Colture cellulari in dispositivi microfluidici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Colture cellulari in dispositivi microfluidici"

Transcript

1 Colture cellulari in dispositivi microfluidici Relazione di: Giovanni Marco Zaccaria Matricola: Tutor Universitario: Prof. Gianfranco Beniamino Fiore Tutor Aziendale: Ing. Matteo Moretti Azienda: Istituto Ortopedico Galeazzi SPA Anno Accademico

2 COLTURE CELLULARI IN DISPOSITIVI MICROFLUIDICI fig.1 Dispositivo microfluidico costruito nel corso del tirocinio utilizzato durante una cultura cellulare. INDICE 1. SOMMARIO 2. KEYWORDS 3. BASE DI PARTENZA ED OBIETTIVI 4. ATTIVITA SVOLTE 5. LABORATORIO DI CULTURE CELLULARI 6. LABORATORIO DI MICROFLUIDICA 7. BIBLIOGRAFIA 1.SOMMARIO Il tirocinio proposto, è stato svolto presso l Istituto Ortopedico Galeazzi nei laboratori di ricerca in Ingegneria dei Tessuti. Fortemente interdisciplinare ed impegnativo, ha permesso di apprendere i principi fondamentali di culture cellulari e parallelamente, di affrontare uno studio sia sperimentale, mirato alla produzione di dispositivi microfluidici, che teorico, tramite approfondite ricerche bibliografiche, sullo stato dell arte raggiunto nel campo della microfluidica. Successivamente le attività sono confluite, raggiungendo gli obiettivi prefissati, nella realizzazione di culture cellulari in dispositivi microfluidici (fig.1) (fig.2). Tali attività sono state precedute da un primo periodo, di grande valore formativo, volto alla graduale introduzione ad un ambiente di lavoro articolato e complesso, come può essere quello, di un moderno laboratorio di ricerca. Inoltre affiancare il lavoro di ricercatori professionisti, è un esperienza non secondaria in grado di fornire un importante orientamento e spunto di riflessione sul proprio futuro professionale. 2.KEYWORDS [MICROFLUIDICA] [COLTURE CELLULARI] [BIOCHIP] [PDMS] [CONDROCITI] [MICROFLUIDIC] [CELL COLTURE] [BIOCHIP] [PDMS] [CONDROCYTES] 2

3 3.BASE DI PARTENZA ED OBIETTIVI Data la natura innovativa e sperimentale del tirocinio, l esperienza si è configurata come totalmente complementare a quanto appreso durante gli insegnamenti del triennio del Corso di Laurea in Ing. Biomedica. Eccezion fatta per fondamentali nozioni di biologia e di meccanica dei fluidi, ciò che del background, si è rivelato più efficace, è stato la forma mentis propria dell ingegneria. Si è potuto così mettere in pratica, quanto appreso in modo puramente teorico, nel corso di Ingegneria dei Tessuti; approfondendo e dotando di maggiore organicità, la conoscenza previa, in particolare venendo a conoscenza di una notevole quantità di tecniche e semantiche (nonché di materiali, sostanze e strumenti) di figure professionali legate strettamente al campo della biologia e delle biotecnologie. Infine essendosi rivelato il primo approccio al mondo della ricerca scientifica, si è provveduto a colmare una serie di lacune metodologiche e formative, essenziali per potersi muovere nell ambiente di lavoro in sicurezza ed autonomia e per poter utilizzare correttamente e provvedere alla manutenzione ordinaria, di attrezzature e strumentazione proprie di un laboratorio di ricerca. Obiettivo principale delle attività è stato quindi il raggiungimento di una formazione teorico-pratica sulla microfluidica applicata alle colture cellulari, colmando gradualmente le carenze di operatività in campo biologico, proprie di specifiche figure professionali o comunque altamente specializzate e contemporaneamente, approfondendo lo studio della microfluidica (fig.3). Fig.2 dettaglio di una semina realizzata in un biochip 3

4 4.ATTIVITA SVOLTE Colture cellulari in dispositivi microfluidici Colture cellulari Dispositivi microfluidici Strumentazione, metodi e materiali Strumentazione, metodi e materiali Lavorare sotto cappa Preparare il PDMS Prelievo di cartilagine da biopsie Produzione di biochip Digestione della cartilagine Il bonding Espansione di condrociti Assemblaggio e sterilizzazione La conta delle cellule Sistema di perfusione Tecniche di congelamento Semina, adesione, imagining. Pellet fig.3 In questo grafico vengono idealmente riassunte tutte le attività svolte. Esse si sviluppano lungo due tronconi convergenti all obiettivo interdiscipilinare del tirocinio. 4

5 5.LABORATORIO DI COLTURE CELLULARI 5.1 IL PROBLEMA DELLA STERILITÀ L ingresso indesiderato nel terreno di coltura di microrganismi è dannoso: questi competono con le cellule in coltura (che generalmente hanno ritmo di crescita inferiore) e possono secernere sostanze tossiche, compromettendo la coltura. Fig. 4 operatore al lavoro sotto cappa. Tipici contaminanti sono batteri, micoplasmi, lieviti, muffe. Al fine di mantenere la sterilità per la coltura cellulare, il laboratorio di colture cellulari deve essere esclusivo: occorre lavorare sotto cappe a flusso laminare (fig. 4), secondo precisi protocolli. Tutti i materiali utilizzati per la manipolazione (pipette, falcon, flask, petri, ecc..) sono sterili e di norma monouso. Inoltre si procede con la sterilizzazione dei materiali, per i ferri chirurgici si è ricorsi ad autoclave (a calore umido, la sterilità è garantita a una temperatura inferiore rispetto al secco), infine per le sostanze organiche, alla Filtrazione con filtri da 0.22 μm. Fig. 5 Cappa a flusso laminare. La cappa a flusso laminare [1] (fig.5) è dotata di un ventilatore che aspira una certa portata di aria dal piano di lavoro, la filtra attraverso filtri assoluti e la invia nuovamente nella zona di lavoro. Per evitare che si formino vortici o zone di ricircolo il flusso di aria viene mantenuto in condizioni laminari e viene aspirata all ingresso della cappa l aria esterna verso il ventilatore. Il flusso laminare è un flusso d'aria unidirezionale formato da filetti d'aria sterili paralleli che si muovono alla medesima velocità in tutti i punti, così da creare una corrente d'aria omogenea senza turbolenze. In un ambiente sterile così ottenuto ogni contaminante libero nella zona di lavoro viene trascinato lontano da un fronte di aria sterile. Infine è dotata di una zona di accesso frontale per il prelievo e posizionamento di materiale, e di un piano di lavoro contenente scanalature in modo che l aria aspirata dal ventilatore possa essere rimessa in circolo. 5

6 5.2 STRUMENTAZIONE, METODI E MATERIALI Fig. 6 Rappresentazione di due flask di dimensioni differenti. I sistemi di coltura [1] in cui vengono processati i campioni e coltivate le cellule sono le flask (T150, T75 e T25), in plastica trasparente (fig.6) ed internamente sterili; inoltre possono avere un tappo ventilato, cioè con un filtro che permette gli scambi gassosi e contemporaneamente garantisce la sterilità della coltura. Questi contenitori hanno solitamente una superficie inferiore liscia per permettere di osservare il preparato al microscopio. La superficie inferiore di questi contenitori è solitamente trattata per esporre cariche superficiali che favoriscono l adesione delle cellule, ed il numero con le quali vengono identificate, rappresenta l area di tale superficie espressa in cm 2. L incubatore a CO2 [1] è un attrezzatura di precisione per il mantenimento delle cellule in coltura (fig.7): è costituito da una camera chiusa al cui interno sono ricreate, nei limiti del possibile, le condizioni fisiologiche dei tessuti animali in cui le cellule vivevano prima dell isolamento. Fig. 7 Interno di un incubatore a CO2. I parametri che vanno tenuti sotto controllo sono: Temperatura: il controllo della temperatura (che deve essere mantenuta costante a 37 C) viene assicurato da un termostato che agisce su una resistenza; un sistema di ventole per la circolazione forzata dell aria garantisce che la temperatura sia uniforme in tutti i punti della camera. Concentrazione di CO2: l aria atmosferica è miscelata con il 5% di CO2. ph: deve essere di 7,4; dipende dal riequilibrio tra lo ione bicarbonato contenuto nel terreno di coltura e la CO2. Umidità: l ambiente deve essere saturo; allo scopo nell incubatore è presente un vassoio di umidificazione contenente acqua. 6

7 5.3 TECNICA DI PIPETTAGGIO Le pipette (fig. 8) sono determinanti per la qualità del risultato analitico in laboratorio, permettono misurazioni precise e riproducibili di liquidi, in sicurezza e senza rischi di contaminazione. Settare la pipetta sul volume da pipettare Premere il pulsante di comando: il pistone elimina parte del volume morto Immergere il puntale nel liquido da prelevare Rilasciare la pressione sul pulsante di comando per consentire l aspirazione del liquido Fig. 8 Schema di una micropipetta Sollevare il puntale dal liquido facendolo scorrere lungo la parete del recipiente ed appoggiare la punta del puntale contro la parete del recipiente ricevente Premere il pulsante di comando fino al primo fermo; continuare la pressione fino al secondo fermo per far defluire i residui di liquido rimasti. Premere l espulsore per far staccare il puntale dalla micropipetta. PUNTALI I puntali sono una parte fondamentale del sistema di pipettaggio. I puntali con filtro hanno lo scopo di bloccare e proteggere sia la micropipetta che il campione, evitando le crosscontaminazioni. Devono essere conformi ai seguenti criteri: Esenti da contaminazione biologica e chimica Fabbricati in materiale resistente agli attacchi chimici Puliti, esenti da polvere Devono agganciarsi perfettamente alla punta della micropipetta Devono essere stampati con superfici lisce e senza alcun difetto FALCON: sono provette a fondo conico (fig.9)con capienza di 15 e 50 ml utilizzate per riporre i reagenti liquidi e per la centrifugazione delle sospensioni cellulari. Fig. 9 Provette falcon da 50 e da 15 ml. 7

8 5.4 SOSTANZE PIU UTILIZZATE MEM (Minimum Essential Medium): è il terreno di coltura. FBS (Siero Fetale Bovino): contiene numerosi fattori di crescita (non contenuti nel terreno di coltura) utili per la crescita delle cellule. PBS (Phosphate buffered saline) è una soluzione salina che contiene cloruro di sodio, sodio fosfato e potassio fosfato. Il tampone aiuta a mantenere costante il ph. La concentrazione salina è la medesima del corpo umano (cioè è isotonica). Il PBS ha molti usi soprattutto perché è isotonico e non tossico per le cellule, infatti è anche usato come soluzione di lavaggio per le cellule. Può essere usato per diluire le sostanze. TRIPSINA: enzima proteolitico che rompe i legami peptidici delle proteine extracellulari che costituiscono il substrato su cui le cellule sono ancorate, nel nostro caso è stata utilizzata, per staccare le cellule dalla plastica della flask: la temperatura ottimale per il suo funzionamento è 37 C ma funziona anche a temperatura ambiente. In questo caso occorre lasciar agire per un tempo più lungo. TRYPAN BLUE: è un colorante usato durante la conta cellulare e che diffonde solo nelle cellule la cui permeabilità di membrana è fortemente danneggiata, il che implica che le cellule che appariranno colorate in blu sono cellule da considerare morte. Il Trypan Blue ha effetto tossico, quindi va aggiunto solo poco prima di effettuare la conta con il microscopio ottico. 8

9 5.5 LA DIGESTIONE DELLA CARTILLAGINE fig.10 Rappresentazione dell estremità superiore di un femore, si può notare la testa, da cui originano le biopsie di cartilagine utilizzate. Il materiale da cui vengono isolate e messe in coltura le cellule proviene solitamente da un organismo vivente [1]. Nel nostro caso, il materiale biologico è stato fornito da campioni di tessuti provenienti da pazienti prelevati in sterilità durante operazioni chirurgiche mirate alla rimozione e sostituzione con protesi, di teste femorali (fig. 10). Una volta prelevato il campione di tessuto si deve procedere a separarne le cellule dalla matrice circostante. I processi di separazione sono di due tipi differenti: meccanico ed enzimatico, eseguiti in sequenza. Per isolare le cellule si procedere a frammentare il campione servendosi di un bisturi (fig. 11), ciò per evitare che la mancata ossigenazione provochi la morte delle cellule. Con il processo di separazione enzimatica la digestione dell ECM viene effettuata con un apposito enzima, la collagenase, che demolendo la matrice extracellulare e le giunzioni intercellulari che mantengono unite le cellule, permette di disperdere le singole cellule nella soluzione. È necessario bloccare il processo di digestione dopo 22h, per evitare che gli enzimi danneggino anche le cellule. La sospensione cellulare omogenea così ottenuta è messa in coltura, cioè viene trasferita in contenitori appositi contenenti miscele di sostanze inorganiche ed organiche necessarie al sostentamento delle cellule. fig.11 Bisturi a lama monouso, la lama si inserisce fino ad uno scatto che ne segnala il corretto posizionamento. Il corpo bisturi a fine lavoro verrà sterilizzato. 9

10 5.6 COLTURE PRIMARIE Una coltura primaria viene generata isolando cellule direttamente a partire da tessuti o organi, le cellule isolate in questo modo riflettono meglio le attività biochimiche delle cellule in vivo, tuttavia hanno una vita limitata e, per la realizzazione di progetti a lunga scadenza, è necessario prevedere diversi isolamenti. Una volta isolate da un tessuto, dalla sospensione cellulare ottenuta si ottiene una coltura primaria. Le cellule della coltura primaria aderiscono alla piastra e crescono fino a coprire tutta la superficie disponibile, ossia fino a quando arrivano a confluenza. A questo punto vengono rimosse dalla piastra (fig. 12) di coltura e sistemate in nuove piastre a bassa densità allo scopo di ottenere colture secondarie. fig.12 Operare all interno di una flask richiede molta attenzione, bisogna sempre inclinarla per evitare contaminazioni provenienti dalla mano. Da una fiasca contenente cellule a confluenza: Scartare il terreno di coltura; Lavare con PBS; Aggiungere tripsina e lasciar agire la tripsina per circa 5 min a 37 C in incubatore; In questo tempo preparare un tubo contenente CM (fig. 13), riportando i dati della coltura; Trascorsi i 5 minuti, verificare che le cellule si siano staccate; quindi prelevare le cellule, metterle nel tubo con CM e centrifugare; Scartare il sopranatante (sul fondo del tubo è visibile il pellet, composto dalle cellule sedimentate); Aggiungere al sedimento CM in modo da risospendere le cellule, fino a raggiungere il volume desiderato. Prelevare un piccolo volume di sospensione cellulare per effettuare la conta delle cellule Seminare in flask, il volume di sospensione cellulare da seminare dipende dalla superficie di crescita della fiasca e dalla densità desiderata. Fig. 13 Complete Medium (CM) 450ml Dulbecco s modified Eagle s medium (DMEM) 50ml Fetal bovine serum (FBS) 5 ml HEPES (1M): 5 ml Sodium pyruvate solution 5 ml PSG 10

11 5.7 OSSERVAZIONE DI CELLULE AL MICROSCOPIO La microscopia è una risorsa indispensabile per l osservazione e lo studio di campioni di natura diversa (fig. 13). Un uso tipico della microscopia consiste nell osservazione di cellule eucariote che crescono adese alla superficie di coltura. Le cellule tenute in fig.13 grazie all ingrandimento su di una cultura cellulare, possiamo monitorarne l adesione. queste condizioni sono in genere molto sottili e sono trasparenti alla luce. Per l osservazione, vengono spesso utilizzate metodiche che permettono di superare questo problema, aumentando il contrasto, attraverso l uso di dispositivi capaci di generare contrasto di fase o l introduzione di coloranti che assorbono nello spettro del visibile. In un microscopio ottico (fig. 14) la luce emessa da una lampada a incandescenza viene concentrata, attraverso le lenti di un condensatore, che focalizzano i raggi emessi sul piano del campione. La luce che fuoriesce dal campione, utilizzando una combinazione di due lenti, l obiettivo e l oculare, viene focalizzata direttamente sull occhio dell osservatore, o su un sistema di registrazione costituito da una pellicola fotosensibile o da una fig.14 microscopio ottico. telecamera. Per garantire la qualità dell immagine è necessario utilizzare lenti di buona qualità e una meccanica molto stabile, che riduca le vibrazioni. In assenza di altre limitazioni, la massima risoluzione ottenibile con un microscopio ottico è determinata dalla lunghezza d onda della luce visibile, che pone un limite teorico di 0.2 µm. 11

12 5.8 LA CONTA CELLULARE fig.15 Camera di Burker Per contare le cellule con la camera di Burker (fig. 15), si agita bene la sospensione cellulare usando una pipetta di plastica sterile, evitando la formazione di bolle e schiuma. Quindi si prelevano circa 0,2 ml di sospensione che vengono messi un una provetta Eppendorf non sterile. A questo punto la provetta Eppendorf (fig. 16) viene portata fuori cappa sterile e le cellule vengono contate. Per valutare la mortalità cellulare, le cellule vengono colorate diluendo il campione 1:2 ( o anche 1:10 per campioni con elevata densità cellulare) con soluzione di Trypan Blue al 1% in PBS. Si deve preparare la diluizione con il Trypan Blue con precisione perché è necessario conoscere esattamente il fattore di diluizione per risalire poi alla concentrazione di cellule presente nel campione analizzato. fig.16 Disegno di una provetta Eppendorf Procedimento: Controllare che la Burker sia pulita e montata correttamente Prelevare una piccola quantità del campione da contare e appoggiare la punta della pipetta contro il bordo del vetrino copri oggetto. Lasciare fuoriuscire una goccia del campione che per capillarità si diffonderà nella camera di Burker. fig.17 Struttura di una camera di Burker Contare le cellule contenute nei quadrati (fig. 17) disposti lungo le diagonali della camera e farne la media. Per conoscere il numero di cellule presenti nella sospensione di partenza, applicare la seguente formula: N di cell. totali = Media * Fattore di camera* diluizione trypan blue * ml della sosp. iniziale Con fattore di camera =

13 5.9 IL CONGELAMENTO fig.18 Dispositivi di protezione durante l utilizzo di azoto liquido. Portare avanti delle colture non necessarie e' un inutile spreco di tempo e di materiale, cioè di denaro. Inoltre continue espansioni portano ad aberrazioni genetiche e, specialmente nel caso di cellule normali, non trasformate, ad un invecchiamento della coltura, che può rispondere diversamente ai trattamenti e alle indagini degli studiosi, ed e' bene quindi avere degli stock conservati. Le cellule devono essere congelate solo quando sono nella fase esponenziale di crescita e quando sono in buona salute. E' inoltre importante controllare attentamente che non vi siano contaminazioni. Per le cellule eucariote, il sistema preferito e' il congelamento in azoto liquido, basato sul principio che le sole reazioni che avvengono a (temperatura dell'azoto liquido) sono le ionizzazioni dovute alla radiazione di fondo, reazioni che peraltro sono piuttosto rare. Le reazioni enzimatiche cessano a -136 C circa. NORME DI SICUREZZA : Prima di lavorare con l'azoto liquido, e' bene chiedere l'assistenza di personale esperto. L'azoto liquido infatti causa bruciature dovute alla sua temperatura estremamente bassa. ll materiale congelato e l'azoto liquido vanno manipolati indossando i cosiddetti dispositivi di protezione individuali e cioè i guanti appositi (fig. 18) e la maschera di protezione. Inoltre bisogna prestare attenzione all' l'azoto che può entrare nelle ampolle congelate, e con il riscaldamento passa allo stato di vapore e quindi causare l'esplosione delle ampolle stesse. CRIOPROTETTIVO: Il congelamento deve mantenere elevata la vitalità cellulare per tutto il periodo di congelamento. E' molto importante sia la velocità di congelamento che di scongelamento. Per quanto riguarda il congelamento bisogna ricordare che il congelamento rapido porta alla formazione di cristalli di ghiaccio all'interno della cellula, cristalli che, al momento dello scongelamento, portano alla rottura della membrana plasmatica. Basse velocità di congelamento portano invece alla deposizione di ghiaccio nell'ambiente extracellulare, a condizione però che la concentrazione interna di soluti sia sufficientemente alta da rendere la concentrazione dell'acqua intracellulare minore di quella extracellulare. Questo processo viene di solito controllato aggiungendo al terreno di congelamento un agente crioprotettivo permeabile, il dimetilsolfossido (DMSO). 13

14 Procedimento: fig.19 Criotubes pronti al congelamento. Le cellule devono essere tripsinizzate se sono adese, contate e centrifugate; le cellule aderenti vengono di solito congelate ad una concentrazione di circa 5 x 10 6 cell/ml. Il nostro protocollo prevede che le cellule siano centrifugate, venga scartato tutto il sopranatante e il pellet risospeso nel terreno da congelamento, a questo punto si mescola bene la sospensione cellulare e aliquote da 1 ml della sospensione cellulare vengono poste in provette apposite dette criotubes (fig. 19), tutta la procedura va fatta in sterilità. I tappi dei criotubes non devono essere chiusi stringendoli al massimo, dato che questo può causare una distorsione della guarnizione e permettere l'entrata di azoto liquido nella provetta. Dobbiamo tra l'altro ricordarci che l'azoto, anche se molto freddo, non e' sterile e l'entrata di azoto nella provetta puo' essere molto pericolosa. Il congelamento ottimale viene effettuato a velocità costante nei vapori di azoto che si formano nel criocontenitore: la velocità di raffreddamento dovrebbe essere di 1 C/min, e viene di solito ottenuta con un "tappo speciale" che permette di abbassare a velocità costante i campioni nei vapori, costituito da una scatola di polistirolo espanso immersa in isopropanolo. Ogni scatola dovrebbe alloggiare criotubes che devono rimanere in piedi per evitare che il materiale si congeli nel tappo (questo può essere pericoloso per le contaminazioni). La scatola viene chiusa ermeticamente e messa in un congelatore a -80 C (fig. 20). Le cellule in queste condizioni raggiungono la temperatura dei vapori dell'azoto liquido (-80 C) in circa 3 ore. A questo punto si mettono le cellule in azoto liquido. Sarebbe bene non lasciare a lungo le cellule a -80 C. fig.20 Congelatore verticale a -80 C 14

15 SCONGELAMENTO I criotubes devono essere prelevate dal contenitore di azoto con molta precauzione, lo scongelamento deve essere fatto molto velocemente, quindi le ampolle vengono passate con l'alcool al 70% e messe sotto cappa. Il contenuto della ampolla (1 ml) deve ora essere diluito con 7 ml di terreno completo e centrifugato per rimuovere il terreno di congelamento. La diluizione può essere un punto critico della procedura, dato che si può verificare un forte shock osmotico al momento della diluizione con il terreno normale, per avere una diluizione graduale si può aspirare la sospensione appena scongelata in una pipetta da 10 ml e di prelevare con la stessa pipetta i 7 ml di terreno. Per non contaminare tutta la bottiglia di terreno, i 7 ml da utilizzare verranno precedentemente messi in una provetta, eventualmente la stessa provetta in cui poi centrifugheremo le cellule. Le cellule vengono centrifugate, il sopranatante eliminato e le cellule risospese in 10 ml di terreno completo. Un campione viene prelevato per contarlo e per valutarne la vitalità. Le cellule vengono inoculate in fiasca ( o in altro contenitore) e dopo 24 ore la coltura viene osservata al microscopio e se sono cellule sospese possiamo ricontarle. Se sono cellule adese, dopo 24 ore devono essersi attaccate al substrato. Se le cellule non si sono attaccate o sono tutte morte ovviamente si scartano e si deve procedere al controllo di altri criovials per valutare se l'intero batch e' morto, il che indica che la procedura di congelamento e' stata fatta in modo sbagliato. Le diverse linee cellulari manifestano una diversa capacità di ripresa dopo il congelamento: in alcuni casi si ha un'altissima mortalità e le cellule hanno bisogno anche di 3-4 giorni per riprendersi completamente, altre cellule si riprendono immediata mente. 15

16 5.10 PELLET I condrociti in cultura convenzionale (bidimensionale) possiedono un fenotipo altamente instabile. In quanto in cultura bidimensionale, i condrociti subiscono una dedifferenziazione, trasformandosi in fibroblasti secernendo collagene di tipo I nella matrice, ma perdendo l'espressione sia di collagene di tipo II che delle core protein (aggrecano). La densità cellulare è uno dei requisiti critici per stabilizzare il fenotipo dei condrociti. Quando i condrociti sono coltivati ad alta densità (10 5 cm -2 ) in flask di cultura, il loro fenotipo non cambia. fig.21 Eppendorf contenente un pellet realizzato durante il tirocinio. Le cellule quindi vengono spesso coltivate ad alta densità per promuovere la differenziazione condrogenica e mantenerne il fenotipo, compattando i condrociti in una micromassa sferica, il pellet [3]. Tale sistema di cultura pellet (fig. 21) permette la crescita dei condrociti in ambiente tridimensionale (senza ricorrere a scaffold), che determina il mantenimento delle caratteristiche di cellule differenziate come nella cartilagine in vivo, consentendo un mantenimento in coltura per periodi di tempo superiori a quanto è possibile per i condrociti in monostrato, che iniziano in 7-8 giorni un processo di differenziamento. 16

17 6.LABORATORIO DI MICROFLUIDICA L uso dei dispositivi microfluidici [4] per la ricerca biomedica ha una serie di vantaggi significativi. Primo, il volume di fluidi all interno di questi canali è estremamente ridotto, solitamente nell ambito dei microlitri. Ciò è di particolare importanza per un utilizzo efficiente di reagenti costosi. Questi dispositivi rendono inoltre possibile eseguire l analisi in meno tempo e con velocità di trasferimento superiori grazie alla riduzione delle distanze. Inoltre, durante l esecuzione di più dosaggi in parallelo, ciascun processo di un dosaggio può essere manipolato passo per passo tramite il controllo di un computer, consentendo di lavorare con maggiore efficacia. Tale accuratezza poi, combinata con rese superiori, determina una riduzione degli scarti. I risvolti positivi di questo elemento non consistono nella sola riduzione dei costi ma anche nella salvaguardia dell ambiente, poiché si tratta spesso di sostanze chimiche dannose. Inoltre, le tecniche di fabbricazione utilizzate per la costruzione dei dispositivi microfluidici sono relativamente economiche ed adattabili alla realizzazione di dispositivi estremamente elaborati ed in multiplex, oltre che alla produzione di massa. I circuiti microfludici sono caratterizzati dalla presenza di canali che hanno dimensioni che vanno da pochi micrometri alle centinaia di micrometri. Questi sistemi miniaturizzati possono essere costruiti partendo da vari materiali quali vetro e polimeri. fig.22 Rappresentazione di un flusso turbolento e di uno laminare Il flusso di liquidi nei microcanali non è influenzato dalla forza di gravità, ma da processi di capillarità ovvero dalle interazioni specifiche del fluido con la superficie dei canali. In questi sistemi si ha in genere un flusso laminare, che non porta ad un efficace mescolamento di flussi provenienti da canali diversi. 17

18 6.1 IL PDMS fig.23 Struttura chimica del PDMS. I dispositivi impiegati nell ambito della microfluidica vengono spesso prodotti utilizzando due polimeri: PDMS (fig. 23) (polydimethylsiloxane) e PMMA (polymethylmethacrylate o plexiglass). Nel corso del tirocinio si è ricorsi al PDMS [2][5], che risulta essere un materiale non solo inerte e non tossico, ma anche biocompatibile. Inoltre è dotato di una notevole resistenza al calore, agli attacchi chimici, all'ossidazione, è permeabile ai gas, è un ottimo isolante elettrico e resistente all invecchiamento; in più è otticamente trasparente sotto i 230 nm (e quindi compatibile con la maggior parte dei metodi ottici di indagine) Questo polimero inoltre non si lega né al vetro, né al metallo, né alla plastica in fase di solidificazione, ma conserva maggiore aderenza sulle superfici lisce una volta solidificato, ed è grazie a quest ultima proprietà che il PDMS ha conosciuto questo grande successo, infatti risulta estremamente semplice legare il dispositivo prodotto ad altre superfici. Nello sviluppo di saggi, più soluzioni progettuali potrebbero esser prese in considerazione, la facilità e la rapidità di prototipazione di dispositivi in PDMS rappresenta un grande punto a favore per questo materiale. Tutte queste proprietà lo hanno reso negli anni il polimero più utilizzato nel campo della microfluidica. Per preparare il PDMS bisogna miscelare due componenti allo stato liquido: la base, il Sylgard 184 silicone, in rapporto di 10:1 con il curing agent. La miscela verrà poi messa in un contenitore sottovuoto per rimuovere qualunque bolla d aria presente, a questo punto sarà pronta per essere utilizzata. 18

19 Procedimento [6]: Completare tutti i processi sotto cappa chimica Miscela e degas di PDMS: - Silicone di partenza è molto appiccicoso. fig.24 dettaglio sul processo di Fermare con un pezzo di nastro adesivo, un foglio di preparazione di PDMS. alluminio all interno della cappa chimica sufficiente a coprire tutto lo spazio di lavoro. Proteggere con un foglio di alluminio anche la bilancia. - Mettere un bicchiere di plastica pulito, sopra la bilancia e tararla. - Usando un cucchiaio di plastica dispensare la base del prepolimero e con una pipetta il curing agent, in rapporto di 10:1 (agente di base:curing). Aggiungere prima la base (fig. 24), il volume della base dovrà essere pressocché uguale al volume totale. Aggiungere quindi il curing agent con la pipetta. Mescolare bene col cucchiaio (finché la mistura diventa biancastra a causa delle bolle di aria). - Mettere il bicchiere con la mistura di PDMS nell'essiccatoio ed accendere la pompa a vuoto. Stare attenti che la mistura di PDMS non esca fuori del contenitore al momento dell immissione di aria. Un trucco consiste nell aspettare che le grandi bolle arrivino in superficie, quindi aprire il foro e immettere rapidamente aria per scoppiare le bolle. Mantenere la mistura sotto vuoto finché non resta più nessuna bolla. 19

20 6.2 PRODUZIONE DI BIOCHIP Il processo di produzione dei dispositivi microfluidici consiste nella modellazione del PDMS [5][6] attraverso il master mold in modo da ottenere una copia in negativo del master. Il pre-prolimero viene depositato sul master mold e riscaldato per circa 2 ore a 70 C così da favorirne la solidificazione. A questo punto si rimuove il dispositivo in PDMS dal master. Si procede, dunque, alla creazione dei fori (punch) per la connessione del circuito idraulico con l esterno. Procedimento: - Prestando la dovuta attenzione versare il PDMS precedentemente preparato nel master mold, messo su un foglio di alluminio. - Cercare di minimizzare l introduzione di bolle, mettere quindi sotto vuoto fino alla scomparsa di tutte le bolle d aria. Solidificazione del PDMS: - PDMS solidificherà senza cottura in ~ 24 ore. - Per velocizzare tale tempo, mettere il Master Mold sopra l'appoggio di resina e poi in forno (fig. 25) a 70 C per ~ 2 ore (dipende dello strato di PDMS). - Dopo la solidificazione, il dispositivo in PDMS è stabile e può essere immagazzinato per mesi se necessario. - Servendosi di una spatola d acciaio, facendo molta attenzione a non graffiare il Master Mold, si tiri via il PDMS. fig.25 forno utilizzato al fine di accelerare la solidificazione del PDMS. - Coprire con del nastro adesivo le superfici maggiori del dispositivo. - Metta il dispositivo in una Petri, poi fissarlo con sufficiente nastro adesivo, per poterlo prendere facilmente. 20

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

Colture Cellulari: introduzione

Colture Cellulari: introduzione Colture Cellulari: introduzione! Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito strumento fondamentale per studi biochimici,

Dettagli

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito

Introduzione. Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito Colture Cellulari Introduzione Colture cellulari in vitro: cellule isolate dal loro ambiente e messe in condizioni di vivere all'interno di un sistema definito strumento fondamentale per studi biochimici,

Dettagli

Promozione plastica per colture cellulari Greiner Bio-One

Promozione plastica per colture cellulari Greiner Bio-One Promozione plastica per colture cellulari Greiner Bio-One Fiasche per colture cellulari in adesione, realizzate in polistirene, sterili, Greiner Bio One serie CELLSTAR con collo inclinato e tappo rosso

Dettagli

Servizio colture primarie. Istruzioni per l uso di cellule epiteliali bronchiali umane

Servizio colture primarie. Istruzioni per l uso di cellule epiteliali bronchiali umane Servizio colture primarie Istruzioni per l uso di cellule epiteliali bronchiali umane Riassunto del procedimento Il metodo di coltura è basato su due fasi distinte: 1) Espansione del numero di cellule:

Dettagli

COLTURA DI CELLULE EUCARIOTICHE

COLTURA DI CELLULE EUCARIOTICHE COLTURA DI CELLULE EUCARIOTICHE Conoscenze teoriche di base e tecniche operative Dott. Adriano Angelucci Laboratorio integrato II -- Aprile 2010 Obiettivi Attraverso l applicazione di specifiche procedure

Dettagli

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo INTRODUZIONE Acidi nucleici Gli acidi nucleici sono una famiglia eterogenea di macromolecole distribuite all interno di tutte le cellule

Dettagli

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione l infiltrazione e l inclusione Poiché la consistenza della maggior parte di tessuti fissati (ad eccezione di quelli congelati che si infiltrano ma non si includono) è tale da non permettere di sezionare

Dettagli

Kit didattico Edvotek: la Tecnica del DNA fingerprinting

Kit didattico Edvotek: la Tecnica del DNA fingerprinting International pbi S.p.A. Milano Copyright pbi MARZO 2003 Kit didattico Edvotek: la Tecnica del DNA fingerprinting Introduzione L analisi del profilo di restrizione del DNA, detto anche DNA fingerprinting,

Dettagli

man uale utente Italiano Hoefer PR648 Slot Blot Manifold mu PR648-IM/Italian/Rev.F0/08-12

man uale utente Italiano Hoefer PR648 Slot Blot Manifold mu PR648-IM/Italian/Rev.F0/08-12 man uale utente Italiano Hoefer PR648 Slot Blot Manifold mu PR648-IM/Italian/Rev.F0/08-12 Indice Introduzione...1 Specificazioni...2 Procedura per l utilizzo standard del Hoefer PR648...3 Impostazione

Dettagli

Percorso della luce quando attraversa un preparato colorato (A) e non colorato (B).

Percorso della luce quando attraversa un preparato colorato (A) e non colorato (B). Il microscopio ottico Percorso della luce quando attraversa un preparato colorato (A) e non colorato (B). preparato colorato il raggio (rosso) che emerge è modificato sia in ampiezza sia in lunghezza d

Dettagli

1. ATTREZZATURE DI LABORATORIO

1. ATTREZZATURE DI LABORATORIO 1. ATTREZZATURE DI LABORATORIO 1.1 VETRERIA Con il termine vetreria si indicano tutte le apparecchiature semplici o complesse fabbricate in vetro, o eccezionalmente in quarzo, di cui ci si serve per le

Dettagli

13. Life Sciences Sommario

13. Life Sciences Sommario GENERAL CATALOGUE EDITION 8. Life Sciences Sommario Genomica 6 PCR 6 DNA-Elettroforesi 9 Gel-Documentation Filtrazione, Concentrazione 8 Proteomica ELISA Proteine-Elettroforesi 60 Blotting 6 Purificazione

Dettagli

Tecnologia di formatura in autoclave

Tecnologia di formatura in autoclave POLITECNICO DI MILANO Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale Corso di Tecnologie Aeronautiche Docente: Giuseppe Sala Tecnologia di formatura in autoclave Paolo Bettini tel. 0223998044 E-mail bettini@aero.polimi.it

Dettagli

Procedura di campionamento per clienti esterni

Procedura di campionamento per clienti esterni Procedura di campionamento per clienti esterni Rev Data emissione Motivo/Modifica 00 30/04/2013 Prima emissione 01 28/02/2014 Aggiunti riferimenti normativi sul campionamento, come da oss. ACCREDIA del

Dettagli

Procedure di montaggio e installazione

Procedure di montaggio e installazione Procedure di montaggio e installazione per cartucce filtranti Pall di grado farmaceutico 1. Introduzione Osservare le seguenti procedure per l installazione di cartucce filtranti Pall di grado farmaceutico.

Dettagli

Estrazione del DNA. 1. Introduzione

Estrazione del DNA. 1. Introduzione Estrazione del DNA 1. Introduzione L obiettivo di questa esperienza è quello di osservare la molecola degli acidi nucleici, una volta separata dall involucro cellulare in cui è contenuta all interno della

Dettagli

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio.

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. ESPERIENZA n 1 Fenomeni fisici Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. Osserviamo dello zucchero al microscopio. Esso si presenta in forma di piccoli granelli trasparenti,

Dettagli

Impiego in laboratorio

Impiego in laboratorio Impiego in laboratorio Sommario Velcorin Impiego in laboratorio Pagina 3 5 Introduzione Pagina 3 Misure precauzionali Pagina 3 Procedimento (metodo sensoriale) Pagina 4 Procedimento (metodo microbiologico)

Dettagli

Sistemi di separazione di miscele omogenee

Sistemi di separazione di miscele omogenee Sistemi di separazione di miscele omogenee Sistemi di separazione di miscele omogenee I sistemi di separazione delle miscele omogenee riguardano la separazione di un soluto da un solvente (come nel caso

Dettagli

INCUBATORE MULTIGAS SANYO/PANASONIC MCO-19M

INCUBATORE MULTIGAS SANYO/PANASONIC MCO-19M INCUBATORE MULTIGAS SANYO/PANASONIC MCO-19M Il Sanyo/Panasonic MCO-19M è un incubatore multi gas a camicia d aria in grado di fornire un controllo molto accurato dell anidride carbonica e dell ossigeno

Dettagli

Conservazione, trasporto e archiviazione dei campioni chirurgici

Conservazione, trasporto e archiviazione dei campioni chirurgici Conservazione, trasporto e archiviazione dei campioni chirurgici Daniela Capirossi Coordinatore Tecnico U.O. Anatomia Patologica -Cesena 1 Vedremo insieme Sistema di trasporto e conservazione dei campioni

Dettagli

ALLEGATO A LOTTO 1 - CODICE CIG 4774096CA3. Prezzo indicativo in euro. Fabbisogno biennale. TOTALE in euro DESCRIZIONE PRODOTTO

ALLEGATO A LOTTO 1 - CODICE CIG 4774096CA3. Prezzo indicativo in euro. Fabbisogno biennale. TOTALE in euro DESCRIZIONE PRODOTTO LOTTO 1 - CODICE CIG 4774096CA3 DESCRIZIONE PRODOTTO Prezzo indicativo in euro biennale TOTALE in euro 1a 1b 1c 1d 1e 1f Olio minerale per coltura di ovociti ed embrioni in gocce di terreno. Lavato con

Dettagli

WEICONLOCK Adesivi Anaerobici e Sigillanti. Nuovo. bloccaggio ritenuta sigillatura guarnizioni

WEICONLOCK Adesivi Anaerobici e Sigillanti. Nuovo. bloccaggio ritenuta sigillatura guarnizioni Nuovo Erogatore a penna! WEICONLOCK Adesivi Anaerobici e Sigillanti bloccaggio ritenuta sigillatura guarnizioni facili da applicare procedimento pulito dosatura accurata La soluzione ideale per la costruzione,

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE. Anse sterili in polistirolo da 10 microlitri rigide (da un lato ad ago a punta sottile dall'altro ad occhiello)

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE. Anse sterili in polistirolo da 10 microlitri rigide (da un lato ad ago a punta sottile dall'altro ad occhiello) 1 Anse sterili in polistirolo da 10 microlitri rigide (da un lato ad ago a punta sottile dall'altro ad occhiello) 80.100 2 Bacchette sterili in polistirolo ad angolo retto in confezione singola con superficie

Dettagli

ATTREZZATURA DI LABORATORIO

ATTREZZATURA DI LABORATORIO ATTREZZATURA DI LABORATORIO IN GENERALE RICORDIAMO CHE 1) il vetro pyrex non reagisce chimicamente con altre sostanze tranne che con l acido fluoridrico se riscaldato non si spacca 2) gli strumenti in

Dettagli

4 Gli strumenti. e i metodi di misura. Misure di volume. Cilindri graduati. Matracci tarati

4 Gli strumenti. e i metodi di misura. Misure di volume. Cilindri graduati. Matracci tarati 4 Gli strumenti e i metodi di misura L osservazione di qualunque fenomeno fisico o chimico è sempre riconducibile all esame di una o più grandezze fisiche a esso associate. Qualunque esperimento pertanto

Dettagli

La catalasi: un enzima in azione

La catalasi: un enzima in azione Percorso di Didattica laboratoriale La catalasi: un enzima in azione Scuola Secondaria di Secondo Grado IISS - IPSIA E. Majorana Bari Classe IV B Docente: Miralma Serio Organizzatore cognitivo: Le trasformazioni

Dettagli

STUDIO SPERIMENTALE DI VALIDAZIONE DELLE PROCEDURE DI DISINFEZIONE CON IL SISTEMA HYGIENIO NEGLI AMBULATORI DENTISTICI

STUDIO SPERIMENTALE DI VALIDAZIONE DELLE PROCEDURE DI DISINFEZIONE CON IL SISTEMA HYGIENIO NEGLI AMBULATORI DENTISTICI STUDIO SPERIMENTALE DI VALIDAZIONE DELLE PROCEDURE DI DISINFEZIONE CON IL SISTEMA HYGIENIO NEGLI AMBULATORI DENTISTICI Indice. Introduzione Scopo Campo di Applicazione Luogo esecuzione delle prove di laboratorio

Dettagli

Rottura del tessuto. Omogeneizzazione e rottura delle cellule. Centrifugazione 600 x G per 10 a 4 C. Pellet. Lavaggio.

Rottura del tessuto. Omogeneizzazione e rottura delle cellule. Centrifugazione 600 x G per 10 a 4 C. Pellet. Lavaggio. OBIETTIVO Scopo di questo laboratorio è simulare l isolamento e la separazione di proteine da materiale biologico di partenza. Si parte da tessuto e si procede fino alla separazione della frazione mitocondriale.

Dettagli

STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA

STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA STRUMENTI DELL ANALISI CHIMICA UNITA DI VOLUME L unità fondamentale di volume è il litro (l). Il millilitro (ml) è la millesima parte di un litro ed è largamente usato in tutti i casi in cui il litro è

Dettagli

Corso di recupero Fisiologia cellulare/ Laboratorio di colture cellulari

Corso di recupero Fisiologia cellulare/ Laboratorio di colture cellulari Corso di laurea magistrale in BIOTECNOLOGIE DELLA RIPRODUZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO Corso di recupero Fisiologia cellulare/ Laboratorio di colture cellulari Prof.ssa Luisa Gioia Testo di COLTURE

Dettagli

REALIZZAZZIONE DI UN BULLONE CERAMICO

REALIZZAZZIONE DI UN BULLONE CERAMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI LECCE FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DEI MATERIALI CORSO DI MATERIALI CERAMICI I A.A. 2002/2003 Prof. A. LICCIULLI REALIZZAZZIONE DI UN BULLONE CERAMICO realizzato

Dettagli

Nuovi prodotti Eppendorf Cell Imaging per colture cellulari

Nuovi prodotti Eppendorf Cell Imaging per colture cellulari NOVITÀ! Nuovi prodotti Eppendorf Cell Imaging per colture cellulari Sia che si tratti di microscopia invertita, di imaging di cellule viventi o di analisi di fluorescenza, i consumabili Eppendorf Cell

Dettagli

Tecniche di isolamento

Tecniche di isolamento Tecniche di isolamento Considerazioni generali Spesso il primo passo verso un isolamento di successo è quello di imitare le condizioni ambientali in cui vive l organismo. Ad esempio per alghe marine che

Dettagli

GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA

GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA 1. LE ATTREZZATURE a. Gli immobili Il laboratorio è dotato di strutture di base fondamentali, come i banconi e la cappa aspirante. I banconi la cui superficie è in materiale

Dettagli

Progetto: Facciamo scienza...sperimentando Scuola Primaria di Cogollo a.s. 2012/2013. 1 esperienza: Cromatografia estrazione clorofilla e carotenoidi

Progetto: Facciamo scienza...sperimentando Scuola Primaria di Cogollo a.s. 2012/2013. 1 esperienza: Cromatografia estrazione clorofilla e carotenoidi a.s. 2012/2013 1 esperienza: Cromatografia estrazione clorofilla e carotenoidi Materiale necessario: - foglie di diverso tipo - beute - cilindro graduato - pipette - imbuto beuta cilindro graduato - mortaio

Dettagli

Estrazione di RNA da Tessuti Cartilaginei utilizzando il Mulino Criogenico

Estrazione di RNA da Tessuti Cartilaginei utilizzando il Mulino Criogenico NOTA APPLICATIVA Estrazione di RNA da Tessuti Cartilaginei utilizzando il Mulino Criogenico Con la gentile concessione di ALTANA Pharma AG Lo scopo del presente studio è stata la determinazione di una

Dettagli

COMET ASSAY ALCALINO (Single Cell Gel Electrophoresis)

COMET ASSAY ALCALINO (Single Cell Gel Electrophoresis) COMET ASSAY ALCALINO (Single Cell Gel Electrophoresis) NORMAL GEL AGAROSE (1%): - SOLUZIONI (Preparazione e Conservazione) - 1,071g in 100ml di PBS - - --> si fanno sciogliere in agitazione a 100-150 C.

Dettagli

A cura di: Grillo Sergio. Foto 1 Forni continui di saldobrasatura acciai inox

A cura di: Grillo Sergio. Foto 1 Forni continui di saldobrasatura acciai inox Relazione sui principi fondamentali della saldobrasatura dei componenti in acciaio inossidabile in atmosfera controllata di azoto e idrogeno in forni continui A cura di: Grillo Sergio Foto 1 Forni continui

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

man uale utente Italiano Hoefer SG500 Gradiente maker mu SG500-IM/Italian/Rev.E0/08-12

man uale utente Italiano Hoefer SG500 Gradiente maker mu SG500-IM/Italian/Rev.E0/08-12 man uale utente Italiano Hoefer SG500 Gradiente maker mu SG500-IM/Italian/Rev.E0/08-12 Indice SG500 istruzioni...1 1. Generazione gradienti lineari...2 Versare gradienti dall alto...4 Versare gradienti

Dettagli

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO

PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO PROGETTO DNA CHIAVI IN MANO La collaborazione con il Virgilio e il progetto dell IFOM Il progetto DNA chiavi in mano è un percorso pensato dal Centro di Ricerca internazionale IFOM per avvicinare i ragazzi

Dettagli

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi

Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi Studio mediante Microscopia a Forza Atomica (Atomic Force Microscopy AFM) dell interazione tra DNA e molecole organiche di sintesi La possibilità di osservare direttamente singole molecole dà grandi vantaggi

Dettagli

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI Il primo passaggio per la maggior parte delle procedure che verranno trattate in questo corso consiste nell estrazione del DNA (e dell RNA) da materiale biologico, e nella sua purificazione mediante separazione

Dettagli

LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE

LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE USO IN SICUREZZA, VERIFICHE E MANUTENZIONI PERIODICHE Incontro con il Dipartimento di Medicina Sperimentale 24 aprile 2008 Settore Prevenzione e Protezione Classificazione

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Gli strumenti per la misura di temperatura negli impianti industriali sono soggetti

Dettagli

Esperienza 2: gli enzimi di restrizione

Esperienza 2: gli enzimi di restrizione Esperienza 2: gli enzimi di restrizione Gli enzimi di restrizione sono delle proteine sintetizzate dai batteri per proteggersi dalle infezioni virali (batteriofagi). Questi enzimi tagliano il DNA virale

Dettagli

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI 2020. Colore Il colore di un acqua è dovuto alla presenza di ioni metallici (ferro, manganese, rame), sostanze organiche (acidi umici e fulvici) e scarichi industriali. Il colore di un acqua si riferisce

Dettagli

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica Maria Antonietta Lepore Principali tecniche di biologia molecolare clinica Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06)

Dettagli

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008

STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 STERILIZZAZIONE MEDIANTE CALORE CORSO DI IMPIANTI DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA ANNO ACCADEMICO 2007-2008 CALORE COME MEZZO STERILIZZANTE IL CALORE E IL MEZZO PIU USATO PER LA STERILIZZAZIONE, LIMITATAMENTE

Dettagli

Manuale d istruzioni per l uso Kit per la determinazione di densità

Manuale d istruzioni per l uso Kit per la determinazione di densità KERN & Sohn GmbH Ziegelei 1 D-72336 Balingen E-mail: info@kern-sohn.com Tel.: +49-[0]7433-9933-0 Fax: +49-[0]7433-9933-149 Sito web: www.kern-sohn.com Manuale d istruzioni per l uso Kit per la determinazione

Dettagli

MODALITA DI PRELIEVO DEI CAMPIONI DI ACQUA SOMMARIO

MODALITA DI PRELIEVO DEI CAMPIONI DI ACQUA SOMMARIO Pag. 1/8 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...2 4. MODALITA OPERATIVE...2 4.1 PRELIEVO PER ANALISI MICROBIOLOGICHE...3 4.1.1 Quantità

Dettagli

L'ACQUA TRASCINA TUTTO SCUOLA INFANZIA

L'ACQUA TRASCINA TUTTO SCUOLA INFANZIA L'ACQUA TRASCINA TUTTO SCUOLA INFANZIA COSA OCCORRE Sassi, ghiaia, argilla, sabbia, acqua, un grosso barattolo. COME PROCEDERE Lo scopo di questo esperimento è di mostrare ai bambini come l'acqua, durante

Dettagli

Decantazione. Ne= f(re);

Decantazione. Ne= f(re); TUTTI I «PROCESSI» DELLE INDUSTRIE ALIMENTARI SONO SUDDIVISIBILI IN «OPERAZIONI UNITARIE» DETTE OPERAZIONI RAPPRESENTANO I MATTONI E POSSONO ESSERE VALUTATE INDIPENDENTEMENTE DAL PROCESSO IN CUI SONO INSERITE

Dettagli

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Per la purificazione del DNA genomico proveniente dai kit di prelievo Oragene e ORAcollect. Per le istruzioni

Dettagli

CARLO ERBA Reagents. Biologia Cellulare Biologia Molecolare Labware Chemicals

CARLO ERBA Reagents. Biologia Cellulare Biologia Molecolare Labware Chemicals CARLO ERBA Reagents Biologia Cellulare Biologia Molecolare Labware Chemicals CARLO ERBA Reagents Una nuova realtà per il laboratorio e l industria DASIT GROUP, con l acquisizione di CARLO ERBA Reagents,

Dettagli

Metodi di conta microbica

Metodi di conta microbica Metodi di conta microbica esistono differenti metodiche per la determinazione quantitativa dei microrganismi tecniche colturali e non colturali conta diretta ed indiretta il tipo di microrganismo/i ed

Dettagli

ideale per la pulizia interna e esterna di tutte le autovetture rinnovamento di tessuti, tappeti e divani desert steam gun

ideale per la pulizia interna e esterna di tutte le autovetture rinnovamento di tessuti, tappeti e divani desert steam gun steam mop Unifica il potere di pulizia del vapore con la tecnologia delle microfibre, capaci di catturare sporco e polvere grazie alla carica elettrostatica. Steam mop offre una pratica soluzione per un

Dettagli

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO La fabbricazione degli elementi meccanici seguita dalla loro unione sono i principali compiti dell industria produttiva. Essenzialmente l assemblaggio consiste nel collegare degli

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE GESTIONE PRIMA DELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI GESTIONE DURANTE LA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI

CORSO DI FORMAZIONE GESTIONE PRIMA DELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI GESTIONE DURANTE LA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI CORSO DI FORMAZIONE FASI DI GESTIONE E PULIZIA DELLA CAPPA A FLUSSO LAMINARE GESTIONE PRIMA DELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI GESTIONE DURANTE LA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI PULIZIA

Dettagli

Prodotti professionali per gli installatori di impianti di riscaldamento e condizionamento IDRATERM IDRASOLAR

Prodotti professionali per gli installatori di impianti di riscaldamento e condizionamento IDRATERM IDRASOLAR Prodotti professionali per gli installatori di impianti di riscaldamento e condizionamento IDRATERM PROTEZIONE E PULIZIA PER IMPIANTI TERMICI IDRASOLAR ANTIGELO PREMISCELATO PER IL RIEMPIMENTO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

AQUADIEN Kit Codice #: 357-8121 96 test

AQUADIEN Kit Codice #: 357-8121 96 test AQUADIEN Kit Codice #: 357-8121 96 test Manuale d istruzioni KIT PER L ESTRAZIONE E LA PURIFICAZIONE DI DNA A PARTIRE DA BATTERI CONTENUTI NEI CAMPIONI DI ACQUA SOMMARIO I. INTRODUZIONE II. III. IV. COMPOSIZIONE

Dettagli

Laboratorio 1, Parte I MISURA DEL POTENZIALE IDRICO NEI TESSUTI VEGETALI

Laboratorio 1, Parte I MISURA DEL POTENZIALE IDRICO NEI TESSUTI VEGETALI Laboratorio 1, Parte I MISURA DEL POTENZIALE IDRICO NEI TESSUTI VEGETALI Lo scopo di questa esercitazione è quello di familiarizzare con il metodo della variazione del peso di un tessuto vegetale per la

Dettagli

I CONTROLLI SULLE ACQUE

I CONTROLLI SULLE ACQUE IL CONTROLLO MICROBIOLOGICO DEGLI ALIMENTI: CAMPIONAMENTO,INTERPRETAZIONE DEL RISULTATO, FLUSSI INFORMATIVI e GESTIONE DELLE NC I CONTROLLI SULLE ACQUE Luciana Ropolo Torino,10 giugno 2013 Acque potabili

Dettagli

Come evitare gli errori della fase preanalitica in emogasanalisi

Come evitare gli errori della fase preanalitica in emogasanalisi Come evitare gli errori della fase preanalitica in emogasanalisi Gitte Wennecke e Gitte Juel, Radiometer Medical ApS. Copyright 2005 Radiometer Medical ApS, Denmark. Radiometer Medical ApS, DK-2700 Brønshøj,

Dettagli

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce Il Sole è sicuramente la sorgente più comune e facilmente disponibile. In realtà però al giorno d oggi molte attività sono svolte sotto sorgenti artificiali di tipo

Dettagli

PER SALE CHIRURGICHE. I condizionatori d aria. Tecnologia UNA SOLA MACCHINA PER SALA CHIRURGICA

PER SALE CHIRURGICHE. I condizionatori d aria. Tecnologia UNA SOLA MACCHINA PER SALA CHIRURGICA I condizionatori d aria PER SALE CHIRURGICHE Devono abbattere la contaminazione chimica e batteriologica, mantenere in sovrappressione la sala chirurgica, garantire la filtrazione assoluta e la costanza

Dettagli

Caratterizzazione biologica del tessuto cutaneo in seguito ad omogeneizzazione

Caratterizzazione biologica del tessuto cutaneo in seguito ad omogeneizzazione Caratterizzazione biologica del tessuto cutaneo in seguito ad omogeneizzazione V. Purpura 1, M. Ghetti 1, E. Bondioli 1, P. Minghetti 1, D. Melandri 1, M. Riccio 2 Accademia del Lipofilling Centro Studi

Dettagli

TAPPI ROVESCIABILI IN SILICONE PER PROVETTE Biologicamente neutri. A norma FDA/BGA. Facilmente perforabili. Resistenza a temperatura: -60 C/+220 C.

TAPPI ROVESCIABILI IN SILICONE PER PROVETTE Biologicamente neutri. A norma FDA/BGA. Facilmente perforabili. Resistenza a temperatura: -60 C/+220 C. TETTARELLE IN LATTICE Confezione indivisibile da 10 pezzi. 12TET00010P PROPIPETTA A 3 VIE IN GOMMA ROSSA Pompetta in gomma per pipette in plastica e vetro. Modello con tre valvole sferiche e adattatore

Dettagli

IL CICLO DELL ACQUA. L EVAPORAZIONE Asciughiamo i fazzoletti. Materiale occorrente. Due fazzoletti dello stesso tessuto, acqua.

IL CICLO DELL ACQUA. L EVAPORAZIONE Asciughiamo i fazzoletti. Materiale occorrente. Due fazzoletti dello stesso tessuto, acqua. L EVAPORAZIONE Asciughiamo i fazzoletti IL CICLO DELL ACQUA Materiale occorrente Due fazzoletti dello stesso tessuto, acqua. Immergiamo nell'acqua i due fazzoletti. Li strizziamo bene e li appendiamo fuori

Dettagli

Esercitazione di Microbiologia generale. Microscopia

Esercitazione di Microbiologia generale. Microscopia Esercitazione di Microbiologia generale Microscopia I microrganismi Le cellule più primitive viventi attualmente sono i batteri questi appartengono a un gruppo di organismi chiamati procarioti (letteralmente

Dettagli

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle.

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle. MARITRANS MD Data: 01.06.2011 Versione 10 MARITRANS MD è una membrana trasparente in poliuretano monocomponente, alifatica, estremamente elastica e con un alto contenuto di materiali solidi, utilizzata

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Manipolazione sicura Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

PURIFICAZIONE DI DNA

PURIFICAZIONE DI DNA PURIFICAZIONE DI DNA Esistono diverse metodiche per la purificazione di DNA da cellule microbiche, più o meno complesse secondo il grado di purezza e d integrità che si desidera ottenere. In tutti i casi

Dettagli

in vitro e condurre diagnosi cliniche ausiliarie dell infertilità e autovalutazione della fertilità e

in vitro e condurre diagnosi cliniche ausiliarie dell infertilità e autovalutazione della fertilità e Kit per individuazione conta Spermatica (metodo colorimetrico) Istruzioni d uso INTRODUZIONE Il presente kit viene usato per individuare qualitativamente la conta spermatica del seme umano in vitro e condurre

Dettagli

BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00

BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00 BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00 0. Generalità e definizioni Gli anioni bromuro, clorito, cloruro, fluoruro,

Dettagli

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione Gli impianti VTA vengono impiegati per la purificazione, la concentrazione, la rimozione dei residui di solventi, la decolorazione e l essiccazione di prodotti in diversi settori industriali: chimico,

Dettagli

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino.

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Esperimenti per gioco Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Il progetto ha lo scopo di avvicinare i ragazzi al mondo della scienza tramite lo svolgimento di semplici esperienze di laboratorio

Dettagli

Membrana Liquida Poliuretano-Bituminosa Bicomponente, 1-1 in Volume, per Impermeabilizzazione e Protezione

Membrana Liquida Poliuretano-Bituminosa Bicomponente, 1-1 in Volume, per Impermeabilizzazione e Protezione Page 1/5 Membrana Liquida Poliuretano-Bituminosa Bicomponente, 1-1 in Volume, per Impermeabilizzazione e Protezione DESCRIZIONE : HYPERDESMO-PB-2K è una membrana liquida bicomponente poliuretano-bituminosa,

Dettagli

CONTROLLO E UTILIZZO DELL INCHIOSTRO

CONTROLLO E UTILIZZO DELL INCHIOSTRO Conservazione dell inchiostro CONTROLLO E UTILIZZO DELL INCHIOSTRO E opportuno conservare l inchiostro in luogo secco, ventilato e buio con una temperatura compresa tra i 10 e i 25 C (evitare le radiazioni

Dettagli

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti Guide ottiche integrate Massimo Brenci IROE-CNR Firenze Esempio di guida ottica integrata Propagazione della luce in una guida ottica integrata (vista in

Dettagli

3.7 LA SOLIDIFICAZIONE DELL ACQUA NEI MICRO-PORI DELLE COSTRUZIONI IN ASSENZA DI PIOGGIA O DI ACQUA AMBIENTALE

3.7 LA SOLIDIFICAZIONE DELL ACQUA NEI MICRO-PORI DELLE COSTRUZIONI IN ASSENZA DI PIOGGIA O DI ACQUA AMBIENTALE μm), è estremamente benefica nel buon comportamento del materiale nei confronti della formazione del ghiaccio: infatti queste micro-bolle fungono da vasi di espansione capaci di ospitare l acqua liquida

Dettagli

Via Castegnato, 6/C 25050 Rodengo Saiano, Brescia T +39 030 6815011 www.compes.com FORNI

Via Castegnato, 6/C 25050 Rodengo Saiano, Brescia T +39 030 6815011 www.compes.com FORNI Via Castegnato, 6/C 2 Rodengo Saiano, Brescia T +39 3 68111 www.compes.com compesfrance@compesfrance.fr info@compes.ca FORNI 1 PRERISCALDO MATRICI Il FORNO PRERISCALDO MATRICI COMPES a cassetti indipendenti

Dettagli

La determinazione quantitativa in microbiologia

La determinazione quantitativa in microbiologia La determinazione quantitativa in microbiologia La determinazione quantitativa è una tecnica microbiologica che permette di verificare il numero di microrganismi presenti in un campione, per unità di peso

Dettagli

UTILIZZO DEI SISTEMI HPLC

UTILIZZO DEI SISTEMI HPLC Pag. 1 di 16 UTILIZZO DEI SISTEMI HPLC INDICE: 1. Premessa 2. Scopo e campo di applicazione 3. Documenti di riferimento 4. Definizioni 5. Responsabilità 6. Procedura 7. Allegato 1- Sistemi in dotazione

Dettagli

ESPERIMENTO PER L ESTRAZIONE DEL DNA DELLA FRUTTA INTRODUZIONE

ESPERIMENTO PER L ESTRAZIONE DEL DNA DELLA FRUTTA INTRODUZIONE ESPERIMENTO PER L ESTRAZIONE DEL DNA DELLA FRUTTA INTRODUZIONE L insegnamento delle scienze e della tecnologia si configura, nella scuola primaria, come un obiettivo fondamentale che dà le coordinate per

Dettagli

Crescita microbica e metodi di determinazione del numero di cellule

Crescita microbica e metodi di determinazione del numero di cellule Crescita microbica e metodi di determinazione del numero di cellule La crescita microbica La crescita microbica 1 2 2 2 2 3 2 4 2 n Progressione geometrica in base 2 La crescita microbica Tempo di duplicazione

Dettagli

PROGETTO TEMPERATURA

PROGETTO TEMPERATURA PROGETTO TEMPERATURA 2 Salvis Lab La Storia 2 La società Renggli AG viene fondata nel 1927 da una famiglia svizzera orientata ad uno sviluppo internazionale. Inizialmente la produzione è rivolta ad arredamenti

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI COMPOSITI A MATRICE POLIMERICA

SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI COMPOSITI A MATRICE POLIMERICA Università degli studi di Messina Corso di laurea in INGEGNERIA DEI MATERIALI SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI COMPOSITI A MATRICE POLIMERICA Prof. A.M.Visco Lezione T 2 : Processi di realizzazione di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI II Edizione di ANNA MAGRINI LORENZA MAGNANI INDICE GENERALE Premessa...9 CAPITOLO 1 I REQUISITI: IL

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

Mauro Arcangeli Realizzare i circuiti stampati in casa

Mauro Arcangeli Realizzare i circuiti stampati in casa Mauro Arcangeli Realizzare i circuiti stampati in casa 2013 www.presepevirtuale.it 1 Questa guida vi fornirà le indicazioni necessarie per realizzare con successo semplici circuiti stampati come quelli

Dettagli

Sterilizzazione di uova in tutto il mondo. La chiave di una sterilizzazione di altissima qualità

Sterilizzazione di uova in tutto il mondo. La chiave di una sterilizzazione di altissima qualità Sterilizzazione di uova in tutto il mondo La chiave di una sterilizzazione di altissima qualità STERILIZZATORI E UMIDIFICATORI SICURI PER CAMERE PER UOVA PER SOSTITUIRE LA FUMIGAZIONE CON FORMALINA LA

Dettagli

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE

MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE MANUALE D USO STAZIONE DI RECUPERO DI REFRIGERANTE COD. 11131104-11131106 INDICE NORME GENERALI DI SICUREZZA 3 SPECIFICHE 4 PROCEDURA STANDARD PER IL RECUPERO DI FLUIDI/VAPORI 4 PROCEDURA DI SCARICO AUTOMATICO

Dettagli