LA MUSICA NEL MONDO ANTICO: DAI GRECI E ROMANI AL CANTO GREGORIANO CRISTIANO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA MUSICA NEL MONDO ANTICO: DAI GRECI E ROMANI AL CANTO GREGORIANO CRISTIANO"

Transcript

1 LA MUSICA NEL MONDO ANTICO: DAI GRECI E ROMANI AL CANTO GREGORIANO CRISTIANO INDICE - LA MUSICA NEL MONDO GRECO - La musica nel mito - La dottrina musicale - Musica e matematica - Sistema e strumenti musicali - LA MUSICA NEL MONDO ROMANO - La musica a Roma - Autori e musica - Strumenti musicali a fiato - Strumenti a percussioni - Strumenti a corda - IL CANTO GREGORIANO - Il cristianesimo religione di stato

2 Anticamente la musica nacque dal bisogno dell essere umano di esprimere i propri sentimenti. Nonostante la forma più antica fosse quella vocale, anche quella strumentale cominciò il proprio sviluppo come accentuamento dei suoni e dei movimenti. Da questo punto in poi la musica procederà con il proprio sviluppo, dove quella strumentale e quella vocale gareggiarono per la supremazia. La musica non era intesa solo come lo studio dei suoni combinati ma anche come una profonda e sensibile concezione metafisica; Pitagora infatti scoprì che le conoscenze musicali erano basate su semplici rapporti numerici e che l armonia intesa come unità dei contrari era visibile in ogni aspetto della realtà umana. LA MUSICA NEL MONDO GRECO Per quanto nel mondo classico la musica avesse la stessa importanza delle altre arti e un ruolo fondamentale nella vita sociale e religiosa, questa non ha potuto rappresentare un vero e proprio modello di classicità. La mancanza di concrete testimonianze storiche, nonostante le notizie che ci sono state tramandate da personaggi di spicco dell antichità e dai miti riguardanti essa e che ne indicano l importanza, non è dovuta a un incidente storico, ma al fatto che la musica fosse ritenuta una disciplina da non tramandare alle generazioni future. Infatti, è solo grazie a queste testimonianze, alcune delle quali sono: un frammento dell Oreste di Euripide, due inni delfici, uno scolio da un epitaffio di Tralle, tre inni di Mesodeme (di incerta autenticità) e alcuni riferimenti che si trovano nelle opere di Omero, che possiamo farci un idea precisa sulla musica degli antichi greci; a differenza delle altre civiltà (egizia, ebraica e fenicia), i greci svilupparono un arte musicale in un contesto più laico e addirittura educativo, anche se spesso tendevano a mescolare la realtà con i loro miti. Nel periodo più antico, la musica era difficilmente distinguibile dalla poesia poiché i valori ritmici erano pressoché gli stessi. Il centro più antico è ritenuto essere l isola di Lesbo, patria di Terpandro (a cui viene erroneamente attribuita la creazione della lira a sette corde) e di Arione (al quale viene attribuita l invenzione del ditirambo). Ma la tradizione musicale greca raggiunse l apice nel IV sec., con una lenta trasformazione che portò a modificare il concetto stesso di musica sulla quale si reggeva la tradizione musicale del tempo. Questa fase di passaggio fu di grande importanza soprattutto grazie a Timoteo di Mileto: portò a undici il numero delle corde della lira per fare in modo che i musicisti potessero utilizzare più di un armonia nello stesso canto; questo processo aiuterà la graduale distinzione tra musica e poesia rendendo la prima più indipendente dal metro poetico. Questa distinzione si venne a riscontrare soprattutto nella tragedia (genere poetico-musicale più in voga durante il V sec.) di cui Euripide fu il più grande sostenitore. Così la tragedia passò da rito civile e religioso a un vero e proprio spettacolo. È con l introduzione di intervalli enarmonici, che i musicisti non si sentirono più obbligati a seguire la stessa melodia per tutta la durata della loro esecuzione; in questo modo il melodizzare divenne più flessibile ma allo stesso tempo l esecuzione divenne più complessa. Dunque fu così che nacque la professione dell esecutore dato che non si poteva più affidare l opera a dei semplici dilettanti. Al contrario di quanto si può credere basandosi sui reperti che ci sono pervenuti, i Greci non trascurarono la musica ma tramandarono i loro testi oralmente. Possiamo affermare la

3 presenza della musica nella civiltà greca attraverso pittura, opere letterarie e dieci frammenti musicali. Tuttavia la concezione moderna della musica era ben diversa da quella dei greci: mousikos era quel cittadino educato completamente nelle arti e nelle scienze; Mousike era invece quel termine che non solo indicava l arte dei suoni ma anche la poesia e la danza. I Greci educavano i loro figli con questa disciplina poiché filosofi come Platone e Aristotele affermarono che le varie tipologie di musica modificano il carattere sia positivamente che negativamente. Pensavano inoltre che diverse melodie facessero scaturire diversi stati d animo nelle persone che andavano dall aggressività all aiuto alla concentrazione. Durante l espansione della civiltà ellenica la musica, che fino a quel momento si limitava ad un accompagnamento delle esibizioni poetiche, si estesero al teatro; da qui nacquero le varie correnti liriche sia in forme chiuse (lirica corale) che in forme aperte (lirica solistica). I Greci durante il corso degli anni ampliarono sempre più la loro tecnica musicale: si passò dal genere diatonico e quello dei metri epici con l uso della lira a quattro corde fino ad arrivare alla grande orchestra del ditirambo e del teatro. I Greci preferivano i generi cromatico e enarmonico dei modi orientali piuttosto che la musica drammatica. Utilizzavano gli strumenti a fiato come l aulòs insieme alle percussioni. La musica nomica ebbe grande importanza soprattutto per parlare durante gli eventi pubblici e era accompagnata dalla Kithara e dall aulòs. Esisteva anche una musica composta appositamente per determinati strumenti come ad esempio l auletica per gli strumenti a fiato e la citaristica per Kithara e lirica. Questa si sviluppò per tutto lo svolgimento della civiltà classica. In tutti i generi della musica greca si ritrova un nucleo generatore formato da quattro note (tetracordo) separate da intervalli che differiscono a seconda del genere. L evoluzione della musica ellenica inizia dal canto nomico di Terpandro e si conclude al tempo di Euripide quando raggiunge anche la sua massima complessità. LA MUSICA NEL MITO Il mito svolse un importante funzione interpretativa della realtà umana e naturale; la musica veniva considerata un invenzione divina e per questo le fu attribuita l onnipotenza propria degli dei. In questo modo essa nella mitologia greca sembra avere una forza misteriosa che sconvolge le leggi della natura. Dai miti di Apollo, Marsia, Dioniso fino a quello di Orfeo, il poeta-musico che con la musica da lui stesso inventata riusciva a calmare le belve, far danzare gli alberi e convincere gli dei dell Ade a restituire la vita alla sua sposa Euridice. Anche i poemi epici di Omero contengono molti riferimenti alla pratica musicale dell epoca, in particolare al potere che ha la musica di commuovere, dilettare e placare l uomo. LA DOTTRINA MUSICALE La sensibilità musicale si può dividere in tre gradi: ritmo, melodia e musica vera e propria. Il ritmo, considerato l elemento più sensuale di questa disciplina, è capace di influenzare l uomo a livello fisico; la melodia possiede un efficacia sulla psiche a livello emotivo; la musica vera e propria è considerata come pura contemplazione artistica. I Greci consideravano la musica come un entità che agiva sulla loro anima e sulla loro volontà, e per questo la concepivano come una forza demoniaca. Da questa convinzione nacque la

4 dottrina dell ethos musicale che affermava che la musica non solo è in grado di determinare il nostro stato d animo ma è anche capace di agire sulla nostra volontà. Proseguendo su questa strada, fu stabilito che la musica avesse tre tipi di azioni fondamentali a seconda della produzione: l atto di volontà ( ethos energico), il paralizzare la volontà stessa ( ethos snervante) e il provocare uno stato di estasi ( ethos estasiante). Dunque la musica era divisibile in diastaltica, sistalitica ed esitastica, anche se questa classificazione non appare né chiara né precisa. Più attendibile invece sembra la suddivisione dei grammatici alessandrini in: genere diatonico, cromatico e enarmonico. Quello diatonico, è limitatamente creativo a causa del fatto che comprendeva soltanto due semitoni, anche se era ritenuto energico, austero e virile; quelli cromatico e enarmonico sono invece più raffinati e progrediti e venivano utilizzati per riprodurre stati d animo come amore e dolore. MUSICA E MATEMATICA I Pitagorici concepirono la musica come un elemento che, con la matematica, coinvolge tutto il cosmo. Altri filosofi come Platone ripresero dai Pitagorici l idea di dare alla musica un valore educativo che in quanto arte era legata all armonia dell universo. Ogni armonia possedeva un suo ethos specifico, forse generato dall altezza diversa della sua posizione ( alta, media, bassa ). I Greci ritenevano che la musica avesse qualità terapeutiche, ciò che essi chiamavano katharsis ( catarsi ), o guarigione della mente mediante la purificazione dell anima. SISTEMA E STRUMENTI MUSICALI I greci organizzarono lo spazio musicale in una successione di suoni definita armonia. Questo sistema fu chiamato Teleion ( perfetto ) che aveva per base la voce umana o gli strumenti ( la Kithara in particolare ). La teoria del Teleion fu elaborata da Aristosseno nel IV sec a.c. e poi perfezionata e ampliata da Claudio Tolomeo. LA MUSICA NEL MONDO ROMANO Anche i Romani ereditarono questo stile musicale più liberale; anche riguardo la loro musica c è rimasto poco, ad eccezione di testimonianze letterarie e figurative. Anche se inizialmente, a causa dell influenza etrusca, lo spettacolo era dominato dall uso di strumenti a fiato, dopo la conquista della Macedonia, risentì del peso di quella greca. Da quel momento in poi la loro musica fu segnata anche dalle influenze egiziane e orientali. Tuttavia i Romani si limitarono ad ereditare dai Greci il sistema musicale, gli usi, le forme e la teoria, a causa dei significati epici e pedagogici, la musica rimase estranea alla mentalità del cittadino romano. Nonostante che, durante il II sec a. C., a Roma fossero presenti molti musicisti ed esecutori provenienti dalla Grecia, nella società romana si continuò a non attribuire un particolare carattere formativo di questa disciplina, che infatti veniva lasciata eseguire da schiavi e da liberti. In netto contrasto con la semplicità e la raffinatezza della

5 musica greca, la musica romana suonata in varie occasioni sia pubbliche che private, risultava essere più vivace a causa anche della grande quantità degli strumenti a fiato utilizzati, e dalle influenze italiche. A Roma la musica era usata anche per accompagnare la pantomima e gli spettacoli dei gladiatori. LA MUSICA A ROMA Con la caduta dell Ellenismo ad opera dei Romani, la cultura greca fu acquisita dai nuovi conquistatori che la portarono a Roma, e da qui si diffuse prima in Italia e poi in Europa. Questo non vuol dire che la cultura ellenica rimase invariata. Roma aveva una civiltà troppo materialistica, e di conseguenza non fu in grado di comprendere a pieno l immenso patrimonio culturale greco. I canti mistici utilizzati in Grecia presso gli oracoli e capaci di trascinare moltissime persone nella contemplazione, si trasformarono in delle fanfare utilizzate nel Circo Massimo per coprire le grida di dolore dei gladiatori oppure per acclamare le legioni dopo una vittoria. Come per la musica anche per quanto riguarda gli strumenti musicali, i Romani non inventarono niente di nuovo, ma semplicemente si limitarono ad importarli dalle terre conquistate. Il loro strumento preferito era il flauto, utilizzato in moltissimi eventi che andavano da solenni servizi divini ai riti baccanali. Venne introdotto nella cultura romana anche il teatro: quello greco e quello etrusco ( 336 a. C. ) che era ricco di musica. I Romani quindi misero fine alla precedente epoca culturale e la musica si ridusse all accompagnamento di orge sensuali e spettacoli crudeli. Il timore, nato soprattutto in epoca repubblicana, che la musica potesse indebolire gli animi, spinse i romani a preferire suoni più decisi come quelli degli strumenti a fiato. Questi erano utilizzati per incitare gli uomini e a favorire lo svolgimento di ogni genere di attività. A Roma si concentrò un' incredibile quantità di strumenti diversi provenienti da ogni angolo del mondo conosciuto che furono affiancati anche dagli strumenti preesistenti. AUTORI E MUSICA Roma mantenne rapporti stretti con la civiltà greca che furono possibili anche grazie alla mediazione degli etruschi. Oggi sono rimaste solo poche testimonianze del canto e delle danze romane e nessuna testimonianza scritta di epoca precristiana. Non ci è pervenuto infatti quello che si pensa sia stato il primo trattato di musica in lingua latina: il De Musica, scritto da Marco Terenzio Varrone ( a.c. ). Le trombe e le tube erano suonate nel corso di spettacoli che erano utilizzati per distrarre la popolazione dagli eventi politici. Nel 240 a.c. Livio Andronico rappresentò a Roma un dramma greco in cui si alternavano parti dialogate a parti cantate. Nerone stesso era un appassionato di musica e in particolare dll Hydraulis. Nerone iniziò a studiare musica dopo la sua elezione ad imperatore avvenuta nel 54 d.c.. Spesso cantava i suoi versi poetici accompagnandosi anche con la cetra. STRUMENTI MUSICALI A FIATO Syrinx(siringa): il mito attribuisce la scoperta di questo strumento al dio Pan. Era formato da fragili canne di cicuta con lunghezza a scalare tenute insieme da fili d erba o giunchi. Era usato dai pastori o in rappresentazioni teatrali. Tibiae: questi strumenti erano costituiti da delle coppie di fiati. I Romani utilizzavano

6 principalmente quelle ad ancia semplice di lunghezza variabile tra trenta e sessanta centimetri. Quelle costituite in corno naturalmente provenivano dal medio oriente ed erano utilazzate nel culto di Cibele. Tuba:si tratta di una tromba dritta in ottone o bronzo costituita da un tubo cilindrico lungo cm con una campana aperta o tronca nella parte finale. Il bocchino era in corno, metallo, avorio o legno. Era utilizzata in ambito militare per dare il segnale della marcia, dell assalto e della ritirata e anche per segnalare il cambio della guardia. Bulina: Tromba lunga circa 3 metri ripiegata a forma di g, il timbro è più basso rispetto a quello della Tuba e era impiegata per usi militari, politici e religiosi. Cornus: tromba ricurva di metallo o osso rinforzata da una barra di metallo. Erano utilizzati in ambito militare per dare segnali ai portatori di insegne. STRUMENTI A PERCUSSIONE Rhombus: è uno strumento a rotazione aerea formato da una tavoletta romboidale di lunghezza compresa tra 10 e 30 cm. Tympanum: è un tamburo a cornice rotonda di cm di diametro. Sgabellum: è una calzatura con una doppia suola di legno battuta a terra dall auleta. Crotola: strumento simile alle nacchere. Sistrum: strumento in bronzo o argento formato da una manico e da una verga in cui sono inserite orizzontalmente dei ferretti con lamine d oro. Era utilizzato principalmente il culto della dea Iside. STRUMENTI A CORDA Kithara: conosciuta a Roma anche come Lyra anche se queste avevano alcune differenze. I Romani lo perfezionarono e crearono numerose varianti. Lyra: era costruita utilizzando un carapace di tartaruga o una zucca. In queste veniva tesa una pelle di bue con due legni posti a forma di corda. Le corna sono poste tra un ponticello e i due legni. IL CANTO GREGORIANO Dopo la sua decadenza assistiamo nell antica Roma alla nascita di una cultura nuovissima: quella in cui viviamo da circa duemila anni. La splendida città di Roma cominciava a tramontare inesorabilmente senza che i contemporanei se ne accorgessero. Allo stesso tempo nacque nel sottosuolo della città, dentro cunicoli e catacombe, una nuova epoca della storia romana. I seguaci del maestro di Nazareth vi si radunarono in numero sempre maggiore. Odiavano la stessa musica romana, ma una vera rivoluzione ne ha bisogno, pertanto il cristianesimo non poté sottrarvisi. I primi credenti tentarono di alzare i propri cuori a Dio con canti di lode, ma non conoscevano nè melodia nè suono capace di esprimere

7 i loro pensieri. Nel 54 d.c. giunse a Roma l apostolo Pietro che insegnò con grande entusiasmo una preghiera piena di bellezza alle giovani comunità. Questo canto era strettamente legato alla diffusione del cristianesimo. I missionari se ne servivano per convertire i popoli pagani ai quali daranno una nuova religione e una nuova musica. Questo era un canto, così definito perché non era accompagnato da strumenti, che, anche se a lunghi intervalli, la chiesa cattolica non ha mai finito di coltivare. Il pontefice che raccolse e ordinò tutte le melodie allora usate per il servizio divino fu Gregorio Magno. Anche Sant Ambrogio, vescovo di Milano, verso il 400 acquisì grandi meriti per la musica della chiesa d Occidente. Importante fu anche Santa Cecilia protettrice e secondo alcuni testi inventrice della musica, mentre, secondo altri, solo dell organo. Tutt oggi nella data della sua morte, ovvero il 22 novembre, è celebrato il giorno della musica. IL CRISTIANESIMO RELIGIONE DI STATO Nel 323 il cristianesimo diviene religione di stato, la sua musica può finalmente entrare nelle chiese. Nei tempi successivi fu attaccato il canto laico e si affermò che la musica dovesse essere privilegio esclusivo dei religiosi. Il concilio di Châlones nel 650 proibì alle donne di cantare in chiesa. Particolarmente lunga e violenta fu la lotta per l introduzione degli strumenti musicali nelle chiese; passò molto tempo prima che si ammettesse quanto meno l organo. La musica probabilmente ha convertito al cristianesimo altrettanti uomini quanti la predicazione. C erano a Roma, e in altre città, scuole dove i missionari erano educati alla musica: la scholae cantorum. Questi missionari costruirono monasteri in tutta Europa nei quali l istruzione musicale aveva una parte di primo piano. Anche in Inghilterra molti monasteri divennero celebri proprio come centri musicali, soprattutto nel Kent. Molto importante fu anche il monaco e poeta Notker Balbulus a cui si attribuiscono conoscenze di musicologia e un' area che ancora oggi viene cantata per lo più nella versione di Martin Lutero Media Vita intenta a sottolineare il fatto che la nostra vita è continuamente insediata dalla morte. Un enorme quantità di innovazioni musicali fu celebrata da Guido D Arezzo: la più grande di tutte fu forse quella dell alfabeto musicale tutt ora valido in gran parte del mondo (Do, Re, Mi, Fa, Sol, La; la nota Si fu un invenzione posteriore). Il canto gregoriano per un certo periodo trionfò completamente, e per mille anni fu l unica forma musicale europea; le ragioni erano semplici: in primo luogo si tratta di musica vocale pura senza accompagnamento di strumenti; inoltre è una musica monotona senza contrappunto. Ma sia il ritmo sia la melodia di questo tipo di canto è sostanzialmente lontana da quella che noi concepiamo; tipi di canto simili a questo possono essere ancora oggi ascoltati in giorni di festa nelle sinagoghe ortodosse. BIBLIOGRAFIA: -Alfred Einstein: Breve storia della musica -Baroni, Fubini, Petazzi, Santi,Vinay: Storia della musica -Massimo Mila: Breve storia della musica -Garda, Jona, Titli: La musica degli antichi e la musica dei moderni

8 -Elvidio Surian: Manuale di storia della musica vol.1 -L universale vol. 12, 13 -Kurt Pahlem: Storia della musica -Enciclopedia Treccani -La piccola Treccani -Jesus vol.4 storia della chiesa -Grande enciclopedia universale internazionale -Atlante storico Treccani -Multimediadidattica.it -Romanoimpero.com Progetto di: Bernardi Eleonora, Boldrini Silvia, Cresti Giovanni, De Blasi Alessia, Fallaci Sara, Giganti Cosimo, Perugini Alessia

Tesi 3. La musica per i Greci Romani. La musica per gli antichi Greci

Tesi 3. La musica per i Greci Romani. La musica per gli antichi Greci Tesi 3 La musica per i Greci Romani La musica per gli antichi Greci La storia della musica occidentale ha inizio nella Grecia Antica, infatti, i greci ne studiarono le attinenze con le altre arti, con

Dettagli

La scuola pitagorica - Storia 1. Gianluigi Bellin

La scuola pitagorica - Storia 1. Gianluigi Bellin La scuola pitagorica - Storia 1 Gianluigi Bellin December 22, 2010 Storia. Di Pitagora sappiamo che nacque a Samo intorno al 570 ac., che viaggiò molto, anche in Egitto ed a Crotone, nel golfo di Taranto,

Dettagli

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale 1 e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale Alla morte di Filippo II, avvenuta nel 336 a.c., salì sul trono della Macedonia il figlio Alessandro. Il giovane ventenne era colto

Dettagli

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd

Pienezza dei valori spirituali in Africa. Innocent Hakizimana Ndimubanzi. Edizioni ocd Edizioni ocd Pienezza dei valori spirituali in Africa Innocent Hakizimana Ndimubanzi Edizioni ocd Edizioni ocd Percorsi di Teologia spirituale Innocent Hakizimana Ndimubanzi Gesù Cristo Pienezza dei valori spirituali

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA - IMMAGINI, SUONI, COLORI SCUOLA PRIMARIA - MUSICA SCUOLA SECONDARIA I GRADO - MUSICA SCUOLA INFANZIA Nell ambito dell educazione musicale trovano attuazione

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ESPRESSIVO-MUSICALE Lo studente al termine del PRIMO

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

LABORATORI DI MUSICOTERAPIA ALLA SCUOLA MATERNA E PRIMO CICLO ELEMENTARI

LABORATORI DI MUSICOTERAPIA ALLA SCUOLA MATERNA E PRIMO CICLO ELEMENTARI LABORATORI DI MUSICOTERAPIA ALLA SCUOLA MATERNA E PRIMO CICLO ELEMENTARI Attraverso l aiuto della musica, l aspetto comunicativo viene percepito in maniera totale: oltre alla comunicazione verbale, vengono

Dettagli

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE Docente Responsabile: Prof. Marco Carnevale A.S. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 2 ALBINO BERNARDINI SINISCOLA PROGETTO POTENZIAMENTO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza.

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza. CLASSE 1^ altri. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza. Esprimersi attraverso la musica utilizzando diverse modalità. Cogliere all ascolto gli aspetti espressivi

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MUSICA

CURRICOLO DISCIPLINARE DI MUSICA A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

La nascita della filosofia in Grecia

La nascita della filosofia in Grecia La nascita della filosofia in Grecia Zenone di Elea o di Cizio Socrate Platone Aristotele Anassimandro Parmenide Empedocle Pitagora Filosofi PRESOCRATICI??? Eraclito Filosofi PRESOFISTI?? Filosofi PREPLATONICI???

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione analogiche

Dettagli

due armonie con l aggiunta di una nota finale chiamata Proslambanòmenos dava origine al sistema Teleion o sistema perfetto. Tutto questo sproloquiare

due armonie con l aggiunta di una nota finale chiamata Proslambanòmenos dava origine al sistema Teleion o sistema perfetto. Tutto questo sproloquiare I Greci Anche se siamo consci che in fondo le origini della musica si perdono effettivamente nella notte dei tempi, anche se gli studi darwiniani e post-darwiniani ci hanno proposto un nuovo scenario del

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

PREFAZIONE. ** Non poteva mancare, infine, un piccolo repertorio di brani solistici e per la musica d insieme;

PREFAZIONE. ** Non poteva mancare, infine, un piccolo repertorio di brani solistici e per la musica d insieme; 3 PREFAZIONE ** Quando viene pubblicato un nuovo metodo ogni autore cerca di dare un contributo con delle idee innovative anche se poi i concetti fondamentali del suonare uno strumento musicale ed in particolare

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA PRODUZIONE VOCALE/ STRUMENTALE Utilizzare la voce, il proprio corpo, semplici strumenti o oggetti vari in giochi, situazioni, storie e varie attività per espressioni parlate,

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

Introduzione V. 261 M.

Introduzione V. 261 M. Introduzione L ampia aneddotica della vita di Wolfgang Amadeus Mozart, ma potremmo dire dell intera storia della musica, ci ricorda come il giovane musicista salisburghese aveva appena quattordici anni

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA Conoscere, percepire e riconoscere i suoni dell ambiente. Discriminare e interpretare gli eventi sonori. Acquisire una corretta postura. Cantare in coro.

Dettagli

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie?

Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? Superiori: quale scuola scegliere dopo le medie? A cura dell I.I.S.S. di LERCARA FRIDDI A.S.2013-2014 Progetto P.O.F. UNA BUSSOLA PER ORIENTARSI! DOCENTE: Terrasi Francesca Nuovo impianto organizzativo

Dettagli

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a

Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a Potremmo dire che, di fatto, tutte le società dipendono dalla disponibilità dei propri membri a non mettere in discussione certi assunti rispetto a come debba andare il mondo. In continuità con quel che

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

LA SCRITTURA: memoria degli uomini

LA SCRITTURA: memoria degli uomini LA SCRITTURA: memoria degli uomini Roberto Iozzino ASL Roma A Via dei Sardi 35 tel 0677307774 ARIEE-APS Via Alvise Cadamosto 14 06 45665257 Diciassettemila anni fa alcuni uomini tracciano i primi disegni.

Dettagli

Non dimentichiamoci di Dio

Non dimentichiamoci di Dio Angelo Scola Non dimentichiamoci di Dio Libertà di fedi, di culture e politica Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06129-2 Prima edizione: marzo 2013 Prefazione

Dettagli

Alla fine dello stage saranno consegnati gli Attestati di Frequenza solo a coloro che avranno regolarmente seguito le lezioni.

Alla fine dello stage saranno consegnati gli Attestati di Frequenza solo a coloro che avranno regolarmente seguito le lezioni. Troppo spesso vediamo tanti bravissimi cantanti e pochissimi interpreti, probabilmente perché non sempre nei vari corsi di formazione si affronta nello specifico questa parte essenziale del performer nel

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA INTERDISCIPLINARE DI MATEMATICA E MUSICA

PROPOSTA DIDATTICA INTERDISCIPLINARE DI MATEMATICA E MUSICA 1 MATEMATICA in MUSICA PROPOSTA DIDATTICA INTERDISCIPLINARE DI MATEMATICA E MUSICA INTRODUZIONE PERCHÉ MATEMATICA E MUSICA? La maggior parte degli adulti ha rimosso da lungo tempo i ricordi relativi al

Dettagli

L impostazione dottrinaria del De rerum natura

L impostazione dottrinaria del De rerum natura L impostazione dottrinaria del De rerum natura LA LIBERAZIONE DALLA PAURA E DAL DOLORE: l obiettivo principale del poeta è quello di aiutare gli uomini ad ottenere un bene inestimabile, la serenità interiore

Dettagli

MUSICA prima elementare CANTO CORALE

MUSICA prima elementare CANTO CORALE MUSICA prima elementare CANTO CORALE Particolarmente in preparazione di un concerto di Natale Canto corale, ascolto di canzoni e brani di musica per bambini, classica e non, giochi di ascolto, canto con

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA Curricolo verticale di MUSICA Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

DISCIPLINA: MUSICA SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA VERIFICA E VALUTAZIONE

DISCIPLINA: MUSICA SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA VERIFICA E VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Padroneggia le potenzialità musicali del proprio corpo. 2. Discrimina l alternanza suono silenzio per imitazione. 3. Esegue semplici

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA DELLA CLASSE PRIMA Percepisce il paesaggio sonoro in cui vive Usa la voce nelle più svariate forme di espressione

Dettagli

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano

I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano Corso di Astronomia I filosofi greci del IV secolo a.c. come Platone e Aristotele ritenevano che le stelle fossero oggetti celesti eterni e immutabili, che ruotavano attorno alla Terra con orbite circolari.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI Musica, arti e creatività Il fondamento filosofico del fare musica tutti nel sistema formativo Convegno internazionale di studi IV Edizione Roma, 31 marzo - 1 aprile 2011 Musica e poesia: una partitura

Dettagli

Le biblioteche raccontate a mia fi glia

Le biblioteche raccontate a mia fi glia La collana Conoscere la biblioteca si rivolge direttamente agli utenti delle biblioteche per spiegare, con un linguaggio semplice, il ruolo e i diversi aspetti di questo servizio. Per tali caratteristiche

Dettagli

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I doni dello SPIRITO SANTO CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Musica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : L alunno esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª)

SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª) SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª) Ascoltare in modo consapevole eventi sonori e brani musicali. Produrre e rappresentare eventi sonori con la voce, il corpo, strumenti musicali e tecnologici. Individuare

Dettagli

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Musica. MUSICA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti

Istituto Comprensivo 2 di Montesarchio A.S. 2014-2015 Curricolo Verticale di Musica. MUSICA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Istituto Comprensivo di Montesarchio A.S. 0-05 Curricolo Verticale di Musica Competenze ed usare le MUSICA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Ascoltare e analizzare fenomeni sonori di ambienti e di oggetti.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

Prof. Andrea Potestio Università degli studi di Bergamo

Prof. Andrea Potestio Università degli studi di Bergamo CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA Prof. Andrea Potestio Università degli studi di Bergamo 1 La Cristianità e le scuole monastiche Diffusione della cultura cristiana Una tradizione nuova che si innesta su

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

MUSICA - CLASSE PRIMA

MUSICA - CLASSE PRIMA MUSICA - CLASSE PRIMA Discriminare sonorità e ascoltare brani musicali interpretandoli con diversi linguaggi espressivi. L alunno sa esplorare e discriminare eventi sonori. Gestisce possibilità espressive

Dettagli

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie Introduzione Il presente progetto si riferisce alla strutturazione di un percorso laboratoriale teatrale ai ragazzi delle scuole primarie, con il quale

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : MUSICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : MUSICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE : La consapevolezza ed espressione culturale è la competenza che più contribuisce a costruire l identità sociale e culturale, attraverso la capacità di fruire dei

Dettagli

STORIA COMPETENZE CHIAVE:

STORIA COMPETENZE CHIAVE: STORIA COMPETENZE CHIAVE: consapevolezza ed espressione culturale, le competenze sociali e civiche, imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno: Riconosce e usa le tracce storiche

Dettagli

percorsi il nostro progetto octandre didattica per l area espressiva

percorsi il nostro progetto octandre didattica per l area espressiva percorsi il nostro progetto octandre didattica per l area espressiva matematica e musica Questo argomento nasce da una riflessione sull oggettiva difficoltà a lavorare nella scuola in modo interdisciplinare.

Dettagli

TEATRO BRECHT SAN SISTO SCUOLA PRIMARIA LA FONTE CLASSI 1 A -1 B ANNO SCOLASTICO 2013/14

TEATRO BRECHT SAN SISTO SCUOLA PRIMARIA LA FONTE CLASSI 1 A -1 B ANNO SCOLASTICO 2013/14 TEATRO BRECHT SAN SISTO SCUOLA PRIMARIA LA FONTE CLASSI 1 A -1 B ANNO SCOLASTICO 2013/14 Gli strumenti musicali della fiaba musicale sono: GLI ARCHI:si chiamano così perché suonati con un archetto che

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

Istituto Comprensivo NOTARESCO Istituto Comprensivo "NOTARESCO" Anno Scolastico 2015/2016 PROGETTO ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA Insegnante Testa Maria Letizia MAPPA CONCETTUALE DIO HA POSTO IL MONDO NELLE NOSTRE

Dettagli

Riconoscere suoni familiari. Saper riconoscere alcuni parametri del suono: (durata e intensità).

Riconoscere suoni familiari. Saper riconoscere alcuni parametri del suono: (durata e intensità). ISTITUTO COMPRENSIVO DONADONI SCUOLA PRIMARIA A.S. 2015/2016 DISCIPLINA MUSICA CLASSI PRIME Distinguere ed esplorare eventi sonori. Utilizzare la voce in varie situazioni. Eseguire in gruppo semplici brani

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI)

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Il Progetto di educazione musicale è finalizzato allo sviluppo di quattro competenze specifiche: - Educazione

Dettagli

Cap. 1 PUSC. Giulio Maspero I anno, I sem (ver. 2006-7)

Cap. 1 PUSC. Giulio Maspero I anno, I sem (ver. 2006-7) Cap. 1 1) Qual è il trattato più importante del mondo? 2) Perché questa disciplina ha subito un eclissi? 3) Perché si parla di Mistero della Trinità? Si può capire la Trinità? Cos è l apofatismo? 4) Cosa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

Guida. dello. Studente

Guida. dello. Studente Guida dello Studente L ACCADEMIA Centro Studi Musicali L Associazione culturale Accademia C.S.M. ha come finalità l insegnamento delle discipline musicali e la diffusione della cultura musicale mediante

Dettagli

Curricolo verticale di Musica scuola primaria

Curricolo verticale di Musica scuola primaria Curricolo verticale di Musica scuola primaria Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria (1) L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo,

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

...SULLA BUONA STRADA...

...SULLA BUONA STRADA... SCUOLA DELL INFANZIA SANT' EFISIO Via Vittorio Veneto, 28 Oristano PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA EDUCATIVO-DIDATTICHE DI RELIGIONE CATTOLICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA BAMBINI - 3-4-5 ANNI Numero sezioni:

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III

Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura Scuola PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III MUSICA Docente: Milena Giannoni Preliminarmente alla presentazione

Dettagli

PROVA D INGRESSO 1. per i primi due anni della scuola secondaria di primo grado. Anno scolastico Classe Data Alunn. divertimento catechismo cultura

PROVA D INGRESSO 1. per i primi due anni della scuola secondaria di primo grado. Anno scolastico Classe Data Alunn. divertimento catechismo cultura Prove d ingresso 1 PROVA D INGRESSO 1 per i primi due anni della scuola secondaria di primo grado Anno scolastico Classe Data Alunn 1. L Ora di Religione cattolica nella scuola è un ora di divertimento

Dettagli

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA PROGETTO MANDALA PER BAMBINI CONOSCERSI, GIOCANDO CON IL MANDALA E possibile imparare la geometria, le scienze, un metodo di studio e rappresentare

Dettagli

Aerofoni, si tratta degli strumenti a fiato in cui la materia vibrante principale è costituita dall'aria; emettono il suono per mezzo di una

Aerofoni, si tratta degli strumenti a fiato in cui la materia vibrante principale è costituita dall'aria; emettono il suono per mezzo di una 37 Aerofoni Aerofoni, si tratta degli strumenti a fiato in cui la materia vibrante principale è costituita dall'aria; emettono il suono per mezzo di una vibrazione di aria, senza l uso di corde o membrane

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli