BANDI IN EVIDENZA N. TERRITORIO BANDO SETTORE INTERVENTO FINANZ. VAI. PMI artigiane. Manifatturiero,Costruzioni Servizi Informatici e imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDI IN EVIDENZA N. TERRITORIO BANDO SETTORE INTERVENTO FINANZ. VAI. PMI artigiane. Manifatturiero,Costruzioni Servizi Informatici e imprese"

Transcript

1 BANDI IN EVIDENZA N. TERRITORIO SETTORE INTERVENTO FINANZ. VAI 1 Bando per il cofinanziamento di progetti in materia di sicurezza urbana EELL Cofinanziamento FRIM FESR Sottomisura 1 (RICERCA) FRIM FESR Sottomisura 2 (INNOVAZIONE SPERIMENTALE) FRIM - Linea 1 Sviluppo Aziendale (INVESTIMENTI) FRIM - Linea 4 Crescita Dimensionale (INVESTIMENTI) FRIM - Linea 5 Trasferimento d Impresa (INVESTIMENTI) Manifatturiero,Costruzioni Servizi Informatici,imprese artigiane e del sistema della cooperazione Manifatturiero,Costruzioni,imprese artigiane e del sistema della cooperazione Manifatturiero,Costruzioni Servizi Informatici e imprese artigiane Manifatturiero,Costruzioni Servizi Informatici e imprese artigiane Manifatturiero,Costruzioni Servizi Informatici e imprese artigiane Finanziamento agevolato Finanziamento agevolato Finanziamento agevolato Finanziamento agevolato Finanziamento agevolato 7 FONDO ARTIGIANI Misura A Micro - credito (INVESTIMENTI) PMI artigiane Contributo in conto garanzia 8 FONDO ARTIGIANI Misura B - Credito Artigiano (INVESTIMENTI) PMI artigiane Contributo in conto interessi 9 FONDO ARTIGIANI Misura B - Leasing Artigiano (INVESTIMENTI) PMI artigiane Contributo in conto canoni Credito adesso regione bei (sostegno alla liquidità) FRIM COOPERAZIONE (investimenti) FRI - fondo di rotazione per l internazionalizzazione Eliminazione di barriere architettoniche negli edifici residenziali privati Manifatturiero,Servizi,Commercio all ingrosso e imprese di costruzioni Cooperative, singole o in forma consorziale Manifatturiero,costruzioni e imprese dei servizi Privati Contributo in conto interessi Finanziamento a medio termine o locazione Fondo finanziaria perduto + Finanziamento agevolato Fondo perduto 14 Agevolazioni per l acquisto di macchinari PMI Contributo in conto interessi 15 Fondo voucher per l accompagnamento delle pmi lombarde nei paesi esteri (dell area extra unione europea) "per le imprese" MPMI Fondo perduto

2 BANDI IN EVIDENZA 16 Bando per l accesso al fondo per l abbattimento interessi finalizzato allo sviluppo del sistema dell accoglienza in vista di expo 2015 Commercio,servizi e turismo Finanziamento 17 Start up e re-start MPMI Fondo perduto + finanz. agevolato 18 Bando per l'erogazione di contributi per l acquisto dell'abitazione principale Privati Contributo in conto interessi

3 SCHEDA n.1 Pagina 3 di 32 Bando per il cofinanziamento di progetti in materia di sicurezza urbana - biennio 2014/2015 Torna alla lista DOTAZIONE FINANZIARIA SPESE Lo stanziamento regionale di complessivi ,00 verrà ripartito tra le suddette Tipologie A, B, C e D con le seguenti percentuali: TIPOLOGIA A stanziamento del 40% pari ad ,00 TIPOLOGIA B stanziamento del 30% pari ad ,00 TIPOLOGIA C stanziamento del 20% pari ad ,00 TIPOLOGIA D stanziamento del 10% pari ad ,00 Possono presentare domanda di finanziamento gli Enti locali, suddivisi secondo le seguenti tipologie: -TIPOLOGIA A: Comuni e Unioni della provincia di Milano e la Provincia di Milano, tra loro associati, in quanto interessati dall evento EXPO; -TIPOLOGIA B: Comuni con popolazione sotto i abitanti (dato rilevato alla data di presentazione del progetto) associati per effetto della Legge 135/2012; -TIPOLOGIA C: Province, Comuni e Unioni al di fuori dell area interessata da EXPO, che presentano il progetto in associazione con altri Enti; -TIPOLOGIA D: Province, Comuni (esclusi quelli sotto i 5000 abitanti) e Unioni che presentano il progetto in forma singola (anche se in Provincia di Milano e pertanto interessati all'evento EXPO). Al fine di una ottimale riuscita della gestione associata e per un criterio di omogeneità, i Comuni associati devono essere territorialmente confinanti, salvo deroghe motivate, sentito il parere del Comitato Scientifico, ai sensi dell art.30, 4 comma, della L.R.4/2003. Ciascun Ente può presentare un solo progetto, sia come capofila che come associato, fatta eccezione delle Province, per effetto della competenza territoriale. L'azione si attua attraverso il finanziamento di progetti riguardanti: 1. potenziamento degli apparati radio (strutture fisse o mobili che consentano la comunicazione radio: ponti radio, antenne ripetitrici del segnale); 2. rinnovo e incremento del parco autoveicoli e delle dotazioni tecnico/strumentali (autovetture, moto, unità mobili, fuoristrada, biciclette, scooter, motoslitte, natanti etilometro, autovelox, telelaser, macchina fotografica, cellulari, radio portatili, apparecchiatura per falsi documentali, telecamere digitali, veicoli elettrici, narcotest, torce, opacimetro, gabinetto di polizia scientifica, caschi da motociclista, computer, stampanti, fotocopiatrice, centralino telefonico, binocoli, videoproiettori, spessimetro omologato per misurazione battistrada pneumatici, spettrofotometro, gps portatile, rilevatori di traffico mobili, dissuasori di velocità, pannelli di monitoraggio e informazioni per piste ciclabili); il rinnovo parco autoveicoli è comprensivo anche di tutta la strumentazione prevista dai regolamenti regionali 8 agosto 2002, n. 8 e 13 luglio 2004, n. 4; 3. collegamenti telefonici, telematici, installazione di colonnine di soccorso per il controllo del territorio nelle vie commerciali più a rischio; 4. realizzazione di sistemi di videosorveglianza; 5. modernizzazione ed unificazione delle centrali operative e di rilevamento satellitare per l'individuazione delle pattuglie sul territorio; 6. istituzione "dell'agente di quartiere", limitatamente all'acquisto della strumentazione tecnologica e/o strutturale (come al punto 2); 7. iniziative finalizzate alla prevenzione dei fenomeni di violenza nei confronti di donne, bambini ed anziani, limitatamente all'acquisto di strumentazione tecnologica atta a presentare le azioni preventive (televisori, videoproiettori, videocamera digitale, macchina fotografica); 8. incremento delle attività dirette alla tutela dell ambiente ed in particolare alla salvaguardia della fauna e del territorio: rinnovo e incremento del parco autoveicoli e delle dotazioni tecnico/strumentali (come al punto 2). Non è ammessa l'acquisizione di dotazioni tecnico strumentali con la formula del noleggio mentre è ammessa quella del leasing. In quest'ultimo caso il cofinanziamento sarà limitato esclusivamente alle rate relative alle annualità del presente bando (2014/2015).

4 SCHEDA n.1 Pagina 4 di 32 I beni oggetto di finanziamento non potranno subire cambiamenti di destinazione d'uso prima di un triennio fatto salvo il normale deperimento. MODALITA DEL CONTRIBUTO Per i progetti ammessi, le quote di cofinanziamento regionale saranno determinate con le seguenti percentuali: - TIPOLOGIA A: cofinanziamento pari al 70%; - TIPOLOGIA B: cofinanziamento pari al 70%; - TIPOLOGIA C: cofinanziamento pari al 60%; - TIPOLOGIA D: cofinanziamento pari al 50%. La domanda di partecipazione al Bando dovrà essere presentata esclusivamente on line a partire dalle ore del giorno fino alle ore del giorno all'indirizzo: https://gefo.servizirl.it/ erbandilayout&cid= &p= &packedargs=locale%3d %26menu-torender%3d &pagename=dg_pppwrapper&tipologia=agevolazioni

5 SCHEDA n.2 Pagina 5 di 32 Torna alla lista LOMBARDIA FRIM FESR - Fondo di Rotazione per l'imprenditorialità Sottomisura n.1 INNOVAZIONE DI PRODOTTO E DI PROCESSO Il finanziamento è diretto a sostenere la realizzazione di programmi di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale, applicabili a processi, prodotti o servizi. DOTAZIONE FINANZIARIA 35 Milioni di euro (da condividere con la Sottomisura n.2 ) INTERVENTI Sono ammissibili le iniziative che prevedano attività di ricerca industriale, ricerca di base e sviluppo precompetitivo, relativamente a processi, prodotti o servizi applicabili nei settori ammessi o affini. SPESE Micro, piccole e medie imprese aventi sede operativa in ed operanti nel settore manifatturiero e delle costruzioni di cui alle classificazioni ISTAT ATECO 2007 lettere C e F. Le imprese artigiane e del sistema della cooperazione. MPMI operanti nel settore dei servizi alle imprese di cui alle classificazioni ISTAT ATECO 2007 codici 62, 63 e 72 Sono ammissibili le seguenti spese: - spese di personale relative a ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario purché impiegati per la realizzazione del progetto (fino al massimo del 50% dell investimento complessivo ammissibile); consulenze tecniche esterne; i costi di ammortamento relativi ad impianti, macchinari e attrezzature, nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto materie prime da impiegare nella fase di prototipazione, sperimentazione e collaudo del prodotto/servizio (fino ad un massimo del 10% dell investimento complessivo ammissibile); i costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti, acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne, nonché i costi dei servizi di consulenza e di servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini dell attività di ricerca; Oneri di commissione per garanzia prestata da banche,società di assicurazione,intermediari finanziari e confidi nel limite massimo del 3% del programma di investimento ammissibile. MODALITÀ DEL CONTRIBUTO La spesa di investimento minima ammissibile è pari a ,00 e massima euro. A sportello (bando sempre aperto) t&cid= &p= &packedargs=locale%3d %26menu-torender%3d &pagename=dg_indwrapper&tipologia=bandi%20europei Finanziamento a medio termine: finanziamento erogato esclusivamente a valere su risorse del FRIM FESR; L'intervento finanziario agevolativo può concorrere sino al l00 % della spesa ammissibile del progetto di investimento complessivo con un tasso d interesse dello 0,5 %.

6 SCHEDA n.3 Pagina 6 di 32 Torna alla lista LOMBARDIA FRIM FESR - Fondo di Rotazione Sottomisura n.2 APPLICAZIONE INDUSTRIALE DEI RISULTATI DELLA RICERCA Il finanziamento è diretto a sostenere la realizzazione di progetti di investimento connessi alla applicazione industriale di risultati della ricerca, sviluppata dall impresa internamente e/o commissionata all esterno ad Università e Centri di ricerca o mediante acquisizione di know-how, per la realizzazione di nuovi prodotti o lo sviluppo di nuovi processi produttivi finalizzati all industrializzazione degli stessi. DOTAZIONE FINANZIARIA INTERVENTI 35 Milioni di euro (da condividere con la Sottomisura n.1 ) Sono ammissibili le iniziative che prevedano la realizzazione di progetti di investimento connessi alla applicazione industriale di risultati della ricerca, sviluppata dall impresa internamente e/o commissionata all esterno ad Università e Centri di ricerca o mediante acquisizione di know-how, per la realizzazione di nuovi prodotti o lo sviluppo di nuovi processi produttivi finalizzati all industrializzazione degli stessi. SPESE Micro, piccole e medie imprese aventi sede operativa in ed operanti nel settore manifatturiero e delle costruzioni di cui alle classificazioni ISTAT ATECO 2007 lettere C e F. Le imprese artigiane e del sistema della cooperazione. Sono ammissibili le seguenti spese: - - opere murarie, impiantistica generale e costi assimilati, destinati alla realizzazione del nuovo processo produttivo (fino al 30% dell investimento complessivo ammissibile); macchinari, impianti specifici e attrezzature (nuovi di fabbrica) destinati alla nuova linea produttiva; modificazione di macchinari e impianti specifici ed attrezzature, nuovi o esistenti, destinati alla nuova linea produttiva; acquisizione di consulenze tecniche esterne utilizzate nelle fasi di industrializzazione del prototipo/processo, sperimentazione e collaudi; acquisizione di marchi, di brevetti, di licenze di produzione, di know-how o di conoscenze tecniche non brevettate. Ammissibili solo se di natura immobilizzazione immateriale. MODALITÀ DEL CONTRIBUTO La spesa di investimento minima ammissibile è pari a ,00 e massima euro. L agevolazione è concessa sotto forma di: Co-finanziamento a medio termine: finanziamento erogato dalla banca convenzionata con l'utilizzo di risorse finanziarie proprie pari al 40% e risorse finanziarie del FRIM FESR pari al restante 60% del finanziamento (tasso dello 0,5 %). Può avere una durata dai 3 ai 7 anni di cui massimo 2 di preammortamento. A sportello (bando sempre aperto) cid= &p= &packedargs=locale%3d %26menu-torender%3d &pagename=dg_indwrapper&tipologia=bandi%20europei

7 SCHEDA n.4 Pagina 7 di 32 Torna alla lista DOTAZIONE FINANZIARIA INTERVENTI LOMBARDIA FRIM - Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità Linea 1 - Sviluppo aziendale basato su investimenti di ammodernamento e ampliamento produttivo L intervento del Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità sulla Linea 1 è diretto a sostenere i progetti di investimento per lo sviluppo aziendale basati su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo. La dotazione finanziaria complessiva per le tre linee di intervento 1,4,5 è pari a ,98 euro. Sono ammissibili le iniziative che prevedano la nascita e lo sviluppo di nuove imprese innovative sulla base di programmi di sviluppo: - fondati su applicazioni e soluzioni innovative sia di prodotto/servizio che di processo; - attivati o da attivarsi in qualsiasi settore economico; - localizzati nell ambito territoriale della ; - da avviarsi successivamente alla data di presentazione della domanda. La spesa di investimento minima ammissibile è pari a ,00 e massima euro. Il programma di investimento deve avere una durata massima di 18 mesi. Possono partecipare le imprese rientranti nella qualifica dimensionale di MPMI, anche di nuova costituzione, che alla data di presentazione on line siano in possesso di uno dei seguenti requisiti: Essere MPMI operante nel settore manifatturiero(codice ATECO 2007 lett. C); Essere MPMI operante nel settore delle costruzioni(codice ATECO 2007 lett. F); Essere impresa artigiana; Essere impresa di servizi alle imprese avente come codice primario uno dei seguenti codici ATECO 2007: - J 62; - J 63; - M 70; - M 71; - M 72; - M 73; - M 74; - M 78; - H 52.10; - H Devono inoltre essere iscritte al registro delle imprese e/o all albo artigiani, risultare in attività ed avere sede operativa in. SPESE MODALITÀ DEL CONTRIBUTO Sono ammissibili le seguenti spese: opere murarie, opere di bonifica, impiantistica generale e costi assimilati fino al 40% dell investimento complessivo ammissibile; macchinari, impianti specifici, attrezzature, arredi (nuovi di fabbrica o usati) necessari per il conseguimento delle finalità produttive; sistemi gestionali integrati (software & hardware, fino al 10% dell investimento complessivo ammissibile); acquisizione di marchi, di brevetti, di licenze di produzione; spese di commissione per garanzie nel limite massimo del 2% del programma di investimento ammissibile; spese generali e di gestione del progetto in misura forfettaria nel limite massimo del 10 % del programma di investimento ammissibile. L importo dell intervento finanziario concedibile va da un minimo di ,00 ad un massimo di ,00.

8 SCHEDA n.4 Pagina 8 di 32 L agevolazione può essere concessa sotto forma di: 1) co-finanziamento a medio termine con risorse del FRIM e degli istituti di credito convenzionati con il soggetto gestore; 2) Locazione finanziaria di beni strumentali con risorse del FRIM e delle società di Leasing convenzionate con il soggetto gestore. L intervento finanziario: - fino al 100% della spesa ammissibile del progetto di investimento complessivo; - sarà erogato per il 50% a carico del fondo regionale (tasso 0,5%) e per la restante quota con mezzi di istituti di credito o di società di leasing convenzionati con il soggetto gestore del fondo Può avere una durata dai 3 ai 7 anni di cui massimo 2 di preammortamento. Per entrambe le forme di intervento, sarà necessaria la fornitura di garanzie (reali, bancarie e/o personali). A sportello (bando sempre aperto) La domanda di accesso alle linee di intervento previste dal Fondo regionale per le agevolazioni finanziarie dovrà essere presentata con procedura on-line, esclusivamente attraverso la modalità informatica presente sul sito: https://gefo.servizirl.it/ &packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue%26menu-torender%3D &pagename=DG_INDWrapper

9 SCHEDA n.5 Pagina 9 di 32 Torna alla lista DOTAZIONE FINANZIARIA INTERVENTI LOMBARDIA FRIM - Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità Linea 4 - CRESCITA DIMENSIONALE Il finanziamento è diretto a sostenere la crescita dimensionale delle aziende lombarde a seguito di operazioni di acquisizione di partecipazioni al capitale d impresa terza non collegata. La dotazione finanziaria complessiva per le tre linee di intervento 1,4,5 è pari a ,98 euro. E ammissibile il prezzo di acquisizione della partecipazione all impresa target, il cui valore dovrà essere documentato da perizia asseverata disposta da professionista abilitato. La spesa di investimento minima ammissibile è pari a ,00 e massima euro. Possono partecipare le imprese rientranti nella qualifica dimensionale di MPMI, anche di nuova costituzione, che alla data di presentazione on line siano in possesso di uno dei seguenti requisiti: Essere MPMI operante nel settore manifatturiero ( codice ATECO 2007 lett. C); Essere MPMI operante nel settore delle costruzioni ( codice ATECO 2007 lett. F); Essere impresa artigiana; Essere impresa di servizi alle imprese avente come codice primario uno dei seguenti codici ATECO 2007: - J 62; - J 63; - M 70; - M 71; - M 72; - M 73; - M 74; - M 78; - H 52.10; - H Devono inoltre essere iscritte al registro delle imprese e/o all albo artigiani, risultare in attività ed avere sede operativa in. MODALITÀ DEL CONTRIBUTO L agevolazione è concessa sotto forma di: 1) co-finanziamento a medio termine con risorse del FRIM e degli istituti di credito convenzionati con il soggetto gestore. L intervento finanziario: - fino al 100% della spesa ammissibile del progetto di investimento complessivo; - sarà erogato per il 50% a carico del fondo regionale (tasso 0,5%) e per la restante quota con mezzi di istituti di credito convenzionati con il soggetto gestore del fondo Può avere una durata dai 3 ai 7 anni di cui massimo 2 di preammortamento. Sarà necessaria la fornitura di garanzie (reali, bancarie e/o personali). A sportello (bando sempre aperto) La domanda di accesso alle linee di intervento previste dal Fondo regionale per le agevolazioni finanziarie dovrà essere presentata con procedura on-line, esclusivamente attraverso la modalità informatica presente sul sito: https://gefo.servizirl.it/ &packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue%26menu-torender%3D &pagename=DG_INDWrapper

10 SCHEDA n.6 Pagina 10 di 32 Torna alla lista DOTAZIONE FINANZIARIA LOMBARDIA FRIM - Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità Linea 5 - TRASFERIMENTO d IMPRESA Il finanziamento è diretto a sostenere operazioni di acquisizione di impresa da parte di nuove società di capitale costituite da persone fisiche, anche con l obiettivo di favorire il passaggio generazionale. La dotazione finanziaria complessiva per le tre linee di intervento 1,4,5 è pari a ,98 euro. Possono partecipare le imprese rientranti nella qualifica dimensionale di MPMI, anche di nuova costituzione, che alla data di presentazione on line siano in possesso di uno dei seguenti requisiti: Essere MPMI operante nel settore manifatturiero ( codice ATECO 2007 lett. C); Essere MPMI operante nel settore delle costruzioni ( codice ATECO 2007 lett. F); Essere impresa artigiana; Essere impresa di servizi alle imprese avente come codice primario uno dei seguenti codici ATECO 2007: - J 62; - J 63; - M 70; - M 71; - M 72; - M 73; - M 74; - M 78; - H 52.10; - H Devono inoltre essere iscritte al registro delle imprese e/o all albo artigiani, risultare in attività ed avere sede operativa in. SPESE MODALITÀ DEL CONTRIBUTO È ammissibile il 50% del prezzo di acquisizione dell intera proprietà dell impresa oggetto di trasferimento, con esclusione delle partecipazioni detenute da eventuali investitori istituzionali; il valore della transazione dovrà essere documentato da perizia asseverata disposta da professionista abilitato. L agevolazione è concessa sotto forma di: 1) co-finanziamento a medio termine con risorse del FRIM e degli istituti di credito convenzionati con il soggetto gestore. L intervento finanziario: - fino al 50% della spesa ammissibile del progetto di investimento complessivo; - sarà erogato per il 50% a carico del fondo regionale (tasso 0,5%) e per la restante quota con mezzi di istituti di credito convenzionati con il soggetto gestore del fondo Può avere una durata dai 3 ai 7 anni di cui massimo 2 di preammortamento. Sarà necessaria la fornitura di garanzie (reali, bancarie e/o personali). A sportello (bando sempre aperto) La domanda di accesso alle linee di intervento previste dal Fondo regionale per le agevolazioni finanziarie dovrà essere presentata con procedura on-line, esclusivamente attraverso la modalità informatica presente sul sito: https://gefo.servizirl.it/ &packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue%26menu-torender%3D &pagename=DG_INDWrapper

11 SCHEDA n.7 Pagina 11 di 32 Torna alla lista INTERVENTI SPESE LOMBARDIA Fondo regionale per le agevolazioni finanziarie all Artigianato Misura A - Microcredito Sostegno all accesso al credito per finanziamenti di microcredito mediante la concessione di contributi in conto garanzia. La Misura A del Fondo Regionale per le agevolazioni supporta i programmi di investimento volti allo sviluppo competitivo e all ammodernamento. Il contributo in conto garanzia è destinato ad abbattere il costo della garanzia rilasciata dai Confidi a favore della Banca e nell interesse dell impresa artigiana su finanziamenti di microcredito. IMPRESE ARTIGIANE aventi sede legale e operativa in. Sono escluse le imprese appartenenti ai settori sensibili di cui al regolamento comunitario in vigore Sono ammissibili le seguenti spese: - attrezzature e macchinari - costi di manutenzione ordinaria e straordinaria - scorte - consolidamento a medio termine di passività a breve - apertura di linee di credito a breve termine Le attrezzature ed i macchinari devono essere nuovi di fabbrica. Sono ammessi le attrezzature ed i macchinari usati, se in regola con le norme comunitarie. L impresa non potrà cedere i beni oggetto dell agevolazione per tutta la durata del finanziamento, pena la revoca del contributo in conto garanzia. Sono ammissibili le spese sostenute non oltre i 12 mesi precedenti la data di richiesta dell agevolazione. MODALITÀ DEL CONTRIBUTO Finanziamento ammissibile al contributo: - importo massimo La durata del finanziamento è liberamente concordato con le Banche e le società di leasing convenzionate. Generalmente ha una durata minima di 2 anni e massima di 5 anni. Il contributo è concesso con riferimento ad un costo della garanzia determinato sulla base di una commissione annua massima pari allo 0,8% da calcolarsi sull importo garantito per la durata del finanziamento che, ai soli fini del calcolo, è di massimo 5 (cinque) anni. Per i finanziamenti è prevista la garanzia collettiva rilasciata dai Confidi associati ad Artigiancredit S.c.r.l. che copre fino all 80% del finanziamento. Non è prevista la garanzia sulle operazioni di leasing A SPORTELLO &packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue%26menu-torender%3D &pagename=DG_INDWrapper

12 SCHEDA n.8 Pagina 12 di 32 Torna alla lista INTERVENTI SPESE MODALITÀ DEL CONTRIBUTO LOMBARDIA Fondo regionale per le agevolazioni finanziarie all Artigianato Misura B Investimenti CREDITO ARTIGIANO AGEVOLATO La misura B del Fondo per le agevolazioni finanziarie all artigianato opera per il concorso nel pagamento degli interessi sulle operazioni di credito effettuate dalle Banche a favore delle imprese artigiane. La Misura B del Fondo Regionale per le agevolazioni supporta i programmi di investimento strutturali e strumentali volti allo sviluppo, impianto, ampliamento e ammodernamento delle aziende. PMI artigiane aventi sede legale e operativa in, regolarmente iscritte agli appositi albi provinciali. Sono ammissibili le seguenti spese: - impianto, ampliamento e ammodernamento dell unità produttiva (laboratori, capannoni ecc); - opere murarie - acquisto di macchine, attrezzi ed automezzi nuovi e/o macchine ed attrezzi usati. L erogazione del contributo in conto interessi avviene in un'unica soluzione in forma attualizzata a fronte dell avvenuto perfezionamento dell operazione finanziaria e del sostenimento della spesa da parte del soggetto beneficiario. Il contributo in conto interessi/canoni è determinato sull importo del finanziamento ammesso all agevolazione. Tale contributo di abbattimento del tasso è pari al 2,5% (e comunque non superiore al tasso di riferimento europeo applicato). Il contributo in conto interessi non potrà superare e comunque non potrà superare il limite previsto dal regime comunitario de minimis vigente. L importo massimo del finanziamento bancario a medio termine ammesso al contributo in conto interessi deve essere compreso tra e I finanziamenti devono rispettare le seguenti caratteristiche: 1. durata finanziamento: fino a 10 anni per i finanziamenti destinati all'impianto, ampliamento e ammodernamento di laboratori; fino a 5 anni per i finanziamenti destinati all'acquisto di macchine e attrezzature. 2. tasso di interesse pari: a) euribor 3/6 mesi pro-tempore maggiorato di uno spread massimo di 1,50 punti per operazioni a tasso variabile; b) IRS vigente, in funzione della durata del finanziamento, maggiorato di uno spread massimo di 1,50 punti per operazioni a tasso fisso, qualora il finanziamento sia assistito da garanzia rilasciata da Confidi a valere su fondi pubblici lo spread applicato sarà ridotto di 25 punti base. 3. periodo di utilizzo e/o di preammortamento: durata massima di 12 mesi. A SPORTELLO &packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue%26menu-torender%3D &pagename=DG_INDWrapper

13 SCHEDA n.9 Pagina 13 di 32 Torna alla lista INTERVENTI SPESE LOMBARDIA Fondo regionale per le agevolazioni finanziarie all Artigianato Misura B Investimenti LEASING ARTIGIANO AGEVOLATO La misura B del Fondo per le agevolazioni finanziarie all artigianato opera per il concorso nel pagamento in conto canoni sulle operazioni di locazione finanziaria effettuate dalle società di leasing a favore delle imprese artigiane. La Misura B del Fondo Regionale per le agevolazioni supporta i programmi di locazione finanziaria di beni strutturali e strumentali volti allo sviluppo, impianto, ampliamento e ammodernamento delle aziende. PMI artigiane aventi sede legale e operativa in, regolarmente iscritte agli appositi albi provinciali Le operazioni di locazione finanziaria, sulle quali possono essere concessi contributi in conto canoni, devono avere per oggetto: - l'impianto e/o l'ampliamento dell unità produttiva (locazione finanziaria immobiliare: laboratori, capannoni etc.); - macchine, attrezzi strumentali ed automezzi nuovi (locazione finanziaria mobiliare) e macchine e attrezzi usati. MODALITÀ DEL CONTRIBUTO Il contributo in conto canoni calcolato sull operazione di leasing ammessa ad agevolazione è pari a 250 punti base (e comunque non superiore al tasso di riferimento europeo applicato). L importo ammissibile al contributo in conto canoni per una stessa impresa deve essere compreso fra e euro. Le operazioni di locazione finanziaria ammesse al contributo devono rispettare le seguenti caratteristiche: 1. durata: fino a 10 (dieci) anni per operazioni di locazione finanziaria destinate all'impianto, ampliamento e ammodernamento di laboratori; fino a 5 (cinque) anni per operazioni di locazione finanziaria destinate all'acquisto di macchine e attrezzature. 2. tasso di interesse pari: a) euribor 3/6 mesi pro-tempore maggiorato di uno spread massimo di 2 punti per operazioni a tasso variabile; b) IRS vigente in funzione della durata dell operazione, maggiorato di uno spread massimo di 1,50 punti per operazioni a tasso fisso. 3. Entità massima del primo canone anticipato: i) per le operazioni aventi durata non superiore a 5 anni, massimo pari al 15% del valore del bene locato, ovvero alla sommatoria dell importo dei canoni corrispondenti a 6 mesi; ii) per le operazioni aventi durata superiore a 5 anni, massimo pari al 20% del valore del bene locato, ovvero alla sommatoria dell importo dei canoni corrispondenti a 12 mesi. 4. le altre condizioni economiche: sono liberamente concordate tra le parti. I contributi sono erogati in forma anticipata ed attualizzata a fronte dell avvenuto perfezionamento dell operazione finanziaria e del sostenimento della spesa da parte del soggetto beneficiario. A SPORTELLO &packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue%26menu-to-render%3D &pagename=DG_INDWrapper

14 SCHEDA n.10 Pagina 14 di 32 Torna alla lista DOTAZIONE FINANZIARIA LOMBARDIA Accordo - BEI: Linea Generale Credito Adesso è un iniziativa che intende sostenere le micro, piccole e medie imprese operanti in mediante la concessione di finanziamenti chirografari dietro presentazione di uno o più ordini/contratti di fornitura di beni e/o servizi. Le risorse finanziarie ammontano a ,00 (cinquecentomilioni/00) di cui ,00 (duecentomilioni/00) a carico di Finlombarda SpA e ,00 (trecentomilioni/00) a carico delle Banche convenzionate, con una quota pari a 50 milioni riservata a finanziare contratti/ordini esteri al fine di favorire l internazionalizzazione delle imprese lombarde. Della dotazione finanziaria complessiva, 10 milioni sono riservati alle imprese del mantovano colpite dal sisma di maggio 2012, 5 milioni alle imprese della provincia di Sondrio e di alcuni comuni della provincia di Lecco interessate dalla chiusura della Strada Statale 36 e 4 milioni alle imprese con sede in alcuni Comuni della provincia di Milano (Grezzago, Masate, Trezzano Rosa e Trezzo sull Adda) che hanno subito danni dalla tromba d aria di luglio Per tutte queste imprese il contributo in conto interessi è pari al 3%. Possono essere ammesse all'iniziativa Credito Adesso, secondo la modalità dell Accesso Ordinario, le PMI aventi i seguenti requisiti, alla data di presentazione della domanda di partecipazione all Avviso: a) PMI singole e in qualunque forma costituite, ivi comprese le imprese artigiane; b) Sede Operativa in ; c) iscritte al registro delle imprese; d) operative da almeno 24 (ventiquattro) mesi; e) appartenenti ad uno dei seguenti settori: 1) settore manifatturiero, codice ISTAT primario - ATECO 2007, lett. C; 2) settore dei servizi alle imprese avente come codice ISTAT primario uno dei seguenti codici ATECO 2007: J62: produzione di software, consulenza informatica e attività connesse; J63: attività dei servizi di informazione e altri servizi informatici; M69: attività legali e contabilità; M70: attività di direzione aziendale e di consulenza gestionale; M71: attività degli studi di architettura e di ingegneria collaudi ed analisi tecniche; M72: ricerca scientifica e di sviluppo; M73: pubblicità e ricerche di mercato; M74: altre attività professionali, scientifiche e tecniche; N78: attività di ricerca, selezione, fornitura del personale; N79: attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour operator e servizi di prenotazione e attività connesse; N81: attività di servizi per edifici e paesaggi; N82: attività di supporto per le funzioni d'ufficio e altri servizi di supporto alle imprese; H49: trasporto terrestre e trasporto mediante condotte; H52: magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti; S : attività delle lavanderie industriali; 3) settore del commercio all'ingrosso (escluso quello di autoveicoli e di motocicli) limitatamente ai gruppi con codice ISTAT primario - ATECO 2007: G46.2: commercio all'ingrosso di materie prime, agricole e di animali vivi; G46.3: commercio all'ingrosso di prodotti alimentari, bevande e prodotti del tabacco; G46.4: commercio all'ingrosso di beni di consumo finale; G46.5: commercio all'ingrosso di apparecchiature ICT; G46.6: commercio all'ingrosso di altri macchinari, attrezzature e forniture; G46.7: commercio all'ingrosso specializzato di altri prodotti. 4) settore delle costruzioni, codice ISTAT primario - ATECO 2007, lett. F;

15 SCHEDA n.10 Pagina 15 di 32 5) settore del turismo, limitatamente ai gruppi con codice ISTAT primario - ATECO 2007: I55: alloggio. MODALITÀ DEL CONTRIBUTO Con presentazione di uno o più Ordini o Contratti di fornitura accettati di beni e/o servizi aventi un importo complessivo minimo pari a: ,00 per le Micro e Piccole Imprese; ,00 per le Medie Imprese. I singoli Ordini/Contratti devono essere antecedenti di massimo 3 mesi dalla data di presentazione della domanda di partecipazione all avviso. Gli importi si intendono al netto di IVA. Ogni singolo Finanziamento sarà pari massimo al 60% dell ammontare degli Ordini accettati o dei Contratti di fornitura ammessi e avranno importi ricompresi tra: e , per le Micro e le Piccole imprese: e , per le Medie imprese. Limitatamente alle richieste di finanziamento fino a 45 mila, è prevista una modalità semplificata di accesso alla misura senza presentazione di ordini/contratti e nel limite del 15% della media dei ricavi tipici risultanti dagli ultimi due esercizi contabilmente chiusi alla data di presentazione della domanda. Un impresa potrà richiedere/ottenere più di un finanziamento a valere su Credito Adesso, entro il limite degli importi massimi sopra riportati. I finanziamenti hanno le seguenti caratteristiche: Rimborso: amortizing, con rata semestrale a quota capitale costante e senza preammortamento (ad eccezione di quello tecnico necessario a raggiungere la prima scadenza fissa di rimborso del 30 aprile o del 31 ottobre). Durata: 24 mesi o 36 mesi (oltre al preammortamento tecnico finalizzato all allineamento alle scadenze fisse di rimborso). Tassi di interesse: Euribor a 6 mesi oltre ad uno spread che varierà in funzione della classe di rischio assegnata alla PMI in una scala da 1 (miglior classe, con margine massimo applicabile di 325 basis points) a 5 (con margine massimo applicabile di 600 basis points). Garanzie: non è richiesta alcuna garanzia di natura reale. Potranno essere richieste eventualmente garanzie personali e/o garanzie dirette del Fondo Centrale di Garanzia. Costi e commissioni: non è prevista alcuna commissione e/o spesa di istruttoria in relazione al Finanziamento. La domanda di partecipazione dovrà essere presentata esclusivamente online a partire dalle ore del 27 dicembre 2013 sul Sistema di procedura informatica accessibile dai seguenti indirizzi telematici: menù Servizi - Finanziamenti on line oppure https://gefo.servizirl.it/. Per presentare la domanda di partecipazione il soggetto richiedente dovrà registrarsi e ottenere login e password. cid= &p= &packedargs=locale%3d %26menu-torender%3d &pagename=dg_indwrapper&tipologia=bandi%20europei

16 SCHEDA n.11 Pagina 16 di 32 Torna alla lista INTERVENTI SPESE LOMBARDIA FRIM Cooperazione Questa linea di intervento è finalizzata a sostenere e sviluppare la competitività delle imprese costituite in forma cooperativa e in particolare le cooperative sociali impegnate nella gestione dei servizi socio-sanitari, assistenziali ed educativi e di inserimento lavorativo di persone svantaggiate, nonché la nascita di nuove imprese cooperative. Le agevolazioni sono riservate alle imprese cooperative, alle cooperative sociali e loro consorzi, anche di nuova costituzione. L intervento è volto a finanziare progetti di investimento per lo sviluppo aziendale basati su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo, tecnologico, commerciale, ambientale per la sicurezza dell ambiente di lavoro e per l inserimento lavorativo di persone svantaggiate, anche da parte di cooperative e cooperative sociali costituite da non più di 12 mesi dalla presentazione della domanda di agevolazione. Possono essere ammesse al finanziamento le spese riguardanti programmi di sviluppo aziendale, tecnologico, commerciale, ambientale, per la sicurezza dell ambiente di lavoro e per l inserimento lavorativo di persone svantaggiate relative a: Acquisto di beni strumentali finalizzati all avvio e/o all ammodernamento, potenziamento del ciclo produttivo quali attrezzature, macchinari, impianti specifici, arredi, automezzi strumentali. È ammesso l acquisto di beni strumentali usati nel rispetto della normativa comunitaria (Regolamento CE n. 448/2004 norma 4); Acquisto, impiantistica generale e ristrutturazione di immobili destinati all attività. Per le cooperative e cooperative sociali costituite da non più di 12 mesi dalla presentazione della domanda di agevolazione tale voce di spesa è ammissibile entro i limiti previsti dal bando per l accesso alle agevolazioni; Oneri di locazione dell immobile sede dell attività per un anno. Tale voce di spesa è ammissibile solo per le cooperative e cooperative sociali costituite da non più di 12 mesi dalla presentazione della domanda di agevolazione; Acquisto di servizi reali, forniti sulla base di appositi contratti, destinati all aumento della produttività, al trasferimento di tecnologie progettuali, organizzative e produttive, ricerca di nuovi mercati e sviluppo di sistemi di qualità; Acquisti di brevetti, di licenze di produzione, di software destinato alla produzione/gestione; Spese esterne per la formazione del personale nel limite massimo del 10% del programma di investimento ammissibile. Spese generali nel limite massimo del 5% del programma di investimento ammissibile. È ammesso l acquisto, nel rispetto della normativa comunitaria, di attrezzature, macchinari, arredi e beni strumentali usati. MODALITÀ DEL CONTRIBUTO L agevolazione può essere concessa sotto forma di finanziamento a medio termine o locazione finanziaria. L intervento consiste in un cofinanziamento/leasing alle cooperative con risorse del Fondo di rotazione regionale e risorse delle Banche/Società di leasing convenzionate. L intervento finanziario non potrà superare l 80% della spesa ammissibile, elevato al 100% per programmi di acquisizione di beni strumentali per l inserimento lavorativo di persone svantaggiate e di tutela dell ambiente di lavoro. L intervento agevolativo sarà applicato, con le opportune modifiche tecniche, anche alle operazioni di locazione finanziaria. L importo minimo dell investimento è di ,00 e l importo massimo è stabilito in ,00. Per le nuove cooperative la spesa di investimento ammissibile è compresa tra un minimo di ,00 ed

17 SCHEDA n.11 Pagina 17 di 32 un massimo di ,00. La durata complessiva del finanziamento è stabilita in 7 anni, di cui massimo 2 di preammortamento; in presenza di investimenti di carattere immobiliare la durata è elevata sino a 12 anni. Il tasso di interesse a carico del fondo regionale è pari allo 0,10% nominale annuo per i finanziamenti concessi alle cooperative sociali e allo 0,50% per le altre cooperative. Il tasso di interesse gravante sulla provvista messa a disposizione dagli intermediari finanziari, è il seguente: Per operazioni di finanziamento: tasso variabile pari all EURIBOR 6 mesi o tasso fisso pari all IRS vigente per durata maggiorati di uno spread massimo di 0,90% annuo per le cooperative sociali e loro consorzi tasso variabile pari all EURIBOR 6 mesi o tasso fisso pari all IRS vigente per durata maggiorati di uno spread massimo di 1,30% annuo per le altre cooperative Per operazioni di locazione finanziaria: tasso variabile pari all EURIBOR vigente per durata o tasso fisso pari all IRS vigente per durata maggiorati di uno spread massimo di 1,70% annuo per le cooperative sociali e loro consorzi tasso variabile pari all EURIBOR vigente per durata o tasso fisso pari all IRS vigente per durata maggiorati di uno spread massimo di 2,00% annuo per le altre cooperative Il finanziamento potrà essere assistito da garanzie reali, bancarie o assicurative, personali dei soci e/o di terzi compresi i Consorzi fidi. FINO AD ESAURIMENTO FONDI cid= &p= &packedargs=locale%3d %26menu-torender%3d &pagename=dg_indwrapper&tipologia=agevolazioni

18 SCHEDA n.12 Pagina 18 di 32 Torna alla lista DOTAZIONE FINANZIARIA INTERVENTI LOMBARDIA FONDO DI ROTAZIONE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE (FRI) Il Fondo di Rotazione, sostiene programmi di investimento realizzati da imprese lombarde, in forma diretta o in joint-venture con altre imprese, finalizzati alla creazione di Insediamenti produttivi permanenti all estero. Detti insediamenti sono da intendersi come stabilimenti produttivi o strutture operative finalizzate alla produzione di beni o all'erogazione di servizi e dotate di autonomia economica e tecnico funzionale. La dotazione finanziaria complessiva è pari a ,00 (quattromilioniduecentomila). Il programma di investimento deve essere finalizzato: A. Per le imprese del settore manifatturiero: alla realizzazione di nuovi Insediamenti Produttivi permanenti; alla realizzazione di nuovi centri di assistenza tecnica post-vendita permanenti. B. Per le imprese del settore dei servizi e delle costruzioni alla realizzazione di nuovi Insediamenti Produttivi permanenti. Il programma di investimento non deve prevedere interventi di delocalizzazione delle sedi localizzate in e/o sul territorio nazionale. Ai fini del presente Bando, per delocalizzazione si intende la dismissione totale o parziale di attività produttive con conseguente depotenziamento della capacità produttiva della/delle sede/i operativa/e localizzate in e sul territorio nazionale. Il programma di investimento potrà essere realizzato sia in forma diretta (capitale sociale detenuto al 100% dall impresa richiedente) che in joint-venture con altre imprese nazionali o estere. La New.Co estera deve avere autonoma personalità giuridica e può essere da costituire o già costituita da non oltre 6 mesi alla data di presentazione della domanda di Intervento finanziario. E esclusa l ammissibilità di programmi di investimento che possano configurarsi quali aiuti all esportazione secondo quanto indicato all art. 1, lett. d) del Regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15/12/2006 relativo all applicazione degli artt. 87 e 88 del trattato agli aiuti di importanza minore de minimis. Il programma d investimento deve essere realizzato nell ambito dei Paesi UE ed Extra UE ad esclusione dell Italia. Possono richiedere l Intervento Finanziario le MPMI in qualunque forma costituite, ivi incluse le società cooperative e le società consortili, in possesso di uno dei seguenti requisiti alla data di presentazione della domanda: A. Attive da almeno due anni nel settore manifatturiero (codice primario Ateco 2007 lett. C); B. Attive da almeno due anni nel settore delle costruzioni (codice primario Ateco 2007 lett. F); C. Attive da almeno due anni in uno dei seguenti settori dei servizi alle imprese (codice primario Ateco 2007): J 62 Produzione di software, consulenza informatica e attività connesse; J 63 Attività di servizi d informazione e altri servizi informatici; M 70 Attività di direzione aziendale e di consulenza gestionale; M 71 Attività degli studi di architettura e d ingegneria; collaudi ed analisi tecniche; M 72 Ricerca scientifica e sviluppo; M 73 Pubblicità e ricerche di mercato; M 74 Altre attività professionali, scientifiche e tecniche; N78 Attività di ricerca, selezione, fornitura di personale; H Magazzini di custodia e deposito per conto terzi H Movimentazione merci

19 SCHEDA n.12 Pagina 19 di 32 I soggetti richiedenti devono inoltre, alla data di presentazione della domanda: A. essere iscritti al registro delle imprese; B. avere una sede operativa in da almeno due anni. In caso di Società Consortile il requisito dell operatività minima dei due anni, laddove non presente in capo alla società, può essere verificato in capo ad almeno i 2/3 dei soci. E possibile presentare una domanda da parte di più imprese aventi i requisiti di cui ai precedenti punti 1) e 2) in caso di progetto che preveda la creazione di una new.co estera attraverso il conferimento congiunto da parte delle stesse imprese (di seguito Progetto unitario ). In tal caso le domande di ogni singola impresa dovranno essere presentate entro un arco temporale massimo di 10 giorni dalla presentazione della prima domanda da parte di uno dei partner di Progetto pena l inammissibilità dell intero progetto unitario. SPESE Sono ammissibili i conferimenti in denaro o in natura (es: macchinari, impianti e attrezzature nuovi o usati acquisiti da fornitori di settore) versati a titolo di capitale sociale nell impresa estera (new.co) per la realizzazione di quanto previsto. La partecipazione del soggetto richiedente nella New.Co., anche a seguito del conferimento, deve essere almeno pari al 30% del capitale sociale della New.Co. medesima. Tale requisito deve sussistere in capo al soggetto beneficiario salvo il caso di progetto unitario presentato da più imprese richiedenti; in tal caso il requisito deve sussistere cumulativamente in capo al totale dei richiedenti. Il valore del conferimento deve essere comunque pari ad almeno: ,00 per le imprese del settore manifatturiero; ,00 per le imprese del settore dei servizi e delle costruzioni. Nel caso di Progetto unitario presentato da più imprese beneficiarie, il valore minimo del conferimento ammissibile ad agevolazione da parte delle singole imprese non potrà essere inferiore al 50% dei valori minimi di conferimento sopra previsti; tale requisito deve sussistere in capo ad ogni singola impresa. Qualora il conferimento in natura consista in beni immateriali o in beni materiali non nuovi di fabbrica, il valore del conferimento dovrà essere comprovato da perizia estimativa asseverata prodotta da professionista abilitato. Nel caso di beni materiali nuovi di fabbrica il valore del conferimento sarà assunto pari al valore di acquisto, al netto di oneri accessori ed imposte, come risultante dalla fattura di acquisto o titolo equipollente intestata al soggetto richiedente. Sono ammissibili esclusivamente i conferimenti effettuati successivamente alla data di presentazione della domanda di Intervento finanziario. Il conferimento a titolo di capitale sociale dell impresa beneficiaria a favore dell impresa estera (New.Co.) deve essere funzionale alla realizzazione di un programma di investimento da parte di quest ultima. Il costo del programma di investimento deve essere almeno pari al valore del conferimento. Gli aiuti «de minimis» non sono cumulabili con altri aiuti relativamente agli stessi costi ammissibili. Il programma di investimento della New.Co. deve prevedere le seguenti tipologie di costo: Acquisto, ristrutturazione e realizzazione di beni immobili funzionali all attività ad esclusione dei terreni; Canoni per la locazione dell immobile per un anno e comunque per un importo non superiore al 20% del programma di investimento; Acquisto di macchinari, impianti ed attrezzature; Oneri per la registrazione dei diritti industriali (marchi e brevetti); Spese di commissione per garanzie nel limite massimo del 2% del programma di investimento; Acquisto di sistemi gestionali integrati, incluso l installazione e il potenziamento di collegamenti telematici tra imprese; Spese per il personale tecnico ed amministrativo dell impresa beneficiaria impegnato nelle attività di realizzazione e coordinamento del programma di investimento e comunque entro i limiti del 20% del programma di investimento. La conclusione del programma di investimento dovrà essere dichiarata dall impresa beneficiaria con autocertificazione redatta ai sensi di legge (DPR n. 445 del 28 dicembre 2000), attestante l avvio operativo della New.Co. ed il costo sostenuto per ciascuna delle voci di spesa. I programmi di investimento della New.Co. devono concludersi entro 18 mesi dalla data di concessione dell Intervento finanziario all impresa beneficiaria. Ai fini del presente Bando la New.Co. si intenderà operativa quando tutti i fattori produttivi sono in grado di assicurare il normale svolgimento dell attività.

20 SCHEDA n.12 Pagina 20 di 32 MODALITÀ DEL CONTRIBUTO L Intervento finanziario è pari al 40% delle spese ammissibili. Coerentemente alla previsione di cui all art. 72 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, l Intervento finanziario è così composto: a) una quota, fino al 40% dell Intervento finanziario complessivo, a titolo di contributo in conto capitale; b) una quota, pari almeno al 60% dell intervento finanziario, a titolo di finanziamento a tasso agevolato. La quota a titolo di finanziamento è regolata dalle seguenti condizioni: - Durata: da un minimo di 5 anni ad un massimo di 7 anni di cui massimo 2 di preammortamento; - Rimborso: in rate semestrali costanti di capitale ed interessi con scadenza il 30/06 e il 31/12 di ogni anno; - Tasso di interesse: tasso fisso pari allo 0,50% su base annua. A garanzia dell esatto e puntuale adempimento delle obbligazioni derivanti dal contratto di Intervento finanziario, con esclusivo riferimento alla sola quota erogata a titolo di finanziamento, sarà richiesta all impresa beneficiaria garanzia fideiussoria rilasciata da banche, da imprese di assicurazione di cui alla legge 10 luglio 1982, n. 348, da intermediari finanziari e dai confidi iscritti nell elenco speciale di cui all art. 106 del TUB così come modificato dal D. Lgs. 13 agosto 2010, n Nella fase transitoria, relativa alla piena operatività dell albo di cui all art. 10 del D. Lgs. N. 141/2010, da intermediari finanziari iscritti agli art. 106 e 107 del TUB nonché i confidi iscritti al 107. Le garanzie fideiussorie devono essere redatte secondo lo schema che sarà reso disponibile sul sito del Soggetto Gestore (www.finlombarda.it) a decorrere dai termini di presentazione della domanda. FINO AD ESAURIMENTO FONDI cid= &p= &packedargs=locale%3d %26menu-torender%3d &pagename=dg_indwrapper&tipologia=agevolazioni

BANDI IN EVIDENZA. INTERVENTO FINANZ. Finanziamento agevolato + + Garanzia + Voucher Finanziamento agevolato VAI N. TERRITORIO BANDO SETTORE

BANDI IN EVIDENZA. INTERVENTO FINANZ. Finanziamento agevolato + + Garanzia + Voucher Finanziamento agevolato VAI N. TERRITORIO BANDO SETTORE BANDI IN EVIDENZA N. TERRITORIO BANDO SETTORE 1 2 Regione Lombardia Regione Lombardia MADE IN LOMBARDY (RICERCA E SVILUPPO) FRIM FESR Sottomisura 1 (RICERCA) Manifatturiero Manifatturiero,Costruzioni Servizi

Dettagli

TERRITORIO BANDO SETTORE INTERVENTO FINANZ. VAI

TERRITORIO BANDO SETTORE INTERVENTO FINANZ. VAI BANDI IN EVIDENZA N. TERRITORIO BANDO SETTORE INTERVENTO FINANZ. VAI 1 Regione Lombardia MADE IN LOMBARDY (RICERCA E SVILUPPO) Manifatturiero Finanziamento agevolato + + Garanzia + Voucher 2 Regione Lombardia

Dettagli

SCHEDA n.1 Pagina 2 di 36

SCHEDA n.1 Pagina 2 di 36 BANDI IN EVIDENZA N. TERRITORIO BANDO SETTORE INTERVENTOFINANZ. VAI 1 Regione Lombardia 2 Regione Lombardia 3 Regione Lombardia 4 Regione Lombardia 5 Regione Lombardia 6 Regione Lombardia 7 Regione Lombardia

Dettagli

Nuova Legge Sabatini. Mantova, lì 12/03/2014 Circolare N. 12/2014. Studio Mantovani & Associati Consulenza Aziendale Commerciale e tributaria

Nuova Legge Sabatini. Mantova, lì 12/03/2014 Circolare N. 12/2014. Studio Mantovani & Associati Consulenza Aziendale Commerciale e tributaria Studio Mantovani & Associati s.s. Pag. 1 di 5 Mantova, lì 12/03/2014 Circolare N. 12/2014 Alle Aziende Clienti - Loro Sedi Con la presente rendiamo noti alcuni attuali strumenti di Finanza Agevolata e

Dettagli

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA LINEE D INTERVENTO: 1. SVILUPPO AZIENDALE; 2. INNOVAZIONE DI PRODOTTO E DI PROCESSO; 3. APPLICAZIONE INDUSTRIALE DI RISULTATI DELLA RICERCA; 4. CRESCITA DIMENSIONALE

Dettagli

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Possibilità 1.CREDITO ADESSO 2014 2. SABATINI BIS 3.REGIONE LOMBARDIA - FONDO FRIM 4.BANDO PER L INNOVAZIONE DEL TERZIARIO 5. LOMBARDIA CONCRETA 6. BANDO

Dettagli

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI Bergamo, 8 Novembre 2011 CONVEGNO FRIM LINEA D INTERVENTO N 8 START UP D IMPRESA

Dettagli

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità MISURE 1. Sviluppo aziendale basato su processi di ammodernamento e ampliamento produttivo 2. Innovazione di prodotto e di processo 3. Applicazione

Dettagli

Misura C SVILUPPO AZIENDALE

Misura C SVILUPPO AZIENDALE Oggetto Misura C SVILUPPO AZIENDALE Beneficiari Imprese artigiane singole o associate, anche di nuova costituzione, regolarmente iscritte al Registro delle imprese ed all Albo delle Imprese Artigiane,

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 16 - Giovedì 17 aprile 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 16 - Giovedì 17 aprile 2014 25 D.G. Sicurezza, protezione civile e immigrazione D.d.u.o. 11 aprile 2014 - n. 3169 Bando per l assegnazione di cofinanziamenti per la realizzazione di progetti in materia di sicurezza urbana, ai sensi

Dettagli

PROGETTO IMPRESA LOMBARDIA

PROGETTO IMPRESA LOMBARDIA PROGETTO IMPRESA LOMBARDIA Direzione Generale Attività Produttive, Ricerca e Innovazione INDICE INIZIATIVA FINLOMBARDA BEI LINEA GENERALE (CREDITO ADESSO)...2 CREDITO INCASSA...4 FONDO DI ROTAZIONE PER

Dettagli

600.000,00 sul Bilancio 2014; Vista la l.r. 14 aprile 2003, n. 4 «Riordino e riforma della disciplina

600.000,00 sul Bilancio 2014; Vista la l.r. 14 aprile 2003, n. 4 «Riordino e riforma della disciplina 13 D.g.r. 28 marzo 2014 - n. X/1593 Criteri e modalità per l assegnazione di cofinanziamenti per la realizzazione di progetti in materia di sicurezza urbana - Biennio 2014/2015 (l.r. 4/2003, art. 27) 2014/2016

Dettagli

Strumenti finanziari agevolati a sostegno delle PMI. Bergamo, Ottobre 2014

Strumenti finanziari agevolati a sostegno delle PMI. Bergamo, Ottobre 2014 Strumenti finanziari agevolati a sostegno delle PMI Bergamo, Ottobre 2014 Agenda Interventi Nazionali Interventi Regione Lombardia Interventi Regione Piemonte Interventi Regione Puglia 2 Agenda Interventi

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO CIRCOLARE NR. 5/FEBBRAIO 2014 VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO Egregi Signori, Vi informiamo che con D.G.R. n. 2216 del 03.12.2013 (pubblicata nel BUR n.113 del 24/12/2013) la Regione Veneto ha approvato

Dettagli

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione

FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione FRI: Fondo di rotazione per l'internazionalizzazione Il FRI sostiene investimenti realizzati da imprese lombarde in forma diretta o in joint-venture con altre imprese, finalizzati alla creazione di insediamenti

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI AUTOIMPIEGO

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007 Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali 16 ottobre 2007 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI IMPRENDITORIA FEMMINILE AUTOIMPIEGO: Lavoro autonomo;

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10 Circolare Numero 31/2014 Oggetto Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI Sommario La Regione Veneto ha semplificato e razionalizzato

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START

FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START DOTAZIONE BANDO SOGGETTI BENEFICIARI La dotazione finanziaria iniziale è pari ad 30.000.000,00, così suddivisa:

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE PER LE PMI IN LOMBARDIA

LE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE PER LE PMI IN LOMBARDIA LE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE PER LE PMI IN LOMBARDIA Milano, 19 Febbraio 2013 Giulia Podestà Esperta Finanza Agevolata ACF SpA ACF S.P.A. DIPARTIMENTO PIANIFICAZIONE FINANZIARIA E CONTROLLO DI GESTIONE

Dettagli

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI NEWSLETTER n. 1 FEBBRAIO 2016 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire l idonea

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del 26 dicembre 2008)

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CREDITO INCASSA B2B. ESTRATTO DA NEWSLETTER n. 2 LUGLIO 2015

REGIONE LOMBARDIA CREDITO INCASSA B2B. ESTRATTO DA NEWSLETTER n. 2 LUGLIO 2015 ESTRATTO DA NEWSLETTER n. 2 LUGLIO 2015 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire

Dettagli

Agevolazioni per le aziende colpite dal sisma Pieve di Coriano, 2 ottobre 2013

Agevolazioni per le aziende colpite dal sisma Pieve di Coriano, 2 ottobre 2013 Agevolazioni per le aziende colpite dal sisma Pieve di Coriano, 2 ottobre 2013 1 Agevolazioni per le aziende colpite dal sisma Regione Lombardia Bando per la ricostruzione delle imprese lombarde colpite

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1445 Seduta del 28/02/2014

DELIBERAZIONE N X / 1445 Seduta del 28/02/2014 DELIBERAZIONE N X / 1445 Seduta del 28/02/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START

FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITÀ (FRIM) - LINEA DI INTERVENTO N.8 START UP E RE-START DOTAZIONE BANDO SOGGETTI BENEFICIARI La dotazione finanziaria iniziale è pari ad 32.400.000,00, così suddivisa:

Dettagli

internazionalizzazione@regione.lombardia.it

internazionalizzazione@regione.lombardia.it Finalità: Favorire i processi di internazionalizzazione delle micro piccole medie imprese Risorse: 5.440.000 Ambiti di intervento: Valore del voucher: MPMI lombarde (escluso settore agricolo) Misura A:

Dettagli

Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane

Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve Il Fondo di Rotazione regionale per il settore

Dettagli

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro.

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro. AVVISO per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane misura Intervento straordinario per la competitività Sul BURC del 2 novembre 2015

Dettagli

BENEFICIARE CONTRIBUTO PRESENTARE DOMANDA

BENEFICIARE CONTRIBUTO PRESENTARE DOMANDA Fonte: Bando regionale 2015 Modulo predisposto: Settore Territorio, Servizio Urbanistica Pianificazione e Gestione del Territorio - Corrado Franzosi tel. 0381 299 309 CHI BENEFICIARE CONTRIBUTO CHI PRESENTARE

Dettagli

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Scadenze Data iniziale : martedì 17 ottobre 2006 scadenza ad esaurimento In breve Concessione

Dettagli

Legge 215 (25 febbraio 1992)

Legge 215 (25 febbraio 1992) Legge 215 (25 febbraio 1992) Soggetti beneficiari: Imprese individuali, cooperative, società di persone e società di capitali aventi: a) dimensione di piccola impresa; b) gestione prevalentemente femminile:

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999)

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) Disciplina di riferimento DGR 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r.

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r. Studio Biagi STUDIO ATTIVO IN TUTTA ITALIA Consulenza e assistenza tecnica sulle agevolazioni i finanziamenti e i programmi comunitari, nazionali, regionali e l internazionalizzazione delle imprese SCHEDA

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA ANTICIPAZIONI FINANZIAMENTI AGEVOLATI NUOVA SABATINI PER INVESTIMENTI IN MACCHINARI, IMPIANTI, BENI STRUMENTALI, ATTREZZATURE NUOVE

Dettagli

MICROCREDITO PER LE DONNE

MICROCREDITO PER LE DONNE UNIONE COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI BARI UNAGRACO BARI INCENTIVI PER LE IMPRESE: I RECENTI PROVVEDIMENTI NAZIONALI E REGIONALI BANDO PER INVESTIMENTI INNOVATIVI NELLE REGIONI CONVERGENZA MICROCREDITO

Dettagli

Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 )

Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 ) Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 ) (Aiuto di Stato conforme al Regolamento (CE) N. 69/2001 della Comunità del 12

Dettagli

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI

IMPRESE IN LOMBARDIA: AGEVOLAZIONE E AIUTI DIVIPLUS 2 SRL Via della Vittoria, 47 20025 Legnano (Mi) Telefono 0331.592931 0331.592720 Fax 0331.457504 Pec : diviplus@secmail.it Legnano, Ottobre 2014 Circolare Informativa n. 22/2014 A tutti i gentili

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente.

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente. FONDO DI ROTAZIONE E operativo il nuovo fondo di rotazione istituito con Delibera della Giunta Provinciale n. 2168 del 11/10/20013 (ex art. 34 ter 1 della Legge Provinciale 13 dicembre 1999, n. 6). Il

Dettagli

CCIAA MILANO AGEVOLACREDITO 2013 Intervento 1 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO

CCIAA MILANO AGEVOLACREDITO 2013 Intervento 1 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO CCIAA MILANO AGEVOLACREDITO 2013 Intervento 1 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO BENEFICIARI PMI 1, anche artigiane, operanti in tutti i settori a cui è applicabile la disciplina de minimis 2, aventi sede legaleiscritta

Dettagli

BANDI DI PROSSIMA SCADENZA

BANDI DI PROSSIMA SCADENZA Settembre 2015 BANDI DI PROSSIMA SCADENZA VOUCHER INTERNAZIONALIZZAZIONE Voucher a fondo perduto di importo pari 10mila Euro a fronte di una spesa minima di 13.000 Euro, può essere richiesto da micro,

Dettagli

QUESITI E RISPOSTE Fondo di rotazione per l impreditorialità - Frim

QUESITI E RISPOSTE Fondo di rotazione per l impreditorialità - Frim QUESITI E RISPOSTE Fondo di rotazione per l impreditorialità - Frim A DOMANDA DI INTERVENTO FINANZIARIO a 1) Come si presenta domanda di intervento finanziario? La domanda dovrà essere presentata esclusivamente

Dettagli

SOSTEGNO ALLE IMPRESE

SOSTEGNO ALLE IMPRESE SOSTEGNO ALLE IMPRESE In collaborazione con gli - ANGELI ANTI BUROCRAZIA - B r escia, Cremona, Mantova INDICE INIZIATIVA FINLOMBARDA BEI LINEA GENERALE (CREDITO ADESSO).... 2 CREDITO INCASSA...4 CREDITO

Dettagli

ALLEGATO1 - DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L'OTTENIMENTO DI FINANZIAMENTI LR 18

ALLEGATO1 - DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L'OTTENIMENTO DI FINANZIAMENTI LR 18 SETTORE SVILUPPO ECONOMICO, SOCIALE E CULTURALE Servizio Economia e Politiche Comunitarie Tel. +39 (0)437 959 216 Fax +39 (0)437 959184 email: l.ricci@provincia.belluno.it attivita.produttive@provincia.belluno.it

Dettagli

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di imprese - Azione 2 Progetto realizzato da: Con il contributo

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE NEWS IN EVIDENZA AGEVOLAZIONI PER LA RICOLLOCAZIONE DI EX DIRIGENTI E QUADRI, DISOCCUPATI AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE Livello Nazionale AGEVOLAZIONI

Dettagli

LOMBARDIA CONCRETA. DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 (Bando)

LOMBARDIA CONCRETA. DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 (Bando) LOMBARDIA CONCRETA DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 (Bando) LOMBARDIA CONCRETA CONtributi al CREdito per Turismo e Accoglienza 12,4 milioni di risorse regionali di cui: 10 milioni

Dettagli

NEWSLETTER RIEPILOGATIVA MISURE FINANZIARIE. Fondi Europei

NEWSLETTER RIEPILOGATIVA MISURE FINANZIARIE. Fondi Europei NEWSLETTER RIEPILOGATIVA MISURE FINANZIARIE Fondi Europei HORIZON SMES Lo strumento concepito da questo bando per supportare le attività di sviluppo delle PMI è suddiviso in tre fasi così come da un Servizio

Dettagli

Aiuti agli investimenti iniziali per piccole e medie imprese

Aiuti agli investimenti iniziali per piccole e medie imprese Aiuti agli investimenti iniziali per piccole e medie imprese TERMINI DI PRESENTAZIONE La presentazione avviene mediante la procedura a sportello, fino ad esaurimento risorse. BENEFICIARI 1. Microimprese

Dettagli

8. Aiuti concessi a imprese in difficoltà.

8. Aiuti concessi a imprese in difficoltà. Fondo di Rotazione BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI A SOSTEGNO DELLE P.M.I. DELLA PROVINCIA DI FERRARA Docup Obiettivo 2 1997/1999 misura 2.1 1. premessa SIPRO Agenzia Provinciale per

Dettagli

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi La legge 598/94 La legge 598/94 è rivolta alle micro, piccole e medie imprese, costituite anche in forma di società cooperativa, comprese le imprese artigiane limitatamente al settore D Manifatturiero,

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

FRIM Cooperazione. Frequently Ask Question (FAQ) Bando aperto il 14 aprile 2010

FRIM Cooperazione. Frequently Ask Question (FAQ) Bando aperto il 14 aprile 2010 FRIM Cooperazione Bando aperto il 14 aprile 2010 Frequently Ask Question (FAQ) Che cos è il FRIM? In cosa consiste l intervento Frim cooperazione? Quali sono le risorse finanziarie disponibili? Dove devono

Dettagli

Contributi, interventi, fondi e strumenti

Contributi, interventi, fondi e strumenti Contributi, interventi, fondi e strumenti Suggerimenti per ottenere agevolazioni per le Aziende dell Abruzzo, Sicilia Dopo un attenta ricerca, abbiamo individuato per le imprese la possibilità di accesso

Dettagli

STUDIO INTERPROFESSIONALE

STUDIO INTERPROFESSIONALE STUDIO INTERPROFESSIONALE 20149 Milano, Via Cuneo 4 21047 Saronno (VA), Vicolo del Caldo 30 * 6902 Lugano Paradiso - CH, V. San Salvatore 10 P.O. Box 461 Tel. 02.967.048.43 - Fax 02.967.048.09 www.interprofessionale.net

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 3985 del 16 dicembre 2008 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 3985 del 16 dicembre 2008 pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 3985 del 16 dicembre 2008 pag. 1/7 Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (art. 21 L.R. 17 gennaio

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO NUOVE IMPRESE E INVESTIMENTI PRODUTTIVI TITOLO IMPRESE BENEFICIARIE AGEVOLAZIONE PREVISTA TERMINI DI Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto per nuove Start

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 Allegato A REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA: FONDO UNICO ROTATIVO per PRESTITI POR CReO FESR 2007-2013 ( FURP ) Linea di intervento

Dettagli

VOUCHER RICERCA E INNOVAZIONE E CONTRIBUTI PER I PROCESSI DI BREVETTAZIONE

VOUCHER RICERCA E INNOVAZIONE E CONTRIBUTI PER I PROCESSI DI BREVETTAZIONE Studio Legale Tributario Circolare Finanza Agevolata n 8/2012 VOUCHER RICERCA E INNOVAZIONE E CONTRIBUTI PER I PROCESSI DI BREVETTAZIONE Regione Lombardia e le Camere di Commercio Lombarde intendono favorire

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CRITERI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI A FAVORE DI AZIENDE DEL COMMERCIO, DI

Dettagli

Allegato 5 al bando (approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 355 del 17 marzo 2008)

Allegato 5 al bando (approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 355 del 17 marzo 2008) Allegato 5 al bando (approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 355 del 17 marzo 2008) Assessorato alle Attività Produttive, Sviluppo economico e Piano Telematico Direzione Generale Attività Produttive,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI Allegato A) Deliberazione Giunta n. 95 del 19/07/2012 REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI ART. 1 Finalità

Dettagli

Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie

Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie Presentazione dell agevolazione Il presente documento illustrativo ha natura meramente

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA FONDO PER L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DEL TERZIARIO BANDO FINTER

REGIONE LOMBARDIA FONDO PER L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DEL TERZIARIO BANDO FINTER REGIONE LOMBARDIA FONDO PER L INNOVAZIONE DELLE IMPRESE DEL TERZIARIO BANDO FINTER FINALITÀ La misura agevola interventi innovativi finalizzati al miglioramento del sistema infrastrutturale, gestionale

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA. N. 2 Febbraio 2013 REGIONE LOMBARDIA IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA. N. 2 Febbraio 2013 REGIONE LOMBARDIA IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2013 REGIONE LOMBARDIA IN EVIDENZA BANDO INAIL 2012 Livello nazionale Predisposizione delle domande entro il 14 marzo 2013. Invio delle domande dopo l 8 di

Dettagli

D I S C I P L I N A R E

D I S C I P L I N A R E D I S C I P L I N A R E per la concessione di contributi in abbattimento del tasso di interesse, a fondo perduto e in abbattimento dei costi di commissione alle piccole/medie imprese, operanti in provincia

Dettagli

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE A cura di Leopoldo Noventa 1 Che cosa sono? I finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese operanti nella Regione Veneto sono finanziamenti erogati

Dettagli

LOMBARDIA CONCRETA. DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014

LOMBARDIA CONCRETA. DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 LOMBARDIA CONCRETA DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 Marzo 2014 LOMBARDIA CONCRETA CONtributi al CREdito per Turismo e Accoglienza 12,4 milioni di risorse regionali di cui: 10

Dettagli

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 Presentazione domande: a sportello dalle ore 10 del 1 marzo 2016 alle ore 17 del 30 settembre 2016 salvo esaurimento fondi TERRITORIO: Regione Emilia Romagna OBIETTIVI

Dettagli

FINANZIARIA & MEDIAZIONE CREDITIZIA

FINANZIARIA & MEDIAZIONE CREDITIZIA Finanza Agevolata - Regione Lombardia Fondo di Rotazione per l imprenditorialità Linea di intervento n. 8 : Start up d impresa di giovani, donne e soggetti svantaggiati BENEFICIARI PMI che alla data di

Dettagli

Disciplina di riferimento

Disciplina di riferimento AGEVOLAZIONI IN FAVORE DELLE PMI DEL SETTORE COMMERCIO EX LR 1/1999, DEL SETTORE SECONDARIO E TERZIARIO EX LR 5/2001 E DEL SETTORE ARTIGIANO EX LR 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 2216 del 3 dicembre

Dettagli

Disciplina di riferimento

Disciplina di riferimento AGEVOLAZIONI IN FAVORE DELLE PMI DEL SETTORE COMMERCIO EX LR 1/1999, DEL SETTORE SECONDARIO E TERZIARIO EX LR 5/2001 E DEL SETTORE ARTIGIANO EX LR 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 2216 del 3 dicembre

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 L art. 2 della nuova legge 580/1993 riconosce nuove

Dettagli

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti NOVEMBRE 2015 NEWS - REGIONE PIEMONTE: ASSE I COMPETITIVITA DELLE IMPRESE Misura 1.9 Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle grandi imprese presenti sul territorio piemontese Strumento Midcap

Dettagli

Fondo centrale di garanzia

Fondo centrale di garanzia Fondo centrale di garanzia 1 Riferimento Legge FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LEGGE 662/96 ART. 2 COMMA 100 LETT. A); Tre forme di intervento: Garanzia Diretta, garanzia prestata dal

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI BRESCIA

CAMERA DI COMMERCIO DI BRESCIA NEWSLETTER n. 3 SETTEMBRE 2015 Pubblichiamo un estratto delle ultime informazioni relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. Evidenziamo, fra le opportunità nella sezione Regione Lombardia,

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015

CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015 CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015 IMPORTO DEL PLAFOND ASSEGNATO AD ITALIA-COMFIDI IMPORTO

Dettagli

Agevolazioni finanziarie pubbliche per le imprese

Agevolazioni finanziarie pubbliche per le imprese Amministrazione finanziarie finanziarie pubbliche per le imprese a cura di Carmine Supino - Studio Supino Continua la Rubrica dedicata alle AGEVOLAZIONI Finanziarie Pubbliche rivolte alle imprese. In questa

Dettagli

La Regione Toscana a sostegno della creazione di impresa giovanile Prato, 16 novembre 2015 NASCERE E CRESCERE, IMPRESA DA RAGAZZI

La Regione Toscana a sostegno della creazione di impresa giovanile Prato, 16 novembre 2015 NASCERE E CRESCERE, IMPRESA DA RAGAZZI La Regione Toscana a sostegno della creazione di impresa giovanile Prato, 16 novembre 2015 NASCERE E CRESCERE, IMPRESA DA RAGAZZI OBIETTIVO SPECIFICO CREAZIONE DI IMPRESA GIOVANILE SETTORE MANIFATTURIERO,

Dettagli

DOMANDA DI INTERVENTO FINANZIARIO e BUSINESS PLAN

DOMANDA DI INTERVENTO FINANZIARIO e BUSINESS PLAN QUESITI E RISPOSTE Made In Lombardy DOMANDA DI INTERVENTO FINANZIARIO e BUSINESS PLAN E possibile trasmettere la domanda via internet o attraverso un canale telematico? No, la presentazione della domanda

Dettagli

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Chi può finanziare Unifidi? Tutte le PMI imprese iscritte alla CCIAA Artigianato

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO Provincia di Sondrio

COMUNE DI VALDISOTTO Provincia di Sondrio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI VALDISOTTO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTIGIANFIDI LOMBARDIA, CRITERI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI A FAVORE DI AZIENDE DEL COMMERCIO,

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 5 Maggio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 5 Maggio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 5 Maggio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO ALLA CREAZIONE DI NUOVA IMPRENDITORIA PER IL TRASFERIMENTO D AZIENDA Livello Nazionale INCENTIVI

Dettagli

C o m u n e d i L a s c a r i (Provincia Regionale di Palermo) Piazza Aldo Moro,6. Regolamento del Progetto Credito Imprese Lascari

C o m u n e d i L a s c a r i (Provincia Regionale di Palermo) Piazza Aldo Moro,6. Regolamento del Progetto Credito Imprese Lascari C o m u n e d i L a s c a r i (Provincia Regionale di Palermo) Piazza Aldo Moro,6 Regolamento del Progetto Credito Imprese Lascari Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 59 del 22.10.2010

Dettagli

TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE. Informativa

TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE. Informativa TITOLO II - AIUTI AGLI INVESTIMENTI INIZIALI ALLE PICCOLE IMPRESE Informativa Soggetti beneficiari: 1. microimprese (impresa che occupa meno di 10 persone, realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio

Dettagli

Guida alle agevolazioni Finlombarda S.p.A. gennaio 2016 La presente Guida contiene una sintesi degli strumenti finanziari promossi da Regione Lombardia e gestiti da Finlombarda S.p.A. diretti principalmente

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA. BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA. BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale BANDO SMART CITIES AND COMMUNITIES Livello Regionale DOTE

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 NELL AMBITO DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI CON I FONDI DI ROTAZIONE e DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DEI FONDI DI GARANZIA E LA

Dettagli

FINANZIAMENTI AGEVOLATI: I FONDI DI ROTAZIONE DI VENETO SVILUPPO

FINANZIAMENTI AGEVOLATI: I FONDI DI ROTAZIONE DI VENETO SVILUPPO Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 03/06/2010. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

Interventi per la promozione, il sostegno e lo sviluppo della cooperazione

Interventi per la promozione, il sostegno e lo sviluppo della cooperazione Allegato al decreto n. del Allegato A Interventi per la promozione, il sostegno e lo sviluppo della cooperazione Criteri per l attuazione delle azioni di cui alla l.r. n. 21/2003 art. 5 lettera a) Intervento

Dettagli

Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana

Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana Presentazione dell agevolazione Il presente documento illustrativo ha natura meramente descrittiva e non esaustiva dei contenuti dell avviso

Dettagli