Globalizzazione economica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Globalizzazione economica"

Transcript

1 Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte 1 Lezione 16 La riforma della regolamentazione finanziaria (cap.5) La riforma finanziaria in Europa La riforma finanziaria negli Stati Uniti 2

2 La riforma finanziaria in Europa - 1 In Europa non abbiamo atti unici come negli US. Situazione abbastanza diversificata tra le nazioni. A livello comunitario ci sono stati 4 regolamenti e una direttiva che hanno modificato la struttura della supervisione finanziaria. Create 4 nuove autorità di livello comunitario 3 La riforma finanziaria in Europa - 2 -ESRB:European Systemic Risk Board (livello macroprudenziale) -EBA: European Banking Authority -EIOPA: European Insurance and Occupational Pensions Authority -ESMA: European Securities and Markets Authority Arbitri su dispute dei supervisori nazionali. Supervisione ordinaria rimane a livello nazionale. (passi in avanti nel 2014 con BCE 4 e vigilanza bancaria)

3 La riforma finanziaria in Europa - 3 -Vigilanza Macroprudenziale È affidata all ESRB. Ridurre il rischio sistemico. -Composto da tutte le BC dell Unione, Pres e vice pres BCE, membro Commissione Europea, tre direttori delle autorità di supervisione europea. -I supervisori nazionali vi partecipano, ma senza diritto di voto. -Per i primi 5 anni il presidente è il pres della BCE. -ESRB consiglia le altre tre autorità ma le sue decisioni non vincolanti. 5 La riforma finanziaria in Europa - 4 Compito di sorvegliare la creazione di squilibri macroeconomici che potrebbero avviare effetti sistemici. Individuare problemi di un singolo stato che potrebbero minare stabilità intero sistema. Ha inoltre il compito di avvisare gli altri supervisori europei e gli altri attori rilevanti sui rischi esistenti. Se ravvisa problemi, emana allarmi e raccomandazioni per le autorità di vigilanza, per gli Stati e per la Commissione. Non ha però poteri coercitivi propri. 6

4 La riforma finanziaria in Europa - 5 Vigilanza microprudenziale: Affidata a 3 nuove autorità:eba per banche, ESMA per i mercati, EIOPA per assicurazioni e fondi pensione. Obiettivo di uniformare le regole di vigilanza in Europa. Hanno forma giuridica di agenzie autonome e quindi le loro decisioni saranno vincolanti per i vigilanti nazionali. Ma resterà in capo alle autorità nazionali l applicazione pratica delle regole di supervisione 7 La riforma finanziaria in Europa - 6 Obiettivi: -assicurare regole comuni e loro applicazione -subentrare a responsabilità e obiettivi di autorità esistenti -creare cultura supervisione comune -migliorare cooperazione tra supervisori -coordinare la gestione della crisi -coordinare interdipendenza autorità Problema:composte da rappresentanti degli 8 stati>interesse UE vs interesse nazionale

5 La riforma finanziaria in Europa - 7 Requisiti di capitale Sono stabiliti tramite le CRD-Capital Requirements Directive. Esse recepiscono le norme varate dalla BIS a Basilea, e introducono anche ulteriori caratteristiche valide per l UE. CRD I nel 2000, CRD I bis nel 2006 che recepisce Basilea1 e Basilea2. Con la crisi arrivano ulteriori modifiche: CRD II nel 2009: -rafforza vigilanza su gruppi crossborder aumenta requisiti di capitale su 9 prodotti cartolarizzati. La riforma finanziaria in Europa - 8 Nel 2010 arriva già la CRD III che incrementa requisiti di capitale attinenti ai titoli cartolarizzati e ai titoli usati dalle banche per il trading. Si interviene sulla distribuzione dei bonus ai manager bancari. Infine c è la CRD IV che dovrebbe recepire Basilea 3 e doveva diventare operativa prima di fine 2012 per partire nel 2013 (ma è stata rinviata al 2014). Interviene su liquidità banche; -capitale e sua qualità; -leva; - rischio controparte; -misure anticicliche; - regole per istituzioni sistemiche; -stesura di 10 un unico libro di regole per le banche.

6 La riforma finanziaria in Europa - 9 Derivati: diverse direttive hanno impattato sul tema dei derivati. Le diverse proposte mirano a: -creare clearing house centralizzate su cui scambiare obbligatoriamente i derivati -armonizzare la regolamentazione sulle clearing house in Europa -regole per l interoperabilità delle c.h. -estendere regole sull abuso di mercato alle transazioni in derivati. 11 La riforma finanziaria in Europa - 10 La direttiva MAD-Market abuse directive era la più anziana e la sua revisione è servita ad ampliarne il raggio operativo, per includere anche i derivati, aumentare supervisione e meccanismi di attuazione, aumentare l armonizzazione tra stati UE. Una nuova direttiva tende a creare la clearing house dove scambiare i derivati (individuati dall Esma). Se i derivati non verranno scambiati qui saranno soggetti a ulteriori requisiti di capitale. 12

7 La riforma finanziaria in Europa - 11 Le stesse C.H. saranno soggette ad una nuova direttiva perché esse si assumeranno nuovi rischi e sarà necessario incrementarne la capacità patrimoniale (+ capitale) e la liquidità. Altre norme sui derivati incluse nella CRD e nella Mifid, sempre per aumentare trasparenza e capitale precauzionale. Difetto di fondo: mancanza di un unica direttiva in materia. 13 La riforma finanziaria in Europa - 12 Agenzie di rating Le nuove norme attive dal 2010 prevedono la registrazione obbligatoria delle agenzie che operano nella UE, norme per ridurre i conflitti di interesse. Tre aspetti importanti della direttiva: -+ trasparenza, report annuale sul settore con spiegazione delle metodologie dei rating -requisiti di governo societario -no remunerazione sulla performance e 14 divieto di consulenza sui prodotti.

8 La riforma finanziaria in Europa - 13 Ulteriori modifiche con nuova direttiva: supervisione centralizzata delle agenzie da parte dell Esma: richiedere informazioni, investigare e ispezionare e sospendere le agenzie. Inoltre gli emittenti dovrebbero trasmettere le informazioni sui titoli a tutte le AdR in modo tale da far produrre giudizi anche ad AdR non direttamente pagate dall emittente. Normativa europea troppo stringente potrebbe creare disagi per le AdR globali. 15 La riforma finanziaria in Europa - 14 Alternative investment fund managers directive. Ha lo scopo di controllare i fondi non regolati da altre direttive (UCITS) e considerati pericolosi: hedge funds, commodity funds Si impongono regole ai manager e non ai fondi perché questi fondi operano fuori dall UE, in paradisi fiscali. 16

9 La riforma finanziaria in Europa - 15 Gestione delle crisi EFSF (European Financial Stability Facility) e ESM (European Stability Mechanism) sono i due fondi-ora attivo solo il secondo che ha preso il posto del primo- nati per fornire sostegno ai paesi europei in difficoltà. L ESM è dotato di 750 miliardi ed è stato attivato nella seconda metà del Tali fondi sono stati preceduti da modifiche sulla sorveglianza dei bilanci pubblici. Altre norme hanno colpito le Istituzioni 17 Sistemiche. La riforma finanziaria negli Stati Uniti - 1 La riforma finanziaria degli Stati Uniti verte sostanzialmente intorno al Dodd-Frank Act. Il suo iter è stato complesso, così come è ancora incerta la sua concreta implementazione, visto che è necessaria una corposa legislazione secondaria ed è prevista la creazione di nuove autorità di controllo. È una norma molto ampia e nel libro di testo è esaminata seguendo lo stesso schema interpretativo delle riforme europee. 18

10 La riforma finanziaria negli Stati Uniti - 2 Vigilanza macroprudenziale: Creata una nuova istituzione il Financial Stability Oversight Council diretta dal ministro del Tesoro. Responsabilità del FSOC: -individuare rischi finanziari -promuovere disciplina dei mercati e l informazione, limitando il moral hazard -individuare e organizzare la risposta a eventuali rischi sistemici o all instabilità finanziaria. 19 La riforma finanziaria negli Stati Uniti - 3 Il Fsoc ha il compito di indicare le istituzioni di rilevanza sistemica su cui poi sarà esercitata dalla Fed una supervisione più stringente. Questa istituzione ha quindi compiti sia macroprudenziale che microprudenziali, a differenza di quanto avviene in Europa con l ESBR. Nella vigilanza macrop. rientra anche l Office of Financial Research presso il dipartimento del tesoro che elabora analisi indipendenti sul rischio a supporto del lavoro del Fsoc. 20

11 La riforma finanziaria negli Stati Uniti - 4 Vigilanza microprudenziale: -Fed si occupa di banche sistemiche e comunque di banche con attivo superiore ai 50 miliardi di $. -Federal Deposit Insurance Corporation si occupa di banche con attivo inferiore ai 50 mld e di livello statale -Office of the Comptroller of the Currency sorveglia banche nazionali, fondi di investimento con meno di 50 mld. -National Credit Union Administration si 21 occupa delle credit unions (simili alle BCC). La riforma finanziaria negli Stati Uniti - 5 Sono previsti altri uffici per la sorveglianza microprudenziale ed è previsto che gli hedge funds con gestione superiore ai 100 mln $ debbano registrarsi presso la Sec. 22

12 La riforma finanziaria negli Stati Uniti - 6 Riforma della regolamentazione finanziaria: Analisi degli effetti del mark to market svolta dal Financial Accounting Standard Board, con attenzione anche ai derivati. Per i derivati: sorvegliati da Commodity Futures Trading Commission o dalla Sec. Si impongono numerose nuove restrizioni all utilizzo dei derivati, soprattutto degli swap. Ad esempio, il Dodd-Frank act vieta alle banche commerciali di scambiare derivati che non siano collegati ai tassi di 23 interesse o alle valute. La riforma finanziaria negli Stati Uniti - 7 All interno del Dodd-Frank act c è il Collins Amendment che si è occupato dei requisiti di capitale delle banche. Anche negli US ci si è resi conto che le banche devono avere più capitale per proteggersi dai nuovi rischi legati ai prodotti della finanza innovativa e per trasmettere una immagine di maggior solidità del sistema. Fatto sta, però, che l adozione dei nuovi requisiti, basati sugli accordi di Basilea 3, è stata rinviata! 24

13 La riforma finanziaria negli Stati Uniti - 8 Volcker Rule: limitare la possibilità delle banche di fare trading, soprattutto limita gli investimenti delle banche negli hedge funds. Prevede restrizioni simili anche per le istituzioni non finanziarie rilevanti. Prevede la creazione di cuscinetti di capitale di natura controciclica, come previsto anche in Basilea3. 25 La riforma finanziaria negli Stati Uniti - 9 Il Dodd-Frank Act interviene anche sulle agenzie di rating: più trasparenza sulle procedure utilizzate per le valutazioni, più controlli interni, gli investitori possono agire contro le AdR, rafforza i poteri di controllo della Sec che può rendere pubblici i dati utilizzati dalle AdR per assegnare i voti. Si cerca di aumentare il grado di responsabilità delle AdR ed eliminare i conflitti di interesse. 26

14 La riforma finanziaria negli Stati Uniti - 10 Anche negli US si sta cercando di regolamentare gli stipendi dei manager bancari. Ad esempio si vuole introdurre il voto degli azionisti (shareholders) a conferma della remunerazione dei manager. Aumentare il costo della assicurazione dei depositi in capo alle banche che effettuano attività più speculative. In generale si è cercato di aumentare la trasparenza delle decisioni delle banche: più trasparenza, più informazione, più possibilità 27 di controllo. La riforma finanziaria negli Stati Uniti - 11 Gestione delle crisi: Novità inerenti la liquidazione delle istituzioni sistemiche. Vengono create nuove apposite autorità che vigilano su queste istituzioni. Esse possono sottoporre a vigilanza particolare una banca per evitare pericoli o scoraggiare crescita eccessiva o eccessiva complessità delle stesse. Compilare dei funeral plans che descrivano la struttura di queste istituzioni, i legami esistenti, come liquidare i vari rami aziendali 28 in caso di fallimento.

15 La riforma finanziaria negli Stati Uniti - 12 Previste ulteriori azioni dei regolatori per sottoporre ad amministrazione controllata se si intravede il rischio di fallimento. Previste procedure particolari per le istituzioni sistemiche non bancarie in caso di fallimento, che vengono trattate come delle banche e sottoposte alle procedure previste per le banche. 29 La riforma finanziaria negli Stati Uniti - 13 Infine, il Dodd-Frank Act ha previsto anche l istituzione del Bureau of Consumer Financial Protection, agenzia interna alla Fed ma indipendente, con compiti di protezione dei consumatori. Compito di regolare i prodotti e i servizi finanziari venduti ai consumatori. Fornire ai risparmiatori le informazioni necessarie e in modo chiaro. Evitare truffe, raggiri, prodotti troppo complessi. 30

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE)

I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) I NUOVI ORGANISMI DI CONTROLLO BANCARIO INTERNAZIONALE (USA, UE) Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Internazionali e Diplomatiche - per l'insegnamento di Geografia

Dettagli

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi?

Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Quali regole per il sistema bancario dopo la crisi? Andrea Enria Banca d Italia Milano, 26 novembre 2009 Schema della presentazione Lezioni della crisi e riforma della regolamentazione Perimetro ampio

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio I soggetti che operano nel mercato finanziario Francesca Mattassoglio Le tipologie dei fondi comuni di investimento (DM 228/1999): APERTI (armonizzati e non); CHIUSI (mobiliari e immobiliari); GARANTITI;

Dettagli

Unione bancaria: a che punto siamo?

Unione bancaria: a che punto siamo? Unione bancaria: a che punto siamo? Angelo Baglioni Intervento alla tavola rotonda: Crisi in Europa: la risposta dell Unione Europea e degli Stati membri SSEF - Milano, 9 dicembre 2013 UBE: building blocks

Dettagli

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE?

ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 476 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECOFIN 20-21 GIUGNO 2013: MISURE CONTRO LE CRISI BANCARIE? 21 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 I temi in agenda La ricapitalizzazione

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG)

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

ODCEC NAPOLI - CNDCEC DOTT. GIANFRANCO TORTORANO. I Dottori Commercialisti e l attività di consulenza finanziaria

ODCEC NAPOLI - CNDCEC DOTT. GIANFRANCO TORTORANO. I Dottori Commercialisti e l attività di consulenza finanziaria ODCEC NAPOLI - CNDCEC DOTT. GIANFRANCO TORTORANO I Dottori Commercialisti e l attività di consulenza finanziaria 5 novembre 2014 Come è cambiata la professione del Dottore Commercialista Approfondire il

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

Unione bancaria: istituti, poteri e impatti economici. Introduzione Stefano Micossi. LUISS School of European Political Economy Roma, 26 febbraio 2014

Unione bancaria: istituti, poteri e impatti economici. Introduzione Stefano Micossi. LUISS School of European Political Economy Roma, 26 febbraio 2014 Unione bancaria: istituti, poteri e impatti economici Introduzione Stefano Micossi LUISS School of European Political Economy Roma, 26 febbraio 2014 Nascita e obiettivi dell unione bancaria Giugno 2012:

Dettagli

CARTE E PAGAMENTI ELETTRONICI: OBIETTIVI E AZIONI PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE

CARTE E PAGAMENTI ELETTRONICI: OBIETTIVI E AZIONI PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE CARTE E PAGAMENTI ELETTRONICI: OBIETTIVI E AZIONI PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE Roma, 15 novembre 2012 Gino Giambelluca- Banca d Italia Servizio Supervisione sui mercati e sul sistema dei pagamenti 1 Divisione

Dettagli

Leggi e regolamenti che governano il modo e chi usa la Reserve Bank di Vanuatu: la legge sulla Reserve Bank di Vanuatu [Cap.

Leggi e regolamenti che governano il modo e chi usa la Reserve Bank di Vanuatu: la legge sulla Reserve Bank di Vanuatu [Cap. struttura bancaria consiste della Reserve Bank - Banca di Vanuatu, un grande numero di banche commerciali internazionali ben noti, commerciante e le banche di proprietà statale Development Bank (Divelopment

Dettagli

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A.

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Meccanismi organizzativi e amministrativi posti in essere per prevenire ed evitare conflitti di interesse in rapporto alle raccomandazioni INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Punti all ordine del giorno per l Assemblea generale straordinaria del 19 novembre 2015

Punti all ordine del giorno per l Assemblea generale straordinaria del 19 novembre 2015 CREDIT SUISSE GROUP AG Paradeplatz 8 Telefono +41 844 33 88 44 Casella postale Fax +41 44 333 88 77 CH-8070 Zurigo media.relations@credit-suisse.com Svizzera Il presente materiale non deve essere distribuito

Dettagli

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario

Relazioni fra gli organi di controllo in ambito finanziario UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO PERIODO: II SEMESTRE DOCENTI: LUIGI MIGLIAVACCA,

Dettagli

1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA

1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA 1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA 2 Milano, 26 marzo 2014 I FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI: I FIA ITALIANI

Dettagli

Capital Markets Union

Capital Markets Union Capital Markets Union Obiettivi, proposte e posizioni ABI Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI Milano, 17 Settembre 2015 Capital Markets Union: cosa è? La CMU mira a creare entro il 2019 un mercato

Dettagli

Profili generali ed esercizio delle discrezionalità

Profili generali ed esercizio delle discrezionalità Circolare n. 285 Disposizioni di vigilanza per le banche - 14 aggiornamento del 24 novembre 2015. Requisito di Copertura della Liquidità e Indice di Leva Finanziaria 1. Premessa Lo scorso 17 gennaio sono

Dettagli

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE ASSET ENCUMBRANCE: INFORMATIVA AL PUBBLICO

Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE ASSET ENCUMBRANCE: INFORMATIVA AL PUBBLICO Vigilanza bancaria e finanziaria Documento per la consultazione DISPOSIZIONI DI VIGILANZA OPERAZIONI DI CARTOLARIZZAZIONE ASSET ENCUMBRANCE: INFORMATIVA AL PUBBLICO Il presente documento contiene revisioni

Dettagli

Comunicato stampa. Una seconda misura, non condizionata all approvazione della prima misura, descritta sopra, da

Comunicato stampa. Una seconda misura, non condizionata all approvazione della prima misura, descritta sopra, da CREDIT SUISSE GROUP AG Paradeplatz 8 Telefono +41 844 33 88 44 Casella postale Fax +41 44 333 88 77 CH-8070 Zurigo media.relations@credit-suisse.com Svizzera Il presente materiale non deve essere emesso,

Dettagli

Casse professionali e modelli gestionali Mauro Marè Luigi Ballanti Mefop

Casse professionali e modelli gestionali Mauro Marè Luigi Ballanti Mefop Casse professionali e modelli gestionali Mauro Marè Luigi Ballanti Mefop Università di Roma, La Sapienza Facoltà di Economia Roma 30 ottobre 2014 1 1 un contesto in evoluzione Provvedimenti di impatto

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

selezione degli investimenti: il valore aggiunto di una Sim di consulenza

selezione degli investimenti: il valore aggiunto di una Sim di consulenza Istanbul 30 settembre 2012 selezione degli investimenti: il valore aggiunto di una Sim di consulenza Davide Squarzoni Direttore Generale riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale,

Dettagli

Piano d azione per l Unione dei Mercati dei Capitali. Lente sull UE n. 35

Piano d azione per l Unione dei Mercati dei Capitali. Lente sull UE n. 35 Piano d azione per l Unione dei Mercati dei Capitali Lente sull UE n. 35 5 ottobre 2015 Background Il 30 settembre 2015, la Commissione europea ha presentato il suo piano d azione per creare un Unione

Dettagli

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA *

5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * 71 5. VERSO IL MERCATO FINANZIARIO UNICO IN EUROPA * Il processo di integrazione finanziaria in Europa è attualmente in pieno svolgimento. La realizzazione del mercato unico degli strumenti e dei servizi

Dettagli

Le politiche di Remunerazione delle Banche e delle Altre Istituzioni Finanziarie nel Panorama Internazionale

Le politiche di Remunerazione delle Banche e delle Altre Istituzioni Finanziarie nel Panorama Internazionale Le politiche di Remunerazione delle Banche e delle Altre Istituzioni Finanziarie nel Panorama Internazionale Guido Ferrarini Maria Cristina Ungureanu Università di Genova La normativa è indirizzata a:

Dettagli

II.11 LA BANCA D ITALIA

II.11 LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 24 marzo 2010. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di contenuto generale della Banca d Italia nell esercizio delle funzioni di vigilanza bancaria

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione di Basilea 3

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione di Basilea 3 Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Rapporto sullo stato di avanzamento nell attuazione di Basilea 3 Ottobre 2011 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese. In caso di dubbio, si

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea,

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, 17.11.2012 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1077/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per la supervisione da parte delle

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore

SEDE DI CAGLIARI. Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di settore FORUM PERMANENTE SUL CREDITO E LA FINANZA II^ CONFERENZA REGIONALE SUL CREDITO E LA FINANZA PER LO SVILUPPO Il credito all economia regionale: Il ruolo degli Intermediari e la nuova regolamentazione di

Dettagli

SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35

SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35 1 SOLVENCY II: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 2015/35 2 BRRD: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO (UE) N. 2015/63

Dettagli

Capire la finanza e la finanza etica

Capire la finanza e la finanza etica Corso Intensivo Capire la finanza e la finanza etica Sabato 5 febbraio 2011 Seminario di Marco Passarella (Università di Bergamo) PRIMA PARTE Il ruolo del pubblico nella regolazione dei mercati. L'evoluzione

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Il cantiere europeo della previdenza complementare

Il cantiere europeo della previdenza complementare Il cantiere europeo della previdenza complementare Antonello Motroni Roma, 20 novembre 2014 Agenda Ue Long term financing investments (LTFI) - Revisione direttiva Iorp Proposta di regolamento su indici

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Schema di regolamento ministeriale di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, recante norme sui criteri e i limiti di investimento delle risorse dei fondi

Dettagli

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO

Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) PRIMO MODULO Dipartimento delle Scienze Giuridiche (DSG) Master IL NUOVO DIRITTO SOCIETARIO Aspetti giuridici ed economici, con particolare riferimento alla governance societaria Allegato 1 Programma didattico-scientifico

Dettagli

DECISIONI ASSUNTE DAL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA BCE (IN AGGIUNTA

DECISIONI ASSUNTE DAL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA BCE (IN AGGIUNTA 18 aprile 2012 DECISIONI ASSUNTE DAL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA BCE (IN AGGIUNTA A QUELLE CHE FISSANO I TASSI DI INTERESSE) Aprile 2012 Operazioni di mercato Requisito informativo riguardante le modifiche

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 1.12.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 291/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) PARERI BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 12 novembre 2009 su una proposta

Dettagli

1 Macerata, 14 novembre 2014 IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO

1 Macerata, 14 novembre 2014 IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO 1 Macerata, 14 novembre IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO 2 Macerata, 14 novembre LE INIZIATIVE A LIVELLO EUROPEO: EUVECA, EUSEF Il 17 aprile 2013 sono stati pubblicati: (i) il

Dettagli

Capitalgest FlexFree

Capitalgest FlexFree Capitalgest FlexFree Incontro con la Stampa Dott. Victor Massiah Direttore Generale Gruppo Banca Lombarda Dott. Sebastiano Di Pasquale Direttore Generale Capitalgest Milano - Sala del Consiglio di Banca

Dettagli

ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014

ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014 ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014 Paola Mariani Regole IVASS, leggi italiane a tutela della concorrenza e compatibilità con il diritto dell U.E. Mercato

Dettagli

POTERE SANZIONATORIO DELLA BCE: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE VIGILANZA BANCARIA E RISCHIO DI CREDITO: IL COMITATO DI BASILEA AVVIA UNA

POTERE SANZIONATORIO DELLA BCE: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE VIGILANZA BANCARIA E RISCHIO DI CREDITO: IL COMITATO DI BASILEA AVVIA UNA POTERE SANZIONATORIO DELLA BCE: PUBBLICATO NELLA GAZZETTA UFFICIALE DELL UNIONE EUROPEA IL REGOLAMENTO 0/9 VIGILANZA BANCARIA E RISCHIO DI CREDITO: IL COMITATO DI BASILEA AVVIA UNA CONSULTAZIONE SULLA

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate Sommario La Consob ha concluso l iter di approvazione della nuova disciplina sulle operazioni con parti correlate effettuate, direttamente o tramite società controllate, da società che fanno ricorso al

Dettagli

L'evoluzione attuale e prospettica della disciplina di Basilea 3: logica e limiti

L'evoluzione attuale e prospettica della disciplina di Basilea 3: logica e limiti L'evoluzione attuale e prospettica della disciplina di Basilea 3: logica e limiti di Giovanni Ferri (Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Bank Stakeholder Group presso la European Banking Authority)

Dettagli

LINEE-GUIDA. per il. Premessa

LINEE-GUIDA. per il. Premessa LINEE-GUIDA per il Regolamento ministeriale sulla struttura e sul funzionamento dell Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR) Premessa La legge di istituzione

Dettagli

MIFID Markets in Financial Instruments Directive

MIFID Markets in Financial Instruments Directive MIFID Markets in Financial Instruments Directive Il 1 1 Novembre 2007 è stata recepita anche in Italia, attraverso il Decreto Legislativo del 17 Settembre 2007 n.164n.164,, la Direttiva Comunitaria denominata

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

Linee guida per la regolamentazione dei mercati finanziari

Linee guida per la regolamentazione dei mercati finanziari 3 luglio 2013 Linee guida per la regolamentazione dei mercati finanziari Einsteinstrasse 2, 3003 Berna Tel. +41 (0)31 327 91 00, fax +41 (0)31 327 91 01 www.finma.ch A18124 Indice Obiettivi della regolamentazione

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO GRUPPOM O N T EPASC H I C O N V E G N O A BI B ASI L E A 3 ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO A G E ND A Contesto di riferimento Riforma strutturale a livello U E K ey driver

Dettagli

Lettura Laboratorio CLIL

Lettura Laboratorio CLIL Lettura Laboratorio CLIL Politica economica e monetaria con il Trattato di Lisbona INTRODUZIONE. Il Trattato di Lisbona rafforza il ruolo della Commissione nella politica economica dell Unione europea

Dettagli

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010.

Aprile 2014. 2003/41/CE e 2009/65/CE e i Regolamenti (CE) n. 1060/2009 e (UE) n. 1095/2010. Aprile 2014 Recepimento della AIFMD in Italia e spunti EMIR Laura Francazi, Allen & Overy Il decreto legislativo 1 che recepisce in Italia le disposizioni della direttiva europea sui gestori di fondi di

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE

AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE AIFMD NOVITÀ INTRODOTTE CON I DECRETI ATTUATIVI: AMBITI DI APPLICAZIONE E PROFILI DI GOVERNANCE Partner di: Private Equity LAB Associato a: Shadow Banking e AIFMD G20 Pittsburgh 2009 Rivedere l intero

Dettagli

NEWSLETTER n. 40 novembre 2015 SOMMARIO

NEWSLETTER n. 40 novembre 2015 SOMMARIO NEWSLETTER n. 40 novembre 2015 SOMMARIO 1. NOVITÀ NORMATIVE... 3 1.1. BANCA D'ITALIA - Requisito di Copertura della Liquidità e Indice di Leva Finanziaria... 3 1.2. CONSOB Comunicazione sulla prestazione

Dettagli

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio I soggetti che operano nel mercato finanziario Francesca Mattassoglio Art. 18 TUF 1. L'esercizio professionale nei confronti del pubblico dei servizi e delle attività di investimento è riservato alle imprese

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA BOZZA Doc. XVIII n. 95 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore SUSTA) approvata nella seduta del 2 luglio 2015 SULLA PROPOSTA

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

MEMORANDUM D INTESA SOCIETA' E LA BORSA IN MATERIA DI COOPERAZIONE E SCAMBIO DI INFORMAZIONI

MEMORANDUM D INTESA SOCIETA' E LA BORSA IN MATERIA DI COOPERAZIONE E SCAMBIO DI INFORMAZIONI MEMORANDUM D INTESA JERSEY FINANCIAL SERVICES COMMISSION COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA ITALIA IN MATERIA DI COOPERAZIONE E SCAMBIO DI INFORMAZIONI MEMORANDUM D'INTESA La Jersey Financial

Dettagli

Convegno ABI Unione bancaria e Basilea 3

Convegno ABI Unione bancaria e Basilea 3 Convegno ABI Unione bancaria e Basilea 3 Roma, 23/24 Giugno 2015 QUALI PROSPETTIVE? Concetta Brescia Morra Professore di Diritto dei mercati finanziari La nuova architettura della vigilanza e la pdi funzioni

Dettagli

Il ruolo dell Advisor nei Fondi pensione

Il ruolo dell Advisor nei Fondi pensione Il ruolo dell Advisor nei Fondi pensione Massimo Scolari Rimini, 23 maggio 2013 Criteri e limiti di investimento dei Fondi Pensione Consultazione sullo schema di regolamento ministeriale recante norme

Dettagli

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S

PIANO D AZIONE UE. PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI Serie La lente sull Ue n 13 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S Nota di presentazione del documento pubblicato dalla Commissione europea il 7 dicembre 2011 D E L E G A Z I O N E D I B R U X E L L E S PIANO D AZIONE UE PER MIGLIORARE L ACCESSO DELLE PMI AI FINANZIAMENTI

Dettagli

21 Ottobre 2014. Gli attori della finanza Andrea Nascè

21 Ottobre 2014. Gli attori della finanza Andrea Nascè 21 Ottobre 2014 Gli attori della finanza Andrea Nascè Argomenti Classificazione degli attori e mappa ideale degli attori Focus su: 1. L investimento ad opera dei 2. Il finanziamento ad opera delle IMPRESE

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO

COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO 3.4.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea C 98/3 COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO DECISIONE DEL COMITATO EUROPEO PER IL RISCHIO SISTEMICO del 27 gennaio 2014 su un quadro di coordinamento

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia

AIFI. Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital. Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital Prospettive di sviluppo per il private equity in Italia Il ruolo degli investitori istituzionali Anna Gervasoni Direttore Generale AIFI Roma,

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Chi siamo PEP&CFC appartiene al Gruppo Dafisa Holdings Capital Finance Group Limited, ed è stata istituita quale società specializzata nella consulenza in materia finanziaria

Dettagli

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Roberto Di Salvo Federcasse VIII Convention ABI Roma, 29-30 novembre 2004 La filosofia di Basilea2 In linea generale, il Nuovo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei.

Investire nella crescita. Questa è oggi la priorità di chi governa l Europa, e di chi governa i singoli Stati europei. Rome Investment Forum 2015: Financing Long-Term Europe Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, Via XXIV Maggio 43 Antonio Tajani Primo Vicepresidente del Parlamento Europeo ***** (Saluti) Investire

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

N. 55 / 2015 1 ANALISI COMPARATA PER LA VIGILANZA SUI METODI INTERNI PER IL CALCOLO DEI

N. 55 / 2015 1 ANALISI COMPARATA PER LA VIGILANZA SUI METODI INTERNI PER IL CALCOLO DEI 1 ANALISI COMPARATA PER LA VIGILANZA SUI METODI INTERNI PER IL CALCOLO DEI REQUISITI IN MATERIA DI FONDI PROPRI: L EBA PUBBLICA LA BOZZA FINALE DI RTS, ITS ED UN OPINION 2 POLITICHE DI REMUNERAZIONE: L

Dettagli

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1 IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO Capitolo 11 MEF Lezione 5 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Nella relazione annuale di Microsoft per il 2009, si poteva

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

BANCHE ARGOMENTI. Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura del sistema bancario

BANCHE ARGOMENTI. Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura del sistema bancario BANCHE A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste ARGOMENTI Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura

Dettagli

News Ambientale n. 13

News Ambientale n. 13 Studio Legale Perrelli & Associés member of News Ambientale n. 13 La Legge di stabilità italiana 2015 e l applicabilità del reverse charge allo scambio di quote di emissione di gas ad effetto serra, comparazioni

Dettagli

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei DEPUTATI Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli Delega al Governo per la riforma dell ordinamento bancario mediante la separazione

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato

CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato CHALLENGE FUNDS Prospetto Semplificato Pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della CONSOB in data 31 gennaio 2012 Società di gestione Collocatore Unico 2/44 Il presente Prospetto Semplificato

Dettagli

REGOLAMENTO EMITTENTI

REGOLAMENTO EMITTENTI REGOLAMENTO EMITTENTI ATTESTAZIONE DEL DIRIGENTE PREPOSTO ALLA REDAZIONE DEI DOCUMENTI CONTABILI SOCIETARI E DEGLI ORGANI AMMINISTRATIVI DELEGATI SUL BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO E SULLA RELAZIONE

Dettagli

La vigilanza europea: assetti, implicazioni, problemi aperti.

La vigilanza europea: assetti, implicazioni, problemi aperti. Master in Diritto Amministrativo e Scienze dell Amministrazione Università degli studi di Roma Tre La vigilanza europea: assetti, implicazioni, problemi aperti. Lezione del Vice Direttore Generale della

Dettagli

Recepimento in Italia della Direttiva 2011/61/UE (AIFMD - Alternative Investment Fund Managers Directive)

Recepimento in Italia della Direttiva 2011/61/UE (AIFMD - Alternative Investment Fund Managers Directive) FLASH REPORT Recepimento in Italia della Direttiva 2011/61/UE (AIFMD - Alternative Investment Fund Managers Directive) Overview e Focus sul Sistema di Gestione del Rischio Marzo 2015 Introduzione all AIFMD

Dettagli

Conservare e aumentare il valore reale, misurato in euro e corretto per l inflazione, nell arco di 3-5 anni.

Conservare e aumentare il valore reale, misurato in euro e corretto per l inflazione, nell arco di 3-5 anni. Fund Société d'investissement à Capital Variable 5, rue Höhenhof, L-1736 Senningerberg Granducato di Lussemburgo Tel.: (+352) 341 342 202 Fax : (+352) 341 342 342 31 maggio 2013 Gentile Azionista, Fund

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2002R1606 IT 10.04.2008 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1606/2002 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

Giugno 2013. La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi

Giugno 2013. La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi Giugno 2013 La Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (AIFMD): impianto normativo e impatto per l industria italiana dei fondi Avv. Simona Sapienza, Caiazzo Donnini Pappalardo & Associati

Dettagli