DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013"

Transcript

1 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Monitoraggio dei flussi finanziari da e per l estero, tassazione delle attività finanziarie estere (Ivie ed Ivafe) : adempimenti dichiarativi (quadri RM e RW) Sandro Botticelli 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso Venezia, 47 -Milano

2 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Indice Il monitoraggio delle attività finanziarie e dei beni detenuti all estero IVIE e IVAFE Come compilare i quadri RW e RM Operazioni su titoli all estero Stock Option Immobile in Svizzera a disposizione, Immobile in Francia in locazione Società immobiliare in USA

3 Sanzioni Ravvedimento operoso Mancata indicazione immobile in Svizzera Questioni aperte. 3

4 Chi deve compilare quadro RW Persone fisiche (anche imprenditori individuali e professionisti) Società semplici Enti non commerciali tutti fiscalmente residenti in Italia articolo 2, comma 2, del TUIR, in base alla quale si considerano residenti le persone che per la maggior parte del periodo d imposta sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o hanno nel territorio dello Stato il domicilio o la residenza ai sensi del codice civile. Tali criteri sono alternativi, essendo sufficiente che sia verificato anche uno solo di essi affinché una persona fisica sia considerata fiscalmente residente in Italia. Inversione onere della prova a carico dei soggetti residenti in paesi black list (DM 4 maggio 1999) P fisiche che hanno delega al prelievo sui conti e disponibilità di movimentarli ( no amministratori di società); se il c c è cointestato e a firme libere ogni intestatario dichiara tutto. Attenzione alle società interposte, mero schermo per p. fisica titolare effettivo 4

5 Possesso per interposta persona: E il caso, ad esempio, di soggetti che abbiano l effettiva disponibilità di attività finanziarie e patrimoniali formalmente intestate ad un trust (sia esso residente che non residente). Ogni qualvolta il trust sia un semplice schermo formale e la disponibilità dei beni che ne costituiscono il patrimonio sia da attribuire ad altri soggetti, disponenti o beneficiari del trust, lo stesso deve essere considerato come un soggetto meramente interposto ed il patrimonio (nonché i redditi da questo prodotti deve essere ricondotto ai soggetti che ne hanno l effettiva disponibilità. Al fine di individuare i casi in cui il trust deve essere considerato interposto si può fare riferimento alle fattispecie esemplificative indicate nella circolare 43/ 2009, paragrafo 1. 5

6 Una società localizzata in un Paese avente fiscalità privilegiata, non soggetta ad alcun obbligo di tenuta delle scritture contabili, in relazione alla quale lo schermo societario appare meramente formale. ben si può sostenere che la titolarità dei beni intestati alla società spetti in realtà al socio che effettua il rimpatrio. Circ 99 del 4 dicembre

7 Cosa indicare nel quadro RW: trasferimenti da e verso l estero relativi ad operazioni correnti ossia per cause diverse dagli investimenti ed attività estere di natura finanziaria, effettuati attraverso non residenti senza il tramite di intermediari residenti se l ammontare complessivo di tali trasferimenti nel corso del periodo d imposta sia stato superiore ad euro ,00 (sezione I) : ad esempio, per il sostenimento di spese correnti, per motivi di studio o di salute. gli investimenti e le attività attraverso cui possono essere conseguiti redditi di fonte estera imponibili in Italia detenuti alla fine del periodo di imposta(sez. II), l ammontare dei trasferimenti da, verso e sull estero che nel corso del periodo d imposta hanno interessato i medesimi investimenti all estero e attività estere di natura finanziaria ( sezione III) Quando scatta l obbligo: quando l ammontare di tali investimenti ed attività a fine anno o quello dei movimenti effettuati nel corso dell anno sia stato di importo complessivo > euro , «tenendo conto ai fini del predetto limite anche di eventuali disinvestimenti. Occorre specificare che in tale ultima evenienza il flusso va considerato in valore assoluto. Pertanto, con riferimento ad un contribuente che detiene un conto corrente all estero ed ha effettuato un disinvestimento pari ad esempio a euro ed un investimento di euro, l ammontare complessivo dei movimenti da segnalare è pari a euro.» (Circ.45/2010 pag. 19) 7

8 Esoneri soggettivi Società di persone o di capitali Soggetti residenti all estero con residenza fiscale in Italia ex lege per c c e le altre attività, ovunque possedute, finchè sono all estero Lavoratori frontalieri, per le attività solo nel paese in cui lavorano 8

9 Modalità di compilazione quadro RW sezione seconda nella colonna 4, barrare la casella nel caso in cui i redditi relativi alle attività finanziarie verranno percepiti in un successivo periodo d imposta. La casella va barrata anche se le predette attività sono infruttifere non potendosi escludere, in linea di principio, che diventino fruttifere successivamente. Tale casella riguarda soltanto le attività finanziarie e non va barrata, quindi, con riferimento alle attività di natura patrimoniale. Con riferimento all importo da indicare nella colonna 3 della Sezione II, si precisa che il contribuente deve riportare il costo storico dell attività finanziaria o dell investimento come risultante dalla relativa documentazione probatoria, maggiorato degli eventuali oneri accessori quali, ad esempio, le spese notarili e gli oneri di intermediazione, ad esclusione degli interessi passivi. Stretto legame tra sez. II e sez. III: la compilazione dell una presuppone la compilazione dell altra e viceversa, salvo il caso del disinvestimento. In quest ultima ipotesi, infatti, deve essere in ogni caso compilata la Sezione III anche se al termine del periodo d imposta non si detiene più l investimento e/o l attività estera in quanto, ad esempio, ceduti, estinti ovvero di valore inferiore al limite dei euro. 9

10 IVIE D L 201/2011 art. 19 commi introduce IVIE come corrispettivo dell IMU sugli immobili all estero. Le modifiche del 2012 e del 2013 sono motivate dai rilievi formulati dalla Commissione Europea, Direzione generale - fiscalità e unione doganale, nell ambito del progetto Eu Pilot che dal 2008 controlla la corretta applicazione del diritto comunitario da parte degli Stati membri, e in concreto con apertura del caso 3506/12/TAXUD 10

11 Modifiche per adeguamento alle indicazioni UE previste nella Legge Stabilità 2013: Decorrenza imposta: dall anno di imposta 2012 Quindi versamenti eseguiti nel 2012 in UNICO 2012 per redditi 2011 in realtà sono acconti per l'anno Immobile adibito (da chiunque) ad abitazione principale e pertinenze: aliquota 0,4%. Abitazione principale e pertinenze + immobili non locati: non applicabile l art. 70 co. 2 TUIR (non viene tassato l eventuale reddito fondiario). Modalità di pagamento: acconto e saldo ( = IRPEF). 11

12 Soggetti passivi IVIE Persone fisiche fiscalmente residenti in Italia ( per la definizione di residenza fiscale vedi art. 2, comma 2 T.U.I.R. e Circ 28/2012 pag. 4): a) il proprietario di fabbricati, aree fabbricabili e terreni a qualsiasi uso destinati, compresi quelli strumentali per natura o per destinazione destinati ad attività di impresa o di lavoro autonomo; il titolare del diritto reale di usufrutto, uso o abitazione, enfiteusi e superficie sugli stessi (e non il titolare della nuda proprietà); b) il concessionario nel caso di concessione di aree demaniali; c) il locatario per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria. Il locatario è soggetto passivo a decorrere dalla data della stipula e per tutta la durata del contratto. 12

13 Oggetto dell IVIE Immobili situati all estero e posseduti a titolo di proprietà o di altro diritto reale, a qualunque uso essi siano destinati. Sono inclusi anche gli immobili «scudati» sia mediante la procedura della regolarizzazione sia del rimpatrio giuridico. L imposta è dovuta nella misura dello 0,76 per cento in proporzione alla quota di titolarità del diritto di proprietà o altro diritto reale e ai mesi dell anno nei quali si è avuto tale diritto ( >15 gg = mese intero) 13

14 Base Imponibile IVIE: regola generale Il valore dell immobile è costituito, nella generalità dei casi, dal costo risultante dall atto di acquisto o dai contratti da cui risulta il costo complessivamente sostenuto per l acquisto di diritti reali diversi dalla proprietà. Regola particolare: Immobili in U E o SEE il valore da utilizzare al fine della determinazione dell imposta è prioritariamente quello catastale, come determinato e rivalutato nel Paese in cui l immobile è situato ai fini dell assolvimento di imposte di natura reddituale o patrimoniale ovvero di altre imposte determinate sulla base del valore degli immobili, anche se gli immobili sono pervenuti per successione o donazione 14

15 IVAFE E il corrispondente estero dell imposta di bollo di cui all articolo 13 della Tariffa, Parte I, allegata al D.P.R. 26 ottobre 1972, n IVAFE è dovuta, a prescindere dalla circostanza che il soggetto emittente o la controparte siano residenti o meno, nei casi in cui le attività si considerano detenute all estero. Si considerano come attività detenute all estero anche le attività finanziarie detenute, ad esempio, in cassette di sicurezza all estero o tramite intermediari non residenti. IVAFE è dovuta in proporzione alla quota di possesso e al periodo di detenzione. 15

16 IVAFE :Soggetti obbligati Persone fisiche fiscalmente residenti e titolari effettivi delle attività (anche i contribuenti che prestano la propria attività lavorativa all estero in via continuativa per i quali la residenza fiscale in Italia è determinata ex lege, in forza di presunzione legale che prescinde dalla ricorrenza o meno dei requisiti richiesti dall articolo 2 del TUIR) 16

17 Oggetto dell IVAFE Attività finanziarie detenute all estero, come per RW ( vedi Istruzioni a Quadro RW ) MA No stock option non cedibili No polizze assicurazioni con opzione per applicazione imposta sostitutiva sui redditi No forme di previdenza complementare organizzate o gestite da società ed enti di diritto estero. 17

18 IVAFE non è altresì dovuta sulle attività finanziarie oggetto di un contratto di amministrazione con una società fiduciaria residente di custodia, amministrazione o gestione con soggetti intermediari residenti, in quanto su tali attività viene applicata l imposta di bollo 18

19 Base Imponibile IVAFE Attività quotate: valore di mercato alla fine di ciascun anno solare nel luogo in cui sono detenute Attività non quotate: valore nominale o, in mancanza, valore di rimborso nell ipotesi in cui manchi sia il valore nominale sia il valore di rimborso la base imponibile è costituita dal valore di acquisto dei titoli. 19

20 Conti correnti e libretti di risparmio ovunque detenuti (modifica da redditi 2012, prima solo U E o SEE) L imposta è stabilita in misura fissa pari a euro 34,20 e si applicata a ciascun conto corrente o libretto di risparmio detenuti all estero dal contribuente. L imposta in misura fissa non è dovuta qualora il valore medio di giacenza annuo risultante dagli estratti conto e dai libretti sia non superiore a complessivi euro 5.000, presso lo stesso Intermediario. I conti di deposito, in analogia a quanto chiarito nella Circ. 15/2013, pagano imposta proporzionale 20

21 Rilevazione Operazioni in Titoli Dipendente di società italiana residente in Italia Ha un c c aperto presso una banca di N Y, abbinato a un conto deposito titoli dove detiene i titoli della casa madre, quotata al NYSE, titoli che acquisisce nell ambito di politiche di incentivazione aziendale (benefit tassati a cedolino al valore normale =media quotazioni dei 30 giorni precedenti quello di assegnazione ): la partecipazione è non qualificata (<2%). Con questo sistema in data 11 maggio 2012 ha acquisito azioni venendo tassato per dollari, ne ha vendute il 7 luglio 2012 incassando al netto di commissioni dollari, che trasferisce in Italia e al ha nel conto deposito titoli azioni per complessivi dollari (valore di tassazione a cedolino, pari al valore normale del giorno dell assegnazione, ) Sul c c al ha un controvalore di dollari, rappresentati dai dividendi percepiti sui titoli che ha ricevuto in data 3 giugno

22 Deve compilare :Sez II RW per consistenza c c e titoli al 31 12, valorizzati ai cambi stabiliti dal Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate, nel sito entrate.it/provvedimenti del Direttore soggetti a pubblicità legale (Provv ) Quadro RM per tassazione dividendi accreditati su c c e valorizzati al cambio del 3 giugno 2012, giorno in cui sono stati incassati. Quadro RT per tassazione capital gain su vendita titoli valorizzati al cambio del giorno di vendita (7 luglio 2012 ) mentre il valore carico è pari al valore normale all 11 maggio 2012 : 85500x cambio 7/7/ x cambio 11/5/2012= capital gain tassato con aliquota 20% 22

23 Sez III RW movimento verso Italia e estero su estero con cambi per RW stabiliti dal Provvedimento Dir. Agenzia Entrate. -> I valori in euro del quadro RW sono ottenuti con cambi diversi da quelli dei quadri di reddito Ai fini IVAFE nel quadro RM sezione XV-B i titoli andranno valorizzati da 11 maggio a 7 luglio per X valore borsa NY al 7 luglio, da 8 luglio a 31 dicembre, X valore borsa NY al 31 12, compilando due righi distinti (cfr. Circ. 1/2013 pag. 27) e con cambi stabiliti per RW in entrambi i casi. Si evidenzia qui l ulteriore differenza con la rilevazione della giacenza finale in RW che va al costo di acquisto come sopra definito. 23

24 Stock Option Il contribuente di cui sopra ha inoltre stock option della casa madre, non cedibili, che può esercitare dal 2012 ad un prezzo prefissato (strike price) di 5 dollari ciascuna. ->nel 2012 Si RW sez II in quanto prezzo prefissato < valore mercato al pari a 5,7 dollari. (T.U.I.R. Art. 51 comma 2,-lettera g-bis : regime agevolato che viene definitivamente abrogato dal D L 112/2008, il quale stabilisce che La differenza tra il valore normale dei titoli al momento dell assegnazione ed il prezzo pagato dal dipendente per l esercizio dell opzione è qualificato come reddito da lavoro dipendente ) titoli a 5 dollari ciascuno (strike price) dollari USA complessivi Valore corrente del titolo al ,7 dollari-> dollari complessivi 24

25 Per i titoli di società estere la C M 49/2009 punto 2.2 dispone di indicare in RW sez. II il valore del diritto di opzione solo nei casi in cui al termine del periodo d imposta, il prezzo di esercizio sia inferiore al valore corrente del sottostante e la Circ. 45/2010 a pag.24 indica che valore da inserire in sez. II per stock option è pari al costo riferito alle azioni sottostanti (prezzo delle azioni fissato alla data dell offerta, come risultante dal piano di assegnazione, ossia il prezzo di esercizio) 25

26 SI compilazione RW :Valore da indicare nel quadro RW sez. II cod. operazione 14 (5)x20.000= /1,28479 = euro (cambio Provv. Direttore Ag Entrate ); non barrare col 4 e non compilare sez. III RW. (L indicazione dell Agenzia lascia perplessi: sembrava più logico indicare il differenziale tra prezzo di esercizio e valore corrente, reddito che verrà tassato come reddito da lavoro dipendente. Inserire le opzioni al prezzo pagato, se onerose, o al valore dei titoli sottostanti, se gratuite, come prospettato dalla Circolare 45 del 2010 a pag. 2 porta ad effetti distorsivi poiché la stock option non ha un valore pari al costo del titolo azionario sottostante, ma ha un valore pari al differenziale positivo, se esiste, e correttamente su quest ultimo reddito viene tassata.) Cosa succede per IVAFE? 26

27 Ai fini IVAFE le S O non cedibili non sono tassate, (circ. 28/2012 pag.20) quindi non va compilato quadro RM sez XV-B L anno successivo, il 2013, se il valore corrente del titolo al è 4,8 dollari NO compilazione RW sezione II ( Valutare possibilità di compilarla lo stesso) Se invece nel 2013 il contribuente esercita il diritto e cede le azioni all estero, riportando il ricavato in Italia: -realizza una minus. (4,8-5)X20000, che va indicata nel quadro RT sez. II di Unico 2012 ed è riportabile per i 4 anni successivi ( regime dichiarativo) Infatti la minus. è data da corrispettivo percepito costo di acquisto ( = valore assoggettato a tassazione quale reddito da lavoro dipendente, C M 54/2008). compila solo la sez. III quadro RW di Unico 2014, in quanto disinvestimento, indicando i riferimenti dell intermediario italiano che riceve il bonifico e il codice operazione 2, al cambio stabilito dal Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate per RW. 27

28 IMMOBILI all ESTERO I redditi di beni immobili situati fuori dal territorio nazionale costituiscono redditi diversi ai sensi dell art. 67, co. 1, lett. f), D.P.R. 22 dicembre 1986, n Tale normativa stabilisce che i redditi dei terreni e dei fabbricati ubicati all estero concorrono alla formazione del reddito complessivo delle persone fisiche e degli enti non commerciali residenti in misura pari all ammontare netto derivante dalla valutazione effettuata nello Stato estero nello stesso periodo d imposta. Quindi, il valore imponibile definito secondo le regole vigenti nello Stato estero costituisce il parametro di riferimento per la tassazione ai fini delle imposte sui redditi in Italia. Vi sono pochi paesi come la Svizzera,Olanda, Lussemburgo, Spagna in cui vi è una tassazione su base forfettaria di un reddito figurativo ( simile alle nostre rendite catastali) in forza del possesso dell immobile, anche se non locato. Nella maggioranza degli altri paesi, es. Francia, Regno Unito, Stati Uniti, Austria, la tassazione avviene sul reddito effettivamente percepito, da locazione, mentre non vi è alcuna tassazione sul semplice possesso dell immobile. 28

29 Se l immobile è locato, viene tassato in Italia in misura pari all importo percepito nel periodo d imposta, al netto di una somma pari al 15% dei canoni percepiti a titolo di deduzione forfettaria delle spese (art. 70, co. 2, Tuir). Tuttavia, se il reddito è tassato anche nel paese estero bisogna dichiarare in Italia l intero ammontare percepito, fermo restando che per le imposte pagate all estero il contribuente conserva il diritto di usufruire del credito d imposta secondo i criteri stabiliti dall art. 165 del TUIR, indipendentemente dalle modalità di computo del reddito di fonte estera. Da considerare la Ris. DRE Lombardia prot del , per la quale il reddito degli immobili tassati all estero va indicato al netto delle spese ivi sostenute 29

30 Possesso di immobile in Svizzera, a disposizione Nel periodo di imposta 2011 andavano compilati Quadro RW sez II, valore pari al costo di acquisto in CHF valorizzato ogni anno al cambio del provvedimento Direttore Agenzia Entrate Quadro RL rigo 12, imponibile ai fini dell imposta sul reddito federale valorizzato al cambio di dicembre contenuto nel Provvedimento di accertamento dei cambi di dicembre del Direttore dell Agenzia delle Entrate, con credito imposta per imposta federale diretta pagata in via definitiva in quadro CR Quadro RM sez. XV : valore costo acquisto con cambio RW, deducendo»imposta sulla sostanza delle Persone Fisiche» e se prevista nel Cantone «Imposta Immobiliare» pagata 30

31 Segue Possesso di immobile in Svizzera Dal periodo di imposta 2012, restano quadro RW e quadro RM sez XV-A, ma non si compila più il Quadro RL in forza dell alternativa IRPEF-IVIE: Circ 12 del 3 maggio 2013, ribadita da Circ. 13/2013 ha correttamente interpretato l entrata in vigore del comma 15-ter dell art 19 D L 201/2011,modif. da Legge 228/2012,dal periodo di imposta 2012 (anno solare), per ragioni di omogeneità con IMU: quindi IRPEF non si applica per gli immobili all estero adibiti ad abitazione principale dai soggetti residenti nel territorio dello Stato, in forza delle regole ordinarie, e per gli immobili non locati per i quali è dovuta IVIE 31

32 Possesso immobile in Francia, locato Immobile va indicato in RW al costo di acquisto rilevazione del reddito da locazione nel quadro RL rigo 12, al netto spese sostenute (Ris. DRE Lombardia) e con credito di imposta per le imposte pagate in Francia Compilazione quadro RM sez. XV-A per IVIE dovuta e calcolabile come segue 32

33 ( pag. 9 Circ.28/2012) - Valore locativo catastale presunto : 2 = base imponibile Tax Foncier da cui viene Base imponibile Tax Foncier x 160 (coefficiente IMU) =base imponibile IVIE oppure, se più conveniente, prendere come base imponibile il Costo di Acquisto x 0,76% = IVIE, da indicare nel Quadro RM sez XV-A col. 4, e scomputare a col.5 Tax Foncier pagata nel

34 Società immobiliare negli Stati Uniti Costituita per dare in locazione i due immobili acquistati a Miami, per periodi dell anno a turisti americani e stranieri; ha una propria contabilità, collabora con agenzia immobiliare locale e fa pubblicità su Internet. Quadro RW sez II :versamenti a titolo di capitale e finanziamento soci 34

35 Quadro RW sezione III: trasferimenti effettuati nel 2012 per costituzione società (capitale il e finanz. soci il ) IVAFE in quadro RM sez XV-B : un rigo per capitale versato da a aliquota 1xmille, e un rigo per fin. soci da a aliquota 1 xmille. Non ho imposte patrimoniali sulla società da detrarre 35

36 Se invece della società fosse stato acquistato n immobile negli USA con gli stessi importi, mentre la rilevazione nelle due sezioni del quadro RW è simile, a parte il codice attività, per IVIE devo tener conto che posso detrarre dall imposta calcolata (valore acquisto x 0,76%) la Property Tax, che può anche essere pari all IVIE e azzerarla. 36

37 Non è stato dichiarato un immobile in Svizzera Vengono commesse due violazioni Violazione ai fini valutari (mancata compilazione quadro RW sezione II e sezione III) Violazione ai fini fiscali (mancata indicazione del reddito nel quadro RL) con Duplice sanzione: - specifica per violazione obblighi monitoraggio valutario - specifica per violazione obblighi di natura fiscale 37

38 Sanzioni Violazione Sanzione Norma (*) Mancata compilazione sezione RW, sez. I Dal 5% al 25% degli importi non dichiarati Art. 5 co. 2 D.L. n.167/1990 (*) Violazione RW sez. II Dal 10% al 50% degli importi non dichiarati Art. 5 co. 4 D.L. n.167/1990 Violazione RW sez. III Dal 10% al 50% degli importi non dichiarati Art. 5 co. 5 D.L. n.167/1990 (*) = Attenzione = Sanzione accessoria = confisca per equivalente 38

39 D L 78/2009 Art 12 comma 2 introduce una presunzione legale relativa ( quindi è ammessa la prova contraria) che gli investimenti e le attività estere di natura finanziaria detenuti in paesi a regime fiscale privilegiato (DM 4 maggio 1999 e DM 21 novembre 2001) NON indicati in RW si presumono costituiti mediante redditi sottratti a tassazione: in questo caso le sanzioni art 1 D Lgs 471/97 sono raddoppiate L art. 1 comma 3 del D L 194 del 30 dicembre 2009 aggiunge all art.12 del D L 78/2009 i commi 2-bis e 2-ter che portano a 1. Raddoppio dei termini per l accertamento di redditi non dichiarati in Italia provenienti da investimenti e attività detenute in paesi a fiscalità privilegiata in violazione degli obblighi di monitoraggio 2. Raddoppio dei termini del D Lgs 472/1997 per l irrogazione di sanzioni relative alla violazione degli obblighi di compilazione del quadro RW per investimenti e attività estere di natura finanziaria non dichiarati e detenuti nei paesi a fiscalità privilegiata (DM 4 maggio 1999 e DM 21 novembre 2001, anche se con riferimento solo ad alcuni tipi di società) 39

40 Immobile del valore di acquistato il 1 gennaio 2012 Redditi prodotti all estero Interessi 2% IMPOSTE DOVUTE Sul capitale riqualificato reddito Reddito di capitale (43% Ipotesi Aliquota marginale IRPEF massima + Addizionali) Sul reddito prodotto all estero (stesse aliquote) SANZIONI RW Sez II Consistenza Dal 10% al 50% del capitale esistente a fine anno (ipotesi sanzione minima sul valore immobile) RW Sez III - Trasferimenti Dal 10% al 50% dei trasferimenti verso e sull estero (ipotesi sanzione minima sul valore immobile) INFEDELE DICHIARAZIONE Sul capitale riqualificato reddito Dal 200% al 400% dell imposta evasa. Ipotesi di sanzione minima Sul reddito prodotto all estero 3.333,33 Dal 100% al 200% dell imposta evasa aumentato di un terzo. Ipotesi di sanzione minima 40

41 Ravvedimento Operoso: la normativa aggiornata con le Circolari dell Agenzia delle Entrate Le Circolari 48 e 49 del 2009, 11 del 12 marzo 2010 e 45 del 13 settembre 2010 rappresentano un importante segno di apertura dell Amministrazione Finanziaria rispetto alle difficoltà incontrate dai contribuenti ed è opportuno esaminarle organicamente, anche alla luce delle innovazioni portate dal D L 78/2010 art 38 comma 13. Dalla lettura coordinata di queste norme si individuano 3 categorie di contribuenti: 1) Dipendenti pubblici che lavorano all estero per lo Stato, sue suddivisioni o Enti, Enti internazionali riconosciuti 2) Dipendenti privati che lavorano in zone di frontiera o paesi limitrofi 3) Altri contribuenti 41

42 Dipendenti pubblici Soggetti con residenza fiscale ex lege in Italia No RW per i redditi di stipendi/altri emolumenti su c/c estero per attività lavorative ivi prestate L esonero di cui sopra non vale per altri investimenti e attività finanziarie diverse da quelle sopra menzionate (Circ. 11/E del 2010) Vi è comunque l obbligo di dichiarare i redditi nel modello UNICO (caso dell accredito interessi da c/c estero a c/c italiano con assolvimento ritenuta all ingresso) L esonero viene meno nel momento in cui il lavoratore cessa di prestare la propria attività all estero 42

43 Segue Ravvedimento operoso dipendenti pubblici Ravvedimento lungo = entro il termine di presentazione della dichiarazione dell anno di cui si è commessa la violazione Ravvedimento breve = entro 90 gg. dalla data di presentazione della dichiarazione Sanzione Ravvedimento "lungo" Ravvedimento "breve" Dichiarazione integrativa (RW) 258 (art.8 co.1 Dlgs. n.471/1997) 1/8 = 32,25 1/10 = 25,80 Dichiarazione omessa 25,80 Tale regolarizzazione non è applicabile per attività detenute o trasferite diverse dal c/c estero 43

44 Ravvedimento operoso dipendenti privati Chi sono: Frontalieri Dipendenti delle imprese private Tali soggetti possono usufruire del regime dei dipendenti pubblici sopra illustrato anche qualora abbiano cessato l attività lavorativa all estero e mantengano un c/c Vale anche per i pensionati (ex dipendenti) No monitoraggio per somme versate in conformità a obblighi di legge a forme di previdenza complementare organizzate o gestite da società ed enti di diritto estero (es.: terzo pilastro elvetico) 44

45 Ravvedimento operoso altri soggetti la dichiarazione entro 90 giorni paga comunque 10% importi RW Dichiarazione tardiva (90 gg.) Sanzione Ravvedimento Dichiarazione integrativa (RW) 258 (art.8 co.1 Dlgs. n.471/1997) + 10% importi non dichiarati (art. 5 D.L. n.167/1990) 1/10 = 25,80 + 1% Frontespizio + RW 258 (art.8 co.1 Dlgs. n.471/1997) + 10% importi non dichiarati (art. 5 D.L. n.167/1990) 1/10 = 25,80 + 1% Se ci sono imposte dovute = 30% sanzione = 1/10 = 3% 45

46 Ravvedimento operoso altri soggetti (segue) Dichiarazione integrativa Sanzione Ravvedimento "breve" Ravvedimento "lungo" Integrazione del solo RW (presentazione frontespizio + RW) 258 (art.8 co.1 Dlgs. n.471/1997) + 10% importi non dichiarati (art. 5 D.L. n.167/1990) 1/10 = 25,80 + 1% 1/8 = 32,25 + 1,25% Integrazione di RW + altri quadri (integrazione usuale) 258 (art.8 co.1 Dlgs. n.471/1997) + 10% importi non dichiarati (art. 5 D.L. n.167/1990) 1/10 = 25,80 + 1% 1/8 = 32,25 + 1,25% Se risultano maggiori imposte dovute = 100%+ 33% (1/3) = 133% = 1/8 = 16,625% Se le attività finanziarie sono detenute in Paesi black-list = raddoppio per sanzioni su maggiori imposte 46

47 Applicabilità del cumulo giuridico e della continuazione? Concorso e continuazione (art. 12 D.lgs. n.472/1997): Co.1 con una sola azione/omissione viola diverse disposizioni anche relative a tributi diversi Violazione più grave aumentata da ¼ a 2 volte Co.2 in tempi diversi si commettono più violazioni, che nella loro progressione pregiudicano o tendono a pregiudicare la determinazione dell imponibile o la liquidazione dell imposta Violazione più grave aumentata da ¼ a 2 volte Co. 3 Co. 1 + Co. 2 se le violazioni si riferiscono a più tributi Sanzione base = quella più grave aumentata di 1/5 Co. 5 violazione della stessa indole in periodi d imposta diversi Sanzione base aumentata da ½ a 3 volte Co. 7 la sanzione non può comunque essere superiore a quella risultante dal cumulo delle sanzioni previste per le singole violazioni 47

48 Norma di comportamento AIDC Cita la Circ. 11 del 16 febbraio 2007, basata sul concetto di emendabilità della dichiarazione Commissione Europea Direzione generale - fiscalità e unione doganale EU Pilot 1711/11/TAXU che ha portato alle modifiche del quadro RW e del regime sanzionatorio contenute nel disegno di legge «Salva Infrazioni» presentato nel Marzo

49 Ravvedimento per immobile non locato in Svizzera non dichiarato nel 2011 RW sanzioni 1/8 del 10% valore sez II e del trasferimento sez III con codice 8911 anno 2011 RL imposte + sanzioni raddoppiate per paese black list x1/8, ma non applico D L 78/2009 Art 12 comma 2. IVIE? ( non era dovuta) 49

50 Problemi aperti Quale valore imponibile IVAFE per azioni non quotate e rivalutate ai sensi dell art 1 comma 473 Legge 228/2012 e precedenti leggi di rivalutazione Società estere che detengono immobili: IVIE o IVAFE? Valutazione terreni edificabili nello Stato estero e come pagare su immobile in costruzione (F3 per catasto italiano ): pago sul valore dell area considerata edificabile 50

Redditi di fonte estera e compilazione del quadro RW Casi pratici

Redditi di fonte estera e compilazione del quadro RW Casi pratici Redditi di fonte estera e compilazione del quadro RW Casi pratici SANDRO BOTTICELLI 8 LUGLIO 2011 SALA CONVEGNI-CORSO EUROPA 2 - MILANO SOMMARIO Operazioni in titoli detenuti all estero Stock Option Incasso

Dettagli

QUADRO RW E REDDITI ESTERI: CASI PRATICI DI COMPILAZIONE

QUADRO RW E REDDITI ESTERI: CASI PRATICI DI COMPILAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Adempimenti dichiarativi per i beni e le attività finanziarie detenute all'estero QUADRO RW E REDDITI ESTERI: CASI PRATICI DI COMPILAZIONE SANDRO BOTTICELLI

Dettagli

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 19, commi da 13 a 23, DL n. 201/2011 Art. 1, commi 518 e 519, Legge n. 228/2012 Circolari Agenzia Entrate 3.5.2013 n. 12/E e 9.5.2013,

Dettagli

TASSAZIONE IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO -CHIARIMENTI AGENZIA ENTRATE-

TASSAZIONE IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO -CHIARIMENTI AGENZIA ENTRATE- S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO TASSAZIONE IMMOBILI E ATTIVITA FINANZIARIE ALL ESTERO -CHIARIMENTI AGENZIA ENTRATE- MASSIMILIANO SIRONI 26 SETTEMBRE SALA ORLANDO C.SO VENEZIA, 47 MILANO

Dettagli

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano : nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano ADEMPIMENTO " FISCO Il quadro RW deve essere compilato dai contribuenti soggetti agli obblighi di monitoraggio fiscale

Dettagli

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo.

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo. Modulo RW Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito soggettivo sono ricomprese

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli

Modulo RW Aspetti generali

Modulo RW Aspetti generali Modulo RW Aspetti generali Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

799 IL NUOVO MODULO RW

799 IL NUOVO MODULO RW 799 IL NUOVO MODULO RW La compilazione del modulo RW rientra nella più ampia disciplina del monitoraggio fiscale contenuta nel DL 167/90, il cui impianto normativo è stato riformato dalla Legge 6 agosto

Dettagli

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure Circolare Monografica 12 maggio 2015, n. 2158 DICHIARAZIONI Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure La compilazione del Quadro RW di Armando Urbano Il quadro RW deve essere compilato dalle persone

Dettagli

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 21 Raul Angelo Papotti Socio dello Studio Legale Chiomenti di Milano. Avvocato e Dottore Commercialista in Milano. LL.M. (Leiden) Obblighi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 SOGGETTI INTERESSATI SOGGETTI ESONERATI SCADENZA COME SI COMPILA Il Quadro

Dettagli

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SANDRO BOTTICELLI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano Milano, Corso

Dettagli

Incontri del Martedì

Incontri del Martedì Incontri del Martedì LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI E DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE ALL'ESTERO Luciano Olivieri Dottore Commercialista Milano, 9 Aprile 2013 1 IVIE: Imposta sul Valore degli Immobili detenuti

Dettagli

IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero"

IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero Dott. Ciancianaini Riccardo Dottore Commercialista Revisore Contabile IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero" Londra, Venerdì 30

Dettagli

MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA

MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA COS E IL QUADRO RW Il quadro o modello RW è una sezione del Modello Unico relativo alla dichiarazione dei redditi delle persone fisiche. In questo

Dettagli

QUADRO RW E STOCK OPTION ESTERE

QUADRO RW E STOCK OPTION ESTERE PUNTUALIZZAZIONI E FOCUS FINALE SU MODELLI UNICO 2014 QUADRO RW E STOCK OPTION ESTERE SANDRO BOTTICELLI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano Milano, 23 settembre 2014 - Auditorium San

Dettagli

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014 Nel rigo RR15 devono essere indicate le informazioni utili per il calcolo del contributo integrativo. In particolare, indicare nel: campo 1 la posizione giuridica ricoperta dal singolo associato: IO (iscritto

Dettagli

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA

GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA NEWSLETTER n. 21 15 aprile 2014 GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI ESTERI QUADRO RW DEL MODELLO UNICO LE RECENTI NOVITA RIFERIMENTI: D.L. n. 167/1990 Legge n. 97/2013 ( Legge Europea ) Legge

Dettagli

IL QUADRO RW E LE PATRIMONIALI ESTERE

IL QUADRO RW E LE PATRIMONIALI ESTERE E LE PATRIMONIALI ESTERE a cura di Ennio Vial Venezia 12 giugno 2014 1 NOVITA MODULO RW L art. 9 della legge n. 97/2013 ha introdotto importanti modifiche alla disciplina del Modulo RW riscrivendo integralmente

Dettagli

Il quadro RW 2015: le novità del modello

Il quadro RW 2015: le novità del modello Il quadro RW 2015: le novità del modello di Ennio Vial e Vita Pozzi Introduzione Lo scopo del presente intervento è quello di fare il punto sul quadro RW segnalandone soprattutto gli elementi di novità

Dettagli

Fiscal News N. 146. La gestione degli immobili esteri in UNICO 2014. La circolare di aggiornamento professionale 21.05.2014.

Fiscal News N. 146. La gestione degli immobili esteri in UNICO 2014. La circolare di aggiornamento professionale 21.05.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 146 21.05.2014 La gestione degli immobili esteri in UNICO 2014 Quadro RL e RW Categoria: Unico Sottocategoria: Persone fisiche La proprietà o

Dettagli

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure Casi pratici e aspetti critici AIGA Genova 30 marzo 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Componente della Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Attività

Dettagli

Anno 2013 N.RF100. La Nuova Redazione Fiscale IVIE ED IVAFE - CHIARIMENTI DELLE ENTRATE

Anno 2013 N.RF100. La Nuova Redazione Fiscale IVIE ED IVAFE - CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Anno 2013 N.RF100 ODCEC VASTO OGGETTO La Nuova Redazione Fiscale IVIE ED IVAFE - CHIARIMENTI DELLE ENTRATE www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 9 RIFERIMENTI CM 12/2013 E 13/2013 - ART. 19 C. 13-23 DL 201/2011;

Dettagli

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni.

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Voluntary disclosure Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. CARLO GALLI CLIFFORD CHANCE Milano,

Dettagli

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW a cura di Roberta De Pirro e Federica Lorusso- Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net; federica.lorusso@sciume.net

Dettagli

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 Redditi di capitale: certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Dettagli

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Gli obblighi di dichiarazione annuale nel quadro RW degli investimenti detenuti all estero e delle attività estere di natura finanziaria, nonché il pagamento

Dettagli

Circolare n. 21 INDICE

Circolare n. 21 INDICE Circolare n. 21 del 15 giugno 2012 Imposte patrimoniali sugli immobili all estero, sulle attività finanziarie detenute all estero e sulle attività oggetto di scudo fiscale - Riepilogo della disciplina

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 24 del 18 giugno 2012 Imposte patrimoniali

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

CONTRIBUTO SOGGETTIVO CONTRIBUTO INTEGRATIVO CONTRIBUTO MATERNITÀ

CONTRIBUTO SOGGETTIVO CONTRIBUTO INTEGRATIVO CONTRIBUTO MATERNITÀ Il contributo integrativo è dovuto nella misura del 4% del volume annuale d affari ai fini IVA al netto del contributo minimo pagato in acconto nel 2014. È previsto un contributo integrativo minimo, calcolato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 141/E

RISOLUZIONE N. 141/E RISOLUZIONE N. 141/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2010 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Vincite conseguite per effetto della partecipazione a giochi on-line

Dettagli

Partecipazioni in società estere a scudo variabile

Partecipazioni in società estere a scudo variabile Focus di pratica professionale di Luca Miele Partecipazioni in società estere a scudo variabile Premessa Una delle fattispecie più frequenti di adesione allo Scudo fiscale riguarda l emersione di partecipazioni

Dettagli

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013 La fiscalità dei contratti di locazione Milano, 29 gennaio 2013 1 Fiscalità connessa ai contratti di locazione Imposte dirette Per il locatore non imprenditore, ai fini della determinazione del reddito

Dettagli

Le novità del quadro RW

Le novità del quadro RW Dott. Alessandro Terzuolo (Dottore Commercialista e Revisore Contabile Professore a contratto in Diritto Tributario Internazionale e Comunitario, Università di Management di Torino) Le novità del quadro

Dettagli

Imposta sugli immobili e sulle attività finanziarie all estero (IVIE e IVAFE)

Imposta sugli immobili e sulle attività finanziarie all estero (IVIE e IVAFE) Imposta sugli immobili e sulle attività finanziarie all estero (IVIE e IVAFE) L IMPOSTA SUGLI IMMOBILI DETENUTI ALL ESTERO IVIE A decorrere dall 1.1.2011 è stata istituita l IVIE, imposta sul valore degli

Dettagli

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 01 Luglio 2013

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 01 Luglio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 01 Luglio 2013 Oggetto: Circolare n. 25/2013 del 01 Luglio 2013

Dettagli

Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano

Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano Sandro Botticelli Commissione Diritto Tributario Nazionale Ordine Dottori Commercialisti di Milano La tassazione delle attività finanziarie per le persone fisiche Adempimenti dichiarativi: dal quadro RW

Dettagli

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014

Monitoraggio fiscale. Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori. Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 Monitoraggio fiscale Principali aspetti soggettivi e Profili sanzionatori Avv. Massimo Antonini Milano, 13 febbraio 2014 1 Principali aspetti soggettivi 2 Quadro RW Presupposto soggettivo: Persone fisiche,

Dettagli

Società estere e Quadro RW

Società estere e Quadro RW Società estere e Quadro RW by Marina d'angerio - Wednesday, January 28, 2015 /societa-estere-e-quadro-rw/ essere compilato al fine di: Il quadro RW del Modello Unico Persone Fisiche deve Permettere il

Dettagli

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero Brevi appunti su IVIE ed IVAFE NORMATIVA DI RIFERIMENTO L'articolo 19 del DL 06/12/2011 n. 201 ha istituito: Decreto Legge Salva Italia

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 73/E. Roma, 25 luglio 2014. OGGETTO: Chiarimenti sugli obblighi di dichiarazione nel quadro RW delle stock option estere

RISOLUZIONE N. 73/E. Roma, 25 luglio 2014. OGGETTO: Chiarimenti sugli obblighi di dichiarazione nel quadro RW delle stock option estere RISOLUZIONE N. 73/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25 luglio 2014 OGGETTO: Chiarimenti sugli obblighi di dichiarazione nel quadro RW delle stock option estere In considerazione delle richieste di chiarimento

Dettagli

Documento. n. 13. La tassazione degli immobili esteri

Documento. n. 13. La tassazione degli immobili esteri Documento n. 13 La tassazione degli immobili esteri Febbraio 2013 LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI ESTERI LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI ESTERI SOMMARIO: 1. Presupposto impositivo. 2. Soggetti passivi. 3. Base

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità dei modello UNICO 2013 DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità del modello UNICO 2013 Persone fisiche Fascicolo 1 ARGOMENTI PRINCIPALI Tra le principali novità del modello Unico PF

Dettagli

M A U R O N I C O L A D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A R E V I S O R E L E G A L E

M A U R O N I C O L A D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A R E V I S O R E L E G A L E M A U R O N I C O L A D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A R E V I S O R E L E G A L E VIA MATTEOTTI, 58-28062 CAMERI - NO 0321 51.82.00 0321 51.81.81 M A U R O N I C O L A F O G L I O S E G U E N.

Dettagli

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com

Avv. Prof. Maurizio Leo. Avv. Prof. Maurizio Leo -Studio Legale e Tributario Leo -Libroia e Associati www.leolibroia.com Avv. Prof. Maurizio Leo VD INTERNAZIONALE I SOGGETTI SOGGETTI INTERESSATI Persone fisiche (anche se titolari di reddito di impresa o di lavoro autonomo o collaboratori dell impresa familiare); Titolari

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

Il Modello UNICO per persone fisiche

Il Modello UNICO per persone fisiche Immacolata Di Rienzo (Commercialista in Caserta) Il Modello UNICO per persone fisiche Persone fisiche non esercenti attività di lavoro autonomo Persone fisiche esercenti attività di impresa o di arti e

Dettagli

QUADRO RW del modello Unico 2014

QUADRO RW del modello Unico 2014 QUADRO RW del modello Unico 2014 1 QUADRO RW del modello Unico 2014 Dispensa www.studiomodolo.it N.B.: l'impostazione del materiale è stata attuata in modo analitico per costituire «dispensa» dell'incontro

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici Genova 6 luglio 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Caso: attività finanziarie

Dettagli

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali)

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Marco Abramo Lanza Dottore Commercialista Milano, 12 dicembre 2014 Variabili - Oggetto

Dettagli

Ambito di applicazione oggettivo

Ambito di applicazione oggettivo 74 Ambito di applicazione oggettivo Sommario: 2.1 Identità delle attività finanziarie e patrimoniali detenute all estero e determinazione dei corrispondenti valori 2.1.1 Valorizzazione delle attività finanziarie

Dettagli

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino Il Quadro RW a cura di Sergio Pellegrino Studio Pellegrino PREMESSA METODOLOGICA NEL MODELLO UNICO CONVIVONO DUE MONDI DICHIARAZIONE DEI REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO SEGNALAZIONE DELLE ATTIVITA DETENUTE

Dettagli

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009 Lo scudo fiscale III Paolo Ludovici Maisto e Associati Imposta straordinaria sulle attività finanziarie e patrimoniali estere a)attività detenute da soggetti

Dettagli

Il Modulo RW: casi particolari di compilazione

Il Modulo RW: casi particolari di compilazione Speciale quesiti di Ennio Vial e Vita Pozzi Il Modulo RW: casi particolari di compilazione Nel presente intervento analizzeremo alcuni casi particolari di compilazione del Modulo RW quali l ipotesi di

Dettagli

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PRODOTTI E SERVIZI FINANZIARI: RECENTI NOVITA IN MATERIA DI IMPOSTE INDIRETTE Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle

Dettagli

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2015 Dichiarazione annuale degli investimenti detenuti all estero e delle attività estere di natura finanziaria, Ivie e Ivafe Commissione

Dettagli

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA

Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA Quadro RT PLUSVALENZE DI NATURA FINANZIARIA ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 DETERMINAZIONE DELLE PLUSVALENZE SOGGETTI INTERESSATI SCADENZA COME SI COMPILA Nel Quadro RT devono essere indicati i redditi derivanti

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi?

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi? 1 - RIMPATRIO GIURIDICO 1.1 D: Ai fini di poter effettuare un rimpatrio giuridico di titoli, gli stessi devono essere depositati/intestati alla fiduciaria. È possibile il deposito presso qualunque soggetto

Dettagli

IMU INSERTO STACCABILE

IMU INSERTO STACCABILE IMU SCHEDE INFORMATIVE PER LA GUIDA AL CALCOLO DELL ACCONTO DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA IMU ANNO 2012 valevole per il contribuente residente e dimorante nel Comune di Piazzola sul Brenta per il solo

Dettagli

Quadro B: redditi dei fabbricati. a cura di Fabio Garrini

Quadro B: redditi dei fabbricati. a cura di Fabio Garrini Quadro B: redditi dei fabbricati a cura di Fabio Garrini 1 La visura catastale Dati identificativi individuazione del fabbricato Sezione foglio mappale - subalterno Dati di classamento descrizione del

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

2.1.2 Identità dei valori ai quali applicare le sanzioni ridotte

2.1.2 Identità dei valori ai quali applicare le sanzioni ridotte AMBITO DI APPLICAZIONE OGGETTIVO 87 dove è stata costituita la società che ne è intestataria 22 ; ne costituiscono esempio le norme dell art. 5-quinquies, co. 4 e 7, D.L. 167/1990, appena ricordate, che

Dettagli

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione 6077 APPROFONDIMENTO L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione di Enzo Mignarri Con il varo del decreto legge cosiddetto Salva Italia, sono state introdotte

Dettagli

Scudo fiscale ter: - Le scelte strategiche nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata

Scudo fiscale ter: - Le scelte strategiche nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata Scudo fiscale ter: - nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata di Università di Genova - Professore aggregato di Diritto Commerciale Componente commissione Trust CNDCEC nell emersione

Dettagli

CAUSE DI ESCLUSIONE E DI DISAPPLICAZIONE

CAUSE DI ESCLUSIONE E DI DISAPPLICAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SOCIETÀ DI COMODO E/O IN PERDITA SISTEMATICA: PRESUNZIONI DI NON OPERATIVITÀ E CONSEGUENTE TASSAZIONE CAUSE DI ESCLUSIONE E DI DISAPPLICAZIONE FRANCESCA GEROSA

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

COMUNE DI LAURIA (PZ)

COMUNE DI LAURIA (PZ) COMUNE DI LAURIA (PZ) Guida ICI per il contribuente CHI DEVE PAGARE L ICI Ai sensi del D.lgs n.504/92, devono pagare l ICI i proprietari (o titolari di altro diritto come, usufrutto, uso o abitazione,

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Tassazione dei canoni di locazione di immobili ad uso abitativo

Dettagli

Comprare casa in Svizzera: guida fiscale all acquisto (prima parte)

Comprare casa in Svizzera: guida fiscale all acquisto (prima parte) di: Roberto Lenzi Avvocato, Lenzi e Associati Comprare casa in Svizzera: guida fiscale all acquisto (prima parte) A quali forme di tassazione si va incontro comprando una casa in Svizzera? Ecco la prima

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef

Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef Il modello Unico 2013 Rapporti tra Imu e Irpef Novità ed esempi di compilazione Giorgio Gavelli Maggio 2013 Premessa Dal 2012 l Imu sostituisce l Ici per la componente immobiliare, l Irpef e le addizionali

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

IL QUADRO RW NEL MODELLO UNICO 2010. Dott. Duilio LIBURDI

IL QUADRO RW NEL MODELLO UNICO 2010. Dott. Duilio LIBURDI IL QUADRO RW NEL MODELLO UNICO 2010 Dott. Duilio LIBURDI Diretta 17 maggio 2010 I SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW Sono principalmente le persone fisiche residenti ai sensi dell articolo

Dettagli

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

IL QUADRO RW. a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista

IL QUADRO RW. a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista IL QUADRO RW a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista 1 modulo Gli obblighi legati al quadro RW MONITORAGGIO QUADRO RW l obbligo di monitoraggio in dichiarazione RW sussiste se: sono

Dettagli

Genova, 15 gennaio 2015 I REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO DA PERSONE FISICHE RESIDENTI. Centro di Formazione, Cultura e Attività Forensi Via XII Ottobre 3

Genova, 15 gennaio 2015 I REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO DA PERSONE FISICHE RESIDENTI. Centro di Formazione, Cultura e Attività Forensi Via XII Ottobre 3 Genova, 15 gennaio 2015 I REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO DA PERSONE FISICHE RESIDENTI Centro di Formazione, Cultura e Attività Forensi Via XII Ottobre 3 1 Il worlwide income principle ART.3, COMMA 1, del

Dettagli

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013 Roma, 22 Gennaio 2013 Prot. n. 58/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 05/2013 Oggetto: nuovo Modello 730/2013, redditi 2012: principali caratteristiche Con il provvedimento

Dettagli

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 1) IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) La Legge di Stabilità 2014 n. 147 del 27 dicembre 2013 (articolo 1 commi da 639 a 731) ha istituito, a partire dal 1/01/2014, l Imposta

Dettagli

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA

IMU SINTESI DI COME SI APPLICA IMU SINTESI DI COME SI APPLICA Riferimenti legislativi Art. 13, DL n. 201/2011 Artt. 8 e 9, D.Lgs. n. 23/2011 D.Lgs. n. 504/92 Art. 4, DL n. 16/2012 Circolare MEF 18.5.2012, n. 3/DF PRESUPPOSTO IMPOSITIVO

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW A NORMA DEGLI ARTT. 2 E 4 DEL D.L. 167/1990 PERSONE FISICHE ENTI

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

TASSAZIONE degli IMMOBILI in AMBITO INTERNAZIONALE

TASSAZIONE degli IMMOBILI in AMBITO INTERNAZIONALE Circolare informativa per la clientela n. 05/2010 del 21 ottobre 2010 TASSAZIONE degli IMMOBILI in AMBITO INTERNAZIONALE In questa Circolare 1. Immobili esteri di soggetti italiani 2. Immobili italiani

Dettagli

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 6 14 GENNAIO 2014 La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 Il Modello UNICO Persone Fisiche 2016 comprende la dichiarazione dei redditi e la dichiarazione annuale IVA. Il Modello Unico per

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli