Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'informazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'informazione"

Transcript

1 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I S A S S A R I S e t t o r e O r g a n i C o l l e g i a l i e A f f a r i G e n e r a l i U f f i c i o A f f a r i G e n e r a l i PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO DENOMINAZIONE del Dipartimento Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'informazione PROGETTO SCIENTIFICO E DIDATTICO In linea con esperienze maturate in contesti accademici europei e nordamericani il Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'informazione si propone di incoraggiare e sviluppare nuove esperienze di ricerca e di alta formazione nel campo dei sistemi complessi. Il paradigma della complessità ha infatti consolidato, tanto nel campo delle scienze applicate quanto nel campo delle scienze sociali, una nuova prospettiva per affrontare i problemi della conoscenza e formare competenze che si situano a cavallo tra diversi approcci disciplinari. Esso è servito a superare i confini tradizionali tra le discipline e a intraprendere nuovi percorsi teorici e metodologici per analizzare le proprietà delle strutture complesse, non ultimo utilizzando le risorse offerte dalle nuove tecnologie. Rispetto a questa prospettiva, sono riconoscibili più livelli che legano le scienze sociali e l ingegneria informatica. Un livello metodologico, che vede espandersi la possibilità di condividere gli approcci e gli stessi strumenti di ricerca in un'ottica interdisciplinare. Si pensi agli approcci della simulazione per la progettazione e per la governance, oppure a quelli per l'analisi dei cosiddetti Multi-Agent Systems (MAS), modelli analitici e predittivi fondamentali per interpretare, progettare e governare i sistemi complessi. Rilevante sotto il profilo metodologico è lo sviluppo di software e hardware per analizzare fenomeni complessi multimodali; si tratta di strumenti utili per avanzare il limite della conoscenza in un quadro interdisciplinare che consente nuove prospettive di analisi per lo studio sistemico, dai livelli situati locali al livello globale. Un livello ontologico, che rinvia al fatto che quelli che nelle scienze sociali erano studiati, nella tradizione positivista, come organismi e, in seguito, come aggregati coerenti e ordinati (organizzazioni, istituzioni o ordinamenti), corrispondono in realtà a sistemi complessi (cosiddetti sistemi astratti o esperti). Ciò si collega a processi storici quali la crisi degli stati nazionali, la tendenziale "liquidità" delle relazioni sociali, l'accresciuta riflessività dei sistemi sociali (la

2 conoscenza e la produzione di senso come elementi costitutivi delle proprietà sistemiche). Inoltre, è ormai riconosciuto il ruolo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ITC) nel determinare l'evoluzione dei rapporti sociali e la condizione umana nel suo complesso. In questo ambito, l ingegneria dell'informazione e le scienze sociali collaborano quindi all'introduzione di nuove tecnologie nei diversi contesti umani e le tecnologie, a loro volta, contribuiscono a determinare nuove condizioni applicative a livello sociale. Si assiste perciò, sotto questo profilo, a una coevoluzione dei sistemi tecnologici e sociali. Il Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'informazione si articola i due sezioni. Scienze Politiche e della Comunicazione La sezione di Scienze Politiche e della Comunicazione intende svolgere un ruolo strategico - tanto nella ricerca scientifica quanto nella formazione universitaria - per lo studio della complessità delle società globalizzate e in continuo mutamento del terzo millennio. L interdisciplinarietà intrinseca nella tradizione e nei più recenti sviluppi degli studi delle scienze politiche in Italia si fonda sull incontro e sul dialogo tra le discipline giuridiche, storiche, economiche, politologiche, sociologiche, psicologiche e della comunicazione, nonché quelle trasversali, metodologiche e quantitative. Tale interdisciplinarietà è costitutiva, in quanto gli studiosi delle diverse discipline che si riconoscono in questa tradizione sono continuamente chiamati, nel processo di comprensione e spiegazione del loro oggetto di ricerca, ad aprirsi programmaticamente al confronto con le teorie, i metodi e le prospettive che provengono dagli altri ambiti disciplinari. L approccio interdisciplinare è necessario per fornire risposta a trasformazioni complesse che mettono oggi in crisi i paradigmi e gli strumenti consolidati con cui si è cercato finora di comprendere e governare le società. Il progetto scientifico e didattico si sviluppa quindi secondo alcune linee di ricerca che privilegiano fenomeni quali: la sempre più marcata consunzione della prospettiva temporale che caratterizza il cittadino del terzo millennio, che si traduce al tempo stesso in oblio del passato e in assenza di sguardo verso il futuro, rispetto alla quale appare imprescindibile il ruolo delle discipline storiche; la crisi della democrazia, che si manifesta nell esaurimento delle forme novecentesche della mobilitazione politica, nella crescente apatia dei cittadini di fronte alla rappresentanza e nella personalizzazione della politica; la fine della centralità dell Occidente e la conseguente necessità di riconsiderare le storie e le culture dei popoli, anche alla luce dei processi di mescolamento indotti dalla globalizzazione, in particolare tenendo conto del ruolo che la Sardegna può svolgere come snodo delle relazioni tra i Paesi del bacino del Mediterraneo; il processo di individualizzazione delle società contemporanee, nelle quali sempre più spesso i soggetti sono chiamati a dare senso al proprio agire e a prendere autonome decisioni, all interno dei reti di interdipendenze sempre più ampie; il ruolo crescente che ha assunto la comunicazione mediata in seguito allo sviluppo delle tecnologie digitali e di Rete, che devono essere al tempo stesso comprese nelle loro eccezionali potenzialità, come piattaforme espressive e di interazione volte a definire il tessuto odierno delle relazioni sociali, e governate nei loro effetti perversi; la partecipazione dei cittadini alle scelte pubbliche, con conseguente sviluppo di empowerment e di efficacia collettiva nei processi di inclusione, di contrasto delle marginalità, di gestione dei conflitti; la ridefinizione del rapporto tra globale e locale, per cui fenomeni che hanno origine su scala globale producono effetti determinanti su scala locale e viceversa, di fronte ai quali le società sono impegnate nella ricerca di strumenti giuridici e politici inediti di governo e di governance, soprattutto nella dimensione internazionale e in quella sopranazionale; la sfida epocale rappresentata dalla sostenibilità, intesa come paradigma che impone oggi un complessivo ripensamento dei criteri con i quali vengono operate le scelte pubbliche e quelle private nei settori dell ambiente, dell economia e della sicurezza sociale; la crescente tecnicizzazione dei saperi e l avvertita necessità di ricostituire il rapporto tra le scienze e il dibattito civile-politico.

3 Ingegneria dell'informazione La sezione di Ingegneria dell'informazione intende svolgere un ruolo strategico - tanto nella ricerca scientifica quanto nella formazione universitaria - per lo studio di sistemi e dati complessi, ove la multidimensionalità costituisce un tratto distintivo dei problemi, amplificandone complessità e difficoltà di trattamento. L interdisciplinarietà intrinseca nella materia informatica è ben testimoniata dal settimo programma quadro della Comunità Europea, che sottolinea l'importanza di alcune aree tematiche nelle quali le università sono tenute a contribuire attivamente; tra queste, l'ict (Information and Communication Technology) continua ad essere un punto di riferimento inequivocabile. Ma non solo. Molte delle altre aree tematiche di punta per la ricerca europea (salute, biotecnologie, nanoscienze, energia) fanno leva, direttamente o indirettamente, su applicazioni informatiche e/o dispositivi di automazione e controllo avanzati. Trovano quindi possibilità di realizzazione solo in contesti dove le scienze dell'ingegneria sono disponibili e di buon livello. I ricercatori attivi presso l'ateneo di Sassari sono riusciti negli anni a mantenere e consolidare conoscenze in alcune nicchie ICT (bioingegneria della riabilitazione, biometria, interazione uomomacchina, visione artificiale) che si appoggiano in larga misura su tecniche di elaborazione di dati bi e tridimensionali (immagini, grafica avanzata, modelli virtuali, modelli logici e formali d'interazione). Tale patrimonio, peraltro condiviso da alcune altre figure presenti nel nostro ateneo (fisici, matematici e biologi) costituisce il nucleo di partenza sul quale si intende sviluppare il progetto scientifico. L'impatto delle tecniche ICT in ambito sociale e in altri ambiti presenti nell'ateneo (architettura, economia, medicina, scienze della terra per citarne alcuni) è di notevole portata e garantisce ai ricercatori di mantenere e rafforzare le collaborazioni esistenti. D'altra parte, la presenza di un progetto scientifico ben focalizzato nell'area delle scienze dell'ingegneria consentirà di guardare con forza al mercato della ricerca europea, contando sulla presenza di una riconoscibile identità dipartimentale che potrà avvalersi di tutte le competenze disponibili. Le attività di ricerca si svolgeranno complessivamente attorno alle attrezzature della piattaforma AIMA (advanced imaging and motion analysis) che includono: sistemi di acquisizione avanzati (immagini da microscopia, immagini infrarosso); sistemi per l'analisi del movimento umano in tempo reale; sistemi di ricostruzione automatica tridimensionale; sistemi per il processamento e l'analisi di dati biometrici su larga scala. A questa piattaforma si aggiungono le attrezzature per il tracciamento del moto oculare e per la generazione di realtà virtuale in corso di acquisizione. Di seguito vengono elencati i filoni preminenti del progetto scientifico proposto. Elaborazione di immagini e sequenze video Sviluppo di metriche e algoritmi per il confronto, la ricerca e la classificazione automatica di immagini, filtraggi, trattamento di sequenze, estrazione di informazioni caratterizzanti a partire da sequenze o singole immagini. Analisi multitelecamera, analisi del movimento. Tecnologie avanzate per l'analisi tridimensionale Rilevamento tridimensionale di corpi e strutture, analisi tridimensionale del movimento umano, tecniche strumentali topografiche, fotogrammetriche e laser, gestione e georeferenziazione dei dati. Applicazione di tecniche 3D in campo medico e nel campo del restauro dei beni culturali. Biometria Utilizzo di sistemi multimodali per l'identificazione dell'identità personale, analisi di impronte, immagini del viso. Utilizzo di tecniche multifotogrammetriche per la ricostruzione 3D del viso e il riconoscimento, analisi comportamentale dei soggetti.

4 Metodi formali dell informatica Programmazione sequenziale e concorrente, algebre di processi, equivalenze comportamentali e logiche modali. Valutazione delle prestazioni e della sicurezza di sistemi di elaborazione e reti di calcolatori. Fondamenti di architettura e ingegneria del software per sistemi basati su componenti e servizi web. Ragionamento automatico, metodi di verifica formale per circuiti elettronici, software, sistemi critici. Informatica applicata ai processi di apprendimento e all'interazione uomo-macchina Accessibilità ed efficacia della didattica a distanza; sviluppo interattivo di contenuti tematici, insegnamento congiunto di lingua veicolare e semantica del linguaggio; rappresentazioni iconiche e loro semantica nei processi di apprendimento; monitoraggio, valutazione e certificazione dei processi di apprendimento. Matematica e matematica applicata Equazioni alle derivate parziali e calcolo delle variazioni come strumenti fondamentali e affini fra loro per modellizzare e studiare sistemi spazio e tempo-varianti. Problemi non lineari di interesse per la modellizzazione di fenomeni di interesse fisico. Gruppi di simmetrie e loro rappresentazioni. Teoria dei giochi differenziali. Aspetti peculiari dell'algebra e della geometria, algebre di Lie, superficie complesse. Fisica e fisica applicata Interazione della radiazione con la materia. Analisi non distruttiva per i beni culturali e campioni industriali mediante fluorescenza e tomografia a raggi X. Applicazione della radiazione X a campioni biologici e alla medicina. Sviluppo di algoritmi per l'analisi e la ricostruzione dei dati sperimentali. Laboratori di ricerca Laboratorio AIMA (advanced imaging and motion analysis): il laboratorio, dotato di strumenti avanzati per l'imaging e l'analisi del movimento, consentirà di sviluppare ricerca di punta in ambito biomedico, nonché su tematiche di visione artificiale e biometria. Laboratorio Raggi X: il laboratorio, dotato di strumentazione avanzata per la microtomografia a raggi X e per la fluorescenza a raggi X, consentirà di sviluppare ricerca nel campo dell'analisi non distruttiva per l'industria, la medicina, la biologia e per i beni culturali. Laboratorio F (fisica): il laboratorio, di valenza anche didattica, consentirà di sviluppare ricerca ed esperimenti nell'ambito delle scienze fisiche. Laboratorio EM (elettronica e microelettronica): il laboratorio, di valenza anche didattica, consentirà la realizzazione di semplici schede e architetture a microprocessore. Laboratorio CEL (comunicazione istituzionale e e-learning): il Laboratorio di ricerca per la comunicazione istituzionale e l e-learning consentirà di sperimentare nuove metodologie di comunicazione e organizzazione della conoscenza in ambiti complessi. Biblioteche Il Dipartimento si avvarrà del Sistema bibliotecario d Ateneo con particolare riferimento ai materiali posseduti dalla Biblioteca interfacoltà A. Pigliaru, dalla biblioteca del polo delle Scienze, dalla Biblioteca ex Dip. di Storia e dalla Biblioteca ex DEIS, mantenendo, per le esigenze della ricerca e della didattica, la disponibilità dei volumi attualmente collocati presso la sede di Palazzo Zirolia dell ex DEIS. Per le discipline di ambito informatico si ritiene inoltre utile un graduale potenziamento della dotazione libraria esistente.

5 Centri di ricerca interni, interdipartimentali, interateneo All interno del Dipartimento opererà: il Centro studi urbani; il Centro studi internazionali di politica e diritto; il Centro "Franco Basaglia" ricerca e progettazione sociale; l Osservatorio MediaMonitor Politica. Collaborazioni internazionali Il Dipartimento intende proseguire le attività in essere sul piano della internazionalizzazione della ricerca e della didattica. In particolare intende migliorare gli interscambi degli studenti attraverso i programmi Erasmus student, Erasmus placement, MAE-CRUI, Ulisse, intensificare la partecipazione al programma Visiting professor, confermare e sviluppare collaborazioni con Università straniere anche al fine di giungere a conferire diplomi congiunti (o doppi diplomi) al livello di Lauree magistrali, Master e di Dottorato. Collane di pubblicazioni: E prevista la pubblicazione di una rivista on line denominata Quaderni di ricerca, che si propone di raccogliere i risultati, definitivi o provvisori, totali o parziali, del lavoro teorico ed empirico sviluppato nell ambito del Dipartimento. I lavori pubblicati saranno preventivamente valutati secondo criteri nazionali e internazionali. Attività di formazione L obiettivo del Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Cominicazione e Ingegneria dell'informazione è duplice. Da un lato, consiste nel consolidamento (ma secondo una prospettiva di sempre maggiore adeguamento agli scenari politico-sociali locali e globali) dell offerta formativa di base, magistrale e di terzo livello finora promossa dalla Facoltà di Scienze Politiche. L offerta didattica, articolata in quattro Corsi di studio, alcuni Master e un Dottorato di ricerca, è progettata con la finalità di formare figure professionali ai diversi livelli in possesso di competenze di tipo multidisciplinare e quindi in grado di rispondere alle esigenze espresse dal mercato del lavoro. Il significativo riscontro di tale offerta formativa si è manifestato negli anni scorsi nel numero costante di immatricolazioni, negli sbocchi occupazionali dei laureati e dall interesse espressamente mostrato dalle istituzioni e dal sistema produttivo del territorio. Tali elementi inducono a confermare le direttrici della proposta didattica sinora sviluppata, con la necessaria costante attenzione al potenziamento e alla razionalizzazione dell offerta formativa, alla luce delle linee di ricerca strategiche sopra indicate. Dall altro lato, consiste nella proposta innovativa di istituire un corso di laurea triennale in Ingegneria dell Informazione, recuperando un gap preoccupante che, nel corso degli anni si è venuto a creare presso l'ateneo di Sassari. Da un punto di vista geografico, infatti, l offerta formativa di ambito ingegneristico-informatico copre pressoché tutte le regioni italiane, inclusa la Sicilia (presente con corsi di laurea a Catania, Palermo e Messina) ma è solo parzialmente presente in Sardegna presso l'ateneo Cagliaritano (due lauree triennali interclasse L-8 ed L-9, ingegneria biomedica e ingegneria elettrica ed elettronica, di recente attivazione). La situazione sopra evidenziata è preoccupante se si considera che le tecnologie dell informazione assumono un ruolo chiave anche in molte discipline tradizionali (medicina, scienze della vita, chimica, agraria), nei processi produttivi, nelle comunicazioni e nelle attività a maggior valore aggiunto che caratterizzeranno l imminente futuro. Infine, tali tecnologie sono ampiamente compatibili con il contesto ambientale e sociale che caratterizza il territorio sardo; l'ingegneria dell'immateriale, così come vengono a volte definite le tecnologie ICT, annulla le distanze, elimina i problemi logistici, ricolloca l'isola al centro di una rete internazionale che non conosce limiti territoriali. Da sottolineare infine che la notevole omogeneità dell offerta formativa di natura ingegneristica

6 presso vari atenei nazionali garantisce una semplice configurazione del percorso didattico e un facile e ugualmente omogeneo accesso alle lauree di secondo livello, indipendentemente dalle sedi considerate. Corsi di laurea: Scienze della politica e dell amministrazione (L-16 / L-36); Scienze della comunicazione (L-20); Ingegneria dell informazione (L-8) Corsi di laurea magistrale: Politiche pubbliche e governance (LM-62); Comunicazione e pubbliche amministrazioni (LM-59 / LM-63) Dottorato: Dottorato in Governance e sistemi complessi (all interno della scuola di dottorato in Scienze sociali) Master: Master biennale di primo livello in Giornalismo Master di primo livello in Politiche Attive del lavoro e gestione delle risorse umane; Master di primo livello in Statistica applicata Master di primo livello in Economia e Finanza etica per lo sviluppo e la cooperazione Master di secondo livello in Valutazioni di politiche Spazi di lavoro, aule e laboratori didattici Il Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'informazione, in attesa che si rendano disponibili i locali attualmente occupati dalla facoltà di Farmacia, chiede per il proprio funzionamento la disponibilità: delle aule, laboratori didattici, informatici e multimediali e dei locali attualmente occupati dalla Facoltà di Scienze politiche, siti in viale Mancini 5; dei locali del Palazzo Zirolia (piazza Università) attualmente occupati dal DEIS; dei locali, siti al primo piano del Palazzo Segni (viale Umberto) attualmente occupati da una parte del Dipartimento di storia, nell ipotesi che i docenti attualmente afferenti al Dipartimento di Storia aderiscono al progetto di istituzione del Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'informazione. di ulteriori tre aule da almeno 60 posti più due aule da destinarsi ad attività seminariali e di laboratorio didattico (20-30 posti) presso il nuovo complesso didattico di Piandanna. dei locali attualmente occupati da parte dei proponenti presso il nuovo complesso didattico di Piandanna; di ulteriori spazi di lavoro (ufffici per otto docenti e circa sei assegnisti/dottorandi) presso il nuovo complesso didattico di Piandanna.

7 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I S A S S A R I S e t t o r e O r g a n i C o l l e g i a l i e A f f a r i G e n e r a l i U f f i c i o A f f a r i G e n e r a l i PERSONALE DOCENTE SEZIONE SCIENZE POLITICHE E DELLA COMUNICAZIONE COGNOME NOME SETTORI CONCORSUALI QUALIFICA 1. ANTENORE MARZIA 14/C2 RU 2. ARLACCHI GIUSEPPE 14/C1 PO 3. BANO FABRIZIO 12/B2 PA 4. BIANCO GIOVANNI 12/C1 PA 5. CIONI ELISABETTA 14/C2 PO 6. DERIU ROMINA 14/C1 RU 7. FADDA ANTONIO 14/C1 PO 8. GAGLIANO YVETTE 10/H1 Inc. 9. GARAU GIORGIO 13/D2 PO 10. GIANNICHEDDA MARIA G. 14/C1 RU 11. MAGRIN GABRIELE 14/B1 RU 12. MAZZETTE ANTONIETTA 14/D1 PO 13. MURA VIRGILIO 14/A1 PO 14. NIEDDU ANNA 14/B1 RU 15. PATRIZI PATRIZIA 11/E3 PO 16. PODDIGHE ELENA 12/E2 PA 17. PUDDINU PAOLO 14/B2 PO 18. RAGIONIERI RODOLFO 14/A2 PA 19. ROSENKRANZ LAURA 10/M2 RU 20. SANNA GUGLIELMO 11/A2 RU 21. SANNA PIERO 11/A2 PA 22. SANNA SILVIA 12/E1 PA 23. SAU RAFFAELLA 14/A1 PA 24. SODDU FRANCESCO 14/B1 PO 25. TEBALDI MAURO 14/A2 PA 26. TIDORE CAMILLO 14/D1 PA 27. TORIELLO FABIO 12/A1 PA 28. VITTORIA ALBERTINA 11/A3 PO

8 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I S A S S A R I S e t t o r e O r g a n i C o l l e g i a l i e A f f a r i G e n e r a l i U f f i c i o A f f a r i G e n e r a l i PERSONALE DOCENTE SEZIONE INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE COGNOME NOME SETTORI CONCORSUALI QUALIFICA 29. BELLAZZINI JACOPO 01/A3 RU 30. BRODO LINDA 01/B1 RU 31. BRUNETTI ANTONIO 02/B3 PA 32. CEREATTI ANDREA 09/G2 RU 33. DELLA CROCE UGO 09/G2 PO 34. GLADIALI FRANCESCA 01/A3 RU 35. GOLOSIO BRUNO 02/B3 RU 36. GROSSO ENRICO 09/H1 PO 37. LAGORIO ANDREA 09/H1 RU 38. PULINA LUCA 09/H1 RU 39. STEGEL GIOVANNI 01/A3 RU 40. STEGER TIM 01/A3 PO 41. TISTARELLI MASSIMO 09/H1 PO

9 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I S A S S A R I S e t t o r e O r g a n i C o l l e g i a l i e A f f a r i G e n e r a l i U f f i c i o A f f a r i G e n e r a l i Elenco dei Corsi di studio che il Dipartimento si propone di attivare - Corsi di laurea triennale: Scienze della politica e dell amministrazione (L-16 L-36); Scienze della comunicazione (L-20); Ingegneria dell informazione (L-8). - Corsi di laurea magistrale: Politiche pubbliche e governante (LM-62); Comunicazione e amministrazione (LM-59- LM-63). - Dottorato: Dottorato in Governance e sistemi complessi (all interno della scuola di dottorato in Scienze sociali) - Master: Master biennale di primo livello in Giornalismo Master di primo livello in Politiche Attive del lavoro e gestione delle risorse umane; Master di primo livello in Statistica applicata Master di primo livello in Economia e Finanza etica per lo sviluppo e la cooperazione Master di secondo livello in Valutazioni di politiche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Il Progetto Orient@mente

Il Progetto Orient@mente Il Progetto Orient@mente Presentazione, 25 marzo 2015 Marina Marchisio Dipartimento di Matematica G. Peano Orient@mente Progetto di UNITO che ha come scopo la realizzazione di un orientamento in ingresso

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano IO E PROGETTAZIONE ARTISTICA PER L IMPRESA Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Il diploma accademico di primo livello è equipollente alla laurea triennale. La scuola, a livello universitario, intende

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Documento approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 09 gennaio 2013 FINALITA DEL DOCUMENTO Questo documento riassume

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna

La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna La scheda SUA e il rapporto di riesame: l esperienza di Medicina Veterinaria di Bologna Gualtiero Gandini Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Università di Bologna membro del tavolo tecnico ANVUR

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Università degli Studi di Milano - Bicocca Nucleo di Valutazione Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Alessandra Caserini

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Il giorno 23 del mese di aprile dell anno 2013,

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO D. R. 767 del 30/06/2014 MANIFESTO GENERALE DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2014/2015 IL RETTORE VISTA la Legge 19 novembre 1990

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Presentazione delle Schede DAT

Presentazione delle Schede DAT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI CAGLIARI CAMPUS UNICA Presentazione delle Schede DAT Dati e indicatori statistici Sono di seguito presentati dettagliatamente i dati e gli indicatori richiesti dal Modello CRUI per

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

La Sapienza si presenta I docenti della Sapienza illustrano l offerta formativa e svolgono lezioni-tipo

La Sapienza si presenta I docenti della Sapienza illustrano l offerta formativa e svolgono lezioni-tipo Commissione Orientamento Tutorato e Placement di Ateneo Progetto Un ponte tra scuola e università La Sapienza si presenta I docenti della Sapienza illustrano l offerta formativa e svolgono lezioni-tipo

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli