L.R. n. 18/2005 SERVIZIO CIVILE REGIONALE VOLONTARIO BANDO ANNO 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L.R. n. 18/2005 SERVIZIO CIVILE REGIONALE VOLONTARIO BANDO ANNO 2014"

Transcript

1 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/35 L.R. n. 18/2005 SERVIZIO CIVILE REGIONALE VOLONTARIO BANDO ANNO 2014 SOGGETTO PROPONENTE: Comune di Bassano del Grappa

2 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 2/35 1) TITOLO DEL PROGETTO: EduCARE SOGGETTO PROPONENTE (Ente o Associazione): COMUNE DI BASSANO DEL GRAPPA Indirizzo: VIA MATTEOTTI, 39 Cap: Comune: BASSANO DEL GRAPPA Prov. VICENZA Indirizzo: VIA MATTEOTTI, 39 Telefono: Fax: Sito web: Codice fiscale - P.IVA: Struttura competente progetto (per gli Enti): AREA II Servizi alla Persona Cognome e nome del responsabile del procedimento (per gli Enti): dott. ssa Annalisa Canesso Telefono: 0424/ Cognome e nome del legale rappresentante dell'ente/associazione: Sindaco Prof. Riccardo Poletto Indirizzo: VIA MATTEOTTI, BASSANO DEL GRAPPA (VI) Telefono: Codice di accreditamento UNSC: NZ00358

3 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 3/35 2) ENTI ASSOCIATI *allegare documentazione comprovante quanto dichiarato (accordi di partenariato, lettera d intenti, etc.) ***Se enti non accreditati al Servizio Civile Nazionale allegare documentazione comprovante: a) attività da almeno 2 anni b) assenza scopo di lucro c) corrispondenza tra le proprie finalità istituzionali e quelle del servizio civile regionale d) capacità organizzativa e d impiego dei giovani del servizio civile regionale LETTERA D INTENTI n. DENOMINAZIONE ENTE ENTE ACCREDITATO AL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE (SI/NO) 1 Doposcuola 118 compiti NO 2 Doposcuola Dire & Fare NO 3 Coordinamento Volontari A.I.B. e Protezione Civile NO Brenta Monte Grappa 4 Cooperativa Sociale Adelante Onlus SI 5 Associazione Casa a colori onlus per Doposcuola NO ExtraChe? 6 Doposcuola San Vito NO 7 Associazione I.E.S.S. NO 8 Associazione Italiana Soccorritori Onlus NO Sezione di Bassano del Grappa (VI) 9 Fondazione Pirani Cremona NO 3) DESCRIZIONE DEL PROGETTO

4 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 4/35 Data inizio 01/01/2015 Data fine 31/12/2015 Durata 12 mesi Ambito progettuale: ASSISTENZA E SERVIZIO SOCIALE VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO, ARTISTICO E AMBIENTALE PROMOZIONE ED ORGANIZZAZIONE DI ATTIVITA EDUCATIVE E CULTURALI x DELL ECONOMIA SOLIDALE DI PROTEZIONE CIVILE Descrizione del contesto territoriale e/o settoriale entro il quale si realizza il progetto con riferimento a situazioni definite, rappresentate mediante indicatori misurabili: La situazione demografica del Comune di Bassano del Grappa è la seguente: Tab. 2 -Popolazione residente al 31/12/2013 per sesso e classi d età Classi d'età Maschi Femmine Totale da 0 a da 7 a da 15 a da 30 a oltre Totale Il territorio del Comune di Bassano del Grappa è per la maggior parte pianeggiante e, rispetto agli altri comuni afferenti all Azienda ULSS n. 3, registra una forte densità di abitanti. La popolazione totale al 31 dicembre 2013 era composta da n unità di cui stranieri n unità; rispetto alla popolazione totale i minori sono n unità. Pur registrando una forte contrazione economica, permane un ricco sistema di offerte in ambito socio-culturale, appannaggio di un sistema di mercato dinamico, capace di modulare le proposte nel rispetto di quelli che sono gli interessi dell universo giovanile. Anche il fenomeno immigratorio diventa un elemento di complessità per l adolescente e giovane straniero, in bilico fra sistemi di valori differenti: quello della famiglia di origine e quello di un nuovo sistema culturale. In questo scenario il fenomeno della migrazione minorile e/o giovanile deviante, che in questi ultimi anni è in continua crescita, continua a dividere la città tra richiesta maternalista di tutela e richiesta paternalistica di intervento della forza dell ordine.

5 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 5/35 In particolare, le conseguenze di percorsi socio-familiari difficili e/o fallimentari da parte dei preadolescenti e adolescenti stranieri si traducono in comportamenti e/o atteggiamenti sintomatici di un disagio più o meno manifesto. Anche da questo punto di vista, il portato di diversità culturale - seppure, per altri versi, rappresenti una ricchezza - si traduce in una sorta di handicap (in rapporto ai livelli di performance imposti dal contesto ospite) che caratterizza in modo specifico i minori immigrati (rispetto ad altre categorie di soggetti). Questi problemi, identificabili come "rischi" per l'intera realtà adolescenziale e giovanile quali che siano le condizioni economiche, geografiche, socio-culturali del singolo, assumono rilevanza e drammaticità educative ancora maggiori per i giovani collocati in territori "a rischio" sociale e culturale. In tali territori per la maggior parte dei giovani il rischio assume le dimensioni della certezza: il secondo tempo diventa luogo di ribadimento di una situazione di marginalizzazione già spesso costruita nei tempi scolastici e/o lavorativi, diventa terreno fertile per il sorgere di fenomeni gravi di subalternità o anche di devianza. Non mancano tuttavia espressioni di disagio giovanile che spesso sono ascrivibile a situazioni familiari difficili dal punto di vista economico, sociale e relazionale che richiedono l individuazione di nuove strategie al fine di mettere in rete risorse e azioni sempre più diversificate e mirate alla costruzione di progetti rispondenti alle caratteristiche individuali degli adolescenti e giovani. Tale tendenza comporta un uso strumentale, da parte dei giovani, del tempo libero, creando, a volte, sperequazioni anche rispetto all accesso. Così facendo, il tempo libero è destinato a restare schiavo delle differenze di estrazione socioculturale, di posizione economico-professionale; un tempo libero terreno di conquista incontrollata da parte delle mode e dei dis-valori consumistici. L unica possibilità di contrastare questo scenario risiede nella scelta di un presenza del pubblico come volontà e capacità di promozione, coordinamento, integrazione di tutte le risorse in campo. Si registra una bassa scolarizzazione dei giovani, interessati ad entrare rapidamente nel mondo del lavoro per rispondere alle esigenze sociali di immagine (vestiti griffati, macchina, cellulare, facili divertimenti ). La partecipazione alla vita associativa vede l'impegno del 50% dei giovani a gruppi informali, a movimenti ed organizzazioni giovanili poco strutturate e flessibili, quasi a rispondere a quella che è una caratteristica tipica delle nuove generazioni, cioè: il nomadismo giovanile. Il quadro di riferimento è pluralistico. Sono preferite le attività auto-orientate (sport, gruppo di amici, gruppo musicale o culturale) piuttosto che quelle etero-orientate (attività politiche, sociali, religiose). Per contrastare alla logica delegante e deresponsabilizzante, l Amministrazione comunale da anni è impegnata nella promozione di politiche partecipative che trovano declinazione operativa all interno di Cantieri Giovani. Questo luogo rappresenta una risorsa strategica per la produzione giovanile, volano di idee ed iniziative, centro in grado di offrire servizi, caratterizzati per una forte dose di sperimentazione. Sul piano gestionale ed operativo, le metodologie privilegiate saranno quelle del peer to peer: i giovani destinatari dell iniziativa potranno mettersi in gioco per trasferire all interno di appositi spazi competenze ed abilità acquisite, utilizzando linguaggi e strumenti comunicativi propri, con adeguate supervisioni in modo da creare risorse umane formate che, in prospettiva, potranno rendersi gradatamente autonome nella gestione di talune iniziative di natura sociale. Tutto ciò per contrastare la tendenza che si registra anche nel nostro territorio legata ad una crisi a livello di partecipazione, nelle sue varie espressioni, alla vita comunitaria da parte dei giovani. Anche a livello nazionale sulla condizione giovanile emerge chiaramente come all associazionismo sportivo è iscritto il 37% dei giovani; ai gruppi parrocchiali è iscritto il 32%, ad associazioni culturali il 20%, al volontariato il 19%, il 18% ad associazioni religiose e a quelle studentesche, alle

6 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 6/35 tifoserie il 13%, ai movimenti politici e agli scout l 11%. Da sottolineare che tali cifre tendono a diminuire con l entrata dei giovani nell età adolescenziale. Parallelamente, nel mondo del volontariato si pone il problema del ricambio e del confronto intergenerazionale rispetto alla cospicua presenza di persone adulte (46-65 anni) e a quella minoritaria dei giovani. Allora non è più differibile la scelta coraggiosa di idee e prospettive che si lancino verso il futuro valorizzando tutte le opportunità atte a sollecitare la partecipazione anche giovanile all interno di esperienze di volontariato. Nel momento in cui la crisi mondiale mette a nudo impietosamente le difficoltà degli ultimi e degli svantaggiati, opacizzando nel contempo le prospettive future dei giovani, sembra assolutamente prioritario ricostruire legami sociali e dare nuovo senso alla comunità. Anche nel nostro territorio così fervido e ricco di volontariato si pone l'esigenza di dare maggior vigore ed incisività all'operato delle associazioni facendo network e creando spazio di confronto e ascolto reciproco, di informazione alla cittadinanza, di messaggio continuo e aggiornato sulle buone pratiche che costituiscono occasione spesso ignorata di accompagnamento, sostegno, partecipazione, vicinanza solidale dove i giovani possono trovare spazio di espressione del proprio impegno sociale. Il progetto EduCARE è rivolto specificatamente ai giovani dagli 11 ai 19 anni, considerati come i beneficiari diretti delle attività. Fenomeni come l esplosione interculturale, la crescente defuturizzazione del mondo giovanile, la disgregazione dei tradizionali assetti della famiglia, l emersione di nuove povertà chiedono un azione di animazione del tessuto sociale (associazioni varie, scuola, parrocchia, gruppi giovani e singoli, genitori, ) capace di far convergere l impegno delle varie agenzie educative attorno ad un unico obiettivo: la promozione del benessere dei minori e dei giovani. Da qui l impegno del Comune nel coordinare le varie realtà presenti nel territorio al fine di disporre di una efficace rete di opportunità, interventi, azioni e risorse, che tuttavia, va ampliata e consolidata. Ecco perché, nello scegliere gli ambiti progettuali, abbiamo ritenuto importante investire nell ambito della promozione ed organizzazione di attività educative e culturali senza, con ciò, dimenticare di sostenere ed implementare le risorse informali presenti nel contesto bassanese. Alcuni dati riferiti al disagio minorile Le politiche assistenziali e di promozione alla salute riferite all area Famiglia, infanzia, adolescenza, minori in condizioni di disagio e giovani sono state realizzate mediante l erogazione di diversi interventi attivati grazie alla stretta interconnessione tra i servizi pubblici (Comune, Azienda Ulss, Scuola) e del terzo settore (cooperative sociali, associazioni di volontariato, fondazioni, ecc.). Le collaborazioni adottate nei vari ambiti dell area tra l ente pubblico ed il volontariato, sia organizzato che non, ha portato alla continuità di diverse iniziative finalizzate al sostegno dei minori in difficoltà. In quest area, inoltre, va data rilevanza alla collaborazione con le Organizzazioni no profit operanti nel territorio per la condivisione di diversi obiettivi e la realizzazione di progetti specifici: attività dello spazio-neutro, educativa domiciliare, progetti di mantenimento e recupero della famiglia d origine, la sperimentazione di affiancamenti solidali per situazioni di fragilità genitoriale, ecc. Le attività del Centro per l affidamento e la solidarietà familiare (CASF) dell Azienda ULSS n. 3, finalizzate al sostegno e alla protezione della genitorialità, registrano nel 2013 complessivamente n. 67 bambini in affido. Oltre a questa tipologia di affido si aggiunge quella dei cosiddetti

7 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 7/35 affiancamenti familiari, cioè di bambini inseriti temporaneamente in famiglie solidali disponibili e supportate dal lavoro di rete dei servizi interni aziendali ULSS (CASF - Servizio di Protezione e Tutela del Minore U.O. Psichiatria Territoriale - U.O. Disabilità, ecc.). Gli affiancamenti solidali sono partiti in via sperimentale nel 2010 e nel 2013, con n. 7 bambini inseriti in altrettante famiglie solidali, diventano una modalità ordinaria di intervento che il CASF utilizza per rispondere in modo flessibile alle complesse situazioni familiari rilevate nel territorio. Nell ambito delle politiche di protezione, cura e tutela dei minori in condizioni di disagio e di sostegno della famiglia di origine, il Servizio Protezione e Tutela Minori dell Azienda ULSS n. 3 nel corso del 2013 ha preso in carico un numero di minori pari n. 187, a cui si aggiunge quello dei neo maggiorenni (n. 30). Il numero di soli minori presi in carico è nettamente inferiore a quello registrato nel 2010 e nel 2011 (n. 240). La riduzione è dovuta a tre fattori: il primo riguarda la chiusura di tutti fascicoli riguardanti situazioni rimaste impropriamente legate al Servizio, per le quali non era più attivo un provvedimento dell Autorità Giudiziaria ed era venuta a cadere la condizione di rischio o di pregiudizio; il secondo viene ricondotto al tentativo di ridurre la durata degli interventi intensivi e l implementazione estesa e approfondita di strumenti progettuali e lo sviluppo di una cultura operativa più partecipativa; infine, l ultimo è conseguente alla diminuzione delle segnalazioni da parte dei Comuni, effettuate solo per le situazioni molto gravi e deteriorate.

8 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 8/35 Per ciò che concerne il Servizio Sociale del Comune di Bassano del Grappa, al 31 dicembre 2013 i minori in carico erano i seguenti: Totale per genere e classi di eta' 0-3 anni 4-5 anni 6-10 anni anni Totale maschi femmine totale Inoltre, nella tabella seguente vengono riportati i minori in carico al Servizio di Protezione e Tutela al 31 dicembre 2013, divisi per tipologia di maltrattamento e motivo di accesso ai Servizi Sociali. Il Servizio rileva inoltre che il 32% dei minori in carico al servizio sono stranieri (n. 60); viene segnalato anche un discreto numero di minori di nazionalità italiana (almeno una quindicina) con almeno un genitore straniero. Essere bambino o ragazzo straniero continua ad apparire quindi, sempre più, una situazione di rischio, anche se meno, forse, di quanto si potrebbe immaginare. Inoltre, emerge con una certa evidenza la situazione di alcune adolescenti immigrate di seconda generazione, per le quali il conflitto intergenerazionale appare particolarmente dirompente, e la situazione di alcuni adolescenti stranieri a forte rischio di devianza. Rispetto alle classi d età il Servizio di Protezione e Tutela rileva la tendenza a segnalare con molta più frequenza ragazzi o bambini più grandi. Rispetto alla popolazione corrispondente sono almeno 3 volte di più i ragazzi da 14 a 18 anni in carico dal SPTM rispetto ai bambini molto piccoli. Il numero dei ragazzi adolescenti segnalati e in carico pone i servizi preposti nella necessità di dotarsi di strumenti di intervento particolari unitamente ad una riflessione che deve interessare tutto il sistema dei servizi territoriali. Sempre per quanto riguarda le politiche di protezione, cura e tutela dei minori in condizioni di disagio e di sostegno della famiglia di origine, il servizio di educativa domiciliare/territoriale, nel 2013, nonostante la congiuntura economica e le conseguenze sociali che comporta, mantiene un importanza strategica all interno del panorama dei servizi alle famiglie e ai ragazzi che si trovano a vivere un momento di difficoltà. Alla base delle motivazioni dell inserimento, gli aspetti riguardanti le difficoltà relative alla famiglia ed alle relazioni familiari sovrastano le problematiche riguardanti il bambino o il ragazzo. Da un analisi dei dati si registra la prevalenza di problemi nella dimensione relazionale all interno della famiglia: la scarsa capacità di svolgere una propria funzione genitoriale (13%); l esistenza di problemi sanitari e di patologie nella salute dei genitori, come possono essere problemi psichiatrici, situazioni di dipendenza da sostanze (13%); la persistenza di problemi relazionali all interno della famiglia e soprattutto tra i genitori (11%), per arrivare poi anche a condotte esplicite e drammatiche di abbandono, maltrattamento e violenza sessuale. Ciò porta in primo luogo due ordini di questioni tra loro strettamente collegate: la conferma della centralità delle relazioni familiari come causa prevalente dell allontanamento del bambino e quindi l importanza del lavoro sociale con la famiglia d origine per evitare questo tipo d intervento sociale. Un altra considerazione è riferita alle motivazioni riguardanti direttamente le problematiche dei bambini e dei ragazzi inseriti, peraltro non indipendenti dalle problematiche relazionali della famiglia, che raggiungono la quota del 9%: soprattutto problemi comportamentali, disturbi psichiatrici e problemi sanitari. Nel 2013, i minori coinvolti in questo tipo di intervento sono stati in tutto n. 11.

9 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 9/35 Tabella 6: minori in carico al Comune di Bassano del Grappa per tipologia di intervento. Anni Tipologia inserimento conclus minori conclusi minori i minori conclusi minori conclusi Affido Comunità residenziale Comunità diurna Educativa domiciliare Totale Il dato relativo ai casi conclusi è riferito a situazioni di affido diurno non più prorogato, proprio perché si è registrato il superamento della situazione di crisi del nucleo familiare. Inoltre, tra i casi conclusi dobbiamo tenere presente le situazioni di quei minori che hanno raggiunto la maggiore età e/o i minori che sono andati in adozione. La diminuzione e/o contenimento numerico dei minori in struttura è dovuto in buona parte all operatività sempre più caratterizzata da interventi preventivi quali, ad esempio, l educativa domiciliare, la comunità diurna, senza con ciò dimenticare il supporto prezioso da parte dei volontari che quotidianamente sostengono alcuni nuclei familiari considerati a rischio. Prezioso è anche il contributo dei volontari di servizio civile che risultano essere una risorsa importante nell aiutare minori nell espletamento dei compiti pomeridiani e/o inserimento dei ragazzini in attività extrascolastiche presenti nel territorio. Da gennaio 2011 ad oggi sono n. 23 i minori seguiti settimanalmente dai volontari di servizio civile. Prezioso è il contributo fornito dal volontariato organizzato, che offre anche un bacino per il reclutamento di persone e famiglie disponibili alla formazione e all impegno concreto nell accompagnamento e supporto di famiglie con minori che vivono situazioni di difficoltà. La ricchezza del tessuto sociale offre, quindi, la disponibilità di varie famiglie, adeguatamente selezionate e formate, in grado di sostenere l accoglienza temporanea di minori sia in modalità diurna (e quindi con funzione di sostegno) che residenziale.

10 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 10/35 Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo chiaro le modalità d impiego delle risorse umane con particolare riferimento al ruolo dei giovani in servizio civile: - Attività laboratoriali a Cantieri Giovani e gestione della Sala prove musicale. Cantieri Giovani è uno spazio aggregativo aperto alla frequentazione giovanile che accoglie al suo interno giovani attirati da diverse offerte (più o meno strutturate). L impianto progettuale prevede la realizzazione di corsi e seminari, volti alla creazione di risorse umane competenti e capaci non solo di condurre autonomamente alcuni laboratori ma anche di giungere a forme di autorganizzazione (es. gruppi di giovani che si costituiscono in associazione). All interno di Cantieri Giovani c è la possibilità di accedere a metaservizi quali: l utilizzo di postazioni informatiche, l accesso di internet, l utilizzo di spazi per gruppi progetto e lavoro, l uso di una sala, la consulenza ed il supporto degli operatori. Il progetto comunale per la creatività giovanile prevede l attivazione di laboratori sui linguaggi artistici ed espressivi contemporanei, per la valorizzazione della creatività giovanile del territorio e con spazi dedicati alla manifestazione concreta delle abilità conseguite. I laboratori programmati nel corso dell anno operativo saranno i seguenti: - Laboratorio sulle arti contemporanee e il design sostenibile; - Laboratorio di fonico; - Laboratorio sulla fotografia; - Laboratorio di cittadinanza attiva. Nella politica del presente progetto dal nome suggestivo, EduCARE, la sala prove mette a disposizione dei metaservizi (banca dati sale prove e locali disposti ad ospitare gruppi musicali, negozi specializzati, corsi di approfondimento, concorsi e rassegne per gruppi musicali a livello provinciale, regionale e nazionale; servizi di consulenza nell organizzazione di concerti, contatti con la stampa, network radiofonici e televisivi, ) che hanno l obiettivo principale di promuovere il protagonismo giovanile. Il canale musicale, costituendo collante del pensiero e del linguaggio giovanile, si propone come grande occasione aggregativa e partecipativa, ma anche volano di azioni capaci di stimolare i giovani nel prendersi cura ed educare altrettanti coetanei su segmenti specifici. Presenza di un volontario di servizio civile. Dopo un periodo di accompagnamento da parte degli operatori, il volontario di servizio civile sarà in grado di utilizzare i metaservizi dello spazio (computer, mac, telecamera, videoregistratore,.) e autogestire gli spazi del centro, accogliere i giovani che frequentano Cantieri Giovani e collaborare con gli educatori e i giovani fruitori nell organizzazione e realizzazione di iniziative a rilevanza giovanile. Inoltre, il volontario potrà occuparsi dell aggiornamento della banca dati relativa agli accessi da parte dei giovani, aggiornamento della mailing list, sistematizzazione e archiviazione del materiale cartaceo e informatico relativo alle varie attività inerenti Cantieri Giovani, aggiornamento dei dati relativi ai locali disposti ad ospitare iniziative dei giovani (es. concerti gruppi musicali, mostre, ). La presenza del volontario di servizio civile potrà garantire un maggior supporto agli educatori nella gestione delle varie attività arrivando anche ad ampliare l orario di accesso del servizio da parte dei giovani stessi. EduCARE in famiglia e nella comunità territoriale. Attraverso la presente azione si intende invitare i giovani fra i 15 e i 25 anni ad investire una parte del proprio tempo libero in attività di volontariato da realizzare nella propria comunità territoriale di

11 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 11/35 appartenenza. Quello che ci pare rilevante è di proporre ai giovani della comunità un'occasione (forse rara in questi tempi, almeno nella modalità di realizzazione) per diventare cittadini attivi nel contesto territoriale e dedicare del proprio tempo per entrare nelle dinamiche della vita della comunità. Il percorso formativo è strutturato in moduli di 3 ore ciascuno: la prima parte del percorso è aperta a tutti gli aspiranti giovani volontari mentre la seconda parte è differenziata a seconda del servizio di volontariato prescelto. Ai giovane verrà richiesta una disponibilità di 2/3 ore settimanali. Presenza volontario di servizio civile. Il volontario di servizio civile potrà partecipare attivamente a tali incontri con il seguente ruolo: verbalista, informatizzazione dei contenuti di ogni incontro ed invio del verbale ad ogni singolo partecipante il tavolo. Il volontario di servizio civile verrà sopratutto impegnato all interno del servizio 118 compiti e nell accompagnamento domiciliare di bambini e ragazzi che necessitano di aiuto pomeridiano nei compiti. 4) RISORSE UMANE IMPIEGATE NEL PROGETTO GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE: n. giovani di servizio civile n. ore settimanali Durata progetto (6 mesi / 1 anno) n. 2 n. 30 ore cadauno Eventuali obblighi particolari durante il periodo di servizio Patente, flessibilità e disponibilità a supportare attività realizzate in alcuni giorni festivi ELENCO FIGURE COINVOLTE NELLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO (progettisti, formatori, esperti del monitoraggio, figure referenti per il giovane di servizio civile, etc) cognome e nome qualifica ruolo nel progetto Canesso Annalisa Educatore professionale Referente progetto Cantieri Giovani, responsabile del

12 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 12/35 monitoraggio e formatrice Cerantola Valeria Assistente sociale Operatore locale di progetto, responsabile del monitoraggio, formatrice e referente Area minori del Comune di Bassano del Grappa Pagliantini Stefano Istruttore direttivo Operatore locale di progetto, responsabile del monitoraggio, formatore Cervellin Adriano Assistente sociale Formatore Fasolo Francesca Assistente sociale Formatrice Gasparotto Marilisa Assistente sociale Formatrice Stocco Sandra Assistente sociale Formatrice Brotto Sabina Istruttore direttivo Formatrice Ceccon Paola Assistente sociale Formatrice Lando Daniele Assistente sociale Formatore 5) FORMAZIONE GIOVANI DI SERVIZIO CIVILE (indicare separatamente per la formazione generale e per la formazione specifica, in conformità a quanto previsto all art.15 comma 4 L.R. 18/2005): Sede di realizzazione: Comune di Bassano del Grappa Servizi alla Persona via J. Da Ponte, 37 Modalità di attuazione: In proprio, presso l ente con i formatori accreditati Stefano Pagliantini e Cerantola Valeria. Si prevede l intervento di esperti interni all ente ed esterni (Protezione Civile, Associazione Italiana Soccorritori, Assistenti sociali, Educatore professionale). Nella fase iniziale, per consentire un maggior senso di identificazione con il ruolo del volontario in servizio civile, è anche prevista una lezione in cui alcuni volontari, che hanno già svolto con successo e soddisfazione il servizio, potranno raccontare la loro esperienza. Un tutor d aula accompagnerà il gruppo durante il percorso formativo, gestendo anche momenti extra aula finalizzati a supportare i partecipanti nel delicato processo di apprendimento. L intervento formativo si concentrerà nei primi mesi del periodo di SCV con l obiettivo principale di fornire ai giovani gli elementi necessari per interpretare correttamente il ruolo richiesto ed

13 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 13/35 inserirsi in modo appropriato nel nuovo ambiente lavorativo, adeguandosi alle regole formali ed informali e, più in generale, alla cultura organizzativa dell amministrazione comunale. Si prevede un momento intermedio e finale di verifica del lavoro svolto, finalizzato a rilevare gli apprendimenti, il gradimento da parte dei partecipanti ed il livello di rispondenza alle aspettative iniziali. Contenuti della formazione generale e durata: 1. Servizio civile: io, persona e cittadino. Cittadinanza delle solidarietà I fondamenti giuridici e le regole del Servizio Civile Obiettivo: durante questo modulo vengono indicati ai/lle giovani i principi giuridici e costituzionali (art. 11 e 52 cost. e simili) da cui discende il servizio civile e i riferimenti normativi da cui dipende il loro servizio (legge 64/01, decreto legislativo 77/02, circolari applicative) Riferimenti ai moduli formativi UNSC: Metodo: lezione frontale con distribuzione dispense Durata: 4 ore e mezza 2. Servizio civile: io con (gli) altri. Perché? Le mie aspettative dal servizio Obiettivo: attraverso animazione e dinamiche di gruppo i/le giovani vengono stimolati a interrogarsi sulle loro motivazioni, a esplicitare aspettative e desideri inerenti il servizio, all acquisizione soggettiva dell esperienza che hanno iniziato a vivere. Diventa occasione anche per lavorare sull identità del gruppo e su come lavorare in gruppo. Riferimenti ai moduli formativi UNSC: 1-10 Metodo: lavori di gruppo, role playing Durata: 4 ore e mezza 3. Servizio civile: io con (gli) altri. Dove? Gli attori del servizio civile e la Carta Etica del Servizio Civile Obiettivo: accompagnare i giovani ad entrare nel sistema servizio civile presentando i diversi attori che a questo sistema partecipano: le istituzioni (Stato UNSC, Regioni), gli enti, ik giovani. Andando a definire le relazioni che si istaurano tra essi. Approfondimento della Carta Etica del Servizio Civile. Riferimenti ai moduli formativi UNSC: Metodo: lavori di gruppo, role playing Durata: 4 ore e mezza 4. Servizio civile: la rappresentanza dei volontari di servizio civile nazionale Gli attori del servizio civile Metodo: lavori di gruppo, role playing Durata: 2 ore 5. Servizio civile: dalla globalizzazione alle globalizzazioni La pace e la non violenza Obiettivo: partendo dall analisi di alcune dinamiche del tempo presente,

14 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 14/35 essenzialmente la globalizzazione, e da alcuni eventi significativi del nostro tempo, i/le giovani vengono aiutati a cogliere le ricadute nella collettività del proprio agire, in termini di solidarietà e condivisione. Attenzione viene posta anche ad un attenta riflessione sul valore della non violenza, sulla difesa dei diritti umani, sulla promozione delle giustizia e sulla pace. Riferimenti ai moduli formativi UNSC: 2-4 Metodo: lezione frontale con distribuzione dispense, utilizzo strumentazione multimediale Durata: 4 ore e mezza 6. Servizio civile: gli altri con me nella città Il Servizio Civile scuola di cittadinanza Obiettivo: si approfondiranno i concetti di cittadinanza attiva e di responsabilità sociale, a partire dal possibile incontro con i testimoni che operano nella società. Essendo anche il modulo conclusivo si vuole verificare il percorso formativo compiuto per cogliere le acquisizioni e le consapevolezze assunte dai giovani rispetto alla loro esperienza di servizio civile. Riferimenti ai moduli formativi UNSC: Metodo: lavori di gruppo, questionari d uscita e di valutazione Durata: 4 ore e mezza 7-8. Servizio civile: io, persona e cittadino. La difesa e tutela dell ambiente Corso di protezione civile Obiettivo: verranno forniti elementi di protezione civile intesa come collegamento tra difesa della Patria e difesa dell ambiente, del territorio e delle popolazioni. Si evidenzieranno le problematiche legate alla previsione e alla prevenzione dei rischi, nonché quelle relative agli interventi di soccorso. Programma: - introduzione al corso - introduzione alla Protezione Civile - normativa nazionale e regionale - Il modello integrato nazionale - L organizzazione della Protezione Civile in Provincia di Vicenza - Il ruolo del volontario - L incendio e la prevenzione - Protezione antincendio e procedure da adottare in caso di incendio - visita alla sezione locale della Protezione civile Riferimenti ai moduli formativi UNSC: 5 Metodo: lezione frontale con distribuzione dispense, role playing, lavori di gruppo, visite esterne Durata: 9 ore (suddivise in tre incontri) A cura del Coordinamento Brenta Monte Grappa Volontari Protezione Civile Antincendi Boschivi di Romano d Ezzelino 9. Cenni di diritto costituzionale e diritto amministrativo Gli enti locali ed il Comune di Bassano del Grappa Obiettivo: il titolo V della Costituzione, l organizzazione degli enti locali e la

15 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 15/35 strutturazione del Comune di Bassano del Grappa Riferimenti ai moduli formativi UNSC: 6-10 Metodo: lezione frontale, uso strumenti multimediali, dispense, visite alle varie aree comuali Durata: 4 ore 10. L applicazione del Codice sulla privacy Dlgs 196 del 30/06/2003 Obiettivo: approfondimento delle finalità e principi che sottendono alla normativa, nonché applicazione delle modalità di comportamento ed utilizzo degli atti all interno del Comune di Bassano del Grappa, con particolare attenzione ai dati sensibili e giudiziari. Riferimenti ai moduli formativi UNSC: 6-10 Metodo: lezione frontale, lavori di gruppo, uso strumenti multimediali, dispense Durata: 1 ora 11. Nozioni di primo soccorso Obiettivo: Corso di primo soccorso Metodo: lezioni frontali, lavori di gruppo, simulazioni Durata: 12 ore 12. La rappresentanza dei volontari di servizio civile nazionale Obiettivo: far conoscere le forme di rappresentanza dei volontari di servizio civile. La Consulta Nazionale, i rappresentanti e i delegati regionali dei volontari in servizio civile. Il ruolo attivo dei volontari nello scegliere gli organi di rappresentanza Metodo: lezione frontale, simulazione, uso di internet Durata: 2 ore Contenuti della formazione specifica e durata: In proprio presso l ente attraverso gli operatori ed i tecnici dei vari servizi-uffici saranno organizzati incontri preliminari per presentare le attività e le caratteristiche dei servizi gestiti nelle sedi di attuazione previste. Sarà organizzato un incontro con tutti i volontari seguito da incontri specifici per tipologia di sede. Nel frattempo verrà diffuso materiale scritto che illustri finalità, obiettivi, modalità e strumenti di gestione delle attività. Gli incontri in equipe per la verifica periodica dell andamento delle attività hanno anche come specifico focus l individuazione di argomenti che necessitino di ulteriori approfondimenti formativi per i volontari e gli spazi e gli strumenti per realizzarli. La formazione specifica sarà programmata e verificata con il supporto dei formatori. Ogni modulo formativo si chiuderà con una verifica delle conoscenze acquisite e con l eventuale riprogettazione dei successivi contenuti formativi.

16 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 16/35 - Training on the job: elementi di conoscenza dell Ente e delle dinamiche di collaborazione tra servizi diversi - Introduzione, addestramento e inquadramento specifico al progetto (descrizione dei programmi) - Preparazione all attività da svolgere sul territorio e conoscenza specifica della realtà territoriale nella quale il volontario verrà inserito - Partecipazione volontaria ed eventuale a convegni o seminari di approfondimento Altri formatori: la formazione informatica finalizzata alla certificazione ECDL verrà realizzata dal Liceo G. B. Brocchi di Bassano del Grappa quale tester center autonomo accreditato dall AICA (Associazione Italiana per l Informatica e il Calcolo Automatico) per la certificazione delle competenze informatiche secondo il protocollo definito dal marchio internazionale ECDL (European Computer Driving Licence). La formazione rivolta ai giovani in Servizio Civile Nazionale verterà sui seguenti contenuti: 1. Servizio civile: contesto socio-economico-culturale su cui si interviene. Il Servizio Civile in rapporto alle caratteristiche del territorio bassanese Obiettivo: in questo modulo verrà illustrata la situazione socio-demografica del territorio, le potenzialità e le criticità che lo caratterizza e, in particolare, la trasformazione delle problematiche ivi presenti e le attività/interventi istituzionali predisposti per rispondere alle nuove esigenze. Docente: Valeria Cerantola Metodo: lezione frontale con distribuzione dispense Durata: 5 2. Servizio civile: lavorare in rete e relazioni di prossimità. Il Servizio Civile in rapporto alle realtà/servizi del territorio bassanese Obiettivo: far conoscere ai volontari di servizio civile le diverse associazioni di volontariato e strutture che collaborano con i Servizi Sociali del Comune di Bassano del Grappa. Docente: Valeria Cerantola Metodo: lezione frontale, visita alle strutture/associazioni ed incontro dei rispettivi referenti che illustreranno la propria realtà (storia, mission, modalità di funzionamento e accesso, collaborazioni e modalità operative). Durata: 10 ore 3. Servizio civile: organigramma del Comune di Bassano, in particolare dell Area 2. Il Servizio Civile in rapporto al contesto istituzionale Obiettivo: far conoscere ai volontari di servizio civile la struttura e lo statuto comunale e, in particolare, l organizzazione dell Area 2 in cui sono inseriti facendo comprendere le funzioni e il mandato istituzionale che caratterizza il Servizio: Servizi Sociali. Docenti: Sabina Brotto e Valeria Cerantola Metodo: lezione frontale, visita alle varie sedi comunali e agli uffici dell Area 2

17 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 17/35 Durata: 8 ore 4. Servizio civile: organigramma del Servizio: Servizi Sociali. Il Servizio Civile in rapportai Servizi Sociali comunali Obiettivo: far conoscere ai volontari di servizio civile l organizzazione e i compiti del Servizio: Servizi Sociali, in particolare le competenze attribuite all Area minori e giovani, le modalità operative, le risorse utilizzate e le collaborazioni in atto. Docenti: Sandra Stocco, Francesca Fasolo, Marilisa Gasparotto, Adriano Cervellin, Paola Ceccon e Valeria Cerantola Metodo: lezione frontale, visita alle varie sedi comunali e agli uffici dell Area 2 Durata: 8 ore 5. Servizio civile: io e tutti gli altri: dalla difesa alla promozione dell aiuto e delle tutele La relazione d aiuto Obiettivo: a partire dalle esperienze concrete dei servizi ai minori, giovani e rispettive famiglie, vengono forniti spunti di riflessione e indicazioni circa la relazione d aiuto. Docente: Francesca Fasolo Metodo: lezione frontale con distribuzione dispense, lavori di gruppo e simulate Durata: 5 ore 6. Servizio civile: essere un team Il Servizio Civile in rapporto al lavoro di equipe Obiettivo: in questo modulo si affronteranno argomenti propedeutici al lavoro di equipe: ascolto, mediazione delle aspettative personali, valorizzazione delle proprie e altrui capacità/abilità. Docente: Valeria Cerantola Metodo: lezione frontale con distribuzione dispense e simulata. Durata: 4 ore e mezza 7. Servizio civile: gli altri con me. Come? Il Servizio Civile in rapporto alla progettazione Obiettivo: in questo modulo si affronteranno tematiche ed aspetti relativi al progettare (caratteristiche, fasi, tecniche). Partendo dalla definizione di progetto, i volontari saranno chiamati ad una lettura critica del proprio progetto di servizio civile e successivamente ad una simulazione vera e propria di progettazione. Docente: Valeria Cerantola Metodo: lezione frontale con distribuzione dispense Durata: 4 ore e mezza 8. Servizio civile: disagio e devianza Il Servizio Civile in rapporto alle varie espressioni del disagio e possibili interventi Obiettivo: presentare ai volontari di servizio civile le varie espressioni del disagio presenti nel bassanese, le forme di devianza più comuni, i fattori di rischio e i fattori di protezione. Successivamente si procederà alla presentazione delle metodologie di intervento adottata dal Servizio Sociale e i percorsi perseguibili per un pieno reinserimento sociale. Docente: Valeria Cerantola e volontari Metodo: lezione frontale, lavori di gruppo e simulata Durata: 8

18 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 18/35 9. Servizio civile: io e l altro. Il Servizio Civile in rapporto alla diversità. Obiettivo: presentare ai volontari di servizio civile le politiche e gli interventi in ambito interculturale e le collaborazioni esistenti con alcune associazioni e comunità etniche locali. Docente: Marilisa Gasparotto, Valeria Cerantola e vari referenti comunità etniche Metodo: lezione frontale, lavori di gruppo e simulata Durata: 4 ore e mezzo 10. Servizio civile: io e le emozioni. Il Servizio Civile in rapporto al mondo percettivo ed emozionale. Obiettivo: far prendere coscienza ai volontari di servizio civile di quali siano le proprie emozioni imparando, nel contempo, a gestirle ed esprimerle correttamente. Inoltre, si aiuteranno i giovani volontari a decodificare le dinamiche che scaturiscono da una relazione di aiuto. Docente: Francesca Fasolo e Valeria Cerantola Metodo: lezione frontale, lavori di gruppo e simulata Durata: 5 ore 11. Servizio civile: io e gli altri come comunichiamo? Il Servizio Civile in rapporto alla diversità. Obiettivo: far conoscere i cardini della comunicazione, i diversi codici comunicativi e sperimentare le varie forme espressive. Docente: Francesca Fasolo e Valeria Cerantola Metodo: lezione frontale, lavori di gruppo e simulata Durata: 4 ore 12. Servizio civile: valutazione finale Obiettivo: valutare gli apprendimenti appresi, le eventuali criticità e/o integrazioni al percorso formativo specifico. Docente: Valeria Cerantola Metodo: lezione frontale, lavori di gruppo e simulata Durata: 4 ore e mezzo I corsi ECDL finalizzati al conseguimento della Certificazione ECDL sono rappresentati da 7 Moduli, secondo il contenuto del Syllabus: 1 - Concetti teorici di base 2 - Uso del Computer e gestione dei file: Windows 3 - Elaborazione testi: Word 4 - Foglio elettronico: Excel 5 - Basi di dati: Access 6 - Strumenti di presentazione: PowerPoit 7 - Reti informatiche: Internet Explorer e Outlook

19 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 19/35 Tecniche e metodologie di realizzazione: FORMAZIONE GENERALE La formazione generale viene erogata nella fase di avvio al servizio dei volontari ed è strutturata in giornate suddivisa in moduli tematici. E condotta dal responsabile della formazione, che viene affiancato in alcuni moduli da personale interno ed esterno al Comune di Bassano del Grappa con esperienze e competenze specifiche nelle materie trattate. Il formatore lavorerà con i volontari allo scopo di far loro esplicitare e confrontare le motivazioni e le attese di ciascuno nei confronti della scelta del Servizio Civile, affinché riconducano nozioni, stimoli e impressioni emerse durante il corso alla definizione di un identità di gruppo di giovani in Servizio Civile capace di condividere ed elaborare senso, scopo ed obiettivi comuni. Fornirà loro contemporaneamente una cassetta degli attrezzi in termini di concetti, informazioni, metodologie, utili ad affrontare l esperienza e a costruirne il significato. Le tecniche utilizzate varieranno a seconda dei contenuti del singolo modulo formativo. Prevalentemente verranno utilizzate tecniche animative che prevedono la partecipazione attiva dei volontari attraverso laboratori creativi, lavori di gruppo, role playing, esercitazioni e simulazioni. Alcuni temi saranno trattati, invece, nella forma della lezione frontale e/o del seminario. Verranno utilizzati strumentazioni didattiche di diverso tipo: PC, videoproiettore, TV e videoregistratore, lavagna luminosa, lavagna a fogli mobili, radio-registratore. Ai partecipanti verranno fornite dispense e supporti didattici per consentire la massima comprensione dei concetti trasmessi e per favorire gli opportuni approfondimenti. FORMAZIONE SPECIFICA La formazione specifica viene erogata principalmente nella fase iniziale del servizio. I moduli di formazione si alternano a primi momenti di affiancamento dei volontari agli operatori locali di progetto di ogni singola sede di attività. Al termine del percorso verrà sottoposto ai volontari un questionario di valutazione. I formatori lavoreranno per fornire ai volontari adeguati strumenti di conoscenza e comprensione della realtà operativa che li mettano in grado di intervenire in maniera quanto più professionale in tutte le attività previste dal progetto. Il percorso formativo rivolto ai volontari prevede: - Lezioni teoriche sull organizzazione dei Servizi alla Persona Area Minori/Giovani e sulle principali metodologie di intervento - incontri di équipe con gli operatori del servizio per aggiornamento sulla struttura del gruppo di lavoro e sulla tipologia dell utenza con il quale i volontari si dovranno rapportare - momenti di formazione sul campo, attraverso interventi mirati sul territorio - verifiche periodiche sull andamento dell esperienza Verranno utilizzati lucidi, proiettore, PC, lavagne luminose e materiale di uso comune nella varie attività previste dal progetto. Inoltre saranno distribuite dispense relative alle attività e alle iniziative dei diversi moduli di intervento. Altri formatori: la formazione informatica finalizzata alla certificazione ECDL verrà realizzata dal Liceo G. B. Brocchi quale tester center autonomo accreditato dall AICA (Associazione Italiana per l Informatica e il Calcolo Automatico) per la certificazione delle competenze informatiche

20 ALLEGATO B Dgr n. del pag. 20/35 secondo il protocollo definito dal marchio internazionale ECDL (European Computer Driving Licence) Sono previsti anche dei momenti di incontro e scambio di esperienze con volontari di altri progetti del territorio di Enti accreditati (Congregazione Suore Orsoline del Sacro Cuore di Maria di Vicenza) al fine di favorire il confronto tra giovani generazioni rispetto alle finalità sia del servizio civile che dei rispettivi enti. 6) AZIONI PROGETTUALI Descrizione dell'articolazione progettuale e specificazione del ruolo dei partners nelle singole fasi/azioni: 1)- Attività laboratoriali a Cantieri Giovani e gestione della Sala prove musicale. Cantieri Giovani è uno spazio aggregativo aperto alla frequentazione giovanile che accoglie al suo interno giovani attirati da diverse offerte (più o meno strutturate). L impianto progettuale prevede la realizzazione di corsi e seminari, volti alla creazione di risorse umane competenti e capaci non solo di condurre autonomamente alcuni laboratori ma anche di giungere a forme di autorganizzazione (es. gruppi di giovani che si costituiscono in associazione). All interno di Cantieri Giovani c è la possibilità di accedere a metaservizi quali: l utilizzo di postazioni informatiche, l accesso di internet, l utilizzo di spazi per gruppi progetto e lavoro, l uso di una sala, la consulenza ed il supporto degli operatori. Il progetto comunale per la creatività giovanile prevede l attivazione di laboratori sui linguaggi artistici ed espressivi contemporanei, per la valorizzazione della creatività giovanile del territorio e con spazi dedicati alla manifestazione concreta delle abilità conseguite. I laboratori programmati nel corso dell anno operativo saranno i seguenti: - Laboratorio sulle arti contemporanee e il design sostenibile; - Laboratorio di fonico; - Laboratorio sulla fotografia; - Laboratorio di cittadinanza attiva. Ogni laboratorio ospiterà attività che prevedono la scansione del lavoro in più momenti, sottolineati strategicamente da inaugurazioni, comunicazioni, incontri, presentazioni ed esercitazioni pubbliche precedute da workshop. Tali attività permettono ai giovani di confrontarsi con il saper fare oggetto dell apprendimento e delle singole esperienze, familiarizzare con le tecniche di comunicazione nei vari linguaggi espressivi. Sono previsti inoltre momenti intensivi di approfondimento, finalizzati alla costruzione degli eventi finali, attivati parallelamente sui diversi linguaggi e caratterizzati dall impronta espressiva ed artistica. I laboratori saranno condotti preferibilmente da giovani, nella logica del peer to peer. Pur essendo strutturati in maniera autonoma, percorsi ed azioni potranno incrociarsi grazie all azione di coordinamento assicurata dal gruppo di coordinamento e quindi confluire in risultati/produzioni/prodotti visibili e fruibili, in un ottica di circolarità ed interconnessione. La mission progettuale EduCARE si svilupperà soprattutto attraverso il servizio denominato 118 compiti, promosso all interno di Cantieri Giovani. Si tratta di un supporto scolastico pomeridiano organizzato da giovani volontari e rivolto ai ragazzi dagli 11 ai 16 anni circa.

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 NOME PROGETTO: DECISAMENTE ABILI 2014 AMBITO D INTERVENTO: affiancamento alle persone diversamente abili nelle attività di socializzazione a domicilio e nelle

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ASSOCIAZIONE CULTURALE SCUOLA DI MUSICA I MINIPOLIFONICI TRENTO VILLAZZANO-POVO RAVINA-ROMAGNANO COGNOLA SOPRAMONTE BESENELLO SCHEDA RIASSUNTIVA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Descrizione

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 NOME PROGETTO: PER UNA SCUOLA DELL INCLUSIONE 2014 AMBITO D INTERVENTO: Assistenza scolastica agli alunni diversamente abili AMBITO TERRITORIALE: I volontari svolgeranno

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Amministrazione Provinciale di Vercelli 2) Codice di accreditamento: NZ00384 3)

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO"

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: CI VORREI ESSERE ANCH'IO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO" SETTORE e Area di Intervento: Area di intervento A Settore Assistenza Codifica 06 (Disabili)

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA DECISAMENTE ABILI 2009 AMBITO D INTERVENTO: affiancamento alle persone diversamente abili nelle attività di socializzazione a domicilio

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE : ISTITUTO DEI CIECHI DI MILANO 1) Ente proponente il progetto: ISTITUTO DEI CIECHI di MILANO Via Vivaio, 7 20122

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Studio e Progetto 2 2) Codice di accreditamento: NZ03328, 3) Albo e classe di

Dettagli

7. Svolgimento del progetto

7. Svolgimento del progetto Allegato 4 SCHEMA TECNICO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INNOVATIVI ai sensi della l.r. n.1/08 Testo unico delle leggi regionali in materia di volontariato, cooperazione sociale, associazionismo e società

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) SETTORE e Area di Intervento: Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

Servizio Civile Regionale una opportunità di impegno civile

Servizio Civile Regionale una opportunità di impegno civile Servizio Civile Regionale una opportunità di impegno civile Il Comitato d Intesa tra le associazioni volontaristiche della provincia di Belluno ha ottenuto dalla Regione del Veneto l approvazione del progetto

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO. Settore Assistenza agli studenti con disabilità iscritti all Università degli Studi di Camerino.

CARATTERISTICHE PROGETTO. Settore Assistenza agli studenti con disabilità iscritti all Università degli Studi di Camerino. CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto S.O.S. SASD UNICAM Settore Assistenza agli studenti con disabilità iscritti all Università degli Studi di Camerino. Obiettivi generali che i candidati devono

Dettagli

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine

PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016. SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA S.Pertini SCUOLA SECONDARIA 1 G.Ghirardini Badia Polesine TAM TAM Cooperativa Sociale Via G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A ASSISTENZA AREA 02 MINORI 06 DISABILI

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A ASSISTENZA AREA 02 MINORI 06 DISABILI ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: INTER_ AZIONE SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A ASSISTENZA AREA 02 MINORI 06 DISABILI OBIETTIVI DEL PROGETTO Con il presente progetto

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: A SCUOLA CON EMMANUEL GARANZIA GIOVANI SETTORE e Area di Intervento: Settore E - EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE; Area d intervento: 06.

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA Un percorso di professionalizzazione dei Dirigenti sportivi Modenesi Bando di Indizione Programma Scheda di iscrizione Il Contesto di riferimento Il movimento

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

SETTORE e Area di Intervento: Protezione civile: settore B area 02 Interventi emergenze ambientali

SETTORE e Area di Intervento: Protezione civile: settore B area 02 Interventi emergenze ambientali ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: TOTUS IMPARI PO SA NATURA ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Protezione civile: settore B area 02 Interventi emergenze ambientali OBIETTIVI DEL

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo:

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: Roma Capitale - Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici,

Dettagli

- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea

- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea Percorsi di educazione non formale all Europa: - Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea - Progettazione e realizzazione di uno

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

SINTESI FATTI NON FOSTE 5 Prov. ANCONA

SINTESI FATTI NON FOSTE 5 Prov. ANCONA SINTESI FATTI NON FOSTE 5 Prov. ANCONA CARATTERISTICHE PROGETTO 1) Titolo del progetto: FATTI NON FOSTE 5 Prov. Ancona 2) Descrizione dell area di intervento: Il progetto nasce da un accordo di partnerariato

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Insieme per fare, insieme per ESSERE SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Ambito: A06 - Disabili OBIETTIVI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Il

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico OBBLIGO FORMATIVO Corso operatore grafico Corso operatore grafico La figura professionale Descrizione sintetica della figura: L Operatore grafico, interviene, a livello esecutivo, nel processo di produzione

Dettagli

Titolo progetto: Settore e Area di intervento: Tipologia servizi coinvolti: UNA VALIGIA PER TUTTI. A01 Settore: Assistenza Area: Anziani

Titolo progetto: Settore e Area di intervento: Tipologia servizi coinvolti: UNA VALIGIA PER TUTTI. A01 Settore: Assistenza Area: Anziani Legacoop Piemonte Via Livorno, 49 Torino 10144 Torino Tel. 011/5187169 - Fax 011/5188251 e-mail: serviziocivile@legacoop-piemonte.coop sito internet: www.legacoop-piemonte.coop Titolo progetto: UNA VALIGIA

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO TITOLO DEL PROGETTO: A ZIGO ZAGO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO E EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE 02 ANIMAZIONE CULTURALE VERSO MINORI 08 - LOTTA ALL'EVASIONE SCOLASTICA E ALL ABBANDONO SCOLASTICO

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità

Comunità Familiare per Minori La Goccia. Progetto Generale di Comunità Comunità Familiare per Minori La Goccia Progetto Generale di Comunità Premessa: il valore della famiglia La Comunità familiare per Minori La Goccia nasce nella consapevolezza che la famiglia rappresenta

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE MODELLO DI INTERVENTO FORMATIVO PER ISCRITTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dettagli

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere.

DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Titolo DIVERSI COME ME: percorsi di integrazione sociale e promozione interculturale rivolti a cittadini e famiglie straniere. Servizi di riferimento Dalla primavera del 2005 è stato attivato nella fabbrica

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 NOVEMBRE 2015 PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 A CURA DI SALVATORE PAPPALARDO Come anticipato nella legge 107 al comma 118 il 27 ottobre 2015 è stato pubblicato il decreto ministeriale

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: CambiaMenti per un mondo altro SETTORE e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA Area di intervento: Immigrati, Profughi; Giovani. OBIETTIVI DEL PROGETTO Gli obiettivi generali

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: A MAGLIE FITTE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale Area di Intervento: Attività di tutoraggio scolastico

Dettagli

INFORMAZIONI PROGETTO E PRESENTAZIONE DOMANDA

INFORMAZIONI PROGETTO E PRESENTAZIONE DOMANDA INFORMAZIONI PROGETTO E PRESENTAZIONE DOMANDA ENTE Ente proponente il progetto: U.I.L.D.M. Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare Onlus - Direzione Nazionale Via P.P. Vergerio, 19-35126 Padova

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

CRESCE LA VOGLIA DI BIBLIOTECA. L'utente cliente e le sue esigenze al primo posto.

CRESCE LA VOGLIA DI BIBLIOTECA. L'utente cliente e le sue esigenze al primo posto. (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE: COMUNE DI TERRACINA 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI TERRACINA 2) Codice di accreditamento: NZ00094 3)

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura SETTORE e Area di intervento: Assistenza Minori ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO: Contribuire a migliorare le condizioni

Dettagli

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training

AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training AFFRONTARE INSIEME L AUTISMO Percorso di parent training Premessa Le famiglie con un figlio disabile si differenziano dalle altre famiglie a partire dalla nascita del figlio: problemi di accettazione,

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA

SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LEGA REGIONALE COOP. E MUTUE

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA PROGETTARE IN EUROPA Risultati attesi La partecipazione ad un bando europeo presuppone, prima di tutto, lo sviluppo di un idea progettuale contenutisticamente

Dettagli

Relplus: relazioni interpersonali positive II Edizione

Relplus: relazioni interpersonali positive II Edizione Relplus: relazioni interpersonali positive II Edizione Indice Introduzione... 1 Descrizione... 2 Obiettivi generali... 2 Destinatari... 3 Durata... 3 Calendario e temi... 3 Formatori /Formatrici... 7 Sede...

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO

ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO PROGETTO DOPOSCUOLA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA PASCOLI SCUOLA SECONDARIA BONIFACIO TAM TAM Cooperativa Sociale IVia G. Marconi n.978/b 45021 Badia Polesine (RO) Tel.3332736263 e-mail tamtamcoop@

Dettagli

Scheda sintetica del progetto di servizio civile La vita è bella insieme è bellissima!

Scheda sintetica del progetto di servizio civile La vita è bella insieme è bellissima! Scheda sintetica del progetto di servizio civile La vita è bella insieme è bellissima! Ente a cui indirizzare o consegnare la candidatura: SPES Associazione Promozione e Solidarietà Via Liberiana, 17 00185

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica

UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica UNA FAMIGLIA X UNA FAMIGLIA trasformare una buona prassi in una buona politica Roma, 17/01/2013 Fondazione PAIDEIA onlus www.fondazionepaideia.it; info@fondazionepaideia.it Verso una nuova forma di affido

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM!

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! Premessa Provaci ancora Sam! è un Progetto integrato e interistituzionale

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: SHALOM ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ 03078

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: La rosa dei venti SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: Educazione e Promozione culturale Area di Intervento: Sportelli Informa OBIETTIVI

Dettagli

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE

Si ricorda che: PROGETTO PUNTI DI RIFERIMENTO CENTRO DI ORIENTAMENTO E FORMAZIONE (Allegato 1) Si ricorda che: - LA DOMANDA DI SERVIZIO CIVILE VA INVIATA A : ALLE SINGOLE SEDI DI ATTUAZIONE PROGETTO - LE DOMANDE VANNO INVIATE ENTRO IL 27 LUGLIO 2009 ENTRO LE ORE 14.00 (NON FA FEDE IL

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI "L. EINAUDI"

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI E TURISTICI L. EINAUDI PROPOSTA ATTIVITA A.S. 2008-09 M1/PA08 CURRICOLARE EXTRACURRICOLARE ALTRO Titolo del Progetto Accoglienza- Alfabetizzazione,- Educazione interculturale Responsabile del Progetto Prof. ssa Colombo Lidia

Dettagli