BANDI IN EVIDENZA N. TERRITORIO BANDO SETTORE INTERVENTO FINANZ. VAI. PMI artigiane. Manifatturiero,Costruzioni Servizi Informatici e imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDI IN EVIDENZA N. TERRITORIO BANDO SETTORE INTERVENTO FINANZ. VAI. PMI artigiane. Manifatturiero,Costruzioni Servizi Informatici e imprese"

Transcript

1 BANDI IN EVIDENZA N. TERRITORIO SETTORE INTERVENTO FINANZ. VAI 1 Bando per il cofinanziamento di progetti in materia di sicurezza urbana EELL Cofinanziamento FRIM FESR Sottomisura 1 (RICERCA) FRIM FESR Sottomisura 2 (INNOVAZIONE SPERIMENTALE) FRIM - Linea 1 Sviluppo Aziendale (INVESTIMENTI) FRIM - Linea 4 Crescita Dimensionale (INVESTIMENTI) FRIM - Linea 5 Trasferimento d Impresa (INVESTIMENTI) Manifatturiero,Costruzioni Servizi Informatici,imprese artigiane e del sistema della cooperazione Manifatturiero,Costruzioni,imprese artigiane e del sistema della cooperazione Manifatturiero,Costruzioni Servizi Informatici e imprese artigiane Manifatturiero,Costruzioni Servizi Informatici e imprese artigiane Manifatturiero,Costruzioni Servizi Informatici e imprese artigiane Finanziamento agevolato Finanziamento agevolato Finanziamento agevolato Finanziamento agevolato Finanziamento agevolato 7 FONDO ARTIGIANI Misura A Micro - credito (INVESTIMENTI) PMI artigiane Contributo in conto garanzia 8 FONDO ARTIGIANI Misura B - Credito Artigiano (INVESTIMENTI) PMI artigiane Contributo in conto interessi 9 FONDO ARTIGIANI Misura B - Leasing Artigiano (INVESTIMENTI) PMI artigiane Contributo in conto canoni Credito adesso regione bei (sostegno alla liquidità) FRIM COOPERAZIONE (investimenti) FRI - fondo di rotazione per l internazionalizzazione Eliminazione di barriere architettoniche negli edifici residenziali privati Manifatturiero,Servizi,Commercio all ingrosso e imprese di costruzioni Cooperative, singole o in forma consorziale Manifatturiero,costruzioni e imprese dei servizi Privati Contributo in conto interessi Finanziamento a medio termine o locazione Fondo finanziaria perduto + Finanziamento agevolato Fondo perduto 14 Agevolazioni per l acquisto di macchinari PMI Contributo in conto interessi 15 Fondo voucher per l accompagnamento delle pmi lombarde nei paesi esteri (dell area extra unione europea) "per le imprese" MPMI Fondo perduto

2 BANDI IN EVIDENZA 16 Bando per l accesso al fondo per l abbattimento interessi finalizzato allo sviluppo del sistema dell accoglienza in vista di expo 2015 Commercio,servizi e turismo Finanziamento 17 Start up e re-start MPMI Fondo perduto + finanz. agevolato 18 Bando per l'erogazione di contributi per l acquisto dell'abitazione principale Privati Contributo in conto interessi

3 SCHEDA n.1 Pagina 3 di 32 Bando per il cofinanziamento di progetti in materia di sicurezza urbana - biennio 2014/2015 Torna alla lista DOTAZIONE FINANZIARIA SPESE Lo stanziamento regionale di complessivi ,00 verrà ripartito tra le suddette Tipologie A, B, C e D con le seguenti percentuali: TIPOLOGIA A stanziamento del 40% pari ad ,00 TIPOLOGIA B stanziamento del 30% pari ad ,00 TIPOLOGIA C stanziamento del 20% pari ad ,00 TIPOLOGIA D stanziamento del 10% pari ad ,00 Possono presentare domanda di finanziamento gli Enti locali, suddivisi secondo le seguenti tipologie: -TIPOLOGIA A: Comuni e Unioni della provincia di Milano e la Provincia di Milano, tra loro associati, in quanto interessati dall evento EXPO; -TIPOLOGIA B: Comuni con popolazione sotto i abitanti (dato rilevato alla data di presentazione del progetto) associati per effetto della Legge 135/2012; -TIPOLOGIA C: Province, Comuni e Unioni al di fuori dell area interessata da EXPO, che presentano il progetto in associazione con altri Enti; -TIPOLOGIA D: Province, Comuni (esclusi quelli sotto i 5000 abitanti) e Unioni che presentano il progetto in forma singola (anche se in Provincia di Milano e pertanto interessati all'evento EXPO). Al fine di una ottimale riuscita della gestione associata e per un criterio di omogeneità, i Comuni associati devono essere territorialmente confinanti, salvo deroghe motivate, sentito il parere del Comitato Scientifico, ai sensi dell art.30, 4 comma, della L.R.4/2003. Ciascun Ente può presentare un solo progetto, sia come capofila che come associato, fatta eccezione delle Province, per effetto della competenza territoriale. L'azione si attua attraverso il finanziamento di progetti riguardanti: 1. potenziamento degli apparati radio (strutture fisse o mobili che consentano la comunicazione radio: ponti radio, antenne ripetitrici del segnale); 2. rinnovo e incremento del parco autoveicoli e delle dotazioni tecnico/strumentali (autovetture, moto, unità mobili, fuoristrada, biciclette, scooter, motoslitte, natanti etilometro, autovelox, telelaser, macchina fotografica, cellulari, radio portatili, apparecchiatura per falsi documentali, telecamere digitali, veicoli elettrici, narcotest, torce, opacimetro, gabinetto di polizia scientifica, caschi da motociclista, computer, stampanti, fotocopiatrice, centralino telefonico, binocoli, videoproiettori, spessimetro omologato per misurazione battistrada pneumatici, spettrofotometro, gps portatile, rilevatori di traffico mobili, dissuasori di velocità, pannelli di monitoraggio e informazioni per piste ciclabili); il rinnovo parco autoveicoli è comprensivo anche di tutta la strumentazione prevista dai regolamenti regionali 8 agosto 2002, n. 8 e 13 luglio 2004, n. 4; 3. collegamenti telefonici, telematici, installazione di colonnine di soccorso per il controllo del territorio nelle vie commerciali più a rischio; 4. realizzazione di sistemi di videosorveglianza; 5. modernizzazione ed unificazione delle centrali operative e di rilevamento satellitare per l'individuazione delle pattuglie sul territorio; 6. istituzione "dell'agente di quartiere", limitatamente all'acquisto della strumentazione tecnologica e/o strutturale (come al punto 2); 7. iniziative finalizzate alla prevenzione dei fenomeni di violenza nei confronti di donne, bambini ed anziani, limitatamente all'acquisto di strumentazione tecnologica atta a presentare le azioni preventive (televisori, videoproiettori, videocamera digitale, macchina fotografica); 8. incremento delle attività dirette alla tutela dell ambiente ed in particolare alla salvaguardia della fauna e del territorio: rinnovo e incremento del parco autoveicoli e delle dotazioni tecnico/strumentali (come al punto 2). Non è ammessa l'acquisizione di dotazioni tecnico strumentali con la formula del noleggio mentre è ammessa quella del leasing. In quest'ultimo caso il cofinanziamento sarà limitato esclusivamente alle rate relative alle annualità del presente bando (2014/2015).

4 SCHEDA n.1 Pagina 4 di 32 I beni oggetto di finanziamento non potranno subire cambiamenti di destinazione d'uso prima di un triennio fatto salvo il normale deperimento. MODALITA DEL CONTRIBUTO Per i progetti ammessi, le quote di cofinanziamento regionale saranno determinate con le seguenti percentuali: - TIPOLOGIA A: cofinanziamento pari al 70%; - TIPOLOGIA B: cofinanziamento pari al 70%; - TIPOLOGIA C: cofinanziamento pari al 60%; - TIPOLOGIA D: cofinanziamento pari al 50%. La domanda di partecipazione al Bando dovrà essere presentata esclusivamente on line a partire dalle ore del giorno fino alle ore del giorno all'indirizzo: https://gefo.servizirl.it/ erbandilayout&cid= &p= &packedargs=locale%3d %26menu-torender%3d &pagename=dg_pppwrapper&tipologia=agevolazioni

5 SCHEDA n.2 Pagina 5 di 32 Torna alla lista LOMBARDIA FRIM FESR - Fondo di Rotazione per l'imprenditorialità Sottomisura n.1 INNOVAZIONE DI PRODOTTO E DI PROCESSO Il finanziamento è diretto a sostenere la realizzazione di programmi di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale, applicabili a processi, prodotti o servizi. DOTAZIONE FINANZIARIA 35 Milioni di euro (da condividere con la Sottomisura n.2 ) INTERVENTI Sono ammissibili le iniziative che prevedano attività di ricerca industriale, ricerca di base e sviluppo precompetitivo, relativamente a processi, prodotti o servizi applicabili nei settori ammessi o affini. SPESE Micro, piccole e medie imprese aventi sede operativa in ed operanti nel settore manifatturiero e delle costruzioni di cui alle classificazioni ISTAT ATECO 2007 lettere C e F. Le imprese artigiane e del sistema della cooperazione. MPMI operanti nel settore dei servizi alle imprese di cui alle classificazioni ISTAT ATECO 2007 codici 62, 63 e 72 Sono ammissibili le seguenti spese: - spese di personale relative a ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario purché impiegati per la realizzazione del progetto (fino al massimo del 50% dell investimento complessivo ammissibile); consulenze tecniche esterne; i costi di ammortamento relativi ad impianti, macchinari e attrezzature, nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto materie prime da impiegare nella fase di prototipazione, sperimentazione e collaudo del prodotto/servizio (fino ad un massimo del 10% dell investimento complessivo ammissibile); i costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti, acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne, nonché i costi dei servizi di consulenza e di servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini dell attività di ricerca; Oneri di commissione per garanzia prestata da banche,società di assicurazione,intermediari finanziari e confidi nel limite massimo del 3% del programma di investimento ammissibile. MODALITÀ DEL CONTRIBUTO La spesa di investimento minima ammissibile è pari a ,00 e massima euro. A sportello (bando sempre aperto) t&cid= &p= &packedargs=locale%3d %26menu-torender%3d &pagename=dg_indwrapper&tipologia=bandi%20europei Finanziamento a medio termine: finanziamento erogato esclusivamente a valere su risorse del FRIM FESR; L'intervento finanziario agevolativo può concorrere sino al l00 % della spesa ammissibile del progetto di investimento complessivo con un tasso d interesse dello 0,5 %.

6 SCHEDA n.3 Pagina 6 di 32 Torna alla lista LOMBARDIA FRIM FESR - Fondo di Rotazione Sottomisura n.2 APPLICAZIONE INDUSTRIALE DEI RISULTATI DELLA RICERCA Il finanziamento è diretto a sostenere la realizzazione di progetti di investimento connessi alla applicazione industriale di risultati della ricerca, sviluppata dall impresa internamente e/o commissionata all esterno ad Università e Centri di ricerca o mediante acquisizione di know-how, per la realizzazione di nuovi prodotti o lo sviluppo di nuovi processi produttivi finalizzati all industrializzazione degli stessi. DOTAZIONE FINANZIARIA INTERVENTI 35 Milioni di euro (da condividere con la Sottomisura n.1 ) Sono ammissibili le iniziative che prevedano la realizzazione di progetti di investimento connessi alla applicazione industriale di risultati della ricerca, sviluppata dall impresa internamente e/o commissionata all esterno ad Università e Centri di ricerca o mediante acquisizione di know-how, per la realizzazione di nuovi prodotti o lo sviluppo di nuovi processi produttivi finalizzati all industrializzazione degli stessi. SPESE Micro, piccole e medie imprese aventi sede operativa in ed operanti nel settore manifatturiero e delle costruzioni di cui alle classificazioni ISTAT ATECO 2007 lettere C e F. Le imprese artigiane e del sistema della cooperazione. Sono ammissibili le seguenti spese: - - opere murarie, impiantistica generale e costi assimilati, destinati alla realizzazione del nuovo processo produttivo (fino al 30% dell investimento complessivo ammissibile); macchinari, impianti specifici e attrezzature (nuovi di fabbrica) destinati alla nuova linea produttiva; modificazione di macchinari e impianti specifici ed attrezzature, nuovi o esistenti, destinati alla nuova linea produttiva; acquisizione di consulenze tecniche esterne utilizzate nelle fasi di industrializzazione del prototipo/processo, sperimentazione e collaudi; acquisizione di marchi, di brevetti, di licenze di produzione, di know-how o di conoscenze tecniche non brevettate. Ammissibili solo se di natura immobilizzazione immateriale. MODALITÀ DEL CONTRIBUTO La spesa di investimento minima ammissibile è pari a ,00 e massima euro. L agevolazione è concessa sotto forma di: Co-finanziamento a medio termine: finanziamento erogato dalla banca convenzionata con l'utilizzo di risorse finanziarie proprie pari al 40% e risorse finanziarie del FRIM FESR pari al restante 60% del finanziamento (tasso dello 0,5 %). Può avere una durata dai 3 ai 7 anni di cui massimo 2 di preammortamento. A sportello (bando sempre aperto) cid= &p= &packedargs=locale%3d %26menu-torender%3d &pagename=dg_indwrapper&tipologia=bandi%20europei

7 SCHEDA n.4 Pagina 7 di 32 Torna alla lista DOTAZIONE FINANZIARIA INTERVENTI LOMBARDIA FRIM - Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità Linea 1 - Sviluppo aziendale basato su investimenti di ammodernamento e ampliamento produttivo L intervento del Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità sulla Linea 1 è diretto a sostenere i progetti di investimento per lo sviluppo aziendale basati su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo. La dotazione finanziaria complessiva per le tre linee di intervento 1,4,5 è pari a ,98 euro. Sono ammissibili le iniziative che prevedano la nascita e lo sviluppo di nuove imprese innovative sulla base di programmi di sviluppo: - fondati su applicazioni e soluzioni innovative sia di prodotto/servizio che di processo; - attivati o da attivarsi in qualsiasi settore economico; - localizzati nell ambito territoriale della ; - da avviarsi successivamente alla data di presentazione della domanda. La spesa di investimento minima ammissibile è pari a ,00 e massima euro. Il programma di investimento deve avere una durata massima di 18 mesi. Possono partecipare le imprese rientranti nella qualifica dimensionale di MPMI, anche di nuova costituzione, che alla data di presentazione on line siano in possesso di uno dei seguenti requisiti: Essere MPMI operante nel settore manifatturiero(codice ATECO 2007 lett. C); Essere MPMI operante nel settore delle costruzioni(codice ATECO 2007 lett. F); Essere impresa artigiana; Essere impresa di servizi alle imprese avente come codice primario uno dei seguenti codici ATECO 2007: - J 62; - J 63; - M 70; - M 71; - M 72; - M 73; - M 74; - M 78; - H 52.10; - H Devono inoltre essere iscritte al registro delle imprese e/o all albo artigiani, risultare in attività ed avere sede operativa in. SPESE MODALITÀ DEL CONTRIBUTO Sono ammissibili le seguenti spese: opere murarie, opere di bonifica, impiantistica generale e costi assimilati fino al 40% dell investimento complessivo ammissibile; macchinari, impianti specifici, attrezzature, arredi (nuovi di fabbrica o usati) necessari per il conseguimento delle finalità produttive; sistemi gestionali integrati (software & hardware, fino al 10% dell investimento complessivo ammissibile); acquisizione di marchi, di brevetti, di licenze di produzione; spese di commissione per garanzie nel limite massimo del 2% del programma di investimento ammissibile; spese generali e di gestione del progetto in misura forfettaria nel limite massimo del 10 % del programma di investimento ammissibile. L importo dell intervento finanziario concedibile va da un minimo di ,00 ad un massimo di ,00.

8 SCHEDA n.4 Pagina 8 di 32 L agevolazione può essere concessa sotto forma di: 1) co-finanziamento a medio termine con risorse del FRIM e degli istituti di credito convenzionati con il soggetto gestore; 2) Locazione finanziaria di beni strumentali con risorse del FRIM e delle società di Leasing convenzionate con il soggetto gestore. L intervento finanziario: - fino al 100% della spesa ammissibile del progetto di investimento complessivo; - sarà erogato per il 50% a carico del fondo regionale (tasso 0,5%) e per la restante quota con mezzi di istituti di credito o di società di leasing convenzionati con il soggetto gestore del fondo Può avere una durata dai 3 ai 7 anni di cui massimo 2 di preammortamento. Per entrambe le forme di intervento, sarà necessaria la fornitura di garanzie (reali, bancarie e/o personali). A sportello (bando sempre aperto) La domanda di accesso alle linee di intervento previste dal Fondo regionale per le agevolazioni finanziarie dovrà essere presentata con procedura on-line, esclusivamente attraverso la modalità informatica presente sul sito: https://gefo.servizirl.it/ &packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue%26menu-torender%3D &pagename=DG_INDWrapper

9 SCHEDA n.5 Pagina 9 di 32 Torna alla lista DOTAZIONE FINANZIARIA INTERVENTI LOMBARDIA FRIM - Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità Linea 4 - CRESCITA DIMENSIONALE Il finanziamento è diretto a sostenere la crescita dimensionale delle aziende lombarde a seguito di operazioni di acquisizione di partecipazioni al capitale d impresa terza non collegata. La dotazione finanziaria complessiva per le tre linee di intervento 1,4,5 è pari a ,98 euro. E ammissibile il prezzo di acquisizione della partecipazione all impresa target, il cui valore dovrà essere documentato da perizia asseverata disposta da professionista abilitato. La spesa di investimento minima ammissibile è pari a ,00 e massima euro. Possono partecipare le imprese rientranti nella qualifica dimensionale di MPMI, anche di nuova costituzione, che alla data di presentazione on line siano in possesso di uno dei seguenti requisiti: Essere MPMI operante nel settore manifatturiero ( codice ATECO 2007 lett. C); Essere MPMI operante nel settore delle costruzioni ( codice ATECO 2007 lett. F); Essere impresa artigiana; Essere impresa di servizi alle imprese avente come codice primario uno dei seguenti codici ATECO 2007: - J 62; - J 63; - M 70; - M 71; - M 72; - M 73; - M 74; - M 78; - H 52.10; - H Devono inoltre essere iscritte al registro delle imprese e/o all albo artigiani, risultare in attività ed avere sede operativa in. MODALITÀ DEL CONTRIBUTO L agevolazione è concessa sotto forma di: 1) co-finanziamento a medio termine con risorse del FRIM e degli istituti di credito convenzionati con il soggetto gestore. L intervento finanziario: - fino al 100% della spesa ammissibile del progetto di investimento complessivo; - sarà erogato per il 50% a carico del fondo regionale (tasso 0,5%) e per la restante quota con mezzi di istituti di credito convenzionati con il soggetto gestore del fondo Può avere una durata dai 3 ai 7 anni di cui massimo 2 di preammortamento. Sarà necessaria la fornitura di garanzie (reali, bancarie e/o personali). A sportello (bando sempre aperto) La domanda di accesso alle linee di intervento previste dal Fondo regionale per le agevolazioni finanziarie dovrà essere presentata con procedura on-line, esclusivamente attraverso la modalità informatica presente sul sito: https://gefo.servizirl.it/ &packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue%26menu-torender%3D &pagename=DG_INDWrapper

10 SCHEDA n.6 Pagina 10 di 32 Torna alla lista DOTAZIONE FINANZIARIA LOMBARDIA FRIM - Fondo di Rotazione per l Imprenditorialità Linea 5 - TRASFERIMENTO d IMPRESA Il finanziamento è diretto a sostenere operazioni di acquisizione di impresa da parte di nuove società di capitale costituite da persone fisiche, anche con l obiettivo di favorire il passaggio generazionale. La dotazione finanziaria complessiva per le tre linee di intervento 1,4,5 è pari a ,98 euro. Possono partecipare le imprese rientranti nella qualifica dimensionale di MPMI, anche di nuova costituzione, che alla data di presentazione on line siano in possesso di uno dei seguenti requisiti: Essere MPMI operante nel settore manifatturiero ( codice ATECO 2007 lett. C); Essere MPMI operante nel settore delle costruzioni ( codice ATECO 2007 lett. F); Essere impresa artigiana; Essere impresa di servizi alle imprese avente come codice primario uno dei seguenti codici ATECO 2007: - J 62; - J 63; - M 70; - M 71; - M 72; - M 73; - M 74; - M 78; - H 52.10; - H Devono inoltre essere iscritte al registro delle imprese e/o all albo artigiani, risultare in attività ed avere sede operativa in. SPESE MODALITÀ DEL CONTRIBUTO È ammissibile il 50% del prezzo di acquisizione dell intera proprietà dell impresa oggetto di trasferimento, con esclusione delle partecipazioni detenute da eventuali investitori istituzionali; il valore della transazione dovrà essere documentato da perizia asseverata disposta da professionista abilitato. L agevolazione è concessa sotto forma di: 1) co-finanziamento a medio termine con risorse del FRIM e degli istituti di credito convenzionati con il soggetto gestore. L intervento finanziario: - fino al 50% della spesa ammissibile del progetto di investimento complessivo; - sarà erogato per il 50% a carico del fondo regionale (tasso 0,5%) e per la restante quota con mezzi di istituti di credito convenzionati con il soggetto gestore del fondo Può avere una durata dai 3 ai 7 anni di cui massimo 2 di preammortamento. Sarà necessaria la fornitura di garanzie (reali, bancarie e/o personali). A sportello (bando sempre aperto) La domanda di accesso alle linee di intervento previste dal Fondo regionale per le agevolazioni finanziarie dovrà essere presentata con procedura on-line, esclusivamente attraverso la modalità informatica presente sul sito: https://gefo.servizirl.it/ &packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue%26menu-torender%3D &pagename=DG_INDWrapper

11 SCHEDA n.7 Pagina 11 di 32 Torna alla lista INTERVENTI SPESE LOMBARDIA Fondo regionale per le agevolazioni finanziarie all Artigianato Misura A - Microcredito Sostegno all accesso al credito per finanziamenti di microcredito mediante la concessione di contributi in conto garanzia. La Misura A del Fondo Regionale per le agevolazioni supporta i programmi di investimento volti allo sviluppo competitivo e all ammodernamento. Il contributo in conto garanzia è destinato ad abbattere il costo della garanzia rilasciata dai Confidi a favore della Banca e nell interesse dell impresa artigiana su finanziamenti di microcredito. IMPRESE ARTIGIANE aventi sede legale e operativa in. Sono escluse le imprese appartenenti ai settori sensibili di cui al regolamento comunitario in vigore Sono ammissibili le seguenti spese: - attrezzature e macchinari - costi di manutenzione ordinaria e straordinaria - scorte - consolidamento a medio termine di passività a breve - apertura di linee di credito a breve termine Le attrezzature ed i macchinari devono essere nuovi di fabbrica. Sono ammessi le attrezzature ed i macchinari usati, se in regola con le norme comunitarie. L impresa non potrà cedere i beni oggetto dell agevolazione per tutta la durata del finanziamento, pena la revoca del contributo in conto garanzia. Sono ammissibili le spese sostenute non oltre i 12 mesi precedenti la data di richiesta dell agevolazione. MODALITÀ DEL CONTRIBUTO Finanziamento ammissibile al contributo: - importo massimo La durata del finanziamento è liberamente concordato con le Banche e le società di leasing convenzionate. Generalmente ha una durata minima di 2 anni e massima di 5 anni. Il contributo è concesso con riferimento ad un costo della garanzia determinato sulla base di una commissione annua massima pari allo 0,8% da calcolarsi sull importo garantito per la durata del finanziamento che, ai soli fini del calcolo, è di massimo 5 (cinque) anni. Per i finanziamenti è prevista la garanzia collettiva rilasciata dai Confidi associati ad Artigiancredit S.c.r.l. che copre fino all 80% del finanziamento. Non è prevista la garanzia sulle operazioni di leasing A SPORTELLO &packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue%26menu-torender%3D &pagename=DG_INDWrapper

12 SCHEDA n.8 Pagina 12 di 32 Torna alla lista INTERVENTI SPESE MODALITÀ DEL CONTRIBUTO LOMBARDIA Fondo regionale per le agevolazioni finanziarie all Artigianato Misura B Investimenti CREDITO ARTIGIANO AGEVOLATO La misura B del Fondo per le agevolazioni finanziarie all artigianato opera per il concorso nel pagamento degli interessi sulle operazioni di credito effettuate dalle Banche a favore delle imprese artigiane. La Misura B del Fondo Regionale per le agevolazioni supporta i programmi di investimento strutturali e strumentali volti allo sviluppo, impianto, ampliamento e ammodernamento delle aziende. PMI artigiane aventi sede legale e operativa in, regolarmente iscritte agli appositi albi provinciali. Sono ammissibili le seguenti spese: - impianto, ampliamento e ammodernamento dell unità produttiva (laboratori, capannoni ecc); - opere murarie - acquisto di macchine, attrezzi ed automezzi nuovi e/o macchine ed attrezzi usati. L erogazione del contributo in conto interessi avviene in un'unica soluzione in forma attualizzata a fronte dell avvenuto perfezionamento dell operazione finanziaria e del sostenimento della spesa da parte del soggetto beneficiario. Il contributo in conto interessi/canoni è determinato sull importo del finanziamento ammesso all agevolazione. Tale contributo di abbattimento del tasso è pari al 2,5% (e comunque non superiore al tasso di riferimento europeo applicato). Il contributo in conto interessi non potrà superare e comunque non potrà superare il limite previsto dal regime comunitario de minimis vigente. L importo massimo del finanziamento bancario a medio termine ammesso al contributo in conto interessi deve essere compreso tra e I finanziamenti devono rispettare le seguenti caratteristiche: 1. durata finanziamento: fino a 10 anni per i finanziamenti destinati all'impianto, ampliamento e ammodernamento di laboratori; fino a 5 anni per i finanziamenti destinati all'acquisto di macchine e attrezzature. 2. tasso di interesse pari: a) euribor 3/6 mesi pro-tempore maggiorato di uno spread massimo di 1,50 punti per operazioni a tasso variabile; b) IRS vigente, in funzione della durata del finanziamento, maggiorato di uno spread massimo di 1,50 punti per operazioni a tasso fisso, qualora il finanziamento sia assistito da garanzia rilasciata da Confidi a valere su fondi pubblici lo spread applicato sarà ridotto di 25 punti base. 3. periodo di utilizzo e/o di preammortamento: durata massima di 12 mesi. A SPORTELLO &packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue%26menu-torender%3D &pagename=DG_INDWrapper

13 SCHEDA n.9 Pagina 13 di 32 Torna alla lista INTERVENTI SPESE LOMBARDIA Fondo regionale per le agevolazioni finanziarie all Artigianato Misura B Investimenti LEASING ARTIGIANO AGEVOLATO La misura B del Fondo per le agevolazioni finanziarie all artigianato opera per il concorso nel pagamento in conto canoni sulle operazioni di locazione finanziaria effettuate dalle società di leasing a favore delle imprese artigiane. La Misura B del Fondo Regionale per le agevolazioni supporta i programmi di locazione finanziaria di beni strutturali e strumentali volti allo sviluppo, impianto, ampliamento e ammodernamento delle aziende. PMI artigiane aventi sede legale e operativa in, regolarmente iscritte agli appositi albi provinciali Le operazioni di locazione finanziaria, sulle quali possono essere concessi contributi in conto canoni, devono avere per oggetto: - l'impianto e/o l'ampliamento dell unità produttiva (locazione finanziaria immobiliare: laboratori, capannoni etc.); - macchine, attrezzi strumentali ed automezzi nuovi (locazione finanziaria mobiliare) e macchine e attrezzi usati. MODALITÀ DEL CONTRIBUTO Il contributo in conto canoni calcolato sull operazione di leasing ammessa ad agevolazione è pari a 250 punti base (e comunque non superiore al tasso di riferimento europeo applicato). L importo ammissibile al contributo in conto canoni per una stessa impresa deve essere compreso fra e euro. Le operazioni di locazione finanziaria ammesse al contributo devono rispettare le seguenti caratteristiche: 1. durata: fino a 10 (dieci) anni per operazioni di locazione finanziaria destinate all'impianto, ampliamento e ammodernamento di laboratori; fino a 5 (cinque) anni per operazioni di locazione finanziaria destinate all'acquisto di macchine e attrezzature. 2. tasso di interesse pari: a) euribor 3/6 mesi pro-tempore maggiorato di uno spread massimo di 2 punti per operazioni a tasso variabile; b) IRS vigente in funzione della durata dell operazione, maggiorato di uno spread massimo di 1,50 punti per operazioni a tasso fisso. 3. Entità massima del primo canone anticipato: i) per le operazioni aventi durata non superiore a 5 anni, massimo pari al 15% del valore del bene locato, ovvero alla sommatoria dell importo dei canoni corrispondenti a 6 mesi; ii) per le operazioni aventi durata superiore a 5 anni, massimo pari al 20% del valore del bene locato, ovvero alla sommatoria dell importo dei canoni corrispondenti a 12 mesi. 4. le altre condizioni economiche: sono liberamente concordate tra le parti. I contributi sono erogati in forma anticipata ed attualizzata a fronte dell avvenuto perfezionamento dell operazione finanziaria e del sostenimento della spesa da parte del soggetto beneficiario. A SPORTELLO &packedargs=NoSlotForSitePlan%3Dtrue%26menu-to-render%3D &pagename=DG_INDWrapper

14 SCHEDA n.10 Pagina 14 di 32 Torna alla lista DOTAZIONE FINANZIARIA LOMBARDIA Accordo - BEI: Linea Generale Credito Adesso è un iniziativa che intende sostenere le micro, piccole e medie imprese operanti in mediante la concessione di finanziamenti chirografari dietro presentazione di uno o più ordini/contratti di fornitura di beni e/o servizi. Le risorse finanziarie ammontano a ,00 (cinquecentomilioni/00) di cui ,00 (duecentomilioni/00) a carico di Finlombarda SpA e ,00 (trecentomilioni/00) a carico delle Banche convenzionate, con una quota pari a 50 milioni riservata a finanziare contratti/ordini esteri al fine di favorire l internazionalizzazione delle imprese lombarde. Della dotazione finanziaria complessiva, 10 milioni sono riservati alle imprese del mantovano colpite dal sisma di maggio 2012, 5 milioni alle imprese della provincia di Sondrio e di alcuni comuni della provincia di Lecco interessate dalla chiusura della Strada Statale 36 e 4 milioni alle imprese con sede in alcuni Comuni della provincia di Milano (Grezzago, Masate, Trezzano Rosa e Trezzo sull Adda) che hanno subito danni dalla tromba d aria di luglio Per tutte queste imprese il contributo in conto interessi è pari al 3%. Possono essere ammesse all'iniziativa Credito Adesso, secondo la modalità dell Accesso Ordinario, le PMI aventi i seguenti requisiti, alla data di presentazione della domanda di partecipazione all Avviso: a) PMI singole e in qualunque forma costituite, ivi comprese le imprese artigiane; b) Sede Operativa in ; c) iscritte al registro delle imprese; d) operative da almeno 24 (ventiquattro) mesi; e) appartenenti ad uno dei seguenti settori: 1) settore manifatturiero, codice ISTAT primario - ATECO 2007, lett. C; 2) settore dei servizi alle imprese avente come codice ISTAT primario uno dei seguenti codici ATECO 2007: J62: produzione di software, consulenza informatica e attività connesse; J63: attività dei servizi di informazione e altri servizi informatici; M69: attività legali e contabilità; M70: attività di direzione aziendale e di consulenza gestionale; M71: attività degli studi di architettura e di ingegneria collaudi ed analisi tecniche; M72: ricerca scientifica e di sviluppo; M73: pubblicità e ricerche di mercato; M74: altre attività professionali, scientifiche e tecniche; N78: attività di ricerca, selezione, fornitura del personale; N79: attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour operator e servizi di prenotazione e attività connesse; N81: attività di servizi per edifici e paesaggi; N82: attività di supporto per le funzioni d'ufficio e altri servizi di supporto alle imprese; H49: trasporto terrestre e trasporto mediante condotte; H52: magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti; S : attività delle lavanderie industriali; 3) settore del commercio all'ingrosso (escluso quello di autoveicoli e di motocicli) limitatamente ai gruppi con codice ISTAT primario - ATECO 2007: G46.2: commercio all'ingrosso di materie prime, agricole e di animali vivi; G46.3: commercio all'ingrosso di prodotti alimentari, bevande e prodotti del tabacco; G46.4: commercio all'ingrosso di beni di consumo finale; G46.5: commercio all'ingrosso di apparecchiature ICT; G46.6: commercio all'ingrosso di altri macchinari, attrezzature e forniture; G46.7: commercio all'ingrosso specializzato di altri prodotti. 4) settore delle costruzioni, codice ISTAT primario - ATECO 2007, lett. F;

15 SCHEDA n.10 Pagina 15 di 32 5) settore del turismo, limitatamente ai gruppi con codice ISTAT primario - ATECO 2007: I55: alloggio. MODALITÀ DEL CONTRIBUTO Con presentazione di uno o più Ordini o Contratti di fornitura accettati di beni e/o servizi aventi un importo complessivo minimo pari a: ,00 per le Micro e Piccole Imprese; ,00 per le Medie Imprese. I singoli Ordini/Contratti devono essere antecedenti di massimo 3 mesi dalla data di presentazione della domanda di partecipazione all avviso. Gli importi si intendono al netto di IVA. Ogni singolo Finanziamento sarà pari massimo al 60% dell ammontare degli Ordini accettati o dei Contratti di fornitura ammessi e avranno importi ricompresi tra: e , per le Micro e le Piccole imprese: e , per le Medie imprese. Limitatamente alle richieste di finanziamento fino a 45 mila, è prevista una modalità semplificata di accesso alla misura senza presentazione di ordini/contratti e nel limite del 15% della media dei ricavi tipici risultanti dagli ultimi due esercizi contabilmente chiusi alla data di presentazione della domanda. Un impresa potrà richiedere/ottenere più di un finanziamento a valere su Credito Adesso, entro il limite degli importi massimi sopra riportati. I finanziamenti hanno le seguenti caratteristiche: Rimborso: amortizing, con rata semestrale a quota capitale costante e senza preammortamento (ad eccezione di quello tecnico necessario a raggiungere la prima scadenza fissa di rimborso del 30 aprile o del 31 ottobre). Durata: 24 mesi o 36 mesi (oltre al preammortamento tecnico finalizzato all allineamento alle scadenze fisse di rimborso). Tassi di interesse: Euribor a 6 mesi oltre ad uno spread che varierà in funzione della classe di rischio assegnata alla PMI in una scala da 1 (miglior classe, con margine massimo applicabile di 325 basis points) a 5 (con margine massimo applicabile di 600 basis points). Garanzie: non è richiesta alcuna garanzia di natura reale. Potranno essere richieste eventualmente garanzie personali e/o garanzie dirette del Fondo Centrale di Garanzia. Costi e commissioni: non è prevista alcuna commissione e/o spesa di istruttoria in relazione al Finanziamento. La domanda di partecipazione dovrà essere presentata esclusivamente online a partire dalle ore del 27 dicembre 2013 sul Sistema di procedura informatica accessibile dai seguenti indirizzi telematici: menù Servizi - Finanziamenti on line oppure https://gefo.servizirl.it/. Per presentare la domanda di partecipazione il soggetto richiedente dovrà registrarsi e ottenere login e password. cid= &p= &packedargs=locale%3d %26menu-torender%3d &pagename=dg_indwrapper&tipologia=bandi%20europei

16 SCHEDA n.11 Pagina 16 di 32 Torna alla lista INTERVENTI SPESE LOMBARDIA FRIM Cooperazione Questa linea di intervento è finalizzata a sostenere e sviluppare la competitività delle imprese costituite in forma cooperativa e in particolare le cooperative sociali impegnate nella gestione dei servizi socio-sanitari, assistenziali ed educativi e di inserimento lavorativo di persone svantaggiate, nonché la nascita di nuove imprese cooperative. Le agevolazioni sono riservate alle imprese cooperative, alle cooperative sociali e loro consorzi, anche di nuova costituzione. L intervento è volto a finanziare progetti di investimento per lo sviluppo aziendale basati su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo, tecnologico, commerciale, ambientale per la sicurezza dell ambiente di lavoro e per l inserimento lavorativo di persone svantaggiate, anche da parte di cooperative e cooperative sociali costituite da non più di 12 mesi dalla presentazione della domanda di agevolazione. Possono essere ammesse al finanziamento le spese riguardanti programmi di sviluppo aziendale, tecnologico, commerciale, ambientale, per la sicurezza dell ambiente di lavoro e per l inserimento lavorativo di persone svantaggiate relative a: Acquisto di beni strumentali finalizzati all avvio e/o all ammodernamento, potenziamento del ciclo produttivo quali attrezzature, macchinari, impianti specifici, arredi, automezzi strumentali. È ammesso l acquisto di beni strumentali usati nel rispetto della normativa comunitaria (Regolamento CE n. 448/2004 norma 4); Acquisto, impiantistica generale e ristrutturazione di immobili destinati all attività. Per le cooperative e cooperative sociali costituite da non più di 12 mesi dalla presentazione della domanda di agevolazione tale voce di spesa è ammissibile entro i limiti previsti dal bando per l accesso alle agevolazioni; Oneri di locazione dell immobile sede dell attività per un anno. Tale voce di spesa è ammissibile solo per le cooperative e cooperative sociali costituite da non più di 12 mesi dalla presentazione della domanda di agevolazione; Acquisto di servizi reali, forniti sulla base di appositi contratti, destinati all aumento della produttività, al trasferimento di tecnologie progettuali, organizzative e produttive, ricerca di nuovi mercati e sviluppo di sistemi di qualità; Acquisti di brevetti, di licenze di produzione, di software destinato alla produzione/gestione; Spese esterne per la formazione del personale nel limite massimo del 10% del programma di investimento ammissibile. Spese generali nel limite massimo del 5% del programma di investimento ammissibile. È ammesso l acquisto, nel rispetto della normativa comunitaria, di attrezzature, macchinari, arredi e beni strumentali usati. MODALITÀ DEL CONTRIBUTO L agevolazione può essere concessa sotto forma di finanziamento a medio termine o locazione finanziaria. L intervento consiste in un cofinanziamento/leasing alle cooperative con risorse del Fondo di rotazione regionale e risorse delle Banche/Società di leasing convenzionate. L intervento finanziario non potrà superare l 80% della spesa ammissibile, elevato al 100% per programmi di acquisizione di beni strumentali per l inserimento lavorativo di persone svantaggiate e di tutela dell ambiente di lavoro. L intervento agevolativo sarà applicato, con le opportune modifiche tecniche, anche alle operazioni di locazione finanziaria. L importo minimo dell investimento è di ,00 e l importo massimo è stabilito in ,00. Per le nuove cooperative la spesa di investimento ammissibile è compresa tra un minimo di ,00 ed

17 SCHEDA n.11 Pagina 17 di 32 un massimo di ,00. La durata complessiva del finanziamento è stabilita in 7 anni, di cui massimo 2 di preammortamento; in presenza di investimenti di carattere immobiliare la durata è elevata sino a 12 anni. Il tasso di interesse a carico del fondo regionale è pari allo 0,10% nominale annuo per i finanziamenti concessi alle cooperative sociali e allo 0,50% per le altre cooperative. Il tasso di interesse gravante sulla provvista messa a disposizione dagli intermediari finanziari, è il seguente: Per operazioni di finanziamento: tasso variabile pari all EURIBOR 6 mesi o tasso fisso pari all IRS vigente per durata maggiorati di uno spread massimo di 0,90% annuo per le cooperative sociali e loro consorzi tasso variabile pari all EURIBOR 6 mesi o tasso fisso pari all IRS vigente per durata maggiorati di uno spread massimo di 1,30% annuo per le altre cooperative Per operazioni di locazione finanziaria: tasso variabile pari all EURIBOR vigente per durata o tasso fisso pari all IRS vigente per durata maggiorati di uno spread massimo di 1,70% annuo per le cooperative sociali e loro consorzi tasso variabile pari all EURIBOR vigente per durata o tasso fisso pari all IRS vigente per durata maggiorati di uno spread massimo di 2,00% annuo per le altre cooperative Il finanziamento potrà essere assistito da garanzie reali, bancarie o assicurative, personali dei soci e/o di terzi compresi i Consorzi fidi. FINO AD ESAURIMENTO FONDI cid= &p= &packedargs=locale%3d %26menu-torender%3d &pagename=dg_indwrapper&tipologia=agevolazioni

18 SCHEDA n.12 Pagina 18 di 32 Torna alla lista DOTAZIONE FINANZIARIA INTERVENTI LOMBARDIA FONDO DI ROTAZIONE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE (FRI) Il Fondo di Rotazione, sostiene programmi di investimento realizzati da imprese lombarde, in forma diretta o in joint-venture con altre imprese, finalizzati alla creazione di Insediamenti produttivi permanenti all estero. Detti insediamenti sono da intendersi come stabilimenti produttivi o strutture operative finalizzate alla produzione di beni o all'erogazione di servizi e dotate di autonomia economica e tecnico funzionale. La dotazione finanziaria complessiva è pari a ,00 (quattromilioniduecentomila). Il programma di investimento deve essere finalizzato: A. Per le imprese del settore manifatturiero: alla realizzazione di nuovi Insediamenti Produttivi permanenti; alla realizzazione di nuovi centri di assistenza tecnica post-vendita permanenti. B. Per le imprese del settore dei servizi e delle costruzioni alla realizzazione di nuovi Insediamenti Produttivi permanenti. Il programma di investimento non deve prevedere interventi di delocalizzazione delle sedi localizzate in e/o sul territorio nazionale. Ai fini del presente Bando, per delocalizzazione si intende la dismissione totale o parziale di attività produttive con conseguente depotenziamento della capacità produttiva della/delle sede/i operativa/e localizzate in e sul territorio nazionale. Il programma di investimento potrà essere realizzato sia in forma diretta (capitale sociale detenuto al 100% dall impresa richiedente) che in joint-venture con altre imprese nazionali o estere. La New.Co estera deve avere autonoma personalità giuridica e può essere da costituire o già costituita da non oltre 6 mesi alla data di presentazione della domanda di Intervento finanziario. E esclusa l ammissibilità di programmi di investimento che possano configurarsi quali aiuti all esportazione secondo quanto indicato all art. 1, lett. d) del Regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15/12/2006 relativo all applicazione degli artt. 87 e 88 del trattato agli aiuti di importanza minore de minimis. Il programma d investimento deve essere realizzato nell ambito dei Paesi UE ed Extra UE ad esclusione dell Italia. Possono richiedere l Intervento Finanziario le MPMI in qualunque forma costituite, ivi incluse le società cooperative e le società consortili, in possesso di uno dei seguenti requisiti alla data di presentazione della domanda: A. Attive da almeno due anni nel settore manifatturiero (codice primario Ateco 2007 lett. C); B. Attive da almeno due anni nel settore delle costruzioni (codice primario Ateco 2007 lett. F); C. Attive da almeno due anni in uno dei seguenti settori dei servizi alle imprese (codice primario Ateco 2007): J 62 Produzione di software, consulenza informatica e attività connesse; J 63 Attività di servizi d informazione e altri servizi informatici; M 70 Attività di direzione aziendale e di consulenza gestionale; M 71 Attività degli studi di architettura e d ingegneria; collaudi ed analisi tecniche; M 72 Ricerca scientifica e sviluppo; M 73 Pubblicità e ricerche di mercato; M 74 Altre attività professionali, scientifiche e tecniche; N78 Attività di ricerca, selezione, fornitura di personale; H Magazzini di custodia e deposito per conto terzi H Movimentazione merci

19 SCHEDA n.12 Pagina 19 di 32 I soggetti richiedenti devono inoltre, alla data di presentazione della domanda: A. essere iscritti al registro delle imprese; B. avere una sede operativa in da almeno due anni. In caso di Società Consortile il requisito dell operatività minima dei due anni, laddove non presente in capo alla società, può essere verificato in capo ad almeno i 2/3 dei soci. E possibile presentare una domanda da parte di più imprese aventi i requisiti di cui ai precedenti punti 1) e 2) in caso di progetto che preveda la creazione di una new.co estera attraverso il conferimento congiunto da parte delle stesse imprese (di seguito Progetto unitario ). In tal caso le domande di ogni singola impresa dovranno essere presentate entro un arco temporale massimo di 10 giorni dalla presentazione della prima domanda da parte di uno dei partner di Progetto pena l inammissibilità dell intero progetto unitario. SPESE Sono ammissibili i conferimenti in denaro o in natura (es: macchinari, impianti e attrezzature nuovi o usati acquisiti da fornitori di settore) versati a titolo di capitale sociale nell impresa estera (new.co) per la realizzazione di quanto previsto. La partecipazione del soggetto richiedente nella New.Co., anche a seguito del conferimento, deve essere almeno pari al 30% del capitale sociale della New.Co. medesima. Tale requisito deve sussistere in capo al soggetto beneficiario salvo il caso di progetto unitario presentato da più imprese richiedenti; in tal caso il requisito deve sussistere cumulativamente in capo al totale dei richiedenti. Il valore del conferimento deve essere comunque pari ad almeno: ,00 per le imprese del settore manifatturiero; ,00 per le imprese del settore dei servizi e delle costruzioni. Nel caso di Progetto unitario presentato da più imprese beneficiarie, il valore minimo del conferimento ammissibile ad agevolazione da parte delle singole imprese non potrà essere inferiore al 50% dei valori minimi di conferimento sopra previsti; tale requisito deve sussistere in capo ad ogni singola impresa. Qualora il conferimento in natura consista in beni immateriali o in beni materiali non nuovi di fabbrica, il valore del conferimento dovrà essere comprovato da perizia estimativa asseverata prodotta da professionista abilitato. Nel caso di beni materiali nuovi di fabbrica il valore del conferimento sarà assunto pari al valore di acquisto, al netto di oneri accessori ed imposte, come risultante dalla fattura di acquisto o titolo equipollente intestata al soggetto richiedente. Sono ammissibili esclusivamente i conferimenti effettuati successivamente alla data di presentazione della domanda di Intervento finanziario. Il conferimento a titolo di capitale sociale dell impresa beneficiaria a favore dell impresa estera (New.Co.) deve essere funzionale alla realizzazione di un programma di investimento da parte di quest ultima. Il costo del programma di investimento deve essere almeno pari al valore del conferimento. Gli aiuti «de minimis» non sono cumulabili con altri aiuti relativamente agli stessi costi ammissibili. Il programma di investimento della New.Co. deve prevedere le seguenti tipologie di costo: Acquisto, ristrutturazione e realizzazione di beni immobili funzionali all attività ad esclusione dei terreni; Canoni per la locazione dell immobile per un anno e comunque per un importo non superiore al 20% del programma di investimento; Acquisto di macchinari, impianti ed attrezzature; Oneri per la registrazione dei diritti industriali (marchi e brevetti); Spese di commissione per garanzie nel limite massimo del 2% del programma di investimento; Acquisto di sistemi gestionali integrati, incluso l installazione e il potenziamento di collegamenti telematici tra imprese; Spese per il personale tecnico ed amministrativo dell impresa beneficiaria impegnato nelle attività di realizzazione e coordinamento del programma di investimento e comunque entro i limiti del 20% del programma di investimento. La conclusione del programma di investimento dovrà essere dichiarata dall impresa beneficiaria con autocertificazione redatta ai sensi di legge (DPR n. 445 del 28 dicembre 2000), attestante l avvio operativo della New.Co. ed il costo sostenuto per ciascuna delle voci di spesa. I programmi di investimento della New.Co. devono concludersi entro 18 mesi dalla data di concessione dell Intervento finanziario all impresa beneficiaria. Ai fini del presente Bando la New.Co. si intenderà operativa quando tutti i fattori produttivi sono in grado di assicurare il normale svolgimento dell attività.

20 SCHEDA n.12 Pagina 20 di 32 MODALITÀ DEL CONTRIBUTO L Intervento finanziario è pari al 40% delle spese ammissibili. Coerentemente alla previsione di cui all art. 72 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, l Intervento finanziario è così composto: a) una quota, fino al 40% dell Intervento finanziario complessivo, a titolo di contributo in conto capitale; b) una quota, pari almeno al 60% dell intervento finanziario, a titolo di finanziamento a tasso agevolato. La quota a titolo di finanziamento è regolata dalle seguenti condizioni: - Durata: da un minimo di 5 anni ad un massimo di 7 anni di cui massimo 2 di preammortamento; - Rimborso: in rate semestrali costanti di capitale ed interessi con scadenza il 30/06 e il 31/12 di ogni anno; - Tasso di interesse: tasso fisso pari allo 0,50% su base annua. A garanzia dell esatto e puntuale adempimento delle obbligazioni derivanti dal contratto di Intervento finanziario, con esclusivo riferimento alla sola quota erogata a titolo di finanziamento, sarà richiesta all impresa beneficiaria garanzia fideiussoria rilasciata da banche, da imprese di assicurazione di cui alla legge 10 luglio 1982, n. 348, da intermediari finanziari e dai confidi iscritti nell elenco speciale di cui all art. 106 del TUB così come modificato dal D. Lgs. 13 agosto 2010, n Nella fase transitoria, relativa alla piena operatività dell albo di cui all art. 10 del D. Lgs. N. 141/2010, da intermediari finanziari iscritti agli art. 106 e 107 del TUB nonché i confidi iscritti al 107. Le garanzie fideiussorie devono essere redatte secondo lo schema che sarà reso disponibile sul sito del Soggetto Gestore (www.finlombarda.it) a decorrere dai termini di presentazione della domanda. FINO AD ESAURIMENTO FONDI cid= &p= &packedargs=locale%3d %26menu-torender%3d &pagename=dg_indwrapper&tipologia=agevolazioni

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Direzione Generale dell Industria

Direzione Generale dell Industria PO R FESR 2007-2013 A sse VI C om petitività- Linee di attività 6.2.2.i) e 6.2.3.a) D eliberazione della G iunta Regionale n. 51/25 del 24.09.2008 Interventi per favorire l'innovazione del sistem a delle

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) e successive modificazioni e integrazioni, che prevede che il Ministro

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche REGIONE ABRUZZO DIREZIONE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI Servizio Investimenti Pubblici Politiche Turistiche POR FESR ABRUZZO 2007 2013 BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni

Art. 2. Soggetti beneficiari e misura massima consentita delle agevolazioni Decreto ministeriale 20 ottobre 1995, n. 527 - Regolamento recante le modalità e le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore delle attività produttive nelle aree depresse

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT, E MECCANICA AVANZATA

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT, E MECCANICA AVANZATA PAR FAS 2007-2013 Azione 1.2.1 (ex linea 1.1 P.I.R. 1.1.B) PROMOZIONE DELLA RICERCA INDUSTRIALE, DEL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO, DELLO SVILUPPO PRECOMPETITIVO; VALORIZZAZIONE DELLA RICERCA E INNOVAZIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE POR FSE 2007-2013 ASSE II OCCUPABILITÀ Ob. Spec. e) Attuare politiche del lavoro attive e preventive, con

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI

LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI RETE RURALE NAZIONALE Commissione Europea 2 0 0 7-2 0 1 3 LINEE GUIDA SULL AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE RELATIVE ALLO SVILUPPO RURALE E A INTERVENTI ANALOGHI DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO Direzione

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie

Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie Chiarimenti in materia di rilascio di garanzie L andamento del ciclo economico e le numerose norme che, a vario titolo, richiedono la presentazione di garanzie a supporto di obbligazioni assunte hanno

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli