TARIFFE SERVIZI EDUCATIVI A.S. 2014/2015 (APPROVATE CON DELIBERAZIONE GC N. 150 del 9/9/14)

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TARIFFE SERVIZI EDUCATIVI A.S. 2014/2015 (APPROVATE CON DELIBERAZIONE GC N. 150 del 9/9/14)"

Transcript

1 TARIFFE SERVIZI EDUCATIVI A.S. 2014/2015 () ASILO NIDO pag. 2 CENTRO I INFANZIA pag. 4 SCUOLA DELL INFANZIA SEZ. PRIMAVERA pag. 6 PRE-POST ASILO pag. 8 MENSA SCOLASTICA pag. 9 ATTIVITA' INTEGRATIVE PRE - POST pag. 10 NELLE SCUOLE PRIMARIE TRASPORTO SCOLASTICO pag. 11 Scuole obbligo TRASPORTO SPECIALE pag. 12 Frequenza a scuole o centri di riabilitazione speciali

2 2/13 SERVIZIO ASILI NIDO (riservato ai bambini fino a 3 anni di età). A.S. 2014/2015 Le rette sono determinate secondo le fasce ISEE. Le rette di frequenza, PER I RESIDENTI sono così determinate: f a s c e I s e e R e t t a fissa Giornaliera m e n s i l e 1^fascia fino a ,00 50,00. 3,00 2^fascia da ,01 a ,00 61,00. 3,00 3^fascia da ,01 a ,00 82,00. 3,00 4^fascia da ,01 a ,00 101,00. 3,00 5^fascia da ,01 a ,00 122,00. 3,00 6^fascia da ,01 a ,00 141,00. 3,00 7^fascia da ,01 a ,00 164,00. 3,00 8^fascia da ,01 a ,00 184,00. 3,00 9^fascia da ,01 a ,00 205,00. 3,00 10^fascia da ,01 a ,00 226,00. 3,00 11^fascia da ,01 a ,00 248,00. 3,00 12^fascia da ,01 a ,00 270,00. 3,00 13^fascia da ,01 a ,00 291,00. 3,00 14^fascia da ,01 a ,00 314,00. 3,00 15^fascia da ,01 a ,00 338,00. 3,00 16^fascia da ,01 a ,00 360,00. 3,00 17^fascia da ,01 a ,00 385,00. 3,00 18^fascia Oltre ,00 408,00. 3,00 La tariffa/fascia di appartenenza è determinata sulla base della attestazione ISEE (indicatore della situazione economica equivalente) ai sensi del Decreto Legislativo n. 109/98 e sue successive modifiche ed integrazioni, presentata al momento dell ammissione e/o riconferma al servizio e ha valore per tutto l anno scolastico di riferimento. Sopravvenute variazioni delle condizioni del nucleo familiare saranno valutate in base alla normativa vigente all atto della variazione.

3 3/13 In caso di omessa presentazione della dichiarazione unica sostitutiva o in caso di dichiarazione incompleta verrà applicata la tariffa massima. All atto dell ammissione/riconferma la famiglia dovrà versare una quota anticipata, a titolo di cauzione, pari a 100,00 che sarà rimborsata al termine dell anno scolastico ( luglio). In caso di rinuncia all iscrizione /riconferma o in caso di mancato pagamento delle quote dovute al termine della frequenza, la quota verrà trattenuta dal Comune. Per le famiglie che intendono usufruire dell'asilo nido per un orario ridotto (7,30-13,30), verrà applicata una riduzione della retta pari al 30% della quota fissa. Per le famiglie che intendono usufruire dell asilo nido oltre le 16,00 (post- asilo ) verrà applicata una quota mensile pari a: Dalle alle ,00 Dalle alle ,00 Il servizio di post-asilo dalle alle potrà essere attivato solo nel caso ci sia una richiesta non inferiore a n. 6 bambini. Il servizio ASILO NIDO è riservato alle madre lavoratrici. Potranno essere ammessi bambini provenienti da nuclei famigliari con madre inoccupata, in base a specifiche segnalazione da parte dei servizi sanitari e/o socio assistenziali di competenza. Stante la disponibilità dei posti, possono essere ammessi agli asili nido anche i bambini non residenti, per i quali verrà applicata, a copertura dell intero costo del servizio, una quota fissa di. 780,00 mensili più quota pasto giornaliera, indipendentemente dalla dichiarazione ISEE ed esclusa ogni riduzione applicata per i residenti, salvo convenzionamento con i rispettivi Comuni di residenza. Nel corso del mese, non verranno applicati abbuoni sulla retta fissa ad eccezione di: mese d inserimento (inizio frequenza dopo il 15 del mese) il 15% vacanze di Natale il 15% vacanze di Pasqua il 7% intero mese di Luglio il 100% 1 o più settimana Luglio (abbattimento rapportato alle settimane di assenza) % Assenza per malattia per l intero mese il 60% Solo per i RESIDENTI, nel caso di più fratelli frequentanti l asilo nido, il centro prima infanzia, le scuole dell infanzia e dell obbligo sul territorio di Busto Arsizio, è previsto l abbuono del 50% sulla quota fissa, per il secondo figlio e la gratuità per i successivi. La riduzione viene applicata partendo dal figlio maggiore. Gli abbuoni previsti per i fratelli frequentanti la scuola dell infanzia verranno applicati solo sulla quota fissa mensile e per i fratelli frequentanti la scuola dell obbligo solo sulla quota mensa. Asili Nido Comunali: Le quote mensili di frequenza dovranno essere versate entro il giorno 20 del mese successivo sul C/C postale n intestato al Comune di Busto Arsizio - Retto Asilo Nido, utilizzando gli appositi bollettini prestampati dall'ufficio o con bonifico sul CC /BANCARIO intestato a: Tesoreria Comunale P.za Vittorio Emanuele II, 5 IBAN IT54N Asili nido convenzionati o in concessione: Le quote a carico delle famiglie, secondo il presente tariffario, dovranno essere versate direttamente ai gestori del servizio, nelle modalità che saranno indicate al momento dell inserimento. ** - In caso di mancato pagamento delle somme dovute, l'amministrazione Comunale si riserva di provvedere alla sospensione del servizio, nei riguardi del bambino, anche nel corso dell'anno scolastico.

4 4/13 SERVIZIO CENTRO PRIMA INFANZIA (riservato ai bambini fino a 3 anni di età) A.S. 2014/2015 Le rette sono determinate secondo le fasce ISEE. Le rette di frequenza, PER I RESIDENTI, sono così determinate: f a s c e I s e e RETTA MENSILE CENTRO I INFANZIA 1^fascia fino a ,00. 24,00 2^fascia ,01 a ,00 56,00 3^fascia ,01 a ,00 65,00 4^fascia ,01 a ,00 74,00 5^fascia ,01 a ,00 84,00 6^fascia ,01 a ,00 92,00 7^fascia ,01 a ,00 103,00 8^fascia ,01 a ,00 112,00 9^fascia ,01 a ,00 122,00 10^fascia ,01 a ,00 132,00 11^fascia ,01 a ,00 142,00 12^fascia ,01 a ,00 152,00 13^fascia ,01 a ,00 162,00 14^fascia ,01 a ,00 172,00 15^fascia ,01 a ,00 183,00 16^fascia ,01 a ,00 193,00 17^fascia ,01 a ,00 204,00 18^fascia Oltre ,00 215,00

5 5/13 La tariffa/fascia di appartenenza è determinata sulla base della attestazione ISEE (indicatore della situazione economica equivalente) ai sensi del Decreto Legislativo n. 109/98 e sue successive modifiche ed integrazioni, presentata al momento dell ammissione e/o riconferma al servizio e ha valore per tutto l anno scolastico di riferimento. Sopravvenute variazioni delle condizioni del nucleo familiare saranno valutate in base alla normativa vigente all atto della variazione. In caso di omessa presentazione della dichiarazione unica sostitutiva o in caso di dichiarazione incompleta verrà applicata la tariffa massima. All atto dell ammissione/riconferma la famiglia dovrà versare una quota anticipata, a titolo di cauzione, pari a 50,00 che sarà rimborsata al termine dell anno scolastico ( luglio). In caso di rinuncia all iscrizione /riconferma o in caso di mancato pagamento delle quote dovute al termine della frequenza, la quota verrà trattenuta dal Comune. Trattandosi di servizio in concessione, Le quote a carico delle famiglie, secondo il presente tariffario, dovranno essere versate direttamente ai gestori del servizio, nelle modalità che saranno indicate al momento dell inserimento. Solo per i RESIDENTI, nel caso di più fratelli frequentanti l asilo nido, il centro prima infanzia, le scuole dell infanzia e dell obbligo sul territorio di Busto Arsizio, è previsto l abbuono del 50% e la gratuità per due o più figli, la riduzione viene applicata partendo dal figlio maggiore. Gli abbuoni previsti per i fratelli frequentanti la scuola dell infanzia verranno applicati solo sulla quota fissa mensile e per i fratelli frequentanti la scuola dell obbligo solo sulla quota mensa. Nel corso del mese, non verranno applicati abbuoni sulla retta fissa ad eccezione di: mese d inserimento (inizio frequenza dopo il 15 del mese) il 22% vacanze di Natale il 22% vacanze di Pasqua il 10% intero mese di Luglio il 100% 1 o più settimana Luglio (abbattimento rapportato alle settimane di assenza) Assenza per malattia per l intero mese il 70%

6 6/13 SERVIZIO MENSA SCUOLA DELL INFANZIA E SEZIONE PRIMAVERA (riservato ai bambini frequentanti le scuole dell infanzia statali, comunali e convenzionate e sezione primavera comunale) A.S. 2014/2015 Le quote mensa per i residenti sono determinate secondo le fasce ISEE. f a s c e I s e e Quota fissa mensile Quota giornaliera 1^fascia fino a ,00. 21,00 gratuito 2^fascia da ,01 a ,00. 21,00. 3,00 3^fascia da ,01 a ,00. 27,00. 3,00 4^fascia da ,01 a ,00. 34,00. 3,00 5^fascia da ,01 a ,00. 40,00. 3,00 6^fascia da ,01 a ,00. 46,00. 3,00 7^fascia da ,01 a ,00. 53,00. 3,00 8^fascia da ,01 a ,00. 59,00. 3,00 9^fascia da ,01 a ,00. 65,00. 3,00 10^fascia da ,01 a ,00. 71,00. 3,00 11^fascia da ,01 a ,00. 78,00. 3,00 12^fascia da ,01 a ,00. 84,00. 3,00 13^fascia da ,01 a ,00. 95,00. 3,00 14^fascia da ,01 a ,00. 98,00. 3,00 15^fascia Oltre , ,00. 3,00 La tariffa/fascia di appartenenza è determinata sulla base della attestazione ISEE (indicatore della situazione economica equivalente) ai sensi del Decreto Legislativo n. 109/98 e sue successive modifiche ed integrazioni, presentata al momento dell ammissione e/o riconferma al servizio e ha valore per tutto l anno scolastico di riferimento. Sopravvenute variazioni delle condizioni del nucleo familiare saranno valutate in base alla normativa vigente all atto della variazione. In caso di omessa presentazione della dichiarazione unica sostitutiva o in caso di dichiarazione incompleta verrà applicata la tariffa massima.

7 7/13 Stante la disponibilità dei posti, possono essere ammessi alle Scuole dell infanzia anche i bambini non residenti, per i quali sarà applicata la quota massima relativa al servizio mensa, indipendentemente dalla dichiarazione ISEE ed esclusa ogni riduzione applicata per i residenti. Nei periodi di chiusura del servizio, ad esclusione dei mesi estivi (luglio-agosto) e solo per i residenti, verranno applicati i seguenti abbuoni: mese d inserimento (inizio frequenza dopo il 15 del mese) il 22% vacanze di Natale il 22% vacanze di Pasqua il 10% Solo per i RESIDENTI, nel caso di più fratelli frequentanti l asilo nido, il centro prima infanzia, le scuole dell infanzia e dell obbligo sul territorio di Busto Arsizio, è previsto l abbuono del 50% per il secondo figlio e la gratuità per i successivi. La riduzione viene applicata partendo dal figlio maggiore. Gli abbuoni previsti per i fratelli frequentanti la scuola dell infanzia verranno applicati solo sulla quota fissa mensile e per i fratelli frequentanti la scuola dell obbligo solo sulla quota mensa. il personale insegnante o dipendente di altri enti, non avente il diritto al consumo del pasto gratuito, potrà, se autorizzato, usufruire del servizio di refezione scolastica pagando la quota di. 5,50 giornaliere La quota fissa mensile, indipendentemente dalla frequenza, e quella giornaliera, da parte degli utenti delle scuole materne comunali e statali, dovranno essere versate entro il giorno 20 del mese successivo su C/C postale n intestato al Comune di Busto Arsizio - Rette Scuole Materne - utilizzando gli appositi bollettini prestampati dall'ufficio o con bonifico sul CC /BANCARIO intestato a : Tesoreria Comunale P.za Vittorio Emanuele II, 5 - IBAN IT54N ** - In caso di mancato pagamento delle somme dovute, l'amministrazione Comunale si riserva di provvedere alla sospensione del servizio, nei riguardi del bambino, anche nel corso dell'anno scolastico. Gli utenti delle scuole materne autonome convenzionate dovranno effettuare il versamento direttamente alla SCUOLA DELL INFANZIA secondo le modalità indicate dalla Direzione della scuola stessa.

8 8/13 SERVIZIO DI PRE-POST SCUOLA DELL INFANZIA (riservato a bambini con entrambi i genitori lavoratori) A.S. 2014/2015 Il servizio di assistenza educativa si svolge presso le scuole dell infanzia e sezione primavera cittadine (comunali - statali - convenzionate) oltre all'orario di espletamento delle attività scolastiche normali. Viene richiesto il pagamento delle seguenti quote fisse mensili: PRE-SCUOLA INFANZIA: dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30 fino all inizio dell attività didattica. 17,00 POST-SCUOLA INFANZIA: dal lunedì al venerdì dal termine dell attività didattica sino a completamento dell orario di funzionamento della scuola, per un massimo di 2 ore giornaliere.. 29,00 E' prevista inoltre una quota fissa mensile di. 10,50 per la merenda a partire dalla 2ˆ fascia ISEE. Non è praticata alcuna riduzione sulle quote salvo esoneri autorizzati a carico dei Servizi Sociali. Il versamento delle quote dovrà avvenire entro il giorno 20 del mese successivo su C/C postale n intestato al Comune di Busto Arsizio - Rette Scuole Materne - utilizzando gli appositi bollettini prestampati dall'ufficio o con bonifico sul CC /BANCARIO intestato a : Tesoreria Comunale P.za Vittorio Emanuele II, 5 - IBAN IT54N Il versamento delle quote relative ai servizi di pre e post-asilo nelle scuole materne autonome convenzionate dovrà essere effettuato direttamente alla SCUOLA DELL INFANZIA. ** - In caso di mancato pagamento delle somme dovute, l'amministrazione Comunale si riserva di provvedere alla sospensione del servizio, nei riguardi del bambino, anche nel corso dell'anno scolastico.

9 9/13 DIRITTO ALLO STUDIO - SERVIZIO MENSA SCOLASTICA (riservato scuole primarie e secondarie di I ) A.S. 2014/2015 Il servizio di mensa scolastica si svolge presso apposite sedi di consumazione del pasto, nei giorni di rientro pomeridiano delle lezioni o attività integrative organizzate dalle scuole. Possono usufruire del servizio: 1. gli alunni frequentanti le scuole primarie e secondarie di I grado: Quota giornaliera con ISEE sino a ,00. 1,30 a pasto con ISEE superiore a ,00. 5,30 a pasto. 2. il personale insegnante o dipendente di altri enti, non avente il diritto al consumo del pasto gratuito, potrà, se autorizzato, usufruire del servizio di refezione scolastica pagando la quota di. 5,50 a pasto Solo per i RESIDENTI, nel caso di più fratelli frequentanti l asilo nido, il centro prima infanzia, le scuole dell infanzia e dell obbligo sul territorio di Busto Arsizio, è previsto l abbuono del 50% per il secondo figlio e la gratuità per i successivi. La riduzione viene applicata partendo dal figlio maggiore. Gli abbuoni previsti per i fratelli frequentanti la scuola dell infanzia verranno applicati solo sulla quota fissa mensile e per i fratelli frequentanti la scuola dell obbligo solo sulla quota mensa. Per i non residenti verrà applicata la quota intera. La quota relativa ai pasti effettivamente consumati nel corso di ogni mese dagli alunni e dagli insegnanti dovrà essere pagata direttamente alla ditta appaltatrice del servizio tramite bollettini prestampati e inviati direttamente al domicilio. ** - In caso di mancato pagamento delle somme dovute, l'amministrazione Comunale si riserva di provvedere alla sospensione del servizio, nei riguardi del bambino, anche nel corso dell'anno scolastico.

10 10/13 DIRITTO ALLO STUDIO - SERVIZIO ATTIVITA' INTEGRATIVE PRE - POST SCUOLA NELLE SCUOLE PRIMARIE A.S. 2014/2015 I servizi di pre-post a favore degli alunni di scuola elementare si svolgono presso le scuole primarie che ne facciano richiesta e che abbiano un congruo numero di iscrizioni. Tali servizi si articoleranno come segue: P R E S C U O L A P O S T - S C U O L A Dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30 fino all'inizio delle lezioni. Esclusivamente nei giorni in cui è previsto il rientro, dal termine delle lezioni sino alle ore 18,00. Viene richiesto il pagamento delle seguenti QUOTE FISSE MENSILI, indipendentemente dalle presenze: P R E - S C U O L A DAL LUNEDI AL VENERDI. 17,00 P O S T - S C U O L A Per le classi con due rientri pomeridiani. 14,00 Per le classi con tre rientri pomeridiani. 20,00 Per le classi con cinque rientri pomeridiani. 34,00 La quota relativa ai servizi utilizzati dovrà essere versata sul C/C postale n intestato a Comune di Busto Arsizio - Attività scolastiche comunali - entro il giorno 25 del mese successivo utilizzando gli appositi bollettini prestampati dall'ufficio o con bonifico sul CC/BANCARIO intestato a: Tesoreria Comunale P.za Vittorio Emanuele II, 5 - IBAN IT54N ** - In caso di mancato pagamento delle somme dovute, l'amministrazione Comunale si riserva di provvedere alla sospensione del servizio, nei riguardi del bambino, anche nel corso dell'anno scolastico.

11 11/13 DIRITTO ALLO STUDIO - SERVIZIO TRASPORTO SCOLASTICO (riservato agli utenti della scuola primaria e secondaria di I grado). A. s. 2014/2015 Il servizio trasporto scolastico è effettuato nell'ambito del territorio cittadino, con corse speciali, allo scopo di agevolare la frequenza scolastica. Agli studenti è applicata una tariffa agevolata (abbonamento scolastico annuale) su richiesta scritta in base al reddito ISEE. La tariffa/fascia di appartenenza è determinata sulla base della attestazione ISEE (indicatore della situazione economica equivalente) ai sensi del Decreto Legislativo n. 109/98 e sue successive modifiche ed integrazioni, presentata al momento dell ammissione e/o riconferma al servizio e ha valore per tutto l anno scolastico di riferimento Sopravvenute variazioni delle condizioni del nucleo familiare saranno valutate in base alla normativa vigente all atto della variazione. TRASPORTI NELL AMBITO DEL TERRITORIO CITTADINO (Tariffe di andata e ritorno per la durata dell anno scolastico) ISEE Importo fascia A fino a Euro 5.000,00 (10%) 15,00 fascia B da ,01 a ,00 (25%) fascia C da ,01a ,00 (50%) fascia D da ,01a ,00 (80%) fascia E Oltre , Nel caso di più fratelli, per il minore è prevista la quota intera, per il maggiore o gemello è previsto un abbuono del 50%, dal terzo figlio in avanti è prevista la gratuità. La quota annuale relativa ai trasporti utilizzati dovrà essere versata sul C/C postale n intestato a Comune di Busto Arsizio - Attività scolastiche comunali, utilizzando gli appositi bollettini prestampati dall'ufficio o con bonifico sul CC/BANCARIO intestato a : Tesoreria Comunale P.za Vittorio Emanuele II, 5 - IBAN IT54N ** - In caso di mancato pagamento delle somme dovute, l'amministrazione Comunale si riserva di provvedere alla sospensione del servizio, nei riguardi dell alunno, anche nel corso dell'anno scolastico. Non si provvederà al rimborso delle quote pagate ad eccezione di: sospensione del servizio, cessazione dell utilizzo per trasferimento dell alunno in altra scuola, gravi motivi di salute da documentare.

12 12/13 DIRITTO ALLO STUDIO - SERVIZIO TRASPORTO SPECIALE (riservato a tutti gli utenti che frequentano scuole o centri di riabilitazione speciali). A.S. 2014/2015 Il servizio di trasporto è rivolto ad alunni diversamente abili o in situazioni di disagio che frequentano centri scolastici o di riabilitazione, sia nell'ambito del territorio cittadino che extraurbano. Il trasporto viene effettuato con mezzi speciali, sia a livello individuale che collettivo, a seguito di documentata richiesta da parte delle famiglie e convalidata dalle scuole o dai centri di riabilitazione e cura interessati. Agli utenti viene applicata una tariffa agevolata su richiesta scritta all Ufficio Pubblica Istruzione, e la stessa è determinata sulla base della attestazione ISEE (indicatore della situazione economica equivalente) ai sensi del Decreto Legislativo n. 109/98 e sue successive modifiche ed integrazioni, presentata al momento dell ammissione e/o riconferma al servizio e ha valore per tutto l anno scolastico di riferimento Sopravvenute variazioni delle condizioni del nucleo familiare saranno valutate in base alla normativa vigente all atto della variazione. Solo nei casi di accertato grave disagio sociale, documentato da una dettagliata relazione dell Assistente Sociale di riferimento, potrà essere applicato un abbuono superiore a quello determinato dalla fascia ISEE di appartenenza. Ai non residenti frequentanti scuole cittadine, previa verifica della disponibilità del servizio e a seguito di formale richiesta di utilizzo da parte del Legale Rappresentante del Comune di residenza, verrà applicata la tariffa massima (fascia E). TRASPORTI NELL AMBITO DEL TERRITORIO CITTADINO (Tariffe di andata e ritorno per la durata dell anno scolastico). ISEE Quota annuale fascia A fino a Euro 5.000,00 21,00 fascia B da ,01 a ,00 52,50 fascia C da ,01 a ,00 105,00 fascia D da ,01 a ,00 168,00 fascia E oltre ,00 210,00 TRASPORTI SPECIALI EXTRAURBANI (Tariffe di andata e ritorno per la durata dell anno formativo) ISEE Quota annuale fascia A fino a Euro 5.000,00 48,00 fascia B da ,01 a ,00 120,00 fascia C da ,01 a ,00 242,00 fascia D da ,01 a ,00 386,00 fascia E oltre ,00 483,00

13 13/13 Nel caso di più fratelli, per il minore è prevista la quota intera, per il maggiore o gemello è previsto un abbuono del 50%, dal terzo figlio in avanti è prevista la gratuità. La quota annuale relativa ai trasporti utilizzati dovrà essere versata sul C/C postale n intestato a Comune di Busto Arsizio - Attività scolastiche comunali, utilizzando gli appositi bollettini prestampati dall'ufficio o con bonifico sul CC/BANCARIO intestato a : Tesoreria Comunale P.za Vittorio Emanuele II, 5 - IBAN IT54N In caso di rinuncia del servizio o in caso di sospensione o mancato utilizzo, opportunamente documentato, per un periodo superiore ad un mese è prevista la restituzione della quota relativa al periodo non usufruito. Nel caso di uso dei mezzi per periodi limitati verrà emesso rendiconto mensile, calcolato in percentuale sulle giornate di frequenza, da pagarsi entro il giorno 25 del mese successivo utilizzando gli appositi bollettini prestampati dall'ufficio. ** - In caso di mancato pagamento delle somme dovute, l'amministrazione Comunale si riserva di provvedere alla sospensione del servizio, nei riguardi dell alunno, anche nel corso dell'anno scolastico.

S E R V I Z I D I U R N I P E R D I S A B I L I A N N O 2 0 1 4

S E R V I Z I D I U R N I P E R D I S A B I L I A N N O 2 0 1 4 I S E R V I Z I D I U R N I P E R D I S A B I L I La tariffa mensile per i servizi diurni per disabili adulti per la frequenza dei Centri Diurni Disabili comunali ed esterni, dei Centri Socio Educativi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRASCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRASCOLASTICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRASCOLASTICI Approvato con deliberazione consiliare n.19 del 10.05.2012. Pubblicato all albo pretorio dal 07.06.2012

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA. Servizio Educazione e Cultura Anno scolastico 2014-2015 SERVIZIO SCUOLABUS DELIBERA G. C. N. 103 DEL 19-06-2014

COMUNE DI PISTOIA. Servizio Educazione e Cultura Anno scolastico 2014-2015 SERVIZIO SCUOLABUS DELIBERA G. C. N. 103 DEL 19-06-2014 COMUNE DI PISTOIA Servizio Educazione e Cultura Anno scolastico 2014-2015 SERVIZIO SCUOLABUS Gli utenti che intendono usufruire del servizio di trasporto scolastico devono presentare domanda su apposito

Dettagli

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Comune di Morlupo Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di consiglio comunale n 33 del 08.08.2007 INDICE Art. 1 Oggetto del servizio Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 27.07.2006 - Modificato

Dettagli

Comune di Riolo Terme Settore Scuola Tipologie di procedimento ISCRIZIONE AL TRASPORTO SCOLASTICO

Comune di Riolo Terme Settore Scuola Tipologie di procedimento ISCRIZIONE AL TRASPORTO SCOLASTICO Comune di Riolo Terme Settore Scuola Tipologie di procedimento ISCRIZIONE AL TRASPORTO SCOLASTICO Servizio di Trasporto esclusivamente scolastico per gli alunni e gli studenti che frequentano le scuole

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE NEI SERVIZI PER L'INFANZIA E SCOLASTICI Articolo 1 - Premessa I servizi rivolti all'infanzia e scolastici sono erogati dal Comune che individua in tale ambito

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ATTUAZIONE DEL DIRITTO ALLO STUDIO Art.1. Il Comune di Salò, per garantire il diritto allo studio, secondo i principi formulati negli articoli 3 e 34 della Costituzione

Dettagli

COMUNE DI CREMA Area Servizi al Cittadino Ufficio Scuola

COMUNE DI CREMA Area Servizi al Cittadino Ufficio Scuola SPAZIO RISERVATO AL COMUNE DATA DI PRESENTAZIONE / /2014 PROTOCOLLO N. VALORE I.S.E.E. SCADENZA ISEE COSTO PASTO COMUNE DI CREMA Area Servizi al Cittadino Ufficio Scuola DOMANDA DI ISCRIZIONE SERVIZIO

Dettagli

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Deliberazione di Consiglio Comunale 31 25.09.2002 Approvazione Deliberazione di Consiglio Comunale 14 29.06.2005 Modifica Deliberazione di Consiglio

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI SCOLASTICI 2007-2008

GUIDA AI SERVIZI SCOLASTICI 2007-2008 COMUNE DI IMPRUNETA GUIDA AI SERVIZI SCOLASTICI 2007-2008 Ufficio Relazioni con il Pubblico Piazza Buondelmonti, 41 Lunedì/martedì/giovedì/venerdì/sabato dalle 8.30 alle 12.30 Lunedì e giovedì dalle 15.00

Dettagli

SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRA/SCOLASTICI

SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRA/SCOLASTICI COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRA/SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE Approvato con deliberazione consiliare n. 3 del 15/01/2002,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI 2015/2016

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI 2015/2016 COMUNE DI CALVAGESE DELLA RIVIERA Provincia di Brescia Area Amministrativa Ufficio Pubblica Istruzione 030 601025 int. 4 Fax. 030 601578 scuola@comune.calvagesedellariviera.bs.it CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA INFORMATIVA SERVIZI SCOLASTICI A.S. 2014/15 COMUNE DI CADONEGHE

UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA INFORMATIVA SERVIZI SCOLASTICI A.S. 2014/15 COMUNE DI CADONEGHE UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA Cadoneghe Vigodarzere INFORMATIVA SERVIZI SCOLASTICI A.S. 2014/15 COMUNE DI CADONEGHE SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Come iscriversi al servizio mensa nel corso dell anno

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Attività Educative, Giovanili e Sportive Servizio Attività Scolastiche e Giovanili

COMUNE DI SASSARI Settore Attività Educative, Giovanili e Sportive Servizio Attività Scolastiche e Giovanili Allegato A Deliberazione G.C. N 113 del 26 maggio 2015 COMUNE DI SASSARI Settore Attività Educative, Giovanili e Sportive Servizio Attività Scolastiche e Giovanili MODALITA' DI ACCESSO AL SERVIZIO DI RISTORAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 24 IN DATA 18/06/2012 INDICE TITOLO I NORME GENERALI TITOLO II TRASPORTO SCOLASTICO

Dettagli

CITTA DI SAN GIOVANNI VALDARNO (Provincia di Arezzo) ISCRIZIONE AI SERVIZI EDUCATIVI COMUNALI DELL INFANZIA. Io sottoscritto/a in.

CITTA DI SAN GIOVANNI VALDARNO (Provincia di Arezzo) ISCRIZIONE AI SERVIZI EDUCATIVI COMUNALI DELL INFANZIA. Io sottoscritto/a in. CITTA DI SAN GIOVANNI VALDARNO (Provincia di Arezzo) ISCRIZIONE AI SERVIZI EDUCATIVI COMUNALI DELL INFANZIA Al Sindaco della Città di San Giovanni Valdarno Io sottoscritto/a in qualità di codice fiscale:

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 66 in data 13 luglio 2005 Indice 1.

Dettagli

C o m u n e d i T r i b i a n o Provincia di Milano

C o m u n e d i T r i b i a n o Provincia di Milano C o m u n e d i T r i b i a n o Provincia di Milano SERVIZI SCOLASTICI ANNO 2015-2016 Ai Genitori degli alunni della Scuola dell infanzia, primaria e secondaria di I grado In allegato alla presente si

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA A.S. 2015-2016. CRITERI PER L ACCESSO E TARIFFE

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA A.S. 2015-2016. CRITERI PER L ACCESSO E TARIFFE COMUNE DI SAN PELLEGRINO TERME Provincia di Bergamo SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA A.S. 2015-2016. CRITERI PER L ACCESSO E TARIFFE FINALITA E DESTINATARI. Il servizio di refezione scolastica è finalizzato

Dettagli

REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA C i t t à d i B a c o l i (Prov. di Napoli) REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA (Approvato con Delibera di C.C. n. 8 del 28.03.2011) ANNO 2010 1 CAPO I NORME GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente

Dettagli

ALLEGATO B SCHEDE SERVIZI INTEGRATIVI E CENTRI ESTIVI

ALLEGATO B SCHEDE SERVIZI INTEGRATIVI E CENTRI ESTIVI ALLEGATO B SCHEDE SERVIZI INTEGRATIVI E CENTRI ESTIVI 1 SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI E STATALI, E NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 13.4.2010 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO

REGOLAMENTO INTERVENTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO REGOLAMENTO INTERVENTI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO Refezione Scolastica Interventi di sostegno economico e per il miglioramento dell offerta formativa Trasporto Scolastico REGOLAMENTO - INTERVENTI PER IL

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari Settore - Servizio Istruzione e Cultura

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari Settore - Servizio Istruzione e Cultura COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari Settore - Servizio Istruzione e Cultura Approvato con deliberazione della G.C. n. 68 del 13.05.2015 MODALITA DI ACCESSO AL SERVIZIO MENSA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

COMUNE DI QUARTU S. ELENA PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI QUARTU S. ELENA PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI QUARTU S. ELENA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO TARIFFARIO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO E PER IL SERVIZIO MENSA NELLA SCUOLA DELL OBBLIGO E DELL INFANZIA Licenziato dalla V^ Commissione nella

Dettagli

Riepilogo norme Regolamento A.s. 2016/2017

Riepilogo norme Regolamento A.s. 2016/2017 Riepilogo norme Regolamento A.s. 2016/2017 Alla Scuola dell'infanzia Divina Provvidenza per l'anno scolastico 2016/2017 possono essere iscritti tutti i bambini che abbiano compiuto o compiono entro il

Dettagli

Sezione Primavera a Borgo Palazzo

Sezione Primavera a Borgo Palazzo SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI INFANZIA E GENITORIALITÀ CENTRO FAMIGLIA Via Legrenzi, 31 24124 Bergamo Bg Tel. 035-399593 / fax 035-399380 e-mail: centrofamiglia@comune.bg.it Sezione Primavera a Borgo Palazzo

Dettagli

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. Comune di Cento REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA.doc REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio di mensa scolastica è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO (decorrenza dal mese di aprile 2015 e A.S. 2015/16)

SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO (decorrenza dal mese di aprile 2015 e A.S. 2015/16) Allegato A) Servizi a domanda individuale Estratto Delibera di Giunta n. 25 del 26/02/2015 SCOLASTICA (decorrenza dal mese di aprile 2015 e A.S. 2015/16) SERVIZIO DI 5 GG. SETTIMANALI addebito in conto

Dettagli

Comune di Caselle Landi Provincia di Lodi REGOLAMENTO TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

Comune di Caselle Landi Provincia di Lodi REGOLAMENTO TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA Comune di Caselle Landi Provincia di Lodi REGOLAMENTO TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA anno 2007 TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 I servizi di trasporto e mensa scolastica nella fascia di istruzione dalla

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Scolastiche e Giovanili

COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Scolastiche e Giovanili Allegato A alla D.G.M. N 132 del 22/05/2013 COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Scolastiche e Giovanili MODALITA' DI ACCESSO AL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti DISCIPLINARE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti DISCIPLINARE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA MUNICIPIO DELLA CITTA DEL VASTO Provincia di Chieti DISCIPLINARE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Delibera di G.C. N. 267 del 19.08.2010 1 Articolo 1 Indirizzi generali Il servizio di mensa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI MARCIGNAGO Prov. Pavia REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 7 del 13.03.2006 INDICE ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Città Metropolitana di Roma Capitale REGOLAMENTO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 22 luglio 2015 1 INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Pag.

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE LL7/21 del 10 settembre 2015 P.G. 121870/2015

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE LL7/21 del 10 settembre 2015 P.G. 121870/2015 COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE Area: ISTRUZIONE E INFANZIA Servizio Proponente: CAPO AREA Dirigente Responsabile: Dott.ssa Dianella Maroni Cod. punto terminale: AEDUC Ravenna, 10 settembre

Dettagli

Il mancato rispetto dei termini d iscrizione comporta l applicazione di una penale di 20,00.

Il mancato rispetto dei termini d iscrizione comporta l applicazione di una penale di 20,00. COMUNE DI SAN PELLEGRINO TERME Provincia di Bergamo SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA A.S. 2014-2015. CRITERI PER L ACCESSO E TARIFFE FINALITA E DESTINATARI. Il servizio di refezione scolastica è finalizzato

Dettagli

ANNO EDUCATIVO 2015/2016

ANNO EDUCATIVO 2015/2016 ANNO EDUCATIVO 2015/2016 REGOLAMENTO Art. 1 - Finalità 1.1. Garantire la piena espressione della soggettività dei bambini e delle bambine dando spazio, in un contesto adeguatamente strutturato, alla motivazione

Dettagli

PRESENTO DOMANDA di iscrizione per l anno educativo 2014-2015

PRESENTO DOMANDA di iscrizione per l anno educativo 2014-2015 Approvata con D.D. n.51 del 23.01.2015 CITTA DI SAN GIOVANNI VALDARNO (Provincia di Arezzo) ISCRIZIONE AI SERVIZI EDUCATIVI COMUNALI DELL INFANZIA Al Sindaco della Città di San Giovanni Valdarno Io sottoscritto/a

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 MODULO DI DOMANDA PER SERVIZI

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 MODULO DI DOMANDA PER SERVIZI San Gillio, 22/05/2013 Prot 4512/2013 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 MODULO DI DOMANDA PER SERVIZI MENSA SCUOLA DELL INFANZIA MENSA SCUOLA PRIMARIA TRASPORTO ALUNNI (SCUOLA PRIMARIA: SERVIZIO SCUOLABUS) PRE

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 145 del 02/07/2015 )

COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 145 del 02/07/2015 ) ORIGINALE COMUNE DI CIVITAVECCHIA PROVINCIA DI ROMA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE (Deliberazione n. 145 del 02/07/2015 ) OGGETTO: SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE: DETERMINAZIONI RETTA ASILO

Dettagli

TARIFFE SERVIZI SCOLASTICI A.S. 2015-2016

TARIFFE SERVIZI SCOLASTICI A.S. 2015-2016 TARIFFE SERVIZI SCOLASTICI A.S. 2015-2016 REFEZIONE SCOLASTICA (decorrenza dal 1/09/2015) REFEZIONE CON 5 RIENTRI (per le scuole dell'infanzia e per le scuole primarie con frequenza su 5 rientri) Quota

Dettagli

Comune di OSNAGO. Servizio Istruzione

Comune di OSNAGO. Servizio Istruzione Comune di OSNAGO Servizio Istruzione Viale delle Rimembranze,3 23875 Osnago (Lecco) Tel. 039 9225114 Funzione Associata Lomagna/Osnago e mail: istruzione@comune.lomagna.lc.it ******************************************************

Dettagli

COMUNE di ACI CASTELLO Libero Consorzio di Catania

COMUNE di ACI CASTELLO Libero Consorzio di Catania COMUNE di ACI CASTELLO Libero Consorzio di Catania Regolamento per l erogazione del servizio di mensa scolastica. 1 Indice Art. 1 Art. 2 Oggetto del Regolamento e finalità del servizio Destinatari del

Dettagli

COMUNE DI INCISA IN VAL D ARNO Provincia di Firenze

COMUNE DI INCISA IN VAL D ARNO Provincia di Firenze COMUNE DI INCISA IN VAL D ARNO Provincia di Firenze REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 87 del 30.11.2006 IL SEGRETARIO COMUNALE (Dott. Aldo

Dettagli

Un posto a tavola Servizio refezione scolastica Anno scolastico 2014-2015 1 UN POSTO A TAVOLA ISCRIZIONE AL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

Un posto a tavola Servizio refezione scolastica Anno scolastico 2014-2015 1 UN POSTO A TAVOLA ISCRIZIONE AL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Un posto a tavola Servizio refezione scolastica Anno scolastico 2014-2015 1 UN POSTO A TAVOLA ISCRIZIONE AL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA A.S. 2014-2015 Un posto a tavola Servizio refezione scolastica

Dettagli

I SERVIZI SCOLASTICI

I SERVIZI SCOLASTICI COMUNE DI LIMBIATE SERVIZI EDUCATIVI - ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Informazioni e modalità di iscrizione Via Monte Bianco n. 2 Limbiate, MB telefono 02.99097222, fax. 02.99097586 servizi.educativi@comune.limbiate.mb.it

Dettagli

Anno scolastico 2015/2016

Anno scolastico 2015/2016 AREA SERVIZI ALLA PERSONA CARTA DEI SERVIZI Pre-post scuola - Trasporto scolastico Anno scolastico 2015/2016 Servizio Istruzione, Educazione e Formazione Via Col di Lana 10 Tel 02.93527.520-521-518 e.mail:

Dettagli

COMUNE DI GAVIRATE Varese Piazza Matteotti 8 21026 Gavirate C.F. 00259850121. S E R V I Z I S C O L A S T I C I Foglio informativo A.S.

COMUNE DI GAVIRATE Varese Piazza Matteotti 8 21026 Gavirate C.F. 00259850121. S E R V I Z I S C O L A S T I C I Foglio informativo A.S. COMUNE DI GAVIRATE Varese Piazza Matteotti 8 21026 Gavirate C.F. 00259850121 S E R V I Z I S C O L A S T I C I Foglio informativo A.S. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DEI SERVIZI Fa capo al Funzionario

Dettagli

BANDO 2014 PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ISTRUZIONE FINANZIATI CON FONDI REGIONALI E COMUNALI

BANDO 2014 PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ISTRUZIONE FINANZIATI CON FONDI REGIONALI E COMUNALI C O M U N E di A S S E M I N I Provincia di Cagliari AREA AMMINISTRAZIONE E FINANZE SERVIZIO ISTRUZIONE Ufficio Istruzione - Via Cagliari snc (ex Scuole Pintus) - tel. e fax 070\949476-070\949458 e-mail

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Scolastiche e Giovanili

COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Scolastiche e Giovanili Allegato A alla Delibera Commissario Comunale n 41 del 7/05/2014 COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Scolastiche e Giovanili MODALITA' DI ACCESSO AL SERVIZIO DI

Dettagli

LE ATTIVITA E I SERVIZI OFFERTI

LE ATTIVITA E I SERVIZI OFFERTI SERVIZI SCOLASTICI L ufficio Pubblica Istruzione si trova in Piazza XXVI Aprile, n. 16. L ufficio è aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30 Telefono 030 7479225 - E-mail:

Dettagli

Comune di Ballabio Provincia di Lecco REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

Comune di Ballabio Provincia di Lecco REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Comune di Ballabio Provincia di Lecco REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di C.C. n. 24 del 6 novembre 2011 INDICE ART.1 ART.2 ART.3 ART.4 ART.5 ART.6 ART.7 ART.8

Dettagli

REGOLAMENTO ISCRIZIONI E RETTE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO ISCRIZIONI E RETTE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNE DI CESENA SETTORE CULTURA E PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCUOLE E NIDI D INFANZIA REGOLAMENTO ISCRIZIONI E RETTE SCUOLE DELL INFANZIA APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 10/2004 E MODIFICATO CON DELIBERE

Dettagli

Domanda di iscrizione al Servizio Mensa Scolastica (Valida per tutto il ciclo scolastico salvo disdetta*)

Domanda di iscrizione al Servizio Mensa Scolastica (Valida per tutto il ciclo scolastico salvo disdetta*) COMUNE DI CENTO Servizi alla Persona Servizi Culturali Servizi Scolastici Domanda di iscrizione al Servizio Mensa Scolastica (Valida per tutto il ciclo scolastico salvo disdetta*) *da compilare in apposita

Dettagli

Il/ la sottoscritto/a. Nato/a a il. Residente nel Comune di Loc. Via/Piazza Codice Fiscale. Telefono Cell. e-mail C H I E D E

Il/ la sottoscritto/a. Nato/a a il. Residente nel Comune di Loc. Via/Piazza Codice Fiscale. Telefono Cell. e-mail C H I E D E AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI VICOPISANO OGGETTO: DOMANDA DI UTILIZZO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA A.S.2010/11. Il/ la sottoscritto/a Nato/a a il Residente nel Comune di Loc. Via/Piazza Codice Fiscale Telefono

Dettagli

4) Quando devo presentare la domanda per avere le riduzioni delle tariffe?

4) Quando devo presentare la domanda per avere le riduzioni delle tariffe? Comune di Medicina AREA SERVIZI ESTERNI Ufficio Scuola Cultura Sport Via Pillio n. 1 - Medicina tel. 051 6979246-247-282 - fax. 051 6979321 serviziallapersona@comune.medicina.bo.it 1) Quali sono i servizi

Dettagli

I SERVIZI SCOLASTICI

I SERVIZI SCOLASTICI COMUNE DI LIMBIATE SERVIZI EDUCATIVI - ANNO SCOLASTICO 2016/2017 Informazioni e modalità di iscrizione Via Monte Bianco n. 2 Limbiate, MB telefono 02.99097632-230-327, fax. 02.99097213 servizi.educativi@comune.limbiate.mb.it

Dettagli

INFORMATIVA RELATIVA ALLE RETTE DEI NIDI D'INFANZIA PER L'ANNO EDUCATIVO 2015/2016

INFORMATIVA RELATIVA ALLE RETTE DEI NIDI D'INFANZIA PER L'ANNO EDUCATIVO 2015/2016 Comune di Casalecchio di Reno Via dei Mille, 9 40033 Casalecchio di Reno (BO) Area Servizi Istituzionali e Welfare Servizi educativi, scolastici e di integrazione sociale INFORMATIVA RELATIVA ALLE RETTE

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO

REGOLAMENTO ASILO NIDO REGOLAMENTO ASILO NIDO (ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. N. 3 DEL 24/1/2011 ) TITOLO I GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Finalità del servizio 1. L asilo nido è un luogo di accoglienza e cura, di crescita,

Dettagli

Sezione anagrafica DIREZIONE SETTORE

Sezione anagrafica DIREZIONE SETTORE Sezione anagrafica DIREZIONE SETTORE SERVIZIO UFFICIO PROCEDIMENTO RESPONSABILE/I DEL PROCEDIMENTO AREA N.6 - SERVIZI ALLA PERSONA CULTURA - SPORT -TURISMO PUBBLICA ISTRUZIONE PUBBLICA ISTRUZIONE VIA CAVOUR,

Dettagli

A V V I S O PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016. Ai genitori dei bambini frequentanti la mensa delle Scuole dell Infanzia e Primarie

A V V I S O PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016. Ai genitori dei bambini frequentanti la mensa delle Scuole dell Infanzia e Primarie Orbassano, 19.05.2015 Prot. n. 13573/Fa A V V I S O PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Ai genitori dei bambini frequentanti la mensa delle Scuole dell Infanzia e Primarie O R B A S S A N O Si comunica che,

Dettagli

REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA RÉGION AUTONOME DE LA VALLÉE D'AOSTE

REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA RÉGION AUTONOME DE LA VALLÉE D'AOSTE REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA RÉGION AUTONOME DE LA VALLÉE D'AOSTE C O M U N E D I M O R G E X C O M M U N E D E M O R G E X REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA Approvato

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA INDICE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 MODALITA DI GESTIONE ART. 3 SERVIZIO A DOMANDA INDIVIDUALE ART. 4 CRITERI

Dettagli

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE . COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE DISCIPLINARE recante criteri e modalità di presentazione delle domande di accesso e formazione della graduatoria Approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA COMUNE DI BASCHI PROVINCIA DI TERNI REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA (Approvato con delibera consiliare n. 50 del 30.09.2010) TITOLO I Norme Generali TITOLO II Trasporto

Dettagli

PARROCCHIA S. MARIA BOLZANO VICENTINO Asilo Nido Il Melograno Piazzale Oppi 5 Bolzano Vicentino

PARROCCHIA S. MARIA BOLZANO VICENTINO Asilo Nido Il Melograno Piazzale Oppi 5 Bolzano Vicentino PARROCCHIA S. MARIA BOLZANO VICENTINO Asilo Nido Il Melograno Piazzale Oppi 5 Bolzano Vicentino ANNO EDUCATIVO 2015/16 1. REQUISITI PER L AMMISSIONE Al servizio di Asilo Nido sono ammessi i bambini di

Dettagli

COMUNE DI MONZA - SERVIZI SCOLASTICI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONZA - SERVIZI SCOLASTICI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONZA - SERVIZI SCOLASTICI Il Comune di Monza mette a disposizione degli alunni delle scuole monzesi e dei residenti alcuni servizi:» Mense» Pre e post scuola» Scuola bus» Centri estivi» Autodeterminazione

Dettagli

COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze Settore I Servizi Amministrativi Ufficio Istruzione

COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze Settore I Servizi Amministrativi Ufficio Istruzione BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 36 POSTI NEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA (12 36 mesi) ANNO 2014/2015 IL RESPONSABILE DEL SETTORE I^ PREMESSO che: - con Legge Regionale 22 novembre 2013, n. 67

Dettagli

Allegato A RETTA SERVIZIO DI ENTRATA ANTICIPATA ALUNNI SCUOLA DELL'INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO ANNO SCOLASTICO 2016-2017

Allegato A RETTA SERVIZIO DI ENTRATA ANTICIPATA ALUNNI SCUOLA DELL'INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO ANNO SCOLASTICO 2016-2017 Allegato A RETTA SERVIZIO DI ENTRATA ANTICIPATA ALUNNI SCUOLA DELL'INFANZIA, SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO ANNO SCOLASTICO 2016-2017 utenza servizio costo annuo (IVA ESENTE) n. rate scadenza

Dettagli

CAPO I NORME GENERALI

CAPO I NORME GENERALI COMUNE DI MERCATO SARACENO Provincia di Forlì Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione C.C. n. 30 del 21.04.2009 Modificato con deliberazione C.C. n. 43

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 1. SCOPO DEL REGOLAMENTO L I.S.E.E. è lo strumento di valutazione

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TERRACINA REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI

AZIENDA SPECIALE TERRACINA REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI AZIENDA SPECIALE TERRACINA REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL AZIENDA SPECIALE DEL N.. TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Definizione

Dettagli

Città di Moncalieri Settore Istruzione Ufficio Mensa

Città di Moncalieri Settore Istruzione Ufficio Mensa Città di Moncalieri Settore Istruzione Ufficio Mensa GUIDA AL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Modalittà dii isscrri i izione,, ttarri iffe,, calcolo Issee,, rri ichiesstta diette sspeci iali.. La gestione

Dettagli

La mancata accettazione entro i termini previsti oppure il recesso successivo, comportano la cancellazione dalla graduatoria. AMMISSIONI PRIORITARIE

La mancata accettazione entro i termini previsti oppure il recesso successivo, comportano la cancellazione dalla graduatoria. AMMISSIONI PRIORITARIE COMUNE DI CIMONE MODALITA DI FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO CIMONE E DEFINIZIONE DELLE GRADUATORIE (approvato con Deliberazione della Giunta comunale n.38 dd. 10.06.2015) 1. SEDE La gestione del servizio

Dettagli

SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA 1 SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA 2 SCHEDA INFORMATIVA Il servizio refezione è rivolto agli alunni delle scuole dell infanzia, primaria e secondaria di 1 grado che effettuano il tempo prolungato. Il servizio

Dettagli

PRESENTO DOMANDA di iscrizione per l anno educativo 2015-2016

PRESENTO DOMANDA di iscrizione per l anno educativo 2015-2016 Approvata con Det. n. del CITTA DI SAN GIOVANNI VALDARNO (Provincia di Arezzo) ISCRIZIONE AI SERVIZI EDUCATIVI COMUNALI DELL INFANZIA Al Sindaco della Città di San Giovanni Valdarno Io sottoscritto/a In

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 ELENCO DEI SERVIZI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 ELENCO DEI SERVIZI C O M U N E DI O P E R A PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO DEI SERVIZI SCOLASTICI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C. C. N. 12 DEL 10 APRILE 2013 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 ELENCO DEI SERVIZI

Dettagli

TARIFFE PRESTAZIONI NELL'INTERESSE DI TERZI, NOLEGGI, CONCESSIONI D'USO DI IMPIANTI E LOCALI DI PROPRIETA' COMUNALE. Anno 2015

TARIFFE PRESTAZIONI NELL'INTERESSE DI TERZI, NOLEGGI, CONCESSIONI D'USO DI IMPIANTI E LOCALI DI PROPRIETA' COMUNALE. Anno 2015 TARIFFE PRESTAZIONI NELL'INTERESSE DI TERZI, NOLEGGI, CONCESSIONI D'USO DI IMPIANTI E LOCALI DI PROPRIETA' COMUNALE Anno 2015 NOTA: Quando l applicazione delle tariffe è fissata con decorrenza successiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE Settore Socio-Culturale Approvato con Del. Del Consiglio Comunale n. 10 del 05/03/2010 Art. 1 FINALITÀ 1. Il Centro Gioco Educativo

Dettagli

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA PROVINCIA DI VARESE

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA PROVINCIA DI VARESE COMUNE DI CASSANO VALCUVIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE E LA PRESTAZIONE DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE ART.1 OGGETTO E RIFERIMENTI Il presente Regolamento disciplina l applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLE RETTE RELATIVE AI SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLE RETTE RELATIVE AI SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELLE RETTE RELATIVE AI SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI Approvato con delib. di C.C. n. 84 del 29/11/2010 Modificato con delib. C.C. n. 37 del 26/07/2012 COMUNE DI CASTENASO

Dettagli

UFFICIO ISTRUZIONE E CULTURA. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 10.02.11

UFFICIO ISTRUZIONE E CULTURA. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 10.02.11 COMUNE C DI CALCI (Prov.( di Pisa) UFFICIO ISTRUZIONE E CULTURA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 10.02.11 CAP. 1 - FINALITA DEL SERVIZIO E RESPONSABILITA DELL ORGANIZZAZIONE

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO COMUNE DI GAVIRATE Varese Piazza Matteotti 8 21026 Gavirate C.F. 00259850121 S E R V I Z I S C O L A S T I C I Foglio informativo A.S. 2015/2016 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DIREZIONE DEI SERVIZI Fa

Dettagli

Sezione Primavera a Borgo Palazzo

Sezione Primavera a Borgo Palazzo ISTITUZIONE PER I SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZIO INFANZIA E GENITORIALITA c/o Centro Famiglia Via Legrenzi, 31 24124 Bergamo Bg Tel. 035-399593 / fax 035-399380 e-mail: centrofamiglia@comune.bg.it Sezione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA Comune Di Castrolibero (Prov. di Cosenza) REGOLAMENTO COMUNALE DEI SERVIZI DI TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO N 17 DEL 27.04.2007 MODIFICATO CON DELIBERE DI CONSIGLIO N

Dettagli

COMUNE DI CASALBORGONE (Provincia di Torino) CAP. 10020 Tel. 011 91.74.302 Fax 011 91.85.007 e-mail: info@comune.casalborgone.to.

COMUNE DI CASALBORGONE (Provincia di Torino) CAP. 10020 Tel. 011 91.74.302 Fax 011 91.85.007 e-mail: info@comune.casalborgone.to. COMUNE DI CASALBORGONE (Provincia di Torino) CAP. 10020 Tel. 011 91.74.302 Fax 011 91.85.007 e-mail: info@comune.casalborgone.to.it REGOLAMENTO PER I SERVIZI A DOMANDA INDIVIDUALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Comune di CASTELLAMONTE Provincia di Torino REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 65 del 30 settembre 2009) 1 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento,

Dettagli

Settore 3 Servizi al Cittadino

Settore 3 Servizi al Cittadino Settore 3 Servizi al Cittadino Deliberazione della G.R. n.104/2014 Avviso pubblico per la realizzazione di Progetti finalizzati al sostegno alle famiglie per la frequenza delle scuole dell'infanzia paritarie,

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n 69 del 15/11/2007 Art. 1 Oggetto e riferimenti 1.

Dettagli

CASA MORGANA cooperativa sociale a r.l.

CASA MORGANA cooperativa sociale a r.l. CASA MORGANA cooperativa sociale a r.l. BANDO PER L ACCESSO AI POSTI RISERVATI ALL AZIENDA U.S.L. PRESSO IL NIDO D INFANZIA CASA MORGANA a.e. 2003/04 ASILO NIDO CASA MORGANA E' un servizio educativo e

Dettagli

CONVENZIONE TRA.. E IL COMUNE DI MOLFETTA - SETTORE SOCIO EDUCATIVO PER AMPLIAMENTO DELL OFFERTA PUBBLICA DI POSTI NIDO.

CONVENZIONE TRA.. E IL COMUNE DI MOLFETTA - SETTORE SOCIO EDUCATIVO PER AMPLIAMENTO DELL OFFERTA PUBBLICA DI POSTI NIDO. CONVENZIONE TRA.. E IL COMUNE DI MOLFETTA - SETTORE SOCIO EDUCATIVO PER AMPLIAMENTO DELL OFFERTA PUBBLICA DI POSTI NIDO. TRA II Comune di Molfetta, Partita I.V.A./C.F....., sede legale in Via Carnicella

Dettagli

Regolamento Tariffario dei servizi educativi: Asili Nido, Piccoli&Grandi, giochi serali, centri ricreativi estivi

Regolamento Tariffario dei servizi educativi: Asili Nido, Piccoli&Grandi, giochi serali, centri ricreativi estivi Regolamento Tariffario dei servizi educativi: Asili Nido, Piccoli&Grandi, giochi serali, centri ricreativi estivi Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.58 del 03.12.2012 In vigore dal 22.01.2013

Dettagli

Città di Martinsicuro. Medaglia di Bronzo al Valor Civile CARTA DEI SERVIZI

Città di Martinsicuro. Medaglia di Bronzo al Valor Civile CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI Servizio Diritto allo Studio: Nido d'infanzia comunale Scuole dell'infanzia paritaria comunali Rimborso per libri di testo Borse di studio comunali per meriti scolastici Trasporto scolastico

Dettagli

Regolamento asilo nido Comunale

Regolamento asilo nido Comunale Allegato E CITTA DI OLGIATE COMASCO Provincia di Como TEL.031 994611 FAX 031 944792 Regolamento asilo nido Comunale Approvato con deliberazione di C.C. n. 16 del 15.4.2003 Modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA COMUNALE Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 47 del 30.09.2003 pubblicata in data 06.10.2003 Modificato con delibera Consiglio Comunale n. 49 del 03.11.2004 pubblicata

Dettagli

COMUNE DI SAMATZAI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI SAMATZAI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI SAMATZAI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA - Approvato con delibera C.C. n. 33 del 03/09/2010 IL SINDACO (F.to Alberto PILLONI) IL SEGRETARIO COMUNALE (F.to D.ssa Giovanna

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N.

REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. REGOLAMENTO ISEE PER L ACCESSO E LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5 DICEMBRE 2013, N. 159 Approvato con deliberazione del consiglio dell unione n

Dettagli