Software e spazi virtuali per l educazione linguistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Software e spazi virtuali per l educazione linguistica"

Transcript

1 Software e spazi virtuali per l educazione linguistica Paolo Torresan Gli strumenti presentati possono essere utilizzati dall insegnante di lingua ai fini di un potenziamento delle abilità ricettive, di uno stimolo alla produzione, di un raffinamento delle competenze fonologiche e morfosintattiche e della realizzazione di modalità di apprendimento cooperativo. Si tratta di applicazioni economiche (in gran parte gratuite) e di spazi virtuali di facile visione e configurazione. Consentono la realizzazione di task significativi, calibrati sulla base degli interessi degli allievi e raccordabili con la programmazione curricolare. 1. Caratteristiche degli strumenti 1.1. Authoring I sistemi autore sono programmi che permettono di creare esercizi interattivi, in taluni casi fruibili anche su carta. A differenza dei corsi di lingua su CD-Rom, che consistono in percorsi didattici prestabiliti, i sistemi autore richiedono una partecipazione attiva dell insegnante. La società produttrice del software si limita infatti a predisporre il format, vale a dire la struttura degli esercizi, mentre all insegnante spetta il compito di decidere l input da somministrare (Che tipo di testo? Quanto deve essere lungo? ecc.). Il processo di realizzazione di un esercizio interattivo può essere rappresentato attraverso lo schema che segue 1 : 1 Lo schema riprende e rielabora quello presente in Olimpo 1995,

2 Fig. 1 Il processo di sviluppo di un esercizio interattivo Alla base del processo si colloca l analisi del contesto: considerati i mezzi di cui la scuola può disporre, sia a livello tecnologico che finanziario, e la motivazione ad apprendere da parte degli studenti attraverso le tecnologie, nonché la loro competenza linguistica, il docente può essere orientato alla scelta di un software didattico piuttosto di un altro, e arrivare infine ad una decisione attraverso la consulenza di un esperto, il parere di un collega o informazioni che ha attinto dalla rete. In seconda istanza, affinché l attività si raccordi con la pianificazione del corso e non costituisca una semplice parentesi, per quanto piacevole e curiosa, è necessario ragionare contestualmente al percorso didattico in atto. Ciò significa che gli esercizi che si vanno a ideare dovrebbero valere come introduzione/ampliamento/rinforzo di aspetti morfosintattici o lessicali relativi ad un testo o a una serie di testi da comprendere o già compresi. Esercizi decontestualizzati e/o input poveri ingenererebbero negli studenti l impressione di una didattica estemporanea, priva di interesse e di utilità a lungo termine. Si arriva dunque alla fase centrale e più impegnativa del processo: la progettazione. Se l esercizio interattivo (in formato.html, quindi una pagina web) è il risultato cui 2

3 giungere, il piano di lavoro dell insegnante è costituito dal cosiddetto file sorgente, struttura invisibile agli studenti, che può essere continuamente richiamata in memoria dall insegnante, in modo che i dati immessi possano essere rielaborati. Giocano un ruolo fondamentale nella fase di progettazione alcune caratteristiche intrinseche al software: o o o o o o o o la configurazione (la possibilità di agire sulla grafica dell esercizio, fattore di rilievo per la motivazione); il feedback (la possibilità di inserire suggerimenti e commenti alle risposte); i limiti di inserimento testi e del numero di risposte e di domande; la modularità (la disponibilità interna all applicazione di un comando che permette di collegare un esercizio ad un altro); il grado di multimedialità (la possibilità di allegare file multimediali); l interattività (la possibilità di comprendere intuitivamente il funzionamento del programma); la flessibilità (la possibilità di interrompere l esecuzione di un esercizio); la verifica (fattore controverso, visto che tutt oggi sono pochi i programmi che permettono un controllo immediato, e non differito, delle risposte degli studenti da parte dell insegnante). La progettazione è una fase assai delicata, che è necessario ripetere e ridefinire se la sperimentazione in classe dell esercizio, o la revisione dello stesso da parte dell insegnante a distanza di tempo, inducono ad apportare modifiche e integrazioni. In pratica si tratta di vedere se l esercizio funziona per la classe cui è destinato e, più in generale, se il programma è vantaggioso se cioè, considerati il tempo speso, le risorse investite e le dinamiche di apprendimento innescate (che dovrebbero essere qualitativamente diverse da quelle prodotte dal materiale grigio della didattica tradizionale), l intera operazione risulta proficua. Nella tabella che segue vengono anticipate le caratteristiche dei sistemi autore illustrati in questo saggio. 3

4 MODALITÀ DI COSTO SOMMINISTRAZIONE FASI TIPO DI ESERCIZIO ABILITà E APPLICAZIONE ESERCIZIO DELL UNITÀ DI ESERCIZIO FREEWARE SHAREW STAMPABIL COMPETENZE INTERATTIV APPRENDIMENTO 2 ARE E SU O CARTA Eclipse Crossword Cruciverba JCross Motivazione; (Hotpotatoes) Rinforzo Crossword Lessico Compiler Crucipuzzle Puzzlemaker Motivazione; Rinforzo Lessico Ricostruzione WebSequitur Comprensione; di testo (Textoys) Verifica Morfosintassi Quesito a JQuiz scelta (Hotpotatoes) Comprensione; Lettura; Ascolto; multipla/ Verifica Morfosintassi Domanda QuizFaber aperta Abbinamento JMatch Comprensione; Lettura; Ascolto; (Hotpotatoes) Verifica Morfosintassi QuizFaber Cloze JCloze Comprensione; Lettura; 2 Tutti i programmi sono installabili su PC e MAC. Puzzlemaker permette la creazione online del crucipuzzle; se si desidera creare l esercizio offline occorre acquistare il prodotto. Gli applicativi di Hotpotatoes sono gratuiti se destinati ad un uso privato e non commerciale. 4

5 Supercloze Ricostruzione di frase QuizFaber Rinforzo; Verifica Morfosintassi WebRhubharb Comprensione; (Textoys) Rinforzo; Verifica Morfosintassi JMix Comprensione; (Hotpotatoes) Verifica Morfosintassi Tab. 1 Tabella sinottica delle caratteristiche dei sistemi autore presentati 5

6 1.2. Mapping La tecnica della costellazione, generalmente adottata per il rinforzo lessicale o, specificamente nella didattica della lingua materna, per la pianificazione dello scritto (Balboni, 1999), è realizzabile attraverso software per il mind mapping:, a partire da un lemma principale, si fanno derivare, per gradi successivi di deduzione, una serie di libere associazioni. Diversamente, la conceptual map, anziché essere governata da una logica associazionista, procede per connessioni e richiede un elaborazione complessa e raffinata. L autore, in questo caso, è tenuto a esplicitare le relazioni di inclusione e le relazioni trasversali che intercorrono tra i concetti. In ambito glottodidattico, una mappa concettuale può essere impiegata per promuovere conoscenze dichiarative, che si realizzano mediante una serie di proposizioni. È il caso, per esempio, dell insegnamento della letteratura (cf. Anzalone 2004), delle microlingue scientificoprofessionali e dell uso veicolare della lingua (quando cioè la lingua straniera è il mezzo per insegnare altre materie curricolari: la geografia, la geometria, le scienze naturali, cf. Coonan, 2002) Mailing list, forum e chat La lista di discussione, il forum e la chat rappresentano strumenti di comunicazione virtuale tra due o più utenti. Nelle liste e nei forum lo scambio dei messaggi è asincrono mentre nella chat avviene in tempo reale.. In genere gli insegnanti preferiscono presentare le attività asincrone per prime, come il forum o lo scambio di mail, per arrivare quindi, dopo un periodo di addestramento alla condivisione, ad introdurre la chat.. La ragione è presto detta: nella comunicazione sincrona il tempo per pensare al contenuto e alla forma è ridotto, è dunque necessario che gli studenti possiedano una discreta competenza pragmatica e solide strategie comunicative per poter interagire efficacemente (Caburlotto, 2001a) Blogging Il blog è una pagina web, con la possibilità di inserire immagini e link, e come genere testuale può essere ritenuto come una via di mezzo tra il diario e la rassegna stampa. 6

7 Probabilmente, se fossero vivi, Ugo Foscolo e Alessandro Manzoni avrebbero un loro blog o forse anche più di uno; per allestire e mantenere vivo un blog ci vuole infatti una certa passione per la scrittura. Beninteso, non occorre essere dei fini letterati, ma sono necessarie alcune doti, come spontaneità e freschezza nell esprimere le idee, nonché il fatto di avere effettivamente qualcosa da comunicare. Il blog rappresenta una struttura flessibile, particolarmente facile da integrare con altri strumenti multimediali, come la chat o il forum, al fine di stimolare/potenziare, nonché estendere oltre le ore di classe, l interazione in lingua (Oravec 2002) Video & Audio Editing Ritagliare, ricopiare, incollare sono operazioni di bricolage a cui gli insegnanti sono abituati. Gli strumenti richiesti sono alla portata di ogni scuola: un paio di forbici, un tubetto di colla, una fotocopiatrice e tutt al più un PC su cui è installato un programma di videoscrittura. Meno noti, benché in genere non siano dispendiosi, sono invece gli strumenti per la manipolazione di file audio e video. Attraverso alcuni programmi è possibile, una volta registrata la propria voce o la voce di altri oppure una volta acquisita una registrazione effettuata tramite strumenti analogici o digitali, manipolare la traccia. Lo stesso dicasi per i fotogrammi di un filmato. Le finalità didattiche sono le medesime: spezzare e dividere un testo affinché lo studente mediante una serie di inferenze che applica su più livelli: temporale, causale, di inclusione, di esclusione, ecc. lo riordini, e nel farlo migliori i suoi processi di comprensione Karaoke Alcuni software permettono l ascolto di basi musicali, reperibili gratuitamente sul web, e la comparsa del testo a scorrere. Rendono possibili attività di karaoke, utili per lavorare sulla prosodia, a completamento di attività di comprensione e analisi del testo Ambienti di apprendimento 7

8 L ambiente di apprendimento ha la forma della classe virtuale in cui si possono caricare e condividere file di ogni tipo: di testo, immagini statiche, file musicali, pagine interattive, spezzoni video. La prerogativa riconosciuta al gestore è la possibilità di definire i ruoli dei membri, assegnando a ciascuno una serie di permessi ben definiti, che vanno dalla possibilità di prendere visione dei contribuiti inviati dagli altri, al grado minimo (membro anonimo), fino alla facoltà di alterare l assetto della classe e le caratteristiche dei documenti archiviati, al grado massimo (manager). 2. L impiego di software e spazi virtuali nell Unità Didattica 3.1. Precomprensione Il cruciverba In alcuni testi di italiano per stranieri (Guastalla, 2002; Mattei et al. 2003), anziché essere utilizzate ai fini del ripasso lessicale, come solitamente accade, le parole crociate costituiscono una attività di warming-up, di avvicinamento al testo da comprendere. I termini che lo studente deve inserire nella griglia, sulla base della definizione data, sono parole che già conosce. Il fatto che, attraverso l esercizio, tali parole vengano richiamate alla memoria, potenzia la grammatica dell anticipazione (Expectancy Grammar; Oller, 1975) 3, ovvero quel processo spontaneo che si genera durante la lettura o l ascolto, per cui il soggetto, sulla base delle informazioni disponibili, formula una serie di ipotesi 4. Tra i numerosi programmi utili per la realizzazione di cruciverba, citiamo ECLIPSE CROSSWORD, gratuito e facile da usare, e CROSSWORD COMPILER, shareware. Il primo è scaricabile dal sito <www.eclipsecrossword.com>. Una guida in italiano al programma, nonché una serie di indicazioni operative su come proporre il cruciverba a classi numerose, è presente in Torresan, Balboni traduce il termine con l espressione capacità di prevedere, ovvero di estrapolare dal contesto quello che può trovarsi nel testo. E scrive: Essere forti in questa «grammatica» significa saper sfruttare sia la ridondanza situazionale e linguistica, sia gli schemi e i copioni in cui abbiamo organizzato la nostra conoscenza del mondo, e su questa base saper trasformare il compito terribile di «comprendere una lingua sconosciuta» in quello ben più semplice di «verificare le ipotesi che ho fatto su quello che può essere detto in questa situazione e in questo testo» (Balboni, 2002, 45). 4 Per esempio, se in un cruciverba somministrato prima della lettura/ascolto di un testo in spagnolo LS, compaiono le parole: ladrón, coche, policía, banco [ladro, macchina, polizia, banca], lo studente è portato spontaneamente a pensare che il testo riguarderà un furto; se però gli viene presentato un quinto termine, película [film], le sue ipotesi vengono inconsciamente corrette, e troverà più plausibile immaginare si tratti di un soggetto cinematografico. 8

9 Il secondo è un programma professionale, pensato più per l editoria che per la didattica. Estremamente ampie le opzioni di configurazione: dall ampiezza della griglia al tipo di cruciverba, dalla forma dell esercizio (a cuore, ad albero di Natale, a nave, ecc.) alla possibilità di inserimento di feedback (il costo si aggira attorno ai cinquanta Euro; non si dispone di una guida in italiano). In alternativa ai programmi citati, un cruciverba può essere costruito anche con JCROSS, un applicazione compresa nel software didattico HOTPOTATOES. L intero pacchetto è costituito da sei applicazioni ed è scaricabile gratuitamente da Internet, all indirizzo <http://web.uvic.ca/hrd/halfbaked/>. Per avere libero accesso alle funzioni è necessario registrarsi e il codice va richiesto all URL <http://web.uvic.ca/hrd/hotpot/register.htm> 5, mentre al sito <http://digilander.libero.it/cyberteacher> si può scaricare la guida in italiano. Tra i motivi del successo e della diffusione di Hotpotatoes vanno menzionati: la facilità d uso, la possibilità di configurare il menu nella lingua desiderata, di stabilire i tempi massimi per la realizzazione degli esercizi, di allegare file, di prevedere feedback e di creare rimandi ipertestuali tra gli esercizi o a file esterni. Al sito è possibile creare e gestire (a pagamento) una classe virtuale: la performance degli studenti viene registrata automaticamente e l insegnante può controllare i progressi di ciascuno (Colabianchi, 2001). ORIZZONTALI 2. Cappuccetto Rosso attraversa questo luogo 6. Lo usa Cappuccetto Rosso per portare un dolce 7. Li indossa una persona che non vede bene 5 Occorre acquistare, ripetiamo, una licenza se gli esercizi vengono utilizzati per scopi commerciali. 9

10 VERTICALI 1. L animale che Cappuccetto Rosso incontra 3. Il personaggio che salva Cappuccetto Rosso 4. Si usa per dormire 5. Chi va a trovare Cappuccetto Rosso? Fig. 2 Cruciverba (Eclipse Crossword) Il crucipuzzle <www.puzzlemaker.com> è un portale di giochi enigmistici realizzabili gratuitamente online 6. Non si tratta, a rigor del vero, di un sistema autore, visto che gli esercizi si possono solo stampare su carta. La caratteristica che però accomuna PUZZLEMAKER ai sistemi autore, sta nel fatto che all insegnante è consentito inserire e gestire l input. L applicazione più interessante per la didattica è il crucipuzzle (con o senza messaggio nascosto, Word Search oppure Word Search with Hidden Message ). Come per il cruciverba, si tratta di un attività generalmente utilizzata dagli insegnanti ai fini di un ripasso lessicale, ma che può rivelarsi altrettanto efficace se fatta valere come introduzione al testo. ll compito dell allievo consiste nell individuare parole di senso compiuto all interno di una griglia di grafemi (nella fig. 3 a ricerca delle parole viene eseguita a partire dalle definizioni scritte in calce 7 ). Il crucipuzzle è un ottima risorsa per la gestione di classi ad abilità miste, visto che all insegnante è permesso confezionare esercizi adatti a diversi livelli di competenza. Nell ottica di promuovere negli allievi un senso di responsabilità nei confronti del proprio apprendere, può essere loro concessa la facoltà di scegliere liberamente l attività da svolgere 8. 6 In alternativa si può richiedere la spedizione del CD-Rom al prezzo di cinquanta Dollari circa. 7 L attività è riferita al seguente articolo: <http://www.corriere.it/primo_piano/cronache/2005/01_gennaio/25/parita.shtml>. 8 In altre parole, anziché calare dall alto le diverse attività graduate (crucipuzzle semplice per Guillermo, Xavier e Gisela; crucipuzzle di media difficoltà per Santiago, Betzy e Alejandro; crucipuzzle difficile per Asuncíon, Jolanda e Nemesio), l insegnante può presentare agli studenti gli esercizi da svolgere e affidare loro la scelta. Così agendo, essi imparano a regolarsi in base alla percezione che hanno del proprio livello. Bowler e Parmenter chiariscono (1999): All inizio gli studenti possono sopravvalutare la loro competenza e scegliere la consegna più difficile, oppure possono andare sul sicuro e scegliere quella più facile. In ogni caso, quando abbiamo offerto più volte alla classe una varietà di consegne, gli studenti cominciano ad optare magari sulla base di qualche suggerimento per un compito realistico, un compito cioè che presenta un certo grado di sfida, [che è adatto al loro livello] e che non è noioso. 10

11 Cerca le parole che corrispondono alle definizioni riportate più sotto, come nell esempio D X R B X V K L F T N G H V O I D C M W T Y T T I E J R I X M M V R T I B V R D T F W K U E I E B R A M O Z C W K L S F M H G S U L T S K H O M K H B B F H X T A J A Z V R Y L N A T Z J S C I E N Z A K G E P V D U D R K E C T I X P X X F R Z B E Z F B W H T L D N G V I D C O M P R O M E T T E R E D I M I N F O R M A Z I O N I R C E R V E L L O W H Z N R O V J L R I N X R S P E N A I O E D S E T N E I Z O U Q W G E J T I C I F E D X D S E K K V 1. Familiarità, anche nel senso di abilità 2. È l organo in cui hanno origine i pensieri e il ragionamento 3. Parola inglese che sta per: rete, sistema 4. Parola latina che sta per: calo, diminuzione 5. Danneggiare, causare dei problemi al funzionamento e all equilibro di processi e/o funzioni 6. Coloro che si occupano, in genere all interno di una istituzione universitaria, di svolgere ricerche e studi approfonditi 7. Dati, messaggi, concetti 8. È una parte del sapere che si basa sulla formulazione di regole e leggi, a partire da una serie di osservazioni; si distingue dalle arti e dalla letteratura 11

12 9. Indice, risultato utile per la comparazione Fig. 3 Il crucipuzzle Jigsaw progressivo Il jigsaw (o incastro) è una tecnica impiegata per potenziare/verificare la comprensione; il programma WEBSEQUITUR, compreso nel pacchetto TEXTOYS, ne costituisce un eccellente versione interattiva. L insegnante digita, all interno dello spazio apposito del file sorgente, la serie di sintagmi con cui ha diviso a piacimento il testo, il programma provvede a mescolarli e a presentarli in disordine allo studente. È chiaro che, se riferita ad una porzione iniziale di testo, l attività si presta a suscitare la voglia di leggere l intero brano, e può essere proficuamente integrata con altre attività interattive di comprensione. L intero pacchetto TexToys è scaricabile dal sito <http://www.cict.co.uk/software/textoys/index.htm> 9. Per la guida in italiano rimandiamo alla traduzione di Paolo Cutini: <http://digilander.libero.it/cyberteacher> Mind mapping Esistono vari programmi che consentono di realizzare un mind map, tra i quali citiamo FREE MIND, THINK GRAPH, freeware, e MIND MANAGER, shareware (costo: cinquanta Euro circa) 10. In ambito didattico, una mappa mentale può essere utilizzata ai fini di una condivisione rapida delle idee, ovvero di un brainstorming, facendo leva sulle conoscenze pregresse degli allievi e rendendo loro più agevole, di conseguenza, la comprensione o la stesura di un brano. Per raccogliere le associazioni riferite ad un qualsiasi argomento, agli studenti può essere chiesto di realizzare una mappa ex novo (dovranno quindi decidere il numero di ramificazioni che partono dal lemma centrale) oppure di completarne una di già strutturata (fig. 4). 9 Si tratta di una versione ridotta, che permette di inserire testi relativamente brevi; per poter accedere alla versione completa occorre corrispondere alla società di gestione una somma di cinquanta Euro circa. 10 Per un prospetto generale circa gli applicativi che permettono il mind mapping, si veda Guastavigna,

13 Mediterraneo /01/ v Fig. 4 La mappa mentale vuota presentata prima della visione di una sequenza del film Mediterraneo (Mind Manager) Al fine di contare su uno scambio di ipotesi e quindi sulla messa in comune delle preconoscenze, una volta che la singola coppia o il gruppetto hanno creato una mappa o completato uno schema vuoto, può essere chiesto loro di condividere le proprie associazioni con un altra coppia o un altro gruppo, in modo da arrivare ad una sintesi finale (fig. 5). Tetti a terrazzo Vegetazione bassa Scarsita' d'acqua Clima secco Sole Allegria Vacanze Mare Mediterraneo Buona cucina Pesce Olio Bruschetta Vela Sport 21/02/ v13 Tante culture Fusione di stili Colonie Grecia Antica La Serenissima Dominio commerciale Fig. 5 Completamento di una mappa mentale (Mind Manager) Durante la prima raccolta di associazioni il docente è tenuto a dare libero spazio alla creatività. Ogni ipotesi va accolta e rispettata, per quanto alcuni (incluso lo stesso insegnante) possano giudicarla impropria o bizzarra; eventuali punti di divergenza potranno casomai essere dibattuti e negoziati durante fasi successive Lo scopo fondamentale del brainstorming è la generazione di idee, in modo individuale o collettivo, evitando di esprimere subito un giudizio di valore: la ricerca scientifica ha dimostrato che questo principio è altamente produttivo, sia nello sforzo individuale che nel lavoro di gruppo : Forte, 2000,

14 Nella didattica delle lingue la mappa mentale può valere pure come guida al prendere appunti (Fletcher, 2000) e, grazie al raggruppamento delle idee e alla personalizzazione del loro aspetto, come attività propedeutica alla sintesi di un brano (Forte, 2000) Attività per la stimolare e verificare la comprensione Le domande interattive HOTPOTATOES e QUIZFABER sono due pacchetti gratuiti che permettono di realizzare esercizi di comprensione con una certa rapidità, ricchi nelle modalità di configurazione, facili da caricare in rete (locale o internet), accessibili per ogni nuova modifica. JQUIZ è un applicazione compresa in HOTPOTATOES. La fig. 6 ci offre un immagine del file sorgente. Negli spazi indicati l insegnante digita lo stem del quesito (nell esempio, un affermazione da completare) e gli item (nell esempio, tre possibili conclusioni), dei quali spunta l unico corretto. 12 C è da aggiungere che nell atto di tradurre graficamente le associazioni mentali, oltre a espandere il proprio vocabolario, l allievo impara una strategia di organizzazione delle informazioni che può rivelarsi utile anche in ambiti non scolastici (Cardona, 2001). 14

15 Fig. 6 Il file sorgente di un quesito interattivo a scelta multipla (JQuiz) Con un comando apposito è possibile allegare il testo al quale sono riferite le domande (file > immetti un testo di lettura) e assegnare un tempo massimo alla lettura 13. Si possono inoltre inserire immagini ed effettuare link a siti internet; infine, l insegnante può registrare se stesso o altri durante la lettura del testo e creare un link al file sonoro. Oltre alla scelta multipla, JQuiz permette di creare domande aperte (con la soluzione decisa dall insegnante) e quiz misti (fig. 7). 13 Un semplice consiglio tecnico: si eviti di allegare un testo scritto attraverso un collegamento ipertestuale a un file Word, visto che la formattazione del testo viene alterata. La soluzione più semplice consiste nel salvare il documento come file di testo.txt, e quindi di copia-incollarlo all interno dello spazio apposito. 15

16 Fig. 7 Un esercizio di comprensione misto: quesito a scelta multipla e domanda aperta (JQuiz) L applicazione analoga a JQUIZ, inclusa nel pacchetto QUIZFABER (download gratuito al sito <www.lucagalli.net>), permette di realizzare scelte multiple, domande aperte, esercizi di vero/falso. Il pregio di questo programma sta nell agile gestione dei risultati: l insegnante può decidere che i punteggi vengano direttamente recapitati al suo indirizzo di posta elettronica. Di contro, va rilevato però che QUIZFABER non contempla la funzione di inserimento testi, inclusa invece in HOTPOTATOES L abbinamento La tecnica dell abbinamento consente di associare parole o frasi. Le modalità interattive possono consistere in un semplice allineamento, attraverso dei menu a tendina, come in QUIZFABER (fig. 8) 14, oppure in un operazione di drag-anddrop (trascinamento), come nell applicazione JMATCH di Hotpotatoes. 14 L attività è riferita al seguente articolo: <http://www.corriere.it/primo_piano/cronache/2005/01_gennaio/25/parita.shtml>. 16

17 Fig. 8 Un esercizio di abbinamento per allineamento (QuizFaber) Il cloze Cloze interattivi possono essere prodotti con JCLOZE di HOTPOTATOES e l applicazione corrispondente in QUIZFABER 15. Una menzione a parte va riservata per il programma WEBRHUBHARB, compreso nel pacchetto TEXTOYS, che produce una sorta di supercloze: poche sono le parole note, molte quelle da indovinare, nascoste dietro gli asterischi (un asterisco per ogni lettera mancante). Si tratta di un attività accattivante, che stimola la competizione, se presentata come sfida tra squadre (fig. 9). 15 QuizFaber permette di realizzare il cloze a scelta multipla, utile se si vuole far riflettere su varianti stilistiche o, più in generale, sociolinguistiche (Marzano, 1996). 17

18 Fig. 9 Il supercloze (WebSequitur) Audio editing MAGIX AUDIO STUDIO 2004, L EDIZIONE 2005 e MAGIX AUDIOCLEANIC (<www.magix.com>, costo: 90 euro circa), nelle loro funzioni di base, permettono di registrare, caricare e trasformare qualsiasi tipo di file audio, e quindi di masterizzare l elaborato. In ambito didattico, tramite queste applicazioni è possibile realizzare esercizi di incastro e esercizi di taglio di tracce sonore, ai fini di un potenziamento della comprensione e della produzione orale. La versione è completamente in lingua italiana; le modalità di funzionamento sono intuitive: lo studente può apportare le necessarie modifiche al materiale fornito dall insegnante e successivamente presentare il risultato su supporti di basso costo (CD-Rom), alla stregua di una tesina in formato Word. 18

19 La più semplice delle operazioni è l incastro di tracce sonore: l insegnante spezzare un file audio in più parti, le mescola e le presenta in disordine agli studenti, a cui spetta appunto il compito di ricostruire l originale. Più complesso è il taglio di tracce sonore (o cloze di tracce sonore): l insegnante cancella alcune parti (parole o frasi di senso compiuto) e gli studenti devono ipotizzare il contenuto espunto. Possono esprimere le loro congetture per iscritto oppure in audio, ovvero registrando la propria voce e inserendo nuove tracce negli spazi vuoti del file originario 16. La fig. 10 illustra le fasi dei due processi: INCASTRO Testo diviso in più tracce che sono state mescolate Testo ricomposto dallo studente File audio originario TAGLIO Testo a cui sono state espunte alcune tracce Testo completato dalle registrazioni degli studenti Fig. 10 Processi di audio editing Consideriamo in dettaglio le operazioni di base: a) una volta avviato il programma e aperto il nuovo progetto (> nuovo progetto), si decide il numero di tracce su cui lavorare (> scegli numero di tracce) 17, per esempio, due: una relativa al file originale e l altra al piano di lavoro. 16 Un operazione ulteriore potrebbe essere quella del doppiaggio di una sequenza video. Gli orizzonti, in questo modo, si aprono ulteriormente: più l insegnante è padrone del programma, più i risultati e le idee si moltiplicano. 17 Va detto per inciso che il numero delle tracce è potenzialmente infinito: l insegnante oltre a stabilirne la durata, ne decide la quantità complessiva in base al numero di frammenti di file che vuole utilizzare o scartare. 19

20 b) Per default, il comando di registrazione della traccia, evidenziato dal tasto rec rosso, sceglie l ingresso della scheda audio; si modificherà la selezione in base al tipo di input (microfono esterno, modem, ecc.). Se l importazione dell audio viene effettuata da CD, si aprirà il CD e si selezionerà la traccia specifica ( > importa audio > carica tracce CD); operazione analoga, se si importa il file dal disco fisso. Lanciato il comando, dopo un certo tempo di caricamento, appare a video la forma d onda dell audio. c) Si procede quindi a spezzettare la traccia originaria (> edita oggetti > suddividi oggetti; oppure direttamente dal menu contestuale > suddividi oggetti). Ad ogni posizionamento del puntatore del mouse sull oggetto, il programma indica il comando disponibile e i tasti funzione. La traccia 2 (quella inferiore) costituisce il piano provvisorio di lavoro: in essa si potranno trascinare i frammenti di file da eliminare (taglio) o da mescolare (incastro), come appare nella fig. 11. Fig. 11 La suddivisione di una traccia sonora (Magix Audio Studio 2004) d) Da ultimo, si salva il progetto assegnandogli un nome di riferimento. Ai fini della masterizzazione (che lo stesso programma consente, anche in formato 20

21 Mp3) è necessario procedere a fissare le tracce (attraverso il marker traccia ) e a creare un mix di un unico file (mediante l operazione di bouncing tracce ) Video editing Nel video jigsaw gli studenti sono chiamati a ricomporre l ordine delle unità in cui l insegnante ha spezzato la sequenza di un filmato 18. Il video editing permette tra l altro di inserire nelle microsequenze catturate titoli, sottotitoli, effetti di transizione e musiche: operazioni funzionali all elaborazione di trailer. Si possono realizzare anche attività di doppiaggio (a partire da sequenze in cui gli scambi tra i personaggi sono contenuti, in modo da permettere agli studenti di registrare agevolmente le battute in corrispondenza alle varie inquadrature). Infine, per motivare la classe alla visione di un film, si possono catturare i fotogrammi e quindi attivare strategie di elicitazione e previsione 19, così come è possibile estrarre l audio da un DVD (mediante un software apposito, gratuito, DVD Decrypter) e gestire processi di editing parallelo: audio e video. Il processo di montaggio può riferirsi a video prodotti dall insegnante oppure a sequenze estratte da DVD. Quest ultimo è il caso più complesso, poiché, se si vuole lavorare con prodotti freeware, si è costretti a ricorrere a più applicativi per catturare (ripping) e decrittare la sequenza di un filmato (per indicazioni tecniche, cf. Torresan, Barbicinti 2007). Ad ogni modo, una volta acquisita, la sequenza è manipolabile con vari software. Quanti hanno già installato nel PC il sistema operativo XP, dispongono di un applicativo, WINDOWS MOVIE MAKER (Start > Programmi > Accessori), le cui funzionalità 18 Rostagno (1999) suggerisce di suddividere una sequenza in cinque microsequenze (della lunghezza di dieci-venti secondi ciascuna): la prima è trasmessa con l audio (affinché gli studenti abbiano un contesto che orienti la comprensione), le altre quattro vengono presentate invece senza audio e in un ordine che non rispetta l originale. Dopo che ogni studente si è consultato con un compagno circa l ordine ipotetico delle microsequenze, l insegnante consegna il testo dei dialoghi, e da ultimo, proietta l intera sequenza, dimodoché ciascuno possa verificare l esattezza delle proprie previsioni. 19 Jobst (1999), per esempio, propone un intrigante attività per una classe di livello medio-progredito. Una volta catturati venti fotogrammi da una sequenza, metà dei quali si riferiscono ad oggetti, la restante metà a personaggi (il numero dei fotogrammi può essere ridotto, naturalmente, se la competenza linguistica degli allievi lo impone, o se la sequenza non è ricca di dettagli), l insegnante divide la classe a coppie. Gli studenti A vengono esposti alla visione dei fotogrammi relativi agli oggetti, mentre gli studenti B assistono alla proiezione dei fotogrammi relativi ai personaggi. La visione viene ripetuta almeno una seconda volta, in modo che ciascuno, su un foglio, possa registrare con calma gli elementi presentati. Le coppie di partenza vengono quindi ricomposte: lo studente A e lo studente B devono inventare un racconto, in cui sono presenti oggetti e personaggi, rispettando l ordine in cui appaiono (personaggio 1 + oggetto 1 + personaggio 2 + oggetto 2, ecc.). Da ultimo, A e B confrontano la storia prodotta con la sequenza originale. 21

HOT POTATOES MANUALE

HOT POTATOES MANUALE HOT POTATOES MANUALE Sommario Cos è Hot Potatoes... 3 Reperibilità... 3 Licenza. 3 Requisiti di sistema.. 3 Lingue utilizzate.. 3 Il quaderno... 4 documentazione. 4 Dove trovare e come scaricare il software.

Dettagli

Associazione per lo sviluppo delle tecnologie nella didattica HOTPOTATOES. version 6.3. Tutorial a cura di Rosanna Imbrogno Marzo 2011

Associazione per lo sviluppo delle tecnologie nella didattica HOTPOTATOES. version 6.3. Tutorial a cura di Rosanna Imbrogno Marzo 2011 HOTPOTATOES version 6.3 Tutorial a cura di Rosanna Imbrogno Marzo 2011 I contenuti di questo lavoro, salvo diversa indicazione, sono rilasciati sotto una licenza Creative Commons License. Tutti i marchi

Dettagli

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09 Piattaforma e-learning Moodle Manuale ad uso dello studente Vers. 1 Luglio 09 Sommario 1. Introduzione...2 1.1 L ambiente...2 1.2 Requisiti di sistema...4 2. Come accedere alla piattaforma...4 2.1 Cosa

Dettagli

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9 Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it Moodle-manuale manuale per il docente Generazione Web 2013-14 - G9 Come utilizzare Moodle La versatilità di Moodle consente la totale personalizzazione dell interfaccia,

Dettagli

Mariella Proietta. Introduzione

Mariella Proietta. Introduzione Mariella Proietta maripro@yahoo.it Joomla per una scuola secondaria superiore: una piattaforma per integrare l insegnamento della lingua straniera e migliorare la professionalità docente Introduzione L

Dettagli

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione CURIOSANDO NELL INGLESE Anno scolastico 2014/2015 Tipo di intervento: Laboratori pomeridiani Destinatari del progetto: Alunni classi prime scuola primaria Progetto per l insegnamento della lingua inglese

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

Informatica. Classe Prima

Informatica. Classe Prima Informatica Classe Prima Obiettivo formativo Conoscenze Abilità Conoscere e utilizzare il computer per semplici attività didattiche Conoscere i componenti principali del computer. o Distinguere le parti

Dettagli

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti

Guida rapida all uso di Moodle per i docenti Guida rapida all uso di Moodle per i docenti L intento di questa guida rapida è mostrare, in poche pagine, come diventare operativi in breve tempo con Moodle e riuscire a popolare il proprio corso con

Dettagli

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE Università degli Studi di Bergamo Centro per le Tecnologie Didattiche e la Comunicazione GUIDA ANALITICA PER ARGOMENTI ACCESSO...2 RISORSE e ATTIVITA - Introduzione...5

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD FORMAZIONE INTERNA: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l organizzazione di laboratori formativi (senza essere necessariamente

Dettagli

Indice. Prefazione...pag. 5. Introduzione...pag. 6. Quadro sinottico...pag. 11. Attività. I ciclo (5-8 anni)...pag. 15

Indice. Prefazione...pag. 5. Introduzione...pag. 6. Quadro sinottico...pag. 11. Attività. I ciclo (5-8 anni)...pag. 15 Indice Prefazione.......pag. 5 Introduzione.....pag. 6 Quadro sinottico....pag. 11 Attività I ciclo (5-8 anni).....pag. 15 Tutte le età (5-11 anni)....pag. 63 II ciclo (8-11 anni).....pag. 101 Bibliografia.....pag.

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

MODULO DOMANDE INDICE

MODULO DOMANDE INDICE INDICE INDICE... 2 IL PROGRAMMA... 3 LA VIDEATA PRINCIPALE... 4 IL MENU FILE... 7 Esportare i file... 9 LA FINESTRA DELLA RISPOSTA... 11 TUTTI I MODI PER INSERIRE IL TESTO... 11 I Collegamenti... 12 MODELLI

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE SOSTEGNO Tirocinio indiretto TIC

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE SOSTEGNO Tirocinio indiretto TIC CORSO DI SPECIALIZZAZIONE SOSTEGNO Tirocinio indiretto TIC SOFTWARE DIDATTICI POPPLET MIND MAPLE LITE HOT POTATOES (JCROSS JMIX) COSTRUIRE MAPPE Gli strumenti che consentono di rappresentare graficamente

Dettagli

Unità d apprendimento per CAD: un esempio

Unità d apprendimento per CAD: un esempio Unità d apprendimento per CAD: un esempio Unità Didattica: La fiaba Riccioli d oro e i 3 orsi BARBARA D ANNUNZIO SCIENZE DELLA FORMAZIONE PADOVA Unità Didattica: La fiaba Riccioli d oro e i 3 orsi Fase

Dettagli

PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA SU E GIÚ... CON CHIP Anno scolastico 2008-09 PREMESSA...Il bambino si confronta con i nuovi media e con i nuovi linguaggi della comunicazione,

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

Tutorial HotPotatoes N 1

Tutorial HotPotatoes N 1 Tutorial HotPotatoes N 1 Il software: HotPotatoes Scaricare ed installare HotPotatoes HotPotatoes è un semplice programma creato per realizzare semplici test distribuibili anche nel Web: 1. Questionari

Dettagli

General english cartoon based Corso online curriculare di lingua inglese

General english cartoon based Corso online curriculare di lingua inglese General english cartoon based Corso online curriculare di lingua inglese Overview Corso multimediale pensato per utenti che, indipendentemente dal livello iniziale di padronanza della lingua, vogliano

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI PER COMINCIARE

DOMANDE FREQUENTI PER COMINCIARE DOMANDE FREQUENTI In queste pagine potete trovare un elenco di domande e dubbi che riguardano www.i-d-e-e.it. Per qualsiasi altra informazione, non esitate a contattarci via mail all indirizzo info@i-d-e-e.it.

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica Descrizione dell unità Titolo English with Seurat Autore Francesca Panzica Tematica Come motivare i ragazzi all apprendimento della lingua straniera rendendoli protagonisti attivi del proprio apprendimento

Dettagli

INDICE MODLO DOMANDE. epico! è distribuito nelle seguenti versioni:

INDICE MODLO DOMANDE. epico! è distribuito nelle seguenti versioni: INDICE Il programma... 3 La videata principale... 4 Il menu File... 7 º Esportare i file... 10 La finestra della Risposta... 12 º Tutti i modi per inserire il testo... 13 º I Collegamenti... 13 Modelli

Dettagli

L ALBUM DI PINNACLE. 1. Raccogliere in una o più cartelle le foto. e.g. 2. Aprire PINNACLE quindi file>>nuovo progetto

L ALBUM DI PINNACLE. 1. Raccogliere in una o più cartelle le foto. e.g. 2. Aprire PINNACLE quindi file>>nuovo progetto L ALBUM DI PINNACLE 1. Raccogliere in una o più cartelle le foto. 2. Aprire PINNACLE quindi file>>nuovo progetto 3. Aprire menù IMPOSTAZIONI e scegliere editing; si apre la finestra 4. Regolare i tempi

Dettagli

Le principali novità di Windows XP

Le principali novità di Windows XP Le principali novità di Windows XP di Gemma Francone supporto tecnico di Mario Rinina La nuova versione di Windows XP presenta diverse nuove funzioni, mentre altre costituiscono un evoluzione di quelle

Dettagli

SOFTWARE PER MAPPE MENTALI E CONCETTUALI: UN AIUTO NELLO STUDIO (materiali) (a cura di Giovanna Lami)

SOFTWARE PER MAPPE MENTALI E CONCETTUALI: UN AIUTO NELLO STUDIO (materiali) (a cura di Giovanna Lami) SOFTWARE PER MAPPE MENTALI E CONCETTUALI: UN AIUTO NELLO STUDIO (materiali) (a cura di Giovanna Lami) L individuazione di strumenti facilitanti l apprendimento e l autonomia nello studio è obiettivo fondamentale

Dettagli

La piattaforma MOODLE. Le risorse e le attività di un corso

La piattaforma MOODLE. Le risorse e le attività di un corso La piattaforma MOODLE Le risorse e le attività di un corso Università di Brescia 9/10 aprile 2013 Per iniziare Le sezioni Formato Settimanale vs. per Argomenti Numero di sezioni di un corso, visibilità

Dettagli

PROGETTO CLASSI PRIME. Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO.

PROGETTO CLASSI PRIME. Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO. PROGETTO CLASSI PRIME Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO. PREMESSA Per agevolare l inserimento nella scuola Primaria dei bambini provenienti da diverse scuole

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning.

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Manuale sintetico Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Moodle fornisce un supporto all attività didattica attraverso una serie di strumenti molto ampia

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA PRIMARIA Fine classe terza Fine classe quinta COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Anno Accademico 2004/2005 Facoltà di Scienze della Comunicazione Corso di Laurea in Comunicazione artistica e multimediale Corso di informatica prof.

Anno Accademico 2004/2005 Facoltà di Scienze della Comunicazione Corso di Laurea in Comunicazione artistica e multimediale Corso di informatica prof. Anno Accademico 2004/2005 Facoltà di Scienze della Comunicazione Corso di Laurea in Comunicazione artistica e multimediale Corso di informatica prof. Eugeni Gruppo di laboratorio prof. Manuppella realizzato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

Google Drive i tuoi file sempre con te

Google Drive i tuoi file sempre con te IMMAGINE TRATTA DALL'EBOOK "GOOGLE DRIVE E LA DIDATTICA" DI A. PATASSINI ICT Rete Lecco Generazione Web Progetto Faro Google Drive Che cos è? Nato nel 2012 Drive è il web storage di Google, un spazio virtuale

Dettagli

PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA. Classi 1, 2, 3, 4, 5

PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA. Classi 1, 2, 3, 4, 5 VI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA BRUNO CIARI PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA Classi 1, 2, 3, 4, 5 SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE DI TECNOLOGIA \ INFORMATICA Classe 1 OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO:

PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO: Anno scolastico 2012/2013 SCUOLA PRIMARIA Classi: terze, quarte e quinte. PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO: PREMESSA Le insegnanti delle classi terze, quarte e quinte propongono il seguente progetto di

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale ASCOLTO E PARLATO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri. Usa la comunicazione orale per collaborare

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER

PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER PROGRAMMA FORMATIVO: ARCHITETTURA DEI COMPUTERS, PERIFERICHE, SOFTWARE APPLICATIVO, SISTEMI OPERATIVI, INTERNET E SERVIZI, WEB, RETI DI COMPUTER Architettura dei calcolatori (hardware e software base )

Dettagli

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Istituto Comprensivo di Chiari Classe 1 A Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: Ragazzi nella rete Socialità cognitiva. Descrizione del bisogno: Condividere lo

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

CLAROLINE. Manuale d'uso. Area Docenti

CLAROLINE. Manuale d'uso. Area Docenti CLAROLINE Manuale d'uso Area Docenti ELEARNING SYSTEM 2 Introduzione Claroline è un sistema Web di gestione di percorsi formativi a distanza. Permette a docenti, relatori, ecc. di generare ed amministrare

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

REALIZZIAMO UN FILMATO A PARTIRE DALLE NOSTRE

REALIZZIAMO UN FILMATO A PARTIRE DALLE NOSTRE REALIZZIAMO UN FILMATO A PARTIRE DALLE NOSTRE FOTOGRAFIE CON EFFETTI SPECIALI E COLONNA SONORA Uno dei migliori programmi per raggiungere l obiettivo è gratuito ed è presente in WINDOWS XP: si tratta di

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

ELEMENTI DI GLOTTODIDATTICA E UNITÀ DI APPRENDIMENTO

ELEMENTI DI GLOTTODIDATTICA E UNITÀ DI APPRENDIMENTO GIORNATA DI FORMAZIONE SULL INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO DELL ITALIANO L2 PER MIGRANTI ELEMENTI DI GLOTTODIDATTICA E UNITÀ DI APPRENDIMENTO Bolzano, sabato 17 novembre 2012 - L. Di Lucca Riflettete secondo

Dettagli

CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DEL DOCENTE

CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DEL DOCENTE CLAROLINE DIDATTICA ONLINE MANUALE DEL DOCENTE Sommario 1. Introduzione... 3 2. Registrazione... 3 3. Accesso alla piattaforma (login)... 4 4. Uscita dalla piattaforma (logout)... 5 5. Creazione di un

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE Istituto Comprensivo di Calderara di Reno Scuola Secondaria di Primo Grado Due Risorgimenti PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2014/2015 ITALIANO CLASSE PRIMA COMPETENZE CONTENUTI LETTURA Conoscere le strategie

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Faes Roberto Disciplina: Musica Classe: 1ª B 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo 5 B- Discreto / Buono 8 C Sufficiente

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

Tecniche didattiche per l insegnamento dell italiano

Tecniche didattiche per l insegnamento dell italiano Tecniche didattiche per l insegnamento dell italiano PICAI 2012-13 Materna, 1a, 2a, 3a, 4a elementare Laura Pirastru Responsabile Rosaria Monaco 1 La glottodidattica Approccio : filosofia di fondo di un

Dettagli

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche

Italiano Lingua Seconda. A s c o l t o. Verifica (Indicatori) Abilità Capacità Conoscenze Competenze parziali e indicazioni didatticometodologiche Italiano Lingua Seconda Competenze al termine del 1 biennio L alunna, l alunno è in grado di comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in lingua standard, anche trasmesso attraverso canali

Dettagli

Benvenuti a My Digital Book di Treetops Plus!

Benvenuti a My Digital Book di Treetops Plus! Benvenuti a My Digital Book di Treetops Plus! Introduzione Oggi gli insegnanti si trovano davanti alla sfida di introdurre nella classe l intera gamma di risorse offerte dalle nuove tecnologie allo scopo

Dettagli

CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM - TURISTICO DESCRIZIONE Unità di Apprendimento. Competenze attese a livello di UdA

CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM - TURISTICO DESCRIZIONE Unità di Apprendimento. Competenze attese a livello di UdA MATERIA INFORMATICA CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM - TURISTICO DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: IL COMPUTER: CONCETTI DI BASE - Saper far funzionare correttamente il computer - Sapersi muovere

Dettagli

A SCUOLA CON LA LIM 1

A SCUOLA CON LA LIM 1 A SCUOLA CON LA LIM 1 A cura dell'insegnante LUCIA STIRPE Istituto Comprensivo San Cesareo mag 13 19:01 1 Cos'è una LIM? LIM è l'acronimo di Lavagna Interattiva Multimediale. E' un dispositivo elettronico

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows

CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014. Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO DI INFORMATICA DI BASE - 1 e 2 Ciclo 2013-2014 Programma del Corso Sistemi Microsoft Windows CORSO BASE DI INFORMATICA Il corso di base è indicato per i principianti e per gli autodidatti che vogliono

Dettagli

Capitolo 2. Esplorare l interfaccia tra uomo e computer

Capitolo 2. Esplorare l interfaccia tra uomo e computer Capitolo 2 Esplorare l interfaccia tra uomo e computer Imparare la tecnologia Gli esseri umani non hanno abilità tecnologiche innate La nostra precedente esperienza nell uso di dispositivi simili, incluse

Dettagli

Guida Ariel Studenti

Guida Ariel Studenti TECNOLOGIE E LA DIDATTICA UNIVERSITARIA MULTIMEDIALE E A DISTANZA Guida Ariel Studenti La logica della piattaforma e i suoi strumenti Anno Accademico 2013/2014 CTU -CENTRO DI SERVIZIO PER LE Struttura

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK Le mappe concettuali sono strumenti per l organizzazione delle informazioni in modo da favorire ad un livello profondo

Dettagli

GUIDA ALL USO DI CMAP TOOLS

GUIDA ALL USO DI CMAP TOOLS Cos è IHM Concept Map Software GUIDA ALL USO DI CMAP TOOLS È un programma multipiattaforma per sviluppare e visualizzare mappe concettuali realizzato dall Institute for Human and Machine Cognition dell

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Traguardi per lo sviluppo delle competenze 1.Partecipa a scambi comunicativi con compagni ed insegnanti, formulando messaggi chiari e pertinenti Obiettivi

Dettagli

didattica da laboratorio

didattica da laboratorio didattica da laboratorio LABORATORIO LINGUISTICO MULTIMEDIALE IDM Premium IDM PREMIUM è una rete didattica multimediale hardware ideata per rendere l insegnamento in laboratorio sempre più dinamico ed

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI 1 ORIZZONTE DI RIFERIMENTO EUROPEO: COMPETENZA DIGITALE PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE:

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

Manuale Piattaforma Didattica

Manuale Piattaforma Didattica Manuale Piattaforma Didattica Ver. 1.2 Sommario Introduzione... 1 Accesso alla piattaforma... 1 Il profilo personale... 3 Struttura dei singoli insegnamenti... 4 I Forum... 5 I Messaggi... 7 I contenuti

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca

della scuola secondaria di primo grado Non ci sono venti favorevoli per chi non sa dove andare Seneca Istituto Comprensivo di Mozzate Viale Libertà, 3 22076 Mozzate (CO) tel. 0331 831491- fax 0331 262484 codice meccanografico COIC83400P c.f. 80017540131 email: COIC83400P@istruzione.it - info@comprensivomozzate.it

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA Mod. g 2 b - Unità di apprendimento CLASSE: 5^ A TITOLO: Appunti di viaggio: ricordi e racconti delle esperienze della classe Quinta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E D I P A R T I M E N T O D I L I N G U E S T R A N I E R E L apprendimento di due lingue comunitarie permette

Dettagli

Virtual meeting istruzioni per l uso v 1.0 del 10 aprile 2012 - by LucioTS

Virtual meeting istruzioni per l uso v 1.0 del 10 aprile 2012 - by LucioTS Qui di seguito le istruzioni per partecipare ai virtual meeting 3rotaie. Il software (ad uso gratuito per scopi non commerciali) scelto è TeamViewer (scaricabile da http://www.teamviewer.com) che la momento

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA 1 INS. BORTOLATO GIUSEPPINA CLASSE E7 RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA Il progetto LA STORIA OLTRE LA STORIA è stato realizzato per far comprendere al bambino, che quando, ci sono modifiche

Dettagli

Direzione Didattica di Fucecchio A. S. 2010/11. Plesso G.Carducci

Direzione Didattica di Fucecchio A. S. 2010/11. Plesso G.Carducci Direzione Didattica di Fucecchio A. S. 2010/11 Plesso G.Carducci 1 PREMESSA Prosegue anche quest anno l esperienza legata al Progetto Ministeriale Tecnocrea-Innovascuola del Dipartimento per l Innovazione

Dettagli

Realizzare una presentazione con PowerPoint

Realizzare una presentazione con PowerPoint Realizzare una presentazione con PowerPoint Indice Interfaccia di PowerPoint... 1 Avvio di PowerPoint e creazione di una nuova presentazione... 2 Inserimento di titoli e immagini... 4 Inserimento di altre

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

Da cosa è composto un sistema LIM

Da cosa è composto un sistema LIM Hardware Da cosa è composto un sistema LIM Software Computer Collegamento di rete Locale Internet Hardware Proiettore Telecomando Schermo touch Penne touch Angolatura Allineamento allo schermo Orientamento

Dettagli

Sommario. Davide Casella 1 FMSMEETING 2

Sommario. Davide Casella 1 FMSMEETING 2 Guida all utilizzo di FMSmeeting Sommario FMSMEETING 2 BARRA DELLA IMPOSTAZIONI 3 WHITEBOARD / PRESENTATION BOARD 4 AREE VIDEO 7 CHAT BOARD 7 PEOPLE LIST 8 AREA ZOOM 8 F.A.Q.: PROBLEMI ALL UTILIZZO DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: LINGUE STRANIERE DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 INDICE 1 Strumenti di Presentazione... 4 2 Concetti generali di PowerPoint... 5 2.1 APRIRE POWERPOINT... 5 2.2 SELEZIONE DEL LAYOUT... 6 2.3 SALVARE LA PRESENTAZIONE...

Dettagli

Relazione finale Progetto: La Lavagna Interattiva multimediale (LIM) nella pratica didattica

Relazione finale Progetto: La Lavagna Interattiva multimediale (LIM) nella pratica didattica Relazione finale Progetto: La Lavagna Interattiva multimediale (LIM) nella pratica didattica Il progetto nasce dall idea di sperimentare le potenzialità della Lavagna Interattiva Multimediale nella pratica

Dettagli