soltanto prima dell'apertura delle buste e, cioè, nell'assoluta inconsapevolezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "soltanto prima dell'apertura delle buste e, cioè, nell'assoluta inconsapevolezza"

Transcript

1 Cons.St., sez. V, , n Pres. Frascione, Est. Russo - Team Service Scarl (Avv.ti Sanino e Brugnoletti) e Azienda Unità Sanitaria Locale Ba/5 (Avv. Mastroviti) c. La Fiorita Scarl (Avv. Caputi Jambrenghi) Appalti e servizi pubblici Appalti pubblici - Contratti della P.A. - Offerte - Valutazione - Fissazione di sottocriteri da parte della commissione di gara dopo la conoscenza delle offerte Impossibilità - Sussiste solo prima dell'apertura delle buste e, cioè, nell'assoluta inconsapevolezza del loro contenuto. Nel caso di gara da aggiudicare mediante il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, la determinazione di sottocriteri per la valutazione delle offerte da parte della commissione di gara non può mai avvenire laddove il seggio di gara conosca già elementi allegati dalle ditte. La determinazione di sottocriteri per l'attribuzione dei punteggi ai diversi fattori ponderali delle offerte può essere effettuata dalla commissione di gara, in ossequio ai principi di imparzialità e par condicio, soltanto prima dell'apertura delle buste e, cioè, nell'assoluta inconsapevolezza del loro contenuto e nell'obiettiva impossibilità di essere in qualche modo condizionata dalla preventiva avvenuta conoscenza di elementi rilevanti ai fini della valutazione delle offerte. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ha pronunciato la seguente DECISIONE Sul ricorso in appello n. 1971/2006 del 10 marzo 2006, proposto dalle Soc.: TEAM SERVICE SCARL IN PROPRIO E QUALE CAPOGRUPPO ATI; ATI CONSORZIO NAZIONALE SERVIZI SCARL rappresentate e difese dall avv. Mario Sanino e Massimiliano Brugnoletti con domicilio eletto in Roma Viale Parioli, n. 180 presso l avv. Mario Sanino; CONTRO

2 L A.U.S.L. BARI N. 5 non costituitasi; LA FIORITA SCARL rappresentate e difese dall avv. Vincenzo Caputi Jambrenghi con domicilio eletto in Roma Via Vincenzo Picardi n. 4/B presso l avv. Vincenzo Caputi Jambrenghi; Sul ricorso in appello n. 2860/2006 del 6 aprile 2006, proposto dall AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE BA/5 rappresentata e difesa dall avv. Fulvio Mastroviti con domicilio eletto in Roma Viale delle Milizie, n. 34 presso l avv. Andrea Botti; CONTRO LA FIORITA SCAR rappresentata e difesa dall avv. Vincenzo Caputi Jambrenghi; THEAM SERVICE SCARL non costituitasi; per la riforma della sentenza del TAR PUGLIA-BARI: Sezione I n. 204/2006, resa tra le parti, concernente GARA PUBBLICA PER AFFIDAMENTO SERVIZIO DI PULIZIA PORTIE- RATO E ALTRO; Visti gli atti di appello con i relativi allegati; Visti gli atti di costituzione in giudizio della soc. LA FIORITA SCARL; Viste le memorie difensive, Visti gli atti tutti della causa; Alla pubblica udienza del 15 dicembre 2006, relatore il Consigliere Nicola Russo ed uditi, altresì, gli avv.ti M. Sanino e V. Caputi Jambrenghi. FATTO 1. Con ricorso innanzi al TAR di Bari notificato in data "La Fiorita Scarl", oggi appellata, premetteva di aver partecipato alla gara, indetta dall Azienda U.S.L. Bari/5 con delibera D.G. n. 497 del , per l affidamento del servizio di pulizia e sanificazione, ausiliarato, facchinaggio, portierato e custodia degli immobili aziendali per un importo triennale a base d asta di euro IVA inclusa, secondo il sistema dell offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell art.23, comma 1, lett. b) D. Lgs. n. 157/95. Precisava che il "disciplinare di gara" (paragrafo riservato alle modalità di presentazione delle offerte) prevedeva che ciascun concorrente, ai fini della partecipazione, era tenuto a presentare tre buste, cioè la BUSTA "A" contenente la documentazione amministrativa, la BUSTA "B", contenente la documentazione tecnica e la BUSTA "C", contenente l offerta economica.

3 Precisava, inoltre, che nella busta "A" dovevano essere inserite anche le dichiarazioni inerenti: 1) la capacità finanziaria ed economica dell impresa (punto A.4), con indicazione del "fatturato globale dell impresa realizzato negli ultimi tre esercizi ( ), di importo complessivo non inferiore a quello di gara, ossia a quello di per il lotto A, oggetto del giudizio; 2) la capacità tecnica (punto A.5) dell impresa, con indicazione di "un elenco dei principali servizi prestati negli ultimi tre esercizio ( ), con il rispettivo importo, data e destinatario". Esponeva che il criterio prescelto per l aggiudicazione, secondo il sistema dell offerta economicamente più vantaggiosa, prevedeva l attribuzione del punteggio per un massimo di 100 punti complessivamente, da calcolarsi mediante l attribuzione di 50 punti al parametro tecnico e 50 punti al parametro economico. In particolare, precisava che il parametro del merito tecnico risultava così articolato nella lex specialis della gara: A.sistema organizzativo: 0-30; B.metodologie tecniche ed operative : 0-10; C. qualità e sicurezza: 0-5; D.prodotti macchinari ed attrezzature: 0-5. L esponente riferiva che la Commissione, nella seduta del 18 ottobre 2004, aveva introdotto dei sottocriteri di valutazione, che, in relazione all elemento A. "Sistema organizzativo di fornitura del servizio" (punteggio attribuibile max 30 punti), previsto dal bando di gara, erano così articolati: A1 esperienze e servizi max 5 punti; A2 esperienze servizi sanitari max 6 punti; A3 organizzazione aziendale max 8 punti; A4 programmi interventi periodici max 6 punti; A5 numero unità max 5 punti. Con il ricorso, lamentava, in sostanza, che i primi due elementi dei sottocriteri A1 ed A2 sarebbero desumibili dalla dichiarazioni rese dalle imprese nell ambito dei requisiti di ammissione, contenuti nella BUSTA "A", inerenti la capacità finanziaria ed economica dell impresa (A4) e la capacità tecnica dell impresa (A5), già aperte nella seduta del 29 luglio 2004, con la conseguenza che i suddetti subparametri sarebbero stati valutati, rispettivamente, in base al "fatturato conseguito nel settore delle pulizie nel triennio" ed in base al "fatturato conseguito nello specifico

4 settore delle pulizie in area sanitaria del triennio", cioè sulla base di dati di fatto già noti al momento della redazione dei sottocriteri, con l inevitabile conseguenza che l organo procedente sarebbe già stato consapevole dell inevitabilità di un assegnazione di punteggio massimo relativamente ai primi due elementi in favore della controinteressata ATI Team Service CNS, determinando così un distacco irrecuperabile fra le posizioni della ricorrente (ma anche delle altre concorrenti) rispetto a quella dell aggiudicataria, nonostante l offerta economica della prima fosse più interessante ed avesse, infatti, ottenuto 47,70 punti a fronte dei 43,85 punti ottenuti dall aggiudicataria. Pertanto, la ricorrente in primo grado poneva impugnazione fondata sui seguenti motivi di diritto: 1) violazione della lex specialis e dei principi generali in materia di gare pubbliche. Eccesso di potere per formulazione illogica ed intempestiva dei criteri di valutazione delle offerte da parte della commissione giudicatrice, disparità di trattamento, illogicità, contraddittorietà e carenza di motivazione, anche in relazione agli artt. 1, 2 e 3 l n.241, nel testo vigente; 2) illegittimità dell aggiudicazione derivante dall illegittimità che affligge gli atti del procedimento; 3) violazione della disciplina di gara e dei principi generali vigenti in materia di gare pubbliche. Eccesso di potere per la illogica duplicazione delle valutazioni in ordine ai concorrenti, disparità di trattamento, illogicità, contraddittorietà e carenza di motivazione. Sviamento; 4) illegittimità derivata; 5) violazione dell art. 97 Cost., in riferimento al bando di gara ed ai principi generali che presiedono alle gare pubbliche. Illegittimità derivata. Concludeva per l accoglimento del ricorso, con vittoria di spese. Con atto depositato in data 13 giugno 2005, si costituiva l Azienda U.S.L. intimata, la quale, con successiva memoria depositata il , precisava in fatto che la Commissione che aveva proceduto alla verifica della documentazione contenuta nella busta "A", nella seduta del , era formata dal Dirigente dell Area Gestione del Patrimonio e da tre dei suoi collaboratori dell area medesima (uno dei quali assumeva le funzioni di segretario) ed aveva operato in presenza dei delegati delle imprese offerenti anche quando si era proceduto all apertura delle buste concernenti la parte tecnica, "unicamente allo scopo di vidimare il voluminoso contenuto il quale veniva poi riposto in "enormi cartoni sigillati e siglati" dal suddetto Presidente e dai suoi collaboratori. Rilevava, quindi, che la successiva Commissione Tecnica -nominata con la successiva delibera D.G. n.886 dell prima di avviare la verifica materiale delle singole offerte tecniche, in data , si era dotata di una "griglia attribuzione punteggio qualità", in base al quale, la ricorrente realizzava un punteg-

5 gio tecnico pari a p.38,46 a fronte di quello di 47,90, realizzato dalla controinteressata e che soltanto a conclusione delle sedute erano state aperte le buste "C", concernenti l offerta economica, per infine effettuare la sommatoria dei punteggi. In diritto l amministrazione resistente in primo grado, evidenziava, fra l altro, che La Fiorita Scarl non avrebbe, comunque, interesse alla coltivazione del gravame, dal momento che, anche se fossero stati attribuiti punti eguali ai singoli elementi della summenzionata griglia di valutazione, l A.T.I. avrebbe, comunque, ottenuto il maggiore punteggio e, quindi, l aggiudicazione della gara. Concludeva per il rigetto del ricorso, con ogni consequenziale statuizione anche in ordine alle spese. Con atto depositato innanzi al TAR in data 4 giugno 2005, si costituiva la "società cooperativa Team Service a.r.l.", la quale, con memoria del , eccepiva la carenza di interesse della ricorrente in primo grado alla coltivazione del gravame, ribadendo che, anche se la commissione avesse previsto di distribuire equamente fra le singole componenti dell offerta tecnica i 30 punti messi a disposizione del bando di gara per la valutazione del sistema organizzativo, egualmente la ricorrente sarebbe risultata aggiudicataria della gara in questione. Nel merito, contestava la prospettazione di parte ricorrente secondo cui le dichiarazioni conosciute ex ante avrebbero potuto influenzare i criteri stabiliti dalla commissione, argomentando che si tratterebbe di dati assolutamente diversi, in quanto, mentre i primi atterrebbero al fatturato globale ed all elenco dei principali servizi generici, i secondi, oggetto di valutazione della commissione tecnica, atterrebbero, al contrario, al fatturato realizzato per servizi di pulizia (civile, industriale, etc.) ed a quello specificatamente realizzato per servizi di pulizia in ambito sanitario. Concludeva per il rigetto del ricorso, con ogni consequenziale statuizione anche in ordine alle spese. 2. Con la sentenza qui appellata il TAR ha accolto il ricorso. In sintesi il TAR ha ritenuto fondate le doglianze volte a contestare la circostanza che la commissione di gara ha inserito sottocriteri di valutazione e di attribuzione dei punteggi: in ordine ai quali assumevano rilievo elementi già conosciuti dal seggio di gara perché contenuti nella busta A, già esaminata; e peraltro dopo che erano state già aperte le buste contenenti le offerte tecniche (i cui contenuti quindi era conosciuti o comunque conoscibili). Il TAR ha peraltro apprezzato anche il rilievo relativo alla circostanza che i sottocriteri fissati dalla commissione attenessero illegittimamente a profili soggettivi e non già ad elementi del progetto-offerta.

6 I primi giudici hanno anche disatteso l eccezione di inammissibilità che avevano sollevato le parti resistenti in primo grado sulla base dell asserita circostanza che, alla luce dei dati allegati dalle ditte in gara, sarebbe risultato che comunque la ricorrente in primo grado doveva risultare aggiudicataria pure se la commissione non avesse determinato i richiamati sottocriteri. Il TAR ha, per converso, dedotto di non condividere le censure afferenti al lungo tempo di intervallo tra le sedute di gara e all adombrata inidoneità delle cautele adottate in ordine alla integrità dei plichi-offerta. In conclusione i Giudici di primo grado hanno ravvisato "la violazione di principi di imparzialità, di trasparenza, di segretezza e par condicio" sulla base dell assunto che "non possano essere introdotti dalla commissione giudicatrice ulteriori criteri dopo l apertura delle buste"; e che "nella specie il bando andava seguito tenendo presenti le ordinarie consuete regole concorsuali" e "la commissione di esperti avrebbe dovuto astenersi dall introdurre ulteriori specificazioni ai criteri già stabiliti dal bando, per cui appare in definitiva, censurabile non già il bando di gara, ma il modus operandi degli organi preposti alla gara". In tal senso il TAR ha quindi disposto "la caducazione di tutto il procedimento di gara" con assorbimento di ogni altra censura. 3. Avverso tale decisione hanno interposto separati appelli (che qui vengono riuniti) l AUSL BA/5 e la controinteressata in primo grado Team service Scarl. Nei due giudizi si è costituita la ricorrente in primo grado chiedendo il rigetto degli appelli. Le istanze cautelari, proposte dalle parti appellanti, sono state trattate nella Camera di Consiglio del 16 maggio In tale sede il Collegio ha apprezzato (peraltro esclusivamente) il profilo relativo al pregiudizio connesso all esecutività della sentenza appellata, sicchè per mero errore materiale il dispositivo delle ordinanze nn e 2451/06 risultava di rigetto. Tale errore materiale con riguardo all ordinanza n. 2438/06, è stato corretto con ordinanza n. 4129/06 emessa nella Camera di Consiglio del , risultando così sospesa la sentenza di primo grado sino alla decisione di merito. All odierna udienza, in vista della quale le parti hanno depositato memorie, i due appelli sono stati trattenuti per la decisione. DIRITTO 0. I due appelli in epigrafe hanno ad oggetto la medesima sentenza e vengono pertanto riuniti. Gli stessi meritano rigetto per le ragioni che si passa ad illustrare. 1. Con un primo ordine di censure, entrambi gli appelli contestano la decisione di primo grado nella parte in cui non avrebbe rilevato che, rispetto alle censure af-

7 ferenti la determinazione dei sottocriteri, la ricorrente in primo grado non avrebbe interesse, in quanto, anche sulla base di una paritetica distribuzione del punteggio tra i diversi sottocriteri, comunque la ricorrente in primo grado non sarebbe risultata vincitrice. Il motivo di appello viene inoltre articolato avendo riguardo ad una affermata netta preponderanza dei requisiti di esperienza in capo all aggiudicataria. I motivi devono essere disattesi, avendo correttamente il TAR ritenuto sussistente in capo alla ricorrente in primo grado un interesse alla contestazione in radice nel caso concreto - della determinazione di sottocriteri da parte del seggio di gara. Ed invero sul punto è sufficiente ricordare che il criterio della cui illegittima specificazione si discute aveva un peso ponderale di 30 punti e che nei punteggi conseguiti con riguardo agli altri punteggi certamente la ricorrente in primo grado non ha registrato uno scarto che consenta di affermare un preteso mancato superamento della cd. prova di resistenza, con riguardo alla contestazione del modo con cui il seggio di gara ha ritenuto di ripartire in sottocriteri il richiamato plafond di 30 punti. Ed invero, come giustamente osservato dai primi giudici, le censure non riguardano l assegnazione dei punteggi di cui ai sottocriteri, ovvero il sub-peso ponderale assegnato a ciascun sottocriterio, bensì l illegittimità radicale connessa alla stessa determinazione del seggio di gara di poter fissare una suddivisione in sottocriteri quando peraltro erano già noti elementi contenuti nella busta A - che poi avrebbero assunto rilievo con riguardo ai sottocriteri prescelti; per non dire che erano già aperte le buste relative alle offerte tecniche. Per tali ragioni i motivi di appello relativi ad una pretesa inammissibilità del ricorso ed in particolare delle richiamate censure, meritano rigetto. 2. In ordine logico, va poi esaminato il motivo di appello che l AUSL deduce affermando che il TAR sarebbe incorso in ultrapetizione là dove ha evidenziato che la determinazione di sottocriteri da parte del seggio di gara sarebbe risultata incompatibile con il carattere puntuale (nei contenuti e nelle fasi di gara) delle regole dettate dalla lex specialis. L AUSL appellante sul punto evidenzia che la portata del ricorso di primo grado era nel senso che la determinazione di sub criteri non fosse in radice preclusa ma era illegittimamente intervenuta quando per il seggio di gara erano conosciuti o comunque conoscibili elementi che hanno poi assunto rilievo in ordine ai subcriteri in concreto individuati. Tale motivo di appello è sostanzialmente irrilevante atteso che, se è vero che i primi giudici evidenziano la peculiare scansione procedimentale recata dalla lex specialis apprezzando un possibile elemento di incompatibilità della stessa con una determinazione di subcriteri da parte del seggio di gara, è altrettanto vero che, come chiaramente risulta dalla sentenza appellata, il TAR ha comunque ritenuto fondato il motivo afferente alla circostanza che i subcriteri non potevano es-

8 sere determinati sulla base degli elementi già conosciuti e conoscibili dal seggio di gara. E, come vedremo, è tale profilo della decisione che comunque merita conferma sì da privare di interesse l AUSL appellante alla contestazione dell affermato profilo di ultrapetizione, relativo alla possibile incompatibilità tra contenuti della lex specialis ed esercitabilità da parte del seggio di gara del potere di determinazione di subcriteri. Stessa irrilevanza, il Collegio evidenzia con riguardo al successivo ulteriore motivo di affermata ultrapetizione avanzato dall AUSL appellante con riguardo alla conoscibilità anche dei contenuti delle offerte tecniche di cui alle buste B.. Ed infatti, si ripete, questione decisiva e assorbente nella presente controversia, e già apprezzata dal TAR, è la circostanza che i sottocriteri sono stati determinati quando il seggio di gara già conosceva elementi concreti che hanno infatti assunto rilievo in base ai sottocriteri determinati dal seggio di gara. 3. Su tale profilo, le doglianze contenute nei due appelli, possono essere congiuntamente trattate riassumendosi nell affermazione che, nel determinare i contestati sottocriteri, la Commissione non avrebbe integrato le regole di gara, ma avrebbe assunto determinazioni in stretta consequenzialità delle stesse, si dà potersi affermare che, anche in assenza di tali sottocriteri le valutazioni della commissione, in applicazione dei criteri fissati dalla lex specialis, avrebbero infine attenuto ai medesimi profili. Tali assunti non possono essere condivisi dal Collegio. In definitiva le parti appellanti, nella consapevolezza del consolidato principio secondo cui la determinazione di sottocriteri non possa mai avvenire una volta che il seggio di gara consoce già elementi allegati dalle ditte che possono incrinare il carattere di necessaria imparzialità che la determinazione dei sottocriteri deve necessariamente avere, cercano di affermare che, nel caso di specie, gli stessi sarebbero risultati di contenuto sostanzialmente inutile perché meramente riproduttivo di quanto già stabilito nei criteri fissati dalla lex specialis. In realtà è sufficiente prendere visione da un lato del criterio di cui si discute e dei parametri di applicazione dello stesso, fissati dal disciplinare di gara e dall altro dei sottocriteri determinati dal seggio di gara, per avere conferma che detti sottocriteri, in conformità del resto con la nota funzione di tale strumento di specificazione, comportano anche in questo caso una specificazione del criterio cui si riferiscono anche a mezzo di concentrazione, di focalizzazione di elementi che il seggio di gara ha discrezionalmente - determinato di valorizzare; nonché a mezzo dei sub-pesi connessi alla suddivisione del punteggio. Ed infatti: - se è vero che per il criterio "Sistema organizzativo di fornitura del servizio" (punteggio attribuibile max 30 punti), il disciplinare di gara già prevedeva di apprezzare anche le "capacità tecniche ed esperienza maturata nello specifico settore delle pulizie a seguito di aggiudicazione di appalti";

9 - è altrettanto vero che il seggio di gara nel determinare i sottocriteri (dopo aver già conosciuto le specifiche dichiarazioni incluse nella busta A su capacità finanziaria ed economica e capacità tecnica, da comprovarsi con dichiarazioni relative al fatturato globale d impresa realizzato negli ultimi tre esercizi ( ) e con l elenco dei principali servizi presentati negli ultimi tre anni ( ), con i rispettivi importi, data e destinatario), ne ha individuati ben due relativi alla pregressa esperienza (A1 esperienze e servizi = 5 punti; A2 esperienze servizi sanitari = 6 punti). Con ciò operando una scelta di valorizzazione dell esperienza pregressa (in concreto conosciuta sulla base delle dichiarazioni contenute nella busta A) che certamente non può ritenersi dovuta o meramente consequenziale rispetto alle regole di gara, ma appunto frutto dell esercizio tipico della determinazione di sottocriteri, i quali nello specificare e nel valorizzare alcuni aspetti del criterio di base, costituiscono esercizio di discrezionalità nella predeterminazione dei vincoli che dovranno osservarsi in fase di valutazione delle offerte. Ed è proprio per il carattere discrezionale di tali determinazioni che, note regole di trasparenza e imparzialità, impongono che a tanto si provveda prima di aver conosciuto (come nel caso) o anche soltanto che siano conoscibili elementi idonei ad assumere rilievo nell applicazione della regola di valutazione che viene stabilita. Né può affermarsi che in definitiva i sottocriteri e l individuazione del peso dei sub-punteggi si tradurrebbero in un discrezionale apprezzamento delle offerte. Vi è infatti che proprio la natura del sottocriterio, destinato ad integrare una regola della successiva valutazione e come tale determinabile con canoni di maggiore discrezionalità, impone che l esercizio di tale discrezionalità (ovviamente astretta alla non modificabilità delle regole di gara) non sia nemmeno potenzialmente inficiato da elementi che ne incrinano i necessari carattere di trasparenza e imparzialità Sicchè, come correttamente rilevato dal TAR, a tale predefinizione di criteri di riferimento per l'attribuzione dei punteggi ai diversi fattori ponderali delle offerte, la Commissione di Gara, in ossequio ai principi di imparzialità e par condicio, può procedere soltanto prima dell'apertura delle buste e, cioè, nell'assoluta inconsapevolezza del loro contenuto e nell'obiettiva impossibilità di essere in qualche modo condizionata dalla preventiva avvenuta conoscenza di elementi rilevanti ai fini della valutazione delle offerte, come ribadito da constante giurisprudenza. Ai precedenti diffusamente richiamati dal TAR (Cons.St.: Sez. V n.6478 del 2002; Sez.VI, 20 dicembre 1999, n.2117; Sez.V, 26 gennaio 2001, n.264; Sez. V, n del 2000; Sez. VI, nn del 1999 e 370 del 1999; TAR Veneto, Sez. I, n del 2003; TRGA, BZ, 12 febbraio 2003, n.48; TAR Marche, 16 giugno 2003, n.607; TAR Toscana, Sez. II, 17 settembre 2003, n. 5107), può aggiungersi il richiamo al più precedente della Sezione n. 1590/06 e alle ulteriori pronunce dallo stesso richiamate (tra cui V sez. 155/04, 1791/05, e quanto ai limiti del potere integrativo consentito alle commissioni giudicatrici Corte di Giustizia sez. II n. 11/2005 del Nel caso di specie come correttamente rilevato dal TAR - è di palmare evidenza che le dichiarazioni rese nella BUSTA "A", in relazione ai requisiti di ammissione

10 sub A4 ed A5, sono perfettamente idonee a fornire elementi e dati certamente rilevanti ai fini della valutazione dei subparametri individuati dalla Commissione Tecnica A1 ed A2 (A1 esperienze e servizi= max 5 punti; A2 esperienze servizi sanitari= max 6 punti), in discrezionale specificazione del parametro fissato dalla lex specialis "Sistema Organizzativo di fornitura del servizio" (punteggio attribuibile max 30 punti). 4. La rilevata radicale impossibilità per il seggio di gara di determinare sottocriteri dopo aver conosciuto elementi rilevanti allegati dalle ditte già nella busta A, consente di assorbire ogni altra questione posta dalla causa con particolare riguardo al contenuto dei sottocriteri, essendo peraltro sul punto condivisibili i rilievi del TAR in ordine allo spiccato, e come tale autonomamente illegittimo, carattere soggettivo degli elementi che i sottocriteri avevano determinato di valorizzare. L annullamento, come già rilevato dal TAR, non riguarda il bando e la lex specialis che peraltro non risultano contestate, ma l intero successivo procedimento di gara, atteso che l illegittimità rilevata impinge sull inversione procedimentale connessa alla posposizione della determinazione di sottocriteri rispetto all apertura della busta A e alla conoscenza delle dichiarazioni nella stessa contenute. Spetterà ovviamente alla PA procedente valutare sulla base anche del lungo tempo trascorso, di tutti i rilievi comunque emersi nel contenzioso che qui si definisce e di ogni altro utile elemento se rinnovare ab initio la gara, ovvero lasciare ferma tutta la fase procedimentale non incisa dall annullamento, rinnovandosi solo la fase successiva, preferibilmente con diversa commissione. Ed invero non può ritenersi a priori precluso la rinnovazione del solo segmento inciso dall annullamento, in guisa dell avvenuta cognizione delle offerte economiche, atteso che, come evidenziato dalla giurisprudenza in materia di rinnovazione degli atti di gara a seguito di statuizione giurisdizionale, in siffatte peculiari ipotesi il principio di segretezza (principio cardine in materia di pubbliche gare), può trovare mitigazione conformemente ai principi di economicità, conservazione e buona amministrazione (tra le altre CdS VI n. 1668), anche al fine di evitare il nocumento eventualmente apprezzabile nel porre nel nulla l intera procedura. Più nel dettaglio là dove la PA non decida di rinnovare per intero la gara - in sede parziale riedizione del potere amministrativo l attività discrezionale della PA sarà astretta ad un più intenso onere di motivazione (Cons. St. sez. VI n del 2004), sì da consentire all eventuale sindacato giurisdizionale sulle parti della procedura rinnovate, di potersi esercitare con pienezza anche alla luce dell ormai avvenuto superamento dei tradizionali limiti alla cognizione del GA, connessi all equazione discrezionalità tecnica-merito amministrativo. 5. Per le ragioni esposte, i due appelli come innanzi riuniti devono essere respinti. Sussistono giusti motivi per compensare tra le parti spese, diritti ed onorari di giudizio. P.Q.M.

11 Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale sezione quinta, riuniti gli appelli in epigrafe e definitivamente pronunciando li rigetta e per l effetto conferma la sentenza di primo grado. Spese compensate. Ordina che la presente decisione sia eseguita dall autorità amministrativa. Così deciso in Roma nella Camera di Consiglio del 15 dicembre 2006 con l intervento dei Sigg.ri: Emidio Frascione Presidente Chiarenza Millemaggi Cogliani Consigliere Cesare Lamberti Consigliere Aldo Fera Consigliere Nicola Russo Consigliere estensore L'ESTENSORE IL PRESIDENTE f.to Nicola Russo f.to Emidio Frascione DEPOSITATA IN SEGRETERIA Il 12 giugno 2007 *****

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DEL LAZIO -SEZIONE III - N. RS Anno 2009 N.7088 RGR Anno 1996 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n.7088

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013

Consiglio di Stato n. 3580 del 05.07.2013 MASSIMA Ad avviso di questo Collegio, né l art. 23 della l. 18 aprile 2005, n. 62 (legge comunitaria 2004), né l art. 57 D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, né i principi comunitari consolidati in materia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Al riguardo, infatti, non si ravvisa alcun deficit motivazionale a carico della valutazione della Commissione di gara, che ha precisato l impossibilità di tenere conto delle indicazioni fornite

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013

Consiglio di Stato n. 1757 del 27/03/2013 MASSIMA nell appalto integrato, il concorrente alla gara è l appaltatore, il quale deve dimostrare il possesso dei requisiti professionali previsti nel bando per la redazione del progetto esecutivo in

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 4778 del 10.09.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato La giurisprudenza prevalente è difatti attestata che l incameramento della cauzione provvisoria ai sensi dell art. 48 cit. è una conseguenza sanzionatoria del tutto automatica del provvedimento di esclusione,

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:... la Sezione ha già posto rilievo, di recente e in una controversia attinente alla medesima procedura di gara, per quanto peculiare perché relativo ad avvalimento di garanzia nell ambito di un

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

DECISIONE. contro. per la riforma

DECISIONE. contro. per la riforma 1 di 8 04/05/2009 8.00 REPUBBLICA ITALIANA N.2401 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N.4481 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2008 ha pronunciato la

Dettagli

Pagina 1 di 13 N. 01842/2015REG.PROV.COLL. N. 08855/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TAR LAZIO - ROMA, SEZ. II - sentenza 5 novembre 2009 n. 10877 ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:... atteso che il procedimento di verifica di anomalia, essendo improntato alla massima collaborazione tra l'amministrazione appaltante e l'offerente, non ha per oggetto la ricerca di specifiche

Dettagli

Consiglio di Stato. Sezione IV. Sentenza 23 marzo 2010, n. 1700. ha pronunciato la presente. Decisione

Consiglio di Stato. Sezione IV. Sentenza 23 marzo 2010, n. 1700. ha pronunciato la presente. Decisione Sull'importanza del principio del formalismo nelle procedure ad evidenza pubblica Consiglio di Stato, sez. IV, sentenza 23.03.2010 n. 1700 (Francesco Logiudice) I formalismi richiesti espressamente e tassativamente

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente 1 di 12 14/12/2011 7.43 N. 09570/2011 REG.PROV.COLL. N. 05442/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

Febbraio 2012. A cura di Massimo URBANI

Febbraio 2012. A cura di Massimo URBANI L illegittima commistione tra requisiti speciali di partecipazione alle gare ed elementi di valutazione delle offerte : le ultime novità della giurisprudenza e dell Autorità per la vigilanza sui contratti

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Consiglio di Stato n. 2563 del 10/05/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 2563 del 10/05/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato MASSIMA: Nelle gare d appalto, ciascun membro di un associazione temporanea può impugnare a titolo individuale gli atti della procedura, atteso che il fenomeno del raggruppamento di imprese non dà luogo

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02291/2015REG.PROV.COLL. N. 10173/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Consiglio di Stato n. 507 del 04.02.2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

Consiglio di Stato n. 507 del 04.02.2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato MASSIMA: l'omessa dichiarazione di alcune condanne penali può essere sanzionata con l'esclusione dalla gara solo in presenza di un obbligo stringente imposto dal bando, mentre, in caso contrario, il concorrente

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Inoltre, in tema di appalti pubblici di lavori, il Supremo Giudice Amministrativo ci insegna che:

Inoltre, in tema di appalti pubblici di lavori, il Supremo Giudice Amministrativo ci insegna che: Ed invero, l impresa aggiudicataria di un appalto deve non solo essere in regola con gli obblighi previdenziali ed assistenziali sulla stessa gravanti fin dal momento della presentazione della domanda,

Dettagli

ha pronunciato la presente Consiglio di Stato n. 4783 del 10.09.2012 in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)

ha pronunciato la presente Consiglio di Stato n. 4783 del 10.09.2012 in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) Il Consiglio di Stato, Sezione V, con la Sentenza del 10 Settembre 2012 n. 4783, ha accolto il ricorso presentato da una società in riforma alla Sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale della Basilicata,

Dettagli

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG

Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG Deliberazione n. 10/SEZAUT/2010/QMIG LA CORTE DEI CONTI In Sezione delle Autonomie nell adunanza del 31 marzo 2010 Visto il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. 12 luglio 1934,

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di

Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di Analisi delle maggiori tesi dottrinarie su: Termine di standstill e meccanismo di sospensione automatica della stipulazione del contratto; riforma introdotta dal Decreto Legislativo n. 53/2010 di attuazione

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

dal comportamento, da un lato, dell amministrazione, dall altro dei concorrenti (Cons. reg. sic., 9 giugno 1998, n. 335). Parimenti viene esclusa

dal comportamento, da un lato, dell amministrazione, dall altro dei concorrenti (Cons. reg. sic., 9 giugno 1998, n. 335). Parimenti viene esclusa In vista del favore della partecipazione del maggior numero possibile di concorrenti alle pubbliche gare, in presenza di una formulazione poco chiara, va preferita l ammissione rispetto all esclusione

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Linee guida per l affidamento dei servizi attinenti all architettura all ingegneria Relazione AIR

Linee guida per l affidamento dei servizi attinenti all architettura all ingegneria Relazione AIR Autorità Nazionale Anticorruzione Linee guida per l affidamento dei servizi attinenti all architettura all ingegneria Relazione AIR 1. Le ragioni dell intervento dell Autorità L Autorità, a seguito di

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 22 agosto 2013, n. 2073 Edilizia e urbanistica - Edificabilità dei suoli - Fasce di rispetto - La disciplina derivante dai vincoli imposti sulle aree in fasce di rispetto

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME ISTITUTO PER L'INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME ISTITUTO PER L'INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME ISTITUTO PER L'INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE GUIDA OPERATIVA PER L UTILIZZO DEL CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE DELL

Dettagli

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia.

Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Su segnalazione dello Studio Legale Associato Fontana Ferrari di Brescia. Commento di B. Bosetti In seguito a ricorso straordinario al Capo dello Stato, è annullato il Piano di Governo del territorio (PGT)

Dettagli

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni.

Tale eccezione non può trovare accoglimento per le seguenti ragioni. Il danno non patrimoniale costituisce una categoria ampia ed onnicomprensiva, all interno della quale non è possibile ritagliare ulteriori sotto-categorie. Pertanto il c.d. danno esistenziale, inteso quale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI,

Corte dei conti. Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo. formata dai magistrati Giovanni DATTOLA, Carlo CHIAPPINELLI, Delibera n. SCCLEG/16/2012/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato presieduta dal Presidente

Dettagli

SAPERE ABBANDONO DI RIFIUTI

SAPERE ABBANDONO DI RIFIUTI IL CASO: La Polizia Locale rinviene su di un area privata in stato di degrado, che risulta parzialmente delimitata, rifiuti di vario genere (pezzi di auto, pneumatici, elettrodomestici e rifiuti urbani

Dettagli

LA COMMISSIONE TECNICA Vademecum informativo

LA COMMISSIONE TECNICA Vademecum informativo LA COMMISSIONE TECNICA Vademecum informativo Quadro normativo Le principali norme di riferimento sono, a livello nazionale, l`art. 84 D.Lgs. n. 163/2006 (Codice contratti pubblici) e, a livello provinciale,

Dettagli

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279 R E P U B B L I C A I T A L I A N A In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE D APPELLO PER LA REGIONE SICILIANA composta dai magistrati: dott. Salvatore CILIA dott. Salvatore

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

I.1. Sia la direttiva 2004/18 che il testo del Codice non apportano profonde innovazioni rispetto al regime previgente.

I.1. Sia la direttiva 2004/18 che il testo del Codice non apportano profonde innovazioni rispetto al regime previgente. Codice dei contratti pubblici: la trattativa privata negli appalti di servizi e forniture, il rinnovo e gli acquisti in economia nei settori ordinari. Prime notazioni. di Alessandro Massari I. La trattativa

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Rassegna delle massime dell Autorità in tema di Requisiti di partecipazione alle procedure di affidamento e avvalimento Anno 2013

Rassegna delle massime dell Autorità in tema di Requisiti di partecipazione alle procedure di affidamento e avvalimento Anno 2013 Rassegna delle massime dell Autorità in tema di Requisiti di partecipazione alle procedure di affidamento e avvalimento Anno 2013 di Nicoletta Torchio e Stefania Marcarelli Sommario: 1. Premessa 2. Requisiti

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti

PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti PART-TIME VERTICALE E LAVORO STAGIONALE La stagionalità pluriennale non implica pluralità di contratti di lavoro di Clarenza Binetti Corte di Cassazione Sez. lavoro Sentenza 28 ottobre 2009 n. 22823 (Pres.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Segretariato Generale Dipartimento per le Politiche di Gestione e di Sviluppo delle Risorse Umane DIPRU 2 Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione VIGILANZA CONTRATTI PUBBLICI Revisione ed aggiornamento della determinazione del 7 luglio 2010, n. 5 Linee guida per l affidamento dei servizi attinenti all architettura

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

I mezzi di impugnazione

I mezzi di impugnazione 4 I mezzi di impugnazione SOMMARIO 1. L appello previsto dall art. 310 c.p.p. 2. Il ricorso per Cassazione previsto dall art. 311 c.p.p. 2.1. La impossibilità di scelta per la difesa del c.d. ricorso per

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CAPITOLO XII LA FASE CONTRATTUALE

CAPITOLO XII LA FASE CONTRATTUALE CAPITOLO XII LA FASE CONTRATTUALE SOMMARIO: 1. Le attività prodromiche alla stipula del contratto. - 2. La consegna dei lavori, servizi e forniture. - 3. Il corrispettivo del contratto d appalto. L invariabilità

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana

La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana La proroga dei termini processuali scadenti il sabato e il ricorso straordinario al Presidente della Regione siciliana Francesco Castaldi Avvocato Sommario: 1. L art. 155 c.p.c. - 2. Il ricorso straordinario

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli