Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto"

Transcript

1 CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona

2 Sommario La ramificazione del pioppo La potatura modalità epoca Attrezzatura L evoluzione della potatura in Italia Indicazioni per i nuovi cloni

3 La ramificazione nel pioppo I pioppi hanno una fillotassi elicoidale 3/8 (numeri di Fibonacci); in Populus deltoides si passa da 2/5 a 3/8 e poi a 5/13 con la crescita (Larson, 1977).

4 La ramificazione nel pioppo - Gemme Ibernanti o dormienti Sottogemme o latenti, sviluppate alla base di rami sillettici

5 La potatura Le finalità della potatura possono essere sintetizzate nei seguenti punti: Favorire la formazione di fusti diritti, esenti da biforcazioni ed altre malformazioni per l altezza desiderata (5-7 m nel pioppo) Consentire la produzione di legno esente da nodi Il primo punto è importante per tutte le latifoglie (ramificazione simpodiale) che hanno in genere una dominanza apicale inferiore a quella delle conifere (ramificazione monopodiale) e spesso soggette alla biforcazione del fusto anche a breve distanza dalla base.

6 Potatura naturale (cladoptosi) Ha luogo dopo la chiusura della chioma, è un processo lento e il mantenimento per lungo tempo di rami e di monconi secchi nella parte bassa della chioma determina la comparsa di gravi difetti nel legno. Nelle latifoglie la cladoptosi interessa in genere i rami più piccoli e solo in alcune specie (eucalitti) può interessare le branche più grosse 6

7 Modalità di potatura Nelle latifoglie si possono distinguere: Tagli di formazione del fusto (o potatura di allevamento) Tagli di pulizia (o potatura di produzione) Con la prima si procede alla correzione delle biforcazioni del fusto, alla sostituzione delle cime danneggiate da fattori biotici o abiotici. Nel pioppeto la potatura deve essere iniziata sin dal primo anno; soprattutto nei suoli più fertili. Talvolta si deve iniziare già a partire da giugno/luglio del primo anno 7

8 Modalità di potatura I tagli di formazione riguardano anche i rami che tendono a raddrizzarsi e a divenire concorrenti del cimale e i succhioni. I tagli devono essere protratti fino a che non si sia formata una porzione di fusto di altezza sufficiente a fornire assortimenti di pregio. Per contenere lo sviluppo di rami indesiderati che non si possono tagliare senza ridurre troppo bruscamente la chioma della giovane piante si può effettuare l asportazione, in primavera dei meristemi terminali (cimatura) 8

9 Modalità di potatura I tagli di pulizia del fusto vanno effettuati gradualmente, sin dal primo anno L altezza di fusto pulito per i pioppi va da un minimo di 3-3,50 m già sufficiente per produrre un toppo da trancia fino ai 5-7 m Al disopra di tali limiti cessa la convenienza economica a causa del ridotto diametro del fusto e/o degli elevati costi dell intervento blastotomico. 9

10 Epoca di potatura Il periodo ottimale è il riposo vegetativo. Sono da evitare però i periodi di gelo a causa della fragilità della corteccia. Al primo anni si può agire anche in estate verso la fine di giugno - inizio luglio quando la pianta, in piena attività, riesce a cicatrizzare le ferite e non emette rami epicormici. È bene comunque evitare i periodi di forte risalita della linfa perché il liquido che fouriesce dalle ferite attira insetti e favorisce i marciumi L asportazione dei rami secchi può essere fatta in qualsiasi momento dell anno. 10

11 Modalità di taglio Per ottenere una buona cicatrizzazione la superficie del taglio deve essere liscia, senza slabbrature, che non permetta il ristagno dell acqua; Non si devono lasciare monconi (tranne nel caso delle cimature); Il taglio non deve essere troppo rasente il fusto per evitare di intaccare il collare (rigonfiamento che riveste un ruolo fondamentale nei processi di cicatrizzazione della ferita prodotta dalla potatura). 11

12 Attrezzatura Potatura bassa fino a 2 2,5 m dal suolo: Motosega super leggera (barra di cm e peso <3,5 kg) Seghetti manuali con lama tagliente nei due sensi Cesoie pneumatiche Cesoie idrauliche Con la motosega la produttività è elevata piante per ora per operaio ma il taglio è sfilacciato con problemi di cicatrizzazione Con le cesoie il taglio è netto ma la produttività è inferiore, piante per ora per operaio 12

13 Attrezzatura Potatura medio-alta fino a 5 m dal suolo: Asta potatrice (che sulla cima porta un coltello trapezoidale; con colpi dal basso vengono recisi i rami) Con l asta la produttività varia tra 15 e 30 piante per ora per operaio 13

14 Attrezzatura Potatura medio-alta fino a 5 m dal suolo: Cesoie manuali su asta Cesoie pneumatiche o idrauliche montate su cestello elevatore Per questa operazione è sconsigliato l uso delle seghe a catena e a disco su aste. 14

15 Attrezzature 15

16 METODI DI POTATURA UTILIZZATI NEL PASSATO Primi anni 50, PICCAROLO metodo valido per turni di 15 anni, larghe distanze d impianto, cloni con crescita lenta. Anni Interventi Interventi di formazione fusto 4-5 Potatura completa del terzo basale. Fusto tarchiato, resistenza vento 7-8 Potatura prima metà basale 9-10 Potatura 2/3 basali del fusto.

17 Metodo Piccarolo Vantaggi: facilità di intervento. robustezza del fusto. Svantaggi: nei nuovi cloni che crescono velocemente al 4-5 anno i rami tagliati sarebbero troppo grossi e lascerebbero nodi troppo evidenti. Inoltre al 9-10 anno l impianto è già pronto per l abbattimento.

18 Primi anni 60, Chiarabba Sistema di potatura a diametro fisso Consiste nell eliminazione di tutti i rami inseriti nella porzione di fusto con diametro pari a cm. Con l accrescimento del fusto l intervento viene effettuato sempre più in alto fino a 5-7 m d altezza. Vantaggi: facilità di intervento anche per i meno esperti Svantaggi: prevede interventi di sola pulizia ma non di formazione. È adatto solo per i vecchi cloni canadesi con lento accrescimento giovanile

19 Primi anni 60, Chiarabba Sistema di potatura a diametro fisso

20 Primi anni 60, Fregoni Sistema di potatura precoce Prevedeva l eliminazione graduale di tutti i rami presenti nei primi 5-7 m di fusto a partire dall agosto del 2 anno fino al 4. Ogni anno i rami dovevano essere eliminati su una porzione di fusto con diametro non inferiore a 10 cm. Vantaggi: asportando rami di diametro sempre ridotto si ottiene un elevata qualità del legno. Svantaggi: la precoce asportazione dei rami per un altezza di 5-7 m già nei primi anni provoca una notevole flessione nell incremento di crescita.

21 Primi anni 60, Sekawin Sistema di potatura selettiva Eliminazione dei rami che tendono ad ingrossare troppo, indipendentemente dalla loro posizione, dall età delle piante e dal diametro. Vantaggi: evitano nodi grossi che tolgono qualità al legno. Svantaggi: l architettura della piante non è equilibrata e potrebbe creare malformazioni del fusto e danni da vento

22 Fine anni 70 (1979) Avanzo Propone un metodo adatto in particolare al clone I-214 e ad cloni a lenta crescita Ripropone il metodo di taglio a diametro fisso per i pioppeti costituiti nell Italia Centro- Meridionale con i cloni tradizionali caratterizzati da accrescimento giovanile lento Vantaggi: facile applicazione Svantaggi: non è adatto ai nuovi cloni a rapido accrescimento

23 Anni 80 Frison Sistema di potatura basato sulla modalità di ramificazione e sulla fisiologia della pianta Il metodo è tuttora utilizzato e valido per i cloni coltivati anche se per gli ultimi registrati è necessario modificare i tempi di intervento. Le modalità sono distinte in base all età delle pioppelle (1 o 2 anni), mentre per quanto riguarda le varie tipologie di cloni è molto importante anche l osservazione delle modalità di crescita.

24 Pioppelle di un anno hanno una distribuzione delle gemme diversa rispetto a pioppelle di due anni ed astoni da ceppaia. 1 anno da talea: alte tra 3 e 4 m, hanno gemme svernanti ben distribuite su tutto il fusto. Formano chioma nei 2/3 apicali. Astoni di un anno da ceppaia di 2 o 3 anni: alti fino a 5 m, hanno molti rami sillettici e le gemme sono concentrate solo nella parte apicale del fusto.

25 Pioppelle di 2 anni da talea: alte tra 6 e 8 m, gemme svernanti nella metà superiore del fusto e sottogemme nella parte mediano basale. Gemme basali e sottogemme rimangono per lo più dormienti.

26 Per i nuovi cloni (Dvina, Lena, Neva, Soligo, A4A, ecc) che sono di rapido accrescimento e hanno una spiccata dominanza apicale, e per i quali si possono utilizzare pioppelle di un anno di vivaio, la potatura va anticipata a fine giugno del primo anno, specialmente nei terreni di elevata fertilità. Al secondo anno si procederà col metodo classico

27 Potatura da pioppelle di 1 anno di vivaio 27

28 Potatura da pioppelle di 1 anno di vivaio 28

29 Potatura da pioppelle di 1 anno di vivaio 29

30 Potatura da pioppelle di 1 anno di vivaio 30

31 Potatura da pioppelle di 2 anno di vivaio 31

32 Potatura da pioppelle di 2 anno di vivaio 32

33 Potatura da pioppelle di 2 anno di vivaio 33

34 Potatura da pioppelle di 2 anno di vivaio 34

35 Cloni italiani coltivati all estero Cina Grazie per l attenzione Francia Argentina Turchia 35

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

Progetto QualiAmbiPio La potatura del pioppeto

Progetto QualiAmbiPio La potatura del pioppeto Progetto QualiAmbiPio La potatura del pioppeto Gianni Facciotto 27 28 Nella pioppicoltura specializzata la potatura è certamente uno tra i più importanti interventi di tecnica colturale, finalizzato a

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Incontro tecnico sulla pioppicoltura Venerdì 20 febbraio 2015 Sala Mercanti - Cremona Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Unità di ricerca per

Dettagli

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI la potatura in sintesi (Testo ispirato al decalogo delle potature della Scuola di Agraria del Parco di Monza, modificato e integrato) a cura di GIOVANNI NALIN TRA ERRATE

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

Formazioni fruttifere. Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio

Formazioni fruttifere. Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio Formazioni fruttifere Drupacee (pesco, ciliegio, susino, albicocco, mandorlo) - Rami misti - Brindilli - Dardi vegetativi - Mazzetti di maggio Formazioni fruttifere Pomacee (melo, pero, ) - Rami misti

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

Il taglio nella potatura dell olivo

Il taglio nella potatura dell olivo Il taglio nella potatura dell olivo 27 10 2014 Slupatura è l intervento di cura sul tronco, contro la malattia chiamata CARIE o LUPA provocata da diversi tipi di funghi tra cui il FOMES FULVUS, il FOMES

Dettagli

GIARDINO. Come potare tecniche ed attrezzi

GIARDINO. Come potare tecniche ed attrezzi GIARDINO 00 Come potare tecniche ed attrezzi 1 Le tecniche di potatura 1. I tagli devono essere praticati con utensili ben affilati altrimenti si formano bordi schiacciati e sfrangiati che cicatrizzano

Dettagli

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO 2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO Responsabile: Mario Pividori - Dip. TESAF (UNIPD) 049 8272711

Dettagli

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI L arboricoltura da legno ha come primo scopo la produzione di assortimenti di pregio utilizzati

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

ELEMENTI DI POTATURA

ELEMENTI DI POTATURA LE SERATE DELL AMBIENTE Comune di Crespellano Assessorato Ambiente Centro Agricoltura Ambiente G. Nicoli Crevalcore (BO) ELEMENTI DI POTATURA indicazioni tecniche per la corretta potatura delle piante

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani Attenzione!! Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

Cenni sulle principali operazioni di potatura TECNICHE GENERALI. 17 novembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

Cenni sulle principali operazioni di potatura TECNICHE GENERALI. 17 novembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni sulle principali operazioni di potatura TECNICHE GENERALI 17 novembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Definizione La potatura comprende quelle operazioni che direttamente applicate alla parte epigea

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti teorici e applicativi della potatura delle piante da frutto Relatore: dott. agr. Salvatore Gaudio Data: 12 febbraio 2011 Aspetti teorici ed applicativi della potatura

Dettagli

Nuovi modelli colturali per produrre energia e legno per l industrial

Nuovi modelli colturali per produrre energia e legno per l industrial Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura P.L.F. - Unità di Ricerca per le Produzioni Legnose Fuori Foresta St. Frassineto Po, 35-15033 Casale Monferrato (AL) - Italy 108 a FIERAGRICOLA

Dettagli

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Workshop teorico - pratico per i giardinieri del Comune di Merano Merano 23.03.2006 Copyright: Dr. Valentin Lobis - www.studiolobis.it Le fasi principali

Dettagli

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE Una quercia capitozzata e ridotta a un albero dalla forma innaturale, privo di valore estetico e ambientale La potatura

Dettagli

II incontro autunnale-2e

II incontro autunnale-2e ALBERI nel loro ambiente II incontro autunnale-2e UTE aa 2014-2015 Bollate - Novate Giovanni Regiroli - biologo Ultimo capitolo: le buone e le cattive pratiche nell impianto, nella potatura, nel mantenimento,

Dettagli

Corso di potatura base

Corso di potatura base Corso di potatura base Fattoria La Quercia 16 gennaio 2016 Punto Uva Cenni storici 9.000 a.c : addomesticamento di Vitis vinifera silvestris in Asia centrale 3.000 a.c. : in un testo sumerico si parla

Dettagli

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano PAOLO ALLEVA AGRONOMO PAESAGGISTA Spett.le AMGA Service Via per Busto Arsizio n. 53 20025 Legnano (Mi) Legnano, 04.08.2011 Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano Sulla base

Dettagli

Arboricoltura da legno

Arboricoltura da legno Arboricoltura da legno Guida alla gestione degli impianti Introduzione Indice Introduzione 1 Cure colturali in ogni fase di un impianto di arboricoltura da legno 2 Fase di attecchimento 3 Il controllo

Dettagli

PRODUZIONE DI PIANTE DI CIPRESSO PER INNESTO

PRODUZIONE DI PIANTE DI CIPRESSO PER INNESTO PRODUZIONE DI PIANTE DI CIPRESSO PER INNESTO M. Moraldi Azienda Vivaistica Regionale UMBRAFLOR R. Danti, V. Di Lonardo Istituto per la Protezione delle Piante, CNR, Firenze La produzione massale di cipressi

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 368 del 25 marzo 2014

ALLEGATOA alla Dgr n. 368 del 25 marzo 2014 Tutto il materiale ottenuto dalle operazioni di abbattimento dovrà essere immediatamente smaltito secondo normativa vigente, provvedendo al trasporto con mezzi coperti. Saranno scrupolosamente rispettate

Dettagli

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA Gruppo di lavoro Davide Neri (prof. Arboricoltura Università Politecnica delle Marche) Alberto Minelli (prof. Parchi e giardini Università di Bologna) Stefano Api (geometra

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.vitaincampagna.it Edizioni L Informatore grario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d utore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da

Dettagli

dott. Marco Vaccaroni Pachamama soc. ag. s.s. località Costa di Pradello 67 - Bettola (PC) P.IVA : 01434900336 Tel. 349 3265139 20/05/08

dott. Marco Vaccaroni Pachamama soc. ag. s.s. località Costa di Pradello 67 - Bettola (PC) P.IVA : 01434900336 Tel. 349 3265139 20/05/08 dott. Marco Vaccaroni Pachamama soc. ag. s.s. località Costa di Pradello 67 - Bettola (PC) P.IVA : 01434900336 Tel. 349 3265139 20/05/08 Spett.le Comune di Castell Arquato c.se att.ne arch. Francesca Gozzi

Dettagli

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!!

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Stiamo purtroppo assistendo al diffondersi di un inutile quanto infondato ed incauto allarmismo, dovuto all ipotetica presenza nel comprensorio

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA (Provincia di Roma)

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA (Provincia di Roma) COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA (Provincia di Roma) SETTORE VI UFFICIO AMBIENTE Servizi di raccolta, trasporto e trattamento dei rifiuti urbani, servizi di igiene urbana e servizi accessori CAPITOLATO DI

Dettagli

www.stihl.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.stihl.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.stihl.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

POTATURE? Limitate ed equilibrate

POTATURE? Limitate ed equilibrate POTATURE? Limitate ed equilibrate Gli interventi cesori, circoscritti il più possibile alla fase di allevamento, vanno programmati sulla base di obiettivi chiari e nel rispetto di un corretto rapporto

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario Di cosa parleremo Perché il Servizio Fitosanitario? Alberi monumentali: i fondamentali Conservazione: cosa

Dettagli

Il controllo della produzione in olivo mediante forma di allevamento e potatura (Parte VII)

Il controllo della produzione in olivo mediante forma di allevamento e potatura (Parte VII) Pannelli G., Pandolfi S., 2007. Storia della potatura. 7) Vaso dicotomico come riformarlo. Olivo e Olio, 2: 40-44. Il controllo della produzione in olivo mediante forma di allevamento e potatura (Parte

Dettagli

ELENCO PREZZI MANUTENZIONE AREE A VERDE IMPIANTI

ELENCO PREZZI MANUTENZIONE AREE A VERDE IMPIANTI ELENCO PREZZI MANUTENZIONE AREE A VERDE IMPIANTI 1) Operaio Specializzato Prezzo a ora 22,54 2) Operaio Qualificato Prezzo a ora 20,43 3) Autocarro con gru ruotante con braccio articolato MTT 26000 kg

Dettagli

A COSA SERVE IL FUSTO? Il fusto si trova fuori dal terreno e serve a

A COSA SERVE IL FUSTO? Il fusto si trova fuori dal terreno e serve a A COSA SERVE IL FUSTO? Il fusto si trova fuori dal terreno e serve a sostenere la pianta contenere i vasi in cui scorre la linfa Il fusto tende sempre a crescere verso l alto. Ci sono diversi tipi di fusto:

Dettagli

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia Parco Spina verde Corso Gev 2014 La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia 1 L ambrosia è una pianta erbacea stagionale appartenente alla famiglia delle composite o Asteraceae. Originaria

Dettagli

LA POTATURA DEGLI ALBERI ORNAMENTALI

LA POTATURA DEGLI ALBERI ORNAMENTALI LA POTATURA DEGLI ALBERI ORNAMENTALI di Marcello Parisini e Eraldo Antonini, foto di Eraldo Antonini, immagini a computer di Marcello Parisini, disegni di Lucia Mezzetti e Giovanni Munari (Giardini, febbraio

Dettagli

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA CORSO DI FRUTTICOLTURA LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA Lezione 1- L albero da frutto: elementi di anatomia e fisiologia vegetale (dr. Giulio RE) Le funzioni vitali

Dettagli

Foglio1 TOPONIMO COD SITO NOME AREA CPC SPECIE DIAMETRO STRADA DESCRIZIONE SINTETICA E PRESCRIZIONI DI INTERVENTO. Pagina 1

Foglio1 TOPONIMO COD SITO NOME AREA CPC SPECIE DIAMETRO STRADA DESCRIZIONE SINTETICA E PRESCRIZIONI DI INTERVENTO. Pagina 1 TOPONIMO COD SITO NOME AREA CPC SPECIE DIAMETRO STRADA Cupressus 13485 Via Vittorio Emanuele D 47,75 sempervirens DESCRIZIONE SINTETICA E PRESCRIZIONI DI INTERVENTO Pianta filata ad inclinazione elevata

Dettagli

La Potatura della vite

La Potatura della vite La Potatura della vite Lezione 3/3 Relatore: Dott. Agronomo Marco Tonni Si ringraziano per i materiali didattici e per la collaborazione i Dott. Agr. Luigi Reghenzi, Fabio Sorgiacomo, Pierluigi Donna 19/12/2012

Dettagli

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47 descrizione ribasso % costo unitario n. Abbattimento di alberi adulti a chioma espansa in parchi e giardini. Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, raccolta e conferimento

Dettagli

NOVITà NATURAL POWER

NOVITà NATURAL POWER NOVITà per il florovivaismo NATURAL POWER Il nuovo fertilizzante biostimolante naturale e sicuro in ogni aspetto. Hicure aiuta a ridurre lo stress abiotico, migliora la qualità della pianta e ne aumenta

Dettagli

Il patrimonio arboreo è una risorsa importante del nostro

Il patrimonio arboreo è una risorsa importante del nostro BUONE PRATICHE PER LA CURA DEGLI ALBERI di Mario Carminati e Massimo Ranghetti Come far crescere bene un albero Il patrimonio arboreo è una risorsa importante del nostro territorio. Ecco alcune indicazioni

Dettagli

Relatore: Dott. Giovanni Alberton Collaboratori: Agrotecnico Andrea Capuzzo Agrotecnico Laura Schiavon

Relatore: Dott. Giovanni Alberton Collaboratori: Agrotecnico Andrea Capuzzo Agrotecnico Laura Schiavon IL PICCOLO MANUALE DE LA POTATURA DELLE PIANTE DA FRUTTO Relatore: Dott. Giovanni Alberton Collaboratori: Agrotecnico Andrea Capuzzo Agrotecnico Laura Schiavon La potatura consiste in una gamma di interventi

Dettagli

SOLLEVATORE IDRAULICO

SOLLEVATORE IDRAULICO SOLLEVATORE IDRAULICO MANUALE UTENTE www.motogalaxy.it Pagina 1 www.motogalaxy.it Pagina 1 ISTRUZIONI Lista componenti LISTA COMPONENTI Assemblaggio Inserire i piedi nel sollevatore a assicurarli con un

Dettagli

CENNI DI OLIVICOLTURA ORIGINI DELL ATTUALE STRUTTURA PRODUTTIVA I NUOVI MODELLI DI COLTIVAZIONE LA POTATURA DELL OLIVO

CENNI DI OLIVICOLTURA ORIGINI DELL ATTUALE STRUTTURA PRODUTTIVA I NUOVI MODELLI DI COLTIVAZIONE LA POTATURA DELL OLIVO CENNI DI OLIVICOLTURA ORIGINI DELL ATTUALE STRUTTURA PRODUTTIVA I NUOVI MODELLI DI COLTIVAZIONE LA POTATURA DELL OLIVO PRINCIPI E FINALITÀ DEGLI INTERVENTI DI POTATURA NUOVI ORIENTAMENTI L OLIVO La propagazione

Dettagli

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità ALLEGATO 3 Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità Oggetto Lavori di manutenzione ordinaria del verde, per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2012 2013) CUP B86G12000110003

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 214 Pagamenti agroambientali Azione M Introduzione di tecniche di agricoltura conservativa ALLEGATO 6 disposizioni attuative anno 2012 DESCRIZIONE

Dettagli

COMUNE DI CALVENZANO

COMUNE DI CALVENZANO COMUNE DI CALVENZANO SCHEMA DI REGOLAMENTO DEL VERDE URBANO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 del 01/06/2000 Art. 1 - Tutela dei soggetti arborei in ambito urbano - Ambito di applicazione

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO QUANTITA' MISURA PREZZO BASE IMPORTO Potatura di rami secchi, escluse le branche principali, in condizioni di minima difficoltà, effettuata

Dettagli

TECNOLOGIA AGLI IONI DI LITIO: UN NUOVO PASSO AVANTI L evoluzione non si arresta Milano, 5 Dicembre 2013

TECNOLOGIA AGLI IONI DI LITIO: UN NUOVO PASSO AVANTI L evoluzione non si arresta Milano, 5 Dicembre 2013 TECNOLOGIA AGLI IONI DI LITIO: UN NUOVO PASSO AVANTI L evoluzione non si arresta Negli ultimi anni si è manifestato il boom delle fonti energetiche alternative e questo ha toccato anche il mercato del

Dettagli

SETTORE GIARDINIERI. Settore giardinieri

SETTORE GIARDINIERI. Settore giardinieri SETTORE GIARDINIERI Settore giardinieri Manodopera pag. 68 Lavori ed opere compiute 69 I.F.E.: Iniezioni Fitosanitarie Endoterapiche 70 Potature 71 Noli a caldo 74 Tariffario Casa 2015-2016 67 Settore

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

COMUNE DI NOVAFELTRIA

COMUNE DI NOVAFELTRIA COMUNE DI NOVAFELTRIA Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER IL VERDE PUBBLICO E PRIVATO AL DI FUORI DEI TERRITORI REGOLATI DALLE PRESCRIZIONI DI MASSIMA E DI POLIZIA FORESTALE Approvato con Deliberazione

Dettagli

Il pirodiserbo in frutti-viticultura:

Il pirodiserbo in frutti-viticultura: Il pirodiserbo in frutti-viticultura: l innovazione tecnologica per favorire la sostenibilità ambientale. www.pirodiserbo.it La nuova Organizzazione Comune di Mercato per il settore ortofrutticolo (Reg.

Dettagli

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale A G E A Agenzia per le erogazioni in agricoltura Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale Associazione Produttori Olivicoli C.N.O. aderente al Finanziato

Dettagli

Il controllo della produzione in olivo mediante forma di allevamento e potatura (Parte VI)

Il controllo della produzione in olivo mediante forma di allevamento e potatura (Parte VI) Pannelli G., Pandolfi S., 2006. Storia della potatura. 6) Vegetazione e prodotto. Gli equilibri decisivi. Olivo e Olio, 10: 40-44. Il controllo della produzione in olivo mediante forma di allevamento e

Dettagli

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero.

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura Dipartimento della ricerca per il sughero e la silvicoltura Tempio Pausania Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Rilievi

Dettagli

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde A partire dal giorno 08 aprile, prenderanno avvio i lavori di abbattimento di n 2 alberi monumentali di Sophora japonica radicati nel pratone retrostante la Villa Reale, i quali manifestano gravi problematiche

Dettagli

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Università di Padova Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Massimo Faccoli Dipartimento DAFNAE Le latifoglie arboree in ambiente urbano presentano spesso stati

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Il legno IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE (1) PREMESSA: Il legno è un materiale: - di origine biologica; - disponibile in natura in elementi

Dettagli

Il metodo Peyracchia. Fig. 1 I fratelli Peyracchia di Verzuolo

Il metodo Peyracchia. Fig. 1 I fratelli Peyracchia di Verzuolo Actinidia Il metodo Peyracchia Coltivata in Piemonte, in particolare nel cuneese da quasi un trentennio, l actinidia non ha subito grossi mutamenti per quanto riguarda la forma di allevamento: infatti

Dettagli

FISIOLOGIA VEGETALE. Gli ormoni vegetali

FISIOLOGIA VEGETALE. Gli ormoni vegetali FISIOLOGIA VEGETALE Gli ormoni vegetali Lo sviluppo delle piante in tutte le sue varie fasi (crescita, fioritura, fruttificazione, formazione e caduta delle foglie) è regolato dall integrazione di stimoli

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

Le potature in ambiente urbano

Le potature in ambiente urbano Pagina 1 di 22 Le potature in ambiente urbano Capitolo 8 del Manuale per Tecnici del Verde Urbano Città di Torino 1. INTRODUZIONE Così come le lettere dell'alfabeto, opportunamente abbinate fra loro, ci

Dettagli

IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA. (scuola primaria)

IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA. (scuola primaria) IL COMPOSTAGGIO: IMITIAMO LA FORESTA (scuola primaria) INFEA - MATERIALE DIDATTICO Laboratorio Il compostaggio: imitiamo la foresta (scuola primaria) Il compostaggio domestico Il compostaggio domestico

Dettagli

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso INTRODUZIONE IL LEGNO COME MATERIALE DA COSTRUZIONE Caratteristiche e struttura del legno Nel comparto edilizio le opere in legno possono impiegare non solo componenti, prodotti o semilavorati in legno

Dettagli

La Potatura della vite

La Potatura della vite La Potatura della vite Lezione 2/3 Relatore: Dott. Agronomo Marco Tonni Si ringraziano per i materiali didattici e per la collaborazione i Dott. Agr. Luigi Reghenzi, Fabio Sorgiacomo, Pierluigi Donna 19/12/2012

Dettagli

Modello offerta economica/lista delle attività e forniture per l esecuzione del servizio

Modello offerta economica/lista delle attività e forniture per l esecuzione del servizio ALLEGATO 5 Settore Territorio, Servizio Gestione e Manutenzione Strade Oggetto Servizio di manutenzione ordinaria del verde per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2015-2016) Data

Dettagli

GIARDINO. Seminare un. tappeto erboso

GIARDINO. Seminare un. tappeto erboso GIARDINO Seminare un tappeto erboso 05 1 Gli attrezzi POLVERIZZATORE RASTRELLO TOSAERBA SUOLE PER AERARE RASTRELLO SCARIFICATORI TAGLIABORDI RASTRELLI CONCIMATRICE DISTRIBUTORE DI SEMI MANUALE RULLO MOTOZAPPA

Dettagli

SILENZIOSITÀ. LIBERTÀ. SEMPLICITÀ. LA NUOVA GAMMA DI PRODOTTI A BATTERIA.

SILENZIOSITÀ. LIBERTÀ. SEMPLICITÀ. LA NUOVA GAMMA DI PRODOTTI A BATTERIA. SILENZIOSITÀ. LIBERTÀ. SEMPLICITÀ. LA NUOVA GAMMA DI PRODOTTI A BATTERIA. G 38 P Li-Ion BC 200 Li-Ion HC 200 Li-Ion GS 220 Li-Ion SILENZIOSITÀ. LIBERTÀ. SEMPLICITÀ. LA NUOVA GAMMA DI PRODOTTI A BATTERIA.

Dettagli

Produzione di syngas da legno e produzione di energia elettrica

Produzione di syngas da legno e produzione di energia elettrica G.B. Zorzoli, Consigliere ISES Italia Produzione di syngas da legno e produzione di energia elettrica Seminario Workshop su PROCESSI BIOCHIMICI DI UTILIZZO DELLE BIOMASSE DA BOSCO: IL PUNTO DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

Convenienza economica e potenzialità di sviluppo delle colture energetiche in Italia

Convenienza economica e potenzialità di sviluppo delle colture energetiche in Italia Convenienza economica e potenzialità di sviluppo delle colture energetiche in Italia EIMAEnergy Bologna - 10 Novembre 2010 Guidi Silvano Responsabile Filiera Biomassa Legnosa Evoluzione normativa 2008

Dettagli

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

Posizione inversa rispetto al senso di marcia. Manuale dell utente. Gruppo Peso Età. 0+ 0-13 kg 0-12 m

Posizione inversa rispetto al senso di marcia. Manuale dell utente. Gruppo Peso Età. 0+ 0-13 kg 0-12 m Posizione inversa rispetto al senso di marcia Manuale dell utente ECE R44 04 Gruppo Peso Età 0+ 0-13 kg 0-12 m 1 Grazie per aver scelto izi Sleep ISOfix di BeSafe BeSafe ha sviluppato questo seggiolino

Dettagli

Cloni di eucalitto per la produzione di biomassa in area mediterranea

Cloni di eucalitto per la produzione di biomassa in area mediterranea Cloni di eucalitto per la produzione di biomassa in area mediterranea Giovanni MUGHINI 1 L eucalitto è la pianta arborea da legno più coltivata al mondo 2 1 Il successo dell eucalitto nel mondo è dovuto

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI TRATTAMENTO LE RIMONTE CAPILLARI INTRODUZIONE: Grazie alle sue ottime caratteristiche tecniche e alla facilità di messa in opera il di POTASSIO viene largamente utilizzato per rendere idrorepellenti i

Dettagli

Sostegno alla pioppicoltura

Sostegno alla pioppicoltura La pioppicoltura lombarda nel programma di sviluppo rurale 2007-2013 Cremona, martedì 14 ottobre 2008 Roberto Tonetti foreste@regione.lombardia.it Sostegno alla pioppicoltura Grazie ai fondi europei, negli

Dettagli

corso di potatura e innesto la potatura

corso di potatura e innesto la potatura CONSORZIO DELLA QUARANTINA Associazione per la Terra e la Cultura Rurale casella postale 40 ufficio GE/06 16149 Genova tel. 347.9534511 posta elettronica: scrivi@quarantina.it corso di potatura e innesto

Dettagli

Aspetti ambientali della coltivazione del pioppo

Aspetti ambientali della coltivazione del pioppo IL PIOPPO: UNA RISORSA ECOSOSTENIBILE PER IL FUTURO la PAC e i PSR 2014/2020 Piacenza 11 novembre 2013 Aspetti ambientali della coltivazione del pioppo CRA-PLF Giuseppe Nervo, Domenico Coaloa, Pier Mario

Dettagli

FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti.

FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti. FRUTTICOLTURA: La scelta dei portainnesti. I portainnesti hanno una importanza fondamentale sullo sviluppo e la produttività delle piante. Devono essere scelti con criteri di adattamento all ambiente,

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Olivo - Innovazioni nella meccanizzazione della raccolta e della potatura Descrizione estesa del risultato La raccolta meccanica delle olive da olio negli impianti tradizionali,

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Settore 2 Area P.O. N. 959 DEL 05/12/2014 DETERMINA A CONTRARRE AI SENSI DELL ART. 192 DEL D.LGS. N. 267/2000 PER L

Dettagli

Nome: Descrizione: Esposizione: Potatura: Rinvaso: Concimazione: Avvoglimento Filo: Stili: Malattie - Parassiti: Nome: Descrizione: Esposizione:

Nome: Descrizione: Esposizione: Potatura: Rinvaso: Concimazione: Avvoglimento Filo: Stili: Malattie - Parassiti: Nome: Descrizione: Esposizione: Acero Palmato Piccolo albero caducifoglie Proteggere dal sole e da forti venti. Innaffiare abbondantemente in estate. Piccoli rami nei mesi vegetativi. Drastiche in inverno. Ogni 2 anni in primavera. Ogni

Dettagli

LA POTATURA DEGLI ALBERI ORNAMENTALI

LA POTATURA DEGLI ALBERI ORNAMENTALI 1 a cura di Fiorenzo Pandini dottore agronomo - LA POTATURA DEGLI ALBERI ORNAMENTALI Introduzione La lingua giapponese possiede 150 vocaboli per definire altrettanti tipi diversi di potatura. Noi facciamo

Dettagli

Ogni lamiera ha le proprie caratteristiche. I nostri utensili sono in grado di adattarsi.

Ogni lamiera ha le proprie caratteristiche. I nostri utensili sono in grado di adattarsi. Ogni ha le proprie caratteristiche. I nostri utensili sono in grado di adattarsi. Le lamiere ondulate, trapezoidali, lamiere d acciaio e i profilati richiedono soluzioni su misura. FEIN conosce molto bene

Dettagli

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo

PALO tipo SP VANTAGGI minima quantità di materiale di risulta Ridotto consumo di calcestruzzo PALO tipo SP Il Soil Displacement (SP) è una metodologia di esecuzione del palo di fondazione eseguita senza asportazione di terreno, quindi alternativa ai pali battuti, vibroinfissi e trivellati. La tecnologia

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Acquistare le piantine di VENETO AGRICOLTURA

Acquistare le piantine di VENETO AGRICOLTURA Acquistare le piantine di VENETO AGRICOLTURA Per acquistare piantine al Centro di Montecchio Precalcino è necessario fare un ordine scritto (via fax, email o compilandolo direttamente presso i nostri uffici).

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

Contenuti Perché comprare un Carrier Drill Particolari tecnici I cantieri lavorativi del Carrier Drill Concetto Regolazione Evoluzione

Contenuti Perché comprare un Carrier Drill Particolari tecnici I cantieri lavorativi del Carrier Drill Concetto Regolazione Evoluzione Contenuti Perché comprare un Carrier Drill Particolari tecnici I cantieri lavorativi del Carrier Drill Concetto Regolazione Evoluzione Perché comprare un Carrier Drill? Flessibilità per eseguire 2 operazioni,

Dettagli