Finanzaper lo Sviluppo dellepmi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Finanzaper lo Sviluppo dellepmi"

Transcript

1 Finanzaper lo Sviluppo dellepmi

2 Sommario Il contesto del credito alle PMI Il Progetto Struttura dell Operazione Benefici Normativa di riferimento e requisiti legali minimi Termini e Condizioni dei Minibond Attuazione del Progetto Appendici 1 _ criteri di accesso al FCG 2 _ Zenith Service S.p.A. 3 _ Sogec Advisor S.r.l. 2

3 Il contesto del credito alle PMI IL CREDITO ALLE IMPRESE Le condizioni del mercato del credito rappresentano uno degli aspetti critici dello scenario macroeconomico italiano. Secondo il bollettino statistico della Banca d Italia il II trimestre 2014, oggetto di analisi, è il 16 trimestre consecutivo di contrazione del credito bancario. Uno dei principali ostacoli all offerta di credito è il peggioramento della qualità degli attiviprovocato dal prolungarsi della recessione

4 Il contesto del credito alle PMI IL CREDITO ALLE IMPRESE L incertezza circa le prospettive dell economia unito all alto livello di insolvenze hanno elevato l avversione al rischio degli intermediari finanziari, provocando l inasprimento di politiche restrittive di concessione del credito bancario I principali istituti di credito del paese, i cui i bilanci risultano già significativamente appesantititi dai crediti problematici, dalla elevata esposizione verso il debito sovrano italiano ed in vista dell entrata in vigore della Vigilanza BCE sugli istituti sistemici, hanno continuato a ridurre le erogazioni di finanziamenti a favore delle imprese

5 Il contesto del credito alle PMI IL CREDITO ALLE IMPRESE Questo atteggiamento complessivo del sistema creditizio ancora una volta pone in evidenza le endemiche e strutturali debolezze delle imprese italiane: Sottocapitalizzazione, soprattutto delle PMI; Eccessiva dipendenza delle imprese dal credito bancario Inesistente capacità di accesso a fonti di finanziamento non bancari o al mercato di capitali

6 Il contesto del credito alle PMI IL CREDITO ALLE IMPRESE Le PMI italiane basano le proprie strategie di finanziamento quasi integralmente sull accesso al credito bancario Un tale atteggiamento, di totale dipendenza finanziaria dalle politiche creditizie delle banche, aggiunto all assenza di mercati obbligazionari e azionari in condizione di offrire risorse alternative di sostegno finanziario alle PMI, non è sostenibile nel medio periodo

7 Un Progetto per la Crescita della PMI Zenith Service e Sogec Advisor (i «Proponenti») hanno ideato una struttura innovativa che consentirà anche alle PMI ITALIANE finanziarsi sui mercati finanziari internazionali Le PMI saranno selezionate con criteri nuovi qualità creditizia accesso riservato a PMI con piani di sviluppo credibili trasparenza delle condizioni economiche in base al Rating ed alla durata processo di valutazione definito nella tempistica e nei contenuti certezza delle regole 7

8 Descrizione del Progetto Grand Grazie al Progetto Grand, le PMI selezionate avranno accesso a finanziamenti di M/L termine,erogatisottoformadi«minibond»odi«loan» Il partner finanziario del progetto è banca di standing internazionale garantirà il buon fine dell operazione nei confronti delle PMI, fornendo la provvista finanziaria L innovativa struttura prevede che i finanziamenti erogati alle PMI verranno contestualmente ceduti ad una Società Veicolo («SPV»), costituita ai sensi della Legge Italiana sulla Cartolarizzazione La SPV emetterà titoli (cd. «Asset-backed Securities» o «ABS»), che saranno collocati sul mercato I flussi finanziari per interessi e capitale corrisposti dalle PMI mutuatarie saranno destinati al pagamento di interessi e capitale sulle ABS emesse La SPV sarà parzialmente garantita da eventuali perdite da parte del Fondo Centrale di Garanzia(rimando) 8

9 Struttura dell Operazione (al closing) Fondo Centrale di Garanzia Garanzia PMI A PMI B PMI C Minibond 1 Proventi della sottoscrizione del Minibond 1 Minibond n Proventi della sottoscrizione del Minibond n Loan1 Intermediario Finanziario Cessione Intero Portafoglio Minibond e Loan Prezzo di Cessione Italian Grand2014 SPV Titoli ABS Proventi della sottoscrizione dei Titoli ABS Investitori Finali Proventi della sottoscrizione del Loan 1 PMI N Loann Proventi della sottoscrizione del Loan n 9

10 Struttura dell Operazione (during) Fondo Centrale di Garanzia PMI A Eventuali coperture di perdite PMI B Pagamento di Capitale ed Interessi su tutti i Finanziamenti SPV Pagamento di Capitale ed Interessi sui Titoli ABS emessi dall SPV Investitori Finali PMI C PMI N 10

11 Benefici per le PMI Per le PMI, il Progetto Grand significa: Accesso a fonti di provvista alternative al classico canale bancario Limitazione delle fonti credito di breve termine Rimborsare fino al 50% della somma ricevuta solo alla data di scadenza (5 o 7 anni) Dedurre fiscalmente gli oneri finanziari collegati al finanziamento Finanziare crescita ed investimenti con uno strumento di lunga durata Prepararsi alla partecipazione ad ulteriori programmi di cartolarizzazione Sottoporre il proprio progetto industriale alla valutazione di esperti indipendenti Proiettare l immagine della propria azienda fuori dai confini nazionali Ottenere impatti positivi su immagine e reputazione aziendale 11

12 Requisiti Legali Minimi dell Operazione La provvista potrà essere erogata, alternativamente, sotto forma di: Finanziamento a medio-lungo periodo con pre-ammortamento di 2-3 anni con una complessiva di 5-7 anni; minibond con pre-ammortamento di 2-3 anni con una complessiva di 5-7 anni. I minibond possono essere emessi da società per azioni o da società in accomandita per azioni (non banca o micro-impresa) con organico superiore a 10 persone e fatturato/bilancio > 2 milioni: il minibond sarà quotato all ExtraMOT PRO; il minibond sarà sottoscritto direttamente dall SPV. Nelrispettodellanormativaregolamentare, ilfinanziamentosaràerogatoda un intermediario per essere poi ceduto all SPV. 12

13 Requisiti Legali Minimi dell Operazione: l accesso al Fondo Centrale di Garanzia (FCG) Requisito fondamentale per l accesso al progetto Grand è la concessione, da parte del Fondo Centrale di Garanzia (FCG), di una garanzia sul minibond o sul finanziamento Il Fondo di Garanzia (L 23/1296, n. 662), finanziato con risorse statali, è volto a favorire l accesso al credito da parte delle PMI Il Fondo di Garanzia opera rilasciando una garanzia «a prima richiesta» a favore dei soggetti finanziatori(essenzialmente banche ed intermediari finanziari) La Garanzia copre, entro gli ammontari massimi garantibili, il finanziamento concesso alle PMI 13

14 Requisiti Legali Minimi dell Operazione: Il Fondo Centrale di Garanzia (FCG) L operativitàdelfondocentrale digaranziacopresiaiminibond siailoanabbianole seguenti caratteristiche: siano finalizzati al finanziamento dell'attività d'impresa (es. non per sostituzione linee di credito esistenti); abbianounaduratacompresatrai36ei120mesi; non siano assistiti da altre garanzie, reali o assicurative, per la quota coperta dalla garanzia del Fondo. Per le singole emissioni di minibond, la garanzia del Fondo copre fino al 50 % del valorenominaledeiminibond,perunimportomassimodi 1,5Mln Perquanto riguarda isingoli loan,la garanzia del Fondo copre fino al80 %del valore nominaledelloanperunimportomassimodellagaranziadi 2,5Mln 14

15 Termini e Condizioni Base dei Finanziamenti La selezione delle PMI avverrà sulla base di un mix di elementi: Criteri di accesso al Fondo Centrale di Garanzia; Criteri finanziari standard; Valutazione del «comitato di investimento», che includerà rappresentanti degli investitori finali e delle imprese. Il principale fattore di differenziazione delle PMI Emittenti è l ammontare del finanziamento, sia bond che loan, che sarà consentito emettere. 15

16 Termini e Condizioni Base dei Finanziamenti Caratteristiche Criteri Durata 3 anni di pre-ammortamento e durata finale a 5 7 anni Vita media ponderata attesa: circa 5 anni Coupon Trimestrali Cedole fisse o variabili Profilo di Rimborso Ammortamento a partire dal terzo anno di almeno il 50% del capitale Covenants/ Triggers Opzioni call a favore dell emittente: dopo 3 anni di lock-up Early Am/ Acceleration triggers basati su EBITDA, Debt-to-Equity& altri KPI (tbd) 16

17 Attuazione del Progetto Fase 1 Avvio Fase 2 -Marketing Fase 3 -Esecuzione CONCLUSO IN PROGRESS Tempistica attesa: Novembre Gennaio: Entro Marzo 2015: Creazione del gruppo di lavoro (i «Proponenti») Definizione di un database di potenziali PMI emittenti Messa a punto della struttura dell operazione Accordi con partner locali Ricerca di PMI Sottomissione delle dichiarazioni di interesse Due Diligence Domanda di accesso al FCG per le PMI selezionate Firma del term sheet contentente i dettagli del finanziamento Ottenimento delle delibere formali delle aziende finanziate Erogazione del finanziamento alle PMI Processo di rating sulle ABS emesse nell ambito della cartolarizzazione Strutturazione della cartolarizzazione (costituzione SPV ed attività regolatorie richieste per legge) 17

18 Appendice 1: Criteri di Accesso al FCG 18

19 Il Fondo Centrale di Garanzia: Criteri di accesso In base alla normativa posso usufruire della garanzia del Fondo Centrale: Piccole e medie imprese in possesso dei parametri dimensionali di cui alla vigente disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato alle piccole e medie imprese; Valutate economicamente e finanziariamente sane mediante appositi modelli, sulla base dei dati di bilancio (o delle dichiarazioni fiscali) degli ultimi due esercizi e della situazione contabile aggiornata a data recente; Appartenenti a qualsiasi settore (ad eccezione dei settori sensibili esclusi) Iscritte al Registro delle Imprese, istituito presso la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura competente per territorio; che non siano state oggetto di avvio delle procedure di recupero, di richiesta di attivazione o di richiesta di prolungamento (di cui ai Par. H7 Parte II o H9 Parte III delle Disposizioni operative) relative ad altre operazioni già garantite dal Fondo; Imprese situate sul territorio nazionale. 19

20 La normativa MCC: la garanzia diretta del fondo CARATTERISTICHE è esplicita, incondizionata ed irrevocabile SOGGETTI RICHIEDENTI BANCHE ED INTERMEDIARI FINANZIARI SOGGETTI BENEFICIARI PMI, Consorzi (iscritti nel registro imprese) e Professionisti (iscritti agli ordini) valutati finanziariamente sani dal gestore appartenenti a determinate categorie o settori (elenco disponibile) 20

21 Il Fondo Centrale di Garanzia Criteri di accesso OPERAZIONI AMMESSE Tutte le operazioni finanziarie, prescindendo dalla forma tecnica (bond o loan). Durata compresa tra 36 e 72 mesi Data di erogazione successiva alla data di delibera del FCG OPERAZIONI ESCLUSE Operazioni non finalizzate al finanziamento dell impresa Operazioni di rifinanziamento e/o sostituzione di linee di credito esistenti Operazioni assistite da altre garanzie sulla quota FCG LIMITE DI COPERTURA Rimborso massimo per operazione Euro 1,5mn, nel limite del valore dell operazione 21

22 Il Fondo Centrale di Garanzia La valutazione MODELLO A contabilità ordinaria, settori industria-edilizia-pesca Indici copertura finanziaria delle immobilizzazioni indipendenza finanziaria copertura oneri finanziari incidenza gestione caratteristica MODELLO B contabilità ordinaria settori commercio e servizi indici di liquidità indipendenza finanziaria copertura degli oneri finanziari incidenza gestione caratteristica MODELLO G contabilità semplificata e professionisti indici copertura oneri finanziari incidenza gestione caratteristica 22

23 Il Fondo Centrale di Garanzia La valutazione MODELLO I1 E I2 imprese di autotrasporto in contabilità ordinaria (I1) o semplificata (I2) indici di liquidità rotazione dell attivo circolante copertura oneri finanziari incidenza gestione caratteristica MODELLO L1 E L2 imprese agricole in contabilità ordinaria (L1) o semplificata (L2) indici di copertura finanziaria indipendenza finanziaria copertura oneri finanziari gestione caratteristica 23

24 Il Fondo Centrale di Garanzia La valutazione LO SCORING punteggio da 0 a 12 (società in contabilità ordinaria) da 0 a 6 (contabilità semplificata) calcolato in base agli indici (vedi precedente) sugli ultimi 2 bilanci IL LIVELLO assegnato in base allo scoring Livello A: scoring 9 (5 se in semplificata) LivelloB:scoring7o8(4 o 3 se semplificata) Livello C: scoring < 7 (3 se semplificata) LA FASCIA DI GARANZIA Fascia 1: se i livelli relativi agli ultimi 2 bilanci sono A A oppure B A (penultimo ultimo bilancio) Fascia 2: livelli A B; B B; C B Fascia 3: livelli B C; C C; imprese in contabilità ordinaria con Mezzi propri inferiori al 5% del Passivo ( 4% se autotrasporto); imprese in contabilità semplificata con gli ultimi due esercizi in perdita 24

25 Il Fondo Centrale di Garanzia: Esempio di Scoring 25

26 Appendice 2: Zenith Service S.p.A. 26

27 Dati Societari Dati societari: Uffici operativi: Milano e Roma Sede Principale: Via Gustavo Fara 26, Milano Iscritta nell elenco speciale ex Art. 107 TUB -Codice ABI n Capitale Sociale: Dipendenti: 67 Zenith Service S.p.A. ( Zenith ) è un intermediario finanziario totalmente indipendente iscritto all Elenco Speciale ex art. 107 del Testo Unico Bancario; Con sedi in Roma e Milano, Zenith è operativa dal 1999 offre una completa gamma di servizi ad alto valore aggiunto nell ambito della finanza strutturata, quali: Servicer, Master Servicer, Corporate Servicer, Calculation Agent, Cash Manager, Special Servicer, Rappresentante degli Obbligazionisti e Back up Servicer; ZenithèstatalaprimasocietàinItaliaadottenere(nel2004)ilratingdi Master Servicer da Standard&Poor s. Nel 2013 il rating è stato innalzato ad Above Average con outlook stabile. Ad oggi Zenith gestisce 65 società veicolo per la cartolarizzazioni e covered bond 27

28 Il Rating di S&P 28

29 Servizi per la Finanza Strutturata Servizi societari Gestione Societaria Corporate Services Costituzione e gestione di SPV Servizi amministrativi e di gestione Designazione di Amministratori Indipendenti Espletamento adempimenti regolamentari Servicing Servicing Master Servicing Back-up Servicing Back-up ServicerFacilitator Special Servicing Monitoring Agent Altri Servizi Gestione del Portafoglio Incassi, escussioni e riconciliazioni Reportistica Analisi Statistica Attività di supporto al Revolving Valutazione e Monitoraggio dei portafogli Pool Audit di Portafogli Attività regolamentari Calculation Agent Cash Manager Rappresentante degli Obbligazionisti Strutturazione 29

30 Appendice 3: Sogec Advisor S.r.l. 30

31 Sogec Advisor: chi siamo SogecAdvisor Srlnasce nel dicembre del 2012, raccogliendo e aggregando l esperienza, più che decennale, di un pool di professionisti, che opera nel mondo della consulenza strategica alle imprese La nostra vocazione naturale è quella di essere il partner ed il punto di riferimento dell azienda per le sue politiche di finanziamento I soci di maggioranza sono i medesimi della SogecSrl, una società di mediazione creditizia iscritta all OAM, attiva su tutto il territorio nazionale Il nostro team di professionisti, dedicato alle imprese nostre clienti, vanta più di 15 anni di esperienza nel settore, pur avendo, in media, meno di 40 anni Nel corso dei suoi quasi 10 anni di attività, la SogecSrl ha intermediato un portafoglio di operazioni finanziarie di circa 1,5 miliardi di euro 31

32 Sogec Advisor: aree di intervento Il nostro supporto professionale consiste: nel coordinare l'operazione e identificare i rischi e le migliori modalità di gestione MERGER & ACQUISITION nella sottoscrizione di un mandato di acquisto o vendita della società, di un asset o di un ramo d azienda nell individuazione degli obiettivi di prezzo/con cambio e delle controparti nell assistenza durante le negoziazioni e nelle fasi conclusive dell'operazione nell individuare, ove fosse necessaria, una leva finanziaria a sostegno dell operazione 32

33 Sogec Advisor: aree di intervento DEBT FINANCE svolgiamo attività di advisor per imprese che emettono strumenti di finanziamento alternativi al credito bancario Curiamo tutti gli aspetti che riguardano le emissioni di obbligazioni, dalla redazione dell information memorandum sino all emissione e quotazione dello strumento di debito CAPITAL MARKETS In Italia il mercato dei capitali è ancora sottovalutato, molte azienda avrebbero tutte le condizioni per approvvigionarsi di risorse economiche per l attività di impresa, SogecAdvisor accompagna le imprese nel percorso di preparazione a questa soluzione 33

34 Sogec Advisor: l approccio Il team di SogecAdvisor affianca il Top Management nell individuazione dell operazione finanziaria più adatta alla specifica esigenza Il valore aggiunto che diamo deriva dalla capacità di trasformare la nostra lunga e qualificata expertise in una soluzione specifica per le esigenze della tua impresa, al fine di massimizzarne il valore e la capacità di realizzare profitti In particolare, il nostro team: prepara le aziende nell esecuzione di operazioni complesse, quali l accesso o il ricorso ai mercati azionari regolamentati supporta le aziende partner mediante l analisi e la condivisione, passo dopo passo, della struttura dell operazione, fino ad individuare, congiuntamente, la struttura più funzionale al cliente cura e coordina le relazioni con i potenziali investitori e con i vari stakeholder 34

35 Disclaimer Le informazioni contenute in presentazione sono da considerarsi riservate e confidenziali e la presente è destinata ai soli destinatari ed il suo contenuto non può essere divulgato a terzi in assenza di consenso scritto di Zenith Service S.p.A. e Sogec Advisor S.r.l. (le «Parti»). La stessa presentazione è stata predisposta dalle Parti, da intendersi in ogni caso - da un punto di vista formale e sostanziale - come società distinte e senza alcun rapporto giuridico e/o di partnership; essa è da intendersi a solo beneficio,ed uso interno dei soggetti ai quali è rivolta. Detta presentazione non può essere considerata, nemmeno indirettamente, come proposta, offerta e/o proposizione di natura finanziaria e/o contrattuale, avendo un mero fine illustrativo. La presentazione ha la funzione di piattaforma di discussione e le informazioni in essa contenute dovranno essere completate mediante incontri verbali con le parti e/o dovranno essere completate con informazioni da inviarsi per iscritto. Conseguentemente, non potrà essere fatto alcun affidamento sulle informazioni e opinioni esposte in questa presentazione o circa la loro accuratezza o completezza. Tali informazioni e pareri sono soggetti ad aggiornamento, completamento e modifica. La presentazione non costituisce offerta di vendita o sollecitazione d'acquisto di qualsiasi titolo o altro strumento finanziario. Infine, la presentazione non è stata esaminata, accreditata o registrata da / presso alcun organismo governativo o regolamentare. Nessuna delle Parti e/o dei loro dipendenti ed amministratori e/o soci o collaboratori esterni potrà essere ritenuta responsabile per eventuali danni diretti, indiretti, speciali, incidentali o consequenziali, inclusa la perdita di profitti derivanti dalle informazioni contenute in questa presentazione. 35

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

IC Satellite. Investment Banking Advisors. Autocartolarizzazione. icsatellite.com. a different perspective. 2013-2014 riservato confidenziale

IC Satellite. Investment Banking Advisors. Autocartolarizzazione. icsatellite.com. a different perspective. 2013-2014 riservato confidenziale Autocartolarizzazione icsatellite.com a different perspective Chi siamo e che facciamo in 10 sec. IC Satellite è una società di CONSULENZA DIREZIONALE IN FINANZIARIA STRATEGICA (qualcuno la chiamerebbe

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

L ACCESSO AL MERCATO DEI CAPITALI PER IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI LOCALI

L ACCESSO AL MERCATO DEI CAPITALI PER IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI LOCALI Debt Capital Markets Michele Rolleri Head of DCM - Public Sector UniCredit Banca Mobiliare L ACCESSO AL MERCATO DEI CAPITALI PER IL FINANZIAMENTO DEGLI ENTI LOCALI Milano, 22 Gennaio 2003 Agenda IL FINANZIAMENTO

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Le auto-cartolarizzazioni

Le auto-cartolarizzazioni Le auto-cartolarizzazioni Esame delle principali strutture contrattuali Avv. Marco Zechini Indice q L'auto-cartolarizzazione: struttura ed esempio q I principali soggetti coinvolti q Principali strutture

Dettagli

MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant

MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant MiniBond: disciplina normativa ed emissioni Shari ah compliant Giovanni Luppi Partner Mini Bond 1 1. Decreto Sviluppo 2012 - Principali novità Ambito civilistico Eliminazione dei limiti previsti dall articolo

Dettagli

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Mario Gabbrielli Paolo Chiappa Davide D Affronto Lucia Fracassi Mini Bond Principali obiettivi La svolta dei mini bond facilitare e rendere più conveniente

Dettagli

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985

CORPORATE FINANCE. Consulenza di Investimento dal 1985 CORPORATE FINANCE Consulenza di Investimento dal 1985 ADB Analisi Dati Borsa SpA ADB - Analisi Dati Borsa SpA è una società di Consulenza in materia di Investimenti, fondata nel 1985 a Torino. Offre servizi

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

LE POLICY SUI MINIBOND:

LE POLICY SUI MINIBOND: I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 LE POLICY SUI MINIBOND: ESPERIENZE E TENDENZE DISVILUPPO Dr. Antonio Bartoloni Direzione

Dettagli

Agenda. "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap

Agenda. MINI GREEN BOND in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento Eugenio de Blasio Milano, 9 maggio 2014 Agenda 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap 2. I Mini Bond ed il segmento ExtraMOT PRO: un

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ( GARANZIA DIRETTA )

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ( GARANZIA DIRETTA ) FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ( GARANZIA DIRETTA ) Le disposizioni operative contenute nelle presente scheda informativa si applicano alle richieste pervenute a MCC Spa a partire dal

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

Fondo Progetto MiniBond Italia

Fondo Progetto MiniBond Italia Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Giovanni Scrofani Responsabile Fondo Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Zenit SGR - Promotore e gestore Zenit SGR è una Società di Gestione

Dettagli

Arkios Italy Where Finance meets Corporate Strategy

Arkios Italy Where Finance meets Corporate Strategy Where Finance meets Corporate Strategy Milano, Londra, Pechino, Dubai Stoccolma, Berlino, Zurigo, Madrid, Mumbai, Houston, Tel Aviv, Singapore, Melbourne Dalla Parte dell Imprenditore è una Boutique di

Dettagli

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI Catania - 30 Maggio 2014 ADB Analisi Dati Borsa Consulenza di Investimento Attiva a Torino dal 1985, ADB offre alla propria selezionata Clientela servizi

Dettagli

Il Gruppo Consultinvest

Il Gruppo Consultinvest Il Gruppo Consultinvest viene fondato nel 1988 per iniziativa di operatori qualificati del settore finanziario e di imprenditori modenesi attualmente presenti attivamente nella compagine sociale. Nel 2001

Dettagli

III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI

III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI 1 Sommario Introduzione 1.1 La valorizzazione del patrimonio immobiliare

Dettagli

Indice. Una considerazione conclusiva. Universo investibile Rappresentazione sintetica del processo Livelli valutativi. Solidità Rischio insolvenza

Indice. Una considerazione conclusiva. Universo investibile Rappresentazione sintetica del processo Livelli valutativi. Solidità Rischio insolvenza EUREGIO MINIBOND Indice PensPlan Invest SGR Key terms del Fondo Attuali investitori Portafoglio del Fondo Breakdown del portafoglio Indici economico finanziari degli emittenti in portafoglio Processo di

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015

Risultati di Gruppo 2014. 12 Febbraio 2015 Risultati di Gruppo 214 12 Febbraio 215 Principali evidenze del 214 Superati tutti gli obiettivi di crescita per il 214: Impieghi in crescita di 1.57 milioni rispetto all obiettivo annunciato di un miliardo

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Università Bocconi di Milano Milano, 25 novembre 2014 RENZO PARISOTTO PREMESSE: il sistema

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

VIVERACQUA HYDROBOND

VIVERACQUA HYDROBOND OSSERVATORIO SUI MINI-BOND POLITECNICO DI MILANO CARTOLARIZZAZIONE DI MINI-BOND, QUALI PROSPETTIVE GIOVEDÌ 14 MAGGIO - ORE 10.30-14.00 VIVERACQUA HYDROBOND LA PRIMA CARTOLARIZZAZIONE DI MINIBOND 18 maggio

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE EDIZIONE DICEMBRE 2013

DOMANDE E RISPOSTE EDIZIONE DICEMBRE 2013 DOMANDE E RISPOSTE EDIZIONE DICEMBRE 2013 1. OPERAZIONI DI IMPORTO RIDOTTO (MICROCREDITO) Domanda. Una operazione di Microcredito estinta o parzialmente estinta consente di liberare, anche pro quota, il

Dettagli

Excellence in structured finance

Excellence in structured finance Excellence in structured finance Aprile 2015 Securitisation Services 2 Leader di mercato nella gestione e nel monitoraggio di operazioni di finanza strutturata Indipendente, non affiliata con studi legali

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Fondo di

Dettagli

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

CAMBIALI FINANZIARIE E MINIBOND ISTRUZIONI PER L USO

CAMBIALI FINANZIARIE E MINIBOND ISTRUZIONI PER L USO CAMBIALI FINANZIARIE E MINIBOND ISTRUZIONI PER L USO La disciplina civilistica e fiscale delle cambiali finanziarie, delle obbligazioni e dei titoli similari è stata oggetto di importanti modifiche, introdotte

Dettagli

La piattaforma MiniBond di BPVi

La piattaforma MiniBond di BPVi La piattaforma MiniBond di BPVi Una nuova opportunità di finanziamento per le PMI Italiane Ottobre 2014 2 MiniBond QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La riforma introdotta dal decreto legge n. 83/2012, convertito

Dettagli

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO

LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA STRATEGIA DELLA BCE PER AUMENTARE IL CREDITO ALLE IMPRESE E ALLE FAMIGLIE Lo scorso 5 giugno il Consiglio direttivo della BCE ha varato il programma Targeted

Dettagli

LIUC Anno Accademico 2007/2008 F83102 Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Dott. Marco Fumagalli. Take Home Exam Data di consegna 20.12.

LIUC Anno Accademico 2007/2008 F83102 Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Dott. Marco Fumagalli. Take Home Exam Data di consegna 20.12. LIUC Anno Accademico 2007/2008 F83102 Economia e Tecnica dei Mercati Finanziari Dott. Marco Fumagalli Sistema Finanziario Take Home Exam Data di consegna 20.12.2007 1 Individuare, all interno dell appendice

Dettagli

Gestione Finanziaria delle Imprese. Acquisition & Mezzanino

Gestione Finanziaria delle Imprese. Acquisition & Mezzanino GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE L acquisition finance e il debito mezzanino L acquisition finance Sostegno finanziario alle operazione di acquisizione di aziende da parte di investitori finanziari o

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

Il ruolo delle compagnie di assicurazione verso le banche

Il ruolo delle compagnie di assicurazione verso le banche Il ruolo delle compagnie di assicurazione verso le banche Edoardo Marullo Reedtz Responsabile Studi Finanziari, ANIA 12 marzo 2015 Università degli Studi di Parma, «Compagnie di Assicurazione e Banche

Dettagli

La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti

La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti La capitalizzazione delle PMI e garanzie per gli investimenti Il sostegno alle P.M.I. - Incentivi, garanzie ed opportunità per il consolidamento e la crescita Taranto, 27 febbraio 2009 Relatore: Dr. Raffaele

Dettagli

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture

Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Centrobanca Project Bond e finanziamento delle Infrastrutture Università Commerciale L. Bocconi Milano, 14 Giugno 2012 Massimo Capuano Amministratore Delegato, Centrobanca Executive Summary Il Project

Dettagli

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI A cura della Dott.ssa Paola D'Angelo Manager, BP&A Finance and Business Consulting E-mail: paoladangelo@bpeassociati.it Ufficio: +39.0734.281411 Mobile: +39.393.1706394

Dettagli

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali COMUNICATO STAMPA CERVED INFORMATION SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO FIRMATO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO FORWARD START DI EURO 660 MILIONI PER RIFINANZIARE A

Dettagli

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese Cuneo - 25 Novembre 2014 ADB Analisi Dati Borsa SpA Consulenza di Investimento Clienti Analisi Dati Borsa SpA è una società di consulenza in

Dettagli

Debito PMI: la nascita di una nuova assetclasse il ruolo degli investitori istituzionali italiani

Debito PMI: la nascita di una nuova assetclasse il ruolo degli investitori istituzionali italiani Roma 22 ottobre 2013 Debito PMI: la nascita di una nuova assetclasse il ruolo degli investitori istituzionali italiani Davide Squarzoni Direttore Generale riservatezza Questo documento è la base per una

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia per le PMI Le Disposizioni Operative alla luce delle novità di recente adozione. Workshop in Assolombarda Fondo di Garanzia per le PMI: le nuove caratteristiche di intervento Guglielmo

Dettagli

Caso pratico di redazione di un piano di risanamento

Caso pratico di redazione di un piano di risanamento S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CONVEGNO: DIAGNOSI E SOLUZIONI PER LA CONTINUITA D IMPRESA Caso pratico di redazione di un piano di risanamento GIANNICOLA ROCCA 21 Luglio 2012 - Sala Falck

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2013

Risultati di Gruppo 1H2013 Risultati di Gruppo 1H213 Conference Call Adolfo Bizzocchi 3 Agosto 213 Principali evidenze del semestre Margine di Intermediazione, al netto del risultato del Trading, in crescita sia trimestre su trimestre

Dettagli

PROVVEDIMENTO N. 22 del 21 OTTOBRE 2014 L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI

PROVVEDIMENTO N. 22 del 21 OTTOBRE 2014 L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PROVVEDIMENTO N. 22 del 21 OTTOBRE 2014 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO ISVAP N. 36 DEL 31 GENNAIO 2011, CONCERNENTE LE LINEE GUIDA IN MATERIA DI INVESTIMENTI E DI ATTIVI A COPERTURA DELLE RISERVE

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario

Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Autore: Avv. Rossella Mariani, Zitiello e Associati Studio Legale Categoria Approfondimento: Capital markets 1. Introduzione

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

L offerta di Borsa Italiana per le PMI

L offerta di Borsa Italiana per le PMI L offerta di Borsa Italiana per le PMI Paola Fico Responsabile Regolamentazione Emittenti quotati Borsa Italiana London Stock Exchange Group Convegno di studi Università di Macerata 14 Novembre 2014 I

Dettagli

LEADER IN ITALIA NELLA

LEADER IN ITALIA NELLA LEADER IN ITALIA NELLA STRUTTURAZIONE DI OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE «People who really drove the market forward» Dicembre 2015 Sommario 2 Finanziaria Internazionale 3 Finanza Strutturata 5 Operazioni

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile

FONDI FLESSIBILI Vegagest Obb. Flessibile Vegagest Rendimento Vegagest Flessibile FONDI ARMONIZZATI FONDI LIQUIDITÀ Vegagest Monetario FONDI OBBLIGAZIONARI Vegagest Obb. Euro Breve Termine Vegagest Obb. Euro Vegagest Obb. Euro Lungo Termine Vegagest Obb. Internazionale Vegagest Obb.

Dettagli

LA NUOVA LEGGE SABATINI

LA NUOVA LEGGE SABATINI LA NUOVA LEGGE SABATINI (DECRETO FARE Decreto Legge 69/2013 convertito con modificazioni dalla legge 98/2013) I DESTINATARI La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare, si rivolge alle micro,

Dettagli

Giugno 2014. Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario

Giugno 2014. Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Giugno 2014 Minibond: un canale di finanziamento alle imprese alternativo al sistema bancario Avv. Rossella Mariani, Zitiello e Associati Studio Legale 1. Introduzione La crisi economica degli ultimi anni

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Banca europea per gli investimenti

Banca europea per gli investimenti Banca europea per gli investimenti La banca dell UE Gli strumenti BEI per sostenere la crescita delle imprese innovative Marguerite Mc Mahon Roma, 27.11.2014 La banca dell UE Partner finanziario naturale

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari

Obiettivi del corso. Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Obiettivi del corso Approfondire la natura e le caratteristiche tecniche degli strumenti finanziari Studiare l articolazione e l organizzazione dei mercati in cui questi strumenti vengono negoziati Principali

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Chi siamo Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA DEL PROSPETTO DI BASE PER L OFFERTA DI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO FISSO, STEP UP E STEP DOWN Banca Popolare di Bergamo S.p.A. 2008-2010 TASSO FISSO 3,80%

Dettagli

L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo

L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo L offerta di servizi: tradizionali, di risparmio gestito e per le imprese. Giuseppe Squeo 1 L evoluzione dei servizi bancari in Italia Struttura conto economico nel periodo 1993-2001 (valori in percentuale

Dettagli

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013

Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI. Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario italiano Roma 22 ottobre 2013 Il CREDITO NON BANCARIO: OPPORTUNITA E LIMITI Giovanni Guazzarotti Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Il fondo di debito: un nuovo protagonista del mercato finanziario

Dettagli

IL MERCATO DEI MINIBOND: E COSTI CONNESSI ALL EMISSIONE

IL MERCATO DEI MINIBOND: E COSTI CONNESSI ALL EMISSIONE I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15 Luglio 2015 IL MERCATO DEI MINIBOND: PROSPETTIVE, PRICING E COSTI CONNESSI ALL EMISSIONE Prof. Raffaele

Dettagli

ALTERNATIVE DI ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI CAMPANE Strumenti di ottimizzazione della tesoreria e della finanza aziendale

ALTERNATIVE DI ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI CAMPANE Strumenti di ottimizzazione della tesoreria e della finanza aziendale ALTERNATIVE DI ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI CAMPANE Strumenti di ottimizzazione della tesoreria e della finanza aziendale Focus sulle azioni di miglioramento della gestione finanziaria dell azienda in

Dettagli

Risultati di Gruppo - 2012

Risultati di Gruppo - 2012 Risultati di Gruppo 212 Conference Call Adolfo Bizzocchi 18 Marzo 213 Principali evidenze del 212 Margine Finanziario, al netto di poste straordinarie, in crescita nel trimestre (+,8% QoQ) grazie al buon

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA Banca di Credito Cooperativo di Saturnia Società Cooperativa Sede sociale Saturnia, Comune di Manciano (GR) Iscritta all Albo delle banche al n. 21. Iscritta all Albo delle società cooperative al n. A1

Dettagli

I mini-bond come strumento alternativo di finanziamento

I mini-bond come strumento alternativo di finanziamento I mini-bond come strumento alternativo di finanziamento Topic CFO - BAA Bocconi Finanziare lo sviluppo con i Minibond Maurizio Belli Financial Innovations Milano, 8 maggio 2014 Milano Via Filippo Turati,

Dettagli

I mini Bond e la riforma del decreto Destinazione Italia

I mini Bond e la riforma del decreto Destinazione Italia Ministero dello Sviluppo economico I mini Bond e la riforma del decreto Destinazione Italia Stefano Firpo Capo della Segreteria Tecnica del Ministro Roma, 4 marzo 2014 Le imprese italiane sono troppo dipendenti

Dettagli

BANCA DI ROMAGNA S.P.A.

BANCA DI ROMAGNA S.P.A. BANCA DI ROMAGNA S.P.A. Sede sociale in Faenza (RA), Corso Garibaldi n. 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5294 Appartenente al Gruppo CASSA DI RISPARMIO DI CESENA iscritto all Albo dei Gruppi Bancari

Dettagli

Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA

Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Avvertenza: il presente provvedimento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE LA BANCA

Dettagli

Le misure contenute nel

Le misure contenute nel 16_21:Programma_Amva.qxd 04/07/2012 12.45 Pagina 16 16 AGEVOLAZIONI NAZIONALI INVESTIMENTI PRODUTTIVI Per il Fondo di garanzia in arrivo le nuove percentuali di copertura Ammesse anche le anticipazioni

Dettagli

Le azioni di Governo per il sostegno all innovazione

Le azioni di Governo per il sostegno all innovazione Le azioni di Governo per il sostegno all innovazione Finanza per la crescita: tre ingranaggi 1. Sostegno agli investimenti qualificati 2. Accesso ai finanziamenti 3. Azioni mirate per le imprese innovative

Dettagli

CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014

CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014 CREDITO E FINANZA Circolare Gennaio 2014 CREDITO 1. Fondo di garanzia per le PMI pag. 1 2. Usura TEGM in vigore nel I Trimestre 2014 pag. 2 FINANZA 3. DL Destinazione Italia - Misure in materia di credito

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER LE BANCHE PARTE SECONDA Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE Circolare n. 285 del 17 dicembre 2013 Sezione I Fonti normative Capitolo 6 OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE

Dettagli

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO E il mercato obbligazionario nato per consentire alle società italiane un accesso flessibile ed efficiente ai mercati dei capitali Nasce

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND REGIME FISCALE DEI MINIBOND RITENUTE, IMPOSTE SOSTITUTIVE E DEDUCIBILITÀ 1 DOTT. GIOVANNI MERCANTI 1. Regime fiscale connesso ai prestiti obbligazionari prima delle modifiche agevolative Sino all introduzione

Dettagli

EUREGIO MINIBOND. --- Florian Schwienbacher. Workshop Gli investitori incontrano le imprese. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 EUREGIO MINIBOND

EUREGIO MINIBOND. --- Florian Schwienbacher. Workshop Gli investitori incontrano le imprese. Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 EUREGIO MINIBOND Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Florian Schwienbacher Euregio Minibond managed by PensPlan Invest SGR arranged and advised by PRADER BANK Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo

Dettagli

Risultati di Gruppo 1H2014

Risultati di Gruppo 1H2014 Risultati di Gruppo 1H214 Conference Call Adolfo Bizzocchi 8 Agosto 214 Principali evidenze del trimestre Forte sviluppo degli aggregati patrimoniali con gli Impieghi in crescita dell 4,2% nel trimestre

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO

SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO SCHEDA PRODOTTO PER PRESTITO OBBLIGAZIONARIO A TASSO FISSO Quanto segue costituisce una sintesi delle principali caratteristiche del Prestito Obbligazionario. Per un illustrazione esaustiva si invita l

Dettagli

Mini Bond e Cambiali Finanziarie. Nuova finanza per le PMI

Mini Bond e Cambiali Finanziarie. Nuova finanza per le PMI Edizione Febbraio 2015 Sommario Il contesto normativo pag. 3 Le opportunità del Decreto Sviluppo e del Decreto Destinazione Italia per le PMI pag. 4 La garanzia dello Stato offerta dal Fondo di Garanzia

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA Vigilanza bancaria e finanziaria Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI DA PARTE DI SOCIETÀ VEICOLO PER LA CARTOLARIZZAZIONE EX LEGGE 130/1999 Il presente

Dettagli

Strumenti finanziari in senso lato a disposizione dell impresa: profili generali

Strumenti finanziari in senso lato a disposizione dell impresa: profili generali Fabio Alberto Regoli Strumenti finanziari in senso lato a disposizione dell impresa: profili generali STRUMENTI DI FINANZIAMENTO DELL IMPRESA E INTERNAZIONALIZZAZIONE TORINO, 10 MAGGIO 2012 Impresa e investimento.

Dettagli

La destinazione del patrimonio dei prodotti del Risparmio Gestito al finanziamento delle PMI

La destinazione del patrimonio dei prodotti del Risparmio Gestito al finanziamento delle PMI dei prodotti del Risparmio Gestito 5 dicembre 2013 Alessandro Rota 1. I nodi della struttura finanziaria delle imprese italiane 2. Le iniziative per incrementare il ricorso al mercato... del capitale di

Dettagli

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato

Giuseppe Capuano. Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Giuseppe Capuano Economista Direzione Generale PMI e Enti Cooperativi Dirigente Div. VIII PMI e Artigianato Bari, 13 febbraio 2014 1 Struttura delle imprese industriali e dei servizi (anno 2011) Dimensioni

Dettagli

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini

IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini IL PROCESSO DI QUOTAZIONE DI BORSA: UN PERCORSO AD OSTACOLI MERCATI, ATTORI, TEMPISTICA, COMUNICAZIONE di Giovanni Pelonghini 1 DECIDERE DI QUOTARSI LA DECISIONE DI QUOTARSI RAPPRESENTA UNA SCELTTA STRATEGICA

Dettagli

Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini )

Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini ) Plafond BENI STRUMENTALI (c.d. Nuova Sabatini ) CONFIDUSTRIA VICENZA Le agevolazioni della nuova Sabatini Incontro informativo Intervento di A. Balboni Resp. Direzione Corporate di Banca Popolare di Vicenza

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio

The Economics of Structured Finance. Economia delle scelte di portafoglio The Economics of Structured Finance Economia delle scelte di portafoglio La finanza strutturata è il pooling di attività (e.g. prestiti, obbligazioni, mutui) e la conseguente emissione di trance con differenti

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA OFFERTA DI 2.000.000

PROSPETTO INFORMATIVO PER LE EMISSIONI OBBLIGAZIONARIE C.D. PLAIN VANILLA OFFERTA DI 2.000.000 Sede sociale Via Provinciale lucchese 125/B Iscritta all Albo delle banche al n. 2305-10 Iscritta all Albo delle società cooperative al n. A154088 Capitale sociale Euro 2.378.946 Numero di iscrizione nel

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LEVERANO Società Cooperativa

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LEVERANO Società Cooperativa BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LEVERANO Società Cooperativa Sede Legale e Amministrativa in Leverano Piazza Roma,1 Telefono 0832 925046-7 Fax 0832 910266 Codice ABI 08603 Codice fiscale e partita IVA

Dettagli

Loan Capital Union Merger & Acquisition

Loan Capital Union Merger & Acquisition Regulated by UIC n 37740 M&A L.BO M.BO FAMILY.BO VENTURE CAPITAL FIN.POOL-MUTUI-LEASING FAMILY OFFICE IPO-PRIVATE EQUITY APF-FINANZIAMENTI DESTINATI CASH & RISK MANGEMENT TRUST PRIVATE EQUITY START UP

Dettagli

istruzione per l uso. Profili legali.

istruzione per l uso. Profili legali. Cambiali Finanziarie e Mini-Bonds: istruzione per l uso. Profili legali. Avv. Luca Moro Padova, 4 giugno 2014 I nuovi strumenti di finanza per l impresa. (1) Cambiali Finanziarie, Mini-bonds e Crowdfunding.

Dettagli