Indice. 1. Introduzione Pag Quadro generale» Centro per l impiego di Lauria» Centro per l impiego di Melfi» 17

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. 1. Introduzione Pag. 3. 2. Quadro generale» 4. 3. Centro per l impiego di Lauria» 14. 4. Centro per l impiego di Melfi» 17"

Transcript

1 AGOSTO 2007

2 Indice 1. Introduzione Pag Quadro generale» 4 3. Centro per l impiego di Lauria» Centro per l impiego di Melfi» Sportello integrato polivalente di Genzano» Sportello integrato polivalente di Baragiano» Centro per l impiego di Potenza» Centro per l impiego di Senise» Centro per l impiego di Villa D Agri» Sportello integrato polivalente di Lurenzana» Centro per l impiego di Lavello» Spazi di occupabilità nei comuni» Conclusioni» 41 Allegato» 46 2

3 1. INTRODUZIONE La presente analisi è condotta al fine di fornire elementi di supporto alla programmazione/progettazione di percorsi formativi nell ambito dell intervento di cittadinanza solidale, con specifico riferimento alla provincia di Potenza. I dati utilizzati provengono dalle aziende che hanno manifestato la propria disponibilità ad accogliere tirocinanti e da 65 Comuni della provincia di Potenza, che hanno indicato dei spazi occupazionali nel proprio territorio. Lo studio intende, dunque, orientare la progettazione di percorsi professionali, destinati a soddisfare le richieste delle imprese e a facilitare l incontro tra domanda e offerta di lavoro; vuole contribuire alla creazione di un giusto collegamento tra l attività di progettazione formativa e il mercato delle imprese, onde evitare che la progettazione sia, come spesso accade, avulsa dal contesto produttivo a cui fa riferimento. Ciò concorre a comporre non solo lo scenario relativo alla specifica azione denominata Cittadinanza solidale ma, seppure in modo incompleto, fornisce una panoramica delle attuali tendenze del tessuto imprenditoriale potentino; infatti, le 533 aziende analizzate, costituiscono un campione piuttosto rappresentativo, anche se non in termini statisticamente rigorosi, dell universo delle piccole e medie imprese (la quasi totalità delle imprese in oggetto appartiene infatti a questa categoria). La disamina dei dati ha condotto all approfondimento dei seguenti aspetti: Individuazione di spazi occupazionali in settori consolidati o emergenti e di figure professionali innovative o da (ri)qualificare; Delineamento dei caratteri distintivi di una formazione in linea con le richieste aziendali; Valutazione della spendibilità dell offerta formativa nel mercato del lavoro. L intento non è stato quello di rincorrere e definire tutti i profili professionali che potrebbero crearsi nei prossimi anni, con il rischio di parcellizzazione e superspecializzazione delle competenze, ma quello di definire la fisionomia unitaria e distintiva delle professioni, caratterizzate dall esigenza di intrecciare discipline e saperi diversi e da una forte integrazione a monte e a valle dei processi produttivi, attraverso la condivisione di competenze e finalità. I risultato della ricerca consiste in un contributo all implementazione di una formazione che si inserisce ponderatamente nello scenario produttivo della provincia di Potenza, riducendo il gap tra esigenze dell offerta ed aspirazioni della domanda. 3

4 2. QUADRO GENERALE L analisi effettuata ha lo scopo di supportare il Programma regionale di promozione della Cittadinanza solidale attraverso l elaborazione dei dati forniti dai Centri per l impiego della provincia di Potenza e riguardanti la disponibilità delle aziende ad ospitare tirocinanti. I dati esaminati sono relativi a Marzo Complessivamente, le aziende considerate risultano essere 533. La tabella di seguito riportata (tabella 1) mostra la distribuzione, in termini sia assoluti che relativi, delle aziende in base ai Centri per l impiego osservati. Il numero più alto di aziende pertiene al Centro per l Impiego di Lauria, ed è pari a 90, ovvero a circa il 17% del totale. Al Centro per l impiego di Potenza afferiscono, invece, 83 aziende, ovvero più del 15% del totale. Tuttavia, relativamente a questo dato, bisogna precisare che il numero effettivo di imprese afferenti al Centro per l Impiego del capoluogo diventa 208, ovvero il 39% del totale, se si considerano gli sportelli polivalenti di Baragiano, Genzano e Laurenzana, facenti capo proprio al CPI di Potenza. I valori parziali sono riportati in corsivo nella tabella 1. Tabella 1: Distribuzione delle aziende rispetto ai Centri per l impiego (valori assoluti e valori relativi) CPI N. Aziende % * Centro per l Agricoltura Villa D Agri 68 12,8% Potenza: ,0% di cui: Baragiano (S.I.P.) 37 6,9% Genzano (S.I.P.) 30 5,6% Laurenzana (S.I.P.) 58 10,9% Melfi 48 9,0% Lauria 90 16,9% Senise 46 8,6% Lavello* 73 13,7% TOT ,0% 4

5 Grafico 1: Distribuzione delle aziende rispetto ai Centri per l impiego 16% 13% 7% 14% 15% 9% 9% 11% 6% Villa D'Agri Baragiano Potenza Genzano Laurenzana Senise Melfi Lavello Lauria Per ciascun Centro, è stata effettuata un analisi in base a tre elementi: il settore di appartenenza delle aziende, il Comune ed i profili professionali richiesti. Di seguito, riportiamo i risultati dell osservazione relativi al totale delle aziende, per poi passare ad un analisi quantitativa che descriva lo scenario in cui si colloca ogni singolo Centro per l impiego. La tabella 2 mostra la distribuzione, in base al settore di appartenenza, delle 533 aziende analizzate. Il settore Industria e artigianato è risultato essere quello più diffuso, con un valore pari a circa il 30% del totale, seguito dal Commercio, con circa il 24%. E interessante notare che, in ambito industriale, solo l 1,3% del totale delle aziende opera nel distretto della produzione alimentare. La stessa quota si ritrova anche per il commercio alimentare (7 imprese sulle complessive 533). I servizi alle persone totalizzano l 11,3%. Cifre significative si riscontrano anche per l Artigianato, per il settore Agricoltura, caccia e pesca e per il settore turistico e alberghiero. Più ridotte le presenze in settori quali la ristorazione, l edilizia, i servizi socio-assistenziali, i servizi alle imprese, che hanno fatto registrare rispettivamente il 3,2% (ristorazione e servizi), il 2% e l 1% circa di presenze. Nell ambito dei servizi socio-assistenziali, si collocano le attività di volontariato, di consulenza e tutela, ma anche di formazione rivolta ai soggetti svantaggiati, nonché attività di promozione sociale dei lavoratori e dei cittadini. Per quanto riguarda, invece, i servizi alle imprese, tra questi sono menzionati le imprese di pulizia e i centri di elaborazione dati. Scarsissimo rilievo hanno, al contrario, numerosi altri settori (riportati in tabella 2), quali trasporti, attività sportive, zootecnia, edilizia artigiana. Infine, una presenza del tutto marginale si rileva per 5

6 settori quali l apicultura, l ambiente, il settore cultura e spettacolo, la consulenza e il settore minerario. Tabella 2: Distribuzione del totale delle aziende in base al settore di appartenenza (valori assoluti e valori relativi) SETTORE V. A. % INDUSTRIA E ARTIGIANATO ,8% AGRICOLTURA CACCIA E PESCA 33 6,2% COMMERCIO ,8% SERVIZI ALLE PERSONE 60 11,3% ALBERGHI E TURISMO 37 6,9% RISTORAZIONE 17 3,2% SERVIZI 4 0,8% SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI 10 1,9% INDUSTRIA: PRODUZIONE ALIMENTARE 7 1,3% SERVIZI ALLE IMPRESE 7 1,3% ARTIGIANATO 26 4,9% AGRICOLTURA E ZOOTECNIA 5 0,9% COMMERCIO ALIMENTARE 7 1,3% EDILIZIA 17 3,2% EDILIZIA ARTIGIANA 4 0,8% MINERARIO 1 0,2% APICULTURA 1 0,2% ATTIVITA' SPORTIVE 2 0,4% TRASPORTI 6 1,1% AMBIENTE 1 0,2% CULTURA E SPETTACOLO 1 0,2% CONSULENZA 1 0,2% TOT ,0% Il secondo elemento considerato, come abbiamo accennato, è il comune di appartenenza delle aziende. La tabella 3 fornisce la distribuzione del totale delle aziende considerate in base al comune. Ai comuni di Lavello e Potenza afferisce la percentuale maggiore di imprese, ovvero circa il 7% del totale, immediatamente seguito dal 6,6% del comune di Lauria, dal 5,4% di Venosa e dal 4,3% di Muro Lucano. 6

7 Tabella 3: Distribuzione del totale delle imprese in base al comune di appartenenza (valori assoluti e valori relativi) COMUNE V. A. % CASTELLUCCIO SUP. 2 0,4% CASTELLUCCIO INF. 11 2,1% LAURIA 35 6,6% NEMOLI 7 1,3% VIGGIANELLO 7 1,3% ROTONDA 10 1,9% MARATEA 4 0,8% TRECCHINA 3 0,6% LAGONEGRO 4 0,8% EPISCOPIA 2 0,4% LATRONICO 2 0,4% CASTELSARACENO 1 0,2% CHIAROMONTE 1 0,2% RIVELLO 1 0,2% ATELLA 2 0,4% BARILE 3 0,6% FORENZA 1 0,2% MELFI 18 3,4% PALAZZO SAN GERVASIO 3 0,6% RAPOLLA 3 0,6% RAPONE 3 0,6% RIONERO IN VULTURE 16 3,0% ACERENZA 9 1,7% BANZI 1 0,2% BARLETTA 1 0,2% FORENZA 7 1,3% GENZANO DI LUCANIA 6 1,1% PALAZZO SAN GERVASIO 6 1,1% BALVANO 1 0,2% BARAGIANO 5 0,9% BELLA 1 0,2% CASTELGRANDE 4 0,8% MURO LUCANO 23 4,3% PESCOPAGANO 3 0,6% ABRIOLA 9 1,7% AVIGLIANO 3 0,6% BALVANO 1 0,2% BELLA 2 0,4% CASTELGRANDE 2 0,4% LAURENZANA 21 3,9% MURO LUCANO 5 0,9% PIETRAGALLA 1 0,2% POTENZA 36 6,8% TITO 1 0,2% TOLVE 10 1,9% CALVERA 1 0,2% CARBONE 1 0,2% CHIAROMONTE 1 0,2% 7

8 FARDELLA 2 0,4% FRANCAVILLA IN SINNI (11+2) 13 2,4% NOEPOLI 2 0,4% ROCCANOVA 5 0,9% SAN SEVERINO LUCANO 1 0,2% SANT'ARCANGELO 3 0,6% SENISE 16 3,0% TERRANOVA DI POLLINO 1 0,2% BRIENZA 1 0,2% GALLICCHIO 10 1,9% GRUMENTO NOVA 2 0,4% GUARDIA PERTICARA 8 1,5% MARSICONUOVO 4 0,8% MARSICOVETERE 16 3,0% MARSICOVETERE FRAZ. VILLA D'AGRI 1 0,2% MISSANELLO 4 0,8% MOLITERNO 3 0,6% MONTEMURRO 1 0,2% PATERNO 3 0,6% TRAMUTOLA 5 0,9% VIGGIANO 2 0,4% VILLA D'AGRI 8 1,5% ANZI 14 2,6% ARMENTO 12 2,3% CALVELLO 11 2,1% CASTELMEZZANO 3 0,6% CORLETO P. 10 1,9% GAUDIANO DI L. 1 0,2% LAVELLO 36 6,8% MONTEMILONE 6 1,1% VENOSA 29 5,4% TOT ,0% Per quanto riguarda la distribuzione in base al terzo elemento, ovvero i profili professionali richiesti, l elaborazione dei dati forniti dai Centri per l impiego ha prodotto la tabella 4. Il totale dei profili è pari a 847 e il profilo più domandato dalle aziende è quello di tecnico di produzione, con un valore pari a 139, ovvero poco più del 16% del totale, seguito dall addetto al marketing (circa il 12%) e dall addetto all amministrazione e alla segreteria (11,5%). Il profilo di riparatore, montatore, manutentore e assistente tecnico ha totalizzato il 7,4% del totale delle richieste, mentre il 7,2% corrisponde ad una figura generica ovvero le imprese, pur segnalando la necessità di personale, non hanno specificato il profilo da ospitare. L addetto alla logistica, al magazzino e ai trasporti ha raggiunto quasi il 4%, mentre l addetto assistenza disabili e soggetti svantaggiati il 3%. Seppure con percentuali più basse, dobbiamo evidenziare la richiesta di profili quali l addetto alle vendite, l addetto alla progettazione e alla programmazione della produzione, il cameriere, l operaio, l addetto alla comunicazione e alla pubblicità, l addetto alla finanza e contabilità, 8

9 l informatico. Per questi ultimi profili menzionati, si passa da un valore minimo dell 1,4% ad un valore massimo del 2,6% dell addetto alle vendite. I profili che hanno totalizzato dalle 5 alle 9 richieste sono i seguenti: addetto qualità e sicurezza, animatore e istruttore, addetto fabbricazione e assemblaggio porte in legno ed affini, muratore, addetto assistenza clienti, addetto servizi di orientamento, addetto organizzazione e gestione risorse umane, addetto agli scaffali, addetto alle pulizie, autista, addetto settore commerciale, addetto attività di pasticceria-gelateria-bar. Tra gli altri profili, con percentuali inferiori all 1%, vi sono anche figure di apprendisti, quali apprendista pizzaiolo, barman, aiuto cuoco, muratore e carpentiere. Alcune aziende, inoltre, hanno dichiarato la propria disponibilità ad ospitare attività di tirocinio, in relazione a profili assai specifici e particolari, quali: 1. tirocinio presso cantieri del comune, nel quale si insegnano gli elementi fondamentali sulle costruzioni e con tà di una continuità lavorativa del tirocinante (1 richiesta); 2. tirocinio in servizi di informazione e di promozione delle prestazioni previdenziali, assistenziali e socio sanitarie (2 richieste); 3. tirocinio formativo in lavori d ufficio relativi a pratiche agricole forestali e lavori di campagna relativi a rilievi (1 richiesta); 4. tirocinio per formazione nell attività commerciale e nel lavoro (2 richieste); 5. tirocinio nel settore commerciale e formazione nella preparazione di composizioni di fiori e piante (1 richiesta); 6. tirocinio nella preparazione di addobbi e consegne a domicilio (1 richiesta); 7. tirocinio per lavori d ufficio e guida turistica (1 richiesta). Tabella 4: I profili professionali richiesti dal totale delle aziende (valori assoluti e valori relativi) PROFILI PROFESSIONALI V. A. % Tecnico di produzione ,4% Barista 10 1,2% Addetto amministrazione e segreteria 97 11,5% Informatico 17 2,0% Addetto logistica, magazzino, trasporti 33 3,9% Addetto marketing 99 11,7% Addetto qualità e sicurezza 9 1,1% Addetto alle vendite 22 2,6% Riparatore, montatore, manutentore, assistente tecnico 63 7,4% Addetto progettaz. e programmaz. della produzione 13 1,5% Addetto Eco-Audit e Ambiente 4 0,5% Addetto servizi alle persone 3 0,4% Cameriere 15 1,8% Cuoco 4 0,5% Operaio generico 13 1,5% Apprendista pizzaiolo 1 0,1% Apprendista barman 1 0,1% 9

10 Apprendista aiuto cuoco 1 0,1% Animatore e istruttore 5 0,6% Addetto comunicazione e pubblicità 13 1,5% Addetto fabbricazione e assemblaggio porte in legno ed affini 7 0,8% Pizzaiolo 1 0,1% Generico 68 8,0% Parrucchiera 1 0,1% Estetista 1 0,1% Muratore 9 1,1% Gessista 1 0,1% Carpentiere 3 0,4% Imbianchino 1 0,1% Impiegato 2 0,2% Addetto promozione sociale dei diritti dei lavoratori e dei cittadini 1 0,1% Addetto lavori di campagna, custodia animali e manutenzione azienda 3 0,4% Addetto produzione e confezionamento 3 0,4% Addetto lavorazione per la produzione di pane e biscotti 1 0,1% Istruttore di nuoto 1 0,1% Addetto ricerca e sviluppo 1 0,1% Addetto Centro diurno disabili 3 0,4% Addetto assistenza clienti 5 0,6% Aiuto tipografo 1 0,1% Addetto finanza e contabilità 12 1,4% Addetto servizi di orientamento 6 0,7% Addetto attività creative 2 0,2% Addetto organizzazione e gestione risorse umane 5 0,6% Aiuto fotografo 2 0,2% Operaio meccanico 1 0,1% Legale 1 0,1% Addetto agli scaffali 9 1,1% Aiuto pasticciere 2 0,2% Cameriere ai tavoli - aiuto barista 1 0,1% Addetto servizi ai bambini 1 0,1% Addetto catalogazione, riordino archivio, inserimento domanda su pc 2 0,2% Addetto assistenza e attività ausiliarie alla produzione 1 0,1% Addetto preparazione e posa in opera tendaggi 1 0,1% Manovale 3 0,4% Tiroc. presso cantieri comunali, insegnando gli elementi fondamentali sulle costruzioni 1 0,1% Addetto produzione apicultura 1 0,1% Tiroc. in servizi di informaz. e promoz. prestazioni previdenziali, assist. e socio- sanitarie 2 0,2% Addetto settore commerciale 5 0,6% Addetto lavorazione marmo 1 0,1% Addetto lavorazione ferro e alluminio 2 0,2% Addetto montaggio grondaie 1 0,1% Pasticcere, banconista 3 0,4% Barista/cameriere 4 0,5% Stiratrice 2 0,2% Escavatorista in possesso di patente c 1 0,1% Addetto alla cucina e alla sala 1 0,1% Addetto alla produzione 3 0,4% Pizzaiolo/cuoco 1 0,1% Addetto alle pulizie 7 0,8% Addetto al confezionamento dei prodotti 1 0,1% Addetto prod. infissi in legno 1 0,1% Apprendista muratore 1 0,1% Apprendista carpentiere 1 0,1% Tirocinante pratiche agricole - forestali e lavori di campagna relativi a rilievi e varie 1 0,1% Segretario d'azienda e operatore Ced 2 0,2% 10

11 Falegname 2 0,2% Aiuto cuoco 1 0,1% Addetto assistenza disabili e soggetti svantaggiati 25 3,0% Benzinaio 1 0,1% Autotrasportatore 1 0,1% Addetto amministrazione pasti 1 0,1% Sarto/a 3 0,4% Autista 7 0,8% Addetto manutenzione e autolavaggio 1 0,1% Affiancamento tutor progetto social point 1 0,1% Collaboratore di segreteria e assistente allestimento di spettacoli teatrali 2 0,2% Receptionist 1 0,1% Aiutante del commercio, art. da regalo e fiori 1 0,1% Meccanico - gommista 2 0,2% Insegnante 1 0,1% Addetto alle pubbliche relazioni 1 0,1% Grafico 1 0,1% Istruttore sportivo 1 0,1% Custode 1 0,1% Assistente fabbro 1 0,1% Montatore mobili, addetto alle consegne 1 0,1% Geometra 1 0,1% Ragioniere 1 0,1% Assistente domiciliare anziani 1 0,1% Addetto ricerca e sviluppo 1 0,1% Intermediatore immobiliare e creditizio 1 0,1% Add. pulizia, manutenz. e custodia campo sportivo comunale "M. Lorusso" di Venosa 3 0,4% Commessa all'esercizio di bar 2 0,2% Tirocinante per formazione nell'attività commerciale e nel lavoro 2 0,2% Addetto attività di pasticceria, gelateria, barista 6 0,7% Tiroc. settore commercio e formazione nella preparaz. di composizioni di fiori e piante 1 0,1% Add. distr. pasti a domicilio x anziani, contatti in mensa per distrib. pasti al Self-Service 2 0,2% Tirocinante nella preparazione di addobbi e consegne a domicilio 1 0,1% Tirocinante per lavori d'ufficio e guida turistica 1 0,1% TOT ,0% Per alcuni profili, che hanno totalizzato le percentuali più significative o la cui collocazione potrebbe prevedere scelte non univoche, abbiamo ritenuto opportuno verificare la distribuzione rispetto al settore. La tabella 5 mostra, appunto, come si ripartiscono i 139 profili richiesti dalle aziende e che riguardano la figura più domandata in assoluto, ovvero il tecnico di produzione. Il 56% circa è da inserire nel settore dell industria e artigianato, seguito da quello dell agricoltura, caccia e pesca, con poco più del 22%. Più basse le quote relative al commercio (quasi il 9%), ai servizi alle persone (6,5%), al settore turistico alberghiero (4,3%). Solo 3 le presenze nel settore dell artigianato. 11

12 Tabella 5: Il profilo di tecnico di produzione nei diversi settori (valori assoluti e valori relativi) SETTORE V. A. % INDUSTRIA E ARTIGIANATO 78 56,1% AGRICOLTURA CACCIA E PESCA 31 22,3% ALBERGHI E TURISMO 6 4,3% COMMERCIO 12 8,6% SERVIZI ALLE PERSONE 9 6,5% ARTIGIANATO 3 2,2% TOT ,0% Le domande relative al profilo di addetto alla progettazione e alla programmazione della produzione (tabella 6) si distribuiscono in ugual misura tra il settore dell industria e artigianato e quello commerciale (entrambi con quasi il 31% del totale delle richieste). Due le domande che si inseriscono sia nel comparto dell agricoltura, caccia e pesca che in quello delle attività culturali. Una sola richiesta riguardante i servizi alle persone. Tabella 6: Il profilo di addetto alla progettazione e alla programmazione della produzione nei diversi settori (valori assoluti e valori relativi) SETTORE V. A. % INDUSTRIA E ARTIGIANATO 4 30,8% AGRICOLTURA CACCIA E PESCA 2 15,4% CULTURA E SPETTACOLO 2 15,4% COMMERCIO 4 30,8% SERVIZI ALLE PERSONE 1 7,7% TOT ,0% Per quanto riguarda il profilo di riparatore, montatore, manutentore e assistente tecnico, quasi l 80% delle richieste ad esso associate si colloca nel settore dell industria e dell artigianato. Negli altri settori, riportati nella tabella 7, rientra una quota molto bassa di domande da parte delle aziende esaminate: meno del 10% per il settore commerciale e poco più del 6% per il settore dell agricoltura, caccia e pesca. Richieste del tutto marginali per quanto concerne il comparto turistico alberghiero, i servizi alle persone e i trasporti. 12

13 Tabella 7: Il profilo di riparatore, montatore, manutentore e assistente tecnico nei diversi settori (valori assoluti e valori relativi) SETTORE V. A. % INDUSTRIA E ARTIGIANATO 50 79,4% AGRICOLTURA CACCIA E PESCA 4 6,3% ALBERGHI E TURISMO 1 1,6% COMMERCIO 6 9,5% SERVIZI ALLE PERSONE 1 1,6% TRASPORTI 1 1,6% TOT ,0% Sulla base di quanto abbiamo mostrato, a nostro avviso la scelta dei corsi di formazione professionale da attivare verterà sulla considerazione dei profili su cui sono confluite le percentuali più alte di richieste da parte delle aziende. Di seguito elenchiamo le figure suggerite per il percorso formativo con il relativo numero di domande rilevate: 1. Tecnico di produzione (139); 2. Addetto marketing (99); 3. Addetto amministrazione e segreteria (97); 4. Riparatore, montatore, manutentore, assistente tecnico (63); 5. Generico (61); 6. Addetto logistica, magazzino, trasporti (33); 7. Addetto assistenza disabili e soggetti svantaggiati (25); 8. Addetto alle vendite (22). Tuttavia, il fatto che ci siano numerosi altri profili, così come è indicato nella tabella 4, induce comunque ad ulteriori considerazioni. Infatti, se da un lato non è pensabile l attivazione di corsi professionali destinati a figure la cui richiesta è del tutto marginale, si potrebbero però concepire dei percorsi formativi atti a sviluppare competenze trasversali, il cui utilizzo sarebbe funzionale alla costruzione di differenti tipologie di profili. Si pensi, ad esempio, all addetto all amministrazione e alla segreteria, all informatico, all addetto catalogazione, riordino archivio, inserimento domanda su PC, al tirocinante nei lavori d ufficio e al collaboratore di segreteria. In tutti questi casi, è evidente la necessità di formare un profilo caratterizzato soprattutto da competenze informatiche ed archivistiche. Dunque, la progettazione formativa potrebbe considerare l ipotesi di attivare un corso che fornisca tali competenze spendibili trasversalmente. 13

14 3. CENTRO PER L'IMPIEGO DI LAURIA Dopo aver fornito un quadro complessivo di tutte le aziende considerate dal presente studio, passiamo ad analizzare le aziende per ciascun singolo Centro per l impiego, iniziando da quello di Lauria, a cui sono associate 90 imprese. Come si legge nella tabella 8, il 31% circa delle aziende appartiene al settore dell industria e dell artigianato, immediatamente seguito dal commercio, in cui confluisce quasi il 29% del totale e dai servizi alle persone, con il 18% circa. Il 10% delle imprese opera nel settore turistico - alberghiero e il 7% circa in quello dell agricoltura, caccia e pesca. Scarso rilievo hanno i settori dell artigianato, della ristorazione e dei servizi. Il settore artigianato comprende 2 aziende, di cui una operante nell ambito della produzione del legno, e l altra nell ambito della riparazione di autoveicoli. Tabella 8: Distribuzione delle aziende afferenti al Centro per l impiego di Lauria in base al settore di appartenenza (valori assoluti e valori relativi) SETTORE V. A. % INDUSTRIA E ARTIGIANATO 28 31,11% AGRICOLTURA CACCIA E 6 6,67% PESCA COMMERCIO 26 28,89% SERVIZI ALLE PERSONE 16 17,78% ALBERGHI E TURISMO 9 10,00% ARTIGIANATO 2 2,22% SERVIZI 1 1,11% RISOTRAZIONE 2 2,22% TOT ,00% Per quanto riguarda i comuni di appartenenza, quasi il 39% delle imprese si trova nel comune di Lauria, seguito dal 12% circa del comune di Castelluccio Inferiore e dall 11% circa del comune di Rotonda. 14

15 Tabella 9: Distribuzione delle aziende afferenti al Centro per l impiego di Lauria in base al comune di appartenenza (valori assoluti e valori relativi) COMUNE V. A. % CASTELLUCCIO SUP. 2 2,22% CASTELLUCCIO INF ,22% LAURIA 35 38,89% NEMOLI 7 7,78% VIGGIANELLO 7 7,78% ROTONDA 10 11,11% MARATEA 4 4,44% TRECCHINA 3 3,33% LAGONEGRO 4 4,44% EPISCOPIA 2 2,22% LATRONICO 2 2,22% CASTELSARACENO 1 1,11% CHIAROMONTE 1 1,11% RIVELLO 1 1,11% TOT ,00% Anche in questo caso, come accadeva considerando il totale delle aziende, il profilo professionale più richiesto è quello di tecnico di produzione (vedi tabella 10). Su un totale di 157 figure domandate dalle aziende, 69 corrispondono appunto al tecnico di produzione, ovvero quasi il 44%. Non sono state rilevate percentuali altrettanto alte per altri profili; il secondo valore più alto è quello relativo all addetto all amministrazione e alla segreteria con l 8,3% e all addetto al marketing con il 7,6%. Il profilo di riparatore, montatore, manutentore e assistente tecnico, insieme all addetto alla fabbricazione e all assemblaggio delle porte in legno ed affini ed al cameriere, totalizzano il 4,5% del totale delle richieste. Per i numerosi restanti profili, le percentuali ottenute sono molto basse, come si può vedere dalla tabella

16 Tabella 10: I profili professionali richiesti dalle aziende afferenti al Centro per l impiego di Lauria (valori assoluti e valori relativi) PROFILI PROFESSIONALI V. A. % Tecnico di produzione 69 43,9% Barista 1 0,6% Addetto amministrazione e segreteria 13 8,3% Informatico 4 2,5% Addetto logistica, magazzino, trasporti 4 2,5% Addetto marketing 12 7,6% Addetto qualità e sicurezza 2 1,3% Addetto alle vendite 3 1,9% Riparatore, montatore, manutentore, assistente tecnico 7 4,5% Addetto progettaz. e programmaz. della produzione 2 1,3% Addetto Qualità, Sicurezza, 1 0,6% Addetto Eco-Audit e Ambiente 1 0,6% Addetto servizi alle persone 2 1,3% Cameriere 7 4,5% Cuoco 3 1,9% Operaio 3 1,9% Apprendista pizzaiolo 1 0,6% Apprendista barman 1 0,6% Apprendista aiuto cuoco 1 0,6% Animatore e istruttore 5 3,2% Comunicazione e pubblicità 1 0,6% Addetto fabbricazione e assemblaggio porte in legno ed affini 7 4,5% Autista 1 0,6% Addetto finanza e contabilità aziendale 1 0,6% Pizzaiolo 1 0,6% Generico 4 2,5% Tot ,0% 16

17 4. CENTRO PER L'IMPIEGO DI MELFI Il numero totale delle imprese, per quanto riguarda il Centro per l impiego di Melfi, è pari a 48. La tabella n. 11 mostra la distribuzione delle aziende afferenti al Centro per l impiego di Melfi in base al settore di appartenenza. Come già riscontrato sin ora, il settore più diffuso è quello dell industria e dell artigianato, con il 56,3% del totale, ovvero 27 aziende. Gli altri settori sono presenti in proporzioni molto inferiori; il commercio rappresenta quasi il 19%, mentre per gli altri settori i valori si abbassano al 4% o al 2% circa. Tabella 11: Distribuzione delle aziende afferenti al Centro per l impiego di Melfi in base al settore di appartenenza (valori assoluti e valori relativi) SETTORE V. A. % Agricoltura e Zootecnia 2 4,2% Alberghi e turismo 1 2,1% Commercio 9 18,8% Edilizia artigiana 1 2,1% Industria e artigianato 27 56,3% Industria: Produzione alimentare 2 4,2% Servizi alle imprese 2 4,2% Servizi alle persone 2 4,2% Servizi socio-assistenziali 2 4,2% Tot ,0% Per quanto riguarda i comuni (tabella 12), alla città di Melfi è associata la percentuale più alta, pari al 37,5%, seguita dal comune di Rionero in Vulture con il 33,3%. Tabella 12: Distribuzione delle aziende afferenti al Centro per l impiego di Melfi in base al comune di appartenenza (valori assoluti e valori relativi) COMUNE V. A. % ATELLA 2 4,2% BARILE 2 4,2% FORENZA 1 2,1% MELFI 18 37,5% PALAZZO SAN GERVASIO 3 6,3% RAPOLLA 3 6,3% RAPONE 3 6,3% RIONERO IN VULTURE 16 33,3% TOT ,0% 17

18 Il totale dei profili rilevati è 72 (vedi tabella 13); in questo caso, il valore più alto corrisponde all addetto al marketing (più del 19%), seguito dal tecnico di produzione con il 15,3% che, fino ad ora, aveva sempre mostrato la percentuale maggiore. Quasi il 14% è associato al profilo di riparatore, montatore, manutentore e assistente tecnico, mentre poco più dell 8% corrisponde all addetto all amministrazione e alla segreteria. Tabella 13: I profili professionali richiesti dalle aziende afferenti al Centro per l impiego di Melfi (valori assoluti e valori relativi) PROFILO PROFESSIONALE V. A. % Parrucchiera 1 1,4% Estetista 1 1,4% Riparatore, montatore, manutentore, assistente tecnico 10 13,9% Addetto marketing 14 19,4% Addetto alle vendite 3 4,2% Addetto amministrazione e segreteria 6 8,3% Tecnico di produzione 11 15,3% Muratore 5 6,9% Gessista 1 1,4% Carpentiere 1 1,4% Imbianchino 1 1,4% Pasticciere 1 1,4% Impiegato 2 2,8% Addetto promozione sociale dei diritti dei lavoratori e dei cittadini 1 1,4% Addetto lavori di campagna, custodia animali e manutenzione azienda 3 4,2% Addetto produzione e confezionamento 3 4,2% Addetto lavorazione per la produzione di pane e biscotti 1 1,4% Istruttore di nuoto 1 1,4% Addetto ricerca e sviluppo 1 1,4% Generico 2 2,8% Addetto Centro diurno disabili 3 4,2% Tot ,0% 18

19 5. SPORTELLO INTEGRATO POLIVALENTE DI GENZANO Allo Sportello integrato polivalente di Genzano fanno capo 30 imprese, di cui più della metà (il 53% circa), appartiene al settore dell industria e dell artigianato. Anche nel caso di Genzano, si tratta del settore prevalente, seguito, con percentuali molto inferiori, dal commercio (quasi il 17%), dai servizi alle persone (più del 13%), dall agricoltura, caccia e pesca (10%) e dal settore alberghiero (quasi il 7%). I dati sono riportati nella tabella 14. Tabella 14: Distribuzione delle aziende afferenti allo Sportello integrato polivalente di Genzano in base al settore di appartenenza (valori assoluti e valori relativi) SETTORE V. A. % Agricoltura caccia e pesca 3 10,0% Alberghi e turismo 2 6,7% Commercio 5 16,7% Industria e artigianato 16 53,3% Servizi alle persone 4 13,3% Tot ,0% Relativamente ai comuni di appartenenza (tabella 15), Acerenza risulta avere la quota maggiore di aziende, pari al 30%, seguita da Forenza con più del 23% e dai comuni di Genzano di Lucania e di Palazzo San Gervasio, con il 20%. Soltanto il 3,3% per i comuni di Banzi e Barletta. Tabella 15: Distribuzione delle aziende afferenti allo Sportello integrato polivalente di Genzano in base al comune di appartenenza (valori assoluti e valori relativi) COMUNE V. A. % ACERENZA 9 30,0% BANZI 1 3,3% BARLETTA 1 3,3% FORENZA 7 23,3% GENZANO DI LUCANIA 6 20,0% PALAZZO SAN GERVASIO 6 20,0% TOT ,0% Alquanto simile, anche per Genzano, lo scenario dei profili professionali richiesti (vedi tabella16). Su un totale di 58 figure rilevate, poco più del 17%, il valore più alto, corrisponde al tecnico di produzione, seguito da quasi il 14% relativo all addetto all amministrazione e alla segreteria. Valori non molto distanti da questi ultimi sono quelli relativi al profilo di riparatore, montatore, manutentore e assistente tecnico e all addetto alla logistica, al magazzino e ai trasporti (12% circa). 19

20 L addetto al marketing, in questo contesto, ha una rilevanza leggermente inferiore, solo 3 su 58, ovvero poco più del 5%. Tabella 16: I profili professionali richiesti dalle aziende afferenti allo Sportello integrato polivalente di Genzano (valori assoluti e valori relativi) PROFILI PROFESSIONALI V. A. % Addetto comunicazione e pubblicità 4 6,9% Addetto progettaz. e programmaz. della produzione 4 6,9% Addetto amministrazione e segreteria 8 13,8% Tecnico di produzione 10 17,2% Riparatore, montatore, assistente tecnico, manutentore 7 12,1% Addetto logistica, magazzino, trasporti 7 12,1% Addetto Marketing 3 5,2% Addetto assistenza clienti 1 1,7% Operaio 2 3,4% Aiuto tipografo 1 1,7% Cameriere 2 3,4% Addetto servizi alla persona 1 1,7% Addetto finanza e contabilità 3 5,2% Addetto qualità, sicurezza, Addetto Eco-Audit e ambiente 1 1 1,7% 1,7% Generico 3 5,2% Tot ,0% 20

Elenco degli Annunci Trovati

Elenco degli Annunci Trovati Elenco degli Annunci Trovati Riepilogo Limiti Impostati: Da Data Scadenza 07/08/2015 A Data Scadenza 24/08/2015 Riepilogo Filtri Impostati: Inviato al Periodico: Internet Categoria Selezionata: CERCO LAVORO

Dettagli

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se

delle qualifiche professionali in favore dei soggetti provenienti da fuori Regione Piemonte che se FAQ REQUISITI PER IL COMMERCIO D: La pratica svolta per 2 anni negli ultimi 5, in qualità di coadiuvante in un attività di commercio al dettaglio di alimentari, può essere riconosciuta valida, ai fini

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI Il sottoscritto... nato a...il... e residente a...provincia di... in via... n C.A.P.. recapito telefonico.../... CHIEDE di essere iscritto, nella Gente di Mare di... categoria

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

DIPLOMA DI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO - GEOMETRA DIPLOMA DI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO - CLASSICA

DIPLOMA DI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO - GEOMETRA DIPLOMA DI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO - CLASSICA ELENCO PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Allegato (*) N.B.: inserire nella colonna riservata agli Enti di ed in corrispondenza di ciascuna casella identificativa dei tirocinanti in progetto il n. degli stess AREA

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Accordo per il rinnovo contrattuale del settore Alberghi, Ristoranti, Bar Valido per il periodo 2011 2014

Accordo per il rinnovo contrattuale del settore Alberghi, Ristoranti, Bar Valido per il periodo 2011 2014 Tra l Unione Sammarinese Operatori Turismo (USOT) rappresentata dal Presidente Filippo BRONZETTI e dal Funzionario Emanuele D AMELIO; l Associazione Nazionale dell Industria Sammarinese (ANIS) rappresentata

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

eni in Basilicata Local Report 2013

eni in Basilicata Local Report 2013 eni in Basilicata Local Report 2013 Siamo un impresa integrata nell energia, impegnata a crescere nell attività di ricerca, produzione, trasporto, trasformazione e commercializzazione di petrolio e gas

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ELENCO DITTE ISCRITTE ALL'ALBO FORNITORI

ELENCO DITTE ISCRITTE ALL'ALBO FORNITORI ALLEGATO N. 1 ALLA D.D. N. 63/15 ELENCO DITTE ISCRITTE ALL'ALBO FORNITORI DITTA PARTITAIVA COMUNE_RESIDENZA 2FF IMPIANTI 01619340761 FRANCAVILLA IN SINNI PZ 85034 3V VERDE VALLE VIAGGI 01262360769 MARSICOVETERE

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

1. CHE COS E IL LAVORO INTERINALE

1. CHE COS E IL LAVORO INTERINALE 1. CHE COS E IL LAVORO INTERINALE Il lavoro interinale (o in affitto che dir si voglia) è un contratto atipico che permette alle imprese di utilizzare per un periodo di tempo prestabilito (quindi temporaneo)

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA

MINISTERO DELLA DIFESA circolare NSC M_D GCIV prot. div. Div data PARTENZA C/3-89180 29 novembre 2010 MINIERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE Dr. Fulvio Angelini Telefono 06.4986.2422 fax 06.4986.2409

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT 31 Professioni tecniche in campo scientifico, ingegneristico e della produzione 311 Tecnici delle scienze quantitative, fisiche e chimiche 3111. Tecnici fisici e geologici Rilevatore geologico Tecnico

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Ottobre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM43U

Dettagli

Partner unico, vantaggi infiniti.

Partner unico, vantaggi infiniti. Partner unico, vantaggi infiniti. Affidabilità, la nostra missione. Un unico interlocutore per molteplici servizi: è questa la forza di Tre Sinergie, azienda che opera nel settore del global service e

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA

AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA AVVISO PUBBLICO ISCRIZIONE ALL ALBO DELLE DITTE DA UTILIZZARE PER L'AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE O SERVIZI A TRATTATIVA PRIVATA O IN ECONOMIA L Istituto dell Addolorata di Foggia ha istituito un albo

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014)

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) CONTRATTI PART TIME ATTIVATI DOPO L 01/01/2011 LIMITI DI ASSUNZIONE Il C.C.N.L. edilizia industria

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 SOMMARIO Art. 1, comma 1 Modifiche all articolo 13 della legge regionale 14 luglio 2008, n. 10 (Disposizioni

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre

Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Il lavoro nell Europa medievale La bottega artigiana come luogo dell'apprendere e del produrre Botteghe artigiane. Partic. da Ambrogio Lorenzetti, Effetti del buon governo nella città Palazzo Pubblico,

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi

Aggiornamento dell Albo dei fornitori di beni e servizi MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA ASSE IV LEADER Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l Europa investe nelle zone rurali Programma di Sviluppo

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 D: Quale normativa occorre applicare nel caso di attività di somministrazione di alimenti e bevande all interno di una palestra

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli