXPO. L Expo è un esposizione universale, quinquennale, di natura non commerciale (non è una Fiera)

EXPO. L Expo è un esposizione universale, quinquennale, di natura non commerciale (non è una Fiera) EXPO L Expo è un esposizione universale, quinquennale, di natura non commerciale (non è una Fiera) Esiste da oltre 160 anni - Londra 1851 Milano 1906 (oltre 100 anni) Ogni Expo è dedicata, da sempre, ad

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE. la comunicazione non consiste nella mera diffusione della notizia, ma deve produrre un senso e fare capire

PIANO DI COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE. la comunicazione non consiste nella mera diffusione della notizia, ma deve produrre un senso e fare capire la comunicazione non consiste nella mera diffusione della notizia, ma deve produrre un senso e fare capire Premessa e contesto Ai sensi dell art. 12 della legge n 150/2000 Disciplina delle attività di

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli