REGIONE PUGLIA politiche per trnhientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE PUGLIA politiche per trnhientale"

Transcript

1 - Codifica REGIONE PUGLIA politiche per trnhientale riqualificazione, tutela l attuazione delle opere pubbliche la la e per Scrvi:io Rischio Indii.s Iria/e e la sicurezza Determinazione Dirigenziale adempmenti LRi5I08jrasjarenza Ufficio struttore Servizio Rischio Industriale D Uff Inquinamento e Grandi Impianti D Tipo materia D P L P0 Fesr Altro Misura/Azione [ [Privacy [bbhcazione integrale D Si IZJN0 EJ Si DNo N. U l Registro delle Determinazioni UIV iovembre 1997 Attività ispettiva. Dlgs e sml art. 25 Misure di controllo. 3 estore Fracasso Antonio Stabilimento di Morciano di Leuca (LE). qi o ii ernbre 2012 in Modugno presso la sede del Servizio Rischio Industriale, e o Rischio Industriale, jli irtt t della LR Puglia n. 7 del 04/02/1997; sta i D3R Puglia n 3261 del 28/07/1998; i irtt 14 e 16 del D lgs 165 del 30/03/2001, v sto irl 32 della L n 69 del 18/06/2009, che prevede l obbligo di sostituire la pubblicazione tradizionale ;ffi,iale n la pubblicazìone di documenti digitali sui siti informatici; Iqs 196 del 30/06/0 3, recante «Codice in materia di protezione dei dati personali» in medto i ibili ui trattamenti effettuati dai soggetti pubblici; i )ù uqlia 167 del 26/04/2011 di organizzazione dei servizi di Presidenza e della Giunta Regionale, i c stitc tituito il Servizio Rischio Industriale, i 5

2 a azionc. del Direttore dell Area Organizzazione e Riforma dell Amministrazione, Regione Puglia, 01 on cui e cessato Ufficio Inquinamento e Grandi Impianti del Servizio Ecologia e stesso e stato istituito alle dipendenze del Servizio Rischio Industriale; azior e del Dirigente del Servizio Rischio Industriale, Regione Puglia, n. 10 dei 26/07/2011 nazi ne nei Se,vizio Rischio Industriale e delega delle funzioni dirigenzialì al Dirigente irne do e Grandi Impianti, ai sensi della L.R. n. 10/2007, art 45»; i zione del DirIgente del Servizio Rischio Industriale, Regione Puglia, n. 20 del 14/12/2011, iis sizioni organizzative del Servizio Rischio Industriale e dell Ufficio Inquinamento e Grandi 10/2007 ad, 45», \gost 1999 n 334 e 5mL <Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei perico i i iti co iness con determinate sostanze pericolose», Ministerale del 5 novembre 1997 «Criteri e metodi per l effettuazione delle ispezioni agli ecreto del Presidente della Repubblica del 17 maggio 1988, n. 175, e successìve I M iistero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 25 Marzo 2009, n. 232 d ocanti cnteri e procedure per la conduzione, nelle more del decreto previsto dall art25, 4 99 delle verifiche ispettive di cui al decreto del Ministero dell Ambiente 5 novembre /cr 25 del DLgs. 334/99, come modificato dal D,lgs. 238/05», della Giunta Regionale 23 Marzo 2010, n,801 «Attuazione del Dlgs334/99 e 5mL, Avvio it Io finalizzate ad accertare l adeguamento della politica di prevenzione degli incidenti i. stem di gestione della sicurezza presso gli stabilimenti di cui agli artt, 6 e 7 del Dìq. so getti alla presentazione del Rapporto di Sicurezza», azor della Giunta Regionale 5 Luglio 2010, n,1553 «Attuazione del DJgs334/99 e smi. enc Regionale degli stabilimenti a nschio di incidente rilevante e Linee di indirizzo per I e tt vita di controllo finalizzate ad accertare l adeguatezza della politica di prevenzione degli dc elativi sistemi di gestione della sicurezza presso gli stabilimenti di cui agli arti, 6 e ns della Giunta Regionale 5 Giugno 2012, n,1097 «Misure di controllo di cui all ad. 25 dcl i cidenti nievanti). DGR 1553 in data Precisazioni»; le ata dal Funzionario Istruttore, M nisterr dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) prot. n. DVA-DEC/ e stato affidato alla Commissione, di cui al punto 2 del Decreto del Ministero ove bre 1997, I ncarico di svolgere un ispezione nello stabilimento Fracasso Antonio sito in I alfine di accertare l adeguatezza della politica di prevenzione degli incìdenti rilevantì qestore conducendo un esame pianificato e sistematico dei sistemi tecnici, organizzativi e di i I Ljs 334/99 e smi ed al decreto del Ministero dell Ambiente del 9 agosto 2000; iss o ie ha effettuato la visita ìspettiva articolata in tre sopralluoghì nei giorni 24-25/01/2012 e icer o I Rapporto Finale di Ispezione, articolato in una relazione di 37 pagine e 15 allegati; \ iberte e della Tutela del Territorio e del Mare tramite posta elettronica certificata (P.E.C) in scq isita dal Servizio Rischio Industriale al prot. n del 05/12/2012, ha trasmesso il d spezione redatto con le modalità riportate dal Decreto Direttoriale prot. n /0 23 del 25 Marzo 2009; j a 801/2010 e 1553/2010 è stato stabilito che la Regione adotta i provvedimenti discendenti pettive sui sistemi di gestione della sicurezza degli stabilimenti di cui agli artt. 6 e 7 del D.lgs. soggetti alla presentazione del rapporto di sicurezza di cui all art.8 del richiamato D.lgs.;

3 ritenuto pertanto, e o (edere a sens di quanto disposto dalla DGR Puglia n. 1553/2010 all adozione dei provvedimenti di i mt a prendendo atto e facendo proprie le risultanze dell attività di verifica svolta dalla predetta ione spetti a così come descrìtte nel Rapporto Finale di Ispezione su menzionato e che qui si ntec sme tenportate; tore poro adozione del presente provvedimento. Verifica ai sensi del d.igs 196)03 Garanzie alla riservatezza La p 1Db i or r dell atto alialbo, salve le garanzie previste dalla legge 24 1/90 in tema dì accesso ai documenti am i a viene nel rispetto della tutela alla riservatezza dei cittadini, secondo quanto disposto dal DLgs 196/03 a il o. ooe dei dati personali, nonché dal vigente regolamento regionale n. 5/2006 per il trattamento dei dati v seni Adempmenti contabili di cui alla LR Puglìa ti e smi rov edimento non deriva alcun onere economico a carico del Bilancio Regionale a DETERMINA a contato cile ore iiesse che qui si intendono integralmente riportate: rapooro Finale di Ispezione, trasmesso dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del M amito posta elettronica certificata (REO) in data ed acquisito dal Servizio Rischio roi r 02 del 05/12/2012 relativo alla visita ispettìva condotta ai sensi dell art. 25 del Dlgs. 334/99 e coda ii stabilite dal D M del 25 Marzo 2009, n 232, presso lo stabilimento Fracasso Antonio, sito i L uca (LL he, in atti presso il Servizio Rischio Industriale, si intende qui integralmente riportato per nteqrinte e sostanziale del presente atto; rt il re ho (estore dello stabilimento dovra ottemperare, entro 60 giorni dalla data di ricezione del presente i a cd mento ilie raccomandazioni e prescrizioni formulate dalla Oommissione ispettiva e riportate nel Oapitolo 12 rnf de Rapporto Finale di ispezione allegate al presente provvedimento per farne parte integrante. ai fni cli quanto disposto al precedente punto 2, il Gestore dovrà trasmettere al Ministero io iella Tutela del Territorio e del Mare, al Servizio Rischio Industriale e ad Arpa Puglia, entro i predetti i o azio dettagliata recante la puntuale indicazione degli interventi/iniziative di adeguamento attuati in ci e scrizioni e delle raccomandazioni formulate nel Rapporto Finale d Ispezione. La relazione i c r ipaqnata da una dichiarazione, sottoscritta dal Gestore ai sensi degli artt. 46, 47 e 76 del DPR n. 00( merto all avvenuta attuazione degli interventi dì adeguamento alle prescrizioni; o. ad Art ug a, sulla scorta di quanto prodotto dal Gestore e di eventuali ulteriori sopralluoghi (ove i verifica ed controllo sull avvenuto adempimento alle prescrizioni impartite con il presente o nont nonché sullaccoglimento delle raccomandazioni: 5 a ain ire in via precauzionale e preventiva, il contenuto dell art. 27 del D.lgs n. 334/1999 e smi, per quanto alt e i ai ato adempimento alle prescrizioni: 6 a VO :ompetenze di altri Enti: 3 di 5

4 ts p wvedimento al gestore del deposito Fracasso Antonio con sede legale in Via Roma,70, t o ovvedimento al Ministero deu Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, alla residente del Comitato Tecnico Regionale presso la Direzione Regionale VVF. Puglia, al I di Lecce alla Provincia di Lecce, al Comune di Lecce, all ASL di Lecce, all Arpa Puglia P ecce or vedimento immediatamente esecutivo. ie edatto in forma integrale, nel rispetto della tutela alla nservatezza dei cittadini, secondo 96/03 e smi in materia di protezione dei dati personali. u ìe aollettino Ufficiale della Regione Puglia, s ie o in copia conforme all originale al Segretariato della Giunta Regionale; on b e ne sito ufficiale della Regione Puglia: wwwregione pugliait, s o in copia all Assessore alla Qualità dell Ambiente il Dirigente del Servizio Rischio Industriale i jipe Tedeschi truttore ing. Mauro Perrone attesta che il procedimento istruttorio affidatogli è stato espletato t n iionale e regionale vigente e che il presente schema di determinazione è conforme alle il Funzionario Istruttore?lg. Mauro Perrone

5 ne edatta in unico originale, composta da n 5 (cinque) facciate e dau Allegato composto da n. ata a pubbbcazione a Albo istituito presso l Assessorato alla Qualità dell ambiente, Servizio d Magnohe 6/8, Z L Modugno (BA> per 10 (dieci) giorni consecutivi, lavorativi, a partire dal me ensi di quanto previsto dalfart 16 c. 3 del DPGR n. 161 del 22/02/2008 viene pubblicato e sito wwwxegionepugait. ne hm gha ndustnale omposto da compiessive facciate, e RIschio dustnaie i IeNe Magnolie 6/8 Z Attestazione di avvenuta pubblicazione ar ir Rischio Industriale, visti gli atti di ufficio ATTESTA az o e e stata affissa all Albo dell Assessorato alla Qualità dell Ambiente, Servizio Rischio ig o me 6/8, Z I. Modugno (BA), per 10 (dieci) giorni consecutivi, lavorativi, a partire dal a ato alla pubblicazione N i o arzmliano il Dirigente del Servizio Rischio Industriale ìng. Giu Tedeschi

6 ALLEGATO Estratto dal Rapporto Conclusivo del 29O22O1 2 Visita ispettiva pi.esso deposito di esplosivi.ditt. racasso AntonIo

7 12. C0NCLUSON1 La Commssone ha verificato che lo stabilimento della ditta Fracasso Antonio in via Murge so, ocalità Termete nel comune di Morciano di Leuca (LE) ha predisposto il Documento d Politica di Prevenzione degli Incidenti Rilevanti, secondo quanto previsto dona normatìva vigente e che ha adottato un Sistema di Gestione della Sicurezza per il raggiungimento degli obiettivi previsti nella Politica di Prevenzione, L articolazione del SGS risuta conforme alle linee guida riportate nel DM Ambiente 9 agosto 2000.

8 r Th)ATO DE SISTEMI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE orr e attualmente riscontrato, risulta sostanzialmente adeguato e io elementi essenziali, sia in termini strutturali, sia di contenuto, a cava ormativa e dal Documento di Politica, Esso risulta pertanto attuato, ate ilevate alcune non conformità secondo i criteri e le definizioni delle linee guida MATTM del 25 marzo alle non conformità riscontrate e puntualmente documentate nel uesto Rapporto, la Commissione ritiene necessario formulare pec Ifiche al Gestore finalizzate al miglioramento del SGS e proposte di P iglia recanti azioni correttive, distintamente riepilogate nei paragrafi 2 IOVI N L COMMISSIONE k sulla politica di prevenzione, struttura del SGS e sua integrazione con la ttur a sione raccomanda che l indice delle procedure già presente nel d Politica e nel Manuale di Gestione della Sicurezza sia integrato e tutte le procedure di sicurezza dello stabilimento, nonché di a versione del SGS del 2012 secondo i punti di cui al DM 09 agosto r o di renderlo conforme a criteri di razionalità e di funzionalità e d gli ambiti del Manuale dì Gestione dalle procedure operative. Si a da adozione di quanto indicato nelle norme UNI di riferimento jyento di Pohtica accomanda che il riesame del Documento di Politica e l aggiornamento I bponibile a tutti i dipendentì. i e accomanda che le norme di riferimento connesse all attuazione del c qate contemplate dal Documento di Politica. I no taccomanda che le norme di riferimento dell SGS siano disponibili e I Interno dell impianto. rc. ejale eponsabilita, delle risorse e della pianificazione delle attività oie raccomanda di integrare tutte le attività e il personale terzo con la lei ruoli le relazioni funzionali e operative e le aree di competenza, non i ante citate nell SGS. si ne raccomanda che la consultazione del RLS debba essere formalizzata a IaI a fase di richiesta di incontro, con l evidenza dell ordine del giorno e con la azione delle eventuali osservazioni degli RLS, specialmente per i casi in cui è alla iormativa vigente un loro coinvolgimento preventivo (es. revisione del Politica)

9 one raccomanda di definire una specifica procedura per la valutazione i osicofisiche dei lavoratori. s one raccomanda di attuare e nel caso di migliorare le apposite procedure, e t or le quali viene realizzata l informazione sui rischi di incidente rilevante e a oni delle aree di rischio dello stabilimento nei confronti dei propri lclle ditte terze, dei visitatori esterni, nel rispetto di quanto previsto dal DM. 908 io ie raccomanda di definire una procedura ad hoc relativa alla gestione giardanti la sorveglianza sanitaria dei lavoratorì, che preveda anche la uno specifico protocollo operativo, per le problematiche connesse alla o atori secondo digs 81/08 e smj o c. vaiutazionedeipericoiìruevanti. ieapencolosità delle sostanze e definizione di criteri e requisiti di sicurezza sine accomanda di aggiornare i,onc raccomanda di redigere/integrare al SGS la jestione delle Schede di Sicurezza. riferimenti normativi delle schede di procedura operativa ione raccomanda di redigere/integrare una procedura affinché definisca ualitativi dei prodotti, anche dal punto di vista della sicurezza degli stessi, ijqssib li eventi incidentali ed analisi di sicurezza i sione raccomanda l adozione/integrazione di procedure affinché possa hzzata la partecipazione attiva del personale nell aggiornamento e messa a alisi dei rischi, ione raccomanda di formalizzare, nell ambito del SGS, i criteri di sicurezza c d riferimento, norme e regole tecniche e altri requisiti dì sicurezza rilevanti dell azienda) affinché siano appropriatamente definiti, aggiornati e T ione raccomanda di integrare la documentazione relativa alla i e merci pericolose con le procedure o i riferimenti relativi all emergenza lo sversamento prodotti e sostanze perìcolose. one raccomanda l integrazione degli esiti della valutazione del rischio da zi n manuale dei carichi ai sensi del digs 81/08 all interno delle relative I SGS sione raccomanda l elaborazione di apposita procedura che permetta di non siano presenti all interno dello stabilimento quantitativi di sostanze pericolosi oltre i limiti autorizzati a causa del quantitativo comunque riezzo di trasporto della ditta fornitrice a prescindere dal quantitativo estore. 136 one raccomanda la rielaborazione dell analisi dei rìschi affinché venga opportunità dell obbligo dell ingresso degli automezzi di trasporto merci in

10 r sione raccomanda che venga elaborata una procedura che indichi stabihmento di sostanze, che pur rientrando nelle categorie autorizzate ze ion sia stato considerato nella lista dei prodotti prevista dall SGS e t relativi sione raccomanda che la società provveda ad inviare la documentazione e essana relativa alla pianificazione territoriale, prevista dal DM 9 maggio geston anda di definire il programma degli interventi annuali e di miglioramento dolk informazioni derivanti dalle attività di controllo impiantistici e gestionali ar amente ed a seguìto di audit interni. r vo d cu entazone ione raccomanda di provvedere ad una revisione critica del sistema e al fine di verificarne l effettivo stato di aggiornamento ed adeguamento sia i t iormativi in esso utilizzato, sìa deglì eventuali riferimenti e collegamenti or cedure attivate o da attivare, Il tutto anche in riferimento a tuffi gli aspetti tuna del SGS. sione raccomanda l istituzione di un protocollo per la gestione della oiein ngresso at v. e truzorn nelle condizion normali anomaeedjgza i iene raccomanda l aggiornamento del Manuale Operativo e delle relative pacifiche e procedure operative da adottare nelle condizioni normali, i nerqenza in relazione agli aggiornamenti normativi in materia. ia iutenzone i one accomanda di valutare l opportunità della elaborazione dì una a garantire che la temperatura e l umidità all interno dei depositi che esplosivi sia mantenuta sempre nei limiti d impiego stabiliti nelle Fe di sicurezza dei prodotti esplodenti e della relativa pianificazione al adeguamenti tecnici isione raccomanda di valutare l opportunità della elaborazione di una lativa alla gestione del verde della vegetazione interna allo stabilimento, in a gestione degli incendi delle sterpaglie in particolare nel periodo estivo, e cianificazione degli eventuali adeguamenti tecnici anche in considerazione de bosco di bassa macchia situato nelle immediate vicinanze del ci stabilimento, a circa 70 m dalla riservetta dei detonatori. ss one raccomanda la definizione della procedura che preveda l inserimento r n apposito albo e la sua gestione.

11 le odifiche ione raccomanda di definire le modalità operative da porre in essere nel dif he di tipo gestionale ed organizzativo e le relative interrelazioni con le 3GS d mergenza r sione raccomanda di stabilire precisi criteri secondo cui attivare il Pìano di sterna, definendo nel dettaglio i ruoli, le responsabilità e le mansioni lei singoli operatori in fase di Emergenza. e per la gestione delle situazioni di emergenza i ii,sionc raccomanda che siano predisposti modelli dettagliati per la delle esercitazioni di emergenza, nonché l utilizzo degli stessi in de e prossime attività esercitative, ii sione raccomanda di definire un ulteriore modulo di riscontro delle ni correttive da porre in essere a seguito allo svolgimento di esercitazioni ativo prevedendo il coinvolgimento degli operatori delle ditte terze nelle i ssione raccomanda di considerare nell ambito del PEI anche le attività di oeihche, da effettuarsi a seguito di ciascun evento incidentale individuato Rischio, integrando quanto previsto dalla procedura Disposizioni post estazioni i s ionc. raccomanda che la specifica procedura per la valutazione delle derominata Piano di Audit espliciti le modalità di verifica sia del grado di g rt degli obiettivi e dei traguardi defìniti nell ambito del Riesame della ovenzione degli Incidenti Rilevanti, sìa delle modalità di attuazione dei tabiliti nell ambito del SGS, le cui conclusioni confluiscano in un apposito aoporto Annuale) i one raccomanda di esplicitare il collegamento tra la procedura operativa cidenti, quasi incidenti, infortuni, non conformità ed anomalie e le attività d analisi degli incidenti-quasi incidenti. 31

12 5 OflE a a d svolgere audit interni, annualmente, finalizzatì all individuazione da intraprendere in relazione agli obbiettivi di miglioramento continuo, dell attuazione del Sistema di Gestione della Sicurezza aziendale, e definire rogramma degli Interventi annuali e di miglioramento sulla base delle erivanti dalle attività di controllo impiantistici e gestionali svolte, ltk jyenziongs T ssior e raccomanda di redigere una specifica Procedura Operativa esame della politica di prevenzione SGS che tenga conto della verìfica ieql indicatori di prestazione e degli esisti degli audit interni, oltre che degli tecnici e normativi R?I NE s quito le proposte di prescrizione, riscontrate, durante l attività ispettiva, a e iza d non conformità maggiori nell ambito dell attuazione del SGS. la politica di prevenzione, struttura del SGS e sua integrazione con la s cu ì ento di Politica i r e prescrive il riesame della Politica ogni due anni in rispetto dell art. 7 qs e prescrive che sia rinnovato annualmente il programma di attuazione d prevenzione degli incidenti rilevanti, in relazione alle previsioni ischio e a quanto attuato rispetto ai precedenti piani. - one prescrive che la consultazione del RLS, per quanto riguarda il ocumento, debba essere formalizzata a partire dalla fase di richiesta di videnza dell ordine del giorno e con la verbalizzazione delle eventuali l RLS pe sonale mn d addestramento sione prescrive che i contenuti minimi della formazione del personale attuazione delle misure di prevenzione incendi, alla lotta antincendio e r n caso di pericolo grave e immediato siano quelli per attività a rischio lcvato e che detti addetti conseguano, ai sensi del DM 10/03/98, l attestato di di ui all articolo 3 della legge 28 novembre 1996, n s one prescrive di mettere in atto idonee modalità di pianificazione, cor seguente verifica dell efficacia dell attività di formazione e t svolta.

13 L1e Ltcaz!2 ey tazione dei pericoli rlevant 3 h c oed ricosità delle sostanze e definizione di criteri e requisiti di sicurezza scnve di inserire in tutte le procedure di verifica di sicurezza dei quantitativi di c, nelle quali si considera la presenza di miccia detonante, rindicazione per tipo in base al contenuto in peso o al colore, e di indicare di conseguenza il totale dal a somma delle quantità di esplosivo polverulento, emulsione e q vakr te in peso della miccia detonante, I ammissione prescrive di elencare in apposita procedura i fornitori t tiiautorìzzati c o modo operativo 4 [di. ìt1cazone degli mpianti e delle apparecchiature soggette ai piani di verifica P8 I. PI ammissione prescrive che sia asseverata, da parte dì un tecnico abilit4to,i attuale cia del terrapieno, per lo scopo, in conformità al T.UL.RS. e che siano pianìficati ah adeguamenti tecnici. ussione prescrive l elaborazione di un apposita procedura per la gestione della io c de sistemi e delle installazioni a servizio della sicurezza che preveda una a d ontrollo atta a garantire nel tempo l efficacia del terrapieno. Jcro d narjtenzìone piescrive la predisposizione di una procedura operativa contenente l elenco delle e critiche e dei sistemi tecnici critici, completo delle periodicità di manutenzione, ai 3 ir i della definizione di uno specifico programma di manutenzione degli elementi tecnici tici r PI, prescrive l attwazione delle specifiche procedure di manutenzione per qualsiasi logia di anomalia che si verifichi durante l esercizio dell impianto. uigonamerrto li beni e servìzi omm ssione prescrive di dotare gli elaborati di stabilimento della descrizione ita elative all addetto alle pulizie e manutenzione del verde. i Iq IIIIENTh DEL llschio INDUSTR!AJ E p1edesch1)

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs.

VISTI gli articoli 4 e 5 della L.R. n. 7/97; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98 e s.m.i.; VISTI gli artt. 4 e 16 del D.Lgs. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 19 del 05 02 2015 4275 Di notificare il presente provvedimento: Sindaco del Comune di Mola di Bari (BA); Al Sindaco del Comune di Rutigliano (BA); Al Sindaco

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

C O M U N E.Di FO R M TA

C O M U N E.Di FO R M TA C O M U N E.Di FO R M TA P r o v in c ia di L a t in a SETTO RE : POLIZIA LOCALE E SERVIZI SOCIALI SERVIZIO : UFFICIO SCUOLA e d i r i t t o a l l o s t u d i o 1 2 FEB. 2015 N. 3 o D e t e r m in a z

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE

ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE Allegato 1 - Domanda di ammissione ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE DICHIARAZIONE (da rendere da parte dei soggetti a ciò tenuti e accompagnata dalla copia di un documento di identità personale

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR)

COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) COMUNE DI ORBETELLO PROVINCIA DI GROSSETO Piazza del Plebiscito, 1 58015 Orbetello (GR) Tel. 0564 861111 Fax 0564 860648 C.F. 82001470531 P.I. 00105110530 DETERMINAZIONE N 722 DEL 27/10/2011 U.O. Politiche

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica

Pagina 1 di 6. Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica Pagina 1 di 6 Dipartimento Amministrativo e Tecnico Centrale Servizio Acquisti e Logistica OGTTO: Adesione al Lotto n. 5 della convenzione denominata AUSILI DISABILI 2, per la fornitura di Sollevatori

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO

PREMIO STOR-AGE. Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO PREMIO STOR-AGE Concorso di idee innovative per lo storage energetico REGOLAMENTO Art. 1 Oggetto e finalità Il premio STOR-AGE è un iniziativa volta a supportare lo sviluppo di progetti imprenditoriali

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli