PIANO OFFERTA FORMATIVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO OFFERTA FORMATIVA"

Transcript

1 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD Liceo Scientifico Statale Elio Vittorini via Donati, 5/7 Tel / Fax web: cod. fisc.: PIANO OFFERTA FORMATIVA anno scolastico 2012/2013 pagina 1/36

2 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD Sezione 1 CHI SIAMO Il Liceo Vittorini è situato nella zona 6 dalla quale provengono in prevalenza i nostri studenti. Vi è comunque una non esigua presenza di studenti provenienti da zone e comuni limitrofi. Istituto autonomo dall a.s , è costituito da due plessi contigui ed è circondato da spazi liberi a verde per mq Oggi, per le sue proposte culturali e aggregative, è un riferimento significativo per il territorio. LE SCELTE EDUCATIVE Il liceo Vittorini, seguendo i principi democratici espressi e garantiti dalla Costituzione, opera per il conseguimento delle finalità specifiche della formazione liceale scientifica con l indirizzo di Liceo Scientifico, Approfondisce percorsi didattici utili a formare diplomati 1. pronti ad affrontare le innovazioni scientifico tecnologiche e gli studi universitari nell ambito della Comunità Europea 2. capaci di seguire le proprie attitudini e i propri orientamenti culturali e professionali. Fornisce ai giovani del nostro territorio una formazione di orizzonte europeo, valorizzando risorse umane, tecnologiche e comunicative. Inoltre, a esaurimento a partire dal 4 anno, offre ai suoi studenti un curriculum di studi ampio ed articolato in più sperimentazioni 1. piano nazionale informatica PNI e Fisica 2. scienze 3. bilingue (inglese/francese; inglese/tedesco) 4. PNI/scienze La scuola da anni è impegnata sul fronte della lotta al disagio giovanile potenziando l offerta culturale e aggregativa, favorendo le iniziative degli studenti e collaborando con le famiglie. Poiché è sempre più vasta la presenza di gruppi di studenti con diversi livelli di preparazione, la nostra scuola mirando al successo formativo offre servizi di recupero, di prevenzione del disagio scolastico e della dispersione. FINALITA' DELLE SCELTE EDUCATIVE I docenti del Liceo pongono come obiettivo di ampio respiro e, fatti salvi gli obiettivi propri delle materie, l acquisizione di: conoscenze disciplinari; pagina 2/36

3 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD un metodo di studio organico, sistematico e rigoroso; abilità linguistiche, argomentative e procedurali; competenze volte a cogliere le relazioni tra le conoscenze acquisite nelle diverse discipline (pluridisciplinarietà). senso di responsabilità nel controllo del proprio percorso formativo di cui è parte importante il corretto utilizzo degli strumenti di comunicazione scuola-famiglia. al fine di permettere ai propri studenti di: 1. conseguire una formazione flessibile e finalizzata all acquisizione di competenze critiche, quali la padronanza dei processi logici e dei linguaggi, il trasferimento delle conoscenze e la risoluzione di situazioni problematiche; 2. sviluppare un processo personale e autonomo nella formazione della propria identità anche storica e culturale, nella valorizzazione delle proprie capacità e attitudini, anche attraverso lo star bene a scuola, inteso come benessere psico-fisico e relazionale; 3. favorire la partecipazione alla vita scolastica ed extrascolastica, sviluppando la capacità di iniziativa e di ricerca, la creatività e la progettualità insieme alle diverse componenti scolastiche; 4. diventare responsabile rispetto a sé, agli altri e all ambiente e valorizzare le diversità e le relazioni come ricchezze; 5. sviluppare una crescita armonica e consapevole della propria corporeità; 6. utilizzare i diversi campi del sapere acquisendo conoscenze, abilità (cognitive e pratiche) e competenze nella assimilazione critica e personale del patrimonio culturale e nella spinta all innovazione. Tali finalità risultano in linea con il profilo del liceo scientifico previsto dall art. 8 comma 1 del DPR 89/10: Il percorso del liceo scientifico è indirizzato allo studio del nesso tra cultura scientifica e tradizione umanistica. Favorisce l acquisizione delle conoscenze e dei metodi propri della matematica, della fisica e delle scienze naturali. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per seguire lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica e per individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere, assicurando la padronanza dei linguaggi, delle tecniche e delle metodologie relative, anche attraverso la pratica laboratoriale. pagina 3/36

4 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD ORARIO DELLE LEZIONI Orario delle lezioni: le lezioni iniziano alle ore 8.15 e terminano alle ore 14.15, la scuola è aperta da lunedì al venerdì dalle ore 8. alle ore 18. e il sabato dalle ore 8. alle ore 14.. La segreteria è aperta al pubblico dalle ore 10. alle ore 12. tutti i giorni feriali e il mercoledì anche dalle ore 8. alle ore 9.. Il seguente prospetto è valido per il Liceo Scientifico riformato a regime. 1 biennio 2 biennio 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno ATTIVITA E INSEGNAMENTI ORARIO ANNUALE MATERIE Lingua e Letteratura Italiana Lingua e cultura Latina Lingua e cultura inglese Storia e Geografia 3 3 Storia Filosofia Matematica (con informatica al 1 biennio) Fisica Scienze naturali (Biologia,Chimica, Scienze della Terra) Disegno e storia dell arte Scienze motorie e sportive Religione cattolica o Attività alternative TOTALE ore pagina 4/36

5 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD OFFERTA FORMATIVA Il Liceo Vittorini attua una serie di iniziative volte al miglioramento dell attività didattica (vedi punto 9) e una serie di attività e progetti proposti dal Collegio dei Docenti o dai singoli Consigli di Classe: disciplina alternativa all IRC: Invito alla lettura di testi narrativi, di quotidiani, di opere d arte, di testi musicali, di testi multimediali ; accoglienza classi prime, progetto Classe si diventa ; raccordo con le scuole medie del territorio; orientamento alla scelta universitaria; educazione alla salute; educazione alla legalità; educazione motoria e sportiva; educazione all uso delle nuove tecnologie; educazione ai beni culturali e artistici; potenziamento dello studio delle lingue straniere; stages all estero per le sezioni bilingue; uscite didattiche per visite a beni ambientali e artistici; viaggi d istruzione; centro sportivo scolastico; spettacoli teatrali, cinematografici e conferenze. pagina 5/36

6 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD PROGETTI DIDATTICI Progetto accoglienza 'Classe si diventa' Progetto accoglienza in biblioteca Lettore madrelingua (classi II, III e IV) inglese, francese e tedesco Preparazione a certificazioni linguistiche Stages allestero di due settimane (classi di bilinguismo e di potenziamento linguistico) Conferenze di approfondimento umanistico e scientifico Uscite didattiche per visita mostre,spettacoli teatrali e cinematografici Educazione alla salute: Visite al consultorio, Educazione fra pari, Informazioni sull'uso di sostanze psicotrope, Guida sicura, Itaca Partecipazione a gare e campionati sportivi ATTIVITA' EXTRACURRICULARI Corsi di lingue Certificazioni linguistiche Corsi estivi IELTS FCE Laboratorio teatrale 1e 2livello Partecipazione a gare e campionati sportivi Progetto volontariato Educazione alla salute: Donare il sangue Esami ECDL (patente europea del computer) e EQDL Diffusione della cultura informatica Corsi ECDL Conferenze di argomento scientifico, storico e filosofico Corso di primo soccorso Partecipazione a gare nazionali di matematica e fisica Illustrazione e fumetto Oikonomia Mostrami in mostra. La produzione artistica degli studenti in esposizione Premio poesia Ettore Barelli Premio fotografia Federico Magni pagina 6/36

7 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD INTERVENTI IN RAPPORTO ALLE ESIGENZE CURRICULARI O DI CLASSE Iniziative per il recupero delle difficoltà per gli studenti delle diverse classi: 1. sportello didattico (verificata la disponibilità dell insegnante) non attivo per l'a.s. 2012/ recupero in itinere 3. corsi di recupero pomeridiani (IDEI verificata la disponibilità dell'insegnante) non attivo per l'a.s. 2012/ interventi di recupero dopo gli scrutini di fine trimestre per gli studenti insufficienti da effettuarsi durante l interruzione dello svolgimento dei programmi dal 14 al 19 gennaio 5. corsi di recupero durante il periodo estivo per gli studenti per i quali è stato sospeso il giudizio negli scrutini di giugno Servizio di consulenza didattica e orientativa per le classi prime per affrontare eventuali situazioni di riorientamento Iniziative di approfondimento e potenziamento Referente per studenti affetti da A (disturbi specifici dell apprendimento) Sportello di ascolto "CIC" con presenza della psicologa una volta la settimana e sportello di ascolto sul disagio scolastico VALUTAZIONE DEGLI STUDENTI La valutazione complessiva di ciascuno studente da parte del Consiglio di Classe avverrà alla fine del trimestre e del pentamestre sulla base sia di un congruo numero di verifiche scritte, strutturate, orali e pratiche per ciascuna materia del corso di studi, sia del voto di comportamento. Per gli studenti della prima, seconda e terza classe il voto espresso alla fine del primo periodo è espresso con una valutazione unica. Gli elementi di valutazione di ciascuna verifica saranno ricavati sulla base dei parametri indicati dai Dipartimenti e dai singoli Consigli di Classe in ordine agli obiettivi stabiliti e alle programmazioni dei docenti. Saranno ammessi allo scrutinio anche gli studenti che hanno superato il numero massimo di assenze consentito, purché si tratti di assenze per motivi di salute continui e documentati, o di soggiorni di studio all'estero svolti secondo la normativa vigente, o di assenze per motivi religiosi, e purché il Consiglio di Classe sia in grado di esprimere una valutazione. Per gli studenti con giudizio sospeso la valutazione finale sarà effettuata prima dell inizio del nuovo anno scolastico sulla base di prove scritte, orali e pratiche opportunamente preparate dai singoli Consigli di Classe. Per il voto di comportamento i Consigli di Classe terranno conto dei seguenti criteri Massimo 10: comportamento sempre corretto, rispettoso delle regole, attivo e coinvolto nella partecipazione all Offerta Formativa del Liceo (POF) Massimo 9: comportamento attento in classe e impegnato nello studio, rispettoso delle regole espresse nel Patto di Corresponsabilità e nei Contratti Formativi Massimo 8: comportamento per lo più rispettoso delle regole sia pur in presenza di lievi trasgressioni (per es. ritardi non reiterati) Massimo 7: trasgressioni alle regole con eventuali note riportate sul registro di classe Massimo 6: anche un numero elevato di ritardi, presenza di provvedimento di sospensione o di altro provvedimento disciplinare per comportamento grave nei confronti di persone o cose. Le entrate posticipate e le uscite anticipate influiscono comunque sul voto di condotta, tranne che quelle giustificate per pagina 7/36

8 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD motivazioni mediche suffragate da apposito certificato. Ai fini della valutazione complessiva finale si terrà anche conto di: 1. puntualità e rispetto degli impegni; 2. interesse e partecipazione al dialogo educativo; 3. capacità di migliorare e di recuperare; 4. costanza e continuità nello studio e nel lavoro scolastico; 5. determinazione nel raggiungimento degli obiettivi. Per l assegnazione del credito scolastico e del credito formativo, oltre ai sopraccitati parametri comportamentali, si prenderanno in considerazione a fine anno scolastico: 1. la media dei voti ottenuti nella valutazione finale compreso il voto di comportamento: 2. la partecipazione attiva alla vita della scuola; 3. la partecipazione certificata secondo le regole stabilite da ciascuna attività extracurricolare della scuola (laboratori teatrali, lingue pomeridiane, laboratorio video, primo soccorso, educazione tra pari, corsi pomeridiani, commissione elettorale, partecipazione al centro sportivo scolastico, primi dieci classificati ai giochi di matematica); 4. giudizio ottimo nell'irc o nella materia alternativa 5. partecipazione ai lavori delle commissioni della scuola per almeno 10 ore l anno 6. la partecipazione, certificata e continuativa, a qualche attività non scolastica riconosciuta dalla vigente normativa e dalle delibere del Collegio Docenti. Attività per cui viene riconosciuto il credito formativo attività di volontariato continuative e certificate conseguimento della patente E.C.D.L attività sportive a livello agonistico, certificate da un attestato della Società Sportiva di appartenenza frequenza annuale o pluriennale di corsi presso scuole specializzate (corredate da certificato di iscrizione e frequenza) con conseguimento di brevetto o diploma frequenza di corsi in lingua e di lingua presso scuole all estero (corredate da certificato di frequenza, quantificazione delle ore e risultati ottenuti), anche se corsi estivi e svolti presso scuole all'estero o in Italia stages estivi donazione di sangue certificazioni di lingue: First Certificate, TOEFL, Certificate Deutsch, DELF attività lavorative certificate dal datore di lavoro (a prescindere dal fatto che siano o meno pagate, ma che non sia attività di famiglia e della durata di almeno una settimana) Verifiche e valutazioni comuni: I Consigli di Classe, prima dell inizio del nuovo anno scolastico, accertano con verifiche scritte, orali e pratiche l avvenuto recupero delle carenze per gli studenti con giudizio sospeso. I Dipartimenti di materia definiscono, per le classi quinte, le simulazioni della prima, seconda e terza prova scritta dell Esame di Stato. RAPPORTI CON LE FAMIGLIE I rapporti con le famiglie si articolano in: pagina 8/36

9 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD pagina 9/36

10 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD 1. ricevimento mattutino con cadenza bimensile 2. ricevimento pomeridiano una volta all anno, nel secondo periodo, su prenotazione, tale da favorire la massima partecipazione non attivo per l'a.s. 2012/ consigli di classe aperti 4. registro elettronico on-line pagina 10/36

11 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD CALENDARIO SCOLASTICO 1. Per l anno scolastico 2012/2013 le lezioni hanno inizio il giorno 12 settembre 2012 e terminano il giorno 08 giugno 2013; 2. Non si effettuano lezioni, oltre che in tutte le domeniche e nelle altre festività nazionali nei seguenti giorni: Festa di Tutti i Santi e commemorazione dei defunti: dall 1 al 2 novembre 2012 Santo Patrono e Immacolata Concezione: dal 7 all 8 dicembre 2012 Vacanze natalizie: dal 23 dicembre 2012 al 6 gennaio 2013 Carnevale ambrosiano: dal 15 al 16 febbraio 2013 Vacanze pasquali: dal 28 marzo 2013 al 2 aprile 2013 Anniversario Liberazione: 25 aprile 2013 Festa del Lavoro (il ponte è delibera provinciale): dal 29 aprile all 1 maggio 2013 Festa della Repubblica: 2 giugno L anno scolastico, ai fini della valutazione, è suddiviso in un trimestre e un pentamestre: trimestre: dal 12 settembre al 22 dicembre 2012 pentamestre: dal 7 gennaio all 8 giugno 2013 Gli scrutini del trimestre si svolgeranno dall'8 all'11 gennaio Calendario Consigli di classe ottobre 2012 (solo docenti) novembre marzo maggio Colloqui pomeridiani con i genitori previsti nel pentamestre non attivo per l'a.s. 2012/2013 pagina 11/36

12 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD Sezione 2: organizzazione funzionale della scuola IL DIRIGENTE SCOLASTICO prof. Mara Bariatti Il Dirigente Scolastico predispone il piano annuale delle attività e nomina i propri collaboratori i componenti le commissioni inerenti l organizzazione e i relativi responsabili i coordinatori e i segretari dei Consigli di Classe i responsabili dei laboratori e delle strutture funzioni aggiuntive (a.t.a.) COLLABORATORI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Il Dirigente Scolastico ha nominato suoi collaboratori i professori prof. Giovanna Viganò, con funzione di Vicario prof. Corrado Inzoli DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI E AMMINISTRATIVI Dott. Maria Claudia Cassia Il Direttore Amministrativo organizza il lavoro del personale ATA e ha in carico il patrimonio. RESPONSABILE ALLA SICUREZZA pagina 12/36

13 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD Ing. Alfredo Fiume RESPONSABILE QUALITÀ RSGQ prof. Corrado Inzoli AMMINISTRATORE DI RETE prof. Giancarlo Brusa RESPONSABILE DELLO SPAZIO WEB prof. Cristiano Dognini WEBMASTER prof. Laura Asmonti COLLEGIO DEI DOCENTI E SUE ARTICOLAZIONI Il Collegio dei Docenti è costituito da tutti i docenti della scuola, è presieduto dal Dirigente Scolastico, delibera su tutte le questioni inerenti la didattica e si articola nei Dipartimenti di materia e nelle Commissioni di lavoro e di studio. Il Collegio dei Docenti: pagina 13/36

14 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD elegge il Comitato di Valutazione dei Docenti; nomina i coordinatori dei Dipartimenti di materie; individua le aree prioritarie per l assegnazione delle figure strumentali e ne nomina i responsabili; nomina i referenti ai progetti d area e di reti di scuole; indica i docenti utilizzati su progetti speciali; decide la costituzione delle commissioni inerenti la didattica e la ricerca, ne individua gli obiettivi e i compiti e ne nomina i componenti e i coordinatori. Si precisa che le commissioni sono espressioni del Collegio Docenti ma possono prevedere collaborazioni da parte di genitori e/o studenti e/o personale a.t.a. su richiesta delle commissioni stesse. FUNZIONI STRUMENTALI Il Collegio docenti ha indicato le seguenti Funzioni Strumentali: In relazione agli studenti: Orientamento in uscita; Orientamento in entrata Supporto alla biblioteca; Multimedialità; Salute. In relazione all area scolastica Qualità; Nuove tecnologie; Coordinatore scientifico. CONSIGLI DI CLASSE Il Consiglio, costituito dai docenti della classe, da due genitori e due studenti annualmente eletti, è presieduto dal Dirigente Scolastico o da un suo delegato e ha le seguenti funzioni: tiene i rapporti fra scuola e famiglie, dà informazioni sul piano di lavoro annuale e sulla didattica; decide in materia di provvedimenti disciplinari; propone le attività extrascolastiche (viaggi, uscite didattiche, partecipazione ad iniziative esterne alla scuola) al Consiglio d Istituto; propone l adozione dei libri di testo al Collegio Docenti; può formulare proposte da presentare al Collegio Docenti in merito all azione educativa e didattica. pagina 14/36

15 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD Il Consiglio di Classe, limitato alla sola componente docente, ha la responsabilità della gestione della didattica e della valutazione degli studenti, elabora il documento annuo di programmazione e il contratto formativo. IL COORDINATORE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Il coordinatore: 1. presiede le riunioni del Consiglio di Classe con delega del Dirigente Scolastico; 2. cura i rapporti con le famiglie sui casi segnalati dal Consiglio di Classe; 3. presenta e consegna ai rappresentanti dei genitori e degli studenti il Patto di corresponsabilità e il POF; 4. coordina e razionalizza i lavori del Consiglio di Classe come gruppo progettuale; 5. facilita la comunicazione tra le componenti del C.d.C. (docenti, studenti e genitori) e per questo compito deve essere puntualmente informato di tutte le attività svolte dalla classe. In tale attività sarà coadiuvato dai rappresentati di classe degli studenti. pagina 15/36

16 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD COORDINATORI E SEGRETARI DEI CONSIGLI DI CLASSE Classe Coordinatore Segretario 1A Rossi Marisa Bottini Daniela 1B Francescutti Gabriella Rossi Marisa 1C Pes Francesca Calzi Grazia 1D Alippi Alessandro Caccialanza Patrizia 1E De Lena Maria Luisa Leonoris Marina 1F Presti Anna Belluzzi Maria Cristina 1G Mirizio Massimo Perricone Patrizia 1H Mercogliano Rossella Dognini Cristiano 1I De Munari Matteo Carlo De Monte Patrizia 1L Bottini Daniela Folatti Silvia 2A Penati Laura Leardini Fulvia 2B Cannone Angela Zago Elena 2C Calzi Grazia Pes Francesca 2D Kann Irene Alippi Alessandro 2E Zago Elena Leardini Fulvia 2F Cappella Michaela De Lena Maria Luisa 2G Marrazzo Concetta Di Nuzzo Patrizia 2H Belluzzi Maria Cristina Lapini Cristina 2I Bottaro Antonella Bonzi Manuela 3A Chiari Giuliana Rigotti Elena 3B De Monte Patrizia Stea Giuliana 3C Colombo Rita Merisio Teresina 3D Castiglia Patrizia Cristina Monti Maria Grazia 3E Turri Angela Guidugli Rita 3F Cavalet Maria Ferdinanda Desiderato Luisa 3G Daino Mauro Bottaro Antonella 4A Calella Loredana Francescutti Gabriella 4B Stea Giuliana Baldin Fulvio 4C Desiderato Luisa Chierico Mariamaddalena 4D Ancora Milena Milone Bruno 4E Bonzi Manuela Iussi Natale 4F Leonoris Marina Caiola Maria Elena 4G Milone Bruno Indennitate Cinzia 4H Bisio Emanuela Daino Mauro 5A Rigotti Elena Ventura Mirella 5B Asmonti Laura Baldin Fulvio 5C Merisio Teresina Cappella Michaela 5D Monti Maria Grazia LanLuisa 5E Barberis Alice Turri Angela 5F Di Nuzzo Patrizia Cavalet Maria Ferdinanda pagina 16/36

17 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD 5G Dognini Cristiano Mutti Roberta 5H Perricone Patrizia Valugani Laura pagina 17/36

18 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD ELENCO DOCENTI CON LE RISPETTIVE CLASSI E LE MATERIA DI INSEGNAMENTO Docente: Alippi Alessandro Docente: Ancora Milena Docente: Asmonti Laura Docente: Baldin Fulvio Docente: Barberis Alice Docente: Belluzzi Maria Cristina Docente: Bianco Alessia Docente: Bisio Emanuela Docente: Bonzi Manuela 1D (Matematica) 2D (Matematica) 2F (Matematica) 3C (Lingua e letteratura italiana) 4D (Lingua e letteratura italiana) 4D (Lingua e cultura latina) 5E (Lingua e letteratura italiana) 5E (Lingua e cultura latina) 3A (Matematica) 5B (Matematica) 5B (Fisica) 3B (Filosofia) 4B (Filosofia) 5B (Filosofia) 5B (Storia) 5H (Filosofia) 5H (Storia) 3E (Filosofia) 3E (Storia) 4E (Filosofia) 4E (Storia) 5E (Filosofia) 5E (Storia) 4F (Filosofia) 1H (Matematica) 2H (Matematica) 1F (Matematica) 5D (Materia alternativa) 2H (Materia alternativa) 5C (Sostegno) 3E (Lingua e letteratura italiana) 4H (Lingua e letteratura italiana) 5A (Lingua e letteratura italiana) 5A (Lingua e cultura latina) 4H (Lingua e cultura latina) 1I (Lingua e letteratura italiana) 1L (Lingua e letteratura italiana) 2I (Lingua e letteratura italiana) 2I (Lingua e cultura latina) 4E (Lingua e cultura latina) pagina 18/36

19 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD Docente: Bottaro Antonella Docente: Bottini Daniela Docente: Brusa Giancarlo Docente: Caccialanza Patrizia Docente: Calella Loredana Docente: Calzi Grazia Docente: Cannone Angela Docente: Canu Adriana Docente: Cappella Michaela 3G (Fisica) 4B (Matematica) 4B (Fisica) 1F (Fisica) 2I (Matematica) 2I (Fisica) 4D (Matematica) 1L (Matematica) 1A (Fisica) 1G (Fisica) 2G (Fisica) 2H (Fisica) 3G (Matematica) 4G (Matematica) 4G (Fisica) 5A (Matematica) 5A (Fisica) 1D (Inglese) 1I (Inglese) 2D (Inglese) 3G (Inglese) 4D (Inglese) 5D (Inglese) 4A (Francese) 4F (Francese) 5F (Francese) 5A (Francese) 1C (Matematica) 2C (Matematica) 2A (Matematica) 1C (Lingua e letteratura italiana) 2B (Lingua e letteratura italiana) 2B (Lingua e cultura latina) 2B (Storia e geografia) 4E (Lingua e letteratura italiana) 1I (Disegno e storia dell'arte) 2I (Disegno e storia dell'arte) 1B (Disegno e storia dell'arte) 5A (Disegno e storia dell'arte) 5B (Disegno e storia dell'arte) 1F (Lingua e letteratura italiana) 2F (Lingua e letteratura italiana) 2F (Storia e geografia) 5C (Lingua e letteratura italiana) 5C (Lingua e cultura latina) pagina 19/36

20 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD Docente: Castiglia Patrizia Cristina Docente: Cavalet Maria Ferdinanda 3F (Filosofia) 3F (Storia) 5F (Filosofia) 5F (Storia) 4F (Storia) Docente: Cavallaro Stefano Docente: Chersi Fabio Docente: Chiari Giuliana 3D (Lingua e letteratura italiana) 4C (Lingua e letteratura italiana) 4C (Lingua e cultura latina) 5D (Lingua e letteratura italiana) 5D (Lingua e cultura latina) 1E (Scienze naturali) 1G (Scienze naturali) 1I (Scienze naturali) 2E (Scienze naturali) 5E (Scienze naturali) Docente: Chierico Mariamaddalena 3C (Filosofia) 3C (Storia) 3D (Storia) 4C (Filosofia) 4C (Storia) 5C (Filosofia) 5C (Storia) 1G (Disegno e storia dell'arte) 2G (Disegno e storia dell'arte) 3G (Disegno e storia dell'arte) 4G (Disegno e storia dell'arte) 5G (Disegno e storia dell'arte) 1H (Disegno e storia dell'arte) 2H (Disegno e storia dell'arte) 4H (Disegno e storia dell'arte) 5H (Disegno e storia dell'arte) 1L (Disegno e storia dell'arte) 1D (Materia alternativa) 1A (Lingua e letteratura italiana) 3A (Lingua e letteratura italiana) 3A (Lingua e cultura latina) 4A (Lingua e letteratura italiana) 4A (Lingua e cultura latina) pagina 20/36

21 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD Docente: Chiodini Andrea Docente: Colombo Rita Docente: Daino Mauro Docente: De Lena Maria Luisa Docente: De Monte Patrizia 1C (Religione) 1E (Religione) 1F (Religione) 2B (Religione) 2E (Religione) 2F (Religione) 3B (Religione) 3D (Religione) 3E (Religione) 3F (Religione) 4B (Religione) 4D (Religione) 4E (Religione) 5B (Religione) 5E (Religione) 5F (Religione) 5D (Religione) 4F (Religione) 1G (Lingua e cultura latina) 1G (Storia e geografia) 2G (Lingua e cultura latina) 2G (Storia e geografia) 3C (Lingua e cultura latina) 3D (Lingua e cultura latina) 1I (Materia alternativa) 1E (Materia alternativa) 3G (Filosofia) 3G (Storia) 3A (Storia) 3B (Storia) 4H (Filosofia) 4H (Storia) 4A (Storia) 4B (Storia) 1E (Lingua e cultura latina) 1F (Lingua e cultura latina) 2E (Lingua e cultura latina) 2F (Lingua e cultura latina) 1E (Storia e geografia) 1F (Storia e geografia) 1I (Lingua e cultura latina) 1I (Storia) 1H (Storia e geografia) 3B (Lingua e cultura latina) 3E (Lingua e cultura latina) 2A (Lingua e cultura latina) pagina 21/36

22 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD Docente: De Munari Matteo Carlo Docente: De Simone Berardino Docente: Desiderato Luisa Docente: Di Giampietro Giuseppe Docente: Di Nuzzo Patrizia Docente: Dognini Cristiano Docente: Elli Gloria 3E (Fisica) 4F (Matematica) 4D (Fisica) 1I (Matematica) 1E (Disegno e storia dell'arte) 1F (Disegno e storia dell'arte) 2E (Disegno e storia dell'arte) 2F (Disegno e storia dell'arte) 3E (Disegno e storia dell'arte) 3F (Disegno e storia dell'arte) 4E (Disegno e storia dell'arte) 4F (Disegno e storia dell'arte) 5E (Disegno e storia dell'arte) 5F (Disegno e storia dell'arte) 3F (Matematica) 4C (Matematica) 4C (Fisica) 5F (Matematica) 5F (Fisica) 1A (Disegno e storia dell'arte) 2A (Disegno e storia dell'arte) 3A (Disegno e storia dell'arte) 4A (Disegno e storia dell'arte) 2B (Disegno e storia dell'arte) 4B (Disegno e storia dell'arte) 3B (Disegno e storia dell'arte) 2G (Lingua e letteratura italiana) 4F (Lingua e letteratura italiana) 4F (Lingua e cultura latina) 5F (Lingua e letteratura italiana) 5F (Lingua e cultura latina) 2C (Lingua e letteratura italiana) 1H (Lingua e letteratura italiana) 1H (Lingua e cultura latina) 5G (Lingua e letteratura italiana) 5G (Lingua e cultura latina) 1H (Materia alternativa) 3C (Materia alternativa) 1G (Educazione fisica) 1I (Educazione fisica) 2G (Educazione fisica) 2I (Educazione fisica) 3G (Educazione fisica) 4G (Educazione fisica) 5G (Educazione fisica) pagina 22/36

23 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD Docente: Fiore Fabrizio Docente: Folatti Silvia Docente: Francescutti Gabriella Docente: Gerchi Rosanna Docente: Grasso Lorena Docente: Guidugli Rita Docente: Gusmeroli Massimo 1C (Educazione fisica) 2C (Educazione fisica) 3C (Educazione fisica) 4C (Educazione fisica) 5C (Educazione fisica) 1D (Educazione fisica) 2D (Educazione fisica) 3D (Educazione fisica) 4D (Educazione fisica) 5D (Educazione fisica) 5B (Inglese) 3D (Inglese) 1L (Inglese) 4A (Matematica) 4A (Fisica) 5H (Matematica) 5H (Fisica) 1B (Matematica) 1B (Fisica) 1F (Educazione fisica) 3F (Educazione fisica) 4F (Educazione fisica) 3B (Educazione fisica) 5B (Educazione fisica) 2F (Educazione fisica) 5F (Educazione fisica) 4F (Tedesco) 5F (Tedesco) 1F (Scienze naturali) 2F (Scienze naturali) 3E (Scienze naturali) 3F (Scienze naturali) 4G (Scienze naturali) 4F (Scienze naturali) 5F (Scienze naturali) 2G (Scienze naturali) 1A (Educazione fisica) 2A (Educazione fisica) 3A (Educazione fisica) 4A (Educazione fisica) 5A (Educazione fisica) 1B (Educazione fisica) 2B (Educazione fisica) 4B (Educazione fisica) 1L (Educazione fisica) pagina 23/36

24 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD Docente: Indennitate Cinzia Docente: Inzoli Corrado Docente: Iussi Natale Docente: Kann Irene Docente: LanLuisa Docente: Lapini Cristina Docente: Leardini Fulvia 1B (Lingua e letteratura italiana) 3G (Lingua e letteratura italiana) 3G (Lingua e cultura latina) 4G (Lingua e letteratura italiana) 4G (Lingua e cultura latina) 1C (Scienze naturali) 2C (Scienze naturali) 3C (Scienze naturali) 4C (Scienze naturali) 5C (Scienze naturali) 3B (Scienze naturali) 4A (Scienze naturali) 5A (Scienze naturali) 1E (Inglese) 2E (Inglese) 4E (Inglese) 5E (Inglese) 4G (Inglese) 5C (Inglese) 1D (Lingua e letteratura italiana) 2H (Lingua e letteratura italiana) 2D (Lingua e letteratura italiana) 2D (Lingua e cultura latina) 2D (Storia e geografia) 1D (Scienze naturali) 2D (Scienze naturali) 3D (Scienze naturali) 4D (Scienze naturali) 5D (Scienze naturali) 4E (Scienze naturali) 2I (Scienze naturali) 2C (Inglese) 1H (Inglese) 2H (Inglese) 1E (Lingua e letteratura italiana) 2A (Lingua e letteratura italiana) 2A (Storia e geografia) 2E (Lingua e letteratura italiana) 2E (Storia e geografia) 2G (Materia alternativa) pagina 24/36

25 PIANO OFFERTA FORMATIVA MOD Docente: Leonoris Marina Docente: Marrazzo Concetta Docente: Mercogliano Rossella Docente: Merisio Teresina Docente: Milone Bruno Docente: Mirizio Massimo Docente: Monti Maria Grazia Docente: Mutti Roberta 3B (Matematica) 3B (Fisica) 4F (Fisica) 1E (Matematica) 1E (Fisica) 1L (Fisica) 1A (Matematica) 1G (Matematica) 2G (Matematica) 3A (Fisica) 1D (Fisica) 1H (Fisica) 1I (Fisica) 2F (Fisica) 3C (Matematica) 4H (Matematica) 5C (Matematica) 4H (Fisica) 5C (Fisica) 3D (Filosofia) 4D (Filosofia) 4D (Storia) 4G (Filosofia) 4G (Storia) 5D (Filosofia) 5D (Storia) 1G (Inglese) 2G (Inglese) 5G (Inglese) 3C (Inglese) 4H (Inglese) 5H (Inglese) 3C (Fisica) 3D (Matematica) 3D (Fisica) 5D (Matematica) 5D (Fisica) 5G (Matematica) 5G (Fisica) 1C (Fisica) 2C (Fisica) pagina 25/36

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14

ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 ELENCO COMUNICAZIONI A.S. 2013/14 Comun.n. O g g e t t o 1. Convenzione per l'acquisto abbonamento annuale ATAF con sconto 2. Desiderata a.s. 2013/14 3. Orario funzionamento classi dal 11.09.13 al 14.09.13

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015)

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) Si ricorda che le attività di orientamento predisposte per l'anno scolastico 2014/2015 sono state

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Progetto di scuola 2.0 LA SCUOL@ ESTESA

Progetto di scuola 2.0 LA SCUOL@ ESTESA Denominazione scuola Progetto di scuola 2.0 LA SCUOL@ ESTESA DATI ANAGRAFICI SCUOLA CODICE MECCANOGRAFI CO DENOMINAZIONE ISTITUTO UDIS01600T ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Arturo Malignani INDIRIZZO

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013

Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Anno scolastico 2013-2014 Verbale n. 1 Verbale del Consiglio di Istituto del 2 ottobre 2013 Il 2 Ottobre 2013, alle ore 16.30, si riunisce il Consiglio di Istituto del Comprensivo 1 di Frosinone nell aula

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 GESTIONE E MONITORAGGIO POF. A.S. 2012/2013 Prof.ssa LONGHI MARIA CECILIA

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 GESTIONE E MONITORAGGIO POF. A.S. 2012/2013 Prof.ssa LONGHI MARIA CECILIA RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 GESTIONE E MONITORAGGIO POF A.S. 2012/2013 Prof.ssa LONGHI MARIA CECILIA 1 Dopo 10 anni che ho svolto la funzione Sostegno al lavoro dei docenti, questo è il

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Il giorno 23 del mese di aprile dell anno 2013,

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico Idoneità alla 3^ classe: ESAMI IDONEITA' INTEGRATIVI A.SC. 2013/14 1 Grimaldi Sabrina: in poss. promoz. al 2 anno Istituto Alberghiero 2 anno Storia e Geografia (orale) 2 anno Storia dell Arte (orale)

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

QUANDO. nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC CENTER

QUANDO. nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC CENTER C O N V E G N O N A Z I O N A L E 16_05_2012 Roma Sala della Comunicazione del MIUR Viale Trastevere 76/a QUANDO LO SPAZIO INSEGNA nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET VERBALE n. 8 DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO dell Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet di Abbiategrasso in data 11 ottobre 2013 Il giorno 11 ottobre 2013 alle ore 18.00 nella Sala Professori dell Istituto,

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

CIRCOLARE 283 MARTEDI 12/06/2012

CIRCOLARE 283 MARTEDI 12/06/2012 MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ E RICERCA Istituto Statale Istruzione Secondaria Superiore Betty Ambiveri Sede: Via C. Berizzi, 1 24030 Presezzo (BG) 035/610251 Fax 035/613369 Cod. Fisc. 82006950164 http://www.bettyambiveri.it

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli