Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'informazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'informazione"

Transcript

1 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I S A S S A R I S e t t o r e O r g a n i C o l l e g i a l i e A f f a r i G e n e r a l i U f f i c i o A f f a r i G e n e r a l i PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO DENOMINAZIONE del Dipartimento Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'informazione PROGETTO SCIENTIFICO E DIDATTICO In linea con esperienze maturate in contesti accademici europei e nordamericani il Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'informazione si propone di incoraggiare e sviluppare nuove esperienze di ricerca e di alta formazione nel campo dei sistemi complessi. Il paradigma della complessità ha infatti consolidato, tanto nel campo delle scienze applicate quanto nel campo delle scienze sociali, una nuova prospettiva per affrontare i problemi della conoscenza e formare competenze che si situano a cavallo tra diversi approcci disciplinari. Esso è servito a superare i confini tradizionali tra le discipline e a intraprendere nuovi percorsi teorici e metodologici per analizzare le proprietà delle strutture complesse, non ultimo utilizzando le risorse offerte dalle nuove tecnologie. Rispetto a questa prospettiva, sono riconoscibili più livelli che legano le scienze sociali e l ingegneria informatica. Un livello metodologico, che vede espandersi la possibilità di condividere gli approcci e gli stessi strumenti di ricerca in un'ottica interdisciplinare. Si pensi agli approcci della simulazione per la progettazione e per la governance, oppure a quelli per l'analisi dei cosiddetti Multi-Agent Systems (MAS), modelli analitici e predittivi fondamentali per interpretare, progettare e governare i sistemi complessi. Rilevante sotto il profilo metodologico è lo sviluppo di software e hardware per analizzare fenomeni complessi multimodali; si tratta di strumenti utili per avanzare il limite della conoscenza in un quadro interdisciplinare che consente nuove prospettive di analisi per lo studio sistemico, dai livelli situati locali al livello globale. Un livello ontologico, che rinvia al fatto che quelli che nelle scienze sociali erano studiati, nella tradizione positivista, come organismi e, in seguito, come aggregati coerenti e ordinati (organizzazioni, istituzioni o ordinamenti), corrispondono in realtà a sistemi complessi (cosiddetti sistemi astratti o esperti). Ciò si collega a processi storici quali la crisi degli stati nazionali, la tendenziale "liquidità" delle relazioni sociali, l'accresciuta riflessività dei sistemi sociali (la

2 conoscenza e la produzione di senso come elementi costitutivi delle proprietà sistemiche). Inoltre, è ormai riconosciuto il ruolo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ITC) nel determinare l'evoluzione dei rapporti sociali e la condizione umana nel suo complesso. In questo ambito, l ingegneria dell'informazione e le scienze sociali collaborano quindi all'introduzione di nuove tecnologie nei diversi contesti umani e le tecnologie, a loro volta, contribuiscono a determinare nuove condizioni applicative a livello sociale. Si assiste perciò, sotto questo profilo, a una coevoluzione dei sistemi tecnologici e sociali. Il Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'informazione si articola i due sezioni. Scienze Politiche e della Comunicazione La sezione di Scienze Politiche e della Comunicazione intende svolgere un ruolo strategico - tanto nella ricerca scientifica quanto nella formazione universitaria - per lo studio della complessità delle società globalizzate e in continuo mutamento del terzo millennio. L interdisciplinarietà intrinseca nella tradizione e nei più recenti sviluppi degli studi delle scienze politiche in Italia si fonda sull incontro e sul dialogo tra le discipline giuridiche, storiche, economiche, politologiche, sociologiche, psicologiche e della comunicazione, nonché quelle trasversali, metodologiche e quantitative. Tale interdisciplinarietà è costitutiva, in quanto gli studiosi delle diverse discipline che si riconoscono in questa tradizione sono continuamente chiamati, nel processo di comprensione e spiegazione del loro oggetto di ricerca, ad aprirsi programmaticamente al confronto con le teorie, i metodi e le prospettive che provengono dagli altri ambiti disciplinari. L approccio interdisciplinare è necessario per fornire risposta a trasformazioni complesse che mettono oggi in crisi i paradigmi e gli strumenti consolidati con cui si è cercato finora di comprendere e governare le società. Il progetto scientifico e didattico si sviluppa quindi secondo alcune linee di ricerca che privilegiano fenomeni quali: la sempre più marcata consunzione della prospettiva temporale che caratterizza il cittadino del terzo millennio, che si traduce al tempo stesso in oblio del passato e in assenza di sguardo verso il futuro, rispetto alla quale appare imprescindibile il ruolo delle discipline storiche; la crisi della democrazia, che si manifesta nell esaurimento delle forme novecentesche della mobilitazione politica, nella crescente apatia dei cittadini di fronte alla rappresentanza e nella personalizzazione della politica; la fine della centralità dell Occidente e la conseguente necessità di riconsiderare le storie e le culture dei popoli, anche alla luce dei processi di mescolamento indotti dalla globalizzazione, in particolare tenendo conto del ruolo che la Sardegna può svolgere come snodo delle relazioni tra i Paesi del bacino del Mediterraneo; il processo di individualizzazione delle società contemporanee, nelle quali sempre più spesso i soggetti sono chiamati a dare senso al proprio agire e a prendere autonome decisioni, all interno dei reti di interdipendenze sempre più ampie; il ruolo crescente che ha assunto la comunicazione mediata in seguito allo sviluppo delle tecnologie digitali e di Rete, che devono essere al tempo stesso comprese nelle loro eccezionali potenzialità, come piattaforme espressive e di interazione volte a definire il tessuto odierno delle relazioni sociali, e governate nei loro effetti perversi; la partecipazione dei cittadini alle scelte pubbliche, con conseguente sviluppo di empowerment e di efficacia collettiva nei processi di inclusione, di contrasto delle marginalità, di gestione dei conflitti; la ridefinizione del rapporto tra globale e locale, per cui fenomeni che hanno origine su scala globale producono effetti determinanti su scala locale e viceversa, di fronte ai quali le società sono impegnate nella ricerca di strumenti giuridici e politici inediti di governo e di governance, soprattutto nella dimensione internazionale e in quella sopranazionale; la sfida epocale rappresentata dalla sostenibilità, intesa come paradigma che impone oggi un complessivo ripensamento dei criteri con i quali vengono operate le scelte pubbliche e quelle private nei settori dell ambiente, dell economia e della sicurezza sociale; la crescente tecnicizzazione dei saperi e l avvertita necessità di ricostituire il rapporto tra le scienze e il dibattito civile-politico.

3 Ingegneria dell'informazione La sezione di Ingegneria dell'informazione intende svolgere un ruolo strategico - tanto nella ricerca scientifica quanto nella formazione universitaria - per lo studio di sistemi e dati complessi, ove la multidimensionalità costituisce un tratto distintivo dei problemi, amplificandone complessità e difficoltà di trattamento. L interdisciplinarietà intrinseca nella materia informatica è ben testimoniata dal settimo programma quadro della Comunità Europea, che sottolinea l'importanza di alcune aree tematiche nelle quali le università sono tenute a contribuire attivamente; tra queste, l'ict (Information and Communication Technology) continua ad essere un punto di riferimento inequivocabile. Ma non solo. Molte delle altre aree tematiche di punta per la ricerca europea (salute, biotecnologie, nanoscienze, energia) fanno leva, direttamente o indirettamente, su applicazioni informatiche e/o dispositivi di automazione e controllo avanzati. Trovano quindi possibilità di realizzazione solo in contesti dove le scienze dell'ingegneria sono disponibili e di buon livello. I ricercatori attivi presso l'ateneo di Sassari sono riusciti negli anni a mantenere e consolidare conoscenze in alcune nicchie ICT (bioingegneria della riabilitazione, biometria, interazione uomomacchina, visione artificiale) che si appoggiano in larga misura su tecniche di elaborazione di dati bi e tridimensionali (immagini, grafica avanzata, modelli virtuali, modelli logici e formali d'interazione). Tale patrimonio, peraltro condiviso da alcune altre figure presenti nel nostro ateneo (fisici, matematici e biologi) costituisce il nucleo di partenza sul quale si intende sviluppare il progetto scientifico. L'impatto delle tecniche ICT in ambito sociale e in altri ambiti presenti nell'ateneo (architettura, economia, medicina, scienze della terra per citarne alcuni) è di notevole portata e garantisce ai ricercatori di mantenere e rafforzare le collaborazioni esistenti. D'altra parte, la presenza di un progetto scientifico ben focalizzato nell'area delle scienze dell'ingegneria consentirà di guardare con forza al mercato della ricerca europea, contando sulla presenza di una riconoscibile identità dipartimentale che potrà avvalersi di tutte le competenze disponibili. Le attività di ricerca si svolgeranno complessivamente attorno alle attrezzature della piattaforma AIMA (advanced imaging and motion analysis) che includono: sistemi di acquisizione avanzati (immagini da microscopia, immagini infrarosso); sistemi per l'analisi del movimento umano in tempo reale; sistemi di ricostruzione automatica tridimensionale; sistemi per il processamento e l'analisi di dati biometrici su larga scala. A questa piattaforma si aggiungono le attrezzature per il tracciamento del moto oculare e per la generazione di realtà virtuale in corso di acquisizione. Di seguito vengono elencati i filoni preminenti del progetto scientifico proposto. Elaborazione di immagini e sequenze video Sviluppo di metriche e algoritmi per il confronto, la ricerca e la classificazione automatica di immagini, filtraggi, trattamento di sequenze, estrazione di informazioni caratterizzanti a partire da sequenze o singole immagini. Analisi multitelecamera, analisi del movimento. Tecnologie avanzate per l'analisi tridimensionale Rilevamento tridimensionale di corpi e strutture, analisi tridimensionale del movimento umano, tecniche strumentali topografiche, fotogrammetriche e laser, gestione e georeferenziazione dei dati. Applicazione di tecniche 3D in campo medico e nel campo del restauro dei beni culturali. Biometria Utilizzo di sistemi multimodali per l'identificazione dell'identità personale, analisi di impronte, immagini del viso. Utilizzo di tecniche multifotogrammetriche per la ricostruzione 3D del viso e il riconoscimento, analisi comportamentale dei soggetti.

4 Metodi formali dell informatica Programmazione sequenziale e concorrente, algebre di processi, equivalenze comportamentali e logiche modali. Valutazione delle prestazioni e della sicurezza di sistemi di elaborazione e reti di calcolatori. Fondamenti di architettura e ingegneria del software per sistemi basati su componenti e servizi web. Ragionamento automatico, metodi di verifica formale per circuiti elettronici, software, sistemi critici. Informatica applicata ai processi di apprendimento e all'interazione uomo-macchina Accessibilità ed efficacia della didattica a distanza; sviluppo interattivo di contenuti tematici, insegnamento congiunto di lingua veicolare e semantica del linguaggio; rappresentazioni iconiche e loro semantica nei processi di apprendimento; monitoraggio, valutazione e certificazione dei processi di apprendimento. Matematica e matematica applicata Equazioni alle derivate parziali e calcolo delle variazioni come strumenti fondamentali e affini fra loro per modellizzare e studiare sistemi spazio e tempo-varianti. Problemi non lineari di interesse per la modellizzazione di fenomeni di interesse fisico. Gruppi di simmetrie e loro rappresentazioni. Teoria dei giochi differenziali. Aspetti peculiari dell'algebra e della geometria, algebre di Lie, superficie complesse. Fisica e fisica applicata Interazione della radiazione con la materia. Analisi non distruttiva per i beni culturali e campioni industriali mediante fluorescenza e tomografia a raggi X. Applicazione della radiazione X a campioni biologici e alla medicina. Sviluppo di algoritmi per l'analisi e la ricostruzione dei dati sperimentali. Laboratori di ricerca Laboratorio AIMA (advanced imaging and motion analysis): il laboratorio, dotato di strumenti avanzati per l'imaging e l'analisi del movimento, consentirà di sviluppare ricerca di punta in ambito biomedico, nonché su tematiche di visione artificiale e biometria. Laboratorio Raggi X: il laboratorio, dotato di strumentazione avanzata per la microtomografia a raggi X e per la fluorescenza a raggi X, consentirà di sviluppare ricerca nel campo dell'analisi non distruttiva per l'industria, la medicina, la biologia e per i beni culturali. Laboratorio F (fisica): il laboratorio, di valenza anche didattica, consentirà di sviluppare ricerca ed esperimenti nell'ambito delle scienze fisiche. Laboratorio EM (elettronica e microelettronica): il laboratorio, di valenza anche didattica, consentirà la realizzazione di semplici schede e architetture a microprocessore. Laboratorio CEL (comunicazione istituzionale e e-learning): il Laboratorio di ricerca per la comunicazione istituzionale e l e-learning consentirà di sperimentare nuove metodologie di comunicazione e organizzazione della conoscenza in ambiti complessi. Biblioteche Il Dipartimento si avvarrà del Sistema bibliotecario d Ateneo con particolare riferimento ai materiali posseduti dalla Biblioteca interfacoltà A. Pigliaru, dalla biblioteca del polo delle Scienze, dalla Biblioteca ex Dip. di Storia e dalla Biblioteca ex DEIS, mantenendo, per le esigenze della ricerca e della didattica, la disponibilità dei volumi attualmente collocati presso la sede di Palazzo Zirolia dell ex DEIS. Per le discipline di ambito informatico si ritiene inoltre utile un graduale potenziamento della dotazione libraria esistente.

5 Centri di ricerca interni, interdipartimentali, interateneo All interno del Dipartimento opererà: il Centro studi urbani; il Centro studi internazionali di politica e diritto; il Centro "Franco Basaglia" ricerca e progettazione sociale; l Osservatorio MediaMonitor Politica. Collaborazioni internazionali Il Dipartimento intende proseguire le attività in essere sul piano della internazionalizzazione della ricerca e della didattica. In particolare intende migliorare gli interscambi degli studenti attraverso i programmi Erasmus student, Erasmus placement, MAE-CRUI, Ulisse, intensificare la partecipazione al programma Visiting professor, confermare e sviluppare collaborazioni con Università straniere anche al fine di giungere a conferire diplomi congiunti (o doppi diplomi) al livello di Lauree magistrali, Master e di Dottorato. Collane di pubblicazioni: E prevista la pubblicazione di una rivista on line denominata Quaderni di ricerca, che si propone di raccogliere i risultati, definitivi o provvisori, totali o parziali, del lavoro teorico ed empirico sviluppato nell ambito del Dipartimento. I lavori pubblicati saranno preventivamente valutati secondo criteri nazionali e internazionali. Attività di formazione L obiettivo del Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Cominicazione e Ingegneria dell'informazione è duplice. Da un lato, consiste nel consolidamento (ma secondo una prospettiva di sempre maggiore adeguamento agli scenari politico-sociali locali e globali) dell offerta formativa di base, magistrale e di terzo livello finora promossa dalla Facoltà di Scienze Politiche. L offerta didattica, articolata in quattro Corsi di studio, alcuni Master e un Dottorato di ricerca, è progettata con la finalità di formare figure professionali ai diversi livelli in possesso di competenze di tipo multidisciplinare e quindi in grado di rispondere alle esigenze espresse dal mercato del lavoro. Il significativo riscontro di tale offerta formativa si è manifestato negli anni scorsi nel numero costante di immatricolazioni, negli sbocchi occupazionali dei laureati e dall interesse espressamente mostrato dalle istituzioni e dal sistema produttivo del territorio. Tali elementi inducono a confermare le direttrici della proposta didattica sinora sviluppata, con la necessaria costante attenzione al potenziamento e alla razionalizzazione dell offerta formativa, alla luce delle linee di ricerca strategiche sopra indicate. Dall altro lato, consiste nella proposta innovativa di istituire un corso di laurea triennale in Ingegneria dell Informazione, recuperando un gap preoccupante che, nel corso degli anni si è venuto a creare presso l'ateneo di Sassari. Da un punto di vista geografico, infatti, l offerta formativa di ambito ingegneristico-informatico copre pressoché tutte le regioni italiane, inclusa la Sicilia (presente con corsi di laurea a Catania, Palermo e Messina) ma è solo parzialmente presente in Sardegna presso l'ateneo Cagliaritano (due lauree triennali interclasse L-8 ed L-9, ingegneria biomedica e ingegneria elettrica ed elettronica, di recente attivazione). La situazione sopra evidenziata è preoccupante se si considera che le tecnologie dell informazione assumono un ruolo chiave anche in molte discipline tradizionali (medicina, scienze della vita, chimica, agraria), nei processi produttivi, nelle comunicazioni e nelle attività a maggior valore aggiunto che caratterizzeranno l imminente futuro. Infine, tali tecnologie sono ampiamente compatibili con il contesto ambientale e sociale che caratterizza il territorio sardo; l'ingegneria dell'immateriale, così come vengono a volte definite le tecnologie ICT, annulla le distanze, elimina i problemi logistici, ricolloca l'isola al centro di una rete internazionale che non conosce limiti territoriali. Da sottolineare infine che la notevole omogeneità dell offerta formativa di natura ingegneristica

6 presso vari atenei nazionali garantisce una semplice configurazione del percorso didattico e un facile e ugualmente omogeneo accesso alle lauree di secondo livello, indipendentemente dalle sedi considerate. Corsi di laurea: Scienze della politica e dell amministrazione (L-16 / L-36); Scienze della comunicazione (L-20); Ingegneria dell informazione (L-8) Corsi di laurea magistrale: Politiche pubbliche e governance (LM-62); Comunicazione e pubbliche amministrazioni (LM-59 / LM-63) Dottorato: Dottorato in Governance e sistemi complessi (all interno della scuola di dottorato in Scienze sociali) Master: Master biennale di primo livello in Giornalismo Master di primo livello in Politiche Attive del lavoro e gestione delle risorse umane; Master di primo livello in Statistica applicata Master di primo livello in Economia e Finanza etica per lo sviluppo e la cooperazione Master di secondo livello in Valutazioni di politiche Spazi di lavoro, aule e laboratori didattici Il Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'informazione, in attesa che si rendano disponibili i locali attualmente occupati dalla facoltà di Farmacia, chiede per il proprio funzionamento la disponibilità: delle aule, laboratori didattici, informatici e multimediali e dei locali attualmente occupati dalla Facoltà di Scienze politiche, siti in viale Mancini 5; dei locali del Palazzo Zirolia (piazza Università) attualmente occupati dal DEIS; dei locali, siti al primo piano del Palazzo Segni (viale Umberto) attualmente occupati da una parte del Dipartimento di storia, nell ipotesi che i docenti attualmente afferenti al Dipartimento di Storia aderiscono al progetto di istituzione del Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell'informazione. di ulteriori tre aule da almeno 60 posti più due aule da destinarsi ad attività seminariali e di laboratorio didattico (20-30 posti) presso il nuovo complesso didattico di Piandanna. dei locali attualmente occupati da parte dei proponenti presso il nuovo complesso didattico di Piandanna; di ulteriori spazi di lavoro (ufffici per otto docenti e circa sei assegnisti/dottorandi) presso il nuovo complesso didattico di Piandanna.

7 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I S A S S A R I S e t t o r e O r g a n i C o l l e g i a l i e A f f a r i G e n e r a l i U f f i c i o A f f a r i G e n e r a l i PERSONALE DOCENTE SEZIONE SCIENZE POLITICHE E DELLA COMUNICAZIONE COGNOME NOME SETTORI CONCORSUALI QUALIFICA 1. ANTENORE MARZIA 14/C2 RU 2. ARLACCHI GIUSEPPE 14/C1 PO 3. BANO FABRIZIO 12/B2 PA 4. BIANCO GIOVANNI 12/C1 PA 5. CIONI ELISABETTA 14/C2 PO 6. DERIU ROMINA 14/C1 RU 7. FADDA ANTONIO 14/C1 PO 8. GAGLIANO YVETTE 10/H1 Inc. 9. GARAU GIORGIO 13/D2 PO 10. GIANNICHEDDA MARIA G. 14/C1 RU 11. MAGRIN GABRIELE 14/B1 RU 12. MAZZETTE ANTONIETTA 14/D1 PO 13. MURA VIRGILIO 14/A1 PO 14. NIEDDU ANNA 14/B1 RU 15. PATRIZI PATRIZIA 11/E3 PO 16. PODDIGHE ELENA 12/E2 PA 17. PUDDINU PAOLO 14/B2 PO 18. RAGIONIERI RODOLFO 14/A2 PA 19. ROSENKRANZ LAURA 10/M2 RU 20. SANNA GUGLIELMO 11/A2 RU 21. SANNA PIERO 11/A2 PA 22. SANNA SILVIA 12/E1 PA 23. SAU RAFFAELLA 14/A1 PA 24. SODDU FRANCESCO 14/B1 PO 25. TEBALDI MAURO 14/A2 PA 26. TIDORE CAMILLO 14/D1 PA 27. TORIELLO FABIO 12/A1 PA 28. VITTORIA ALBERTINA 11/A3 PO

8 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I S A S S A R I S e t t o r e O r g a n i C o l l e g i a l i e A f f a r i G e n e r a l i U f f i c i o A f f a r i G e n e r a l i PERSONALE DOCENTE SEZIONE INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE COGNOME NOME SETTORI CONCORSUALI QUALIFICA 29. BELLAZZINI JACOPO 01/A3 RU 30. BRODO LINDA 01/B1 RU 31. BRUNETTI ANTONIO 02/B3 PA 32. CEREATTI ANDREA 09/G2 RU 33. DELLA CROCE UGO 09/G2 PO 34. GLADIALI FRANCESCA 01/A3 RU 35. GOLOSIO BRUNO 02/B3 RU 36. GROSSO ENRICO 09/H1 PO 37. LAGORIO ANDREA 09/H1 RU 38. PULINA LUCA 09/H1 RU 39. STEGEL GIOVANNI 01/A3 RU 40. STEGER TIM 01/A3 PO 41. TISTARELLI MASSIMO 09/H1 PO

9 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I S A S S A R I S e t t o r e O r g a n i C o l l e g i a l i e A f f a r i G e n e r a l i U f f i c i o A f f a r i G e n e r a l i Elenco dei Corsi di studio che il Dipartimento si propone di attivare - Corsi di laurea triennale: Scienze della politica e dell amministrazione (L-16 L-36); Scienze della comunicazione (L-20); Ingegneria dell informazione (L-8). - Corsi di laurea magistrale: Politiche pubbliche e governante (LM-62); Comunicazione e amministrazione (LM-59- LM-63). - Dottorato: Dottorato in Governance e sistemi complessi (all interno della scuola di dottorato in Scienze sociali) - Master: Master biennale di primo livello in Giornalismo Master di primo livello in Politiche Attive del lavoro e gestione delle risorse umane; Master di primo livello in Statistica applicata Master di primo livello in Economia e Finanza etica per lo sviluppo e la cooperazione Master di secondo livello in Valutazioni di politiche

Anno Accademico 2012-2013. Corso di laurea in Scienze della politica e dell amministrazione

Anno Accademico 2012-2013. Corso di laurea in Scienze della politica e dell amministrazione Università degli Studi di Sassari Facoltà di Scienze Politiche Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell Informazione Anno Accademico 2012-2013 Corso di laurea in

Dettagli

f a c o l t à d i INGEGNERIA

f a c o l t à d i INGEGNERIA f a c o l t à d i INGEGNERIA UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 60131 Tel. 071 2204778 INGEGNERIA Per informazioni più approfondite relative alla didattica dei singoli

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

Corso di Laurea in Fisica

Corso di Laurea in Fisica OBIETTIVI FORMATIVI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra M. Melloni Corso di Laurea in Fisica Laurea di I livello nella Classe L-30 Scienze e Tecnologie Fisiche

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica e dell'automazione. Dipartimento di Ingegneria

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica e dell'automazione. Dipartimento di Ingegneria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica e dell'automazione Dipartimento di Ingegneria Obiettivo didattico INGEGNERIA INFORMATICA E DELL'AUTOMAZIONE La Laurea

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Studio in. INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como. Corso di Laurea (L)

Regolamento Didattico del Corso di Studio in. INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como. Corso di Laurea (L) POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dell'informazione V Facoltà di Ingegneria ANNO ACCADEMICO 2003/2004 Regolamento Didattico del Corso di Studio in INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como Corso di

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni L-35 3 anni sede UNICAM: Camerino crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.mat.it www.sst.unicam.it/sst/ Presentazione

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

L ISTRUZIONE SUPERIORE IN ITALIA

L ISTRUZIONE SUPERIORE IN ITALIA L ISTRUZIONE SUPERIORE IN ITALIA Scuola superiore Laurea (3 anni) Master I Livello Laurea Magistrale (2 anni) Master II Livello Specializzazione Dott. Ricerca Mondo del lavoro Università degli Studi di

Dettagli

Percorso formativo in: Ingegneria gestionale. Corso di laurea triennale in: Corso di laurea magistrale in:

Percorso formativo in: Ingegneria gestionale. Corso di laurea triennale in: Corso di laurea magistrale in: Percorso formativo in: Ingegneria gestionale Corso di laurea triennale in: Ingegneria gestionale Corso di laurea magistrale in: Ingegneria gestionale CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA GESTIONALE

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Fisica

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Fisica Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Fisica L-30 3 anni sede: Camerino via Madonna delle Carceri 9 crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.it www.sst.unicam.it/sst Presentazione

Dettagli

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali.

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali. Indirizzi Laurea Magistrale in Matematica INDIRIZZO di LOGICA MATEMATICA L indirizzo logico si propone un duplice obiettivo: 1) la formazione di un laureato in grado di affrontare problemi di natura combinatoriale,

Dettagli

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi):

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi): Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dario Maggiorini, Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano LIKE THIS! Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Comunicare il Turismo Sostenibile

Comunicare il Turismo Sostenibile UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA DIPARTIMENTO DI SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE Comunicare il Turismo Sostenibile Master di primo livello Università degli Studi di Milano-Bicocca a.a. 2012-2013 /

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali. LAUREA IN Informatica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali. LAUREA IN Informatica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA IN Informatica REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE Il Corso di Laurea di primo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio ART. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento s intende:

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

Anno Accademico 2012-2013. Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione (Classe L-20 Scienze della comunicazione)

Anno Accademico 2012-2013. Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione (Classe L-20 Scienze della comunicazione) Università degli Studi di Sassari Facoltà di Scienze Politiche Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell Informazione Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea in

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATCA E COMUNICAZIONE DIGITALE Art. 1 Finalità (art.2 c.6 art.15

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica)

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea Magistrale in Informatica CLASSE LM18 (Informatica) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (D.M. 270/2004 LM-52)

Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (D.M. 270/2004 LM-52) Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (D.M. 270/2004 L52) Sede didattica Classe delle lauree Durata sito web Dipartimento di riferimento Coordinatore: Genova Relazioni internazionali

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. COMO Matematica Corsi di laurea in: MATEMATICA - triennale (Classe n. 32 Scienze Matematiche) MATEMATICA - specialistica (Classe n. 45/S Matematica) Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

Si possono ovviamente dare vari casi. A titolo di esempio consideriamo alcuni casi possibili:

Si possono ovviamente dare vari casi. A titolo di esempio consideriamo alcuni casi possibili: V FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI STUDIO IN INGEGNERIA INFORMATICA (SEDE DI COMO) REGOLE PER IL PASSAGGIO DAL VECCHIO ORDINAMENTO AL NUOVO ORDINAMENTO Novembre 2004 Studenti del Corso di Laurea V.O. Il

Dettagli

POLITECNICO di BARI. I FACOLTA DI INGEGNERIA Anno Accademico 2007/08 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI. LAUREA IN INGEGNERIA dell AUTOMAZIONE

POLITECNICO di BARI. I FACOLTA DI INGEGNERIA Anno Accademico 2007/08 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI. LAUREA IN INGEGNERIA dell AUTOMAZIONE POLITECNICO di BARI I FACOLTA DI INGEGNERIA Anno Accademico 2007/08 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA dell AUTOMAZIONE CONTROL SYSTEMS ENGINEERING (first level degree) CLASSE 9 DELLE

Dettagli

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello Università degli Studi di Roma "La Sapienza" Facoltà di Economia Sede di Latina Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello REGOLAMENTO Anno

Dettagli

Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation

Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation Sede: PALERMO - Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Coordinatore: prof. ing. Mariano Giuseppe

Dettagli

Manifesto Degli Studi Anno Accademico 2012-2013

Manifesto Degli Studi Anno Accademico 2012-2013 Università degli Studi di Sassari Facoltà di Scienze Politiche Dipartimento di Scienze Politiche, Scienze della Comunicazione e Ingegneria dell Informazione Manifesto Degli Studi Anno Accademico 2012-2013

Dettagli

1. Obiettivi Formativi

1. Obiettivi Formativi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI Aldo Moro Manifesto degli studi A.A. 2013-2014 per Studenti a Tempo Pieno Classe delle Lauree n. L-31 Scienze e tecnologie informatiche LAUREA IN: INFORMATICA E COMUNICAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni. Dipartimento di Ingegneria

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA. Corso di laurea magistrale in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni. Dipartimento di Ingegneria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di laurea magistrale in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria INGEGNERIA ELETTRONICA E DELLE TELECOMUNICAZIONI Obiettivo didattico

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (Classe 9 delle lauree in Ingegneria dell Informazione) Regolamento didattico

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (Classe 9 delle lauree in Ingegneria dell Informazione) Regolamento didattico 1 Art. 1. Attivazione Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Automatica (Classe 9 delle lauree in Ingegneria dell Informazione) Regolamento didattico 1. Presso la Facoltà di Ingegneria dell Università

Dettagli

Manifesto degli Studi A.A. 2013-2014 per Studenti a Tempo Pieno

Manifesto degli Studi A.A. 2013-2014 per Studenti a Tempo Pieno UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO Manifesto degli Studi A.A. 2013-2014 per Studenti a Tempo Pieno Classe delle Lauree n. L-31 Scienze e tecnologie informatiche LAUREA IN: INFORMATICA sede di Brindisi

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

LAUREA e LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04. a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse

LAUREA e LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04. a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse LAUREA e LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04 a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse POSTER (1/2) Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria

Dettagli

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Psicologia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Corso di laurea interclasse in Comunicazione e Psicologia Laurea in comunicazione (L-20) Laurea in psicologia (L-24) DESCRIZIONE E' istituito

Dettagli

MASTER DI PRIMO LIVELLO IN ``METODOLOGIE E MODELLI PER LA FINANZA QUANTITATIVA Università degli Studi di Milano

MASTER DI PRIMO LIVELLO IN ``METODOLOGIE E MODELLI PER LA FINANZA QUANTITATIVA Università degli Studi di Milano MASTER DI PRIMO LIVELLO IN ``METODOLOGIE E MODELLI PER LA FINANZA QUANTITATIVA Università degli Partecipano alla realizzazione del master docenti e collaboratori provenienti da: Università degli Università

Dettagli

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Ordine degli Studi a.a. 2015/201 I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: LM-33 Ingegneria meccanica NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 270/2004 DIPARTIMENTO

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE LM-51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale

Dettagli

CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE

CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E ATTIVITA REGOLATORIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA IN COLLABORAZIONE CON CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE

Dettagli

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISIS Carducci-Dante Trieste INDIRIZZI NUOVO ORDINAMENTO Liceo delle scienze umane Liceo delle scienze umane opzione economico-sociale Liceo classico Liceo linguistico Liceo musicale

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Articolo 1 - Denominazione del Corso e Classe di appartenenza È istituito presso l Università degli Studi della Basilicata il Corso

Dettagli

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica I Corsi di Studio in Fisica comprendono quattro percorsi didattici. Al termine di ciascun percorso si consegue uno dei seguenti

Dettagli

Facoltà di Farmacia e Medicina e Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Facoltà di Farmacia e Medicina e Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di laurea triennale in Biotecnologie Università di Roma LA Sapienza Facoltà di Farmacia e Medicina e Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Presidente: Prof. Giuseppe Macino Vice Presidente:

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4

Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Corso di Laurea in Arredamento, Interno Architettonico e Design Classe delle lauree in Scienze dell Architettura e dell Ingegneria edile, Classe 4 Presidente: Prof. arch. FILIPPO ALISON Obiettivi formativi

Dettagli

Studiare alla Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione

Studiare alla Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione Studiare alla Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione a.a. 2012/2013 1 Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione La Facoltà si compone di tre aree didattiche. Ogni area eroga

Dettagli

Communication technologies and multimedia

Communication technologies and multimedia ELETTRONICA INFORMATICA TELECOMUNICAZIONI Corsi di laurea in: Ingegneria elettronica e delle telecomunicazioni Ingegneria informatica Corsi di laurea magistrale in: Ingegneria elettronica Ingegneria informatica

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRONICA, CHIMICA E INGEGNERIA

Dettagli

35/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria informatica Nome del corso. Ingegneria Informatica

35/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria informatica Nome del corso. Ingegneria Informatica Università Università degli studi di Genova Classe 35/S-Classe delle lauree specialistiche in ingegneria Nome del corso Informatica Modifica di Informatica (codice=45798) Data del DM di approvazione dell'ordinamento

Dettagli

SSAS Scuola superiore di studi avanzati

SSAS Scuola superiore di studi avanzati SSAS Scuola superiore di studi avanzati a.a. 2015/2016 1 Scuola Superiore di Studi Avanzati Ogni Allievo è seguito sia da un tutor che da un relatore specializzato per l approfondimento di un progetto

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli

INGEGNERIA INFORMATICA

INGEGNERIA INFORMATICA corso di laurea INGEGNERIA INFORMATICA classe denominazione del corso 09 INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE allegato n. denominazione della classe Obiettivi formativi specifici Il Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Dirigente Anna Maria AMORUSO. LICEO "BIANCHI DOTTULA"

Dirigente Anna Maria AMORUSO. LICEO BIANCHI DOTTULA I NUOVI LICEI D.Lgs 226/ 05 Moratti D.L 112/ 08 conv L 133/ 08 razionalizzazione uso risorse DPR 89 del 15.03.2010 Gelmini Indicazioni nazionali Liceo Artistico Liceo Classico Liceo Linguistico Liceo delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI IN SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE SOCIALI (LM-87) Ai

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015 Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015 Senato Accademico 21/07/2015 Comitato Esecutivo 23/07/2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE INDICE TITOLO

Dettagli

UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali UNIVERSITA` DEL SALENTO Facolta` di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Regolamento didattico del Corso di Laurea di I livello in OTTICA e OPTOMETRIA Il Regolamento Didattico specifica gli aspetti

Dettagli

Istituto Universitario Privato - PoliSI Politecnico degli Studi Internazionali

Istituto Universitario Privato - PoliSI Politecnico degli Studi Internazionali AI Sig. PRESIDENTE del Collegio dei GeGL di alla c.a del Responsabile alla Formazione Oggetto: Comunicazione Egr. Presidente, Egr. Responsabile alla Formazione, Riabitalia srl, Società di Formazione, ha

Dettagli

Perito Informatico. Dipartimento Informatica. I.S. Ascanio Sobrero Casale Monferrato (AL) Presentazione del corso di studio

Perito Informatico. Dipartimento Informatica. I.S. Ascanio Sobrero Casale Monferrato (AL) Presentazione del corso di studio Perito Informatico Presentazione del corso di studio 19/11/2008 Perito Informatico 1 Chi è il Perito in Il perito Industriale per l è in grado di conoscere, valutare, dimensionare e gestire le tecnologie

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria. Corsi di Studio in Ingegneria Informatica Laurea - Laurea Magistrale

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria. Corsi di Studio in Ingegneria Informatica Laurea - Laurea Magistrale Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corsi di Studio in Ingegneria Informatica Laurea - Laurea Magistrale a.a. 2010/2011 Presidente: Prof. Stefano Russo [titolo presentazione]

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione

Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione a.a. 2014/2015 1 Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione La Facoltà si articola in tre Dipartimenti e offre venti corsi di laurea, fra triennali e magistrali. I corsi di laurea offerti

Dettagli

Laurea in Ingegneria Meccanica e Meccatronica

Laurea in Ingegneria Meccanica e Meccatronica Università degli Studi di Padova Sede di Vicenza Laurea in Ingegneria Meccanica e Meccatronica Laurea in Ingegneria Meccanica e Meccatronica, Università di Padova - sede di Vicenza 1/15 La laurea in Ingegneria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA PORTE APERTE ALL UNIVERSITÀ 19 LUGLIO 2005

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA PORTE APERTE ALL UNIVERSITÀ 19 LUGLIO 2005 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA PORTE APERTE ALL UNIVERSITÀ 19 LUGLIO 2005 Inizia alle ore 9 il viaggio alla scoperta dell Università Porte Aperte a Pavia, una giornata per conoscere l Ateneo e la città

Dettagli

PARTE PRIMA. Offerta Formativa in Regione Lombardia

PARTE PRIMA. Offerta Formativa in Regione Lombardia PARTE PRIMA Offerta Formativa in Regione Lombardia Di seguito saranno presentati i Corsi di Laurea di Area psicologica (Triennale e Magistrale) che sono stati attivati nell A.A. 2011/1012 nel panorama

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA IN TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI (43 - Classe delle Lauree

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Biologia Agro-alimentare e della Nutrizione Facoltà di Scienze mm. ff. nn Classe 6/S delle Lauree Specialistiche in Biologia Art. 1 Definizioni

Dettagli

VALUTAZIONE DEI CORSI DI STUDIO PRESENTATI PER L ISTITUZIONE O LA TRASFORMAZIONE AI SENSI DEL D.M. 22 OTTOBRE 2004, N. 270

VALUTAZIONE DEI CORSI DI STUDIO PRESENTATI PER L ISTITUZIONE O LA TRASFORMAZIONE AI SENSI DEL D.M. 22 OTTOBRE 2004, N. 270 Nucleo di Valutazione VALUTAZIONE DEI CORSI DI STUDIO PRESENTATI PER L ISTITUZIONE O LA TRASFORMAZIONE AI SENSI DEL D.M. 22 OTTOBRE 2004, N. 270 - GENNAIO 2008 - DOC 3/08 INDICE PREMESSA 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria corso di laurea (I livello) Disegno industriale e ambientale L-4 3 anni crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.it/sad Presentazione del corso

Dettagli

L Istituto Galileo GALILEI di Crema

L Istituto Galileo GALILEI di Crema L Istituto Galileo GALILEI di Crema in continuità con la sua proposta formativa propone, a partire dall a.s. 2010/11, corsi quinquennali di: - ISTITUTO TECNOLOGICO, diurni e serali (ex ITIS) - LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Teoria e tecnologia della comunicazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA INFORMATICA A.A. 2004/05 CLASSE DI AFFERENZA: INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA INFORMATICA A.A. 2004/05 CLASSE DI AFFERENZA: INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA INFORMATICA A.A. 2004/05 CLASSE DI AFFERENZA: INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE Curricula Ingegneria Informatica Ingegneria Informatica teledidattico CORSO DI LAUREA

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

INTERFACOLTÀ IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

INTERFACOLTÀ IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Anno accademico 2010/2011 ECONOMIA FARMACIA GIURISPRUDENZA INGEGNERIA LETTERE E FILOSOFIA MEDICINA E CHIRURGIA MUSICOLOGIA SCIENZE MM. FF. NN. SCIENZE POLITICHE http://cim.unipv.it/web/ INTERFACOLTÀ IN

Dettagli

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Classe di Laurea LM 85 bis DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE COMUNICAZIONE, FORMAZIONE, PSICOLOGIA PRESIDENTE DEL CORSO DI LAUREA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2001/2002 Corso di laurea in MATEMATICA APPLICATA Classe 32 : Scienze Matematiche NUOVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA Le novità contenute

Dettagli

! "!! # $! % $ % &!!! '( & )* ' &!! '( +,! "! - $%!!!.! / &!' &% 0 '(!!!! )* $! " &!! 0 '

! !! # $! % $ % &!!! '( & )* ' &!! '( +,! ! - $%!!!.! / &!' &% 0 '(!!!! )* $!  &!! 0 ' " # $ % $ % & '( & )* ' & '( & ' +, " - $%. / & ' &% 0 '( )* $ " & 0 ' -, " - $ 10 2 " + ", &32' &456' - % 6, 2 +, " 524+& ' " 7 8 " $ - # " % 9 & ' ( & ' : " 2 ", " - % )* 0 ; 6: : " # ". / - 0, ) "#

Dettagli

VALUTAZIONE DEI CORSI DI STUDIO PRESENTATI PER L ISTITUZIONE AI SENSI DEL D.M. 22 OTTOBRE 2004, N. 270

VALUTAZIONE DEI CORSI DI STUDIO PRESENTATI PER L ISTITUZIONE AI SENSI DEL D.M. 22 OTTOBRE 2004, N. 270 Nucleo di Valutazione VALUTAZIONE DEI CORSI DI STUDIO PRESENTATI PER L ISTITUZIONE AI SENSI DEL D.M. 22 OTTOBRE 2004, N. 270 - GENNAIO 2012 - DOC 02/11 PREMESSA Il Nucleo di Valutazione dell Università

Dettagli

Breve Sintesi della Progettazione del Corso

Breve Sintesi della Progettazione del Corso Breve Sintesi della Progettazione del Corso I docenti dei settori scientifico-disciplinari ING/INF05 (settore caratterizzante sia la classe LM-32 che quella LM-18) e INF/01 (settore caratterizzante la

Dettagli

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU

CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU CORSO DI LAUREA ECONOMIA AZIENDALE L-18 180 CFU www.unipegasotrapani.it ECONOMIA AZIENDALE L-18 triennale 180 CFU Facoltà di Giurisprudenza OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI Il corso di laurea in Economia

Dettagli

10-Classe delle lauree in ingegneria industriale Nome del corso

10-Classe delle lauree in ingegneria industriale Nome del corso Università Università degli studi di Genova Trieste Altre Università (convenzioni Pisa interuniversitarie) Napoli Federico II Classe 10-Classe delle lauree in ingegneria industriale Nome del corso Ingegneria

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016

Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016 Corso di Laurea Magistrale Interateneo in Fisica Manifesto degli Studi A.A. 2015/2016 Indice: Premessa, Borse di studio, Internazionalizzazione 1) Titoli accademici 2) Requisiti di ammissione 3) Periodo

Dettagli

facoltà di INGEGNERIA

facoltà di INGEGNERIA facoltà di INGEGNERIA INGEGNERIA Via Brecce Bianche, Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204778 Sistema Gestione Qualità Certificato RINA 10039/03/S Registrazione IQNet IT-33732 Corsi di Laurea Triennale

Dettagli

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione Sommario Caratteri e finalità del corso Obiettivi formativi p. 3 Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4 Ambiti professionali tipici p. 4 Prospettive formative successive p. 4 Quadro

Dettagli

SEZIONE NONA FACOLTÀ DI SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE ART. 1

SEZIONE NONA FACOLTÀ DI SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE ART. 1 SEZIONE NONA FACOLTÀ DI SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE E ASSICURATIVE ART. 1 Alla Facoltà di Scienze bancarie, finanziarie e assicurative afferiscono i seguenti corsi di laurea: a) corso di laurea quadriennale

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE BIENNALE IN SCIENZE ECONOMICHE (LM-56)

LAUREA MAGISTRALE BIENNALE IN SCIENZE ECONOMICHE (LM-56) LAUREA MAGISTRALE BIENNALE IN SCIENZE ECONOMICHE (LM-56) Il corso di laurea in breve Il corso di laurea magistrale in Scienze Economiche, in modalità E-learning, mira a consentire l'acquisizione di conoscenze

Dettagli

Regolamento Didattico. Corso di Laurea Magistrale Interateneo (Università del Sannio e Università Federico II di Napoli) in Ingegneria Energetica

Regolamento Didattico. Corso di Laurea Magistrale Interateneo (Università del Sannio e Università Federico II di Napoli) in Ingegneria Energetica Regolamento Didattico Corso di Laurea Magistrale Interateneo (Università del Sannio e Università Federico II di Napoli) in Ingegneria Energetica Sede amministrativa: Università degli Studi del Sannio ART.

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

L Università degli Studi dell Aquila. Il job placement dell Università. Placement AQUILA 7-11-2007 16:32 Pagina 1

L Università degli Studi dell Aquila. Il job placement dell Università. Placement AQUILA 7-11-2007 16:32 Pagina 1 Placement AQUILA 7-11-2007 16:32 Pagina 1 L Università degli Studi dell Aquila Il job placement dell Università Di antiche tradizioni, il nostro Ateneo trae origine dal cinquecentesco Aquilanum Collegium

Dettagli

FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO

FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO 1. CHI SIAMO? 2. COME RAGGIUNGERCI? 3. COSA SONO I DIPARTIMENTI? 4. COS È L ORIENTAMENTO IN INGRESSO? 5. COSA SONO I C.F.U.? 6. COSA SONO I CORSI DI LAUREA DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA CALABRIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA, ECOLOGIA E SCIENZE DELLA TERRA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LM-11

Dettagli

Area dei Servizi alla Didattica e alla Ricerca Ufficio Convenzioni e Rapporti con le Istituzioni e con il Territorio

Area dei Servizi alla Didattica e alla Ricerca Ufficio Convenzioni e Rapporti con le Istituzioni e con il Territorio Area dei Servizi alla Didattica e alla Ricerca Ufficio Convenzioni e Rapporti con le Istituzioni e con il Territorio Decreto rettorale, 7 luglio 2009, n. 803 (prot. n. 46638) Corso di perfezionamento post

Dettagli

LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE

LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE Università degli Studi di Verona Palazzo ex-giorgi di via Filippini 18, Verona www.univr.it www. formazione.univr.it/fol/main 1. La nostra lunga storia: tradizione

Dettagli

Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l ingresso+ai+corsi+di+laurea+scientifici+++

Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l ingresso+ai+corsi+di+laurea+scientifici+++ Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie Piano Nazionale Lauree Scientifiche Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l

Dettagli