Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione, ha pronunciato la seguente D E C I S I O N E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione, ha pronunciato la seguente D E C I S I O N E"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA N. 1807/05REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N REG. RIC. ANNO 2004 Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Quinta Sezione, ha pronunciato la seguente D E C I S I O N E sui ricorsi in appello n del 2004 proposto dall Azienda Ospedaliera Monaldi di Napoli, rappresentata e difesa dall Avv. Paolo Vaiano ed elettivamente domiciliata presso lo stesso, in Roma, Lungotevere Marzio n. 3 c o n t r o - la costituenda ATI Gruppo Samir Global Service a r.l. in persona del legale rappresentante p.t. e società cooperativa Splendid-Splendor Italia, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentata e difesa dagli Avv.ti Angelo Clarizia e Andrea Abbamonte ed elettivamente domiciliata presso lo studio del primo, in Roma, via Principessa Clotilde n. 2 - l ATI Emme Service a s.r.l., in persona del legale rappresentante p.t. e la Florida 2000 s.r.l., in persona del legale rappresentante p.t., rappresentata e difesa dagli Avv.ti Giuseppe e Orazio Abbamonte ed elettivamente domiciliata in Roma, via G. Porro n. 8 - la Cooperativa Esperia s.c.a.r.l. in persona del legale rappresentante p.t., n.c. - il Consorzio IGS - Impresa General Service - il persona del legale rappresentante p.t., n.c. - il Collegio dei revisori dei conti dell Azienda Monaldi, in persona del suo presidente p.t., n.c. - la Commissione regionale di controllo sugli atti delle aziende ospedaliere, in persona del suo presidente p.t., n.c. - l Assessorato alla Sanità della Regione Campania, in persona dell Assessore p.t., n.c. n.7613 del 2004 proposto da ATI Emme Service s.r.l.-forida 2000 s.r.l., in persona del legale rappresentante p.t. della capogruppo mandataria Emme Service, rappresentata e difesa dagli Avv.ti Orazio Abbamonte e Mario Sanino ed elettivamente domiciliata presso lo studio legale Sanino, in Roma viale Parioli n. 180 c o n t r o - la costituenda ATI Gruppo Samir Global Service a r.l. in persona del legale rappresentante p.t. e società cooperativa Splendid-Splendor Italia, in persona del legale rappresentante p.t., rappresentata e difesa dagli Avv.ti Angelo Clarizia e Andrea Abbamonte ed elettivamente domiciliata presso lo studio del primo, in Roma, via Principessa Clotilde n. 2

2 - la SEGI s.r.l., in persona del legale rappresentante p.t., n.c. - il Consorzio IGS - Impresa General Service - il persona del legale rappresentante p.t., n.c. - l Azienda ospedaliera Monaldi di Napoli, in persona del direttore generale p.t., n.c. per l annullamento della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania-, Sezione prima, n dell Visti gli atti di costituzione in giudizio delle parti intimate; Visto l appello incidentale della soc. Gruppo Samir Global Service s.r.l. proposto in entrambi i giudizi; Viste le memorie prodotte dagli appellanti e dalle parti resistenti; Visti gli atti tutti di causa; Udito, alla pubblica udienza del 21 dicembre 2004, il relatore, consigliere Nicolina Pullano, ed uditi, inoltre, gli Avv.ti Resta per delega dell avv. Vaiano, O.Abbamonte, Clarizia, Sanino e A.Abbamonte; Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue: F A T T O L Azienda Ospedaliera Monaldi, con provvedimento n. 81 del , ha indetto una gara per l aggiudicazione quinquennale del servizio di pulizia dell Ospedale. A gara conclusa con la proposta di aggiudicazione al Consorzio IGS, sono state segnalate, sia da alcune delle ditte concorrenti sia dal sindacato ORSA (Segreteria Territoriale della Campania della Federazione Italiana Servizi ed Ambiente), gravi irregolarità nella valutazione dell offerta economica per la parte concernente i costi di gestione del personale. Pertanto, la direzione dell Azienda ospedaliera ha chiesto chiarimenti alla Commissione di gara in ordine alla omessa valutazione delle offerte economiche secondo le indicazioni contenute nella lettera di invito, nella quale erano indicati gli elementi da considerare per l analisi dei costi ed era precisato che sarebbero state escluse dalla gara le offerte nelle quali il costo del lavoro previsto fosse risultato inferiore al costo stabilito dal contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) di categoria e dalle leggi previdenziali ed assistenziali ed era imposto a pena di esclusione dalla gara il rispetto del CCNL in materia di salvaguardia occupazionale dei lavoratori presenti sull appalto e la formulazione dell offerta in maniera tale che il costo della manodopera non fosse inferiore al costo orario minimo previsto dalla tabella FISE giugno Non avendo ricevuto risposta pertinente rispetto alla problematica segnalata, con determinazione del Direttore generale n. 794 del , l Azienda ospedaliera ha deciso di annullare in autotutela il procedimento di gara e, conseguentemente, di non aggiudicare l appalto. Si è anche riservata di adottare ulteriori provvedimenti per garantire la continuità del servizio di pulizia essenziale per la gestione delle attività istituzionali. Infatti, dopo una breve proroga del rapporto con la soc. La Sanitas, che già gestiva il servizio, in data ha indetto una nuova gara, e, nelle more, stante l accertata impossibilità di proseguire il

3 rapporto con la soc. Sanitas a causa del continuo stato di agitazione dei lavoratori dipendenti, ha affidato temporaneamente il servizio a trattativa privata alle società Emme Service e Florida Al punto 4 del testo del nuovo bando era previsto che i partecipanti alla gara avrebbero dovuto produrre, come titolo per la partecipazione, attestazioni relative all ultimo triennio di attività da cui risultasse che avevano prestato analogo servizio in strutture ospedaliere dotate di non meno di 700 posti letto, sulla base di contratti annuali unitariamente non inferiori a ,00 di euro. Seguiva un atto di rettifica, pubblicato il , con il quale il tetto del valore dei predetti contratti, veniva portato ad euro ,00. La gara si concludeva con la determinazione dirigenziale n. 471 del di aggiudicazione del servizio all ATI costituita dalle società Emme Service e Florida La soc. Gruppo Samir Global Service, che si era collocata al secondo posto nella prima gara ed è stata esclusa dalla partecipazione alla seconda gara per non avere soddisfatto il requisito di cui al punto 4 del bando - non avendo dimostrato di avere effettuato servizi presso strutture con almeno 700 posti letto per l importo di euro ,00 - con separati ricorsi e successivi motivi aggiunti, ha chiesto al TAR Campania l annullamento di tutti gli atti adottati dall Azienda ospedaliera. Il TAR ha respinto il ricorso proposto per l annullamento in autotutela della prima gara, del provvedimento di proroga del servizio alla Sanitas e del successivo provvedimento di affidamento del servizio a trattativa privata all Ati Emme Service-Florida 2000; ha, invece, accolto i ricorsi proposti per l annullamento del provvedimento di esclusione dalla gara, del bando di gara e dei verbali di gara, superando la questione pregiudiziale di irricevibilità del primo di detti ricorsi sollevata dalle parti resistenti, ed ha, comunque, affermato di non doversi pronunciare sulla domanda risarcitoria, essendo la stessa legata agli atti e comportamenti che sarebbero stati assunti a seguito delle statuizioni giudiziali. L Azienda ospedaliera e l ATI Emme Service-Florida, con separati appelli, hanno chiesto la riforma della sentenza nella parte in cui ha accolto i ricorsi proposti contro il nuovo bando di gara e gli atti del relativo procedimento. La società Gruppo Samir Global Service si è costituita in entrambi i giudizi e successivamente ha notificato appelli incidentali con i quali ha chiesto la riforma della sentenza per la parte in cui ha respinto i ricorsi proposti avverso il provvedimento di annullamento della prima gara e l affidamento provvisorio del servizio a trattativa privata all ATI Emme Service-Florida In prossimità dell udienza fissata per la trattazione degli appelli tutte le parti hanno depositato memorie con le quali hanno ribadito le proprie tesi difensive. D I R I T T O 1.- Gli appelli dell Azienda ospedaliera Monaldi e dell ATI Emme Service s.r.l. e Florida 2000 s.r.l., proposti separatamente contro la stessa sentenza, vanno riuniti ai sensi dell art. 335 c.p.c. 2.- L azienda ospedaliera Monaldi e l ATI Emme Service s.r.l. e Florida 2000 s.r.l. hanno impugnato la sentenza in epigrafe nella parte in cui il TAR, accogliendo il ricorso proposto dalla società Gruppo Samir Global Service, ha annullato il bando di gara del , indetto per l affidamento del servizio di pulizia dell ospedale, mentre la società Gruppo Samir Global Service con gli appelli incidentali, presentati in entrambi i giudizi ed aventi identico contenuto, ha contestato la correttezza della stessa sentenza nella parte in cui il TAR ha respinto il ricorso dalla stessa proposto avverso il provvedimento di annullamento, in sede di autotutela, della precedente gara, indetta il , e il successivo

4 provvedimento con il quale il servizio è stato interinalmente affidato, a trattativa privata, alle società Emme Service e Florida Gli appelli incidentali vanno prioritariamente esaminati per evidenti ragioni di ordine logico. 3.- La società Gruppo Samir Global Service - la quale ritiene di avere interesse all annullamento degli atti originariamente impugnati in quanto potenziale aggiudicataria della gara annullata, essendosi collocata al secondo posto della graduatoria e dovendo, a suo avviso, il Consorzio IGS, che aveva formulato l offerta più vantaggiosa, essere escluso, in sede di riattivazione del procedimento, per avere prodotto un offerta violativa dei limiti minimi del costo della manodopera - denuncia l erroneità della sentenza impugnata e reitera le censure di illegittimità, sotto più aspetti, della trattativa privata, che ha condotto all affidamento semestrale del servizio alle società Emme Service e Florida 2000, e di illegittimità del provvedimento di autotutela perchè adottato sul presupposto di una violazione delle prescrizioni del bando non accertata nè dalla commissione di gara nè dall amministrazione aggiudicatrice. In ordine a detto provvedimento sostiene, in particolare, che la motivazione dell atto, oltre che inadeguata in punto di interesse pubblico all annullamento della gara, sarebbe erronea ed illogica, in quanto la direzione del Monaldi, dopo avere chiesto alla commissione di gara chiarimenti in ordine alla verifica della compatibilità delle offerte economiche rispetto al dettato dell art. 1 della lettera di invito, per la parte concernente le disposizioni relative al costo del lavoro, pur essendosi la commissione dichiarata disponibile a valutare le controdeduzioni che il Consorzio avrebbe potuto fornire, ha annullato il procedimento di gara e deciso di non aggiudicare l appalto, senza accertare se effettivamente le offerte di tutti i concorrenti fossero violative del divieto di cui al citato art. 1. Le censure mosse al provvedimento di autotutela non possono essere condivise, sebbene per ragioni diverse da quelle del giudice di primo grado. L art. 1 della lettera di invito disponeva che la busta A) - offerta economica - avrebbe dovuto contenere anche l analisi dei costi relativi ai seguenti elementi: a) monte ore complessivo mensile; b) numero delle unità di personale da impiegare; c) costi della manodopera; d)... Precisava, inoltre, che saranno ritenute inammissibili, pertanto escluse dalla gara, tutte quelle offerte nelle quali il costo del lavoro previsto sia inferiore al costo stabilito dal CCNL di categoria e dalle leggi previdenziali ed assistenziali, così come risultanti dalla tabella FISE giugno 2001 (II livello).... La Commissione, come accertato dal Direttore amministrativo dell Azienda ospedaliera a seguito delle segnalazioni della Segreteria Territoriale Campania dell OR.S.A. (sindacato dei lavoratori servizi ed ambiente) e come, del resto, chiaramente risulta dai verbali di gara (v. verbale 28 ), ha proceduto all apertura dei plichi contenenti l offerta economica e l allegato piano dei costi, concludendo i lavori con la proposta di aggiudicazione del servizio al Consorzio IGS, senza svolgere alcuna attività di verifica in ordine alla sufficienza delle offerte economiche rispetto agli impegni imposti con il capitolato e con le note di invito alla gara. Il Direttore amministrativo ha, quindi, informato di tale omissione il Direttore generale dell Azienda (v. nota n. 210 del ), il quale, dopo avere chiesto chiarimenti alla commissione di gara, avendo ricevuto una risposta non pertinente - in quanto concernente la diversa ipotesi delle offerte anomale in

5 relazione alla quale la commissione ha dichiarato di essere disponibile a valutare le controdeduzioni che il Consorzio avrebbe fornito - e sostanzialmente evasiva - e, dunque, implicitamente confermativa del fatto che era stata omessa la verifica prevista dall art. 1 del bando che avrebbe potuto comportare anche l esclusione di tutte le imprese concorrenti - è pervenuto alla conclusione di annullare il procedimento, essendo lo stesso incompleto rispetto alle valutazioni di sufficienza delle offerte economiche destinate al personale, valutazioni richieste dalla legge (L. n. 327 del ) e, a pena di esclusione, dalla lettera di invito. Il provvedimento si rivela immune dai vizi lamentati, avendo l amministrazione seguito un percorso del tutto logico ed avendo proceduto all annullamento del procedimento per l accertata violazione delle prescrizioni di legge e del bando. Nè può ritenersi che, nella specie, fosse necessaria una diffusa motivazione sull interesse pubblico a disporre l annullamento della gara (piuttosto che procedere alla sua riapertura per la verifica dell adeguatezza delle offerte di tutte le imprese concorrenti relativamente al costo del lavoro), non essendovi posizioni giuridiche consolidate suscettibili di particolare tutela. Infatti, lo stesso Gruppo Samir a torto ritiene di avere un legittimo affidamento alla aggiudicazione della gara, essendosi collocato al secondo posto della graduatoria, non costituendo tale graduatoria un dato certo in mancanza della verifica, nei confronti di tutte le imprese partecipanti, dell analisi dei costi della manodopera e della salvaguardia occupazionale dei lavoratori e potendo, quindi, il Gruppo Samir vantare solo un interesse strumentale alla riapertura della gara e non già una posizione di particolare affidamento all aggiudicazione. E ciò non senza considerare, senza voler integrare la motivazione dell atto impugnato, ma ai soli fini di una percezione completa della situazione, che, da quanto risulta dalla determinazione n. 36 del , i dipendenti della soc. Sanitas, ex gestrice del servizio, già dal mese di settembre 2002 (e cioè prima che fosse adottato il provvedimento di autotutela), versavano in un noto stato di grave agitazione determinato dall esiguità del compenso per il lavoro svolto e dalla riduzione dell orario di lavoro, per cui con la gara bandita il per un importo presunto annuo di poco più di un milione e cinquecentomila euro - cioè per la stessa cifra che (come è incontestato) l Azienda ospedaliera aveva pagato alla concessionaria uscente, e pur essendo stato previsto (come è ugualmente incontestato) che il servizio avrebbe dovuto coprire una superfice complessivamente maggiore di quella cui faceva riferimento il precedente contratto - si profilava il rischio che si sarebbe ripetuta la stessa situazione che aveva compromesso l efficienza del servizio, non potendo la cifra preventivata garantire adeguati compensi al personale, e che, pertanto, sarebbe stata, comunque, inevitabile, come in effetti è avvenuto, la ripetizione della procedura sin dall inizio a condizioni diverse e più garantistiche. 4.- Parimenti infondate sono le censure mosse al provvedimento con il quale l Azienda ospedaliera, nelle more della preannunciata indizione della nuova gara, ha interinalmente affidato il servizio di pulizia a trattativa privata alle società Emme Service e Florida a) Deve essere innanzi tutto disattesa la doglianza secondo la quale si è fatto illegittimamente ricorso alla trattativa privata senza la previa pubblicazione del bando di gara. In proposito è appena il caso di ricordare che l art. 7, secondo comma, lett. d) del d.l.gs n. 157 (concernente l attuazione della direttiva CEE 92/50 in materia di appalti pubblici di servizi) consente il ricorso alla trattativa privata, nella misura strettamente necessaria, per impellente urgenza determinata da avvenimenti imprevedibili per l amministrazione aggiudicatrice e non imputabili alle amministrazioni stesse.

6 Nel caso in esame l Azienda ospedaliera, dopo avere tentato di far proseguire il servizio, nelle more della predisposizione del nuovo bando, prorogando per due mesi il contratto in atto con la società La Sanitas, si è determinata all affidamento ad horas del servizio a trattativa privata di fronte al progressivo aggravamento della situazione igienica provocato dal persistente (malgrado l intervento di precettazione del Prefetto) stato di agitazione, con astensione dal lavoro, dei dipendenti della società suddetta, che aveva indotto la Direzione Sanitaria dell ospedale e numerosi dirigenti medici a chiedere la sospensione dei ricoveri e la dismissione dei pazienti in degenza per il concreto rischio di infezioni. E, quindi, indubitabile che ricorressero i presupposti indicati dalla norma (urgenza impellente per le conseguenze derivanti dall acuirsi della descritta situazione conflittuale e non imputabilità alla amministrazione delle circostanze addotte) per farsi luogo alla trattativa privata senza previa pubblicazione del bando. 4.-b) La società istante deduce, inoltre, che la determinazione adottata sarebbe illegittima per non essere stata convocata alla trattativa, pur essendo stata giudicata, appena due mesi prima, idonea all espletamento del servizio. La censura è priva di fondamento tenuto conto che il Gruppo Samir, per le ragioni esposte al punto 3) che precede, non si trovava affatto nella rivendicata posizione peculiare che avrebbe imposto all amministrazione l onere di esternare le ragioni del mancato invito. Nè può il Gruppo Samir dolersi del fatto che non si è tenuto conto che aveva offerto nella gara annullata un prezzo notevolmente inferiore a quello per cui è stato affidato il servizio a trattativa privata, perchè - a parte la considerazione che, come si è già precisato, non era stata verificata l analisi dei costi per il personale contenuta nell offerta economica anche del Gruppo Samir - nella fase interinale di cui trattasi, il prezzo assumeva un valore secondario (e, peraltro, è stato oggetto di apposito negoziato: v. doc. 14 nel fasc. di primo grado dell attuale appellante incidentale), essendo preminente l interesse di commettere il servizio ad operatori del settore che sul mercato risultavano particolarmente qualificati per comprovate affidabilità, professionalità e serietà e, quindi, più idonei all espletamento del servizio. 4.- c) Con un ulteriore doglianza l appellante incidentale denuncia l illegittimità del comportamento dell Azienda ospedaliera, la quale, a suo dire, avrebbe condotto la trattativa privata con una sola ditta, invece di invitare più imprese operanti nel medesimo settore, ai fini di effettuare un confronto tra le loro offerte. Al riguardo, può osservarsi che, dalla documentazione versata in atti dalla stessa società Gruppo Samir (v. doc. 12, 13 nel fasc. primo grado), risulta che l Azienda ospedaliera in data ha convocato il direttore tecnico della Emme Service e l amministratore unico della Florida 2000, il primo per le ore 17,30 e il secondo per le ore 19,30, per formulare separatamente agli stessi una richiesta urgente di offerta economica per il servizio di pulizia di reparti, servizi ed uffici dell ospedale, che avrebbero dovuto far pervenire entro le ore 11 del giorno successivo. Solo a questo punto le due aziende hanno deciso di raggrupparsi in ATI e di presentare un unica offerta. Va, quindi dato atto che l Azienda, pur versando in una situazione di assoluta emergenza e pur godendo, in sede di trattativa privata, di una ampia discrezionalità, sindacabile solo sotto il profilo della illogicità delle scelte effettuate, ha, comunque, cercato di garantire un minimo di concorrenza; pertanto, non le si può imputare un comportamento illegittimo per il solo fatto che i due operatori convocati hanno successivamente deciso di costituirsi in ATI e di presentare un unica offerta.

7 5.- Per le considerazioni che precedono gli appelli incidentali devono essere respinti. 6.- Passando all esame degli appelli principali, appare opportuno ricordare che la società Gruppo Samir, esclusa dalla seconda gara bandita dall Azienda ospedaliera Monaldi perchè non ha dimostrato, come richiesto dal punto 4 del bando, di avere effettuato negli ultimi tre anni servizi di pulizia presso ospedali che, singolarmente considerati, non avessero meno di 700 posti letto con un contratto unico di importo non inferiore ad ,00 per anno, ha impugnato il bando di gara perchè ha ritenuto illegittima, sotto più aspetti, la clausola suddetta. 7.- Ciò premesso, va innanzi tutto disattesa l eccezione di tardività del ricorso sollevata già in primo grado dalle parti attualmente appellanti e respinta dal TAR. Queste insistono nel sostenere che il ricorso straordinario al Capo dello Stato (successivamente trasferito in sede giurisdizionale) è stato proposto dalla società Gruppo Samir facendo decorrere il termine di centoventi giorni non dalla data del di pubblicazione del bando di gara, ma dalla data del , in cui è stata pubblicata una parziale rettifica del punto 4 del bando concernente la dimostrazione della capacità tecnico finanziaria, che da ,00 per anno è stata corretta in ,00. Sul punto la sentenza di primo grado deve essere confermata. Il TAR ha, infatti, correttamente ritenuto che la rettifica in questione avesse una portata sostanziale, in quanto l Azienda ospedaliera, mutando le condizioni di ammissione alla gara e riaprendo i termini di presentazione delle offerte, ha posto gli operatori di settore di fronte ad una nuova situazione idonea a far nascere un interesse alla partecipazione (inizialmente precluso dall importo in origine richiesto) e, quindi, all impugnativa della clausola anche per la parte in cui era richiesta la certificazione, rilasciata da strutture sanitarie pubbliche, attestante l effettuazione, negli ultimi tre anni, di servizi di pulizia presso ospedali che, singolarmente considerati, non avessero meno di 700 posti letto. 8.- Nel merito gli appelli sono fondati. Il TAR ha annullato il bando e, quindi, l intera procedura di gara, in quanto ha ritenuto illegittima la clausola di cui si è appena detto, giudicandola, a seguito di un esame globale del coacervo degli atti adottati, sovradimensionata rispetto all oggetto dell appalto, non solo in considerazione delle precedenti determinazioni adottate in sede di trattativa privata (alla quale era stato invitato un appaltatore del servizio di pulizia di una struttura dotata di un numero di posti letto notevolmente inferiore a 700), ma perchè ha trovato non decisivo il criterio del posto letto, tenuto conto della diversità quantitativa e qualitativa delle prestazioni da svolgere (una maggiore frequenza di interventi per gli ambienti ad alto rischio e una frequenza, via via, minore per gli ambienti a medio e basso rischio) e della particolare struttura del Monaldi articolato in più padiglioni e non in un unico corpo. 9.- Le argomentazioni del giudice di primo grado non possono essere condivise. 9. a) In ordine al preteso sovradimensionamento del requisito richiesto rispetto all oggetto della gara e la conseguente violazione dell art. 14, terzo comma, del d.l.gs. n. 157 del 1995, denunciata dalla ricorrente in primo grado, va precisato, in linea generale, che, secondo il costante indirizzo giurisprudenziale (cfr. C.d.S., Sez. V, n e n. 919; Sez. IV, n e n. 1114), che la Sezione condivide, nelle gare per l affidamento di appalti per lo svolgimento di pubblici servizi, in base agli artt. 13 e 14 del cit. d.l.gs., deve ritenersi legittima la clausola del bando con la quale l amministrazione, allo scopo di ottenere la dimostrazione della capacità economica, finanziaria e tecnica dei partecipanti, limiti l ammissione ai soli concorrenti che abbiano svolto, nel

8 triennio precedente, servizi identici, anche quanto alla tipologia delle strutture destinatarie, a quelli oggetto dell appalto. La legittimità della clausola di cui trattasi andava, quindi, verificata in relazione alla singola gara ed alla tipologia qualitativa e quantitativa del servizio richiesto senza l interferenza di considerazioni estranee, come, nella specie, è avvenuto. Infatti, il TAR ha preso in considerazioni le valutazioni effettuate dall Azienda ospedaliera nella precedente trattativa privata, notando che in quella sede l Azienda aveva deciso di rivolgersi a soggetti che effettuavano il servizio di pulizia nelle circostanti strutture AUP Policlinico, Istituto Pascale e A.O. Cardarelli, di cui il secondo dotato di un numero di posti letto nettamente inferiore a 700, perchè aveva valorizzato il rilievo regionale di tali strutture, che, però, non ha più ritenuto sufficiente in sede di predisposizione del successivo bando di gara pubblica. Al riguardo entrambe le appellanti fondatamente osservano che il dato citato è del tutto irrilevante, trattandosi di due situazioni eterogenee ed incomparabili, posto che il ricorso alla procedura informale della trattativa privata era stato determinato da una situazione di emergenza, che occorreva fronteggiare, in via provvisoria, per un periodo assai breve, privilegiando prevalentemente il criterio di scegliere, in un ristretto ambito territoriale, operatori del settore che sul mercato risultassero di comprovate affidabilità, professionalità e serietà. Nella gara pubblica europea, di fronte ad una platea più ampia di potenziali partecipanti, ben poteva, invece, essere elevata la soglia delle condizioni di partecipazione al fine di effettuare una selezione più qualificata e più conforme alla struttura destinataria del servizio. 9.- b) Parimenti privo di significato si palesa il rilievo che la connotazione edilizia dell Ospedale Monaldi, che sarebbe caratterizzata non da un unico corpo ma da una articolazione in padiglioni, riprodurrebbe una situazione analoga a quella in cui si erano trovate le imprese concorrenti che avevano prestato il servizio di pulizia in più ospedali di piccole dimensioni. Ora, a prescindere dal fatto, documentalmente dimostrato (v. doc. 7 e 8 nel fasc. dell Azienda ospedaliera del presente grado di giudizio), che il Monaldi risulta composto da un unico corpo articolato in settori, appare pienamente da condividere la tesi difensiva dell Azienda appellante la quale evidenzia come la capacità tecnica richiesta dal bando nulla ha a che vedere con l articolazione logistica dei corpi edilizi che ospitano le diverse branche specialistiche della struttura sanitaria, in quanto sono, di contro, rilevanti i problemi organizzativi di un servizio siffatto (i quali attengono alla gestione del personale, che opera in contemporanea nella struttura, ai turni ed alle pause, agli interventi sindacali, ecc.) nonchè l obiettivo che sia garantito il livello igienico degli ambienti trattati, in ogni sede ed in ogni unità operativa, nel numero e nella frequenza degli interventi richiesti. 9.- c) E, infine, da disattendere anche la censura - di cui la sentenza impugnata non si è occupata, ma che l originaria ricorrente ripropone nei suoi scritti difensivi - secondo la quale sarebbe del tutto illogico avere ancorato il possesso dei requisiti tecnici al posto letto, in quanto il capitolato d appalto non contiene alcun riferimento alla gestione, pulizia e rifacimento dei letti, che rientra, invece, nella competenza dei dipendenti ed ausiliari dell Azienda ospedaliera. La tesi suddetta è decisamente infondata, in quanto per una struttura ospedaliera il posto letto è un elemento fondamentale di misurazione delle difficoltà e della mole dei servizi di pulizia necessari, tenuto conto che intorno al posto letto gravita tutto il complesso organizzativo di un ospedale - e cioè tutte le attività, i servizi, le strutture e il personale addetto - il quale incide sul regolare svolgimento delle prestazioni sanitarie e sulle eventuali criticità dello stesso (come si è in precedenza ricordato, proprio il Monaldi ha vissuto un esperienza particolarmente critica, rischiando di dovere sospendere i

9 ricoveri e di dismettere i pazienti in degenza per il concreto rischio di infezioni, a causa dello stato di agitazione del personale addetto ai servizi di pulizia) Gli appelli dell Azienda ospedaliera Monaldi e dell ATI Emme Service e Florida 2000 vanno, pertanto, accolti e, per l effetto, in parziale riforma della sentenza impugnata, i ricorsi di primo grado nn. 8020, 8259 e del 2003 vanno respinti Le spese di entrambi i gradi del giudizio possono essere compensate. P. Q. M. il Consiglio di Stato, Sezione quinta, riunisce gli appelli in epigrafe; accoglie gli appelli principali e, per l effetto, in parziale riforma della sentenza impugnata, respinge i ricorsi di primo grado nn. 8020, 8259 e del 2003; respinge gli appelli incidentali. Spese compensate. Ordina che la presente decisione sia eseguita dall'autorità amministrativa. Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio del 21 dicembre 2004, con l'intervento dei Signori: Raffaele CARBONI Presidente Rosalia BELLAVIA Consigliere Aniello CERRETO Consigliere Nicolina PULLANO Consigliere est. Michele CORRADINO Consigliere L'ESTENSORE IL PRESIDENTE F.to Nicolina Pullano F.to Raffaele Carboni IL SEGRETARIO F.to Gaetano Navarra DEPOSITATA IN SEGRETERIA Il 19 Aprile 2005 (Art. 55, L. 27/4/1982, n. 186) IL DIRIGENTE F.to Antonio Natale

10 GFF N. RIC /2004

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Al riguardo, infatti, non si ravvisa alcun deficit motivazionale a carico della valutazione della Commissione di gara, che ha precisato l impossibilità di tenere conto delle indicazioni fornite

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:... atteso che il procedimento di verifica di anomalia, essendo improntato alla massima collaborazione tra l'amministrazione appaltante e l'offerente, non ha per oggetto la ricerca di specifiche

Dettagli

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato La giurisprudenza prevalente è difatti attestata che l incameramento della cauzione provvisoria ai sensi dell art. 48 cit. è una conseguenza sanzionatoria del tutto automatica del provvedimento di esclusione,

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Pagina 1 di 13 N. 01842/2015REG.PROV.COLL. N. 08855/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda)

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02291/2015REG.PROV.COLL. N. 10173/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:... la Sezione ha già posto rilievo, di recente e in una controversia attinente alla medesima procedura di gara, per quanto peculiare perché relativo ad avvalimento di garanzia nell ambito di un

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

Consiglio di Stato n. 507 del 04.02.2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 507 del 04.02.2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato MASSIMA: l'omessa dichiarazione di alcune condanne penali può essere sanzionata con l'esclusione dalla gara solo in presenza di un obbligo stringente imposto dal bando, mentre, in caso contrario, il concorrente

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Consiglio di Stato n. 2563 del 10/05/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 2563 del 10/05/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato MASSIMA: Nelle gare d appalto, ciascun membro di un associazione temporanea può impugnare a titolo individuale gli atti della procedura, atteso che il fenomeno del raggruppamento di imprese non dà luogo

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente 1 di 12 14/12/2011 7.43 N. 09570/2011 REG.PROV.COLL. N. 05442/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

ha pronunciato la presente Consiglio di Stato n. 4783 del 10.09.2012 in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)

ha pronunciato la presente Consiglio di Stato n. 4783 del 10.09.2012 in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) Il Consiglio di Stato, Sezione V, con la Sentenza del 10 Settembre 2012 n. 4783, ha accolto il ricorso presentato da una società in riforma alla Sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale della Basilicata,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 22 agosto 2013, n. 2073 Edilizia e urbanistica - Edificabilità dei suoli - Fasce di rispetto - La disciplina derivante dai vincoli imposti sulle aree in fasce di rispetto

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Consiglio di Stato. Sezione IV. Sentenza 23 marzo 2010, n. 1700. ha pronunciato la presente. Decisione

Consiglio di Stato. Sezione IV. Sentenza 23 marzo 2010, n. 1700. ha pronunciato la presente. Decisione Sull'importanza del principio del formalismo nelle procedure ad evidenza pubblica Consiglio di Stato, sez. IV, sentenza 23.03.2010 n. 1700 (Francesco Logiudice) I formalismi richiesti espressamente e tassativamente

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa -

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa - BANDO PER LA SELEZIONE DI 2.005 VOLONTARI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA EUROPEO GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE CAMPANIA Art. 1 Progetti e sedi di

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile. Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Corte di Cassazione, Sezione Lavoro civile Sentenza 24 marzo 2010, n. 7045 Integrale Sanzioni disciplinari - trasferimento del lavoratore per giustificato motivo tecnico,

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI,

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI, Delibera n. SCCLEG/16/2012/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato presieduta dal Presidente

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Inoltre, in tema di appalti pubblici di lavori, il Supremo Giudice Amministrativo ci insegna che:

Inoltre, in tema di appalti pubblici di lavori, il Supremo Giudice Amministrativo ci insegna che: Ed invero, l impresa aggiudicataria di un appalto deve non solo essere in regola con gli obblighi previdenziali ed assistenziali sulla stessa gravanti fin dal momento della presentazione della domanda,

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli