LOGSTASH Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LOGSTASH Introduzione"

Transcript

1 LOGSTASH

2 LOGSTASH Introduzione Logstash è un tool per la gestione di eventi e log: è possibile utilizzarlo per l'acquisizione di log (o più genericamente di file), il loro parsing e la conservazione per un uso futuro. Logstash è scritto in JRuby e funziona all'interno di una JVM. La sua architettura è orientata ai messaggi ed è piuttosto semplice: è costituito da un agent che viene configurato per combinare tra loro differenti funzioni (client / server).

3 LOGSTASH Architettura L'ecosistema nel quale viene utilizzato Logstash è composto da 4 componenti fondamentali: - lo Shipper: invia gli eventi a Logstash (tipicamente un agent remoto utilizza unicamente questo componente); - il Broker e l'indexer: riceve e indicizza gli eventi; - il Search and Storage: permette di cercare e memorizzare gli eventi; - una Web Interface. Tipicamente i server Logstash sono composti da uno o più di questi componenti: è possibile combinarli indipendentemente l'uno dall'altro secondo le proprie necessità.

4 LOGSTASH Agent Shipper All'interno del file di configurazione dell'agent Shipper Logstash dobbiamo specificare i parametri di: - input: corrisponde a ciò che arriva all'agent in ingresso (standard input o il contenuto di un file); - filter: opzione in grado di gestire il parsing dell'event in input, filtrare o aggiungere informazioni; - output: permette di specificare dove saranno inviati gli event (come, ad esempio, standard output o ElasticSearch).

5 LOGSTASH Filter I filtri vengono utilizzati per filtrare ma anche per modificare i contenuti dei diversi events. permettono anche di analizzare gli events (via grok ad esempio) per migliorare poi la fase di indicizzazione e memorizzazione. Possibili strategie di filtraggio: - filtrare gli event con l'agent; - filtrare gli event sul server centrale; - emettere gli event nel formato più indicato. Se si filtra a livello locale si riduce il carico sul server e ci si assicura la memorizzazione nel formato desiderato: ciò comporta una configurazione più complessa dei diversi agent. Viceversa se il filtraggio avviene sul server centrale si dovrà disporre di risorse hardware superiori in maniera da poter processare una grande mole di informazioni.

6 LOGSTASH Cenni su Grok Grok è lo strumento principale con il quale vengono eseguiti i filtri all'interno di Logstash in quanto combinando i suoi comandi base e l'insieme delle diverse regular expressions consente di ottenere facilmente la modifica del messaggio secondo quanto desiderato. Ad esempio, utilizzando i comandi base possiamo: - aggiungere/rimuovere campi o tag in base a determinati pattern; - terminare il parsing non appena una data condizione è verificata; - cancellare/ignorare determinati messaggi sulla base di pattern.

7 LOGSTASH Architettura Nella maggior parte dei casi, Logstash viene così configurato: - un (o più) agent Logstash Shipper è in esecuzione all'interno degli host ed emette informazioni quali eventi, registri delle applicazioni, servizi, log verso il server centrale. - il server centrale Logstash sarà responsabile per l'esecuzione del Broker, Indexer, Search, Storage e Web Interface per ricevere, processare e conservare i registri degli eventi. Shipper Shipper Broker Indexer Indexer Indexer Search & Storage Shipper client server

8 LOGSTASH Architettura Ecosistema LOGSTASH LOGSTASH REDIS Indexer Indexer LOGSTASH LOGSTASH client server KIBANA

9 LOGSTASH Architettura Ecosistema Alternativa SYSLOG SYSLOG Indexer Indexer LOGSTASH SYSLOG client server KIBANA

10 LOGSTASH Scalabilità broker Indexer Indexer LOGSTASH Search & storage LOGSTASH broker Indexer Indexer LOGSTASH

11

12 Introduzione Elasticsearch è un motore di ricerca open source costruito su Apache Lucene. Lucene è la più avanzata e più completa (ma complessa) libreria per il search engine tra tutte quelle presenti sia open source che proprietarie. Lucene resta comunque una libreria: per sfruttare le sue potenzialità è necessario lavorare in Java integrando Lucene direttamente nell'applicazione. Elasticsearch, anch'esso scritto in Java, utilizza Lucene internamente per tutta l'indicizzazione e la ricerca, ma mira a rendere facile la ricerca full-text nascondendo la complessità di Lucene dietro una semplice API RESTful.

13 Introduzione Elasticsearch non è solo Lucene, non si limita infatti a essere uno strumento per la ricerca Full Text. possiamo descriverlo come: - un document store real time distribuito dove ogni campo è indicizzato e ricercabile; - un motore di ricerca distribuito con analisi in tempo reale; - scalabile in centinaia di server e capace di trattare petabytes di dati strutturati e non strutturati. Combina queste funzionalità in un server standalone alla quale un'applicazione terza può interfacciarsi utilizzando delle API RESTful, utilizzando un client web (utilizzando dei JSON) o anche la riga di comando.

14 Breve storia

15 Ulteriori integrazioni

16 Architettura: componenti In Elasticsearch sono presenti differenti componenti: - un cluster è composto da uno o più nodi (istanze in esecuzione di Elasticsearch) che condividono lo stesso cluster.name e che lavorano assieme condividendo i propri dati e il carico di lavoro. Poiché i nodi possono essere aggiunti o rimossi dal cluster esso si riorganizza per distribuire in maniera uniforme i dati; - un indice è lo spazio logico, che indica uno o più shards fisici, dove vengono immagazzinati i dati all'interno dei nodi; - uno shard è l'unità di lavoro di basso livello che contiene una porzione dei dati facenti parti dell'indice ed è costituito da una singola istanza di Lucene; - il document rappresenta la porzione di dati strutturati da immagazzinare appartenenti a un singolo oggetto.

17 Architettura: nodi All'interno del cluster uno dei nodi viene eletto come master node e si occupa della gestione del cluster (creazione o eliminazione di un indice o aggiunta o rimozione di un nodo). Ogni nodo di un cluster può essere designato per essere un nodo master e, come utenti, possiamo parlare a ognuno dei nodi presenti nel cluster. Ciascun nodo conosce infatti la localizzazione di ogni document e può inoltrare la nostra richiesta direttamente ai nodi che contengono il dato che ci interessa: sarà lo stesso nodo che abbiamo interrogato a fornirci il risultato della ricerca astraendo la complessità dell'architettura sottostante.

18 Architettura: gli shards Uno shard può essere un primary shard o un replica shard: ogni document nell'indice appartiene a un singolo shard primario. Un replica shard è una copia del primary shard: le repliche sono utilizzate per fornire una ridondanza dei dati e vengono utilizzate anche per effettuare delle letture degli stessi. Il numero degli shards primari viene fissato al momento in cui viene creato l'indice ma il numero delle repliche può essere modificato in qualsiasi momento. Quando il cluster cresce o si riduce di dimensione, Elasticsearch sposterà i dati tra i diversi nodi per garantire un corretto bilanciamento. Ogni nuovo document inserito nell'indice viene prima memorizzato nel primary shard e poi spostato nei replica shards associati.

19 Architettura: Document - cenni All'interno di Elasticsearch il Document rappresenta la porzione di dati strutturati da immagazzinare appartenenti a un singolo oggetto. Il Document è costituito da due componenti fondamentali: - l'oggetto che rappresenta, serializzato in un JSON; - dei specifici metadati relativi al Document stesso. I metadati presenti all'interno di un Document devono essere almeno i tre seguenti: - _index - _type - _id Vi è la possibilità di utilizzare numerosi altri metadati qui non indicati.

20 Architettura: Metadati - cenni _index Questo metadato identifica univocamente la collezione di dati, l'indice (assimilabile al concetto di database negli RDBMS o di collection in MongoDB), dove salviamo e indicizziamo i dati. _type Il metadato rappresenta la classe alla quale l'oggetto JSON appartiene. Ogni _type è mappato su una differente definizione di schema: nello stesso indice possono infatti essere presenti document di diversi tipi. _id Una stringa che, assieme all'_index e al _type identifica univocamente il Document in Elasticsearch: quando creiamo un nuovo Document se non forniamo un _id sarà il sistema stesso a generarne uno al posto nostro

21 Architettura Quando avviamo per la prima volta Elasticsearch in un nodo senza dati né indici ci troviamo in una situazione di questo tipo: NODE 1 CLUSTER MASTER

22 Architettura Creando un indice, per impostazione predefinita, esso viene assegnato a cinque shards primari. Ipotizziamo di aver configurato il nostro Elasticsearch per avere tre shards e una replica per ciascuno di essi. NODE 1 P0 MASTER P1 P2 CLUSTER In questo caso la replica non viene realizzata in quanto non avrebbe senso duplicare i dati sulla stessa macchina. Utilizzando una configurazione single node abbiamo un single point of failure in quanto non è presente alcuna ridondanza.

23 Architettura È sufficiente lanciare un ulteriore nodo, configurato con lo stesso cluster.name, per ottenere la ridondanza desiderata NODE 1 P0 MASTER P1 P2 NODE 2 R0 R1 R2 CLUSTER Il secondo nodo viene aggiunto automaticamente al cluster e vengono creati i replica shards.

24 Architettura Aggiungendo un ulteriore nodo al cluster, dal nodo 1 e dal nodo 2 vengono spostati degli shards in maniera automatica per garantire la scalabilità orizzontale: NODE 1 MASTER P1 CLUSTER P2 NODE 2 R0 NODE 3 R1 P0 R2

25 Architettura Incrementando poi il fattore di replica incrementiamo ulteriormente la robustezza del sistema: NODE 1 R0 MASTER P1 CLUSTER P2 NODE 2 R0 NODE 3 R1 R2 P0 R1 R2

26 Architettura Qualora uno dei nodi diventi inutilizzabile, ad esempio il nodo master, gli altri nodi provvederanno ad eleggere un nuovo master e a ridistribuire gli shards: NODE 2 R0 CLUSTER MASTER R1 R2 P2 NODE 3 P0 R1 P1 R2

27 Linguaggio di interrogazione - cenni All'interno di Elasticsearch è presente un apposito linguaggio di interrogazione Query DSL: esso combina la potenza di ricerca di Lucene con una semplice interfaccia di interrogazione di tipo JSON. La generica query viene quindi espressa tramite una serie di coppie chiave valore eventualmente annidate. Il linguaggio Query DSL è in realtà costituito da due componenti: - filter DSL - query DSL

28 Linguaggio di interrogazione - cenni - filter DSL pone una domanda la cui risposta è si/no in base al valore che assume uno specifico campo / insieme di campi nel Document: il Document ha data creazione nel range ? Il campo _status contiene il termine 'pubblicato'? - query DSL simile al filter, risponde alla domanda: quanto bene il Document effettua il match? Ad esempio: Document con miglior matching con le parole 'full text search' Document che contiene la parola run, ma forse anche 'runs running jog sprint' Una query calcola quindi quanto ogni Document è rilevante alla query associandolo a un metadato di rilevanza _score il quale viene di seguito utilizzato per effettuare un sort dei risultati della ricerca. Il concetto di rilevanza si adatta bene alla ricerca full-text dove raramente è possibile identificare una risposta completamente corretta.

29 Demo l Architecture - Generale

30 Demo l Architecture - Generale

31 Demo Caso affrontato Log Log Log

32 Demo Caso affrontato: il generatore di Log Il generatore di Log che viene utilizzato in questa demo, LogProducer.jar, è un semplice programma JAVA che simula, in base a differenti parametri d'ingresso casuali, le variazioni che possono subire degli AccessLog del webserver Apache2/Httpd. I file di log finali prodotti saranno nel formato: host1.dassia.crs4.it - - [16/04/2015:15:05: ] "POST HTTP/1.0" LogProducer.jar ha fondamentalmente due funzioni: - crea delle timeline di richieste previste - processa le timeline generando quindi i file di log richiesti

33 Demo Creazione della timeline La timeline rappresenta l'andamento del numero delle richieste a un certo server web al passare del tempo. In particolare con LogProducer.jar è possibile creare delle timeline con alcuni andamenti prestabiliti Flat # r Square # step ht lt s # Triangular i ht lt s s # SawTooth i ht lt s

34 Demo Creazione della timeline Il file contenente la timeline assegna una serie di parametri che verranno poi utilizzati per generare delle righe di log pseudo casuali con: - tipo di comando richiesto con differente probabilità di uscita (POST / GET / DELETE) - risorsa richiesta in differenti sottocartelle BigData/ tutorial/ files.tar.gz HadoopScripting/ webinar/ page.html NoSQL/ Slides/ crs4_logo.png DataStreaming/ - risposta del server 200 (ok) 400 (bad request) 403 (forbidden) 404 (not found) - dimensione restituita variabile in base al tipo del file / tipo comando / risposta del server

35 Demo LogProducer.jar - Logstash Una volta lanciata l'elaborazione delle timeline il sistema inizierà a scrivere nella cartella, indicata come destinazione dei log, un file di log per ogni timeline sorgente. A questo punto LogStash potrà andare a leggere i file di log, filtrarli e interpretarli come da configurazione e inoltrare il JSON Log Log Log derivante verso i sistemi opportuni (nel nostro caso kafka e elasticsearch).

36 Demo Configurazione di Logstash - Input Nella configurazione dell'input assegneremo a uno specifico input una stringa identificativa del tipo in ingresso e indicheremo a Logstash in quale cartella dovrà andare a leggere i file di input. input { file { type => "apache-access" path => "/data/simulated_logs/*" } }

37 Demo Configurazione di Logstash Filter Grok Nella sezione filter andremo ad indicare a Logstash come filtrare ed effettuare il parsing dei diversi tipi in ingresso. filter { grok { type => "apache-access" patterns_dir => "/opt/logstash/1.5.0.rc2/pattern" pattern => "%{IPORHOST:clientip} %{USER:ident} %{USER:client} \[% {MYHTTPDATE:messageTimestamp} %{INT:timezone}\] \"%{WORD:verb} % {NOTSPACE:request} *HTTP/%{NUMBER:httpversion}\" %{NUMBER:response} (?: %{NUMBER:bytes} -)" }

38 Demo Configurazione di Logstash Grok Pattern personalizzati Il contenuto della cartella patterns_dir ls /opt/logstash/1.5.0.rc2/pattern timepattern MYHTTPDATE %{MONTHDAY:giorno}/%{MONTHNUM:mese}/%{YEAR:anno}:%{TIME:ora} NAME RULE MyPattern.foo NAME RULE

39 Demo Configurazione di Logstash Filter Date date { locale => "it" timezone => "Europe/Rome" match => [ "messagetimestamp","dd/mm/yyyy:hh:mm:ss.sss"] target => "messagetimestamp" } }

40 Demo Configurazione di Logstash - Output Nella sezione output andremo ad indicare a Logstash dove inoltrare i JSON risultanti dal filtro appena effettuato. output { elasticsearch { cluster => elasticsearch } kafka { topic_id => "logstash_logs" client_id => "logstash" } stdout { } }

41 Demo Configurazione di Logstash input { file { type => "apache-access" path => "/data/simulated_logs/*" filter { grok { } type => "apache-access" } patterns_dir => "..." pattern => "..." } date {... target => "messagetimestamp" } output { } kafka { topic_id => "logstash_logs" client_id => "logstash" } }

HBase Data Model. in più : le colonne sono raccolte in gruppi di colonne detti Column Family; Cosa cambia dunque?

HBase Data Model. in più : le colonne sono raccolte in gruppi di colonne detti Column Family; Cosa cambia dunque? NOSQL Data Model HBase si ispira a BigTable di Google e perciò rientra nella categoria dei column store; tuttavia da un punto di vista logico i dati sono ancora organizzati in forma di tabelle, in cui

Dettagli

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato SCP: SCHEDULER LAYER a cura di Alberto Boccato PREMESSA: Negli ultimi tre anni la nostra scuola ha portato avanti un progetto al quale ho partecipato chiamato SCP (Scuola di Calcolo Parallelo). Di fatto

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Laboratorio di Information Retrieval SOLR. Marco Rossetti rossetti@disco.unimib.it. Based on Emanuele Panzeri s slides panzeri@disco.unimib.

Laboratorio di Information Retrieval SOLR. Marco Rossetti rossetti@disco.unimib.it. Based on Emanuele Panzeri s slides panzeri@disco.unimib. Laboratorio di Information Retrieval SOLR Marco Rossetti rossetti@disco.unimib.it Based on Emanuele Panzeri s slides panzeri@disco.unimib.it 19/12/2014 SOLR Search Engine Apache SOLR 1 è una piattaforma

Dettagli

Configurazione Stampe

Configurazione Stampe Configurazione Stampe Validità: Febbraio 2013 Questa pubblicazione è puramente informativa. SISECO non offre alcuna garanzia, esplicita od implicita, sul contenuto. I marchi e le denominazioni sono di

Dettagli

CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE

CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE CORSO I.F.T.S TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA GESTIONE DI DATABASE Ing. Mariano Di Claudio Lezione del 20/10/2014 1 Indice 1. HBase e Hrider Caratteristiche chiave Modello dati Architettura Installazione

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER 19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER Introduciamo uno pseudocodice lato server che chiameremo Pserv che utilizzeremo come al solito per introdurre le problematiche da affrontare, indipendentemente dagli specifici

Dettagli

Basi di dati (3) Ing. Integrazione di Impresa A.A. 2007/08

Basi di dati (3) Ing. Integrazione di Impresa A.A. 2007/08 Università di Modena e Reggio Emilia Panoramica Basi di dati (3) Ing. Integrazione di Impresa A.A. 2007/08 Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: struttura SQL Server (1.0)! Componenti! Edizioni!

Dettagli

Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinico Assistenziale Mita Parenti. Introduzione ai Database Relazionali

Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinico Assistenziale Mita Parenti. Introduzione ai Database Relazionali Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinico Assistenziale Mita Parenti Introduzione ai Database Relazionali Obiettivo e Struttura del corso Comprendere i concetti e gli aspetti

Dettagli

Presentazione di Cedac Software

Presentazione di Cedac Software Agenda Presentazione di Cedac Software SOA ed ESB Analisi di un caso studio Esempi Q&A Presentazione di Cedac Software 1 2 Presentazione di Cedac Software S.r.l. Divisione Software Azienda nata nel 1994

Dettagli

Nuvola It Data Space

Nuvola It Data Space MANUALE UTENTE INDICE 1. Descrizione servizio... 3 1.1. Informazioni sul servizio di Telecom Italia... 3 1.2. Ruoli e Autenticazione per il servizio di Telecom Italia... 3 1.3. Strumenti... 5 1.4. Documentazione...

Dettagli

disponibili nel pacchetto software.

disponibili nel pacchetto software. Modulo syllabus 4 00 000 00 0 000 000 0 Modulo syllabus 4 DATABASE 00 000 00 0 000 000 0 Richiede che il candidato dimostri di possedere la conoscenza relativa ad alcuni concetti fondamentali sui database

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

Linee di evoluzione dei Database

Linee di evoluzione dei Database Linee di evoluzione dei Database DB NoSQL Linked Open Data Semantic Web Esigenze e caratteristiche Presenza di grandi volumi di dati..crescenti Struttura non regolare dei dati da gestire Elementi relativamente

Dettagli

La prima tabella da creare è quella relativa all elenco delle modalità mediante le quali è possibile identificare la corrispondenza (Posta

La prima tabella da creare è quella relativa all elenco delle modalità mediante le quali è possibile identificare la corrispondenza (Posta Diamo ordine all ufficio protocollo a cura della redazione OFFICE MAGAZINE Come sostituire il registro cartaceo dedicato alla gestione della corrispondenza in entrata e in uscita delle aziende e degli

Dettagli

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012

Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC. Dr. Paolo Casoto, Ph.D - 2012 + Sviluppo Applicazioni Mobile Lezione 12 JDBC + Cosa vediamo nella lezione di oggi Oggi analizzeremo insieme una specifica tecnologia Java per l accesso e la manipolazione di basi di dati relazionali

Dettagli

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database Corso di Informatica Modulo T3 B3 Programmazione lato server 1 Prerequisiti Architettura client/server Conoscenze generali sui database 2 1 Introduzione Lo scopo di questa Unità è descrivere gli strumenti

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento SOFTWARE PER L ARCHIVIAZIONE ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE SOFTWARE PER

Dettagli

APPENDICE B Le Active Server Page

APPENDICE B Le Active Server Page APPENDICE B Le Active Server Page B.1 Introduzione ad ASP La programmazione web è nata con la Common Gateway Interface. L interfaccia CGI tuttavia presenta dei limiti: ad esempio anche per semplici elaborazioni

Dettagli

Master Quiz. Matteo Zignani. 18 agosto 2014

Master Quiz. Matteo Zignani. 18 agosto 2014 UNIVESITÁ DEGLI STUDI DI MILANO LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE PROGETTO LABORATORIO DI RETI DI CALCOLATORI Master Quiz Matteo Zignani 18 agosto 2014 1 PRESENTAZIONE DEL PROBLEMA Lo studente

Dettagli

Progetto Febbraio 2013 - Appello 1: Diffusione di tweets sul grafo di Twitter

Progetto Febbraio 2013 - Appello 1: Diffusione di tweets sul grafo di Twitter UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO, DIPARTIMENTO DI INFORMATICA LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE CORSO DI RETI DI CALCOLATORI ANNO ACCADEMICO 2011/2012 Progetto Febbraio 2013 - Appello 1: Diffusione

Dettagli

Pedigree Documentazione aggiuntiva Corso di reperimento dell informazione a.a. 2005/2006 prof.sa Maristella Agosti

Pedigree Documentazione aggiuntiva Corso di reperimento dell informazione a.a. 2005/2006 prof.sa Maristella Agosti Pedigree Documentazione aggiuntiva Corso di reperimento dell informazione a.a. 25/26 prof.sa Maristella Agosti Argenton Matteo Buzzi Lorenzo Gatto Giorgio Molinaro Matteo Zorzan Emmanuele Prestazioni

Dettagli

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi Database e reti Piero Gallo Pasquale Sirsi Approcci per l interfacciamento Il nostro obiettivo è, ora, quello di individuare i possibili approcci per integrare una base di dati gestita da un in un ambiente

Dettagli

Simulazione seconda prova Esame di Stato Sito Web - Gestione di un centro agroalimentare all ingrosso (Parte seconda)

Simulazione seconda prova Esame di Stato Sito Web - Gestione di un centro agroalimentare all ingrosso (Parte seconda) Simulazione seconda prova Esame di Stato Sito Web - Gestione di un centro agroalimentare all ingrosso (Parte seconda) Il candidato realizzi inoltre il sito Internet del centro che deve permettere, tra

Dettagli

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28 Indice 25 184 Introduzione XI Capitolo 1 Impostazione dell ambiente di sviluppo 2 1.1 Introduzione ai siti Web dinamici 2 1.2 Impostazione dell ambiente di sviluppo 4 1.3 Scaricamento di Apache 6 1.4 Installazione

Dettagli

1. I database. La schermata di avvio di Access

1. I database. La schermata di avvio di Access 7 Microsoft Access 1. I database Con il termine database (o base di dati) si intende una raccolta organizzata di dati, strutturati in maniera tale che, effettuandovi operazioni di vario tipo (inserimento

Dettagli

Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1)

Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1) Pagina 1 di 10 Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1) Nel corso della lezione precedente abbiamo analizzato le caratteristiche dell'architettura CGI.

Dettagli

Messaggi volatili. Matteo Zignani. 10 gennaio 2015

Messaggi volatili. Matteo Zignani. 10 gennaio 2015 UNIVESITÁ DEGLI STUDI DI MILANO LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE PROGETTO LABORATORIO DI RETI DI CALCOLATORI Messaggi volatili Matteo Zignani 10 gennaio 2015 1 PRESENTAZIONE DEL PROBLEMA Lo studente

Dettagli

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database Uso delle basi di dati Uso delle Basi di Dati Il modulo richiede che il candidato comprenda il concetto di base dati (database) e dimostri di possedere competenza nel suo utilizzo. Cosa è un database,

Dettagli

DBMS. Esempi di database. DataBase. Alcuni esempi di DBMS DBMS. (DataBase Management System)

DBMS. Esempi di database. DataBase. Alcuni esempi di DBMS DBMS. (DataBase Management System) (DataBase Management System) Sistemi di ges3one di basi di da3 Un Database Management System è un sistema software progettato per consentire la creazione e manipolazione efficiente di database (collezioni

Dettagli

Questo punto richiederebbe uno sviluppo molto articolato che però a mio avviso va al di là delle possibilità fornite al candidato dal tempo a disposizione. Mi limiterò quindi ad indicare dei criteri di

Dettagli

License Service Manuale Tecnico

License Service Manuale Tecnico Manuale Tecnico Sommario 1. BIM Services Console...3 1.1. BIM Services Console: Menu e pulsanti di configurazione...3 1.2. Menù Azioni...4 1.3. Configurazione...4 1.4. Toolbar pulsanti...5 2. Installazione

Dettagli

I Sistemi Informativi Geografici. Laboratorio GIS 1

I Sistemi Informativi Geografici. Laboratorio GIS 1 I Sistemi Informativi Geografici Laboratorio GIS 1 Sistema Informativo Geografico Strumento computerizzato che permette di posizionare ed analizzare oggetti ed eventi che esistono e si verificano sulla

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file. Elaborazione testi. Foglio elettronico. Strumenti di presentazione

Uso del computer e gestione dei file. Elaborazione testi. Foglio elettronico. Strumenti di presentazione Il è finalizzato a elevare il livello di competenza nell utilizzo del computer, del pacchetto Office e delle principali funzionalità di Internet. Il percorso formativo si struttura in 7 moduli Concetti

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

TIMESHARK: Uno strumento per la visualizzazione e l analisi delle supertimelines. Relatore: Federico Grattirio

TIMESHARK: Uno strumento per la visualizzazione e l analisi delle supertimelines. Relatore: Federico Grattirio TIMESHARK: Uno strumento per la visualizzazione e l analisi delle supertimelines Relatore: Federico Grattirio Indice: Timeline nelle analisi forensi A cosa servono? Dove posso trovare le informazioni?

Dettagli

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni

ProgettAzione V anno Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Unità 3 - Architetture per applicazioni web Lezione: Esempio sviluppo applicazioni Web service Hello world con Visual Studio 2012 Si tratta di un semplice esempio di web service, infatti come tutti I programmi

Dettagli

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE LA GUIDA IN LINEA. In questa lezione imparerete a: Lab 2.1 Guida e assistente LAB 2.1 - GUIDA E ASSISTENTE In questa lezione imparerete a: Descrivere la Guida in linea e l'assistente Office, Descrivere gli strumenti della Guida in linea di Windows XP,Utilizzare

Dettagli

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database.

Per ulteriori informazioni, vedere l'articolo Nozioni fondamentali della progettazione di database. 1 di 13 22/04/2012 250 Supporto / Access / Guida e procedure di Access 2007 / Tabelle Guida alle relazioni tra tabelle Si applica a: Microsoft Office Access 2007 Uno degli obiettivi di una buona strutturazione

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) User Guide di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 Getting Started 1.1 Contenuto del package e Installazione

Dettagli

Relazione Progetto. Restaurant Manager. Corso: Programmazione ad oggetti Anno scolastico 2014/2015. Sara Sintoni Matteo Venditto

Relazione Progetto. Restaurant Manager. Corso: Programmazione ad oggetti Anno scolastico 2014/2015. Sara Sintoni Matteo Venditto Relazione Progetto Restaurant Manager Corso: Programmazione ad oggetti Anno scolastico 2014/2015 Autori: Daniele Rosetti Sara Sintoni Matteo Venditto Indice 1. Analisi 3 1.1 Requisiti... 3 1.2 Problema...

Dettagli

Sommario. Prefazione... 15. Parte 1 - Introduzione

Sommario. Prefazione... 15. Parte 1 - Introduzione Sommario Prefazione... 15 Parte 1 - Introduzione 1.1 L interfaccia utente e le operazioni più comuni... 19 La scheda File...24 Ridurre la barra multifunzione...29 Personalizzare la barra multifunzione...29

Dettagli

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1

Introduzione alla. Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Introduzione alla Shell di UNIX Alessandra Giordani agiordani@disi.unitn.it Lunedì 27 febbraio 2012 http://disi.unitn.it/~agiordani/ 1 Composizione di un sistema informativo: Hardware (CPU, periferiche,

Dettagli

Innovare. i vostri bisogni. la soluzione. i vantaggi

Innovare. i vostri bisogni. la soluzione. i vantaggi IERI OGGI Innovare il processo di reclutamento e selezione del personale i vostri bisogni ---> gestire in autonomia il processo di reclutamento del personale ---> creare e gestire un area Lavora con noi

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi Applicazioni web Parte 6 Java Alberto Ferrari 1 Sommario Introduzione alle API ed esempi Tomcat Server per applicazioni web Alberto Ferrari 2 Alberto Ferrari 1 Java: da applet a servlet In origine Java

Dettagli

Kirey Re.Search 2.0. Piattaforma di ricerca Open Source

Kirey Re.Search 2.0. Piattaforma di ricerca Open Source Kirey Re.Search 2.0 Piattaforma di ricerca Open Source Le esigenze Quando si parla di motori di ricerca si tende a pensare istintivamente solo a quelli utilizzati per effettuare ricerche in Internet, come

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

Vantaggi dell'utilizzo dei database

Vantaggi dell'utilizzo dei database Vantaggi dell'utilizzo dei database Access consente di sfruttare appieno il valore dei propri dati. Un database è molto di più di un semplice elenco o tabella. Offre la possibilità di gestire appieno i

Dettagli

Collocazione della Metrica Web

Collocazione della Metrica Web Collocazione della Metrica Web Strategia Organizzazione Produzione Promozione Metrica Flussi di un Sistema di Analisi Configurazione Log files data base Analysis Engine Report Tecnici Report Marketing

Dettagli

SPSS Inc. Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows

SPSS Inc. Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows i SPSS Inc. Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows Per ulteriori informazioni sui prodotti software SPSS Inc., visitare il sito Web all indirizzo http://www.spss.it o contattare: SPSS

Dettagli

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia

Introduzione ad Active Directory. Orazio Battaglia Introduzione ad Active Directory Orazio Battaglia Introduzione al DNS Il DNS (Domain Name System) è un sistema utilizzato per la risoluzione dei nomi dei nodi della rete (host) in indirizzi IP e viceversa.

Dettagli

Corso di Archivistica

Corso di Archivistica Corso di Archivistica e gestione documentale Prima Parte - Area Informatica Le tabelle Lezione 6 Creare un data base Introduzione La presente è la prima di una serie di lezioni finalizzate alla creazione

Dettagli

Indice. Che problemi risolve Lucene Consigli di integrazione Soluzioni scalabili. Javaday IV Roma 30 gennaio 2010

Indice. Che problemi risolve Lucene Consigli di integrazione Soluzioni scalabili. Javaday IV Roma 30 gennaio 2010 Indice Che problemi risolve Lucene Consigli di integrazione Soluzioni scalabili Sanne Grinovero Contributi open source Hibernate - www.hibernate.org Infinispan - jboss.org/infinispan Lucene - lucene.apache.org

Dettagli

Microsoft Access 2000

Microsoft Access 2000 Microsoft Access 2000 Corso introduttivo per l ECDL 2004 Pieralberto Boasso Indice Lezione 1: le basi Lezione 2: le tabelle Lezione 3: creazione di tabelle Lezione 4: le query Lezione 5: le maschere Lezione

Dettagli

Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database

Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database Introduzione Al giorno d oggi, i sistemi per la gestione di database implementano un linguaggio standard chiamato SQL (Structured Query Language). Fra le altre cose, il linguaggio SQL consente di prelevare,

Dettagli

Big data ed eventi: quasi un tutorial. Prof. Riccardo Melen melen@disco.unimib.it

Big data ed eventi: quasi un tutorial. Prof. Riccardo Melen melen@disco.unimib.it Big data ed eventi: quasi un tutorial Prof. Riccardo Melen melen@disco.unimib.it Big Data Monitoraggio di reti e infrastrutture IT performance: data center, SOA/ESB, infrastrutture virtuali, configurazione

Dettagli

IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 16 Guida all'installazione e alla configurazione

IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 16 Guida all'installazione e alla configurazione IBM SPSS Modeler Social Network Analysis 16 Guida all'installazione e alla configurazione Indice Capitolo 1. Introduzione a IBM SPSS Modeler Social Network Analysis.... 1 Panoramica di IBM SPSS Modeler

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

Schedulatore di Job Release 4.0

Schedulatore di Job Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Schedulatore di Job Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright.

Dettagli

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database Concetti fondamentali dei database Nella vita di tutti i giorni si ha la necessità di gestire e manipolare dati. Le operazioni possono essere molteplici: ricerca, aggregazione con altri e riorganizzazione

Dettagli

Messa in esercizio, assistenza e aggiornamento di una Piattaform Open Source Liferay plug-in per ARPA

Messa in esercizio, assistenza e aggiornamento di una Piattaform Open Source Liferay plug-in per ARPA Messa in esercizio, assistenza e aggiornamento di una Piattaform Open Source Liferay plug-in per ARPA Pag. 1 di 16 Redatto da F. Fornasari, C. Simonelli, E. Croci (TAI) Rivisto da E.Mattei (TAI) Approvato

Dettagli

Manuale utente Volta Control

Manuale utente Volta Control Manuale utente Volta Control www.satellitevolta.com 1 www.satellitevolta.com 2 Volta Control è un tool che permette la progettazione, l implementazione e la gestione di database Cassandra tramite interfaccia

Dettagli

Grid Data Management Services

Grid Data Management Services Grid Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Management in Globus Toolkit GridFTP (Trasferimento Dati) RFT (Trasferimento Dati Affidabile) RLS (Gestione

Dettagli

E-mail: infobusiness@zucchetti.it. Gestione Filtri. InfoBusiness 2.8 Gestione Filtri Pag. 1/ 11

E-mail: infobusiness@zucchetti.it. Gestione Filtri. InfoBusiness 2.8 Gestione Filtri Pag. 1/ 11 Gestione Filtri InfoBusiness 2.8 Gestione Filtri Pag. 1/ 11 INDICE Indice...2 1. GESTIONE DEI FILTRI...3 1.1. Filtri fissi...3 1.2. Filtro parametrico...5 1.3. Funzione di ricerca...6 2. CONTESTI IN CUI

Dettagli

Introduzione all Information Retrieval

Introduzione all Information Retrieval Introduzione all Information Retrieval Argomenti della lezione Definizione di Information Retrieval. Information Retrieval vs Data Retrieval. Indicizzazione di collezioni e ricerca. Modelli per Information

Dettagli

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Nell organizzazione di un archivio informatizzato è indispensabile poter definire univocamente le informazioni in esso inserite. Tale esigenza è abbastanza ovvia se

Dettagli

Database. Si ringrazia Marco Bertini per le slides

Database. Si ringrazia Marco Bertini per le slides Database Si ringrazia Marco Bertini per le slides Obiettivo Concetti base dati e informazioni cos è un database terminologia Modelli organizzativi flat file database relazionali Principi e linee guida

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

MANUALE D USO DEL SOFTWARE APPLICATIVO ADB-TOOLBOX (VERSIONE 1.7 E SUPERIORI) UTILIZZO DEI SERVIZI WMS-WFS-WCS E DEL CATALOGO CSW

MANUALE D USO DEL SOFTWARE APPLICATIVO ADB-TOOLBOX (VERSIONE 1.7 E SUPERIORI) UTILIZZO DEI SERVIZI WMS-WFS-WCS E DEL CATALOGO CSW Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE D USO DEL SOFTWARE APPLICATIVO ADB-TOOLBOX (VERSIONE 1.7 E UTILIZZO DEI SERVIZI WMS-WFS-WCS E DEL CATALOGO CSW Titolo Autore Oggetto

Dettagli

La Document Orientation. Come implementare un interfaccia

La Document Orientation. Come implementare un interfaccia La Document Orientation Come implementare un interfaccia Per eliminare l implementazione di una interfaccia da parte di una classe o documento, occorre tirarla su di esso tenendo premuto il tasto ctrl.

Dettagli

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati 2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati Sommario COME INSTALLARE STR VISION CPM... 3 Concetti base dell installazione Azienda... 4 Avvio installazione... 4 Scelta del tipo Installazione... 5 INSTALLAZIONE

Dettagli

INDICE. Indice. Introduzione

INDICE. Indice. Introduzione V Indice Introduzione XIII Capitolo 1 La programmazione multithread 1 1.1 Cosa sono i thread 2 Utilizzare i thread per dare una possibilità ad altri task 9 Avvio ed esecuzione dei thread 10 Esecuzione

Dettagli

Installazione MS SQL Express e utilizzo con progetti PHMI

Installazione MS SQL Express e utilizzo con progetti PHMI Installazione MS SQL Express e utilizzo con progetti PHMI Introduzione La nota descrive l utilizzo del database Microsoft SQL Express 2008 in combinazione con progetti Premium HMI per sistemi Win32/64

Dettagli

Per la ricerca di soggetti qualificati per la progettazione e lo sviluppo del Portale agroalimentare

Per la ricerca di soggetti qualificati per la progettazione e lo sviluppo del Portale agroalimentare Per la ricerca di soggetti qualificati per la progettazione e lo sviluppo del Portale agroalimentare CIG: Z7A142CF56 Specifiche tecniche Sommario 1. Oggetto del servizio... 2 1.1 Documenti di riferimento...2

Dettagli

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito LEZIONE 3 Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito Figura 12 pannello di controllo di Drupal il back-end Come già descritto nella lezione precedente il pannello di amministrazione

Dettagli

Diego GUENZI Rodolfo BORASO

Diego GUENZI Rodolfo BORASO Diego GUENZI Rodolfo BORASO NOSQL Movimento che promuove una classe non ben definita di strumenti di archiviazione di dati Un nuovo modo di vedere la persistenza Si differenziano dai RDBMS: Non utilizzano

Dettagli

Ingegneria del Software A. Reti di Calcolatori A

Ingegneria del Software A. Reti di Calcolatori A Progetto di Ingegneria del Software A e Reti di Calcolatori A Anno Accademico 2009/2010 Docente: Prof. Agostino Poggi Studente: Davide Valeriani Matricola 190883 Indice Solr Descrizione 3 Caratteristiche

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco Titolo Perché scegliere Alfresco Titolo1 ECM Alfresco 1 «1» Agenda Presentazione ECM Alfresco; Gli Strumenti di Alfresco; Le funzionalità messe a disposizione; Le caratteristiche Tecniche. 2 «2» ECM Alfresco

Dettagli

Introduzione alla consultazione dei log tramite IceWarp Log Analyzer

Introduzione alla consultazione dei log tramite IceWarp Log Analyzer Introduzione alla consultazione dei log tramite IceWarp Log Analyzer L Analizzatore di Log è uno strumento che consente un'analisi statistica e logica dei file di log generati dal server. Lo strumento

Dettagli

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo

Che cos'è un modulo? pulsanti di opzione caselle di controllo caselle di riepilogo Creazione di moduli Creazione di moduli Che cos'è un modulo? Un elenco di domande accompagnato da aree in cui è possibile scrivere le risposte, selezionare opzioni. Il modulo di un sito Web viene utilizzato

Dettagli

GUIDA ALLE FUNZIONI DELL OPAC

GUIDA ALLE FUNZIONI DELL OPAC GUIDA ALLE FUNZIONI DELL OPAC Premessa... 2 Ricerca... 2 Ricerca semplice... 2 Ricerca multi-campo... 3 Ricerca avanzata... 3 Ricerca per scorrimento... 4 CCL... 5 Nuove acquisizioni... 5 Suggerimenti

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 2

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 2 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete TCP/IP Livello Applicazione Http Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) I Protocolli di comunicazione

Dettagli

Manuale di KSystemLog. Nicolas Ternisien

Manuale di KSystemLog. Nicolas Ternisien Nicolas Ternisien 2 Indice 1 Usare KSystemLog 5 1.1 Introduzione......................................... 5 1.1.1 Cos è KSystemLog?................................ 5 1.1.2 Funzionalità.....................................

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

WEB nel Telecontrollo 2.0. Marco Gussoni Key Account Manager Saia Burgess Controls - Honeywell

WEB nel Telecontrollo 2.0. Marco Gussoni Key Account Manager Saia Burgess Controls - Honeywell WEB nel Telecontrollo 2.0 Marco Gussoni Key Account Manager Saia Burgess Controls - Honeywell Non scordiamoci il passato Il modello classico Ambiente di Telecontrollo Interfacce proprietarie: -Hardware

Dettagli

File Server Resource Manager (FSRM)

File Server Resource Manager (FSRM) File Server Resource Manager (FSRM) di Nicola Ferrini MCT MCSA MCSE MCTS MCITP Introduzione FSRM, File Server Resource Manager, è un ruolo opzionale che può essere installato in Windows Server 2008 nel

Dettagli

RMI Remote Method Invocation

RMI Remote Method Invocation RMI Remote Method Invocation [Pagina intenzionalmente vuota] (1 12 2004) slide 4:1/18 (p.106) Un applicazione RMI è un applicazione distribuita ad oggetti. Applicazione RMI tipica, strutturata in: server:

Dettagli

Reti di Calcolatori 18-06-2013

Reti di Calcolatori 18-06-2013 1. Applicazioni di rete [3 pts] Si descrivano, relativamente al sistema DNS: Compito di Reti di Calcolatori 18-06-2013 a) i motivi per i quali viene usato; b) l architettura generale; c) le modalità di

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Tutorial web Application

Tutorial web Application Tutorial web Application Installazione della JDK: Java viene distribuito con la jdk e il jre acronimi di Java Development Kit e Java Runtime Environment rispettivamente. La jdk è l'ambiente di sviluppo

Dettagli

SOSEBI PAPERMAP2 MODULO WEB MANUALE DELL UTENTE

SOSEBI PAPERMAP2 MODULO WEB MANUALE DELL UTENTE SOSEBI PAPERMAP2 MODULO WEB MANUALE DELL UTENTE S O. S E. B I. P R O D O T T I E S E R V I Z I P E R I B E N I C U L T U R A L I So.Se.Bi. s.r.l. - via dell Artigianato, 9-09122 Cagliari Tel. 070 / 2110311

Dettagli

Servizi web in LabVIEW

Servizi web in LabVIEW Servizi web in LabVIEW Soluzioni possibili, come si utilizzano. 1 Soluzioni possibili WEB SERVER Dalla versione 5.1 di LabVIEW è possibile implementare un Web server che consente di operare da remoto sul

Dettagli

Note sull utilizzo del portale InfoView

Note sull utilizzo del portale InfoView Note sull utilizzo del portale InfoView (DataWareHouse FSE) Contatti Eunics: Sabrina Paoletti email sabrina.paoletti@eunics.it Ultimo Aggiornamento: 02-05-2007 Materiale proprietario della Eunics S.p.A.

Dettagli