SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE"

Transcript

1 REGIONE SARDEGNA AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI VIA M. COPPINO, SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE ALLEGATO C: CAPITOLATO TECNICO PEGASO S.r.l Via D.A. Azuni n. 15/A ROMA Tel. 06/ Fax 06/ Unità locale: Via C. Marilli, ISERNIA Tel. 0865/ Fax. 0865/ Rev 7.0 I Direttori Tecnici: Ing. Gian Carlo PICCOLI Ing. Paolo PINELLI

2 INDICE 1. OGGETTO DELL APPALTO MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO AREE ED AMBIENTI OGGETTO DEGLI INTERVENTI TIPOLOGIA DELLE AREE MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO INDIRIZZO SULLE ATTIVITÀ DI PULIZIA MODALITÀ DI EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ATTIVITÀ A PASSAGGIO OPERAZIONI PERIODICHE PROGRAMMATE PECULIARITÀ DEL SERVIZIO BONIFICA GLOBALE E RIPRISTINO DEL DECORO PERSONALE PRESTAZIONI ACCESSORIE INCLUSE NEL RATEO MENSILE LOCALI DEPOSITO E SPOGLIATOIO ARREDI, ATTREZZATURE E MATERIALE DI CONSUMO SISTEMA INFORMATIVO DI GESTIONE INTRODUZIONE AL SISTEMA INFORMATIVO Sicurezza dei dati e profili utenti Modalità di ricerca dei dati Strumenti di configurazione e creazioni query e report Completa Gestione Web GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI PULIZIA Attività Di Pulizia Pianificate (Scadenziario) Emissione richiesta di pulizia Attività su Ordine di Lavoro (OdL) Approvazione degli Interventi Consuntivazione degli Interventi HARDWARE A SUPPORTO DELLA FORNITURA REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE ATTIVITÀ Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 2

3 1. OGGETTO DELL APPALTO L Azienda Ospedaliero-Universitaria di Sassari intende appaltare il Servizi di Pulizia e Sanificazione. L Appaltatore dovrà provvedere, per tutta la durata dell Appalto, all esecuzione di tutte le attività connesse ai servizi di Pulizia e Sanificazione dei locali, degli arredi e delle suppellettili presso tutti gli ambienti dei siti dell A.O.U. L appalto, in particolare, prevede l insieme delle seguenti attività: I. Pulizia e sanificazione periodica degli immobili; II. Pulizia periodica delle Aree esterne e a Verde; III. Fornitura e gestione di arredi, di attrezzature e del materiale di consumo per tutti i servizi igienici; IV. Interventi iniziali di Bonifica Globale e Ripristino del Decoro di tutti i siti oggetto dell appalto; V. Pronto Intervento presso le strutture di degenza o di diagnosi, su richiesta del personale autorizzato (dirigenti medici, personale infermieristico, personale tecnico); VI. Fornitura di un sistema informativo di gestione; VII. Controllo e monitoraggio del servizio di pulizia e sanificazione erogato. Le attività sopra elencate costituiscono un servizio unico, pertanto non saranno prese in esame offerte parziali. Con il termine Appaltatore si intende esprimere per brevità nel presente Capitolato Tecnico il soggetto aggiudicatario della gara (la singola Ditta, il raggruppamento temporaneo di imprese, il consorzio, etc<), con il quale è stato stipulato apposito contratto di appalto. Le ditte concorrenti in sede di offerta dovranno prevedere la fornitura di tutti i servizi richiesti nel presente capitolato proponendo soluzioni migliorative rispetto alle specifiche imposte. Per la corretta ed efficiente gestione del servizio l Appaltatore dovrà garantire presso l A.O.U. la presenza o la reperibilità di un Responsabile dell appalto, referente delegato dell Appaltatore che abbia la facoltà ed i mezzi occorrenti per tutte le provvidenze che riguardano adempimenti ed oneri contrattuali per tutti i servizi appaltati. Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 3

4 Per far fronte alle situazioni di emergenza l Appaltatore dovrà garantire un Servizio di Pronto Intervento di una unità lavorativa, entro 30 minuti dalla chiamata dell A.O.U. di Sassari. Il servizio di Reperibilità dovrà essere attivo 24/24 ore in modo da assicurare in qualsiasi momento quei tempestivi interventi di urgenza che si rendessero necessari in situazioni di emergenza. Tutte le eventuali contestazioni riguardanti l esecuzione dei servizi ed ogni altra incombenza prevista dal presente capitolato, verranno effettuate in contraddittorio con il suddetto Responsabile dell appalto, e si intenderanno fatte direttamente con l Appaltatore. La corretta gestione dell appalto sarà verificata dall Amministrazione dell A.O.U. attraverso un Supervisore dell appalto che verrà appositamente nominato per le attività di monitoraggio, indirizzo e controllo. Tale figura potrà essere anche esterna all Amministrazione (Professionista, Società di servizi, Società di Ingegneria ecc.) con la quale verrà stipulato apposito contratto con specifiche deleghe di rappresentanza. L Appaltatore dovrà fornire un apposito software per la gestione puntuale di tutti i servizi oggetto dell appalto, tale software sarà identificato con la dizione Sistema Informativo di Gestione - SIG. L Appaltatore, a sue spese, entro i primi tre mesi di gestione dovrà effettuare tutti gli interventi di Bonifica Globale e di Ripristino del Decoro delle Aree oggetto dell appalto; equipaggiare, ove necessario, tutti i bagni di idonei arredi ed attrezzature in modo da assicurare un elevato standard qualitativo: specchiera, erogatore di sapone liquido, porta asciugamani, spazzolone, ecc.., installare dispositivi elettrici per l asciugatura delle mani ad aria calda in ogni bagno ad uso pubblico; installare dispositivi nebulizzatori temporizzati di deodorante ambiente (con almeno una frequenza di 30 minuti primi) presso tutti i bagni ad uso pubblico; Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 4

5 installare iniettori automatici di sanificante profumato a fine ciclo di scarico acqua su ogni tazza WC di tutti i servizi igienici (ad uso comune e non). L Appaltatore, a sue spese, durante le operazioni di pulizia e disinfezione dei Servizi Igienici dovrà provvedere anche: o alla gestione, fornitura di materiale di consumo compreso, degli iniettori automatici di sanificante profumato a fine ciclo di scarico acqua installati su ogni tazza WC di tutti i servizi igienici (ad uso comune e non); o alla gestione, fornitura di materiale di consumo compreso, dei nebulizzatori temporizzati di deodorante ambiente (con almeno una frequenza di 30 minuti primi) installati presso tutti i bagni ad uso pubblico; o alla manutenzione dei dispositivi elettrici per l asciugatura delle mani ad aria calda in ogni bagno ad uso pubblico; o alla fornitura, installazione e gestione, in ogni servizio igienico, di tutto il materiale di consumo tale da assicurare un elevato standard qualitativo: carta igienica doppio velo, sapone anallergico, tovagliette asciugamani monouso di carta, ecc.. o alla fornitura e gestione, in ogni servizio igienico interno alle camere di degenza a secondo delle dotazioni interne, di tutto il materiale di consumo tale da assicurare un elevato standard qualitativo: carta igienica doppio velo, copri water monouso in carta, tovagliette asciugamani monouso di carta, ecc.. Il servizio sarà contabilizzato sulla base dei metri quadri oggetto delle attività di pulizia ed alla frequenza dei passaggi. Il servizio dovrà essere svolto con le modalità indicate nell ALLEGATO D Classificazione dei luoghi nel quale sono riportate le classificazioni dei luoghi in forma tabellare in base alle destinazioni d uso dei locali, della frequenza richiesta delle operazioni di pulizia. L Appaltatore dovrà garantire, con l impiego di un numero adeguato di unità lavorative, una rapida e corretta esecuzione del servizio secondo la regola d arte per tutti i siti dell A.O.U. di Sassari. Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 5

6 Il servizio dovrà essere effettuato su una superficie di circa (ottantottomilanovecentotrenta) mq annuali distinti come segue: MQ 4'318 di Aree Interne ad ALTO RISCHIO, MQ 25'151 di Aree Interne a MEDIO RISCHIO MQ 39'620 di Aree Interne a BASSO RISCHIO MQ 19'841 di Aree Esterne e a Verde. Le ditte concorrenti dovranno garantire con la propria offerta la fornitura di tutti i servizi richiesti nel presente capitolato proponendo soluzioni migliorative rispetto alle specifiche imposte. Ai fini della elaborazione e formulazione dell offerta, ciascun concorrente è tenuto a rilevare preventivamente (mediante sopralluoghi, accertamenti e visione di elaborati tecnici) i dati relativi alle singole strutture nonché lo stato di fatto degli stabili e le destinazioni d uso degli ambienti. In fase di avvio provvisorio del servizio l Appaltatore dovrà presentare un Piano Dettagliato di Lavoro, che dovrà essere approvato dal Responsabile dell Amministrazione e dalla Direzione Sanitaria dell A.O.U. di Sassari. Qualsiasi modifica o variazione del Piano dovrà essere concordata in contraddittorio fra le parti. Resta inteso che: L Appaltatore verrà remunerato con il solo rateo mensile relativo al servizio (Offerta Economica allegato A1), e pertanto fornirà quanto esposto nell offerta tecnica migliorativa prodotta in fase di gara, senza pretendere alcun ulteriore specifico compenso; L Appaltatore non potrà pretendere alcun ulteriore compenso oltre al rateo mensile che si intende già remunerativo del materiale di consumo fornito (sapone, carta igienica, asciugamani monouso ecc.); le superfici/classificazioni e le frequenze potranno variare durante la gestione dell appalto rispetto a quelle poste a base di gara, per mutate esigenze igienico sanitarie ed organizzative, in tal caso verrà rideterminato il canone mensile; Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 6

7 l offerta tecnica prodotta dall Appaltatore dovrà essere pienamente rispondente all offerta economica, pena esclusione dalla gara; per lievi e non significative discordanze tra quanto dichiarato dall Appaltatore in fase di offerta tecnica e quanto dichiarato in fase di offerta economica, cautelativamente saranno considerate valide le dichiarazioni più vantaggiose per l Amministrazione dell A.O.U. di Sassari. Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 7

8 2. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO L Appaltatore dovrà garantire il servizio di pulizia e sanificazione per tutta la durata del contratto per i seguenti siti: Nr. sito 1 Edificio Internistica 2 Istituto di Clinica Neuro-Radiologica 3 Edificio Materno - Infantile 4 Palazzo Clemente 5 Istituto di Igiene 6 Istituto di Medicina Legale e Anatomia Patologica 7 Complesso Biologico 8 Le Stecche 9 Malattie Infettive 10 Direzione Aziendale 2.1. AREE ED AMBIENTI OGGETTO DEGLI INTERVENTI Indicativamente le superfici, le aree e gli ambienti da sottoporre ad intervento di pulizie possono essere raggruppate come riportato nelle seguenti tabelle. Si rimanda per un maggior dettaglio allo specifico allegato denominato Classificazione Superfici nel quale sono riportate le classificazioni dei luoghi in forma tabellare in base alle destinazioni d uso dei locali, della frequenza richiesta delle operazioni di pulizia. AREE ESTERNE CORTILI E MACIAPIEDI ESTERNI Mq EDIFICIO INTERNISTICA marciapiedi parcheggi TOTALE ISTITUTO DI CLINICA NEURO-RADIOLOGICA marciapiedi parcheggi TOTALE Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 8

9 CORTILI E MACIAPIEDI ESTERNI EDIFICIO MATERNO-INFANTILE marciapiedi parcheggi PALAZZO CLEMENTE Mq TOTALE marciapiedi parcheggi ISTITUTO DI IGIENE TOTALE marciapiedi parcheggi 0.00 ISTITUTO DI MEDICINA LEGALE E ANATOMIA PATOLOGICA TOTALE marciapiedi parcheggi LE STECCHE TOTALE marciapiedi parcheggi Totale Marciapiedi Totale Parcheggi RIEPILOGO TOTALE ' ' TOTALE 19' EDIFICIO INTERNISTICA PIANO A) MQ. ALTO RISCHIO B) MQ. MEDIO RISCHIO C) MQ. BASSO RISCHIO TERRA PRIMO SECONDO TERZO QUARTO SOTTOTETTO SOTTOTETTO - SOPPALCO TOTALI ' ISTITUTO DI CLINICA NEURO-RADIOLOGICA PIANO A) MQ. ALTO RISCHIO B) MQ. MEDIO RISCHIO C) MQ. BASSO RISCHIO TERRA PRIMO SECONDO TERZO TOTALI Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 9

10 EDIFICIO MATERNO-INFANTILE PIANO A) MQ. ALTO RISCHIO B) MQ. MEDIO RISCHIO C) MQ. BASSO RISCHIO TERRA ' PRIMO SECONDO TERZO QUARTO QUINTO SESTO PIANO COPERTURE TOTALI 1' ' ' PALAZZO CLEMENTE PIANO A) MQ. ALTO RISCHIO B) MQ. MEDIO RISCHIO C) MQ. BASSO RISCHIO SEMINTERRATO ' TERRA ' PRIMO 1' SECONDO TERZO ' QUARTO QUINTO SESTO TOTALI 1' ' ' ISTITUTO DI IGIENE PIANO A) MQ. ALTO RISCHIO B) MQ. MEDIO RISCHIO C) MQ. BASSO RISCHIO SEMINTERRATO TERRA PRIMO SECONDO TOTALI ' ISTITUTO DI MEDICINA LEGALE E ANATOMIA PATOLOGICA PIANO A) MQ. ALTO RISCHIO B) MQ. MEDIO RISCHIO C) MQ. BASSO RISCHIO SEMINTERRATO RIALZATO PRIMO SECONDO TOTALI Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 10

11 COMPLESSO BIOLOGICO PIANO A) MQ. ALTO RISCHIO B) MQ. MEDIO RISCHIO C) MQ. BASSO RISCHIO SEMINTERRATO TERRA 2' PRIMO ' SECONDO ' TERZO TOTALI ' ' LE STECCHE PIANO A) MQ. ALTO RISCHIO B) MQ. MEDIO RISCHIO C) MQ. BASSO RISCHIO SEMINTERRATO ' TERRA SEMINTERRATO -1 1' ' RIALZATO 1' ' PRIMO 3' SECONDO 3' TERZO ' COPERTURE 1' TOTALI 1' ' ' MALATTIE INFETTIVE PIANO A) MQ. ALTO RISCHIO B) MQ. MEDIO RISCHIO C) MQ. BASSO RISCHIO INTERRATO SEMINTERRATO TERRA PRIMO SECONDO TERZO TOTALI ' ' DIREZIONE AZIENDALE PIANO C) MQ. BASSO RISCHIO SECONDO TERZO QUARTO TOTALI Si evidenzia che sono in fase di realizzazione e ristrutturazione aree escluse dalle suddette tabelle, sebbene le stesse sono evidenziate nell allegato D Classificazione Superfici come Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 11

12 Ampliamenti possibili. Tali aree in futuro potrebbero essere oggetto di ampliamenti del servizio. Si riportano di seguito, per ogni sito, le superfici indicative. SUPERFICIE SITO SOGGETTA A POSSIBILE AMPLIAMENTO EDIFICIO INTERNISTICA ISTITUTO DI CLINICA NEURO-RADIOLOGICA EDIFICIO MATERNO-INFANTILE PALAZZO CLEMENTE 1' ISTITUTO DI IGIENE COMPLESSO BIOLOGICO MALATTIE INFETTIVE TOTALI 2' Le indicazioni riportate nelle tabelle sopra citate, in termini di superfici e tipologie, sono sufficientemente aderenti alla realtà. Le Ditte concorrenti dovranno utilizzare i dati riportati in tali tabelle per produrre le proprie offerte economiche. Considerato che l Appaltatore verrà remunerata in base alle reali attività, in caso di variazione delle superfici, delle tipologie o delle frequenze riportate nelle tabelle, saranno eseguiti dei correttivi ai ratei mensili in base alle indicazioni riportate nell articolo Variazioni al Servizio del Disciplinare di Gara. Le variazioni potranno essere dovute a nuove esigenze in generale, nuove acquisizioni, dismissioni, ristrutturazioni di aree, etc< Resta inteso, così come già sopra espresso, che le tabelle hanno carattere puramente indicativo, pertanto nella fase precontrattuale del servizio sarà verificato insieme alla Ditta Aggiudicataria l esatta definizione delle tabelle che formeranno oggetto del contratto. Il servizio dovrà essere eseguito a perfetta regola d arte. L Appaltatore dovrà provvedere anche alla disinfezione, disinfestazione, deblattizzazione e derattizzazione ambientale di tutti gli ambienti (zanzare, roditori, ecc.). La pulizia e sanificazione degli ambienti (vetrate, infissi, arredi e suppellettili compresi) dovrà essere differenziata in funzione della classificazione delle zone (Alto rischio, Medio rischi ecc.) effettuata dall A.O.U. di Sassari utilizzando il metodo del codice colore: o BLU - aree scoperte, aree esterne e aree a verde; Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 12

13 o VERDE - aree a basso rischio infettivologico; o GIALLA - aree a medio rischio infettivologico; o ROSSA - aree a alto rischio infettivologico; Le ditte concorrenti dovranno formulare offerta prevedendo l utilizzo di mezzi, apparecchi e prodotti che garantiscano il più elevato standard qualitativo, in modo da assicurare il miglior servizio possibile sia in termini di pulizia ed igienicità che di ridotto intralcio alle attività sanitarie e amministrative. Per l espletamento del servizio le ditte concorrenti dovranno prevedere in organico del personale opportunamente formato ed abilitato e quindi ricorrere solo per particolari professionalità al servizio esterno. Gli attrezzi occorrenti (lucidatrici, aspirapolvere, aspiraliquidi, muletti elettrici, lavatrici, ecc.) nonché i materiali di pulizia come anche i materiali di consumo (frange con garza TNT da usare umide elettrostatiche monouso, piumini di vario tipo, detergenti e disinfettanti, sacchi di ogni tipo per raccogliere rifiuti, e quant altro occorrente per eseguire il servizio di pulizia) dovranno essere forniti dall Appaltatore con oneri compresi nel prezzo pattuito. Tutte le macchine ed attrezzature dovranno avere il marchio CE, essere conformi alle prescrizioni antinfortunistiche vigenti e dovranno essere efficienti e silenziose. I carrelli utilizzati dovranno avere ruote gommate molto silenziose per limitare il disturbo all ambiente. L A.O.U., in regime di concessione e per tutto il periodo contrattuale, metterà a disposizione dell Appaltatore in ogni struttura: o locali spogliatoio del personale; o locali ripostiglio e deposito materiali ed attrezzature; o acqua e energia elettrica per le attività oggetto del servizio. I suddetti locali o spazi assegnati dovranno essere mantenuti ordinati e puliti. L Appaltatore sarà l unico responsabile e custode di tutto quanto in essi contenuto. L A.O.U. sarà comunque esonerato per danni diretti o indiretti che potranno derivare da fatti dolosi o colposi di terzi, compresi i dipendenti dell Azienda, in conseguenza anche di furti. Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 13

14 L Appaltatore avrà l obbligo di effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti, ai sensi del D.Lgs 22/97 e s.m.i. e ai sensi delle procedure attualmente in atto nei P.O. In particolare, dovrà effettuare la raccolta idonea a raggruppare i rifiuti urbani in frazioni merceologiche omogenee destinate al riutilizzo, al riciclaggio ed al recupero di materia prima. Il personale addetto alla raccolta avrà il compito di conferire nelle varie isole ecologiche la frazione di rifiuti precedentemente raccolta all interno dell Amministrazione in modo differenziato. Detto personale dovrà tassativamente evitare di mischiare i rifiuti differenziati e avrà la totale responsabilità del loro conferimento nelle isole, inserendo i rifiuti stessi in contenitori appropriati (ciascun contenitore dovrà riportare l indicazione della tipologia di rifiuto). L Appaltatore dovrà, a sua totale cura e rischio, curare tutti gli aspetti riguardanti lo smaltimento dei rifiuti assimilati ad urbani: fornitura di scatole, cassonetti, buste, ecc., sostituzione e pulitura degli stessi con cadenze opportune, trasporto dei rifiuti fino agli idonei siti di smaltimento. Eventuali danneggiamenti agli arredi e alle apparecchiature presenti in tutti gli ambienti e nei servizi igienici di uso comune e non, dovranno essere segnalati tempestivamente all Amministrazione entro il giorno successivo all accaduto, mediante apposita comunicazione scritta, specificando le modalità dei fatti causativi nonché se individuati gli autori dei medesimi. Eventuali danni non segnalati saranno addebitati all Appaltatore secondo le quotazioni di analoghi prodotti riscontrabili sul mercato all atto della constatazione dell evento. Di seguito vengono fornite alcune indicazioni non esaustive sulle attività di pulizia, piano guida che l Appaltatore dovrà assumere come riferimento nella predisposizione delle Relazioni Tecniche che dovranno essere prodotte in fase di gara, come indicato nel Disciplinare di gara. Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 14

15 2.2. TIPOLOGIA DELLE AREE Tutti i locali e i beni da pulire nelle strutture sanitarie e negli uffici relativi alle strutture oggetto del presente appalto, in generale, sono stati individuati e suddivisi nelle seguenti Macro Aree: o BLU - area superfici scoperte, aree esterne e a verde: cortili, parcheggi, rampe di accesso, aree verdi piazzali, porticati, marciapiedi, scantinati, vialetti del cortile interno, giardini, terrazze, balconi, officine, scale esterne principali e secondarie, etc<. o VERDE - aree a basso rischio infettivologico ed aree tecniche: uffici, aree di transito, portinerie, atri di ingresso, androni, hall, attese, corridoi di collegamento, disimpegni, pianerottoli, corridoi,, scale interne, ascensori, montacarichi, depositi, locali archivi, magazzini, locali impianti tecnici, spogliatoi del personale, studi medici, ambulatori, astanterie, servizi di Diagnostica per Immagini (Radiologia e TAC), etc..; o GIALLA - aree a Medio Rischio infettivologico: reparti di degenza,, Laboratori Analisi e Centri Prelievo, Medicina Nucleare, servizi igienici di reparto, servizi igienici pubblici, etc< o ROSSA - aree a Alto Rischio infettivologico: Sale Operatorie e locali annessi, Sale parto, Rianimazione, Terapia Intensiva Neonatale, Terapia Intensiva, Reparti infettivi, semintensivi, isolamento, ecc. Nell ALLEGATO D Classificazione superfici sono riportate le indicazioni per ogni locale in base alla classificazione e al numero di passaggi richiesti per la corretta erogazione del servizio. Ogni area dovrà avere il trattamento di pulizia adeguato rispetto alla destinazione d uso. Le ditte concorrenti dovranno presentare nell apposita relazione le modalità di esecuzione del servizio di pulizia, distinto per le diverse tipologie di Aree sopra menzionate, e comunque in accordo con le specifiche imposte di seguito nel presente capitolato tecnico. Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 15

16 Resta inteso che le ditte concorrenti dovranno esprimere l offerta di gara utilizzando il parametro dei metri quadri (mq) suddiviso per tipologia di destinazione d uso e per numero di passaggi richiesti MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO L Appaltatore, per espletare il servizio a perfetta regola d arte, dovrà garantire presso le strutture la presenza di personale qualificato assicurando il servizio nei giorni della settimana di seguito indicati. Il servizio dovrà essere svolto con i seguenti orari: o servizio di pulizia di tutte le aree interne dei siti Ospedalieri (reparti, settori, ambulatori, astanterie, servizi igienici, aree di transito, etc <) ad eccezione del Blocco Operatorio, con le seguenti modalità: primo passaggio dalle ore 6:00 alle ore 7:00 secondo passaggio dalle ore 11:00 alle ore 12:00 terzo passaggio dalle ore 14:00 alle ore 15:00 quarto passaggio dalle ore 19:00 alle ore 20:00 o servizio di pulizia di tutte le aree del Blocco Operatorio, con le seguenti modalità: primo passaggio dalle ore 6:00 alle ore 7:00 secondo passaggio dalle ore 16:00 alle ore 21:00 o servizio di pulizia di tutte le aree esterne dalle 7:00 alle 8:00; o servizio di pulizia degli Uffici Amministrativi dalle ore 14:00 alle ore 15:00. Fermo restando che il servizio dovrà essere svolto dall Appaltatore in completa autonomia gestionale, l Amministrazione dell A.O.U. potrà esprimere proprie esigenze che, compatibilmente con i piani di lavoro impostati, dovranno essere accolti. In particolare l amministrazione dell A.O.U. potrà richiedere di modificare le fasce orarie di intervento al fine di ridurre l intralcio alle normali attività cliniche. Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 16

17 2.4. INDIRIZZO SULLE ATTIVITÀ DI PULIZIA L Appaltatore dovrà usare la metodica del codice colore per le operazioni di pulizia. Tale metodica prevede l utilizzo di attrezzature colorate in modo da identificare il loro utilizzo nella classe del rischio infettivologico. L Appaltatore prima di iniziare l esecuzione dell appalto, dovrà comunicare all Amministrazione dell A.O.U. il codice colore delle attrezzature riferito all uso (esempio: per lavare e pulire la tazza wc e il bidet spugne e panni di colore rosso; per lavare e pulire gli altri elementi dei servizi igienici lavabi, rubinetti, docce, piastrelle, specchi, etc spugne e panni di colore azzurro; per lavare e pulire gli arredi tavoli, scrivanie, mobili, telefoni, etc spugne e panni di colore blu; etc.). Tutte le operazioni ad umido devono essere eseguite utilizzando prodotti che siano anche profumati in modo da lasciare evidente traccia della pulizia appena effettuata. Si riporta di seguito le specifiche minime (specifiche non esaustive) sui trattamenti di pulizia da effettuare nelle tipologie di aree previste dal presente Capitolato. SPOLVERATURA Operazione accurata di rimozione della polvere e delle ragnatele dagli arredi di qualsiasi genere (tavoli, sedie, suppellettili, apparecchi telefonici, computer, attrezzature informatiche, etc. ). La rimozione della polvere e dello sporco dovrà essere eseguita con strofinacci antipolvere trattati con appositi prodotti, ad umido con panno TNT inumidito di soluzione a base di acqua e detergente. La rimozione delle ragnatele va eseguita con appositi attrezzi che consentano di arrivare a diverse altezze. La spolveratura dai caloriferi e dagli infissi va eseguita con attrezzi tali da raggiungere facilmente qualsiasi angolo o anfratto. Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 17

18 SPAZZATURA O SCOPATURA Raccolta di polvere o rifiuti in genere depositati sui pavimenti, dovrà essere effettuata a secco mediante (uffici, androni, sale di attesa e ove possibile) attrezzature tecnologiche (aspiratori industriali o spazzatrici meccaniche conformi alle norme antinfortunistiche) oppure ad umido, con cambio del panno o del foglio TNT dopo ogni locale o nel caso di corridoi o grandi ambienti non oltre i 40 mq. LAVAGGIO PAVIMENTI Operazione di pulizia con cui viene asportato lo sporco non rimosso tramite la semplice scopatura. Il lavaggio dei pavimenti dovrà essere eseguito con apposita attrezzatura, con soluzioni di acqua e detergente idoneo e non tossico possibilmente alle dosi indicate dalla schede tecniche delle ditte fornitrici. Per il Blocco Operatorio dovrà essere prevista la disinfezione dopo aver provveduto alla detersione di tutte le superfici verticali ed orizzontali. INCERATURA PAVIMENTI L inceratura dei pavimenti dovrà essere eseguita velocemente per non ostacolare il passaggio degli utenti, utilizzando prodotti con tempi di lavorazione non superiore alla mezz ora e che siano rigorosamente antisdrucciolo; la posa della cera è subordinata ai corridoi. LAVAGGIO E DISINFEZIONE SERVIZI IGIENICI Il lavaggio e la disinfezione dei sanitari va eseguita con soluzione detergente (disinfettante deodorante) e/o polvere abrasiva. Il materiale necessario alle operazioni di pulizia dei servizi igienici (pagliette, panni-spugna, stracci del pavimento, ecc.) dovrà essere distinto per singolo accessorio con identificazione codice colore. Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 18

19 RISCIACQUO L operazione va eseguita ad umido con apposita attrezzatura, con acqua ed eventuale aggiunta di prodotti disinfettanti/deodoranti e va eseguita su tutte le superfici precedentemente lavate. PULIZIA VETRI L operazione va effettuata su entrambe le facce del vetro, utilizzando spugne o panni adatti, non utilizzati per altri scopi, impregnati con soluzione detergente debitamente alcalina a base di sostanze tensioattive, da rimuovere con spatole tergivetro. SVUOTATURA E DETERSIONE CESTINI I sacchi nei cestini portarifiuti devono essere asportati e sostituiti con nuovi, mentre i cestini per la carta devono essere svuotati in sacchi a perdere. Per tale attività dovranno essere utilizzati appositi carrelli mobili porta-sacco appositamente attrezzati, muniti di ruote pivottanti e gommate, e muniti di protezioni per non recare danni alle porte e pareti MODALITÀ DI EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI Oltre ai trattamenti da effettuare con cadenza quotidiana, settimanale, mensile, etc.. di seguito elencati, l Appaltatore dovrà effettuare anche un servizio di pulizia straordinaria. Tali interventi sono riportati in dettaglio nel paragrafo 5 Prestazioni Accessorie. A differenza delle attività ordinarie, che vengono pianificate ed erogate con continuità durante la gestione dell appalto, le pulizie straordinarie sono attivate da eventi improvvisi o non ricorrenti. Per queste attività l Appaltatore verrà remunerato a misura ( / mq per singolo passaggio) secondo le tariffe utilizzate per la composizione dell offerta. L elenco delle attività e delle operazioni di pulizia da eseguire in base alla cadenza indicata è puramente indicativo e non esaustivo. Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 19

20 In fase di avvio provvisorio del servizio l Appaltatore dovrà presentare un Piano Dettagliato di Lavoro, che dovrà essere approvato dall Amministrazione dell A.O.U. e dalla Direzione Sanitaria dell A.O.U.. Qualsiasi modifica o variazione del Piano dovrà essere concordata in contraddittorio fra le parti. Nel Piano Dettagliato di Lavoro dovrà essere indicata: l organizzazione, il coordinamento di tutte le attività e la pianificazione temporale delle attività programmate con i relativi luoghi di intervento presso i singoli immobili; in particolare, tale documento potrà essere utilizzato dagli Organi di Controllo dell A.O.U. per verificare le specifiche di intervento e la relativa frequenza. Le attività che l Appaltatore dovrà effettuare sono suddivise in due tipologie: a passaggio e periodiche programmate. Quelle a passaggio si riferiscono a tutte quelle operazioni di pulizia che vengono effettuate ad ogni singolo passaggio la cui frequenza è indicata nell allegato D Classificazione superfici. La tipologia di attività denominate periodiche programmate, invece, si riferiscono a tutte quelle operazioni di pulizia che hanno frequenze varie in relazione alla singola operazione (bisettimanali, settimanali, ecc.) ossia non legate alla frequenza di pulizia del singolo ambiente ATTIVITÀ A PASSAGGIO Le attività di seguito elencate dovranno essere eseguite in base alla periodicità e per il numero di passaggi così come previsto nell allegato D Classificazione superfici al fine di garantire le migliori condizioni igieniche. o Aree ad Alto Rischio: svuotamento dei cestini portarifiuti e dei contenitori con ripristino dei sacchi; scopatura ad umido dei pavimenti e dei relativi battiscopa con panno TNT imbevuto di soluzione detergente, con cambio di panno TNT dopo ogni locale od ogni 40 mq; Servizio di Pulizia e Sanificazione Allegato C - Capitolato Tecnico rev. 7.0 Pag 20

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO TRIENNALE DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE - SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI DELLA ASL N 7 DI CARBONIA ( Lotto Unico - CIG

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l affidamento del servizio di pulizia ordinaria e di attività ausiliarie accessorie per la sede nazionale di Fondimpresa sita in Roma in via della Ferratella in Laterano n. 33 CAPITOLATO

Dettagli

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali.

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. Pontecagnano Faiano,lì 28.07.2005 (Aggiornamento 4.08.2005) INDICE ART.1 NORME DI

Dettagli

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e

Capitolato Tecnico Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e Servizi di Pulizia degli uffici e servizi annessi CIG 57752742DF Gara per l'affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi da prestare presso la sede di Roma - Piazza Poli, 37/42 00187

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GARA EUROPEA A PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFESTAZIONE, PRESTAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO E LA MINUTA MANUTENZIONE DEI LOCALI, RELATIVI AGLI IMMOBILI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2010-2013. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE FINANZIARIA Settore Acquisto Beni e Servizi e Gestione Contratti CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI EDIFICI DELL

Dettagli

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca CONTRATTO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILIMENTI DI ROMA DELL ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO S.p.A.: - STABILIMENTO DI P.ZZA VERDI - P.zza Verdi 10 - STABILIMENTO SALARIO Via

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

CONSIP S.p.A. ALLEGATO 8 PREZZI

CONSIP S.p.A. ALLEGATO 8 PREZZI ALLEGATO 8 PREZZI Allegato 8 - Prezzi Pag. 1 di 15 INDICE SEZIONE 1 PREZZI DEI SERVIZI PREDEFINITI 3 1.1 Servizi di Consulenza Gestionale 3 1.2 Servizi di Manutenzione degli Impianti 4 1.3 Servizi di Pulizia

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

PROGETTO DEL SERVIZIO

PROGETTO DEL SERVIZIO GISEC S.p.A. a Socio Unico Gestione Impianti e Servizi Ecologici Casertani Società soggetta ad attività di Direzione e Coordinamento da parte della Provincia di Caserta Sede Legale in Corso Trieste, 133

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

VADEMECUM SUL CONTRATTO MULTISERVIZI

VADEMECUM SUL CONTRATTO MULTISERVIZI Asal - Associazione delle Scuole Autonome del Lazio SEDE OPERATIVA: 115 Circolo Didattico di Roma Angelo Mauri Via Angelo Mauri, 5 00139 ROMA Tel. 068104305 Fax: 068107723 e-mail: presidente@scuolelazio.it

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Casa dello Studente Leonardo da Vinci Dateo Gauss Khayyam Archimede Carta dei servizi

Casa dello Studente Leonardo da Vinci Dateo Gauss Khayyam Archimede Carta dei servizi Area Tecnico Edilizia Area Servizi Residenziali Residenze universitarie Casa dello Studente Leonardo da Vinci Dateo Gauss Khayyam Archimede Politecnico di Milano Area Tecnico Edilizia Piazza Leonardo da

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 Gli inquilini sono tenuti oltre che all osservanza delle disposizioni contenute nel contratto di locazione anche a quelle del

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA Dipartimento per i Servizi nel Territorio Direzione Generale per il Personale della Scuola e dell Amministrazione CONVENZIONE QUADRO TRA IL MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, D'INTESA CON IL MINISTERO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

SERVIZIO DI NOLEGGIO E LAVAGGIO BIANCHERIA PIANA/CONFEZIONATA, FORNITURA DI CALZATURE, MATERASSERIA E CUSCINI/GUANCIALI NECESSARI ALL AZIENDA U.S.

SERVIZIO DI NOLEGGIO E LAVAGGIO BIANCHERIA PIANA/CONFEZIONATA, FORNITURA DI CALZATURE, MATERASSERIA E CUSCINI/GUANCIALI NECESSARI ALL AZIENDA U.S. SERVIZIO DI NOLEGGIO E LAVAGGIO BIANCHERIA PIANA/CONFEZIONATA, FORNITURA DI CALZATURE, MATERASSERIA E CUSCINI/GUANCIALI NECESSARI ALL AZIENDA U.S.L. DI PIACENZA CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1. OGGETTO DEL

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PARTE PRIMA (prima della compilazione leggere le istruzioni a pag. 2) MANIFESTAZIONE: (nome della manifestazione) SEDE:

Dettagli

Premessa. Gli scopi del presente documento sono:

Premessa. Gli scopi del presente documento sono: Premessa La società EUR Congressi Roma S.r.l. (di seguito Committente) in un ottica di Global Service ha affidato alla Marcopolo S.p.a., mediante contratto di servizio, la gestione dei servizi di Facility

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari,

Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari, Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari, Viale dei Giornalisti 6, Edificio E, per una durata di 24 mesi. L anno duemilatredici, il giorno 07 del mese di agosto

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ED ALTRI SERVIZI, TESI AL MANTENIMENTO DEL DECORO E DELLA FUNZIONALITA DEGLI IMMOBILI, PER GLI ISTITUTI SCOLASTICI DI

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli