Nuovo regime di ritiro dedicato. Delibera AEEG n. 280/07. Roma, 29 novembre 2007

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nuovo regime di ritiro dedicato. Delibera AEEG n. 280/07. Roma, 29 novembre 2007"

Transcript

1 Nuovo regime di ritiro dedicato Delibera AEEG n. 280/07 Roma, 29 novembre 2007

2 Nuovo regime di ritiro dedicato: Deliberazione AEEG n. 280/07 Contenuti: 1. Aspetti normativi della Deliberazione AEEG n. 280/ Aspetti commerciali e amministrativi 3. Fatturazione e pagamenti: aspetti operativi 4. Portale informatico per il Ritiro dedicato 5. Demo dell applicazione Web -2-

3 1. Aspetti normativi della Deliberazione AEEG n. 280/2007

4 Il regime di ritiro dedicato Il regime di ritiro dedicato si configura come una modalità, alternativa al mercato (contratti bilaterali, borsa elettrica), per la vendita dell energia elettrica prodotta e immessa in rete a condizioni regolate dall Autorità per l energia elettrica e il gas. Il produttore che rientra nell ambito di applicazione previsto dall articolo 13, commi 3 e 4, del decreto legislativo n. 387/03 e dall articolo 1, comma 41, della legge n. 239/04, può richiedere l accesso al regime di ritiro dedicato al gestore di rete a cui è connesso l impianto. Articolo 13, comma 3 e 4 D.Lgs. n. 387/03 Impianti da fonti rinnovabili programmabili di potenza inferiore a 10 MVA; Impianti da fonti rinnovabili non programmabili di qualsiasi potenza; Centrali ibride di potenza inferiore a 10 MVA per la produzione imputabile alla FR. Articolo 1, comma 41 Legge n. 239/04 Impianti da fonti non rinnovabili di potenza inferiore a 10 MVA; Impianti da fonti rinnovabili programmabili di potenza non inferiore a 10 MVA purché nella titolarità di autoproduttori; Centrali ibride fino a 10 MVA per la produzione non imputabile alla FR. -4-

5 Nuovo regime di ritiro dedicato: Deliberazione AEEG n. 280/07 La delibera dell Autorità per l energia elettrica e il gas (AEEG) n. 280/07 ridefinisce le modalità e le condizioni tecnico economiche per il ritiro dell energia elettrica ai sensi dell articolo 13, commi 3 e 4, del decreto legislativo n. 387/03, e dell articolo 1, comma 41, della legge n. 239/04 (ritiro dedicato). Il nuovo regime di ritiro dedicato, che si applica a partire dal 1 gennaio 2008, sostituisce il preesistente regolato dalla delibera AEEG n. 34/05 in vigore dal 1 luglio Modalità e condizioni tecnico economiche per il ritiro dedicato dell energia elettrica Dal 1 luglio 2005 al 31 dicembre 2007 Delibera AEEG n. 34/05 Dal 1 gennaio 2008 Delibera AEEG n. 280/07 Soggetto preposto al ritiro dell energia gestore di rete a cui è connesso l impianto Soggetto preposto al ritiro dell energia Gestore dei Servizi Elettrici GSE Spa -5-

6 Nuovo regime di ritiro dedicato: Deliberazione AEEG n. 280/07 La delibera AEEG n. 280/07 individua nel Gestore dei Servizi Elettrici (GSE) l unico soggetto intermediario a livello nazionale per la regolazione dell energia elettrica ammessa al ritiro dedicato. Il rapporto di ritiro dedicato dell energia elettrica deve essere regolato da una convenzione, sottoscritta dal produttore e dal GSE, che: - sostituisce ogni altro adempimento relativo alla cessione commerciale dell energia elettrica immessa in rete e all accesso ai servizi di dispacciamento e di trasporto; - non sostituisce gli adempimenti relativi alla connessione e alla conclusione del regolamento di esercizio dell impianto, né la regolazione relativa a eventuali prelievi di energia elettrica effettuati dal produttore. In linea con il preesistente regime, al fine di evitare comportamenti opportunistici, il produttore che si avvale del ritiro dedicato deve richiedere il ritiro dell intera quantità di energia immessa in rete (al netto dell eventuale energia ceduta nell ambito di convenzioni pluriennali Cip 6/92 o 108/97). -6-

7 Il passaggio dal vecchio al nuovo regime di ritiro dedicato Le convenzioni stipulate ai sensi della delibera AEEG n. 34/05 tra i produttori già ammessi al regime di ritiro dedicato e i rispettivi gestori di rete cessano di produrre effetti in data 31 dicembre La delibera AEEG n. 280/07 prevede: - che i gestori di rete competenti entro il 30 novembre 2007 diano comunicazione ai produttori del venir meno del rapporto contrattuale stipulato ai sensi della delibera 34/05, e della possibilità di sostituirlo con un nuovo rapporto contrattuale da stipulare con il GSE alle condizioni previste dalla delibera 280/07; - che i produttori intenzionati a proseguire nell ambito del ritiro dedicato alle condizioni previste dalla delibera 280/07 siano tenuti a presentare al GSE una apposita istanza di ritiro dedicato corredata dei dati caratteristici dell impianto e di copia della convenzione stipulata con il gestore di rete competente e vigente fino al 31 dicembre

8 Il passaggio dal vecchio al nuovo regime di ritiro dedicato Al fine di agevolare lo svolgimento degli adempimenti in capo ai produttori per il passaggio dal vecchio al nuovo regime di ritiro dedicato, il GSE: - ha predisposto una comunicazione informativa per i produttori. Tale comunicazione, che ai produttori già ammessi al regime dedicato viene inviata anche per posta, è disponibile sul sito internet del GSE - ha inserito sul proprio sito internet una sezione per il ritiro dedicato contenente riferimenti normativi, FAQ e le istruzioni e gli schemi per la presentazione dell istanza e la stipula della convenzione - ha attivato un servizio di call-center a disposizione dei produttori attraverso i seguenti contatti: il numero solo da telefono fisso (dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi, dalle ore 9 alle ore 18); il numero /4400 da telefono fisso o mobile (dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi, dalle ore 9 alle ore 18); l indirizzo di posta elettronica il numero di fax ; l indirizzo di posta elettronica a disposizione per supporto informatico in sede di registrazione su portale Web. -8-

9 Presentazione al GSE dell istanza di ritiro dedicato Ai fini della presentazione al GSE dell istanza di ritiro dedicato i produttori devono: - registrarsi sul portale informatico appositamente predisposto dal GSE per la compilazione dello schema di istanza e della dichiarazione sostitutiva di atto notorio relativa alla tipologia e alle caratteristiche dell impianto (schema definito dal GSE e positivamente verificato dalla AEEG); - compilare, attraverso il portale informatico, una istanza per ogni impianto di produzione di energia elettrica per il quale si richiede il ritiro dedicato e identificato dal codice rilasciato da Terna al gestore di rete di competenza; - inviare al GSE copia cartacea di ogni istanza e della corrispondente dichiarazione sostitutiva di atto notorio, con allegata la seguente documentazione: copia della licenza di attivazione officina elettrica (laddove prevista); regolamento di esercizio relativo all allacciamento alla rete elettrica (se disponibile); disciplinare di concessione di derivazione delle acque; convenzione in essere per il ritiro dedicato stipulata con il gestore di rete a cui è connesso l impianto; scheda dati anagrafici del produttore con l indicazione delle coordinate bancarie per l accredito degli importi spettanti. -9-

10 Valutazione dell istanza da parte del GSE e stipula della convenzione A ogni istanza compilata dai produttori viene assegnato automaticamente dal sistema un numero identificativo (es.: RID000001). A seguito della trasmissione informatica del flusso dati di istanza e della ricezione della documentazione cartacea il GSE procede alla valutazione dell istanza. Il GSE comunica al produttore l esito della valutazione e, in caso di esito positivo, attiva il rapporto contrattuale e abilita il produttore alla stampa della convenzione per mezzo del portale informatico. Il produttore deve stampare due copie della convenzione, sottoscrivere una sola copia e inviare per posta al GSE entrambe le copie. Il GSE trattiene la copia sottoscritta dal produttore e restituisce al produttore la seconda copia sottoscritta dal proprio legale rappresentante. Con la presentazione dell istanza il produttore si impegna alla stipula della convenzione con il GSE. -10-

11 La convenzione per il ritiro dedicato dell energia elettrica La convenzione stipulata tra il produttore e il GSE ha per oggetto la regolazione delle condizioni tecnico economiche del ritiro dedicato dell energia elettrica e delle condizioni economiche relative al servizio di trasporto e di dispacciamento in immissione. L energia elettrica oggetto della convenzione è l intera quantità di energia elettrica immessa in rete (al netto dell eventuale energia ceduta nell ambito di convenzioni pluriennali Cip 6/92 o 108/97) e consegnata al GSE in corrispondenza del punto di connessione con la rete elettrica. Eventuali quantitativi di energia elettrica prelevata dalla rete devono essere oggetto di separati accordi commerciali non intercorrenti con il GSE. Ai fini della remunerazione, l energia elettrica immessa in rete e oggetto della convenzione è incrementata, nel caso di punti di immissione in bassa e media tensione, di un fattore percentuale pari rispettivamente a +10,8% e +5,1%. -11-

12 Obblighi dei produttori Portale informatico Il produttore è tenuto a registrarsi sul portale informatico predisposto dal GSE ai sensi dell articolo 3 della delibera 280/07 e a utilizzare le apposite applicazioni e procedure informatiche predisposte dal GSE. Le modalità e le condizioni per l utilizzazione di tali applicazioni e procedure sono contenute nelle Disposizioni Tecniche di Funzionamento (DTF) emesse, aggiornate e pubblicate dal GSE sul proprio sito internet. Comunicazione dei programmi di immissione I produttori titolari di impianti di potenza nominale elettrica superiore a 1 MW alimentati da fonti programmabili o di qualsiasi impianto di potenza apparente nominale non inferiore a 10 MVA sono tenuti a comunicare al GSE, tramite il portale informatico, il programma di immissione relativo a ciascuna ora dell anno. Il programma può essere modificato entro le ore 17 del secondo giorno antecedente a quello cui si riferisce. -12-

13 Obblighi dei produttori Autoproduttori Il produttore titolare di impianto di potenza apparente nominale non inferiore a 10 MVA alimentato da fonti rinnovabili programmabili e la cui energia viene ritirata come eccedenza, e tenuto a certificare al GSE, entro il 31 marzo di ogni anno, la propria qualifica di autoproduttore. In caso di mancato rispetto della qualifica il produttore è tenuto a versare al GSE un ulteriore corrispettivo a copertura dei costi amministrativi pari all 1% del controvalore dell energia ritirata nell anno precedente. Comunicazione dati storici relativi alla disponibilità della fonte e alle immissioni di energia elettrica Il produttore titolare di impianto alimentato a fonti rinnovabili non programmabili è tenuto a trasmettere al GSE, secondo modalità dallo stesso definite, i dati storici relativi alla disponibilità della fonte e alle immissioni di energia elettrica. (ai sensi dell articolo 9 della delibera 280/07 è in capo al GSE il compito di definire le procedure per migliorare la prevedibilità delle immissioni di energia elettrica da impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili). -13-

14 2. Aspetti commerciali e amministrativi

15 Corrispettivi: remunerazione dell energia Prezzi di ritiro dell energia elettrica Per l energia elettrica immessa in rete e oggetto della convenzione il GSE riconosce al produttore, per ciascuna ora, il prezzo di mercato riferito alla zona in cui è collocato l impianto (articolo 6 delibera 280/07). E previsto un periodo transitorio per i primi tre mesi del 2008 in cui sarà riconosciuto al produttore il prezzo medio mensile zonale. Per gli impianti idroelettrici di potenza nominale media annua fino a 1 MW e per gli impianti alimentati dalle altre fonti rinnovabili di potenza attiva nominale fino a 1 MW (ad eccezione delle centrali ibride) l AEEG definisce prezzi minimi garantiti (articolo 7, comma 1, delibera 280/07). Nelle more della definizione dei nuovi corrispettivi continuano ad applicarsi i corrispettivi 2007 incrementati dell indice ISTAT (articolo 7, comma 5, delibera 280/07). I prezzi minimi garantiti, richiesti dal produttore alla presentazione della istanza, vengono riconosciuti dal GSE limitatamente ai primi 2 milioni di kwh di energia elettrica immessa su base annua. Qualora al termine di ciascun anno solare la valorizzazione a prezzi minimi garantiti risultasse inferiore a quella ottenibile a prezzi di mercato, il GSE riconosce al produttore il relativo conguaglio. -15-

16 Corrispettivi: costi amministrativi, aggregazione misure e servizi di trasmissione Corrispettivo per il recupero dei costi amministrativi del GSE Per l accesso al regime di ritiro dedicato il produttore riconosce al GSE un corrispettivo per il recupero dei costi amministrativi pari allo 0,5% del controvalore della remunerazione dell energia ritirata, fino a un massimo di euro all anno per impianto (articolo 4, comma 2, lettera e), delibera 280/07). Corrispettivo per il servizio di aggregazione delle misure Nel caso di impianto di potenza attiva nominale superiore a 50 kw il produttore riconosce al GSE il corrispettivo per il servizio di aggregazione delle misure (articolo 4, comma 2, lettera c), delibera 280/07). Corrispettivi per il servizio di trasmissione (art. 4, comma 2, lettera b), delibera 280/07) Nel caso di impianti con punto di immissione in bassa o media tensione il GSE riconosce al produttore il corrispettivo per il servizio di trasmissione di cui all articolo 17, comma 1, lettera b) del Testo Integrato. Il produttore riconosce al GSE il corrispettivo per il servizio di trasmissione di cui all articolo 19 del Testo Integrato. -16-

17 Corrispettivi di sbilanciamento Corrispettivo di sbilanciamento per impianti alimentati da fonti programmabili Il GSE ribalta nei confronti dei produttori titolari di impianti alimentati a fonti programmabili la quota onerosa degli sbilanciamenti afferente a ciascun punto di dispacciamento. Si intende per quota onerosa degli sbilanciamenti, per ciascun periodo rilevante e per ciascun punto di dispacciamento comprendente impianti alimentati da fonti programmabili, la differenza tra il corrispettivo di sbilanciamento attribuito da Terna e la valorizzazione a prezzo di mercato dello sbilanciamento effettivo registrato nello stesso periodo e nello stesso punto. Dal rapporto tra la quota onerosa mensile e l energia immessa nel mese nel punto di dispacciamento il GSE determina il corrispettivo unitario di sbilanciamento medio mensile. -17-

18 Corrispettivi di sbilanciamento Per gli impianti da fonti programmabili di potenza attiva nominale fino a 1 MW che non si sono avvalsi della facoltà di comunicare il programma di immissione, il corrispettivo di sbilanciamento imputabile è pari al prodotto tra l energia elettrica immessa nel mese e il corrispettivo unitario di sbilanciamento medio mensile. La differenza tra la quota onerosa mensile e l ammontare dei corrispettivi di sbilanciamento imputabili agli impianti programmabili fino a 1 MW che non si sono avvalsi della facoltà di comunicare i programmi, rappresenta l onere di sbilanciamento residuo a carico degli altri impianti programmabili. L onere di sbilanciamento residuo viene quindi ripartito tra gli impianti programmabili che hanno comunicato il programma di immissione in modo proporzionale allo sbilanciamento mensile imputabile a ciascun impianto. -18-

19 Riepilogo corrispettivi Distributori Convenzione RID Produttori Distributori pagano a Terna CTR (art. 17 del. 05/04) Produttore paga al GSE Corrisp. TRAS (art. 19 del. 05/04) aggregazione misure (art. 36 del. 111/06) costi amministrativi corrispettivi di sbilanciamento GSE paga a Terna: TRAS (art. 19 del. 05/04) aggregazione misure (art. 36 del. 111/06) corrispettivi di sbilanciamento GSE riceve da Terna : CTR (art. 17 del. 05/04) corrispettivi di sbilanciamento Produttore riceve dal GSE Valorizzazione MKT CTR (art. 17 del. 05/04) corrispettivi di sbilanciamento GSE paga al GME: corrispettivi Transazioni MKT GSE riceve da GME: Valorizzazione MKT Valorizzazione Energia Valorizzazione Servizi -19-

20 Riepilogo corrispettivi Esempio: Tipologia Impianto: acqua fluente (non programmabile) Potenza Installata: 7 [MW] Producibilità: [MWh/mese] Livello Collegamento Tensione: MT K = (coefficiente di perdita per collegamenti) CORRISPETTIVI APPLICATI PARTITE PARTITE ATTIVE PASSIVE Formule di calcolo Corrispettivi Amministrativi MAX (3500; 0,5% x V.MKT) Corrispettivi Servizio Trasmissione (art. 19 del. 05/04) ,267 ( /MWh) * (MWh/mese) * 12 mesi = CTR (art. 17 del. 05/04) ,3 ( /MWh) * 1,042 * (MWh/mese) * 12 mesi Corrispettivi Aggregazione Misure (art. 36 del. 111/06) ( /mese) * 12 mesi Corrispettivi Sbilanciamento PRODUTTORE Valorizzazione MKT ( /MWh) * (MWh/mese) * 1,051 * 12 mesi TOTALI

21 Gestione commerciale e amministrativa del ritiro dedicato Il processo per la valorizzazione dell energia elettrica immessa in rete e dei corrispettivi correlati si avvia nel mese successivo a quello di competenza del ritiro. Ai sensi di quanto previsto all articolo 13, comma 1 della delibera 280/07 il gestore di rete a cui è connesso l impianto, responsabile della rilevazione e della registrazione delle misure, trasmette al GSE, tramite il portale informatico, le misure dell energia elettrica rilevate entro il giorno 15 del mese successivo a quello di competenza. Entro il giorno 25 del mese successivo a quello di competenza il GSE rende disponibili al produttore, sul portale informatico, i dati inerenti la valorizzazione commerciale delle partite (ad eccezione dei corrispettivi di sbilanciamento). Il produttore viene informato con comunicazione mail della pubblicazione delle partite sul portale informatico. In caso di mancata comunicazione delle misure il GSE provvede a inviare una comunicazione di sollecito al gestore di rete competente tenendone informato il produttore. -21-

22 Gestione commerciale e amministrativa del ritiro dedicato Il produttore è tenuto ad accedere al portale informatico per verificare le quantità di energia e i relativi corrispettivi pubblicati dal GSE (proposta di fattura). Entro l ultimo giorno del mese successivo a quello di competenza del ritiro, il produttore deve accettare o contestare i suddetti corrispettivi: -In caso di contestazione si genera una segnalazione al GSE che si attiva per le verifiche coinvolgendo, se necessario, il gestore di rete cui è connesso l impianto; -In caso di accettazione del proposta di fattura pubblicato dal GSE il produttore può procedere alla fatturazione utilizzando lo stesso portale informatico. In caso di mancato riscontro, da parte del produttore, entro l ultimo giorno del mese successivo a quello di competenza, le partite si intendono accettate e il GSE può procedere alla fatturazione dei corrispettivi a proprio credito. L accettazione delle partite da parte del produttore non preclude comunque la possibilità di effettuare successivi conguagli in caso di rettifica delle misure o dei corrispettivi unitari. -22-

23 Fatturazione e pagamenti La fatturazione deve essere effettuata dalle parti (ciascuna per i corrispettivi a proprio credito) entro il giorno 10 del secondo mese successivo a quello di competenza del ritiro. Il termine di scadenza delle fatture è fissato al 20 giorno lavorativo, e comunque non oltre l ultimo giorno lavorativo, del secondo mese successivo a quello di competenza del ritiro. Tale termine è subordinato all emissione delle fatture entro il giorno 10 del secondo mese successivo a quello di competenza; in caso contrario il termine di scadenza è posticipato al 20 giorno lavorativo del mese successivo rispetto alla data di invio delle fatture. -23-

24 Riepilogo tempistica Se n è il mese di competenza del ritiro dell energia elettrica: n+1 è il mese in cui il GSE riceve le misure e definisce le partite commerciali correlate; n+2 è il mese in cui il GSE: (a) riceve i dati e definisce lo sbilanciamento; (b) riceve le fatture per l energia ritirata; (c) procede al pagamento dell energia ritirata; n+3 è il mese in cui il GSE regola i corrispettivi di sbilanciamento. n n+1 n+2 n+3 Cessione energia Misura dal distributore Valorizzazione GSE Fatturazione e pagamento corrispettivi energia Fatturazione e pagamento corrispettivi sbilanciamento -24-

25 Riepilogo tempistica Mese n+1 Ricezione delle misure e pubblicazione su portale informatico. Cessione energia n n+1 Dal giorno 1 al giorno 15 i gestori di rete inviano al GSE le misure relative agli impianti collegati sulla propria rete ultimo Dal giorno 1 al giorno 25 il GSE pubblica sul proprio portale informatico le misure valorizzate rendendole disponibili al produttore Entro l ultimo giorno del mese i produttori sono tenuti a convalidare le partite commerciali proposte dal GSE o contestarle per innescare il processo di verifica -25-

26 Riepilogo tempistica Mese n+2 Emissione fattura e pagamento n n+1 n Dal giorno 25 del mese n+1 al giorno 10 del mese n+2 il produttore emette fattura. 20 Il termine di pagamento delle fatture è fissato al giorno 20 lavorativo del mese n+2 e comunque entro l ultimo giorno del mese n+2-26-

27 Gestione commerciale e amministrativa del ritiro dedicato Per gli impianti alimentati da fonti programmabili il processo per la valorizzazione dei corrispettivi di sbilanciamento si completa nel secondo mese successivo a quello di competenza del ritiro. Entro il giorno 20 del secondo mese successivo a quello di competenza il GSE rende disponibili al produttore, sul portale informatico, i dati inerenti la valorizzazione dei corrispettivi di sbilanciamento. Il produttore viene informato con comunicazione mail della pubblicazione dei corrispettivi di sbilanciamento sul portale informatico. In caso di mancata comunicazione delle misure il GSE provvede a inviare una comunicazione di sollecito al gestore di rete competente tenendone informato il produttore. Entro l ultimo giorno del secondo mese successivo a quello di competenza del ritiro il produttore è tenuto ad accedere al portale informatico per verificare i corrispettivi di sbilanciamento (progetto di fattura per i corrispettivi di sbilanciamento). -27-

28 Gestione commerciale e amministrativa del ritiro dedicato A seguito della verifica il produttore può accettare o contestare i suddetti corrispettivi: - In caso di contestazione si genera una segnalazione al GSE che si attiva per le verifiche coinvolgendo, se necessario, il gestore di rete cui è connesso l impianto o Terna; - In caso di accettazione del proposta di fattura pubblicato dal GSE il produttore o il GSE possono procedere alla fatturazione utilizzando lo stesso portale informatico. In caso di mancato riscontro, da parte del produttore, entro l ultimo giorno del secondo mese successivo a quello di competenza, le partite si intendono accettate e il GSE può procedere alla fatturazione dei corrispettivi a proprio credito. L accettazione delle partite da parte del produttore non preclude la possibilità di effettuare successivi conguagli in caso di rettifica delle misure o dei corrispettivi unitari. -28-

29 Fatturazione e pagamenti La fatturazione deve essere effettuata dalle parti (ciascuna per i corrispettivi a proprio credito) entro il giorno 10 del terzo mese successivo a quello di competenza del ritiro. Il termine di scadenza delle fatture è fissato al 20 giorno lavorativo, e comunque non oltre l ultimo giorno lavorativo, del terzo mese successivo a quello di competenza del ritiro. Tale termine è subordinato all emissione delle fatture entro il giorno 10 del terzo mese successivo a quello di competenza; in caso contrario il termine di scadenza è posticipato al 20 giorno lavorativo del mese successivo rispetto alla data di invio delle fatture. -29-

30 Riepilogo tempistica Mese n+2 Pubblicazione corispettivi di sbilanciamento n n+1 n Dal giorno di trasmissione dei corrispettivi di sbilanciamento da parte di Terna ed entro il giorno 20 del mese n+2 il GSE rende disponibili al produttore i dati inerenti la valorizzazione dei corrispettivi di sbilanciamento. -30-

31 Riepilogo tempistica Mese n+3 Fatturazione e pagamento dei corrispettivi di sbilanciamento. n n+1 n+2 n Entro il giorno 10 del mese n+3, il produttore ed il GSE effettuano la fatturazione ciascuno per i corrispettivi a proprio credito. 20 Il termine di scadenza delle fatture è fissato al giorno 20 lavorativo, e non oltre l ultimo giorno lavorativo del mese n+3 successivo a quello di competenza del ritiro. -31-

32 3. Fatturazione e pagamenti: aspetti operativi

33 Fatturazione del produttore verso il GSE A seguito dell accettazione delle partite commerciali, è possibile avviare il processo di fatturazione che prevede, da parte del GSE, la pubblicazione della proposta di fattura (che dovrà emettere il produttore) sul portale informatico contenente le seguenti informazioni: Dati anagrafici del produttore Dati anagrafici del GSE Dettaglio degli importi oggetto di fatturazione ripartiti per tipologia di corrispettivo L ammontare dell IVA ripartita per aliquota L ammontare totale imponibile e l ammontare totale fattura (imponibile + IVA) Altri elementi obbligatori caratterizzanti la fattura (iscrizione registro CCIAA, ecc.) -33-

34 Fatturazione del produttore verso il GSE I rapporti creditori del produttore (fattura attiva del produttore verso il GSE) sono generati da: Corrispettivi relativi alla cessione energia (del. AEEG n. 280/07, art. 6 e 7) Corrispettivo per il servizio di trasmissione di cui all articolo 17 del Testo Integrato (del. AEEG n. 280/07, art. 4, co. 2, lett. B) Corrispettivo di sbilanciamento (del. AEEG n. 280/07, art.8)) Le diverse componenti economiche oggetto di fatturazione, anche riferite ad altri impianti per i quali il produttore ha stipulato analoghe convenzioni, saranno comprese in un unica fattura. I dettagli saranno poi disponibili sul portale Web. -34-

35 Fatturazione del produttore verso il GSE Il produttore per trasformare tale documento in una sua fattura attiva dovrà effettuare le seguenti operazioni entro il 10 giorno calendariale del mese n+2 (n+3 per sbilanciamenti). Compilare il campo obbligatorio Numero Fattura riportando il numero progressivo da attribuire alla fattura secondo la numerazione dell emittente Compilare il campo obbligatorio Data Fattura riportando la data di emissione della fattura secondo il formato richiesto Compilare il campo facoltativo Comunicazioni con eventuali osservazioni di carattere amministrativo che si vorranno sottoporre al GSE Confermare l invio della fattura al GSE, rilevante ai fini del pagamento Stampare direttamente copia del documento per gli usi propri (in quanto valente come documento ufficiale) -35-

36 Fatturazione del produttore verso il GSE Esempio: bozza di proposta fattura produttore Esempio: bozza di fattura produttore Produttore ABC Snc Roma Viale degli Alberi, 90 Tel Fax Produttore ABC Snc Roma Viale degli Alberi, 90 Tel Fax Fattura N del Fattura N del Marzo 2008 Comunicazioni * * (facoltativo) Comunicazioni * * (facoltativo) Periodo di riferimento 01/2008 KWh Aliquota % IVA 1) Onere 1 xxx 10% 1.121, ,118 2) Onere 2 xxx 10% 3.509, ,910 3) Onere 3 xxx 20% 150,464 30, , ,556 Periodo di riferimento 01/2008 TOTALE KWh Aliquota % IVA 1) Onere 1 xxx 10% 1.121, , ,302 2) Onere 2 xxx 10% 3.509, , ) Onere 3 xxx 20% 150,464 30, ,556 TOTALE DELLA FATTURA 5.273,877 Da pagare su c/c bancario TOTALE DELLA FATTURA Da pagare su c/c bancario ,877 Produttore ABC Snc Sede legale Roma Viale degli alberi, 90 Reg. Imprese di Roma n /7890 P.IVA e C.F n R.E.A. di Roma n Produttore ABC Snc Sede legale Roma Viale degli alberi, 90 Reg. Imprese di Roma n /7890 P.IVA e C.F n R.E.A. di Roma n

37 Fatturazione del GSE verso il produttore I rapporti creditori del GSE verso il produttore ( debito del produttore ) sono generati da: Corrispettivo per il servizio di trasmissione di cui all art. 19 del Testo Integrato (del. AEEG 280/07, art. 4, co. 2, lett. B) Corrispettivo per il servizio di aggregazione misure (del. AEEG 280/07, art. 4, co.2, lett. C) Corrispettivo dello 0,5% sul controvalore dell energia ritirata, fino ad Euro su base annua, per copertura di costi amministrativi (del. AEEG 280/07, art. 4, co. 2, lett. E) Corrispettivo di sbilanciamento (del. AEEGn. 280/07, art.8) Il GSE procederà all emissione delle fatture per i corrispettivi di propria spettanza entro il 10 giorno calendariale del mese n+2, presentando la propria fattura sul portale informatico. Il produttore provvederà poi a stampare la fattura emessa -37-

38 Fatturazione del GSE verso il produttore Esempio di fattura GSE Roma V.le Maresciallo Pilsudski, 92 Tel Fax Spett.le Produttore ABC Snc Fattura N del Marzo 2008 Periodo di riferimento 01/2008 1) Onere 4 2) Onere 5 3) Onere 6 KWh Aliquota % IVA ( ) xxx xxx xxx 10% 10% 20% 1.202, , ,78 120, , ,756 TOTALE 1.322, , ,536 TOTALE DELLA FATTURA Da pagare su c/c bancario Gestore dei Servizi Elettrici GSE S.p.a. Sede legale Roma V.le Maresciallo Pilsudski, 92 Reg. Imprese di Roma n /1999 P.IVA e C.F n R.E.A. di Roma n

39 Emissione di fatture integrative e note di credito In relazione a periodi precedenti che sono già stati oggetto di fatturazione, il GSE può accertare, autonomamente o su impulso esterno, la necessità di procedere a rettifiche o integrazioni. In tal caso le misure di rettifica saranno riportate sul sito web secondo il criterio già illustrato. L operatore, dopo averne accertato la correttezza, ripeterà le procedure di accettazione sopra descritte, secondo il calendario previsto per la fatturazione corrente. -39-

40 Pagamento delle fatture La scadenza delle fatture emesse dalle parti relativamente ai corrispettivi di cessione dell energia elettrica (compresi i corrispettivi di trasmissione e trasporto) del mese n è posto al giorno 20 lavorativo del mese n+2 (calendario dei giorni lavorativi sulla piazza di Roma) e comunque entro l ultimo giorno del mese n+2. Il rispetto di tale termine è subordinato all emissione delle fatture entro il 10 giorno calendariale del mese n+2 ; diversamente non potrà essere garantito il pagamento entro il giorno 20 lavorativo del mese n+2. La scadenza delle fatture emesse dalle parti relativamente ai corrispettivi di sbilanciamento del mese n è posta al giorno 20 lavorativo del mese n+3 (calendario dei giorni lavorativi sulla piazza di Roma) e comunque entro l ultimo giorno del mese n+3. Il rispetto di tale termine è subordinato all emissione delle fatture entro il 10 giorno calendariale del mese n+3 ; diversamente non potrà essere garantito il pagamento entro il giorno 20 lavorativo del mese n

41 Pagamento delle fatture Mensilmente, per ogni operatore elettrico, il GSE determina la posizione finanziaria netta, creditrice o debitrice, comprensiva dell IVA, sulla base delle risultanze delle fatture emesse, ricevute ed in scadenza e le rappresenta sul portale informatico almeno 5 giorni calendariali prima del pagamento. Il saldo della posizione finanziaria netta sarà regolato mensilmente come segue: Pagamento da parte del GSE, con accredito degli importi relativi alla posizione finanziaria netta a favore del produttore sul conto corrente bancario indicato dal Produttore; Pagamento da parte del Produttore nel caso di posizione finanziaria netta a favore del GSE sul conto corrente bancario indicato dal GSE nel corpo delle proprie fatture -41-

42 Scheda pagamenti Produttore ABC e GSE - BOZZA Fatture attive produttore Fatture attive GSE Fattura N 126 del 07 Marzo ,87 Fattura N del Marzo ,85 TOTALE IMPORTI DOVUTI AMMONTARE COMPENSATO Pagamento con valuta xy a favore del produttore 5.273,87 ( 3.709,31) 1.564,56 TOTALE IMPORTI DOVUTI 3.079,31 AMMONTARE COMPENSATO ( 3.709,31) 0-42-

43 4. Portale informatico per il Ritiro dedicato

44 Contenuti portale informatico Schema semplificato del processo, i passi procedurali e stato corrente dell applicazione GSE Dimostrazione dell operatività sul portale web del GSE La Registrazione degli utenti dell applicazione L istanza di richiesta e la convenzione da parte dei Produttori ai fini del ritiro dedicato dell energia elettrica da parte del GSE I programmi di produzione per le unità programmabili Le misure da parte dei Gestori di Rete La valorizzazione delle quantità di energia e dei corrispettivi Strumenti per la verifiche e benestare delle proposte di fattura La fatturazione Prossimi passi -44-

45 Schema: passi procedurali e stato dell applicazione GSE Fase di Istanza e Convenzione FASE DI ISTANZA E CONVENZIONE: Registrazione utenti su portale web, Fax per elenco utenti dell applicazione da inviare a GSE Abilitazione utenti da parte del GSE per l applicazione Ritiro Dedicato (RID) Compilazione istanza e convenzione per ciascun impianto Verifica GSE della documentazione e dei dati ricevuti Avvio del ritiro dedicato dell energia elettrica da parte del GSE Stipula Convenzione Fase acquisizione Programmi e Misure FASE ACQUISIZIONE PROGRAMMI E MISURE: Acquisizione via web da parte del GSE dei programmi inviati da parte dei Produttori Acquisizione periodica via web o Logos bus da parte del GSE delle misure di produzione inviate dai Gestori di Rete Fase Commerciale Amministrativa FASE COMMERCIALE E AMMINISTRATIVA: Gestione dei rapporti con i soggetti Produttori e Gestori di Rete prevalentemente via web Valorizzazione economica delle misure di immissione di energia elettrica e di tutti i corrispettivi correlati Presentazione via web ai Produttori della proposta di fattura (con possibilità di prenotare separatamente i dettagli) Gestione via web di eventuali contestazioni Fatturazione via web da parte del Produttore con imputazione numero e data fattura sulla proposta di fattura preparata e presentata da GSE sul portale Acquisizione automatica dei dati di fatturazione da parte del GSE sul sistema di fatturazione Fatturazione via web da parte del GSE dei corrispettivi a proprio credito Calcolo compensazioni e presentazione via web della posizione del Produttore (stato dei pagamenti) Pagamento mediante gli istituti di credito Disponibile Su portale GSE Da fine dicembre per i programmi Da Febbraio 08 misure -45- Da marzo 08

46 Prossimi passi Pubblicazione sul sito GSE del documento di acquisizione dei programmi al fine di permettere ai Produttori di predisporre i propri sistemi (entro 4 dicembre 07) Prove con alcuni produttori per l invio dei programmi (entro 14 dicembre 07) Upload programmi da parte dei Produttori (dal 18 dicembre 07) -46-

47 5. Demo dell applicazione WEB

Il ritiro dedicato dell energia elettrica

Il ritiro dedicato dell energia elettrica Il ritiro dedicato dell energia elettrica prodotta da impianti fino a 10 MVA e da impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili: la delibera n. 280/07 Direzione Mercati Unità fonti rinnovabili,

Dettagli

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N. 244/07 E DELL ARTICOLO 20 DEL DECRETO MINISTERIALE 18 DICEMBRE 2008, IN MATERIA DI INCENTIVAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

ARTICOLATO DELLA DELIBERAZIONE N. 34/05, COME MODIFICATO E INTEGRATO DALLE DELIBERAZIONI N. 49/05, N. 64/05, N. 165/05, N. 256/05 E N.

ARTICOLATO DELLA DELIBERAZIONE N. 34/05, COME MODIFICATO E INTEGRATO DALLE DELIBERAZIONI N. 49/05, N. 64/05, N. 165/05, N. 256/05 E N. ARTICOLATO DELLA DELIBERAZIONE N. 34/05, COME MODIFICATO E INTEGRATO DALLE DELIBERAZIONI N. 49/05, N. 64/05, N. 165/05, N. 256/05 E N. 300/05 Articolo 1 Definizioni 1.1. Ai fini dell applicazione delle

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

TIPI DI ENERGIA. EFV =Energia prodotta dall impianto FV. EPREL =Energia prelevata dalla rete. Eu =Energia utilizzata. EIMM = Energia immessa in rete

TIPI DI ENERGIA. EFV =Energia prodotta dall impianto FV. EPREL =Energia prelevata dalla rete. Eu =Energia utilizzata. EIMM = Energia immessa in rete Ritiro dedicato e Scambio sul posto TIPI DI ENERGIA EFV =Energia prodotta dall impianto FV Eu =Energia utilizzata EIMM = Energia immessa in rete EPREL =Energia prelevata dalla rete EFV =Energia prodotta

Dettagli

Lo scambio sul posto (SSP)

Lo scambio sul posto (SSP) Lo scambio sul posto (SSP) Il modulo approfondisce le caratteristiche e le condizioni relative al regime di "Scambio su posto", presentandone definizioni, procedure, modalità e regole tecniche. Il meccanismo

Dettagli

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10

Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 Testo coordinato delle integrazioni e modifiche apportate con deliberazioni ARG/elt 184/08, 1/09, 186/09, 127/10 e 226/10 TESTO INTEGRATO DELLE MODALITÀ E DELLE CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER LO SCAMBIO

Dettagli

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Convegno FIRE La professione dell energy manager: esempi e opportunità Milano, 4 dicembre 2007 Andrea Galliani

Dettagli

Corsi di formazione finalizzati alla qualificazione professionale nel settore delle fonti energetiche rinnovabili e mobilità sostenibile

Corsi di formazione finalizzati alla qualificazione professionale nel settore delle fonti energetiche rinnovabili e mobilità sostenibile Corsi di formazione finalizzati alla qualificazione professionale nel settore delle fonti energetiche rinnovabili e mobilità sostenibile Corso: I sistemi fotovoltaici connessi in rete e integrati negli

Dettagli

SCAMBIO SUL POSTO Deliberazione AEEG ARG/elt 74/08. Disposizioni Tecniche di Funzionamento

SCAMBIO SUL POSTO Deliberazione AEEG ARG/elt 74/08. Disposizioni Tecniche di Funzionamento Disposizioni Tecniche di Funzionamento Modalità e condizioni tecnico-operative utilizzate per il Servizio di Scambio sul Posto e per il Servizio di Scambio senza l obbligo di coincidenza tra i punti di

Dettagli

Disposizioni Tecniche di Funzionamento

Disposizioni Tecniche di Funzionamento Disposizioni Tecniche di Funzionamento Modalità e condizioni tecnico-operative per l applicazione della convenzione di scambio sul posto Versione 1.0 1 TU1UT TU2UT TUObblighi TU3UT TUMisura TU4UT SCAMBIO

Dettagli

Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive. Federico Luiso

Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive. Federico Luiso Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive Federico Luiso Verona 24 giugno 2014 Principi generali I sistemi semplici di produzione e consumo (SSPC) sono sistemi elettrici, connessi direttamente

Dettagli

DELIBERA AEEG n. 280/07

DELIBERA AEEG n. 280/07 DELIBERA AEEG n. 280/07 MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE PER IL RITIRO DELL ENERGIA ELETTRICA AI SENSI DELL ARTICOLO 13, COMMI 3 E 4, DEL DECRETO LEGISLATIVO 29 DICEMBRE 2003, N. 387/03, E DEL

Dettagli

Gestire il boom fotovoltaico. Le novità sullo scambio sul posto

Gestire il boom fotovoltaico. Le novità sullo scambio sul posto Gestire il boom fotovoltaico A cura di QualEnergia e ANEA Le novità sullo scambio sul posto Ing. Gervasio Ciaccia Direzione Mercati Unità fonti rinnovabili, produzione di energia e impatto ambientale Autorità

Dettagli

IMPIANTI QUALIFICATI IAFR INVIO ATTESTAZIONE DI PRODUZIONE ANNO 2011

IMPIANTI QUALIFICATI IAFR INVIO ATTESTAZIONE DI PRODUZIONE ANNO 2011 IMPIANTI QUALIFICATI IAFR INVIO ATTESTAZIONE DI PRODUZIONE ANNO 2011 Si informano i soggetti titolari di impianti alimentati a fonti rinnovabili, qualificati IAFR e incentivati con Certificati Verdi (CV)

Dettagli

Modalità e condizioni economiche per il ritiro dell energia elettrica.

Modalità e condizioni economiche per il ritiro dell energia elettrica. Modalità e condizioni economiche per il ritiro dell energia elettrica. Delibera n. 34/05 Quesiti frequenti: Quale energia elettrica può essere ritirata dal gestore di rete cui l impianto è collegato? Quali

Dettagli

LA PIATTAFORMA DEI CONTI ENERGIA A TERMINE: Sistema di garanzia e Regolazione dei pagamenti

LA PIATTAFORMA DEI CONTI ENERGIA A TERMINE: Sistema di garanzia e Regolazione dei pagamenti LA PIATTAFORMA DEI CONTI ENERGIA A TERMINE: Sistema di garanzia e Regolazione dei pagamenti Roma, 26 luglio 2006 Direzione Mercati 2 Indice Sistema di Garanzie Controlli di congruità finanziaria verso

Dettagli

Modalità copertura gestione, verifica. ica

Modalità copertura gestione, verifica. ica Modalità operative per il riconoscimento delle tariffe a copertura dei costi sostenuti dal GSE per le attività di gestione, verifica e controllo relative ai meccanismii di incentivazione e sostegno delle

Dettagli

Novità e chiarimenti sul Conto Energia

Novità e chiarimenti sul Conto Energia Novità e chiarimenti sul Conto Energia Maurizio Cuppone - Direzione Operativa www.gsel.it 2 Indice Il nuovo conto energia Il riconoscimento dell integrazione architettonica Il ritiro dedicato e lo scambio

Dettagli

DTF Ritiro dedicato Conguaglio PMG Tariffa onnicomprensiva

DTF Ritiro dedicato Conguaglio PMG Tariffa onnicomprensiva Ritiro dedicato Conguaglio PMG Tariffa onnicomprensiva Ultimo aggiornamento 1/07/2014 RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ELETTRICA e CONGUAGLIO A PREZZI MINIMI GARANTITI Art. 13, commi 3 e 4, decreto legislativo

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa

Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pagina 1 di 13 Documenti collegati Chiarimenti in merito alle modalità di transizione dalla delibera n. 224/00 alla delibera n. 28/06 Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data

Dettagli

Destinazione dell energia immessa in rete

Destinazione dell energia immessa in rete Destinazione dell energia immessa in rete Fino a 20 kw * è possibile: Oltre i 20 kw * è possibile: Usufruire del servizio di scambio sul posto, facendone richiesta al gestore di rete competente per territorio

Dettagli

Con la presente Convenzione

Con la presente Convenzione CONVENZIONE PER IL RITIRO DELL ENERGIA ELETTRICA DI CUI ALL ARTICOLO 13, COMMI 3 E 4, DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 387/03 E ALL ARTICOLO 1, COMMA 41 DELLA LEGGE N. 239/04 NUMERO ISTANZA. Con la presente

Dettagli

Scambio sul posto e vendita dell'energia

Scambio sul posto e vendita dell'energia Scambio sul posto e vendita dell'energia Contenuti 1 2 3 4 Principi e regole dello Scambio sul Posto (SSP) Regole del ritiro dedicato (vendita) Prezzi zonali Confronto ritiro dedicato vs SSP 1. Principi

Dettagli

Produco di giorno e consumo la sera o la notte Come fare?

Produco di giorno e consumo la sera o la notte Come fare? Produco di giorno e consumo la sera o la notte Come fare? Servizio di Scambio sul Posto (SSP) Quindi: Produco di giorno e conto quanto immetto in rete (al netto dell autoconsumo istantaneo) Consumo la

Dettagli

Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili

Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili Direzione Gestione Energia Roma, 25 luglio 2012 Contenuti Normativa di

Dettagli

INCENTIVI PER LA COGENERAZIONE DIFFUSA

INCENTIVI PER LA COGENERAZIONE DIFFUSA INCENTIVI PER LA COGENERAZIONE DIFFUSA RELATORE Dott. Sergio Pontiggia Servizi Industriali srl Cogenerazione e pompe di calore: soluzioni di efficienza energetica nelle imprese 24 giugno 2009 Fonte: GSE

Dettagli

CONVENZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DELLE TARIFFE INCENTIVANTI ALL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE

CONVENZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DELLE TARIFFE INCENTIVANTI ALL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE CONVENZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DELLE TARIFFE INCENTIVANTI ALL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE ai sensi dell articolo 25 del D.Lgs. 28/11 e del D.M. 5 luglio

Dettagli

Parzialmente integrati Integrati A 1 kw < P < 3 kw 0,40 0,44 0,49 B 3 kw < P < 20 kw 0,38 0,42 0,46 C P > 20 kw 0,36 0,40 0,44

Parzialmente integrati Integrati A 1 kw < P < 3 kw 0,40 0,44 0,49 B 3 kw < P < 20 kw 0,38 0,42 0,46 C P > 20 kw 0,36 0,40 0,44 Incentivi: il Conto Energia Il Conto energia arriva in Italia attraverso la Direttiva comunitaria per le fonti rinnovabili (Direttiva 2001/77/CE), che viene recepita con l'approvazione da parte del Parlamento

Dettagli

GUIDA PRATICA SCAMBIO SUL POSTO SSP. Sintesi delle cose da sapere per gli Impianti Fotovoltaici. Pagina : 1/6

GUIDA PRATICA SCAMBIO SUL POSTO SSP. Sintesi delle cose da sapere per gli Impianti Fotovoltaici. Pagina : 1/6 Pagina : 1/6 GUIDA PRATICA SCAMBIO SUL POSTO SSP Sintesi delle cose da sapere per gli Impianti Fotovoltaici Rev. 02 03 Dic. 2013 Scambio sul posto - Generalità Lo Scambio Sul Posto è un contratto che i

Dettagli

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili

incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili Incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili incentivi Sommario Incentivi alla Produzione di energia elettrica e termica da impianti

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA VALORIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La bolletta elettrica 2 La bolletta elettrica Fonte: AEEG - http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

Dettagli

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori

L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia. Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori L attività del GSE nel campo dell accumulo di energia Ing. Federica Ceccaroni - Unità Affari Regolatori Seminario AEIT, 22 Maggio 2015 Agenda Contesto normativo e regolatorio Attività GSE Regole Tecniche

Dettagli

GAUDI. Gestione Anagrafica Unica degli Impianti e. Giugno 2012

GAUDI. Gestione Anagrafica Unica degli Impianti e. Giugno 2012 GAUDI Gestione Anagrafica Unica degli Impianti e Processo di Qualificazione al mercato Giugno 2012 1 Perché GAUDI GAUDI è il sistema di Gestione Anagrafica Unica Degli Impianti di Produzione Consente di

Dettagli

Delibera n. 280/07 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 6 novembre 2007. Visti:

Delibera n. 280/07 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 6 novembre 2007. Visti: Delibera n. 280/07 MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE PER IL RITIRO DELL ENERGIA ELETTRICA AI SENSI DELL ARTICOLO 13, COMMI 3 E 4, DEL DECRETO LEGISLATIVO 29 DICEMBRE 2003, N. 387/03, E DEL COMMA

Dettagli

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE

L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L IMPIANTO FOTOVOLTAICO, L ENERGIA PRODOTTA E LA SUA REMUNERAZIONE L impianto fotovoltaico è un impianto che consente di generare energia elettrica direttamente dalla radiazione del sole. L impianto fotovoltaico

Dettagli

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO PRODUCIBILITÀ IMPIANTO Descrizione dell'impianto Impianto KING - FAVARA L impianto, denominato Impianto KING - FAVARA, è di tipo grid-connected, la tipologia di allaccio è: trifase in media tensione. Ha

Dettagli

Determinazione 4 marzo 2014 n. 4/2014

Determinazione 4 marzo 2014 n. 4/2014 Determinazione 4 marzo 2014 n. 4/2014 Definizione, in attuazione di quanto previsto dall articolo 4, comma 1, della deliberazione 26 settembre 2013, 405/2013/R/com, delle modalità e tempistiche delle dichiarazioni

Dettagli

Istruzioni operative per l applicazione dell art 5 comma 7-bis della Legge n. 98 del 2013 (conversione DL Fare)

Istruzioni operative per l applicazione dell art 5 comma 7-bis della Legge n. 98 del 2013 (conversione DL Fare) Istruzioni operative per l applicazione dell art 5 comma 7-bis della Legge n. 98 del 2013 (conversione DL Fare) SOMMARIO 1 Generalità... 2 2 Requisiti per l accesso... 2 3 Modalità di applicazione... 2

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91

Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Decreto-Legge 24 giugno 2014, n. 91 Audizione del Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato Roma, 3 luglio 2014 Indice Il Gruppo GSE Decreto-Legge 24

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzie di cui all articolo 49 dell allegato A alla delibera 111/06 dell Autorità per l energia elettrica ed il gas

Regolamento del sistema di garanzie di cui all articolo 49 dell allegato A alla delibera 111/06 dell Autorità per l energia elettrica ed il gas Regolamento del sistema di garanzie di cui all articolo 49 dell allegato A alla delibera 111/06 dell Autorità per l energia elettrica ed il gas 1 Articolo 1. Oggetto e definizioni...3 Articolo 2. Garanzia

Dettagli

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO PRODUCIBILITÀ IMPIANTO Descrizione dell'impianto Impianto GALLO - SCIASCIA P. EMPEDOCLE L impianto, denominato Impianto GALLO - SCIASCIA P. EMPEDOCLE, è di tipo grid-connected, la tipologia di allaccio

Dettagli

Con la presente convenzione

Con la presente convenzione Allegato A SCHEMA DI CONVENZIONE PER IL RITIRO DELL ENERGIA ELETTRICA DI CUI ALL ARTICOLO 13, COMMI 3 E 4, DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 387/03 E AL COMMA 41 DELLA LEGGE N. 239/04 Con la presente convenzione

Dettagli

Disposizione tecnica di funzionamento n. 10 MGAS

Disposizione tecnica di funzionamento n. 10 MGAS Pagina 1 di 16 Disposizione tecnica di funzionamento (ai sensi dell articolo 4 della Disciplina del mercato del gas naturale, approvato con decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 6 marzo 2013,

Dettagli

AREA CLIENTI. Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi

AREA CLIENTI. Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi A A A English AREA CLIENTI Home Azienda Sala stampa Dati e Bilanci Sostenibilità Bandi di gara Verso il 2020 Lavora con noi Contatti FAQ CONTO ENERGIA RITIRO E SCAMBIO QUALIFICHE E CERTIFICATI GAS, CO2

Dettagli

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO

PRODUCIBILITÀ IMPIANTO PRODUCIBILITÀ IMPIANTO Descrizione dell'impianto Impianto BRUNELLESCHI AG L impianto, denominato Impianto BRUNELLESCHI AG, è di tipo grid-connected, la tipologia di allaccio è: trifase in media tensione.

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte II Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

UNIACQUE S.p.A. ALLEGATO A Capitolato Speciale di Appalto

UNIACQUE S.p.A. ALLEGATO A Capitolato Speciale di Appalto UNIACQUE S.p.A. BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA APPALTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA PER IL PERIODO 01.01.2013-31.12.2013 PER LE UTENZE DELLA SOCIETA UNIACQUE S.P.A. (ai sensi degli artt. 54

Dettagli

PROCEDURA PER LA DETERMINAZIONE DEL MIX ENERGETICO COMPLEMENTARE DELL ENERGIA ELETTRICA IMMESSA IN RETE DEL PRODUTTORE

PROCEDURA PER LA DETERMINAZIONE DEL MIX ENERGETICO COMPLEMENTARE DELL ENERGIA ELETTRICA IMMESSA IN RETE DEL PRODUTTORE Pagina 1 di 10 DEL MIX ENERGETICO COMPLEMENTARE DELL ENERGIA ELETTRICA IMMESSA IN (Ai sensi dell articolo 5, comma 5, del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 31 luglio 2009) Pagina 2 di 10 INDICE

Dettagli

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione

Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Gli interventi dell'autorità per l'energia elettrica e il gas in materia di piccola cogenerazione Convegno POLYGEN: COGENERAZIONE DIFFUSA E TRIGENERAZIONE Verona, Solarexpo, 16 maggio 2008 Andrea Galliani

Dettagli

Il calcolo della capienza della garanzia finanziaria

Il calcolo della capienza della garanzia finanziaria Il calcolo della capienza della garanzia finanziaria Roma, 6 aprile 2006 2 Introduzione: la garanzia finanziaria (Articolo 70 del Testo integrato) - 2 - 3 La garanzia finanziaria (Articolo 70 del Testo

Dettagli

nel seguito, singolarmente o congiuntamente, anche denominati la Parte o le Parti,

nel seguito, singolarmente o congiuntamente, anche denominati la Parte o le Parti, Fax simile convenzione con GSE CONVENZIONE PER IL RITIRO DELL ENERGIA ELETTRICA DI CUI ALL ARTICOLO 13, COMMI 3 E 4, DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 387/03 E ALL ARTICOLO 16 DEL DECRETO DEL MINISTERO DELLO

Dettagli

ENTE AUTONOMO DEL FLUMENDOSA Servizio Gestione Opere e Sicurezza All. A)

ENTE AUTONOMO DEL FLUMENDOSA Servizio Gestione Opere e Sicurezza All. A) DISCIPLINARE TECNICO PREMESSA L Ente Autonomo del Flumendosa (nel seguito chiamato EAF), è produttore di energia elettrica da fonte rinnovabile non programmabile, essendo proprietario dell impianto idroelettrico

Dettagli

Disposizione tecnica di funzionamento n. 4 Rev. 3 P-GO

Disposizione tecnica di funzionamento n. 4 Rev. 3 P-GO Pagina 1 di 6 Disposizione tecnica di funzionamento n. 4 (ai sensi dell articolo 4 del Regolamento di funzionamento del mercato organizzato e della piattaforma di registrazione degli scambi bilaterali

Dettagli

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III

La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Corso di Formazione ESTATE La Struttura del Sistema Energetico e dei Meccanismi di Incentivo alle Fonti Rinnovabili Parte III Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università degli Studi di

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA Gara per la fornitura di gas metano per il periodo 1 dicembre 2008 30 novembre 2009 ed energia elettrica per l anno solare 2009 all Università degli Studi di Perugia 1. OGGETTO DELLA GARA CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

MODULO RPR-BT RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE INFERIORE A 1 KV

MODULO RPR-BT RICHIESTA DI CONNESSIONE PRODUTTORE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE INFERIORE A 1 KV Pag. 1 di 5 Spettabile Consorzio per i STN Val di Sole Piazza Regina Elena, 17 38027 Malè (TN) P.IVA: 02345700229 PEC: male.stnvaldisole@pec.it Oggetto: richiesta di connessione alla rete di distribuzione

Dettagli

PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a)

PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a) PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a) deliberazione ARG/elt 104/11 1 Indice Premessa... 3 Definizioni e acronimi... 3 Riferimenti normativi e procedure tecniche richiamati nel documento...

Dettagli

Con la presente Convenzione

Con la presente Convenzione CONVENZIONE PER L'EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL'ENERGIA ELETTRICA ai sensi della deliberazione 570/2012/R/efr e successive modifiche ed integrazioni NUMERO PRATICA: SSP00480388 Con

Dettagli

Richiesta di adeguamento della connessione esistente Richiesta di nuova connessione

Richiesta di adeguamento della connessione esistente Richiesta di nuova connessione DOMANDA DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE ELETTRICA CON TENSIONE INFERIORE A 1 KV PER POTENZE IN IMMISSIONE FINO A 100 KW DEL COMUNE DI CAVALESE (Agg. 01/01/2014) Spettabile Comune di

Dettagli

FORZA DOPPIA WEB - Medium OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA

FORZA DOPPIA WEB - Medium OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA FORZA DOPPIA WEB - Medium OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA Validità offerta: fino al 25 Gennaio 2016 Denominazione: FORZA DOPPIA WEB medium Codice: ATFDWM/15 Destinatari offerta La presente offerta

Dettagli

Andamento del mercato dal 1 gennaio 2005 ad oggi: - risultati - problematiche emerse - modifiche urgenti

Andamento del mercato dal 1 gennaio 2005 ad oggi: - risultati - problematiche emerse - modifiche urgenti Andamento del mercato dal 1 gennaio 2005 ad oggi: - risultati - problematiche emerse - modifiche urgenti Roma, 24 febbraio 2005 2 Il mercato dal 1 gennaio ad oggi: risultati - 2 - 3 MGP dal 1 gennaio ad

Dettagli

3 INCONTRO FORMATIVO Terzo Conto energia e vantaggi economici

3 INCONTRO FORMATIVO Terzo Conto energia e vantaggi economici Aosta, 09 Dicembre 2010 3 INCONTRO FORMATIVO Terzo Conto energia e vantaggi economici Rosalia Guglielminotti Parleremo di : IL TERZO CONTO ENERGIA COME FUNZIONA E PRINCIPALI NOVITA INSTALLARE UN IMPIANTO

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA. Potenza = 690.000 kw. Relazione economica

IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA. Potenza = 690.000 kw. Relazione economica IMPIANTO FOTOVOLTAICO CONNESSO ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE PER VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA Potenza = 690.000 kw Relazione economica Impianto: Impianto1 Committente: MOTTURA S.p.a - Rappresentante

Dettagli

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 3 giugno 2008 - ARG/elt 74/08 Testo integrato delle modalità e delle condizioni tecnico-economiche per lo scambio sul posto (TISP) L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

AVVISO PER L ASSEGNAZIONE, PER L ANNO 2010, DEI DIRITTI CIP 6 DI CUI AL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DEL 27 NOVEMBRE 2009

AVVISO PER L ASSEGNAZIONE, PER L ANNO 2010, DEI DIRITTI CIP 6 DI CUI AL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DEL 27 NOVEMBRE 2009 AVVISO PER L ASSEGNAZIONE, PER L ANNO 2010, DEI DIRITTI CIP 6 DI CUI AL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DEL 27 NOVEMBRE 2009 Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. (di seguito: GSE)

Dettagli

¾ Processo di presentazione dell istanza e stipula della convenzione

¾ Processo di presentazione dell istanza e stipula della convenzione M e c c a n i s m i d i i n c e n t i v a zi o n e p e r l u s o d e l l e f o n t i e n e r g e t i c h e r i n n o v a b i l i e i s i s t e m i d i c o g e n e r a zi o n e /( 1829( 5(*2/( 3(5,/ 6(59,=,2

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

Per le persone giuridiche/soggetto pubblico/un condominio di unità abitative e/o di edifici:

Per le persone giuridiche/soggetto pubblico/un condominio di unità abitative e/o di edifici: CONVENZIONE PER IL RITIRO DELL ENERGIA ELETTRICA DI CUI ALL ARTICOLO 13, COMMI 3 E 4, DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 387/03 E ALL ARTICOLO 16 DEL DECRETO DEL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 18 DICEMBRE

Dettagli

La deliberazione 578/2013/R/eel I Sistemi Efficienti di Utenza (SEU)

La deliberazione 578/2013/R/eel I Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) Energia Media Dalla diagnosi energetica alla riduzione dei costi energetici nell industria La deliberazione 578/2013/R/eel I Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) Ing. Alessandro Arena Direzione Mercati Unità

Dettagli

La normativa è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007 e dalla Delibera AEEG del 13 aprile 2007.

La normativa è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007 e dalla Delibera AEEG del 13 aprile 2007. 1. GENERALITA Tariffe incentivanti e periodo di diritto (DM 19/02/207 art.6) La normativa è regolamentata dal Decreto Ministeriale del 19 febbraio 2007 e dalla Delibera AEEG del 13 aprile 2007. L impianto

Dettagli

Codice di Condotta Commerciale. per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali

Codice di Condotta Commerciale. per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali Codice di Condotta Commerciale per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali ( Delibera ARG/com 104/10 Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com 196/10 239/10 ) Titolo

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione energia elettrica MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione energia elettrica MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO MANUALE OPERATIVO DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Autorità per l energia elettrica e il gas Direzione energia elettrica Milano, 12 aprile 2006 1 Sommario 1. Introduzione...3 2. Il quadro normativo di

Dettagli

Rev.04 ed. dicembre 2015

Rev.04 ed. dicembre 2015 S E A S O C I E T A' E L E T T R I C A D I F A V I G N A N A S P A Sede amministrativa: Via E. Amari n. 8 90139 Palermo Tel. 091 580004 Fax 091 584967 Ufficio di Favignana: Via S. Corleo n. 7 91023 Favignana

Dettagli

Codice Cliente 000000 POD IT000E00000000. Totale: 00.000,00 Scadenza: 00/00/2010. Mese di fornitura: febbraio 2010 Fattura: n. 000E del 00/00/2010

Codice Cliente 000000 POD IT000E00000000. Totale: 00.000,00 Scadenza: 00/00/2010. Mese di fornitura: febbraio 2010 Fattura: n. 000E del 00/00/2010 GALA S.p.A. Via Pietro Borsieri n. 20 00195 ROMA Codice Cliente 000000 POD IT000E00000000 Spett.le Cliente Tipo S.p.A. Via Rossi, 51 20155 MILANO (MI) Quando non c è energia non c è colore, non c è forma,

Dettagli

FORZA DOPPIA WEB Medium OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA

FORZA DOPPIA WEB Medium OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA FORZA DOPPIA WEB Medium OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA Validità offerta: fino al 25 aprile 2016 Denominazione: FORZA DOPPIA WEB medium Codice: ATFDWM/16 Destinatari offerta La presente offerta

Dettagli

Le regole del libero mercato e i meccanismi di tutela: una chiave di lettura per i consumatori

Le regole del libero mercato e i meccanismi di tutela: una chiave di lettura per i consumatori Le regole del libero mercato e i meccanismi di tutela: una chiave di lettura per i consumatori Andrea Rosazza Autorità per l energia elettrica e il gas - Direzione Mercati UNAE Veneto - Padova 26 settembre

Dettagli

FORZA DOPPIA WEB - Small OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA

FORZA DOPPIA WEB - Small OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA FORZA DOPPIA WEB Small OFFERTA GAS NATURALE + ENERGIA ELETTRICA Validità offerta: fino al 25 ottobre2015 Denominazione: FORZA DOPPIA WEB small Codice: ATFDWS/15 Destinatari offerta La presente offerta

Dettagli

Il biogas. Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti

Il biogas. Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti Il biogas Opportunità per le aziende agricole e l agro industria produzione e prospettive. Incentivi e finanziamenti Renzo N.Iride Servizio Energia-Araen D.M. 18.12.2008 (g.u.2.01.09) Incentivazione della

Dettagli

PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a)

PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a) PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a) deliberazione ARG/elt 104/11 1 Indice Premessa... 3 Definizioni e acronimi... 3 Riferimenti normativi e procedure tecniche richiamati nel documento...

Dettagli

Disposizione tecnica di funzionamento n. 04 rev.5 MTEE

Disposizione tecnica di funzionamento n. 04 rev.5 MTEE Pagina 1 di 16 Disposizione tecnica di funzionamento n. 04 rev.5 MTEE (ai sensi dell articolo 4 delle regole di funzionamento del mercato dei titoli di efficienza energetica) Titolo Fatturazione delle

Dettagli

FederIdroelettrica. Principali novità regolatorie in materia di generazione distribuita

FederIdroelettrica. Principali novità regolatorie in materia di generazione distribuita FederIdroelettrica Principali novità regolatorie in materia di generazione distribuita Ing. Alessandro Arena Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili ed efficienza energetica Autorità

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia

IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia Bergamo 8 novembre 2007 INCENTIVI E LA CONNESSIONE ALLA RETE a cura di Raul Ruggeri ARGOMENTI FORMA DI INCENTIVAZIONE CONNESSIONE ALLA RETE RICONOSCIMENTO INCENTIVO

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE ISTRUZIONI OPERATIVE PER L AUTOCERTIFICAZIONE DELL OBBLIGO

PROCEDURA GESTIONALE ISTRUZIONI OPERATIVE PER L AUTOCERTIFICAZIONE DELL OBBLIGO L AUTOCERTIFICAZIONE DELL OBBLIGO Pagina 1 di 14 L AUTOCERTIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE, IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI NON RINNOVABILI NELL ANNO 2013 Istruzioni operative -

Dettagli

TITOLO II REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI DISPACCIAMENTO E DI TRASPORTO NEI CASI DI MOROSITA DEI CLIENTI FINALI DISALIMENTABILI...

TITOLO II REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI DISPACCIAMENTO E DI TRASPORTO NEI CASI DI MOROSITA DEI CLIENTI FINALI DISALIMENTABILI... REGOLAZIONE DEL SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO E DEL SERVIZIO DI TRASPORTO (TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA) DELL ENERGIA ELETTRICA NEI CASI DI MOROSITÀ DEI CLIENTI FINALI O DI INADEMPIMENTO DA PARTE

Dettagli

Conto Energia. Il GSE è il soggetto attuatore che qualifica gli impianti fotovoltaici, eroga gli incentivi ed effettua attività di verifica.

Conto Energia. Il GSE è il soggetto attuatore che qualifica gli impianti fotovoltaici, eroga gli incentivi ed effettua attività di verifica. The sole responsibility for the content of this presentation lies with the authors. it does not necessarily reflect the opinion of the European Communities. The European Commission is not responsible for

Dettagli

Impatto della delibera AEEG 111/06 sulle Regole di dispacciamento

Impatto della delibera AEEG 111/06 sulle Regole di dispacciamento Impatto della delibera AEEG 111/06 sulle Regole di dispacciamento Luigi de Francisci Direzione Affari Regolatori Roma 26 luglio 2006 Nuove regole per il dispacciamento: principali adempimenti per Terna

Dettagli

La cogenerazione. Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas a seguito del d. lgs. n. 20/07

La cogenerazione. Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas a seguito del d. lgs. n. 20/07 La cogenerazione. Il ruolo dell Autorità per l energia elettrica e il gas a seguito del d. lgs. n. 20/07 Andrea Galliani Convegno nazionale Microcogenerazione e trigenerazione Verona, 20 aprile 2007 Alcuni

Dettagli

Delibera 12 dicembre 2013-578/2013/R/eel

Delibera 12 dicembre 2013-578/2013/R/eel Delibera 12 dicembre 2013-578/2013/R/eel Regolazione dei servizi di connessione, misura, trasmissione, distribuzione, dispacciamento e vendita nel caso di sistemi semplici di produzione e consumo Con la

Dettagli

La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili

La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili Corso di Tecnologie delle Energie Rinnovabili A.A. 2014-2015 La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili Prof. Daniele Cocco Dipartimento di

Dettagli

Situazione attuale e prospettive future del mercato dei Certificati Verdi

Situazione attuale e prospettive future del mercato dei Certificati Verdi Situazione attuale e prospettive future del mercato dei Certificati Verdi Stefano Alaimo TIS Innovation Park Centro per le energie rinnovabili Bolzano, 13 giugno 2008 2 Mercato dei certificati verdi 1.

Dettagli

Per le persone giuridiche/soggetto pubblico/un condominio di unità abitative e/o di edifici :

Per le persone giuridiche/soggetto pubblico/un condominio di unità abitative e/o di edifici : CONVENZIONE N... PER IL RICONOSCIMENTO DELLE TARIFFE INCENTIVANTI DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA IMPIANTI FOTOVOLTAICI AI SENSI DEL DECRETO MINISTERIALE DEL 19.2.2007 E DELLA DELIBERA DELLA AUTORITÀ

Dettagli

Incentivi e Agevolazioni Solare. Fotovoltaico

Incentivi e Agevolazioni Solare. Fotovoltaico Incentivi e Agevolazioni Solare Fotovoltaico Conto Energia 2007 Il Decreto Tariffe Incentivanti Procedure e documentazione IL DECRETO Decreto Ministeriale 19 Febbraio 2007 - G.U. n n 43-21/02/07. Ministero

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTA ENEL SERVIZIO ELETTRICO

GLOSSARIO BOLLETTA ENEL SERVIZIO ELETTRICO GLOSSARIO BOLLETTA ENEL SERVIZIO ELETTRICO INTRODUZIONE Il Glossario è uno strumento rivolto ai Clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

il mini eolico quanto costa e quanto rende

il mini eolico quanto costa e quanto rende il mini eolico quanto costa e quanto rende quanto costa e quanto rende Il costo di un sistema mini eolico installato chiavi in mano (IVA esclusa) per taglie comprese fra 5 kw e 20 kw è compreso fra 3.000

Dettagli