La motivazione al cambiamento in alcologia. Validazione del questionario MAC2-A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La motivazione al cambiamento in alcologia. Validazione del questionario MAC2-A"

Transcript

1 La motivazione al cambiamento in alcologia. Validazione del questionario MAC2-A Valter Spiller¹, Valeria Zavan², Gian Paolo Guelfi³ ¹ Psicologo Psicoterapeuta, Dipartimento per le Dipendenze, ASL 3, Genova ² Tossicologo Psichiatra, Dipartimento per le Dipendenze, ASL 20-22, Alessandria ³ Psichiatra, Scuola di Specializzazione in Psichiatria, Università di Genova Indirizzo per corrispondenza: Dott. Valter Spiller c/o SerT ASL3 Genovese Tel Riassunto L articolo presenta una sintesi dei risultati della validazione del questionario MAC2-A, ideato per la valutazione della motivazione al cambiamento in persone con problemi alcol-correlati che hanno richiesto o a cui sia stata indicata l opportunità di una valutazione e/o di un intervento specifico. Il questionario descrive la motivazione secondo un modello a tre fattori, considerando la Disponibilità al cambiamento, la Frattura Interiore e l Autoefficacia. La validazione ha coinvolto 419 soggetti reclutati in 23 sedi italiane. Il MAC2-A ha dimostrato buona consistenza interna, stabilità temporale e una struttura fattoriale coerente con il modello. Lo studio dell affidabilità e della validità concorrente hanno evidenziato risultati pienamente soddisfacenti per cui il questionario MAC2-A può essere considerato, dal punto di vista psicometrico, uno strumento valido per la valutazione della motivazione al cambiamento. Parole chiave: Motivazione, Valutazione, Validazione, Disponibilità al cambiamento, Frattura interiore, Autoefficacia. 1

2 Gli aspetti legati alla motivazione al cambiamento in persone che presentano problemi correlati all uso di alcol e/o di altre sostanze sta suscitando sempre maggiore attenzione negli ultimi anni. La loro valutazione riveste una importanza diffusamente riconosciuta in quanto vi sono evidenze che indicano come il livello di motivazione al cambiamento influenzi la scelta dell intervento, l aderenza alle terapie e, in parte, anche l esito del trattamento 1,2. La motivazione al cambiamento: un modello a tre fattori La maggior parte degli studi e degli strumenti di valutazione della motivazione al cambiamento utilizzati nel lavoro clinico e di ricerca fa riferimento, più o meno direttamente, al concetto di Disponibilità al Cambiamento secondo quanto illustrato da Prochaska e Di Clemente nel loro modello degli stadi del cambiamento 3. Sin della sua apparizione il modello è stato oggetto di entusiasmi, critiche e ampie revisioni bibliografiche che ne hanno mostrato il valore e i limiti 4,5. Questo modello ha stimolato un gran numero di ipotesi di ricerca e può ancora essere una buona base per comprendere e valutare la motivazione al cambiamento. La valutazione della Disponibilità al Cambiamento avviene solitamente mediante la allocazione del soggetto in uno stadio prevalente (e/o mediante un profilo che descrive l andamento dei diversi stadi). Esistono nella letteratura internazionale diversi questionari ideati per valutare la Disponibilità al Cambiamento 6 ; i più noti e utilizzati nella clinica dei problemi alcol correlati sono URICA 7,8, RTCQ 9,10 e SOCRATES 11. Di questi strumenti non esistono versioni italiane validate. E anche noto che alcuni specifici fattori influenzano significativamente il movimento lungo gli stadi. Fra questi sono stati identificati da Miller e Rollnick due fattori, la Frattura interiore e l Autoefficacia, che modificandosi nel tempo influenzano la Disponibilità al cambiamento e costituiscono elementi dinamici molto rilevanti nella clinica 12. Con il termine Frattura Interiore 13 viene indicata la dolorosa percezione di una contraddizione tra ciò che una persona è e ciò che vorrebbe (o potrebbe, o dovrebbe) essere, in rapporto alla personale immagine di sé, al proprio sistema di valori e alle conseguenti mete ed aspirazioni. Le teorie che si basano sul concetto di autoregolazione propongono come importante elemento motivante il confronto fra l obiettivo che si intende perseguire e percezione della propria condizione attuale 14. I comportamenti e le condizioni personali che sono in contraddizione con l immagine (ideale) di sé vengono percepiti come preoccupanti minacce alla propria identità edevono essere in qualche modo ridotte, o con una modificazione del comportamento (cambiamento) o con una modificazione della sua rappresentazione (meccanismi di difesa) 15. La valutazione della Frattura Interiore può quindi essere effettuata considerando sia le preoccupazioni, le insoddisfazioni e i disagi della situazione attuale della persona, sia l importanza che il cambiamento ha rispetto ai suoi valori personali. Non risultano in letteratura questionari specifici disegnati per valutare della Frattura Interiore. Possono essere reperiti strumenti che colgono alcuni aspetti assimilabili, fra cui questionari che analizzano le aspettative positive/negative dell uso 16,17 o i costi/benefici del bere 18,19. Più vicina alla valutazione della Frattura Interiore può essere considerata l analisi delle preoccupazioni e delle insoddisfazioni e il loro impatto sull attitudine all uso di alcol proposta da Cox e Klinger 20,21. L importanza del senso di Autoefficacia 22 nei processi di cambiamento è sostenuta da una letteratura scientifica molto vasta; la fiducia di una persona nelle le proprie capacità di conseguire e mantenere uno specifico obiettivo è considerato un fattore predittivo molto importante anche nel campo dei problemi legati all uso di sostanze 23,24. La Autoefficacia in alcologia è valutata per lo più come capacità percepita di fronteggiare situazioni ad alto rischio, utilizzando strumenti che esplorano situazioni predeterminate 25,26 (abilità di coping ) o mediante interviste semi-strutturate 27. 2

3 L integrazione della descrizione della motivazione al cambiamento in un modello a tre fattori è apparsa agli autori di utilità clinica e ha indicato l opportunità di creare strumenti di facile somministrazione, che arricchiscano la valutazione della Disponibilità al cambiamento (stadi) con la contemporanea considerazione della Frattura Interiore e dell Autoefficacia. Dopo un primo lavoro di traduzione e la validazione dell RTCQ nel suo adattamento per l uso di eroina 28,29, è stato elaborato un questionario in grado di fornire una valutazione sincronica dei tre fattori, denominato MAC, e validato nella versione per eroina 30 e per il fumo di tabacco 31. Le esperienze di utilizzo delle precedenti versioni del MAC hanno indicato l opportunità di creare uno strumento in gran parte nuovo che potesse ampliare le possibilità di valutazione offerte dalla prima versione del MAC. Questo articolo presenta la sintesi del lavoro di validazione della nuova la versione del questionario, denominata MAC2 nella forma per uso di alcol (MAC2-A) 32. Il questionario MAC2-A Il questionario MAC2-A è stato ideato per valutazione la motivazione al cambiamento in soggetti adulti che hanno avuto indicazione, hanno richiesto, hanno in corso o hanno effettuato un intervento professionale specifico per abuso o dipendenza da alcol o per problemi alcolcorrelati. Il MAC2-A è costituito da 36 frasi a cui si risponde secondo una scala Likert a 7 livelli (da 0 Per niente vero, a 6 Del tutto vero) e da sei domande a cui si può rispondere secondo una scala analogica graduata con valori da 0 a 100. Il questionario valuta la Disponibilità al cambiamento sull intero ciclo degli stadi, (Precontemplazione, Contemplazione, Determinazione, Azione, Mantenimento e Uscita). Utilizzando i punteggi dei sei stadi si ottiene una rappresentazione grafica del profilo di Disponibilità al cambiamento. Inoltre, combinando opportunamente i punteggi dei singoli stadi si ricavano due valori numerici di sintesi, la Disponibilità al cambiamento, ossia il grado di progressivo avvicinamento alla soglia decisionale di sospensione dell uso, e la Stabilizzazione, ossia il grado di consolidamento del cambiamento effettuato. Il MAC2 valuta inoltre la Disponibilità all aiuto come variabile separata, in quanto i due aspetti (motivazione al cambiamento e motivazione alla terapia) non sempre hanno andamenti simili 33. Anche questa dimensione viene valutata sui sei stadi. La Frattura Interiore e l Autoefficacia vengono valutate con 6 frasi ciascuna, tre delle quali indicano la presenza dell aspetto considerato e tre ne indicano l assenza. Utilizzando i punteggi di queste sottoscale si ottengono i valori di sintesi di Frattura Interiore e l Autoefficacia. Il questionario si completa con 6 domande a cui si risponde su scala analogica centesimale. Le prime quattro costituiscono una valutazione di controllo delle quattro scale di sintesi ricavati dalle frasi del MAC2 (Frattura Interiore, Autoefficacia, Disponibilità al cambiamento e Stabilizzazione). Due ulteriori scale analogiche valutano l importanza attribuita al cambiamento, Importanza e il livello di desiderio/tentazione all uso, Tentazione. In sintesi, dalla compilazione del questionario emergono 22 indici numerici che costituiscono la valutazione complessiva della motivazione da parte del soggetto secondo il modello presentato. La validazione Il set di frasi inizialmente elaborate per il MAC2-A è stato sottoposto ad una preliminare valutazione linguistica e semantica, somministrando il questionario ad un gruppo di pazienti (72 soggetti) e chiedendo loro di commentare la comprensibilità delle frasi del test. Dopo le opportune modifiche a 9 frasi é stata predisposta la versione definitiva del questionario. La validazione ha coinvolto operatori di 23 sedi distribuite abbastanza equamente sul territorio italiano. Gli operatori 3

4 sono stati individualmente istruiti sulla metodologia del lavoro ed è stata creata una Mailing List per facilitare lo scambio di osservazioni, indicazioni e commenti. Criteri di inclusione ed esclusione. Il questionario, somministrato ad un campione della stessa popolazione target a cui è destinato, ha coinvolto cinque diverse categorie di soggetti: A. soggetti non astinenti che, pur non richiedendo interventi rispetto al bere, hanno avuto indicazioni formali per una riduzione del consumo di alcol o per un trattamento specifico (N=43); B. soggetti ricoverati in ospedale per i quali è stata richiesta una consulenza alcologica per casuale riscontro di evidenze cliniche che fanno sospettare un abuso/dipendenza da alcol (N=10); C. soggetti in trattamento residenziale in Comunità Terapeutica o in reparti specialistici con programma riabilitativo strutturato (N=70); D. soggetti che chiedono di iniziare un intervento ambulatoriale o che sono inseriti in un trattamento ambulatoriale, in qualunque fase, astinenti da meno di un anno (N=249); E. soggetti astinenti da almeno un anno inseriti in programmi strutturati di mantenimento o non inseriti in alcun programma (follow-up) (N=47). Nel periodo concordato di somministrazione (tre mesi) il test è stata proposto a tutti i soggetti delle diverse categorie che venivano in contatto con gli operatori (per la categoria D, negli ambulatori a grande affluenza, è stato necessario introdurre un criterio casuale di inclusione). Sono stati esclusi dal campione i soggetti in fase di intossicazione acuta e in condizioni psico-fisiche o psichiatriche tali da compromettere una adeguata comprensione del questionario. Sono stati inoltre esclusi i soggetti già testati in precedenza in altre categorie o strutture. Test-Retest. Ad un piccolo sottogruppo di soggetti (N=22) e stato richiesto di ripetere la somministrazione del MAC2-A dopo 48/72 ore, al fine di valutare la stabilità temporale del questionario. Validità concorrente. Per il sottogruppo di soggetti già conosciuti dagli operatori di riferimento (N=334) è stato richiesto agli operatori stessi una contemporanea personale valutazione delle caratteristiche motivazionale dei soggetti utilizzando le sei scale analogiche generali presenti nel MAC2, opportunamente adattate. In tale modo si sono ottenute indicazioni di controllo sulla validità concorrente del MAC2-A. Analisi dei dati. L analisi statistica dei dati è stata effettuata con SPSS L analisi fattoriale confermativa è stata effettuata con LisRel 8.3. Il test-retest è stato effettuato studiando la correlazione di Pearson fra le due somministrazioni. La consistenza interna delle scale è stata valutata con l indice Alpha di Cronbach. L analisi fattoriale è stata effettuata utilizzando una estrazione delle componenti principali ed una rotazione obliqua con normalizzazione di Kaiser. L analisi della validità concorrente è stata studiata utilizzando la correlazione di Pearson fra le variabili. Risultati Il campione. Sono stati raccolti 487 questionari e di questi 68 non sono stati inclusi in quanto non completati correttamente. Il campione della validazione è costituito quindi da 419 soggetti, 302 maschi, 112 femmine (5 non rilevati). L età media del campione è di 44,5 anni (Range 19-74). Le informazioni relative alla diagnosi sono sintetizzate nella figura 1. [Fig. 1] Nel 40,1% dei casi la diagnosi non è stata rilevata ma il 30,8% dei soggetti ha certamente almeno un PPAC in quanto inserito in un percorso per problemi alcol-correlati. Per quanto riguarda l uso di alcol la maggior parte del campione risultava astinente al momento della rilevazione 4

5 (83,7%). La distribuzione in classi relativa al periodo di astensione dall uso dichiarato dai soggetti è riassunto nella figura 2.. [Fig. 2] Analisi fattoriale. L analisi esplorativa è stata effettuata per gruppi di item, essendo stato giudicato poco utile una analisi con un modello a 10 fattori. I 18 item relativi alla Disponibilità al cambiamento (gli stadi) hanno mostrato aggregazioni che ricalcano solo parzialmente la struttura concettuale del test. Sono emersi 4 fattori di cui tre perfettamente identificabili con le scale di Precontemplazione, Contemplazione e Uscita, e un quarto fattore, che aggrega gli items che contengono indicazioni di un impegno al cambiamento (Determinazione, Azione e Mantenimento). Questa aggregazione spiega il 71,12% della varianza totale. Effettuando una ulteriore analisi fattoriale degli item di queste tre ultime scale è apparsa una aggregazione in tre fattori, coincidente con le scale ipotizzate, seppur con minore specificità rispetto alla precedente analisi. Questa aggregazione spiega comunque il 82,79% della varianza totale degli item di queste tre scale. Buono è risultato l esito della aggregazione fattoriale dei 12 items relativi alle due scale di Frattura interiore e Autoefficacia, che vengono identificate in modo univoco. Questa aggregazione spiega il 69,85% della varianza totale. L analisi fattoriale confermativa, effettuata per valutare quanto il modello descrittivo proposto sia esplicativo della variabilità dei dati osservati, è risultata pienamente adeguata sebbene alcuni indici non siano completamente soddisfacenti (NNFI =.924; CFI =.932; Chi-square/df = 4.75, RMSEA = 0.107). Ciò appare dovuto sia all elevato numero di variabili ricavabili dal MAC2, sia alle caratteristiche del campione, non pienamente bilanciato nelle rappresentazione delle variabili stesse. Consistenza interna e affidabilità. La consistenza interna delle scale si è dimostrata da buona ad eccellente per tutte le scale (Alpha di Cronbach da.69 a.92) e non mostra variazioni significative in relazione al sesso, all età, alla diagnosi, e all astensione o meno dall uso di alcol. Il test-retest ha mostrato come tutte le scale risultino sufficientemente stabili (P <.001). La sola scala centesimale relativa alla Autoefficacia ha dimostrato una stabilità leggermente inferiore, seppure pienamente soddisfacente (p <.01). Validità. In accordo con gli assunti teorici le quattro scale centesimali mostrano forti correlazioni con le variabili corrispondenti ottenute dalle frasi del questionario (tutte le associazioni sono statisticamente significative per p <.001). L osservazione delle associazioni fra le variabili, sintetizzate nella tabella 1, confermano la sostanziale congruenza dei dati ricavati dalle somministrazioni del protocollo di validazione con il modello teorico su cui è basato il questionario. [Tab. 1] Le sei scale relative agli stadi del cambiamento hanno associazioni più forti con le scale adiacenti e più deboli con le scale lontane; l Autoefficacia mostra correlazioni crescenti partendo dai punteggi di Precontemplazione fino ai punteggi di Uscita. Per converso la Frattura Interiore ha punteggi decrescenti dalla Contemplazione all Uscita. Le due sottoscale di Autoefficacia e di Frattura Interiore presentano forti correlazioni inverse. La scala analogica relativa al Tentazione risulta correlata negativamente con la Autoefficacia per entrambi i valori ricavabili dal MAC2, secondo quanto previsto dalle ipotesi teoriche. La scala analogica relativa alla Importanza appare fortemente correlata con la Disponibilità al cambiamento mentre è associata positivamente con la Frattura Interiore solo per la parte dei soggetti che si sono dichiarati non astinenti al momento della somministrazione del questionario. Nella loro globalità questi dati indicano che il MAC2-A ha una congruenza pienamente soddisfacente con le ipotesi del modello teorico di riferimento. 5

6 Validità concorrente. Per la parte dei soggetti del campione inseriti in un trattamento è stato possibile raccogliere una valutazione parallela della motivazione da parte degli operatori di riferimento. Sia le quattro scale ricavabili dalle frasi del MAC2, sia le sei scale analogiche sono risultate significativamente correlate con le valutazioni dell operatore, come mostrato nella tabella. [Tab. 2] Disponibilità all aiuto. I dati emersi dalla ricerca confermano l utilità di distinguere fra Disponibilità al cambiamento e Disponibilità all aiuto. I due profili infatti sono solo parzialmente sovrapponibili e i punteggi mostrano correlazioni diffuse anche fra stadi non corrispondenti. Discussione e conclusioni L analisi dei dati raccolti ha indicato che il questionario MAC2-A dimostra una buona congruenza con il modello teorico di riferimento. Il modello fattoriale è stato sostanzialmente confermato dai dati raccolti seppur con alcune limitazioni. L analisi confermativa ha prodotto buoni indici di concordanza e le scale hanno mostrato una buona stabilità temporale e una consistenza interna più che adeguata. La validità statistica del questionario è risultata pienamente soddisfacente e congruente con quanto prevedibile dal modello di riferimento. Lo studio della validità concorrente ha mostrato infine una buona concordanza con quanto valutato dagli operatori secondo la loro esperienza clinica. Lo studio mostra comunque alcuni limiti che indicano la necessità di ulteriori approfondimenti. In primo luogo il campione è risultato costituito in prevalenza da soggetti in trattamento ambulatoriale con una sottorappresentazione degli stadi estremi di Precontemplazione e Uscita. Inoltre l analisi fattoriale mostra una correlazione molto elevata fra gli stadi di Determinazione, Azione e Mantenimento ed evidenzia una minore capacità discriminatoria dello strumento fra questi tre stadi. Nonostante queste limitazioni, il questionario MAC2-A ha mostrato una buona affidabilità e validità nel misurare la motivazione al cambiamento e può quindi essere considerato uno strumento valido per descrivere la motivazione al cambiamento in alcologia secondo il modello proposto e per fornire quindi elementi giudicati utili nella pratica clinica. Ringraziamenti. Questo studio non ha ricevuto finanziamenti ed è stato realizzato grazie alla collaborazione degli operatori dei Servizi e delle Strutture residenziali di Bassano, Bolzano, Cagliari, Caserta, Castelfranco Veneto, Dolo, Firenze, Genova, Gorgonzola, Ivrea, Macerata, Manfredonia, Mestre, Piacenza, Roma, S. Donà di Piave, Torino, Treviso, Vercelli, Hands (Bolzano), Parco dei Tigli (Teolo), Villa Soranzo (Mestre), che ringraziamo per il prezioso contributo nella somministrazione e nella raccolta dei dati. Vogliamo inoltre ringraziare Sue Thieman and Bill Faustman (Stanford University) per il loro supporto metodologico e per la pazienza dimostrata nelle innumerevoli revisioni dell articolo originale. Ringraziamo infine Carlo Chiorri (Università di Genova) per il suo fondamentale aiuto nell elaborazione statistica di alcuni importanti aspetti. 6

7 Bibliografia 1. Miller WR: Increasing Motivation for Change; in Hester RK, Miller WR (Eds): Handbook of Alcoholism Treatment Approaches. Allyn and Bacon, Needham Heights, MA, 1989, Demmel R, Beck B, Richter D, Reker T: Readiness to Change in a Clinical Sample of Problem Drinkers: Relation to Alcohol Use, Self-Efficacy, and Treatment Outcome. Eur Addict Res 2004,10, Prochaska JO, DiClemente CC : Transtheoretical Therapy: Toward a more Integrative Model of Change. Psychotherapy: Theory, Research and Practice, 1982, 19, Sutton S: Back to the Drawing Board? A Review of Applications of the Trastheoretical Model to Substance Use. Addiction, 2001, 96, Migneault, JP, Adams, TB e Read JP: Application of thetranstheoretical Model to Substance Abuse: Historical Development and Future Directions. Drug Alcohol Rev, 2005, 24, Carey K, Purnine D, Maisto S, Carey M: Assessing Readiness to Change Substance Abuse: a Critical Review of Instruments. Clin Psychol: Sci Pract, 1999, 6, McConnaughy EN, Prochaska JO, Velicer WF: Stages of Change in Psychotherapy: Measurement and Sample Profiles. Psychotherapy: Theory, Research and Practice, 1983, 20, DiClemente CC, Hughes SO: Stage of Change Profiles in Outpatient Alcoholism Treatment. J Subst Abuse, 1990, 2 (2), Rollnick S, Heather N, Gold R, Hall W: Development of a Short "Readiness to Change" Questionnaire for Use in Brief, Opportunistic Interventions among Excessive Drinkers. Br J Addict, 1992, 87, Heather N, Luce A, Peck D, Dunbar B, James I: Development of a Treatment Version of the Readiness to Change Questionnaire. Addict Res, 1999, 7, Miller WR, Tonigan JS: Assessing Drinkers Motivation for Change: The Stage of Change Readiness and Treatment Eagerness Scale (SOCRATES). Psychol Addict Behav, 1996, 10 (2), Miller WR, Rollnick S: Motivational Interviewing. New York, The Guilford Press, Miller WR: Motivational Interviewing with Problem Drinkers. Behav Psychother, 1983, 11, Kanfer FH: Self-regulation and Behaviour; in Hechhausen H, Gollwitzer PM, Weinert FE (eds): Jenseits des Rubikon. Heildelberg, Springer-Verlag, 1987, Steele CM: The Psychology of Self-affirmation: Sustaining the Integrity of the Self; in Berkowitz L (ed): Advances in Experimental Social Psychology. New York, Academic Press, 1988, 21, Brown SA, Christiansen BA, Goldman MS: The Alcohol Expectancy Questionnaire: an Instrument for the Assessment of Adolescent and Adult Alcohol Expectancies. J Stud Alcohol, 1987, 48, Donovan DM: Assessment to Aid in the Treatment Planning Process; in Assessing Alcohol Problems. A Guide for Clinicians and Researchers. Second Edition, Revised 2003, NIH Publication No Sobell LC, Cunningham JA, Agrawal S, Gavin DR, Leo GI, Singh KN: Fostering Self Change among Problem Drinkers: a Proactive Community Intervention. Addictiv Behav, 1996, 21, 6,

8 19. Noar SM, Laforge RG, Maddock JE, Wood MD: Rethinking Positive and Negative Aspects of Alcohol Use: Suggestions from a Comparison of Alcohol Expectancies and Decisional Balance. J Stud Alcohol, 2003, 64 (1), Klinger E, Cox WM: Motivational Structure Questionnaire, (Available from Eric Klinger, Division of Social Sciences, University of Minnesota, Morris, MN 56267) 21. Cox WM, Klinger E: Motivational Structure. Relationships with Substance Use and Processes of Change, Addictive Behav, 27, 2002, Bandura A: Self-efficacy: Toward a Unifying Theory of Behavioral Change, Psychol Rev, 1977, 84, Rollnick S, Heather N: The Application of Bandura s Self Efficacy Theory to Abstinence Oriented Alcoholim Treatment, Addictiv Behav, 1982, 7, DiClemente CC, Fairhurst S, Piotrowski N: Self Efficacy in the Addictive Behaviours; in Maddux J (ed): Self Efficacy, Adaption and Adjustment: Theory, Research and Application. New York, 1995, Plenum Press 25. DiClemente CC, Carbonari JP, Montgomery RPG, Hughes SO: The Alcohol Abstinence Self- Efficacy Scale. J Stud Alcohol, 1994, 55(2), Annis HM, Sklar SM, Turner NE: The Drug Taking Confidence Questionnaire (DTCQ): User s Guide. Toronto, Canada: Addiction Research Foundation, Miller KJ, McCrady BS, Abrams DB, Labouvie EW: Taking an Individualized Approach to the Assessment of Self Efficacy and the Prediction of Alcoholic Relapse. J Psychopathol Behav Asses, 1994, 16, Scaglia M, Baiardo E, Baldasso I et al: Development of an Italian Version of the Readiness to Change Questionnaire for Alcoholism and Addiction; in Tagliamonte A., Maremmani I. (eds): Drug Addiction and Related Clinical Problems. Springer-Verlag, Wien New York, 1995, Spiller V, Scaglia M, Guelfi GP: Esperienze italiane con il Readiness to Change Questionnaire - R.T.C.Q., Il Vaso di Pandora, 1994, II, 4, Spiller V, Guelfi GP: La valutazione della motivazione al cambiamento: il questionario MAC/E, Bollettino delle Farmacodipendenze e Alcoolismo, 1998, 2, XXI, Guelfi GP, Spiller V, Scaglia M: La valutazione della motivazione al cambiamento nel tabagismo: il questionario MAC/T. Atti del Convegno: A fuoco il fumo, 1 congresso nazionale sul tabagismo, Padova, Spiller, V., Zavan V., Guelfi, G.P., Assessing motivation for change in subjects with alcohol problems: the MAC2-A questionnaire, Alcohol alcohol, doi: /alcalc/agl Freyer J, Tonigan JS, Keller S, Rumpf H-J, John U e Hapke U: Readiness for Change and Readiness for Help-Seeking: a Composite Assessment of Client Motivation. Alcohol Alcohol, 2005, 40(6),

9 Figure e tabelle Fig. 1. Valutazioni diagnostiche nei soggetti del campione Diagnosi 50,0% 46,3% 40,0% 30,0% 20,0% 18,7% 30,8% 10,0% 4,2% 0,0% Diagnosi rilevata di dipendenza attuale o pregressa Diagnosi rilevata di abuso attuale o pregresso In trattamento specifico (senza diagnosi rilevata) Nessuna informazione sulla diagnosi Fig. 2. Periodo di astensione dall uso di alcol. Astensione dall'uso di alcol 30,0% 25,0% 24,7% 20,0% 16,3% 14,1% 16,0% 15,0% 10,0% 7,9% 11,0% 10,0% 5,0% 0,0% Non astinente Meno di una settimana Da una settimana a un mese Da uno a sei mesi Da sei mesi ad un anno Da più di un anno Non rilevato 9

10 Tab. 1. Correlazioni fra le variabili del MAC2-A Var. P C D A M U DC ST AE P -- C D A M U DC ST AE FI Legenda: P = Precontemplazione; C = Contemplazione; D = Determinazione; A = Azione; M = Mantenimento; U = Uscita; DC = Disponibilità al cambiamento; ST = Stabilizzazione; AE = Autoefficacia; FI = Frattura Interiore. Tab. 2. Correlazioni fra la valutazione del soggetto e dell operatore Valut. dell'operatore Valut. del soggetto DC Cent. DC DC Cent..59*.52* AE Cent. AE AE Cent..47*.49* FI Cent. FI FI Cent..58*.62* ST Cent. ST ST Cent..59*.58* T Cent. --- T Cent..51* --- I Cent. --- I Cent..59* --- Legenda: * = p <.001; DC Cent. = Valutazione analogica centesimale della Disponibilità al cambiamento; AE Cent. = Valutazione analogica centesimale dell Autoefficacia; FI Cent. = Valutazione analogica centesimale della Frattura Interiore; ST Cent. = Valutazione analogica centesimale della Stabilizzazione; T Cent = Valutazione analogica centesimale della Tentazione; I Cent = Valutazione analogica centesimale della Importanza; DC = Disponibilità al cambiamento; ST = Stabilizzazione; AE = Autoefficacia; FI = Frattura Interiore. 10

IL COUNSELING NELL APPROCCIO ALL ABUSO ABUSO E ALLA DIPENDENZA DA ALCOL

IL COUNSELING NELL APPROCCIO ALL ABUSO ABUSO E ALLA DIPENDENZA DA ALCOL Alessandria, 6 giugno 2009 IL COUNSELING NELL APPROCCIO ALL ABUSO ABUSO E ALLA DIPENDENZA DA ALCOL Le persone si lasciano convincere più facilmente dalle ragioni che esse stesse hanno scoperto piuttosto

Dettagli

Come aiutare le persone a motivarsi al cambiamento

Come aiutare le persone a motivarsi al cambiamento Come aiutare le persone a motivarsi al cambiamento Valter Spiller Psicologo, Psicoterapeuta Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze ASL 3 Genova Il contributo del Counseling Motivazionale in Diabetologia

Dettagli

L UTILIZZO DELLA BIOGRAFIA N ELLA ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE ALLA FREQUENZA AI GRUPPI DEI 12 PASSI (G12P).

L UTILIZZO DELLA BIOGRAFIA N ELLA ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE ALLA FREQUENZA AI GRUPPI DEI 12 PASSI (G12P). CONGRESSO SOC.IT. PSICOSOMATICA- Firenze 14-17 novembre 2007 Prof. Gaspare Jean Gruppo Focus sui 12 Passi Via M.Melloni 68 20129Milano L UTILIZZO DELLA BIOGRAFIA N ELLA ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE ALLA

Dettagli

Dott. Valter Spiller Psicologo Psicoterapeuta P.zza Santa Brigida 15/10-16126 Genova e-mail: spiller@fastwebnet.it CURRICULUM PERSONALE

Dott. Valter Spiller Psicologo Psicoterapeuta P.zza Santa Brigida 15/10-16126 Genova e-mail: spiller@fastwebnet.it CURRICULUM PERSONALE Dott. Valter Spiller Psicologo Psicoterapeuta P.zza Santa Brigida 15/10-16126 Genova e-mail: spiller@fastwebnet.it CURRICULUM PERSONALE Laurea in Psicologia, conseguita nel 1988. Specializzazione in Criminologia

Dettagli

Strutture Residenziali: quali indicazioni?

Strutture Residenziali: quali indicazioni? Strutture Residenziali: quali indicazioni? Alcologia oggi Roma, 18 Settembre 2013 XXIII Congresso Nazionale Società Italiana di Alcologia Precedenti ricoveri per problemi alcol-correlati 5.12% dei soggetti

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

Scuole di formazione APC e SPC Sede: Roma, viale Castro Pretorio 116, Roma Tel. 06 44704193 Articolo pubblicato su www.apc.it e su www.scuola-spc.

Scuole di formazione APC e SPC Sede: Roma, viale Castro Pretorio 116, Roma Tel. 06 44704193 Articolo pubblicato su www.apc.it e su www.scuola-spc. Qual è il destino professionale dei diplomati in psicoterapia della scuola della Associazione di Psicologia Cognitiva e della Scuola di Psicoterapia Cognitiva srl? Francesca Baietta, Michela Carreri, Daniele

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Curriculum personale

Curriculum personale Dott. Valter Spiller Psicologo Psicoterapeuta P.zza Santa Brigida 15/10-16126 Genova e-mail: spiller@fastwebnet.it Curriculum personale Training e formazione Laurea in Psicologia presso l Università degli

Dettagli

Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta. Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org

Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta. Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org TRATTAMENTO DI GRUPPO NEL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 29 novembre 2012 Vanini Serena Psicologa Psicoterapeuta Villa Soranzo www.cocaina-alcol.org DOVE? Il trattamento del giocatore si articola all interno

Dettagli

Identificazione Precoce e Intervento Breve in alcologia

Identificazione Precoce e Intervento Breve in alcologia Identificazione Precoce e Intervento Breve in alcologia Tiziana Fanucchi Centro Alcologico Regionale Toscano Centro di Alcologia e Patologie Correlate Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi (Fi) RISCHIO

Dettagli

Trattamento residenziale Un approccio emotivo e cognitivo comportamentale

Trattamento residenziale Un approccio emotivo e cognitivo comportamentale Mauro Cibin DIPARTIMENTO PER LE DIPENDENZE Az. U.L.S.S. 13 Regione del Veneto Dolo - Mirano Trattamento residenziale Un approccio emotivo e cognitivo comportamentale Verona, 6 Giugno 2006 Progetto cocaina

Dettagli

Violenza sulle donne: Il Ruolo della Sanita

Violenza sulle donne: Il Ruolo della Sanita Violenza sulle donne: Il Ruolo della Sanita Gianni Testino Centro Alcologico Regionale Regione Liguria* UO Alcologia e Patologie Correlate, Dip. Medicina Generale Interna e Specialistica, IRCCS AOU San

Dettagli

Il Colloquio Motivazionale

Il Colloquio Motivazionale SOCIALIA Società scientifica di promozione sociale Sindacato Unitario Nazionale Assistenti Sociali GIORNATE DI STUDIO A TEMA SULLE BUONE PRATICHE DI SERVIZIO SOCIALE Roma 15 marzo 2008 Il Colloquio Motivazionale

Dettagli

Progress Report Piano Progetti 2010

Progress Report Piano Progetti 2010 Progress Report Piano Progetti 2010 IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati Titolo del Progetto: Comorbidità Psichiatrica e Trattamenti Sanitari Volontari, Condizionati e Obbligatori per

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

Journal of Family Therapy

Journal of Family Therapy Valutazione della terapia psicologica rivolta alle famiglie - REVIEW DEI PRINCIPALI ARTICOLI DI OUTCOME DELLA PSICOTERAPIA PUBBLICATI SU Journal of Family Therapy Daniela Riotto In Journal of Family Therapy

Dettagli

Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati

Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati Obiettivi La seguente ricerca si inserisce nell ambito di uno studio più ampio

Dettagli

Curriculum professionale

Curriculum professionale Curriculum professionale Scaglia Maurizio Casa Mongiut 7 15010 Prasco (AL) Telefono: 328 4297580 Fax: 0144 375106 E-mail: maurizio.scaglia56@alice.it Nazionalità: italiana Data di nascita: 15 maggio 1956

Dettagli

Disegni di Ricerca e Analisi dei Dati in Psicologia Clinica. Indici di Affidabilità

Disegni di Ricerca e Analisi dei Dati in Psicologia Clinica. Indici di Affidabilità Disegni di Ricerca e Analisi dei Dati in Psicologia Clinica Indici di Affidabilità L Attendibilità È il livello in cui una misura è libera da errore di misura È la proporzione di variabilità della misurazione

Dettagli

e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti

e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti Comportamento alimentare e pratica sportiva: una ricerca su giovani i atleti ti Francesca Vitali, Daniela Senarega e Guido Amoretti Università degli Studi di Genova ASSOCIAZIONE ITALIANA DI PSICOLOGIA

Dettagli

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri:

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri: Studio Materiali e Metodi 38 Materiali e Metodi A. Campione Il campione clinico utilizzato nello studio è costituito da pazienti in età evolutiva giunti a consultazione neuropsichiatrica infantile presso

Dettagli

DALLE LINEE GUIDA. ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche

DALLE LINEE GUIDA. ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche DALLE LINEE GUIDA BORGOMANERO, 20.10.2012 ALL'ORGANIZZAZIONE DEL CENTRO PER IL TRATTAMENTO DEL TABAGISMO: Strumenti di applicazione diagnostica e ricadute terapeutiche Dr.ssa Gorizia Ariana ESPOSITO Psicologa,

Dettagli

PROGETTO COCAINA : UN ESPERIENZA IN FASCE. Manuela Cosentino*, Claudio Tosetto**, Vincenzo Marino*

PROGETTO COCAINA : UN ESPERIENZA IN FASCE. Manuela Cosentino*, Claudio Tosetto**, Vincenzo Marino* 10.5 PROGETTO COCAINA : UN ESPERIENZA IN FASCE Manuela Cosentino*, Claudio Tosetto**, Vincenzo Marino* * Dipartimento delle Dipendenze ASL, Provincia di Varese ** U.O. Dipendenze Varese Nord - Dipartimento

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

I questionari per la rilevazione della salute percepita (Health Related Quality of Life)

I questionari per la rilevazione della salute percepita (Health Related Quality of Life) C.I. Programmazione, Organizzazione e Gestione delle Aziende Sanitarie CL. Ingegneria Gestionale a.a.2013/14 I questionari per la rilevazione della salute percepita (Health Related Quality of Life) C.QUERCIOLI

Dettagli

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E)

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) a cura di Domenico Cerasuolo, Manuela Furlan, Stefania Pizzini, Maria Giulia Sinigaglia INTRODUZIONE La valutazione interna riguarda la verifica della soddisfazione

Dettagli

Parole chiave: Alcol, Dipendenze, Medici di medicina generale, Prevenzione.

Parole chiave: Alcol, Dipendenze, Medici di medicina generale, Prevenzione. ALCOLOGIA, 14 (2-3), 109-117, 2002 ARTICOLI Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella prevenzione dei problemi alcolcorrelati. Gli strumenti per l identificazione precoce e l intervento breve nei

Dettagli

La psicoterapia nel trattamento delle dipendenze patologiche

La psicoterapia nel trattamento delle dipendenze patologiche La psicoterapia nel trattamento delle dipendenze patologiche Giuseppe Zanda www.psichiatragiuseppezanda.com AUSL 2 SerT Zona Distretto Piana di Lucca 7 Seminario di Formazione 12 gennaio 2008 Parte generale

Dettagli

CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA. Le diverse sedi proposte sono:

CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA. Le diverse sedi proposte sono: SETTORE ENTE SEDE PRIVATO CENTRO TORINESE DI SOLIDARIETA Torino Le diverse sedi proposte sono: Comunità Terapeutica Residenziale Passaggio a Nord- Ovest Strada alla funicolare di Superga n. 47/6 10132

Dettagli

IL PERCORSO NO COCAINE. Eliseo Bertani, Roberto Casotti, Mario Cipressi, Antonio Lanzoni

IL PERCORSO NO COCAINE. Eliseo Bertani, Roberto Casotti, Mario Cipressi, Antonio Lanzoni 10.7 IL PERCORSO NO COCAINE Eliseo Bertani, Roberto Casotti, Mario Cipressi, Antonio Lanzoni CeIS CENTRO DI SOLIDARIETÀ DI REGGIO EMILIA, Regione Emilia Romagna Abstract Il progetto NO COCAINE del CeIS

Dettagli

Giovani e strategie di prevenzione delle dipendenze. Fidenza, 21 maggio 2013 Ravasini Alessia Melegari Federico

Giovani e strategie di prevenzione delle dipendenze. Fidenza, 21 maggio 2013 Ravasini Alessia Melegari Federico Giovani e strategie di prevenzione delle dipendenze Fidenza, 21 maggio 2013 Ravasini Alessia Melegari Federico In collaborazione con ADOLESCENZE E DIPENDENZE: PERSONALITÀ, EMOZIONI E RELAZIONI Si è voluto

Dettagli

Processi e strumenti di valutazione

Processi e strumenti di valutazione Processi e strumenti di valutazione Outcome,, Verona 19 dicembre 2006 Augusto Consoli Dipartimento Patologia delle Dipendenze Asl 4 di Torino Alcuni interrogativi sulla valutazione nei servizi Si valuta

Dettagli

I diplomati delle Scuole civiche di Milano. Motivi della scelta, collocazione professionale, valutazione dell esperienza formativa

I diplomati delle Scuole civiche di Milano. Motivi della scelta, collocazione professionale, valutazione dell esperienza formativa Università degli Studi di Milano - Bicocca Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale I diplomati delle Scuole civiche di Milano. Motivi della scelta, collocazione professionale, valutazione dell esperienza

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN CLINICA DELLE DIPENDENZE Focus sul Cocainismo Corso di formazione suddiviso in tre moduli fruibili anche singolarmente

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN CLINICA DELLE DIPENDENZE Focus sul Cocainismo Corso di formazione suddiviso in tre moduli fruibili anche singolarmente CEREF - Centro Ricerca e Formazione Via Udine 6 Padova e-mail: formazione@ceref.it - sito: www.ceref.it CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN CLINICA DELLE DIPENDENZE Focus sul Cocainismo Corso di formazione suddiviso

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 -

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico Territoriale delle Dipendenze, ASL di Brescia OSSERVATORIO

Dettagli

PROTOCOLLO DI MONITORAGGIO

PROTOCOLLO DI MONITORAGGIO PROTOCOLLO DI MONITORAGGIO 1) IL PROCESSO VALUTATIVO. Il tema della valutazione dei risultati è ormai sempre più centrale nell organizzazione dei servizi socio-sanitari. Infatti, come riportato in uno

Dettagli

Relazione di sintesi su La valutazione del rischio da stress lavoro-correlato all interno dell Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti : analisi dei risultati Metodologia, strumenti e procedura La rilevazione

Dettagli

SENSO DI COMUNITÀ IN UN CORSO ON LINE: COSTRUZIONE DI UN QUESTIONARIO

SENSO DI COMUNITÀ IN UN CORSO ON LINE: COSTRUZIONE DI UN QUESTIONARIO TECNOLOGIE EMERGENTI E COSTRUZIONE DI CONOSCENZA 27-28 MARZO 2007 SENSO DI COMUNITÀ IN UN CORSO ON LINE: COSTRUZIONE DI UN QUESTIONARIO Vittore Perrucci,, Stefano Cacciamani,, Giulia Balboni Università

Dettagli

DOPPIA DIAGNOSI E VALUTAZIONE DI ESITO, UN ESPERIENZA DI TRATTAMENTO INTEGRATO IN UN CONTESTO SEMIRESIDENZIALE.

DOPPIA DIAGNOSI E VALUTAZIONE DI ESITO, UN ESPERIENZA DI TRATTAMENTO INTEGRATO IN UN CONTESTO SEMIRESIDENZIALE. DOPPIA DIAGNOSI E VALUTAZIONE DI ESITO, UN ESPERIENZA DI TRATTAMENTO INTEGRATO IN UN CONTESTO SEMIRESIDENZIALE. Introduzione La compresenza di sintomi psichiatrici e disturbi connessi all assunzione di

Dettagli

REPORT FINALE DELLA RICERCA: La funzione sessuale nelle donne con Sclerosi sistemica

REPORT FINALE DELLA RICERCA: La funzione sessuale nelle donne con Sclerosi sistemica REPORT FINALE DELLA RICERCA: La funzione sessuale nelle donne con Sclerosi sistemica Dr.ssa Carmelina Rossi Sapienza, Università di Roma Umberto I Policlinico di Roma UOC Immunologia Clinica B Centro di

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

FONDAMENTI DI PSICOMETRIA - 8 CFU

FONDAMENTI DI PSICOMETRIA - 8 CFU Ψ FONDAMENTI DI PSICOMETRIA - 8 CFU STIMA DELL ATTENDIBILITA STIMA DELL ATTENDIBILITA DEFINIZIONE DI ATTENDIBILITA (affidabilità, fedeltà) Grado di accordo tra diversi tentativi di misurare uno stesso

Dettagli

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all Introduzione Il tema del benessere organizzativo è attualmente molto discusso all interno dei contesti lavorativi. Ciò perché tutti coloro che si occupano di organizzazione e di gestione delle risorse

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ZAVAN VALERIA RESIDENZA: 58, VIA GIACOMO NANI, 35127, PADOVA DOMICILIO: 28, VIA 28 MARZO 1921,

Dettagli

LA PRESA IN CARICO DELLA RICHIESTA DI PSICOTERAPIA. MODELLI A CONFRONTO

LA PRESA IN CARICO DELLA RICHIESTA DI PSICOTERAPIA. MODELLI A CONFRONTO CESP Centro Studi di Psicoterapia e Psicologia della Salute Progetto di ricerca LA PRESA IN CARICO DELLA RICHIESTA DI PSICOTERAPIA. MODELLI A CONFRONTO Il Progetto si propone di indagare i fattori critici

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

Carlo Alberto Zerbini. albertozer@alice.it

Carlo Alberto Zerbini. albertozer@alice.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Carlo Alberto Zerbini Telefono 3398183520 Fax E-mail albertozer@alice.it Nazionalità Italiana Data di nascita 22/03/1979 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO (2002) Descrizione

A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO (2002) Descrizione IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI (2002) DEVELOPMENTAL assessment individuale; valutazione disturbi di apprendimento;

Dettagli

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato Analizza/Confronta medie ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107 t-test test e confronto tra medie chi quadrato C.d.L. Comunicazione e Psicologia a.a. 2008/09 Medie Calcola medie e altre statistiche

Dettagli

Gli interventi psicoterapeutici nella dipendenza da cocaina

Gli interventi psicoterapeutici nella dipendenza da cocaina Gli interventi psicoterapeutici nella dipendenza da cocaina Progetto Start - Verona 5-65 6 giugno 2006 Augusto Consoli Direttore Dipartimento di Patologia delle Dipendenze, Asl 4 Torino Le psicoterapie:

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

RUOLO DEI SIAN: COUNSELING, VALUTAZIONE DELLA MOTIVAZIONE E PROMOZIONE AL CAMBIAMENTO

RUOLO DEI SIAN: COUNSELING, VALUTAZIONE DELLA MOTIVAZIONE E PROMOZIONE AL CAMBIAMENTO III SESSIONE: RISORSE, BISOGNI, POSSIBILITA RUOLO DEI SIAN: COUNSELING, VALUTAZIONE DELLA MOTIVAZIONE E PROMOZIONE AL CAMBIAMENTO Angiola Vanzo, M.D. Direttore Servizio di Igiene degli Alimenti e Nutrizione

Dettagli

Alcologia. Efficacia#dell intervento#riabilitativo#in#un#reparto#di#alcool:farmaco#dipendenze:## studio#di#follw#up# # Riassunto!

Alcologia. Efficacia#dell intervento#riabilitativo#in#un#reparto#di#alcool:farmaco#dipendenze:## studio#di#follw#up# # Riassunto! PAOLA# VIZZUSO Psicologa, Psicoterapeuta, Presidio Ospedaliero Riabilitativo Fatebenefratelli, AFaR (AsscociazioneFatebenefratelliperlaRicerca),SanMaurizioC.se M.#BRERO Psicologa,AFaR(AsscociazioneFatebenefratelliperlaRicerca)

Dettagli

Procedura per il trattamento con metadone per tipologia di pazienti con indicatori di risultato

Procedura per il trattamento con metadone per tipologia di pazienti con indicatori di risultato AREA STUDI E RICERCHE Procedura per il trattamento con metadone per tipologia di pazienti con indicatori di risultato Roberta Ferrucci*, Silvana Chiasera*, Maria Rosaria Alinovi*, Rosalia Lo Cascio*, Alberto

Dettagli

CURRICULUM PROFESSIONALE

CURRICULUM PROFESSIONALE Renzo Marsili, nato a Treviso il 23-07-1952 e-mail: r.marsili@ausl.fe.it CURRICULUM PROFESSIONALE Titoli di studio Diploma di Maturità classica 1971 Diploma di laurea in Psicologia, Padova 1979. Counselor

Dettagli

Il lavoro alcologico nel Ser.T. di Alessandria. Dott.ssa Cormaio Marialuisa Dott.ssa Ubaldeschi Daria Dott. Boetti Alberto

Il lavoro alcologico nel Ser.T. di Alessandria. Dott.ssa Cormaio Marialuisa Dott.ssa Ubaldeschi Daria Dott. Boetti Alberto Il lavoro alcologico nel Ser.T. di Alessandria Dott.ssa Cormaio Marialuisa Dott.ssa Ubaldeschi Daria Dott. Boetti Alberto Nei disturbi da uso di sostanze la metodologia che si è rilevata più efficace consiste

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

Attuali percorsi e prospettive future nei trattamenti integrati

Attuali percorsi e prospettive future nei trattamenti integrati CONVEGNO ALCOLOGIA 22 Novembre 2013 "ALCOLOGIA MODERNA. ATTUALI TREND DI CONSUMO E PERCORSI TERAPEUTICO-RIABILITATIVI Attuali percorsi e prospettive future nei trattamenti integrati Intervento a cura di:

Dettagli

Fonti: Arai et al (2007); Rodgers et al (2009) Classici moderni della Valutazione

Fonti: Arai et al (2007); Rodgers et al (2009) Classici moderni della Valutazione Aspetti metodologici delle Narrative Review: l implementazione di interventi per la prevenzione degli incendi Fonti: Arai et al (2007); Rodgers et al (2009) Classici moderni della Valutazione a cura di

Dettagli

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze

Roma, 9-11 novembre 2012 Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze Ruolo dell infermiere nel mondo dal Congresso Internazionale di Firenze CPSI Gaetano Crescenzo S.C. di Endocrinologia A. O. Ordine Mauriziano di Torino L International Society of Endocrinology e stata

Dettagli

Linee guida per collaborazioni scientifiche nel quadro dei progetti di sviluppo test di Giunti O.S. Organizzazioni Speciali v. 1.

Linee guida per collaborazioni scientifiche nel quadro dei progetti di sviluppo test di Giunti O.S. Organizzazioni Speciali v. 1. Linee guida per collaborazioni scientifiche nel quadro dei progetti di sviluppo test di Giunti O.S. Organizzazioni Speciali v. 1.0 (luglio 2011) Premessa Giunti O.S. Organizzazioni Speciali (qui di seguito

Dettagli

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE

Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Iniziativa ACCENDI LA SALUTE Relazione conclusiva AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA in collaborazione con SEZIONE PR OVINCIALE DI NOVARA ONLUS L ASL NO, in quanto parte del SSN, ha tra i propri compiti

Dettagli

Il Counseling Motivazionale con gli adolescenti

Il Counseling Motivazionale con gli adolescenti Il Counseling Motivazionale con gli adolescenti Antonio Bimbo, counselor e trainer del Counseling Motivazionale, direttore Scuola Italiana di Counseling Motivazionale, sede di Ferrara Introduzione. Una

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

PROTAGONISTI NEL CAMBIAMENTO Piacenza 22 Maggio 2010

PROTAGONISTI NEL CAMBIAMENTO Piacenza 22 Maggio 2010 PROTAGONISTI NEL CAMBIAMENTO Piacenza 22 Maggio 2010 Relazione: DENTRO AL COLLOQUIO MOTIVAZIONALE: IPOTESI SUI MECCANISMI DEL CAMBIAMENTO L efficacia del CM è stata ampiamente dimostrata in studi tradizionali,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO INDAGINI SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELATIVE ALL ANNO 2013 Documento

Dettagli

UNO STUDIO SUI BENEFICI DELLO YOGA NELLA POPOLAZIONE AZIENDALE

UNO STUDIO SUI BENEFICI DELLO YOGA NELLA POPOLAZIONE AZIENDALE LO YOGA Nel novembre del 2013 è stato attivato un corso sperimentale di YOGA presso il presidio di Chiari. Il corso si è svolto presso l Aula Magna dell Azienda, al di fuori dell orario di servizio. Sono

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova

La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova La Prevenzione è amicizia Progetto di Educazione alla Salute nelle Scuole di Genova Presentazione dell associazione: Il Centro Oncologico Ligure (COL) è un Associazione di Promozione Sociale basata sul

Dettagli

(9-5-14- (23-5-14, - ASSIMEFAC

(9-5-14- (23-5-14, - ASSIMEFAC ECM Formare salute:alimentazione,fumo e attività fisica Collepasso (9-5-14- prima edizione), Carmiano (23-5-14, seconda edizione), Lecce (10-10-14,terza edizione) Organizzato da AICMI - ASSIMEFAC Il counseling

Dettagli

Le emozioni autocoscienti. Corso di Psicologia dello sviluppo del sé A.A. 2008-2009. Laurea specialistica in Psicologia Dott.ssa Marina Camodeca

Le emozioni autocoscienti. Corso di Psicologia dello sviluppo del sé A.A. 2008-2009. Laurea specialistica in Psicologia Dott.ssa Marina Camodeca Le emozioni autocoscienti Corso di Psicologia dello sviluppo del sé A.A. 2008-2009 Laurea specialistica in Psicologia Dott.ssa Marina Camodeca Le emozioni di base Emozioni di base (gioia, rabbia, tristezza,

Dettagli

La valutazione del rischio con metodi soggettivi

La valutazione del rischio con metodi soggettivi Cos è la valutazione dello stress lavoro-correlato La professionalità dello psicologo per la valutazione del rischio Milano, 4 novembre 2010 La valutazione del rischio con metodi soggettivi Psicologo della

Dettagli

Quando uno vale due Psicologia della donazione di sangue

Quando uno vale due Psicologia della donazione di sangue ED. LA SCUOLA BRESCIA SINTESI DEL VOLUME Quando uno vale due Psicologia della donazione di sangue di Paolo Guiddi 1 Il volume In molti paesi oggi la donazione di sangue è un gesto volontario, gratuito

Dettagli

FREE AND CUED SELECTIVE REMINDING TEST (FCRST): studio di Validità di Costrutto in soggetti con disturbo di memoria

FREE AND CUED SELECTIVE REMINDING TEST (FCRST): studio di Validità di Costrutto in soggetti con disturbo di memoria FREE AND CUED SELECTIVE REMINDING TEST (FCRST): studio di Validità di Costrutto in soggetti con disturbo di memoria Ghiretti R 1, Vanacore N 2, Pomati S 1, Di Pucchio A 2, Cucumo V 1, Marcone A 3, Mariani

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62

Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire. n. 1 (2011), pp. 54-62 Articolo pubblicato sul periodico Dal fare al dire n. 1 (2011), pp. 54-62 GIOVANI E GIOCO D AZZARDO: INDAGINE ESPLORATIVA SULLA CONOSCENZA E SULLE ABITUDINI DI GIOCO DEGLI STUDENTI BIELLESI LOREDANA ACQUADRO*

Dettagli

SOCIALIZZAZIONE AL LAVORO AREE DI APPLICAZIONE

SOCIALIZZAZIONE AL LAVORO AREE DI APPLICAZIONE SOCIALIZZAZIONE AL LAVORO AREE DI APPLICAZIONE ORIENTAMENTO PRE-LAVORATIVO A) processi di transizione B) scelte scolastico-professionali C) primi incontri con il lavoro (stage, tirocini, ecc.) INGRESSO

Dettagli

Disturbo psichiatrico in età evolutiva, quale futuro?

Disturbo psichiatrico in età evolutiva, quale futuro? Disturbo psichiatrico in età evolutiva, quale futuro? Follow-up di giovani pazienti dopo la dimissione da un servizio semiresidenziale di psicopatologia dell adolescenza Michela Gatta L.Balottin - Paolo

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015 Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CASI DI MALATTIA DA STRESS LAVORO CORRELATO 4000 denunce all INAIL negli ultimi

Dettagli

Presentazione del «Manuale per l utilizzo del counseling motivazionale negli ambulatori nutrizionali»

Presentazione del «Manuale per l utilizzo del counseling motivazionale negli ambulatori nutrizionali» Presentazione del «Manuale per l utilizzo del counseling motivazionale negli ambulatori nutrizionali» Angiola Vanzo, M.D. Direttore Servizio di Igiene degli Alimenti e Nutrizione Azienda U.L.SS. n 6 Vicenza

Dettagli

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI Cognome e nome SCALABRI MARIA ENRICA Data di nascita 29-01-1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale PSICOLOGO PSICOTERAPEUTA ULSS 10 VENETO ORIENTALE

Dettagli

Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA

Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA Evidenze della efficacia della psicoterapia nei DCA G. Martinotti Addictive Behaviours Unit Istituto di Psichiatria e Psicologia Università Cattolica del Sacro Cuore Roma L outcome in psicoterapia La valutazione

Dettagli

ESPERIENZA PROFESSIONALE

ESPERIENZA PROFESSIONALE INFORMAZIONI PERSONALI POSIZIONE RICOPERTA da 01.04.1998 ad oggi Claudia Passudetti residenza: via del Fante, 24 31040 Volpago del Montello (TV) cell.: 349.86.87.746 e-mail: passu.c@gmail.com Sesso: F

Dettagli

Prof. Tullio Scrimali

Prof. Tullio Scrimali Prof. Tullio Scrimali Insegnamento di Psicologia Clinica delle Dipendenze Modulo Settore scientifico-disciplinare Anno di corso Periodo didattico Numero totale di crediti Prerequisiti (se previsti) Propedeuticità

Dettagli

Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER

Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER Dipartimento ASSI DIPARTIMENTO DIPENDENZE Accordo di programma fra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Regione Lombardia, per la realizzazione di attività coordinate e finalizzate alla progettazione,

Dettagli

Programma di supervisione clinica rivolto a medici, psichiatri, psicologi, psicoterapeuti. S O M M A R I O. 1) Obiettivi del programma.. pag.

Programma di supervisione clinica rivolto a medici, psichiatri, psicologi, psicoterapeuti. S O M M A R I O. 1) Obiettivi del programma.. pag. Dott. Andrea Vallarino Medico Specialista in Psicoterapia Specialista in Criminologia Clinica via A. Gramsci, 1/1A, 16126 Genova, tel. 010/2467677, cell. 3496922664 E-mail:andreavallarino@libero.it; web

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità

Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità Linee di indirizzo per il trattamento dei Disturbi Gravi di Personalità Servizio Salute Mentale Dipendenze Patologiche e salute nelle Carceri Bologna 8 gennaio 2013 1 Obiettivi della riunione Progetto

Dettagli

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA I dati relativi alle prevalenze dei consumi di sostanze psicoattive, legali ed illegali, nella popolazione

Dettagli

NOA E MEDICO DI FAMIGLIA:

NOA E MEDICO DI FAMIGLIA: NOA E MEDICO DI FAMIGLIA: MODALITA di COLLABORAZIONE Indirizzi dei NOA e riferimenti utili Presentazione dei NOA (Nuclei Operativi Alcologia) ASL di Milano Scheda Planning per le modalità di collaborazione

Dettagli

Progetto OUTCOME 2010 Risultati. Giovanni Serpelloni, Monica Zermiani, Nadia Balestra, Bruno Genetti

Progetto OUTCOME 2010 Risultati. Giovanni Serpelloni, Monica Zermiani, Nadia Balestra, Bruno Genetti Progetto OUTCOME 2010 Risultati Giovanni Serpelloni, Monica Zermiani, Nadia Balestra, Bruno Genetti Roma 27 Marzo 2012 Unità operative coinvolte Numero unità operative coinvolte: 65 Regioni coinvolte:

Dettagli

DONAZIONE DI SANGUE, DONO DI VITA. FATTORI PERSONALI, FAMILIARI ED ORGANIZZATIVI CONNESSI ALL AZIONE DONATIVA.

DONAZIONE DI SANGUE, DONO DI VITA. FATTORI PERSONALI, FAMILIARI ED ORGANIZZATIVI CONNESSI ALL AZIONE DONATIVA. Struttura ed Evidenze empiriche della tesi di dottorato: DONAZIONE DI SANGUE, DONO DI VITA. FATTORI PERSONALI, FAMILIARI ED ORGANIZZATIVI CONNESSI ALL AZIONE DONATIVA. Abstract di: PAOLO GUIDDI La tesi

Dettagli

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO DIPARTIMENTO DIPENDENZE Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER Maggio 2009 Responsabile Ricerca-Studio: Gruppo

Dettagli

2007 Progettoasco.it

2007 Progettoasco.it [Numero 13 - Articolo 3. Aprile 2007] Anamnesi Psichiatrica e Livello di Adattamento Psichico come Fattori di Rischio per Comportamenti Devianti Correlati a Farmaci in Pazienti con Dolore Cronico. Titolo

Dettagli

Attitudini e atteggiamento degli infermieri nei confronti dell'assistenza nutrizionale nell'anziano

Attitudini e atteggiamento degli infermieri nei confronti dell'assistenza nutrizionale nell'anziano LA RICERCA INFERMIERISTICA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE FUTURE Attitudini e atteggiamento degli infermieri nei confronti dell'assistenza nutrizionale nell'anziano BACKGROUND La malnutrizione nella persona

Dettagli